Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Sovranità

Fuori l'Italia dall'Euro e dall'Unione Europea

Tesseramento 2018

Iscriviti ora a CasaPound!

venerdì 18 gennaio 2019

CasaPound: al via la campagna adesioni 2019 con feste del tesseramento in tutta Italia


CasaPound: al via la campagna adesioni 2019 con feste del tesseramento in tutta Italia

Roma, 18 gennaio - Feste del tesseramento in tutta Italia questo fine settimana per il via alla campagna di iscrizioni 2019 di CasaPound. Da Bolzano a Palermo porte aperte tra sabato e domenica in sezioni, pub e librerie che fanno capo a Cpi ma anche eventi in piazze, caffè e locali pubblici per sottoscrivere l’adesione al movimento e conoscerne più da vicino i militanti e le attività.
“La difesa della patria è un dovere sacro”, questo il motto impresso sulla tessera 2019, che potrà essere sottoscritta al costo di 15 euro. “Iscriversi a CasaPound – sottolinea il presidente del movimento Gianluca Iannone – significa scegliere di impegnarsi in prima persona per il riscatto della Nazione, entrando a far parte della schiera di chi non si arrende al declino, al tanto meglio tanto peggio, alla mediocrità della politica via social. Significa occupare un posto in trincea e difenderlo giorno dopo giorno non arretrando di fronte a nulla. Significa smettere di chiedersi da che parte del campo si vuole stare e comprendere che il campo da difendere è uno solo, quello degli italiani”.

VALLE D’AOSTA
AOSTA - Sede Cpi, via dell'Archibugio 9 - dalle 18:00
CHATILLON (AO) - Sede Cpi, via Chanoux 93 - 16:00-18:00

TRENTINO ALTO ADIGE
BOLZANO - Sede Cpi, via Cesare Battisti 8 - 10:00-24:00
BOLZANO - Sede Cpi, via Aslago 22 – Sab.26 10:00-17:00
TRENTO - Sede Cpi, via Marighetto 56 - 15:00-19:00
RIVA DEL GARDA (TN) - Sede Cpi, via San Nazzaro 83C - 21:00-23:30

FRIULI VENEZIA GIULIA
UDINE - Sede Cpi, Piazzale Cella 22 - dalle 18:00
PORDENONE - Bar Bakery R&M, via Montereale 6 - dalle 18:00
GORIZIA - Sede Cpi, via Mazzini 10 - dalle 16:00
TRIESTE - Info: 3313044155 - Sab.2/2

VENETO
VERONA - Sede Cpi, via Nicola Mazza 61 - dalle ore 14:00
PADOVA - Sede Cpi, Riviera Paleocapa 20B - Sab. 19 dalle ore 15:00 e Dom.20 dalle ore 13:00
MESTRE (VE) - viale Garibaldi 6 - 11:00-18:00
PORTOGRUARO (VE) - Sede Cpi, via Pio X 20 - 11:00-18:00
CHIOGGIA (VE) - Birreria Pedavena, Corso del Popolo 1385 - dalle 15:00
VICENZA - Bar Rosa Rossa, località Ponte Alto 64 - dalle 16:00
THIENE (VI) - Sede Cpi, via del Parco 11 - dalle 17:30
VITTORIO VENETO (TV) - Sede Cpi, via Manin 118 - dalle 17:00
ROVIGO - Piazza Vittorio Emanuele - dalle 9:00
BELLUNO - Bar Mercato, via Feltre 96 - dalle 16:00

LOMBARDIA
MILANO - Sede Cpi, via Ruggero di Lauria 9 - dalle 20:00
BRESCIA - Sede Cpi, via Costalunga 4B - dalle 15:00
BERGAMO - Sede Cpi, via Nazario Sauro 18/20 - dalle 15:00
VARESE - Sede Cpi, viale Borri 17A - dalle 19:00
BUSTO ARSIZIO (VA) - Comunità Giovanile, vicolo Carpi 5 - dalle 20:00
CREMONA - Sede Cpi, via Geromini 30 - dalle 19:00
PAVIA - Sede Cpi, via Rocchetta 25 - dalle 19:00
MANTOVA - Sede Cpi, Piazza dei filippini 2 - dalle 19:00
OLGIATE COMASCO (CO) - Living Café, via Bizzarone 35 - dalle 19:00

