martedì 3 febbraio 2015

129 commenti:

  1. Il patriottismo si espande come il grano pane della vita.
    Vedere tante nuove sedi di casapound fa bene al cuore ed al futuri della Italia.
    Festeggiamo.
    Buon lavoro a tutti.

    RispondiElimina
  2. CONFORTA LA VOSTRA DEDIZIONE E VI FA ONORE
    BRAVI RAGAZZI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravi ragazzi mi raccomando continuiamo così sembriamo i ranghi e facciamo dell'Italia quello che si merita

      Elimina
  3. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2015/02/03/sitevideo-con-pilota-giordano-arso-vivo_a049bc4d-9658-4652-b734-3e9ac63b80f1.html


    CASAPOUND BALUARDO DI PATRIOTTISMO CONTRO IL DEGRADO JIHADISTA/PIDDINO. ....

    RispondiElimina
  4. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/04/inutile-illudersi-di-integrarli-non-accettano-lo-stato-laico-1.1374578



    IL PERICOLO DELL'ISLAM CHE MIRA AD ISLAMIZZARE IL MONDO CREDO SIA L'ARGOMENTO PRINCIPALE SU CUI DIBATTERE ASSIEME AL TENTATIVO DEI PERVERTITI DI DISTRUGGERE LA FAMIGLIA NATURALE.
    L'APERTURA DI ALTRE DUE SEDI OPERATIVE A CEPRANO E FOLIGNO SONO UN SEGNALE FORTE CHE I TEMPI SONO MATURI PER UNA MOBILITAZIONE GENERALE PER ARRESTARE IL DECLINO SOCIALE E POLITICO DELLA PATRIA ITALIA

    RispondiElimina
  5. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/03/moschea-crema-vescovo-favorevole-sostenere-arrivano-salvini-santanche/1390473/


    Il vescovo di crema fa da cavallo di Troia e perora la causa dei jihadisti tagliagole.
    Sarebbe da far visitare questo presule se non si rende conto di quello che dice da vescovo cattolico.
    Non era tenuto a dire questa baggianata e se la poteva risparmiare ma evidentemente c'è in giro un virus pericoloso anti cattolico che miete vittime anche all'interno delle proprie mura cattoliche.
    Nel mondo gli islamici cosiddetti moderati scacciano via da casa loro i cristiani e li perseguitano col corano in mano indicandoli come INFEDELI e questo vescovo suggerisce di farli attecchire proprio nella patria del Cattolicesimo che per me è blasfemia ed offesa e stupidità frutto di un folle BUONISMO e di una folle voglia suicida che accomuni tutto l'occidente.
    Ad intolleranti anti cristiani NOI dovremmo aprire le porte di casa nostra per farci massacrare in futuro.
    Ma fatelo stare zitto a questo vescovo un pò confuso e ditegli di mangiare meno CREMA se gli fa questo effetto....!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/04/in-america-lisis-recluta-adolescenti-con-la-complicita-delle-famiglie/1089770/



    ARGOMENTO IMPORTANTE SU CUI DIBATTERE

    RispondiElimina
  7. http://voxnews.info/2015/02/04/uccide-bandito-armato-di-kalashnikov-indagato/



    Molti tutori di giustizia pavidi hanno paura degli zingari e allora sono molto cauti con loro. Così come faceva la politica e le autorità siciliane quando la mafia dei VIDDANI di Cosa Nostra uccideva senza timore. Non tutti si chiamavano Falcone o Borsellino.!!!

    Viva casapound. ..!!!!!

    RispondiElimina
  8. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/04/unioni-civili-veronasi-tosi-a-registro_59d2e8e1-4a4d-41b3-baff-31e44c7a078d.html



    SE FLAVIO TOSI DELLA LEGA NORD DICE QUESTE STUPIDAGGINI ""APRENDOSI"" AI GAY ALLORA SIAMO FOTTUTI........!!!!!!!!!!!!!
    MI PIACEREBBE SAPERE IL MOTIVO DI QUESTO VOLTAFACCIA CONSIDERATO CHE SALVINI SEGRETARIO DEL CARROCCIO LA PENSA DIVERSAMENTE STANDO ALLE SUE ULTIME AFFERMAZIONI PUBBLICHE.
    NON VORREI FOSSE L'ENNESIMO CALABRAGHE MOLTO DIFFUSO IN POLITICA ED UN APPRECORINAMENTO ALLA ""LOBBY GAY "" CHE TANTA PAURA FA IN ITALIA ED IN VATICANO TRANNE AI MUSSULMANI CHE LI PERSEGUITANO E LI BUTTANO DAI PALAZZI. ALLORA HA RAGIONE CHI SI ARRUOLA TRA I CORANICI PER I QUALI LA OMOSESSUALITÀ È REATO GRAVISSIMO E CONSIDERA LA ETEROSESSUALITA' UNO DEI VALORI UMANI PRIMARI DA DIFENDERE STRENUAMENTE. IO DICO CHE STARE TROPPO IN POLITICA NON FA BENE AL POPOLO NORMALE SE POI DOBBIAMO ASSISTERE AD UN DIETROFRONT LEGHISTA DEL GENERE CHE OLTRE TUTTO È UN AUTOGOL POICHE' LA LEGA NON AVRA' PIÙ IL MIO VOTO SE SALVINI NON CHIARISCE AL PIÙ PRESTO QUESTA PRESA DI POSIZIONE DEL TOSI CHE DIMOSTRA DI FARE CONCESSIONI ASSURDE A QUELLI MA COL ""KULO"" NOSTRO.!!!!!!!!!!!!!!!
    CHE ROBA. ..!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia che schifo
      Pure la Lega se la fa sotto..!!!
      Dove sono i CELODURISTI? ????
      Anche loro non possono giudicare i gay facendogli sfasciare tutto? Allora lo facciano dichiarare a Salvini così ci regoleremo al momento del voto.
      Per me le DESTRA sarà solo quella che metterà nel proprio programma politico:
      ANTISLAM
      ANTI UNIONI CIVILI ED ADOZIONI X GAY

      Elimina
    2. Ben detto
      Concordo

      Elimina
  9. al di là delle solite frasi fatte che vengono utilizzate per interessi politici inconfessabili ci sono da registrare una serie di eventi che potrebbero tratteggiare un modo estremo di reagire della gente comune.
    Il successo continuo che riscuotono alba dorata e islam in giro per il mondo potrebbe non essere casuale o da addebitare solo a follie totalitarie dilaganti a macchia d'olio. Personalmente sono contrario a qualunque regime totalitario sia laico e sia teocratico e come me credo lo siano milioni di persone che però in questi ultimi anni assistono allo sgretolarsi di CARDINI sociali ed umani e familiari e politici ritenuti però dagli stessi quali fondamentali nella propria comunità occidentale basata su concetti esistenziali tradizionali. Succede molto spesso che a mali estremi ci siano rimedi estremi. C'è chi addebita ad ebrei ogni colpa attuale senza magari rendersi conto che proprio gli ebrei possono costituire un argine importante al dilagare di comunismo ateo ed islamismo intollerante. Basandomi sui fatti conosciuti attraverso i media mondiali ritengo che la affermazione politico/elettorale di Alba Dorata ritenuta presunta organizzazione neonazista e dell'islam come organizzazione religiosa neo/totalitaria possono costituire due facce della stessa moneta laddove tanti occidentali confusi e spaventati aderiscono a movimenti che magari vengono ritenuti capaci di rappresentare un baluardo al crescente degrado sociale dell'Occidente. Al netto di omicidi o di altri gravi reati commessi senza giustificazione razionale c'è da rimarcare il fascino che riscuotono sempre movimenti di rottura dell'esistente come per esempio lo sono anche e principalmente quelli anarcoidi ed antagonisti sovversivi che sembrano pero' non spaventare tanti progressisti anti nazisti anche nostrani. Se è vero che il nazismo ed il comunismo hanno rappresentato di fatto due calamità naturali e l'islamismo jihadista sembra rappresentare il male socio politico del XXI secolo non si capisce perché movimenti che si ispirano ad ideologie leniniste/staliniste o maoiste o troskyste o islamiche debbano essere tollerati da larghi settori della società cosiddetta civile solo perché si nascondono volutamente dietro etichette di un comodo anti nazismo mentre invece magari nutrono ed esplicano ideali e comportamenti anti sociali e antidemocratici palesati da fatti delittuosi di cronaca recente.
    Non sarà magari che tollerare centri sociali sovversivi o proselitismo islamico intollerante scambiandoli erroneamente come innocue manifestazioni del pensiero individuale ed associativo siano anche causa di questa reazione che porta ad invocare nostalgie fallaci tipo neonazismo o islamofobia da nuove crociate.????
    Lo stesso dicasi per l'islam che affascina sempre più gli occidentali per via delle musiche e dei film in passato girati in quei luoghi tanto diversi dai nostri europei. Neo comunismo e neo islamismo accettati inopinatamente in occidente potrebbero essere la causa di queste reazioni neonaziste o islamifobe. C'è un fritto misto di pro e contro qualcosa in ogni comportamento umano ma non bisogna sbagliare nell'etichettare come tout court folle questo bisogno di legalità e di difesa dei propri valori europei e giudaico/cristiani. Se Alba dorata in Grecia ha fatto eleggere 17 deputati un qualcosa significherà e bisogna capire bene cosa vuole di preciso la gente che li ha votati così come bisogna capire come mai milioni di italiani siano apparentemente xenofobi o islamifobi ma forse perche' spaventati da politiche immigrazioniste incontrollate e scellerate e da pericolosi atti di fiducia riposti in islamici che si presentano come pecorelle ed invece magari. .....!!!!
    Senza dimenticarsi della lobby gay che secondo me non ha buone intenzioni circa la visione corretta della famiglia e della società civile(unioni e adozioni).
    Riflettere su tanti fatti e misfatti non guasta.

    RispondiElimina
  10. CASAPOUND SI DA SEMPRE DA FARE PER STIMOLARE LE ISTITUZIONI A FARE SEMPRE MEGLIO NELL'INTERESSE DELLA COLLETTIVITA' E DELLA ECONOMIA MARCHIGIANA.



    http://www.rivieraoggi.it/2015/02/05/193777/casapound-sul-dragaggio-si-e-perso-troppo-tempo/


    CasaPound: “Sul dragaggio si è perso troppo tempo”

    5 FEBBRAIO 2015

    Con un comunicato viene espresso il disappunto dal movimento sambenedettese. “Più si continua a temporeggiare maggiori sono i rischi per l’incolumità degli equipaggi imbarcati”


    SAN BENEDETTO DEL TRONTO –

    CasaPound denuncia il troppo tempo perso e la mancata realizzazione del dragaggio promesso da circa due anni.
    “E’ di questi giorni la notizia dello stanziamento di soli due milioni di euro per il compimento dell’opera, cifra che rispecchia l’esatta metà di quella messa a disposizione dallo Stato al comune di San Benedetto del Tronto nel 2012 ma mai ricevuta a causa dell’eccessivo immobilismo della Regione, che non avrebbe mai dato il via libera alle operazioni di carotaggio, intervento propedeutico senza il quale i lavori non possono partire. E’ inammissibile – denuncia CasaPound – che quella che era la seconda marineria d’Italia dopo Mazara del Vallo, che tra le tante incognite di un settore primario che va avanti tra mille difficoltà, aveva la sola certezza dei quattro milioni di euro utili a risolvere questo gravoso problema, venga penalizzato con la decisione di questo dimezzamento di fondi”.
    “Sentendo il parere degli esponenti della marineria stessa – si legge nella nota -l’attuale situazione all’imboccatura del porto risulta sempre più pericolosa visto il livello della sabbia che si sta facendo sempre più alto. Ciò è dimostrato dai continui controlli da parte della Capitaneria di Porto sul livello dell’acqua e dal fatto che spesso i pescherecci sono costretti a dover uscire con meno carburante per ridurre il pescaggio in modo da superare il basso fondale, un ulteriore danno economico per la marineria e per tutto l’indotto considerate le meno ore di pesca e l’annuale stop forzato decretato dal fermo biologico della pesca già denunciato diversi mesi fa. L’opera, inoltre, è fondamentale non solo per migliorare la navigazione in entrata e in uscita ma anche per l’immagine dell’intera comunità portuale, cantieri navali compresi, i quali potrebbero beneficiare dell’ingresso in porto di imbarcazioni da riparare con tonnellaggi maggiori”.
    “Ci  chiediamo come sia possibile effettuare un buon lavoro con due milioni di euro di budget quando il dragaggio è stato progettato per una spesa doppia e fra quanto inizieranno i lavori, visto che più si continua a temporeggiare maggiori sono i rischi per l’incolumità degli equipaggi imbarcati. La nostra speranza – conclude CasaPound – è che la pesca e le attività portuali tornino ad essere un faro per l’intera comunità sambenedettese.............

    RispondiElimina
  11. siete l'unica speranza politica in questo degrado generale in cui sembra accodarsi pure la Lega col sindaco di Verona Tosi. .....!!!!

    RispondiElimina
  12. MAZZUCA E MAGDI CRISTIANO ALLAM PARLANO DI UN ISLAM PERICOLOSO ED IO GLI DO RAGIONE.


    http://blog.quotidiano.net/mazzuca/2015/02/06/quale-dialogo-con-lislam/

    6.2.2015


    di Giancarlo Mazzuca, direttore de "Il Giorno"

    Quale dialogo con l’Islam?

    Strana atmosfera, l’altra sera, ad Abbiategrasso: intervistavo Magdi Cristiano Allam, profondo conoscitore dell’Islam, in un pubblico dibattito organizzato da diversi Rotary lombardi, e, a sentire le risposte quasi apocalittiche del mio interlocutore, mi sono chiesto che ne sarà davvero di noi. Il dibattito si svolgeva nell’ex convento dell’Annunciata e, ad un certo punto, ho pensato che, di questo passo, stando a quanto affermato dal protagonista della serata, potrebbero non esserci più conventi, chiese o monasteri sulla faccia della terra. Allam non ammette mezze misure nella lotta al fondamentalismo islamico: di fronte alla terribile escalation degli ultimi tempi, non serve parlare, bisogna, invece, rispondere occhio per occhio, dente per dente. A suo parere, si rende necessario un intervento armato delle forze internazionali nei territori dell’Isis che si estendono a cavallo tra la Siria e l’Iraq e che rappresentano una minaccia sempre più incombente per tutto il mondo occidentale. Proprio perché siamo di fronte ad uno scontro planetario, secondo Magdi, anche la Russia e la Cina dovrebbero partecipare a questo sbarco interforze, via terra.
    Il giornalista di origine egiziane, che pure è stato battezzato, in San Pietro, da Papa Benedetto XVI, non lesina critiche neppure a Francesco e al cardinale di Milano, Angelo Scola, che continuano ad offrire l’altra guancia ai musulmani. Secondo lui, al di là dei fanatismi, il dialogo non è più possibile perché non possiamo trattare con l’Islam quando lo stesso Corano considera deviata la religione cattolica. In tal senso, aggiunge Allam, è sbagliato, dare via libera a nuove moschee, soprattutto in Lombardia che, anche in vista dell’Expo, è un territorio a rischio. Tutti ci auguriamo, ovviamente, che il collega veda più nero del dovuto. Resta il fatto che, dopo l’attentato alle Torri Gemelle e la morte di Bin Laden, si pensava che il peggio fosse davvero passato. Quello che è successo nell’ultimo mese, a due passi da casa nostra, deve, invece, farci aprire nuovamente gli occhi.

    RispondiElimina
  13. http://www.gonews.it/2015/02/06/fusione-tra-aeroporti-soddisfatta-casapound-solo-cosi-peretola-non-rimane-indietro/


    Fusione tra aeroporti, soddisfatta CasaPound: “Solo così Peretola non rimane indietro”

    06 febbraio 2015 16:01

    Firenze.

    “CasaPound Firenze esprime soddisfazione a seguito dell’approvazione in consiglio comunale del piano per la fusione tra le società aeroportuali di Firenze e di Pisa.
    CasaPound, infatti, negli scorsi mesi aveva messo in atto una serie di iniziative per sostenere lo sviluppo dello scalo cittadino ed aveva già espresso la propria soddisfazione soprattutto in relazione all’aumento delle possibilità di ampliamento della pista, pur chiedendo di vigilare su possibili speculazioni. “Esprimiamo soddisfazione per l’approvazione in consiglio comunale della fusione tra le due maggiori società aeroportuali della regione”- ha dichiararlo Saverio Di Giulio, Responsabile di CasaPound Firenze- “CasaPound si era già battuta negli scorsi mesi affinchè questo avvenisse, con la ferma convinzione che solo ampliando l'aeroporto di Peretola e integrando il bacino di utenza Toscano, la città potesse trovarsi pronta alle future esigenze turistiche, commerciali e fieristiche che la attendono. Riteniamo che Firenze non possa restare indietro, mentre le altre città concorrenti si muniscono di sempre più moderni e funzionali infrastrutture.” – prosegue Di Giulio – “La costruzione della pista da 2.400 metri e la conseguente possibilità di organizzare un piano di voli intercontinentali è divenuta una necessità imprescindibile, anche al fine di aumentare l’indotto e i posti di lavoro, nonchè nel migliorare le condizioni di vita dei cittadini di  Brozzi,Peretola,
    Quaracchi e Le Piagge. Se non procedessimo in questo senso, per la solita mentalità eccessivamente provinciale,che alcuni non sembrano voler abbandonare, Firenze rischierebbe di perdere sempre più quel ruolo di protagonista internazionale che invece le spetta storicamente di diritto”. “Certo dobbiamo stare attenti alle speculazioni – conclude Di Giulio – nella nuova società vorremmo che la partecipazione pubblica fosse maggioritaria, così da tenere a bada le aspirazioni di massimizzazione del profitto a tutti i costi dei soggetti privati, tutelando così il territorio e l’interesse comune prima di ogni altra cosa.”

