giovedì 9 aprile 2015

Tivoli, Blitz di CasaPound Italia alla conferenza del PD

Tivoli, Blitz di CasaPound Italia alla conferenza del PD
Tivoli, 9 aprile - Lancio di volantini e uno striscione con scritto "ripartite dal futuro? Siete solo un passato schifoso", con chiaro riferimento al titolo del convegno: questa l'azione di CasaPound Tivoli nel blitz alla conferenza del Pd alle Scuderie Estensi.
"Abbiamo voluto ricordare a Zingaretti, Vincenzi, Chioccia e tutto il Pd - afferma Cpi Tivoli in una nota - che alcuni tiburtini non si scordano di quando loro sono stati alla guida della città".
"Durante le amministrazioni Vincenzi e Baisi - continua la nota - si è proceduto alla svendita delle Acque Albule S.P.A. e A.S.A. ; all'abbandono totale di villa Adriana con parchi iniziati durante la campagna elettorale e mai finiti; alla costruzione del muro davanti alla Torre dei Plauzi, uno dei monumenti storici della città; ad assunzioni raccomandate; ad investimenti in derivati tossici".
"La lista sarebbe ancora lunga - conclude la nota - ma quello che più ci preme sottolineare è la faccia tosta che questi politicanti hanno nel riciclarsi e nel tentare di rifarsi una verginità politica ora che sono in minoranza. Ma noi non ci scordiamo di nulla e non lasceremo vita facile a chi ha rovinato la nostra città".

16 commenti:

  1. VAGONATE DI LETAME AI BECERI PIDDIDIOTI

    RispondiElimina
  2. Altro che lancio di volantini ci vorrebbe! !!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Mannateli a fanculo quegli idioti sinistronzi

    RispondiElimina
  4. Pd partito delinquenti politici

    RispondiElimina
  5. Tivoli è una città famosa nel mondo per le sue vestigia antiche e meriterebbe MASSIMA ATTENZIONE E TUTELA anche perché i turisti che arrivano sono tantissimi nel mondo.

    RispondiElimina
  6. VILLA ADRIANA È FAMOSA COME IL COLOSSEO

    RispondiElimina
  7. Non solo passato ma anche presente SCHIFOSO
    ma la causa principale è da addebitare agli italiani elettori che ancora danno fiducia a Pd Sel M5S che hanno fatto del loro meglio per distinguersi in disonestà mafiosa.
    Eppure se si andasse a votare adesso sono sicuro che questi tre covi di banditi di cui sopra
    avrebbe parecchi voti. Difficile modificare il malaffare politico mafioso assunto a regola.
    Apprezzo questa iniziativa di CPI comunque.
    Sovranità prima gli italiani.

    RispondiElimina
  8. http://www.tiburno.tv/tivoli/item/9235-tivoli-blitz-di-casapound-alla-conferenza-del-partito-democratico




    Tivoli - Blitz di CasaPound alla conferenza del Partito democratico.

    Giovedì, 09 Aprile 2015

    Lancio di volantini e uno striscione con scritto: "Ripartite dal futuro? Siete solo un passato schifoso". Con chiaro riferimento al titolo del convegno del Partito democratico di oggi, giovedì 9 aprile, la sezione tiburtina di CasaPound, ha effettuato così un blitz durante la conferenza del Pd alle Scuderie Estensi.
    "Abbiamo voluto ricordare a Nicola Zingaretti, Marco Vincenzi, Manuela Chioccia e a tutto il Pd, che alcuni tiburtini non si scordano di quando loro sono stati alla guida della città" - recita una nota da loro diffusa.
    "Durante le amministrazioni Vincenzi e Baisi – continuano - si è proceduto alla svendita delle Acque Albule Spa e di Asa, all'abbandono totale di Villa Adriana con parchi iniziati durante la campagna elettorale e mai finiti, alla costruzione del muro davanti alla Torre dei Plauzi, uno dei monumenti storici della città, ad assunzioni raccomandate, ad investimenti in derivati tossici".
    I manifestanti hanno quindi stazionato su piazza Garibaldi con lo striscione in mano. Un inizio tutt’altro che sereno per quello che è stato considerato da più parti come un comizio, più che un convegno. "Questi politicanti hanno la faccia tosta nel riciclarsi e nel tentare di rifarsi una verginità politica ora che sono in minoranza – conclude la nota -. Ma noi non ci scordiamo di nulla e non lasceremo vita facile a chi ha rovinato la nostra città.

