martedì 12 maggio 2015

CasaPound Liguria contro il centro di accoglienza a Sarzana (La Spezia)

CasaPound Liguria contro il centro di accoglienza a Sarzana (La Spezia)

Durante la trasmissione televisiva 'Quinta Colonna', in diretta da Sarzana (La Spezia), i militanti di Casapound Liguria hanno dato vita ad un presidio per protestare contro l'apertura di un centro di accoglienza per immigrati. "Non possiamo accettare che ancora una volta la precedenza venga data agli immigrati, mentre si lasciano sotto i ponti o nei campeggi famiglie italiane in condizioni economiche disagiate" - si legge in una nota del movimento. "La politica dell'accoglienza è un fallimento; si è rivelata solamente un affare per le cooperative "vicine" ai partiti politici, e come tutti sanno non vi è alcuna possibilità ne di controllo né di sicurezza all'interno dei Centri.

42 commenti:

  1. Sono cavoli amari per gli immigrazionisti affaristi mafiosi piddini.
    Adesso inizia una riscossa dei cittadini italiani discriminati a casa propria da traditori italidioti.

    RispondiElimina
  2. Napalm nei covi sinistronzi

    RispondiElimina
  3. http://www.lepanto.org/wsite/chi-siamo/







    CONTRO GLI ISLAMICI ED I LORO COMPARI CI VUOLE UN ESORCISMO X BATTERE SATANA

    RispondiElimina

  4. l'europa da anni ormai si è suicidata col discorso clandestini. morta, ko, defunta! per fortuna non ci sarò piu quando i nostri poveri figli e nipoti vivranno del piu totale inferno africano.


    I francesi non mi stanno particolarmente simpatici, devo però riconoscere che hanno una polizia che fa i loro interessi, difende le loro persone e le loro proprietà. Potessimo contare sulla nostra! No, ammanettata da ordini superiori di permessivismo. Così Milano (per dirne una recente), il giorno dopo si rimbocca le maniche e raccoglie i cocci. Va male, va male.



    Ecco perche' l'Europa non ci aiutera'! Ha capito che questi nostri politici li lasceranno comunque passare tutti ... finche' non gira il vento! Quanto alla Polizia cosa avrebbe dovuto fare? Una cosa e' certa che loro li prendono e: 1) li spediscono in Italia, 2) lispediscono a casa ovunque sia! Non abbiamo piu' alcuna credibilita'! E' inutile che Renzi si pavoneggi e Mogherini vada a leggere discorsi indegni del primo anno di Scienze Politiche!


    GLI IMMIGRATI CLANDESTINI ORMAI NON LI FERMA PIU' NESSUNO. NON HANNO REGOLE E NON RISPETTANO LE LEGGI, PRETENDONO E BASTA, SE ANDIAMO AVANTI COSI' FRA DUE ANNI L'EUROPA SARA' INVASA COMPLETAMENTE. BISOGNA CHIUDERE LE FRONTIERE ASSOLUTAMENTE, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI. E POI CHI LI MANTIENE QUESTI DISPERATI....FORSE LA BOLDRINA?


    Ci sono ancora dubbi?E' in atto l'Invasione dell'Europa!Senza armi,per carità!Ma sempre Invasione è!Tempo mezzo secolo ed il Continente Nero sarà l'Europa!Ancora pochi hanno capito che la causa principale di tutti nostri problemi,è una sola!L'Incremento Demografico!Purtroppo,l'Ignoranza,maggiormente diffusa nel Terzo Mondo,è la madre più prolifica!Loro,del Terzo Mondo,fanno figli a raffica anche se poi muoiono di fame!E poi,qualche Onlus,raccoglie fondi per questi Ignorantoni!Bisognerebbe dimezzare l'umanità,se si vogliono risolvere tutti i suoi Problemi!


    ma così trattano le risorse boldriniane ? ma forse siamo gli unici fessi europei, oppure chi sta al governo (la sinistra) pappa anche sull'accoglieza .

    Comunque sarà meglio mettere dei paletti per l'aumento della demografia. Se tutti i poveri mangiassero un pasto normale come i popoli che stanno bene, dovremmo mangiare le cavallette perché il cibo per tutti in egual misura non ce n'è sia che si tratti di bestiame o di pesca. Perché non c'è terreno abbastanza per dare il cibo al bestiame da accontentare tutti e nemmeno pesce che stà scarseggiando già ora. Quindi bisogna inanzitutto decrescere se vogliamo eliminare la povertà.


    Ma come....la Francia e' paese governato dalla sinistra e mazzola le povere risorse! Ma da noi un panino, un cartone e un giaciglio sotto le stelle non si rifiuta a nessuno!









    RispondiElimina
  5. Francesco Munari Reporter12 maggio 2015 19:29

    QUESTA SERA CANALE ITALIA TRASMETTERA' UN SERVIZIO SULLA QUESTIONE DEI PROFUGHI A SARZANA PRESSO L'EX DISCOTECA "ZEBRA". NON SOLO "MAFIA CAPITALE" A ROMA: ALL'INTERNO DEL REPORTAGE LE PAROLE DI UN IMPRENDITORE CHE DICHIARA, A TELECAMERA NASCOSTA, DI AVER FATTO LAVORARE IN NERO, PER POCHI EURO, UNO DEGLI IMMIGRATI OSPITI DELLA STRUTTURA, CON L'EVIDENTE CONNIVENZA DEL CENTRO. DOVE SONO I CONTROLLI ANNUNCIATI DA PREFETTURA ED AMMINISTRAZIONE? GLI ITALIANI DISOCCUPATI PER MALCOSTUME, DUNQUE, E NON PER CRISI. TG CANALE ITALIA - ORE 20.30 CANALE 283 (SERENISSIMA) E ORE 21 CANALE 84 (CANALE ITALIA 84) DEL DIGITALE TERRESTRE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della informazione e la vedrò. ..
      EJA

      Elimina
  6. Molto disinteressati i piddini che x conto dei loro padroni Lega coop importano mano d'opera a pochi euro e così c'è chi si arricchisce e chi si impicca x la disperazione...
    Ma tant'è. ..!!!!!
    Così sta andando il mondo ed un questo momento è difficile opporsi a questo immigrazionismo schiavistico tanto caro a Papa Bergoglio che spera di trovare proseliti senza tanta fatica di dover andare in Africa dove in questo momento ai cristiani tagliano la testa.
    Che fare? ??
    I cinesi consigliano di mettersi in riva al fiume che prima o poi passerà il cadavere dei tuoi nemici.
    L'impegno che profondono Leganord e Sovranità assieme a Cpi costituisce un baluardo valido.