    Fonte: CasaPound Firenze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fusione tra gli aeroporti di Pisa e Firenze è solo un affare del Partito Democratico, l'ultimo capriccio di un premier a capo di un partito che ha ormai fagocitato ogni cosa sul territorio nazionale. L'Aeroporto di Pisa, sesto scalo nazionale per numero di passeggeri, in futuro sarà legato a quello degli umori di un nuovo CDA intinto di politica modaiola. Che deciderà secondo ovvia convenienza geo-economica regionale. Non importa se a Peretola sarà un doppione di Pisa e un triplone di Bologna, non importa se Firenze è già ben collegata in TAV con Bologna e Roma Fiumicino, non importa che la UE sconsigli nuovi aeroporti nel raggio di 100 km, non importa che si calpesti la testa degli abitanti della popolosa piana di Prato e Sesto Fiorentino, non importa se gli aerei di Peretola passeranno vicino al Duomo di Firenze o a 55 metri dal suolo della Scuola Marescialli CC, non importa un potenziale rischio idraulico elevato, non importa spendere soldi dove non c’è bisogno, non importa che la Germania stia chiudendo le tratte sotto le tre ore di TAV. Proprio per questi motivi, ignorati, ci si aspetta che almeno chi non è interessato alla poltrona si metta di traverso a questa mostruosità nascente, a questo trasferimento di attività economica.

      Elimina
  14. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/02/06/il-mercato-dei-beni-rubati-ai-cattolici-oggetti-svenduti-e-libri-dati-alle-fiamme-1.1375286



    ECCO PERCHE' NEI PAESI OCCIDENTALI DOVREBBE ESSERE DICHIARATA ILLEGALE QUELLA COSA CHIAMATA ISLAM E MESSO ANCHE ALL'INDICE QUEL TRATTATO DI GUERRA CHIAMATO corano VISTO CHE INCITA ALLA VIOLENZA.....AMEN

    RispondiElimina
  15. PER ME È ILLEGALE OLTRE CHE INCOSTITUZIONALE CHE UN POLITICO ELETTO IN UN PARTITO VADA IN UN ALTRO PER INTERESSE DI CARRIERA............UNO SCHIFO...!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


    http://voxnews.info/2015/02/06/gli-8-assorbenti-del-pd/


    GLI 8 ‘ASSORBENTI’ DEL PD

    FEBBRAIO 6, 2015 

    Otto parlamentari di Scelta Civica, cinque senatori e tre deputati, aderiscono al Pd. Dicono si al Pd Stefania Giannini, Gianluca Susta, Alessandro Maran, Linda Lanzillotta, Pietro Ichino, Ilaria Borletti Buitoni, Irene Tinagli, Carlo Calenda. Facevano già parte del governo abusivo, quindi cambia poco, tranne il disgusto per gente votata in un partito che si trasferisce per opportunismo politico.
    “Il Pd renziano ha assorbito il centro della società prima ancora che quello politico”, dicono gli 8 assorbenti del partito fondato da Mario Monti. “Ha assorbito la base sociale ed elettorale di Scelta Civica”.
    Gli elettori non si ‘assorbono’, gli elettori si fanno votare. Renzi è il peggio della prima repubblica.

    RispondiElimina
  16. CI SONO MILIONI DI ITALIANI CHE DICONO ""NO"".


    http://voxnews.info/2015/02/06/conflitti-dinteressi-bergoglio-ringrazia-al-fano-per-accoglienza-spa/


    CONFLITTI D’INTERESSI:
    BERGOGLIO RINGRAZIA AL FANO PER ACCOGLIENZA.SPA

    FEBBRAIO 6, 2015 

    Bergoglio ha ringraziato il ministro dell’Interno, Al Fano, e i prefetti, ricevuti in udienza in Vaticano, per “l’impegno profuso da voi prefetti nel coordinare l’accoglienza delle migliaia di uomini, donne e bambini giunti sulle coste italiane”.
    Li ringrazia per avere fornito business alla Caritas e alle varie associazioni pseudo cattoliche delle quali il Vaticano è la holding.
    Gli italiani non voglio clandestini? Che si fottano, Angelino e prefettucoli che prendono centinaia di migliaia di euro all’anno di stipendio, eseguono altri ordini e altri interessi.
    “Rifacendomi a quanto detto dal Signor Ministro, vorrei esprimere viva riconoscenza per l’impegno profuso da voi Prefetti nel coordinare l’accoglienza delle migliaia di uomini, donne e bambini giunti sulle coste italiane”.
    Papa Francesco ha iniziato il suo discorso elogiando il “delicato compito” dei prefetti “di rendere presente in modo capillare sul territorio dello Stato l’autorità del Governo centrale, in particolare per quanto riguarda la tutela dell’ordine e della pubblica sicurezza. Ringrazio il Signor Ministro dell’Interno per le gentili espressioni, che a nome vostro mi ha rivolto”.
    Melassa disgustosa. Intreccio di interessi disgustosi. Ipocrisia disgustosa da parte di un uomo che ‘si congratula’ per la devastazione della società italiana, mentre lui, in Vaticano, di ‘profughi’ non ne accoglie nemmeno uno.
    E già che ci siamo, vi siete mai chiesti, come mai, NCD, il partito del figlioccio di Bergoglio.Spa, che è sotto il 4% a livello nazionale, abbia invece raccolto il 40% dei voti a Mineo. La cittadina del ‘villaggio per clandestini’ gestito da Mafia Capitale in cui lavorano 400 persone e che costa ai contribuenti 30 milioni di euro ogni anno?
    Al Fano ha deciso la collocazione, ha piazzato i suo omuncoli nella gestione. E ‘qualcuno’ pilota i voti.
    Bergoglio li ha chiamati – sceneggiata di Lampedusa – Al Fano li raccatta, mafiosi li gestiscono con cooperative rosse e Vaticano. Ce ne sarebbe abbastanza per fare una maxi retata.

    RispondiElimina
  17. FORZA CASAPOUND E A FANCULO I PROCI..!!!


    http://m.ilgiornale.it/blogpost/54/froci-italiani-muti-davanti-allislam/3251/


    3 Febbraio 2015

    Froci italiani muti davanti all'islam.

    Martedì 3 febbraio 2015 - senza santi in paradiso - Redazione SUD, Area industriale porto di Gioia Tauro Come se non fossero ricchioni anche loro. Come me e come centinaia di migliaia di altri omosessuali dalle Alpi all'Etna e anche più giù. Come se non avessero diritto ad amare, ad essere amati, a gioire di una carezza o solo della considerazione di amici, parenti, vicini di casa. Magari, dei colleghi di lavoro. O, ancora, dei propri concittadini e compatrioti. O, forse, il diritto di difendersi dalle offese o dalle ingiurie. Guardare negli occhi chi non li apprezza e chi li deride. Cercare di convincerli. O mandarli a fare in culo. Ai froci catturati dai boia neri dell'islam targato Isis non è concesso alcun diritto. Non è richiesto alcun dovere. Devono solo sperare di morire prima di crepare. Sperare che il loro dio li salvi dal dolore di una morte ignobile, facendoli spirare un secondo prima che si schiantino sul selciato quando vengono lanciati nel vuoto da un qualsiasi #figliodiputtana codardo e nascosto dal velo nero dell'ignominia del terzo millennio. Il tutto immerso nel silenzio colpevole di tutti i frociazzi snob arcobaleni italiani, truccati o acqua e sapone, operati e non, televisivi e radiofonici, blogger e giornalisti, con tonaca o senzadio. Brutti, politicizzati, sporchi nell'anima, silenziosi e complici, senza pietà, codardi e leccaculo di un islam senza legge e senza rispetto. Femminelle nello spirito e buoni solo a sculettare e a miagolare sulle tavole dei palchi di localacci notturni preambolo solo di corpose ficcate. Ballerinette da gaypub, apparruccate e gioiose solo di sfilare in cortei da carnevale osannanti all'orgoglio gay. Quale orgoglio, pezzi di fango? L'orgoglio di chi non alza un dito per denunciare questi massacri perpetrati al grido di Allah akbar?????? Vergogna! Vergogna! Vergogna! Non un sito gay, un giornale gay, un'associazione gay, un gay gay hanno ululato lo sdegno e la denuncia! E i froci come me, coraggiosi e con i coglioni di cemento armato, muoiono, intanto, in una terra che non è più di nessuno. Non è sicuramente più di D*o. Né di alcun uomo che si possa dire tale. Muoiono vestiti del silenzio di migliaia di sciocchini impegnati a sbaciucchiarsi nelle darkroom, avvolti dal buio delle loro tristi esistenze. Fra me e me.Gay mai.

    RispondiElimina
  18. Io non credo che i palestinesi di Gaza di ispirazione islamica siano da aiutare a meno che non dimostrino coi fatti di non essere asserviti ideologicamente al corano che certo non gli da una mano.
    Ognuno è libero di pensarla come gli pare ma è importante non alimentare e supportare il terrorismo jihadista.

    RispondiElimina
  19. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/06/cera-una-volta-alleanza-nazionale/1090667/

    6 Febbraio 2015

    C'era una volta Alleanza Nazionale.
    Sembra irreale che pochi anni fa la destra nazionale fosse al governo, così scarse sono le impronte che ha lasciato

    Marcello Veneziani

    Nessuno si è ricordato dei vent'anni della nascita di Alleanza Nazionale eccetto il suo fondatore e affondatore che ne ha scritto ieri un necrologio spiritico sul Corsera.
    Condivisibile l'auspicio di una rinascita della destra, ma è grottesco che a dirlo sia il serial killer delle destre. An aveva milioni di voti, era il terzo partito della cosiddetta Seconda Repubblica e per quasi metà della sua vita è stato al governo. Ma non è rimasto più nulla di An nella memoria degli italiani. Oggi sono affollate e commosse le celebrazioni-vintage dedicate ad Almirante e all'Msi, un partito più piccolo ed emarginato, ormai remoto nel tempo, mentre di An la traccia è sparita insieme al suo leader (la Meloni è vista come una baby new entry). Sembra irreale che pochi anni fa la destra nazionale fosse al governo, così scarse sono le impronte che ha lasciato. 
    Al più si ricordano due scomparsi prematuramente, Tatarella e Marzio Tremaglia. Sul piano storico forse l'unico ricordo del suo passaggio fu proprio la Giornata del ricordo per le foibe istituita su impulso di An. Sul piano legislativo si ricordano un paio di leggi come la Gasparri e la Cirielli, che non hanno però connotati di destra, e un paio di leggi di cui fu cofirmatario Fini – con Bossi sull'immigrazione e con Giovanardi sulla droga -, ma che lo stesso Fini poi rinnegò. Non si ricordano riforme targate An e in ogni caso nulla che rechi il segno di una destra sociale o nazionale, tradizionale o meritocratica. Un'occasione perduta. Dopo la fiamma neppure la cenere.






    commento
    Amara e triste constatazione della scomparsa di una DESTRA politica capace di rappresentare quegli ideali che sono la base del vivere civile.
    La Destra potrà risorgere come la Fenice dalle proprie ceneri a patto che i punti di riferimento ideali e patriottici vengano SCOLPITI sulla pietra della memoria vivente. Milioni di Italiani sono orfani di rappresentanza politica ed ogni che passa si ritrovano spaesati nel vedere tanta viltà e inconsistenza nei propri eletti ancora in Parlamento oppure nelle amministrazioni locali. Far perpetuare questo governicchio è un errore strategico che farà feriti e morti e lascerà cicatrici nel tessuto sociale nostrano. Siamo sempre in attesa di poter ritornare alle urne per cambiare le carte in tavola.

    RispondiElimina
  20. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/06/frequenze-tv-renzi-stacca-il-filo-a-berlusconi-1.1375276



    L'ERRORE DI BERLUSCA È STATO QUELLO DI IMBARCARE IN FORZA ITALIA EX DEMOCRISTIANI INVECE DI RAFFORZARE LA COMPONENTE DI DESTRA DEL POPOLO DELLE LIBERTA' ED IL RISULTATO SAREBBE STATO DIFFERENTE SE NON FOSSE ENTRATO NEL PPE CHE SI È RIVELATO UNA TRAPPOLA.
    IN FUTURO LA DESTRA DOVREBBE EVITARE DI ALLEARSI CON MAMMUTH DELLA POLITICA .
    VEDREMO COME ANDRA' A FINIRE.

    RispondiElimina
  21. http://www.liberoquotidiano.it/news/roma/11753388/Roma---l-anagrafe-trascrive.html

    COPPIE GAY FASULLE CON BAMBINI VERI INFELICI



    Mario Fucini
    Così procedendo, verrà il momento che sarà anche riconosciuto l'accoppiamento tra un essere umano ed un animale....poveri noi!

    Michelangelo Coelo
    IL DIRITTO DEL BAMBINO (PER LORO UNA COSA) AD AVERE UN PAPA' ED UNA MAMMA NESSUNO LO CONSIDERA?

    RispondiElimina
  22. http://www.intelligonews.it/bimbo-con-2-madri-registrato-a-roma-polemiche-e-voci-a-sostegno/



    IO QUASI QUASI MI PORTO A CASA UNA PECORA SARDA E CHIEDO A MARINUCCIA LA SINDACHESSA CHE CI UNISCA IN MATRIMONIO. .!!!

    RispondiElimina
  23. http://www.wikilao.com/jml2/index.php?option=com_content&view=article&id=807:isis-4-mire-e-addestramento-degli-islamisti&catid=117:cat-mondo&Itemid=492&lang=it


    LO STATO ISLAMICO ADDESTRA UOMINI FORTI E SPIETATI MENTRE I NOSTRI GIOVANI VENGONO INDIVIDUALI NEI GAY VILLAGE. ........È UGUALE? ??

    RispondiElimina
  24. Un uomo saggio di destra radicale non permette che la gramigna attecchisca nel proprio campo di grano.
    Buon lavoro a casapound.

    RispondiElimina
  25. ITALIANI CHE NON SI ARRENDONO...........


    http://voxnews.info/2015/02/06/candidato-sindaco-milano-i-torturatori-del-campo-nomadi-andrebbero-impiccati/


    CANDIDATO SINDACO MILANO: “I TORTURATORI DEL CAMPO NOMADI ANDREBBERO IMPICCATI”

    6 Febbraio 2015

    “Infami criminali, schiavisti, torturatori, stupratori e pedofili come gli zingari Ionut e Laurentiu Calin e la loro ventina di complici, andrebbero impiccati e lasciati penzolare come esempio per tutti”, è la durissima dichiarazione di Roberto Jonghi Lavarini, presidente di Progetto Nazionale Grande Milano e candidato sindaco alle primarie del centro destra.
    “I campi zingari di Via Gatto e di Muggiano vanno immediatamente sgombrati, rasi al suolo dalle ruspe e tutti gli occupanti (complici dei criminali) espulsi dall’Italia”, ha aggiunto.
    “Neanche la Romania li vuole più indietro? Mandiamoli al Polo Nord, in mezzo ai ghiacci, dove non possono infastidire altre popolazioni! La verità innegabile è che questi parassiti, in Europa, non li vuole più nessuno”.
    Progetto Nazionale Grande Milano, nelle prossime settimane, organizzerà dei presidi davanti ai campi rom di Milano, insieme ai cittadini italiani, di questi quartieri invasi dal degrado e dalla criminalità, per chiedere la chiusura di tutti i campi abusivi.

    RispondiElimina
  26. http://voxnews.info/2015/02/06/islanda-torna-il-tempio-di-odino/

    ISLANDA: TORNA IL TEMPIO DI ODINO

    FEBBRAIO 6, 2015 

     

    Dopo secoli, torna un tempio dedicato agli ‘dei nordici’ in Islanda.

    Sono infatti iniziati i lavori per la realizzazione del primo tempio dedicato agli idoli nordici: dal Medioevo se n’era persa traccia.
    Vi si potranno adorare Odino, Frigg e Thor e celebrare “matrimoni” e “funerali” secondo gli antichissimi riti, ha assicurato al quotidiano The Guardian il “sacerdote” della congregazione è Hilmar Öm Hilmarsson.

    Nel 1973 tale organizzazione contava 12 soli adepti. La situazione è rimasta stagnante sino al 1991, quando comunque risultavano aderirvi già 98 “fedeli”. Poi  un’improvvisa crescita di consensi sino ai 2.488 iscritti contati – secondo i dati ufficiali – il 4 giugno dell’anno scorso.

    Asatru è ormai considerata una vera e propria confessione religiosa in Islanda, Norvegia, Danimarca e Svezia, riconosciuta dai rispettivi governi. Non ancora negli Stati Uniti, benché anche qui sia presente da oltre quarant’anni.Pratica, oltre – prevedibilmente – al politeismo, anche il panteismo.
    Quando togli agli uomini la propria identità, questi vanno a ricercarla dove questa ha le radici più profonde.



    COMMENTO:

    Sto cominciando a pensare che con questo Bergoglio a capo della Chiesa ex cattolica, forse se ripristinassimo il tempio di Giove sul Campidoglio e quello di Marte Ultore e naturalmente quello della Giustizia, ci sarebbe un enorme numero di conversioni al paganesimo!!

    RispondiElimina
  27. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/06/scelta-civica-cestina-monti-salgono-sul-carro-di-renzi/1090482/


    6 Febbraio 2015

    Renzi si compra Scelta civica: il ministro Giannini e altri sette.













