lunedì 20 aprile 2015

Strage migranti, croci in mare e uno striscione contro l’UE di CasaPound a Palermo

Strage migranti, croci in mare e uno striscione contro l’UE di CasaPound a Palermo

Decine di croci in mare e uno striscione che recita “700 vittime, mandante l’UE”: è l’azione di ieri notte dei militanti di CasaPound Italia al Foro Italico per protestare contro il governo di Bruxelles.

“Risulta incredibile che il fenomeno dell’immigrazione massiva e incontrollata non desti alcun interesse nell’Unione Europea – afferma in una nota CasaPound – in italia, al contrario, fa particolarmente gola alle cooperative rosse e bianche passate negli ultimi mesi alla cronaca, sempre alla ricerca di disperati per intercettare quei fondi destinati alla gestione dell’emergenza migranti”.

“Chi predica l’apertura delle frontiere – concludono – continua inevitabilmente a promuovere un’attività redditizia che nulla ha a che fare con un disinteressato spirito di accoglienza e che, illudendo masse di disperati, finisce per provocare vere e proprie stragi nel Mediterraneo”.



146 commenti:

  1. http://palermo.blogsicilia.it/naufragio-la-protesta-di-casa-pound-croci-e-striscione-contro-ue/294131/




    A PALERMO.
    Naufragio, la protesta di Casa Pound: decine di croci e striscione contro UE.

    20 aprile 2015


    Decine di croci in mare e uno striscione che recita “700 vittime, mandante l’UE”: è l’azione di ieri notte dei militanti di Casa Pound Italia al Foro Italico “per protestare contro chi a Bruxelles versa lacrime di coccodrillo fregandosene, poi, di trovare una soluzione definitiva al problema”. Dichiarazione molto simile a quella rilasciata a Catania dal presidente della Regione, Rosario Crocetta.
    “Risulta incredibile che il fenomeno dell’immigrazione massiva e incontrollata non desti alcun interesse nell’Unione Europea – afferma in una nota CasaPound – in Italia, al contrario, fa particolarmente gola alle cooperative rosse e bianche passate negli ultimi mesi alla cronaca, sempre alla ricerca di disperati per intercettare quei fondi destinati alla gestione dell’emergenza migranti”.
    Secondo Casa Pound “chi predica l’apertura delle frontiere continua inevitabilmente a promuovere un’attività redditizia che nulla ha a che fare con un disinteressato spirito di accoglienza e che, illudendo masse di disperati, finisce per provocare vere e proprie stragi nel mediterraneo”.


    RispondiElimina
  2. UE
    NATO
    FAO
    OCSE
    ONU
    FMI
    BANCA EUROPEA
    BRIC


    Sono alcune delle principali organizzazioni mondiali rappresentative delle principali nazioni del Pianeta.
    Dovrebbero garantire benessere e sicurezza per tutti evitando e stoppando iniziative aggressive e invasive di chiunque non abbia ragione di farlo.
    Purtroppo non è così da tanto tempo.
    Da decenni a questa parte gli islamici hanno deciso di creare problemi per i non coranici utilizzando i proventi della vendita del petrolio.
    Purtroppo sono solo un ricordo uomini valorosi e tenaci e coraggiosi e patrioti capaci di coalizzare forze nazionali in grado di difendere chi ha bisogno.
    Grande colpa la addebito anche al Vaticano che da 50 anni a questa parte ha aperto le proprie porte a chiunque facendo entrare al suo interno cani e porci.
    La religione è parte integrante di ogni popolo e occupa un posto importante nella vita dell'uomo.
    Siccome il cristianesimo/cattolicesimo non è l'unica religione al mondo e dal 600 D.C. degli arabi furbi capitanati da maometto si sono inventati qualcosa che gli consentisse di rinsaldare i propri adepti e di addestrarli all'offesa ed all'omicidio rituale.
    Ecco perché bisognava impedire che il folle progetto di maometto si diffondesse in Europa in epoca moderna. Costoro sono antidemocratici e nemici di chi non è islamico. Anche il Vaticano doveva capirlo invece di fare finta di nulla e non invogliare i cattolici italiani ad accogliere questi criminali coranici.
    Adesso ci troviamo invasi e in pericolo a casa nostra.
    La crisi economica indotta per abbassare il livello sociale e politico e culturale delle popolazioni europee ha avviato un flusso inarrestabile di afroasiatici che sono merce appetibile per coop rosse e mafie locali/straniere in cerca di schiavi.
    Sono basito del fatto che degli italiani possano avere avviato attività di sfruttamento umano di stranieri raccattati nel nordafrica e vicino oriente utilizzando fondi della fiscalità nazionale.
    Iene travestite da piddini, da pretonzoli e mafiosi in piena attività criminale.

    Casapound rappresenta il patriota Identitario italiano che è pronto a scendere in piazza per difendere la propria patria e la propria famiglia.

    RispondiElimina
  3. http://www.ioamolitalia.it/blogs/il-polemista-polemologo/i-clandestini-musulmani-che-hanno-gettato-in-mare-i-cristiani-quando-prenderemo-atto-che-tra-i-clandestini-ci-sono-terroristi-islamici.html


    20 aprile 2015

    I clandestini musulmani che hanno gettato in mare i cristiani: quando prenderemo atto che tra i clandestini ci sono terroristi islamici?

    Con i barconi arrivano da noi anche degli assassini. Non è peraltro una novità.
    Guarda caso anche stavolta gli assassini risultano musulmani e le vittime risultano cristiani.
    Ripropongo la domanda -difficile- ma alla quale non si sfugge, e allora: quelli che hanno fatto annegare alcuni “compagni di viaggio” erano musulmani VERI o musulmani FALSI ?
    È legittimo domandarlo. Attendo (invano?) chiarimenti, magari da qualche esperto in materia.
    (E se fossero stati dei cristiani a gettare in pasto agli squali un musulmano? Che direbbero i “progressisti” nostrani?)
    Caso mai qualcuno non l’avesse ancora inteso = ne abbiamo abbastanza del “politicamente corretto”, ne abbiamo abbastanza del silenzio ipocrita della maggior parte dei politicanti in Occidente sulla minaccia islamica, ne abbiamo abbastanza di sentire la litania che l’islam è una “religione di pace” = se quelli che hanno gettato in mare dei compagni di viaggio per giunta finiranno nelle nostre galere (mantenuti a nostre spese, ma forse soltanto per breve tempo: dalla galera usciranno ben presto…) si confermerà semplicemente che stiamo subendo una vera e propria aggressione di vasta portata, o meglio stiamo subendo una guerra.
    Sono arrivati qui altri assassini.
    E tutti noi siamo le potenziali vittime.
    Lanciare verso un altro Paese ondate di disperati bisognosi, buoni a nulla e pronti a tutto, talvolta gravemente ammalati, inassimilabili per evidenti motivi socio-culturali, e non di rado dichiaratamente ostili: chiunque li lanci, da qualsiasi parte essi provengano = rappresenta e costituisce un atto di Guerra atipica, ma sempre guerra. Inoltre, a valutare le dichiarazioni di coloro che io considero islamici “VERI” cioè “ISIS” e altri capi islamisti, tale guerra è stata premeditata e regolarmente dichiarata. Si veda la dottrina coranica in proposito. E non vi è distinzione tra “sunniti” e “sciiti” = ambedue tali fazioni si comportano verso il resto del mondo allo stesso modo.
    Ci aggrediscono per imporsi. Con tattiche differenti, ma con identico, sinergico scopo strategico.
    Il punto è che da noi la maggioranza pare non se ne renda ancora conto. Noi insistiamo a segnalare ed evidenziare il problema. Tuttavia la gravità della situazione non viene collettivamente ancora bene percepita.
    E ovviamente, irresponsabilmente, non si predispongono le indispensabili contromisure.
    Ai “multiculturalisti”, ai “buonisti”, ai “relativisti”, ai “progressisti”, e -lasciatemelo dire- anche agli indifferenti e ai codardi rivolgo l’ennesima ammonizione:
    guardate bene cosa accade nei principali Paesi islamici: donne, omosessuali, apostati, cristiani, ebrei, induisti, atei, dissidenti, … sono, in quanto tali, trattati come esseri inferiori. Sono discriminati, perseguitati, aggrediti, assassinati.
    Se l’ennesimo crimine commesso da musulmani a danno di cristiani risveglierà davvero l’attenzione generale e solleverà abbastanza sdegno, determinando adeguate reazioni pubbliche di legittima difesa, ebbene quei poveracci non saranno morti invano.
    Nulla di male c’è nel volere difendere la propria civiltà e la propria libertà. E ovviamente la propria sicurezza ed incolumità.
    Ne abbiamo abbastanza di essere invasi dai musulmani.
    Ne abbiamo abbastanza di delitti commessi in nome dell’islam.
    Qual è il più importante “servizio sociale” che le Istituzioni di un Paese libero, civile e moderno devono garantire ai cittadini?

    Oggi come oggi, ferma restando la priorità dei pressanti problemi economici, il più importante servizio sociale -non delegabile a spontanee, estemporanee iniziative private- è la vigorosa difesa della civiltà, della libertà e della sicurezza che abbiamo ereditate.

     

    Giancarlo Matta 19/04/2015

    RispondiElimina
  4. In tv Rai1 hanno ribadito il concetto che l'Italietta sottomessa non può respingere i barconi non appena da questi parte una telefonata SOS per cui cominciamo a preparare la cameretta per accogliere un clandestino non appena ce lo imporrà il governo di cacca che i sinistronzi hanno voluto.
    In compenso il diritto internazionale, che noi italiani abbiamo l'obbligo di rispettare, viene calpestato senza ritegno e con totale strafottenza dagli indiani d'Asia che detengono illegalmente i nostri due marò.
    Io non capisco dove andremo a finire con questa follia autolesionista e da perfetti eunuchi perversi.

    RispondiElimina
  5. Per me i morti non sono tutti uguali.
    Se crepa un piddino od un islamico sono arcicontento visto che sono indemoniati e tagliagole entrambi. Sui barconi il 90% dei clandestini di solito sono coranici e se tanto mi dà tanto quando ne affonda qualcuno sono alte le probabilità che i crepati siano tutti mussulmani per cui brindiamo.
    I jihadisti sono criminali da togliere dalla faccia della Terra.
    Purtroppo il comportamento del governicchio di boyscouts è indecente inqualificabile meldoso perché va contro gli italiani patrioti identitari.

    RispondiElimina
  6. http://voxnews.info/2015/04/20/giornalista-inglese-quelli-che-sono-affogati-venivano-a-prendersi-la-nostra-terra/




    IL 90% DEGLI INDIVIDUI NORMALI NON ISLAMICI PENSA CHE IL SUO NEMICO LEGGE IL CORANO.

    RispondiElimina
  7. http://voxnews.info/2015/04/20/bitonci-e-il-sindaco-piu-amato-dai-veneti-7-in-tutta-italia/


    BITONCI FOREVER
    CASAPOUND FOREVER
    SOVRANITÀ FOREVER

    RispondiElimina
  8. http://voxnews.info/2015/04/20/renzi-ha-salvato-lo-scafista-del-naufragio/




    Renzie fonzie peggio delle piattole. .....

    RispondiElimina
  9. http://voxnews.info/2015/04/20/cristiani-decapitati-da-islamici-papa-e-costernato/





    CHIEDESSE AL SUO SOTTOPOSTO PEREGO DI CHI È LA COLPA SE NON DEGLI IMMIGRAZIONISTI AFFARISTI COME LE COOP MIGRANTES.....TZEEEEE

    RispondiElimina
  10. http://voxnews.info/2015/04/20/domani-e-dopodomani-giornate-toscane-per-salvini/


    Sovranità
    Noi con Salvini


    Si può e si deve fare. ......!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. http://www.nocristianofobia.org/gesto-sacrilego-a-cinisello-balsamo-distrutto-un-crocifisso-e-rivolta-popolare/




    Gesto sacrilego a Cinisello Balsamo, distrutto un crocifisso: è rivolta.


    Mauro Faverzani

    Terminato Natale, basta presepi: ora nel mirino di blasfemi e sacrileghi c’è il Crocifisso, il segno per eccellenza della fede cattolica. Ne è stato distrutto uno (nella foto). In via Matteotti civico 1, a Cinisello Balsamo, peraltro nei pressi di una popolata moschea. Il che, specie di questi tempi, ha subito scatenato una ridda di reazioni. Che hanno interessato anche l’assise comunale con la presa di posizione del consigliere Giuseppe Berlino, della lista civica “La Tua Città”, il quale non ha certo usato mezzi termini: «E’ ora di finirla con le politiche ‘buoniste’ di accoglienza e integrazione perpetrata negli ultimi anni da una certa parte politica – ha detto – Altro che manifestare tutti insieme con gli islamici, cominciassero a rispettare la nostra civiltà e la nostra cultura. Non bisogna minimizzare certi segnali, svegliamoci ora o i nostri figli subiranno tutte le conseguenze di questa pericolosa invasione islamica incontrollata».

    Al momento è ancora però ignoto l’autore del gesto dissacratorio, sono in corso le indagini. Sebbene sui social network si siano già registrate, forti e vibrate, le reazioni della popolazione, ormai indignata e stanca di vedersi ancora una volta colpire nei propri sentimenti più profondi, nel proprio credo. La gente non ne può più.

    RispondiElimina
  12. Altri 700 aSSaSSinati dall’ideologia criminale degli immigrazionisti graveranno sulla coscienza dell’ABC dell’immigrazionismo? (ABC=Alfano, Boldrini e Chiesa).
    L’immigrazionismo è una ideologia criminale che costituisce un vero e proprio genocidio, per le deportazioni da un lato e per l’invasione delle popolazioni autoctone, che vengono sostituite, dall’altra.
    QUESTO E’ BEN ALTRO CHE RAZZISMO! E’ GENOCIDIO ! E’ ASSISSINIO! – Un altro peschereccio con a bordo circa 700 nuovi “schiavi” si è capovolto la scorsa notte nel Canale di Sicilia, a circa 60 miglia a nord della Libia. Un mercantile dirottato nella zona ha potuto recuperare solo 28 superstiti, per cui si ritiene che il bilancio dell’ennesimo aSSaSSinio perpetrato da questi criminali sia di poco meno di altre 700 individui. ASSaSSinio i cui i complici sono gli immigrazionisti di questo malgoverno golpista che vigliaccamente ha esautorato l’esercizio della funzione legislativa prevista dalla nostra Carta Costituzionale, sottomettendosi a organismi sovranazionali, non eletti da nessuno, i quali non rispondono al ‘popolo sovrano’ (la più grande presa per il culo per gli affetti da dabbenaggine), ma unicamente ai gruppi di potere finanziari, mondialisti e criminali legati al NWO.
    Dobbiamo ORA rivendicare il rispetto della nostra Costituzione e il DIRITTO DI RESISTENZA ALL’OPPRESSIONE prima che sia troppo tardi!

    RispondiElimina
  13. Bellissima iniziativa degli amici di Palermo..forse l' unica davvero carica di sincero rammarico per le vittime dell'ennesima mattanza ma capace di mettere in risalto i limiti delle "istituzioni" europee ormai dedite esclusivamente a politiche degne del peggior affarista e assolutamente incapaci di salvaguardare realmente gli interessi dei popoli europei..

    RispondiElimina

  14. http://www.imolaoggi.it/2015/04/20/generale-tricarico-non-ce-piu-tempo-da-perdere-droni-armati-per-distruggere-i-barconi/


    Generale Tricarico: non c’è piu’ tempo da perdere, droni armati per distruggere i barconi.

    lunedì, 20, aprile, 2015


    I tempi per una iniziativa europea per fronte alla crisi umanitaria e alle stragi di migranti nel Mediterraneo “sono abbondantemente superati perchè bisognava pensarci prima. Non bisogna perdere più tempo”.
    Così il presidente della Fondazione Icsa (ex Capo di Stato maggiore dell’Aeronautica e consigliere militare di tre presidenti del Consiglio), generale Leonardo Tricarico sulla crisi umanitaria dopo la nuova strage di migranti nel Mediterraneo.Un mese fa, proprio la Fondazione Icsa, di cui Tricarico è presidente, aveva lanciato una iniziativa per sensibilizzare l’Unione europea con l’approvazione di un protocollo aggiuntivo alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e con la creazione di una Agenzia europea per la ricerca e il salvataggio delle persone in mare proprio alla luce delle tragedie che avvengono nel Mediterraneo (Eurosar). Dopo l’ennesima tragedia in mare “non c’è più tempo da perdere“.
    “L’ipotesi di un blocco navale o di una soluzione militare, sic et simpliciter, non ritengo siano soluzioni da perseguire”, afferma Tricarico. Per l’ex Capo di stato maggiore dell’Aeronatica è necessario, in primo luogo, esplorare ogni via diplomatica per dialogare con le parti attualmente in campo in Libia. L’obiettivo? “Convincerli a partecipare a una azioni di polizia europea-libica per il controllo delle coste per porre fine al traffico di esseri umani e colpire il terrorismo. E’ una azione di polizia che va fatta fianco a fianco, insieme ai libici”. In cosa si traduce questo in termini operativi? “Attuando un controllo sulle coste anche con l’utilizzo di Predator armati di cui l’Italia al momento non dispone (ce li hanno solo gli americani).
    Vanno colpiti, senza spargere nemmeno una goccia di sangue, le imbarcazioni e i natanti che vengono utilizzati per il traffico di esseri umani. Queste imbarcazioni non devono prendere più il largo. Per fare questo è fondamentale che vi sia un pieno coinvolgimento delle forze libiche. Dobbiamo convincerli – sottolinea Tricarico – a farlo insieme anche dicendogli ‘decidete voi quando e cosa colpire’ perchè non è una guerra alla Libia ma è una azione di polizia per il perseguimento di un obiettivo comune”.
    L’Italia – ha aggiunto Tricarico – può assumere un ruolo guida in questa missione sotto l’ombrello dell’unione europea. “Siamo i titolari più accreditati”. Tricarico auspica inoltre che in tempi brevi il governo si attivi per dotare i Predator dell’Aeronautica militare del kit con gli armamenti, al momento non disponibili.

    RispondiElimina
  15. http://www.imolaoggi.it/2015/04/21/video-clandestini-con-la-scabbia-abbandonati-per-le-strade-di-palermo/


    Clandestini con la scabbia abbandonati per le strade di Palermo.

    martedì, 21, aprile, 2015


    Questa è la città dei sindaco Orlando.

    A Palermo nell’ultima settimana sono arrivati 1800 migranti. I centri di accoglienza sono al collasso. Un gruppo di venti somali ed eritrei da tre giorni vive alla stazione centrale, in attesa di poter partire per il Nord. Sono arrivati a piedi, da un centro della Caritas che non aveva più posto per loro, lontano 20 chilometri. Sono stanchi, affamati, malati. E tra loro è scoppiata una epidemia di scabbia.......

    RispondiElimina

  16. http://www.imolaoggi.it/2015/04/20/la-mistificazione-continua-vescovo-di-vicenza-serve-unaccoglienza-intelligente/


    La mistificazione continua, vescovo di Vicenza: serve un’accoglienza intelligente.

    20, aprile, 2015

     

    “La notizia di un altro gravissimo naufragio, in cui sono morte diverse centinaia di migranti nelle acque del Mediterraneo, genera nel cuore di ciascuno di noi un grande turbamento e un profondo dolore. Come subito ci ha ricordato papa Francesco ‘erano uomini e donne come noi, in cerca di una vita migliore; affamati, perseguitati, feriti, sfruttati, vittime di guerre e di violenze’.
    Questo è falso. Le vittime del naufragio non provenivano da Paesi in guerra e non erano vittime di alcuna violenza.
    “Solo la disperazione – continua il prelato -  può spingere infatti un essere umano a tentare il tutto per tutto e mettersi nelle mani di persone prive di ogni scrupolo, veri mercanti di esseri umani”.
    Lo sottolinea il vescovo di Vicenza, Beniamino Pezziol. “Davanti a questi fatti, ciascuno di noi si interroga: che cosa possiamo fare? Certamente non possiamo restare indifferenti o voltare la faccia dall’altra parte – avverte il vescovo – Prima di tutto è necessario guardare a queste persone con un’infinita misericordia, vedendo in loro dei fratelli e delle sorelle per i quali pregare ogni giorno. Poi invito ognicristiano che ne ha la possibilità a vivere qualche forma di volontariato, mettendosi a disposizione attraverso la Caritas o altre associazioni, anche nelle nuove piccole strutture di accoglienza che stiamo predisponendo nel territorio della Diocesi. L’accoglienza deve essere fatta bene e in modo intelligente, se vogliamo che porti ad una vera integrazione e pacifica convivenza”.
    Uno dei capi del terzomondismo cosmopolita camuffato da carità è certamente il modernista Raniero Cantalamessa. Nel vecchio studio: BERGOGLIO E CANTALAMESSA, GLI ULTIMI «MIASMI PESTIFERI» DELLA «CHIESA CONCILIARE»

    La verità, oltre questa spudorata mistificazione dei fatti, l’abbiamo raccontata qui:

    I profughi? Sono persone sequestrate e poi vendute ai trafficanti

    I trafficanti di uomini che organizzano i viaggi dei profughi che tentano di raggiungere l’Europa ‘comprano’ gruppi di profughi (con quali soldi?) da altre organizzazioni criminali operanti in Africa, che li avevano precedentemente sequestrati e poi venduti.Capito perché li fanno salire sui barconi sotto la minaccia delle armi?

    Operazione Mare Nostrum: l’ONU paga clandestini per venire in Italia.

    ONU: proseguire Mare Nostrum, in Europa serve manodopera a bassa qualifica.

    L’ONU vuole un «rimpiazzo» in Italia: 26 milioni di immigrati entro il 2050.

    Video – D’Alema: “abbiamo bisogno di almeno 30 milioni di immigrati”.

    Barbara Spinelli (Tsipras) “C’è bisogno di 10 MILIONI di immigrati”.

    Emma Bonino: “L’Europa avrà bisogno di 50 milioni di immigrati entro il 2050″

    RispondiElimina
  17. http://www.imolaoggi.it/2015/04/20/schiavisti-africani-organizzano-i-viaggi-i-complici-sono-in-italia/



    Schiavisti africani organizzano i viaggi, i complici sono in Italia.