    RispondiElimina
  7. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/14/roma-tre-algerini-forzano-portellone-del-volo-e-fuggono/1128386/


    Mario Valenza

    Alle 22.20 di ieri la torre di controllo dell’aeroporto di Fiumicino ha segnalato 3 passeggeri di nazionalità algerina di 21, 24 e 27 anni (quest’ultimo già respinto in precedenza) che poco prima del decollo durante le fasi di rullaggio di un aereo Alitalia
    in partenza per Istanbul hanno azionato gli scivoli d’emergenza fuggendo sulla pista di decollo 2. A bordo del volo c’erano 122 passeggeri di cui 21 algerini in transito e sei membri dell’equipaggio. È scattato immediatamente il sistema di ricerche, anche con unità cinofile, che hanno dato esito negativo. L’aereo all’una e cinquanta, è regolarmente decollato. I tre cittadini sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per attentato alla sicurezza dei trasporti e immigrazione clandestina. I tre algerini avevano acquistato regolare biglietto su un volo Algeri-Istanbul con scalo a Roma, ma una volta nella capitale invece di proseguire per la destinazione finale sono scappati.
    La coincidenza su Roma della tratta Algeri-Istanbul viene utilizzata da chi tenta di entrare clandestinamente in Italia. I passeggeri in via precauzionale vengono intercettati e vigilati fino a bordo pista dalla Polizia di Frontiera durante il trasferimento da un volo all’altro. E dopo la fuga, la Lega critica il governo. "Ennesima dimostrazione che l’Italia è governata in modo tragicomico: la storia dei 3 algerini che dovevano essere espulsi e sono riusciti a fuggire a Fiumicino sembra una barzelletta, ma purtroppo non c’è niente da ridere, perchè questo è il livello di sicurezza garantito nel nostro paese da Renzi e Alfano", afferma Roberto Calderoli, Vice Presidente del Senato. "Sono circa 500 le persone sparite - ha aggiunto - soltanto da questo aeroporto nel 2014 - spiega Calderoli - che vanno ad aggiungersi ad altre migliaia tra fughe e sbarchi con un’accelerazione vertiginosa delle fughe negli ultimi mesi, cioè in piena emergenza invasione".








    Commenti

    Zizzigo
    non abbiamo un vecchio paio di manette??


    antidoto
    Boldrini che non perde occasione per criticare le basi giudaico-cristiane della nostra civiltà, che guarda caso, ci invidiano in tutto il mondo, perché altrimenti non verrebbero tutti da noi, nell'Occidente (USA compresi), mi spieghi perché, se siamo pieni di fobie, cattivi e disumani, perché i tre algerini fanno di tutto per rimanere da noi anziché andare dai loro fratelli turchi mussulmani??? lei che osanna tanto i migranti, la cui maggioranza è di ideologia mussulmana, per la quale sia noi cristiani che lei komunista siamo dei cani infedeli, lo sa che una volta al potere, grazie al suo incondizionato supporto, o si dovrà convertire al loro dio, che non è lo stesso Dio dei cristiani – mi creda –, o sarà più piccola di esattamente una testa – la Sua!


    bracco
    Roba da matti, fanno meno ridere le comiche di Stanlio e Ollio che il carrozzone Italia.


    pinuzzo48
    ...fanno prove d invasione islamica.


    dondomenico
    Non vi preoccupate....sono dell'ISIS ma ci pensa alfano a prenderli....è già sulle loro tracce. Fra poco verrà in Tv a dire che li ha catturati.


    giovauriem
    oltre a protestare(solo perché battono cassa) le forze dell'ordine cosa fanno ? se quei signori sono stati espulsi, si presume che sono stati accompagnati dalle forze dell'ordine , e se non sbaglio la consegna per gli agenti è quella di aspettare che l'aereo si sollevi dalla pista , o no ?


    michetta
    ...se questa, e' la dimostrazione di chi ci difende! Mi sembra chiaro che, in Italia, TUTTI, possano fare cio' che vogliono, anche delinquere! Ed allora? Di che state parlando? A chi vi rivolgete? Feltri, sei pregato di NON scrivere piu' alcunche', tanto nessuno ti da retta!


    moshe
    ..ve li sie te fatti scappare !!! peggio dei somari (senza voler offendere quei nobili animali).


    hardcock
    Alf Ano corri che gli devi dare I bagagli. Ora la rivoluzione non e' piu differibile. Con questi cialtroni al potere diverremo un califfato mussulmano.

    RispondiElimina
  8. STOP INVASIONE CLANDESTINI E ISLAMICI NEMICI.





    http://www.imolaoggi.it/2015/05/17/germania-incendiato-un-altro-alloggio-destinato-ai-profughi/


    Germania: incendiato un altro alloggio destinato ai clandestini.

    domenica, 17, maggio, 2015

    Ancora una volta un attacco incendiario ad un alloggio destinato ai rifugiati  è stato commesso in Germania – questa volta a Brandeburgo. Gli autori hanno appiccato il fuoco nella notte presso Zossen, a sud di Berlino. La polizia ha arrestato due sospetti, ha detto un portavoce. Nella loro auto gli investigatori hanno trovato petardi, fiammiferi e manifesti con slogan definiti “xenofobi”.

    Nessuno è rimasto ferito perché l’alloggio era ancora disabitato, ha detto un portavoce della polizia e il danno per l’edificio è di lieve entità. Gli autori avevano dato fuoco a tre contenitori per rifiuti e solo la parte frontale dell’edificio amministrativo è stata danneggiata.

    Negli ultimi mesi ci sono stati ripetuti attacchi incendiari in Renania-Palatinato, Sassonia-Anhalt e Schleswig-Holstein per lo più su case disabitate, destinate ai profughi . La scorsa settimana, un responsabile finanziario è stato condannato a Lubecca per un incendio doloso in una casa per rifugiati.

    Qualche tempo fa, a Vorra, un piccolo centro della Baviera vicino Norimberga, tre edifici per l’accoglienza dei richiedenti asilo, ancora in ristrutturazione, sono stati dati alle fiamme e nella zona ci sono state diverse manifestazioni di cittadini esasperati dall’immigrazione selvaggia. A peggiorare la situazione ci si mise Angela Merkel che, con un intervento inopportuno per il momento, irritò ulteriormente la popolazione.

    Si moltiplicano intanto nel paese le manifestazioni anti-immigrati e contro l’islamizzazione della società. Sono organizzate da partiti e gruppi di estrema destra, ma frequentate anche da persone non impegnate politicamente che si dicono esasperate dall’eccessiva presenza di immigrati non integrati. Una situazione esplosiva che rischia di degenerare.

     











     

        

     

    RispondiElimina
  9. MINISTRO DELL'INTERNO ITALIANO AD HONOREM PER IL CAPO DEL GOVERNO LIBICO DI TOBRUK VISTO CHE ALFANO FA ENTRARE CANI E PORCI CORANICI NOSTRI NEMICI.



    http://www.imolaoggi.it/2015/05/16/libia-governo-tobruk-vieta-ingresso-bengalesi/


    Libia, il Governo di Tobruk vieta l’ingresso ai bengalesi.

    Sabato, 16, maggio, 2015

     
    Il Governo di Tobruk, riconosciuto a livello internazionale, ha vietato l’ingresso in Libia ai lavoratori del Bangladesh, perche’ molti di loro tentano poi di andare in Europa illegalmente. “I lavoratori del Bangladesh – afferma Hatem Uraibi, portavoce del Governo di Tobruk – non potranno entrare in Libia. Il divieto fa parte degli sforzi del Governo per combattere l’emigrazione illegale”. (AGI) .

     

     

        




     

    Nome (richiesto)

    Mail (non viene pubblicata) (richiesta)

    Sito Web

    NEWSAlfano contraddice i funzionari libici: “nessuna traccia di terroristi sui barconi”Statua di Putin crocifisso in LettoniaJihadisti Isis già arrivati in Europa con i barconi, miliziani tra i migrantiDisperato minaccia una tragedia familiare: “Lo Stato non può abbandonarci cosi”La Grecia potrebbe ospitare una nuova base Nato nel mare EgeoGermania: incendiato un altro alloggio destinato ai profughi17enne scambiato per leghista: colpito dagli antagonisti va in crisi epiletticaGrillismo, “puerto escondido” di centri sociali e PdEgitto: leader dei Fratelli musulmani condannato a morte. Ira della TurchiaLibia, il Governo di Tobruk vieta l’ingresso ai bengalesi.

