Roma, 20 gennaio – Questa mattina è stato sgomberato il Circolo Futurista di Casal Bertone, da sempre punto di incontro e aggregazione per il quartiere.
“Quello che è successo è gravissimo: ogni forma di dissenso viene repressa a suon di lacrimogeni e manganelli. La motivazione è ovvia: la decisione di questo sgombero lampo arriva dopo le proteste contro il governo Draghi. Siamo stati gli unici a scendere in piazza e questa è la conseguenza. – dichiara Luca Marsella, già consigliere a Ostia e fermato durante i momenti di tensione di questa mattina – a Roma ci sono decine e decine di centri sociali e occupazioni di immigrati giunti più volte alle cronache per spaccio di droga e addirittura stupri, ma Gualtieri si presenta a Roma accanendosi contro una delle poche occupazioni dove non sventola la bandiera rossa, attiva da 13 anni e protagonista di tantissime iniziative di solidarietà e cultura.
Evidentemente voci libere, che non hanno paura di prendere posizione, sono scomode per una classe politica asservita e imbelle. Una classe politica che si illude di fermarci sgomberando come ripicca le nostre sedi: con o senza, ci troverete sempre in strada a difendere un’Idea, spine nel fianco di chi ha barattato la propria Nazione per un comodo tornaconto”.

Un commento to: Sgombero Circolo Futurista, CasaPound: “ecco come risponde il governo alle proteste: chiudendo spazi di libertà”

  1. Marcello Moscatelli

    Marzo 1st, 2022

    Salve ragazzi, io credo che non si tratti solo di questo, a roma est è in atto un conflitto invisibile sul territorio, una cosa di altissimo livello e molto pericolosa e internazionale e trasversale, e se ritenete contattatemi, ma svegli, ah io sono sempre stato delle’estrema sinistra ma il mio territorio politico è andato in frantumi e non si ricompone, e il conflitto è coi dissidenti di ogni colore e orientamento culturale e insomma la ricomposizione oggi è un casino della madonna. Grazie e buon lavoro. Ah si stanno prendendo anche san lorenzo rossa, è una strategia complessiva

    Rispondi

Lascia un commento a Marcello Moscatelli

  • (not be published)