martedì 14 novembre 2017

Elezioni: Di Stefano diventa il segretario di CasaPound e lancia il programma per le politiche

Elezioni: Di Stefano diventa il segretario di CasaPound e lancia il programma per le politiche

Roma, 13 novembre - Simone Di Stefano diventa segretario di CasaPound Italia. La nomina, decisa dal presidente del movimento Gianluca Iannone, è operativa da oggi. Di Stefano, 41 anni, per diversi anni vicepresidente insieme ad Andrea Antonini, sarà anche il candidato premier di Cpi alle prossime elezioni politiche. "Siamo stanchi di processi e infamie - sottolinea Di Stefano in una nota - CasaPound è nata per fare politica ed è questo che continueremo a fare a dispetto ci quanti ci vorrebbero mettere all'angolo. A incoraggiarci ci sono i risultati elettorali raggiunti fino a ora: un'avanzata costante che ci esorta a proseguire sulla strada del confronto con gli elettori".

"Alle prossime politiche CasaPound dunque sarà in campo con un programma che punta al ripristino della sovranità nazionale e al sostegno alle imprese e alle famiglie italiane - sottolinea Di Stefano - Tra i punti essenziali sul fronte dell'economia, l'uscita dall'euro e dall'Ue e l'introduzione di una nuova moneta sovrana italiana; la nazionalizzazione di Banca d'Italia e Cassa depositi e prestiti e la separazione netta fra banche commerciali e banche di investimento finanziario; la creazione di una capogruppo pubblica sul modello dell’IRI con il compito di salvare o sviluppare aziende e settori industriali di interesse strategico nazionale; la cancellazione del pareggio di bilancio dalla Costituzione. Una parte del programma è dedicata poi a una riforma che impedisca l’ereditarietà dei debiti e la cartolarizzazione o la cessione a privati di quelli dei cittadini nei confronti dello Stato".

"CasaPound - prosegue il neo segretario del movimento - vuole inoltre l'introduzione della preferenza nazionale in ogni aspetto legato alla fruizione dello stato sociale e dei servizi; il blocco dell'immigrazione clandestina, accompagnato da un intervento di pacificazione e stabilizzazione in Libia; parametri stringenti per l’immigrazione regolare; il no allo ius soli introdotto in Costituzione e la revoca della cittadinanza per chi si rende colpevole di reati gravissimi (terrorismo, omicidio, stupro). Infine, in parlamento vogliamo portare la nostra battaglia per il Reddito Nazionale di Natalità, ovvero 500 euro mensili da 0 a 16 anni per ogni figlio italiano nato da un genitore a sua volta nato italiano, e per il Mutuo Sociale, da erogare alle coppie non proprietarie e ai genitori separati che ne facciano richiesta, con l’acquisto diretto dell’immobile da parte dell’istituto di credito e la possibilità per la coppia di riscattarlo mensilmente con 1/5 delle entrate familiari".



13 commenti:

  1. Pare che il vostro programma necessiti di laute risorse finanziarie. Comunque sia, il modello politico proposto da Casapound assomiglia al modellop politico dei Paesi del Nord Europa. L´usicta dall´euro porterä investitori stranieri e lavoro (questa e la speranza attuale e forse unica salvezza) piu un forte aumento delle esportazioni. Gli economisti di Renzi hanno tentato il tutto per tutto aumentando la domanda globale, seguendo alla lettera la formulina di Keynes. Hanno cercato di fare leva su 3 delle 4 leve economiche della domanda globale. Ora ve le spiego:

    1. Aumento consumi (80 €) in piu per aumentare i consumi = politica fallimentare perche le famiglie si tengono gli 80 euro e non li spendono

    2. ridurre le tasse per le imprese puerche investano nel lavoro assumendo = politiche fallimentare perche le imprese hanno tasse ancora troppo elevate e il futuro e cosi incerto che non riesono a investire (assumere).

    3. Lo stato deve creare lavoro sforando il deficit di bilancio. Ha cercato di presentare in Europa la politica della flessibilita aumentando il deficit (e lo stato che deve creare lavoro) ma pure questa non e stata accettata o solo parzialmente.

    4. Le esportazioni, con un cambio legato non ha potuto sfruttare questa leva che e sempre (SEMPRE dal dopoguerra) stata fondamentale per l´ Italia.


    Quindi e inutile attaccare Renzi o meglio gli economisti di Renzi che hanno tentato di rimanere in Europa e nell´Euro cercando di fare il åpossibile. L´unica manovra per aumentare le esportazioni e uscire dall´Europa e dall Euro e attuare le MEDESIME politiche di Renzi migliorandole naturalmente. (Ricordatevi che dovete fare un programma per abbasare le tasse di almeno 10 anni cio vuol dire smantellare l apparato burocratico di province e regioni inutili.)

    Il punto e, siete pronti a fronteggiare tutto cio e confrontarsi anche a livello internazionale? Pensate che vi sia un modello economico piu efficace? La lega a fior fiore di economisti che dicono e ribadiscono queste cose, e voi?

    rispondete alle mie domande a christian.brembilla at gmail.com

    Cordialmente,
    Christian

    RispondiElimina
  2. Pare che il vostro programma necessiti di laute risorse finanziarie. Comunque sia, il modello politico proposto da Casapound assomiglia al modellop politico dei Paesi del Nord Europa. L´usicta dall´euro porterä investitori stranieri e lavoro (questa e la speranza attuale e forse unica salvezza) piu un forte aumento delle esportazioni. Gli economisti di Renzi hanno tentato il tutto per tutto aumentando la domanda globale, seguendo alla lettera la formulina di Keynes. Hanno cercato di fare leva su 3 delle 4 leve economiche della domanda globale. Ora ve le spiego:

    1. Aumento consumi (80 €) in piu per aumentare i consumi = politica fallimentare perche le famiglie si tengono gli 80 euro e non li spendono

    2. ridurre le tasse per le imprese puerche investano nel lavoro assumendo = politiche fallimentare perche le imprese hanno tasse ancora troppo elevate e il futuro e cosi incerto che non riesono a investire (assumere).