    RispondiElimina
  10. http://www.intelligonews.it/articoli/18-maggio-2015/26636/immigrati-ue-allam-l-agenda-follia-incoraggia-i-migranti-e-aiuta-gli-scafisti

    Magdi Cristiano Allam


    Io credo che sia insensato immaginare un’ulteriore distribuzione dei clandestini in tutta Europa. Ciò significherebbe incentivare l’immigrazione clandestina, sarebbe una strategia a favore degli scafisti.  Loro non chiedono di meglio, un clandestino frutta tanto denaro e rappresenta una miniera d’oro anche per il terrorismo islamico che opera in combutta con i criminali che organizzano i viaggi».
    «Ma è Italia che dovrebbe bloccare questo flusso e non lo fa! È una follia che l’Italia non solo non blocca i flussi irregolari ma chiede anche agli altri Paesi di farsi carico di questa situazione. Siamo di fronte ad una strategia di islamizzazione dell’Europa e questi clandestini vengono mandati dagli estremisti islamici, ormai è il segreto di Pulcinella e solo Alfano fa finta di non saperlo».
    Di jihadisti che potrebbero mescolarsi ai migranti sui barconi ha parlato anche il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Ma l’Italia ha sempre detto che finora tale eventualità non si è mai verificata...
    «Solo se fossero cretini i terroristi non coglierebbero questa opportunità di infiltrare loro uomini sui barconi. Ma invece siamo cretini noi che immaginiamo che non lo fanno».
    «A me non piace esprimermi su fatti che non conosco, quello che posso dire è che i terroristi continuano a ripetere che dopo la Libia arriveranno a Roma, sulla falsa riga di un detto attribuito a Maometto secondo il quale dopo la presa di Costantinopoli i musulmani avrebbero conquistato anche Roma. Insomma non è una novità questo proposito, Roma è la roccaforte del cattolicesimo ed ha un altissimo valore simbolico. Tuttavia per esperienza dico che nessun terrorista che vuole ucciderti ti invia prima una lettera» L’unica iniziativa di successo fu l’accordo di Berlusconi con Gheddafi per evitare le partenze. L’Ue dovrebbe ripercorrere una strada simile? «Il crollo di Gheddafi voluto dalla Francia è stata una calamità per l’Europa, e in particolare per l’Italia, di cui oggi ancora paghiamo le conseguenze. L’Ue adesso dovrebbe essere unita proprio nel ricreare le condizioni affinché in Libia si formi uno stato in grado di garantire ordine e sicurezza, altrimenti la Libia resterà fonte di insicurezza per tutta l’Europa».
    Lei prima ha definito i migranti “clandestini”, allora è d'accordo con la Meloni che ha fatto osservare che la maggior parte dei richiedenti asilo sono uomini, giovani e soli. Una condizione che poco avrebbe a che fare con chi scappa da una guerra per salvare la famiglia...
    «Il dato oggettivo vede arrivare prevalentemente uomini soli, poi donne incinte e minori non accompagnati. Mancano gli anziani e i nuclei familiari. Ma la domanda da porsi per inquadrare il fenomeno è un’altra: chi scappa dalla guerra e dalla miseria come fa a permettersi un'attraversata per cui è richiesta una cifra che va dai 1000 ai 3000 euro? E parliamo di persone che vengono da Paesi in cui il reddito pro-capite è di 50 euro al mese. Quindi come fanno a possedere tanti soldi? Temo che la risposta sia nel fatto che c’è qualcuno che paga loro questi viaggi. Naturalmente non lo fa in modo disinteressato, ma dietro questa ondata inarrestabile c’è una strategia di islamizzazione di tutto il continente europeo".

    RispondiElimina
  11. Francia e Inghilterra rifiutano le quote sull’immigrazione della nuova agenda dell’Ue. Stanno distraendo l’opinione pubblica con questa guerra agli scafisti mentre gli immigrati continuano a entrare. Il vero problema di Francia, Inghilterra e Germania è che non li vogliono, ce li dobbiamo prendere solo noi, le quote loro non le vogliono. Dicono “la quota già ce l’abbiamo”, ma non stiamo parlando di immigrati regolari, si tratta di persone che devono essere sfamate e controllate. Questi Paesi finalmente sono usciti allo scoperto, l’Europa non è solidale».Tra l’altro l’immigrazione nei prossimi anni è destinata ad aumentare in maniera esponenziale. Ci sono le guerre, molti scappano, altri non si sa. Noi dobbiamo fronteggiare il terrorismo, lo sbarco continuo di immigrati e il giubileo senza un aiuto. Ci dicono tutti di no e non gli arriva neanche la prima ondata di immigrati, quella vera, più pericolosa, da loro entrano quelli già identificati. Le disposizioni europee valgono solo quando si tratta di vincoli per l’Italia sul deficit. Da soli non ce la possiamo fare ma a loro non interessa perché non c’è solidarietà in Europa, è un concetto che non esiste in nessun trattato, c’è sussidiarietà, reciprocità, ma non solidarietà, basta dire che a Malta hanno chiuso le frontiere. Alfano invece di andare agli Internazionali di tennis, andasse a vedere le condizioni dei nostri porti dove avvengono gli sbarchi. Si allungheranno anche i tempi, perché è difficile identificare le persone che arrivano e adesso che ci saranno anche i delegati dell’Ue a fare questo lavoro i tempi si dilateranno. Rimarranno in Italia ancora più a lungo, tanto all’Ue non importa nulla e all’Onu ancora meno.









    RispondiElimina

  12. http://www.nocristianofobia.org/12enne-aggredita-per-il-crocifisso-al-collo-ma-ce-chi-nega-il-movente-religioso/



    Crocifisso al collo, 12enne picchiata, ma si nega il movente religioso…!!!!!!!!!??????

    16 maggio 2015 



    Aveva un piccolo crocifisso al collo: è stato questo il movente, che ha spinto un 12enne senegalese, da poco residente regolarmente in Italia, prima ad insultare e minacciare – pare anche di morte – una coetanea, poi a colpirla alle spalle con un pugno, inferto con forza. Il drammatico episodio è avvenuto all’uscita dalla scuola media “Benedetto Brin” di Terni. Il baby-aggressore, che solo dallo scorso 27 aprile aveva iniziato a frequentare l’istituto, è stato subito bloccato dalla madre della vittima, ha confermato di fronte ai Carabinieri la ragione del suo gesto, eppure non è imputabile in quanto minore di 14 anni. La ragazzina, condotta al Pronto Soccorso dell’Ospedale Santa Maria, ha riportato una contusione toracica, giudicata guaribile in 20 giorni. Ma è rimasta sotto choc ed ora ha paura di tornare a scuola.

    Il Comune per bocca dell’assessore alla Scuola, Carla Riccardi, sdrammatizza. Lo stesso, la scuola. Ma non si limita a questo. La cosa sconcertante, secondo quanto riferito daTgCom24 e da Repubblica, è che, nonostante quanto ammesso ai militari dallo stesso aggressore, la preside giunga ad affermare: «La religione non c’entra. I due bambini non andavano d’accordo, avevamo già convocato i genitori di entrambi, perché c’era stato un altro episodio la settimana precedente durante la gita scolastica», come se la responsabilità dell’accaduto fosse attribuibile ad entrambi, al 50%. Che i motivi siano effettivamente «religiosi», però, lo ha confermato anche il quotidiano della Cei, Avvenire, sul suo sito Internet.

