domenica 9 luglio 2017

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado

Ostia, blitz di CasaPound su spiagge libere contro venditori abusivi e degrado
Roma, 8 luglio 2017 - Questo pomeriggio i militanti di CasaPound nel X Municipio di Roma hanno fatto l'ennesima azione di denuncia sullo stato di degrado e abbandono delle spiagge libere di Ostia. "Mentre il M5S e la commissione prefettizia parlano di spiagge restituite alla legalità, in realtà la chiusura dei chioschi di Ostia ponente, e degli annessi servizi, ha favorito solo il degrado e l'abusivismo. Così commenta Luca Marsella, responsabile locale del movimento e futuro candidato presidente alle prossime elezioni municipali, il blitz di questo pomeriggio. Dopo diverse segnalazioni dei cittadini e a poche settimane dalla riqualifica di queste spiagge siamo intervenuti nuovamente e abbiamo cacciato via le decine di venditori abusivi che, oltre a cianfrusaglie di dubbia provenienza, vendono anche bibite facendo concorrenza sleale ai legittimi concessionari delle strutture di Ostia ponente che invece sono sovente tartassati da controlli di vigili. Conclude infine Marsella - la nostra passeggiata di riqualifica si è svolta fino al porto e non abbiamo potuto non notare la pessima idea dell'amministrazione capitolina di posizionare i bagni chimici su strada. Ennesimo scempio evitabile quando sarebbe bastato riaprire i bagni già esistenti delle strutture chiuse per le quali, a causa dell'incapacità di commissa
ri e M5S, nessun bando di affidamento è mai più stato fatto".


5 commenti:

  1. Ulteriore palese dimostrazione, in seguito ai fatti di Via del Colosseo, che l'amministrazione comunale dei 5 Stelle è spesso ridicola e "spensierata".
    La cosa peggiore è che ora CasaPound si deve addirittura fare carico dei compiti che spetterebbero alle forze dell'ordine.

    Ormai in Italia il venditore abusivo è pura normalità; sono a centinaia sulle spiagge e lungo le camminate organizzati con veri e propri "banchetti da esposizione". Nessuna licenza, occupazione del suolo pubblico e vendita di oggetti senza il rilascio dello scontrino. I fatti sono sotto gli occhi di tutti ma NESSUNO, salvo i ragazzi di CasaPound, interviene.

    I fenomeni che abbiamo al governo si preoccupano più di rimuovere i simboli fascisti dalla spiaggia di Chioggia.

    RispondiElimina
  2. Si ma queste sono quisquilie in confronto all'aall'alto tradimento perpetuato dal PD che ha svenduto il paese con accordi personali all' immigrazione selvaggia. Siamo sotto un regime di delinquenti e traditori della patria.

    RispondiElimina
  3. Occorre scendere in piazza urgentemente e chiedere subito le dimissioni di questo governo fantoccio.ogni giorno che passa entrano nuovi immigrati e non oso immaginare i numeri da qui a settembre. È necessario fare fronte comune contro questo governo per costringerlo alle dimissioni e andare subito a nuove elezioni e poi processare i responsabili di questo folle accordo sull' immigrazione per alto tradimento. La Bonino ha confermato il tutto...Italiani sveglia basta a pensare solo a auto e telefonino!!

    RispondiElimina
  4. Io penso che finchè gli italiani continuano a sostenere associazioni pro immigrazione e accogliendo a braccia aperte le ONG il fenomeno dell'immigrazione non potrà senz'altro che aumentare, di questo sono più che convinto e ha ragione Salvini di sparare sui gommoni.

    RispondiElimina
  5. Finché permetteremmo a questo "governicchio traditore" di comandarci e sobbarcarci di tasse e fare i suoi comodi, non c' è da meravigliarsi che facciano quello che vogliono. Tanto, pensano, a noi italiani basta il piattino di pasta e tutto va bene! È nostro dovere eliminare il problema alla radice, tutti in piazza subito e elezioni immediate.

    RispondiElimina