domenica 14 giugno 2015

42 commenti:

  1. Siamo al
    REDDE RATIONEM

    RispondiElimina
  2. http://m.leccesette.it/dettaglio.asp?id_dett=27656&id_rub=89


    Grande Fratello, protesta di CasaPound contro i provini: “La casa non è un gioco”.


    domenica 14 giugno 2015

    In occasione della tappa vegliese delle selezioni per la nuova edizione del reality show, CasaPound Italia espone striscioni contro la manifestazione e rilancia il tema dell’emergenza abitativa e della legge sul “Mutuo sociale”.
    “La casa non è un gioco, Mutuo Sociale subito!”: è questo il testo dello striscione affisso da CasaPound Italia in occasione della tappa vegliese delle selezioni per la nuova edizione del reality-show “Grande Fratello”. Un modo per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’emergenza abitativa e promuovere la proposta di legge del “Mutuo sociale”, che consentirebbe di soddisfare il diritto di ciascun cittadino italiano ad essere proprietario di una casa.
    “L’esigenza di questa azione dimostrativa – spiega il referente locale Fiorenzo Patera - nasce dalla nostra volontà di protesta nei confronti di un programma televisivo che con i suoi teatrini distrae intere generazioni dall’incalzante problema dell’emergenza abitativa”.
    “La casa – prosegue - è una cosa seria non certo un gioco: questo grottesco reality show, oltre a diffondere nell’immaginario collettivo fatui sogni di facili carrierismi scevri da qualsiasi talento, regala vitto e alloggio ai partecipanti mentre migliaia di famiglie italiane stanno lottando contro ingiunzioni di sfratto, alloggi popolari insufficienti e mutui capestro”.
    “Sono anni che portiamo avanti la proposta del Mutuo Sociale per risolvere la piaga della emergenza abitativa.
    Il progetto – evidenzia il referente di Cpi - prevede la creazione di un ente regionale che costruisca case e quartieri a misura d’uomo con soldi pubblici e che venda, a prezzo di costo, queste case a famiglie italiane senza alloggio con la formula del mutuo sociale: ovvero una rata di mutuo senza interesse, una rata che non superi 1/5 delle entrate della famiglia, una rata che viene bloccata in caso di disoccupazione, una rata che non passa attraverso le banche”.
    Per Patera, infine, è riprovevole “alimentare questo teatrino televisivo, elogio della superficialità, in un paese che, oltre all'emergenza abitativa, si trova da oltre un mese a combattere contro l'eradicazione degli ulivi”: “I cittadini vegliesi – conclude - lottano per battaglie concrete e questa manifestazione è un'offesa nei loro confronti”.

    RispondiElimina
  3. http://m.milanotoday.it/cronaca/manifestazione-casapound-piazza-scala-14-giugno-2015.html


    Casapound, manifestazione anti-immigrati davanti a Palazzo Marino.


    La manifestazione si è svolta nel pomeriggio di domenica 14 giugno.

    15 giugno 2015


    Nel pomeriggio di domenica 14 giugno davanti a Palazzo Marino si è tenuta una manifestazione-provocazione di Casapound. Gli attivisti di estrema destra hanno contestato l’operato del ministro dell’interno Angelino Alfano e del sindaco di Milano Giuliano Pisapia sul tema accoglienza profughi. «Con Pisapia e Alfano, 500 casi di scabbia a Milano», si leggeva su uno striscione.
    La manifestazione è stata sorveglia dalle forze dell’ordine che hanno tenuto a distanza anche diversi antagonisti sfasciavetrine che si erano radunati in galleria Vittorio Emanuele.

    RispondiElimina
  4. Cacciate via quei bastardi della giunta comunale che sono nemico traditori della Patria identitaria...
    Grazie x l'impegno vostro di Cpi.

    RispondiElimina
  5. Se si applicassero veramente le richieste di CasaPound questi clandestini qua in Italia non ci sarebbero proprio, perché semplicemente non ci sarebbero mai potuti arrivare. Adesso sono qui, senza riconoscimento alcuno (sono loro che si rifiutano di farsi riconoscere) e i francesi fanno benissimo a rifiutarli, cosa che dovremmo fare anche noi, perché non hanno alcun titolo per essere qui, a parte la dabbenaggine dei nostri governanti, a partire proprio da alfano e dal suo diretto superiore fiorentino boyscout.
    E' che le autorità francesi (che sicuramente non amo) proteggono il popolo francese mentre quelle italiane sono contro gli italiani. Punto.

    RispondiElimina
  6. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/15/le-spose-bambine-ditalia/1140641/





    Commenti

    jeanlage
    Perché scandalizzarsi? E' il multiculturalismo! Lo stesso in base al quale il clandestino pregiudicato nigeriano mette la mano fra le cosce della ragazzina nell'autobus di Bologna e si scandalizza perché uno che non ha diritti di proprietà (marito, padre fratello) sulla malcapitata si impicci di affari non suoi. E' questo il modello che il nostro staterello e la nostra scuola sta diffondendo. Chi sa come si troverà la sposa bambina, dopo aver frequentato congrui corsi di teoria del gender, a vivere nell'harem di un capraio, come terza o quarta moglie.


    MarcoG69
    Il problema principale e` che la maggior parte delle persone che arrivano qui e mettono "radici", non vogliono minimamente integrarsi. Pensano e pretendono che il nostro modo di vivere debba essere cambiato. Grazie alla sinistra ed a certi individuii al governo,ci stanno colonizzando. Saremo ospiti a casa nostra. Se il posto da dove vengono e` cosi` perfetto, perche` non tornate li`? Ovviamente dispiace tantissimo per queste povere ragazze (non solo quelle nate e cresciute in Italia, ma per tutte le vittime di questa mentalita` ottusa e vergognosa).


    al59ma63
    Schiave a 10 anni, se i giornalisti d' ITALIA fossero meno feccia si occuperebbero di questo gravissimo fatto che in iTALIA si chiama VIOLENZA SU MINORE ed e' perseguito per legge.

    RispondiElimina
  7. http://www.iltempo.it/roma-capitale/2015/06/15/nel-2015-l-accoglienza-ci-costera-1-miliardo-di-euro-1.1426388



    E IO PAGO. ...COSÌ DICE IL POPOLO ITALIANO

    RispondiElimina


  8. http://www.milanopost.info/2015/06/15/la-prima-volta-delle-ragazze-di-casapound-davanti-a-palazzo-marino/

    15 giugno 2015

    La prima volta delle ragazze di Casapound davanti a palazzo Marino.

    Milano 15 Giugno – Alla fine di un burrascoso temporale domenicale le ragazze di Casapound ce l’hanno fatta e sotto le finestre di palazzo Marino proprio sotto l’ ufficio dell’allibito Pisapia e company hanno improvvisato inviperiti cori(siamo noi sulle spalle dell’ Italia siamo noi, difendiamo la nazione non vogliamo immigrazione) e srotolato duri striscioni con zero bon ton buonista ( con Pisapia e Alfano 500 caso di scabbia a Milano).
    Il popolo dell’expo passa fotografando in piazza della scala e immortala una settantina di ragazze in maglietta nera( con il logo tricolore al posto di un famoso cocodrillino e un colletto nero col risvolto tricolore, idea che farà impazzire la maison Aspesi. Angela de Rosa, megafono in mano, arringa la disciplinatissima falange di amazzoni schierata sotto le finestre del sindaco fantasma.” Avevamo chiesto al prefetto il permesso per fare questa manifestazione in centrale ma ce’ l’ha negato ma a noi interessa urlare tutto il nostro sdegno contro il palazzo che lascia come bestie i migranti in mezzo alla strada.
    ” Soluzione? Chiediamo. “Blocco navale davanti alle coste libiche e intervento del nostro esercito contro gli scafisti. Ma se pensiamo che in Francia con Sarkozy c’ era addirittura un ministro per l’ identità culturale francese e qui da noi abbiamo la Boldrini..” Angela e le militanti di Casapound continuano fotografatissime ( e’ assente la stampa zerbino del Corriere della Sera) : hanno due affollatissime sedi a Milano, fanno azioni di volontariato in favore degli anziani e dei senza casa e raccolta di cibo e medicinali per il regime di Assad in Siria.
    Casapound e’ ormai popolare e seguitissima nei licei milanesi dove ha scalzato i centri sociali . Il look dei ragazzi si ispira ai guerrieri greci alle Termopili ( vedi il film 300) e detta moda a Milano .barba curata, tatuaggio all’ avambraccio , fisico tonico, maglietta nera con la tartarughina .” Ci sono molti giovani tra noi – spiega Angela , un passato nel fronte della gioventù” perché noi abbiamo dei valori , crediamo della nazione e difendiamo gli interessi del popolo italiano . Questa Europa, quella dei banchieri, non ci rappresenta.
    Siamo alleati con la lega e cerchiamo un rapporto più stretto con tutto il centro destra, come a Roma.” Le ragazze ostentano slogan e sentenze sul retro delle loro magliette: assalta il futuro, ciò’ che e’ scritto con sangue degli eroi non si cancella con la saliva di Pisapia. Un migliaio di giovani che sembrano felici di avere conquistato l’ agibilità politica a Milano.
    Uno sparuto gruppo proveniente dai centri sociali, guarda allarmato il fumo colorato dei fumogeni lanciati da Casapound e forse intuisce che il suo regno e’ messo in discussione dalle tante ragazze in t shirt nera con la tartarughina. Ragazze che, come Angela, hanno osato per la prima volta dimostrare sotto le finestre di Palazzo Marino e davanti al popolo dell’ expo che continua a fotografarle e chiede in giapponese maccheronico : 500 casi di scabbia? Cos’è’ ? Food ? Una nuova griffe pret a porter?