    Anche il Vescovo, mons. Giuseppe Piemontese, pur rilevando la gravità dell’episodio, ha chiesto di non strumentalizzarlo. I fatti, però, parlano da soli. E tanto Lega Nord quanto Fratelli d’Italia e Forza Nuova, oltre a molte sigle locali, han chiesto che la famiglia del manesco alunno venga rispedita nel suo Paese.

    RispondiElimina
  13. RITIRARE LICENZA SUBITO E CACCIARLO DA ITALY





    http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/20/padova-il-tariffario-razzista-per-un-bianco-costa-di-piu/1131079/





    20 Maggio 2015

    Padova, il tariffario razzista: per un "bianco" costa di più.
    La polizia locale di Padova sequestra il listino prezzi di un parrucchiere africano: taglio a 10 euro per un "white" e a 5 per un "black". La Lega: "Questo è razzismo".


    Giuseppe De Lorenzo

    A denunciarlo è stato il sindaco di Padova Massimo Bitonci sulla sua pagina facebook. Ha pubblicato una foto con il tariffario razzista appena sequestrato dalla polizia locale. L'immagine parla chiaro: dal parrucchiere etnico, essere bianchi o neri può convenire eccome. Gli sconti per i "black", infatti, arrivano anche al 50%.

    Il taglio dei capelli costa 10 euro per un bianco e solo 5 euro per un nero. Radere la barba di un caucasico vale 5 euro, quella di un africano solo 3. Anche il servizio completo barba e capelli ha un tariffario differenziato per colore della pelle, 15 per chi ha la sfortuna di essere chiaro di carnagione, 8 se appartieni alla comunità africana.

    L'assessore comunale di Padova Fabrizio Boron e il presidente del Consiglio comunale Roberto Marcato hanno attaccato con un video il parrucchiere e chi accusa la Lega Nord di essere intollerante. "Questo è razzismo - ha spiegato Boron - noi siamo contro, chi invece difende questo stato di cose è razzista". "Padova, No apartheid", ha ribattuto Marcato con uno slogan da campagna elettorale.

    Un tariffario razzista, si potrebbe dire, al contrario. Mentre in america le comunità africana è in rivolta per ottenere più diritti, qui c'è chi si organizza per dare dei vantaggi ai chi ha lo stesso colore della pelle, discriminando i "white". A meno che questi non vogliano tingersi i capelli: in quel caso il prezzo è uguale per tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa dei GIUDA piddini che vanno fucilati

      Elimina
  14. http://voxnews.info/2015/05/20/lega-denuncia-renzi-e-al-fano-per-favoreggiamento-immigrazione-clandestina/








    MALEDETTO GOVERNO COLLUSO MAFIOSO DI M...

    RispondiElimina
  15. http://www.lapresse.it/mobile/politica/tunisia-opposizioni-contro-governo-lega-nord-denuncia-renzi-e-alfano-ai-carabinieri-1.705462


    Tunisia, opposizioni contro Governo: Lega Nord denuncia Renzi e Alfano ai carabinieri.


    20 MAGGIO 2015

    di Donatella Di Nitto

    Roma--
    Le opposizioni in Parlamento si schierano contro Alfano e Renzi: "Com'è entrato in Italia il presunto attentatore al museo del Bardo di Tunisi?". La notizia dell'arresto di Abdel Majid Touil, marocchino di 22 anni, arrivato in Italia con un barcone un mese prima della strage del 18 marzo, non fa scattare l'applauso dei parlamentari, anzi si trasforma in un esposto presentato alla caserma dei carabinieri di piazza san Lorenzo in Lucina a Roma contro il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e i ministri dell'Interno e degli Esteri, Angelino Alfano e Paolo Gentiloni. Autori della denuncia senatori e deputati della Lega Nord che nel documento chiedono alla magistratura di valutare se nel comportamento del governo ci siano elementi che prefigurino il reato di favoreggiamento all'immigrazione clandestina.

    Secondo il capogruppo del Carroccio a Montecitorio è incomprensibile che "questi personaggi escano ed entrino nel Paese come fosse un hotel". Le critiche si scatenano immediatamente dopo l'approvazione del disegno di legge sulla Scuola, con Renato Brunetta, in primis, che chiede formalmente che il premier Renzi riferisca in aula sulla cattura del presunto terrorista. "Non sarà certamente con l'ipocrisia del premier Renzi, che con un tweet pensa di risolvere una questione che ha coinvolto il Paese, questo Parlamento e la sua sicurezza - sottolinea il capogruppo azzurro - Quante volte in quest'aula, signora presidente, abbiamo denunciato l'inerzia del Governo, l'inerzia del ministero dell'interno circa l'immigrazione clandestina, circa le politiche migratorie".

    Più duro l'attacco al governo di Riccardo Nuti, da banchi del Movimento 5Stelle: "Questo è un teatrino che deve finire! Non potete continuare a prendere in giro gli italiani continuando a litigare su un problema che da anni dite di volere risolvere, su cui avete la soluzione, mentre, invece, continuate a finanziare le guerre civili che avvengono nei Paesi dai quali fuggono tutte queste persone". "Per voi gli immigrati sono dei soldi, né più né meno - attacca il deputato pentastellato - Destra e sinistra insieme, finta sinistra con finta destra. Il vostro posto è il carcere".

    Gli animi si scaldano nell'emiciclo, il deputato Dem, Marco Miccoli denuncia "un tentativo di aggressione da parte dei colleghi del Movimento 5 Stelle verso il nostro collega (Marcucci, ndr.)". La presidente richiama più volte all'ordine, volano parole grosse contro la presidenza e tra M5S e Pd, tanto che Boldrini è costretta a espellere sia Tofalo sia Bonafede, entrambi del Movimento 5 Stelle. La bagarre non termina con la sospensione dell'aula. La Lega Nord, durante la riunione del capigruppo di Montecitorio, chiede che il presidente del Consiglio venga a riferire sull'arresto del giovane marocchino, accusato dal governo di Tunisi di aver fornito un supporto logistico agli attentatori del Bardo. La richiesta non viene accolta. Al posto di Renzi ci sarà il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, a riferire domani alle 9.30. Al Carroccio non basta, il presidente dei deputati leghisti, Massimiliano Fedriga, abbandona la capigruppo. Direzione carabinieri.






    RispondiElimina

  16. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11791837/Marocchino-arrestato-a-Gaggiano--la.html?refresh_ce


    Marocchino arrestato a Gaggiano, la Lega Nord denuncia Renzi Alfano Gentiloni.