    RispondiElimina
  9. TIVOLI NON È LA SOLA REALTÀ BISTRATTATA.!!!

    COMUNQUE ANCHE TIVOLI RISULTA TRA I COMUNI CHE PRATICANO QUESTA ODIOSA E COSTOSA PRATICA PARASSITARIA A CARICO DEI CITTADINI.



    http://voxnews.info/2015/04/09/bitonci-cancella-le-marchette-alle-associazioni-di-partito-scopri-se-il-tuo-comune-invece/


    BASTA CON LE MARCHETTE AL PD GIÀ PCI
    BITONCI DOVREBBE ESSERE FOTOCOPIATO PER SOSTITUIRE TUTTI I FARLOCCHI MAFIOSI SINDACI INDEGNI PIDDINI...!!!!!!

    RispondiElimina
  10. http://voxnews.info/2015/04/09/bitonci-cancella-le-marchette-alle-associazioni-di-partito-scopri-se-il-tuo-comune-invece/



    TIVOLI È NELL'ELENCO DEI COMUNI MARCHETTARI

    RispondiElimina
  11. ECCO IL PD ALL'OPERA OVUNQUE PER FOTTERSI EURO A MILIONI SOTTRATTI AI CONTRIBUENTI ONESTI ED IGNARI DI QUESTE PORCATE LERCE..!!!!




    http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/10/ecco-il-business-dei-rifugiati-16-milioni-di-euro-alla-toscana-di-renzi/1114967/

    10 Aprile 2015

    Ecco il business dei rifugiati: 16 milioni di euro alla Toscana di Renzi.
    Alla Regione di Renzi una buona fetta dei fondi stanziati per i progetti Sprar: ecco come vengono usati i nostri soldi

    Sergio Rame

    Nella Toscana di Matteo Renzi il grosso dei fondi stanziati per i progetti Sprar per i rifugiati se lo spartisce la sinistra, Arci e cooperative rosse in testa. Un sistema ben oliato che fa girare ben 16 milioni di euro, finanziamenti che il Viminale mette a disposizione dei Comuni per inserire nel nostro tessuto sociale rifugiati e immigrati che richiedono l'asilo politico. Il tutto a spese del contribuente.

    "Creiamo posti di lavoro". Simone Ferretti, responsabile del settore immigrazione dell'Arci Toscana, spiega a Libero il senso dei progetti Sprar: "Diamo ai rifugiati vitto, alloggio, li aiutiamo a integrarsi e gli facciamo fare corsi". Gli immigrati vengono assistiti per un periodo che varia da sei mesi all'anno. "A ognuno vanno circa 80-100 euro al mese per la spesa, visto che cucinano da soli - continua Ferretti - di solito vengono messi in appartamenti direttamenti affittati da Arci". E l'Arci Toscana è sicuramente uno degli interlocutori principali del ministero dell'Interno. Insieme alle cooperative rosse che fanno capo a Legacoop, si spartisce il business dell'accoglienza messo in piedi non certo per inserire gli extracomunitari nella nostra società. Basta dare un'occhiata all'intero sistema per capire che non è quello l'obiettivo. I fondi pubblicidovrebbero essere usati appunto per aiutare i rifugiati a trovare un lavoro. Il condizionale, però, è d'obbligo.

    Per gli immigrati vengono organizzati corsi di ogni sorta, ma nessuno è teso alla ricerca di un lavoro. A Pianosinatico, in provincia di Pistoia, gli 1,6 milioni di euro stanziati per tre anni vengono usati per corsi in economomia domestica e diritto del lavoro. Su Firenze, invece piovono oltre 3 milioni di euro per 65 posti. Qui si organizzano corsi di pasticceria, gelateria e pizzaiolo. A Pisa, poi, vanno poco meno di 300mila euro all'anno per fare corsi di inserimento alla vita agricola. Nell'inchiesta diLibero appare chiaro come a beneficiare deifinanziamenti pubblici siano sempre i soliti noti. A Prato, per esempio, c'è Pane e Rose al cui interno ci sono rappresentati della Legacoop ed ex candidati piddì alle comunali. A Pisa, invece, c'è la Paim guidata dal renziano Giancarlo Freggia. In linea generale l'Arci Toscana "domina" a Prato, Valdera, Arezzo, Lucca, Firenze, Rosignano Marittino, Lunigiana e Siena.