    RispondiElimina
  9. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/16/immigrati-piano-del-viminale-arriva-il-lasciapassare-a-tempo/1141051/

    16 giugno 2015






    Commento:

    Una domanda ai sinistrati: ricordate quando la sinistra vi diceva che era nostro dovere accogliere i clandestini perchè l'Europa ce lo impone e se non lo facciamo ci bacchetta? Ora sta cadendo anche questa bugia. Come può l'Europa bachettarci se gli altri Paesi dell'UE respingono regolarmente i clandestini? Qualche irriducibile dirà perchè c'è un trattato che ce lo impone. Bene, venga allora allo scoperto quell'idiota che l'ha firmato. Firmare un accordo che dice che tutti i Paesi devono correre in aiuto dei migranti, per poi portarli solamente in Italia non è demenziale? Ecco chi è che voi ingenui di sinistra avete votato.
    Una idea insensata, un grave errore, che causerà difficoltà nei negoziati con la UE. Ma ormai sappiamo che Alfano, Renzi, Boldrini &company cose giuste ne fanno poche e niente.
    Un lasciapassare valido tre mesi. Una specie di disco orario del parcheggio; potremmo chiamarlo immigrometro. Poi, scaduti i tre mesi? Sicuramente nessuno sarà rinviato al paese d'origine. Ci saranno proroghe, motivi fra i più cervellotici, irreperibilità(ma solo perchè nessuno li cercherà veramente) e così tutto rimarrà sulle nostre spalle in attesa che il Biskero tiri fuori un altro suo piano strategico e misterioso: IL PIANO C.
    vogliono fare le cose che non possono fare; si puo essere più coglioni di così!
    E lampante la stupidità ed incompetenza di questo governo e di chi li sostiene. I paesi europei hanno pienamente diritto di rifiutare i clandestini non profughi!! Nessuno ha detto di andare a prenderli a casa loro e se non hanno documenti di identificazione e di rispedirli immediatamente indietro. Questo fa un paese serio. Ma i nostri si guardano bene dal fare quello che e giusto e legale sono più importanti i profitti da questo business. Grandi colpe lo ha pure il vaticano che insieme a questi governanti stanno portando il paese alla rovina.
    Documento temporaneo valido per tre mesi!?!? Un'idea sorprendente ed a prima vista tale da far presumere un'incapacità politica e giuridica significante, quindi una deficienza politica preoccupante per noi e probabilmente esilarante per francesi&Co.
    Farlo IMMEDIATAMENTE invece di perdere tempo a studiarlo no??? Visto le reazione della UE non vedo altra soluzione che non possa contrastare il FINTO E FALSO BUONISMO DELLA POLITICA e di certi elementi che vivono comodamente seduti a casa ma pronti ad attaccare tutti di RAZZISMO o fascismo. Sbrigatevi e SALVATE LA FACCIA se ne è rimasta!

    RispondiElimina
  10. http://m.perugiatoday.it/cronaca/casapound-su-ostello-spagnoli-comune-e-istituzioni-facciano-chiarezza-2472570.html



    Casapound sull'Ostello: "Dubbi sulla versione diffusa da Comune, Arci e dal loro sito..."

    "Abbiamo testimonianza diretta che la lite si è protratta per molto ed è stata anche plateale". Per Casapound la vicenda puzza di bruciato.

    16 giugno 2015

    "Dopo la travagliata giornata di domenica scorsa che ha visto prima circolare la notizia di una rivolta dei presunti rifugiati per il cibo scadente e i vestiti non firmati e ha successivamente richiesto anche l'intervento di volanti prima smentita e infine ridimensionata in una banale lite tra due extracomunitari da un sito di notizie che fa riferimento all'Arci e dall'assessore comunale Edi Cicchi molto vicina alle cooperative cattoliche, pretendiamo di conoscere la verità su quanto accaduto all'Ostello Spagnoli.

    Ad affermarlo in una nota è Antonio Aibecco, responsabile di CasaPound Perugia. "Abbiamo qualche dubbio riguardo alla versione dei fatti diffusa - prosegue Ribecco - visto che l'accoglienza dei rifugiati e' gestita da Arci Solidarieta' e tutta questa solerzia da parte di un sito collegato a quell'associazione nel ridimensionare l'accaduto ci fa pensare ad un malcelato conflitto di interessi. Di certo abbiamo testimonianza diretta che la lite si è protratta per molto ed è stata anche plateale."
    "Pochi giorni fa - continua il responsabile di CasaPound - eravamo li a manifestare contro il business, confermato dalle vicende di mafia capitale, che si cela dietro l'accoglienza. Chiediamo al sindaco e ai suoi consiglieri, compreso il rappresentante della Lega Nord, un deciso cambio di passo in tema di rifugiati, e che vengano chieste immediatamente spiegazioni alla prefettura e alle cooperative che gestiscono le strutture in merito all'accaduto". "Certamente noi - conclude Ribecco- saremo li a manifestare a breve per chiedere l'immediata chiusura dei centri di accoglienza a Perugia".

    RispondiElimina
  11. La grossa bugia dei falsi buonisti e falsi solidali è che gli immigrati non vogliono fermarsi in Italia, ma utilizzare il nostro Paese come ponte. Se davvero le cose stanno così, l'Italia si limiterebbe a prendere la sua parte di 35€ al giorno nella "fase scafista 2", lasciando poi la patata bollente agli altri stati UE che dovrebbero subire in silenzio. Forse questo il motivo per cui non è ancora stata adottata dal Governo italiano una politica seria di contenimento delle partenze, e continuano ad essere ripetutamente arrestati gli stessi scafisti: segno che poi, in tempi brevi, vengono rimessi nelle condizioni di poter svolgere il loro losco lavoro.
    Riassunto... ogni stato d'Europa pensa in primis ai cavolacci propri. L'Italia, unica nazione di senza bretelle, sacrifica i propri interessi per favorire quelli degli altri... E i nostri s-governanti, tornano in Patria felici, gioiosi ed esultanti, per averlo preso nel didietro, e per aver condannato a morte il loro popolo. Nemmeno nelle più nere previsioni avrei immaginato una catastrofe del genere.
    Gente, leggete il Trattato di Dublino prima di chiosare: questo riguarda I SOLI RICHIEDENTI ASILO POLITICO, e la Francia, sacrosantamente, pretende che ad entrare nel suo territorio siano solo questi e non altri. La colpa dei "cugini" è di aver fatto cadere Gheddafi, e la colpa del PD è di aver anteposto la lotta politica meschina nostrana ("abbattiamo Berlusconi") agli interessi del Paese, avallando quella mossa che definire miope è riduttivo...I nostri governanti hanno procurato ai loro sudditi Disastro irreversibile che continueremo a scontare per anni. E per impietosirci affermano che è gente che scappa dalla fame, che scappa dalla guerra, ma il motivo è uno solo: mantenere i loro lauti stipendi, i loro benefit, la loro poltrona. Che siano maledetti in eterno!!!
    Diciamo che con Renzi e Alfano hanno buon gioco, mai vista una coppia simile di mezze calzette. Credo che bisognerà adeguarsi alla novità, due emeriti cialtroni catapultati all'improvviso nei posti di comando, quando nella società civile potrebbero solo andare a pulire i cessi.

    RispondiElimina
  12. L'emergenza migranti occupa le prime pagine dei giornali e l'agenda dei politici. Alla stazione Tiburtina di Roma e alla stazione Centrale di Milano tantissimi migranti sono costretti a dormire per terra, con solo dei cartoni per coprirsi. A centinaia sono bloccati a Ventimiglia, al confine con la Francia, perché la gendarmeria francese non li lascia passare. Ormai da qualche giorno i migranti si trovano lì, e passano il tempo pulendo la scogliera. "Noi non torniamo indietro" e "via la polizia" sono gli slogan che usano. Sognano la Francia ma non solo, sognano le terre del nord. "La Francia non ha sospeso Schengen ma ha reintrodotto i controlli fissi alle frontiere con l'Italia che non sono previsti dal trattato", riferiscono fonti italiane. mentre per il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi "redistribuire solo 24mila persone è quasi una provocazione", perché l’immigrazione "è un tema grave e diciamolo chiaro le risposte che l’Europa sta dando sono insufficienti. Nei prossimi giorni ci giochiamo molto dell’identità europea e la nostra voce si farà sentire forte perché è la voce di un Paese fondatore. Se il Consiglio europeo sceglierà la solidarietà, bene. Se non lo farà, abbiamo pronto il piano B. Ma sarebbe una ferita innanzitutto per l’Europa". Vediamo, di seguito, i dati riguardo l'immigrazione.

