Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

mercoledì 23 dicembre 2015

Ferrara: CasaPound consegna materiale scolastico agli asili comunali

Ferrara: CasaPound consegna materiale scolastico agli asili comunali

Ferrara, 23 dicembre- A chiusura dell' iniziativa 'Regala un Sorriso' questa mattina un gruppo di militanti di Casa Pound Italia si è recato presso diversi asili comunali di Ferrara per la consegna del materiale raccolto.
"Abbiamo riempito circa 9 scatoloni - si precisa in una nota - ricchi di ogni bene utile per rendere più piacevoli le attività nelle scuole materne locali: penne, matite, pennarelli, carta per disegnare, libri da colorare, libri illustrati, giocattoli, sapone, carta igienica, fazzoletti da naso sono stati consegnati a tre asili comunali differenti "
"Questa iniziativa solidale è stata un successo - continua la nota - favorito certamente dal periodo natalizio ma soprattutto dalla generosità dei cittadini e dalla conoscenza da parte delle famiglie delle condizioni economiche in cui versano gli istituti comunali: i tagli infatti rendono sempre più difficile l' acquisto di materiale e gli asili sono quindi in difficoltà"
"Un ringraziamento particolare va sicuramente a tutti coloro che hanno partecipato - conclude la nota - ma questa è solo la prima di una serie di iniziative, col nuovo anno infatti partirà anche a Ferrara la raccolta e la distribuzione dei generi alimentari per le famiglie italiane in difficoltà"







sabato 19 dicembre 2015

Cremona: CasaPound in piazza ‘regala’ sacchi di carbone alla giunta comunale, distribuisce pasta agli italiani in difficoltà e raccoglie fondi per l’emergenza Siria

Cremona: CasaPound in piazza ‘regala’ sacchi di carbone alla giunta comunale, distribuisce pasta agli italiani in difficoltà e raccoglie fondi per l’emergenza Siria

Cremona, 19 Dicembre 2015 – Sacchi di carbone e uno striscione che dice: “Giunta bidone per Natale solo carbone”. È il “regalo” per il sindaco Galimberti e la sua giunta, che CasaPound Italia Cremona ha lasciato oggi a Palazzo Ala Ponzone, in corso Vittorio Emanuele II. Un’azione simbolica per protestare contro le politiche della giunta comunale, che il movimento ha realizzato anche nei confronti delle amministrazioni di altre città della Lombardia, da Milano a Brescia, da Pavia a Bergamo. 

«Ogni sacco – spiega Cpi Cremona – rappresenta simbolicamente uno dei maggiori problemi della città, primo fra tutti quello dei rifiuti. Non a caso sullo striscione c’è scritto “giunta bidone”. Abbiamo la raccolta differenziata più costosa e meno funzionale per i cittadini e per il Comune e fronteggiamo una ‘irrisolvibile’ questione inceneritore come dimostrato nel consiglio comunale di ieri sera. Inoltre – prosegue Cpi – assistiamo a un ingiustificabile stallo nel comparto viabilità, dove la scusa che tutti i lavori erano commissionati della precedente giunta non può reggere più e non  spiega i ‘buchi’ economici, la mancata supervisione e gli sprechi per l’arredo urbano estivo». 

«Su un altro sacco – sottolinea ancora Cpi – abbiamo ricordato la voce ‘aziende partecipate’: ormai il Comune sta svendendo tutto con il risultato, oltre che della privatizzazione del bene pubblico, di un incremento dei costi. L’ultimo sacco è dedicato alla pessima gestione della questione immigrazione, con il contributo dell’ex prefetto e della Caritas. Una situazione in cui la giunta ha deciso di investire i soldi del bonus regionale per il sussidio alle famiglie bisognose, per lo più cittadini italiani ormai sempre più bistrattati, direttamente nell’accoglienza dei ‘rifugiati’, forse per fare quadrare i bilanci».

«Abbiamo invece sorvolato sulle voci ‘centri sociali’ (sfratto promesso e mai eseguito) e ‘24 gennaio’ (devastazione di Cremona con la complicità di ‘qualche istituzione’) perché questo – conclude Cpi - la città se lo ricorda fin troppo bene e se lo ricorderà ancora per un bel po’ di tempo».

