domenica 19 giugno 2016

Sassari, CasaPound contro il degrado nella zona della Meridiana: pulizia e raccolta firme

Sassari, CasaPound contro il degrado nella zona della Meridiana: pulizia e raccolta firme

Le case comunali e le zone adiacenti all’area di piazza della Meridiana, nel quartiere di Monte Rosello a Sassari, sono in un grave e totale stato di abbandono. La denuncia arriva da CasaPound Sassari, che coi suoi militanti oggi ha pulito simbolicamente il giardino adiacente a via Nulvi, oltre ad aver avviato una raccolta firme per sensibilizzare la Giunta comunale sul degrado di questa area della città: si può firmare nella sezione di CPI (via Mores 6) mercoledì, venerdì e sabato dalle 17 alle 20.

“Si tratta di un’intera area abbandonata al suo destino in una delle zone più povere della città, quasi si fossero identificati cittadini di serie A e di serie B – ha scritto in una nota CasaPound Italia – Di fronte a palazzi popolari degradati nei quali infiltrazioni e facciate fatiscenti attendono da anni interventi di ristrutturazione da parte del Comune e in cui numerose famiglie sono costrette a vivere in locali commerciali occupati a causa della cronica carenza di alloggi popolari”.

“Come se non bastasse, ormai da anni l’intera pavimentazione della piazza risulta danneggiata, priva di panchine e con le fontanelle divelte, mentre la struttura che sorreggeva la Meridiana risulta costantemente sporca e priva di manutenzione. A questo va aggiunta l’assurda situazione della pineta adiacente alle palazzine in cui il cortile dell’asilo nido risulta costantemente assediato da rifiuti di ogni genere, come bottiglie e siringhe “.

“È ora – conclude la nota – che la giunta Sanna smetta di riempirsi la bocca con inutili interventi come la pista ciclabile, e si rimbocchi invece le maniche per attuare interventi concreti a sostegno delle aree della città più degradate. Chiediamo che venga immediatamente predisposto un piano di riqualificazione dell’intera area, per restituire dignità a migliaia di cittadini abbandonati da anni”.



0 commenti:

Posta un commento