Parchimetri incappucciati davanti agli ospedali a Genova, CasaPound protesta contro le strisce blu: ‘la sofferenza non si tassa’

Genova, 20 gennaio – Nuova singolare azione di CasaPound Italia Liguria questa notte a Genova: incappucciate con sacchi neri le colonnine per l’acquisto dei biglietti del parcheggio negli ospedali Villa Scassi, Galliera e San Martino. I militanti hanno lasciato dei volantini, che chiariscono la posizione di Cpi sui parcheggi ospedalieri, tutti a pagamento, pur essendo impiegati in massima parte da pazienti e familiari di malati.

”La chiamano ‘tassa sul dolore’ – si legge nel volantino – e ha un colore: blu. Proprio come il colore che delimita tutte le aree di sosta a pagamento . Negli ospedali genovesi le aree di sosta a pagamento regnano sovrane a prezzi altissimi ignorando regolamenti e codice della strada, perché l’importante è fare cassa. Non importa se sulla pelle dei famigliari dei malati. Chiediamo aree di sosta gratuite – conclude Il testo del volantino, lasciato su varie colonnine, in tre dei più grandi nosocomi di Genova – La sofferenza non si tassa”.


2 Comments to: Protesta di CPI contro le strisce blu: parchimetri incappucciati davanti agli ospedali di Genova

  1. Anonimo

    Gennaio 21st, 2014

    A Genova siamo messi male, ci stanno soffocando, ma lentamente. Non sanno più' come fare cassa, sempre a discapito dei soliti noti…. i cittadini.

    Rispondi

Lascia un commento

  • (not be published)