    Lunedì, 20, aprile, 2015

     

    Sono 24 i fermati nell’operazione ‘Glauco II’ della Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Palermo, che ha sgominata un’organizzazione dedita al traffico di esseri umani tra l’Africa e l’Europa. L’inchiesta ha preso spunto dal tragico epilogo dello sbarco del 3 ottobre 2013 a Lampedusa, quando in 366 persero la vita a mezzo miglio dall’isola.

    Tra i principali responsabili – secondo gli inquirenti – figurano due trafficanti di esseri umani: Ghermay Ermias, etiope, e Redae Medhane Yehdego, eritreo, che operano sulla cosiddetta “rotta libica”. Il primo, latitante dal luglio 2014, ritenuto l’organizzatore e il responsabile di quell’episodio, agisce tra Tripoli e Zuwarah.

    Nel corso delle indagini sono emerse transazioni di denaro, prevalentemente movimentate tramite canali illegali, per centinaia di migliaia di euro. I fermi di indiziato di delitto emessi dalla Dda palermitana sono stati eseguiti dalla Polizia di Stato nelle province di Palermo, Agrigento, Catania, Milano, e Roma nei confronti di soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, nonche’ di favoreggiamento dell’immigrazione e della permanenza clandestina, aggravati dal carattere transnazionale del sodalizio malavitoso.

    Le indagini hanno consentito di ricostruire, anche attraverso mirate attivita’ tecniche, la struttura organizzativa e le dinamiche criminali della pericolosa organizzazione malavitosa transnazionale, composta da eritrei, etiopi, ivoriani, guineani e ghanesi, che ha favorito l’immigrazione illegale di diverse centinaia di connazionali.

    Ghermay Ermias, che agisce nelle zone di Tripoli e Zuwarah, e’ latitante dal luglio del 2014, in quanto destinatario di un provvedimento restrittivo, esteso anche in campo internazionale, emesso dopo il tragico naufragio avvenuto del 3 ottobre 2013, evento del quale il trafficante e’ considerato organizzatore e responsabile.

    Le investigazioni hanno consentito di individuare una cellula della medesima associazione criminale, complementare a quella operante sul territorio africano, composta da cittadini eritrei operanti in Italia, in particolare nelle province di Palermo, Agrigento, Catania e Milano, che favorisce la permanenza illegale di migranti clandestini sul territorio nazionale e ne agevola il successivo espatrio, sempre illegalmente, verso altri Paesi dell’Unione Europea, in particolare Norvegia, Germania, e Svezia. (AGI) .

    RispondiElimina
  18. http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/04/20/news/preso-con-266-kg-di-rame-rubati-alle-fs-1.11272255




    ZINGARI AMICI DI KYENGE E BOLDRINI E ALFANO

    RispondiElimina
  19. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/21/ho-una-casa-da-13-milioni-le-frasi-degli-scafisti-nababbi/1118807/




    ITAGLIANI BEOTI OPPURE COMPLICI. IMMAGINARE CHE SONO ANNI CHE IL TRAFFICO DI CLANDESTINI ED ALTRO ARRICCHISCE CRIMINALI ANCHE PIDDINI SINISTRONZI E CARITAS DIOCESANE FINTO BUONISTE MA ARRIVISTE....!!!!!!!!

    RispondiElimina

  20. Il "boss" degli sbarchi in Sicilia aveva il permesso di soggiorno.. ...!!!!!

    RispondiElimina
  21. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/21/ho-una-casa-da-13-milioni-le-frasi-degli-scafisti-nababbi/1118807/


    21 Aprile 2015

    "Ho una casa da 13 milioni" Le frasi degli scafisti-nababbi.
    La logica è quella di incrementare il profitto aumentando il più possibile il numero dei migranti a bordo delle carrette del mare: "Barcone pieno? Avanti un altro". L'unica preoccupazione dei trafficanti è per i soldi che devono incassare

    Patricia Tagliaferri

    La logica è quella di incrementare il profitto aumentando il più possibile il numero dei migranti a bordo delle carrette del mare. E senza pensieri per il loro destino. L'unica preoccupazione dei trafficanti è per i soldi che devono incassare, denaro con il quale si sono arricchiti, come dimostrano le intercettazioni dell'inchiesta Glauco II. Uno dei capi dell'organizzazione, l'eritreo Redae Medhane Yehdego, racconta che in Eritrea si sta comprando una casa da 13 milioni. Sempre lui si informa su come gestire i soldi guadagnati e se è possibile metterli in una banca di Dubai. Del resto gli affari vanno bene, visto che solo quest'anno ha fatto partire circa 8mila persone. Parlando del boss dei mercanti di uomini, l'etiope Ghermay Ermias, una donna racconta che i soldi che guadagna li mette in Svizzera e in Israele e che ne ha così tanti da poterci vivere benissimo per 20 anni.

    «C'È MOLTO MOVIMENTO»

    Asghedom (soprannominato Amice) parla con Ermias. Gli comunica che adesso c'è molto movimento e le cose stanno andando bene. Ermias chiede ad Amice come stanno andando le cose lì da lui e se stanno arrivando le barche, Amice risponde che ne sono già arrivate due di Abdurazak e mille persone di Medane quattro giorni fa, mentre oggi ne è arrivata una di mille persone ma che ancora non sa di chi è. Ermies gli chiede se sono tutti paesani (etiopi ed eritrei, ndr ) e Amice conferma, poi domanda che ruolo lui abbia in questa cosa e Amice gli spiega che lui va con le macchine a prendere dal Centro le persone: «Poi le portiamo a Catania e organizziamo i viaggi per Roma. Ci facciamo pagare 1500 euro, di questi io guadagno 500 euro a persona».

    IL TRASPORTO

    Asghedom parla con un donna di nome Sara in tigrino. Si scusa con lei perché è sempre impegnato al campo, lui lavora con le persone che gli mandano Jabir, Ermias e Abdelrazak e tutta la giornata è impegnato a trasportare persone con tre, quattro, macchine in città, e che ha una casa a disposizione dove mettere le persone. Confida alla ragazza inoltre che tutti e tre, Jabir, Ermias e Abdelrazak, hanno i suoi numeri di telefono.

    LA CASA DA 13 MILIONI

    Medhane chiede se può avere problemi visto che ha del denaro, Abdu risponde che l'importante è utilizzarli con attenzione senza dare nell'occhio. Medhane si informa come può gestire i soldi guadagnati, Abdu lo informa che il governo della Svezia controlla tutti i passaggi bancari e fa molte domande su tutto, Medhane chiede se è possibile, una volta ottenuti i documenti, andare a Dubai, mettere i soldi in banca e rientrare in Europa. Abdu risponde che non ci sono problemi perché basta mettere i soldi in una banca internazionale e che comunque è consigliabile farsi aiutare da una persona che ormai vive da tanto tempo lì ed è in regola per cui non dà sospetti. Prima di concludere Medhane informa Abdu che in Eritrea sta comprando una casa del valore di 13 milioni.

    2.300 DOLLARI A VIAGGIO.....

    RispondiElimina
  22. L'islam è considerato amico sodale dei piddini che non lo temono in quanto lo vedono come espressione di un mondo democratico nonostante i fatti criminali di questi anni. ...

    Una bandiera ed un manifesto di Casapound in piazza invece scatena reazioni esorbitanti come un pericolo di una invasione ALIENA.


    Se ne accorgeranno le femminucce piddine quando l'islam le obblighera' anche in Italia a vestirsi da carnevale col burqa. ..!!!!!!!

    Per noi veri maschi italiani il ritorno al passato in cui l'uomo era padre padrone tutto sommato non ci mette paura ed anzi se la sharia consente al maschio di stuprare everywhere e chi vuole in fondo in fondo non è poi male come prospettiva se dovessimo subirla. ..!!!!!!

    I froci e le lesbicone dovranno cambiare pianeta oppure infilarsi negli harem e prostituirsi....!!!!

    Sai le risate con le femministe imburqate. ...ahahah

    RispondiElimina
  23. Prevedo la fine del cattolicesimo e la chiusura ed occupazione del Vaticano da parte di islam alleato con forze economiche transazionali.....

    RispondiElimina
  24. http://voxnews.info/2015/04/21/premier-australia-allitalia-fate-come-me-respingete-i-clandestini/




    SE NON FACCIAMO UNA RIVOLUZIONE E SMONTIAMO QUESTA FECCIA DI GOVERNICCHIO ITALICO. ....NON CI SALVEREMO DALL'INVASIONE ISLAMICA TAGLIAGOLE.
    FACCIAMO QUALCOSA DI PRATICO PERCHÉ LE PAROLE SONO ORMAI INUTILI....

    RispondiElimina
  25. http://voxnews.info/2015/04/21/i-disperati-pagano-8mila-euro-per-arrivare-con-lo-yacht-di-lusso-succede-a-pozzallo/





    PIDDINI DI CACCA. ....

    RispondiElimina

  26. http://www.lagazzettapalermitana.it/strage-migranti-croci-in-mare-e-uno-striscione-contro-lue-203/


    Strage migranti, croci in mare e uno striscione contro l’UE.


    20 aprile 2015 

     

    Decine di croci in mare e uno striscione che recita “700 vittime, mandante l’UE”: è l’azione di ieri notte dei militanti di CasaPound Italia al Foro Italico per protestare contro il governo di Bruxelles.

    “Risulta incredibile che il fenomeno dell’immigrazione massiva e incontrollata non desti alcun interesse nell’Unione Europea – afferma in una nota CasaPound – in italia, al contrario, fa particolarmente gola alle cooperative rosse e bianche passate negli ultimi mesi alla cronaca, sempre alla ricerca di disperati per intercettare quei fondi destinati alla gestione dell’emergenza migranti”.

    “Chi predica l’apertura delle frontiere – concludono – continua inevitabilmente a promuovere un’attività redditizia che nulla ha a che fare con un disinteressato spirito di accoglienza e che, illudendo masse di disperati, finisce per provocare vere e proprie stragi nel Mediterraneo”.






    RispondiElimina
  27. http://voxnews.info/2015/04/21/spara-e-uccide-ladro-magistrati-lo-mandano-a-processo/





    Siccome abbiamo un MANICO di CACCA e allora si arriva al punto che uccidere un delinquente dentro casa non è giusto perché secondo qualche maiale umanoide non ci si deve difendere da un onesto moldavo gran lavoratore a casa altrui.
    Mi auguro che qualche moldavo rubi a casa di qualche magistrato e che non si possa difendere in tempo reale così capisce......LI MORTACCI LORO. ..




    http://voxnews.info/2015/04/21/spara-e-uccide-ladro-magistrati-lo-mandano-a-processo/



    RispondiElimina
  28. http://voxnews.info/2015/04/21/business-a-rischio-per-vaticano-blocco-navale-idea-orrenda/






    Che schifo dobbiamo vedere anche chez Bergoglio...

    RispondiElimina
  29. http://voxnews.info/2015/04/21/scafisti-se-la-ridono-e-si-rilassano-su-nave-marina-foto/





    Popolo politico appecorinato al business islamico....

    RispondiElimina
  30. http://voxnews.info/2015/04/21/governo-ristruttura-colonia-per-bambini-ospitera-profughi-foto/






    FANNO CAGARE QUESTI CATTOCOMUNISTOIDI....

    RispondiElimina
  31. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/04/21/3-104-315-450-euro-1.1406878




    21/04/2015


    3.104.315.450 euro.

    Ecco i soldi spesi per l’emergenza negli ultimi 4 anni.
    MACELLO MEDITERRANEO.
    È il totale tra l’operazione Mare Nostrum da un lato e la gestione dei Centri di accoglienza, in tutte le varie forme.

    Oltre tre miliardi di euro in quattro anni. È questo il costo complessivo affrontato dall’Italia, in cinque anni, per fronteggiare l’emergenza immigrazione. Una spesa monstre che non ha evitato le migliaia di vittime nel Mediterraneo. Tra l’operazione Mare Nostrum da un lato e la gestione dei Centri di accoglienza, in tutte le varie forme, dall’altro, il conto finale saldato dallo Stato italiano si ferma precisamente, e solo per il momento, a 3 miliardi 104 milioni 315mila 450 euro. E quasi certamente calcolato per difetto.
    Vediamo i numeri nel dettaglio. In media ogni immigrato ci costa 35 euro al giorno. Al novembre 2014 il numero di migranti accolti nelle strutture d’accoglienza era di 61.238. Ma, come affermato nel settembre scorso da Luigi Ammatuna, sindaco di Pozzallo, fino ad agosto ogni straniero costava, in realtà, 80 euro a immigrato. Dunque è solo calcolando una media verso il basso che la spesa in quell’anno arriva a toccare gli 800 milioni di euro. In questo momento, però, i clandestini ospitati sul nostro territorio nazionale sono 80mila, un numero che moltiplicato per 35 euro al giorno, porta la spesa per lo Stato italiano a oltre un miliardo di euro nell’arco dell’intero 2015. Ma solo se il numero di migranti dovesse rimanere fermo. Il che è impossibile, visto che, rispetto ai 170mila sbarcati nel 2014, le previsioni fatte anche dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, parlano di 250mila arrivi per la fine dell’anno. Dunque anche i migranti che si fermeranno in Italia cresceranno, e parallelamente i costi. Non solo. Per ogni immigrato «adulto», come detto, lo Stato spende 35 euro al giorno, tre dei quali, come spiegato da Daniela Di Capua, direttrice del Servizio centrale del sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, vanno al migrante per le esigenze personali, mentre il resto è utilizzato per gli stipendi degli operatori, vitto, alloggio, ecc. Ma quando si tratta di accudire minori non accompagnati, calcolati finora in 14mila, il costo è ben più alto. In questo caso, infatti, la spesa giornaliera, che comprende anche i soldi per strutture specializzate e servizi sociali, è di 70 euro a persona, ma può arrivare fino a 120 euro. Ma quanto ha speso l’Italia da quando il Nord Africa, e non solo, è in preda alle guerre e all’instabilità? Nel triennio che va dal 2011 al 2013 (quando in Italia si sono registrati, rispettivamente, 62mila, 13mila e 42mila migranti sbarcati), la cifra affrontata dal nostro Paese è stata di 1,3 miliardi di euro. A dirlo nel dicembre scorso al settimanale Internazionale è sempre Daniela Di Capua, secondo la quale, inoltre, «in quel periodo l’emergenza Nord Africa è stata un inutile dispendio di risorse». Nel 2013 il quotidiano La Notizia rivela che in realtà la spesa per ospitare gli immigrati clandestini controllare le frontiere e gestire la cooperazione coi paesi terzi, è stata di 1,6 miliardi di euro all’anno.

    RispondiElimina
  32. La situazione gli è sfuggita di mano a parecchie teste di cazzo.
    Sarebbe il caso che costoro portassero via le loro puzzose chiappe dal governo della nazione che merita ben altro che non questo degrado inarrestabile.

    RispondiElimina
  33. http://voxnews.info/2015/04/21/vietata-benedizione-scuola-turbava-alunni-islamici/


    ARRIVERÀ L'URLO DI DOLORE E DI RABBIA DI PAPA BERGOGLIO CHE È STATO SBEFFEGGIATO IN MODO INDEGNO DA UNA PRESIDE ATEA FILOISLSMAMICA. .??????????

    IL CATTOLICESIMO IN ITALIA È DIVENUTO UN OPTIONAL ANCHE PER IL VATICANO CHE È TUTTO IMPEGNATO NEL BUSINESS IMMIGRAZIONISTICO DEI CLANDESTINI CARNE FRESCA ED A CHILOMETRO ZERO IN MEDITERRANEO.
    PEGGIO PER LORO IN QUANTO LA GENTE DISERTERA' SEMPRE PIÙ LE CHIESE CHE SI CHIUDERANNO PER MANCANZA DI FEDELI E FONDI DI SOSTENTAMENTO ALLA FACCIA DEI PATTI LATERANENSI CHE PREVEDONO UNA TUTELA PARTICOLARE PER IL CATTOLICESIMO MA QUESTO ACCORDO COSTITUZIONALE ED ISTITUZIONALE È VENUTO MENO CON LA NOMINA DI UN PAPA TROPPO ACCONDISCENDENTE AGLI SCHIAFFI CHE PIDDINI E SODOMITI ITALIDIOTI GLI SFERRANO TUTTI I GIORNI.
    MI AUGURO CHE IL PRETE DI QUELLA PARROCCHIA DELLA SARDEGNA DENUNCI IL FATTO ALLE AUTORITÀ ECCLESIASTICHE E ANCHE CIVILI PER GRAVE DISCRIMINAZIONE A SFONDO RELIGIOSO. MI ASPETTEREI UNA SOLLEVAZIONE POPOLARE DA PARTE DEI FEDELI DI QUELLA PARROCCHIA E DEI GENITORI E DOCENTI CATTOLICI DI QUELLA SCUOLA. .....ARRIVERANNO? ??????

    ISLAMICI VIETANO A CASA LORO OGNI RELIGIONE NORMALE APPELLANDOSI A QUELLO CHE C'È SCRITTO IN QUEL LIBRACCIO DI GUERRA corano SCRITTO DA TAGLIAGOLE AL COMANDO DI QUEL PEDOFILO ANTISEMITA maometto.....

    RispondiElimina
  34. http://voxnews.info/2015/04/21/vietata-benedizione-scuola-turbava-alunni-islamici/


    IL QATAR ED ALTRI ISLAMICI RICCHI SFONDATI STANNO COLONIZZANDO LA SARDEGNA CON INVESTIMENTI ECONOMICI INGENTI E PERTANDO I SARDIGNOLI SI STANNO GIÀ ADEGUANDO ALL'ISLAM CHE VIETA LE RELIGIONI CHE NON SIANO HALAL O RISPETTOSE DEL corano di cacca. .

    RispondiElimina
  35. Se veramente renzi fonzie boyscout vuole che non ci sia sciacallaggio mediatico sui morti veri o presunti nel Mediterraneo dica ad Alfano ed a quelli della sua parte politica di smetterla di fare leva sulla commozione e la pietà per i morti, per coprire errori e connivenze commesse fino ad oggi lasciando incontrastati scafisti e speculatori.


    RispondiElimina
  36. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/22/parigi-arrestato-un-islamista-progettava-attacchi-alle-chiese/1119289/




    22 Aprile 2015

    Parigi, arrestato un islamista: progettava attacchi alle chiese.
    Studente di informatica algerino era già noto ai servizi per attività vicine all’islam radicale.
    Aveva con sé un arsenale di armi da guerra.






    Commenti

    SanSilvioDaArcore
    Sicuramente non era un moderato fratello di Papa Francesco.



    RispondiElimina
  37. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/22/immigrazione-cosi-la-marina-affondera-i-barconi/1119301/



    22 Aprile 2015

    Immigrazione, così la Marina affonderà i barconi.
    Le ipotesi sul campo prevedono l'uso dei droni e l'intervento dei sub della marina che piazzareranno l'esplosivo sotto gli scafi.


    Ignazio Stagno

    L'operazione militare per affondare i barconi degli scafisti sembra essere alle porte. Il governo italiano comincia a prepararsi per l'operazione. La prima ipotesi sul campo è quella che prevede l'uso dei droni. Elicotteri comandati a distanza senza pilota in grado di sganciare missili Hellfire sulle imbarcazioni ormeggiate in porto. Di fatto questo piano prevede un'azione silenziosa e con zero rischi di perdite umane. Ma a quanto pare per il momento, dal punto di vista tecnico, questa appare la soluzione meno immediata. Così senza il sostegno della tecnologia toccherà ai militari minare i barconi. Dell'operazione dovrebbe occuparsene il Comsubin (Comando subacquei incursori). Da sempre è il corpo che si occupa delle incursioni nelle basi protette dai terroristi. Dovranno nuotare sott'acqua fino ai barconi per poi piazzare l'esplosivo sotto gli scafi. Una tecnica che la marina italiana conosce bene, sin dal 1941 quando tre siluri guidati da sei uomini della X^ MAS mandarono a picco l'intera corazzata della marina militare britannica nel Mediterraneo.
    Gli incursori hanno già le mappe dei fondali libici. Un'eredità dell'operazione di tre anni fa quando la marina fu incaricata di recuperare i residuati della guerra contro Gheddafi. A dare una mano ci saranno anche i droni che sorvoleranno la costa libica: foto e immagini scattate dall'alto danno la posizione esatta dei barconi fermi in porto. Un'altra alternativa, come racconta l'Espresso, è quella di usare gli elicotteri Mangusta con missili israeliani Spike. La carica di esplosivo pesa meno di un chilo e permetterebbe deflagrazioni misurate e poco rischiose. Infine l'Aeronautica potrebbe sganciare bombe sulle barche dai Tornado in volo.







    Commenti

    Memphis3
    Pura fantascienza. Non sentite, forse, gli strazianti guaiti dei boldrinisti che vedrebbero distrutti i mezzi di trasporto per i "disperati"... e prosciugate le fonti di foraggiamento ai titolari dei centri d'accoglienza? Non se ne farà nulla. Garantita al limone.


    Mobius
    Voi non affonderete niente. Chi parla, non agisce.


    Loudness
    E ci volevano dieci anni per adottare questa soluzione che, la X.ma flottiglia MAS ci ha lasciato in eredità? Caspita oh... veloci come i bradipi eh?


    MEFEL68
    Conoscendo i nostri sinistri politicastri, non vorrei che dopo aver affondato i barconi, il governo e le varie associazioni "umanitarie" organizzino voli charter per andare a prendere i migranti-invasori in terraferma.


    Mario Galaverna
    E vai con l'obiettivo mirato e col rischio individuale del militare sabotatore. Un bombardamento navale è più sicuro.


    macchiapam
    Pare un programma molto difficile. Come faranno i droni e i sub a distinguere i barconi vuoti da quelli su cui si trovano delle persone, o dai pescherecci veri? La difesa minima degli scafisti sarà certamente quella di tenere a bordo un congruo numero di migranti, che ovviamente droni, elicotteri e sub dovranno risparmiare. Molto meglio pensare a uno sbarco militare nelle zone d'ormeggio dei barconi e procedere in sicurezza da terra. E se i libici protestano, amen, saranno rassicurati.


    giuseppe zanandrea
    mi scappa da ridere ....gli italiani che fanno come gli israeliani...ha...ha ha...è come nel film di Fantozzi quando Filini gli dice ..."facci la faccia da efferato..."