    E chi aveva votato Scelta Civica adesso cosa penserà' ? Che l'hanno preso per i fondelli.!!!!!!
    Evviva! Cestinare Monti è la seconda cosa intelligente che la ministra Giannini ha fatto. La prima ed unica fino ad ora, è stato mostrare le tette.
    ... e naturalmente la compravendita di parlamentari in questo caso è esclusa per definizione, vero? buffoni, con la "B"!
    QUANDO SI DICE VENDUTI AI MIGLIORI OFFERENTI UN GRUPPO DI FECCE CHE ORA S'IMMETTE NEL SISTEMA FOGNARIO AL SEGUITO DEL PD HANNO SOLO DATO FASTIDI E PROBLEMI ED ORA SONO TUTTI VOSTRI!!!!
    TRADITORI, MERCENARI.
    ..... e il mercato delle vacche continua. Solo il Berlusca è stato portato in tribunale per un mercato simile, agli altri, tutto è permesso.
    Questi mercati delle vacche devono finire, è assurdo che un parlamentare eletto in un partito passi ad un'altro. Se non gli sta più bene il suo partito, si dimetta, punto e basta. Sono alla stregua delle prostitute.
    che palle questa compra vendita di poltrone.. ma queste persone hanno una loro dignità o sono tutti come Alfano? tipico dei piccoli partitini..

    RispondiElimina
  28. LE BATTAGLIE CHE COMBATTE CASAPOUND E LEGA NORD SONO ANCHE LE MIE E LE CONDIVIDO.


    http://voxnews.info/2015/01/31/casa-in-regalo-ai-clandestini-protesta-la-lega/


    CASA IN REGALO AI CLANDESTINI:
    PROTESTA LA LEGA.

    GENNAIO 31, 2015

    RIVERGARO (PC) – La Lega Nord ha protestato questa mattina a Rivergaro, dove dalla prossima settimana, una decina di clandestini africani camuffati da profughi avranno in regalo un’abitazione di via Martiri della Libertà, vicino a via Roma.«In questa casa arriveranno ancora dei ‘profughi’. Questo governo – ha spiegato il segretario provinciale Pietro Pisani -, che ci sta facendo invadere dagli extracomunitari per distruggere la nostra società, ha stancato: è ora di dire basta all’invasione, e lo facciamo di fronte a questa villetta che ospiterà profughi serviti e riveriti alla faccia degli italiani che devono campare con 400 euro di pensione minima. Il prefetto fa logicamente il suo lavoro, difende la situazione Piacentina attuale, ma la realtà non è tanto bella: vediamo sui giornali tutti i giorni i problemi in termini di sicurezza e comunque sottolineiamo la disparità di trattamento tra profughi e italiani. La nostra società crea poco benessere e alcune cooperative si approfittano della situazione per lucrare. Roma Capitale insegna: ci sono associazioni che guadagnano sulla pelle di questi: è ora di dire basta, la realtà sta diventando drammatica».
    Presente anche il consigliere regionale Matteo Rancan_ «Noi siamo dalla parte dei cittadini, a loro non interessa discutere e prendersi a cuore il tema della sicurezza. Ci prendiamo volentieri le definizioni di “populisti” e “qualunquisti” se ciò significa – come crediamo – tutelare la sicurezza dei cittadini. Noi qua avremo dei profughi a spese nostre che comprometteranno la sicurezza dei rivergaresi: se il Pd vuole ospitare i profughi, inizi a farlo nelle sue sedi, o inizino a portarli al Quirinale insieme al nuovo presidente della Repubblica».
    Molti critici sul progetto di accoglienza gli esponenti della Lega Nord di Rivergaro, che puntano il dito non solo contro l’Amministrazione locale di centrosinistra, ma anche con le minoranze in consiglio comunale, ree di aver votato all’unanimità una delibera sull’accoglienza nei locali di via Martiri delle Libertà. «E’ una cosa vergognosa – tuona Giampaolo Maloberti – dovrebbero dimettersi tutti i consiglieri di minoranza del paese. Accettano supinamente l’arrivo dei profughi: dal Pd ce lo aspettavamo, quelli di sinistra la pensano così anche a livello nazionale, però che anche le civiche votino per accoglierli è una cosa fuori dal mondo». «Purtroppo anche qui si sta creando una situazione assurda – fa eco Edoardo Daturi – i giovani non trovano lavoro, gli anziani non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese e danno delle case gratis – con i nostri soldi – a questa gente che non li merita. È dimostrato che la gran parte di questa gente sono finti profughi, dobbiamo cambiare assolutamente».

    RispondiElimina
  29. Io sto con STACCHIO eroico benzinaio nel vicentino che ha difeso la vita di una gioielliera minacciata da criminali zingari armati di armi da guerra.
    Vergogna a tutti quelli che non lo sostengono.
    Viva casapound

    RispondiElimina
  30. http://voxnews.info/2015/02/05/anche-gli-ultras-con-stacchio-striscione-allo-stadio/


    ANCHE GLI ULTRAS CON STACCHIO: STRISCIONE ALLO STADIO

    FEBBRAIO 5, 2015 

    Sempre di più le iniziative di solidarietà a favore di Graziano Stacchio, il benzinaio eroe di Nanto, che dopo aver ucciso un rapinatore armato di kalashnikov è indagato per il ridicolo reato di ‘eccesso colposo di legittima difesa’.

    Il criminale morto è il solito zingaro.

    Dopo il sindaco di Nanto, che ha fatto stampare magliette con la scritta «Io sto con Stacchio»,  gli ultras del Vicenza hanno annunciato l’intenzione di esporre la stessa scritta sugli spalti dello stadio Menti sabato prossimo in occasione della partita con il Perugia. Una pagina Facebook di solidarietà ha già raccolto migliaia di «like», mentre sono centinaia le firme su un documento che viene fatto passare di casa in casa. A breve dovrebbe partire anche una raccolta di fondi per sostenere le spese legali e quelle relative alle consulenze che saranno necessarie per la difesa del benzinaio.
    Del resto, il delinquente è morto per una ferita alla gamba, e Graziano Stacchio, aveva detto fin da subito che non aveva intenzione di uccidere.
    «Ho mirato alle gambe solo per fermare il bandito che stava avanzando e che sparava».
    Quindi, mera fortuna.






    Io sto con Stacchio senza se e senza ma. .!!!!!!

    RispondiElimina
  31. IO NEL 2015 NON CAPISCO IL PERCHE' ITALIANI COME LA FRANCESCA INDELICATO DELLA COOP "LA MADONNINA" DI MASCALUCIA(CT) SI PRESTINO PER FINE DI LUCRO MA CON SOLDI PUBBLICI AD ALLEVARE IN CASA NOSTRA DELLE SERPI QUALI SONO QUESTI CLANDESTINI ISLAMICI AFROASIATICI CHE ALLA PRIMA OCCASIONE OFFERTA LORO INFRANGONO ALLEGRAMENTE LE LEGGI ITALIANE E VENGONO PURE "COPERTI" PER NON PERDERE IL TOT PREFETTIZIO GIORNALIERO. È UNO SCHIFO INACCETTABILE CHE ISTITUZIONI PUBBLICHE QUALI LE PREFETTURE DIANO FONDI PUBBLICI NON PER SOSTENERE GIOVANI ITALIANI BISOGNOSI MA PER STRANIERI NEMICI E PARASSITI. DOVRA' FINIRE PRIMA O POI QUESTO ASSURDO SPERPERO DI RISORSE PUBBLICHE.
    LA PRESA PER I FONDELLI È ANCHE QUELLA CHE TANTISSIME ONLUS IMMIGRAZIONISTE ABBIANO UN NOME CHE RICHIAMA LA RELIGIONE CATTOLICA E POI SERVONO PER MANTENERE PER ANNI IN ITALIA MUSSULMANI CHE POI INGROSSERANNO LE FILA JIHADISTE ANTICRISTIANE.........ROBA DA PSICHIATRIA..!!!!!!!!!



    http://www.lasiciliaweb.it/articolo/126029
    Scrivi alla redazione

    sabato, 07 febbraio 2015

    Venti immigrati trasferiti dalla struttura per minori al Cara di Mineo.


    MASCALUCIA (CATANIA) - 20 immigrati che hanno raggiunto la maggiore età sono stati trasferiti, su disposizione della Prefettura, dal Centro di accoglienza per minori non accompagnati "La Madonnina" di Mascalucia (Catania) al Cara di Mineo. Il trasferimento è avvenuto stamane, alla presenza di carabinieri e Polizia municipale, tra le proteste dei giovani, che ieri avevano manifestato davanti la Prefettura per chiedere l'immediato trasferimento in uno Sprar, e che stamane hanno bloccato il cancello di accesso impedendo l'uscita dell'auto del viceprefetto. Durante una visita al Centro il vice Prefetto ha potuto constatare le condizioni ottimali in cui vivono i giovani ospiti, che nei giorni scorsi avevano detto di non avere né cibo e né vestiti e di vivere condizioni igieniche non dignitose. 
    "Un lavoro come il nostro - ha detto la responsabile de La Madonnina di Mascalucia Francesca Indelicato - non può essere svolto senza la massima collaborazione delle istituzioni presenti sul territorio, che devono rendere veloci i trasferimenti, considerato che noi siamo struttura di prima accoglienza". "L'aiuto è arrivato solamente oggi, quando la tensione è stata visibile al viceprefetto - ha concluso - e siamo finalmente riusciti ad ottenere il trasferimento dei primi venti minori. Rimaniamo adesso in attesa, per la tutela di tutti, del trasferimento degli altri ospiti presenti".


    RispondiElimina
  32. BISOGNEREBBE ELIMINARE L'ARTICOLO 67 DELLA COSTITUZIONE CHE DÀ LA POSSIBILITA' AI PARLAMENTARI DI FARE I VOLTAGABBANA PER INTERESSE PERSONALE DI CARRIERA FOTTENDOSENE MAGARI DELLE CONSEGUENZE NEFASTE DELLA PROPRIA SCELTA PER I PROPRI ELETTORI ORIGINARI. UNA NORMA CHE DOVEVA SALVAGUARDARE LA LIBERTA' DI PENSIERO IN PARLAMENTO È DIVENTATA INVECE UNA SCAPPATOIA PER CHI NON HA SCRUPOLI ED ENTRA IN POLITICA PER CARRIERISMO DISGUSTOSO.


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/trasformisti-173-parlamentari-hanno-cambiato-casacca/1090865/

    RispondiElimina
  33. CASAPOUND DEVE FARNE UN CAVALLO DI BATTAGLIA DI QUESTA ESIGENZA DI MODIFICA...


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/trasformisti-173-parlamentari-hanno-cambiato-casacca/1090865/


    7 Febbraio 2015

    Sono 173 i parlamentari che, dal 2013 a oggi, hanno cambiato casacca.
    A ingrossarsi sempre più è il Pd......



    Commento...

    Quanto ha PAGATO Fonzie Renzi per comprare gli 8 "rottami" di Scelta Civica? Che nessun magistrato se ne preoccupi è cosa normale in Italia, ma le cosiddette opposizioni perchè non OCCUPANO il Parlamento ridotto ormai ad un supermercato di infima categoria??
    È proprio vero, più ci si avvicina all`equatore, meno ci si deve fidare della gente ???
    Tra le riforme costituzionali sarebbe ora di porre mano a vere e proprie porcherie come questi trasformismi! O dobbiamo pensarci noi? Certo però che sarà un modo molto ma molto cruento!
    A questo punto il voto del popolo non vale più niente, questi traditori ne fanno carne di porco alla faccia del popolo sovrano.
    Evviva! Quando lo faceva Berlusconi si chiamava compra-vendita, e tutti a dargli contro; ora che lo fa Renzi si chiama acquisizione di responsabili, e tutti a lodarlo. Questa è l'Italia...
    Meraviglia dell'altrui meraviglia. Quanto al partito di Monti mi pare di aver capito che il suo fondatore lo abbia abbandonato in quanto non aveva ottenuto il successo elettorale da lui atteso, per cui ha ritenuto di lasciarlo morire in quanto già senatore a vita. Però, se il furbetto riuscirà a modificare la costituzione limitando il periodo di servizio (7 anni?) dei nominati presidenziali, Monti dovrebbe "scadere" nel novembre del 2018. Le mozzarelle scadono prima, è vero, ma non fanno parte della casta.
    Non si possono mettere insieme i parlamentari COMPERATI da renzi, con altri parlamentari che, in momenti e situazioni totalmente diverse, scelsero la libertà e democrazia ed agirono solo per il bene del Paese, senza nulla chiedere per sé come i grandi Razzi e Scilipoti (d'altronde SILVIO, che aborrisce queste pratiche, nulla avrebbe concesso). Per amore di verità.

    RispondiElimina
  34. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/lallarme-dei-servizi-un-nuovo-asse-fra-ex-br-e-jihadisti/1090877/




    TANTE VOLTE NEGLI ULTIMI ANNI IN QUESTO BLOG È STATA MESSO IN RISALTO IL PERICOLO DI DARE SPAZIO E AGIBILITÀ POLITICA AGLI ISLAMICI IN EUROPA. ......ANCHE E SOPRATTUTTO A PALESTINESI E SIRIANI ANTIASSAD VISTO CHE POI SONO ANIMATI DAL COMUNE INTENTO CORANICO DI CREARE OVUNQUE IL ""CALIFFATO ISLAMICO"" CON CONSEGUENTE SCOMPARSA VIOLENTA DI TUTTI GLI ""INFEDELI"".....
    QUALCUNO AUTOREVOLE DI CASAPOUND SEMPRE IN QUESTA AREA DI DIBATTITO AVEVA
    OBBIETTATO CHE IL PERICOLO MONDIALE FOSSE IL SIONISMO OPPRIMENTE SCHIAVISTA E NON IL FONDAMENTALISMO TEOCRATICO ISLAMICO.
    LE MIE PERSONALI OPINIONI SONO STATE PIÙ VOLTE CRITICATE SENZA MOTIVAZIONI LOGICHE E SOCIOLOGICHE NÉ RISCONTRABILI.
    CHE GLI EBREI SIANO CON LE MANI IN PASTA CON GLI AFFARI FINANZIARI NTERNAZIONALI NESSUNO LO PUÒ NEGARE MA SIAMO SICURI CHE SIANO PROPRIO LORO A VOLERE LA 3^ GUERRA MONDIALE ED A FINANZIARE ATTIVITA' ILLECITE NEL CAMPO DEL TERRORISMO. .???
    IO DA TEMPO HO MATURATO L'IDEA CHE IL PIANO KALERGI ORIGINARIO ABBIA SUBITO UNA MODIFICA IN CORSO D'OPERA E CHE SIA DI FATTO FINANZIATO DA OCCIDENTALI ANTISIONISTI MA FILOISLAMICI. LA DIFFERENZA TRA SIONISMO ED ISLAMISMO, A MIO MODESTO MODO DI VEDERE, STA NELLA DIFFERENTE VISIONE DELLA VITA E DELLA SOCIETA'. PER GLI ISRAELIANI IO CREDO CHE LA SOCIETA' OCCIDENTALE PUR SE IMPERFETTA SIA BASATA SULLA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE E SULL'ILLUMINISMO NON/TEOCRATICO MENTRE PER I CORANICI VALE SOLO QUELLO SCRITTO DA MAOMETTO.
    L'ANTISEMITISMO DIFFUSO NEL MONDO È FINANZIATO ECONOMICAMENTE E IDEOLOGICAMENTE DAGLI ISLAMICI TRAMITE STATI ED ORGANIZZAZIONI AD HOC. NON BISOGNA ESSERE NÉ ANTISIONISTI NÉ ANTISLAMICI A PRIORI MA ANALIZZATORI DELLE VICENDE POLITICHE ATTUALI. È DA ANNI CHE IN EUROPA LA SX PSEUDOSOCIALISTA FA FINTA DI COMMEMORARE LA SHOAH ED INVECE DI FATTO È DA TEMPO SCHIERATA COGLI ISLAMICI PROPRIO CONTRO I SIONISTI. SE NON CAPIAMO CHE LA SINISTRA ITALIANA È A LIBRO PAGA DEI MUSSULMANI PER LE FINALITA' PREVISTE NEL CORANO CORRIAMO IL RISCHIO DI AGEVOLARE I JIHADISTI CHE PER ME SONO GLI ISLAMICI TUTTI COMPRESI I FINTI MODERATI. HANNO RAGIONE FALLACI E MAGDI ALLAM AD INDICARE NEI PAESI ARABI ISLAMICI I NEMICI GIURATI DELL'OCCIDENTE ED IO PERTANTO LA PENSO COME LORO. APRIAMO GLI OCCHI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.

    RispondiElimina
  35. ARTICOLO DA LEGGERE CON ATTENZIONE....



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/lallarme-dei-servizi-un-nuovo-asse-fra-ex-br-e-jihadisti/1090877/

    7 Febbraio 2015

    L'allarme dei servizi: un nuovo asse fra ex-Br e jihadistiI servizi segreti temono un asse del terrore tra ex brigatisti e terroristi islamici: dieci persone sotto controllo.

