martedì 29 settembre 2015

Catalogna, Iannone (CasaPound): "España una, grande, libre. Dalle crisi ci si salva tutti insieme"

Catalogna, Iannone (CasaPound): "España una, grande, libre. Dalle crisi ci si salva tutti insieme"
Roma, 29 set - “La tentazione indipendentista che riecheggia oggi in Catalogna rischia di indebolire ulteriormente la sovranità e la forza dei popoli europei, andando a incrementare spinte centrifughe di natura molto più economica che identitaria”. Lo afferma, in una nota, il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, che aggiunge: “La nostra visione della politica e della nazione postula che dai momenti di crisi si esce tutti insieme. Le tradizioni locali e regionali sono certamente importanti, così come è giusto pensare a quote di autonomia che ne tengano conto, ma non è certo un miraggio di autosufficienza egoistica che potrà salvare le identità. Gli Stati europei – è il caso della Spagna, ma anche dell'Italia – hanno molti difetti, ma restano al momento l'unico presidio di sovranità in un mondo che vede il sovranismo come fumo negli occhi. Indebolirli per creare solo degli stati più piccoli e più insignificanti per mere ragioni fiscali e tributarie (perché di questo si tratta) significa fare il gioco dei nemici dei popoli tutti: dei catalani e degli altri spagnoli, così come degli italiani di tutte le regioni”.

2 commenti:

  1. Como miembro de España2000 te doy las gracias por este comunicado tan importante para la Nación Española. GRACIAS

    RispondiElimina
  2. Buongiorno Iannone. Il popolo della Catalogna, un popolo europeo in carne ed ossa, non un’entità fittizia o un’astrazione ideologica, è sceso in piazza per chiedere pacificamente la propria indipendenza. Un’area politica che si fregia, da anni, di parole d’ordine come “identitarismo” e di slogan quali “Sì all’Europa dei popoli, no all’Europa delle banche”, richiamandosi ad Alain De Benoist, dovrebbe mostrare maggiore rispetto nei confronti del popolo catalano, anziché tacciarlo di micragnosità ed egoismo. Tutto questo mentre il commissario Ue all’Economia (quella stessa UE additata come responsabile di gran parte dei nostri mali), Pierre Moscovici dichiara: «Una nuova repubblica sarebbe fuori dall’Unione europea. Conosciamo un solo membro: la Spagna» e le tanto esecrate banche si accingono, approfittando di un decreto emesso ad hoc dal governo Raioy, a boicottare l’iniziativa indipendentista catalana trasferendo la propria sede legale dalla Catalogna alle Baleari. Pietro Ferrari

    RispondiElimina