PIEMONTE
TORINO - Sede Cpi, via Cellini 22 - dalle 21:00
IVREA (TO) - via dei Patrioti 6 - dalle 15:00  
NOVARA - Sede Cpi, Corso della Vittoria 23D - dalle 15:00
CUNEO - Sede Cpi, via Lorenzo Bertano 5 - dalle 17:00
VERCELLI - Sede Cpi, via Marco Polo 31 - dalle 15:00
TORTONA (AL) - Sede Cpi, via Pelizzari 6 - dalle 18:00
CASALE MONFERRATO (AL) - Sede Cpi, Piazza Castello 11 - dalle 21:00
BIELLA - Agorà Palace, via Lamarmora 13A - dalle 21:00

LIGURIA
GENOVA - Sede Cpi, via Montevideo 53R - dalle 16:00
LA SPEZIA - Sede Cpi, via Nazionale 101 - dalle 18:00
SAVONA - Sede Cpi, via San Lorenzo 39R - dalle 15:00
IMPERIA - Sede Cpi, via Acquarone 17 - dalle 10:00

EMILIA ROMAGNA
PARMA - via Toscana 58/1 - dalle 18:30
BOLOGNA - Number Ten, via Emilia Ponente 10 - dalle 19:00
FERRARA - Bar Gallery, Corso Ercole I d'Este 1 - dalle 18:30
CESENA - Sede Cpi, via Albertini 28D - dalle 18:30
PIACENZA - Sede Cpi, via X Giugno 31A - dalle 21:00

TOSCANA
FIRENZE - Sede Cpi, via Felice Fontana 13R - 16:00-18:00
SCANDICCI (FI) - Sede Cpi, via Chianesi 18F - 09:30-19:30
LUCCA - Sede Cpi, via Michele Rosi 76 - 16:30-24:00
CAPANNORI (LU) - Sede Cpi, via della Chiesa 24/26 - 16:30-19:30
PIETRASANTA (LU) - Sede Cpi, via Crociale 85 - 18:00-22:00
MASSAROSA (LU) - Comitato elettorale, via Cenami 251 - 15:00-19:00
PRATO - Sede Cpi, via Calimara 16 - 15:00-22:00
AREZZO - Sede Cpi, via San Lorentino 51 - dalle 18:00
CASTIGLION FIORENTINO (AR) - Ristorante La Nave, località la Nave 89 - dalle 21:00
PISTOIA - Sede Cpi, via Fiorentina 49A - 16:00-18:00
PESCIA (PT) - Sede Cpi, via Borgo della Vittoria 32 - dalle 18:30
GROSSETO - Sede Cpi, Piazza Carlo Cavalieri 4 - dalle 19:00
MASSA - Sede Cpi, Largo Matteotti 6 - 17:00-19:00
SIENA - Sede Cpi, via Santa Caterina 54 - 18:00-23:00
MADONNA DELL’ACQUA (PI) - Agriturismo di Fiocina, via Vecchia Pietrasantina 11 - 19:30-22:30

MARCHE
ASCOLI PICENO - Sede Cpi, via Nicolò IV 30 - dalle 21:30
SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP) - Ristorante Rustichello - Strada Provinciale 36 - dalle 20:00
ANCONA - Sede Cpi, via Jesi 55 - dalle 16:00
PESARO - Sede Cpi, via Mancini 155 - dalle 18:00
MACERATA - Bar La Corta, via dei Velini 192B - dalle 17:00
FERMO - Sede Cpi, via Paccarone 18 - dalle 17:00