    Mario Valenza

    I brigatisti al fianco dei jihadisti. Sarebbe questo il nuovo asse del terrore che è pronto a colpire l'Italia. Sono dieci i nomi di ex brigatisti sotto stretta osservazione dei servizi segreti che potrebbero unirsi alla lotta per la guerra santa. Si tratta di ex br e di appartenenti all'estrema sinistra pronti a combattere insieme ai jihadisti contro il nemico comune dell'imperialismo e del sinionismo. Una miscela esplosiva di ideologie che potrebbe trovare terreno fertile proprio nel nostro Paese, nell'attesa che il governo vari finalmente un nuovo pacchetto di norme contro il terrorismo. Una lista di persone da sempre sotto controllo. E come racconta il Tempo, gli ex brigatisti da tempo avrebbero abbracciato l'islam per ricominciare a combattere in nome dell'antimperialismo e dell'antisionismo. Molte di queste cellule rosse pro-jihad, come riferiscono i servizi, vivrebbero ancora a Roma. E non è un caso che le minacce dell'Isis riguardino proprio la Capitale. Altri invece vivono nascosti tra Milano e Bologna, tenendo rapporti con gli estremisti islamici di casa nostra. Qualcuno di questi oltre ad aver avviato la conversione all'Islam, avrebbe anche rivestito ruoli di spicco all'interno delle organizzazioni islamiste.
    Finora però, va detto, per questi soggetti non c'è alcun riscontro di attività eversive finalizzate ad atti terroristici. Ma i rapporti tra i due mondi sarebbero testimoniate da un e-book dei jihadisti che lancia un appello agli estremisti di sinistra affinchè si uniscano alla lotta armata della jihad. Lo stesso Bin Laden qualche anno fa aveva affermato: "È lecito in questa battaglia che gli interessi dei musulmani si incontrino con quelli dei socialisti. Nonostante la nostra convinzione che i socialisti siano apostati". Insomma un appello chiaro alla lotta comune contro le "forze imperialiste" dell'Occidente. Un messaggio sinistro che ora potrebbe trovare risposta nei fatti. L'allerta terrorismo è ai massimi livelli sul territorio nazionale. E la paura che possa esserci un punto di incontro tra ex Br e jihadisti italiani potrebbe creare una situazione di massima allerta attorno a tutti gli obiettivi sensibili. Inoltre agli ex Br, nella lotta armata, potrebbero unirsi anche alcuni esponenti dei movimenti antagonisti. Soprattutto quelli provenienti dagli ambienti pro-Palestina. I servizi per il momento avrebbero la situazione sotto controllo. Ma di certo questi segnali e questi rapporti intrecciati due braccia del terrore non fanno diminuire il timore che i fatti di Parigi possano all'improvviso ripetersi anche in casa nostra.

    RispondiElimina
  36. http://www.055firenze.it/art/118787/Unioni-civili-persone-dello-stesso-sesso-sposate-allestero-possono-iscriversi-registro





    ZINGARI CRIMINALI
    CLANDESTINI FINTI PROFUGHI SPACCIATORI
    PROCI SFASCIA FAMIGLIA E PERVERTI/MINORI
    ISLAMICI JIHADISTI TERRORISTI ANTITALIANI


    TUTTI HANNO PRECEDENZA RISPETTO A ITALIANI PATRIOTI ONESTI IDENTITARI TRADIZIONALISTI....

    RispondiElimina
  37. Se ha reso omaggio alle vittime delle fosse ardeatine mi aspetto che il 10 febbraio renda omaggio alle vittime delle Foibe giuliano dalmate.
    Stiamo a vedere se ci sarà la par condicio. .!!!!!

    RispondiElimina
  38. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11753679/Mario-Monti---In-Europa.html


    Mario Monti:
    "In Europa potrebbe scoppiare una guerra"

    07 febbraio 2015

    Nel giorno del disfacimento della sua Scelta Civica, nel giorno in cui Mario Monti è rimasto solo, l'ex presidente del Consiglio è ospite di Lilli Gruber alla tramissione Otto e mezzo,. La giornalista, dopo aver parlato del vertice tra Francois Hollande, Angela Merkel e Vladimir Putin  sulla crisi in Ucraina, gli chiede: "C'è il rischio di una guerra in Europa?". Lui risponde senza esitare, con un sì convinto. "Il rischio c'è. Per ora speriamo che venga sventata una guerra tra Ucraina e Russia, ma dobbiamo stare molto molto molto (lo ripete tre volte, ndr) perché in Europa si sta creando un clima di conflitto, di incomprensione e di sfiducia".Il senatore Mario Monti, quindi non ha dubbio su quelle che sono le nuove sfide che aspettano l'Europa. Nonostante altri ospiti in studio lo smentiscono, un intervento del presidente della Repubblica francese subito dopo il vertice sembra dargli ragione. "Se la nostra proposta di pace fallirà, l’unico scenario è la guerra". L'accordo di pace tra l'Unione Europea Russia e Ucraina sembra dunque lontano. (leggi l'approfondimento su tutti i dettagli sul trilaterale). Anche la Merkel non sembra molto ottimista: "Dopo i colloqui di venerdì posso dire che è incerto che questi abbiano avuto successo, ma ha certamente avuto valore il tentativo". Oggi la diplomazia europea è ancora al lavoro ma sia dalle parole di Hollande che da quelle di Merkel si capisce che i margini di trattativa per evitare la crisi sono ridotti al minimo. 





    vanni44
    Non ne ha mai azzeccata una ! tranne farsi fare senatore a vita !


    ivmanara
    Poi mandiamo lui in avanscoperta a difenderci, insieme a suoi simili.


    beppazzo
    Dopo la sciolta Civica c'è rimasto un Monti di m..da

    flikdue
    Con quella faccia da menagramo.

    Giovanni Manzo
    Incredibile! L'Italia e l'Europa rischiano di entrare in guerra con la Russia solo per compiacere gli alleati (alleati???) americani. Come se non fossero bastate le autolesionistiche sanzioni, attuate dal lecchinissimo Renzi, che hanno messo in ginocchio tantissime imprese italiane, mentre hanno lasciato indifferente la Russia... 
    Ma la volontà dei popoli europei conta ancora qualcosa?

    Castelli Roberto Martucci...
    Bisognerebbe uscire al più presto dall'euro.
    Meglio soffrire ancora qualche anno con la lira,che entrare in guerra con la Russia.Non siamo più abituati alla guerra,immaginate se dovesse accadere,vedere la nostra Italia demolita dai bombardamenti,e poi per cosa? Per far piacere al porco oltre oceano? Per una guerra che non ci riguarda affatto?Ma che vadino tutti a cagare.In più se scoppiasse la guerra in Europa e noi fossimo neutrali,sono certo che la nostra povera lira acquisterebbe valore rispetto le monete delle nazioni in guerra.

    Daniele Fontanive
    Purtroppo in un malaugurato caso di conflitto con la Russia (che Dio ce ne scampi e liberi, che ci abbiamo lasciato più di 100.000 soldati nella seconda guerra mondiale), noi siamo in prima linea, per il semplice fatto che il Nord Est con le sue basi è il deposito atomico degli Americani, quindi un obiettivo militare preferenziale. Speriamo che chi di dovere rinsavisca e l'abbronzato Americano pensi ai problemi di casa sua e non li porti da noi in Europa che ne abbiamo già tanti nostri.


    Rodolfo Trombelli
    HA RACCONTATO BALLE QUANDO ERA AL GOVERNO E CONTINUA A RACCONTARE BALLE ANCHE ADESSO. MANDIAMO A FARE IN CU..O

    RispondiElimina
  39. http://www.liberoquotidiano.it/sondaggi/11741272/Dopo-le-stragi--secondo-voi.html


    Dopo le stragi: secondo voi è l'islam il problema?

    Sì, è l'islam
    71%


    No, è il fondamentalismo religioso
    23%


    No, il problema è l'Occidente
    6%


    Commenti

    Ancora ripeto. Leggete il Corano e la vita di Maometto, vi convincerete che uccidere per Allah è un dovere per ogni islamico che si rispetti. Milly Carlino.

    ivomoriconi
    Non ho mai pensato che un miliardo e duecento milioni di persone fossero tutti dei terroristi: Penso però che fra loro, come purtroppo è stato per i cristiani nell'epoca dell'inquisizione, ci sia molto fondamentalismo ed integralismo oggettivamente pericoloso. Lo dimostrano le uccisioni di donne da parte di genitori e fratelli, i problemi delle nostre ragazze spose di islamici. Islam = medioevo.


    masbalde
    Dobbiamo ancora aspettare qualche altra "lezione" dell'Islam all'Europa: i "democratici di sinistra" europei sono un po' duri di comprendonio, ma dopo che piangeranno anche i loro morti per mano islamica, cambieranno opinione ed allora partirà la "reconquista", con lacrime e sangue, tanto sangue.


    ABC1935
    L'islam e gli islamici sono per natura fondamentalisti ! Purtroppo se ne accorgeranno i nostri nipoti , e sarà troppo tardi ! L'imbecillità dei nostri politici , l'incapacità di reagire , la tolleranza e l' accondiscendenza alle pretese degli invasori islamici ci ridurrà entro pochi anni ad una "colonia araba " e probabilmente imporranno il Corano come libro di testo nelle scuole.

    RispondiElimina
  40. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/roma-la-cei-boccia-il-quartiere-a-luci-rosse-operazione-ipocrita/1090886/



    LA CHIESA CATTOLICA TRAMITE LA CEI INTERVIENE SULLE ATTIVITA' ETEROSESSUALI ED INVECE TACE. ..ECCOME SE TACE. ...SULLE PORCATE CHE LA SINISTRA PERVERTITA CONCEDE AI FINOCCHI ED ALLE LESBICHE CHE VORREBBERO TRASFORMARE L'ITALIA IN UN IMMENSO ""GAY VILLAGE""....!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  41. LA SINISTRA UTILIZZA I DELINQUENTI PER PROVOCARE GLI ONESTI E FAR LORO CAPIRE CHE NON DEVONO ROMPERE I COGLIONI AI LORO PROTETTI CHE SONO:

    1) ZINGARI
    2) CLANDESTINI
    3) ISLAMICI
    4) COOP MAFIOSE
    5) POLITICANTI CORROTTI DELLA SX
    6) FUNZIONARI CORROTTI
    7) FROCI PERVERTITI



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/il-benzinaio-che-ha-ucciso-il-rom-e-sotto-scorta/1090882/

    7 Febbraio 2015

    Il benzinaio che ha ucciso il rom è sotto scorta
    Il prefetto ha disposto misure di sicurezza per Graziano Stacchio.
    E la famiglia della vittima chiede il risarcimento.

    Non c'è pace per il benzinaio di Ponte di Nanto che per difendere una donna durante un rapina ha ucciso un rapinatore rom. La famiglia di Albano Cassol, il nomade autore della rapina poi rimasto ucciso, si costituirà parte civile per ottenere un risarcimento proprio dal benzinaio Graziano Stacchio. A raccontarlo è il Giornale di Vicenza che spiega come i magistrati abbiano aperto due fascicoli sulla rapina finita nel sangue: uno a carico di ignoti, gli altri componenti del commando che voleva rapinare la gioielleria Zancan, l'altro a carico di Graziano Stacchio, accusato, come è noto di "eccesso di legittima difesa". E ora la famiglia del rom alza la voce: "Chi ha sbagliato, sia sparando, sia con parole esagerate, deve pagare", ha detto la compagna Cristina. I due spiegano di "non sapere nulla del progetto di Albano e della rapina", di essere "amareggiati per la tragedia" e per le modalità con cui è avvenuta (Albano aveva avuto un passato difficile, spiegano, ma ora stava lavorando regolarmente), di non "mangiare e dormire più", ma di "volere giustizia".
     Poi si rivolgono ai politici: "Non attaccateci per la nostra etnia. Siamo anche noi razza Piave", sintetizzano. Da parte sua il benzinaio ha detto: "Non sono un eroe nè un giustiziere ho agito d’istinto pensando alla povera commessa sola", ha detto il benzinaio. "Prima ho urlato poi sono salito in casa a prendere il fucile, ho sparato in aria e quando uno di loro è venuto verso di me con il mitra in mano ho mirato alle gambe per difendermi. Non volevo certo uccidere". Intanto il questore di Vicenza ha stabilito che il benzinaio venga scortato. Una macchina delle forze dell'ordine staziona giorno e notte nel piazzale del distributore di benzina di Stacchio. La pattuglia può così osservare anche la casa di Stacchio, che si trova a fianco del distributore. 



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il benzinaio è stato un eroe da premiare con una medaglia d'oro al valore civile e apprezzo le iniziative di Regione Veneto e Comune di Nanto che stanno difendendo lo Stacchio dagli sciacalli in doppiopetto e toga pronti ad azzannarlo per avere osato uccidere un povero zingaro criminale in kalashnikov che stava solo rapinando una gioielliera..!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      ECCESSO COLPOSO DI LEGITTIMA DIFESA

      MA SIAMO MATTI...???????

      Elimina
  42. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/07/il-benzinaio-che-ha-ucciso-il-rom-e-sotto-scorta/1090882/


    7 Febbraio 2015

    Il benzinaio che ha ucciso il rom è sotto scorta
    Il prefetto ha disposto misure di sicurezza per Graziano Stacchio. E la famiglia della vittima chiede il risarcimento.

    Franco Grilli







    Commenti



    ASPIDE 007
    ...Se mai ve ne fosse ancora bisogno,ora è acclarato,
    i cittadini italiani, onesti e laboriosi, ossequiosi delle leggi e regolamenti, sono alla merce' dei criminali, questo è quanto il Governo Renzi ed il Ministro degli Interni, negano spudoratamente perché incapaci di prendere provvedimenti. Il nostro Paese si risolleverà dalla crisi, nel momento stesso in cui metterà i criminali nelle condizioni di non poter più nuocere e l'Autorità di Pubblica Sicurezza della Provincia nelle condizioni far uso di idonee misure Amministrative per la prevenzione dei delitti. Il nomade forestiero e pregiudicato, va rimandato al suo Paese e cosi gli altri pregiudicati non cittadini.


    Giovanni Aguas Buenas PR
    Vivo a Puerto Rico (USA) e i miei vicini sono oltre che americani di altre nazionalita'. Parlando con alcuni di loro di questo fatto tutti sono rimasti increduli che in un paese che si reputa civile ci possano essere famigliari di delinquenti che possano anche solo pensare a chiedere i danni perche' il loro congiunto e' morto compiendo una rapina. Continuo a vergognarmi di essere italiano.



    polonio210
    Più che alla razza Piave appartengono alla razza degli avvoltoi.Ma chi può credere che non sapessero nulla di ciò che il loro congiunto faceva.Mi aspetto che la magistratura indaghi, la famiglia del delinquente abituale,per il reato di autoriciclaggio in quanto i proventi dei reati commessi saranno stati utilizzati dal nucleo familiare.Se il benzinaio viene messo sotto protezione vuole dire che si pensa che i parenti,del criminale ucciso mentre armato di una arma da guerra dava l'assalto ad una gioielleria,siano potenzialmente portati a delinquere:perciò non sarebbe il caso di allontanarli dal comune inviandoli in soggiorno obbligato lontani dal paese a tutela del benzinaio e di quanti lo sostengono?



    Chaperout
    Come ho già detto è giusto che i familiari del lavoratore chiedano un risarcimento. Si tratta pur sempre di una persona morta sul lavoro. Quello che mi lascia perplesso e dubbioso è se l'INAIL riconoscerà il rischio in itinere ed anche se il capo impresa sia in regola con le quote d'iscrizione INAIL e con la percentuale ISTAT?



    gianni2
    Volere giustizia? Agli zingari solo 1 cosa interessa: prendere soldi rubando, rapinando, o appoggiandosi a qualche avvocato indegno e ad un magistrato altrettanto indegno, per far passare gli onesti come criminali e loro, i rom, come brave persone.



    asalvadore@gmail.com
    Quando ero bimbo mi avvertivano di stare lontano dai zingari. Evidentemente niente ée cambiato dal lontano 1930.



    HEINZVONMARKEN
    ALTRA DOMANDA: LA FAMIGLIA DELLA VITTIMA CHIEDE RISARCIMENTO PERCHè HA PERSO UNA FONTE DI REDDITO?



    titina
    i rom comincino a risarcire x tutti i danni che hanno fatto e che fanno ai cittadini italiani patriottici.



    baio57
    Oggi i "cocomeros" sinistrati del "volemose bene" non commentano. Dopo la spesa alla Coop ,tutti alla sezione di quartiere ,tra un "bella ciao" e una briscola chiamata.



    Giorgio Rubiu
    Si fa un gran parlare di eccesso di legittima difesa a proposito di un cittadino che, da solo, ha affrontato, con un fucile da caccia (a pallini e di gittata limitata), quattro delinquenti armati di Kalashnikov che sono fucili da guerra di lunga gittata ed alta potenza. Semmai direi il contrario: eccesso di ILLEGITTIMA OFFESA da parte dei delinquenti in questione.

    RispondiElimina
  43. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/08/ce-un-video-il-benzinaio-si-e-difeso/1090979/

    8 Febbraio 2015

    C'è un video: il benzinaio si è difeso.
    Le telecamere confermano: Stacchio ha risposto al fuoco dei banditi. Ma ora si temono ritorsioni

    Marino Smiderle

    Vicenza
    La fortuna del benzinaio più twittato dagli italiani sta nelle telecamere. Non quelle delle decine di tv che in questi giorni lo hanno lanciato sulla ribalta nazionale proponendolo come eroe o, per i familiari del nomade ucciso dopo la tentata rapina a Nanto (Vicenza), come giustiziere, bensì quelle installate da Robertino Zancan titolare della gioielleria presa di mira dai banditi. È grazie a questi filmati che emerge un dettaglio, fondamentale: Graziano Stacchio ha sparato per legittima difesa.