    Rossana Rossi
    Staremo a vedere. Per ora tanti propositi e nessun fatto.


    mariolino50
    Una cosa simile la fecero in Albania, ma senza dire niente a nessuno, queste cose si fanno di nascosto da sempre, non puoi avvertire il nemico.


    vince50_19
    Mi raccomando, spiegate per bene a Is e Al Qaeda come farete ..

    RispondiElimina
  38. www.ilgiornale.it



    22 Aprile 2015

    Scuola, la ricetta del Pd: "Subito lezioni di arabo e insegnanti immigrati".
    Il deputato straniero marocchino: "Per l'integrazione servono lezioni di cinese, arabo e spagnolo. E poi ci sono troppo pochi prof stranieri: all'estero sono molti di più"....!!!!!!


    Ivan Francese

    Lezioni di arabo, cinese e spagnolo a scuola per favorire l'integrazione: è questa la ricetta proposta dai piddini.






    Commenti

    Jaspar44
    Manca solo questo per ...l'integrazione degli italiani in Italia.


    danutaki
    Povero ciabattone !! Nella Francia dei lumi, la scuola bilingue sta per essere cancellata da una ministra sua conterranea....e poi perché non insegnare anche Polacco e Rumeno ?? Solo Arabo e Cinese ??....se ne torni a ciabattare in Marocco !!


    d-m-p
    Senti coso marocchino non italiano Doc, guarda che non sono gli italiani che devono integrarsi in Italia , ma chi ci viene , quindi sono gli altri che devono imparare l'italiano altrimenti stiano dove sono . Gli insegnanti , bastano quelli italiani , sono anche troppi........ tu non sei visto come un corpo estraneo , lo sei , non sei italiano , sei arabo e dovresti ringraziare gli italiani per le opportunità che ti offrono .
    Ecco la st....ata è servita!! Ci manca solo questa. Chi arriva in Italia onestamente, da cittadino Italiano se vuole insegnare faccia il concorso come tutti i cittadini Italiani, ci mancano i favoritismi solo per essere immigrati, africani, cinesi, arabi, ecc. Mi faccia il piaceere!!....vade ramengo. ...!!!!!!!!


    umbro80
    Ok, eliminiamo magari anche l'italiano, tanto a che serve? Questo filoislamico è tra le peggiori persone che stanno al governo anche se gli altri sono pdm.


    fritz1996
    Dopo la Kyenge, ecco un altro miracolato. Che continui a parlare, farà solo perdere voti al suo partito.


    gianniverde
    Certo che i kompagni non si fanno mancare nulla per affossare l'Italia ,prima la kyenge ora questo.


    alejob
    Sono molto molto INCAZZATO. Quando sono uscito da questo paese nel 1959 per lavoro, qualche anno, dopo sono arrivati centinaia di migliaia di Stranieri, i quali hanno iniziato a volere Scuole, Asili ecc. Il GOVERNO ha fatto subito STOP a queste richieste dicendo, siete venuti per LAVORARE, se volete INTEGRARVI dovete sottostare alle nostre leggi, alla nostra LINGUA ai nostri INSEGNAMENTI. Chi non vuole accettare questo DEVE USCIRE. Questo Paese ERA ed è rimasto il PRIMO AL MONDO, non lo dico io, lo dicono gli AMERICANI. Se avrebbero accettato tutto quello che gli: ITALIANI, TURCHI, SPAGNOLI, COSSOVARI, e SLAVI volevano, questo paese oggi non ESISTEREBBE.


    maucom
    Siamo in ITALIA e Viva l`Italia per sempre --- Venite da noi ed adattatevi alle nostre leggi ed al nostro stile di vita, imparate l`Italiano che e` la nostra lingua. il 25 Aprile e` il 70 anniversario della Liberazione. C`e` forse la neccessita` di un altra? Che sia forse ora di liberare l`Italia prima da un governo di inetti e secondo dagli infedeli? Vi ricordate le crociate? Che sia ora di iniziare la X? e buttarli fuori dalla nostra terra a cominciare da questo marocchino del cazzo! !!!!!

    RispondiElimina
  39. http://voxnews.info/2015/04/21/simpatizzanti-isis-marciano-in-inghilterra-al-grido-allah-akbar-video/




    BLACKBURN COLONIA ISLAMICA IN INGHILTERRA..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cameron venduto al business islamico nemico però delle tradizioni inglesi.
      Di questo passo il CALIFFATO lo avremo costruito noi e regalato a quei fetecchiosi di suini coranici tagliagole.
      Il video lascia sconcertati in quanto un fiume di subumanoidi maschi in barracano e cappello e insegne dell'Isis sfilano in terra europea bloccando il traffico e scortati da polizia ex/britannica e ""polizia shariaca"" . Vivono mantenuti da quegli idioti inglesi esterofili e filoislamici. ..

      VERGOGNA
      VERGOGNA

      Avere abdicato alla propria storia e avere dato spago a questi parassiti tagliagole è esempio di demenza presenile....

      Elimina
  40. http://voxnews.info/2015/04/22/prefetto-venezia-chiede-case-private-per-i-profughi/




    SONO FOLLI QUESTI TIZI DELLE PREFETTURE ITALIOTE. ...

    RispondiElimina
  41. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/22/dal-sistema-emirates-747-milioni-di-euro-per-il-pil-dellitalia/1119496/





    LEGGERE CHE ALITALIA VIENE SMANTELLATA E SOSTITUITA DA COMPAGNIE AEREE ISLAMICHE FA PROPRIO GIRARE I COGLIONI.
    IN PIÙ ASSISTIAMO AD UN CONTINUO ACCAPARRARSI DI ATTIVITÀ ECONOMICHE DA PARTE DEGLI ARABI CHE USANO I SOLDI NOSTRI DA COMPRATORI DEL LORO MALEDETTO PETROLIO
    SE NE ACCORGERANNO QUELLI DI MEDIASET QUANDO DOVRANNO VENDERE AGLI ISLAMICI STROZZINI HALAL. .....!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  42. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/23/la-marcia-senza-ritorno-degli-armeni/1119637/




    23 Aprile 2015

    La marcia senza ritorno degli armeni.
    L'anno scorso Erdogan espresse le sue condoglianze per la «tragica fatalità» che tra il 1915 e il '23 provocò 350mila armeni morti durante le deportazioni. Non fu fatalità, ma genocidio pianificato, e i morti furono un milione e mezzo

    Rino Cammilleri

    L'anno scorso Erdogan espresse le sue condoglianze per la «tragica fatalità» che tra il 1915 e il '23 provocò 350mila armeni morti durante le deportazioni. Non fu fatalità, ma genocidio pianificato, e i morti furono un milione e mezzo. Nei documenti turchi di allora compare per la prima volta l'espressione «pulizia etnica». Ma anche religiosa, visto che gli armeni erano cristiani. Infatti l'Isis ha distrutto la chiesa siriana di Deir ez-Zor, sorta sul luogo in cui erano state ritrovate decine di fosse comuni di armeni e che era un simbolo del genocidio.

    Franca Giansoldati cominciò a incuriosirsi quando, per l'Adn-Kronos, segnalò l'iniziativa del deputato leghista Pagliarini, che nel '98 si fece carico di una mozione affinché il parlamento riconoscesse il genocidio armeno. Come vaticanista del Messaggero , la Giansoldati seguì poi la visita di Giovanni Paolo II in Armenia. Ora, in occasione del centenario del Medz Yeghern («grande male») che iniziò il 24 aprile 1915, ha pubblicato un libro, La marcia senza ritorno. Il genocidio armeno (Salerno, pagg. 128, euro 12), basato su documenti inediti dell'archivio vaticano. Sì, perché il Vaticano fu il solo samaritano di quel primo genocidio del XX secolo, modello degli altri che seguirono. Le Potenze del tempo, impegnate nella Grande Guerra, voltarono la faccia. Il papa Benedetto XV per ben due volte scrisse al sultano Muhammad V Reshad e fu l'unico leader a protestare ufficialmente. La Santa Sede si spese - e spese - per aiutare profughi e sopravvissuti, arrivando ad aprire un orfanotrofio femminile nella residenza papale di Castel Gandolfo. Il papa attivò la rete mondiale di nunzi, ma si scontrò con un muro di gomma: la Francia aveva grandi investimenti in Siria e Libano, allora sotto dominio ottomano; la Russia in quel momento preferiva concentrare gli sforzi contro la Germania e non crearsi altri problemi con i turchi (poi intervenne la rivoluzione bolscevica); l'Inghilterra, che non voleva navi altrui nel Mediterraneo, bloccò un'iniziativa della Santa Sede per costituire una flotta di soccorso agli armeni; l'Italia era interessata solo a escludere la Santa Sede dalle trattative di pace. E a Versailles il nuovo leader turco, Kemal Ataturk, riuscì a far silenziare la «questione armena».

    Oggi la Turchia teme soprattutto una mega-richiesta di risarcimenti, visto che gli armeni liquidati cent'anni fa rappresentavano l' élite economico-finanziaria della Sublime Porta.

    RispondiElimina
  43. Forza Italia fa il gioco sporco facendo finta opposizione ufficialmente al governicchio Renzi fonzie boyscout e poi sottobanco fa inciuci col nemico del popolo italiano patriottico.
    A loro dire il diritto internazionale vieterebbe i respingimenti ma in questo caso si tratta di invasione nemica. ...!!!!!!!!



    VERMI SCHIFOSI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riguardo alla sicurezza dei nostri confini italiani ovviamente spendiamo soldi per niente. Mi risulta che anche con i radar attuali sia facile trovare imbarcazioni che navigano sia in acque internazionali e sia in quelle territoriali, il problema non è individuarle ma bloccarle. Supponendo di mettere in funzione un fantasmagorico sistema radar nuovo che senso ha poterli individuare i barconi coi clandestini se poi non si sa come fermarli?
      Fermare i clandestini è sicuramente l'ultimo dei pensieri di Renzi. A lui interessa soltanto ampliare il proprio bacino elettorale con potenziali elettori cui si affretterà, quanto prima, a concedere la cittadinanza.
      E cosa dovrebbero servire altri radar nuovi e costosi e altre diavolerie varie per intercettarli prima?,così che si sentano più sicuri e possano imbarcarsi con la certezza di essere salvati accolti e mantenuti.
















      Elimina
  44. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/23/gli-investigatori-tunisini-dietro-lattacco-al-bardo-jihadisti-che-venivano-dallitalia/1119826/





    L'ITALIA È UNA CLOACA ISLAMICA DA BONIFICARE

    RispondiElimina
  45. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/23/tedesco-compra-una-barca-per-riempirci-di-immigrati/1119819/




    0

    Ecco un altro mentecatto che vuole passare, apparire, per benefattore dell'umanità trasportando disperati dalla Libia all'Italia. A questo ennesimo, ammorbante paladino dei disperati è bene che si dica che gli eventuali migranti - imbarcati ad ogni viaggio che riesca egli a compiere - vanno (vanno!)portati (portati!) nella sua Germania e non lasciati in Italia: sarebbe troppo comodo e facile lasciarli in Sicilia per essere poi accolti e mantenuti a spese dell'Italia. E se questo signore vuole dare compiuta concretezza alla sua grande generosità, dopo che li avrà portati in Germania farà in modo di mantenerli economicamente per tutto il tempo che egli vorrà. Sempre a sue spese, ovviamente. La questione immigrazione si è trasformata da un ipotetico 'salvare vite umane' a un assurdo 'trasportare gratuitamente individui' da un punto all'altro del Mediterraneo per ragioni che con la salvezza o la sopravvivenza non hanno nulla a che fare.



    RispondiElimina
  46. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/23/da-qui-partono-i-barconi-della-morte/1119682/

    RispondiElimina
  47. Fermare i clandestini in arrivo in italietta è vietato dal REGOLAMENTO COOP BUZZI. ..

    RispondiElimina
  48. http://www.lagazzettapalermitana.it/migranti-cristiani-gettati-in-mare-arrestato-lo-scafista-del-gommone/




    Migranti cristiani gettati in mare, arrestato lo scafista del gommone.

    23 aprile 2015 

     

    E’ stato arrestato ad Arezzo lo scafista della tragica traversata durante la quale sono stati gettati in mare migranti di religione cristiana da parte di altri compagni di viaggio di religione musulmana.
    Le indagini della Polizia, che avevano già portato all’arresto di 15 persone, hanno permesso di scoprire il volto dello scafista, nascostosi tra i migranti e destinato ad un centro di prima accoglienza della regione Toscana.
    Cheiko Shea, classe 1989, è stato sottoposto a fermo d’indiziato del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, aggravato dal fatto che le persone trasportate erano state esposte a pericolo per la loro vita o per la loro incolumità, viaggiando in condizioni di sovraffollamento ed in assenza di dotazioni di sicurezza individuali. L’uomo, sbarcato lo scorso 15 aprile al porto del capoluogo siciliano insieme ai migranti clandestini,  è stato riconosciuto come il conducente del gommone che, salpato dalle coste libiche, ha condotto circa 100 migranti in acque internazionali al fine di favorire il loro ingresso irregolare nel territorio italiano.

    RispondiElimina
  49. Tra maledetti arabi jihadisti e cristiani mi dispiace ma non solo è scontro religioso ma di civiltà,quella occidentale che ha attraversato varie epoche,il medioevo,il rinascimento,l'umanesimo,l'illuminismo,il romanticismo.
    i musulmani sono rimasti all'alto medioevo (600 dopo Cristo ) ci odiano e anche se sono nati nell'occidente è nel loro dna volerci uccidere..

    RispondiElimina
  50. Saddam e Gheddafi furono deposti non in odio all'Islam ma perché, con un errore tipico dei libertari, si pensava: lui è cattivo, il popolo è buono, abbattiamolo, uscirà la democrazia.

    RispondiElimina
  51. L'aggressione islamica non ci sarebbe senza la religione come base essenziale .. ..

    RispondiElimina

  52. E chi dovrebbe farla questa rivoluzione , gli Italiani di centrodestra? Quelli che sono, siamo, stati capaci di assistere imbelli alla distruzione del nostro leader e del nostro partito? Ma che rivoluzione, ci meritiamo ampiamente quello che abbiamo ed il peggio che verrà. I nostri figli e nipoti ci malediranno per aver lasciato loro un'Italia molto peggiore di quella che i nostri Padri hanno lasciato a noi.

    RispondiElimina
  53. La realtà è che NON sappiamo cosa fare! Non soccorerli in mare è disumano. Impedire le partenze è alquanto difficile e chi parla di impedire che partono a mio avviso lo fa solo perchè è più politicamente corretto e moralmente più accettabile che dire "lasciamoli morire in mare". Insomma sarebbe necessario che il nostro paese mettesse in piede un efficientissimo sistema di controllo e gestione dell'immigraizone, capace di identificare chi mette piede sul nostro territorio e soprattutto capace di rimandarlo a casa sua se qua non trova un Lavoro. Ma per fare questo ci vogliono competenze e capacità, cosa che dubito abbiamo. Insomma il problema è che quello che va fatto non siamo capaci di farlo..

    RispondiElimina
  54. Ritengo che un sistema politico illegittimo (da alcuni anni)(ora anche autoritario) non abbia vergogna proprio di nulla... non c'è di che meravigliarsi.



    RispondiElimina
  55. Se si continua di questo passo fra 20 anni l'Italia non ci sarà più. Occorre fermare quella che è a tutti gli effetti una vera e propria invasione e neppure pacifica.

    RispondiElimina

  56. Sull'invasione la politica è senza vergogna.
    L'immobilismo della politica cialtrona sugli immigrati
    è senza sosta.


















    RispondiElimina
  57. Associazione internazionale dei lavoratori (prima Internazionale) fondata da Marx, alla Internazionale comunista (Comintern) di Lenin. Quest'ultima, in particolare, diede molta importanza all'internazionalismo affermando che l'interesse della rivoluzione operaia internazionale sta al di sopra dell'integrità territoriale, della sicurezza, della tranquillità di questo o quello stato nazionale. - capiamo facilmente che quello che stà accadendo è il disperato tentativo di completare il lavoro di coloro che hanno fallito ovunque hanno operato,cioè il Comunismo,sono quelle idee ed i loro "derivati" che producono queste situazioni mostruose.

















    RispondiElimina
  58. ringraziamo il pd/ sel ed il vaticano al quale molti devoti versano l'8 per mille. Che andrebbe abolito.






    RispondiElimina
  59. E delle prospettive delle donne nel nostro paese ne volgiamo parlare? Ci siamo ammazzate per conquistare i diritti di uguaglianza nella società e nel mondo del lavoro. L'assedio degli immigrati, tutti maschi e musulmani in grandissima parte, finirà col ricacciarci dentro casa per un verso o per l'altro. Tutto questo buonismo non porta da nessuna parte.

    RispondiElimina
  60. Spero che la rivoluzione venga fatta, e poichè tutto questo malaffare ha un nome e cognome ben preciso, registrato all'anagrafe come Tornaconto De Sinistra, la rivoluzione non potrà che essere attuata dai cittadini paganti, tartassati, umiliati dalla politica che pretende d'essere sempre lautamente pagate senza dare in cambio nulla: Forse quel giorno il paese Italia ritroverà un minimo di dignità.

    RispondiElimina
  61. Viste le attuali condizioni del nostro paese io temo una rivoluzione,spero ardentemente di sbagliarmi....

    RispondiElimina
  62. Ogni volta che si rovescia un barcone di migranti diretto alle nostre coste, e ne muore qualcuno, i media grondano lacrime di coccodrillo e la politica lamenta che l'Europa ci abbia lasciati soli ad affrontare il fenomeno dell'immigrazione, ma non facciamo nulla per affrontare e risolvere noi il problema. In realtà, se fossimo un Paese serio e avessimo un governo serio, avremmo già provveduto. Poiché, dopo tutto, si tratta di combattere la criminalità che specula sui viaggi della disperazione, basterebbe bloccare sul nascere la partenza dei barconi nelle acque prospicienti i Paesi d'origine con opportune misure di polizia marittima. Invece, subiamo passivamente l'invasione, limitandoci, con la nostra generosa Marina militare, a soccorrere i clandestini in difficoltà, che continuano a morire e ad arrivare a frotte e minacciano una vera e propria colonizzazione che sconvolgerebbe i nostri equilibri demografici e sociali. Scarseggiano già i centri di accoglienza, ma non facciamo ciò che Paesi meglio organizzati, come la Germania e la Svizzera hanno fatto da tempo: non contingentiamo l'accoglienza di immigrati sulla base delle capacità di inserimento nella nostra economia, perché così vogliono un Papa populista e demagogo e un irresponsabile presidente della Camera che palesemente non sa quel che dice -, figlia di una cultura politica cialtrona.
    Il problema dell'immigrazione clandestina è lo specchio della miserevole condizione del Paese. Non c'è uno straccio di politica dell'immigrazione; assistiamo alla loro morte in mare, subiamo passivamente l'arrivo di centinaia di immigrati, non sapendo che farne, persino di fronte al pericolo di ingresso di eventuali terroristi; ne prevediamo centinaia d'altri e restiamo inerti, salvo parlarne sui media come fosse solo un dato statistico, non umano e tanto meno politico; i media, per parte loro, nel timore di disturbarlo, non chiedono al governo di darsi da fare. Così, le nostre strade brulicano di immigrati che fanno, per elemosina, i lavavetri delle auto ferme al semaforo: uno spettacolo mortificante per loro, abbandonati a se stessi, e per lo Stato paralizzato dall'incompetenza e dall'assenza di capacità di decisione. Il governo ne parla come se la cosa non lo riguardasse, probabilmente contando su fantomatici controlli di polizia (?) una volta che il pericolo di atti terroristici si manifestasse, ma nascondendo le proprie manchevolezze dietro il dito di una non meglio definita solidarietà, che è poi un modo ipocrita di evitare di affrontare seriamente e concretamente il problema, secondo doppia morale e prassi cattolica e di sinistra. Evidentemente, si pensa di sfruttare la manodopera esuberante a basso costo per lavori che gli italiani non fanno più. In tal modo, fra qualche anno, saremo totalmente colonizzati da una cultura dell'immigrazione che non riconosce i nostri principi e persino le stesse nostre leggi. Se qualcuno solleva il problema di «che fare» e prospetta soluzioni, scatta l'accusa di razzismo. Abbiamo superato i limiti della decenza e manco ce ne accorgiamo.

    RispondiElimina
  63. http://voxnews.info/2015/04/23/la-bufala-dei-profughi-i-dati-ufficiali-clandestino-il-95-di-chi-sbarca/






    CLANDESTINI ISLAMICI INVIATI APPOSTA X NOI. ..

    RispondiElimina
  64. http://voxnews.info/2015/04/23/paesi-ue-tutti-in-coro-a-renzi-noi-mettiamo-le-navi-voi-vi-prendete-in-clandestini/






    MALEDETTI PIDDINI DI MERDA TRADITORI. ....!!!!!

    RispondiElimina
  65. http://voxnews.info/2015/04/23/ue-hanno-deciso-solo-di-triplicare-gli-sbarchi/




    RENZI FONZIE UBBIDIENTE ALLA MERKULONA

    RispondiElimina
  66. http://voxnews.info/2015/04/23/gb-primo-sindaco-nero-e-islamico-condannato-per-corruzione-e-brogli/





    MERDACCE NEGRE ED ISLAMICHE AL LAVORO. ..

    RispondiElimina
  67. http://www.intelligonews.it/articoli/23-aprile-2015/25774/migranti-di-stefano-casapound-l-africa-meglio-col-colonialismo-ci-mancano-le-palle



    Migranti clandestini.....
    Di Stefano (CasaPound): "L'Africa meglio col colonialismo. Ci mancano le palle".

    23 aprile 2015

    Adriano Scianca

    "L'Africa? Dovrebbe tornare ai tempi del colonialismo". La provocazione arriva da Simone Di Stefano, vicepresidente di CasaPound Italia, che a IntelligoNews spiega: "L’Italia deve prendere possesso delle coste libiche. Ma per farlo ci mancano le palle. I veri sciacalli sono i soliti noti dell'accoglienza".


    L'Ue pensa di affondare i barconi. È un'idea sensata? 


    «Iniziative come quella di affondare i barconi potrebbero anche avere un senso, ma ritardano solo i problemi. Sulle coste libiche c’è un milione di disperati: quanti barconi dobbiamo affondare? Alla fine troveranno il modo di arrivare, proprio come diceva Jean Raspail nel romanzo “Il campo dei santi”». 