UMBRIA
PERUGIA - Sede Cpi, via Vecchi 29A - dalle 16:00
FOLIGNO (PG) - Sede Cpi,  via Del Mercato 28 - dalle 19:00
TODI (PG) - Sede Cpi, via San Salvatore 32 - dalle 17:00
TERNI - Sede Cpi, via Della Vittoria 9 - dalle 17:00
ORVIETO (TR) - Sede Cpi, Piazza XXIX Marzo 3 - dalle 17:00

LAZIO
ROMA (centro) - Cutty Sark, via Carlo Botta 5 - dalle 21:00
ROMA (nord) - Sede Cpi, via dei Due Ponti 196B - dalle 21:00
ROMA (ovest) - Sede Cpi, via della Madonna del Riposo 62 - dalle 18:00
ROMA (est) - Sede Cpi, via Fiastra 100 - dalle 18:00
ROMA (sud-ovest) - Sede Cpi, via Lari 23/25- dalle 17:00
ROMA (sud-est) - Sede Cpi, via degli Orti di Malabarba 15A - dalle 18:00
ROMA (sud) - Sede Cpi, via Evandro 12/14 - dalle 18:30
ROMA (Ardeatino) - via Castel di Leva 295 - 15:30-19:30
ROMA (Ostia) - Sede Cpi, via Pucci Boncambi 63 - dalle 18:00
ROMA (Cesano) - Sede Cpi, via della Stazione di Cesano 581L - dalle 20:30
CIAMPINO (RM) - Hotel Ciampino, via Achille Grandi 1 - Dom.20 dalle 11:30
LADISPOLI (RM) - Piazza della Vittoria 19 - dalle 18:00
SANTA MARINELLA (RM) - Sede Cpi, via Odescalchi 14 - dalle 18:00
CIVITAVECCHIA (RM) - Sede Cpi, via Trieste 36 - dalle 20:30
POMEZIA (RM) - Sede Cpi, viale Dante Alighieri 68 - dalle 17:00
ANZIO (RM) - Sede Cpi, via Baccarini 10 - dalle 20:00
GROTTAFERRATA (RM) - Sede Cpi, via Cesare Battisti 8B - dalle 16:00
CAVE (RM) - Sede Cpi, viale Pio XXII 28 - 17:00-19:00
COLLEFERRO (RM) - Sede Cpi, via XXIV Maggio - 18:30-20:30
TIVOLI (RM) - Sede Cpi, via San Valerio 45 - dalle 18:30
MONTELIBRETTI (RM) - via Garibaldi 212 - Sab.26 dalle 19:00
SANT’ORESTE (RM) - Isola di Tortuga, via del Castaldo 1 - dalle 21:00
LATINA - Sede Cpi, via XVIII Dicembre 33 - 18:00-20:00
CISTERNA DI LATINA (LT) - Sede Cpi, via Sorrento 13 - dalle 16:00
GAETA (LT) - Sede Cpi, via Lungomare Caboto 74 - dalle 16:00
FROSINONE - Sede Cpi, via Angeloni 67 - dalle 17:00
CEPRANO (FR) - Sede Cpi, via Alfieri 67 - dalle 10:00
SORA (FR) - Piazza Santa Restituta - dalle 15:00
ANAGNI (FR) - Sede Cpi, via Vittorio Emanuele 70 - dalle 19:30
ALATRI (FR) - Sede Cpi, SR.155 n.147 - dalle 15:00
VITERBO - Old Manners Tavern, Piazza Sallupara 12 - dalle 19:00
RIETI - viale Matteucci 28 - 17:30-20:00

ABRUZZO
L’AQUILA - Sede Cpi, viale Croce Rossa 75 - dalle 18:00
AVEZZANO (AQ) - Sede Cpi, via Marconi 58 - dalle 17:30
SULMONA (AQ) - Sede Cpi, Corso Ovidio 208 - dalle 18:00
PESCARA - Sede Cpi, via Umbria 10 - dalle 18:00
ALBA ADRIATICA (TE) - Sede Cpi, via Risorgimento 32 - dalle 20:30
CHIETI - Sede Cpi, via Galiani 2B - dalle 18:00
VASTO (CH) - Sede Cpi, via Volturno 7 - dalle 18:00
LANCIANO (CH) – Sede Cpi, via Ferro di Cavallo Vico 1 13 - dalle 18:00

