Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

domenica 26 febbraio 2017

Ostia, CasaPound e residenti riqualificano lo skate park a loro spese

Ostia, CasaPound e residenti riqualificano lo skate park a loro spese
Roma, 25 febbraio - Una giornata di lavoro per riqualificare lo skate park abbandonato ad Ostia. Si sono dati appuntamento nella mattinata di oggi, militanti di CasaPound e residenti del quartiere di Nuova Ostia, e si sono messi all'opera. "Ci siamo fatti carico anche dei costi di smaltimento di quelle che sono vere e proprie macerie - ha spiegato Luca Marsella, responsabile di CasaPound sul litorale romano - perché la situazione era diventata insostenibile. Abbiamo speso 2.000 euro di tasca nostra, autotassandoci, per noleggiare due camion. La struttura - ha continuato Marsella - dopo essere stata chiusa è andata a fuoco ormai oltre tre anni fa e la situazione di degrado era assurda. Nessuno si è occupato di intervenire in un'azione di bonifica e mesi fa ci fu addirittura impedito. Il peggiorare della situzione, tra stranieri che ne avevano fatto un dormitorio e la presenza di topi segnalata dai cittadini di via Fasan, ci ha spinto ad intervenire".
"La Raggi - ha aggiunto Carlotta Chiaraluce, portavoce di Cpi nel X Municipio - aveva promesso in campagna elettorale di ricostruire qui lo skate park, che ricordiamo essere uno dei punti di riferimento della città ed attirava giovani da tutta Europa, contribuendo a rendere migliore un quartiere abbandonato dalla politica. Invece oggi scopriamo che il progetto, se si farà, sarà realizzato da zero in un'altra zona. Ai residenti di Nuova Ostia la sindaca - ha concluso Chiaraluce - ha deciso di lasciare solo le macerie".



martedì 21 febbraio 2017

Reggio Calabria, sabato inaugurazione nuova sede di CasaPound

Reggio Calabria, sabato inaugurazione nuova sede di CasaPound

Reggio Calabria, 21 feb- Si svolgerà questo sabato, 25 febbraio in Via Pio XI, dalle ore 18 la festa per l’inaugurazione della nuova sede di CasaPound Italia a Reggio Calabria, alla quale interverrà il vicepresidente Andrea Antonini.

“Con questa nuova apertura – spiega il responsabile locale del movimento,Federico Romeo – si potenzia l’avamposto sociale cittadino, il luogo fisico, dove gli iscritti al movimento della tartaruga frecciata, si occupano dei bisogni dei cittadini italiani. Oltre all’attività di volontariato sociale, nella nostra nuova sede, ci sarà spazio anche per la cultura e la politica. Dunque, sarà uno spazio non conforme totalmente autogestito e autofinanziato, aperto a tutti”.

“La nostra sede – spiega Romeo – sarà luogo d’incontro e dialogo senza pregiudizi, d’impegno a favore dei più deboli, degli sfrattati, di quelle imprese che, strozzinate dalle banche, sono costrette a chiudere i battenti, degli ultimi. Vogliamo diventare – sottolinea – un punto di riferimento per tutti coloro i quali vogliono fare politica attivamente e, più in generale, per chiunque abbia come obiettivo il bene di Reggio Calabria e dell’Italia”.

“Per l’occasione – continua - sarà presente anche Andrea Antonini, vicepresidente di CasaPound Italia che con Mimmo Gianturco, responsabile politico regionale e consigliere comunale di Lamezia Terme, inaugureranno il nostro spazio sociale, punto di riferimento per tutti quelli che vogliono lottare per dimostrare che c'è un'alternativa possibile allo Stato attuale. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare”.

venerdì 17 febbraio 2017

Concordia Sagittaria (VE): accordo tra CasaPound e Servizi sociali per aiutare italiani in difficoltà