    RispondiElimina
  13. L'islam è una pseudo religione della guerra permanente. I miscredenti devono essere posti di fronte all'alternativa: conversione o morte.
    Uno dei grandi problemi del nostro tempo è rappresentato dalla sfida lanciata dai settori radicali del mondo islamico all'Occidente. Perché è sorto tale scontro? Ciò accade a causa dell'espansione globalizzante del capitalismo, la cui avanzata planetaria è destinata, là dove giunge, a sradicare ogni forma socio-economica pregressa e, con essa, tutto ciò che le vive intorno, quali usi, costumi, norme giuridiche e politiche, concezioni etiche e religiose. In breve, il complesso della civiltà esistente.
    Tutto questo ha accentuato la tendenza all'arroccamento nella propria identità; ha estremizzato, insomma, il bisogno di un senso esistenziale religiosamente forte, unica diga per far fronte all'avanzata della modernità e alla sua invadenza laico-edonistica. Del tutto fuori luogo è però ogni analisi diretta a individuare nella divaricazione tra l'opulenza dell'Occidente e la miseria del Terzo Mondo la vera causa del conflitto, perché i termini veri della contesa non sono tra povertà e ricchezza, come affermano in modo naïf i terzomondisti, ma, appunto, tra laicità e religione; scontro che illustra anche il senso profondo della storia contemporanea. Il passato degli ultimi due secoli è tutto fondato sul paradigma della modernità che, scaturita dalla secolarizzazione, fa tutt'uno con il capitalismo.
    l'Islam è una religione della guerra permanente, centrata sull'idea che i miscredenti devono essere posti di fronte all'alternativa: conversione o morte. È difficile, in questa situazione, scorgere una via d'uscita. Non si può dimenticare che nell'Islam diritto e religione sono indistinguibili, talché la scienza giuridica ( fiqh ), essendo lo studio e la conoscenza della Legge Divina è una scienza teologica.
    Conseguentemente, la religione non è una componente o una dimensione della vita, che regola alcune questioni e dalla quale altre sono escluse: essa coinvolge l'intera esistenza, in una giurisdizione non limitata ma totale. Infine, ed è questa la cosa più grave, a causa dell'irrimediabile relativismo che lo attraversa, l'Occidente non sa difendersi, meglio: non vuole difendersi per pavidita' e sottomissione.



    RispondiElimina
  14. http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/mondo/2015-06-16/perche-tutti-scappano-dall-eritrea-131314.shtml?uuid=ACjrFSB




    17 GIUGNO 2015


    IN ERITREA C'È UNA DITTATURA COMUNISTA COME IN COREA DEL NORD E FA COMODO UN DITTATORE CORROTTO SPECIE AD U.S.A. ED U.E. COSÌ CHE I TRAFFICI ILLECITI PROSPERANO..

    RispondiElimina

  15. http://tv.liberoquotidiano.it/video/11801356/alfano.html


    17 giugno 2015


    Siamo abibituati a far riderci addosso, con questi personaggi politici che abbiamo e con tutti i fatti di mafia capitale e Co. come possiamo pretendere che in Europa ci ascoltino. In Europa vedendo tutto questo la prima cosa che pensano è che noi ci marciamo sopra per fare soldi e poi mandiamo i clandestini di nascosto in Europa, cosa che veramente sarebbe accaduta di nuovo se non fosse scoppiato il tutto. Poveri noi.
    La differenza è che nel caso del Berlusca i cretini erano Sarkosy e Merkel; ora il vero imbecille è Alfano che chiacchiera a vuoto con supponenza e non combina niente di buono.
    che figura di MERDA! !!!!!!!!! Alla faccia della promessa fatta da tutti i governi da Monti in poi di recuperare la dignita` e il potere dell'italia in campo internazionale. Ma se mandiamo dei buffoni e clown come criticarli, hanno ragione di ridere.Non solo ma si chiederanno se non siamo pazzi e con chi si sono messi in europa! Che vergogna !
    Alfano lo UMILIANO e come ci UMILIANO ...Questa volta la SINISTRA AMBIGUA e DOPPIOPESISTA sui "SORRISETTI" NON IRONIZZA e NON VA GIU' a TESTA BASSA come fece in passato con "altri sorrisetti". Come mai signori sinistri ONESTI/MORALI e BUONISTI ? VERGOGNA. Con voi al Governo rimpiangere Berlusconi è l'unica cosa che si può fare. Siete solo dei DILETTANTI ALLO SBARAGLIO.

    RispondiElimina
  16. http://www.lanazione.it/montecatini/migranti-casapound-1.1068422

    18 giugno 2015


    Immigrazione, Casa Pound inonda la città di manifesti contro l'arrivo dei profughi Commenti

    Forza Italia, insieme alla Lega Nord, presenta un'interrogazione sul tema.

    Sale la tensione per l'arrivo dei migranti in città.

    Montecatini 18 giugno 2015 - Il tema dei profughi diventa sempre più incandescente in città. Ieri mattina, le strade del centro e della periferia sono state invase da una serie di manifesti di CasaPound con scritto “No immigrati a Montecatini”. L’iniziativa ha già scatenato polemiche a non finire sulle pagine dei social network, registrando anche tanti positivi apprezzamenti. Casa Pound, in ogni caso, appare determinata nel portare avanti la battaglia contro l’arrivo dei profughi.

    “E’inconcepibile – dichiara il gruppo in una nota – come le istituzioni non si rendano conto delle difficoltà che già la città di Montecatini si trova ad affrontare a causa dell’immigrazione, in termini di sicurezza e degrado. Una realtà che dovrebbe vivere di turismo si trova a fare i conti con risse in centro tra immigrati di varie etnie e accampamenti abusivi di rom alla stazione. Come CasaPound siamo pronti a scendere in strada ovunque si presenteranno situazioni di questo tipo per contrastare un meccanismo che vede pochi privati assicurarsi lauti guadagni a discapito della popolazione, costretta a confrontarsi con i problemi di una finta accoglienza senza regole”.

    Non finiscono qui le iniziative legate allo spinoso argomento. Forza Italia ha presentato un’interrogazione sulla presenza dei migranti in città, in collaborazione con la Lega Nord. Gli azzurri e il Carroccio danno così il via a una campagna comune sul tema dei profughi, che proseguirà anche nelle altre realtà della Valdinievole. Andrea Quaranta, capogruppo di Forza Italia, e il consigliere Alberto Lapenna, nel documento, chiedono al sindaco Beppe Bellandi se sia a conoscenza di una serie di aspetti della vicenda che riguarda da vicino Montecatini.
    Gli esponenti della minoranza chiedono “il numero esatto di migranti presenti sul territorio comunale alla data del protocollo di questa istanza. Si domanda anche il numero degli uomini, delle donne, dei minori e i paesi di provenienza di ognuno di essi. I migranti presenti sul territorio sono stati sottoposti regolarmente a visita medica? Gli uffici comunali hanno provveduto o no a eseguire i necessari controlli sulla documentazione rilasciata dagli organi sanitari competenti, nei centri di prima accoglienza, a tutela della salute della cittadinanza? Inoltre, si chiede di sapere dove sono ubicate le strutture che ospitano i migranti e il numero di persone in ciascuna di esse”. In base ai risultati del recente bando della prefettura, in città dovranno arrivare circa 32 profughi. Venti saranno ospitati in una struttura di un imprenditore nella zona sud, mentre altri 12 andranno nell’immobile di un privato in via Vecchia di Maona.

    RispondiElimina

  17. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/sesso-con-i-bimbi-a-termini-sulla-cnn-la-vergogna-di-roma/1142085/





    Commenti

    giangol
    l'ho detto giusto ieri o l'altro ieri che il degrado dell'italia, magari fosse solo roma, ormai è in mondovisione. turisti stranieri eviteranno sempre di più il nostro paese per evitarlo del tutto.ma noi abbiamo le risorse africane a tirare su l'economia


    gattofilippo
    C'è poco da commentare, se non viene ripristinata la legalità l'Italia sprofenderà sempre di più. Temo però che sia troppo tardi. Ci vogliano le palle per cercare almeno di ritornare ad una parvenza di normalità, cosa che renzi e alfano e il Pd non hanno.


    Tuthankamon
    Ecco i danni che le "buone intenzioni" possono provocare. Siamo abili a sputtanarci. Lo Stato deve tapparsi le orecchie ed agire, invece si comporta come se fosse al bar, dice la sua e aspetta/guarda cosa succede!


    Mechwarrior
    Evviva i buonisti dall'accoglienza facile! ecco a cosa servono gli immigrati: alla mafia italiota, legale e non per fare cassa.


    MisterDD
    Non mi sono mai vergognato cosi tanto di essere italiano... una nazione della quale ne andavo fiero adesso e' diventata terra di nessuno dove la feccia dell' umanita' e' libera di colonizzare la nostra cultura. Le nuove generazioni mi fanno ancora piu schifo che difendono il sistema cosi' com'e' puntando il ditto contro chiunque voglia fare qualcosa a riguardo, dandogli del "razzista". Criticate pure Grillo per aver detto esattamente come la situazione a Roma e', ansiche contemplare sul problema cercando di risolverlo!!


    giovanni PERINCIOLO
    Cos'altro ci si puo' aspettare da Marino??? al poveretto manca solo la terza scimmietta, lui non vede, non sente, ma parla, oh quanto parla..... a capocchia!


    magnum357
    E' la solita schifezza di leggi komuniste !!! Invece di essere protetti prima o poi finiscono in brutti giri !!!


    Tuthankamon
    Quello che molti Italiani non sanno e' che la legge (approvata da chi?) permette di rilasciare i minorenni SOLI immigrati clandestini/irregolari seduta stante. Inutile dire che significa gettare degli inermi in mano ai malintenzionati. Tra l'altro, le famiglie di talune culture non hanno problemi a farli "viaggiare intenzionalmente" in questo modo. A loro i figli costano poco e ci pensa ... il cielo! Le istituzioni (italiane) che permettono questo meritano male parole che evito! Non mi si dica che non e' vero, e' accaduto davanti ai miei occhi di minori rilasciati in questo modo e senza averne preso una foto, un'impronta digitale o il DNA almeno. La magistratura, in questi casi (forse per assenza di leggi !!!??? che fa comodo talvolta), non mi risulta prendere provvedimenti nel merito se non in rari casi. E' dura accettare di vivere in un Paese con una simile inettitudine al potere. Ed e' anche colpa di tutti noi che glielo permettiamo.


