domenica 24 luglio 2016

Gorizia, CasaPound presidia fiume Isonzo contro degrado e prepotenze immigrati

Gorizia, CasaPound presidia fiume Isonzo contro degrado e prepotenze immigrati

“Inammissibile che famiglie italiane siano insultate e allontanate dai sedicenti profughi accampati qui”

Gorizia, 24 luglio –  CasaPound "presidia" le aree verdi del fiume Isonzo, per denunciare il degrado e rendere note ai cittadini le vicende che sono accadute nell’ultimo mese a causa di profughi afghani e pakistani.
“Disturbo della quiete e inquinamento sono solo due dei tanti motivi che ci spingono ad essere presenti oggi qui - spiega Daniele Vecellio responsabile di CasaPound Italia Gorizia - Quella di Cpi Gorizia è una iniziativa che vuole coinvolgere anche la popolazione di Gradisca e non solo, per dire basta a questa situazione penosa a discapito della sicurezza dei nostri cittadini e della natura sulle sponde dell’Isonzo”. 
“Non è ammissibile che delle famiglie che vogliono passare una giornata in relax vengano mandate via con insulti da questi sedicenti profughi – continua il responsabile Vecellio - né tanto meno che i parchi vengano inquinati da immondizia. Dobbiamo dire stop a questa vergogna, e oggi siamo qui per questo”.




3 commenti:

  1. Gloria a chi ricorda il vero volto dell'Italia !!

    Quando sarà il momento il presidio a vita lo faremo ai partecipandi del "partito della salamella" ora rimasti solo con il "della" :)
    e vi assicuro che sarà un presidio molto efficiente !!!

    RispondiElimina
  2. Profughi e zingari anche in mezzo alla naturaliste. ....Côme si sta'riducendo l'Italia!

    RispondiElimina