    20 Maggio 2015


    L'arresto del 22enne marocchino a Gaggiano, sospettato di aver organizzato l'attentato terroristico al Museo del Bardo di Tunisi dello scorso marzo, ha un evidente risvolto politico. Si dà il caso, infatti, che Abdel Majid Touil sia arrivato in Italia su un barcone lo scorso 18 febbraio a Porto Empedocle, insieme ad altri 80 migranti. A quanto risulta ai nostri servizi segreti, Abdel è un clandestino, identificato e immediatamente espulso, con obbligo di lasciare l'Italia entro 15 giorni. Come possa aver poi raggiunto Gaggiano e vivere indisturbato per settimane, è mistero tutto italiano. Le opposizioni in Parlamento si sono scatenate contro il ministro degli Interni Angelino Alfano, che nei giorni scorsi aveva sempre escluso la presenza di terroristi sui barconi in arrivo in Italia. Di più: senatori e deputati della Lega Nord hanno presentato un esposto nella caserma dei carabinieri di piazza San Lorenzo in Lucina contro lo stesso Alfano e il premier Matteo Renzi, chiedendo alla magistratura di valutare se nel comportamento del governo ci siano elementi che prefigurino il reato di favoreggiamento all'immigrazione clandestina. E in Aula a Montecitorio i toni si sono scaldati, con il Movimento 5 Stelle durissimo contro il Pd e i deputati dem che hanno denunciato una "aggressione" al loro collega Marcucci da parte dei grillini.

    RispondiElimina

  17. http://www.ilmeteo.it/notizie/Roma/lega-denuncia-il-governo-ai-carabinieri-non-tutela-i-cittadini-386577?refresh_ce


    20 Maggio 2015

    Lega denuncia il governo ai carabinieri: "Non tutela i cittadini".


    Roma- I parlamentari della Lega Nord hanno presentato, in una caserma dell'Arma, un esposto contro il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e i ministri dell'Interno e degli Esteri, Angelino Alfano e Paolo Gentiloni, "in quanto non tutelano la sicurezza nazionale e dei cittadini di questo Paese", sulla scia dell'arresto del presunto terrorista marocchino fermato oggi a Milano con l'accusa di essere uno degli organizzatori dell'attentato al museo del Bardo di Tunisi, che sarebbe giunto in Italia su un barcone carico di immigrati. Ed e' alla stazione dei Carabinieri di piazza San Lorenzo in Lucina che si sono presentati questo pomeriggio Massimiliano Fedriga, capogruppo alla Camera del Carroccio, insieme a una decina di parlamentari leghisti. "Vogliamo che la magistratura accerti se ci sono delle responsabilita' e continueremo con queste azioni eclatanti e forti perche' la politica dell'invasione incontrollata di questo governo deve terminare", dicono gli esponenti del Carroccio. La Lega, ha aggiunto Fedriga, ha piu' volte segnalato la presenza di terroristi sui barconi in arrivo in Italia dalle coste del nord Africa. "Nell'esposto - sottolinea il parlamentare - segnaliamo i fatti, le informative fatte dal governo in aula dove negavano il rischio di infiltrazioni terroristiche all'interno dei barconi. Piu' volte lo abbiamo segnalato ma c'e' stato risposto che siamo sciacalli, razzisti, xenofobi. Semplicemente, e ci rammarichiamo di avere avuto ragione, segnalavamo che il rischio c'era e che si doveva e si deve tutelare la sicurezza dei cittadini e del Paese".

    RispondiElimina
  18. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/21/studente-africano-minorenne-stacca-il-crocifisso-dal-muro-e-lo-mette-fuori-dalla-finestra/1131501/


    21 Maggio 2015

    Studente africano minorenne stacca il crocifisso dal muro e lo mette fuori dalla finestraScandalo a scuola a Vigevano: uno studente è stato sospeso per venti giorni. Non è chiaro se il gesto sia stato motivato dall'odio religioso. Il preside: "Massima severità"

    Ivan Francese

    Un gesto sgradevole, a metà tra la bravata e un brutto atto di disprezzo per i simboli religiosi della Fede altrui.

    A vigevano uno studente nordafricano minorenne è stato sospeso per venti giorni dopo aver rimosso il crocifisso appeso in aula e averlo appeso fuori dalla finetra. Un alunno dell'istituto "Caramuel" è stato così sanzionato dopo essersi presentato in classe con chiodi e martello per staccare il simbolo sacro dal muro e ricollocarlo fuori dalla finestra. "Abbiamo voluto dare un segnale forte - è l’unico commento del dirigente scolastico Matteo Loria - perché vogliamo che episodi del genere non abbiano più a ripetersi".

    Sul caso è intervenuto anche l'ex vicesindaco di Milano Riccardo De Corato che ha deplorato l'accaduto biasimando il comportamento del giovane: "Ecco l'integrazione che il centrosinistra dice di vedere: uno studente nordafricano è stato sospeso da scuola perché ha staccato il crocefisso dal muro per appenderlo fuori dalla finestra. Questo è il rispetto che gli immigrati dimostrano per il nostro Paese, le nostre tradizioni e la nostra religione. Presenterò un'interrogazione in Regione."

    Curiosamente, nello stesso istituto è stato sospeso per 40 giorni anche un altro studente, quindicenne, che ha iscritto un'insegnante, a sua insaputa, in un gruppo di WhatsApp in cui sarebbero avvenuti ripetuti scambi di materiale pedopornografico. Sull'accaduto è stata aperta un'indagine da parte della polizia.





    RispondiElimina

  19. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/21/studente-africano-minorenne-stacca-il-crocifisso-dal-muro-e-lo-mette-fuori-dalla-finestra/1131501/


    21 maggio 2015



    Commenti


    Tuthankamon
    Inaccettabile! Preavviso e alla seconda fesseria, vanno tutti a casa!


    do-ut-des
    a casa sua in Africa immediatamente. Dobbiamo sopportare queste cose anche a casa nostra? Ma questi sono bacati nella testa....via via, anda anda. Possibile che tutti stanno zitti? Fosse stato un italiano che lo avesse fatto con il corano, chissà cosa sarebbe successo. Ma veramente, siamo un popolo di coglioni.! !!!!!!


    killkoms
    se un gesto analogo fosse stato compiuto da uno studente cristiano in un paese a maggioranza mussulmana,come minimo gli staccavano una mano..!


    roseg
    calma sono solo ragazzate, sono o non sono le nostre risorse? Devono integrarsi...un po di pazienza.



    Rossana Rossi
    Tranquilli...tra un po' ci cacceranno da casa nostra (come già avviene più spesso di quanto si creda.....)


    Libertà75
    L'ennesimo atto di razzismo perpetuato dai nuovi cittadini. In tutto questo il PD tace dimostrando la complicità morale e materiale con l'accaduto.


    plaunad
    Se lo avesse fatto uno steudente italiano con il corano sai il putiferio. Lo avrebbero cacciato da tutte le scuole del Paese.


    Jaspar44
    ...è perché in famiglia sente parlare di una futura "vittoria" dell'islam sul cristianesimo e sapendo che in Italia tutto è permesso il "fanciullo" s'è preso la libertà di "farsi" eroe agli occhi dei suoi correligionari che - per il momento - di nascosto applaudono.


    bruno_dore
    " .... a metà tra la bravata e un brutto atto di disprezzo per i simboli religiosi della Fede altrui." - La prima opzione mi sembra improbabile dato che successivamente è riportato : "... dopo essersi presentato in classe con chiodi e martello per staccare il simbolo sacro dal muro e ricollocarlo fuori dalla finestra". L'atto è evidentemente premeditato e ben inquadrabile nella mentalità che può essere formata dall'insegnamento religioso islamico. Sono noti simili episodi recenti (croce al collo della compagna) e meno recenti: ricordo la persona dell'islamico Adel Smith: crocefisso gettato fuori dalla finestra dell'ospedale dove era ricoverata la suocera (nonché altri sgradevoli episodi, anche in trasmissioni tv).