Concordia Sagittaria (VE): accordo tra CasaPound e Servizi sociali per aiutare italiani in difficoltà
Questa mattina i militanti di "Prora Adversa", associazione locale di CasaPound Italia, hanno consegnato alcuni generi di prima necessità all'assistente sociale del Comune, dott.ssa Girardi, che provvederà a farli recapitare a famiglie concordiesi in carico ai servizi sociali.
"Questa è la prima consegna di tale tipo che viene effettuata dalla nostra associazione - spiega Tino Bozza, responsabile locale di CasaPound Italia - ma altre ne seguiranno, come già concordato con la funzionaria comunale in conseguenza del rapporto di collaborazione instaurato. Il nostro movimento vuole essere infatti un punto di riferimento per tutti quegli italiani che non ce la fanno più e che paiono essere stati dimenticati dalla politica tradizionale".
"Da noi infatti - conclude Bozza - esiste un motto, che recita così 'CasaPound: scudo e spada degli italiani'. Motto che ogni giorno, anche attraverso attività di questo tipo, cerchiamo di onorare al meglio".

giovedì 16 febbraio 2017

venerdì 3 febbraio 2017

Foibe, CasaPound: iniziative in tutta Italia per il giorno del ricordo, domani corteo a Roma

Foibe, CasaPound: iniziative in tutta Italia per il giorno del ricordo, domani corteo a Roma
Roma, 3 febbraio– Corteo per i martiri delle Foibe sabato pomeriggio a Roma. A promuoverlo è CasaPound Italia, che domani, 4 febbraio, sfilerà per le strade del quartiere Giuliano Dalmata, al Laurentino, in occasione della prima di una serie di iniziative in programma per ricordare i 10mila italiani massacrati dai partigiani titini tra il 1943 e il 1947 e i 300mila esuli istriani e giuliano-dalmati costretti dall’odio comunista a lasciare la loro terra. La manifestazione partirà dalla stazione metro Laurentina alle 16.30 per raggiungere piazza Giuliani e Dalmati.
“Essere italiani era l’unica ‘colpa’ delle vittime del genocidio messo in atto da Tito a cavallo della seconda guerra mondiale: una vera e propria pulizia etnica che ha visto decine di migliaia di nostri connazionali assassinati, torturati, gettati, talora vivi, nelle foibe, e poi, per 50 anni, ignorati dai libri di storia e dimenticati dalla loro stessa Nazione. Ma l’identità di un popolo non può essere cancellata con il sangue o annientata con l’esilio. E per ricordarlo, anche a chi oggi apre le porte all’invasione migratoria avallando il processo di sostituzione dei popoli europei, CasaPound Italia organizza una serie di iniziative in tutta Italia: nella settimana che va da sabato 4 e sabato 11 febbraio cortei, fiaccolate, conferenze e presidi sono in programma in grandi città e piccoli centri dal nord al sud del paese. Accanto agli eventi organizzati sul territorio da tutte le comunità del movimento, venerdì 10 febbraio, tra le 11 e le 12, migliaia di utenti dei social media renderanno omaggio ai martiri delle foibe, listando a lutto i propri profili e osservando un’ora di silenzio per la decima edizione di "Io non scordo", la manifestazione virtuale promossa da Radio Bandiera Nera. E proprio Rbn, la web radio di Cpi, dedicherà ad approfondimenti sulla tragedia delle foibe la programmazione a partire da mezzogiorno.

giovedì 2 febbraio 2017

Carrefour: CasaPound Italia, per tutelare i diritti dei lavoratori di Carrefour a rischio licenziamento, offre consulenza legale gratuita