    Memphis35
    Marino non poteva occuparsi del problema. Pena compromissione delle attività inerenti l'organizzazione del Gay pride.


    MIKI59
    Ormai non c'è settore che si salvi. Per risolvere i problemi che attanagliano il nostro Paese, si deve attuare "tabula rasa" e ricominciare da zero, con nuovi personaggi, cacciando definitivamente i vecchi bacucca, che purtroppo continueranno a divorare come pensione i nostri soldi.

    RispondiElimina

  18. Mandare i vigili sulle spiagge italiane sarebbe un'operazione inutile, viste le tipologie fisiche di molti agenti, assunti dai comuni più per clientelismo che per capacità psico-attitudinali. L'importante è che i buttafuori privati degli stabilimenti balneari siano fisicamente a posto e dotati di mezzi convincenti e poi che siano garantiti per eventuali episodi dovessero accadere senza che qualche giudice proletario li incrimini per aver compiuto l'incarico affidatogli.

    RispondiElimina

  19. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/buttafuori-sulle-spiagge-per-allontanare-i-vu-cumpra/1142114/



    Giovanni PERINCIOLO
    Che sia per questo che madame sboldrina ha chiesto al capo dello stato di poter usufruire della spiaggia di CastelPorziano??? ma no, perché pensar sempre male, la signora si solo preoccupa solo di minimizzare i disagi per il personale della sua scorta.....


    Libertà75
    Questi sindaci PD dai protopensieri leghisti ma dallo scaricabarile facile. Se lui si sente uomo da far gli interessi della sua città, allora che mandi le sue forze dell'ordine, sequestri la merce e la faccia distruggere (poiché tutta falsa). Vedrà che dopo una ventina di sequestri costoro affolleranno il comune vicino e lasceranno il suo in pace.
    Che bella pensata delegare a privati i compiti della forza pubblica. La municipale è troppo impegnata con le multe per divieto di sosta?

    RispondiElimina
  20. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/e-i-migranti-cacciati-dalla-stazione-ricompaiono-nei-giardini-del-centro/1142011/




    MILANESI PIDDIOTI. ...PRRRRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  21. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/in-questo-villaggio-a-4-stelle-ospitiamo-100-migranti/1142331/


    18 Giugno 2015

    In questo villaggio a 4 stelle ospitiamo 100 migranti.
    Per gli ospiti c'è tutto: acquapark, percorso idromassaggio, piscina semiolimpica e campi da calcetto, calcio, tennis e pallavolo. Non solo, perché il villaggio è immerso nel verde.

    Claudio Cartaldo

    Un villaggio turistico di alto livello per i migranti. Anzi, di lusso se si considerano le 4 stelle e il luogo bellissimo dove si trova il villaggio "Le Campole" in provincia di Caserta.

    Per gli ospiti c'è tutto: acquapark, percorso idromassaggio, piscina semiolimpica e campi da calcetto, calcio, tennis e pallavolo. Non solo, perché il villaggio è immerso nel verde, con la possibilità di fare lunghe passeggiate nella macchia mediterranea, bird watching ed ercursioni culturali con guide private. Bellissmo. Ma in questa meraviglia da oltre un anno sono ospitati cento migranti, pagati a spese dello stato. Cioè di tasca nostra.
    "Al primo impatto - si legge sul sito del villaggio - colpisce questa radura che si apre in mezzo a boschi secolari, nel silenzio corroborante della natura intatta, offrendo queste rustiche costruzioni che si integrano con la natura circostante". Un paradiso, praticamente. Il villaggio, inoltre, dispone di camere con servizi privati telefono e tv-color. Inoltre, tutte le stanze si affacciano su "eleganti salottini" dove vengono offerti durante l'estate "pre-after lunch dinner cocktail". Un bel luogo per i profughi dove attendere di ottenere (o meno) il diritto d'asilo in Italia.

    La denuncia arriva dalla pagina Facebook di Matteo Salvini, che sul suo profilo pubblica il link del sito del villaggio e commenta: "Villaggio turistico con campi da tennis, calcetto e pallavolo, sale tivù, bar e parcheggi, da oltre un anno ospita (a spese vostre) un centinaio di immigrati. E gli immigrati spesso hanno pure il coraggio di protestare! Questa per voi è solidarietà o follia?".
    Prabibilmente è follia.




    Commenti

    bingo bongo
    La reggia di Caserta.Ecco perchè i francesi a Ventimiglia. Ci sono clandestini Francesi che rientrano da Ventimiglia,si dev'essere sparsa la voce.


    scandalo
    i migranti sbarcano in sicilia pertanto occorre ripristinare Schengen nei porti e aereoporti della sicilia !! bisogna che rimanangano nella trinacria che non fa parte dell'europa !!

    RispondiElimina
  22. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/i-poliziotti-a-ventimiglia-francia-rimanda-indietro-anche-migranti-mai-passati-da-qui/1142290/


    18 Giugno 2015

    I poliziotti a Ventimiglia: "Francia rimanda indietro anche migranti mai passati da qui".
    Parigi continua con i respingimenti di massa.

    Mario Valenza

    La battaglia che in queste ore si sta combattendo al confine con la Francia sulla pelle dei profughi potrebbe diventare presto un caso diplomatico ben più pesante. Finora abbiamo parlato dei respingimenti di profughi che dall'Italaia provano a varcare il confine traVentimiglia e Mentone. Ma adesso a quanto pare Parigi starebbe usando la bagarre alla frontiera per far pulizia a casa propria. Infatti secondo quanto hanno denunciato alcuni volontari della Croce Rossa e anche alcuni polziotti a telecamere spente, il governo di Parigi avrebbe fatto dei "respingimenti" strani............





    Commenti



    berserker2
    Le risorse le teniamo tutte qui a pagare le nostre pensioni e a risollevare il PIL! E fortunatamente i francesi, nel mucchio delle "riammissioni" ci mettono oltre i clandestini nostri anche i delinquenti loro.....ma tant'è.....tutto fa brodo..... meglio così, vorrà dire che il PIL si impenna ancora di più ed i nostri pensionati non dovranno più frugare nei cassonetti.


    wilegio
    Siamo la pattumiera d'europa. E il nostro serafico p.d.c.(partito dei cazzoni) cosa dice a questo proposito? E alfano? Quale grande principio abbiamo fatto riconoscere stavolta in europa?


    stenos
    Italia nazione di coglioni. Punto. Che altro dire.


    berserker2
    Ma in francia, anche se governa la sinistra champagnara, mica sono co.glio.ni


    GIANCAGIO
    È così difficile interrogare i respinti per capire se si trovavano in Francia da molto tempo? Avutane la certezza NON ACCETTEREMO PIÙ RESPINGIMENTI NELLA MISURA DI 50 PER OGNI ABUSO VERIFICATO. FACCIAMO COME CON LE MAIL: RE-RE-RE-RESPINTO!


    hernando45
    Questi DISPERFURBI sarebbero capaci di INVENTARSI qualsiasi storia e TUTTI GLI ASINI ITALIANI CI CREDONO!!!! Ora una volta in Italia si devono mettere su un volo CHARTER con destino ai LORO paesi, e se NON si "ricordano" di che paese sono IN GALERA a pane e acqua, vedrai come ti ritorna la memoria!!!! Saludos dal Nicaragua. PS Qui fanno così a "convincerli".


    momomomo
    ..."...Francia rimanda indietro anche migranti mai passati da qui..."... Forse vero, forse è solo una bufala. Da dove si vede che, lasciare le patrie frontiere alla mercé degli scafisti e trafficanti di tutto e di tutti, alla mercé degli immigrati clandestini, alla mercé di persone non identificabili o che rifiutano di lasciarsi identificare, non è una cosa che paga, cari signori del Governo! Allora sì che la Francia, l'Austria o la Svizzera, ci possono rispedire indietro tutto e tutti che vogliono rispedire, senza che nessuno possa contestare nulla.....


    ContessaCV
    Questo è solo l'inizio: vedrete a cosa andremo incontro. Essendo l'Italia da almeno tre anni una specie di discarica dove chiunque arriva pianta le tende e le roulotte e nessuno interviene, gli stati confinanti guidati da buoni Governanti approfittano della situazione e fanno pulizia in casa loro buttando oltre confine la rumenta e senza nemmeno fare la differenziata.

    RispondiElimina
  23. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/18/compagni-evasori-cosi-i-circoli-arci-non-pagano-le-tasse/1142341/

    RispondiElimina

  24. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/19/rom-assaltano-tabaccheria-e-portano-via-sigarette-e-incasso/1142523/


    19 Giugno 2015

    Rom assaltano tabaccheria e portano via sigarette e incassoL'accusa del tabaccaio di Sesto San Giovanni: "Se non batto 1 euro di scontrino rischio la chiusura e loro invece non finiscono mai in carcere"

    Claudio Cartaldo

    Un assalto in piena notte, coperti da passamontagna. Quattro rom hanno svaligiato una tabaccheria di Sesto San Giovanni, portandosi via schede telefoniche, sigarette, biglietti della lotteria e l'incasso della giornata. Un furto in pieno centro, a meno di cento metri dal palazzo del Comune di Sesto San Giovannia Milano.

