CasaPound Italia: ‘Io ho quel che ho donato’, domani raccolta straordinaria di sangue in oltre 20 città

Giunta al terzo anno l’iniziativa del Grimes in ricordo delle 184 piccole vittime della strage di Gorla 

Roma,18 ottobre – ‘’Io ho quel che ho donato’’. Con questo slogan CasaPound Italia promuove domani, sabato 19 ottobre, una raccolta straordinaria di sangue in oltre 20 città italiane per ricordarela strage di Gorla.
Da Pordenone a Sassari, passando per Bologna, Foligno e Lamezia Terme, i
militanti di Cpi, in collaborazione con altre associazioni, porteranno
l’autoemoteca o organizzeranno gruppi di raccolta in grandi e
piccoli centri per un concreto atto di solidarietà che ciascuno può compiere a costo zero e con un minimo sforzo, ma sempre con responsabilità. Possono donare il sangue le persone con un’età compresa tra i 18 e i 65 anni, in buone condizionifisiche generali e con un peso non inferiore ai 50 chilogrammi.

L’iniziativa, pensata in ricordo dei 184 piccoli martiri
uccisi il 20 ottobre del 1944 dal bombardamento alleato sulla scuola
elementare ‘Francesco Crispi’ nel quartiere Gorla a Milano, è al suo
terzo anno ed è organizzata dal Grimes, Gruppo intervento medicina
sociale di CasaPound Italia, un’associazione che vede impegnati medici e
infermieri volontari su azioni concrete, a partire propriodalla
raccolta del sangue.

Per info: [email protected] oppure 33334567891

5 Comments to:

  1. Anonimo

    Ottobre 18th, 2013

    Encomio solenne

    Rispondi
  2. Anonimo

    Ottobre 18th, 2013

    Invece abbiamo uno Stato vampiro che succhia sangue solo agli Italiani doc per donarlo agli stranieri nemici di questa Nazione.
    Traditori infami che meriterebbero la ghigliottina per Alto Tradimento.

    Rispondi
  3. Anonimo

    Ottobre 18th, 2013

    184 anime che furono sacrificate per nulla di buono e utile per la Nazione.

    Rispondi
  4. Anonimo

    Ottobre 19th, 2013

    Tutti a fare una Buona Azione.

    Rispondi
  5. Anonimo

    Ottobre 19th, 2013

    Una eccellente iniziative di valore sociale e solidale.

    Rispondi

Lascia un commento

  • (not be published)