venerdì 30 settembre 2016

Roma: Famiglie sfrattate e militanti di CasaPound occupano la terrazza del Campidoglio

Sgombero Colosseo, domiciliari a Di Stefano e obbligo di firma per altri tre. Iannone (CasaPound), si aggiunge vergogna a vergogna
Roma, 1 ottobre - Domiciliari per il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano e obbligo di firma per gli altri tre militanti del movimento arrestati per aver resistito passivamente allo sgombero di due famiglie italiane con anziani e disabili dallo stabile di via del Colosseo 73 dove vivevano da oltre trent’anni, pagando peraltro un’indennità di occupazione al Comune.
“Si aggiunge vergogna a vergogna – sottolinea il leader di Cpi Gianluca Iannone – Dopo un arresto immotivato e brutale di persone che non avevano fatto alcuna resistenza, si perpetua l’ingiustizia confermando misure che non hanno ragion d’essere. A dimostrare come sono andati i fatti e le menzogne che la polizia municipale ha avuto il coraggio di mettere nero su bianco in un comunicato stampa ci sono le immagini video che invito tutti a guardare. In primis la sindaca Virginia Raggi, diretta responsabile del comportamento dei vigili, che non hanno esitato a malmenare, ammanettare e arrestare perfino un invalido civile come il signor Massimo, uno degli occupanti, genitore di un bambino con disabilità, che non aveva opposto resistenza alcuna e stava difendendo la sua casa”.
“A questo proposito colgo l’occasione per ringraziare quei pochi uomini liberi che hanno avuto il coraggio di schierarsi a viso aperto con CasaPound e le famiglie italiane contro gli abusi di potere e la prepotenza. A cominciare dall'onorevole Massimo Corsaro, che ha annunciato un’interrogazione al ministro Alfano in cui tra l’altro chiede conto del lancio in strada di suppellettili di vario genere da parte dei vigili urbani entrati nello stabile, rimarcando come il successivo comunicato della Polizia di Roma Capitale accusasse gli occupanti di essere i responsabili del gesto”.

Le famiglie cacciate e i militanti di CasaPound occupano la terrazza del Campidoglio: “Non ci muoviamo se Raggi non ci riceve”
Roma, 29 settembre - “Vergogna Campidoglio: dopo aver fatto mettere in mezzo alla strada famiglie italiane con disabili, bambini, anziani, il sindaco Raggi fa arrestare dai vigili urbani chi ha pacificamente tentato di resistere allo sgombero. Se questa è la Roma a Cinque stelle, c’è da rimpiangere Marino”. Così il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone, dopo losgombero di via del Colosseo 73, durante il quale sono stati arrestati 16 militanti di Cpi, tra cui il vicepresidente del movimento ed ex candidato sindaco di Roma Simone Di Stefano e uno degli occupanti, tra l’altro in cattive condizioni di salute. A essere stati cacciati, senza che sia stata loro offerta nessuna sistemazione alternativa, sono una signora anziana, diabetica e con gravi problemi a deambulare, e una famiglia con un bambino affetto da una disabilità. Per lasciare le due piccole case in cui vivevano da oltre trenta anni, avevano chiesto al Campidoglio di trovare loro un'altra sistemazione, anche in un bungalow, purché la famiglia potesse stare insieme. Il Comune meno di un mese fa li aveva convinti a lasciare l'appartamento promettendo una sistemazione in un residence poi risultata falsa e le famiglie sono state costrette a rioccupare. Oggi lo sgombero con la forza pubblica e gli arresti.
“L’arresto Simone Di Stefano e degli altri nostri militanti è un gesto arrogante e intimidatorio nei confronti di chi, in maniera peraltro del tutto pacifica, sta difendendo i diritti calpestati di italiani in difficoltà – sottolinea Iannone - La signora Laura e la famiglia di Massimo sono stati abbandonati da tutti: non un assessore, un consigliere comunale, un funzionario dell’amministrazione hanno speso una parola per loro. Sono stati prima ignorati, poi ingannati, quindi perfino malmenati e arrestati da chi è istituzionalmente preposto a tutelarli. Viene da chiedersi cosa sarebbe successo se al loro posto ci fossero state due famiglie di immigrati”.
“Laura, la famiglia di Massimo e tutti i militanti di CasaPound che li stanno sostenendo nella loro battaglia di giustizia sono ora in Campidoglio. Hanno occupato la terrazza, stanno aspettando che si smetta di parlare di Olimpiadi e si torni a occuparsi dei problemi dei cittadini, quelli veri. La Raggi lo ha detto tante volte, ora non le resta che metterlo in pratica. Quanto a noi, lo abbiamo già dimostrato, per difendere i diritti degli italiani siamo pronti a farci arrestare tutti”