Oltre all’azione di protesta contro l’amministrazione Comunale, però, CasaPound Italia Cremona oggi ha anche tenuto un presidio in piazza Garibaldi, dove sono stati distribuiti pacchi di pasta agli italiani in difficoltà ed è stata fatta una vendita di torroni a sostegno della Onlus Sol.Id per raccogliere fondi per l’emergenza Siria.




venerdì 18 dicembre 2015

Pescara, “Nemica Banca” di Casa Pound scopre le cartelle prescritte, ridotto il pignoramento della Soget


Pescara, “Nemica Banca” di Casa Pound scopre le cartelle prescritte, ridotto il pignoramento della Soget

‘Nemica Banca’, il servizio gratuito gestito da Casa Pound per assistenza al cittadino nei confronti di banche ed istituti di recupero di credito, frena il pignoramento dei beni di un pescarese da parte della Soget.

Con una sentenza del 18 novembre, emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Pescara, si è riuscito ad ottenere una rideterminazione di un pignoramento crediti verso terzi emesso dalla società di riscossione dei crediti operante a Pescara, nei confronti del contribuente I. M..

“Inizialmente la Soget S.p.A. aveva richiesto la somma complessiva di 15.240 euro – afferma in una nota CasaPound Pescara – nell’asserita origine di sussistenza di debiti a titolo di bolli auto, canoni acqua, rette scolastiche, fitti, Tarsu e sanzioni amministrative. Il nostro intervento è consistito nel dedurre l’inefficacia del provvedimento in quanto vi era intervenuta la prescrizione per diverse cartelle dall’ammontare totale di euro 5.712,56 euro . A questo punto la CTP di Pescara ha riconosciuto come fondato il ricorso e lo ha accolto nei limiti indicati nello stesso, rideterminando il debito a 9.527,44″.

“Questa è solo l’ultima di una lunga serie di vittorie conseguite da ‘Nemica Banca’ nei suoi due anni di attività a servizio dei cittadini”, commenta ancora Casa Pound, “ed ora più che mai , guardando agli scandali che colpiscono il sistema-banche, invitiamo gli abruzzesi a contattarci. Chiamando il numero 3387005845, verrete assistiti da esperti che procederanno alla verifica della legittimità dei tassi di interesse richiesti dagli istituti di credito”.


mercoledì 16 dicembre 2015

CasaPound Italia, regali di natale per i bambini dell’ospedale di Terni

CasaPound Italia, regali di natale per i bambini dell’ospedale di Terni

Terni, 16 dic - Anche quest'anno, rinnovando una consuetudine che va avanti da 5 anni, CasaPound Italia Terni regala un sorriso a chi più ne ha bisogno per il periodo natalizio. "Grazie ai regali donati da iscritti e simpatizzanti, anche quest'anno abbiamo donato oltre 40 pacchi di giocattoli ai bambini del reparto di pediatria dell'Ospedale ‘S. Maria’ di Terni regalando un sorriso a chi è meno fortunato", afferma il responsabile del movimento, Piergiorgio Bonomi. Che aggiunge: “Anche dopo Natale, l'opera di solidarietà sociale di CasaPound Italia non si fermerà e come nostra abitudine continueremo con la raccolta di vestiti ed il banco alimentare per le famiglie in difficoltà economica. Ricordiamo a chi volesse donare o contribuire che siamo in via Federico Cesi 22, aperti il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 18 alle 20 , il mercoledì dalle 21.30 alle 23”.


Roma, sgombero Valle Porcina: prosegue presidio famiglie davanti al residence, CasaPound in strada con i residenti

Roma, sgombero Valle Porcina: prosegue presidio famiglie davanti al residence, CasaPound in strada con i residenti

