7 Comments to: Roma, 31/5-01/6 : La comunità politica di CasaPound Italia si incontra

  1. Anonimo

    Maggio 30th, 2013

    Se i singoli individui stanno male la Società và male.
    Poichè essa è la somma degli individui.
    Riscatto da una condizione senza speranza , dove le comunità sono isolate e regredite.
    Ricostruire le relazioni sociali e la Democrazia.
    NeoBarbarismo , incertezza della propria identità , manca l'aderenza ad una comunità.
    Il riferimento di una CASA Collettiva , un ambiente positivo e stabile .
    La necessità di una CASA per difendersi dalla violenza e dal degrado , da un
    ambiente privo di regole e morale , dove il singolo è isolato.
    Dove possiamo trovare delle mura forti e sicure ?
    CASAPOUND oltre la vecchia politica , oltre i vecchi partiti deboli e stanchi.
    Riuniamoci per crescere e migliorare INSIEME !

    Rispondi
    • Anonimo

      Maggio 31st, 2013

      io da poco "attenziono" CPI e spero di poter conoscere bene il pensiero politico caratterizzante….

      Rispondi
    • Anonimo

      Maggio 31st, 2013

      io da poco "attenziono" CPI e spero di poter conoscere bene il pensiero politico caratterizzante….

      Rispondi
  2. Anonimo

    Maggio 31st, 2013

    CASAPOUND e FORZA NUOVA sono l'unico futuro per l'italia!Sempre CPI e sempre FN!
    Un saluto ….. Marco

    Rispondi
  3. Anonimo

    Giugno 1st, 2013

    per me il pericolo da scongiurare e da eliminare e' l'islam….che gia' dal 7^ secolo d.C. ha dichiarato guerra agli infedeli e vorrebbe islamizzare tutto il mondo..
    Non e' uno scherzo che i musulmani vogliano la creazione del "califfato universale' con a capo autorita' religiosa.
    Infatti per i musulmani il codice civile e penale e' quel trattato di guerra all'umanita' progredita e cristiana detto volgarmente corano…
    se lo leggi un po' ti rendi conto che e' stato scritto dall'arabo furbo che con la scusa di venerare il suo dio si vorrebbe 'pappare' tutto la Terra al solo svopo dichiarato ma folle di salvarlo dalla dannazione eterna e farlo andare in paradiso in compagnia di tante belle vergini con cui trascorrere il resto della vita.
    Mica male….quasi quasi ci faccio un pensierino..
    Queste baggianate sono state ritenute credibili da milioni di uomini ignoranti e creduloni che vengono ammaestrati e divengono kamikaze per indottrinamento acuto e totale.
    i musulmani per me sono come i pedoomosessuali……emanazione del Demonio ed in questo Dante Alighieri non si e' sbagliato.
    Una colpa addosso al Duce…quella di non avere combattuto i musulmani invece che gli ebrei..

    Rispondi
  4. Anonimo

    Giugno 1st, 2013

    viva la destra sociale e l'occidente cristiano..
    no all'islam……no ai rom…no si centri sociali di sinistra…no al signoraggio delle banche….no al finanziamento pubblico sconsidersto dei partiti parassiti….si alla riforma costituzionale con 1 camera principale di 300 deputati a stipendio sottoforma di gettone di presenza alle sedute…si al senato federale di 145 senatori su scala regionale con competenze limitate….si alla elezione diretta del Presidente della Repibblica……..si alla abrogazione della XIII^ disposizione della Costituzione Italiana….si a commissione di inchiesta parlamentare che indaghi sulla commistione tra comunisti-stalinisti e magistratura militante..
    si alla nazionalizzazione della Banca d'Italia….

    Rispondi
  5. Anonimo

    Giugno 1st, 2013

    Se le organizzazioni politiche di destra si federassero in occasione delle elezioni comunali e municipali,i risultati sarebbero differenti.
    L'unione fa la forza in occasione delle consultazione elettorali..mettendo da parte le piccole differenze strategiche e rafforzando l'unita' degli intenti politici di destra.
    La DESTRA ITALIANA e' troppo frammentata e dispersiva…troppe sigle di piccole dimensioni.
    Insieme a livello locale si raggiungerebbero percentuali interessanti se solo si federassero:
    Casapound-
    FN-
    Fiamma Tricolore-
    La Destra
    Fratelli d'Italia

    Rispondi

Lascia un commento a Anonimo

  • (not be published)