MOLISE
ISERNIA - Sede Cpi, via Berta 106 - dalle 17:00

CAMPANIA
NAPOLI- Sede Cpi, via Foria, 169 - dalle 10:00
TORRE DEL GRECO (NA) - Sede Cpi, via Nazionale 367 - dalle 21:00
BRUSCIANO (NA) - Sede Cpi, via Semmola 104 - dalle 20:00
ISCHIA (NA) - Bar Soleado Caffè, via Mazzella 90 - dalle 23:00
AVELLINO - Sede Cpi, via SS Trinità 94 - dalle 19:00
CAVA DEI TIRRENI (SA) - via Francesco Ferrara 1 - dalle 18:30
ORTA DI ATELLA (CE) - via San Donato 5 - dalle 18:00

PUGLIA
LECCE - Sede Cpi, via Monteroni 87 - dalle 18:00
BARI - Nove Nodi Bistrò, Lungomare IX Maggio - dalle 19:00
FOGGIA - Sede Cpi, via Pestalozzi 29 - dalle 19:00
BRINDISI - Bar Millelire Caffè, via Filangieri Ostuni - dalle 19:00
ANDRIA - Million Drink, Galleria Cavour 88 - dalle 17:00

BASILICATA
GRASSANO (MT) - Vicolo IV San Giovanni44 - dalle 18:00

CALABRIA
REGGIO CALABRIA - Sede Cpi, via Pio XI 102 - 17:00-21:00
GIOIA TAURO (RC) - Bar Coffe Time, Largo Trieste - 17:00-20:00 
CATANZARO - Sede Cpi, via Mario Greco 5 - 17:00-21:00
LAMEZIA TERME (CZ) - Bar Moka d'Oro, Corso Nicotera 35 - 17:00-20:00 
NICOTERA (VV) - Sede Cpi, Corso Cavour 14 - 17:00-21:00

SICILIA
PALERMO - Sede Cpi, Cortile Barcellona 12 - Dom.27 dalle 17:30
CATANIA - Sede Cpi, via Mascali 1 - dalle 20:00
SIRACUSA - Sede Cpi, via Bacchilide 32 - dalle 18:00
NOTO (SR) - Sede Cpi, via Sallicano 4A - dalle 16:30
RAGUSA - Castello di Donnafugata - Dom.27 dalle 19:00
MESSINA - Info: casapoundmessina@gmail.com/3296342087 - Dom.27
TRAPANI - Info: casapoundtrapani@gmail.com/3809039294 - Dom.27

SARDEGNA
CAGLIARI - Sede Cpi, via La Nurra 24 - Ven.18 dalle 19:00
SASSARI - Sede Cpi, via Mores, 6 - dalle 17:00
ALGHERO (SS) - Sede Cpi, via Bernini 16 - dalle 19:00
NUORO - Sede Cpi, via Yitzchak 23 - dalle 18:00  
ORISTANO - Sede Cpi, via Ghilarza - dalle 17:00  
CARBONIA - Sede Cpi, via Cagliari 17 - dalle 17:30

martedì 15 gennaio 2019

Blocco Studentesco: con 50mila voti ci confermiamo il primo movimento d’Italia

Blocco Studentesco: con 50mila voti ci confermiamo il primo movimento d’Italia 

“Riconfermati i numeri dell’altro anno, cresciamo in regioni una volta considerate rosse come la Toscana, l’Umbria e la Puglia. Siamo ancora i protagonisti della politica studentesca in Italia”.