    RispondiElimina
  20. http://www.direttanews.it/2014/08/24/morto-adel-smith-luomo-getto-crocefisso-dalla-finestra/




    SAI LE RISATE QUANDO ALL'INFERNO LO ASPETTA SATANA CHE GLI FICCHERA' UN PUNTERUOLO ROVENTE. ....ALTRO CHE VERGINI. ....AHAHAHAH

    RispondiElimina
  21. http://m.udinetoday.it/politica/pittoni-chiede-petizione-lega-contro-clandestini.html


    Il leghista Pittoni: "Petizione contro i clandestini, ma il sindaco di Udine non ascolta".

    L'esponente del carroccio: "Per ben due volte la risposta è stata un secco no alla mozione con cui segnalavamo azioni possibili da suggerire a Roma per prevenire l'invasione di richiedenti asilo"

    22 maggio 2015

    «La petizione anti-clandestini è a questo punto una strada obbligata.Sono quasi due anni, praticamente dall'inizio dell'operazione “Mare Nostrum”, che chiediamo al sindaco di Udine di farsi portavoce col Governo di alcune proposte praticabili per frenare i flussi di clandestini, assolutamente prevedibili e di cui le amministrazioni locali sono le prime vittime. Per ben due volte la risposta è stata un secco no alla mozione con cui segnalavamo azioni possibili da suggerire a Roma per prevenire l'invasione di richiedenti asilo».
    Motiva così l'ex senatore Mario Pittoni, capogruppo della Lega Nord a palazzo D'Aronco e già responsabile del Carroccio in commissione Politiche dell'Ue a palazzo Madama, l'avvio della raccolta firme su una petizione che impegna il sindaco a presentare precise richieste al Governo.
    «Stiamo definendo – spiega Pittoni – il testo del documento, che riprenderà i punti più significativi dei sette che abbiamo elaborato per prevenire questo tipo di emergenze, cinque di competenza del governo nazionale e due che coinvolgono la comunità internazionale.Chiederemo in particolare la firma per domandare il ritorno dell'Italia a due livelli di protezione per i richiedenti asilo, come negli altri Paesi (ne abbiamo un terzo che attira altri clandestini) e per  il ripristino del reato di immigrazione clandestina. Siamo l'unico Paese ad averlo abolito, pur essendo i più esposti, con effetti devastanti già al semplice annuncio. Mancando il decreto attuativo, lo si potrebbe ancora utilizzare per l'espulsione degli indesiderati. Ma chi ci governa ha pensato bene di svuotare il relativo fondo. Poi qualcuno - conclude Pittoni - ci viene a raccontare che non ci sono strumenti per mettere i flussi di clandestini sotto controllo».








    RispondiElimina
  22. http://m.forlitoday.it/cronaca/soccorso-giovane-burkina-faso-convulsioni-trovata-refurtiva-19-maggio-2015.html


    Soccorso in via Gorizia in preda alle convulsioni: trovato con tanta refurtiva.

    La Volante della Questura di Forlì, impegnata in un servizio di controllo del territorio disposto dal Questore Salvatore Sanna, stava pattugliando l'area della Pianta.

    21 maggio 2015

    Trovato con un carico di refurtiva mentre ha accusato un improvviso malessere in strada. E' quanto accaduto lunedì sera ad un ventenne del Burkina Faso, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio. La Volante della Questura di Forlì, impegnata in un servizio di controllo del territorio disposto dal Questore Salvatore Sanna, stava pattugliando l'area della Pianta. Giunta in via Gorizia ha intercettato il giovane in preda ad uno stato convulsivo, appena rovinato dalla bici.
    I poliziotti l'hanno soccorso, richiedendo nel frattempo l'intervento del 118. Con se il ragazzo aveva un borsone contenente magliette, silp, calzini, giacche in confezioni di cellophane e ancora con l'etichetta del prezzo, ma anche bigiotteria (braccialetti e catenine), auricolari, telefonini e torce. Addosso aveva invece mille euro, banconote ucraine e russe ed una da due dollari. Mentre il ventenne veniva preso in cura dai sanitari dell'ospedale di Forlì, i poliziotti si sono attivati per chiarire la provenienza degli oggetti trovati e del denaro.
    Le banconote, i telefonini e gli articoli di bigiotteria sono risultati rubati ad una cittadina di nazionalità russa, residente in via Paradiso. Il furto era stato commesso nella nottata tra sabato e domenica, in assenza della proprietaria. Il tutto è stato restituito. Sono in corso le indagini per la restituzione dei capi d'abbigliamento. Nessun negoziante della città ha segnalato di aver subìto un furto. Il 20enne, dimesso dopo le cure del caso, è stato denunciato a piede libero per ricettazione. Probabilmente all'origine del malessere l'uso di sostanze stupefacenti.








    Commenti

    franz
    Dai adesso lo curano !!!!!????

    beppe
    Cut c'iapes un colp... Vedi che a volte si attaccano... È sempre più la giustizia divina l'unica in cui possiamo oramai sperare.


    Macchianera
    Denunciato e nulla più, altrimenti come farebbe a riprendere la sua attività! Ciò ragazzi, mo non è ora di farla finita?

    RispondiElimina
  23. QUESTE SONO LE RUBERIE PIDDINE DA 4 ANNI...!!!!!
    RIVOLUZIONE PER ARRESTARLI TUTTI ..!!!!!!



    Case con i soldi per i migranti: il capo della Onlus in lista con i Verdi.

    CARLO MARINI

    24 maggio 2015

    Il presidente di un’associazione onlus che si occupava di migranti e la sua compagna sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza nel Napoletano con l’accusa di essersi impossessati di denaro destinato all’assistenza agli immigrati. Nell’inchiesta della procura di Napoli sono contestati i reati di truffa, peculato e appropriazione indebita. Un’ordinanza di custodia in carcere è stata eseguita nei confronti di Alfonso De Martinopresidente dell’associazione senza scopo di lucro “Un’Ala di Riserva”. Gli arresti domiciliari sono stati disposti per la sua compagna, Rosa Carnevale, 43 anni. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Vincenzo Piscitelli e dai pm Raffaello Falcone eIda Frongillo. Nell’ordinanza del gip Antonio Cairo si evidenzia che si strumentalizza la assistenza agli immigrati «per l’utile personale e in funzione di un guadagno illecito».
    Con i soldi destinati all’accoglienza dei migranti avevano acquistato un immobile a Milano (152.000 euro), una società di schede per ricariche telefoniche (733 mila euro), nonché preso in fitto un bar a Pozzuoli (15 mila euro), comprato un immobile a Pozzuoli (100 mila euro), e si sarebbero appropriati di 130mila euro in contanti e di 345mila euro attraverso fatture per operazioni inesistenti. E’ quanto contestato agli arrestati nell’ambito dell’inchiesta sulla onlus napoletana. L’associazione percepiva 40 euro al giorno per ciascun immigrato proveniente dal Nord Africa: la convenzione prevedeva la fornitura di vitto e alloggio e altri servizi. Gli indagati avrebbero anche fatto risultare falsamente di aver ospitato parte dei migranti per i quali percepivano le somme pubbliche.