    Secondo quanto trapela da ambienti investigativi, dai primi fotogrammi e dall'audio del video ricavato dalle telecamere di sorveglianza viene confermata la versione data dal benzinaio sessantacinquenne. Si sente il rumore del primo colpo sparato in aria dallo stesso Stacchio, si vedono i banditi sorpresi da questa imprevista e imprevedibile reazione da parte di un cittadino che sceglie di non girarsi dall'altra parte. E poi si vedono malviventi fare fuoco ad altezza uomo in direzione della pompa di benzina. A quel punto Stacchio risponde col suo fucile e, presumibilmente, colpisce Cassol. La legittima difesa c'è tutta: se uno mi spara addosso ho tutto il diritto di rispondere. È da qui che partiranno gli avvocati del benzinaio di Nanto per convincere il giudice a respingere l'accusa di eccesso di legittima difesa, reato per cui adesso è indagato («È un atto dovuto», ci tiene a precisare la Procura) quello che Jenny, la commessa che era sola in negozio durante l'assalto della banda, ricorderà sempre come l'uomo che le ha salvato la vita.
    Intanto, giusto per confermare che in Italia diverse cose vanno alla rovescia, polizia e carabinieri hanno istituito un servizio di vigilanza continua alla casa di Stacchio e al suo distributore. Non la definiscono una scorta, nel senso che il benzinaio è libero di andare dove vuole, ma il senso è quello. La sfilza di precedenti penali della vittima 41enne, che andava in giro a rapinare gioiellerie con a casa una moglie incinta e quattro figli, è piuttosto lunga e pericolosa, se così si può dire. Insomma, le forze dell'ordine hanno fondati motivi di ritenere che Stacchio corra più di qualche rischio. «Io sono distrutto per aver provocato la morte di un uomo - ripete sconsolato l'esercente a tutti coloro che vanno a fare il pieno da lui - ma la mia coscienza è a posto. Volevo salvare Jenny dalla follia di quei banditi. Spero che si mettano una mano sulla coscienza».
    «Se non ci fosse stato lui - conferma l'interessata - non so come sarebbe andata a finire. Sono stati momenti di terrore, a un certo punto mi sono trovata sola con un rapinatore imbufalito perché avevo chiuso la “bussola” intrappolando il complice. Per fortuna è intervenuto Graziano».
    Se nel Basso Vicentino le iniziative a favore del benzinaio non si contano e l'altra sera la squadra di calcetto di Longare ha giocato con la scritta “Io sto con Stacchio” ben visibile sul petto, a Fontanelle (Treviso), nel piccolo campo nomadi dove viveva Cassol, il clima è molto diverso. «Denunceremo il benzinaio, il sindaco e tutti quei politici, a cominciare dall'onorevole Santanché, che hanno rovesciato un mare di odio su di noi - attaccano i parenti della vittima -. Non siamo criminali, lavoriamo duro. E non ci va di essere chiamati rom. Siamo nati qui, siamo anche noi “Razza Piave".

    RispondiElimina
  44. Onore a Stacchio e disonore ai difensori fetecchiosi di quei banditi zingari in kalashnikov

    RispondiElimina
  45. http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/lecce/cronaca/15_febbraio_06/insulti-politici-destra-lecce-torna-tensione-a48adb92-ae0f-11e4-a00c-40ecd522cee0.shtml


    6 febbraio 2015

    Offese alla Manca: 8 indagati

    LECCE - C’è un primo risultato nelle indagini, avviate dalla Digos a settembre dello scorso anno, sulle offese e gli insulti nei confronti dell’allora vicepresidente della Provincia di Lecce, Simona Manca. Otto persone sono indagate per diffamazione. Avrebbero accusato la Manca, ex esponente di Alleanza Nazionale e attuale consigliera provinciale del Pdl-Fi, di aver sostenuto il raduno di CasaPound e di essere simpatizzante del movimento di destra. E così il procuratore aggiunto di Lecce, Antonio De Donno, ha chiuso l’inchiesta. Gli otto indagati, che fanno parte dell’area antagonista della città di Lecce, ora rischiano il processo. Simona Manca si costituirà anche parte civile in un eventuale processo.
    Nel centro storico di Lecce sono comparsi altri manifesti contro alcuni politici accusati «di avere simpatie con i movimenti ritenuti fascisti». Manifesti con insulti anche abbastanza pesanti, che hanno già fatto scattare un’indagine da parte degli agenti della Digos della Questura di Lecce. Nel mirino, dunque, sono finiti in primo luogo Saverio Congedo, consigliere regionale del Pdl-Fi e cognato del sindaco di Lecce Paolo Perrone, e Simona Manca, ex vicepresidente della Provincia di Lecce in quota Pdl-Fi ed attuale consigliera a Palazzo dei Celestini. Insulti anche per l’ex sindaca di Lecce, Adriana Poli Bortone, ed il deputato europeo della Lega Nord, Mario Borghezio. «Sono storie che appartengono al passato, un revival ormai estinto dalla fine degli anni ’60. Questi poveretti evidentemente non sanno che fare e rivangano fantasmi del passato», è stata la reazione di Adriana Poli Bortone.
    Secondo fonti investigative i manifesti contro i politici sarebbero collegati ai fatti avvenuti nel settembre scorso quando a Surbo ci fu la festa nazionale di CasaPound. Ai convegni presero parte anche Congedo, Poli Bortone e Borghezio. Manca non ha mai negato le sue «simpatie politiche» per il movimento. In quel periodo Congedo e Manca furono sottoposti anche ad un sistema di vigilanza discreto dopo altri manifesti contro di loro. Il 6 settembre dello scorso anno a Lecce ci fu un corteo di protesta degli antagonisti che provocò terrore in centro. Muri imbrattati, negozi chiusi, bombe carta tra passanti e turisti: sfilarono anche una quarantina di giovani incappucciati, vestiti di nero ed armati di bastone. Le indagini si sono concluse con 38 indagati.

    RispondiElimina
  46. MERDA FINTA ANTIFA EVERSIVA E FILO ZINGARI LADRONI ALL'OPERA PER VOMITARE TUTTO IL LIVORE SCONCIO CHE HANNO NEL LORO CERVELLETTO BACATO...


    http://m.lecceprima.it/cronaca/prima-del-raduno-degli-antagonisti-citta-invasa-da-manifesti-offensivi.html


    Fanno pena questi derelitti mentali succubi di una SPECTRE antitaliana che li usa e getta come dei rifiuti quali sono.
    Qualunque movimento patriottico ed identitario va sostenuto ed apprezzato.
    Verra' il momento della resa dei conti storica ed elettorale per arrestare il degrado voluto e supportato da Pd Sel M5s Sc Ncd.

    RispondiElimina
  47. QUESTA CHIAVICA ANTAGONISTA ROSICA E PAGA


    http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/homepage/lecce-manifesti-contro-politici-salentini-no790832



    Lecce, manifesti offensivi contro politici salentini
    «Non sanno che fare»

    LECCE – Una decina di manifesti contro alcuni politici salentini di centrodestra sono stati affissi su alcuni muri della città, in particolare nel centro storico, nella zona di Porta Rudiae e Porta San Biagio e nei pressi del cinema Massimo. Sui manifesti ci sono le foto dell’ex sindaco di Lecce Adriana Poli Bortone, del consigliere regionale Saverio Congedo e del vice presidente della Provincia di Lecce Simona Manca.
    Accanto alle fotografie le frasi "I fascisti a Lecce hanno molte facce... e sono tutte facce da c...", oppure "No al fascismo di ogni risma ed epoca", con accanto la foto del leghista Mario Borghezio camuffato da gerarca nazista e tratta dal raduno nazionale di Casapound dello scorso settembre. Anche la foto in cui è ritratta Poli Bortone risale al raduno dello scorso 7 settembre, dove l’ex esponente di An è ritratta mentre stringe la mano a Borghezio. I manifesti sono stati rimossi da agenti della Digos che ora indagano per risalire ai responsabili.

    L'ipotesi è che il gesto possa essere riconducile al recente avviso di conclusione delle indagini preliminari notificato dalla procura di Lecce a 38 presunti appartenenti a gruppi antagonisti, protagonisti dei disordini in occasione del corteo antifascista che si tenne a Lecce mentre in contemporanea si svolgeva il raduno di Casapound nelle campagne di Surbo.
    "Sono storie che appartengono al passato, un revival ormai estinto dalla fine degli anni '60. Questi poveretti evidentemente non sanno che fare e rivangano fantasmi del passato". E’ il commento dell’ex sindaco di Lecce, Adriana Poli Bortone, in merito ai manifesti apparsi oggi in città che ritraggono anche l’ex primo cittadino accanto a scritte offensive.

    RispondiElimina
  48. Mascalzoni immigrazionisti mafiosi continuano a raccattare finti profughi per il nordafricana per lucro e porcherie varie e il popolo italiano non viene informato perché se ne fottono.
    Fortuna che c'è qualcuno che si oppone a questo schifo suicida. Milioni di italiani sono senza lavoro né soldi né prospettive positive per il futuro ed il governo nazionale si preoccupa di stranieri come un padre di famiglia traditore dei suoi figli. Vergogna..!!!



    http://www.oknovara.it/news/?p=113803

    Domenica, Febbraio 08, 2015


    Profughi a Galliate: il sindaco dice un altro “no” alla richiesta del Prefetto

    GALLIATE  7 FEB – Galliate dice no al terrorismo. Ma con sfaccettature decisamente diverse. Che sono emerse chiare, lo scorso giovedì, quando il Consiglio comunale si è trovato a discutere l’ordine del giorno presentato dal capogruppo della Lega Nord Claudiano Di Caprio (e sottoscritto dagli altri componenti del gruppo, Cristina Borioni, Luigi Carnevale e Pier Carlo Storzini), che è “passato” con sette voti favorevoli, cinque no dalla minoranza e tre astensioni provenienti dai banchi della maggioranza (Rigorini e Visconti di Forza Italia e il presidente del Consiglio Bozzola).
    E se il sindaco Davide Ferrari fa sapere di aver risposto un altro secco “no” alla richiesta della Prefettura che sondava la disponibilità dei Comuni ad accogliere ed ospitare gruppi di profughi che continuano a sbarcare sulle coste italiane («Galliate risponde no! – dice Ferrari – Il problema degli sbarchi va affrontato a monte…. Non deve essere scaricato sugli enti locali!»), a bocce ferme, in un comunicato stampa, la Lega spiega e riafferma il senso del suo documento. «Oltre alla solidarietà alle vittime», ritiene «fondamentale sottolineare il messaggio insito nella mozione: “tenere alta la guardia  per salvaguardare i diritti che sono alla base del principio della democrazia e del libero pensiero”. L’incontrollato accesso al nostro paese, legittimato dal  Governo  per meri interessi di poltrona, presta il fianco all’ingresso di soggetti che potenzialmente possono far germogliare il seme dell’odio e dell’intolleranza verso i concetti fondanti di democrazia che sono i cardini del nostro Stato. Non è con sporadiche ed occasionali azioni di espulsione che si previene il problema, ma con un continuo ed incessante controllo del territorio. Come gruppo Lega Nord riteniamo di aver espresso il pensiero dei cittadini che ci hanno accordato la loro fiducia  e crediamo   di molti altri ancora che sappiamo condividere le nostre idee in materia di controllo dell’immigrazione».
    E se dunque il sindaco e il suo gruppo politico sono perfettamente in linea, non così per l’opposizione. «Chi potrebbe dire di non essere d’accordo nel condannare gli atti terroristici? – ha dichiarato Laura Meda, capogruppo Pd-Pse – Ma questo documento travalica questa intenzione e va ben oltre. Qui non si tratta di parlare della sicurezza di Galliate, ma di fare il processo alle intenzioni, giustificato dalla paura. Per stanare i terroristi dobbiamo avvalerci del contributo di soggetti che hanno fatto scelte diverse e non integraliste». «Al di là della condanna al terrorismo – ha aggiunto Cosimo Bifano – questo è un ordine del giorno molto politico, nel quale sono contenuti passaggi che mi lasciano molto perplesso».
    Il sindaco ha appoggiato il documento presentato: «Se Galliate è una città sicura, è anche grazie all’azione condotta dall’Amministrazione e dalle forze dell’ordine. Ed è esattamente questo che l’ordine del giorno chiede: di non abbassare la guardia e di continuare sulla strada tracciata, avvalendoci degli strumenti che la legge ci mette a disposizione».

    Laura Cavalli

    RispondiElimina
  49. LE INIZIATIVE COSTANTI DI CASAPOUND A DIFESA DELLA SICUREZZA DEI CITTADINI VIENE FATTA PROPRIA DA UN COMITATO DI CITTADINI DI TRECATE STUFO DI SUBIRE REATI PERPETRATI DA ZINGARI E CLANDESTINI CRIMINALI.


    http://www.oknovara.it/news/?p=113849

    Domenica, Febbraio 08, 2015


    Trecate: nasce il Comitato “Trecate città sicura”

    TRECATE, 8 FEB – “Nelle ultime settimane molti trecatesi ci hanno purtroppo segnalato numerose rapine, aggressioni e furti in abitazione”. A rivelarlo sono Federico Binatti e Giovanni Varone, consiglieri di minoranza del Nuovo Centro Destra.
    “Il numero dei delitti compiuti a Trecate – sostengono i due consiglieri – è infatti in costante aumento negli ultimi tre anni e si è passati da 946 nel 2011 a 963 nel 2012 fino a 1009 nel 2013. Il totale dei furti registra un altro aumento, sono passati da 399 nel 2012 a 477 del 2013. Le 12 rapine del 2013 rappresentano addirittura un dato superiore a quello di altri comuni della provincia di Novara. La nostra città non è affatto un’isola felice, anzi necessita di politiche per la sicurezza incisive e immediate e abbiamo deciso così di essere promotori di una politica fattiva di sicurezza e non fatta da soli proclami e apparenze, costituendo il Comitato “Trecate Città Sicura””.
    “Riteniamo doveroso – continuano Binatti e Varone – mettere da parte le bandiere politiche e costituire un Comitato per dare voce alla sacrosanta protesta di migliaia di trecatesi che ci hanno contattato in questi giorni e che intendono impegnarsi in prima persona. Il comitato sarà aperto a tutti senza inutili divisioni politiche o partitiche. Abbiamo il dovere di lavorare insieme per il bene e la sicurezza della nostra città. Siamo pronti ad ascoltare consigli, proposte o suggerimenti e nelle prossime ore comunicheremo la data e il luogo per la prima riunione ufficiale del comitato. Abbiamo già alcune idee, ma ovviamente confrontandoci in modo sereno potremo sviluppare nuovi progetti".

    RispondiElimina
  50. Giovinezza al potere

    RispondiElimina
  51. http://www.fanpage.it/diede-dell-orango-alla-kyenge-calderoli-assolto-dalla-giunta-del-senato/



    CALDEROLI HA RAGIONE A DIRE CHE È BRUTTA

    RispondiElimina
  52. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/08/accusato-e-scortato-litalia-chieda-scusa-a-quel-benzinaio/1091012/


    8 Febbraio 2015

    Accusato e scortato. L'Italia chieda scusa a quel benzinaio.
    Il benzinaio è indagato per eccesso colposo di legittima difesa. Ma la difesa della propria e dell'altrui vita non è mai eccessiva né colposa.


    Commenti


    Perché meravigliarsi? siamo in Italia è così che vanno le cose da noi, uno si difende, gli sparano addosso raffiche con un kalashnikov ed egli risponde. con un fucile da caccia, indagato per eccesso di legittima difesa, e poi per non fare mancare niente, i parenti del rapinatore chiedono i danni e minacciano denunce a tutti quelli che hanno l'ardire di chiamare delinquente quell'onesto rapinatre disturbato mentre lavorava, oramai sono troppo vecchio senno avrei già fatto i bagagli per emigrare verso paesi seri, non paesi da barzellette come il nostro, se volete un altro esempio delle stupidità della magistratura, eccolo, a Padova uno spacciatore libico accoltella due carabinieri che vogliono arrestarlo, è accusato di tentato omicidio, il fermo è convalidato, ma quel bravo ragazzo viene rimesso subito in libertà, il magistrato lo dichiara non pericoloso, questa è l'Italia !!
    Vien voglia di andarsene da questo paese di merda!
    Io sono ormai un cittadino di una nuova Italia. E così dico: - ai gioiellieri, lasciate la porta aperta, i preziosi sul bancone e quando vengono i rapinatori andate al bagno; - ai rapinatori, non vi affannate, venite con il tassì, scendete, entrate, prendete il ben tolto ed andate dai ricettatori; - ai poliziotti state tranquilli, non arrestate nessuno perché il carcere è antidemocratico; - ai cittadini, pari miei, non usciamo più di casa e non spendiamo oltre il necessario così qualcuno non incassando più il mal tolto avrà meno stipendio, più fame e quindi comincerà a pensare. Ma se pò annà avanti così?
    HANNO CONSEGNATO L'ITALIA QUESTI SINISTRI ALLA MALAVITA INTERNAZIONALE AGLI ZINGARI E AGLI ESTREMISTI DI SINISTRA. SCHIFO DI ITALIA. SE POI UNO SI DIFENDE INTERVIENE IL SOCCORSO ROSSO CON I CODICI PER BLOCCARE LA LORO POLITICA.
    Ora i sindacati debbono intervenire per difendere un onesto rapinatore armato ucciso sul posto di lavoro e far rimborsare profumatamente dall'assassino benzinaio tutti i familiari (praticamente tutti i ROM)della innocente vittima.....O no!!!!
    Tutta la solidarietà a questa persona,ed il conforto,per tutti gli anni che dovrà vivere sotto queste continue minacce ed abusi,che il SISTEMA gli ha provocato,e continuerà a provocargli.Questa è l'italia purtroppo!Sig.Graziano Stacchio,spero solo che lei,prima del fatto,non abbia dato il voto per tanti anni,a coloro che in pratica,l'hanno messa in questa condizione!!
    Signor Stacchio sono con lei come tanti onesti cittadini.
    Un abbraccio sincero a Graziano Stacchio. Questa Italia non ti merita. L'Italia non si merita il Veneto.
    In questa italietta, chi è arrestato per omicidio, dopo qualche annetto e già in libera uscita, con qualche escamotage, messo in pratica con abilità, ma spesso in modo poco onesto, dai nostri buoni avvocati, che paghiamo noi contribuenti. L’assassino dovrebbe soffrire le pene dell’inferno in carcere e non bivaccare tutto il giorno, a spese di noi poveri italiotti. Un grazie di cuore al nostro beneamato pannella, radical chic, che vuole tutti i suoi amici a spasso fuori dalle carceri (alberghi a 5 stelle).
    L'Italia e la migliore Nazione del mondo , come geografia e come bellezza storica,, ma purtroppo e' vittima di una politica corrotta, insaziabile e incontentabile, sempre ad offendere il Sovrano Cittadino, per suo intento di guadagni. Ed e' ovvio che le leggi sono a favore per chi delinque,, perché chi delinque è anche il legislatore e, i magistrati idem. Cosa possiamo fare?? Saluti

    RispondiElimina
  53. http://voxnews.info/2015/02/07/migliaia-di-sauditi-infila-per-stringere-la-mano-a-fotografia-del-re-video-esilarante/





    Che l’Islam sia la religione delle popolazioni meno intelligenti del globo non è una supposizione, è un dato di fatto. Se prendete una mappa sul QI globale e poi una sulla popolazione islamica globale:
    Noterete che più le popolazioni sono intelligenti, meno islamici ci sono. Poi c’è l’Africa negra (o sub-sahariana come usano dire i pc), ma lì è tutta una storia a parte.