Roma, 16 Dicembre - Prosegue il presidio delle famiglie del CAAT di via Valle Porcina ad Acilia nel X Municipio di Roma, dove giorni fa sono iniziati degli sgomberi forzati e senza preavviso in previsione della chiusura della struttura. All'alba di questa mattina decine di famiglie hanno bloccato la via di accesso al residence per impedire eventuali sgomberi. In strada con i residenti numerosi militanti di CasaPound Italia che da giorni si stanno mobilitando al fianco delle famiglie. "Ieri abbiamo accompagnato i residenti - spiega CasaPound litorale romano in una nota - presso le istituzioni, dal municipio al Dipartimento delle Politiche Abitative, ma non ci sono margini di dialogo. Siamo stati rimpallati da una parte all'altra e nessuno ci ha saputo dare spiegazioni. Chiediamo innanzitutto una proroga degli sgomberi considerato che con il freddo alle porte famiglie italiane con bambini, anziani ed invalidi non saprebbero dove andare. Le famiglie si sono rese disponibili a pagare un affitto in base al reddito e le utenze al Comune al quale chiedono di rilevare lo stabile per consentire ai bambini di poter continuare la scuola. Non vorremmo che dietro la chiusura del centro ci fosse l'intenzione di realizzare l'ennesimo centro profughi ed anche per questo continueremo il presidio con i residenti - conclude la nota di CasaPound - anche nei prossimi giorni".

martedì 15 dicembre 2015

Salvabanche: cravatte annodate come cappi davanti alle filiali di tutta Italia, azione choc di CasaPound

Salvabanche: cravatte annodate come cappi davanti alle filiali di tutta Italia, azione choc di CasaPound

Roma, 15 dicembre - “La tua amica banca ti ha tradito”. Uno striscione e una cravatta annodata a simboleggiare “il cappio messo al collo dei risparmiatori dagli usurai in doppiopetto” sono comparsi nella notte davanti alle filiali di tutta Italia degli istituti di credito sottratti al fallimento dal ‘Salvabanche’, ma anche di Mps, Antonveneta e Veneto Banca. A rivendicare l’azione choc è CasaPound Italia.“Basta bruciare i risparmi degli italiani in finanza tossica – sottolinea Cpi – Il caso di Banca Etruria e affini ha dimostrato nella maniera più tragica il fallimento del sistema, completamente liberalizzato, che avrebbe dovuto risollevare le sorti dell’economia nostrana e che invece ha portato solo a danni e truffe. E i truffati, neanche a dirlo, sono i più deboli: non i grossi imprenditori in foulard, non gli speculatori o i mafiosi, ma famiglie qualunque che, credendo ancora nell’Italia, nelle sue banche e nelle sue imprese, hanno consegnato i risparmi di una vita nelle mani della Banda Bassotti. Famiglie che il governo ha cinicamente scelto di abbandonare a loro stesse, salvo poi, di fronte alla tragedia di Civitavecchia, avere un ripensamento in corner e varare quell’intervento ‘solidale’ quando non ha proprio potuto più farne a meno”. “Ma non è della ‘solidarietà’ o delle elemosina di un governo sceso in campo solo per salvare gli usurai che ha bisogno l’Italia. Rimettiamo il sistema bancario sotto il controllo dello Stato – conclude CasaPound Italia - Economia reale SI, obbligazioni e derivati NO”. 

(foto in aggiornamento)


Milano

Macerata

Spezia

Genova

Foggia

Siena

Fano (PU)

Alba Adriatica (TE)

Vasto (CH)

Isernia

Pescara

Padova

Pesaro

Bassano del Grappa (VI)

Bolzano

Montebelluna (TV)

Sansepolcro (AR)

Trento

Prato

Lamezia

Lucca

San Benedetto del Tronto

Città di Castello (PG)

Udine

Barletta

Latina

Forlì

Aosta

Brescia

Varese

Brindisi

Chieti

Verona

Lecce

Cortona (AR)

Gorizia

Pavia

Napoli

Bergamo

Terni

Ferrara

Aprilia (LT)

Formia (LT)

Frascati (RM)

Frosinone

Guidonia (RM)


Nettuno (RM)

Palestrina (RM)

Pomezia (RM)

Rieti

Roma Talenti

Roma Nord

Roma - Piazza dei Condottieri

Roma - Piazza Caduti della Montagnola

Roma Trieste Salario

Roma - Via Oderisi da Gubbio

Roma - Via Rieti

Roma - Via Torrevecchia

Roma - Via Uffici del Vicario

Roma - Viale Giulio Agricola

Roma - Viale Ippocrate

Roma - Viale Manzoni

Tivoli (RM) - Via Tiburtina

Tivoli (RM) - Viale Trieste

Bari

Arezzo

Foligno (PG)

Martellago (VE)

Spoleto (PG)

Cremona

Fermo

Portogruaro (VE)

Scandicci (FI)

Bologna

Perugia

Francavilla Fontana (BR)

Ostia (RM)

Pordenone

Trieste