giovedì 27 ottobre 2016

Basta Criminalità: CasaPound La Spezia in piazza insieme ai cittadini per chiedere risposte

Basta Criminalità: CasaPound La Spezia in piazza insieme ai cittadini per chiedere risposte 
La Spezia, mercoledì 26 ottobre - "Difendiamo i nostri quartieri": questa la frase riportata sullo striscione esposto al presidio di questo pomeriggio a Fossitermi, al quale hanno partecipato diversi cittadini, per cercare di smuovere le autorità competenti in merito a degrado, furti e negligenza dell'amministrazione nella cura del quartiere stesso.
"Ormai siamo arrivati ad un punto in cui ci sentiamo prigionieri in casa nostra - spiegano i militanti e i cittadini - La maggior parte delle persone che abitano al primo piano sono state costrette a porre delle inferriate alle finestre. Per non parlare delle continue spese per istallazioni di allarmi e altri apparecchi che scoraggino i malintenzionati. Nessuno si sente al sicuro."
Casapound La Spezia, che da più di un anno ha contatti con i cittadini del quartiere, ha già raccolto diverse lamentele e proposte dei cittadini: "Nessuna di queste proposte comporterebbe all'amministrazione uno sforzo economico, o di chissà quale tipo, al di fuori delle proprie possibilità. Tutto sta nella volontà di risolvere il problema. Noi stessi abbiamo visto la situazione di Fossitermi, e basterebbe davvero poco per dare più sicurezza ai cittadini: un illuminazione notturna corretta e la pulizia dell'area verde (via di fuga utilizzata continuamente da ogni tipo di criminale) sarebbero già un ottimo inizio."
"Il nostro impegno - concludono i militanti - è quello di portare le problematiche rilevate a chi di dovere, dando una scadenza precisa per la risoluzione dei vari problemi. Se le scadenze non saranno rispettate siamo pronti a continuare con la nostra battaglia. Perché Spezia è la nostra città, ed è nostro compito difenderla".

0 commenti:

Posta un commento