Roma, sgombero Colosseo: CasaPound, notte in carcere per Di Stefano e altri tre
Roma, 29 settembre - Notte in carcere e forse processo per direttissima domattina per Simone Di Stefano, il vicepresidente di CasaPound arrestato questa mattina a Roma mentre resisteva pacificamente all'ingiusto e violento tentativo di sgombero di due famiglie italiane in situazione di grave indigenza e con anziani e disabili da una palazzina di via del Colosseo 73. Con lui potrebbero essere processati altri tre dei militanti arrestati, mentre i restanti 12 sono stati rimessi in libertà.
"Domattina, se ci sarà la direttissima, saremo a piazzale Clodio per chiedere libertà e giustizia per Simone e gli altri, arrestati per aver pacificamente difeso il diritto di due famiglie italiane", afferma il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone, che aggiunge: "Per questa notte abbiamo intanto trovato una sistemazione provvisoria per la signora Laura e la famiglia di Massimo, che il sindaco Raggi, la su giunta e il consiglio comunale hanno lasciato aspettare per ore sotto il Campidoglio senza degnarli di una risposta. Ma non finisce qui. torneremo in Campidoglio a esigere una soluzione anche per loro come ogni giorno la trova per immigrati e rom'".


18 commenti:

  1. fascismo militante30 settembre 2016 15:38

    Senza parole! I fatti si commentano da soli!Eppure non posso tacere la vergogna degli sgomberi coatti in danno di gente perbene.Ma si sa...in Italia si respira aria d'impunità per reati gravi e gravissimi...poi si giustizia il povero Cristo che lotta onestamente per la sopravvivenza.Quando il popolo italiota si renderà conto che anche il Movimento 5 stelle (che presunzione"5stelle")è dentro il sistema?Viva il Duce!

    RispondiElimina
  2. Siamo tutti De Stefano, solidarietà dal Canada ai Camerati imprigionati da questo Sistema Corrotto, che caccia dalle proprie case, delle famiglie italiane, e "regala" alberghi ai clandestini". Al grido di Fori i Camerati dalle galere, e Liberi subito, la mia totale personale e politica solidarietà.

    RispondiElimina
  3. Vive la lutte juste et courageuse de Casapound,vous etes le modèle de l'Europe de demain. Frank France

    RispondiElimina
  4. E pensare che cotanto vergognoso teatrino va in scena quotidianamente in tutta Italia! Questo perchè in uno Stato ormai assistenzialista (grazie ai sindacati ed al partito comunista del passato) i bambini,i disabili e gli anziani rappresentano ormai un peso e una spesa e,in quanto tali,esseri umani da ghetto!Poi,stanno 365 giorni l'anno a commemorare i martiri "loro" della seconda guerra mondiale...è più facile certo ricordare i morti,tanto non parlano e non fiatano! Ma è ai vivi che deve dare risposte questa massa di impotenti cenciaioli...Ah sindacaaaaa!!! Torna a fare l'avvocata,o non eri capace di fare neanche quello!

    RispondiElimina
  5. L'unico difetto di CasaPound è quello di inneggiare al fascismo, appoggiandosi ad un'ideologia che ha fatto il suo tempo, ed è troppo controversa per essere accettata universalmente. Meno ideologie obsolete, meno simboli, e le probabilità di raggiungere obiettivi di rilievo cresceranno drasticamente. Le idee sono legittime, le iniziative sono ottime, lo spirito è forte e giusto. Bravi comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le basi sono quelle,guai a rinnegarle!