    E quindi come se ne esce? 


    «L’Italia deve prendere possesso delle coste libiche, magari alleandosi col governo laico di Tobruk. Ma per fare questo serve un cambio di mentalità di 180 gradi». 


    In che senso? 


    «Cosa si fa se andiamo ad affondare i barconi e ci scappa il morto civile per sbaglio? E se ci prendiamo una bazookata? Cosa diranno i parrucconi europei? E poi chi ci va? Noi abbiamo i droni, ma sono disarmati e per averli armati dobbiamo aspettare l’assenso degli Usa, dato che abbiamo avuto la bella idea di comprarli da loro». 


    Insomma, prima ancora dei problemi tecnici c’è un problema di strumenti culturali che ci mancano per essere all’altezza di questa epoca così feroce, giusto? 


    «Sì, se vogliamo chiamare “strumenti culturali” le palle. Perché è quello che ci manca: le palle. Quel baraccone geriatrico che è l’Unione europea non ne ha di certo». 


    Quindi la strada è intervenire militarmente? 


    «L’Europa deve tornare in Africa. Lì deve ritornare il benessere che c’era, spiace dirlo, al tempo del colonialismo. Dopo che gli europei se ne sono andati sono arrivate le multinazionali e uno sfruttamento ben peggiore». 


    Quindi CasaPound rivuole le colonie? 


    «C’è colonialismo e colonialismo. Quello italiano ha fondato scuole e costruito strade, ha inquadrato i giovani autoctoni in organizzazioni statali. Oggi quel modello non è più proponibile in quanto tale, ma certo si può riproporre un interesse illuminato, chiamiamolo così, dell’Europa nei confronti dell’Africa, che possibilmente non ricalchi il colonialismo sfruttatore di marca anglosassone». 


    Renzi e il Pd hanno polemizzato contro gli “sciacalli”, cioè, secondo loro, i leghisti e chi contesta l’immigrazione. 


    «Giorni fa ho visto su facebook che una nota giornalista, che fa parte proprio di questi buonisti, metteva sulla sua bacheca la foto di una bambina immigrata annegata. Avrei voluto dirgli: “Ma quella bambina l'avete chiamata noi! Voi, dal vostro salotto di casa in centro, l’avete chiamata e gli avete detto di venire, che non c’era problema, che l’avremmo accolta a braccia aperte”. Ecco chi sono gli sciacalli. Sono le associazioni che propongono il corridoio umanitario per farli venire qui tutti perché mangiano i soldi pubblici destinati alla "accoglienza". Cominciamo a dare zero euro per "i soliti noti dell'accoglienza". Fatelo coi soldi vostri, poi vediamo quanto siete buoni...». 

    RispondiElimina
  68. Malta attua i respingimenti anche armati dei clandestini islamici con l'Iphone. ..
    Perché l'italia no. .???

    Forse perché coop rosse Buzziane e le Caritas diocesane ci speculano e si ingrassano....

    RispondiElimina
  69. http://voxnews.info/2015/04/24/avvisate-al-fano-in-guerra-ci-siamo-gia/





    IMBECILLI AL GOVERNO CI FANNO INVADERE. ..

    RispondiElimina
  70. http://voxnews.info/2015/04/24/accoglienza-prete-gay-adescava-ragazzini-immigrati-sul-web/


    I FROCI OMOPEDOFILI SI INTRUFOLANO NEI SEMINARI CATTOLICI PER POI FARE I PRETI NON PER MOTIVI RELIGIOSI MA BENSÌ PERCHÉ MOSSI DA SCOPI SESSUALI E CIÒ TUTTI LO SANNO.
    BENEDETTO LO SCRISSE NERO SU BIANCO MA FU MINACCIATO DI MORTE DAGLI OMOPEDOFILI IN TONACA E COSTRETTO A DIMETTERSI.
    PAPA BERGOGLIO NON HA AVUTO IL CORAGGIO E LA CAPACITÀ DI FARE PULIZIA IN VATICANO PER CUI CI RITROVIAMO CON FINTI ECCLESIASTICI CHE FANNO LE CHECCHÉ IGNOBILI COLLA IMMIGRAZIONE CLANDESTINA E COI MINORI ZINGARI.
    LI ADESCANO DIRETTAMENTE OPPURE TRAMITE INTERMEDIARI PREZZOLATI E INFANGANO L'ABITO CHE INDOSSANO.

    RispondiElimina
  71. http://www.nocristianofobia.org/on-line-il-manuale-del-perfetto-jihadista-per-terroristi-in-erba/



    On line il manuale del “perfetto jihadista” per terroristi in erba.

    aprile 24th, 2015

    Mauro Faverzani

    Ecco il piccolo manuale del perfetto jihadista: è in circolazione da alcuni giorni on line, sotto forma di accattivante e-book. Ammiccante nella forma, semplice nel linguaggio, minuzioso nei consigli e divulgativo per i contenuti – così da renderli comprensibili anche per terroristi alle prime armi -, propone su Internet 70 pagine di orrore puro.

    Il pubblico cui si rivolge è quello occidentale, in particolare quanti, pur non essendo miliziani esperti in prima linea al fronte, non disdegnino i messaggi più estremistici e radicali dell’islam e si ritengano anzi pronti a commettere un attentato nel proprio Paese. Li invita a stare nell’ombra come vere e proprie “cellule dormienti”, per poter poi perpetrare i propri misfatti al momento opportuno, quello da loro stabilito.

    Il documento è suddiviso in 12 capitoli, ciascuno dei quali dedicato ad una tappa ben precisa dell’itinerario di formazione. C’è di tutto: l’arte della discrezione – nella vita e su Internet -, l’addestramento, le basi per imparare ad usare le armi,… così da esser pronti per il «giorno J», come è stato denominato il giorno in cui si proclamerà la jihad nell’Occidente, come peraltro esplicitamente previsto dal progetto espansionistico dell’Isis.

    Dell’e-book nessuno rivendica la paternità, è impossibile conoscerne l’autore con precisione. Emergono però alcune evidenze. Innanzi tutto, si tratta di un documento recente, fa infatti diretto riferimento agli attentati di Parigi. Secondo il settimanale L’Express, che ha dato la notizia, potrebbe risalire allo scorso 27 febbraio, essendo stato caricato quel giorno sulla piattaforma di download e non essendovene tracce antecedenti.

    Sono frequenti i riferimenti all’Isis, tanto nell’esaltare gli attacchi terroristici quanto nel diffondere messaggi di pura propaganda (conquistare l’Europa col Nord-Africa, riunificare tutti i territori finiti sotto il controllo di tale sigla,…). I 12 capitoli dell’e-book possono essere suddivisi in tre categorie: 1) come preservare il proprio anonimato ed evitare di farsi notare; 2) formazione e costituzione di un vero e proprio arsenale di guerra; 3) azione e, se necessario, fuga verso le terre occupate dall’Isis o da Boko Haram in Nigeria, con tanto di consigli sulle modalità più efficaci per attraversare indisturbati le frontiere.

    Innanzi tutto, la guida consiglia di far di tutto per evitare che la gente attorno al soggetto jihadista noti qualche cambiamento nella sua condotta o nel suo aspetto fisico. Indica anche dei metodi atti a garantire l’anonimato nelle comunicazioni telefoniche ed informatiche. Quindi, spiega anche come progettare altri tipi di esplosivo, ad esempio bombe molotov o un ordigno artigianale servendosi di una semplice pentola a pressione: procedimento, quest’ultimo, utilizzato dai fratelli Tsamaev per gli attentati a Boston.

    Un libretto, insomma, davvero “esplosivo”… è il caso di dirlo!









    RispondiElimina
  72. http://www.analisidifesa.it/2015/04/blocco-navale-meglio-i-respingimenti-assistiti/







    ARTICOLO INTERESSANTE CHE CONSIGLIO. ....

    RispondiElimina
  73. Ogni volta che si rovescia un barcone di migranti diretto alle nostre coste, e ne muore qualcuno, i media grondano lacrime di coccodrillo e la politica lamenta che l'Europa ci abbia lasciati soli ad affrontare il fenomeno dell'immigrazione, ma non facciamo nulla per affrontare e risolvere noi il problema. In realtà, se fossimo un Paese serio e avessimo un governo serio, avremmo già provveduto. Poiché, dopo tutto, si tratta di combattere la criminalità che specula sui viaggi della disperazione, basterebbe bloccare sul nascere la partenza dei barconi nelle acque prospicienti i Paesi d'origine con opportune misure di polizia marittima. Invece, subiamo passivamente l'invasione, limitandoci, con la nostra generosa Marina militare, a soccorrere umanitariamente i migranti in difficoltà, che continuano a morire e ad arrivare a frotte e minacciano una vera e propria colonizzazione che sconvolgerebbe i nostri equilibri demografici e sociali. Scarseggiano già i centri di accoglienza, ma non facciamo ciò che Paesi meglio organizzati, come la Germania e la Svizzera hanno fatto da tempo: non contingentiamo l'accoglienza di immigrati sulla base delle capacità di inserimento nella nostra economia, perché così vogliono un Papa populista e demagogo e una irresponsabile presidente della Camera - bella donna, ma che palesemente non sa quel che si dice -, figlia di una cultura politica cialtrona.

    Il problema dell'immigrazione clandestina è lo specchio della miserevole condizione del Paese. Non c'è uno straccio di politica dell'immigrazione; assistiamo alla loro morte in mare, subiamo passivamente l'arrivo di centinaia di immigrati, non sapendo che farne, persino di fronte al pericolo di ingresso di eventuali terroristi; ne prevediamo centinaia d'altri e restiamo inerti, salvo parlarne sui media come fosse solo un dato statistico, non umano e tanto meno politico; i media, per parte loro, nel timore di disturbarlo, non chiedono al governo di darsi da fare. Così, le nostre strade brulicano di immigrati che fanno, per elemosina, i lavavetri delle auto ferme al semaforo: uno spettacolo mortificante per loro, abbandonati a se stessi, e per lo Stato paralizzato dall'incompetenza e dall'assenza di capacità di decisione. Il governo ne parla come se la cosa non lo riguardasse, probabilmente contando su fantomatici controlli di polizia (?) una volta che il pericolo di atti terroristici si manifestasse, ma nascondendo le proprie manchevolezze dietro il dito di una non meglio definita solidarietà, che è poi un modo ipocrita di evitare di affrontare seriamente e concretamente il problema, secondo doppia morale e prassi cattolica e di sinistra. Evidentemente, si pensa di sfruttare la manodopera esuberante a basso costo per lavori che gli italiani non fanno più. In tal modo, fra qualche anno, saremo totalmente colonizzati da una cultura dell'immigrazione che non riconosce i nostri principi e persino le stesse nostre leggi. Se qualcuno solleva il problema di «che fare» e prospetta soluzioni, scatta l'accusa di razzismo.

    RispondiElimina
  74. Esiste un Islam moderato? Non stiamo parlando del vostro vicino di casa musulmano e lavoratore che, sicuramente, è una brava persona; come lo era il poliziotto franco-algerino freddato in strada a Parigi.
    Stiamo chiedendoci se il modello d’integrazione imposto in questi anni dalla stupidità buonista di ottusi multiculturalisti stia funzionando o meno; se la retorica sull’Islam moderato da contrapporre agli integralisti, sia l’ennesima favola di intellettuali e politici vili oppure una possibilità per vincere la sfida della guerra a casa nostra.
    Negli ultimi mesi, sei notizie dall’Europa sembrano risponderci no: l’islam moderato probabilmente non esiste.

    COMUNITARISMO ISLAMICO (Maggio 2014)
    Le Figaro pubblica una nota riservata dei servizi d’intelligence in cui spiega che in alcune scuole francesi sta sviluppandosi una sorta di“comunitarismo islamico” radicale che punta a creare un’identità parallela separata rispetto agli studenti non musulmani. Una sorta di “guerra di logoramento”che va dall’uso del velo (che in alcune città come Marsiglia è ormai indossato da metà delle studentesse) nonostante il divieto della legge francese, all’utilizzo di palestre e corridoi come luoghi di preghiera, a pressioni su docenti e presidi per imporre regole più legate alla Sharia, fino all’istituzione (seppure ancora limitata) di gruppi studenteschi “guardiani dell’ortodossia”, che vigilano sul rispetto delle regole religiose da parte degli studenti musulmani.

    TROJAN HORSE (Luglio 2014)
    Peter Clark, ex capo dell’antiterrorismo britannico, presenta una ricerca condotta dal governo di Londra chiamata emblematicamente “Trojan Horse” (Cavallo di Troia). La ricerca dimostra l’islamizzazione radicale sunnita operata in molte scuole di Birmingham (la città più islamica d’Inghilterra); presidi e insegnanti musulmani inducono i bambini a comportamenti segregazionisti per escludere quelli di altre fedi religiose. Il tentativo è di “convertire le scuole statali laiche in religiose” pur mantenendo apparentemente il ruolo di scuole pubbliche; ai ragazzi sono imposti i dettami dell’islam integralista sunnita e l’indottrinamento ideologico anti-occidentale (soprattutto anti-Israele) che “solleva preoccupazioni circa la loro vulnerabilità alla radicalizzazione in futuro”. Il progetto sarebbe favorito direttamente da organizzazioni come il Council Muslim of Britain (che nel 2011 stabilì che le donne senza velo sono “colpevoli di rifiutare l’Islam”) e la Association Muslim School: organizzazioni ritenute moderate.
    Nicky Morgan, Sottosegretario all’Istruzione e Ministro delle Pari Opportunità del Governo Cameron, ha dichiarato al New York Times che probabilmente, l’operazione Trojan Horse è frutto della “pubblica paura di essere accusati di razzismo e islamofobia ”.

    LEVE ISIS! (Giugno 2014)
    Abdoe Khoulani è un assicuratore olandese fondatore del Partito dell’Unità (Partij van de Eenheid), una forza politica islamica che nel 2014 si è presentata alle elezioni comunali dell’Aia ottenendo due seggi. Khoulani dovrebbe rappresentare il famoso Islam moderato, rispettoso dei valori occidentali a tal punto da riconoscere le regole della democrazia. A giugno ha scritto sul suo profilo Facebook: “Viva l’Isis, Inshallah a Baghdad per combattere la feccia che è lì”, auspicando, “se Dio vuole” la conquista della capitale irachena da parte dei fondamentalisti islamici.
    Intervistato dai media olandesi, dopo la polemica scatenatasi, ha ribadito che “l’Isis non persegue donne e bambini” ma solo i nemici dell’Islam sunnita; e di fronte alle immagini delle esecuzioni sommarie ha affermato che esse “sono nulla rispetto ai centomila sunniti sommariamente giustiziati negli anni passati”. Per l’esponente dell’islam moderato e democratico, i massacri compiuti dai jihadisti dimostrerebbero che è giunto il  “payback-time”, il tempo della restituzione.

    RispondiElimina
  75. Uno su due non paga la bolletta, staccano l'acqua a tutto il quartiere. Per colpa di alcuni, tutto un quartiere è costretto a vivere da quasi un mese senza acqua calda. Sono quattrocento le famiglie di Reggio Emilia che si stanno arrangiando in qualche modo in via Turri, a Reggio Emilia, area ad alta densità di immigrati alle spalle della stazione, dove gli italiani sono pochissimi e sono gli unici che pagano le bollette mentre gli extracomunitari se ne fregano e si allacciano alla rete pubblica.
    È questa l'italia dei piddini...

    RispondiElimina
  76. Quando la Chiesa cattolica (l'unica organizzazione a farlo a piu' riprese, per la precisione) si e' scusata per errori di taluni sedicenti cattolici che nella storia hanno commesso ingiustizie, ci si sarebbe aspettato che altri facessero lo stesso. In particolare, ci si aspettava che certi "rappresentanti islamici moderati" facessero lo stesso, considerato che ne hanno piu' di altri da farsi perdonare! Continuiamo a sentire un assordante silenzio e le poche voci che pure ci sono restano sommerse da ben altre intenzioni.

    RispondiElimina
  77. l'islam marchia profondamente, puo' rimanere sopito, ma "scolpisce" l'animo e il modo di pensare, quello che QUI DA NOI, sembra un mediorientale (islamico) moderato e' solo mimetizzato, bisogna vederlo nel SUO ambiente, spesso e' "dott jekill e mister Hide" e' quella persona magari in giacca e cravatta che con modi signorili e gentili..colpisce la ragazza o giovane donna occidentale di turno, per poi, una volta tornati nel suo paese diventare una "belva" "fondamentalista" e ancora piu' "belva ortodossa" in quanto la donna occidentale e' un infedele..attenzione..ho avuto modo di vederne di sentirne, ho visto vicini del genere come si comportano..passare dall'oggi al domani, da moderati..a riscoprire i valori islamici in un batter d'occhio, magari la moglie per anni usciva coi capelli liberi e all'improvviso portava sempre il velo..........

    ATTENZIONE
    ATTENZIONE

    RispondiElimina
  78. Se mai c'è stato un Islam moderato, è stato distrutto proprio dalle potenze che muovono i fili dei terroristi islamici.Certamente era moderato lo scià di Persia, il re Faruk, il Libano di una volta, come era islamico moderato il nostro amico Magdi Cristiano Allam prima della conversione. Ciò detto, in attesa che qualche islamico moderato si presenti, noi dobbiamo affrontare questo non moderato che ci attacca. Quello che voglio dire è che se non c'è un Islam moderato, la colpa è della politica di un occidente miope e imbelle.

    RispondiElimina
  79. coloro che si definiscono musulmani sono circa un miliardo e trecento milioni: quasi tutti questi ci hanno dichiarato guerra, esplicitamente o implicitamente. dobbiamo reagire (anche con forza) agli attacchi, anzi per me si possono anche chiudere le frontiere.
    È colpa del Corano dove ci sono scritte cose aberranti e inaccettabili per noi occidentali del 2015.

    RispondiElimina
  80. I musulmani ce l'hanno nell'indole di dominare i popoli occidentali. Dominarli e non per passarvi le ferie, ma per depredarli. La storia racconta; che nella notte del cinque di giugno del 1806, il mare era come al solito piatto come una tavola; i natanti a remi filarono spediti in quel Tirreno liscio come l'olio sino al Golfo più rinomato della costa centro orientale dell'Isola dei Nuraghi,che porta il nome della cittadina che lo rappresenta. Armata di tutto punto, una orda di saraceni ripiombò in piena notte al mio paesello(ora cittadina)per la consueta e spavalda grassazione. Che i Mori perpetravano incontrastati ed impuniti specie nei mesi estivi. 
    L'intento era depredare di tutto, prodotti dell’agricoltura, olio, vini, frutta secca, mandorle, carne, di percuotere gli uomini, ed anche(forse soprattutto) di violentare le nostre antenate, e di portarsene via in quantità ai loro paesi musulmani di provenienza. In molti corpo femminili vi inocularono con violenza anche i semi che davano luogo alla c.d. trasmissione genetica. I rigogli che vi nascevano con i tratti somatici dei nord africani, capelli ricci, visi rotondi, colori all’abbronzata , ne erano e ne sono ancora oggi, la postuma testimonianza. 
    Quella notte del cinque di giugno di due secoli fa, le cose andarono storte per gli invasori; gente sarda coraggiosa si mise di traverso. Gridò basta alle grassazioni! E già nella prima casa "profanata" nella Piazza di San Salvatore lo scontro divenne subito violento e sanguinoso; un nostro avo, Giovanni Antonio Gozza, piantò la scure sulla fronte del nordafricano che aveva divelto la sua porta. Altri seguirono il suo esempio, ma nella lotta spietata, il coraggioso oroseino fu ferito a morte dai razziatori.
    L'eroe della notte fu un certo Tomasu Mojoli, che chiamò a raccolta tutta la cittadinanza, che insorse contro gli invasori, e organizzò la storica reazione. Uomini e Donne si armarono di utensili da lavoro ma che si rivelarono armi efficaci per sopraffare e mettere in fuga gli aggressori, che incutevano il terrore, con lo scudisciare di inconfondibili scimitarre. 
    I miei avi subirono delle perdite ma sconfissero i Mori , che furono ricacciati nella zona litoranea dello sbarco. Anche se nella loro terra del nord Africa, vi ritornarono in pochi. Perché lungo la stradina della fuga disperata, di collegamento tra l’abitato, la campagna e il mare, vi rimasero stecchiti ben 75 invasori. Il re di allora si compiacque molto con la mia cittadinanza per il coraggio e il civismo mostrato nella reazione contro l’invasore, che elogiò solennemente con un editto ancora oggi esposto a futura memoria in una parete del municipio. Da quella notte infausta per i grassatori, i Mori non si fecero più vivi dalle nostre parti e dismisero per sempre gli abiti delle razzie. 
    Chi vi ritorna è animato da sani propositi e se vi resta dalle nostre parti è per vivere serenamente e in santa pace. Di rimuovere presepi o simboli anche religiosi delle nostre tradizioni, non passa neppure per l’anticamera della loro mente. Di quella notte infausta ma carica di orgoglio, di coraggio e di onore ne è rimasta traccia indelebile non soltanto nel libro della storia, ma nella memoria collettiva che si rimanda nel tempo. Morale:le maniere decise e forti, a volte sono necessarie perché servono non soltanto per creare eroi, ma soprattutto per stabilire principi.

    RispondiElimina
  81. http://voxnews.info/2015/04/25/norvegia-islamico-uccide-a-coltellate-compagno-di-scuola/




    CHE BELLA NOTIZIA EUROPEA! !!!!!!!!!!!

    L'ISLAM MODERATO IN AZIONE. ...

    RispondiElimina
  82. http://voxnews.info/2015/04/25/ministero-interno-annuncia-200mila-profughi-in-arrivo/







    GUERRA CIVILE PER FERMARE L'INVASIONE...

    RispondiElimina
  83. http://voxnews.info/2015/04/25/sbarcano-334-clandestini-allertati-hotel/


    25 APRILE 2015



    NUOVI TURISTI ABBIENTI CHE SONO BEN ACCETTI

    RispondiElimina

  84. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/25/immigrazione-ucoi-ricorsi-in-italia-e-ue-contro-lespulsione-degli-islamici/1120714/



    25 Aprile 2015

    Immigrazione, Ucoi: "Ricorsi in Italia e Ue contro l'espulsione degli islamici".
    L'Unione delle comunità islamiche: "Ci saranno ricorsi in sede italiana ed europea affinchè ai presunti terroristi espulsi dall’Italia sia garantito un giusto processo. Le associazioni di volontariato faranno valere i diritti".