    Hanno potuto agire indisturbati per più di un'ora nella notte tra lunedì e martedì, quando poi - all'arrivo della Polizia - sono dovuti fuggire con quello che erano riusciti ad arraffare, lasciando in terra un sacco di plastica in cui avevano raccolto altre centinaia di pacchi di sigarette da portare via.

    "Questa nazione fa schifo - scrive sui social il titolare Fabio Pelucchi - 4 zingari sono entrati in negozio a rubare, hanno distrutto serramenti, saracinesche e portato via della merce. Secondo la legge italiana rischierebbero al massimo 4 mesi di carcere a piede libero, mentre se io non batto uno scontrino di una caramella da 1€, rischio una maximulta e una settimana di chiusura". La rabbia, poi, la sfoga anche nei confronti delle istituzioni comunali che non si sono mosse né per fare una visita, né per comunicare la loro solidarietà.

    "Le modalitò di azione è quella dei rom - ci spiega il titolare - anche la notte del furto un carabiniere mi ha detto: 'tutte le sere è la stessa storia, ma noi abbiamo le mani legate' ". Lasicurezza per i cittadini, evidentemente, è solo un miraggio. E anche lavorare onestamente diventa complicato, sommersi dalla burocrazia e poi colpiti duramente da questi furti che possono significare la chiusura dell'attività. "Ragazzi, vi do un consiglio - scrive su Facebook Pelucchi -: andate a rubare che lo Stato vi tutela maggiormente".



    Commenti


    Giorgio_Pulici
    Il tabaccaio ha ragione da vendere, ma per cambiare le leggi e farne altre più favorevoli ai cittadini e meno ai delinquenti, bisogna che gli italiani si decidano a votare la destra. A sinistra, lo sappiamo bene, c'è solo questa pseudo cultura buonista che porta inevitabilmente allo sfascio generalizzato.


    moshe
    Ma no! la sboldrina ha detto che vanno valorizzati, lo zombi ha detto che dovremmo imparare dalla loro cultura!

    RispondiElimina
  25. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/20/salvini-la-boldrini-e-da-ricoverare/1142836/

    20 Giugno 2015

    Salvini: "La Boldrini è da ricoverare".
    Il leader del Carroccio risponde così al ""presidente"" che ha negato l'esistenza di un'emergenza profughi in Italia.

    Mario Valenza

    Le parole della Boldrini sugli immigrati dopo la sua visita a Milano fanno discutere e accendono le polemiche. Il presidente della Camera ha affermato che "in Italia in questo momento non c'è emergenza immigrazione, la vera emergena è altrove".

    Alle parole di Boldrina risposto Matteo Salvini: "La Boldrini deve essere ricoverata". Prima di dare il via al congresso del Carroccio, Salvini ha sottolineato che"in Italia non c’è spazio per tutti". E Boldrini a sua volta ha risposto a Salvini da Firenze: "La polemica la fa chi non ha altro di cui occuparsi". "È mia abitudine - ha aggiunto Boldrini - non fare polemiche, ma occuparmi delle questioni e collaborare alle soluzioni. Ritengo che i cittadini ed i volontari di Milano, così come quelli di Roma e Ventimiglia, abbiano dato una grande e bella prova di capacità di rimboccarsi le maniche e cercare soluzioni. Questo a me interessa. Per il resto - ha concluso Boldrini - la polemica la fa chi non ha altro di cui occuparsi".



    Commenti

    giannip
    questa deficiente potrebbe fare il presidente delle camere nei campi rom. quello è il suo posto . arrogante ed insignificante.


    BRACCOstufo
    Salvini, noi è da tempo che lo diciamo. ma temo che sia un caso senza speranza!! anche la medicina psichiatrica ha un limite!!!


    nando49
    Con l'arrivo della Boldrini sono arrivati altri 300 profughi. Sembra che si presti a remare sui barconi con al timone il ministro Alfano.


    alox
    E' una Comunista, piu' che da ricoverare e' da mettere in carcere!


    sitten
    Condivido quello che ha detto Salvini, questa presidentA è da ricoverare, e lasciarla in cura intensiva almeno per 20 anni.


    gianrico45
    Alla Boldrini qualcuno gli dovrebbero dire, che lei purtroppo per noi è presidente della Camera, che è un ramo del parlamento italiano,pertanto deve fare solo ed esclusivamente gli interessi degli italiani.Ogni altra considerazione la lasci al parlamento.


    bracco
    Forza Salvini, l'Europa sta cambiando, cialtroni e cialtrone li manderemo a far compagnia ai clandestini.


    rosario.francalanza
    Insomma questa tipica insignificante rappresentante dell'Ancìen Regìme sembrerebbe fare proprio come Maria Antonietta con le 'brioches', "più fuori di una sedia a sdraio"! Ma io ci credo poco! Credo, invece, che questa donna, come tante che già abbiamo visto, abituata ormai al 'mondo sua patria', abbia un atteggiamento ai limiti dell'ostilità contro gli italiani, contro la 'provinciale' Italia, e sappia perfettamente come si evolve la situazione. Sa che non sopportiamo gli immigrati e che questi aumenteranno, senza speranza; basta lasciarli fare! Perseguendo, così, gelidamente, il disegno di distruggere la nostra Storia. La sua invece è gelosamente salvaguardata dalle parti di Macerata. Non saprei dare altre spiegazioni: perchè, se è in buona fede, NON deve occupare quella poltrona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E’ ufficiale, il nuovo confine a sud dell’Europa è Ventimiglia! Pur non sospendendo Schenghen Hollande ha immediatamente predisposto il presidio fisso alle frontiere francesi.L’Italia da par suo ha provveduto ad arretrare di circa 500 metri all’interno del territorio italiano sulla statale Aurelia che nel frattempo è stata chiusa al traffico.Non si sono potuti evitare momenti di tensione, gruppi sparsi di clandestini si sono assiepati lungo la scogliera guardati dalla polizia italiana, altri si sono stanziati nel centro di Ventimiglia soprattutto raccolti nella stazione centrale dove la Croce Rossa provvede a interventi di prima necessità aumentando di fatto il disagio degli italiani e dei turisti. La Francia controlla capillarmente i treni diretti a Parigi, nessun migrante deve raggiungere la città per nessun motivo anche provvisto di regolare titolo di viaggio, sono tutti fermati e fatti scendere anche con la forza a Nizza dove sono predisposti mezzi di trasporto che riportano i “clandestini” in Italia. Ora la Francia ha addirittura sospeso il “servizio taxi” impedendo direttamente di farli partire.
      Il paradosso è che nessuno dei “migranti/rifugiati” vuole rimanere in Italia e neanche in Francia, questi vogliono semplicemente arrivare in Germani o in Olanda, dove in realtà stanno cercando addirittura di allontanare quelli che già sono stanziati nell’Europa del nord da anni (tengono parenti e sono potenzialmente un pericolo di attrazione). Nel frattempo,in mezzo a tutto questo “marasma”, il pacifico e democratico Hollande approfitta della situazione in Medio Oriente per scalzare gli Usa imponendosi come maggiore fornitore di armamenti di fabbricazione francese per i Paesi della regione in crisi. Decine di caccia bombardieri, elicotteri e armamenti di vario genere da collocare ai paesi del Golfo Persico, alle monarchie del Golfo, come il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) ed anche all’Egitto (fonte Emirates247.com). Secondo questa fonte, la Francia, nel mezzo delle critiche situazioni di paesi come la Siria e l’Iraq, sconvolti dai conflitti e dal terrorismo, cerca di fregiarsi del titolo di principale esportatore europeo di armi nel Medio Oriente.
      Questo spiega l’appoggio incondizionato e le forniture di armi che il governo Hollande offre alle milizie terroriste che combattono in Siria per rovesciare il governo di Bashar al-Assad, milizie sponsorizzate e finanziate dai sauditi e dal Qatar, nonostante che questi gruppi stiano commettendo massacri e crimini di guerra fin dall’inizio della crisi siriana.
      Inoltre il governo di Parigi è uno dei principali alleati del Qatar con cui realizza ogni anno manovre militari.
      Più di recente la Francia, nonostante le forti critiche sorte da parte dei gruppi a difesa dei diritti umani, ha firmato in Febbraio con l’Egitto un contratto per la vendita di equipaggiamenti bellici per un importo di 5,9 milioni di dollari. Il pacchetto venduto dalla Francia include 24 aerei da combattimento tipo Rafael Derby ed una nave del tipo fregata lanciamissili.

      Jules Verne riscriverebbe il suo romanzo senza il ricorso alla “fantascienza”, il nuovo titolo sarebbe “Ventimiglia leghe sopra i mari”


      Elimina
  26. JE SUIS AVEC WILDERS. ..
    A' MORT ISLAM. ..



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/20/vignette-su-maometto-oscurate-in-tv-la-protesta-di-wilders-sabotaggio/1142864/




    20 Giugno 2015

    Vignette su Maometto oscurate in tv. La protesta di Wilders: "Sabotaggio".
    Durissima protesta del leader del partito di estrema destra per la censura subita. Lui le pubblica lo stesso tramite Internet (BRAVO).


    Raffaello Binelli

    Ancora una volta le vignette su maometto scatenano un putiferio. Stavolta in Olanda.Geert Wilders, fondatore e leader del Partito per la libertà (estrema destra) ha denunciato di aver subito "un sabotaggio" dopo che la tv di Stato gli ha impedito di mostrare le vignette nello spazio autogestito che la rete pubblica concede a ciascuna forza politica nazionale.