    RispondiElimina
  54. Per me l'omosessualità è una grave malattia da curare e i pervertiti individui da tenere a bada altrimenti fanno solo porcate indicibili.
    Credo di interpretare il pensiero di milioni di persone normali.

    RispondiElimina
  55. ISIS E SINISTRA EUROPEA SONO ALLEATI ADESSO



    http://www.ilvelino.it/it/article/2015/02/07/lisis-si-infiltra-tra-i-migranti-per-entrare-in-spagna-e-in-europa/efbcf7ab-b10e-4822-8b42-bb7d5de291b8/



    L'Isis si infiltra tra i migranti per entrare in Spagna e in Europa i jihadisti usano le rotte del traffico di esseri umani per entrare in Europa.

    07 febbraio 2015

    I combattenti jihadisti dell'Isis si "nascondono" tra i migranti per entrare in Spagna e in Europa usando le rotte del traffico di esseri umani. Lo scrive il quotidiano spagnolo El Pais che rende nota un'informativa elaborata lo scorso anno prima degli attentati a Parigi da parte della polizia spagnola. Il documento fotografa "la minaccia" con un dato: si stima che siano tra "i 30 e i 100 mila i miliziani dall'Europa" che combattono con l'Isis, sebbene altre informazioni abbassino la cifra a 4.000. La prima rotta - quella africana - viene impiegata principalmente dai siriani di etnia curda. Si trasferiscono a Melilla e raggiungono la Spagna per poi dirigersi verso la Germania e la Francia, oppure partono dalla Mauritania per imbarcarsi in direzione delle isola Canarie e da lì verso la penisola iberica. La rotta sudamericana viene privilegiata da immigrati provenienti dalla Siria e dall'Iraq che passando attraverso la Turchia e la Grecia si dirigono poi in Brasile, Perù, Venezuela e Colombia. Successivamente migrano verso la Spagna ed infine in Europa centrale. La rotta europea infine viene usata dai pachistani e dagli afghani. Arrivano in Spagna facendo scali in alcuni Paesi europei come Germania ed Italia. Ma la loro meta finale è il Regno Unito. I combattenti stranieri che rientrano in Europa - la maggioranza con esperienza in armi ed esplosivi - costituiscono una delle principali preoccupazioni per i governo dei Paesi europei. Il loro "rientro in Europa, dopo avere combattuto tra le fila dell'Isis in Siria ed in Iraq, viene reso possibile grazie ai documenti falsi che queste organizzazioni forniscono loro". L'informativa aggiunge che il profitto per queste organizzazioni è "incalcolabile" ed è "superiore al traffico di cocaina", considerato il fatto che ogni migrante paga tra i 6 e i 10 mila euro per ogni viaggio. La nota aggiunge poi che una parte di queste attività serve anche per finanziare lo Stato Islamico.


    RispondiElimina
  56. L'islamizzazione dell'Europa procede a spasso spedito ed i maledetti governicchi tipo Renzi Fonzie fanno di tutto per agevolare il genocidio delle origini giudaico/cristiane del Vecchio Continente.
    Comportamento folle da cavallo di Troia e di tante TROIE che in passato strillavano di odio nel vedere tante belle e giovani pulzelle alla corte del Berlusca e che adesso anelano di indossare il burqa in nome di uno smarrito ma ritrovato ruolo della donna in quel tipo di società tribale e cioè:

    INFIBULATA DA BAMBINA
    PLAGIATA
    SCHIAVIZZATA E SPOSATA A 12 ANNI
    SCAMBIATA COME FOSSE UNA PECORA
    ISTRUITA A FARE SOLO LA GRAVIDA
    SOTTOMESSA AL MASCHIO POLIGAMO
    PRIVA DI DIRITTI GIURIDICI PRIMARI
    SCHIAVA DEL VOLERE DELL'UOMO
    RIPUDIABILE PER SOLO VOLERE MASCHILE
    NON PUÒ DENUNCIARE IL MASCHIO
    DEVE SUBIRE ANGHERIE IN FAMIGLIA X CORANO
    NON PUÒ ABORTIRE IN CASO DI VIOLENZA
    NON PUÒ OPPORSI MAI A VIOLENZE SESSUALI

    Se le femministe avevano in mente nel terzo millennio di ritornare ad essere schiave totali del maschio tanto valeva non fare nessuna stupida rivoluzione sessantottina...!!!!!!!

    Oppure è il desiderio di avere accanto a sé maschi con la M maiuscola e non EUNUCHI come invece ne è pieno l'occidente depravato? ???

    RispondiElimina
  57. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/09/rauti-adesso-riuniamo-tutte-le-destre-1.1376086


    Se dal congresso di Fiuggi in poi si è rinnegato tutto il rinnegabile da parte di politici che tuttora sono in attività appare poco credibile che gli stessi parlino di identità di destra smarrita. ..!!!!?????
    Li mortacci vostri!!!!!!....siete stati voi a tradire la Patria e adesso vorreste rifilarci un'altra Polpetta avvelenata. .???????
    Io non vi credo più e non mi affido a chi è stato GIUDA anche solo una volta.
    Si deve riformare la classe politica di Destra e solo movimenti come Casapound oppure Forzanuova possono esprimere ideali di VERA DESTRA RADICALE..... la sola capace di arrestare il degrado socio politico ideale della PATRIA NEGLETTA..

    RispondiElimina
  58. ALLEANZA TRA ISIS E MAFIA FRANCESE X TENERE SOTTO SCACCO LA POPOLAZIONE ONESTA E PATRIOTTICA. ...




    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/09/colpi-kalashnikov-bloccato-quartiere-ma_70fb1f59-d529-4423-ba60-f0d780cd722c.html



    Colpi kalashnikov, bloccato quartiere Marsiglia.
    Lo scrive il sito internet di La Provence


    09 febbraio 2015

    (ANSA) - PARIGI, 9 FEB - Un quartiere di Marsiglia, la Castellane, è stato totalmente bloccato dopo che diversi testimoni hanno parlato di uomini incappucciati che "sparano in aria" col Kalashnikov: è quanto scrive il sito internet di La Provence. Secondo LaProvence.com, "una quarantina di agenti si sono posizionati nella rotatoria del Grand Littoral di Marsiglia, dopo che diversi testimoni hanno allertato la polizia sulla presenza di uomini incappucciati che sparano in aria con i kalashnikov".

    RispondiElimina
  59. http://voxnews.info/2015/02/09/guardia-costiera-va-in-libia-per-prenderci-105-coloni-africani/


    Guardia Costiera va in Libia per prenderci 105 coloni africani

    febbraio 9, 2015

    I collaborazionisti della Guardia Costiera italiana sono andati fino in acque libiche per raccattare oltre 100 coloni su un barcone. Sono tutti ospiti graditi dal business coop-vaticano.
    I mercantili Bourbon/Argos e Saint Rock che navigavano in zona si sono portati sul luogo dell’avvistamento, insieme a due motovedette provenienti da Lampedusa, a bordo delle quali i clandestini sono stati trasferiti. Tutta l’operazione è avvenuta a spese dei contribuenti italiani.
    In mattinata l’arrivo nel porto di Lampedusa. In tempo per il breakfast.

    RispondiElimina
  60. http://voxnews.info/2014/09/20/salerno-clandestini-sbarcano-con-smartphone-e-tablet/


    Salerno: clandestini sbarcano con smartphone e tablet

    Ecco i famosi profughi che scappano da miseria e guerra, ben vestiti e con smartphone e tablet alla mano.  Appare evidente che questi sono nient’altro che clandestini benestanti che, furbescamente, si proclamano rifugiati, ma che in realtà approfittano della stoltezza delle autorità italiane per invadere l’Italia e usufruire di una vacanza nel Bel Paese, gentilmente offerta dallo scafista di Stato Al Fano.
    Come Vox ha riportato in un articolo precedente, i veri profughi sono solo il 3% di chi sbarca: perché gli altri non vengono espulsi immediatamente?
    Perché questa invasione è voluta, è stata programmata dal governo attualmente in carica. Il Piano Kalergi si sta compiendo pro/islam???
    Ecco il video di Salernonotizie.it

    RispondiElimina
  61. http://voxnews.info/2015/02/09/estremisti-islamici-citano-bergoglio-la-pensa-come-noi-foto-video/


    ESTREMISTI ISLAMICI CITANO BERGOGLIO: ‘LA PENSA COME NOI’

    febbraio 9, 2015

    Inquietante che i fanatici islamici che oggi hanno manifestato circondando la sede del governo britannico, citino con i loro cartelli, accanto a Maometto e alla censura anche Bergoglio. Qualcosa non torna.
    O si sbagliano loro, o Bergoglio è uno ‘strano’ Papa.

    RispondiElimina
  62. http://identità.com/blog/2014/03/29/lo-studio-quartieri-multietnici-intrinsecamente-caotici-e-alienanti/

    Lo Studio: ‘Quartieri multietnici intrinsecamente caotici e alienanti’
    I politici e gli amministratori dovrebbero essere interessati a creare contesti che promuovano il senso di comunità. Se fossero buoni politici e buoni amministratori, e se avessero come stella polare il benessere dei propri cittadini.
    Vi avevamo già parlato degli studi del professore di Harvard, Pinker, nei quali il ricercatore evidenziava – suo malgrado – la degradazione dei rapporti interpersonali e di comunità all’interno di società e quartieri multietnici. Ora è uscita una ricerca che va ancora più in là.
    Un recente studio teorico ed empirico ha scoperto che un quartiere nel quale si applichino politiche di ‘integrazione residenziale’ – ovvero si mettano insieme diverse etnie – in quello che è un nuovo esperimento sulla pelle delle persone per ‘promuovere la diversità’, impedisce la formazione di reti interpersonali forti che sono necessarie a promuovere il senso di comunità. In sostanza: più tenti di mischiare persone dall’identità etnica differente, più ottiene una società disgregata e un ambiente disgregante e alienante.
    Questo spiega molto bene la condizione di degrado di molte periferie europee.
    Usando modelli agent-based per simulare quartieri e le relazioni sociali all’interno degli stessi, lo studio ha cercato di comprendere se la dialettica tra comunità e diversità emerge da due principi di formazione dei rapporti: omofilia e prossimità. Il risultato suggerisce che quando le persone formano rapporti con gli altri, simili o vicini, i contesti che offrono opportunità di sviluppare un rispetto per la diversità sono diversi dai contesti che favoriscono il senso di comunità.
    Tradotto, significa che ‘diversità’ – eufemismo per società multietnica – e senso della comunità sono incompatibili. Non puoi averle entrambe. O hai una, o hai l’altra.
    Il buon governante dovrebbe leggere certi studi – che poi rispecchiano il senso comune – e non basarsi sulle idiozie che si legge dai vari sociologi da salottino televisivo. Ma abbiamo un dubbio – in realtà più di un ‘dubbio': e se fosse proprio questo, il desiderio dei nostri politici: instillare la diversità nella società per disgregarla e dominarla? Insomma, chi ci governa o è scemo o è un criminale.
    Poi, possiamo fare un ulteriore passo logico, e riconoscere che una società disgregata e senza legami forti è, anche, una società violenta e disordinata. Chi non sa chi è, è intrinsecamente più violento di chi conosce se stesso. Di chi ha legami forti.
    Basti osservare i paesi come il Brasile o il Venezuela. Solo una forte dose di controllo dello Stato evita scivolino nel caos più assoluto.
    E forse è proprio questo che vogliono i nostri politici, trasformarci in una sorta di ‘venezuela’, per poi stringere la vite del controllo politico sulla nostra già misera libertà.

    RispondiElimina
  63. http://identità.com/blog/2014/01/24/societa-multietnica-danneggia-la-creativita-soprattutto-negli-antirazzisti/


    Società multietnica danneggia la creatività: soprattutto negli ‘antirazzisti’.

    Roy YJ. Chua, della Harvard Business School, è uno dei pochi accademici a produrre seri studi sull’argomento della multiculturalità e della diversità etnica o razziale nella società.
    In un suo articolo apparso nel numero corrente della Academy of Management Journal – “The Costs of Ambient Cultural Disharmony: Indirect Intercultural Conflict in Social Environment Undermine Creativity” – mette in evidenza la difficoltà – e quindi i costi sociali ed economici – di convincere persone di diverse nazionalità e background culturali a co-operare.
    Nella migliore delle ipotesi, la differente cultura è in grado di produrre “ansia interculturale”, nel peggiore dei casi il conflitto è totale. i fanatici della multiculturalità ritengono che la ‘diversità’ può produrre creatività, il problema è che produce attrito. E allora la questione è: la creatività è tale da valere il conflitto che genera?
    Noi sappiamo già che le società multietniche tendono alla disgregazione, e sappiamo anche dagli studi di Pinker, come questo tipo di società siano sfilacciate e disordinate. Invivibili a livello comunitario.
    Ora, Chua sostiene che la creatività in contesti multiculturali è altamente vulnerabile a ciò che egli chiama “disarmonia culturale ambientale”. La tensione tra le persone su questioni culturali, inquina l’ambiente, lo rende ‘disarmonico’, e quindi, finisce per ridurre la “creatività multiculturale”, cioè la capacità delle persone di vedere non ovvie connessioni tra le idee di diverse culture. In poche parole: il conflitto.
    E attenzione, Chua dice anche che questa “disarmonia culturale” ha il suo impatto più forte sulle persone che si considerano come ‘aperte’. Perché le persone dalla mentalità meno aperta si aspettano le tensioni culturali. Mentre le persone dalla mentalità aperta – potremmo dire xenofile – vivono di teoria e non si aspettano tensioni, finendo così, per reagire ad esse con più forza. Ironicamente, gli studi di Chua hanno scoperto che le uniche persone che non sono colpite a livello di creatività dai conflitti culturali, sono proprio quelle meno aperte, diciamo pure i ‘razzisti’. Affascinante.
    Ha provato questa tesi in tre studi.
    In tutti e tre gli studi, i soggetti che avevano una maggiore esperienza di un ambiente di lavoro con una disarmonia culturale – ambiente di lavoro multietnico – sono risultate meno creative.
    Ma pensa......

    RispondiElimina
  64. http://identità.com/blog/2013/11/09/perche-le-societa-multietniche-sono-inferiori-e-tendono-alla-disgregazione/


    Le società multietniche sono inferiori e tendono alla disgregazione.

    "il Dio dio conduce sempre il simile verso il simile".

    Una nuova ricerca conferma le parole del cieco che vide negli occhi degli eroi: si è più propensi a fidarsi di qualcuno che ci somiglia.
    Lo studio, pubblicato in Psychological Science da parte di psicologi della Royal Holloway University, dimostra che riteniamo le persone degne di fiducia, se percepiamo la loro faccia essere simile alla nostra.
    Ed è qualcosa di talmente radicato nel nostro cervello, e quindi frutto dell’evoluzione, da funzionare anche in senso inverso. Infatti, nel caso di ‘fiducia tradita’, noi percepiamo il colpevole come ‘dissimile’ da noi anche se non lo è.
    Il team del Dipartimento di Psichiatria della Royal Holloway ha utilizzato un programma per computer per fondere il viso di ogni volontario con altre due facce.
    Hanno chiesto ai partecipanti di decidere quanto del loro volto era stato usato per creare le due “persone” prima che di giocare una partita con tutte e due le ‘persone informatizzate’.
    Nel gioco, una persona informatizzata avrebbe tradito la fiducia del partecipante, mentre l’altra no.
    Una volta che il gioco è stato completato i partecipanti sono stati nuovamente invitati a votare quanto della loro faccia era contenuto in ciascuna delle due facce computerizzate.
    Indipendentemente da come fisicamente simili i volti erano in realtà, i partecipanti hanno indicata la ‘persona’ che era più degna di fiducia durante il gioco come più simile a loro. E’ il classico ‘effetto collaterale’ di un istinto giusto che ci ha permesso di sopravvivere all’evoluzione: fidarsi del simile è risultato vincente, altrimenti non saremmo qui a testimoniarlo e il tratto evolutivo non sarebbe sopravvissuto.
    Il ricercatore Harry Farmer dice: ‘Recenti studi dimostrano che quando una persona è simile a noi, crediamo automaticamente sia affidabile.
    Inutile dire quale importanza sociale abbia questo studio e quanto grandi siano le implicazioni, integrandolo agli studi di Pinker sulla disgregazione sociale delle società multietniche. Una società omogenea è una società dove gli individui hanno fiducia tra loro, una società multietnica perde questo legame fiduciario e conduce alla disgregazione. Il risultato è il declino economico, morale e la balcanizzazione delle città.
    Quindi, se il nostro futuro è, come vogliono i nuovi moralisti della società multietnica più ‘diverso’, allora sarà anche un campo di battaglia. E un luogo dove solo il più forte, e il meno ‘etnicamente compromesso’, dominerà su una massa di individui litigiosi che si pugnalano alle spalle.