Roma, 15 gennaio - “Ormai sono 2 anni - inizia così la nota del Blocco Studentesco - che superiamo i 50mila voti in tutta la penisola. Una presenza costante quella del nostro movimento che va dal Piemonte alla Calabria, passando per l’Umbria fino a entrambe le isole. All’ormai consolidata presenza di nostri eletti nelle Consulte di tutta Italia, spicca su tutti il caso eclatante di Ascoli, si sono aggiunti Lorenzo Colzi come Vice Presidente della CPS di Firenze e Lucrezia Florinde Vice Presidente Consulta Provinciale degli studenti di Pescara”.

“Nel Lazio siamo presenti in tutte le province e solo in quella di Roma abbiamo superato le 20mila preferenze eleggendo rappresentanti in licei centrali come il Plinio e in istituti di periferia come l’istituto Lattanzio e il liceo Pallotti. Con eletti in tutta la provincia, dall’Apicio di Anzio fino all’istituto Paciolo di Bracciano, siamo di fatto il primo movimento studentesco romano”.

“Nel Nord Italia - continua la nota - brilla su tutti l’esempio della Lombardia dove siamo una realtà ormai consolidata in importanti città come Milano e Bergamo, basti pensare ai nostri eletti con quasi 1000 voti all’istituto aeronautico di Bergamo e al liceo Agnesi di Milano. Ottimi i risultati ottenuti ad Udine, all’istituto comprensivo D’Aquila abbiamo eletto l’intera rappresentanza studentesca. Ottimi risultati anche in città come Genova e regioni come l’Emilia Romagna, una volta considerati dominio incontrastato della sinistra”.

“Al sud, presenti in tutte le regioni, consolidiamo e cresciamo in regioni complicate come la Puglia e la Campania, con buoni risultati in Calabria, Sicilia e Sardegna”.

“Al centro Italia, come già citato prima, sono le regioni considerate ‘rosse’ dove il nostro movimento è cresciuto maggiormente. In Toscana centriamo la seconda carica della CPS di Firenze, e abbiamo eletti anche a Lucca, Arezzo e Siena. Nelle Marche, come ormai di consuetudine il nostro movimento ha visto un ulteriore crescendo soprattutto in Ascoli e a San Benedetto, mentre in Abruzzo abbiamo raggiunto numerosi eletti in tutte le province, come nel liceo Marconi di Pescara o nell’istituto Amedeo D’Aosta del L’Aquila. In Umbria conquistati eletti in importanti città come Foligno, Todi e Narni”.

“Un anno dove siamo stati presenti tutti i giorni - conclude la nota - al fianco degli studenti, sostenendoli con dopo scuola, assemblee, cortei, autogestioni e soprattutto occupazioni ha fatto sì che ci confermassimo come primo movimento d’Italia”.



venerdì 11 gennaio 2019

Convegno 'Nessuna Europa è possibile (se non ci liberiamo dell'UE)'

Venerdì 18 Gennaio a Sesto San Giovanni dalle ore 21 conferenza sul tema europeo, con ospiti Simone Di Stefano, segretario nazionale di CasaPound, l’On. Fabio Massimo Boniardi della Lega Nord, l’On. Paola Frassinetti di Fratelli d’Italia, l'economista Ilaria Bifarini e Alessandro De Chirico, consigliere comunale a Milano di Forza Italia.
La conferenza sarà introdotta da Angela De Rosa, responsabile milanese di CasaPound, e moderata da Giannino della Frattina, giornalista de Il Giornale.

giovedì 20 dicembre 2018

Global Compact, CasaPound in piazza: "Non basta rinvio, serve no all'immigrazione"


Roma, 21 dicembre - Manifestazione di CasaPound sotto il Parlamento per dire 'no' al Global Compact. Sotto lo striscione "Alcuni italiani non si arrendano", i militanti di Cpi, guidati dal segretario nazionale Simone Di Stefano, in piazza Montecitorio hanno chiesto al governo Lega-M5S di prendere una decisione netta, che tuteli i cittadini.

