CasaPound Italia ricorda Ezra Pound con striscioni in 50 città


Roma, 1 nov – “Il tempio è sacro perché non è in vendita”: con questo verso dei Cantos, scritto in striscioni affissi in 50 città italiane, CasaPound Italia ha reso omaggio nella notte al poeta statunitense Ezra Pound, a cavallo tra il 128esimo anniversario della nascita e il 41esimo della morte. Pound è infatti nato ad Hailey il 30 ottobre 1885 ed è morto a Venezia il 1º novembre 1972. “Proprio nel momento in cui la crisi economica si fa più cruenta e la politica si mostra più incapace – spiega Cpi in una nota – ritornare al pensiero di Pound ci pare fondamentale. Le istituzioni non fanno che dirci che per scampare ai mali del mercato serve ancora più mercato, il poeta americano sosteneva invece che esistesse un ambito della vita e dell’attività umana che è indisponibile al mercanteggiare. Quest’ambito è appunto ciò che Pound chiama il tempio, intendendo tanto gli edifici sacri nel senso letterale del termine, quanto il nucleo spirituale di una civiltà. Un monito più che mai attuale, dopo che vari governi, italiano compreso, per fare cassa hanno messo a disposizione degli speculatori internazionali beni immobili a volte anche di immenso valore simbolico, prima che economico”. Per CasaPound “il pensiero poundiano è una risorsa a cui il mondo politico ed economico dovrebbe necessariamente attingere a piene mani, evitando di lasciare in mani accademiche e salottiere l’eredita culturale di un poeta che fu antiaccademico e che non sopportava i salotti”.

Ostia

Ostia

Todi

Todi

Trento

Trento

Napoli

Napoli

Pordenone

Pordenone

Ascoli Piceno

Ascoli Piceno

Terni

Terni

Vasto

Vasto

Genova

Genova

Firenze, di fronte all'ambasciata americana (parte 1)

Firenze, di fronte all’ambasciata americana (parte 1)

Firenze, di fronte all'ambasciata americana (parte 2)

Firenze, di fronte all’ambasciata americana (parte 2)

Torre del Greco (NA)

Torre del Greco (NA)

Roma, Via Aurelio

Roma, Via Aurelio

Massa

Massa

Arezzo

Arezzo

Giuglianona

Giuglianona

Pomezia

Pomezia

Roma, Via di Portonaccio

Roma, Via di Portonaccio

Frosinone

Frosinone

Bari

Bari

Frascati

Frascati

Tivoli

Tivoli

San Benedetto

San Benedetto

Parma

Parma

Siena

Siena

Isernia

Isernia

Pescara

Pescara

Lucca

Lucca

Fermo

Fermo

Riva

Riva

Novi Ligure

Novi Ligure
Bologna

Bologna

Udine

Udine

Lecce

Lecce

Varese

Varese

Lamezia Terme

Lamezia Terme

Aosta

Aosta

Cave

Cave

Foggia

Foggia

Catanzaro

Catanzaro

Forlì

Forlì

Avezzano

Avezzano

Palermo

Palermo

Pesaro

Pesaro

Cremona

Cremona

Lanciano

Lanciano

Milano

Nettuno

Nettuno

Avellino

Avellino

Nocera Inferiore

Nocera Inferiore

Nusco (AV)

Nusco (AV)

Salerno

Salerno
Perugia

Perugia
Bolzano

Bolzano

Milano

Milano

Gaeta (LT)

Gaeta (LT)

Savona

Savona

Val Vibrata (TE)

Val Vibrata (TE)

3 Comments to: CasaPound Italia ricorda Ezra Pound con striscioni in 50 città

  1. Anonimo

    Novembre 1st, 2013

    ONORE AL GRANDE PENSATORE "ezra pound".

    La sinistra europea vuole stravolgere le attuali società democratiche per esservirle a poteri occulti ed antidemocratici.
    Ma gli Italiani doc gridano a gran voce che
    IL TEMPIO ITALIA NON E' IN VENDITA E NEMMENO IN SVENDITA.
    Ci opporremo con tutte le nostre forze a questa apocalittica intenzione criminale.
    VIVA LE DESTRA NAZIONALISTICA E CATTOLICA ITALIANA.
    STOP AL NEMICO INVASORE ANTITALIANO.

    Rispondi
  2. Anonimo

    Novembre 1st, 2013

    Già dagli anni immediatamente precedenti la Prima Guerra Mondiale, a Londra, Pound aveva iniziato a maturare una complessa e articolata visione del mondo, legata a correnti politiche e culturali di ispirazione tanto anticapitalista quanto antimarxista.
    Con il suo ritorno in Italia nel 1925, Ezra Pound comincia ad avvicinarsi al fascismo, che intanto era arrivato al potere.
    Del regime apprezzò i provvedimenti sociali in favore dei lavoratori, le opere pubbliche e una politica economica di ricerca della «Terza Via» tra liberismo e collettivismo.
    Il poeta americano descrive così il suo primo approccio con il fascismo:
    «Durante il tempo in cui ho vissuto in Europa ho spesso visitato Roma e dopo l'ultima guerra ho notato il rinascimento o ringiovanimento della nazione. Io e mia moglie abbiamo sottoscritto 25mila lire a testa al primo prestito del Littorio»……

    http://it.wikipedia.org/wiki/Ezra_Pound

    Rispondi
  3. Anonimo

    Novembre 1st, 2013

    Il grande Poeta deve essere il ns. riferimento, per il ns. pensiero e per la ns.cultura.
    Grazie ragazzi siete GRANDI !!
    EVVIVA CASAPOUND
    PS : un appello ai ragazzi di Verona, perchè una piazza così storicamente importante per
    per le ns. idee non partecipa direttamente con una sezione ufficiale ??

    Rispondi

Lascia un commento

  • (not be published)