    3. Lo stato deve creare lavoro sforando il deficit di bilancio. Ha cercato di presentare in Europa la politica della flessibilita aumentando il deficit (e lo stato che deve creare lavoro) ma pure questa non e stata accettata o solo parzialmente.

    4. Le esportazioni, con un cambio legato non ha potuto sfruttare questa leva che e sempre (SEMPRE dal dopoguerra) stata fondamentale per l´ Italia.


    Quindi e inutile attaccare Renzi o meglio gli economisti di Renzi che hanno tentato di rimanere in Europa e nell´Euro cercando di fare il åpossibile. L´unica manovra per aumentare le esportazioni e uscire dall´Europa e dall Euro e attuare le MEDESIME politiche di Renzi migliorandole naturalmente. (Ricordatevi che dovete fare un programma per abbasare le tasse di almeno 10 anni cio vuol dire smantellare l apparato burocratico di province e regioni inutili.)

    Il punto e, siete pronti a fronteggiare tutto cio e confrontarsi anche a livello internazionale? Pensate che vi sia un modello economico piu efficace? La lega a fior fiore di economisti che dicono e ribadiscono queste cose, e voi?

    rispondete alle mie domande a christian.brembilla at gmail.com

    Cordialmente,
    Christian

    RispondiElimina
  3. Non abbiamo la sfera di cristallo ma continuando sulla strada Europa-€ moriremo lentamente. Sempre sperando che non vengano attuate le sanzioni del Fiscal compact così sarà sicuro che non avremo nemmeno più il nostro stato...
    MA È CHIARO CHE DOBBIAMO ABBANDONARE ALLA SVELTA QUESTO LAGER EUROPEO!!!!
    MA CI PENSATE ANCORA??!!!!

    RispondiElimina
  4. 1)gli 80€ dati a qualcuno in busta paga, sono stati ricavati da altre voci di bilancio, vuol dire semplicemente che la quantità di moneta circolante in uno Stato è sempre quella, in definitiva i consumi non possono aumentare;
    2) Se non aumenta la quantità di moneta in una economia, la domanda (i consumi) non aumenta;
    3) la maggior parte del deficit di bilancio è servito a pagare gli interessi sul debito e non per finanziare la spesa pubblica;
    4) concordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nodo e sempre li, sulla capacita di stampare moneta e distribuirla alla popolazione anche se abbassare le tasse alle imprese credo sia una cosa saggia da fare.

      Elimina
  5. Io voto casapound solo perché sono fra i pochi rimasti che vogliono il bene dell'Italia e degli italiani.
    Ormai sinistra o destra sono solo stereotipi del passato; oggi conta chi vuole il bene dell'Italia e degli italiani, chi difende noi dall'islamizzazione e dal motto prima gli stranieri? Nessuna forza politica in parlamento, quindi avanti Casapaund in parlamento per difendere l' Italia e il suo popolo.

    RispondiElimina
  6. Una volta l'Italia era un paese dove chiunque si sentiva allenatore di calcio. Ora le cose sono cambiate e tutti vogliono fare gli esperti di economia. I risultati si vedono: Italia fuori dai mondiali e Commissario Katainen che invita il governo a dire la verità agli italiani su conti pubblici. Direi che la prima cosa da fare sia sostituire furbacchioni e dilettanti con persone serie. Casa Pound spinga sulla preparazione culturale ed economica, gli "attributi" da soli non bastano, ci vuole anche cervello.

    RispondiElimina
  7. Urge informare. Suggerisco anche io la preparazione culturale ed economica.
    Ottimo Di Stefano.
    Sostengo CasaPound. Rivoglio il Mio Paese.

    RispondiElimina
  8. Con i mezzi attuali, la nostra Nazione può riprendere il controllo del territorio e dei confini? Secondo me no! Quindi nel programma politico di CasaPound dev'essere esplicitamente menzionato un massiccio potenziamento delle Forze dell'Ordine e delle Forze Armate, per fare fronte alle emergenze dell'immigrazione e della criminalità.

    RispondiElimina
  9. Permettetemi di farvi i complimenti per i punti economici che suggerite, comunque per questioni più complesse (o per essere più precisi in quelle semplici) consiglierei di prendere almeno come parziale riferimento Alberto Bagnai (o comunque qualcuno con una comprovata conoscenza di macroeconomia):
    Casapound mi pare sia attualmente priva di un referente economico ufficiale (cioè di uno che converta le idee politiche giuste in spiegazioni economiche corrispondenti), ad averlo si potrebbe spostare parecchi indecisi (un po' come Borghi che trascina voti verso la lega).

    RispondiElimina
  10. Mi interesserebbe sapere il vostro punto di vista sui cosiddetti temi etici: gender, matrimonio gay, aborto, eutanasia, droga libera...grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che questi argomenti dovrebbero richiedere, in questo periodo, meno risorse per trovare una soluzione a differenz del problema economica che attanaglia l´Italia. Se non vi sono i soldi per mangiare nessuno si sposera gay e etero, e probabilmente la droga verrä vendita dove ci sono i soldi...

      Elimina
  11. Mi pare che all'insieme di questo programma, che punta alla felice valorizzazione dell'italianità, vada anche aggiunto il perseguimento di una politica di assoluta indipendenza. Per questo, l'uscita del nostro paese dalla fogna dell'Alleanza Atlantica non è punto da non menzionare.

    RispondiElimina