      Elimina
    2. Ti suggerisco, caro Barry Lyndon, ma con molta umiltà e senza alcun spirito polemico,di studiare la dottrina fascista.Certo...non è semplice da comprendere.Ma se tu ci perdessi qualche minuto al giorno capiresti perchè Casapound non può essere fuori dal Fascismo.Il Fascismo non è odio,non è intolleranza,non è antisemitismo (ma antisionista sì e,qui,ti invito a distinguere i due concetti con grande onestà intellettuale),non è violenza...anche se questo è l'unico messaggio che i media servi del potere e dell' alta finanza vogliono far passare.Non è un "saluto romano" o una croce celtica a rendere un movimento politico pericoloso e anacrostico ricordalo! Con la falce e martello,il garofano, lo scudo crociato e la bandiera italiana sto Paese è stato ridotto un colabrodo...colpa di un saluto romano? A te l'ardua sentenza

      Elimina
    3. i miei complimenti per questa bellissima e colta illustrazione, bravissima.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. No, niente da rinnegare. Semplicemente, ignorarle, lasciarle fuori. Siamo in un paese malato di tifo da stadio. Se un'idea giusta proviene dalla "destra", la "sinistra" la rinnegherà a priori, e viceversa. Solamente idee e fatti concreti, non ideologie e simboli, possono cambiare le cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. laura cavaliero7 ottobre 2016 13:36

      Se per te,come molti,un simbolo fascista o la stessa dottrina fascista sono un problema per essere credibile,o ti fanno sentire a disagio,beh!va per la tua strada...mio padre era un fascista doc e non aveva paura di definirsi tale.Era un uomo di una onestà impeccabile e moralmente integerrimo.Apprezzato da tutti(a dx e a sx).Aveva fondato un movimento,"partito del lavoro" ,il cui simbolo era una bandiera italiana con il fascio e l aquila .E bene,nessuno ha fiatato!Neanche il ministero dell interno.Mai avuto problemi!Questo x ribadirti che bisogna andare oltre l'apparire e guardare le persone per quello che realmente sono.Comunque,va per la tua strada...troverai il tuo carma!

      Elimina
  7. Ci credo, e personalmente non ho nulla contro fascismo e simbologia fascista. Conosco molto bene la storia, e sono d'accordo con te su quanto hai risposto. L'unico problema, é di natura strettamente pratica: come dicevo sopra, i simboli non possono altro che ostacolare il movimento, che piaccia o meno, nel concreto. Dimmi, é piú importante ostentare un simbolo, o raggiungere gli obiettivi che ci si é prefissati? Riflettici su.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. laura cavaliero13 ottobre 2016 16:48

      Gli obiettivi si possono raggiungere sempre! Vedi...già il fatto che usi il verbo ostentare dimostra che per te resta un problema la nostra storia.Ti invito a reperire il video dello scorso anno sulla commemorazione di Acca Larenzia.Soffermati sulla fine e dimmi se quella è ostentazione! La vita politica va vissuta anche attraverso i simboli...e solo sul passato costruisci chi sei. Io davvero non capisco perchè dovremmo nasconderci...mentre gli altri possono liberamente utilizzare terminologia e simboli che rievocano davvero scenari della storia a dir poco spettrali! Beppe Grillo s'èinventato il "vaffa day" e tutti i salotti televisivi se lo litigavano...noi,che di spettrale e volgare non abbiamo nulla,assolutamente nulla,dobbiamo riflettere!Che ipocrisia!

      Elimina
    2. laura cavaliero13 ottobre 2016 16:56

      Per correggermi...la tastiera non conosce lingua antica "Larentia".Ed il video che invito tutti a vedere è della commemorazione di quest'anno!

      Elimina
  8. Dubito che CasaPound voglia essere un gruppo di rievocazione storica. Mi pare che, invece, si prefigga di migliorare il paese attraverso azioni concrete e reali. Quindi, ho pensato di contribuire, attraverso un piccolo consiglio potenzialmente utile per rendere il tutto un po'piú semplice ed efficace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. laura cavaliero13 ottobre 2016 17:05

      E comunque chiudiamo qui il discorso di simboli o non simboli...tanto io non cambio pensiero.Tu neanche...Alla prossima

      Elimina
  9. Vandalismo cinisello cartello vittime foibe Atto Vandalico
    Vandalizzato con una "falce e martello" il cartello in memoria delle vittime delle Foibe

    http://cinisello-balsamo.milanotoday.it/atto-vandalico-cartello-vittime-foibe.html


    http://cinisello-balsamo.milanotoday.it/atto-vandalico-cartello-vittime-foibe.html

    RispondiElimina