    RispondiElimina
  24. http://www.pozzuolimania.com/it/elezioni-pozzuoli-2012-alfonso-de-martino-pozzuoli.asp






    MALEDETTO LADRONE ARRESTATO PER ESSERSI APPROPRIATO DEI SOLDI DELLA FINTA ACCOGLIENZA IMMIGRAZIONISTICA.
    SE SI CONTROLLASSERO BENE LE ONLUS SE NE VEDREBBERO DELLE BELLE. .....MALEDETTI LADRI..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.crimeblog.it/post/182177/napoli-onlus-lucrava-sugli-aiuti-agli-immigrati


      Napoli, scandalo "pocket money": indagato anche parroco Caritas diocesana.


      Nei guai la onlus Un'Ala di Riserva di Giugliano in Campania.

      25 Maggio 2015 - Si allarga lo scandalo sugli aiuti agli immigrati. Nell'ambito del procedimento della Procura di Napoli, risultano esserci otto indagati e molti soldi da giustificare: oltre un milione e mezzo per la onlus di Pozzuoli “Un’ala di riserva”, almeno altri 3 milioni per i centri legati alla Caritas di Teggiano-Policastro, guidata dal sacerdote e Cavaliere della Repubblica, don Vincenzo Federico, attualmente indagato per peculato.

      Don Federico, attraverso il suo legale,Revilando Lagreca, fa sapere che "l'accusa è surreale". E aggiunge l'avvocato: "Massima serenità e piena fiducia nella giustizia, auspicando, però, che tutto possa definirsi in tempi rapidi: una rapidità almeno simile alla velocità con la quale, in spregio ad ogni riservo istruttorio, si è dato amplio risalto mediatico ad una ipotesi di accusa che è a dir poco surreale".

      Attualmente ai domiciliari rimangono Alfonso De Martino (presidente di Un'Ala di Riserva) e sua moglie Rosa Carnevale, mentre tra gli inquisiti risultano anche i funzionari regionali Vincenzo Cincini e Giuseppe Mattiello.

      Sul caso è intervenuto anche il Presidente dell'Anticorruzione, Raffaele Cantone:

      "C'è da rimanere esterefatti. Se anche il mondo dell'impegno sociale fa registrare questi episodi è chiaro che il livello di diffusione del malaffare è tale che nessuno da solo ce la può fare nel contrasto alla corruzione"




      Napoli, onlus lucrava sugli aiuti agli immigrati: 2 arresti.

      Avrebbero rubato i soldi che la loro Onlus avrebbe dovuto destinare all’accoglienza e al sostentamento degli immigrati e con quei soldi avrebbero fatto la bella vita. E’ quanto emerso in queste ore dall’inchiesta della Procura di Napoli che ha portato all’arresto, nella giornata di ieri, del presidente della onlus Un'Ala di Riserva di Giugliano in Campania e della sua compagna, entrambi accusati di truffa, peculato e appropriazione indebita.
      Alfonso De Martino e Rosa Carnevale, 43 anni, secondo quanto si legge nell’ordinanza firmata dal gip Antonio Cairo, avrebbero strumentalizzato l’assistenza agli immigrati in arrivo nel nostro Paese “per l'utile personale e in funzione di un guadagno illecito”.
      La onlus, in base a una convenzione con la Regione Campania, avrebbe percepito 40 euro al giorno per ciascun immigrato ospitato, soldi che dovevano essere destinati al vitto, l’alloggio e la sopravvivenza di queste persone giunte nel nostro Paese alla ricerca di una vita migliore.
      I due, invece, si sarebbero appropriati di quelle somme e le avrebbero utilizzate per fini personali: 152 mila euro per l’acquisto di un immobile a Milano, 733 mila euro per l’acquisto di una società di schede per ricariche telefoniche, 15 mila euro per l’affitto di un bar a Pozzuoli, 100 mila euro per l’acquisto di un immobile a Pozzuoli. A queste cifre si aggiungono 130 mila euro in contanti e, come scrive Il Mattino, 345 mila euro attraverso fatture per operazioni inesistenti.
      Gli indagati, sempre secondo quanto emerso dall’inchiesta, avrebbero anche mentito sul numero degli immigrati ospitati, gonfiandolo e percependo così somme non dovute.
      A far emergere lo scandalo, e far partire le indagini, sono stati due immigrati somali finiti in manette dopo false accuse presentate da De Martino. I due avrebbero chiesto all’uomo alcune somme che gli sarebbero spettate, ma questi in tutta risposta li avrebbe denunciati e fatti arrestare. A quel punto i due, interrogati, raccontarono come operava la onlus e l’avvio delle indagini fu immediato.
      Alfonso De Martino è stato condotto in carcere, mentre per la sua compagna sono stati disposti gli arresti domiciliari.

      Elimina
  25. http://voxnews.info/2015/05/24/cittadini-in-marcia-contro-campi-nomadi-e-clandestini/







    SUCCEDE A ROMA COME OVUNQUE

    RispondiElimina
  26. http://voxnews.info/2015/05/16/roma-cittadini-murano-finestre-per-proteggersi-da-rom-e-immigrati-foto/




    SUCCEDE NELLA CAPITALE DELL'EX REGNO ITALIA

    RispondiElimina
  27. http://voxnews.info/2015/05/25/monaco-buddista-guai-mischiarsi-con-immigrati-islamici/






    SAGGEZZA ORIENTALE DA SEGUIRE

    RispondiElimina
  28. http://voxnews.info/2015/05/24/cannes-dopo-le-lesbiche-gli-immigrati/








    NON SONO ANTISEMITA MA QUESTA VOLTA I FRATELLI COHEN MI DOVREBBERO SPIEGARE COME MAI HA VINTO UN FILM POLITICO PRO-INVASIONE EUROPEA? ?????

    RispondiElimina
  29. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/cronaca/campania/napoli-rubavano-soldi-per-immigrati-titolari-onlus-nei-guai_2112877-201502a.shtml

    25 maggio 2015



    Napoli, rubavano soldi per immigrati: titolari onlus nei guai.
    Marito e moglie intascavano i denari destinati agli stranieri e compravano immobili.

    Ai titolari della onlus case e denaro, ai migranti le briciole. Questo lo scenario che emerge dall'inchiesta della Procura di Napoli su un'associazione "senza scopi di lucro" attiva a Giugliano in Campania (Napoli) che intascava soldi destinati a dare vitto e alloggio a centinaia di immigrati provenienti dal Nord Africa. Due gli arresti eseguiti dalla Guardia di Finanza.
    In manette sono finiti il presidente della onlus "Un'Ala di Riserva", Alfonso De Martino, 43 anni, in carcere, e della sua compagna, Rosa Carnevale, 43 anni, ai domiciliari, accusati di reati che vanno dalla truffa al peculato e all'appropriazione indebita.
    Nell'ordinanza del gip Antonio Cairo si evidenzia che si strumentalizzava l'assistenza agli immigrati "per l'utile personale e in funzione di un guadagno illecito". Con i soldi destinati all'accoglienza dei migranti in base a una convenzione con la Regione Campania, secondo quanto accertato dagli inquirenti gli indagati avevano acquistato un immobile a Milano (152.000 euro), una società di schede per ricariche telefoniche (733 mila euro), nonché preso in fitto un bar a Pozzuoli (15 mila euro), comprato un immobile a Pozzuoli (100 mila euro) e si sarebbero appropriati di 130 mila euro in contanti e di 345 mila euro attraverso fatture per operazioni inesistenti.
    L'associazione percepiva 40 euro al giorno per ciascun immigrato: la convenzione prevedeva la fornitura di vitto e alloggio e altri servizi. Gli indagati avrebbero anche fatto risultare falsamente di aver ospitato parte dei migranti per i quali percepivano le somme. 
    L'inchiesta fu avviata in seguito alla denuncia di due immigrati somali che erano stati arrestati ingiustamente in seguito a false accuse da parte di De Martino. I due gli avevano chiesto la corresponsione di alcune somme, relative a pocket money, piccole cifre che avrebbero dovuto ricevere secondo quanto stipulato nella convenzione. Ma furono denunciati e fatti arrestare dal presidente della onlus. In carcere i due immigrati spiegarono come erano andate realmente le cose facendo arrestare De Martino.