“Il Global Compact metterebbe al primo posto gli immigrati. Altro che 'prima gli italiani' - ha spiegato Di Stefano - Serve un no che metta al riparo il Paese da questo patto scellerato, globalista, immigrazionista, di ispirazione sorosiana. Il rinvio del governo non è sufficiente. L'Italia deve opporsi chiaramente a un Patto Onu che spalancherà nel futuro le porte ad una immigrazione incontrollata".

D'altra parte, ha aggiunto il segretario di Cpi, "i cittadini italiani non vogliono altri immigrati. Lo dicono i sondaggi, lo dimostrano i fatti. L’Italia ha già una serie di problemi gravi sul fronte della crisi economica, della disoccupazione, della denatalità, che non può permettersi ulteriori flussi migratori".


martedì 11 dicembre 2018

CasaPound, Di Stefano: "A Bari provvedimenti fuori dalla realtà, fummo noi gli aggrediti"

CasaPound, Di Stefano: "A Bari provvedimenti fuori dalla realtà, fummo noi gli aggrediti"
Roma, 11 dicembre - “Le accuse dei pm contro la sezione di CasaPound Bari non trovano alcun riscontro nella realtà dei fatti e sembrano a tutti gli effetti motivate da un pregiudizio politico”. Così il segretario di CasaPound Italia, Simone Di Stefano, commenta il provvedimento del tribunale di Bari che ha disposto la chiusura della sede barese di CasaPound in seguito ai fatti del 21 settembre scorso.
“In primo luogo – spiega Di Stefano – giova ricordare che in quella giornata noi fummo gli aggrediti e non certo gli aggressori: il contatto avvenne infatti nei pressi della nostra sede, in un punto della città in cui i militanti antifascisti non avevano alcuna ragione di passare, se non quella di attaccare Cpi. Un incidente a lungo cercato dall’estrema sinistra, anche nelle settimane precedenti, e infine trovato grazie alla preponderante superiorità numerica dovuta alla manifestazione anti Salvini di quel giorno”. Per il segretario di Cpi, “le perquisizioni hanno dato tutte esito negativo, tanto che ci si è dovuti attaccare a dei manubri da palestra per tenere in piedi il teorema del ‘covo di picchiatori’. Lo stesso dicasi per la copia del Mein Kampf sbattuta a effetto sui titoli dei giornali, ma che non è stata trovata in sede, bensì nella biblioteca personale del padre (peraltro non indagato) di un nostro militante, trattandosi del resto di un testo liberamente venduto in commercio”.
Quanto all’accusa di ricostituzione del Partito fascista, Di Stefano precisa: “Si tratta di una questione già abbondantemente chiarita: CasaPound non vuole ricostituire alcunché, si presenta regolarmente alle elezioni e persegue la via democratica per far valere le proprie idee. La violenza non fa parte dei metodi politici di Cpi, che si limita a difendere la propria agibilità politica quando diventa bersaglio degli attacchi armati dell’antifascismo militante, quello sì eversivo e violento”.


giovedì 6 dicembre 2018

Inaugurazione sedi di CasaPound a Tuscania (VT), Siracusa, Noto (SR) e Pontedera (PI)




domenica 4 novembre 2018

Corteo CasaPound: oltre 5mila persone a Trieste omaggiano la Vittoria
















martedì 30 ottobre 2018

Grande Guerra, sabato il corteo di CasaPound a Trieste: "Chi sente l'orgoglio di essere italiano in piazza con noi"