    RispondiElimina
  65. http://identità.com/blog/2012/01/24/societa-multietnica-e-democrazia-incompatibili/


    Società multietnica e Democrazia: incompatibili

    Per esempio la Germania, che ha in mano i destini dell’euro e anche per ragioni politiche interne ha tutto l’interesse a sostenere la candidatura di Istanbul. Nella Repubblica federale tedesca risiedono 2 milioni 800 mila turchi, oltre 500 mila dei quali hanno diritto al voto. E il prossimo anno in Germania ci sono le elezioni.
    Capita di leggere un articolo, poi un passaggio che nulla ha a che fare con il tema in questione, en passant, senza coglierne la gravità. Il giornalista neanche si rende conto, dell’enormità che sta scrivendo, tanta è, ormai, la totale inconsapevolezza che i media hanno della realtà.
    Basterebbe questo trafiletto per far capire come, società multietnica e democrazia siano tra loro incompatibili.
    Immaginiamo un paese dove vi sono Turchi, Curdi, Pakistani, Cinesi e Indiani: come potrebbe decidere della propria politica estera in modo da privilegiare il suo interesse nazionale?
    Anzi, esisterebbe ancora un “interesse nazionale”? O esisterebbero tanti e frammentati “interessi etnici”, incompatibili tra loro?

    Ps. Riguardo alle Olimpiadi, a Roma sia risparmiato questo nuovo “sacco”. E a noi l’ennesimo sperpero di denaro nostro.
    Non dimentichiamo che, sono state le Olimpiadi di Atene a dare il colpo di grazia alle finanze greche.

    RispondiElimina
  66. http://identità.com/blog/2012/03/13/il-mito-della-societa-multietnica/



    1^parte. ......


    Il mito della società multietnica

    Quando i giornalisti e i politici parlano di immigrazione e di società multietnica pensando di trattare un discorso totalmente differente, è lì che il loro vero pensiero si manifesta.
    Si potrebbe credere siano in malafede, e dicano la verità solo quando sfugge loro.
    Sbaglieremmo. I sacerdoti della società multietnica credono in quello che dicono, o meglio, pensano di crederci.
    Il lavoro di “autoconvincimento” e “autocorrezione” che hanno fatto su se stessi, li ha portati sinceramente a “soffocare” la propria idea del mondo per sposarne una più “moderna”. Così, il loro vero pensiero riposa ormai sotto una spessa coltre di auto-propaganda e sopravvive, solo dove il cervello nasconde tutti i sentimenti e le pulsioni che rimuoviamo, nell’inconscio.
    E proprio dall’inconscio, il loro vero pensiero fa capolino, ogni qualvolta il cane da guardia del senso di colpa si addormenta.
    Se parlate con uno xenofilo, un politico o giornalista qualunque, questo vi dirà che la “società multietnica” è una cosa meravigliosa, e che la “diversità”, rende una comunità “più forte”.
    Se però prendete il discorso a giri larghi e concentrici, allora, e solo allora, il vero pensiero dell’ospite si manifesterà.
    Vi troverete così difronte, la stessa persona che perora due tesi completamente opposte: vi dirà che dobbiamo importare immigrati perché le differenze “arricchiscono” la società e poi, che per mettere in difficoltà l’Iran si deve agire sulle faide e gli odii etnici. E come ogni schizofrenico che si rispetti, non si renderà conto dell’irrazionalità che sta dietro queste due inconciliabili assunzioni.
    Questo capita ogni giorno in tv o sui giornali: lo stesso “esperto”, analizzando la situazione libanese ne metterà in luce l’intrinseca instabilità legata alla “frammentazione etnico-religiosa” e poi, in un articolo del giorno dopo declamerà le bellezze della società multietnica.
    Non è colpa loro. Sono mentalmente dislessici.
    Quindi non è sorprendente leggere sullo stesso giornale, il Corrierino, sia l’esaltazione della Cittadinanza agli immigrati, che un articolo, dove si mette in guardia contro gli individui dalla doppia cittadinanza perché “infidi”.
    Quando non sono “concentrati” sul razzismo-antirazzismo, ragionano, e parla la mente, non il “censore automatico” che hanno scordato di attivare:
    Se poi siano dei gusci vuoti è un altro discorso. L’intelligence occidentale, infatti, segnala che Pechino ha problemi nel «riprodurre» mezzi con le identiche prestazioni. Comunque ci prova. E se per caso gli americani perdono qualcosa, loro sono lì pronti a fotografare. Lo avevano fatto in Serbia, nel 1999, quando un F-117 era stato abbattuto e di recente hanno contattato i pachistani per dare un’occhiata ai rottami dell’elicottero speciale andato distrutto nel raid per uccidere Bin Laden. Possibile anche che gli iraniani gli diano la possibilità di esaminare «la Bestia», il sofisticato drone Usa planato nel deserto. Doni caduti dal cielo che rendono la vita meno dura ai cacciatori di segreti. Che altrimenti devono sgobbare e stare in campana. Perché alcuni dei «lavori» non sono remoti, svolti alla tastiera di un computer. Ma sul campo. E sono affidati a coppie di insospettabili, molti con la doppia cittadinanza, che vanno a vivere tra le dolci colline californiane e il più vicino possibile alle fabbriche strategiche. Conoscono un ingegnere, lo «coltivano», magari lo seducono con soldi o con le curve di una bella ragazza.

    http://www.corriere.it/esteri/12_marzo_13/spie-cinesi-rubano-l-aereo-invisibile-guido-olimpio_6907c74c-6cdb-11e1-b7b3-688dd29f4946.shtml[/nbnote]


    E’ ovvio che l’antirazzismo e la xenofilia siano due artefatti del pensiero moderno che non hanno alcuna base biologica, ma solo una disfunzione “emotiva”.
    Altrimenti non si spiegherebbero certi paradossali esempi.

    RispondiElimina
  67. http://identità.com/blog/2012/03/13/il-mito-della-societa-multietnica/


    2^parte.....

    Il mito della società multietnica.
    ............................................

    Ovviamente noi non abbiamo bisogno delle dichiarazioni “dal sen fuggite” degli “esperti”: che la società multietnica sia un campo di battaglia, lo comprende chiunque abbia un minimo di razionalità.
    Che la “diversità” è una debolezza e non una forza, lo ammetterà chiunque non sia un fan sfegatato del sadomasochismo.
    Questo, oltre ad essere “vero” intuitivamente, è anche stato provato a livello scientifico.
    Lo studio condotto dal Findlandese Tatu Vanhanen

    http://jpr.sagepub.com/content/36/1/55.abstrac

    http://www.amazon.com/gp/product/0762305835?ie=UTF8&tag=consertimes-20&linkCode=as2&camp=1789&creative=9325&creativeASIN=0762305835

    ha dimostrato come, più una società è etnicamente diversa, più questa società è violenta.
    Lo studioso ha analizzato tutti i paesi del mondo e ha comparato la loro frammentazione etnica con il loro livello di violenza e instabilità, trovando tra le due una correlazione “positiva”.
    Ma questi non sono gli unici danni che porta la società multietnica. Un altro scienziato, Robert Putnam

    http://www.theamericanconservative.com/article/2007/jan/15/00007/

    ha dimostrato come, più una comunità è “diversa” dal punto di vista culturale e razziale, più questa diviene non cooperativa ed emotivamente frammentata.
    E’ evidente che i due studi sono complementari: l’arrivo di immigrati frammenta la società e la rende meno “solidale” e “cooperativa”, spezzandola lungo faglie etniche. Questa frammentazione conduce alla violenza.
    Non è infatti naturale, “immolarsi” per chi non ha con noi alcun legame. E’ naturale invece, preservare la propria identità e chiunque con noi la condivida.
    E’ una semplice legge evolutiva. Perché dovrei “favorire” un Africano piuttosto che un Amerindo rispetto ad un mio consanguineo?

    http://en.wikipedia.org/wiki/Inclusive_fitness#Hamilton.27s_rule[/nbnote

    http://www.amazon.com/Narrow-Roads-Gene-Land-Collected/dp/0716745305

    Dal punto di vista evolutivo, morire in battaglia per Sparta aveva un senso biologico, perché coloro che sopravvivevano portavano avanti la discendenza biologica di cui anche “tu” morto, facevi parte. Ma morire in guerra per il Grande Re persiano non aveva senso, biologicamente parlando.
    Oggi, stiamo creando una società nella quale, non solo, sarà orribile vivere, ma anche, per la quale non varrà la pena morire.

    RispondiElimina
  68. http://identità.com/blog/2012/08/13/societa-multietnica-il-monito-indiano/

    Società multietnica: il monito indiano

    Mumbai è in allarme rosso. Crescono i timori che la violenza etnica latente nel nord-est dell’India potrebbe riversarsi sulle città principali.
    Folle di Islamici si riuniscono sempre per protestare per la violenza contro i musulmani in Assam , uno stato nel nord-est del paese, che ha lasciato circa 80 morti e 400.000 sfollati dall’inizio di luglio 2012.
    A Mumbai, capitale finanziaria dell’India, due uomini sono stati uccisi e circa 50 persone, per lo più poliziotti, sono rimasti feriti nei disordini.
    Arup Patnaik, commissario di polizia, ha detto che la città è in allarme rosso nel periodo fino al giorno dell’indipendenza dell’India.La polizia, anche nella regione nord-est, era in stato di allerta.“Abbiamo emesso un allarme rosso in città, finché la situazione è completamente sotto controllo”, Patnaik ha detto ai giornalisti.Violenza e scontri tra Indù e musulmani minacciano da sempre la stabilità nel più grande Stato multietnico del mondo sin dalla sua nascita nel 1947 , quando la partizione britannica del paese in India e Pakistan, lasciò tra 200.000 e 1 milione morti, dando poi vita, nelle zone a maggioranza islamica, al Pakistan Orientale, che più tardi divenne Bangladesh.“Date le origini dell’indipendenza, l’India, con la sua disomogeneità etnico-religiosa, e l’ascesa del fondamentalismo religioso in tutto il mondo, ha situazione sempre delicata e dolente”, ha detto Ramachandra Guha, uno storico.Lo Stato indiano di Assam è stato a lungo afflitto da rivolte separatiste. La regione confina con la Cina, Myanmar, Bhutan e Bangladesh, un Paese povero da cui la migrazione verso l’India ha fomentato un sentimento anti-musulmano.
    Venti anni fa, le rivolte di Mumbai lasciarono centinaia di musulmani morti e precipitarono nel marzo del 1993 verso attentati che hanno ucciso più di 200 indù.La disomogeneità etnica è uno dei motivi, il principale, per i quali l’India non compirà mai la transizione da economia in via di sviluppo, a moderno stato simil occidentale.
    Quello che molto spesso economisti e politicanti dimenticano è che l’omogeneità etnica degli stati europei, è stato l’ingrediente fondamentale per il loro sviluppo democratico ed economico. Uno stato disomogeneo etnicamente è ineluttabilmente spinto verso una feroce diseguaglianza economica e sociale, e questo accade perché ampie sono le differenze nelle capacità individuali delle sue differenti popolazioni. E una società diseguale, non può essere una società ricca e democratica. Può, al massimo, portare alla situazione brasiliana: una oligarchia ricca e corrotta, e una popolazione sottosviluppata che sopravvive nelle favelas.
    L’unico modo che ha uno Stato multietnico per “limitare” le differenze sociali, è divenire uno stato dittatoriale e iper-burocratizzato come fu l’Urss: con l’esito di implodere, prima o poi.Ecco perché l’India è un fenomeno interessante da analizzare: è perennemente in via di sviluppo, ha milioni di ricchissimi, e decine di milioni di poverissimi. Una società divisa in Caste che è il retaggio di millenarie divisioni razziali (le Caste elevate hanno una componente europoide molto più elevata dei membri delle altre), è l’ideale crono-specchio ove vedere come potrebbero essere le nostre società tra qualche secolo. Per noi: come non dovranno essere.
    E’ altresì interessante mettere in evidenza come, i giornalisti occidentali sempre entusiasti nel propagandare l’ideale multietnico, si rendano in realtà conto, di quanto instabili siano tali società.
    E allora è sempre più incomprensibile, il perché vogliamo importare a casa nostra, il modello che si rivela disastroso dove già è realtà.A meno che, il loro desiderio, e il motivo per il quale sono pagati, non sia proprio quello di imporre in Occidente il modello dei pochi ricchissimi e dei tantissimi poveri. Se questo è il piano, e ci pare evidente lo sia, allora il modo migliore per portarlo a termine, è attraverso l’immigrazione massiccia di individui dal terzo mondo.

    RispondiElimina
  69. L’unica piacevole novità Renzi?! Quello che fa approvare i decreti vuoti dalle camere e poi li compila con le porcate; quello di cui la famosa manina inserisce nel decreto fiscale la possibilità di evasione ai suoi amici fino al 3% e significa che i 16 miliardi di mancato incasso peseranno su noi tutti; quello la cui maggioranza vota compatta contro l’abolizione dei vitalizi ai condannati per mafia; quello della maggioranza che non vuole la calendarizzazione del decreto anticorruzione (quel che dice son solo chiacchiere, conta quello che fa e vota in aula); quello che con il decreto sblocca Italia ci porta all’incubo delle trivellazioni; ecc. ecc. ecc.
    Ma perché, perché farsi andare bene queste cose e questi personaggi?! Non sono queste le novità di cui abbiamo bisogno. 
    In Parlamento ci sono persone di gran lunga più preparate, più colte, più oneste e più lavoratori di questi vecchi e anche nuovi dinosauri. 
    Seguire come si vota e cosa si dice nelle aule del Parlamento, dove conta qualcosa, non nell’inganno di programmi televisivi tutta fuffa, e si sapra' chi sono le piacevoli novità.

    RispondiElimina
  70. GLI RODERA' TANTO ALLE CHECCHE? ??????



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/09/la-cassazione-dice-no-alle-nozze-gay/1091476/


    9 Febbraio 2015

    La Cassazione dice "no" alle nozze gay.
    La Suprema Corte: "Il vincolo del matrimonio non va esteso agli omosessuali".

    Sergio Rame

    Niente matrimonio e pubblicazioni di nozze per le coppie omosessuali. La Cassazione dice "no" al matrimonio omosex. "L'Europa e la Costituzione - scrivono gli ermellini - non impongono al legislatore di estendere il vincolo del matrimonio alle persone dello stesso sesso.............................
    In una sentenza depositata oggi, la Cassazione ha rigettato il ricorso di una coppia gay che chiedeva le pubblicazioni di matrimonio che le erano state negate dall’ufficiale di stato civile. Il "no" alle nozze tra omosessuali è stato motivato dagli ermellini col fatto che "nel nostro sistema giuridico di diritto positivo il matrimonio tra persone dello stesso sesso è inidoneo a produrre effetti perché non previsto tra le ipotesi legislative di unione coniugale"....................................................



    Commenti

    gianniverde
    Dopo questa sentenza della corte ....................incomincio a temere la fine del mondo.Ma cosa sarà mai successo???????


    Memphis35
    Fine del tormentone.



    vince50
    E così sia per quanto riguarda le nozze(mi fa schifo persino a pensarci),per il resto gli si insegnino i doveri.


    billyserrano
    Accidenti: e qualcuno si era già preparato il vestito da sposa, bello rosa con i lustrini. E ora chi glielo dice?


    Alberto43
    Porca pupazza e mò come fa Vendola?



    angelomaria
    ERA ORA CHE QUALCUNO S'OPPONESSE ALLA CASTA ARCIGAY !!!!!!!!!!!!



    Zizzigo
    Meglio tardi che mai...



    vince50_19
    Vendolino/a sarà molto attapirato/a....



    mortimermouse
    ora la sinistra che farà? rispetterà la sentenza? oppure si darà da fare affinchè la sentenza sia superata e verranno concessi i diritti ai froci? troppo stupidi i PxxxxxxxxxxxxxxI... :-)

    RispondiElimina
  71. http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/02/09/nozze-gay-cassazione-no-ai-matrimoni-si-a-statuto-diritti_09f62c2c-b90a-412f-8e1a-f702c9da90bd.html


    Nozze gay: Cassazione, no ai matrimoni non discrimina...................
    Europa e Costituzione non obbligano a ampliare vincolo coniugale'


    09 febbraio 2015

    Il no al matrimonio e pubblicazioni di nozze per le coppie omosessuali non può essere considerato una discriminazione: semplicemente l'Europa e la Costituzione - afferma la Cassazione - non impongono al legislatore di estendere il vincolo del matrimonio alle persone dello stesso sesso...............

    Ad avviso della Cassazione - che ha respinto il ricorso di una coppia gay che voleva sposarsi in Campidoglio e pubblicare le nozze - "la legittimità costituzionale e convenzionale della scelta del legislatore ordinario, in ordine alle forme ed ai modelli all'interno dei quali predisporre per le unioni tra persone dello stesso sesso uno statuto di diritti e doveri coerente con il rango costituzionale di tali relazioni, conduce ad escludere" che l'assenza di una legge per le nozze omosessuali produca la "violazione del canone antidiscriminatorio".................
    Inoltre, i supremi giudici - per avvalorare la loro decisione, in linea con quanto già stabilito da altre sentenze della Consulta, da ultimo con la n. 170 del 2014 - passano in rassegna la Carta dei diritti fondamentali della Ue e osservano che "l'articolo 12, ancorchè formalmente riferito all'unione matrimoniale eterosessuale, non esclude che gli Stati membri estendano il modello matrimoniale anche alle persone dello stesso sesso, ma nello stesso tempo non contiene alcun obbligo". Gli Stati possono regolarsi con ampia autonomia sul tema delle nozze gay. "Nell'art. 8 - prosegue ancora il verdetto - che sancisce il diritto alla vita privata e familiare, è senz'altro contenuto il diritto a vivere una relazione affettiva tra persone dello stesso sesso protetta dall'ordinamento, ma non necessariamente mediante l'opzione del matrimonio per tali unioni". Ma le coppie omosessuali - come tutte le coppie di fatto - non è che non abbiano 'protezione', dato che possono "acquisire un grado di protezione e tutela equiparabile a quello matrimoniale in tutte le situazioni nelle quali la mancanza di una disciplina legislativa determina una lesione di diritti fondamentali scaturenti" da tali relazioni.