    Le caricature del presunto profeta islamico sarebbero dovute andare in onda alle 13, ma al loro posto è stato trasmesso un discorso leader di Wilders. Lui su Twitter ha subito sfogato la propria rabbia, gridando allo scandalo e al sabotaggio: "Metterò le immagini su Youtube (guarda) - ha tuonato - e le porterò di nuovo in televisione, anche se dovrò andare a Hilversum" (dove si trovano gli studi tv, ndr). Il deputato racconta di essersi mobilitato per "difendere la libertà di espressione" dopo che a inizio maggio una mostra di caricature di Maometto in Texas era stata bersaglio di un attacco rivendicato poi dall’Isis. E senza dimenticare, ovviamente, tutte le altre volte in cui le vignette hanno scatenato l'inferno (vedi strage di Parigi nella redazione diCharlie Hebdo)

    Le autorità olandesi avevano avvertito che l'iniziativa sarebbe potuta costare cara Wilders, con la sospensione dal partito da uno a quattro anni. Moderata la reazione della portavoce del Consiglio delle moschee olandesi, Aissa Zanzen, che aveva escluso rappresaglie: "Siamo impegnati a preparare il cibo per il Ramadan", aveva detto sminuendo l'iniziativa di Wilders. Non solo: l’organizzazione che raggruppa le moschee marocchine nei Paesi Bassi aveva diffuso nei giorni scorsi, in risposta al deputato, una caricatura che lo mostrava come un bambino capriccioso. Dietro di lui si poteva vedere una bomba e tanti olandesi, tra cui anche musulmani, che tranquillamente ignorano le sue bizze. Un modo intelligente di rispondere alla satira con... altra satira.





    Commenti

    Flex
    L'Olanda si "piega all'Islam"?......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La 3^ guerra mondiale si combatterà tra criminali maomettani contro normali cittadini civili. ...
      Prepariamoci anche a difenderci dai comunisti italidioti che si sono venduti la loro anima dannata a Satana impersonificato in maometto. ....

      Elimina
  27. http://m.ilgiornale.it/video/vignette-su-maometto/1142866/


    20 GIUGNO 2015



    VIDEO INTERESSANTE DA VISIONARE.
    WILDERS È UN PATRIOTA OLANDESE CHE AVVERTE DEL PERICOLO ISLAM.
    MAOMETTO PRESUNTO PROFETA IN REALTÀ ERA UN ARABO TAGLIAGOLE PEDOFILO ANTICRISTIANO

    RispondiElimina
  28. JE SUIS AVEC WILDERS GEERT. ...




    http://www.franceinfo.fr/actu/monde/article/les-caricatures-de-mahomet-finalement-pas-diffusees-aux-pays-bas-694946


    Les caricatures de Mahomet pas diffusées aux Pays-Bas.

    par Lorrain Sénéchal

    samedi 20 juin 2015


    Le député néerlandais anti-islam Geert Wilders avait promis de diffuser des caricatures du false prophète mahomet à la télévision ce samedi à la mi-journée, pendant un temps réservé aux partis politiques. Mais à la place, c'est un message de M. Wilders sur l'immigration qui a été transmis. La chaîne publique NOS va "enquêter" sur l'incident.
    Geert Wilders s'estime victime d'une "sabotage". Le leader anti-islam néerlandais avait promis de diffuser sur la chaîne publique NOS des caricatures du prophète musulman Mahomet, pendant un temps réservé aux partis politiques. Mais elles ne sont pas apparues comme prévu à la mi-journée samedi. Les télespectateurs ont simplement pu voir un message de Geert Wilders sur l'immigration.
    Le député néerlandais s'est insurgé sur twitter : "un sabotage de la NOS, tout avait été confirmé, mais cela n'a pas été diffusé."
    Geert Wilders a promis de mettre les images sur le site Youtube, et "la prochaine fois à la télévision", autrement dit les 24 juin et 3 juillet, au nom de son parti, le PVV (le Parti pour la liberté). La chaîne NOS a elle assuré qu'elle n'avait rien "saboté", et qu'elle allait "enquêter" sur cet incident.
    Mesures de précautions dans les ambassades néerlandaises autour du monde.
    Geert Wilders et son parti disent vouloir "défendre la liberté d'expression contre la violence" après l'attaque, revendiquée par le groupe Etat islamique, d'un concours de caricatures de Mahomet au Texas début mai. Des représentants du culte musulman aux Pays-Bas ont eux assurés que le calme règnerait même si Geert Wilders parvenait à faire publier ces caricatures. Mais selon les médias locaux les ambassades néerlandaises ont été averties de mesures à prendre en cas de diffusion, par crainte de protestations violentes.

    RispondiElimina
  29. http://www.intelligonews.it/articoli/18-giugno-2015/27725/migranti-borghezio-in-controtendenza-vi-spiego-perch-il-papa-antimondialista-come-me


    Clandestini, Borghezio in controtendenza: "Vi spiego perché il papa è antimondialista, come me".

    18 giugno 2015

    Adriano Scianca

    Il muro con cui Orban vuole blindare la frontiera tra Ungheria e Serbia? “Molto bene, una buona notizia”. Le dichiarazioni del Papa sull'immigrazione? “Non sono state raccontate bene, lui è un antimondialista come me”. Come al solito, l'eurodeputato della Lega NordMario Borghezio va contro la corrente. E del caos Ventimiglia parla così a IntelligoNews: “Da una parte c'è uno Stato. Dall'altra c'è un Paese senza credibilità”. 


    Borghezio, cosa pensa del muro ungherese anti-migranti? 


    «Ne penso molto bene. La dichiarazione di Orban sul fatto che l'Ungheria costruirà un muro per bloccare l'ingresso nel suo paese di altri clandestini fa parte di quelle buone notizie che ci arrivano da un po' tutto il resto d'Europa. Lo fanno anche i francesi, sia pur con metodi talora discutibili. C'è, tuttavia, una presa di coscienza generale del fatto che l'Ue non ci difende e obbliga ogni Stato a difendere da sé i propri cittadini». 

    A Ventimiglia, però, la polizia francese sembra che abbia rimandato indietro persino profughi mai passati per l'Italia... 

    «Mah, a me quanto succede a Ventimiglia sembra più che altro un fallimento della politica migratoria dell'Italia. Il nostro non è più un Paese credibile. Se noi osserviamo le scene che vengono da Ventimiglia vediamo da una parte la gendarmeria francese che pattuglia attentamente i confini. Dall'altra parte c'è la gara delle istituzioni a chi pensa di più ai clandestini, a partire dall'ineffabile sindaco di Ventimiglia. Sono due concezioni dello Stato e delle istituzioni. E, mi dispiace, chi ci fa brutta figura non è certo la Francia». 

    Papa Francesco, però, è stato molto esplicito sulla necessità di accogliere i profughi... 

    «Come sempre ci sono parti del discorso che non vengono riportate dai media. Francesco ha auspicato che "la comunità internazionale agisca in maniera concorde ed efficace, per prevenire le cause delle migrazioni forzate". È un passaggio fondamentale. Il Papa è un anti-mondialista, come nel mio piccolo lo sono io. Poi ovviamente lui è anche il capo della cristianità, quello sull'acciglienza è un discorso spirituale. Ma bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio. Noi dobbiamo fare politica e affrontare l'emergenza, il Papa ha ovviamente un altro ruolo».

    RispondiElimina
  30. http://www.intelligonews.it/articoli/16-giugno-2015/27612/migranti-buonanno-ln-come-sindaco-non-ho-un-clandestino-li-riporterei-col-furgone-in-prefettura


    Clandestini, Buonanno (LN): “Come sindaco non ho un clandestino, li riporterei col furgone in Prefettura”


    21 giugno 2015

    Andrea Barcariol

    Nel mirino di Gianluca Buonanno, europarlamentare della Lega Nord intervistato da IntelligoNews, c’è la politica di Renzi e della Mogherini sui clandestini afroasiatici. 

    Siamo ormai allo scontro aperto tra Italia e Francia dopo la dichiarazione del ministro dell’Interno Cazeneuve: "I migranti clandestini non passano, se ne occupi l’Italia" e la situazione bollente a Ventimiglia. Come giudica la posizione della Francia?

    «I francesi non mi sono molto simpatici, ma in questo caso fanno quello che dovrebbe fare anche l’Italia». 


    Quindi non hanno tutti i torti?

    «Mandano indietro i clandestini come fa la Svizzera, l’Austria, l’Italia ha firmato un trattato che stabilisce che si devono rimandare le persone nel luogo dove sono state identificate. Noi abbiamo veramente un governo di invertebrati».

    Renzi cosa può fare?

    «Dovrebbe andare a Bruxelles e dire: “E’ finita la pacchia, ognuno pensa per sé e noi penseremo per noi”. Muovere veramente le navi per non far partire la gente e quelli che ci sono riportarli indietro. Purtroppo sui rimpatri non c’è un soldo».

    Secondo lei esiste il piano b?

    «Renzi l’’unica cosa che può fare è rimediare in qualche maniera dopo le bastonate elettorali che ha preso. Io non posso andare a Milano e vedere la stazione che sembra quella di Calcutta, con il rischio di prendermi la scabbia».

    Persino Pisapia ha detto stop profughi a Milano?