    Commenti

    Gius1
    siamo diventati scemi. A casa nostra comandano loro. A casa loro ci amazzano.


    Royfree
    Io li sbatterei fuori a priori. L'integrazione è impossibile con questa gente. Ci tollerano e sono tranquilli perchè siamo ancora di più. Ancora per poco.


    Japiro
    perché non espelliamo anche chi difende coloro che sono stati espulsi, evidentemente sono della stessa specie... ahhh dimenticavo espelliamo anche i loro avvocati...


    angelomaria
    come no! ED IN PRIMA CLASSE!!!VI STA FACENDO FARE FIGURE DI CHIODI UNA DOPO L'ALTRA SENZA CONTARE IL DANNO ECONOMICO SANITARIO E TERRORISTICO A CUI VI STA' IMPUNEMENTNTE BIECAMENTE ESPONENDO!!!CHI DA RIMPATRIARE???!!!L'INIZIO DLLA FINE DELSANGUE DEI VINTIE GIORNATA PIU'AZZECCATA DI QUESTA PER POCHI TRAGICA DATA!!!CHE IL SIGNORE VI SALVI DAGL'INGORDI E SENZA ANIMA!!!


    maurofe
    Bene...continuate pure così politici di merdaccia. ....così verranno a fare i padroni a casa nostra....andremo noi in Africa....?????


    VittorioMar
    ..avranno senza dobbio giustizia e accoglienza da martiri!


    Runasimi
    Se ci serviva una prova della connivenza tra terroristi e i mussulmani nel nostro paese ora l'abbiamo. I TERRORISTI SONO DICHIARATAMENTE FRATELLI MUSSULMANI. Dov'è finito l'islam moderato? Ora hanno anche la faccia tosta di pretendere il ritorno di terroristi sul nostro territorio. PER NON SMENTIRE L'IPOCRISIA DI QUESTI ISLAMICI DI CACCA.....


    Tuvok
    Le associazioni per i diritti "incivili", che non avendo di meglio da fare, si occuperanno dei ricorsi, devono essere espulse dall'Italia e spedite in un qualunque paese islamico, in quanto complici dei terroristi.


    rapax
    SBATTIAMOLI TUTTI FUORI DALL'ITALIA una setta criminale intollerabile che rimanga e possa parlare in questa maniera, NON SONO BEN ACCETTI


    timoty martin
    Ecco dove ci ha portato la nostra bonta ed idiozia. Fuori tutti dalla palle ... e smettiamola di farci prendere in giro. ....






    RispondiElimina
  85. Importiamo dai covi islamici africani soltanto dei criminali che alla prima occasione ci faranno la pelle per sostituirsi a noi....

    RispondiElimina
  86. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/25/motovedette-con-esplosivo-cosi-affonderemo-i-barconi/1120632/



    25 Aprile 2015

    Mario Valenza

    Motovedette veloci cariche di esplosivo. Così la marina militare potrebbe mettere in campo il piano per affondare i barconi vuoti dei migranti. Lunedì scatta il primo vertice tecnico per definire la strategia. A delinearla saranno gli esperti del Dipartimento immigrazione della polizia insieme ai responsabili del piano Frontex. L'Italia, dopo il vertice con Germania, Francia e Gran Bretagna potrebbe avere l'appoggio di diversi Stati europei che invieranno navi di pattugliamento nel Mediterraneo.
    Lo schema da attuare è relativamente semplice.....







    Commenti

    gigetto50
    .....noooo....non ci posso credere... ma perché...fino adesso il barcone veniva riconsegnato (posso capire con le cattive come successo ma anche con le buone?) allo scafista che cosi' ritornava indietro a fare un altro carico? Noooo...non ci posso credere.... Se cosi' é...beh allora ha veramente ragione l'Europa a mollarci...


    carpa
    Inoltre, si faccia in modo che Francia, USA ed Inghilterra, dimostratisi tanto determinati con la cxxxxxta di far fuori Gheddafi, vengano invitati ad essere altrettanto determinati ad intervenire per stroncare l'esodo dai paesi sub-sahariani colpendo i trafficanti che da quei paesi prelevano carne da macello per dirottarla sulle coste libiche. Questo si chiamerebbe aggredire il probelma alla radice, altrimenti non se ne esce più.


    Scassa
    scassa sabato 25 aprile 2015 Che bello un bel gioco della "battaglia navale " anziché da tavolino,daTavolo delle Operazioni sul Campo ,scusate,sul Mare !!! Immagino i messaggi tra la Capitaneria e le caccia vedette :" colpito un pezzo da 3 ...colpito ancora ...affondato ...glu glu glu affondiamo gli scafisti ci hanno ...glu ..sparato e a noi è partito un colpo...glu un colpo troppo basso e la moto vendetta ha la carena glu glu ..sottileeeeeeeeee ..scassa.


    freud1970
    Siamo diventati lo zimbello d'europa. Tutto il resto sono solo considerazioni che non servono a nulla. Entriamo nell'ordine delle idee che per come stanno le cose oggi, siamo destinati a diventare una sorta di nazione di frontiera (chiusa) multirazziale.


    bruna.amorosi
    120 milioni di euro credo .bene divisi x cooperative quanti ne toccano per uno? ecco dopo aver fatto questo elementare conto il 3 % andrà allo scopo . perchè forse chi elargisce questi soldi non sa che in ITALIA funziona così .ecco perchè non si risolvono le cose .


    Blueray
    Bisognava arrivare ad aprile 2015 per ideare la distruzione dei barconi in mare? e quelli già arrivati da noi li salviamo a mo' di souvenir? Comunque tutto ciò risolve solo l'1% dei reali problemi. Il rimanente 99% si risolverà il giorno in cui si potranno cambiare le convenzioni internazionali e uno Stato potrà finalmente dire BASTA A QUESTA INVASIONE, PER LA MISERIA! senza essere incriminato di ogni sorta di nefandezze per aver sottoscritto 64 anni fa clausole allora compatibili, oggi autodistruttive. Siccome per fortuna "panta rei", e nulla è immutabile sotto il sole, anche i totem delle Convenzioni internazionali possono sbriciolarsi, e qualunque Stato lo voglia può cessare di aderire. Così invece di giocare a battaglia navale si faranno i riporti. Fine del diritto di asilo vecchia maniera, inizio di nuove regole più severe e restrittive da valutare.









    RispondiElimina
  87. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/25/lisis-in-cerca-di-medici-il-video-della-propaganda/1120654/


    25 Aprile 2015

    L'Isis in cerca di medici: il video della propaganda.
    Una clip mostra un medico australiano che lavora in Siria: "Fratelli unitevi alla nostra battaglia".

    Mario Valenza

    L'Isis ha bisogno di medici. E per reclutarli lo Stato Islamico si affida alla propaganda. In una nuova clip diffusa dai jihadisti, parla un uomo che dichiara di essere un medico australiano che volontariamente ha lasciato il suo Paese per unirsi alla Jihad in Siria. Il presunto medico inoltre invita altri medici ad unirsi "alla battaglia dell'Isis contro l'Occidente". "Qui c'è bisogno di tutti i medici, infermieri e dentisti che vivono in Oriente. Qui gli islamici hanno medicine e apparecchiature, ma - afferma il medico - mancano professionisti in grado di usarle"

    Nella clip, il medico appare dentro un ospedale con gli abiti da chirurgo e uno stetoscopio. L'uomo prala all'interno del reparto pediatrico dell'ospedale e tiene tra le sue barccia un nenato. L'australiano ha una barba appena accennata sul viso e un forte accento della sua terra d'origine, l'Australia. Si chiama Abu Yusuf e afferma di "aver viaggiato fino a Raqqa per offrire il suo aiuto alla jihad per l'Islam". Secondo Calrke Jones, un esperto australiano di terrorismo, il video sarebbe autentico.






    Commenti

    opinione-critica
    Medici senza frontiere non sono sufficienti? Gino Strada non si impegna abbastanza x aiutare quei terroristi islamici? ????

    Commenta anche tu

    Effettua il login per commentare la notizia

    Il Giornale On Line Srl

    Copyright - P.Iva 05524110961

    Vai a ilGiornale.it versione desktop

    RispondiElimina
  88. ve lo dico io dove si può trovare posto per i clandestini raccattare ovunque nel Mediterraneo e vicinanze:
    obbligate ogni iscritto al PD (ed anche ai suoi alleati come SEL, NCD, SCELTA CIVICA, ecc) a ospitare almeno 4 immigrati in casa sua e mantenerlo a spese sue! stessa cosa per le aziende che finanziano il PD, i giornali che sostengono il PD, ecc. poi vedremo se ci ripenseranno :-)...
    Abbiamo tanti compagni in Italia che si facciano avanti e aprano le loro case! https://www.youtube.com/watch?v=0mShDPdlcAY

    RispondiElimina
  89. a proposito di immigrati, ma lo erano pure i nostri avi. se avessero rimandato indietro loro, in qualche modo la storia d'Italia sarebbe stata diversa. che ne dite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domanda giusta ma evidentemente chi la fa non è informato.

      Alla fine dell'ottocento ed agli inizi del novecento furono gli States a pubblicare bandi di immigrazione indirizzati agli europei non islamici né comunisti che fossero in grado di lavorare nel senso che avevano una capacità lavorativa di qualunque genere e che fossero in ottima salute. Erano ammesse le famiglie purché regolari. In ogni caso gli interessati dovevano presentare domanda ai consolati USA del proprio Paese di partenza e pagarsi il viaggio per tutta la famiglia ed avere il vitto per il viaggio. Giunti al porto USA venivano visitati e se non in condizioni fisiche accettabili venivano messi in quarantena se guaribili altrimenti rimandati indietro a spese loro. Se non avevano i soldi dovevano telegrafare in Patria e farsi mandare i soldi per pagarsi il viaggio di ritorno altrimenti erano guai seri. Non c'era nessun clandestino sulle navi e chi veniva scoperto senza autorizzazione di imbarco sulla nave e scoperto all'arrivo veniva mandato in galera ai lavori forzati. Venivano poi avviati al lavoro secondo regole rigide e dovevano pagarsi tutto e non avevano alcun sussidio se non in casi eccezionali. Nessun italiano onesto si sognava di non rispettare le leggi degli USA pena galera severissima. Chi aveva buone intenzioni aveva un futuro altrimenti. .....
      Niente mussulmani praticanti nè comunisti schedati in patria.
      Gli onesti frequentavano scuole e corsi di formazione professionale anche in giovane età proprio per integrarsi lì.
      Essendo i primi residenti in USA già dal 1600 di origine principalmente europea era facile capirsi ed integrarsi.


      Fare un paragone con quello che sta succedendo adesso in Italia è da stolti..!!!!

      Elimina
    2. Personalmente, provengo da una famiglia siciliana rimasta spaccata, metà qui e metà là, perché gli americani respinsero mia zia, una bambina a cui il viaggio aveva causato una congiuntivite e che a Ellis Island scambiarono per tracoma batterico agli occhi contagioso. Risultato: mio nonno e i figli più grandi sì, mia nonna e i piccoli no. Mio padre conobbe i suoi fratelli “americani” solo a quarant’anni. Altri tempi? No, perché ancora oggi gli Usa usano criteri rigidissimi con chi vuole mettere piede nel loro territorio. Ma noi siamo cattocomunisti, perciò terzomondisti e filo-prolet, e ci indigniamo quando vediamo gli accolti disinfettati senza vestiti: lo sanno tutti che, secondo la convenzione di Ginevra, la disinfestazione va subita in smoking. Infatti, scabbia e tubercolosi sono tornati tra noi à la sans façon; anche qui potrei produrmi in  esempi personali ma manca lo spazio. 











      Elimina
    3. Gli Stati Uniti dal 1880 aprirono le porte all'immigrazione nel pieno dell'avvio del loro sviluppo capitalistico; le navi portavano merci in Europa e ritornavano cariche di emigranti. I costi delle navi per l'America erano inferiori a quelli dei treni per il Nord Europa, per questo milioni di persone scelsero di attraversare l'Oceano.

      L'arrivo in America era caratterizzato dal trauma dei controlli medici e amministrativi durissimi, specialmente ad Ellis Island, l'Isola delle Lacrime.



      Gli Stati Uniti sono attualmente l'unico Paese al mondo dove il visto di residenza può essere ottenuto anche grazie a una cospicua dose di fortuna. Negli Usa esiste la lotteria degli immigrati, che - pagando una quota di partecipazione - sognano che il loro nome venga estratto. Ma solo i cittadini provenienti da un Paese "con un basso tasso di immigrazione verso gli Usa" possono partecipare alla lotteria. Gli Stati Uniti sono terra di frontiera da sempre. Eldorado dei migranti di tutto il mondo, possono "vantare" la prima legislazione in merito datata 1790 (Naturalization Act). Negli ultimi due secoli si sono susseguite norme per fermare il flusso di migranti da particolari Paesi del mondo (come il Chinese Exclusion Act) e per fissare delle quote. Ma è nel 1952 che viene creato un Servizio per la Naturalizzazione e l'Immigrazione. Gli Usa permettono a più di 1 milione di migranti ogni anno di ottenere la residenza legale e hanno due diversi tipi di visto: uno per tutti coloro che desiderano vivere nel Paese a termine e che non sono da considerare "immigrati", pertanto per loro non vale la logica del numero massimo di visti dato ai diversi Paesi del mondo, e poi ci sono tutti coloro che vogliono lavorare negli Usa e che devono presentare un'offerta di impiego sul territorio americano e, contestualmente, l'azienda che sigla l'offerta deve presentare al dipartimento per l'Immigrazione un certificato che attesta che non c'è nessun altro lavoratore americano che possa ricoprire quel ruolo. Infine, ci sono i visti per studenti, famiglie e turisti, che appartengono a una categoria separata e sono limitati nel tempo. Le macro-categorie si suddividono poi in una serie di sottocategorie, che vanno a normare casi specifici o particolari.





      Elimina
    4. Questi sono immigrati regolari tenuti a rispettare la Bossi/Fini per venire in Italia se sono extracomunitari ma non lo fanno. Sono mussulmani che uccidono i cristiani sui barconi e vengono inviati per colonizzare l'italia per conto del Califfato Isis. Infatti il 95% sono maschi. Vengono già istruiti sul da farsi e su cosa dichiarare ma in Italia trovano quei mascalzoni piddini e quei SODOMITI che vorrebbero meticciare l'italia e farla diventare un grande Gay Village..
      Nei Paesi di origine ci sono le ambasciate italiane e si possono rivolgere lì per fare domanda di ingresso nel nostro Paese.
      Le donne sono tutte col velo perché le cristiane e le ebree vengono discriminate o uccise per non venire da noi.
      Purtroppo il XXI^secolo si caratterizza per l'attività di mafiosi cattocomunisti parassiti che incentivano l'ingresso di individui di basso livello sociale e culturale per farne un futuro suddito piddino.
      Tra gli elettori di sinistra ma anche di destra ci sono tantissimi rammolliti culturalmente che scambiano i bisognosi con gli invasori criminali che sono il 95% di chi arriva in barcone. Tant'è che da subito questi maledetti tagliagole islamici si comportano come se abbiano solo il diritto di fare il cazzo loro fregandosene delle nostre leggi.
      Vedere politicanti da strapazzo piddini favoreggiare l'immigrazione clandestina nella speranza di avere futuri propri elettori fa proprio vomitare.
      Vedere sindaci di sinistra privilegiare zingari e clandestini e islamici in danno di italiani Doc e di cattolici fa proprio incazzare. ..

      Elimina
    5. Te la potevi risparmiare questa considerazione che trovo idiota perché paragona invasori clandestini criminali che vengono in Italia con cattive intenzioni con l'emigrazione lecita e richiesta degli italiani che si spostarono anche in Usa nel secolo scorso e anche prima e lo fecero al 99% con buone intenzioni tant'è che in Usa ci sono decine di milioni di oriundi italiani ben integrati e felici di stare lì anche se ogni tanto la nostalgia prende alla gola....

      Elimina
  90. http://voxnews.info/2015/04/28/buonanno-africani-incapaci-di-gestirsi/







    È ANCHE VERO CHE S'È TROVATO CRIMINALMENTE IL MODO PER AGGIRARE LE LEGGI DELLO STATO PER RACCATTARE NEL MEDITERRANEO MIGLIAIA E MIGLIAIA DI CLANDESTINI CHE INVECE DI COMBATTERE A CASA PROPRIA CONTRO IL NEMICO IN LOCO PREFERISCONO FURBESCAMENTE SVIGNARSELA VERSO IL PARADISO TERRESTRE CHE È L'ITALIA DOVE SI PUÒ FARE TUTTO PURCHÉ CI SI AFFIDI CIECAMENTE ALLE COOP ROSSE PIDDINE CON LA PROMESSA RECIPROCA DI ESSERE AMICI PER SEMPRE ALLA FACCIA DI QUEGLI ITALIANI CHE NON VOGLIONO CHE VENGA QUESTA GENTAGLIA IN CASA PROPRIA E CHE VENGONO RAPINATI.

    BUONANNO QUANDO ESPRIME IL SUO PENSIERO SA DI PARLARE IN NOME E PER CONTO DI MILIONI DI ITALIANI PATRIOTI IDENTITARI.

    RispondiElimina

  91. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/04/28/scafisti-in-cella-e-20-somali-condannati-1.1409172




    28/04/2015 07:27


    Scafisti in cella e 20 somali condannati.

    La Sezione Operativa Navale della Finanza di Crotone e la locale Squadra Mobile della Polizia di Stato hanno arrestato tre presunti scafisti ucraini di 54, 44 e 35 anni per il reato di...

    CATANZARO La Sezione Operativa Navale della Finanza di Crotone e la locale Squadra Mobile della Polizia di Stato hanno arrestato tre presunti scafisti ucraini di 54, 44 e 35 anni per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Un guardacoste della Finanza di Corigliano Calabro e una vedetta della Finanza di Crotone avevano intercettato e fermato un veliero sospettato di aver sbarcato, poco prima, migranti irregolari su una spiaggia limitrofa alla foce del fiume Neto. Si tratta di un’imbarcazione bianca con scafo in ferro, lunga circa 10 metri, di bandiera ucraina. Dall’attività investigativa è emerso che il veliero sarebbe partito dalle coste della Turchia circa una settimana prima di arrivare sulla coste italiane e che ogni persona trasportata avrebbe corrisposto per il viaggio una somma di circa 4.000 euro. Intanto ieri la Corte di assise di Siracusa ha condannato 20 somali da tempo residenti in Italia e beneficiari dello status di rifugiati politici, accusati di associazione per delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento aggravato e allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina e di contraffazione di pubblici sigilli e sostituzione di persona.

    RispondiElimina
  92. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/29/immigrati-juncker-alla-ue-dobbiamo-aprire-le-porte/1121966/



    29 Aprile 2015

    Immigrati, Juncker alla Ue: "Dobbiamo aprire le porte".
    Il presidente della Commissione dà ragione all'Italia: "Lasciata sola. Ancora non stiamo facendo abbastanza".


    Lucio Di Marzo


    L'Unione Europea non ha ancora fatto abbastanza. Le risposte sono state "immediate, ma insufficienti".....................dice Juncker....!!!!!!


    Matteo Salvini in Aula ha attaccato Juncker. "Provo vergogna - ha detto - per chi come lei sta affamando 500 milioni di europei e vuole aprire la porta agli africani. Ma chi la paga?". Aggiungendo che le misure proposte dal presidente della Commissione sono il modo migliore per finanziare gli scafisti.






    Commenti

    Tuthankamon
    Questa Europa puo' anche chiudere ...

    corvo rosso
    Caro socialista riccastro del Lussemburgo paradiso fiscale per evasori mafiosi. ..,questi non bussano alle porte ,le sfondano. Adesso vediamo le vostre idee cosa produrranno! Se produrranno mostri, la pagherete maledetti parassiti traditori....

    RispondiElimina


  93. http://m.ilgiornale.it/news/2015/04/29/immigrati-juncker-alla-ue-dobbiamo-aprire-le-porte/1121966/






    Commenti:

    eternoamore
    RIPORTATE A CASA VOSTRA CHE TANTI SOLDI PER ACCUDIRLI E SFAMARLI CE LI AVETE....


    Memphis35
    Salvini. Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Questa è la prova che a Bruxelles ci va e, soprattutto, lavora. Alla faccia di quanto afferma la congolese del PD.



    APGu
    Mettiamo tutti quelli che sbarcano in Italia nelle centinaia e centinaia di centri sociali, così i fancazzisti dei centri possono condividere coi nuovi arrivati vitto, alloggio, servizi e donne, tutto a gratis e, naturalmente, a spese degli italiani! Forza, riempiamo i centri sociali di profughi e clandestini! Avanti tutta. Quelli dei centri saranno ben felici di accogliere le nuove risorse!

    RispondiElimina
  94. http://voxnews.info/gli-amici-di-greta-e-vanessa-ammazzano-infedele-video-choc/


    29 Aprile 2015


    L'ISLAM È RELIGIONE DI PACE E FRATELLANZA COSICCHÉ CHI NON È D'ACCORDO E QUINDI INFEDELE VIENE SPEDITO AL COSPETTO DI MAOMETTO IN VIDEOCONFERENZA TRA PARADISO OVE SONO GLI INFEDELI UCCISI DAI JIHADISTI E L'INFERNO DOVE ALLOGGIA IL PEDOFILO IVI COLLOCATO ANCHE E SOPRATTUTTO DA DANTE ALIGHIERI COME DA "" DIVINA COMMEDIA"" E DA TANTA LETTERATURA ED ARTE PITTORICA MONDIALE.
    IO STO ANCORA ASPETTANDO CHE DI BATTISTA DI M5S E PAPA BERGOGLIO VADANO A FARE 4 CHIACCHIERE COL CALIFFUCCIO ALBAGHDADI CHE LI ASPETTA A BRACCIA APERTE IMBRACCIANDO IL KALASHNIKOV. ....

