Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

venerdì 27 ottobre 2017

Todi (PG): C'è CasaPound in consiglio comunale, l'amministrazione dice no ai centri d'accoglienza

Todi (PG): C'è CasaPound in consiglio comunale, l'amministrazione dice no ai centri d'accoglienza

ll consiglio comunale di Todi ha approvato un importante ordine del giorno e atto di indirizzo che impegna il Sindaco, in merito ai programmi di cosiddetta ‘accoglienza’ in essere a “non rinnovare i progetti ai quali è stata prestata adesione dal Comune di Todi”.

“L’ordine del giorno, da me presentato insieme ai capigruppo di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia Peppucci, Pennacchi e Baiocco . dichiara Andrea Nulli, capogruppo di CasaPound al Consiglio Comunale – riprendeva, aggiornandolo in particolare nelle premesse vista la costante evoluzione della situazione, uno da me presentato già a inizio agosto. La condivisione da parte della maggioranza di governo e infine l’approvazione del Consiglio rappresenta un’importante affermazione di una nostra fondamentale battaglia, portata avanti durante tutta la campagna elettorale e che ha anche costituito uno dei punti di apparentamento con il sindaco Ruggiano”.

“Questo importante atto – prosegue Nulli – rappresenta anche una fondamentale presa di posizione del massimo consesso cittadino rispetto al centro d’accoglienza per minori non accompagnati voluto dalla precedente amministrazione (progetto FAMI), e rispetto al quale tanti cittadini hanno dimostrato la loro contrarietà. Va ricordato come il sindaco Rossini in campagna elettorale a specifica domanda avesse assicurato che non sarebbe stato aperto un nuovo centro d’accoglienza, che la città ha invece scoperto essere già stato approvato e finanziato”.

“Riteniamo importante anche dal punto di vista etico questa netta presa di posizione: il business dell’accoglienza nel nostro paese, come dimostrato anche dalla cronaca degli ultimi mesi, rappresenta infatti sia un problema per i cittadini italiani, che in un momento di difficoltà come questo vedono indirizzati verso questo gigantesco affare fondi che potrebbero essere utilizzati per aiutare ad esempio le tante famiglie italiane in difficoltà, sia per gli stessi immigrati, visto che si tratta di un evidente sistema di sfruttamento indirizzato anche contro gli stessi migranti, attirati dalla prospettiva di una vita facile, e catapultati in una situazione nella quale, al termine del periodo di accoglienza, verranno sostanzialmente lasciati a se stessi alimentando quella che una volta veniva definita “guerra tra poveri”. Ricordiamo del resto le illuminanti parole di Buzzi, uomo della sinistra romana poi coinvolto nell’inchiesta ‘mafia capitale’, che ebbe a sottolineare “oggi gli immigrati rendono molto più della droga”.

“Questa votazione del Consiglio – conclude il capogruppo di CasaPound Italia – ci conferma una volta di più la giustezza della nostra decisione di apparentamento col sindaco Ruggiano. Uno dei punti dell’accordo di apparentamento è già stato approvato dopo soli 3 mesi, su quello riguardante la Consulta delle Frazioni stiamo già lavorando alacremente, e presto, dopo esserci confrontati col resto della maggioranza, si potrà sicuramente intervenire anche sul sentitissimo tema delle case popolari”.

martedì 24 ottobre 2017

Inaugurazione sede di CasaPound ad Alba Adriatica (TE)

Alba Adriatica (TE): Venerdì 27 ottobre CasaPound inaugura la sede cittadina del movimento, la decima regionale
Alba Adriatica, 24 ottobre - Venerdì 27 ottobre a partire dalle ore 21 avrà luogo l'inaugurazione della nuova sede di CasaPound Italia ad Alba Adriatica, sita in Via Risorgimento.
“Questo venerdì sarà un giorno importante per Alba Adriatica – afferma Roberto Monardi, responsabile di CasaPound Italia per la Provincia di Teramo. Con l’apertura della sede potremo rendere più incisiva la nostra azione sul territorio, e rappresentare ancora di più un punto di riferimento per i cittadini”.
“La nostra sede - prosegue Monardi – sarà luogo di attività politiche e di incontri culturali, nonchè dell’attività di volontariato sociale verso gli Italiani che contraddistingue il nostro movimento. A partire dalla prossima settimana sarà infatti avviata dalla raccolta alimentare per le famiglie italiane bisognose, e sarà inoltre attivato lo sportello ‘Dillo a CasaPound’ rivolto ai tanti nostri concittadini in cerca di assistenza, dai padri separati, agli sfrattati, a tutti coloro che hanno problemi con le agenzie di riscossione e con le banche”.
“CasaPound sta crescendo in tutta Italia, non da ultimo nella provincia teramana, e sempre più Italiani si avvicinano a noi – conclude Monardi – anche per questo si è reso necessario aprire una sede ad Alba Adriatica, la decima sede sul territorio abruzzese, per rafforzare ulteriormente la nostra presenza. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, per conoscere o approfondire la conoscenza di CasaPound e delle attività da noi svolte”.