    RispondiElimina
  30. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/25/pisa-i-profughi-in-hotel-con-piscina-grazie-ma-ci-annoiamo/1132925/








    ITALIANI DOC COGLIONATI DA TRADITORI AFFARISTI. .......MERDACCE. ..!!!!!!

    RispondiElimina
  31. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/25/livorno-i-profughi-in-hotel-con-piscina-grazie-ma-ci-annoiamo/1132925/

    RispondiElimina
  32. http://voxnews.info/2015/05/25/avviso-a-sindaco-bruxelles-convertiti-o-muori/




    Islam religione di pace. .....eterna. ..!!!!!!

    RispondiElimina
  33. http://voxnews.info/2015/05/25/ondata-rapine-a-new-york/






    OBAMINO VUOLE SOCIETÀ ARCOBALENO E TANTISSIMI BIANCHI SI SONO APPECORINATI. .!!!!!

    RispondiElimina
  34. http://voxnews.info/2015/05/25/immigrati-manifestano-davanti-tribunale-a-favore-terrorista/





    CACCIATELE VIA A PEDATE NEL KULO STE INFAME

    RispondiElimina
  35. http://voxnews.info/2015/05/28/parlamentari-piddini-querelano-buonanno-ha-detto-che-i-rom-sono-ladri/







    BASTARDI CULATTONI CHE SI SCOPANO I BAMBINI ROM ALLA STAZIONE TERMINI DI ROMA.
    OMOPEDOFILI CHE PRIMA O POI AVRANNO QUELLO CHE SI MERITANO E NON SOLO CASTRAZIONE CHIMICA MA IL CASTIGO DELL'UOMO E DI GESÙ CRISTO NOSTRO SIGNORE CHE NON PERDONA GLI INDEMONIATI....

    RispondiElimina
  36. Salvini fa bene così per avere voti e speriamo che li abbia. Perché se uno non ha voti come farebbe a cambiare il sistema? Lui, il Berlusca, i voti li aveva e come se li aveva; aveva la maggioranza assoluta al senato e camera e non ha avuto il coraggio di cambiare una minghia. Salvini con la sua politica prenderà molti voti, anche io lo seguirò, perché sono favorevole a quello che dice. Con i pannicelli caldi dei cosiddetti moderati non si risolve il problema, ben venga uno che promette di fare le cose sul serio ed io ci credo. I Gheddafi cui baciare le mani e che facciano per gli altri il lavoro sporco non ci sono più.

    RispondiElimina
  37. Leadership di SALVINI!!! orami il popolo del centrodestra si è stufato di Silvietto ed ora hanno scelto un GIOVANE che dice le cose come stanno, d'altronde Salvini non è ingenuo e non vouole far la fine DI BOSSI che ha "assorbito" i voti verso Berlusconi ed è giusto tenersi alla larga!!!!! D'altronde il popolo del centrodestra ha + coscenza rispetto a Berlusconi perche loro GIUSTAMENTE vogliono un nuovo erede nel centrodestra tipo Salvini e Berlusconi (come ripeto) HA PAURA che Salvini lo faccia SPARIRE DALLA POLITICA!!!!

    RispondiElimina
  38. Gli scafisti accelerano: nuova ondata di sbarchi.
    Gli immigrati si imbarcano per le coste italiane a ciclo continuo e la bella stagione fa temere numeri impressionanti. E il peggio deve ancora arrivare.
    A frotte si imbarcano verso le coste italiane. Ieri come oggi. Senza sosta. A ciclo continuo. In questi giorni l'ennesima recrudescenza del fenomeno, con l'arrivo, sabato, in un sol colpo, di 4243 migranti soccorsi al largo delle coste libiche in 22 distinte operazioni. Partono tutti. Guerra o non guerra. Tanto che poi ci tocca rimpatriarli se provenienti da Paesi non contemplati.
    L'accordo, concluso con gli altri paesi europei, DI RAFFORZARE LA "VIGILANZA" NEL MEDITERRANEO con la partecipazione di loro navi militari che regolarmente imbarcano appena partiti dalle coste africane, portano e scaricano i migranti nei nostri porti è stato UN CAPOLAVORO DI IDIOZIA, un segnale esplicito, dato agli spedizionieri, affinché aumentino gli invii e così è avvenuto. Il massimo del MENTECATTISMO (copyright) è stato raggiunto con l'accettazione di essere affiancati da altri identificatori dei traghettati CHE COSTRINGERÀ L'ITALIA A RIPRENDERSI QUELLI CHE DOVESSERO SCONFINARE nel tentativo di trasferirsi in altri paesi più a nord. E IL RIGETTO DELL'ASSEGNAZIONE DELLE QUOTE HA MAGNIFICATO DETTO ACCORDO.
    Costoro sono l'anello intermedio di un turpe traffico di carne umana verso cui il governo italiano fa praticamente spallucce. Cos'ha ottenuto in materia dalla Ue? Un beato cazzo! Tanto i nostri ineffabili parlamentari chi li tocca, chi tocca i loro privilegi etc.? Nel culo l'abbiamo sempre e comunque noi cittadini di qualsiasi colore politico, specie quelli delle fasce di reddito più basse che dovranno sopportare questo buonismo peloso di chi vuole ridurre l'Italia allo stato larvale. Il tutto per sete di dominio, complice una genuflessione verso chi vuole rottamare la nostra nazione per i propri scopi di lucro. Quando ci avranno ridotto all'osso forse, dico forse ci lasceranno stare in pace. Il tutto con la complicità, il concorso interno di una classe politica autoreferenziale, ipocrita, insensibile, per certi versi collusa e inetta. Inginocchiata ai voleri della solita Troika. Siete peggio della scabbia!
    Triton mi piace! E' la grande vittoria di Ollio e Stanlio... oso! scusate, volevo dire Renzi e e Alfano. Gli altri Paesi europei ci mettono a disposizione alcune loro navi ed equipaggi, così fanno una bella azione umanitaria, poi ci scaricano migliaia di clandestini e pochi profughi. Noi li dobbiamo identificare, alloggiare, curare e se è il caso rimpatriare, ma questa ultima azione si limiterà a consegnare loro un foglietto di carta. Grande vittoria del duo più ridicolo che sia passato sulla scena politica!
    Gli scafisti accelerano e ..... i nostri, i Renzi per non parlare dei Mogherini, dei Gentiloni, dei Pinotti, dell'ONU, dell'europa tutta, a farsi seghe mentali su quando e come intervenire. Ovviamente un intervento ci sarà, solo quando i buoi saranno scappati. Impressionante quanto siamo diventati cretini! Basta guardare alle elezioni in cui ci sarebbe stata la possibilità di mandare a cagare un governo di inetti e invece i pusillanimi che non sono nè carne nè pesce sono rimasti a casa e non hanno votato.

    RispondiElimina