    RispondiElimina
  95. http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli-libia-anche-lonu-lascia-litalia-da-sola-12505.htm#.VUDZ9RByzqA





    29 aprile 2015



    Itagliota di fuffa che chiunque può prendere a ceffoni.
    Ma è un accordo tacito in quanto le Cooperative mafiose piddine alla Buzzi non possono perdere il business dell'immigrazione affaristica...
    Chi la prende nel secchio è la popolazione italiana estranea a questi loschi traffici che continua a pagare le tasse a fronte di servizi sociali men che scadenti o addirittura inesistenti.
    Una manfrina iniziata nel novembre 2011 con Napolitano e Monti allo scopo di spianare la strada alla mafia piddina e di Sel che fanno arrivare clandestini a migliaia per lucrare sugli aiuti comunitari messi a disposizione dei VERI PROFUGHI che in quattro anni di invasione ed a fronte di 550.000 arrivi in Italia saranno stati accertati si e no qualche centinaia di individui provenienti da vere situazioni di guerra civile gravissima oppure di minacce di tipo etnico grave.

    RispondiElimina
  96. http://www.nocristianofobia.org/ora-anche-in-occidente-chiese-nel-mirino-in-arrivo-il-giorno-j/


    29 aprile 2015





    Leggere per sapere cosa ci aspetta con l'islam tra non molto tranne che.................

    RispondiElimina
  97. http://voxnews.info/29/prete-scatenato-a-ferrara-voglio-almeno-altri-1-000-profughi/





    IL SOLITO AFFARISTA IN CERCA DI CARNE FRESCA

    RispondiElimina
  98. Rassegna stampa breve da
    www.voxnews.info


    shimon
    MAGGIO 1, 2015 ALLE 2:53 AM
    In Friuli, manca nella mappa un albergo a Palmanova (UD) dove ci sono gli afghani di cui qualcuno proviene da Londra…e uno a Grado (GO).

    ISIS ‘giustizia’ 3 gay in Libia

    Il richiamo delle poltrone: Grillina (ex) si accomoda nel Pd.

    Svezia: una nuova città da 600.000 case per accogliere immigrati.

    Mantova: arriva la multinazionale svizzera dell’accoglienza.

    Trovata finalmente utilità per tessere PD: nel cesso.

    Pagheremo ‘assegni familiari’ anche a chi abita in Africa.

    Effetto Renzi: vola disoccupazione ai massimi da 40 anni.

    Parma al buio per mezz’ora: causa ‘ladro di rame’aprile

    Grecia: è fuga dalla banche, depositi ai minimi storici.

    Moody’s: “Default Grecia sempre più probabile”.

    Bergamo: dal signor Parodi si a ‘registro gay’ e moschee.

    Vicenza: rubano anche i rosari dalle mani dei morti.

    Prete ‘scafista’ all’Europarlamento: “Ci vuole un altro Mare Nostrum”.

    Prete scatenato: “A Ferrara voglio almeno altri 1.000 profughi”.

    RispondiElimina
  99. Espulsione immediata e perpetua dalle nostre scuole. Anche i ragazzini sanno che in Italia, gli stranieri di un certo settore, possono fare di tutto, rimanendo impuniti. E’ ora di riprendere la nostra sovranità , punire severamente chi delinque , applicando la legge della certezza delle pene e della durata stabilita. Ora anche gli insegnanti, nell’esercizio della loro professione educativa, dovranno munirsi di sistemi di autodifesa ? E’ sconcertante, anche per il silenzio e l’inerzia dei nostri politici !

    RispondiElimina
  100. http://m.torinotoday.it/cronaca/arrestato-rapinatore-cellulare.html



    Le strappa lo smartphone dalle mani, arrestato 28enne in corso Traiano.

    Il reo è stato trattenuto da alcuni passanti e all'arrivo degli agenti ha opposto una vivace resistenza. E' stato tratto in arresto per rapina.


    1 maggio 2015

    In zona Mirafiori, una giovane cittadina italiana
     intenta ad utilizzare il proprio smartphone è stata avvicinata da uno sconosciuto che le ha strappato, con gesto fulmineo, il telefono dalle mani.
    La vittima e alcuni suoi amici non hanno mai perso di vista l’autore del fatto, avvisando contestualmente il 113. Una pattuglia della Squadra Volanti ha individuato poco dopo, in corso Traiano, il giovane, il quale, già trattenuto da alcune persone, all’arrivo degli agenti ha tentato di opporre una vivace resistenza, senza peraltro riuscirvi.
    L’uomo, un cittadino marocchino di 28 anni è stato tratto in arresto per rapina; il cellulare, trovato ancora in suo possesso, è stato immediatamente riconsegnato alla legittima proprietaria.





    Commenti

    Gian
    Se sono italiani gia' meriterebbero una pena esemplare, visto che si tratta di stranieri e di conseguenza ospiti, le pene dovrebbero essere ancora piu' dure!




    Revenant
    Se le violazioni di legge sono così numerose da rappresentare una caratteristica, o una piaga, squisitamente italiana, significa che non si tratta di "casi isolati", bensì di una questione sociale alla quale è imperativo porre un rapido quanto efficace rimedio.

    RispondiElimina

  101. https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10153346130413140&id=147402563139&refsrc=https%3A%2F%2Fm.facebook.com%2F147402563139%2Fvideos%2F10153346130413140%2F&locale2=it_IT&_rdr


    GIANLUCA BUONANNO è su Facebook.


    Ieri 1 maggio 2015...Buonanno scrive su Fb:
    Battibecco con il presunto ""candidato"" (???) premio Nobel per la Pace Don Zerai: mi ha cercato per provocarmi...ma è rimasto spennato!!!


    Piace a Claudio Sidoti e altri 1.493.






    COMMENTI:

    Alessandro Ballerini
    grande gianluca, come sono tutti bravi,con il loro finto buonismo..bisogna accogliere bisogna aiutare.e poi sono i primi a non muovere un dito .. tutti preti e vescovi..e barboni della sinistra.



    Michele Bientinesi
    Gianluca sei grande!!! Italia agli italiani!!!


    Mario Gagliardi
    Grande Buonanno così si fa pane al pane avanti così


    Mazzarella Matteo
    Cari signori ce ne fossero sindaci come lui percke in Italia non se ne può più...!!!!!!!!!!


    Mazzarella Matteo
    L'Italia ci appartiene...fuori dalle palle speculatori.




    Gianluca Barbarossa
    È un pazzo! Grande Buonanno leghista patriota LOL


    Marco Galli
    UNICO!!!! in mezzo ad un mare di merdosi buonisti


    Luca Paggiarin
    Tu paghi chi?????
    NOI paghiamo loro e anche te buffone negroide prrrr


    Arben Krasniqi
    Bravvvvoooo Gianluca



    Luca Longoni
    Grande !


    Giovanni D'Alessandro
    Chi è quella caccola che si intromette?


    Massimiliano Cherubini
    Buonanno premier subito! Renzi e alfano a casa!!


    Pino Giulianini
    Bravo Buonanno buon sangue non mente.


    Alessandro Cicu
    Sei un grande Gianluca!!!!


    Ignazio Cordieri
    Fateli curare tutti ma da uno bravo meglio se esorcista per cacciare demonio immigrazionista negro...


    Roberto Cipolletti
    N 1 Buonanno che parla a nome di milioni di italiani..


    Marco Bendotti
    Buonanno 6 un grande......il presidente che vorrei!



    Guido De Martini
    Fantastico!


    Romeo Chirivi
    ciao gianluca scusa se ti do del tu ce ne fossero politici come te sei un grande il migliore


    Marco Bendotti
    buonanno 6 un grande.......forever...



    Giuliano Somma
    Quando hai avuto modo di porre la domanda che tutti noi vorremmo fare, "perchè non ve ne fate carico voi", non c'è stata risposta come al solito! Sei grande!



    Marvin Di Corcia
    Grandissimo!l Buonanno Gianluca Sei tutti Noi..!!!!!


    Alessandra Viola
    Sono pienamente d'accordo con te GIANLUCA BUONANNO, quel "prete" potrebbe chiamarsi DON COOP . Ma quanta protervia, quanta arroganza, no, questi non sono preti, questi sono servi delle lobbyes ROSSO COOP!!


    Nadia Bombonato
    Grande GIANLUCA BUONANNO

    RispondiElimina
  102. http://voxnews.info/?p=63362


    BUONANNO AL PRETE TELEFONISTA DEI CLANDESTINI: “PORTALI IN VATICANO” – VIDEO

    MAGGIO 1, 2015 


    Il telefonista dei clandestini che ora abita in Svizzera, il prete eritreo Don Zerai, accompagnato dal solito fanatico francese, ha incontrato ieri all’Europarlamento il leghista Buonanno, che lo ha invitato ad ospitare i clandestini che importa in Vaticano a sue spese....





    COMMENTI:

    Se nel 2015 si vuol per forza abusare del titolo di "FASCISTI" in senso di illiberali, quei due personaggi: il prete eritreo ed il nerovestito ed aggressivo francese nei confronti dell'europarlamentare Gianluca BUONANNO della Lega nord questo titolo in negativo di FASCISTI si adatta perfettamente a loro! Senza alcun diritto ti hanno cercato per accusarti e provocarti, tu sei parlamentare europeo e loro NO. Caro Gianluca Buonanno sei stato magistrale ed hai detto loro esattamente quello che molti milioni di italiani pensano circa il Vaticano e la sua ipocrisia. Domanda: so chi è quel pretonzolo eritreo filo-scafista ma chi è quel CATTIVO gufo/barbagianni francese vestito di nero? Complimenti per la chiarezza e la calma olimpica nel non reagire a quella mano fecciosa che il pretonzolo dell'Asmara continuava a sbatterti sul petto ed infine: ben scelto il momento di mandarli a fare in c.......o....!!!!!!



    Quante cose si devono sapere? Una su tutte :
    IL SIGNORE DIO NOSTRO E` BUONO
    Proprio cosi e` buono, siamo tutti cattivi , Gesu` ci ha informati, Anche i Papi e religiosi e religiose ,a partire da SAN PIETRO sanno che il SIGNORE E` BUONO , e anche loro sono imperfetti sono peccatori , come tutti noi, quando guardo su altare a messa , il prete , vedo un fratello peccatore come me ,so che il SIGNORE E` BUONO. E ` Buono.Puo` essere cattivo il prete o il papa che officia la messa , ma il Signore e` BUONO.


    Quando vado a messa questo ricordo in questi giorni a chi stupidamente continua a sostenere questa invasione pianificata di immigrati.

    IL SIGNORE E` BUONO.
    Al BUON SIGNORE POSSIAMO CHIEDERE PROTEZIONE PER LA NOSTRA TERRA PER LE NOSTRE CASE , PER LA NOSTRA VITA, PROTEZIONE DALLE PERSECUZIONI DEI MUSSULMANI E LA SUA MANO POTENTE CHE LI DISPERDA LORO E CHI LI AIUTA NELLE PERSECUZIONI CONTRO DI NOI. IO HO PREGATO.
    QUALSIASI SIA LA SUA VOLONTA` IL SIGNORE E` BUONO.....

    RispondiElimina

  103. http://www.imolaoggi.it/2015/05/02/profughi-rispediti-dallaustria-in-italia-e-emergenza-al-brennero/


    Profughi rispediti dall’Austria in Italia, è emergenza al Brennero.

    sabato,2, maggio, 2015

     

    Sono tra i 70 ed i 100 al giorno i profughi che cercano di lasciare l’Italia per trovare fortuna nei Paesi del centro e nord Europa ma vengono fermati al valico di frontiera del Brennero. Numeri destinati a salire e che ormai sono costanti da quasi un anno. Appena entrati in territorio austriaco vengono rispediti indietro, riconsegnati al commissario della Polizia di Stato di Brennero.

    La maggior parte arriva a bordo dei costosi treni internazionali muniti di regolare biglietto per la Germania (Monaco di Baviera), altri salgono e scendono dai regionali ed interregionali e sperano di arrivare cosi’ almeno fino a Innsbruck in Austria. Non provengono da una sola nazione ma da un continente intero, l’Africa. Ci sono siriani, eritrei, senegalesi, sudanesi, gambiani, maliani ma anche di altri Paesi centroafricani. La maggior parte arriva solo con il proprio abbigliamento, sandali ai piedi, senza valigie, alcuni solo con qualche sacchetto.

    Arrivano famiglie intere, donne, bambini anche di pochi mesi.
    Vengono rifocillati dai volontari, durante l’inverno poliziotti hanno acquistato per loro coperte e generi di prima necessita’.
    Sono disperati, cercano fortuna scappando dal loro Paese attraversando l’Italia. Nel capoluogo altoatesino non c’e’ piu’ posto. All’ex caserma Gorio ai Piani sono gia’ in 80, ma questo e’ un numero contingentato. Chi e’ destinato a Bolzano bivacca fuori dalla struttura in giardini o spazi piu’ ampi, altri trascorrono gran parte della giornata camminando lungo le strade.

    Sui treni Eurocity i profughi vengono seguiti dalle pattuglie trilaterali formate da un poliziotto italiano, da uno austriaco e da uno tedesco che hanno il compito di far scendere chi ha intenzione di valicare il passo del Brennero. “Sono pattuglie che non hanno senso, sembra un controllarsi a vicenda oltre che essere un enorme spreco di denaro – dice all’Agi, Mario Deriu, segretario provinciale del Siulp -. Questo e’ un problema che e’ stato sottovalutato, se non verra’ risolto al piu’ presto durera’ vent’anni. E’ inutile incrementare il contingente di poliziotti, il problema va risolto alla fonte.

    Bisogna sospendere subito il Regolamento di Dublino III, quello che prevede che il Paese europeo che si deve prendere carico dei profughi e’ il primo dove sono arrivati. Va permessa la mobilita’ all’interno dell’Ue”. Insomma, l’emergenza cnon colpisce solo Lampedusa ma anche il nord dell’Italia. Dopo il disperato viaggio sulle carrette del mare sperano di raggiungere l’Europa ma il loro viaggio non prosegue perche’, al Brennero, al massimo riescono a raggiungere la stazione successiva di Gries am Brenner in territorio austriaco, dove vengono fatti scendere e riportati in Italia. Il viaggio della speranza s’interrompe a meno di tre ore dall’arrivo a Monaco da dove potrebbero ripartire magari alla volta della Scandinavia.

    Oggi alla stazione di Bolzano, vicino al primo binario e’ stato aperto un locale per l’assistenza dei profughi ma Deriu afferma: “e’ inutile, e’ una stanza piccola che assomiglia ad una latrina”. Il locale e’ stato ricavato dopo che la Provincia ha esaminato varie opzioni su come poter aiutare i profughi in transito. Sempre oggi a Bolzano, il sindaco di Catania, Enzo Bianco, ha affermato che il “problema dei profughi e’ trascurato dell’Europa”. Nel frattempo a cercare di tamponare la situazione scende in campo anche il magnate austriaco Benko che ha annunciato di poter mettere a disposizione per i prossimi mesi l’hotel Alpi, oggi dismesso, da lui recentemente acquistato. Ma intanto sull’asse del Brennero continuano gli arrivi.
    Agi



    RispondiElimina
  104. A PIAZZA SAN PIETRO COME IN OGNI ANCHE PICCOLA PIAZZA ITALIANA DOVREBBE ESSERE PERMANENTE UN PRESIDIO POPOLARE PUBBLICO DI ESPOSIZIONE DI VIGNETTE E DI TESTIMONIANZE STORICHE CONTRO L'ISLAM CHE È NEMICO GIURATO DELL'OCCIDENTE E DEI CROCIATI ITALY.








    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/05/04/usa-spari-a-evento-vignette-su-maometto_f3db5a7d-b04d-429a-abb1-2eea6e38929e.html


    Usa: spari a evento vignette su Maometto.
    Polizia uccide due attentatori, tra ospiti anche Wilders ultraconservatore ANTISLAMICO olandese.


    04 maggio 2015

    (ANSA) A quattro mesi dall'attacco al settimanale francese Charlie Hebdo, oggi un attentato simile ha sconvolto gli Stati Uniti. Due persone armate hanno aperto il fuoco verso l'edificio che ospitava una mostra sulle vignette su Maometto a Garland, in Texas, ferendo un vigilante. La polizia ha risposto al fuoco uccidendo i due attentatori. Tra gli ospiti dell'evento c'era anche l'ultra-conservatore olandese Geert Wilders, celebre per la sua posizione anti-Islam.
       

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli organizzatori hanno affermato che Wilders non è "ultra conservatore" ma uno che non accetta i mussulmani estremisti e gli immigranti illegali, cosa che i nostri politici fanno invece per complicità e convenienza sia elletorale che economico. Se questo e essere conservatori, allora 3/4 del mondo lo sono alla faccia dei 4 pezzenti che vanno in piazza a starnazzare. Per quanto scritto nell'articolo, hanno fatto bene a freddarli invece che catturare e mantenereli a spese della communità, cosa che facciamo qui! SIC!!! italietta dei parassiti..!!!!!!
      Chi semina vento raccoglie ... una tempesta di piombo. Li hanno coccolati e ora che sono diventati dei giovincelli in tempesta ormonale vanno in lungo e in largo a scaricare la loro irruenza giovanile.
      Geert Wilders e' semplicemente una persona che ha chiaro cos'è l'islam e cosa sta succedendo nel nostro rincoglionito occidente. L'autocensura che ci imponiamo in nome del multiculturalismo non è altro che la volontà di limitare la nostra libertà. Geert Wilder, filo israeliano, era amico di Leo Van Gogh ed è dalla morte del regista che si batte contro l'islamizzazione dell'Europa, rischiando la vita ogni giorno. Un po' di rispetto. Mi auguro che chi li ha uccisi non abbia bisogno di un buon avvocato,come accadrebbe se fosse accaduto nell'Italia della dittatocrazia rossa. Se non fossero stati freddati dalla polizia ci avrebbe pensato nonna papera...in Texas chiunque viaggia con una Colt. Loro in Usa i terroristi e simpatizzanti li freddano, noi invece li scaldiamo e ce li teniamo da conto per il futuro !!! Wilders è un liberale, liberista ed amico di Israele come in Italia ci sogniamo, solo che ha capito che per difendere la nostra libertà non si possono tollerare gli intolleranti, come gli islamisti...a differenza degli utili idioti, dei buonisti e degli "interessati" a vario titolo a far islamizzare la nostra società e sono subito pronti a marchiarti del titolo di xenofobo e via discorrendo. Per finire: dalla parte sbagliata sta chi vuole ammazzare, non chi rivendica libertà di espressione. Ah...dimenticavo: due di meno, bene così!

      Elimina
    2. http://voxnews.info/2015/05/04/profugo-somalo-ha-organizzato-attacco-texas/





      QUANDO SI ACCOLGONO ISLAMICI A CASA PROPRIA È MATEMATICAMENTE CERTO CHE È PERICOLOSO E QUINDI VA DETENUTO A GUANTANAMO X SICUREZZA.

      Elimina
  105. LA POLIZIA (COMPRESA L'FBI) NON DOVREBBE PIÙ PROTEGGERE QUESTO ISLAMICO TRADITORE DELLA CARTA COSTITUZIONALE U.S.A. COSÌ POI CI PENSEREBBERO I LATINOS A DIFENDERLO QUESTO ESSERE IMMONDO.
    ATTACCA LA POLIZIA COSÌ COME FANNO GLI ANTAGONISTI ITALIOTI PIDDINI DANDO RAGIONE AI DELINQUENTI ISTITUZIONALIZZATI PER CONVENIENZA POLITICA ED ELETTORALE.
    E DIRE CHE TRA I POLIZIOTTI ACCUSATI DI ABUSI CI SONO PURE DEI NEGRI COME LUI MA SONO SOLO DI COLORE DALLA COSCIENZA BIANCA PULITA........
    ZOZZONE NEGROIDE SFASCIA OCCIDENTE CRISTIANO....



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/04/obama-critica-la-polizia-i-giovani-sono-fermati-e-uccisi-senza-motivo/1123919/


    4 Maggio 2015

    Obama critica la polizia: "I giovani sono fermati e uccisi senza motivo"Dalla Casa Bianca una forte critica in un periodo in cui le forze dell'ordine sono al centro del ciclone

    Lucio Di Marzo

    Nuove critiche alla polizia americana sono arrivate questa sera alla Casa Bianca, in un momento in cui le forze dell'ordine sono di nuovo al centro della polemica per la morte a Baltimora di Freddie Gray, un cittadino afroamericano.

    "Ci sono giovani fermati dalla polizia e fatti fuori senza motivo", ha detto Barack Obama parlando agli studenti del Lehman College nel Bronx, a New York, una scuola i cui studenti sono perlopiù afroamericani.

    Il presidente ha descritto l'ingiustizia a cui sono sottoposti alcuni cittadini, dicendo che "non c’è dubbio che le minoranze sono trattate diversamente: afroamericani, asiatici, latinos".

    RispondiElimina
  106. E I DISTURBATI CHE VOTANO PD SEL NCD M5S DOVE LI METTIAMO? ??????




      http://www.secoloditalia.it/2015/05/rientrato-in-italia-calabrese-voleva-arruolarsi-nellisis/


    Rientrato in Italia il calabrese che voleva arruolarsi nell’Isis.


    martedì 5 maggio 2015

    È rientrato in Italia e si trova in una struttura sanitaria emiliano-romagnola tale Giampiero Filangieri. Calabrese di origine, cresciuto a Bologna, nel luglio 2014 fu arrestato ad Erbil, in Kurdistan, dove si trovava con l’intenzione, rimasta tale, di arruolarsi nello Stato islamico. È arrivato domenica a Fiumicino, nei giorni precedenti era stato liberato ed espulso, a quanto pare perché aveva scontato il periodo di carcere previsto. A fare da tramite per il trasferimento è stata l’ambasciata italiana in Iraq. All’aeroporto, Filangieri è stato accompagnato da personale sanitario e da carabinieri del Ros emiliano-romagnoli, che hanno proceduto al sequestro del computer. Secondo quanto appreso si tratta di accertamenti dovuti, che proseguiranno, nell’ambito di un fascicolo di indagine aperto dalla Procura di Bologna, dopo che erano state diffuse le notizie sull’arresto. Gli investigatori sembrano in ogni caso più preoccupati delle condizioni di salute di Filangieri, attualmente libero, che della sua reale partecipazione a fatti di terrorismo internazionale. L’uomo, che ha passato gli ultimi anni in giro per il mondo, sarebbe infatti seriamente sofferente sul piano psichico.