    «Chi fa il sindaco a un certo punto si rende conto che le cose non stanno più in piedi. Senza misure drastiche la situazione peggiorerà ancora. Purtroppo la Mogherini non conta nulla, addirittura qualche settimana fa ha parlato di svolta epocale. Intanto non se li sono presi, poi eventualmente si parlerebbe di 40 mila migranti in due anni a fronte di 400 mila arrivi stimati. Gli altri 360 mila rimarrebbero qui».

    Il piano b configurerebbe 3 ipotesi: addio sanzioni alla Russia, non far attraccare le navi francesi e inglesi con i profughi o una sorta di pass per farli uscire dall’Italia?

    «Ripeto, io sarei molto drastico, non li farei più partire. Se uno è clandestino è clandestino. La prima cosa che farei è metterli tutti all’Asinara così non si muovono più e poi verificare uno per uno qual è la soluzione migliore. Invece ce ne sono decine di migliaia che non si sa più dove siano. Noi siamo un Paese che non ha una linea, ha una classe politica che fa schifo e viene preso a sberle da tutti. Renzi dice che non bisogna fare allarmismi. Vada lui in giro a vedere cosa sta succedendo, poi si chiedono perché va male alle elezioni».

    Renzi in un'intervista ha detto che tornerà quello di una volta. Siete preoccupati?

    «Quello di una volta che significa? Quello che chiacchiera. E’ aumentata la pressione fiscale, ci sono più delinquenti in giro, più clandestini, la disoccupazione è altissima, la riforma sulla scuola fa pena. Ha pensato solo all’Italicum, ma della legge elettorale non importa a nessuno. La luna di miele per lui è durata fin troppo, lui e sua moglie si portassero i rom a casa. Tutti bravi a parlare a casa degli altri. Io come sindaco non ho un clandestino, ho detto alla Prefettura che se me li portano li carico su un furgone e li scarico davanti alla prefettura".

    RispondiElimina
  31. http://www.intelligonews.it/articoli/17-giugno-2015/27683/migranti-iwobi-ln-appello-a-papa-francesco-il-vaticano-li-accolga


    Clandestini, Iwobi (LN): “Appello a Papa Francesco: il Vaticano li accolga".

    21 giugno 2015

    Lucia Bigozzi

    “Il Papa fa il suo mestiere ma anche il Vaticano dovrebbe collaborare nell’accoglienza dei clandestini, perché siamo tutti chiamati a fare la propria parte”. Così Toni Iwobi, responsabile Immigrazione per la Lega, legge il monito di Francesco e lo declina nella realtà di quella che definisce “un esodo, un’invasione rispetto alla quale nessuno fa niente”. A Intelligonews spiega perché e a proposito della cattolicissima Ungheria che alza il muro contro i clandestini boccia il “doppiopesismo dei cattolici da una parte e dall’altra del mondo”.

    Il Papa che chiede perdono per le istituzioni che non accolgono i clandestini che effetto le fa? E’ un richiamo, indiretto, anche alle posizioni oltranziste della Lega?

    «Il Papa fa il suo mestiere ma riprendendo le sue parole io porto avanti il ragionamento: sono d’accordo se il monito riguarda chi respinge l’immigrazione nel suo complesso, ma quando come in questo caso si tratta di clandestini non condivido. Certo, quello del Papa è un richiamo incentrato sull’uomo e la dignità della persona ma a chiedere perdono dovrebbero essere anche quelli che speculano sulla pelle dei più poveri del mondo. Chi gestisce da criminale i flussi migratori e ci fa sopra i soldi non è meno colpevole di chi guida un barcone, anzi è più responsabile. Non sto criticando il Papa, sto cercando di ragionarci su e di implementare il senso delle sue parole. La Chiesa parla all’umanità ed è giusto, il Papa parla all’uomo ma bisognerebbe guardare anche a quale uomo: uomo onesto o disonesto?».

    Salvini ha replicato notando come la legislazione vaticana non  prevede l’accoglienza dei migranti. Adesso il leader se la prende anche col Papa?

    «Anche Salvini fa il suo mestiere di politico e le sue parole sono un chiaro monito sul fatto che oltre a parlare occorre anche agire. Il Papa fa bene a dire che non bisogna speculare sull’uomo, sul migrante, sull’immigrazione ma qui oggi in Italia non stiamo parlando di immigrazione in quanto tale; stiamo parlando di esodo, di invasione e proprio in questi giorni assistiamo a un penoso scaricabarile. Renzi si è svegliato troppo tardi, dopo anni di silenzio». 

    Quindi lei chiederebbe anche al Vaticano di fare la propria parte accogliendo i clandestini?

    «E perché no? Siamo tutti chiamati in causa di fronte al dramma degli immigrati che sono persone, non animali. Tutti sono chiamati a collaborare, e quindi anche il Vaticano come istituzione». 

    La cattolicissima Ungheria che costruisce un muro contro i migranti che cosa le dice?

    «E’ un paradosso enorme: da una parte del mondo ci sono i cattolici che alzano il muro contro i migranti; dall’altra parte i cattolici dicono che deve essere abbassato. Il mondo diviso in due? Ma non siamo tutti esseri umani?
    E sulla Spagna che per prima ha alzato il muro addirittura sparando sui migranti perché nessuno dice niente? Questa è la vera demagogia. Oggi ormai sono tutti improvvisati grandi esperti di immigrazione, tutti parlano ma qua non funziona niente. Il Papa ha parlato e tutti hanno riportato le sue parole come fossero il Vangelo, ma poi nella realtà nessuno fa niente di concreto». 

    RispondiElimina
  32. 16 giugno 2015


    La destra antimmigrazione clandestina ed euroscettica riesce a trovare la quadra per formare "" l’Europa delle Nazioni e delle Libertà"" in seno al Parlamento europeo.
    A darne l’annuncio, la leader del Front National 
    Marine Le Pen, che, ieri, ha confermanto la fondazione del gruppo con un comunicato stampa e con un tweet, presentando il gruppo questa mattina durante una conferenza stampa. Proprio la Le Pen sarà la presidente del gruppo, mentre i suoi vice saranno l’olandese Marcel De Graaf e il segretario nazionale della Lega Nord Matteo Salvini. Un passo, quello della costituzione dell'”Europa delle Nazioni e delle Libertà”, che si è reso possibile solo adesso perché, grazie all’adesione di due politici polacchi e dell’europarlamentare inglese Atkinson, l’Enf rispetta anche il requisito precedentemente mancante previsto dal regolamento dell’Europarlamento: l’adesione ad un gruppo di parlamentari provenienti da almeno sette Paesi dell’Unione. Quaranta, il numero dei membri. O, almeno, questo è il numero complessivo di seggi attualmente detenuto dagli aderenti: 23 del Front National, 5 della Lega Nord, 4 del Pvv (il Partito della Libertà olandese) 4 del Fpö (il Partito della Libertà austriaca), 1 di Interesse Fiammingo (Vlaams Belang), a cui si aggiungono Michal Marusik e Stanislaw Zoltek del Knp polacco (Congresso della Nuova Destra) e Janice Atkinson, già affiliata all’Ukip, che l’anno scorso aveva dato vita al gruppo dell’Europa e della Libertà e della Democrazia Diretta insieme al Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo. Così, con l’Europa delle Nazioni e delle Libertà, la geografia dei gruppi alla Camera di Strasburgo cambierà: i “non iscritti”, infatti, passeranno da 52 a 13 membri, mentre il EFDD perderà una componente. Inoltre, i gruppi politici in parlamento diventeranno otto, così come saranno sei quelli in cui c’è una rappresentanza italiana, al momento assente solamente tra i liberaldemocratici dell’Alde e in quello dei Verdi.
    “Con oggi finisce l’inciucio socialista e democristiano al Parlamento europeo” ha affermato Salvini che ha parlato di “un’opposizione robusta a Bruxelles, contro il pensiero unico, la moneta unica e l’invasione clandestina”. Soddisfazione è stata espressa anche da Marine Le Pen, che ha dichiarato che “saremo una forza politica euroscettica senza precedenti”, attaccando anche il presidente dell’emiciclo Martin Schulz e “l’amministrazione di questo Parlamento”: venendo “trattati come dei sottodeputati, abbiamo trovato le energie necessarie per costituire questo gruppo che sarà forte, coerente e ambizioso” ha dichiarato. Anche il numero del Partito della Libertà olandese Geert Wilders è molto contento per la formazione del gruppo, parlando di “una giornata storica”, “un D-Day”. “Da qui parte la liberazione dell’Europa da chi vuole toglierci il potere di decidere dei nostri soldi, della nostra libertà” ha continuato il leader olandese, sottolineando che, tra gli obiettivi del gruppo, ci sono i tentativi di “fermare l’invasione e l’islamizzazione dell’Europa”.

    RispondiElimina
  33. Bruxelles, al secondo tentativo parte il gruppo Salvini-Le Pen.


