Fisco: ‘Stangata Imu, ringrazia il tuo Comune’, striscioni CasaPound Italia nel salernitano


Salerno, 16 dicembre – “Stangata Imu, ringrazia il tuo Comune”. E’ lo striscione a firma CasaPound Italia comparso questa notte in alcuni dei 42 centri del salernitano, dove i cittadini dovranno pagare entro il 16 gennaio la ‘mini Imu’ sulla prima casa, nonostante l’abolizione del tributo: oltre al capoluogo, Battipaglia, Eboli e Campagna nella zona sud, Cava de’ Tirreni, Nocera Inferiore, Pagani e Angri nell’agro-nocerino e la totalità dei comuni picentini.

“Non solo il governo è responsabile di questa vergogna nazionale – afferma il responsabile provinciale di Cpi Luca Lezzi – Le amministrazioni comunali sono responsabili di questo ulteriore prelievo dalle tasche dei salernitani, causato dalla scelta miope e scellerata di aumentare l’aliquota minima e ora se ne devono assumere la responsabilità di fronte agli elettori”.

Battipaglia

Eboli

Campagna

Bellizzi

Montecorvino Rovella

Montecorvino Pugliano

Giffoni Valle Piana

Giffoni Sei Casali

San Cipriano Picentino

Un commento to: Fisco: ‘Stangata Imu, ringrazia il tuo Comune’, striscioni CPI nel salernitano

  1. Anonimo

    Dicembre 17th, 2013

    Ragazzi
    Battetevi per un condono fiscale, per chi ha redditi famigliari netti di 35.000 euro.
    Salveremo tanta gente, inoltre costa poco. i condoni per i ricchi ci sono sempre.
    Salvate tanta gente disperata dall'eccessive tasse. Equitalia è piena di gente del pd

    Rispondi

Lascia un commento

  • (not be published)