    Più che un terrorista dell’Isis, l’uomo sembra un disturbato psichico

    Nato a Reggio Calabria nel 1980 è cresciuto a Bologna, dove in un comune dell’hinterland vivono i familiari, che domenica sono andati a Roma ad accoglierlo. Proprio in Emilia si convertì all’Islam, avvicinandosi a circoli integralisti ritenuti contigui al terrorismo e si creò una rete di contatti. Dopo un periodo in Spagna nel 2009, transitò dalla Turchia per provare ad arrivare nei territori del Califfato. Alcune comunicazioni via whatsapp con altri convertiti italiani erano di questo tenore: «Iniziata la mia lotta contro l’Occidente predone» e «Islam libertà per i popoli oppressi». Queste idee, però, non si sarebbero mai trasformate in azioni di battaglia e Filangieri non ha di fatto mai combattuto, anche perché fu ben presto individuato dalla polizia turca, che l’aveva segnalato ad agenti curdi, sospettando che avesse l’intenzione di arruolarsi nell’esercito dello Stato islamico. Poi, l’arresto. Non dovrà rispondere dei reati previsti dalle nuove norme anti-foreign fighter, che sanzionano la condotta di chi si arruola in modo autonomo in un’organizzazione terroristica. Questo perché i suoi comportamenti e il tentativo di varcare il confine iracheno sono precedenti all’approvazione del decreto.

    RispondiElimina

  107. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/06/liguria-protesta-immigrati-ok-al-permesso-di-soggiorno-non-vogliono-lasciare-il-centro/1124883/


    6 Maggio 2015

    Liguria, protesta immigrati: ok al permesso di soggiorno ​non vogliono lasciare il centro.
    Ora che hanno i documenti in regola e potrebbero circolare liberamente, non voglio più abbandonare il centro. Il sindaco: "Non sanno dove andare".













    Commenti

    aresfin
    Il sindaco: "Non sanno dove andare"... E' molto semplice, se ne tornino a casa loro nei loro paesi, oppure vadano a casa dei kompagni, tanto buoni, tanto caritatevoli, tanto ......koglionazzi.


    Mechwarrior
    E fanno bene a protestare. meglio il centro con il posto letto e tre pasti gratis che cercare un lavoro sottopagato e affitti da follia in italia (sempre che trovino qualcosa)


    ClaudioB
    La risposta c'è: caricarli su un aereo e riportarli a casina loro in Mali, naturalmente dopo aver revocato loro il permesso di soggiorno.


    libere
    Fornire loro un prestampato con la chiara indicazione di 1) Indirizzo di Montecitorio 2) indirizzo privato della Sboldrina 3) scelta di indirizzi di residenze a disposizione di Bergoglio. E poi calci nel dedrio....


    bonoitalianoma
    Fategli pagare le tasse e assolvere tutti gli obblighi di cui sono costretti i "disgraziati" cittadini contribuenti elettori italici e vedrete come se la daranno a gambe levate a costo di farsi tutto il Mediterraneo camminando sull'acqua.


    Settimio.De.Lillo
    chiamateli stupidi;con vitto , alloggio,lavatura,
    stiratura scheda telefonica ed affini .... Quasi quasi conviene anche a me fare il clandestino. Se NON sanno dove collocarmi, chiederò al ministro degli interni di ospitarmi a casa sua.


    carpa1
    Un bel biglietto d'aereo e via a casa loro. Starebbero meglio e ci costerebbero molto meno che tenerli qui a bighellonare quando, la stessa cosa, la possono fare nei loro paesi di provenienza.


    fedeverità
    E' vero non sanno dove andare??????? Ma avete visto le città ITALIANE? Chiaramente tutti non sanno dove andare....non hanno un lavoro..non hanno niente!!! FINTI BUONI....LI AVETE FATTI ARRIVARE QUA E DOPO LI ABBANDONATE?RAZZA D'INCAPACI!!!!SIETE LA VERGOGNA DEL NOSTRO PAESE...POLITICANTI ...FATE SCHIFO!! CI AVETE MESSO DENTRO CASA NOSTRA MIGLIAIA DI PERSONE DI CUI NON SAPPIAMO NIENTE NE A LIVELLO SANITARIO CHE A LIVELLO PENALE!!! Prego per voi che non capiti niente.....ALTRIMENTI SARÀ VERAMENTE DURA!!!PER NOI TUTTI!!


    fedeverità
    Ma levatevi dai coglioni..!!!!!!!!!...i!!!

    RispondiElimina
  108. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/06/lallarme-dellintelligence-isis-mira-a-colpire-venezia/1125027/


    6 Maggio 2015

    L'allarme dell'intelligence: "Isis mira a colpire Venezia".
    La rivelazione arriva dagli alert del Viminale: la città lagunare nel mirino di foreign fighter di ritorno dalla Siria e in passato residenti a Venezia.

    Giovanni Masini

    È Venezia l'ultimo obiettivo dei tagliagole dell'Isis. Lo riferisce un quotidiano, citando fonti interne all'antiterrorismo del ministero dell'Interno.
    Per i terroristi la città lagunare costituirebbe l'habitat "ideale per nascondersi", ma il pericolo riguarderebbe l'intero Veneto, per la prima volta descritto come uno "scenario caldo". Ad innalzare il livello della tensione, spiegano gli007, è innanzitutto il rientro in patria dei foreign fighters italiani. Gli investigatori dell'intelligencesono sulle tracce del siriano Ahmed Dughaim, in procinto di tornare in Laguna con già un contratto di lavoro in mano e dove ha già la residenza, avendovi trascorso parecchi anni. Dughaim avrebbe combattuto in Medio Oriente sin dal 2012.
    Oltre al suo nome si cita quello del gruppo islamista albanese che fa capo a Baftjar Bruka, già ricercato per il coinvolgimento nella preparazione nell'esecuzione di tre attentati a Tirana lo scorso febbraio, tutti progettati collegando ordigni esplosivi a un telefono cellulare.
    Bruka, peraltro, era già stato fermato in Toscana nel 2013 e segnalato a Venezia l'anno successivo. Tuttavia, al momento attuale, potrebbe preparare un piano d'attacco proprio contro la perla della Laguna.

    RispondiElimina

  109. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/06/laccusa-della-francia-terroristi-dallitalia-travestiti-da-migranti/1124808/






    Commenti

    albertzanna
    La domanda dei servizi di sicurezza francesi: """Com'è possibile che i (presunti) terroristi lascino l'Italia senza alcun controllo, dopo aver attraversato lo Stivale da Lampedusa alla frontiera transalpina?""" Suggerisco ai servizi francesi di girare la domanda direttamente a Bunny Angelino, ed assisteranno ad uno spettacolo degno del Cirque du Soleil, alta acrobazia semantica per giustificarsi ed attribuire ogni colpa alla FODRIA (Forze Oscure Della Reazione In Agguato - ovviamente reazione al governo Renzi e Alfano)). Provare per credere.


    giovanni951
    cari francesi, TUTTI i migranti dovrebbero arrivare da voi visto lo sfascio della Libia è stato creato e voluto da sarkozy. Ma tranquilli, resteranno qui dove ci sono molti cattocomunisti che li amano ed albergatori che mettono loro a disposizione la pensione completa e relativa piscina. . Persino il ministro scafista gioisce....


    Italia Nostra
    Solo i sinistronzi italidioti non hanno capito come stanno le cose ancora. Continuano a negare l'evidenza. Ma dico, avete sentito quell'ebete di Gad Lerner da Santoro la settimana scorsa??


    Memphis35
    L'Italia, come al solito, nella poco onorevole parte di ventre molle dell'Europa. Con l'attiva complicità del nostro ministero dell'invasione e del disordine pubblico.


    giovauriem
    cosa credevano , i soliti imbecilli francesi ,insieme agli inglesi e tedeschi , che il problema era solo dell'italia ? vi siete sbagliati , come sempre , in questo verminaio, voluto dagli inglesi e francesi con la complicità di obama e del ex presidente della repubblica napolitano (che andò contro gli interessi dell'italia facendo ammazzare gheddafi) per ciò "cari" francesi , ripensate la vostra sciagurata politica estera e comunitaria e scendete dal piedistallo , la francia è una bolla pericolosa per l'europa con tante coperture UE .


    NON RASSEGNATO
    Cosa dite mai?. Alfano e Renzi giurano e spergiurano che fra i traghettati non ci sono terroristi,la Boldrini li ha definiti "partigiani in fuga dalla guerra", sono risorse da traghettare , mantenere e coccolare.


    opinione-critica
    I Francesi con tutte le cazzate che hanno fatto, vedi il caso Libia e l'assassinio di Gheddafi pianificato da Sarkozy per evitare che si sapesse che prendeva soldi dai libici, nonostante la loro immondizia politica sono molto più seri dei nostri politici: leggo Alf-Ano & compagnia immigrando...


    cgf
    cosa fanno ora? in fin dei conti sono loro che hanno voluto mettere a tacere Gheddafi, gli sbarchi si erano ridotti a quasi zero, e la loro [e della germania] invidia verso l'italia che aveva trovato chi comprava e pagava in petrolio [del migliore, non la m@@d@ venezuelana] a meno di due ore di volo ed appena ad 1 giorno di nave da Genova.


    lupo1963
    Con l'invasione rischiamo un domani di avere in casa un vero e proprio esercito di terroristi pronto a sobillare ed istigare disordini di massa al cui confronto i black bloc sono delle suorine.Poi figuriamoci noi a reprimere i poveri negretti.


    Loudness
    Va ora in onda: "Anche i francesi piangono" Documentario a puntate che spiega la coglionaggine delle singole Nazioni europee sul tema dell'immigrazione. La puntata di domani sarà: "E' colpa tua gne gne gne, no è colpa tua"

    RispondiElimina

  110. http://www.corrierediragusa.it/articoli/cronache/modica/30388-modica-sguarnita-da-polizia-e-carabinieri-per-emergenza-sbarchi-e-ladri-indisturbati-vigilanza-privata-ai-commercianti-.html


    MODICA - 06/05/2015

    E´ di nuovo emergenza criminalità: nessuno si sente davvero al sicuro.

    Modica sguarnita da polizia e carabinieri per gli sbarchi. Vigilanza privata?.
    I commercianti: "Qui dopo mezzanotte succede di tutto, c´è gente che spacca bottiglie e va in giro minacciando i passanti"

    Duccio Gennaro

    Polizia e Carabinieri sono impegnati a Pozzallo per l´emergenza immigrazione, i vigili urbani non ci sono e i commercianti si rivolgono ad un istituto di vigilanza privata. E´la decisione che si apprestano a prendere i titolari degli esercizi commerciali che affacciano soprattutto su piazza Matteotti e sulla parte più frequentata nel corso della movida notturna del corso Umberto. Il furto con sfondamento, "made in Catania", della vetrina di "Uomo Club" ha indotto a ricorrere a misure drastiche senza attendere che il sistema di videosorveglianza sia attivato, che si riunisca il comitato per l´ordine e la sicurezza pubblica, che il sindaco rassicuri. L´istituto di vigilanza privata assicurerà due pattuglie che dovranno intervenire in caso di bisogna. "E´ la soluzione più democratica e più corretta - dice il titolare di un bar di piazza Matteotti- "Qui dopo mezzanotte succede di tutto, c´è gente che spacca bottiglie e va in giro minacciando i passanti, c´è ch schiamazza, chi pretende di bere senza pagare. Ci costerà ma staremo più tranquilli". 
    Una risposta concreta che dice tutto della fiducia negli amministratori e nel sistema di controllo pubblico. Perchè quello che colpisce del secondo caso di vetrina sfondata, il primo qualche mese fa al centro Tim pochi metri più avanti, è la sensazione di essere abbandonati anche nel cuore della città storica. Eppure le telecamere che dovrebbero controllare questo tratto del corso Umberto ci sono ma sono mute, non attivate. Sono telecamere di ultimissima generazione, con un raggio di copertura a 360 gradi e con una profondità notevole; sono state installate grazie ad un progetto portato avanti con la Prefettura, "Gli occhi sulla città", ma la convenzione con la Tim per fissare i costi di mantenimento e manutenzione non è stata firmata. 
    Sono passati tre anni, la firma è stata annunciata ad ogni "colpo" perpetrato in centro, ma non è successo niente. L´ultimo annuncio appena cinque mesi fa in occasione dell´entrata in funzione del sistema di telesorveglianza al quartiere S. Paolo. "E´ fatta, siamo pronti -disse il sindaco- ma non è stato così. In attesa, ahimè della prossima vetrina che salterà in aria.






    RispondiElimina
  111. ..Le spese sanitarie?....il mantenimento a vita?....Basta con la parola "disperati"!!Quanti Paesi al Mondo,hanno problemi di sviluppo?Cambogia,Viet Nam,sono usciti da guerre devastanti,e si sono dati UNA MOSSA da soli.Questi sono sempre lì, ad aspettare AIUTI,e quando non basta,i più "furbi" approdano sulle ns coste.Dove sono in questi paesi,le attività manifatturiere,che tradizionalmente hanno fatto decollare tutti i Paesi del Sud Est Asiatico?Dove sono?Perchè non ci sono?Ve lo chiedete?Una volta c'era "made in Hong Kong",poi in Taiwan,poi Korea,poi Filippine,China non parliamone,poi Viet Nam,Thailandia,Pakistan,Bangladesh,India,...Dove è il "made in Libia",in Nigeria,Ghana,Angola,etc.etc....Dove è?Perchè non c'è? Colpa dell'"imperialismo"?Aprite gli occhi e le orecchie,voi che credete ancora alle favole "buoniste"!!
    E pensare che tanti nostri soldati, nella 1 guerra mondiale, sono morti per salvarci dall'invasore...ed ora buttiamo così il nostro paese nelle fauci di chi viene solo per prendere, non certo per dare.
    per questi i soldi si trovano sempre, un pozzo senza fondo compresi i ricongiungimenti con pensioni regalate ...per i veri pensionati italiani invece, con contributi versati e sentenza della Corte Costituzionale,si rischia la bancarotta...(senza pensare che il 40% viene ripreso dallo stato con l'irpef sulle pensioni)

    RispondiElimina
  112. http://voxnews.info/2015/05/07/renzi-ordina-altri-6-pattugliatori-per-raccattare-piu-clandestini/








    MALEDETTI TRADITORI PIDDINI CHE MERITANO LA FUCILAZIONE PER ALTO TRADIMENTO DELLA PATRIA CHE ANDREBBE DIFESA E NON OFFESA. .!!!

    RispondiElimina

  113. http://www.imolaoggi.it/2015/05/07/libia-tripoli-arrestati-ieri-600-migranti-pronti-partire-per-italia/


    Libia, Tripoli: arrestati ieri 600 migranti pronti partire per Italia.

    giovedì, 7, maggio, 2015

     

    Sono stati arrestati ieri a Sabrata, a ovest di Tripoli, quasi 600 migranti – tra loro solo una donna e 18 bambini – che si apprestavano a partire per l’Italia a bordo di un peschereccio. Lo riferisce l’agenzia libica Lana, citando il portavoce del dipartimento immigrazione della polizia, Mohamed Al-Ghawail.

    I migranti arrestati ieri mattina mentre tentavano di salpare a bordo di un “vecchio” peschereccio sono 585 e provengono da Somalia, Eritrea, Ghana e Mali, ha precisato il portavoce. Un altro media libico cita il portavoce dell’Authority libica anti-immigrazione clandestina per precisare che fra gli arrestati non ci sono scafisti dato che i trafficanti ormai usano una nuova “tattica” evitando di salire a bordo ma istruendo uno o due migranti su come dirigere l’imbarcazione.

    Il sito calcola che con i salari attuali pagati a Tripoli per il “lavoro occasionale”, i migranti possono raccogliere in tre mesi il denaro necessario (circa mille dollari) a pagarsi il passaggio verso l’Europa.

    Nei giorni scorsi peraltro erano stati segnalati due salvataggi di migranti in difficoltà da parte libica: oltre ai circa 500 salvati domenica scorsa su cinque imbarcazioni dalla Guardia costiera, l’altro ieri mattina altri 102 erano stati salvati dalla Marina di Tripoli “10 miglia a nord di Qaraboli”, come ha riferito ancora l’agenzia Lana.(ANSAmed).

     

    RispondiElimina
  114. http://www.imolaoggi.it/2015/05/07/alfano-i-comuni-facciano-lavorare-gratis-i-migranti/



    Alfano: i Comuni facciano lavorare gratis i migranti.

    giovedì, 7, maggio, 2015

    “Dobbiamo chiedere ai Comuni di applicare una nostra circolare che permette di far lavorare gratis i migranti che risiedono nei Comuni. Invece di farli stare lì a non far nulla, che li facciano lavorare“. (magari al posto degli italiani ai quali si deve invece pagare uno stipendio)

    Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, al termine della Conferenza Unificata e in vista del vertice con le autonomie locali sui migranti.

    Il titolare del Viminale prosegue chiedendo una “equa distribuzione di migranti tra tutti i Paesi dell’Europa. Mi sembra che su questi due principi nessuno possa essere contro”. E ancora: “L’Italia deve lavorare in Europa per la protezione umanitaria. E’ una sfida ed è quella che consentirebbe di far andare anche negli altri Paesi d’Europa coloro che sono beneficiari di una protezione umanitaria”.

    RispondiElimina
  115. Presto, e con il volere di Dio, i jihadisti potranno effettuare la preghiera islamica a Roma. E’ questa l’ennesima minaccia lanciata dallo Stato Islamico (Isis) in un nuovo video postato in rete dalla “provincia di Damasco” del Califfato nero. Nel filmato intitolato alla “Liberazione di Yarmouk”, il campo profughi palestinese a sud della capitale siriana, si vede un jihadista con il volto coperto affermare: “Eccoci alle porte di Damasco con gli occhi puntati su Gerusalemme, e con il volere di Allah il muezzin farà la chiamata (alla preghiera) da Roma dove noi effettueremo la preghiera“.
    Nel video si vede anche un’autobomba “teleguidata” che i jihadisti fanno esplodere contro una abitazione. Il filmato dura 8:13 minuti e le minacce all’Italia vengono pronunciati verso la fine e subito dopo raccapriccianti immagini in cui vengono decapitate tre persone vestite con l’ormai tipica tuta arancione, accusate di essere dei “collaborazionisti” del regime infedele del presidente siriano Bashar al Assad.

    RispondiElimina

  116. http://qn.quotidiano.net/ultimora.php?q=/2015/05/07/143101950261-salvini-alfano-da-scafista-a-sch.shtml


    Salvini, Alfano da scafista a schiavista.


    MILANO, 7 MAG 2015


    ''Non ho parole. Alfano da scafista a schiavista...'':
    Lo ha detto all'ANSA Matteo Salvini, commentando la proposta del ministro Alfano di far lavorare gratis gli immigrati. ''Alfano - aggiunge Salvini - sarebbe pagato per impedire che sbarchino, non per sfruttarli!''.





    RispondiElimina
  117. STASERA PAGO DA BERE A TUTTI. ..
    A MORTE ISLAM CHE SIGNIFICA MORTE E DOLORE.





    http://qn.quotidiano.net/ultimora.php?q=/2015/05/07/143102130238-site-ucciso-leader-al-qaida.shtml



    Site, ucciso leader al Qaida.


    7 MAGGIO 2015

    Il ramo yemenita-saudita di al Qaida annuncia la morte di Nasr al-Ansi, il leader del gruppo che rivendicò in un video l'attacco contro Charlie Habdo. Lo riferisce il Site. Ansi è stato ucciso da un drone Usa, probabilmente in Yemen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MANDASSE UN TWEET AVVISANDO DALL'INFERNO CHE QUEL MAOMETTUCCIO
      NEL 600 D.C. HA SCRITTO UN MARE DI CAZZATE E NIENTE VERGINI DA POTERSI SCOPARE MA DIAVOLI CAZZUTI. ...

      AHAHAHAH

      Elimina
  118. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/08/donne-sposate-nellhotel-i-profughi-si-fanno-spostare/1126039/







    E QUESTI SAREBBERO I PROFUGHI CHE SCAPPANO DALLE GUERRE CHE IL GIORNO DOPO AVER MESSO I LORO LURIDI PIEDI SULLA SACRA TERRA CATTOLICA ITALIANA DETTANO CONDIZIONI E VENGONO ACCONTENTATI. ..

    CHE MERDA DI AMMINISTRATORI CI GOVERNA..???

    RispondiElimina
  119. E' ormai distaccata la politica dalla realtà, tutti noi scriviamo semplici previsioni di come possono evolvere in modo disastroso gli eventi se non si interviene e non siamo maghi o indovini, siamo cittadini che pensano in modo razionale, quindi la politica che nega che vi siano problemi o conseguenze di gestione future di quanto sta avvenendo con gli sbarchi è ormai fuori dalla realtà ed attaccata solo alla propria sopravvivenza ed ai propri privilegi. Non capiscono nemmeno che la storia insegna che questi privilegi potrebbero essere improvvisamente fatti cessare in modo violento da un popolo disperato.

    RispondiElimina
  120. Bene, adesso che il casino è quasi completato i signori Prefetti che hanno preso coscienza della situazione hanno due vie: 1) continuare su questa strada in vista del sol dell'avvenire; 2) rassegnare le dimissioni al cospetto di orecchie governative che non intendono ascoltare. In entrambi i casi restiamo in attesa degli eventi.





    RispondiElimina
  121. Le maledette piddine cooperative sociali devono continuare a mungere soldi allo stato per i clandestini, ed essendoci i komunisti al governo questi continueranno ad usare i nostri soldi per arricchire i cooperativi. I clandestini vanno immediatamente sbarcati con i mezzi della Marina sulle spiagge libiche.

    RispondiElimina
  122. Mi rimane veramente difficile accettare la imbecillità cosmica dei nostri governanti. Non riescono a capire che questa immigrazione/invasione il Popolo italiano NON LA VUOLE. Se alla fine si accende la miccia sarà poi impossibile impedire l'esplosione.

    RispondiElimina
  123. Già, cosa si aspetta a prendere provvedimenti radicali? Di essere assediati sui pianerottoli delle nostre abitazioni? Un sistema infallibile ci sarebbe: riportare i clandestini tutti quanti sulle coste libiche. Ma forse è troppo semplice per essere preso in seria considerazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto probabilmente le cose cambieranno in U.S.A. con i Repubblicani al governo. L'esercito non deve servire solo per fare parate. Ad una dichiarazione di guerra, si risponde con atti di guerra. e l'America ha il potenziale bellico per farla con successo. Certo, che con a capo delle forze armate, il Boiardo islamico colorato, non si va certo da nessuna parte. Esso fa parte di quelli, per i quali l'Islam, in una maniera o nell'altra deve conquistare il mondo. La bomba demografica che rischia di far saltare l'Europa, la fermeranno i repubblicani. ( Se ci sarà ancora tempo) Certo che il coglionume, che governa al momento là e qua, nulla fà.

      Elimina
  124. http://voxnews.info/2015/05/08/padova-profughi-occupano-questura-non-vogliamo-andare-in-campagna/







    CHE SCHIFO ABBIAMO RAGGIUNTO X COLPA ANCHE DI BERGOGLIO E DELLE CARITAS DIOCESANE IMMIGRAZIONISTE CHE TRADISCONO IL POPOLO ITALIANO VESSATO INDEGNAMENTE...

    RispondiElimina
  125. http://www.linkiesta.it/caos-accoglienza-immigrati






    8 maggio 2015

    RispondiElimina
  126. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/09/immigrati-la-bozza-della-ue-accogliere-sara-obbligatorio/1126256/






    LA SOLITA KYENGATA PER FAVORIRE LOSCHI AFFARI MAFIOSI DELLE COOP ALLA BUZZI PROTETTE DELINQUENZIALMENTE DA PD SEL M5S

    RispondiElimina

  127. http://gds.it/2015/05/09/sventato-un-attentato-a-melbourne-arrestato-un-minore-per-terrorismo_353215/


    9 Maggio 2015

    Sventato attentato a Melbourne, arrestato minore per terrorismo.


    CANBERRA.  La polizia australiana ha sventato un piano per far scoppiare tre bombe a Melbourne e ha arrestato un ragazzo di 17 anni che sarà processato lunedì prossimo con l'accusa di terrorismo.
    Il commissario della polizia federale australiana Mike Phelan ha detto che il giovane è stato arrestato ieri pomeriggio nella sua casa nei sobborghi di Melbourne, dove sono stati trovati tre ordigni artigianali, distrutti dagli artificieri. Ha poi aggiunto di ritenere cessato il pericolo.






    RispondiElimina
  128. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/mondo/polizia-melbourne-sventa-attentati_2110263-201502a.shtml




    9 maggio 2015

    RispondiElimina
  129. http://www.secoloditalia.it/2015/05/melbourne-polizia-sventa-attentato-per-giorno-mamma/



    Melbourne, la polizia sventa un attentato per il Giorno della Mamma.

    ANTONIO PANNULLO


    sabato 9 maggio 2015


    La polizia australiana ha sventato un piano per far scoppiare tre bombe a Melbourne e ha arrestato un ragazzo di 17 anni che sarà processato lunedì prossimo con l’accusa di terrorismo. Il commissario della polizia federale australiana Mike Phelan ha detto che il giovane è stato arrestato venerdì pomeriggio nella sua casa nei sobborghi di Melbourne, dove sono stati trovati tre ordigni artigianali, distrutti dagli artificieri. Ha poi aggiunto di ritenere cessato il pericolo. Il mese scorso cinque minorenni australiani erano stati arrestati perché sospettati di aver progettato un attacco terrorista di ispirazione fondamentalista dello Stato Islamico ad una cerimonia a Melbourne, con obiettivo anche dei poliziotti. Tuttavia, non vi sarebbe alcun legame tra il sospetto diciassettenne e i giovani fermati un mese fa. Secondo alcuni media l’ultimo attentato avrebbe avuto per obiettivo una iniziativa benefica organizzata per il Giorno della Mamma. La circostanza non è stata però confermata dalle fonti ufficiali. Le indagini proseguono. Il primo ministro Tony Abbott ha affermato che il piano per l’attentato «era già a uno stadio avanzato di preparazione». Ha poi esortato gli australiani «a guardare il pericolo terrorista in prospettiva e di non cambiare gli stili di vita». Il diciassettenne stava per allontanarsi da casa in auto in compagnia di una donna quando è stato fermato dalla polizia, che ha chiesto agli occupanti della casa di uscire a mani alzate. Il padre del ragazzo sarebbe un medico di origini siriane. I genitori hanno detto però di non sapere nulla delle bombe nascoste in casa. «È una famiglia perbene – ha riferito un funzionario di polizia – distrutta dalle possibili conseguenze delle accuse mosse, ed è indubbio che siano stati colti di sorpresa. Gli ordigni – secondo la stessa fonte – erano molto rudimentali, anche se la loro capacità di offendere è ancora da accertare».
    Sempre a Melbourne un mese fa furono fermati cinque giovani.
    Non è il primo successo dell’intelligence australiano nei confronti del terrorismo. L'Australia teme che attraverso i barconi di clandestini possano infiltrarsi pericolosi terroristi nel Paese. E a quanto pare 
    funzionari europei alle prese con le tragedie dei naufraghi richiedenti asilo nel Mediterraneo nei giorni scorsi hanno richiesto e ottenuto un briefing di alto livello sull’approccio a guida militare dell’Australia nel fermare i barconi. Secondo quanto riferisce il quotidiano The Australian, due settimane fa si è tenuto a Sydney un incontro con alti funzionari dell’immigrazione di 16 paesi, fra cui nazioni Ue e del Nord America, che avevano chiesto un resoconto sul funzionamento della cosiddetta ""Operazione Confini Sovrani"". Il premier conservatore Abbott ha indicato che «l’Europa dovrebbe seguire l’esempio australiano e fermare i barconi prima che raggiungano le acque europee». Con l’Operazione Confini Sovrani, appoggiata dalla marina militare, ogni imbarcazione di migranti che cerca di raggiungere l’Australia viene intercettata e rimandata indietro. I migranti che hanno raggiunto acque australiane sono trattenuti in centri di detenzione costituiti dall’Australia nel piccolo stato-isola di Nauru o nell’isola di Manus in Papua Nuova Guinea. Il loro numero supera i 1.500. Se ottengono lo status di profughi, possono essere accolti in altri Paesi ma a nessuno viene accordato asilo in Australia. E negli ultimi 10 mesi nessuna imbarcazione di richiedenti asilo ha raggiunto l’Australia.






    RispondiElimina
  130. http://news.leonardo.it/australia-attentato-terroristico-melbourne/


    Australia: sventato attentato terroristico a Melbourne.

    MARCO MANCINI

    9 MAGGIO 2015

    La polizia australiana ieri ha arrestato un ragazzo di diciassette anni con l’accusa di terrorismo. L’adolescente è stato trovato in possesso di tutto l’occorrente per preparare degli ordigni e di tre bombe artigianali, a seguito della perquisizione avvenuta nella sua casa in Clare Boulevard, a Greenvale, nella parte Nord di Melbourne. Gli ordigni sono stati messi in sicurezza dagli artificieri in un parco vicino alla casa dell’adolescente.

    Gli inquirenti hanno spiegato ai media che il giovane terrorista aveva intenzione di colpire una località dell’Australia ma non hanno rivelato ulteriori dettagli.  Probabilmente il ragazzo voleva colpire il centro di Melbourne nel giorno della festa della mamma. Il diciassettenne, di cui non è stato rivelato il nome, comparirà davanti alla giuria del Tribunale dei Minori già lunedì. L’arresto è frutto di una delicata operazione di intelligence che ha visto la collaborazione della polizia con le autorità federali e i servizi segreti. Le indagini si sono intensificate soprattutto negli ultimi 9 giorni, fino a giungere all’emissione del mandato di arresto e al blitz nella casa del terrorista.
    Il ragazzo è stato intercettato e bloccato dagli agenti mentre cercava di allontanarsi a bordo di un’auto insieme a una donna. La polizia ha spiegato che l’attentato terroristico sventato a Melbourne non è collegato ai due attentati sventati a Melbourne il mese scorso. In quell’occasione i poliziotti avevano arrestato due adolescenti che si preparavano a colpire.
    L’allerta è alta in Australia. Il Paese partecipa infatti ai raid della coalizione internazionale contro l’ISIS in Iraq e in Siria ed è un obiettivo sensibile. Mike Phelan, vice commissario dell’AFP, la polizia federale australiana, ha spiegato che senza l’intervento dell’antiterrorismo molti australiani sarebbero morti. I terroristi erano infatti pronti a colpire.
    La polizia si è poi affrettata a rassicurare i cittadini australiani, spiegando che non corrono più alcun pericolo e che l’antiterrorismo terrà gli occhi ben aperti per sventare eventuali altri attacchi terroristici in preparazione nel Paese. L’AFP ha spiegato che i genitori del giovane arrestato sono rimasti sconvolti dall’accaduto, ignari dei propositi criminali del figlio. Nei giorni scorsi a Sidney è stato fermato con l’accusa di terrorismo un quattordicenne. Le autorità invitano le famiglie a stare vicine ai figli adolescenti, spiegando che bisogna comprendere cosa porta i giovani australiani a rimanere soggiogati dal terrorismo per combattere il fenomeno alla radice.





    RispondiElimina
  131. http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/isis-sventati-attentati-melbourne-arrestato-2181025/





    http://www.notiziefree.it/australia-sventati-attentati-terrorismo-fermato-17enne-abbott-7519.html





    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Australia-sventati-attentati-a-Sydney-e-Melbourne-arrestati-due-adolescenti-38736da2-064b-40b8-97d9-0faf3a40a55b.html




    http://www.iltempo.it/esteri/2015/05/09/australia-sventati-due-attentati-a-melbourne-e-sydney-1.1412788?localLinksEnabled=false






    http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2015/05/09/australia-preparava-attentati-melbourne-arrestato-ragazzo-anni_PbqCSxrue9m6g2iWj3Y7tK.html


    RispondiElimina
  132. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/10/immigrati-lo-sfogo-di-un-poliziotto-salute-e-sicurezza-niente-filtri/1126606/



    Commenti

    Memphis35
    La "missione" sarà costata molto a questo poliziotto. Ma, d'altra parte, abbiamo avuto la nostra bella convenienza. Risorse umane altamente qualificate: il più fesso è laureato, tutti gli altri sono premi Nobel per la fisica, chimica e medicina. Basta guardarli...


    bonoitalianoma
    GIÀ, LE FORZE DELL'ORDINE SONO ABITUATE A UBBIDIR TACENDO ... MENTRE IL CITTADINO ELETTORE CONTRIBUENTE PAGANDO.

    CHE DIRE DEL TOTALE DISINTERESSE DEL S.I.U.L.P. SINDACATO DI SINISTRA DELLA POLIZIA ???????

    robocop2000
    DITELO AD ALFANUCCIO KE PENSA SOLO AD INCREMENTARE IL FLUSSO !!


    FRANZJOSEFF
    DANIELE CONTUCCI ORA CHE CI SONO LE ELEZIONI E SONO ANCHE IMPORTRANTI PERCHE' VOI POLIZIOTTI E ALTRI COMPONENTI DELLE FF.OO. NON CONVINCETE A NON VOTARE SINISTRA? QUEI PARTITI O ASSOCIAZIONI CD UMANITARIE CHE HANNO TROVATO L'AMERICA A BOICOTTARLI DAGLI ITALIANI? IL PROBLEMA DEI CLANDESTINI VERREBBE IMMEDIATAMENTE CANCELLATO


    Tarantasio.1111
    Visto che al parlamento fanno solo danno...mandiamo Renzi e Alfano a fare questo lavoro di smistamento e...alla sera, rientrino pure presso le loro famiglie, accanto ai propri figli e mogli, con il pensiero: magari sono contagiato.


    Italia Nostra
    Questo è il frutto di un paese che ha perso il controllo sull'emissione della moneta, sul proprio destino economico e soprattutto politico. Abbiamo 3 primi ministri non eletti e nessuno si scandalizza. Che volete iniziare a scandalizzarvi per gli immigrati ora? Cos'altro deve succedere in Italia affinché la gente scenda in piazza? Vi debbono togliere il calcio permanentemente - così non avrete più diversivi?


    FRANZJOSEFF
    LE FORZE DELL'ORDINE DEVONO COMBATTENDO UBBIDIR E TACENDO MORIR. MA GLI ELETTORI PERCHE' DEVONO SEMPRE VOTARE SINISTRA E PARTITI ANCHE CD CATTOLICI CHE STANNO DISTRUGGENDO LA SOCIETA' ITALIANA? PERCHE' SONO COGLIONI E TRADITORI.


    Euterpe
    Perché i poliziotti non fanno sciopero? Con le parole ormai non si risolve nulla.E' tempo di agire, non di lamentarsi.


    lucas2
    Poliziotto di frontiera??? Questa è una novità. Abbiamo una frontiera?


    giangol
    e che cavolo vuole da noi!?!?!?!? gli italiani stanno subendo l'invasione di schifosi clandestini. si rivolga direttamente all'africano alf-ANO o alla sboldrina.

    RispondiElimina
  133. http://www.corriere.it/esteri/15_maggio_08/giovane-ultradestra-ecco-neoministra-ayelet-shaked-volto-laico-coloni-8c9d75c8-f54d-11e4-9c1c-931a52508e78.shtml


    Milano, 8 maggio 2015

    Giovane, di ultradestra: ecco la neoministra Ayelet Shaked, volto laico dei coloni.


    DAVIDE FRATTINI

    GERUSALEMME.

    Tutt’e due hanno un cattivo rapporto con Benjamin Netanyahu (e soprattutto con la moglie Sara, spettegolano gli israeliani). Insieme hanno lavorato per la prima coppia del Paese quando il premier era all’opposizione tra il 2006 e il 2008, due anni finiti male di cui non vogliono parlare.
    Adesso Ayelet Shaked arriva al governo da ministra della Giustizia, un incarico che Naftali Bennett, il capo del partito Focolare ebraico, ha conquistato per lei nelle ultime ore di negoziato, i consiglieri di Netanyahu l’hanno chiamata «estorsione». Ieri Shaked ha festeggiato l’ingresso nella coalizione di destra - potrà sedere nel consiglio di sicurezza, riunito durante le guerre e le crisi - e il trentanovesimo compleanno. Ha vinto le primarie di un partito religioso ma è laica, è una leader dei coloni ma abita in un sobborgo elegante dalle parti dell’università di Tel Aviv (è sposata con un pilota di caccia, i due figli vanno alle elementari).
    Bennett l’ha voluta proprio per cercare di attrarre i giovani elettori diffidenti verso i coloni con in testa la kippah all’uncinetto che vivono sulle colline della Cisgiordania. L’ha voluta perché le sue posizioni sono oltranziste quanto quelle del movimento: è convinta che i palestinesi non debbano avere uno Stato, propone l’annessione dei territori con autonomia limitata per gli arabi. Come Bennett vuole che gli israeliani «la smettano di chiedere scusa per tutto».
    Laureata in informatica, prima di entrare in politica ha organizzato il gruppo digitale My Israel in risposta all’organizzazione che spinge in Europa e negli Stati Uniti per il boicottaggio dello Stato ebraico. E’ stata lei nel 2011 a decidere di pubblicare sul sito le immagini insanguinate della famiglia Fogel (cinque morti) massacrata in casa da due palestinesi nella colonia di Itamar. «Una scelta difficile - ha spiegato - ma siamo in guerra. I palestinesi mostrano al mondo foto cruente, è il momento di rispondere al fuoco ».
    Quando alla fine di giugno dell’anno scorso sono stati ritrovati i corpi di tre ragazzi israeliani (rapiti e uccisi in Cisgiordania), sulla sua pagina Facebook ha rilanciato un articolo scritto durante la seconda Intifada da Uri Elitzur, tra gli ideologi del movimento nazionalista religioso: spiega che bombardare una popolazione civile è giustificato se quei civili sono il male, «incluse le madri dei martiri palestinesi che li mandano all’inferno con baci e fiori».
    Netanyahu, al quarto mandato da premier, le ha concesso l’incarico, ma ha cercato di limitarla e ha tenuto per sé parte dei poteri.

    RispondiElimina

  134. http://www.milanopost.info/2015/05/10/fuori-controllo-larrivo-di-profughi-in-centrale-majorino-apre-via-mambretti/


    10 Maggio 2015


    Fuori controllo l’arrivo di profughi in Centrale, Majorino apre via Mambretti.

    Milano. I volontari ne hanno contati 300 in poche ore. Tutti o quasi partiti l’altra mattina con pullman privati da Messina, così hanno raccontano agli interpreti: alcuni hanno preso un bus diretto per Milano, altri hanno dovuto far tappa a Firenze e da lì ripartire in treno per la Centrale. Profughi siriani e africani. Arrivi spontanei. Fuori dal circuito di smistamento predisposto dal Viminale per distribuire il flusso migratorio sul territorio nazionale. E così per l’ennesima volta il sistema d’accoglienza del Comune è stato messo a durissima prova: esauriti i posti nei centri di via Corelli (l’ex Cie diventato hub dell’assistenza) e via Aldini (palestra inclusa), si spera che il solito turnover di famiglie in partenza per la Germania riduca in tempi brevi il numero di letti occupati. Giovedì notte al mezzanino della Centrale ne erano rimasti 75: 54 ragazzi eritrei e una donna eritrea, 18 siriani, un gambiano e un ghanese.

    Alla fine, l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino, ha deciso di aprire il secondo piano della struttura di via Mambretti, finora dedicata solo al ricovero dei senzatetto, per tamponare l’emergenza. In attesa che venga allestita l’annunciata tendopoli da 100 posti nel cortile dell’ex Centro di identificazione ed espulsione, destinato solo a chi non ha intenzione di inoltrare in Italia l’istanza di protezione internazionale. E in attesa che venga aperto il Centro d’accoglienza per richiedenti asilo tirato su proprio di fianco al Cie. Anche perché l’allerta non rientrerà a breve: ieri sera in stazione c’erano 130-140 giovani eritrei, giunti da Porta Venezia per ripararsi dalla pioggia. "Sappiamo – informa Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca – che altre 300 persone non sono riuscite a salire sui pullman strapieni in Sicilia: quasi certamente partiranno nei prossimi giorni".

    E la stragrande maggioranza di loro verrà a Milano, crocevia dell’odissea con destinazione Europa del Nord. Intanto, ieri l’assessore lombardo all’EconomicaMassimo Garavaglia ha fatto un resoconto dell’incontro col ministro dell’Interno Angelino Alfano: "Abbiamo ribadito, come Regione, l’indisponibilità a ricevere ulteriori immigrati per il semplice fatto che qui in Lombardia, come in Veneto e in Emilia Romagna, abbiamo una percentuale di immigrazione già superiore al 10 per cento". Quindi, "noi non diamo disponibilità a ulteriori posti semplicemente perché non ce ne sono". Ultima nota per la due giorni di presìdi organizzata da Fratelli d’Italia tra corso Vercelli (oggi dalle 15 alle 18) e via Washington (domani dalle 11 alle 19) per raccogliere firme «contro le continue ondate di profughi-clandestini».  (Il Giorno)

    RispondiElimina
  135. http://m.ilgiornale.it/news/2015/05/10/consulta-padoan-cosi-pagheremo-le-pensioni/1126604/




    Commenti

    Paolino Pierino
    Non capisco la ragione che esprime il duo delinquenziale al governo.Gli 80 Euro i bonus bebè i miliardi che paghiamo per i clandestini per i Rom per mantenere battaglioni di politici ladri nulla facenti tangentari mafiosi carcerati di altri paesi contributi alla vomitevole UE a Cooperatori fasulli tutti farabutti in Europa e al governo cosa sono? Non capiscono che l'inflazione dopo pochi anni se non conteggiata adeguando i ratei pensionistici come dalla legge originale prevista ridurrà i redditi pesantemente ? Siamo governati da carogne sarebbe utile sparare in bocca a loro e a chi oggi li voterà.


    aitanhouse
    violamole queste regole europee e cogliamo l'occasione per strillare che non solo ci hanno mandato in malora ma ci hanno anche rotto gli zebedei con tutte le stronzate che ci obbligano a fare
    e sentire. ....piddini in testa e SODOMITI e grillini a seguire.


    flip
    ma chi se frega dell' europa. ai pensionati, razza indifesa, sono stati RUBATI negli anni un mucchio di soldi ed ora questi gaglioffi fanno storie per restituirli. ma chi credono di essere per disporre a piacimento di come fare. non me frega proprio niente! me li devono ridare sino all' ultimo centesimo e con gli interessi. i pensionati nel tempo (chi più chi meno) hanno versato una montagna di soldi (fate il conto, centinaia di miliardi di euro)) e poi, mi ripeto, vengono derubati per legge. i parametri per l' indennità pensionistica la stabilisce il governo con le leggi. se non sapete dove trovare i soldi, ve lo dico io,. mandate a fare un culo i senatori a vita, dimezzate il numero dei "parlamentari" e riducete di parecchio le loro spettanze, eliminate definitivamente i vitalizi, gli enti inutili, lasciate a casa tutti quei pagliacci gallonati che bazzicano nel parlamento, ecc. ecc.


    fabiou
    ma sporco infame con quella faccia da vampiro . tu ci devi dare tutto. avete trovato 13 miliardi per gli aerei da guerra e per i clandestini e per i zingari allora adesso dovete trovarli anche per noi oppure rinunciate ai vostri di stipendi.


    Happy1937
    Capisco la situazione difficile, ma non rimborsare a tutti significa far strame della sentenza della Corte Costituzionale. Patente di ignoranti cretini ai "professoroni" incapaci di adottare provvedimenti in maniera corretta. I danni da loro creati arrivano a mettere nella m...a chi è venuto dopo loro. E hanno anche lasciato a pontificare uno di loro con la faccia da fesso e la voce racchia.


    buri
    niente di nuovi, bugiardo e ladro, non cìè altro da dire


    fer 44
    Parole,parole,parole, soltanto parole. ..blablabla. .


    linoalo1
    Ossia,in poche parole,nessun taglio allo Stato,che ha sbagliato,ma rivalsa sui Cittadini!Questa si che è Democrazia!Ovviamente Democrazia Sinistrata!


    pinosan
    Meno male che il "BISCHERO" che è al governo, ha sempre detto che le sentenze si rispettano.Come il solito i COMPAGNI rispettano le sentenze sugli altri.

    RispondiElimina