martedì 17 ottobre 2017

Muratella (Roma): grazie al sostegno di CasaPound reintregrate 14 lavoratrici

Muratella (Roma): grazie al sostegno di CasaPound reintregrate 14 lavoratrici
Roma 17 Ottobre - Via della Magliana Vecchia, zona Muratella (11 Municipio): sono state reintegrate questa mattina le 14 lavoratrici che avevano perso il posto all’Hotel Ibis dove il direttore aveva disdetto senza preavviso il contratto in essere con la società di pulizie presso la quale queste donne erano state assunte.
“Erano state licenziate senza preavviso - dichiara Alessandro Calvo, portavoce territoriale di CPI - anche se la nuova ditta subentrante avrebbe dovuto garantire al personale continuità di lavoro.”
Invece CasaPound è intervenuta tempestivamente, siamo stati al loro fianco fisicamente, le abbiamo consigliate tramite i nostri legali, le abbiamo confortate, le abbiamo protette quando stavano prendendo strade sbagliate. Da oggi, grazie al nostro aiuto, tutte e 14 hanno di nuovo il loro lavoro. La proprietà dell’albergo- ha correttamente ripristinato l’accordo con la società di pulizie.”



venerdì 13 ottobre 2017

Blocco Studentesco: migliaia di studenti in piazza contro il ministro Fedeli e l’alternanza scuola-lavoro

Blocco Studentesco: migliaia di studenti in piazza contro il ministro Fedeli e l’alternanza scuola-lavoro

Roma, 13 ottobre – Cortei e blitz in tutta Italia organizzati dal Blocco Studentesco per chiedere un cambiamento radicale nella gestione dell’alternanza scuola-lavoro e un rapido intervento degli enti pubblici preposti nella risoluzione dei problemi strutturali che affliggono le scuole italiane.
“Un successo i cortei studenteschi a Roma, Ascoli Piceno e Nardò (LE) e i blitz a Milano e Verona – si legge in una nota del movimento - per sottolineare ancora una volta la totale assenza delle istituzioni: fallimento del progetto alternanza scuola-lavoro, edifici scolastici in condizioni penose e mancanza di fondi adeguati per l’istruzione”.
“Il Blocco Studentesco ha mobilitato migliaia di studenti in tutta Italia nella mattinata di oggi – continua la nota del movimento - per protestare contro l’attuale linea politica del Ministro Fedeli, in perfetta continuità con i governi precedenti, volta ad affossare la già penosa condizione dell’istruzione italiana”.
“Quasi uno studente su due dichiara di essere insoddisfatto dell’esperienza di scuola-lavoro, incompatibile con il percorso di studi scelto, fino ad arrivare a veri e propri casi di sfruttamento, senza tralasciare le profonde differenze organizzative tra le varie regioni d’Italia. Come se non bastasse – continua la nota – gli studenti sono costretti a frequentare edifici fatiscenti, con aule o palestre inagibili e mancate verifiche di vulnerabilità sismica”.

“Non possiamo più tollerare questi soprusi ai danni degli studenti italiani, motivo per il quale – conclude la nota – con questa prima grande dimostrazione di forza vogliamo lanciare un messaggio chiaro alle istituzioni e al Miur: continueremo a dare battaglia a chiunque rappresenti un ostacolo per il futuro e saremo, come sempre, al fianco degli studenti”. 

ROMA

ASCOLI

LECCE

MILANO

VERONA

martedì 10 ottobre 2017

Inaugurazione sede di CasaPound Versilia a Pietrasanta (LU)