    16 giugno 2015

    Il grano giorno è arrivato. Oggi a Bruxelles Marine Le Pen e Matteo Salvini suggellano l’alleanza dando vita a un gruppo europarlamentare unico. È il secondo tentativo dopo che il primo andò a vuoto per mancanza di adesioni da parte dei parlamentari necessarie numericamente per dar vita a un gruppo unico al parlamento europeo.
    L’annuncio arriva via Twitter dalla leader del Front National: il nuovo gruppo si chiama “Nazioni e Libertà”ma il progetto viene da lontano, quando un anno fa Le Pen e Salvini cominciarono a parlarne e a immaginarlo. In realtà è il passo definitivo e ufficiale che consolida un’alleanza tra i due movimenti che condividono molte tematiche e in particolare l’euroscetticismo, la linea della fermezza sull’immigrazione, la difesa dell’identità dei popoli anche rispetto all’avanzata dei musulmani in Europa e le tematiche connesse alla sicurezza e alla legalità. 
    Tuttavia, il nuovo eurogruppo non sarà composto solo da parlamentari del Front National e della Lega perché ne faranno parte anche coloro che finora erano rimasti tra i non iscritti. Nel dettaglio, si tratta degli olandesi del Pvv, gli austriaci del Fpo e i belgi del Vlaams Belang. 

    RispondiElimina
  34. DUE VERMI SCHIFOSI OMOPEDOFILI CHE MERITAVANO BEN ALTRO. ...!!!!


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/22/due-uomini-si-baciano-in-pubblico-condannati-a-4-mesi-di-carcere/1143236/


    22 Giugno 2015

    Due uomini si baciano in pubblico: condannati a 4 mesi di carcere.
    Due marocchini si sono baciati in pubblico a Rabat. Sono stati condannati per "offesa al pubblico pudore" e "atti innaturali con persone dello stesso sesso".

    Angelo Scarano

    Quattro mesi di carcere per essersi baciati in pubblico. A Rabat due marocchini, il 38enne Lahcen e il 25enne Mohsine, sono stati puniti severamente per "offesa al pubblico pudore" e "atti innaturali con persone dello stesso sesso". Ora dovranno versare una multa di 500 dirham a testa che corrisponde a circa 52 dollari.

    In Marocco, in base all'articolo 489, l'omosessualità viene punita con la detenzione fino a tre anni. La legge è stata duramente contestata con accese proteste. Recentemente il gruppo femminista Femen ha addirittura organizzato una manifestazione in topless di fronte alla celebre Torre di Hassan a Rabat. Le manifestanti hanno contestato il governo marocchino esibendo la scritta "In gay we trust" scritta sul petto nudo. I due marocchini, che sono stati condannati a scontare quattro mesi di carcere, si erano baciati proprio sotto la stessa torre, lo scorso 5 giugno, in segno di solidarietà con le attiviste francesi di Femen arrestate e rimpatriate.

    RispondiElimina
  35. http://m.ilgiornale.it/news/2015/06/22/cosi-il-centro-sociale-spillava-soldi-ai-migranti/1143219/


    22 Giugno 2015

    "Così il centro sociale spillava soldi ai migranti".
    Rimini, un "pentito" svela ai giudici business sospetti.

    Emanuela Fontana

    Roma - A Rimini lo chiamano con un termine eccessivo «il pentito»: è un ex attivista del centro sociale Paz che con le sue accuse ha inguaiato tutti i compagni. L'ex autonomo ha raccontato ai magistrati una storia in cui ancora una volta si mescolano accoglienza di immigrati e lucro. Una storia su cui la Procura sta svolgendo le verifiche del caso e che, se accertata, arricchirebbe il lungo elenco di stravaganze della Capitale della riviera: migliaia di venditori abusivi che occupano le spiagge, una sovrabbondante chincaglieria che pare venire da un'unica fonte, suddivisa tra abusivi nordafricani delle spiagge e negozi cinesi, tanti appartamenti acquistati sempre dai cinesi, un'assegnazione di case popolari a totale svantaggio degli italiani.

    L'informatore della Procura era uno degli occupanti di Casa Madiba. L'edificio, così chiamato in onore di Nelson Mandela, è un ex stabile dei vigili del fuoco espropriato dagli autonomi alla fine del 2013. Lo scopo dell'occupazione era dare ospitalità a senzatetto e immigrati. A Rimini moltissimi venditori abusivi occupano gli hotel abbandonati per la crisi. I senzacasa stanno aumentando anche tra gli italiani, e una parte, appunto, si era rivolta ai ragazzi del Madiba. A maggio la polizia ha sgomberato la struttura. Gli attivisti hanno trovato subito una nuova sistemazione, ancora con un'occupazione abusiva, questa volta a Villa Ricci, uno stabile del Comune. E proprio nel mese di maggio sono arrivate le dichiarazioni dell'ex attivista, e la denuncia, pesante, contro quella che doveva essere un'oasi di accoglienza, seppure illegale: per soggiornare nello stabile occupato bisognava pagare 400 euro al mese o lavorare gratis per il gruppo, ha raccontato l'ex ospite. La struttura era ovviamente a costo zero perché l'insediamento era abusivo, ma gli occupanti avrebbero preteso l'«affitto». Possibile che un luogo che doveva essere tutto dedicato all'accoglienza fosse una fucina di denaro? .........
    La procura non ha avuto comunque esitazione a voler scavare di più. I magistrati riminesi hanno quindi aperto un terzo fascicolo su casa Madiba: il primo sull'occupazione, il secondo sull'esproprio di Villa Ricci, e il terzo, appunto, sulla denuncia dell'ex, ipotizzando i reati di violenza privata ed estorsione da parte degli occupanti nei confronti degli immigrati..................



    Commenti

    do-ut-des
    bisognerebbe inserire un infiltrato se non due e controllare la verità. Aggià, bisogna nascere con quegli antipatici capelli folti e ricci a mo' di bigodini per farsi sembrare uno di loro.


    Duka
    Inviate la notizia al sig. Marino così potrà meglio decidere CHI MANDARE NELLE FOGNE.

    RispondiElimina
  36. L'Italia non ha né tempo né capacità né volontà di integrare l'enorme afflusso di popolazioni indicibilmente estranee a tutto quanto l'Italia rappresenta di non-materiale, che è per loro impenetrabile, dunque gettabile. Per loro non contano che i bisogni primari. Libri italiani non ne leggono"; gli africani che sbarcano e gli asiatici che si installano sono estranei» e quindi non integrabili ossia disintegranti. Chi nell'Italia futura leggerà Dante? Già le ultime generazioni di autoctoni non sembrano ansiose di immergersi nella Divina commedia e nei Promessi sposi , che pure parlano della loro storia e della loro geografia, figuriamoci i figli del Marocco e della Cina quanta voglia avranno di leggere un poeta fiorentino che sbatte Maometto all'inferno e un romanziere milanese fissato con quel ramo del lago di Como e incapace di scrivere un capitolo senza riempirlo di preti, frati e monache.
    Irradia malessere il mostruoso grattacielo eretto da Renzo Piano sul corso Inghilterra, visibile dappertutto, un'offesa bruciante per l'intero contesto urbano».Nella città di Torino 167 metri di hybris senza stile hanno messo definitivamente in ombra il bicerin, la Consolata, il Cambio, i gianduiotti, il vermut, il Circolo dei Lettori, Piazza San Carlo, la Sindone, il Po. Ci devo riflettere e mentre rifletto attacco la comunicazione moderna, internet, i telefonini: «Lo smartphone è un baratro senza fondo in cui l'Utente, una volta catturato, precipita senza fine». E la riproduzione moderna, le provette, la fecondazione artificiale: «Come regresso di civiltà non c'è male: una siringa, una siringatura, la donna parificata alle vacche...». Cito Jean Rostand, il biologo francese tra i primi a intravedere i pericoli della maternità manipolata, e poi: «Rostand mette in guardia le donne (ma chi può persuadere qualcosa alle scervellate?)».

    La messa italiana e il rock inglese.
    Rimpiango «la Messa tridentina in latino, che Papa Benedetto 16^ cerco' invano di rimettere in uso, con un motu proprio. Ricordandoci che Papa Ratzinger si è dimesso dopo aver constatato che nella Chiesa nessuno gli dava retta. Sono talmente tanti che è impossibile fare i nomi dei vescovi colpevoli di aver boicottato, anche apertamente, il motu proprio. O andavano via loro o andava via il Papa: è andato via il Papa, trascinando di nuovo nell'abisso latino e gregoriano, «sostituito da cori e coretti da pollaio».






    RispondiElimina
  37. Io ho sposato una straniera, viviamo da decenni insieme, le ho acquistato una casa e non lavora. Parla bene la nostra lingua, si é integrata bene ed ha delle buone amicizie. Per questo credete che lei pensi in Italiano NOOOO! Lei pensa nella sua lingua NATIA e due volte all'anno parte per il suo paese a trovare chi ha lasciato. Le chiesi un giorno il perché di tutto questo e la risposta fu la seguente : Tu puoi dare da mangiare ad un LUPO, ma LUI GUARDERA' SEMPRE IL BOSCO. E cosi sono i migranti, loro si faranno come tutti gli Italiani che sono all'estero i loro ghetti. parleranno la loro lingua, mangeranno i loro prodotti, come lo stanno facendo e alleveranno i loro figli con la loro cultura e degli Italiani a loro non INTERESSA.

    RispondiElimina
  38. Basta vedere il comportamento e la mentalità di diversi figli di immigrati, magari già di seconda o terza generazione. Molti fra questi vorrebbero già ora cambiare il nostro paese, ribaltando cultura, religione, usi e costumi, tradizioni, il cibo e l'abbigliamento. Credo non serva altro per capire che ci stanno invadendo e, prima ci svegliamo, meglio sarà. Speriamo presto.

    RispondiElimina
  39. http://www.lametino.it/Ultime/lamezia-casapound-sabato-27-presidio-di-protesta-contro-centro-d-accoglienza-al-teatro-russo.html


    26 giugno 2015

    RispondiElimina