Carrefour: CasaPound Italia, per tutelare i diritti dei lavoratori di Carrefour a rischio licenziamento, offre consulenza legale gratuita
Torino, 2 febbraio – Centinaia di manifesti di solidarietà ai lavoratori Carrefour a rischio licenziamento sono stati affissi nella notte da CasaPound Italia.
“Carrefour ha annunciato 500 esuberi – ha spiegato Matteo Rossino responsabile provinciale del movimento – Alcuni di questi esuberi riguarderanno anche il torinese. Troppi questi licenziamenti per chi in questi anni ha beneficiato di allegri regali da parte della politica. Nessuno deve essere licenziato.”
“La politica ha favorito la creazione di supermercati che hanno distrutto gli esercizi commerciali a conduzione familiare. Una scelta folle che abbiamo sempre contestato – ha aggiunto Marco Racca responsabile regionale del movimento – perchè crea problemi economici e sociali sul medio periodo devastanti. Carrefour inoltre, assieme ad altri colossi, ha favorito la precarizzazione dei lavoratori italiani, con l'aiuto di sindacati e politici. Ora questa notizia degli esuberi ci lascia senza parole. Per far lucrare sempre di più gli azionisti, si mettono sul lastrico centinaia di persone. Non possiamo rimanere a guardare, per questo siamo pronti ad offrire consulenza legale gratuita ai lavoratori di Carrefour. Il lavoro degli italiani deve essere difeso, se necessario anche mediante carte bollate e ricorsi in Tribunale.”
“Consiglio ai lavoratori – ha concluso Racca – di non farsi fregare dai sindacati che in questi giorni si sono mobilitati per aiutare i lavoratori. Loro sono tra i responsabili di questa situazione. Se avessero lavorato bene negli anni passati, oggi Carrefour non si sognerebbe nemmeno di lasciare a casa 500 lavoratori.”


Isernia: Forza Italia e Fratelli d’Italia votano contro precedenza agli italiani nelle case popolari, respinta la proposta del consigliere di CasaPound

Isernia: Forza Italia e Fratelli d’Italia votano contro punteggio aggiuntivo agli Italiani per l’assegnazione degli alloggi popolari, respinta la proposta di CasaPound
Bruno (CPI): “Maggioranza tradisce l’impegno a favore dei nostri concittadini. Partiti di centrodestra ‘sovranisti’ fino a che non siedono su poltrone”
Isernia, 1 febbraio – Durissimo attacco di Francesca Bruno, consigliere comunale di CasaPound Italia al Comune di Isernia, alle altre forze politiche del consiglio comunale dopo il parere negativo ricevuto in quarta commissione al progetto da lei presentato di inserimento, nel Regolamento comunale per l’emergenza abitativa tra i requisiti per l’accesso agli alloggi popolari, di una clausola per l’assegnazione di maggior punteggio in graduatoria ai possessori della cittadinanza italiana. Una bocciatura arrivata a sorpresa, con il voto contrario espresso da esponenti della stessa maggioranza presenti in commissione.
“Se l’opposizione ad una proposta volta a tutelare i diritti dei nostri connazionali ad un accesso privilegiato nella propria nazione a servizi pagati dalle proprie tasse da parte degli esponenti della sinistra era scontata – afferma Francesca Bruno in una nota – i voti determinanti per la bocciatura della proposta sono poi giunti dalle fila del centrodestra riscopertosi recentemente ‘sovranista’, con il parere contrario espresso da esponenti di Forza Italia e di Fratelli d’Italia. Un comportamento inqualificabile, specie da parte di questi ultimi, in particolare, tanto bravi ad usare lo slogan ‘Prima gli Italiani’ in campagna elettorale, per poi dimenticarselo una volta raggiunto l’obiettivo dell’elezione, l’unico che davvero gli interessi”.
“Questa votazione – prosegue Francesca Bruno – dimostra in maniera inequivocabile come alla prova dei fatti da parte della maggioranza non si intenda minimamente rispettare l’impegno a favore degli isernini che questa amministrazione aveva affermato di perseguire. Come membro del consiglio comunale, non cesserò tuttavia di tutelare, in maniera autonoma, gli interessi di questa città e dei suoi abitanti per tutta la durata del mio mandato, prima di tutto contro quelle forze politiche che tanto parlano di tutelare il bene degli italiani, ma che con la votazione di ieri hanno mostrato di non aver a cuore altro bene che il proprio”.