    RispondiElimina
  12. ECCO GLI ELETTORI ZINGARI DI PD E SEL. ..!!!!!
    SONO GLI STESSI CHE SALVINI E IL SINDACO JOE FORMAGGIO NON VOGLIONO MANTENERE NE' AVERLI TRA LE BALLE MA CHE RICEVONO COCCOLE ANCHE DALLE AFFARISTE CARITAS DIOCESANE.!!!!!



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/10/ville-e-auto-per-1-milione-di-euro-confiscate-a-5-rom-disoccupati/1114994/





    10 Aprile 2015

    Ville e auto per 1 milione di euro confiscate a 5 rom disoccupati.
    Per l'intero nucleo familiare, residente a Pescara, è stata disposta anche la misura di sorveglianza speciale. Nessuno aveva un lavoro: per gli investigatori i beni erano provento di attività illecite.

    Anita Sciarra

    Possedevano due fabbricati a Pescara, un compendio a Civitella del Tronto, nel Teramano, tre villette con annesse pertinenze e ben sette automobili, per un valore complessivo di un milione e 316mila euro. Eppure risultavano tutti disoccupati, almeno ufficialmente. I beni sono stati confiscati provvisoriamente ad una famiglia di etnia rom, da tempo residente in Abruzzo.

    L'operazione è stata condotta dalla divisione anticrimine della Questura e dal nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza, nell'ambito dell'attività di attuazione di misure di prevenzione del codice delle leggi antimafia, per arrivare alla successiva conferma della confisca. Tutti e cinque gli indagati erano già noti alle forze dell'ordine per una serie di reati che andavano dal traffico di droga alla truffa ad anziani. Per tutti è stata disposta la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Pescara per tre anni.

    Le misure di prevenzione patrimoniale e personale, richieste dal questore di Pescara, sono state emesse dal Tribunale, sulla base della pericolosità sociale dei proprietari dei beni e della evidente sproporzione tra il valore dei beni posseduti e i redditi dichiarati. In pratica, dal momento che tutti e cinque i rom erano privi di una attività lavorativa lecita, gli investigatori ritengono che le ricchezze accumulate siano provento di attività illecite.

    RispondiElimina
  13. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/10/ville-e-auto-per-1-milione-di-euro-confiscate-a-5-rom-disoccupati/1114994/


    ATTORNO AGLI ZINGARI RUOTA UN FIORENTE MONDO DI CONNIVENZE CRIMINALI DA PARTE DI AVVOCATI--COMMERCIALISTI--NOTAI--PUBBLICI FUNZIONARI--AMMINISTRATORI POLITICI--PRETONZOLI IMMIGRAZIONISTI E VIZIOSI OSCENI--
    SEMPLICI CITTADINI COLLUSI.
    ECCO PERCHÉ RIESCONO AD EVADERE LE INVESTIGAZIONI FACILMENTE ED A COSTRUIRE DIMORE DI LUSSO MENTRE I CAMPI FATISCENTI LI USANO COME SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE E COME LUOGHI PER NASCONDERE REFURTIVA E OVE PIANIFICARE RAIDS CRIMINOSI.
    TUTTI LO SANNO MA TANTISSIMI FANNO FINTA DI NON SAPERLO PER NON ESSERE TACCIATI SU FB OPPURE TWITTER DI ZINGAROFOBIA. ...PIRLONI.!!!!!

    RispondiElimina
  14. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/10/ville-e-auto-per-1-milione-di-euro-confiscate-a-5-rom-disoccupati/1114994/






    SUI GIORNALETTI PROGRESSISTI SI GRIDA ALLO SCANDALO SE QUALCHE MILITANTE DI CASAPOUND AFFIGGE DUE MANIFESTI ABUSIVI E NEI GIORNI SCORSI ABBIAMO LETTO LE URLA DI INDIGNAZIONE DI QUESTI BEOTI COLLUSI.
    INVECE DI QUESTE NORMALI ATTIVITÀ BANDITESCHE DEI LORO AMICHETTI ZINGARI NON C'È TRACCIA. MICA SONO RAZZISTI. .!!!!!!!!

