Roma

Roma, 18 ottobre – Un bavaglio apposto dai militanti di CasaPound sulle statue di tutta Italia, questa la simbolica protesta con la quale il movimento della tartaruga frecciata ha inteso continuare a tenere alta l’attenzione sulla censura in Rete, a 40 giorni dalla disattivazione delle sue pagine e dei profili dei suoi attivisti da parte delle piattaforme Facebook e Instagram e in attesa della prima udienza della causa intentata contro i siti di Mark Zuckerberg, fissata per il 13 novembre.

“Non si è trattato di un episodio isolato – spiega CasaPound in una nota – anzi, l’azione contro di noi è stata probabilmente la prova generale rispetto al tentativo di mettere a tacere gradualmente la voce dei sovranisti, come del resto dimostrato dalle censure che continuano ad essere poste in essere contro innumerevoli profili e pagine, ma anche ad esempio dal processore di pagamento PayPal contro imprenditori colpevoli solamente di essere lontani da posizioni globaliste”.

“Per fortuna – prosegue il movimento – inizia ad allargarsi il fronte di coloro che hanno compreso la gravità delle censure in atto, come dimostrato dalla partecipazione al convegno sulla libertà di espressione “Riprendere la parola”, organizzato da Il Primato Nazionale e che avrà luogo oggi pomeriggio alle 17, insieme al nostro Simone Di Stefano, di personalità del mondo dell’informazione e della cultura quali il membro del Cda Rai Giampaolo Rossi, il docente universitario Marco Gervasoni, l’attore Edoardo Sylos Labini, la giornalista Francesca Totolo, il deputato di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, e il direttore del Fatto Quotidiano online Peter Gomez”.

“E’ anche in considerazione del momento cruciale per il fronte sovranista e dell’attacco senza precedenti in corso – conclude CasaPound- che domani pomeriggio saremo in piazza San Giovanni, senza simboli ma con centinaia di tricolori, con la volontà di arricchire anche con le nostre idee e battaglie di sempre una piattaforma programmatica, quella dell’opposizione al governo da incubo giallofucsia, che non può limitarsi ai pur fondamentali temi dell’immigrazione e della pressione fiscale, ma deve iniziare a occuparsi con forza anche di casa, lavoro, famiglia,, salari e Stato sociale”.

Padova

Desio

 

Pignola

Nocera Inferiore

Anzio

Monza

Maranello

Terni

Nettuno

Settimo Torinese

Salerno

Ivrea

Modena

Torino

Fiorenzuola

Verolengo

Pesaro

Vittoriale degli Italiani, Gardone Riviera

Pisogne

Brescia

Artogne

Piancamuno

Breno

Perugia

Osimo

Arco

Breguzzo

Condino

Riva del Garda

Borgo Valsugana

Rovereto

Trento

San Giorgio di Piano

Arezzo

Bari

Macerata

Ruvo di Puglia

Piacenza

Vercelli

Vicenza

Thiene

Pordenone

Reggio Emilia

Casale Monferrato

Siena

Cuneo

Savigliano

Bra

Lamorra

Alba

Dronero

Pisa

Portogruaro

Mestre

Concordia Sagittaria

Gorizia

Foggia

Alessandria

Cagliari

Iglesias

Carbonia

Sassari

Milano

Fabriano

Voghera

Pavia

Montecatini

Chieti

L’Aquila

Nereto

Isernia

Pescara

Avezzano

Sulmona

Aosta

Cosenza

Catanzaro

Lamezia Terme

Novara

Grassano

Gaeta

Cerveteri

Civitavecchia

Forlì

Trieste

Vittorio Veneto

Montecatini Terme

Catania

Palermo

Siracusa

Palermo

Pisa

Pistoia

Tivoli

Thiene

Montecompatri

Albano Laziale

Sab Benedetto del Tronto

Orvieto

Catanzaro

Cremona

Fermo

Rieti

Bastia Umbra

Latina

Tortona

Pietrasanta

Viterbo

Viareggio

Venania Reale

Treviso

Un commento to: No alla censura, CasaPound imbavaglia le statue in oltre cento città italiane

  1. Araldi Flavio

    18 Ottobre, 2019

    Riconquistiamo la nostra libertà di parola, in uno stato dittatore mascherato di democrazia.

    Rispondi

Lascia un commento a Araldi Flavio

  • (not be published)