venerdì 6 marzo 2015

Napoli: moschea abusiva in un appartamento di San Giuseppe Vesuviano, la protesta di CasaPound Italia

Napoli: moschea abusiva in un appartamento di San Giuseppe Vesuviano, la protesta di CasaPound Italia

San Giuseppe Vesuviano (Na), 6 marzo 2015. “Via Rossilli, basta degrado”: questo il testo dello striscione affisso nella notte da CasaPound Italia Napoli, che ha organizzato anche un volantinaggio per protestare contro la preoccupante situazione venutasi a creare a causa di un appartamento in pieno centro a San Giuseppe Vesuviano trasformato in una moschea abusiva.

“Chiunque si trovi a passare per via Rossilli – dichiara Michele Iervolino, referente locale di CasaPound Italia - deve assistere a qualcosa che ha dell’incredibile. La linea sottile che divide la civiltà dal degrado questa volta interessa una delle abitazioni del centro: un appartamento, con una capienza limitata dunque e certamente non utilizzabile per scopi che non siano puramente abitativi, trasformato abusivamente in una moschea che ospita, in determinate ore del giorno, circa 150 musulmani in preghiera. E' facile immaginare la situazione che si trova a vedere chi passa per via Rossilli: chi non riesce ad accaparrarsi un posto in casa, scende in strada a pregare, bloccando traffico e intralciando i passanti, con conseguenti interminabili code di auto e lamentele crescenti”.

“CasaPound Italia Napoli è solidale con gli abitanti di San Giuseppe Vesuviano - sottolinea Iervolino - e chiede con energia che alla situazione di via Rossilli venga posto un argine; l'azione di oggi è solo la prima di una lunga serie di manifestazioni di protesta che abbiamo in programma per risvegliare l’identità storica dell’intero paese, che va perdendosi giorno dopo giorno anche a causa di questa situazione".

Ufficio stampa CasaPound Napoli
mail: filiivesuvius@gmail.com
cell: 3931732439

190 commenti:

  1. Islamizzazione avviata e tollerata da istituzioni.??

    RispondiElimina
  2. Camorra fa affari coi mussulmani anticattolici.??

    RispondiElimina
  3. http://www.stranieriinitalia.it/



    C'è un business vorticoso nel giro degli stranieri regolari e clandestini che ormai è impossibile poterli censire e controllare visto che godono di complicità interne tipo CAVALLO DI TROIA...

    RispondiElimina
  4. Molti italiani stupidi credono di farsi del bene facendosi invadere in modo incontrollato da individui che se ne fottono delle leggi italiane e ne prendono solo quello che gli conviene.
    Tante truffe e ruberie varie vengono organizzate da mafiosi e politicanti nostrani che utilizzano stranieri come veicolo realizzativo.
    Il Buzzi delle cooperative comuniste ha utilizzato zingari e clandestini per rubare allo stato con la complicità di politici piddini.

    RispondiElimina
  5. C'è chi crede di risolvere il suo problema di antirazzismo rendendosi complice di una invasione che provocherà un cataclisma sociale proprio in Italia. Basti vedere l'islamico piddino marocchino al parlamento che si crede di essere Catone il Censore ed invece è un pirla qualunque scassapalle....

    RispondiElimina
  6. Luoghi di indottrinamento coranico e di supporto per pakistani e del Bangladesh ove l'islam non tollera altra religione e l'infedele viene perseguitato ed anche ucciso specie cristiani ed ebrei.
    E noi pirloni italidioti li accogliamo a kiulo aperto e gli facciamo fare quello che cazzo vogliono. ...

    RispondiElimina
  7. L'ITALIA CATTOLICA OFFESA DA BEDUINI NEMICI A CUI VIENE CONCESSO DI DERIDERCI. .

    RispondiElimina
  8. http://voxnews.info/2015/03/06/ue-italia-si-prepari-ad-1-milione-di-immigrati-dalla-libia-nel-2015/




    6.3.2015


    Alla fine del 2015 Bergoglio regalerà le chiese cattoliche ai jihadisti che le faranno diventare moschee e noi andremo a pregare nuovamente nelle catacombe.
    Il presunto minestrone ha blaterato in tv che non bisogna fare allarmi esagerati in quanto il posto per 1 milione di clandestini si troverà.....ogni italiano ne adotterà 1/2 più pargolo al seguito e sarà risolto il problema. Ma lui Gentiloni ha fatto capire che casa sua è esclusa perché CASA/VIP.

    RispondiElimina
  9. ALLA FINE DEL 2015 A SAN GIUSEPPE VESUVIANO LE MOSCHEE SARANNO PIÙ NUMEROSE DELLE MOSCHE E LA PUZZA UGUALE. ...





    http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2015/03/06/immigrazione-frontexfino-a-1-mln-pronti-a-partire-da-libia_bd21f87b-9343-4724-b6ec-cf5f67df41df.html



    Frontex lancia l'allarme sui migranti, è tensione con Gentiloni.
    Nel 2015 dobbiamo essere preparati a situazione più difficile.

    06 marzo 2015 20:16



    Immigrazione: Frontex, fino a 1 mln pronti a partire da Libia.

    IMMIGRAZIONE: BORGHEZIO, FRONTEX DENUNCIA REALTÀ DA INCUBO.


    BRUXELLES - Il direttore di Frontex lancia l'allarme sulla possibile invasione di migranti dalla Libia e il ministro degli esteri italiano, Paolo Gentiloni, replica: "Non serve sollevare allarmi e allarmismi, si tratta di impegnarci di più".

    "Nel 2015 dobbiamo essere preparati ad affrontare una situazione più difficile dello scorso anno", così il direttore esecutivo di Frontex Fabrice Leggeri in un'intervista all'ANSA. "A seconda delle fonti - spiega - ci viene segnalato che ci sono tra i 500mila ed un milione di migranti pronti a partire dalla Libia". Più cauto cauto Leggeri sull'ipotesi che ci sia l'Isis dietro il traffico dei migranti in Libia.

    "Dobbiamo essere coscienti dei rischi. Ad ora non ho prove per dire che hanno la situazione dell'immigrazione illegale sotto controllo. Ma dobbiamo stare attenti. Abbiamo prove - ha aggiunto - che i migranti sono stati forzati a salire sulle imbarcazioni con le armi. Non ho niente per dire se fossero terroristi. C'è preoccupazione tra gli Stati. Perchè se questo non accade ora potrebbe accadere in futuro". "Se si vuole che Frontex faccia più operazioni - ha proseguito Leggeri - abbiamo bisogno di risorse e staff e dell'impegno degli Stati membri a rendere disponibili i loro mezzi". Tuttavia "Frontex è una parte. Da solo non è sufficiente ad affrontare questo enorme problema. Ad esempio, la cooperazione con i Paesi terzi è molto importante". Proprio su questo punto replica Gentiloni: "Non serve sollevare allarmi e allarmismi, si tratta di impegnarci di più, noi italiani e l'Europa, per fronteggiare il fenomeno delle migrazioni. Quello che chiediamo a Frontex è maggiore collaborazione.
    Per il direttore esecutivo dell'agenzia Ue preposta al controllo delle frontiere esterne "le autorità italiane hanno fatto passi per rafforzare la sicurezza e mitigare il rischio" dopo le minacce di trafficanti armati durante un salvataggio vicino alle coste libiche. Non posso entrare nello specifico perché sono informazioni sensibili", ha spiegato. "Su questo abbiamo avuto anche uno scambio di vedute con gli Stati Ue. Ma questo non significa che domani non ci siano incidenti. E' vicino alle coste libiche che c'è il rischio".


    LIBIA: FONTI, UE PRONTA A RUOLO PRIMO PIANO PER SICUREZZA - E' emerso "consenso unanime" tra i 28 ministri degli esteri europei riuniti a Riga per dare sostegno all'iniziativa diplomatica dell'inviato Onu, Bernardino Leon, e a "fare pressione" sulle parti. Nei prossimi giorni - rilevano fonti - una serie di imprenditori e rappresentanti di municipalità libiche saranno invitati ad incontri a Bruxelles. Inoltre, se andrà in porto la formazione di un governo di unità nazionale, i ministri si sono detti d'accordo che la Ue "si assuma un ruolo di primo piano" per "aiutare il governo a garantire la sicurezza e a combattere l'Isil".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel 2007 il gesuita arabo Padre Samir Khalil Samir, su AsiaNews dichiarò:

      " Nel dare spazio alla finanza islamica, non si può dimenticare che essa fa parte di un progetto di islamizzazione dell’Europa e del mondo. Il pragmatismo economico, etico, senza principi, sta uccidendo l’Occidente».
      Non dimentichiamo neppure come uno dei fondatori delle banche islamiche sia Sayyed Qutb, ideologo dei Fratelli Musulmani, legati a filo doppio al terrorismo jihadista. Quanto ai cibi halal, secondo il WhcWorld halal Councill’halal non è solo una norma tecnica che gli europei possono regolare e formulare come vogliono. I musulmani hanno la responsabilità di Allah e Allah ha già istituito tutte le norme e i regolamenti necessari in modo chiaro».Quindi, «ci può essere solo uno standard halal, che abbraccerà la comunità islamica in tutto il mondo e questo standard può essere gestito solo dai musulmani. Musulmani e non-musulmani devono capire che il Nuovo Ordine Mondiale sorgerà solo con l’Halal e il Tayyib!».

      Sono considerazioni come queste a sollevare più di un dubbio sull’innocenza di programmi politici islamici nel mondo occidentale.

      Altri tentativi analoghi, in passato, sono tutti falliti. Spetta agli elettori, ora, decidere..




      www.nocristianofobia.org

      Elimina
  10. Islam è sinonimo di morte e disperazione e delitti efferati in nome del DEMONIO.
    Fermiamo Satana che opera dietro i jihadisti contro Gesù Cristo Figlio di DIO e contro il genere umano per portarlo alle guerre mondiali. Chiudiamo in Italia ogni moschea e proibiamo corano e luoghi di indottrinamento islamico anticattolico ed antidemocratico. La gente del posto dovrebbe mobilitarsi in strada e far chiudere questo luogo di perdizione.

    RispondiElimina
  11. Fino a quando ci sarà chi in Italia ci guadagna da zingari clandestini cinesi e islamici sarà sempre peggio.
    A Prato i cinesi arricchiscono molti cittadini pratesi che affittano e vendono e fanno affari commerciali con gli occhi a mandorla.
    Si tratta di capire chi tra i cittadini di San Giuseppe Vesuviano guadagna tanto dalla presenza degli islamici. Se nessuno gli desse lavoro e gli vedesse nulla a questi jihadisti pericolosi il problema non esisterebbe. Siccome i cristiani sono perseguitati nei paesi islamici lo stesso trattamento dovrebbe essere riservato a loro nell'Europa non islamica.

    RispondiElimina
  12. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/03/06/calderoli-frontex-conferma-invasione_12fe3311-3c75-43cb-a562-9f93ce074691.html


    6 marzo 2015




    STANNO ARRIVANDO ALTRI CLIENTI PER LA MOSCHERIA ISLAMICA ....COMPRATE DDT...

    RispondiElimina
  13. La fine dell'identità storico/religiosa dell'Italia coincide con la regalia del terreno romano nel 1974 ai jihadisti islamici per la costruzione della grande moschea con minareto a Roma. Nel cuore del cattolicesimo si è fatto un clamoroso calabraghe consentendo al nemico di piantare la prima pietra del nascente CALIFFATO CORANICO EUROPEO cedendo alle lusinghe dissimulatrici di un islam moderato amico. Invece è stato un crescendo di concessioni antitaliane ed anti europee che non ha avuto interruzioni. Anzi nella Carta Europea Costitutiva della UE non è stata inserita l'annotazione della origine e caratterizzazione CRISTIANO/GIUDAICA dei popoli europei su pressioni islamiche dissimulate da esigenze di LAICITÀ della nascente Comunità del Vecchio Continente. In cambio i signorotti della Mezza Luna si sono sempre più dedicati alla invasione per sottomissione di tutti i territori europei creando Stato dopo Stato "piccoli califfati" impermeabili alle leggi laiche e amministrate autonomamente di fatto con la spietata legge tribale denominata SHARI'A CORANICA.
    Ormai dopo decenni di continue concessioni e cessioni di Sovranità nazionale a livello europeo soltanto una guerra civile combattuta contro questi beduini dal corano in mano potrà consentirci di riappropriarci delle nostre terre cattoliche su cui già da tempo sventola la bandiera dell'isis. Ci siamo legati mani e piedi al nemico che tra un attentato terroristico ed un investimento esclusivo Halal in casa europea ha già posto le fondamenta del Califfato. La vicenda del Charlie Hebdo e degli altri innumerevoli continui attentati alla nostra democrazia sono la cartina di tornasole di una situazione di NON RITORNO in cui noi europei ci siamo volutamente infilati per pavidità e corruzione accettata coscientemente e senza rendere coscienti i popoli che purtroppono subiscono passivamente questo genocidio per meticciamento della razza europea greco romana etrusca normanna che presto sarà archiviata perché diventerà dominante quella afroasiatica sotto la scure coranica.
    I fatti di San Giuseppe Vesuviano sono una delle migliaia di situazioni ormai diffuse in cui l'islam dimostra di essere diventato padrone di casa nostra. Il continuo arrivo di finti disgraziati in carrette naviganti fa parte del piano di occupazione che finirà allorché la bandiera dell'Isis sventola ufficialmente sul Colosseo e San Pietro anche se ufficiosamente già l'italia è terra consacrata a Maometto già dal 1970 in barba ai nostri Papi che non hanno alzato un dito subendo l'offesa anticattolica e solo Papa Benedetto 16^ tentò di frenare l'islam spietato ed intollerante che avanzava ma sappiamo la fine a lui riservata dalle lobby gay e islamica allora fortemente alleate per togliere un Papa scomodo e farne eleggere uno accomodante e mansueto al lupo mussulmano.
    Ormai non c'è speranza di arrestare questo processo di islamizzazione italiana ed europea tanto più che i petrodollari arabi stanno facendo stragi di acquisizioni di sovrani proprieta mobiliari ed immobiliari apparentemente legali. Infatti s'è capito da tempo che gli attentati terroristici attuati in territorio occidentale da qualche decennio a questa parte servono a legittimare continue cessioni di Sovranità nazionale nascoste e giustificate da stupide esigenze buonista ed antislamofobe. Praticamente sono gli islamici cosiddetti moderati che alimentano il terrore in casa nostra con lo scopo di acquisire sempre più credibilità di democraticità e tolleranza religiosa. Quindi per ricapitolare dico che l'islam è TERRORE ANTICATTOLICO ED ANTI OCCIDENTALE e che la Fallaci e Cristiano Magdi Allam dicono il vero nel segnalare il pericolo di considerare amici inoffensivi queste orde di barbari tagliagole coranici.

    RispondiElimina
  14. io posso capire che uno diventi ateo, ma che vada ad imporre agli altri di non praticare i riti cristiani che si tramandano da millenni, mi sembra una cosa da condannare, come bruciare la bandiera. Esiste il vilipendio di religione cattolica? Quindi si usino tutte le leggi per multarli e condannarli se esistono degli articoli consoni a questo affronto.Esiste gente atea che condanna i riti cattolici e sono quelli che poi se vedono i musulmani stendere un tappetino e mettersi a pregare, li lasciano fare dicendo che fa parte di una usanza loro. Capito i cicisbei? Rispettano gli stranieri e non gli italiani, ma chi li ha istruiti? quale compagnia hanno frequentato, per avere questo odio? A questi ci vorrebbero veramente gli ISIS. Dico agli Egregi monsignori vaticani che se i confratelli (quando è l'ora di votare) facessero meno propaganda e proselitismo in favore dei KOMUNISTI e di quanti odiano il cristianesimo e le proprie radici cattoliche, probabilmente oggi NON ci sarebbero "questi modi di fare che rappresentano soltanto una sorta di virulenza gratuita". Per troppo tempo si è seminato odio verso il presunto RAZZISTA ISLAMOFOBO e adesso si raccoglie tempesta. E lo si fa ancora oggi, aprendo le braccia alle centinaia di migliaia di musulmani che non vedono l'ora di tagliarci la gola! La tempesta ci spazzerà via senza pietà. Come sta spazzando via l'immagine del Cristo dal cuore della gente. La COLPA è esclusivamente di Papa e Cardinali e Vescovi e pretonzoli. Il politically correct porta le minoranze a comandare sulle maggioranze alla faccia delle democrazia.. io sarei per una bella democrazia autoritaria. Più che "dittatura delle minoranze", questi sono gli evidenti risultati della sfrenata "accoglienza", non importa quale e non importa chi; del "buonismo" di maniera, stracotto in tutte le salse, e dell'entusiastico raggiungimento di una società bastarda, che gerarchie vaticane e parrocchie, godendone durante le omelie, hanno chiamato ed ancora chiamano "società multietnica". Espressione che non significa nulla o, tutt'al più, significa annullamento della società preesistente. Ed ora qualcuno ha pure il coraggio di inviare al cielo i lamenti? Comincia a mancare l'aria ed il respiro, vero? Sentiamo il fiato di quella gentaglia che ancora accogliete sul nostro collo ed è pronta a morderci ? Ben ci sta. E speriamo che i buonisti eunuchi siano i primi a pagarne le conseguenze della folle politica di un'accoglienza forsennata. Ecco cosa succede a dar voce a chi consiglia di accogliere sempre piu islamici in Italia; sono questi i veri disgregatori del tessuto umano, sociale e religioso, mentre la maggioranza silenziosa rimane a guardare e deve sperare nel buon senso di qualcuno in Alto che non esiste. Follie.
    da vari anni (non in rete) dico che i primi a essere sgozzati saranno i preti e poi i comunisti.
    Hanno diffuso il virus "catto-comunista" da oltre 50 anni,e questo è il risultato,.....e non ci si venga a raccontare la favola,che i musulmani,non dicono niente se nelle scuole trovano presepi o crocefissi!!lĺ.questi non sono "atei",sono progressisti.

    RispondiElimina
  15. http://www.nocristianofobia.org/elezioni-un-altro-partito-musulmano-in-francia-e-il-secondo/


    6.3.2015

    In Italia l'islam procede a piccoli passi ed invece in Francia a carica di cavalleria per islamizzare i giacobini d'oltralpe.
    Unica nota positiva che gli islamici sono contrari alle stronzesche unioni tra froci e lesbiche e credo che Vendola e compagnia checca non fiateranno per non passare per islamofobi. ....AHAHAHAHAHAHAHA

    RispondiElimina
  16. IN QUESTO MOMENTO DELLA STORIA POLITICA ITALIANA GLI UNICI CHE FANNO VERA OPPOSIZIONE SONO CPI E LEGA NORD/SALVINI..



    http://www.vesuviononconforme.com/2015/03/napoli-moschea-abusiva-in-un.html?m=1

    venerdì 6 marzo 2015

    Napoli: moschea abusiva in un appartamento di San Giuseppe Vesuviano, la protesta di CPI.

    San Giuseppe Vesuviano (Na), 6 marzo 2015. “Via Rossilli, basta degrado”: questo il testo dello striscione affisso nella notte da CasaPound Italia Napoli, che ha organizzato anche un volantinaggio per protestare contro la preoccupante situazione venutasi a creare a causa di un appartamento in pieno centro a San Giuseppe Vesuviano trasformato in una moschea abusiva.
    “Chiunque si trovi a passare per via Rossilli – dichiara Michele Iervolino, referente locale di CasaPound Italia - deve assistere a qualcosa che ha dell’incredibile. La linea sottile che divide la civiltà dal degrado questa volta interessa una delle abitazioni del centro: un appartamento, con una capienza limitata dunque e certamente non utilizzabile per scopi che non siano puramente abitativi, trasformato abusivamente in una moschea che ospita, in determinate ore del giorno, circa 150 musulmani in preghiera. E' facile immaginare la situazione che si trova a vedere chi passa per via Rossilli: chi non riesce ad accaparrarsi un posto in casa, scende in strada a pregare, bloccando traffico e intralciando i passanti, con conseguenti interminabili code di auto e lamentele crescenti”.
    “CasaPound Italia Napoli è solidale con gli abitanti di San Giuseppe Vesuviano - sottolinea Iervolino - e chiede con energia che alla situazione di via Rossilli venga posto un argine; l'azione di oggi è solo la prima di una lunga serie di manifestazioni di protesta che abbiamo in programma per risvegliare l’identità storica dell’intero paese, che va perdendosi giorno dopo giorno anche a causa di questa situazione".




    Ufficio stampa CasaPound Italia Napoli

    mail: filiivesuvius@gmail.com

    cell:      3931732439

    RispondiElimina
  17. http://cpicampania.altervista.org/moschea-abusiva-in-appartamento-san-giuseppe-vesuviano-protesta-cpi/



    6 marzo 2015

    RispondiElimina
  18. NELLE MOSCHEE COME QUESTA IN CAMPANIA DISCUTONO DI GNOCCA VISTO CHE È AMBIENTE SOLO MASCHILE E LA PROVA LA SI AVREBBE METTENDO UNA MICROSPIA E VIDEOCAMERA NASCOSTA....ALTRO CHE PREGHIERE. .AHAHAHAH





    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/07/lisis-apre-alle-donne-guerriere-indossate-lingerie-sexy/1102684/

    7 Marzo 2015

    L'Isis apre alle donne guerriere: "Indossate lingerie sexy".
    Svelata una conversazione tra un jihadista inglese e un ragazza che voleva arruolarsi: ecco le regole da seguire.

    Mario Valenza

    L’Isis apre alle donne: le guerriere sono le benvenute, devono sostenere la jihad e avere lingerie sexy. È quanto emerge - riporta il New York Post - dallo scambio, tramite i social media, fra una giornalista inglese sotto copertura e un esponente dell’Isis. La reporter si è finta una ragazza minorenne di 15 anni che voleva unirsi all’Isis per combattere in Siria o in Iraq e ha risposto a un messaggio su un social media legato all’Isis chiedendo informazioni.
    A risponderle è stato un ragazzo, Amatullah, che si è definito un inglese militante di 16 anni. Amatullah ha offerto una risposta dettagliata su come raggiungere la Siria, aggiungendo che molti inglesi erano fra i militanti. "Porta lingerie" è una delle raccomandazioni di Amatullah, che ha offerto alla giornalista sotto copertura ospitalità fino a quando non sarebbe diventata una moglie bambina. "Puoi stare con me se vuoi. Fino a quando non ti sposi" ha detto Amatullah. Alla domanda su cosa di pratico dovesse portare con sè, la risposta è stata evidente: "Porta lingerie".




    Commenti

    alberto_his
    Amatullah cercava gnocca in rete e diventa il paradigma di tutto l'ISIS che è questo e le femmine sono trattate da scrofe...


    bingo bongo
    L'esercito ha bisogno di zoccole per combattere,zoccole da monta. Italiane siete zoccole da monta?2 rimpratriate coi nostri soldi sicuramente sì.


    alberto_his
    Chi ha un minimo di esperienza di suk in paesi musulmani non può non aver notato come le femmine locali, pur indossando veli anche integrali, si accapiglino per capi di biancheria supersexy.

    RispondiElimina
  19. Nelle cosiddette moschee si fa attività politica e sindacale come fosse la Cgil e gli imam sono indottrinatori di menti di basso cabotaggio com'è il 99% dei clandestini islamici afroasiatici raccattati da Alfano e caritas diocesane. Servono le moschee come luogo maschile ove scambiarsi Pizzini mafio/islamici utili alla causa del Califfato coranico.
    Vanno chiuse le moschee anche quelle già autorizzate e proibito riunirsi ai mussulmani che non hanno buone intenzioni capaci come sono di dissimulare le loro vere intenzioni e di prendere per il culo tanti ingenui italidioti. In più non scordiamo il business coop/Buzzi legato all'immigrazione affaristico che muove centinaia di milioni di euro gestiti dai cattokomunistoidi con criteri anticostituzionali.

    RispondiElimina

  20. MOSCHEE COME COVI DI MALAFFARE ANTIDONNE.
    CHIUDERE E DISINFESTARE X UCCIDERE ZECCHE....



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/07/lisis-apre-alle-donne-guerriere-indossate-lingerie-sexy/1102684/

    7 MARZO 2015


    COMMENTI

    Aleramo
    Ma quanto è tenera l'anima candida che scrive più sopra, convinta che simili nequizie non siano degne dei musulmani! Forse l'ingenuo troverà più interessanti altri articoli, ad esempio, http://www.ilgiornale.it/news/mondo/violentata-sette-uomini-larabia-condanna-200-frustate-1102659.html e http://www.ilgiornale.it/news/mondo/mecca-donna-decapitata-sulla-pubblica-piazza-1083399.html


    semovente
    Questi, in attesa di incontrare le famose sette vergini, si passano sulla Terra le patate bollenti appena sfornate l'un l'altro.


    Legaiolo
    Eh si, prima o poi si scoprono tutti gli altarini. Altro che lotta e preghiera PAGLIACCI TROGLODITI!!!


    vomitino
    ....e prima di immolarsi per la jihad...una bella orgetta tra imbecilli!!!


    nopolcorrect
    L'Isis islamico e' formato da un branco di criminali psicopatici, ignoranti, crudelissimi e analfabeti. Almeno si limitassero a giocherellare come vogliono con le loro donne e non distruggessero i capolavori d'arte antica!

    RispondiElimina
  21. CLIENTI PER MOSCHEE LURIDE ISLAMICHE


    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/03/07/libia-un-milione-di-migranti-in-arrivo-ma-per-la-sinistra-non-c-era-pericolo-1.1387243

    07/03/2015 07:05

    1 milione di migranti. Ma per Sx non c’era pericolo. Direttore Frontex lancia allarme: "Immigrati messi a forza su barconi", Jihadisti tra clandestini ci attaccano con bomba-umana. Italia invasa. 1/2--1 milione pronti a partire. A lanciare allarme è Fabrice Leggeri, direttore Frontex,agenzia europea controllo frontiere esterne U.E. Nel traffico migranti è invischiato Isis. "Dobbiamo essere preparati ad affrontare situazione più difficile di scorso anno». Ci vengono segnalati 500mila-1 milione di profughi a salpare per Europa e che non possono scegliere.Lo decidono scafisti e jihadisti Isis. «Abbiamo prove che numerosi migranti sono stati forzati a salire sulle imbarcazioni con le armi», sottolinea il direttore di Frontex. «C’è preoccupazione tra Stati. Serve più controllo ma per fare più operazioni abbiamo bisogno di nuove risorse, personale e impegno U.E.».Frontex è una parte» e da sola non riesce ad affrontare problema.
    Quando era la Lega Nord a lanciare allarme su perverso intreccio tra immigrazione clandestina e terrorismo, per l’italica Sinistra il pericolo non c’era. Ora, però, è il Frontex, l’Agenzia gestione cooperazione internazionale frontiere esterne UE, a mettere in guardia contro possibile infiltrazione miliziani Isis nel traffico esseri umani.
    "La polemica scatenata dalla Lega sulle dichiarazioni rese da Gentiloni è strumentale e priva di fondamento», affermavano i piddini e intrecciare immigrazione e terrorismo sarebbe errore». Nonostante il 22 gennaio scorso, il ministro degli Esteri, Gentiloni, aveva chiarito che «ci sono rischi di infiltrazione anche notevoli di terroristi da immigrazione». Sbaragliando Alfano che fino a qualche ora prima andava ripetendo che «non ci sono tracce di infiltrazioni di terroristi fra immigrati». A disinnescare bomba che rischiava di far saltare Palazzo Chigi aveva poi provveduto Gentiloni, autosmentendosi: «Nessun paese democratico può avallare alcuna confusione fra fenomeni migratori e terroristici".
    Ma ora il Frontex lega clandestini e pericolo di attentati. Jihadisti infiltrati tra i profughi e affari d’oro per l’Isis. Il business per finanziare il Califfato unito alla pianificazione strategica del terrore: piazzare in Europa aspiranti al martirio pronti a scatenare il caos, facendoli arrivare "travestiti" da richiedenti asilo. Mescolati a uomini, donne e bambini che pressano i campi di fortuna sulle coste del Golfo della Sirte base di partenza per l’Italia.
    "Il Frontex ha dato ragione alla Lega. Quasi un milione di persone è pronto a partire dalla Libia alla volta delle coste italiane", afferma il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli. "Avrei preferito essere costretto ad ammettere che avevano ragione i buonisti, la Sinistra, gli Alfano, quelli che minimizzavano i nostri allarmi e ci accusavano di islamofobia, ma purtroppo non è così". "Se addirittura colui che dirige agenzia europea dice le stesse cose che predichiamo noi da tempo - continua Calderoli- sarebbe ora che governo italiano cominciasse a prendere seria considerazione nostre proposte». «Ma che aspettiamo, che ci invadano completamente?", si chiede Maurizio Gasparri. "Il governo si perde in chiacchiere mentre non si esclude che tra gli immigrati possano esserci terroristi. Denunceremo l’atteggiamento di ignavia del governo che permette ancora che le nostre navi vadano a soccorrere barconi facendo gli interessi solo dei criminali trafficanti".
    Eppure nel partito democratico c’è chi ha dato ragione al sottosegretario presidenza Consiglio con delega Intelligence che va affermando la improbabilità che chi è addestrato per colpire il mondo occidentale, arrivi in Europa affrontando rischio viaggio"; improbabile non è impossibile. E può divenire "possibile".Mentre Sx parla, Isis riempie barconi di profughi e jihadisti.

    RispondiElimina
  22. NON C'È PROBLEMA VISTO CHE MOSCHEE CI SONO
    GIÀ PRONTE IN TUTTA EUROPA E COSÌ FESTEGGEREMO IL RAMADAMME CONTINENTALE


    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/03/07/boko-haram-annuncia-alleanza-con-isis_e6394c7b-4a48-4edb-8e20-16fb13157b06.html


    Boko Haram annuncia alleanza con Isis".
    Saremo sempre fedeli al Califfo".


    07 marzo 2015 20:55

    (ANSA) - ROMA. Il gruppo terrorista nigeriano Boko Haram ha ufficializzato, in un video rilanciato dal Site, l'alleanza con l'Isis. "Annunciamo la nostra fedeltà all'Isis e al Califfo al Baghdadi, al quale obbediremo in tempi difficili e in tempi di prosperita'", dice il leader dei Boko Haram, Abubakar Shekau. "Crediamo che non esista una cura per mettere fine alle divisioni della Umma (la comunita' delle nazioni arabe, ndr) se non il califfato. Chiediamo a tutti i musulmani di unirsi a noi", aggiunge.
       

    RispondiElimina
  23. Buttategli delle fialette puzzolenti a questi zozzoni anticattolici in terra consacrata a Nostro Signore Gesù Cristo. ..... ....sperando che la puzza delle fialette non sia profumo per loro..!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  24. 7 Marzo 2015

    L'annuncio di Boko Haram: "Noi alleati con l'Isis".
    Il leader: "Noi crediamo che non esista una cura per mettere fine alle divisioni se non il califfato. Chiediamo anche a tutti i musulmani di unirsi a noi".

    Mario Valenza

    Il leader di Boko Haram, Abu Bakr Shekau ha annunciato in un video pubblicato da Site l’alleanza con Isis. Lo riporta Site sul suo account Twitter. "Noi crediamo che non esista una cura per mettere fine alle divisioni della Umma (la comunità delle
    nazioni arabe, ndr) se non il califfato. Chiediamo anche a tutti i musulmani di unirsi a noi", dice ancora Shekau.

    Già lo scorso anno, il leader dei Boko Haram lanciò un asse con il capo dei talebani, il mullah Omar, quello di Al Qaida, Al-Zawahiri e lo stesso al Baghdadi, citandoli espressamente in un video e aggiungendo: "Fratelli miei, che Allah vi protegga".



    Commenti

    Raoul Pontalti
    Gira vodka di pessima qualità in Nigeria ultimamente........


    alby118
    Un'altra cura ci sarà e sarà quella di macellare tutte queste capre barbute al mondo, praticamente l'ignoranza fattasi uomo !!! Che cervello può mai avere un simile volto con simile espressione se non quello di una capra ??? Un ixxxxxxxe che dice di voler essere ixxxxxxxe come i suoi simili, si vede che ci tiene !!!


    Azo
    Questa, e una dichiarazione di guerra !!! Dobbiamo cominciare a costruire campi di concentramento per tutti i Mussulmani che anche MINIMAMENTE, ASSECONDANO QUESTI CRIMINALI, senza dimenticarci delle due STUPIDE RAGAZZINE,( che per modo di dire sono state liberate)compresi i bocaccioni dei loro genitori complici consensienti

    RispondiElimina
  25. PRIMA FANNO ENTRARE JIHADISTI TERRORISTI TAGLIAGOLE A MIGLIAIA DI MIGLIAIA DENUNCIANDO DI XENOFOBIA IL PRIMO ITALIOTA CHE SI LAMENTAVA E ADESSO FANNO LORO GLI ISLAMOFOBI.........SEMPRE GENTAGLIA STO PD.????


    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/03/07/hacker-su-sito-pd-toscana-sigla-isis_78cfad16-c5e8-45ac-925f-68df8174ee0b.html


    Hacker su sito Pd Toscana, sigla Isis.
    Segretario, non conosciamo identità e intenti. Indaga la Digos


    07 marzo 2015 22:46

    (ANSA) - FIRENZE- Attacco informatico stasera al Pd toscano: sul sito web del partito appaiono, su sfondo nero, scritte in bianco tra cui una in inglese 'Hacked by Islamic State (ISIS) We are everywhere'. Del caso si stanno occupando Digos e Polizia postale di Firenze. "Non conosciamo ancora identità e intenti dell' aggressore", ha detto il segretario del PD toscano Dario Parrini".

    RispondiElimina
  26. http://voxnews.info/2015/03/08/nasce-il-facebook-dello-stato-islamico/

    8 marzo 2015

    IMMAGINO CHE TUTTE LE FEMMINE ITALIOTE SÌ STIANO GIÀ REGISTRANDO SUL FACEBOOKKINO ISLAMICO E GIUSTO PER FESTEGGIARE L'8 MARZO FESTA DELLA DONNA CHE NEL CORANO È DEFINITA SCHIAVA DELL'UOMO E PUTTANA AL SERVIZIO TERRENO DEI JIHADISTI................

    MEGLIO DI COSÌ ...!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Nel corano di cacca la donna è considerata lo spermatoio dell'uomo.....
    In queste LURIDE moschee si esalta questo aspetto folcloristico e ludico che tanto piacere fa alle gloriose femministe nostrane che non hanno mai fiatato. ....PAURA SOTTOMISSIONE ????????

    RispondiElimina
  28. I MILANESI HANNO VOTATO UNA GIUNTA FILO JIHADISTA E SI RITROVANO UNA CITTÀ CHE È UNA GRANDE MOSCHEA A CIELO APERTO CON INTOLLERANZA AL 100% PER I NON CORANICI. COME FOSSE UNA CITTÀ ARABA TEOCRATICA MUSSULMANA. QUESTO È IL RISULTATO PER AVERE VOTATO PD SEL M5S. ......
    AVER VOLUTO LA BICICLETTA E ADESSO PEDALARE E D'OBBLIGO AFFERMARLO.


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/08/io-ebreo-per-un-giorno-nella-milano-musulmana/1102816/

    8 Marzo 2015

    Io, ebreo per un giorno nella Milano musulmana.
    Basta una kippah in testa e il quartiere etnico si trasforma in territorio ostile Sguardi torvi, qualche parolaccia, una donna velata allontana la figlia da me.

    Nino Materi

    Da via Padova (Milano) - Alla fermata dell'autobus due donne musulmane (probabilmente madre e figlia), entrambe con il volto velato, mi osservano. Poi la donna più grande prende per il braccio la ragazzina e la trascina via. Si allontanano. Come se io avessi la lebbra. Invece ho solo una kippah sulla testa. Appena due grammi di stoffa rasata. Che però possono pesare come un macigno.
    La kippah è il copricapo usato dagli ebrei maschi osservanti. La indosso, anche se l'ebraismo non è la mia fede. Inizio il mio «esperimento» di finto jewish in via Padova, periferia milanese ad alta densità musulmana. Sono da poco passate le ore 13, a decine sciamano dalla Centro di preghiera islamico. Chiedo a un ragazzo di fede islamica: «Scusa, sai l'ora?». Un attimo di indecisione. Poi lo sguardo cade sulla mia kippah bianca e la risposta è sferzante: «Che cazzo vuoi?». A poca distanza c'è un collega, Giovanni Masini, che con una telecamera nascosta riprende tutto: per un'intera mattinata, ha immortalato gli sguardi ostili che mi sono piovuti in testa come una pioggia acida. Per strada, nell'autobus, nei bar. Nulla di traumatico, per carità. Nessuna minaccia. Nessuna violenza. Anche se nei due giorni precedenti - in assenza però di telecamera nascosta - il «test» era andato anche peggio. Con il borsino dell'intolleranza che ha registrato contro il sottoscritto uno sputo (fortunatamente lanciato per terra); un insulto; un «Allah akbar» urlato in faccia; un propagandistico «Palestina libera!»; un ironico «Ciao, giudeo». Ma anche nei momenti più critici (come quello dello sputo o dell'insulto) non mi sono mai sentito in pericolo.
    Davanti al Sultan Kebab, all'altezza del civico 95, un tizio mi invita a «cambiare marciapiede»: un episodio dinanzi al quale l'afflato al dialogo interreligioso sembra un po' vacillare... Da dietro le spalle arriva una ragazza (italiana) con un cane. Mi affianca, si gira, e dice: «Palestina libera!». La maggioranza si limita a guardarmi tra disappunto e disinteresse; nel caso dell'ambulante marocchino che mi sussurra all'orecchio «Allah akbar» il disappunto, probabilmente, prevale sul disinteresse. Idem per il «gentleman» che prima butta l'occhio sulla kippah e poi butta uno sputo (sul marciapiede per mia fortuna). Fin qui il fixing dell'insofferenza, l'indice dow jones dell'antisionismo. Che a Milano non è certo ai limiti di guardia, ma che in vista dell'Expo non va comunque sottovalutato. Come dimostra anche la relazione dei nostri servizi segreti, rispetto al pericolo di attentati terroristici di matrice islamica.
    Ma per fortuna nella biblioteca comunale di via Crescenzago, si incontrano anche musulmani come Muhammed, 21 anni, studente di Filosofia all'Università Statale.
    Da navigato navigatore del web non gli è sfuggita la videoinchiesta fatta di recente da un cronista ebreo francese che è andato in giro, con la kippah, per un quartiere a maggioranza musulmana di Parigi, registrando le frasi di scherno di cui è stato fatto oggetto.
    «Un'operazione mediatica molto discutibile - sostiene Muhammed -. Quel giornalista lavora per il quotidiano Maaariv , tradizionalmente vicino al premier israeliano Netanyhau.........

    RispondiElimina
  29. Questo abominio succede per colpa di una cultura buonista castrata e castrante che ha fatto volutamente e consapevolmente attecchire il virus mortale dell'odio islamico consegnando le nostre terre ed il nostro futuro a tagliagole. L'italia diventerà una enorme moschea puzzolente sottoposta ad una feroce violenza iconoclasta che radera' al suolo 3000 anni di storia e di cultura e saranno costruite migliaia di luoghi dedicati a quel fetente di pedofilo tagliagole che nel 600 D.C. ha avuto la furbata di scrivere un trattato di guerra per sottomettere il mondo e schiavizzare l'uomo alle truppe cammellate

    RispondiElimina
  30. Mi auguro che se da questo momento in poi dovesse affermarsi la Destra politicamente faccia pulizia di questi manigoldi in kefiah e chiuda tutti i covi asociali antagonisti sovversivi e ripristini norme a tutela della religione cattolica in modo evidente fregandosene di quello che sbraiterebbero quegli eunuchi a Bruxelles.

    Viva casapound sovranità prima gli italiani

    RispondiElimina
  31. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/08/bengasi-lisis-spara-sui-civili-disarmati/1102859/


    Islam in azione a Bengasi in Libia.....STUPENDO.!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. http://voxnews.info/2015/03/08/sinistra-inglese-affida-diritti-delle-donne-ad-un-politico-poligamo/


    8.3.2015




    AFFIDATA LA CUSTODIA DEL POLLAO ALLA VOLPE

    CHIARAMENTE TRATTASI DI JIHADISTA ISLAMICO

    RispondiElimina
  33. Questo ritrovo chiamato moschea è luogo di indottrinamento di terroristi o intolleranti anticristiani

    Nella russia cristiana gli islamici li trattano come si deve e noi dovremmo imparare per difenderci.


    http://voxnews.info/2015/03/08/ecco-come-putin-tratta-i-terroristi-islamici-foto/



    8.3.2015

    RispondiElimina
  34. In quella stanza di san giuseppe vesuviamo si riuniscono islamici jihadisti beduini che sono stati plagiati da bambini ed abituati a vivere da cafoni così come i loro sodali che distruggono le opere d'arte pre/islamiche in nome di un libraccio detto corano dove si incita a fare questo per essere bravi credenti...!!!!!!!!!!!!!!



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/08/dai-buddha-afghani-alla-mesopotamia-lodio-per-larte-dellislam-radicale/1102920/

    RispondiElimina
  35. LE MOSCHEE SONO CENTRALI DI JIHADISMO..!!!!!!!!!




    http://www.secoloditalia.it/2015/03/isis-jihad-50mila-account-twitter-censimento/
      

    Isis, la jihad ha quasi 50mila account su Twitter. Ecco il censimento.


    venerdì 6 marzo

    Sono quasi 50mila gli account Twitter pro-Isis. Ognuno ha una media di mille follower. A rivelarlo è uno studio americano realizzato da JM Berger, della Brookings Institution, e Jonathan Morgan, esperto di tecnologia. L’analisi si riferisce agli ultimi tre mesi del 2014.

    Ecco come sono i profili Isis su Twitter

    Gli account contati dal dossier, una sorta dicensimento dell’Isis su Twitter, sono per l’esattezza 46mila, per lo più creati nel 2014 e localizzati in Iraq e Siria, ma presenti anche in Arabia Saudita. Tre su quattro sono in lingua araba, mentre uno su cinque è in inglese. L’analisi si è soffermata anche sui dispositivi da cui partono i cinguettii, fra i quali glismartphone sono così distribuiti: per il 69% si tratta di Android, per il 30% da iPhone e per l’1% da BlackBerry. Secondo le stime, i numeri sarebbero in aumento, nonostante gli sforzi di Twitter per arginare il fenomeno: dopo le minacce dirette del Califfato ai dipendenti della compagnia e a Dorsey, il microblog solo negli ultimi giorni ha sospeso circa 2mila accountlegati all’Isis. Un vero danno per la propaganda jihadista, che non a caso spende il 10% del proprio tempo su Twitter a cercare diricostruire la rete smantellata.

    Il parere degli esperti

    Secondo Aaron Zelin, esperto di gruppi jihadisti interpellato dalla Bbc, «il reclutamento su Twitter non è palese. Per quello vengono usate soprattutto applicazioni come Kik, WhatsApp e Skype». Invece, ciò che i terroristi fanno pubblicamente su Twitter «è attirare le persone» verso il Califfato. Un primo mezzo di contatto, insomma, per poi spostare la conversazione su altre piattaforme. D’altronde, osserva Zelin, «lo Stato islamico ha fatto dei social media una parte centrale della sua strategia e l’età dei suoi sostenitori coincide con la fascia demografica che utilizza i social media». L’uso pericoloso di queste nuove tecnologie è stato evidenziato anche dal nuovo capo del Pentagono, Ashton Carter. «Anche coloro che sono molto lontani dai campi di battaglia e da esperienze di radicalizzazione improvvisamente ne vengono attratti», ha detto Carter e il fenomeno delle migliaia di foreign fighters e decine di adolescenti che si sono uniti alla jihad lo conferma.

    RispondiElimina
  36. http://uaf.org.uk/

    ""UNIT AGAINST FASCISM""




    SOLITA CONGREGA DI FALLITI CHE NON HANNO PIÙ IL SENSO DELLA PATRIA INGLESE E ALLORA SI SOTTOMETTONO A QUALUNQUE ''DIVERSO'' SPECIE SE ESOTICO TIPO MUSSULMANI AFROASIATICI BEDUINI PUZZOLENTI.
    IL GOVERNO INGLESE SCHERZA COL FUOCO DA PARECCHIO ED INFATTI GLI ISLAMICI JIHADISTI SONO DIVENTATI NUMEROSI E PREPOTENTI
    PERCHE DIFESI E COCCOLATI DA POLITICI VENDUTI ALLO STRANIERO PER COGLIONAGGINE ED ALTRO.




    IO SCHIFO ""U.A.F.""

    IO STO CON ""BRITAIN FIRST"" CHE PROFESSA GLI STESSI MIEI IDEALI PATRIOTTICI.

    RispondiElimina
  37. MOSCHEE E ISLAM DEMOCRATICO IN AZIONE..!!!!!!!!


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/09/stai-zitta-donna-lo-studioso-dellislam-denigra-la-giornalista/1103042/


    9 Marzo 2015

    "Stai zitta, donna". Lo studioso dell'Islam denigra la giornalista.
    L'uomo ha cercato di far tacere la giornalista libanese. Che non si è fatta intimidire.

    Luca Romano

    Lite furibonda in diretta televisiva. "Stai zitta, donna". Così lo studioso di Islam Hani Al Seba’i si è rivolto più volte alla giornalista libanese Rima Karaki. L'uomo non voleva sottostare ai ritmi televisivi imposti dall'intervista e ha invitato duramente la giornalista a tacere e ad ascoltare le sue opinioni. Ma Rima non si è fatta intimidire e ha risposto per le rime: "Se non c'è rispetto reciproco la conversazione è finita".






    Commenti

    maurizio50
    Costui va fatto immediatamente incontrare con Madame MonDieu Boldrini!Chissà chi dei due convertirà l'altro????


    cgf
    @maurizio50 la bAldrini è già convertita

    RispondiElimina
  38. PERFETTO PADRE ISLAMICO ALL'OPERA IN ITALIA



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/09/varese-botte-e-torture-al-figlio-di-undici-anni-egiziano-in-manette/1103063/



    COMMENTO

    Io non capisco... si fanno entrare in Italia i trogloditi e poi li si puniscono perché si comportano da trogloditi... Sarebbe come punire un elefante perchè fa il verso dell'elefante o punire un leone perchè si mangia la gazzella. L'ottimo sarebbe fare come il Giappone fece per 300 anni... chiudere tutto e buttare fuori tutti questi alieni voluti dal PD, da papa Furbesco, da una destra che fa l'opposizione responsabile, dalle Coop, Caritas, Onlus ed avvocaticchi che lucrano sull'immigrazione. Ormai qui è la torre di Babele... uno schifo che produrrà effetti nefasti sulla nostra società. Ma è quello che vogliono gli adulatori di Kalergi... che l'inferno lo faccia rosolare ben bene....

    RispondiElimina
  39. ISLAMICO MODELLO PD/SEL/M5S.........



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/09/varese-botte-e-torture-al-figlio-di-undici-anni-egiziano-in-manette/1103063/




    Commenti

    Tipico esempio di intolleranza e violenza islamica tanto cara alla boldrinA (al femminile) & co......


    sbrigati
    Perchè scandalizzarsi? Sono le loro tradizioni, se ai rom viene concessa una giustificazione per come trattano i bambini questa deve valere anche per gli egiziani islamici jihadisti.....


    Franco_I
    Mi raccomando Sig.GIP lo metta subito in libertà cosi otteniemo due risultati: 1.NEGATIVITA' 2.Autorizziamo tutti a farlo. Sa cosa farei io?? Visto che NON accetti le MIE/NOSTRE Leggi e fai di testa tua in base a quale caxxo di civiltà, TI PRENDO e ti rispedisco a CASA!!! Difficile??



    buri3
    selvaggio ignorante, e questo sarebbe il destino dei nostri figli se dovessero prevalere, informate la Boldrini.......
    Tipico maschio che piace a Vendola e CO. visto che quello italiano è stato piano piano NFROCIATO..!!!!!

    RispondiElimina
  40. A PROPOSITO DI ISLAMICI TERRORISTI FOREVER




    http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=54975&typeb=0&Abu-Omar-la-Cassazione-proscioglie-tutti-per-segreto-di-Stato



    COMMENTO

    Beniamino Pozza
    DOVEVANO TENERE IN GALERA STO TERRORISTA...MA SIAMO ITALIANI E ABBIAMO I COMUNISTI....ALMENO I NOSTRI POLIZIOTTI SONO LIBERI...MA CHE UMILIAZIONE ESSERE ITALIOTI SOTTO I COMUNISTI....

    RispondiElimina
  41. A PROPOSITO DI MOSCHEE E DI ISLAM MODERATO.



    http://voxnews.info/2015/03/09/strage-parigi-arrestata-poliziotta-islamica/


    9.3.2015




    COMMENTO PERSONALE:

    I DANNI CHE DAL 600 D.C. IN POI L'ISLAM HA FATTO DOLOSAMENTE ALL'UMANITÀ, IN TERMINI DI VITE UMANE UCCISE PER NULLA E DI OPERE D'ARTE ANTICHISSIME DISTRUTTE IN NOME DI UNA MERDA DI SCRITTO CHE SI CHIAMA corano, SONO IMMENSI.
    CIÒ NONOSTANTE QUESTE FOLLI TEORIE SPACCIATE PER VERITIERE TROVANO DEI FROCI IMBECILLI CHE CI CREDONO E LE ATTUANO.
    LA POLIZIOTTA FRANCESE CONVERTITA ALL'ISLAM ED ARRESTATA PER COMPLICITÀ NEGLI ATTENTATI DI PARIGI A GENNAIO 2015 E' LA PROVA PROVATA CHE VA STOPPATO L'ISLAM E MESSI ALLA GOGNA TUTTI I FANS CHE SONO INCAPACI DI INTENDERE E DI VOLERE.

    RispondiElimina
  42. I MUSSULMANI NON FARANNO MAI UN ATTENTATO SU DI UN TERRITORIO OVE VIVONO DA PADRONI.....CIOÈ L'ITALIETTA COLONIZZATA.







    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/09/fermate-quattro-persone-accusate-di-avere-legami-con-amedy-coulibaly/1103192/




    RispondiElimina
  43. http://voxnews.info/2015/03/09/ius-soli-20-soldati-tedeschi-si-sono-uniti-ad-isis/



    Islam tedesco che preclude a quello europeo? ???

    RispondiElimina
  44. Quando saranno cacciati via dall'italietta questi beduini islamici prima che si mettono ad emulare i loro cugini dell'Isis??????





    http://voxnews.info/2015/03/09/islamici-abbattono-tomba-perche-e-idolatria-fotostoria/

    RispondiElimina
  45. A TOGLIERE LINFA ALLE ISCRIZIONI DELLE MOSCHEE CI PENSANO I MAMMASANTISSIMA IN IRAQ SIRIA DELL'ISIS E MI AUGURO CHE TRA I DISERTORI CI SIANO TANTI EUROPEI TRADITORI...




    http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/09/isis-giustiziati-i-disertori-120-esecuzioni-in-tre-mesi/1103263/

    RispondiElimina
  46. http://voxnews.info/2015/03/10/premier-olandese-lasciate-che-i-terroristi-islamici-vadano-in-siria-a-morire-video/



    GLI EUROPEI APRANO GLI OCCHI IN TEMPO RIMUOVENDO IL PROSCIUTTO ATTACCATO ALLE PALPEBRE.
    GLI ISLAMICI SONO PERICOLOSISSIMI SOPRATUTTO I COSIDDETTI MODERATI E BASTA COI COMPORTAMENTI DA DEMENTI NELL'ACCOGLIERLI SCIOCCAMENTE COME AMICI BISOGNOSI IN QUANTO LORO DISSUMULANO LE LORO VERE INTENZIONI COSÌ COME SCRITTO NEL LIBRACCIO corano E IL LORO VERO SCOPO È CREARE IL CALIFFATO ISLAMICO E UCCIDERE GLI INFEDELI CIOÈ TUTTI I NON ISLAMICI.

    LIMORTACCILORO..!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  47. http://www.intelligonews.it/articoli/10-marzo-2015/23337/luxuria-nel-mirino-dell-isis-perch-ha-criticato-le-esecuzioni-ai-gay-



    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH


    ADESSO CHE FA VLADIMIRO GUADAGNO IN ARTE STUPIDA ""LUXURIA""...????
    SI PUÒ FAR BENEDIRE E PROTEGGERE DALL'IMAM DI ZONA DI DOVE ABITA MA CI DEVE ANDARE VESTITO DA UOMO VISTO CHE LE FEMMINE E I FEMMINIELLI NON POSSONO ACCEDERE IN MOSCHEA......AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    COMUNQUE SAPPIA VLADIMIRO CHE PER I SUOI AMICI JIHADISTI OGNI PROMESSA È DEBITO...
    ECCO PERCHÉ NESSUNO A SINISTRA CRITICA LE PORCHERIE DEI CORANICI....PER PAURA DI UNA FATWA E QUINDI STANNO ZITTI E MOSCA....!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  48. http://m.tiscali.it/articolo.php?article=http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/15/02/18/mercenari-libia-isis.html


    A 10.000 EURO AL MESE CON QUESTA CRISI SARANNO TANTISSIMI GLI EUROPEI CHE EMIGRERANNO IN ISIS IN CERCA DI IMPIEGO....

    RispondiElimina
  49. http://www.vladimirluxuria.it/



    Ahahahah
    Ahahahah

    Sito internet hackerato da Isis che in passato era stato considerato composto da amici proprio da Vladimiro Guadagno. ....prrrrrrrrrrrrrrrr. .ahahahah





     http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_italiana/2015/03/10/brutta_sorpresa_per_luxuria_il_suo_sito_hackerato_dall_isis-5-410950.html

    martedì 10 marzo 2015

    Brutta sorpresa per Luxuria Il suo sito hackerato dall'Isis.

    La home del sito di Vladimiro Guadagno in arte Luxuria con la bandiera Isis.

    La pagina web piratata dallo Stato Islamico. Scattata la denuncia alla Polizia Postale.
    La bandiera nera a coprire la home page e la scritta "Sito hackerato dall'Isis. Siamo ovunque".

    Brutta sorpresa, stamattina, per Vladimir Luxuria, che si è trovata la sua pagina web "rubata" da sedicenti hacker affiliati allo Stato Islamico. "Quando ho aperto la pagina e ho visto la scritta in arabo e la parola Isis, mi è preso un colpo!" ha dichiarato l'ex deputata transgender. "Naturalmente ho fatto immediatamente denuncia alla Polizia Postale, che ora sta facendo tutti i controlli per capire esattamente da dove arriva l'attacco". Su quanto accaduto è intervenuto anche il presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli Andrea Maccarrone, secondo cui "la minaccia rivolta a Luxuria, più volte in prima linea per la difesa dei diritti gay, non è casuale ma legata a ciò che esprime, come ci ricordano ogni giorno le scene di omosessuali uccisi per lapidazione o lanciati da alti edifici che ci giungono dai territori sotto il controllo del Califfato, così come le minacce dirette giunte via Twitter qualche giorno fa che annunciavano il lancio degli omosessuali italiani dalla Torre di Pisa".

    RispondiElimina
  50. ITALIANI SUCCUBI DELLE ZOZZE LOBBIES GAY ED ALLORA CI PENSERANNO I JIHADISTI DELL'ISIS A FERMARE IL GENOCIDIO DEL GENERE UMANO VOLUTO DA FROCI E LESBICHE..??????


    http://www.nocristianofobia.org/quegli-incontri-universitari-a-sostegno-del-verona-pride/


    Quegli incontri universitari a sostegno del “Verona Pride”…


    mar 10th, 2015 12:39

    Mauro Faverzani

    Sul sito dell’Università di Verona son precisati i compiti e la missione propri dell’Ateneo ovvero «innovazione qualità della ricerca e della didattica». Da nessuna parte risulta che, tra i suoi obiettivi, figuri anche la diffusione di ideologie e luoghi comuni, gender in primis. Eppure, c’è anche l’Università di Verona – assieme all’Udu-Unione degli Universitari, all’Arci, all’associazione Lieviti ed al suo blogzine Biqueer per il «dibattito bisessuale/queer» – tra i promotori fattivi dei tre incontri dal titolo «Stesso amore, stessi diritti», organizzati tra marzo ed aprile esplicitamente «a sostegno del Verona Pride» in agenda per il prossimo 6 giugno, col proposito di richiamare il mondo Lgbt di Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. Non solo. La Web Radio dell’Ateneo, Fuori Aula Network, col serial podcast Lgbt «Romeo in love», figura tra i media partner del Gay Pride cittadino.
    Nella ridda di iniziative a sostegno dell’ideologia gender spicca per martedì 10 marzo, col logo dell’Università, del Centro Interuniversitario di Storia Culturale e del Centro di Ricerca Politiche e Teorie della Sessualità PoliTeSse, addirittura una giornata dedicata alla memoria di John Boswell, storico dell’Università di Yale, promotore del Centro Studi Lesbici e Gay, ideatore di una teoria di cristianesimo delle origini “aperto” – a suo dire – verso la pratica omosessuale, adducendone a “prova” l’icona raffigurante i due santi Sergio e Bacco rintracciata presso il monastero di Santa Caterina, sul monte Sinai. Secondo il docente, i due martiri avrebbero avuto una relazione gay. Tanto è bastato, perché il mondo Lgbt li eleggesse quali propri “patroni”. Non a caso e con pessimo gusto, la locandina del convegno universitario dal titoloL’omosessualità prima della sua ‘invenzione’ moderna, ne riprende come logo l’icona, avallando così un’interpretazione arbitraria, contrastata e scientificamente non dimostrata, ma soprattutto dissacrante e blasfema.
    Dell’insolita “attività extracurricolare”, avviata da tempo e con incredibile zelo, spendendo il nome e la credibilità dell’Ateneo, ci eravamo già occupati in passato (per leggere, cliccare qui ->). Questa non è che una conferma, di cui francamente non si sentiva il bisogno".

    RispondiElimina
  51. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/10/libia-haftar-a-renzi-dateci-le-armi-o-liisis-arriva-in-italia/1103532/


    10 Marzo 2015

    Libia, Haftar a Renzi: "Dateci le armi o l'Iisis arriva in Italia".
    Il capo delle forze armate libiche chiede l'aiuto del governo italiano: "Ci servono subito armi contro i jihadisti"

    Ignazio Stagno

    "A Renzi chiedo di convincere la comunità internazionale a rimuovere l’embargo sulle armi e di aiutarci a combattere per una Libia libera dagli estremisti. È decisivo anche per l’Italia: se dovesse vincere l’Isis sarebbe a rischio la vostra sicurezza". Ad affermarlo all’Ansa è il capo delle forze armate libiche, generale Khalifa Haftar.
    "Stiamo combattendo anche per voi e se dovessimo fallire il prossimo obiettivo dei terroristi sarebbe l’Italia. Siamo un popolo orgoglioso - prosegue - possiamo anche combattere questa guerra a mani nude, ma il Qatar, Turchia e il Sudan stanno aiutando gli estremisti, con armi e finanziamenti. Anche se siamo sicuri che siano pilotati da altre potenze straniere. È importante che si sappia che voltata questa pagina ci ricorderemo molto bene chi ci è stato vicino e chi invece si è voltato dall’altra parte".
    "La Libia - sottolinea ancora Haftar - è un paese ricco di risorse e in base a quanto accadrà e a chi sosterrà il governo eletto democraticamente, decideremo noi con chi condividere questa ricchezza".






    Commenti

    agosvac
    La Libia, o comunque quel che resta della Libia, ha ragione a chiedere l'aiuto dell'Italia. Solo che l'Italia non li può aiutare se non concordemente con gli altri paesi. Loro, i libici, hanno ragione, ma deve essere l'UE o meglio la Nato ad intervenire. Il pericolo è grave, molto, ma molto grave, ne va della sicurezza del mondo occidentale. Ci vuole solo qualcuno che costringa l'UE e la Nato a prenderne coscienza.


    Franco_I
    Attendete per favore. i Nostri Politici sono impegnati in altri frontex e i Magistrati a calpestare il diritto degli Italiani. Abbiate pazienza!


    Franco_Iu
    @agosvac: Lei pensa veramente che con l'orgoglio (a modo loro) i Nostri Politici chiedano aiuto o colloquio con la NATO, ONU, UE??? Lei crede veramente che vogliono salvaguardare questo Paese e gli Italiani tutti?? La prego, convinca pure me. Grazie.


    Mechwarrior
    State sereni ormai siamo gia' stati invasi.


    gzorzi
    ok, come da richiesta, bomba atomica sganciata, vi basta?


    marinaio
    Calma! Calma! I nostri politici prima di decidere dovranno nominare una commissione che faccia un monitoraggio sul problema, poi ovviamente le commissioni parlamentari, poi la Camera, il Senato, di nuovo la Camera, poi il Presidente della Repubblica e alla fine.... nel frattempo il nuovo primo ministro italiano Jilic Romanescu ha presentato la lista dei ministri al neo Presidente della Repubblica Italiana Assan Mohammed, accompagnato dal Presidente del Senato Chi Won Li e dalla Presidente della Camera Laura BoldrinA (riconfermata).


    Loudness
    Mi spiace per i libici, ma gli italiani hanno cose più importanti a cui pensare. Tipo far vestire i bambini da bambine e viceversa. Far ritirare i libri dove c'è scritto che gli zingari rubano e vivono di malaffare. Renzi è impegnato ad installare sullo smartphone una nuova tastierina che metta l'hashtag in automatico prima della parola. La Boldrini a farsi chiamare Boldrina, la Serracchiani a far arrivare piuù extracomunitari possibili nella sua regione. Insomma ci sono priorità e priorità e voi siete capitati nel momento sbagliato.

    RispondiElimina
  52. http://voxnews.info/2015/03/10/ha-toccato-un-cane-uccidetela/


    CONTROLLATE I CANI CHE VIVONO VICINO ALLE MOSCHEE PERCHE' I NOSTRI AMICI JIHADISTI ITALIANIZZATI HANNO SEMPRE L'OBBLIGO DI UCCIDERE CANI E MAIALI PERCHE RITENUTI RESPONSABILI DI PROFANAZIONE DEL VERBO SCRITTO DA QUEL CAZZONE DI MAOMETTO IL PEDOFILO TAGLIAGOLE....!!!!!!!!!!


    NEL FRATTEMPO REGALIAMO UN CUCCIOLO AD UNA ISLAMICA E DICIAMOLO IN GIRO..FUSSI CA FUSSI....!!!!!!!

    RispondiElimina
  53. http://voxnews.info/2015/03/10/isis-decapita-tre-infedeli-sono-blasfemi/



    Cazzo. .!!!!!!
    Allora taglierebbero volentieri la capoccia a parecchi di questo blog quei biricchini di fiji de ma mignottola..!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  54. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/cronaca/dal-pd-toscano-al-sito-di-luxuria-gli-hacker-nostrani-emulano-l-isis_2099834-201502a.shtml





    CHE RIDERE CHE GLI AMICHETTI DEGLI LGBT INVECE SI DIMOSTRANO MOLTO LONTANI DALLE STUPIDITÀ DI QUESTI STRANI OMINI CHE IN ISIS RICEVONO TRATTAMENTI PARTICOLARI.
    QUANDO IL PROBLEMA RIGUARDA ALTRI QUELLI DI PD E SEL E M5S CI SGHIGNAZZANO SOPRA ALTRIMENTI SE QUALCHE FASCISTELLO SI PERMETTE DI INFASTIDIRLI ALLORA SENTI GLI STREPITI....!!!!!!!
    L'ABBIAMO SCRITTO MILIARDI DI VOLTE CHE ISLAM È NEGAZIONE DI TUTTO QUELLO CHE È LA NOSTRA CIVILTÀ MA TIPI STRANI COME VLADIMIRO GUADAGNO CI HANNO DATO SEMPRE DEL RAZZISTA ISLAMOFOBO.....

    E ADESSO COME LA METTIAMO????
    ALLA PECORINA COME VORREBBERO I JIHADISTI CHE IN 4 ANNI DI MALEDETTI GOVERNICCHI HANNO POTUTO INFILARSI IN POSTI IMPORTANTI DELLO STATO E ORA SARÀ DIFFICILE STANARLI E RENDERLI INNOCUI...?????
    PRETENDO ADESSO CHE QUESTO GRAVISSIMO PROBLEMA LO RISOLVA IL BOYSCOUT E LA SUA CORDATA DI IMBECILLI....!!!!!!!
    BUON LAVORO A RENZUSCONI/ALPHANIED. .....

    RispondiElimina
  55. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/cronaca/dal-pd-toscano-al-sito-di-luxuria-gli-hacker-nostrani-emulano-l-isis_2099834-201502a.shtml


    10 marzo 2015


    Ahahahah
    Ahahahah
    Ahahahah
    Ahahahah
    Ahahahah
    Ahahahah
    Ahahahah

    RispondiElimina
  56. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/cronaca/dal-pd-toscano-al-sito-di-luxuria-gli-hacker-nostrani-emulano-l-isis_2099834-201502a.shtml

    10 marzo 2015



    NON DITEMI CHE GLI ISLAMICI SONO PERICOLOSI ED INTOLLERANTI DI TUTTO QUELLO CHE LORO REPUTANO ""CONTRONATURA""....!!!!!!!!!?????

    RispondiElimina
  57. DALL'ARRIVO DI BERGOGLIO È INIZIATA LA DECADENZA DELLA CHIESA CATTOLICA CHE SEMBRA APPECORINARSI ALL'ISLAM PER PAURA IGNAVIA E DECADENZA INTERIORE TEOLOGICA.

    INVECE DI PREOCCUPARSI DI COMBATTERE IL FONDAMENTALISMO ISLAMICO ANTICRISTIANO I PRETONZOLI BERGOGLIANI CEDONO TERRITORIO AD INTOLLERANTI CHE A CASA LORO AI CRISTIANI TAGLIANO LA TESTA.
    IO A QUESTI PIRLA LI VORREI ALLA FRONTIERA DELLA STORIA DELLA CHIESA CHE NON DEVE DIMENTICARE DI AVER DOVUTO RICORRERE ALLE CROCIATE PER CACCIARE I JIHADISTI TAGLIAGOLE.



    10 marzo 2015


    Parroco difende moschea, la Lega: faccia l’imam.

    L‘iniziativa del parroco di Monteforte d’Alpone(Verona) ha scatenato la dura reazione della Lega Nord. Don Mario Costalunga, durante la messa, aveva criticato i fedeli che avevano firmato una petizione per la chiusura di un centro islamico che andrebbe contro il principio della fratellanza e la Costituzione. Parole che non sono state gradite dal coordinatore provinciale del Movimento Giovani Padani di Verona,Vito Comencini.
    «Dichiarazioni sciocche e ignoranti del parroco nei confronti dei cittadini che hanno firmato la petizione della Lega Nord contro la costruzione di una moschea a Monteforte» scrive in una nota Comencini, che accusa il parroco di «arroganza e superbia da parte di chi invece di insegnare correttamente la dottrina cattolica, si preoccupa di dare lezioni di diritto costituzionale». Il coordinatore dei giovani padani conclude invitando «Don Mario a fare l’imam se non si sente più una guida spirituale del cattolicesimo».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il prete forse non sa che nei paesi arabi islamici esiste discriminazione e persecuzione contro i cristiani che vengono uccisi senza alcuna pietà islamica..???
      Andasse in quei posti ad aprire un luogo di preghiera cattolica.!!!!!!
      Sono questi stupidi pretonzoli che accelerano la fine del cattolicesimo per fare posto ai fratelli islamici che invece se potessero lo prenderebbero a calci nel cxxo.

      Elimina
  58. http://it.sputniknews.com/mondo/20150310/97835.html



    21:05  10 marzo 2015


    Lo “Stato islamico” lancia il suo social network.

    Il britannico Daily Mail informa che i terroristi dello “Stato islamico” hanno lanciato una propria rete sociale.
    Il quotidiano riferisce che il sito è diventato operativo durante lo scorso fine settimana, ma ha già presentato dei problemi tecnici che potrebbero essere dovuti ad hacker che lottano contro la presenza in rete dello "Stato islamico".
    Gli esperti rilevano che la piattaforma dei jihadisti imita Facebook, ma ha una capacità di traffico limitata.
    Il sito, registrato attraverso il provider americano GoDaddy, è intestato a un certo Abu Musab che ha indicato di essere cittadino di Egitto, ma residente a Mosul nello "Stato islamico".
    In precedenza gli account degli islamisti sono stati più volte bloccati da Facebook, Twitter e da altri social network.


    Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/mondo/20150310/97835.html#ixzz3U10LCs2y

    RispondiElimina
  59. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/10/respinto-lassalto-alle-adozioni-non-saranno-soggette-alla-sharia/1103668/

    10 Marzo 2015

    Respinto l'assalto alle adozioni: non saranno soggette alla sharia.
    Il Pd tenta il blitz: prova a far passare la kafala, le regole sull’affidamento in vigore nei Paesi islamici. Stop del Senato.

    Sergio Rame

    Con 164 voti a favore, 50 contrari e due astenuti il Senato respinge l'assalto alle adozioni e tiene la sharia fuori dalla nostra Costituzione. Pur approvando la Convenzione dell'Aja sulla protezione dei minori, l'Aula non passare la "kafala", le regole sull’affidamento in vigore nei Paesi islamici. La norma, tuttavia, è stata solo sospesa in attesa di nuove misure che la adeguino al nostro ordinamento. La convenzione passa ora all’esame della Camera. "Resta il gravissimo tentativo di accettare e introdurre nel nostro ordinamento i principi dell’oscurantismo islamico - tuona Maurzio Gasparri - è una vergogna che qualcuno stia cercando di imporre la nostra subalternità all’islam accogliendo leggi incivili".
    L'accoglimento della kafala sarà esaminato in un secondo passaggio parlamentare per verificarne la possibilità di adeguamento all’ordinamento. A impegnare il governo a valutare la compatibilità della kafala ai principi della Costituzione è stata la relatrice piddì Emma Fattorini. La sharia vieta l’adozione ma per evitare che figli senza genitori restino del tutto sprovvisti di tutela, il diritto islamico prevede la kafala, che garantisce la protezione ai minori orfani, abbandonati. Il rapporto che si instaura tra chi diventa l’affidatario genera l’obbligo del primo di provvedere al mantenimento e all’educazione del secondo, fino a quando questi raggiunga la maggiore età, ma non dà vita ad ulteriori vincoli. Il minore non assume il cognome di chi ne ha ottenuto la custodia, non acquista diritti nè aspettative successorie nei suoi confronti, non instaura legami giuridici con la famiglia di accoglienza, né interrompe i rapporti con il proprio nucleo familiare di origine.







    Commenti

    Arrigo d'Armiento
    NON HO CAPITO - Non ho capito niente. Non amo la sharia, ma che diavolo sia la kafala dall'articolo non l'ho capito. Mi rendo conto che è materia complicata, ma l'articolo non la chiarisce per niente. Arrigo d'Armiento - Roma



    MONDO_NUOVO
    SOLO AI GENI DEL PD POTEVANO VENIRE CERTE IDEE. MA QUANDO CI LIBEREREMO DA QUESTA PIAGA DELL'ITALIA..?????

    RispondiElimina
  60. http://voxnews.info/2015/03/10/ragazzina-si-fa-esplodere-in-mercato/




    ISLAM È QUESTO E SARÀ COSÌ ANCHE IN EUROPA SE LO FAREMO CRESCERE UN ALTRO POCO.....

    RispondiElimina
  61. http://voxnews.info/2015/03/10/strage-islamica-di-boston-ecco-limmigrato-mentre-piazza-la-bomba-video/




    BRAVI I DUE FRATELLI CECENI.....
    COME GLI STESSI CECENI CHE HANNO UCCISO A MOSCA IL POLITICO ANTI PUTIN. ..

    RispondiElimina
  62. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/10/si-finge-jihadista-il-tagliagole-si-innamora-e-ora-lei-vive-sotto-scorta/1103690/





    CHE PIRLA TA DI QUESTO JIHADISTA BEDUINO...

    RispondiElimina
  63. http://mobile.tgcom24.it/mondo/orrore-isis-tre-decapitati-per-sodomia-nuovo-video-bimbo-uccide-una-spia_2099889-201502a.shtml




    DITE LP A VENDOLA E SCALFAROTTO CHE...???????

    RispondiElimina
  64. http://voxnews.info/2015/03/11/isis-svela-identita-e-casa-di-13-presunte-spie-di-israele-uccidetele-foto/




    A PROPOSITO DI ISLAM IL CUI TERMINE SIGNIFICA SOTTOMISSIONE. ....MA ALLA VIOLENZA GRATUITA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.vvox.it/2015/03/03/sindaco-teolo-pd-profughi-non-danno-profitto/



      Sindaco Teolo (Padova): «profughi non danno profitto» ma solo problemi.

      Il sindaco di Teolo (Padova), Moreno Valdisolo ha commentato l’incontro avuto con il vescovo Antonio Mattiazzo sabato mattina nel patronato della parrocchia di Rovolon in occasione della visita al vicariato di Teolo, e si è detto «molto turbato» dalle sue parole. Al centro della denuncia del primo cittadino ci sono le dichiarazioni di mons. Mattiazzo a favore di una politica di integrazione «saggia» dei profughi come risorsa per il Paese e come soluzione al declino demografico.
      «Affermazione che mi ha fatto saltare dalla sedia – ha dichiarato Valdisolo al Mattino – Cosa c’è di saggionel permettere un’immigrazione incontrollata di persone che non rispettano la nostra cultura, le nostre tradizioni e la nostra religione; cosa c’è di saggio nel permettere tutto questo senza a monte fare un ragionamento più ampio di integrazione controllata?». E conclude il sindaco: «fintantoché avremo nel nostro paese uomini di chiesa e di stato che pensano che i profughi creano profitto, allora io comincio a essere seriamente preoccupato per il futuro dei miei figli».

      Elimina
  65. PARLANDO DI ISLAM CHE AVANZA VERSO DI NOI.


    11 Marzo 2015

    L'orrore islamico vuole cancellare noi e il progresso.
    L'ideologia arabo-musulmana considera crimini l'evoluzione scientifico-culturale e la parità dei sessi.

    Paolo Guzzanti







    Commenti

    little hawks
    O li combattiamo in maniera determinata, partendo dal negare la cittadinanza italiana a chi professa questa religione sanguinaria, o ci sottometteranno rapidamente.


    magnum357
    Che strano !!! Proprio gli arabi che hanno inventato i numeri ed hanno fatto costruzioni architettoniche di notevole pregio !!!! Adesso hanno cambiato idea e distruggono tutto negando la scienza e la conoscenza !!!! DEFICIENTI


    maricapu
    ... e mò chi glielo va a dire ad Alessandro Di Battista, la mente eccelsa del movimento 5 stelle che voleva che si aprisse un dialogo con quelli dell'ISIS. Di Battista però una cosa la merita di certo, quindi diamogliela subito Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr


    Nonlisopporto
    vogliono vivere da ricchi a discapito degli altri



    Mario Galaverna
    ..........L’elemento chiave del declino islamico viene individuato nel fatto che a un certo punto nel XIII secolo si è considerato concluso il lavoro di interpretazione della Sharia’ah, si sono canonizzate le quattro scuole allora esistenti e si è dichiarato quindi che nulla altro poteva essere detto, bisognava solo attenersi a quanto già deciso e si è affemato il taglid ( imitazione) di quanto già era stato deciso. In questo modo si è decretato la fine del pensiero libero, della ricerca, della scienza ed è iniziato la decadenza.

    RispondiElimina
  66. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/11/spazzini-al-lavoro-con-la-scorta-ecco-i-dieci-quartieri-della-paura/1103768/



    QUELLI DELL'ISIS QUANDO ARRIVERANNO NON AVRANNO NULLA DA DISTRUGGERE PERCHE CI STANNO PENSANDO GLI ZINGARI ED I CLANDESTINI FINTI PROFUGHI LA CUI PRESENZA FA ARRICCHIRE COOP ROSSE,CARITAS E ONLUS VARIE ED INOLTRE FA DIVERTIRE TANTI PERVERTITI CHE TROVANO CARNE FRESCA MINORENNE E MAGGIORENNE......CAPITO COME FUNZIONA IL PORCILE...??????

    RispondiElimina
  67. IL QATAR È UNO DEI BRACCI ECONOMICO/FINANZIARI DELL'ISLAM E STA INVESTENDO IN OCCIDENTE TUTTO IL DENARO CHE RICAVA DALLA VENDITA DEL PETROLIO ALL'OCCIDENTE STESSO. SI DISCRETA SU DI UN ISLAM MODERATO MA CON QUALE SIGNIFICATO VISTO CHE NEL CORANO È PREVISTO CHE SOLO MAOMETTO È IL PROFETA VERO E ULTIMO E GLI ALTRI CRISTIANI ED EBREI NON CONTANO UNA MAZZA. ..??????
    IO NON HO FIDUCIA NELLE BUONE INTENZIONI DEL QATAR ANCHE PERCHÉ MANCA IL CRITERIO DELLA RECIPROCITÀ PROPRIO IN QATAR DOVE L'ISLAM TEOCRATICO GOVERNA TUTTO E NON SONO AMMESSE ALTRE RELIGIONI NÉ FORME DI VITA SOCIALE ALL'INFUORI DEL CORANO CHE VALE ANCHE COME CODICE CIVILE E FAMILIARE.!!!!!!
    DI COSA STIAMO PARLANDO ALLORA?
    UNIVERSITÀ MOSCHEA SCUOLE INFERIORI HALAL SHARI'A IMAM TRIBUNALE ISLAMICO.

    INSOMMA L'ISLAM DEL QATAR È UNA ARMATA DI GROSSE NAVI DA GUERRA E LE INTENZIONI SONO QUELLE DI ISLAMIZZARE L'ITALIA SOTTOMETTENDOLA ANCHE CULTURALMENTE FACENDOLE FARE UN PASSO INDIETRO DI MILLENNI. BISOGNA ALZARE UN MURO DI CENTO METRI E NON FARE PASSARE L'ISLAM CHE VUOLE LA NOSTRA SCOMPARSA.




    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/03/12/l-islam-non-si-studiera-in-salento-1.1389640


    12/03/2015 7:10

    L’Islam non si studierà in Salento.
    Tutti contro l’Università araba a Lecce.
    Dal Qatar pronti 45 milioni di euro.
    Pronti ad azioni legali contro il progetto per la nascita dell'università islamica a Lecce. Nel Salento è scontro tra il Comitato di cittadini che si batte per impedire la costruzione dell’ateneo e chi invece questo progetto lo vuole portare avanti. Secondo Mauro Giordano, uno dei portavoce del gruppo «Noi diciamo no all’università del Qatar«, proprio il paese del Golfo avrebbe intenzione di investire ben «45 milioni di euro per edificare su un agro con destinazione urbanistica agricola».
    La questione non sarà così semplice perché oltre alla destinazione d’uso, quel terreno è frazionato tra più proprietari, rendendo la compravendita più difficile. «Non siamo contrari ad altre culture - spiega a «Il Tempo» Giordano - però bisogna sapere chi sono i referenti e da dove viene questo denaro. Siamo una frontiera sul Mediterraneo e ogni giorno riceviamo migliaia di immigrati». Nel Salento la comunità islamica conta 20 mila persone. L'allarme per quello che potrebbe rappresentare una università, che all’interno dovrebbe contenere anche una moschea, è dunque altissimo. Oltre al Comitato di cui Giordano è rappresentante, contro la costruzione dell’ateneo si sta muovendo anche l’associazione «Fronte comune» di Monteroni, il Comune in provincia di Lecce, in cui si trova il terreno in zona Valle della Cupa su cui dovrebbe sorgere l’edificio. Al momento le due associazioni stanno valutando se agire per vie legali per impedire che il progetto vada avanti. Ieri intanto Mario Papa, direttore della polizia di prevenzione e presidente del Comitato di analisi strategica antiterrorismo, in audizione davanti al Comitato parlamentare Schengen, ha annunciato che il numero dei «foreign fighters» partiti dall'Italia è salito a 65. «Ne abbiamo censiti 5 in più rispetto all'ultima volta» ha ricordato Papa, sottolineando come si tratti di «numeri sempre bassi rispetto ai 1.500 della Francia, agli 800-1.000 della Gran Bretagna, ai 650 della Germania, ai 400 dei Paesi Bassi e ai 400 del Belgio». Ma al di là della consistenza, quello che preoccupa "è la possibilità che i combattenti rientrino nel Paese di origine o in altri Paesi dell’area Schengen, Italia compresa, per essere liberi di muoversi». Lo stesso Papa, inoltre, ha segnalato delle crepe all’interno dell’Isis. «Vi sono delle crisi interne al movimento - ha spiegato il direttore del Casa - Cominciano ad esserci scontri tra le popolazioni locali e i «foreign fighters» e anche tra gli stessi combattenti arrivati dall’estero: da una parte gli arabi e dall’altra gli occidentali». Posizione, questa, condivisa anche dal segretario di Stato Usa John Kerry, secondo cui «l’Isis sta perdendo pezzi».

    RispondiElimina
  68. http://voxnews.info/2015/03/12/chiedono-moschea-a-sindaco-leghista-mai/




    VOLERE È POTERE E NEGARE AI JIHADISTI È UN DOVERE DETTATO DALLA NECESSITÀ DI OPPORSI.

    RispondiElimina
  69. ISLAMICI GENTAGLIA PERICOLOSA DA CACCIARE VIA DALL'ITALIA OVE NON VOGLIONO INTEGRARSI COME BLATERANO I PIDDINI MA FARE I CAZZI LORO E FOTTERSENE DI NOI CHE CI CONSIDERANO DEI PIRLA MA C'È CHI NON SI ARRENDE..!!!!!!!!!!!!!!!!!



    http://www.vvox.it/2015/03/12/conselve-pd-negozio-trasformato-in-moschea/


     12 marzo 2015

    Conselve (Padova), negozio trasformato in moschea

    Avevano affittato un negozio lasciato libero da una coltelleria in pieno centro a Conselve (Padova) ma lo usavano invece come luogo di culto. Come si apprende dal Mattino, l’associazione culturale marocchina Assalam aveva affittato il locale per «promuovere l’integrazione e la formazione culturale dei bambini nati in Italia riguardo alla lingua alle tradizioni del paese d’origine e favorire lo scambio interculturale tra cittadini italiani e marocchini». Ma le due stanze erano vuote, ad eccezione di due grandi tappeti a terra e una scarpiera. Questo è quanto scoperto da un sopralluogo della polizia locale motivato dal sospetto via vai giornaliero davanti al locale. Al responsabile dell’associazione gli agenti hanno spiegato che la destinazione d’uso di quello spazio, di carattere commerciale, non consente lo svolgimento di attività di culto.

    I marocchini non hanno sollevato obiezioni e hanno sospeso gli incontri, e nei prossimi giorni restituiranno le chiavi al proprietario. «Non ci sono stati problemi» spiega il sindaco Antonio Ruzzon «gli interessati hanno ammesso di essersi sbagliati e di aver agito inbuona fede, e si sono resi disponibili a risolvere la cosa in tempi brevi». Intanto però si era già iniziato a parlare di “moschea” tanto che più d’uno aveva manifestato qualche preoccupazione, ma il caso ormai può dirsi chiuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente multa per chi viola la legge? ??
      Ahhh..già. .dimenticavo....zingari e islamici sono al di sopra di queste quisquiglie..!!!!
      Fosse stato un italiano multe da migliaia di euro e cazziatone istituzionale su "La Repubblica"" dell'editore svizzero..!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    2. Bravo Antonio Ruzzon..!!!!!!!
      Che delicatezza per un islamico che se ne fotte delle leggi comunali...!!!!!
      Niente multe sequestri fogli di via cazziatoni..

      Elimina
  70. In Afghanistan non é concesso niente per noi Cristiani. A Kabul, l´unica Chiesa Cattolica é segregata all´interno dell´Ambasciata d´Italia. I fedeli che giornalmente decidono di frequentarla devono nascondersi. Alla richiesta fatta dal locale Nunzio al Governo Afghano per poter installare la campana, é stato risposto che la Legge islamica non lo puó concedere, sarebbe una offesa all´Islam. Insomma, noi in Europa concediamo tutto e di più, li accogliamo ogni giorno e ci sottomettiamo alle loro richieste. Concediamo piú del dovuto e se qualche volta non lo facciamo siamo razzisti. Loro invece nei loro paesi, ai Cristiani, li malmenano e li costringono a non pregare. Popolo di scemi che siamo noi europei. Povera Europa Islamica!

    RispondiElimina
  71. Questi attentati islamici moderati (???) e' un'altra cosa che la dice lunga sul fatto di lasciare oltre che la moneta (povertà conclamata) l'Europa. Un agglomerato di stati senza un ideale reciproco, linea e principi. Ognuno fa come vuole e questi stati citati ne sono una conferma. Via, ripristiniamo i confini controllati al fine di poter vivere più serenamente. Noi caro Renzi non abbiamo scorte, vigilanza FISSA alle abitazioni e privilegi scandalosi. Scandalosi quando l'economia del paese è a rotoli con la delinquenza dilagante e protetta dalla giustizia. Oggi due italiani su tre dicono basta a questa invasione incontrollata islamoca e a bande criminali impunite. Sempre due su tre dicono di uscire da questa m.... di Europa. Io sono diventato intollerante, perché lo Stato che non protegge il cittadino onesto mi ci ha fatto diventare . Fate schifo politicanti piddini di m....

    RispondiElimina
  72. Anche gli asini sanno che ovunque l'Islam si impone con la forza delle armi, che non tollera pluralismo religioso o politico, ecc..Il problema, per noi, è che a troppi politici nostrani fanno comodo i petrodollari e non solo. Trovare politici onesti è un pio desiderio con scarso riscontro nella realtà.

    RispondiElimina

  73. A proposito di islam ricordo che quando in Kosovo "COMANDAVANO" i Serbi (quei Serbi che un certo D'alema ha fatto bombardare nel 1999) certe cose NON potevano essere messe in atto,perchè i Serbi gli IMAN li APPENDEVANO!!! Ma la storia ai NS/governanti COCOMERIOTAS che vogliono le moschee nella Italia cattolica non ha insegnato nulla e continuano a fare porcate a raffica.

    RispondiElimina
  74. http://www.secoloditalia.it/2015/03/in-chiesa-rendiamo-grazie-ad-allah-e-bufera-su-un-prete-anglicano/



    DAL VOLTO E DALLE MOVENZE MI SEMBRA FROCIO QUESTO TIPO ANGLICANO ED IN PIÙ DISSACRA LA SUA RELIGIONE PER APPECORINARSI AI CORANICI.
    E SE LO CACCIASSERO FAREBBERO COSA GIUSTA.

    RispondiElimina
  75. In italia si litiga per costruire le moschee, togliere i CROCEFISSI dalle aule, e il S. Natale senza PRESEPE, per non turbare i piccoli musulmani. Mentre i terroristi musulmani dell’isis, boko haram e al qaeda, bruciano le chiese e uccidono i cristiani, fino alla strage di oggi in pakistan. Complimenti allo stato italiano, della repubblica delle banane.

    RispondiElimina

  76. perchè caro Papa Bergoglio non si può mettere in discussione il fatto che questa invasione islamica è un pericolo per noi cristiani?

    RispondiElimina
  77. Gli ideali dell'Europa unita? Sodomia e droga. Ecco perché africani, arabi, zingari,afgani, pachistani stanno invadendo una terra vuota abitata da cadaveri.

    RispondiElimina
  78. Sua Santità si limita a esprimere cordoglio per i cristiani ammazzati brutalmente da jihadisti islamici presenti anche in Italia ed indottrinati nelle moschee. Per il resto ci invita a porgere l'altra guancia. Ogni giorno che passa i miei dubbi aumentano.

    RispondiElimina
  79. Decisamente il maomettanesimo è una religione di pace. Lo dice la presidenta! Se poi, oltre che a noi lo dicesse anche a loro, forse li convincerebbe.

    RispondiElimina
  80. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/16/ecco-i-kamikaze-dellisis-pronti-a-sbarcare-in-europa/1105534/


    LI ABBIAMO GIÀ ALLEVATI E INDOTTRINATI NELLE NUMEROSE MOSCHEE CHE IL PD FA FINTA DI NON VEDERE NELLA LORO MORTALE PERICOLOSITÀ...

    RispondiElimina
  81. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/16/irregolare-il-bando-comunale-sulle-moschee-va-bloccato/1105474/


    A MILANO STESSO PROBLEMA CHE A NAPOLI.
    PER IL PD I LUOGHI DI CULTO DA TUTELARE ED INCENTIVARE SONO SOLO QUELLI ISLAMICI..??????

    RispondiElimina
  82. Islam è sottomissione ....ma...alla violenza disumana

    RispondiElimina
  83. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/16/campane-e-croci-sotto-le-mazze-dellisis/1105646/


    16 Marzo 2015

    Campane e croci sotto le mazze dell'Isis.
    Nuove foto distribuite dal sedicente Stato islamico mostrano i miliziani accanirsi sui simboli religiosi

    Lucio Di Marzo

    Statue distrutte, croci divelte dalla sommità degli edifici religiosi, campane rimosse e schiantate al suolo. I miliziani del sedicenteStato islamico sono tornati ad accanirsi contro i simboli della cristianità in Iraq, prendendo di mira tombe, chiese e persino un presepe.

    Le foto sono state pubblicate dal gruppo estremista, in uno dei moltissimi report fotografici che arrivano da Siria e Iraq, con cui il ramo propagandistico dell'organizzazione guidata da Abu Bakr al-Baghdadi pubblicizza al mondo le sue azioni.
    Se il sedicente Stato islamico non da molte informazioni su dove le foto siano state scattate, è però molto probabile che si tratti del monastero di S. Giorgio, una chiesa caldea del X secolo a nord di Mosul, città sotto il controllo del sedicente Stato islamico da giugno.
    Un video pubblicato non molto tempo fa mostra le mazze dei miliziani accanirsi sulle statue del museo locale e su reperti assiri. Se alcune sono in realtà copie di opere messe in salvo a Baghdad, i lamassu assiri (animali mitologici con volto d'uomo) sono invece stati distrutti.



    Commenti

    gianniverde
    Abbiate fede francesco parlerà con gli imam e metterà tutto a posto.

    RispondiElimina
  84. http://voxnews.info/2015/03/16/gli-ritirano-la-targa-perche-i-numeri-offendono-gli-islamici/


    LA SVEZIA SI È SOTTOMESSA ALL'ISLAM CASTRANDO I SUOI CITTADINI E OBBLIGANDOLI AD UNIFORMARSI A QUEL LIBRACCIO MALEDETTO CHIAMATO corano....!!!!!!!!!!!!!!

    786
    786
    786
    786

    RispondiElimina
  85. NON SOLO A NAPOLI CI SONO ISLAMOFILI. MA NON SANNO CHE L'ISLAM LI USA E POI LI GETTA.....


    http://www.nocristianofobia.org/strappa-il-crocifisso-socialista-denunciato-per-furto/


    16 Marzo 2015

    Strappa il crocifisso, socialista denunciato per furto.

    Mauro Faverzani

    L’odio cristianofobico pare proprio essere di casa tra i socialisti francesi, in questo pervicacemente costanti e coerenti. Purtroppo. L’ultima riprova è giunta da un eletto nel Dipartimento dell’Alto-Reno, Pierre Freyburger autore di un gesto clamoroso: ha strappato con virulenza il crocifisso appeso nell’emiciclo del Consiglio generale – di cui fa parte – per porlo “sotto sequestro”, infilandoselo in borsa. Ha dichiarato di aver provato un moto di bile, osservando come ci si trovasse «in zona repubblicana». A suo giudizio, dunque «un crocifisso, qui, non avrebbe alcuna ragion d’essere. Gli eletti di destra accetterebbero che si appendesse un crocifisso all’Assemblea nazionale? Io l’ho semplicemente staccato, affinché lo si ridia a chi ne abbia diritto ovvero alla Chiesa, nonché per consentire al Consiglio generale di rientrare nuovamente nella legalità».
    Insomma, un “libero pensatore”, che, in realtà, nasconde sotto una parvenza legalitaria il proprio spirito fortemente, visceralmente anticristiano, nonché avverso alla stessa Francia ed alle sue radici cultuali, culturali e spirituali. La riprova? Freyburger non finisce di stupire, rivelandosi un autentico islamofilo: è suo il progetto della moschea-cattedrale An Nour di Mulhouse. All’epoca era assessore municipale incaricato delle questioni religiose nella città. L’edificio è stato realizzato su terreno comunale e sovvenzionato dalla sua Amministrazione con ben 240 mila euro, fondi per la cui erogazione egli si è battuto con tutte le proprie forze. Dunque, la moschea sì, il crocifisso no? Freyburger mostra d’avere uno strano senso di laicità “a singhiozzo”…
    Ma sbaglia. Perché l’Alto-Reno rientra nel quadro concordatario, che gli piaccia o meno. Ed il suo gesto, pertanto, oltre a configurarsi come furto, è contrario alla legge vigente. Verrà sanzionato dal primo ministro Manuel Valls, tanto fiero di dirsi paladino della legge repubblicana e di volerla far rispettare dovunque e comunque? Oppure essa vale solo quando acquisisca un amaro sapore cristianofobico? Per inciso: l’assemblea dipartimentale ha sporto denuncia per furto. Forse non tutti la pensano, grazie a Dio, come Freyburger…

    RispondiElimina
  86. GRAZIE A CRISTIANO ALLAM CHE CI TIENE INFORMATI E GRAZIE A CASAPOUND CHE CI METTE A DISPOSIZIONE QUESTA FENOMENALE PIATTAFORMA CON UN BLOG UNICO NEL WEB...




    http://www.nocristianofobia.org/il-canto-dodio-della-jihad-ora-ha-nel-mirino-la-francia/

    Il canto d’odio della jihad ora ha nel mirino la Francia

    marzo 16th 2015

    Mauro Faverzani

    Le parole di questo canto sibilano odio, nello stile tipico della propaganda jihadista. Non a caso sono state messe in circolazione dall’azienda incaricata di diffondere nel mondo il “verbo” islamico, Alhayat Media Center. Parole, infarcite di odio verso i cristiani. Parole, che preannunciano nuovi attentati. Parole di una ferocia inaudita, che trasudano sangue.
    Recita letteralmente il testo: «Non ci lasceremo abbattere. Per Allah si va a morire. Si resiste per combattere. Per partire col sorriso. Sì, Charlie Hebdo è morto, si prendeva gioco dei profeti. Ammazzeremo senz’altro e senza rimorsi tutti coloro che ci provocheranno. Perché ci avete cercati? Voi seminate, voi raccogliete. Per quanti hanno le armi cariche, è giunto il momento di ribellarsi! Dobbiamo sconfiggere la Francia, dobbiamo umiliarla! Vogliamo vedere la sofferenza e morti a migliaia. La battaglia è iniziata. La vendetta sarà terribile. I nostri soldati sono rabbiosi. La vostra fine sarà orribile. L’islam prevarrà, risponderà con la spada. Chi vorrà opporsi, non conoscerà più la pace. Siamo venuti per dominare ed i nostri nemici periranno. Li elimineremo e lasceremo i loro corpi imputridire».
    Un testo, che non necessita di alcun commento. Di fronte a frasi di questo tipo, le “anime belle” che si infarciscono la bocca di dialogo purchessia, sempre e comunque, che tipo di strategia potrebbero proporre?

    RispondiElimina
  87. http://www.nocristianofobia.org/francia-la-jihad-ora-comincia-nelle-scansie-del-supermercato/


    DA RIMANERE ALLIBITI........

    RispondiElimina
  88. http://voxnews.info/2015/03/17/stupratore-alla-vittima-non-so-quello-che-sto-facendo-perche-e-il-ramadan/


    INFATTI NEL CORANO SI PARLA DI VIOLENZA CONTRO GLI INFEDELI COME DI UNA SANA PRATICA PER RAFFORZARE LA FEDE VERSO IL PEDOFILO MAOMETTO.
    LA CIVILE INGHILTERRA ACCOGLIE SCIENTEMENTE PAKISTANI STUPRATORI PER VENIRE INCONTRO ALLE ESIGENZE DEGLI OMOPEDOFILI INGLESI CHE HANNO BISOGNO DI CARNE FRESCA E DI ISTIGAZIONE A DELINQUERE RIMUOVENDO OGNI FRENO INIBITORE. PAKISTANI E OMOPEDOFILI COSTITUISCONO UN SODALIZIO PERFETTO.
    NEL RESTO DELL'EUROPA QUESTA OMOPEDOMAFIA AGISCE INDISTURBATA AL DI SOPRA DI TUTTI I GOVERNI DI SX SODALI PERCHE HA PIAZZATO CRIMINALI AL POSTO GIUSTO ED HA VARATO NORME CHE TUTELANO GLI OMOPEDOFILI E STOPPANO OGNI PROTESTA CHE VIENE SUBITO BOLLATA COME OMOFOBA OD ISLAMOFOBA CON UN TAM TAM MEDIATICO FENOMENALE CHE HA IL POTERE DI PLAGIARE LE MENTI DEBOLI. LE ESPERIENZE CRIMINALI AL FORTETO IN TOSCANA,LE INIZIATIVE PEDOFILE NEGLI ASILI TRIESTINI OPPURE LA POSSIBILITÀ DI UNIONI E ADOZIONI DEGLI OMOPEDOFILI VANNO IN QUESTA CRIMINALE DIREZIONE E NOI UOMINI E DONNE SANI MENTALMENTE CI DOBBIAMO OPPORRE CON TUTTE LE NOSTRE FORZE PERCHE CE LO CHIEDONO I NOSTRI EREDI ETERO SESSUALI.

    RispondiElimina
  89. Il ramadamme è una colossale truffa ed una fuffa inventata per coglionare i creduloni. Nessun DIO vero può istigare i propri fedeli alla violenza ed alla sopraffazione ed alla diseguaglianza tra i sessi. Quello che viene inculcato da piccoli agli islamici è una follia criminale che porterà da adulto il soggetto plagiato a commettere qualsiasi nefandezza in nome di maometto che ha scritto a tante mani un trattato di guerra ad uso e consumo degli arabi conquistatori e delinquenti del 600 D.C.
    Dice bene Cristiano Magdi Allam a diffondere serissimi dubbi sulla bontà delle teorie islamiche che sono orientate e finalizzate alla sopraffazione su di noi occidentali.
    Papa Francesco tuoni contro il nostro nemico islamico che avanza pericoloso sulle nostre terre e indichi dove si trovi il male come ha fatto nel 2007 Papa Ratzinger a Ratisbona.

    RispondiElimina
  90. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/17/netanyahu-rischia-grosso-la-sinistra-puo-cacciare-la-vecchia-volpe-di-israele/1105917/


    NETANYAHU HA TUTTA LA MIA STIMA E LO CONSIDERO UN PATRIOTA CONVINTO E LEALE. IL POPOLO ISRAELIANO DOVREBBE RINGRAZIARLO PER LA SUA POLITICA A DIFESA DI ISRAELE PORTATA OVUNQUE NEL MONDO. IL PROBLEMA DEL FUTURO PACIFICO DEL MONDO SONO GLI ISLAMICI CHE VORREBBERO RESTAURARE ED IMPORRE IL CALIFFATO CORANICO A TUTTA L'UMANITÀ. IL BUONISMO VERSO I PALESTINESI È TEMPO PERSO IN QUANTO SONO UNA ETNIA CHE HA SCELTO DI ALLEARSI COI FANATICI TAGLIAGOLE DELL'ISIS E FA BENE NETANYAHU A DICHIARARE CHE FINO A QUANDO SARÀ PRIMO MINISTRO NON RICONOSCERÀ LO STATO DI PALESTINA GOVERNATO DAI TERRORISTI DI HAMAS.

    RispondiElimina
  91. http://voxnews.info/2015/03/17/isis-presenta-le-proprie-forze-speciali-video/




    IL MALE ISLAMICO AVANZA MINACCIOSO VERSO OCCIDENTE EUROPEO. SVEGLIAMOCI IN TEMPO.

    RispondiElimina
  92. http://voxnews.info/2015/03/17/furia-islamica-croci-spezzate-presepi-distrutti-e-campanili-abbattuti-foto-choc/



    I FOTTUTI ISLAMICI QUELLO CHE HANNO DISTRUTTO A NINIVE LO VORRANNO REPLICARE IN ITALIA... CHIESE CROCEFISSI E ICONE ABBONDANO

    RispondiElimina
  93. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/03/17/l-isis-recluta-su-twitter-46mila-account-1.1391774


    17/03/2015

    L’Isis recluta su Twitter.
    46mila accountI terroristi dello Stato islamico usano internet in modo sempre più spregiudicato. Nel 2014 migliaia di siti colpiti dagli hacker anche in Usa, Gran Bretagna e Italia.

    Migliaia di account sui social network, hackeraggi, propaganda e reclutamento. L'Isis è ossessionato dal web. I terroristi dello Stato islamico usano internet in modo spregiudicato, attraverso i mujiaheddin virtuali che portano avanti la jihad 2.0, e sono ovunque. Non solo attentati e attacchi «a terra», dunque, ma una guerra che si combatte a colpi di tweet e non solo. E l’intelligence è a caccia di hacker. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'intelligence, Marco Minniti, intervenendo ieri a un incontro organizzato dalla rivista Formiche, ha spiegato che tra le forze di intelligence «c'è una gigantesca corsa a chi si accaparra gli hacker». Anche l'Italia si sta muovendo nella direzione di arruolare i giovani già nelle università. Oltre settemila studenti hanno lasciato il curriculum. «Abbiamo preso 30 ragazzi e ragazze. Si tratta di giovani che entreranno da noi senza passare da un altro tipo di formazione». Secondo uno studio dell'organizzazione americana The Brookings Project, dal titolo «The ISIS Twitter Census», solo negli ultimi mesi del 2014 sono stati creati 46mila account da parte di simpatizzanti dell'Isis che in maggioranza si trovano in Siria, Iraq e Arabia Saudita. A seguire Usa e Gran Bretagna, mentre un solo account è stato individuato in Italia. Il 73% di questi sono scritti in arabo, il 18% in inglese e il 6% in francese. Lo studio, inoltre, ha evidenziato come in realtà lo zoccolo duro di utenti iperattivi sia compreso in una forbice che va dai 500 ai 2000 account, che in media hanno 1000 follower a testa. I profili ufficiali dell'Isis, invece, sarebbero 79. Nei tweet poi, così come nei nickname, sono sempre presenti chiari riferimenti allo Stato islamico, alla jihad o al Califfato. Una macchina organizzativa efficiente, dunque, che si muove quasi in autonomia. A metà dicembre 2014, spiega ancora il report, Isis ha ordinato ai simpatizzanti di disabilitare il Gps, ossia la localizzazione, sui loro dispositivi mobili entro un mese, avvertendo che ai trasgressori sarebbero stati confiscati e distrutti i telefoni. All'inizio di gennaio, gli autori dello studio, proprio attraverso la localizzazione, hanno raccolto un nuovo campione di tweet da un gruppo simile di utenti che ha suggerito come l'indicazione dell'Isis era stata ampiamente disattesa. I sistemi operativi maggiormente usati sono Android per il 69%, al secondo posto con il 29% Iphone, mentre solo l'1% usa il BlackBerry. Da qui, dunque, partono gli inquietanti cinguettii con video di decapitazioni, messaggi di propaganda, inviti ai lupi solitari sparsi in Occidente ad attivarsi e le indicazioni per scaricare online le riviste del terrore come Dabiq. La mappa stilata dallo studio tenta di fornire una visione globale di come Twitter sia utilizzato in modo efficace e costante dagli jihadisti, soprattutto negli ultimi mesi del 2014 che si conferma l’anno in cui si è registrata l’esplosione di Isis in Rete. Del resto la nascita dell'attività propagandistica su internet dello Stato islamico è scoppiata proprio da metà dell'anno corso, quando il califfo Abu Bakr al-Baghdadi, a fine giugno, ha proclamato ufficialmente la nascita del sedicente Stato islamico con il suo primo video. Sempre Minniti, ha confermato che lo Stato islamico «ha una cura parossistica e maniacale del web. Sarebbe molto meglio se il reclutamento avvenisse nei luoghi di culto. Non c'è nulla di più incontrollabile della radicalizzazione sul web».

    RispondiElimina
  94. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/17/libia-il-presidente-del-parlamento-lisis-e-un-pericolo-per-litalia-gentiloni-faremo-la-nostra-parte/1105985/


    17 Marzo 2015

    Libia, il presidente del Parlamento: "L'Isis è un pericolo per l'Italia". ​Gentiloni: "Faremo la nostra parte".
    L'allarme di Tobruk: "È un pericolo per Roma". Gentiloni: "Faremo la nostra parte".

    Monica Serra

    "L’Italia è nel mirino dei combattenti del sedicente Stato Islamico. Lo ha ribadito Aqila Saleh, il Presidente del parlamento libico di Tobruk, sostenendo che il nostro Paese "Gioca un ruolo importante" in un eventuale pattugliamento del Mediterraneo per impedire che armi giungano a gruppi terroristici.
    All’Ansa ha confermato che "l’Isis e Al Qaida possono passare dalla Libia all’Italia e ciò è un grande pericolo visto che molti terroristi sono in Libia". Per questo motivo ha chiesto che "L’Italia tolga l’embargo imposto all’esportazione legale di armi verso la Libia. Deve sostenerla nello addestramento del suo esercito e assicurarle sostegno militare, ricordando agli italiani che"siamo vicini, ci separano solo 300 chilometri di mare. L’immigrazione clandestina è un motivo di inquietudine per il popolo libico e rappresenta un problema per quello italiano perché può costituire un problema di sicurezza per l’Italia. Creeremo un nuovo Stato, democratico, e formeremo un governo di unità nazionale transitorio e sarà la Camera dei rappresentati che darà la fiducia all’esecutivo, come avviene in tutti i paesi democratici. (...) Rifiutiamo che il nostro paese divenga un 'teatro' per il terrorismo e che le ricchezze del popolo libico siano trafugate", ha affermato Saleh sottolineando che"L’Italia e la Libia sono unite da storici rapporti diamicizia.
    Sul punto è intervenuto il ministro degli Esteri,Paolo Gentiloni, promettendo che "l’Italia farà la sua parte" e che "sarà in prima linea nel sostenere"il governo di unità nazionale "dal punto di vista del monitoraggio, del sostegno alla sicurezza e della cooperazione economica". E lo farà perché "ne va dell’interesse della sicurezza nazionale".
    Saleh, riconosciuto dalla Comunità internazionale, prenderà parte al negoziato guidato dall’inviato dell’Onu, Bernardino Leon che ripartirà giovedì prossimo a Rabat, con l'obiettivo di contribuire alla nascita di un governo di unità nazionale in Libia.
    E, per la prima volta dopo 10 anni, a Bruxelles i ministri degli esteri europei hanno deciso di occuparsi della "dimensione esterna" dei problemi dell’immigrazione, strettamente collegati alla crisi in Libia, Siria e Iraq, e hanno messo nero su bianco che "non appena ci sarà un accordo" tra le fazioni libiche, la Ue è "pronta ad aumentare il suosostegno alla Libia" con "tutti i suoi strumenti".
    Spetta a Federica Mogherini il compito di presentare "proposte di possibili attività di politica di sicurezza e difesa" a sostegno delle "misure di sicurezza" necessarie per stabilizzare il paese, "in stretta collaborazione" con le Nazioni Unite, con lo stesso governo che dovesse nascere a Rabat e con "i partner regionali". Una formula che implica una serie di opzioni, comprese missioni civili e militari, che però dovrebbero in ogni caso essere concordate con le Nazioni Unite. La proposta finale della Ue, promette Mogherini, sarà sul tavolo del Consiglio esteri entro il 20 aprile.





    Commenti

    GiovannixGiornale
    Non vedo l'ora. Mi aumenteranno l'IVA per pagargli la sistemazione in albergo, ma ne varrà la pena. Anche Bindi e Boldrini troveranno la mise giusta per valorizzare la loro bellezza: burka nero integrale, con retina fitta fitta davanti agli occhi. Non vedo l'ora, venite amici venite, ho già pronto il tappettino per le cinque preghiere (finte) giornaliere.

    RispondiElimina
  95. schedare gli immigrati è il minimo che si debba fare con quello che arriva dal medio oriente; ma si può fare di più: invece di mandare le navi fino nelle acque libiche per imbarcare gli immigrati perché non bombardiamo i porti di imbarco visto che sono in mano ai delinquenti dell'isis.

    RispondiElimina
  96. http://voxnews.info/2015/03/17/vietata-benedizione-offende-alunni-islamici/


    QUELLO CHE SUCCEDE A PISTOIA È COLPA DEL VATICANO CHE PER SOLDI SI STA SVENDENDO LA DIGNITÀ E LA RELIGIONE AUMENTANDO IL CONSENSO DELL'ISLAM A DISCAPITO DELLA RELIGIONE CATTOLICA CHE SI AVVIA VERSO UNA DESOLANTE SCOMPARSA DALLA TERRA. COLPA DI BERGOGLIO CARDINALI E VESCOVI CHE FANNO BUSINESS COI PIDDINI CHE HANNO IN TESTA FALCE MARTELLO E MEZZALUNA E HANNO ARCHIVIATO CROCIFISSO E FESTE CATTOLICHE. COLPA DEI CATTOLICI CHE HANNO VOTATO PD CREDENDO CHE LA VOLPE NON AVREBBE MANGIATO LE GALLINE.

    CHI È CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SÉ STESSO.

    QUANDO INIZIERANNO LE SCORRIBANDE CONTRO LE CHIESE CATTOLICHE PER I PRETONZOLI PROGRESSISTI XENOFILI ISLAMOFILI E ZINGAROFILI SARANNO CAZZI AMARI IN QUANTO NESSUN ITALIANO PROGRESSISTA PIDDINO ANDRÀ A DIFENDERLI DATO CHE HANNO BARATTATO LE CHIESE CON LE MOSCHEE.

    RispondiElimina
  97. Nelle elezioni politiche di Israele 2015 in corso il candidato Herzog rappresenta i fecciosi ebrei
    comunisti ..
    La sinistra israeliana si è alleata con i carnefici islamici terroristi criminali e l'islamico Obama li aiuta con losche operazioni CIA.
    Stanno facendo i peggio brogli per distruggere Israele e far vincere la sinistra e gli islamici. La sinistra è il male assoluto. L'accoppiata sinistra ed islamici è la fine del mondo civilizzato. Follia di comunisti ebrei schizzati che hanno permesso ai terroristi islamici di creare un partito politico dentro Israele con cui creare voti per distorcere i risultati elettorali ed infiltrare i terroristi islamici assassini al potere in Israele. E' assoluta pazzia che gli stessi che combattono Israele abbiano grazie alla sinistra un partito lì con cui vengono eletti nelle elezioni dal popolo ebreo per ucciderlo! Quanti ebrei esistono con i neuroni bruciati dalle droghe diffuse dalla sinistra mafiosa negli anni!???
    Io credo che alla fine dello spoglio vincerà il Likud di Netanyahu ma inizierà un periodo in cui Israele dovrà decidere se esistere ancora come stato indipendente e sovrano assumendo decisioni nette nei confronti dei terroristi palestinesi di Hamas.

    RispondiElimina
  98. http://voxnews.info/2015/03/18/gran-mufti-saudita-distruggere-tutte-le-chiese/


    QUESTO È IL VERO ISLAM MODERATO CHE NEL PROPRIO MANUALE corano PREVEDE DISTRUZIONE E MORTE PER CHI NON È OSSERVANTE ISLAMICO AL 100%.
    INUTILE CHE PAPA BERGOGLIO STRAPARLI DI BUONISMO ACCOGLIENZA O FRATELLANZA CON INDIVIDUI CHE NEL PROPRIO DNA HANNO SCOLPITO L'ODIO VERSO GLI ""INFEDELI"".

    RispondiElimina
  99. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/18/i-maestrini-del-giornalismo-ora-vogliono-zittirci-sullislam/1106348/


    QUATTRO FROCI E DUE LESBICONE. ..INSOMMA DELLE CHIAVICHE CHE QUALCUNO STA PURE AD ASCOLTARE
    ASCOLTASSERO QUESTO...

    PRRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRRR


    SONO DELLE MERDE DI CANE RINSECCHITE...

    RispondiElimina
  100. Isis arriva a Tunisi e la nazione islamica è a 70 km. da Trapani......
    Okkio che presto l'attentato di oggi di Tunisi presto avverrà anche in Italia visto che le promesse questi jihadisti le mantengono anche se i personaggi che seguono non ci credono
    Governo italiano e autorità politiche PIDDINE e di SEL. ...!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Islam che dispiega i precetti coranici del pedofilo maomettuccio...

      Elimina
    2. Basta con questa criminale accoglienza!
      Non sappiamo chi entra e con quali intenzioni. Basta!Il PD sta costruendo il più grande "cara" d'Europa con il costo di 100 milioni di euro.A quaesto punto viene il sospetto che quest'invasione non finirà mai.
      100 milioni: quante case per gli italiani?Quest'attentato di Tunisi e' un loro avvertimento!! !!!!!
      Che siate STRAMALEDETTI!!!

      Elimina
    3. mandateci la bindi a trattare. forse si arrendono... se vengono in italia e pensano che tutte le donne sono come la bindi.. ci lasciano in pace...

      Elimina
    4. Il mediterraneo è zona di guerra, ignorarlo è un pericolo che si rivela mortale. E' così da oggi......e forse lo è da anni ma la marina militare italiana faceva da taxi di stato ai jihadisti che sono entrati a centinaia di migliaia in Europa attraverso il ventre mollo italiano governato da FROCI maledetti..!!!!!!!!

      Elimina
    5. Diciamo pure che il vero obiettivo dell'attentato terroristico di Tunisi è quello di spingere l'Italia nel conflitto libico siccome gli Americani ed i Francesi non lo possono fare per non dichiarare al mondo le loro losche intenzioni.
      Dietrol'egido consenso del Qatar
      spingono gli Italiani a fare un passo falso visto che l'Italia in Libia è l'unica nazione che ha ottenuto più profitti di tutti loro messi insieme.

      Elimina
    6. Credo che all'orizzonte si affacci una triste realtà: oggi vi sono sempre più giovani disoccupati e certamente inclini ad attività terroristiche piuttosto che malavitose o altro che si offrono ad organizzazioni di questo tipo. Ne consegue che prossimamente conteremo sempre più spesso tra le fila dell'ISIS anche giovani italiani e di altre nazionalità europee. Questo è un insano progetto dei poteri forti per favorire questa situazione è impoverire sempre più i popoli.

      Elimina
    7. Tunisia uguale passaggio per l'Italia e i nostri governanti scapperanno in USA lasciandoci nella merda....!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
    8. Ha un significato che gli italiani siano stati attaccati fuori dalla Nazione?

      Elimina
    9. Probabile anche il tentativo di sequestro di turisti italiani a Tunisi per poter pretendere riscatti dal governo.

      Elimina
    10. Chiedetelo al ns primo ministro Fonzie! Lui sa tutto!!! Attentato contro l'Italia. ???..Ma no? ?...gli islamici sono amici degli italidioti...dov'è Di Battista che aveva suggerito di dialogare col califfo Al Baghdadi. .???????

      Elimina
    11. Cosa dire per la reintroduzione di una forma di servizio militare obbligatorio..???

      Elimina
    12. Attentato di terrorismo ad Italiani all'estero. 
      Questo è molto chiaro , ci stanno attaccando da fuori..!!! E non è finita..!!!!!!!

      Elimina
    13. ovviamente il ns governo si caghera' in mano: ogni vittima italiana e' uno in meno che paga le tasse per poter mantenere zingari e clandestini jihadisti tagliagole.

      Elimina
    14. Purtroppo era solo questione di tempo. Più facile attaccarci fuori che dentro ...e credo che non si procederà a nessun attacco di risposta da parte di un esercito italiano demotivato.

      Elimina
    15. Siamo pecore, per cui é giusto che ci macellino come tali.....VIVA Al phanied....

      Elimina
    16. In Italia dovessero esserci due o tre attentati simili contemporaneamente, non necessariamente con armi da fuoco, si creerebbe una psicosi tale che ci sconvolgerebbe l'esistenza. Paragonare il terrorismo nostrano (BR) con questo islamico è da incoscienti. Il Parlamento e il Governo dovrebbe investire somme enormi per l'Intelligence se non si vuole in seguito spendere somme ben più cospicue per la guerra e la ricostruzione e la espulsione di tutti gli islamici che è notorio che siano il PROBLEMA e l'unico vero e mortale.
      Ancora grazie ai politici smidollati mangiasoldi!

      Elimina
    17. Mi dispiace ma è tutto dovuto.....approvato dalla sinistra Italiana... Italiani non andate in quei posti ......non e'il momento...

      Elimina
    18. chi ci governa ha capito che siamo nel mirino di questi ignoranti fanatici ?

      chi ci governa agisca senza perdere tempo !

      Elimina
    19. ma io dico: in tv non hanno fatto altro che far vedere questi matti dell'isis che sono in Nord Africa, Siria, Iraq, e questi vanno a fare una crociera proprio in Tunisia???? ma daiiiiiii!!

      Elimina
    20. devono rifare le FFAA e rifare anche la leva......speriamo che si sveglino tanto ora tocca a noi italiani in suolo nostrano.....

      Elimina
    21. L'attacco al Bardo è il dipanarsi di un piano di contingenza. Non un obbiettivo primario. Ma privilegiato si, dovendo scegliere chi far fuori/rapire.. E sicuramente a Savona e Genova e Civitavecchia, i PFSO dovrebbero essere chiamati ad agire e subito come i CSO per controsorveglianza. Il riapparire di Souleimani e la "spallata" a Tikrit ha spostato le priorità dal teatro Irakeno a quello nord africano. Le esternazioni del Papa, coraggiose, ne fanno un possibile Martire, ma anche il dichiarare il Giubileo a dicembre apparecchia un perfetto palcoscenico per qualcosa di eclatante... rendendo quindi necessario una serie di eventi intermedi per far salire la tensione prima del ... gran finale.

      Elimina
    22. Visto come si sta muovendo il Governo Italiano e l'UE in generale, la situazione è oltremodo inquietante.....

      Elimina
    23. Io mi chiedo come mai nessuno fa niente...nn ditemi che nn sanno dove sono, con tutta la tecnologia che hanno " i potenti" sarebbero in grado di trovare e uccidere una formica in casa mia! Comincio a pensare che questi esseri ignobili islamici facciano cmq comodo in qualche modo!...magari vendite di armi dell'occidente..????

      Elimina
    24. Ricordiamoci una cosa, ogni attacco è fatto per provocare una reazione, ci contano e sanno che ogni reazione occidentale provoca danni collaterali che li rafforzano.
      L'unico modo serio per reagire sarebbe usare su vasta scala il metodo israeliano usato dopo Monaco.
      Cacciarli ed eliminarli uno ad uno ovunque...

      Elimina
    25. Emerge ipotesi terribile: che italiani fossero obbiettivo dell'attacco al Bardo. Sapevano di nave arrivata, quello tra i terroristi che parlava italiano ha identificato con più facilità turisti italiani nel museo. Nel mirino impegno italiano in Libia....A metà degli anni 1970 gli analisti della Difesa erano concentrati sul pericolo balcanico...eppure un paio di voci fuori dal coro già incentravano i loro studi sullo scenario mediorientale, non già per gli evidenti contrasti Israelo-palestinesi bensì sul fondamentalismo islamico...erano considerati dai più come "mentecatti fantascientifici"....
      Hanno bisogno di soldi i terroristi e tre settimane fa lo avevano detto; avrebbero attaccato navi da crociera italiane! La Costa avrebbe dovuto eliminate la tappa a Tunisi. Forse ora il governo ha capito che non scherzano o devono metterci una bomba in casa? I governanti si accorgeranno della loro esistenza quando saranno nel giardino di casa nostra? Ci vorrebbe una seria riflessione senza buonismo strisciante.

      Elimina
  101. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/18/brescia-fermato-un-pachistano-aveva-frequenti-contatti-con-estremisti-jihadisti/1106548/


    UN GOVERNO DI ""RASSISTI"" CHE CACCIA VIA UN INERME E DEMOCRATICO PAKISTANO CHE AGIVA SECONDO I DETTATI DI QUEL MALEDETTO LIBRACCIO ISLAMICO CHE CHIAMANO corano. FINO A QUANDO I COJOTES SINISTRATI E CURIALI NON CAPIRANNO CHE ISLAM SIGNIFICA MORTE E DISTRUZIONE NOI OCCIDENTALI VIVREMO CON L'INCUBO ATTENTATI TERRORISTICI REALIZZATI DA PICCOLE CELLULE DORMIENTI MA BEN ADDESTRATE ED EQUIPAGGIATE.
    SIAMO TUTTI NOI ITALIANI SOTTO SCACCO DEI MALEDETTI ISLAMICI ANCHE DI QUELLI COSIDDETTI MODERATI CHE DISSIMULANO LA LORO VERA INTENZIONE ANTIDEMOCRATICA E DI TAGLIAGOLE. UN BUONO ED OSSERVANTE ISLAMICO DEVE COMBATTERE PER L'AFFERMAZIONE DEI DETTATI DEL CORANO CHE SONO INTRANSIGENTI NEI CONFRONTI DI CRISTIANI E TUTTI I NON OSSERVANTI.

    RispondiElimina
  102. L'avevamo scritto migliaia di volte che l'islam vuole la sottomissione o la morte dell'occidente..........
    L'attentato di Tunisi di oggi da parte dei jihadisti islamici ha causato anche la morte di italiani ma non ne facciamo un dramma per non essere tacciati di ISLAMOFIBIA.

    RispondiElimina
  103. Dichiarare la guerra universale all'islam ovunque sia professato prima che sia troppo tardi.
    Ha ragione Magdi Cristiano Allam ad avvisarci...

    RispondiElimina
  104. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/18/terrore-al-museo-di-tunisi-22-morti-due-sono-italiani/1106520/


    18 Marzo 2015

    Terrore al museo di Tunisi: 22 morti, due sono italiani.
    Il commando armato ha attaccato il parlamento tunisino: era in corso un’audizione sulla lotta al terrorismo. Al Jazeera: due morti italiani. Renzi: "Dati non ufficiali". Il bilancio totale parla di 19 morti, di cui 17 stranieri. Uccisi i due terroristi tunisini. L'urlo della connazionale in ostaggio: "Qui stanno sparando a tutti, vi prego aiutateci"

    Sergio Rame

    Colpi d'arma da fuoco in parlamento e duecento turisti presi in ostaggio al museo nazionale del Bardo. La Tunisia piomba nel terrore. Un commando di terroristi armati e travestiti da soldati ha attaccato la sede del parlamento di Tunisi, costringendo i deputati a evacuare l’edificio, per poi ripiegare all'interno del museo del Bardo dove hanno preso in ostaggio almeno duecento turisti. Un blitz che è finito nel sangue con 22 vittime (17 sono stranieri, due gli italiani) e una cinquantina di feriti.
    "Qui stanno sparando a tutti, vi prego aiutateci". L'urlo di terrore è di Carolina Bottari, 54enne torinese che insieme agli turisti italiani della nave Costa Fascinosa stava visitando il museo archeologico dei mosaici romani quando i terroristi hanno fatto irruzione e preso in ostaggio tutti i presenti. Il commando armato di Kalashnikov ha attaccato il parlamento tunisino proprio mentre era in corso un’audizione del ministro della Giustizia Mohammed Salah ben Aissa sulla lotta al terrorismo. Una volta respinti, si sono rifugiati all'interno del museo del Bardo dove è iniziata una vera e propria carneficina. Tra le vittime ci sono 17 stranieri provenienti da Italia, Germania, Polonia e Spagna. "I due terroristi potrebbero avere avuto il sostegno di 2-3 elementi", ha spiegato il premier Habib Essid annunciato di aver preso "provvedimenti urgenti soprattutto nei siti turistici, dove è stata rafforzata la presenza di forze di sicurezza". In questa fase complicata Essid ha lanciato un appello al popolo tunisino affinché serri i ranghi: "La guerra contro il terrorismo sarà lunga, ma insieme vinceremo".
    L’attacco sarebbe stato rivendidato dallo Stato islamico. Secondo quanto riporta la tv al Hayath, alcuni siti vicini al Califfato hanno scritto che "lo Stato islamico tiene in ostaggio alcuni turisti nel museo del Bardo a Tunisi". L’emittente ricorda che il battaglione Bin Nafi, gruppo islamico radicale, e una parte dell’organizzazione Ansar al Sharia avevano annunciato un’alleanza con il califfo Abu Bakr al Baghdadi minacciando attacchi contro il governo tunisino.



    Commenti


    Tuthankamon
    Cosi finiscono di rovinare gli ultimi angoli (quasi) tranquilli che erano rimasti. La colpa resta nostra e delle nostre classi politiche (occidentali) che hanno destabilizzato tutto senza un chiaro obiettivo. Oppure e' quello che vogliono ora e gli obiettivi sono altri ...!


    rosario.francalanza
    Non voglio pensare, poi, quale fine intendono far fare al museo!


    Solist
    ma dopo gli ultimi tragici eventi c'è ancora chi va in africa a fare il turista? pazzi!!!!!


    emigrante
    Visti gli irresponsabili abusivi personaggi che ci governano, le condizioni umilianti in cui le Forze dell'Ordine sono costrette ad agire, le frontiere inesistenti, e il pervicace assillante invito a farci invadere da incontrollabili sedicenti profughi, è solo un miracolo che non sia successo ancora qualcosa di simile in Italia. Ma purtroppo, continuando così le cose, è solo questione di tempo. Facile profezia: come per i funerali di mafia, i primi ad accorrere a portare il loro cordoglio saranno proprio i responsabili del disastro.

    RispondiElimina
  105. http://voxnews.info/2015/03/18/profughi-nelle-villette-protestano-con-camerieri-la-qualita-del-cibo-non-e-allaltezza/


    Se non fosse una cosa seria ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate. ...
    Dei merdosi africani raccattati nella monnezza che vengono ospitati aggratis e con paghetta giornaliera in nuove villette termoaccessoriate RUBATE agli italiani patrioti identitari ad opera di traditori EUNUCHI a 90 gradi verso islamici tagliagole..!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  106. http://voxnews.info/2015/03/18/terrorista-islamico-catturato-foto/

    Nelle moschee abusive e lerce islamiche si predica odio verso gli italiani padroni di casa che sono costretti a sopportarli e mantenerli.
    Prima o poi il popolo reagirà con fermezza a ciò.......

    RispondiElimina
  107. I jihadisti sono buoni clienti delle fabbriche di armi occidentali in primis USA. ....ma anche Italia..!!!!!!!

    RispondiElimina
  108. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/18/ecco-il-video-che-annunciava-lattentato-terroristico-a-tunisi/1106638/




    CronacheCulturaCultura e SpettacoliEconomiaLifeMilanoMondoMotoriPoliticaSaluteSpettacoliSportTecnologiaWeird NewsMultimediaFoto, Video, AudioBlogLe Opinioni

    18 Marzo 2015

    Ecco il video che annunciava l'attentato terroristico a Tunisi.
    Spunta un filmato - caricato ieri - in cui il leader di Ansar al-Sharia sostiene: "I giorni a venire saranno pieni di avvenimenti"

    Chiara Sarra

    Nel giorno dell'attentato al museo del Bardo di Tunisi spunta un video inquietante che potrebbe aver annunciato l'attacco. Si rivolge "ai giovani del movimento al-Tawhid" e si sente la voce di Wannes Fékih (che si vede solo in foto e che è stato arrestato e poi liberato nel 2013 per episodi di violenza).
    Il leader del gruppo terrorista Ansar al-Sharia esorta i giovani a continuare a "difendere la propria religione" con la jihad contro quelli che chiama "Taghut" (gli "idoli" delle altri religioni) e sottolinea che "i giorni a venire saranno pieni di avvenimenti", facendo così pensare a attentati già pianificati, come riporta il sitoBusinessNews. Il messaggio - che è stato pubblicato ieri - si conclude con una preghiera a "fratelli prigionieri in Tunisia".
    Nel messaggio, inoltre, viene criticata la "politica dispotica" e "l'ingiustizia" che "umiliano un popolo musulmano che non si è ancora rifatta dalle ferite dopo essersi levato contro il regime criminale (di Ben Ali, ndr), che opprimono i musulmani, impendendo loro di vivere secondo i precetti della sharia e che alimentano la corruzione, il costo della vita e la marginalizzazione".
    Ansar al Sharia (solo omonimo di quello libico) è una delle componenti dell’islam integralista armato tunisino che, nell’arco degli ultimi due anni, ha visto alimentate le proprie file da giovani di credo salafita o, peggio, takfirista, la corrente più estrema ed aggressiva.

    RispondiElimina
  109. http://www.ioamolitalia.it/


    SEGNALO QUESTO SITO DI CRISTIANO MAGDI ALLAM OVE SI PUÒ APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLA FEROCIA DELL'ISLAM SPECIE DOPO L'ATTENTATO A TUNISI DI OGGI 18 MARZO 2015.

    RispondiElimina
  110. Quale grande statista nostrano, non molto tempo fa, alla tv tunisina, invitava gli indigeni a trasferirsi in massa in Italia garantendo casa e lavoro a tutti?

    RispondiElimina
  111. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/18/la-tunisia-e-il-vivaio-dellisis/1106608/


    18 Marzo 2015

    La Tunisia è il "vivaio" dell'Isis.
    Dalla Tunisia è partito il maggior numero dei 15mila miliziani stranieri entrati a far parte dello Stato islamico (Is) in Iraq e in Siria.

    Mario Valenza

    Dalla Tunisia è partito il maggior numero dei 15mila miliziani stranieri entrati a far parte delloStato islamico (Is) in Iraq e in Siria. Sarebbero infatti almeno 2.400 i tunisini, in gran parte diplomati e disoccupati, andati in Iraq e in Siria per entrare a far parte
    del gruppo jihadista, mentre migliaia sono stati fermati dalle autorità. Stime ufficiali del governo di Tunisi indicano che circa tremila tunisini, la maggior parte di età inferiore ai 30 anni, sono andati a combattere in Siria e l’80 per cento di loro ha aderito al gruppo guidato da Abu Bakr al-Baghdadi. Di questi, circa 450 sarebbero stati uccisi e una sessantina si ritiene che siano nelle carceri del regime di Bashar al-Assad.
    Inoltre novemila tunisini sarebbero stati fermati dalle autorità di Tunisi nell’intento di andare a combattere in Siria. Di questi, secondo il ministro degli Interni Lofti Ben Jeddou, tra i 400 e i 500 sono rientrati in patria. Si tratta soprattutto di diplomati e disoccupati, in un Paese, la Tunisia, che è tra quelli arabi maggiormente istruiti con una popolazione di 11 milioni di persone, dove la disoccupazione resta alta.
    Ma le nuove libertà ed elezioni, lamentano i giovani, hanno di poco migliorato la vita quotidiana. Molti si sentono poco liberi di esprimere il dissenso e si ritrovano scettici, tanto da cercare nell’ideologia retorica ed estremista dello Stato islamico una alternativa. Sebbene solo una minoranza dei tunisini abbia espresso pubblicamente il suo sostegno all’Is, tutti coloro che hanno meno di trent’anni conosco qualcuno che è partito per la Siria o l’Iraq per unirsi al gruppo, o qualcuno che è morto combattendo. Aderire all’Is è infatti vista come un’opzione per elevare il proprio standard di vita o eliminare i confini arbitrari che per un secolo hanno diviso il mondo arabo.
    In un Paese dove il 99 per cento della popolazione è musulmana, il governo ha messo al bando più di 150 organizzazioni civili musulmane, chiuso moschee e arrestato almeno duemila giovani con accuse legate al terrorismo. Attivisti per i diritti umani denunciano arresti arbitrari e torture sui detenuti alla pari di quelle perpetrate sotto il regime Ben Ali rimasto in carica dal 1987 e fino al gennaio 2011 quando è stato deposto dalla Rivoluzione dei Gelsomini. La Tunisia ha una lunga storia di uomini inviati a combattere il jihad nella Striscia di Gaza, in Afghanistan, in Cecenia e in Iraq, ma, avvertono gli analisti, i numeri non sono mai stati pari a quelli odierni verso l’Is.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nutro rispetto e convinto della preparazione delle Nostre Forze dell'Ordine, Forze Armate e altri settori. Con i Sig.ri ALFANO, RENZI, GENTILONI, BOLDRINI, MAGISTRATI e compagni di cordata NON MI SENTO SICURO!!!!!

      Elimina
    2. Signori, lo dobbiamo riconoscere. Il maometto pedofilo e tagliagole di ebrei infedeli ha concepito e attuato un sistema sociale totalitario mortifero che ti imprigiona a vita e dove tutto è avvallato dalla volontà di dio, essere metafisico indimostrabile. Che genio. Sono nate e morte delle civiltà millenarie ma l'islam sarà l'apocalisse e il califfo comanderà e si scopera' tutte le gnocche e le checché le farà precipitare dai palazzi.....bellissima prospettiva..!!!!!!!

      Elimina
    3. Alfano, da quando puo parlare direttamente col buon Dio dei mussulmani ne é certo: noi siamo tutti al sicuro dato che loro , al massimo, se la prenderanno coi Cristiani e da noi, con tutti i marxisti leninisti che ci sono, difficilmente riusciranno a trovarne ancora qualcuno praticante con l' eccezione naturalmente di Roma dove però c'é soMarino che ci protegge.

      Elimina
    4. Con Gentiloni agli esteri ed Alfano agli interni siamo in una botte di ferro. I terroristi neanche li vediamo, così come non si vedono i delinquenti.

      Elimina
    5. Gli attentati mortali sono commissionati dagli islamici ""moderati"" così riescono ad ottenere tutto e piano piano riusciranno ad islamizzare l'Italia. ....!!!!!!!!

      Elimina
    6. Santa Gentiloni, beata e vergine ci viene a dire che non siamo in guerra.Ma ci é o ci fa!!

      Elimina
    7. I nostri "governanti" vivono in un mondo tutto loro da sempre stanno su una nuvoletta soffice ,guardano il mondo reale dall'alto come se le cose brutte che possono succedere e succedono non li riguardino.Poi quando succede l'irreparabile amano destreggiarsi nella loro arte più efficace ,lo svicolare ,schivare,negare, scaricare e infine sembrare ..quelli che hanno salvato la patria sempre che ne rimanga una da salvare!

      Elimina
    8. E' vero:ha ragione il Ministro Gentiloni (nomen omen) noi non siamo in guerra.Non lo siamo perché,invece di combattere il terrorismo,abbiamo alzato bandiera bianca davanti a quella nera dell'isis,grazie alla complicità dei politici,siamo invasi da torme di clandestini tra i quali sicuramente si sono annidiati centinaia di terroristi.Ad essere troppo "gentiloni" si passa per coglioni e si rischia di diventare carne da macello.

      Elimina
    9. Niente paura....c'è gentiloni e poi anche renzi...........buffoni!!!

      Elimina
    10. Ce l'hanno detto in tutti i modi che siamo il loro obiettivo e che abbevereranno i loro cammelli in piazza S.Pietro. Ma la risposta del ministro è, al proposito, tranchant: "L'Italia non deve sentirsi un Paese in guerra". La legge Basaglia continua a colpire. E presto, in assenza come sempre di strutture alternative, chiuderemo gli OPG....

      Elimina
    11. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/19/terrore-al-museo-di-tunisi-22-morti-quattro-sono-italiani/1106520/



      19 Marzo 2015

      Terrore al museo di Tunisi: 22 morti, quattro sono italiani.
      Terroristi attaccano il parlamento, poi si rifugiano al Bardo. Il bilancio totale parla di 23 morti, di cui 18 stranieri. Lo Stato islamico rivendica il blitz

      Sergio Rame

      Colpi d'arma da fuoco in parlamento e duecento turisti presi in ostaggio al museo nazionale del Bardo. La Tunisia piomba nel terrore. Un commando di terroristi armati e travestiti da soldati ha attaccato la sede del parlamento di Tunisi, costringendo i deputati a evacuare l’edificio, per poi ripiegare all'interno del museo del Bardo dove hanno preso in ostaggio almeno duecento turisti. Un blitz che è finito nel sangue con 22 vittime (17 sono stranieri, tra cui quattro italiani) e una cinquantina di feriti.
      Per quanto riguarda i nostri connazionali, tra gli italiani sono quattro i morti e cinque i feriti lievi ricoverati in tre diversi ospedali a Tunisi, come in serata hanno confermato prima la Farnesina e poi l'ambasciata italiana a Tunisi. Si tratta di turisti in vacanza sulla Costa Fascinosa. Il bilancio tuttavia "è ancora provvisorio" perché è in corso il riconoscimento delle vittime e le autorità tunisine non hanno ancora comunicato le generalità di tutti i morti.
      Secondo l'ultimo bilancio ufficiale sono morti quattro italiani, un francese, due colombiani, cinque giapponesi, un polacco, un australiano, due spagnoli, un turista non identificato, due tunisini (un autista di bus e un militare) e i due terroristi identificati come Yassine Laâbidi e Hatem Khachnaoui. Sono stati feriti13 italiani, 7 francesi (di cui uno è morto dopo essere stato soccorso), 4 giapponesi, 6 tunisini, 11 polacchi, un russo e 2 sudafricani.
      "Qui stanno sparando a tutti, vi prego aiutateci". L'urlo di terrore è Carolina Bottari, 54enne torinese che insieme agli turisti italiani della nave Costa Fascinosa stava visitando il museo archeologico dei mosaici romani quando i terroristi hanno fatto irruzione e preso in ostaggio tutti i presenti. Il commando armato di Kalashnikov ha attaccato il parlamento tunisino proprio mentre era in corso un’audizione del ministro della Giustizia Mohammed Salah ben Aissa sulla lotta al terrorismo. Una volta respinti, si sono rifugiati all'interno del museo del Bardo dove è iniziata una vera e propria carneficina.
      "I due terroristi potrebbero avere avuto il sostegno di 2-3 elementi", ha spiegato il premier Habib Essid annunciato di aver preso "provvedimenti urgenti soprattutto nei siti turistici, dove è stata rafforzata la presenza di forze di sicurezza". In questa fase complicata Essid ha lanciato un appello al popolo tunisino affinché serri i ranghi: "La guerra contro il terrorismo sarà lunga, ma insieme vinceremo".
      L’attacco sarebbe stato rivendicato dallo Stato islamico. Secondo quanto riporta la tv al Hayath, alcuni siti vicini al Califfato hanno scritto che "lo Stato islamico tiene in ostaggio alcuni turisti nel museo del Bardo a Tunisi". L’emittente ricorda che il battaglione Bin Nafi, gruppo islamico radicale, e una parte dell’organizzazione Ansar al Sharia avevano annunciato un’alleanza con il califfo Abu Bakr al Baghdadi minacciando attacchi contro il governo tunisino.

      Elimina
  112. http://voxnews.info/2015/03/19/strage-tunisi-per-avvenire-e-attacco-a-islam/

    ALTE GERARCHIE VATICANE ISLAMIZZATE DA BERGOGLIO. .?????

    RispondiElimina
  113. http://voxnews.info/2015/03/19/da-governo-schiaffo-ai-giovani-italiani-servizio-civile-agli-immigrati-anche-appena-sbarcati/



    Governo di CACCA succube appexorunato a jihad..!!!

    RispondiElimina
  114. RENZUSCONI STA DANDO COLPI MORTALI ALL'ITALIA CHE SARÀ CONQUISTATA INTERAMENTE DAI JIHADISTI TAGLIAGOLE E CALIFFATA FOREVER. ..!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  115. http://voxnews.info/2015/03/19/da-governo-schiaffo-ai-giovani-italiani-servizio-civile-agli-immigrati-anche-appena-sbarcati/

    RispondiElimina
  116. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/stupratore-fugge-dai-domiciliari-in-centro-recupero-irreperibile/


    19 Marzo 2015

    Stupratore fugge dai domiciliari in ‘centro recupero’: ‘irreperibile’.



    Era sottoposto agli arresti domiciliari presso un centro di recupero del Valdarno. Ma quando i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di San Giovanni Valdarno hanno effettuato uno dei controlli periodici, non l’hanno trovato. Per questo è scattata la denuncia. Protagonista della vicenda un 30enne marocchino, residente in provincia di Latina, al momento irreperibile.

    RispondiElimina
  117. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/03/19/terrore-in-svezia-sparatoria-in-un-ristorante-morti-e-feriti-1.1392815


    19/03/2015 08:59

    Terrore in Svezia, sparatoria in un ristorante: morti e feriti.
    Due uomini armati di Kalashnikov hanno sparato all'impazzata in un ristorante a Hisingen(Goteborg).

    Terrore in Svezia.
    Due uomini armati di Kalashnikov hanno sparato all'impazzata in un ristorante a Hisingen, un quartiere della città di Goteborg causando almeno 2 morti - ma il bilancio potrebbe salire - e diversi feriti. Almeno 8 persone sarebbero state ricoverate in ospedale. Lo riferiscono i siti dei quotidiani Aftonbladet, Svenska Dagbladet e Dagens Nyheter. Secondo Ulla Brehm, portavoce della polizia, si tratterebbe di una grave crimine probabilmente collegato a scontri tra gang rivali. L'attacco è avvenuto alle 22,23 in un ristorante sulla piazza Varvaderstorget di Hisingen a nord di Goteborg, la seconda città della Svezia, situata nel sud-ovest del paese. In un comunicato si precisa che probabilmente è stata usata un'arma automatica. La polizia non è in possesso di informazioni su eventuali persone sospettate, mentre sono in corso le indagini.

    RispondiElimina
  118. Non riesco a capire ....... mentre Gentiloni dice che "l'Italia è un Paese sicuro che deve essere in allerta nei confronti delle minacce terroristiche, ma non deve sentirsi un Paese in guerra", l'ISIS parla di "crociato calpestato". Bah, ditemi voi come si chiama? ?...e ancora raccattiamo barconi di CACCA

    RispondiElimina
  119. Questi terroristi col corano in mano hanno dichiarato guerra al mondo intero e il mondo intero resta indignato a guardare.Una buona coalizione li spazzerebbe dalla terra in 24 ore. C'è qualcosa che non quadra.. .!!!!!!

    RispondiElimina
  120. Fa il paio con i marò , il nostro governo con gli Alfano e i Lupi più o meno cattivi e con quel cartone animato di Renzi dimostra di non saper garantire un minimo di sicurezza ai propri cittadini che vengono pure uccisi in Tunisia( pur con buone ragioni) , e riportare in patria militari che hanno fatto solo il loro dovere in acque internazionali.

    RispondiElimina
  121. Il nostro presidente non è intimorito, beato lui, perché io sono molto ma molto preoccupato per la minaccia jihadista che ormai è dentro casa anche nelle moschee abusive tollerate per pavidita'.

    RispondiElimina
  122. non è il caso di allarmarsi.......c'è Gentiloni che, una volta si e l'altra sempre, non è d'accordo con se' stesso, c'è lo Sbruffoncello fiorentino che è al timone, c'è la Pinotta con quella sua verve guerriera ed infine le Walchirie di questa in questo governicchio.....

    RispondiElimina
  123. Ma come fanno a difenderci dagli islamici dei politicanti FROCI e delle femmine che nel corano non sono ben visti?
    I FROCI li ammazzano e le femmine le sottomettono e le stuprano? ?
    Infatti a livello politico il governicchio di FUFFA non ha alcuna considerazione a livello internazionale e devono e possono solo eseguire ordini stranieri.

    RispondiElimina
  124. Ancora non abbiamo capito che il corano, con tutta la coreografia delle 72 vergini, NON PUO' essere stato dettato da Allah, Dio, Jahvé o come si chiama, il quale non avrebbe bisogno di esseri umani per sterminare i propri nemici in quanto Onnipotente? Come ho già detto varie volte, a meno che maometto non se lo sia inventato tutto di sana pianta, glielo ha dettato satana.

    Rispondi

    francoruggieri

    19 March 2015 - 19:07

    Così come i maomettonzi hanno profanato l'immagine di uno dei nostri compatrioti, ci vorrebbe uno bravo che aggiungesse, nei posti giusti, a queste fotografie un bel pene infilato .... dove preferisce.

    Rispondi

    beppazzo

    19 March 2015 - 18:06

    Tranquilli non urtano un bel niente è la fine che cercavano , anzi son più belli da morti che da vivi, ora si staranno sollazzando con un centinaio di vergini,

    RispondiElimina
  125. http://www.liberoquotidiano.it/gallery/11769048/Attentato-al-Museo-del-Bardo-di.html


    19 marzo 2015


    COMMENTO:

    Così come i maomettonzi hanno profanato l'immagine di uno dei nostri compatrioti, ci vorrebbe uno bravo che aggiungesse, nei posti giusti, a queste fotografie dei due COJOTES islamici uccisi un bel pene infilato .... dove preferisce.
    Tranquilli non urtano un bel niente è la fine che cercavano , anzi son più belli da morti che da vivi, ora si staranno sollazzando con un centinaio di vergini,

    RispondiElimina
  126. http://voxnews.info/2015/03/19/donna-linciata-e-bruciata-da-folla-di-islamici-aveva-danneggiato-corano-video-choc/




    BISOGNA BRUCIARE CORANO E ISLAMICI DI CACCA

    RispondiElimina
  127. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/03/19/siteisis-minaccia-nuovi-attacchi-tunisi_f4c88e82-0af1-4b81-8b51-e71bddb656b6.html


    Site,Isis minaccia nuovi attacchi Tunisi".
    E' stata solo la prima goccia di pioggia".

    19 marzo 2015

    (ANSA) - "Quello che avete visto" a Tunisi " è solo la prima goccia di pioggia". Così l'Isis minaccia nuovi attacchi dopo aver rivendicato quello al museo Bardo di Tunisi.
        Lo denuncia su Twitter Rita Katz, direttrice del Site, il sito che monitorizza il jihadismo sul web.

    RispondiElimina
  128. Islamico moderato = Taqya, qualcuno aveva dei dubbi? Tutto previsto e codificato nel libro sacro. Qualcuno ha visto il Casarini ieri sera a quinta colonna? Quello è uno che semina ignavia in quantità industriale.

    RispondiElimina
  129. http://voxnews.info/2015/03/20/isis-fa-esplodere-antico-monastero-cristiano-ridotto-in-macerie-foto/


    RispondiElimina
  130. Prossimo attentato sarà in Italia e sarà la guerra civile tra islam e cattolicesimo.....se il governicchio non ferma l'invasione coi barconi puzzolenti...!!!!!!!!
    Parola di Nazareno....

    RispondiElimina
  131. l'ennesima mattanza di civili inermi è stata fatta da terroristi-integralisti islamici arabi-tra-arabi. Il fatto che la pianificazione del macello sia da addebitare all'ISIS o a qualsiasi altra vigliacca e sanguinaria organizzazione-fogna ha poca importanza. Lo stare a fare distinguo non cambia il fatto che ancora una volta la galassia vomitevole generata dalla semplice equazione arabi-islamici-integralisti-assassini ha falciato come carne da macello 21 occidentali innocenti. E' tutto il cosmo musulmano che considera chi non è islamico una "roba da eliminare"; che si macellino anche tra loro non sposta di una virgola il livello della loro indecenza e del pericolo immane che minaccia tutto il mondo "civile". Vanno combattuti e eliminati con ogni mezzo e non bisogna fermarsi fino a quando anche il minimo atto, parola, individuo, organizzazione integralista non sia stata cancellata dalla faccia della terra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ISLAM=MORTE

      Elimina
    2. Prima c'era il comunismo, poi quando e` crollato e` arrivata Al Qaeda, un brand e un marketing da premio, poi "fatto morire" Bin Laden, serviva uno spauracchio ancora piu` spietato, ed ecco ISIS. Da notare come Bin Laden, i Talebani e l'ISIS, siano passati da partner degli USA a nemici numero 1. Bin laden addestrava i musulmani Kosovari contro la Serbia, i Talebani negoziavano oleodotti con USA fino a pochi mesi prima dell'11 Settembre, poi fallito il negoziato, Torri Gemelle, e l'ISIS discuteva amichevolmente e finanziariamente con USA fino a un anno fa, per far cadere Assad, poi una volta sfuggita di mano la cosa, sono "diventati" le belve che sappiamo. Da noi si chiamava "strategia della tensione". "Tutti nella regione mediorientale sono minacciati dall’Isis.. Gli USA li hanno creati, finanziati, armati, istruiti, gli hanno apertamente preparato il terreno in Siria, Iraq, Libia, e segretamente in Egitto, Tunisia, Algeria, Libano, Nigeria, ecc... Non vorrà che li fermino prima che abbiano fatto saltare in aria tutto il medioriente e il nordafrica, no? Quando tutto sarà un macello e più nessuno potrà dire di avere il controllo, ecco che allora gli taglieranno finanziamenti-armi-viveri, li spazzeranno via (anche togliendo catena-museruola a Israele) e si approprieranno di tutte le enormi riserve energetiche, confiscando le ricchezze e gli investimenti che quegli idioti di arabi hanno sparso a piene mani proprio in favore del sistema economico/finanziario USA-UK. Così potranno concentrarsi completamente nel mettere in ginocchio Russia e Cina e "brics" vari... SCACCO MATTO. E L'Europa? La Nuland insegna... "fuck EU"!
      Obama è uno di loro.
      Se la casa bianca fosse stata un po'più cauta quando ha stupidamente ed infantilmente distrutto equilibri che duravano da oltre mezzo secolo, non ci sarebbe bisogno di cautela adesso.

      Elimina
  132. Comunque ormai è un bollettino di guerra non passa una settimana senza qualche decina di morti in attacchi dei terroristi islamici. E i clandestini c’entrano eccome è ovvio che i terroristi possono arrivare anche da lì e di certo il terrorista della Danimarca era figlio di rifugiati politici come anche quel tizio dell’Inghilterra che è in Siria a decapitare la gente. Sono proprio quelli della operazione mare nostrum.

    RispondiElimina
  133. La vita degli italiani per questi mascalzoni al governo vale ZERO e anzi SOTTOZERO....!!!!!

    RispondiElimina
  134. Gesù Cristo sarà spietato coi jihadisti tagliagole che andranno all'inferno ove li aspetta maomettuccio con tante baldracche coraniche velate....

    PRRRRRRRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  135. Io ho il sospetto che il nostro governicchio di CACCA sia sotto scacco e per evitare che i mussulmani ammazzino i loro familiari fanno quello che gli viene comandato.
    Quand'è che apriamo gli occhi noi italiani antislamici e cattolici? ???????

    RispondiElimina
  136. Se non faranno un attentato in italia vuol dire che i maledetti maomettani hanno avuto la promessa che potranno a breve vivere in italia secondo sharia'a coranica....

    SCOMMETTIAMO! !!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  137. HALF-ANO dopo che per mesi ha "PROVVEDUTO" a portarceli in casa,ora osa dire che ci potrebbero essere Attentati x emulazioni ?? ECC ECC. HOGLIONE tu e tutto il tuo S/governo ........prima ci riempite di possibili TERRORISTI e poi parlate di azioni emulative!!!!LOL LOL BUFFONI!!! Caro popolo Italiano SUERTE perche ne avete proprio bisogno!!! Con tali TESTE di CASSO a S/governarvi.

    RispondiElimina
  138. l'italia è tranquilla sul pericolo attentati islamici visto che ci sono i comunisti intransigenti di rifondazione i cui fratelli islamici rivoluzionari, non vorranno certo danneggiare l'italia......non ci sono rischi alcuno, tutta propaganda, per sicurezza chi non l'ha...... faccia la tessera comunista da presentare all'isis quando busserà alla porta. Ma con una razza di ministro esteri come gentiloni che dice di cominciare a convivere con il fenomeno terrorismo Islamico, che volete che si possa sperare? Spero solo che colpiscano la sua famiglia! grazie OBAMA grazie SARKOZY grazie NAPOLITANO. Questi personaggi islamici jihadisti faranno SI grande propaganda ma non li sottovaluterei. Dobbiamo pensare che questa gente, non ha niente da perdere, è pronta a dare la vita per qualcosa di SURREALE che nemmeno CONOSCONO e quando vedono che ci riescono il FANATISMO AUMENTA. Purtroppo noi li SOTTOVALUTIAMO. Ma glielo avranno detto al Califfo, non importa passare dalla porta, quando e' sulla costa telefoni a "cono gelato" che gli manda qualcuno a prenderlo, qualcuno (si fa per dire) visto lo status di capo di stato terrorista, gli useranno i riguardi come facciamo con i nostri....... sul colle.
    GENTILE ISIS, guardate che basta prenotare presso l'agenzia viaggi(per telefono, facebook, twitter) della marina militare per venire in italia! non dovete fare troppo sbattimenti....
    Sapete qual'è la mia paura. Vi ricordate quello che disse un impiegato del comune al Gioielliere del Veneto, dopo la tentata rapina al negozio : (VADA VIA, CAMBI POSTO QUI é PERICOLOSO). Accadrà anche a noi Italiani sentir dire da questi IMBECILLI che ci governano : (EMIGRATE PERCHE' QUESTA E' ZONA ISLAMICA). Credo proprio andrà a finire cosi.
    miserabili pagani senza dio. per voi islamici ci vorrebbe il Tercio di Francisco Franco.

    RispondiElimina
  139. Parlare genericamente di illuminismo è dire niente. Occorre dire,urbi et orbi,che gli illuministi tutto quello che hanno ottenuto l'hanno ottenuto grazie a lotte tremende,continue e sistematiche contro i poteri forti della nobiltà e del clero. IL punto centrale, fuori d'ogni discussione, è ciò che costituisce la base della nostra superiore civiltà : la tolleranza che nasce dall'intolleranza verso il fanatismo religioso musulmano.Non a caso quelli dell'Isis si proclamano MONOTEISTI : Dio è con loro! Bene così. Gentiloni è con noi! Chi si fa pecora lupo se la magna. Nel nome di un'ipocrita solcieta' multirazziale e multietnica la sinistra si e' prostrate davanti ad ogni richiesta di questi signori e loro ne approfittano. Chiedere non costa nulla e c'e' sempre qualche sponsor pronto a sostenerli. Quando la smetteremo di farci del male da soli sara' ormai troppo tardi, grazie alla Boldrini, Alfano etc etc. Ma, ho capito bene? Voglio dire: non è una associazione islamica che impone il velo alle 'proprie' insegnanti, ma è (testuale): "La richiesta, da parte di una associazione islamica, che le NOSTRE insegnanti indossino il velo a scuola durante le lezioni"? Adesso è mezzanotte e mezza: sono stanco! Può essere che domani mi sveglio da questo brutto sogno! La nostra cultura ha come base il cristianesimo. I MUSSULMANI NO. CHE CAVOLO VOGLIONO IN CASA NOSTRA?
    Non dovremmo riaprire il dibattito sul preambolo della cosidetta Costuzione Europea e sulla matrice Cristiano-Giudaica della nostra cultura? E' proprio tale matrice che ha permesso il laicismo del quale godiamo.. no? Forse paradossalmente questa operazione, bocciata al tempo, riaffermerebbe la nostra cultura ed il nostro laicismo. In altre parole auguro ad ogni ateo...di vivere in un paese...cristiano. Purtroppo la laicità dello Stato viene attaccata anche all'interno delle istituzioni. In primis i magistrati con la cultura moralistica (ambiente prostitutivo, orologi Rolex, denigrazione dello Stato che schiaffeggia e accarezza, etc). Lo stato laico accerta e punisce la trasgressione, stop: non illaziona. Seguono poi i politici che per paura dei commenti hanno disabituato il popolo a vedere le ragioni oggettive dei fatti. È opportuno dimettersi se no si pensa male. Il povero zingaro discriminato (ma se non lavora e campa a sbafo, mica discriminiamo i cinesi!). Madre natura si è evoluta sulla differenziazione dei generi, che pretendono gli omosex: sono imperfetti e difettosi di ormoni, vanno compatiti come veri e propri malati e quindi anche protetti, ma non elevati a simbolo e celebrati come umanità progredita. Rimettiamo le cose a posto!
    Solo i ciechi mentali si ostinano a negare; e' altrettanto strano che le femministe delle pari dignita' tacciano su di uno strumento discriminatorio e simbolo di sottomissione della donna quale il velo in testa. Questi mussulmani sanno pietire e alla fine si prendono il dito, il braccio e il resto (o affettano tutto il salame che e' lo stesso). Vero, se queste istanze non vengono respinte con perdite ... dopo un po' saremo travolti. Occorre una politica forte al centro (non c'e') e fermezza a livello periferico (ce n'e' ancora meno), per cui nel medio termine sono molto pessimista. Poi saremo costretti a svegliarci. Purtroppo il buonismo e' stato inculcato e inculturato con una tale protervia ideologica che per scrollarcelo di dosso ci vorranno decenni.

    RispondiElimina
  140. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/03/21/io-leader-islamico-tunisino-vi-dico-faranno-un-attentato-in-italia-1.1393672

    21/03/2015

    «Abbiamo sempre boicottato Il Tempo per quello che scrivete sull’Islam e sui musulmani. Oggi, però, alla luce di quanto è successo in Tunisia, credo sia giusto essere uniti contro l’Isis. Ecco perché ho deciso di parlare con voi». Ottimo italiano, sguardo sicuro. Gentile e riguardoso verso la sua interlocutrice. Poco incline ai rapporti con i giornalisti, ma l’attentato di Tunisi ha aperto uno squarcio profondo tra passato e futuro. Ora nulla sarà come prima. Noureddine Chemmaoui, tunisino, è in Italia da quasi trent’anni, da quando il suo partito Hennahda, il Partito della Rinascita, negli anni ’80 fu messo fuori legge dal regime del generale Ben Ali perché considerato un movimento islamico estremista. Arrivato in Italia ha chiesto asilo politico ed è diventato il fondatore di Hennahda nel nostro paese. Dopo la caduta di Ben Alì, il partito è stato riammesso in Tunisia e ora è parte del governo. Mai però, in tutti questi anni, nonostante il leader Rashid Ghannouchi ha formalmente preso le distanze dall’ideologia secondo cui la lotta armata era l’unica soluzione contro i regimi corrotti e sostenuti dall’Occidente, il movimento è riuscito a scrollarsi di dosso l’etichetta del fondamentalismo. Allo stesso Chemmaoui, come a tutti i militanti di Hennahda in Italia, nonostante la lunga permanenza nel nostro paese, non è mai stata concessa la cittadinanza.
    Secondo lei a chi era rivolto l'attentato di mercoledì al museo Bardo? Tra le ipotesi c'è quella secondo cui l'obiettivo erano i turisti.
    «L’attentato era rivolto al Parlamento perché in quel giorno si sarebbe discusso dell’Isis e di come affrontarlo. La Tunisia sta lavorando per ricostruire un sistema intero e del governo fa parte anche Hennahda».
    Quindi i turisti non erano l’obiettivo?
    «No, è stato un caso purtroppo. Proprio quel giorno il gruppo di turisti si è trovato al museo, ma non erano il bersaglio. Si è voluto colpire una delle risorse fondamentali del Paese per mettere in ginocchio l’economia, la storia, la cultura e la libertà del Paese. La strage, però, deve servire per prendere davvero in considerazione la minaccia dell’Isis che è stata sottovalutata da tutti, anche dall’Europa».
    L’Italia secondo lei è a rischio attentati?
    «L'Isis ha minacciato apertamente l’Italia, quindi esiste un rischio. Credo, però, che il pericolo non arriverà dall'interno come è stato per Tunisi o Parigi, ma dall'esterno».
    Si riferisce al rischio che sui gommoni di immigrati che arrivano sulle nostre coste possa nascondersi un ipotetico terrorista?
    «Questo non lo so, non posso dirlo. Posso però dire che su quello che avviene nelle aree di nostra competenza, cioè le moschee, noi siamo in grado di fare un certo controllo. Per quello che riguarda gli immigrati certamente no».
    Le moschee di Roma, e non solo, sono state spesso sotto accusa e alcune anche considerate a rischio perché ritenute vicine al fondamentalismo islamico.
    «Le moschee considerate a rischio sono quelle in cui non si collabora con le forze dell'ordine. È per questo che alcuni luoghi di culto sono considerati estremisti».
    Anche lei è considerato vicino a questi ambienti prorio per la sua appatenenza ad Hennahda.
    «Io sono ufficialmente accusato di questo. Da 30 anni vivo in Italia ma non ho la cittadinanza. Se faccio parte di un gruppo pericoloso perché mi lasciate qui? Si, io sono il fondatore di Hennahda in Italia, ma vivo qui da anni. Mia moglie e i miei figli hanno la cittadinanza, mentre la mia richiesta è stata sempre respinta. Forse perché sono stato fondatore della moschea Al Huda a Centocelle?»....................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le preziose risorse maomettane Stanno aspettando che arrivi l'estate in Italia per iniziare lo scannamento in spiaggia ...

      Elimina
  141. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/22/tunisi-lappello-del-commando-uccidete-ancora-i-turisti/1108054/


    22 Marzo 2015

    Tunisi, l'appello del commando: "Uccidete ancora i turisti".
    Spunta il "diario" dell'attacco a Tunisi in cui sono morti 23 persone: i terroristi volevano uccidere "poliziotti, apostata e stranieri"

    Chiara Sarra

    "Investiteli con le auto, sgozzateli sulle spiagge, affogateli in mare". È l'appello di un complice del commando che mercoledì scorso ha massacrato 21 persone nel museo del Bardo aTunisi.
    In un documento - una sorta di "diario" dell'attacco - in possesso dal programma Terra, in onda domani su Retequattro, il terroristainvita a "colpire ancora" in ogni modo i turisti e in particolare quelli "americani, britannici, francesi e israeliani". E, per invitare altri ad emulare il gesto, spiega anche come il commando si sia procurato le armi a buon mercato. Poi l'uomo inneggia all'attentato per aver, tra le altre cose, fatto crollare la Borsa di Tunisi ("un trionfo") e dimostrato a jihadisti simpatizzanti (i cosiddetti "lupi solitari"), quanto sia facile compiere un attacco. L'obiettivo dell'attacco era quello di uccidere "poliziotti, apostati o stranieri" e catturare ogni "infedele fondamentalista", risparmiando bambini e musulmani perché "è un peccato spargere il loro sangue".
    "È una normale giornata di sole, c’è un bel clima, piacevole e temperato", racconta l'autore del documento, "Loro due escono di casa, prendono la metro, scendono e cambiano treno, scendono di nuovo, passano davanti alla centrale della polizia infedele del Bardo e davanti alla sede dei servizi segreti militari del Tiranno... si siedono un momento... lasciano la borsa con dentro le armi e le bombe a mano alla fermata dell’autobus, vanno a controllare il posto, tornano a riprendere le borse e si infiltrano dentro il parco del parlamento/museo, uno dei due tira fuori le armi e le bombe a mano mentre l’altro fa un rapido giro di ricognizione. Decidono di ammazzare chiunque si trovi nel Museo: poliziotti, apostati o stranieri. Lanciano le bombe contro gli autobus, catturano ogni infedele fondamentalista e lo portano in una stanza mentre lasciano scappare gli inservienti tunisini: sono musulmani ed è un peccato spargere il loro sangue e decidono che siano risparmiati i bambini, che vengono lasciati andare verso l’uscita".

    RispondiElimina
  142. http://voxnews.info/2015/03/22/spagna-torna-lurlo-del-muezzin-islamico-dopo-6-secoli-video/



    ISIS IN SPAGNA AUTORIZZATO DAL GOVERNO....

    RispondiElimina
  143. http://www.nocristianofobia.org/macche-laicista-la-francia-cristianofobica-e-filoislamica/


    Macché laicista, la Francia cristianofobica è filoislamica!

    marzo 25th, 2015

    Mauro Faverzani

    La laicità alias laicismo della Francia? Solo uno strumento, con cui contrastare presenza e attività della Chiesa Cattolica nella République. Nient’altro. Tant’è vero che tutto cambia, quando viceversa in ballo vi sia l’islam. E’ quanto emerge chiaramente dagli ultimi fatti di cronaca.
    Per una moschea si è disposti a tutto Oltralpe, anche a dimenticare quella legge liberticida del 1905, tuttora in vigore, legge che di fatto vieta qualsiasi tipo di sovvenzione a qualsiasi culto. Lo ha rivelato l’articolo firmato da Jean-Christophe Moreau ed apparso su Le Figaro dello scorso 21 marzo. Vi si legge: «Quando si tratta di islam, qualunque scrupolo di neutralità lascia posto ad un evidente attivismo municipale. Su circa 190 luoghi di culto musulmani in progetto (o inaugurati dopo il 2011), 114 cantieri sono stati resi possibili grazie alla cessione di terreni comunali», indipendentemente dal colore politico dell’amministrazione (con l’unica eccezione delFront National).
    Ma non basta: un senatore dell’Ump, Jacques Legendre, è giunto a proporre di sostituire il francese con l’arabo nelle scuole “islamizzate”, quelle cioè ove la maggioranza degli alunni padroneggi solo la lingua del Paese d’origine, anziché quella d’Oltralpe. Ma il Senato francese non è nuovo a simili bizzarrie: ha ridato, ad esempio, ai Comuni la possibilità di finanziare la realizzazione di centri culturali islamici, che spesso sono, in realtà, moschee camuffate, ambienti per lo più legati ai Fratelli Musulmani. Ai quali non ha fatto mistero di assicurare il proprio sostegno Hichame Abderrezak, che si dà il caso sia stato candidato del Fronte di Sinistra alle ultime Dipartimentali, oltre a ricoprire il ruolo di portavoce della moschea Luce e Pietà, gestita dall’associazione ImanoPaix, di cui lui è peraltro consigliere d’amministrazione. Insomma, una commistione di politica e islam quanto meno imbarazzante…
    Tuttavia una commistione non isolata. Tanto che nel corso di un’intervista sull’emittente I-Télé, il deputato socialista Razzy Hammadi, dopo gli attentati di Parigi, ha pubblicamente criticato la «codardia» ed i mezzucci, cui ricorrono molti, troppi eletti locali della “Sinistra plurale”, disposti a far costruire sui propri territori moschee in cambio dei voti della comunità musulmana. Tranciante anche il giudizio dell’on. Malek Boutih, pure socialista: in un’intervista a Le Point, ha denunciato l’«elettoralismo» di quei politici locali «corrotti, scesi a patti con vandali, gangsters, salafiti».
    Un quadro davvero inquietante. In un contesto di questo tipo anche la vicenda di Charlie Hebdo acquista un altro sapore. Decisamente un altro sapore, alquanto amaro. Chi ha seminato vento, ha raccolto tempesta. Ma pare che la lezione, nella Francia cristianofobica e filoislamica, non sia stata ancora capita…

    RispondiElimina
  144. http://voxnews.info/2015/03/29/ecco-la-moglie-italiana-dellimam-terrorista-islam-e-pace/


    NON CAPISCO PERCHÉ NON RAGGIUNGE IL DEGNO MARITO QUESTA BUBBONA ISLAMICA E SI TOGLIE DALLE PALLE CHE L'ARIA POSSA RITORNARE RESPIRABILE.
    POVERA BOLDRINI CHE DEVE INGOIARE TANTI ROSPI DI FINTA MODERAZIONE ISLAMICA PER NON ESSERE TACCIATA DI ISLAMOFOBIA.
    A ME IL CORANO FA CAGARE E LO VIETEREI IMMEDIATAMENTE PERCHÉ È UN TRATTATO DI VIOLENZA CONTRO NOI CATTOLICI OCCIDENTALI.
    BRUTTA SÌ MA ANCHE SOTTOMESSA AD UN CAPRONE ARABO QUESTA FEMMINA ITALIDIOTA FA RIBREZZO. IL SUO CAPRONE VIENE CACCIATO DALL'ITALIA PER TERRORISMO E LEI RIMANE BASITA.!!!!!!!!!!.......MA VA A FARE IN C. .......!!!!!

    RispondiElimina
  145. http://m.ilgiornale.it/news/2015/03/29/marcia-contro-il-terrorismo-nelle-strade-di-tunisi-ucciso-il-3-attentatore-del-museo-del-bardo/1110804/



    Commenti

    maricap
    Ora alle sfilate antiterrorismo, anche le quinte colonne dei tagliagole.


    Memphis35
    Ovvero: come esportare l'Italica liturgia delle fiaccolate in paesi in cui il folklore non ha certo bisogno di suggerimenti. D'altra parte il condono di 25 mil. di euro, graziosamente offerto da Gentiloni, val bene una pagliacciata.


    gianniverde
    Beh ottima scusa per visitare la Tunisia,certamente si porteranno mogli ed amici di turno.Buona vacanza.


    ilsaturato
    Ma pensate che razza di "senza vergogna"! Non solo NON rappresentano l'Italia, non solo rappresentano un governo che non ha né il voto né il consenso della maggioranza degli Italiani, ma soprattutto impersonano l'ignavia occidentale al limite della complicità, che ha avallato e continua ad avallare la violenta pazzia USA di Obama che pervicacemente e prepotentemente ha distrutto fino alle fondamenta gli equilibri e la pace nel mondo. Ancora di più, il regime che comprende questi due ha permesso, agevolato, imposto, l'invasione illegale immigratoria che, oltre agli immani problemi umani, sociali, economici, ha ormai irrimediabilmente esposto l'Italia a pericoli la cui portata già si vede ma non è ancora nulla in confronto a ciò che inesorabilmente ci aspetta. Hanno contribuito al dilagare dell'integralismo islamico e adesso pensano di poter sfilare contro tutto questo... come se il boia sfilasse al funerale di chi ha giustiziato! E' inaccettabile!!!


    Solist
    9 militanti uccisi!! è cosi che si fà!!!!!...da noi li avrebbero messi ai domiciliari o espulsi per pianificare e realizzare in um immediato futuro altre barbarie.


    manolito
    la boldrini rappresenta il nulla, è l'esempio vivente di parassita------renzi rappresenta la democrazia inesistente dato che non è mai stato eletto e fa solo catastrofi ,ma salva le banche specialmente se vicini alla sua famiglia.


    LANZI MAURIZIO BENITO
    DOVE SI FANNO LE COSE INUTILI LA BOLDRINI E' SEMPRE PRESENTE, CHISSA' PERCHE'? FORSE ANCHE LEI SI SENTE INUTILE, INCAPACE E INSIPIDA.


    Giano
    Quelli fanno stragi, a Parigi, Tunisi, Il Cairo (per il momento)e noi facciamo le marce della pace. Marciate, marciate, la marcia fa bene alla salute, ci si tiene in forma, si finisce sui media, si rafforza l'immagine di pacifisti, si ammirano le bellezze di luoghi esotici, si fanno le foto di gruppo, si trovano deliziosi souvenir per familiari, amici e parenti. Insomma, una marcia ogni tanto ci sta bene. E quelli stanno già programmano altre stragi. Preparatevi alla prossima marcia.


    killkoms
    la boldrini ovviamente con lo chador!


    Ramese
    ilsaturato, dopo aver abbondantemente dimostrato di essere un buffone sulla vicenda germanwings, non demorde ...

    RispondiElimina
  146. CASAPOUND FA PAURA INVECE L'ISLAM NO..?????
    MALEDETTI APPECORINATI EUNUCHI PUGLIESI..!!!!!



    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/04/10/sbai-esposto-per-l-universita-islamica-a-lecce-1.1402212



    10/04/2015

    Sbai: Esposto per l’università islamica a Lecce«.
    Mi riservo di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Lecce sull'avvio dei corsi di quella che dovrebbe essere un domani l'Università Islamica e su cui occorre un percorso di.....

    «Mi riservo di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Lecce sull'avvio dei corsi di quella che dovrebbe essere un domani l'Università Islamica e su cui occorre un percorso di valutazione attenta, per via dei finanziamenti che riceve e delle dottrine che in essa verranno impartite» lo ha detto Souad Sbai commentando le parole di Giampiero Khaled Paladini, l'imprenditore convertitosi due anni fa all'Islam che sta dietro il progetto dell'università islamica di Lecce. L’avvio dei corsi è previsto a ottobre con Teologia, facoltà per cui non è necessario l'accreditamento del Miur. In attesa della costruzione dell'ateneo le lezioni si svolgeranno nella sede della fondazione Università islamica di Lecce, costituita lo scorso febbraio.

    A gennaio 2016, spiega sempre Paladini , dovrebbero partire due master, uno in Economia e Finanza Islamica, organizzato con alcuni centri bancari del Bahrain, e l'altro in Scienze delle Costruzioni, con la collaborazione di compagnie finanziarie ed edili arabe. «A quale titolo - si chiede Sbai - si iniziano delle lezioni di un'università che ancora non esiste e addirittura in base ad essi si rilasceranno degli attestati?»


    RispondiElimina