    RispondiElimina
  15. http://www.imolaoggi.it/2015/04/07/ecco-linformazione-della-tessera-n1-dei-pidioti/


    ECCO L’INFORMAZIONE DELLA TESSERA N°1 DEI PIDIOTI.

    martedì, 7, aprile, 2015

    Ovviamente non entriamo nel merito del giudizio espresso sugli altri siti chiamati in causa dall’EspreSSo de La Repubblica, ma parliamo solo per ciò che riguarda Imolaoggi.

    Leggete cosa scrivono questi cazzari comunisti, il cui padrone ha la tessera n°1 dei Pdioti, che guadagna in Italia e paga le taSSe in Svizzera: ” ….Spesso si scopre infatti che dietro alle pagine di informazione indipendente c’è qualcuno che ha fatto politica attiva.”

    Scrive l’EspreSSo:

    Uno è Armando Manocchia, dominus di ImolaOggi, altro sito in prima linea contro emigrazione(IGNORANTI! SEMMAI CONTRO L’IMMIGRAZIONE!) ed Europa con una particolare attenzione alla cultura islamica (QUELLA ISLAMICA SARA’ CULTURA PER VOI).

    Manocchia è stato candidato con la formazione ultracattolica “Io amo l’italia – Magdi Cristiano Allam” (UTRACATTOLICA? SE C’E’ UNO FA A CAZZOTTI COI CATTOCOMUNISTI, CON LA PRETOFILIA E IL FALSO PAPA, QUELLO SI CHIAMA ARMANDO MANOCCHIA) e vanta (I PRIMI DISINFORMATI SONO GLI EspreSSi de La Repubblica..  caso mai VANTAVA MA NEL 2009 E PER POCHI MESI) anche il titolo di capogruppo della Lega Nord nel comune bolognese di Borgo Tossignano.

    Come leggete, e come aveva già fatto un altro giornalaccio, ormai un paio d’anni fa, l’EspreSSo cerca di coinvolgere ImolaOggi e il Direttore Armando Manocchia in un contesto al quale non ci sentiamo di appartenere. Chiedete a questi pennivendoli (che scrivono per cronaca vera), a questi scribacchini prezzolati del l’EspreSSo se possono dimostrare che ImolaOggi oppure Armando Manocchia prende un solo euro da qualcuno o in qualche altro modo, anche come donazione. NESSUNO! ImolaOggi, noi, siamo liberi! Loro no…e gli rode il c…  che facciamo fino a 6 diciamo sei milioni di contatti a settimana! L’invidia è la vendetta degli incapaci!

    Per la precisione, l’articolo a cui l’Espresso fa riferimento con l’immagine qui sotto (bollandolo come bufala) è stato pubblicato da ANSAMED >>  (come indicato in fondo all’articolo) e non ce lo siamo inventato. Abbiamo SOLO cambiato il titolo!!  Bastava fare una ricerca su google.

    Qui sotto il link all’articolo dell’espresso (FINANZIATO COI NOSTRI SOLDI Espresso-La Repubblica: 16.186.244 di euro all’anno).
    Buona lettura del resto.

    http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/

    P.S.

    E’ inutile che cerchino di screditarci, lanciandosi in campagne diffamatorie, con il solito contorsionismo e moralismo ideologico, tipico della sinistra. L’unica cosa che otterranno è quella di rendersi ridicoli. Per fortuna la caduta di stile presuppone uno stile: loro non corrono questo rischio. Semplicemente dovrebbero interrogarsi se valga la pena di seguitare a trascinarsi così: in pubblico, a farsi continuamente del male con le loro stesse mani …

     

     

     

    RispondiElimina
  16. http://www.ioamolitalia.it/blogs/cittadinanza-attiva/testimonianza-inedita-delle-atrocita-commesse-da-palmiro-togliatti-contro-i-soldati-italiani-nell%e2%80%99unione-sovietica.html


    14 APRILE 2015


    CHE TOGLIATTI SIA STATO UNA CAROGNA NON CI PIOVE.
    BASTA LEGGERE QUESTO ARTICOLO DI MAGDI CRISTIANO ALLAM PER RENDERSENE CONTO.
    COMUNISTACCIO CAROGNA INDEMONIATO TRADITORE VIGLIACCO...!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina