venerdì 29 luglio 2016

A Bologna la provocazione di CasaPound, scheletri vicino all'Acer e al Comune: “Aspettavano la casa popolare"

A Bologna la provocazione di CasaPound, scheletri vicino all'Acer e al Comune: “Aspettavano la casa popolare"
Bologna, 29 luglio - Uno scheletro e accanto la scritta: "Aspettava la risposta dall'Acer per avere una casa”, "Aspettava di poter tornare nel suo alloggio popolare occupato da abusivi”, "Aspettava che ristrutturassero la casa popolare inagibile”. Autori della provocazione i militanti di CasaPound Italia che hanno attaccato decine di manifesti vicino alla sede dell'Acer e del Comune di Bologna.
"Abbiamo voluto rappresentare la disperazione di tutti gli italiani che hanno a che fare col Comune e con l'Acer nel delicato problema dell'emergenza abitativa - spiega in una nota Cpi Bologna - L’Acer, ente al quale il comune di Bologna ha affidato la gestione dell'edilizia pubblica residenziale, ha provocato, direttamente o indirettamente, troppe difficoltà ai cittadini: impossibilità di ricevere risposte via Pec per l'assegnazione degli alloggi popolari, motivo per il quale in tanti hanno perso diritto ad avere una casa, occupazione abusiva di case popolari assegnate, ritardi nella manutenzione degli alloggi, solo per citarne alcuni”.
"Siamo convinti - conclude la nota - che questa giunta, col riconfermato sindaco Merola, debba per prima cosa pensare ai suoi cittadini in emergenza abitativa. Le sistemazioni da poco annunciate per i rom del campo di via Erbosa devono necessariamente aspettare. La precedenza, in primo luogo per la casa, deve essere data agli italiani”.

2 commenti:

  1. Ad esempio in questo video, le baracche provvisorie dei terremotati del 1908; attendono la casa popolare... Nel Canavese i finti profughi, giovani e ben vestiti, stanno in villa da straricchi a farsi i 'selfi'.

    https://www.youtube.com/watch?v=O15PrdMatC4

    RispondiElimina