Grande Guerra, sabato il corteo di CasaPound a Trieste: "Chi sente l'orgoglio di essere italiano in piazza con noi"
Celebrare l'unità della nazione per ritrovare lo spirito della vittoria. Questo il senso del corteo organizzato da CasaPound Italia sabato 3 novembre a Trieste, nel centenario della vittoria italiana nella prima guerra mondiale. La manifestazione partirà da Largo Riborgo, dove alle 14 è previsto il concentramento, e terminerà sotto il monumento a Domenico Rossetti, dove si terrà il comizio.
Per il corteo è previsto l'arrivo di una trentina di pullman da tutta Italia: "Di fronte a celebrazioni ufficiali organizzate un po' in sordina, CasaPound compie un gesto a suo modo 'rivoluzionario' e porta a Trieste migliaia di giovani che, come i loro bisnonni un secolo fa, zaino in spalla giungeranno in terra giuliana per manifestare con il Tricolore in mano e ricordare l'unica grande vittoria italiana", sottolinea il segretario nazionale di CasaPound Italia Simone Di Stefano.
D'altra parte, "l'identità italiana è nata sulle trincee del Carso - aggiunge - E' lì che migliaia di ragazzi appena 18enni, che neanche parlavano più la stessa lingua, si sono riscoperti fratelli. Sono quelle trincee che hanno cancellato campanilismi e divisioni durate secoli per far risorgere lo spirito di Roma. Il corteo di sabato - spiega Di Stefano - è un incantesimo per compiere la stessa magia. Per le strade di Trieste non sfileranno militanti di CasaPound ma italiani. E il nostro auspicio è che chi sente ancora l'orgoglio di questa parola sia lì con noi, per mostrare al mondo che l'Italia esiste, è una ed è sovrana, e per il suo popolo la nazione viene prima di tutto, differenze ideologiche comprese".

sabato 27 ottobre 2018

CasaPound a porte aperte, per la prima volta le famiglie di via Napoleone III raccontano le loro storie

CasaPound a porte aperte, per la prima volta le famiglie di via Napoleone III raccontano le loro storie
Roma, 27 ottobre - C’è Mario, che ha 86 anni e da due mesi è rimasto vedovo: vive con una pensione da poco più di 600 euro al mese e condivide la casa con il figlio e la moglie. C’è Laura, che, da casalinga, con il marito operaio e due figlie piccole, un mutuo per una casa non riusciva proprio ad ottenerlo. C’è Patrizio, precario, nato e cresciuto all’Esquilino, che, da quando il padre è morto, divide l’appartamento con l’anziana madre nullatenente. Sono le storie di alcune delle 18 famiglie che vivono a CasaPound e che, per la prima volta, oggi hanno scelto di aprire le porte delle loro case per smontare il ‘caso’ nato in questi giorni con il rinvio dell’ispezione della Guardia di finanza che si è poi svolta ieri.
“Un’iniziativa riuscita che spegne ogni polemica – sottolinea il segretario nazionale di CasaPound Italia Simone Di Stefano – Si è cercato di far passare il messaggio che dentro lo stabile di via Napoleone III si nascondesse chissà cosa. Per questo era giusto riaprire i portoni e far vedere che invece non c’è altro che quello che ora attesta anche un verbale della Gdf: 18 famiglie in stato di emergenza abitativa, ognuna con il suo appartamento dignitoso rimesso in sesto grazie al proprio lavoro, una sala conferenze, peraltro immortalata dalle telecamere di mezzo mondo, e una piccola portineria, dove i ragazzi di CasaPound fanno i turni per evitare che qualche imbecille dei centri sociali assalti il palazzo”.
“Alla Raggi, che avevamo invitato ma non è venuta a trovarci, e anche al ministro dell’Interno, ricordiamo che serve un piano casa. Per rispondere all’emergenza abitativa – ribadisce il segretario di Cpi – non si sgomberano le famiglie per buttarle in mezzo a una strada, serve l’edilizia pubblica residenziale, quelle case popolari che a Roma non si costruiscono più da vent’anni, e serve il Mutuo sociale. La nostra storica proposta di legge che a costo zero per lo Stato consentirebbe a tanti italiani di diventare proprietari di casa. Così come la Costituzione comanda”, sottolinea Di Stefano.
“La nostra Carta infatti garantisce il diritto e l’accesso alla prima abitazione. Mettiamoci tutti in testa che lo Stato e gli enti locali devono risolvere l’emergenza abitativa – conclude il segretario di Cpi – dando una casa ai cittadini e non buttandoli in mezzo a una strada”.