    RispondiElimina
  72. http://www.termometropolitico.it/1159864_cassazione-e-nozze-gay-divieto-non-e-discriminazione.html




    9 febbraio 2015

    Cassazione e nozze gay:
    “Divieto non è discriminazione".

    Niente nozze omosessuali. Almeno fino a che le Camere non si muoveranno in tal senso. “Nel nostro sistema giuridico di diritto positivo il matrimonio tra persone dello stesso sesso è inidoneo a produrre effetti perché non previsto tra le ipotesi legislative di unione coniugale” scrive la Corte di Cassazione. Giuridicamente non fa una piega: mancando una legge specifica che disciplini i matrimoni gay, è automatico come l’iscrizione nei registri comunali, provocatoriamente attuata negli scorsi mesi da diversi sindaci di centrosinistra, sia del tutto inefficace.
    La puntualizzazione della Suprema Corte arriva in seguito al ricorso di una coppia omosessuale che chiedeva matrimonio e pubblicazione presso il Comune di Roma: richieste rigettate dall’ufficiale dello Stato civile. Secondo la Cassazione “la legittimità costituzionale e convenzionale della scelta del legislatore ordinario, in ordine alle forme ed ai modelli all’interno dei quali predisporre per le unioni tra persone dello stesso sesso uno statuto di diritti e doveri coerente con il rango costituzionale di tali relazioni, conduce ad escludere” che l’assenza di una legge per le nozze omosessuali produca la “violazione del canone antidiscriminatorio”.

    In parole povere e al di là del giuridichese, significa che allo stato attuale la mancanza di una legge che disciplina questo tipo di unioni non è di per sé sintomo di discriminazione. Nessuna violazione dell’uguaglianza, prevista dall’articolo 3 della Costituzione. 

    RispondiElimina
  73. http://voxnews.info/2015/02/09/il-matrimonio-gay-non-esiste/

    Il ‘matrimonio gay’ non esiste

    9 febbraio 2015 18:57

    In una sentenza depositata oggi, la Cassazione, seguendo per una volta rigorosamente la legge vigente, ha rigettato il ricorso di una cosiddetta ‘coppia gay’. Per i giudici della suprema corte “nel nostro sistema giuridico di diritto positivo il matrimonio tra persone dello stesso sesso è inidoneo a produrre effetti perché non previsto tra le ipotesi legislative di unione coniugale”. Insomma: non esiste.


    “L’Europa e la Costituzione – scrivono i giudici – non impongono al legislatore di estendere il vincolo del matrimonio alle persone dello stesso sesso che, invece, hanno il diritto a uno statuto protettivo, già ‘azionabile’, con diritti e doveri delle coppie di fatto”. Non esiste, e i diritti individuali sono già garantiti, come per tutti gli altri cittadini. Il richiamo alle ‘coppie di fatto’ è una boutade inevitabile quando hai a che vedere con dei magistrati.
    Il richiamo alla Ue è inquietante, anche se in questo caso non può imporre, perché non nei trattati, in altri casi si, visto che i nostri politici hanno firmato trattati senza chiedere il parere al popolo.


    RispondiElimina
  74. http://voxnews.info/2015/02/09/tunisia-svedese-a-caccia-di-ragazzi-arrestato-per-atti-omosessuali/



    Tunisia: svedese a caccia di ‘ragazzi’ arrestato per ‘atti omosessuali’

    febbraio 9, 2015 17:36

    SCONTRO DI INCIVILTA':2 DEGRADI A CONFRONTO

    Uno svedese è stato condannato a due anni di carcere in Tunisia per “atti omosessuali”, un caso che ha suscitato le proteste dei diplomatici svedesi. La Svezia è una società in crisi di nervi: tesa tra il declino gay e l’invasione islamica.

    “Abbiamo sottolineato la convinzione nei pari diritti indipendentemente dall’orientamento sessuale come un principio fondamentale della democrazia”, ​​ha detto Victoria Bell, un portavoce del ministero degli Esteri svedese. Cosa c’entri la democrazia con l’andare in Tunisia a caccia di maschietti, è misterioso.

    “L’uomo, che è un ultracinquantenne, è stato condannato il 4 febbraio a due anni di carcere per atti omosessuali”, ha aggiunto.

    La Tunisia ha confermato la condanna, ma non ha fornito ulteriori commenti. Un rapporto del giornale svedese Aftonbladet ha detto che l’uomo, che vive in Francia da anni, ha impugnato la sentenza.
    L’omosessualità è un reato in Tunisia, passibile di una pena fino a tre anni dietro le sbarre.
    La predisposizione di una società verso l’omosessualità è l’evidenza migliore della sua situazione: la persecuzione denota un ritardo culturale, mentre l’apertura alla svedese un degrado. Sono due estremi: una società sana non incarcera gli omosessuali e non assume l’omosessualità a ‘normalità’. Una società sana tollera e non idolatra.
    Del resto è difficile per una società rimanere in equilibrio tra questi due estremi, perché il benessere porta con sé, inevitabilmente, anche ‘entropia morale': ci vuole ‘lavoro’ per opporsi all’entropia. Per resistere al degrado che è nella natura stessa dell’universo e della realtà.
    Anche in questo caso, i due neuroni della Boldrini saranno impegnati in una lotta per capire con chi schierarsi.

    RispondiElimina
  75. http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11754405/Ruby-bis--pubblicate-le-motivazioni.html





    COMMENTO

    sarà sicuramente vero ciò che questi illuminati magistrati dicono anche perché sono i depositari della verità assoluta gestita a loro piacere, ma il dubbio che sotto sotto ci siano elucubrazioni un tantino voyeristiche, bacchettone e magari pure invidiose rimane tutto, da qui la conclusione che se magari questi mega stipendiati in pelliccia di ermellino seguissero casi più seri ove i veri criminali sembra la facciano da padroni sarebbe meglio per tutti noi e se berlusconi vuole scopare e pagare sono fatti suoi e non dei pruriginosi giudici illibati e moralisti. suvvia siamo seri e poi in democrazia(?) si potrà o no scoparsi una bella ragazza?.Bindi permettendo......

    RispondiElimina
  76. http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11754405/Ruby-bis--pubblicate-le-motivazioni.html






    COMMENTO

    Ma uno, a casa sua, potrà fare ciò che vuole? I bacchettoni della magistratura italiana sono semplicemente invidiosi! Come mai non si sa nulla del caso Marrazzo? Ah! già, lui è di sinistra, e ai sinistrati o frociones, chiamateli come volete, tutto è permesso!

    RispondiElimina
  77. LORO HANNO UN PRESIDENTE SERIO ALLA CAMERA. ......

    http://www.secoloditalia.it/2015/02/brasile-il-presidente-della-camera-contro-laborto-e-le-coppie-gay/




    Lunedì 9 Febbraio 2015

      
    Brasile: il presidente della Camera contro l’aborto e le coppie gay.

    GABRIELE FARRO

    Il neo presidente della Camera brasiliana,Eduardo Cunha, si è schierato apertamente contro l’aborto e le unioni delle coppie omosessuali. «Non sono in agenda», ha tagliato corto Cunha, fervente fedele della Chiesa evangelica neopentecostale, che il primo febbraio scorso ha sconfitto il candidato della presidente Dilma Rousseff, Arlindo Chinaglia, nella corsa alla presidenza della Camera bassa del parlamento.

    «Una legge in favore dell’aborto sarà votata solo passando sul mio cadavere», ha aggiunto Cunha, 56 anni. L’aborto in Brasile è consentito solo in caso di stupro, di rischio della vita della madre o anencefalia del feto. Sulle unioni gay, il parlamento federale non ha ancora approvato una legge specifica. Tuttavia, nel maggio 2013, il Consiglio nazionale di giustizia (Cnj), organo di controllo dell’autonomia del potere giudiziario, ha stabilito che gli uffici pubblici che rilasciano le licenze per il matrimonio civile non possono più rifiutarsi di autorizzare anche le nozze fra persone dello stesso sesso. Cunha, del Partito del movimento democratico brasiliano (Pmdb, di centro), lo stesso del vice presidente Michel Temer, come primo atto alla presidenza della Camera, ha nominato una commissione d’inchiesta sulle presunte tangenti pagate dal colosso petrolifero statale Petrobras a politici e partiti.

    RispondiElimina
  78. A LADISPOLI È NOTORIO CHE COGLI STRANIERI È DA DECENNI CHE FANNO BUSINESS ANCHE E PRINCIPALMENTE SPORCO BUSINESS E PERTANTO QUESTO IMMIGRAZIONISMO FA IVI PERVENIRE BEI SOLDONI PUBBLICI.
    ITALIOTI ELETTI PER RAPPRESENTARE E DIFENDERE GLI INTERESSI NOSTRANI E NON QUELLI DEGLI STRANIERI E DEI VENDUTI ALLA "SPECTRE" DI KALERGI.
    LEGGENDO L'ARTICOLO SEMBRA DI AVERE A CHE FARE CON UN ROMANZO DELL'""IMPOSSIBILE"".
    DUE AMMINISTRATORI ELETTI CHE SI SPERTICANO IN AFFERMAZIONI PRO CLANDESTINI E PRO ISLAMICI JIHADISTI CON UN TONO CHE FA VOMITARE E GRIDA VENDETTA.



    http://www.ilfaroonline.it/2015/02/09/ladispoli/la-settimana-dazione-contro-il-razzismo-flash-mob-e-laboratori-tematici-51224.html
     

     09-02-2015

    La settimana d’azione contro il razzismo: flash mob e laboratori tematici.

    Marongiu e Buonocore: "E’ necessario anche un rapporto costante e sinergico con le forze dell’ordine che da sole non possono monitorare il territorio"

    La delegata all’integrazione, Silvia Marongiu e il Delegato alle Comunita' religiose, Mario Buonocore, convocheranno a breve un tavolo di lavoro per coinvolgere amministratori, istituzioni, scuole, associazioni, sindacati, forze dell’ordine e singoli cittadini. L’obiettivo è quello di costruire insieme un’iniziativa - a partire da un flash mob a laboratori tematici - da inserire nella settimana d’azione contro il razzismo (16 - 22 marzo 2015). Le pagine Facebook e i giornali on line testimoniano oggi non solo una forte incapacità di convivenza civile ma di disagio diffuso che va oltre la paura dell’altro. In questo periodo d’incertezza e paura, tra insicurezza globale e vulnerabilità dei sistemi, viviamo una crisi “vera” paragonabile alla crisi economica del 1929.

    “Mesi fa la mia bacheca è stata invasa da commenti razzisti – ha detto Marongiu – e infangata da pesanti affermazioni. Quello che leggiamo da alcune settimane, da una parte mette in evidenza cattiveria e strumentalizzazione, dall’altra inadeguata capacità di contrasto ad affrontare tale fenomeno. Internet oggi è molto più di un mezzo di comunicazione, non è solo un mondo virtuale dove si possono consolidare dei legami sociali preesistenti o crearne di nuovi, ma è il luogo nel quale le persone devono imparare ad assumersi le responsabilità morali e giuridiche di certe affermazioni. Conoscenza e corretta comunicazione sono fondamentali per superare le resistenze e i toni accesi che spesso pregiudicano la riflessione. E’ necessario l’impegno di tutti per una società coesa, sicura e dinamica, dove ognuno usufruisca di pari diritti, doveri e opportunità.”

    A partire dall’art. 3 della Costituzione:  Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti la legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Si deve mettere in evidenza il valore della persona, prima ancora che del cittadino. “La disperazione  - ha detto Buonocore -  ha raggiunto il culmine, valori e buon senso sono stati messi da parte rispetto alle necessità primarie. Manca la capacità di vedere un futuro e questo determina squilibrio, ribellione. In questi due anni ho lavorato in sinergia e in contatto costante con le comunità religiose e la Caritas. Ho partecipato a diversi incontri, ad esempio tra la comunità senegalese del Lazio e il loro capo spirituale nazionale, e a momenti di dialogo interreligioso.”

    Dopo i fatti di Parigi c’è stata una ricaduta di stampo razzista sui mussulmani in generale ed alcune notizie apparse a mezzo stampa hanno peggiorato la situazione. “Nessuna cellula attiva terroristica risulta presente nel nostro territorio – dichiara il sindaco Crescenzo Paliotta - e la notizia diffusa dalle agenzie stampa si riferiva ad un cittadino residente a Ladispoli 5 anni fa, partito e mai più rientrato (fonte Ministero degli Interni)”....
    ...............................................................

    RispondiElimina
  79. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/09/coppie-di-fatto-e-ius-soli-renzi-sempre-piu-a-sinistra/1091244/


    9 Febbraio 2015

    Matteo Renzi lo aveva minacciato tempo fa. "Unioni civili e ius soli - aveva detto - arriveranno subito dopo le riforme costituzionali ed elettorali". Quel momento è arrivato. Il premier si prepara a mettere sotto scacco maggioranza e opposizione con due riforme che dividono. Come fanno trapelare fonti vicine a Palazzo Chigi, Renzi intende iniziare da Palazzo Madama dove, dopo aver approvato il ddl anti corruzione, sarà la volta delle unioni civili. Il testo redatto dalla piddina Monica Cirinnà è, infatti, già incardinato in commissioni. Nel frattempo, non appena i deputati avranno varato le riforme costituzionali, a Montecitorio sarà incardinato lo ius soli "temperato" per i figli di immigrati che hanno concluso un ciclo di studi. Due misure destinate a spaccare diametralmente in due il parlamento facendo saltare alleanze ed estremizzando lo scontro..............................................




    Commento

    avete capito quali sono le priorità della sinistra , non citta' sicure , lavoro , reddito , pensioni ma gay e immigrati. Non votate mai più PD , è un cancro una catastrofe , questo uomo ci sta portando alla rovina. fermiamolo
    Ma per piacere!vogliamo far finta di non ricordare che sono due tra gli obiettivi che Renzi si era prefisso quando è diventato segretario del PD?!?...forse a molti dà fastidio che lui non fa chiacchiere da salotto ma fissa una legge da realizzare e lo fa nel giro di qualche mese?!?
    Fonzie Renzi è solo un grande ma coerente falsario. Faccio rilevare che dopo essersi accoppiato con Alfano, ha accolto a braccia aperte nel PD un comunista di Sel come Gennaro Migliore a cui, ultimamente, si sono aggiunti ben 8 transfughi della fallita Lista Civica del morto vivente Mario Monti, quindi altro che Coppie di fatto e Ius Soli, è andato molto oltre, è arrivato addirittura all'AMMUCCHIATA DEMOCRATICA indiscriminata, trasformando il PD nella più grande DISCARICA INDIFFERENZIATA di "rottami politici", altro che rottamatore!
    Era pure democristiano. Erede di quelli che avevano cancellato le case chiuse per dare spazio alla prostituzione nelle strade. Ora coppie froci di fatto, a cui si vuole dare un riconoscimento giuridico (?) di cui non si vede il motivo, dato che sono loro che non si "sposano", e soprattutto la follia pura dello "jus soli", scoperto da Kyenge, ma che nel continente africano non esiste. La mossa giusta per distruggere l' "Italianità" ed aprire la strada ai colorati vari per annientare definitivamente il bel paese. Renzi si sta rivelando peggiore delle peggiori previsioni: devo dire che anch'io avevo sperato in lui, per un a decina di giorni, ma poi ho capito subito, dalle sue prime "chiacchiere" al vento. Vade retro satana.
    È avvilente pensare che Berlusconi voleva fare le riforme con lui mentre Alfano continua a sostenere il governo Renzi e lo farà fino alla sua morte politica. Mi viene il voltastomaco al pensiero di aver contribuito a dare a loro un potere che hanno utilizzato solo per i loro tornaconti.
    Da quando è finito il semestre europeo sembra sia arrivata la 'resa dei conti' ed a cedere è proprio il premierino, pensava che essere lì gli spettasse di diritto.
    FERMATELO ! prima che sia troppo tardi.
    Fino ad ora Ronzino non ha fatto un cent di quello che aveva promesso. Ah si, ora ricordo, gli 80 Euro, che poi si è però mangiato con l'innalzamento di tasse. Complimenti, al boyscout
    Ora,sfido chiunque a dire che non siamo in un Regime!Noi Cittadini,per i Sinistrati,siamo solo una seccatura!Pertanto,fanno e faranno sempre solo quello vogliono loro!Questa,loro,la chiamano Democrazia!Viva l'Italia!!!!!!!!
    immagino che ius soli per i figli degli immigrati sia una delle grandi riforme che ci vengono chieste.. mah! finora hanno solo [ri]riformato il codice della strada.

    RispondiElimina
  80. http://voxnews.info/2015/02/10/profugo-islamico-tortura-donna-con-cacciavite-e-trapano-la-scuoia-e-uccide/


    Profugo islamico tortura donna con cacciavite e trapano: la scuoia e uccide

    febbraio 10, 2015

    Un profugo arabo ha ucciso la moglie dopo averla orribilmente torturata per ore con cacciaviti e un trapano, mentre recitava ad alta voce il Corano. Ieri si è svolto il processo, l’immigrato è stato condannato a 23 anni.

    Anche in GB non esiste più una giustizia seria....!!!!!!!

    Thahi Manaa ha picchiato la moglie Sara, 28 anni, per due ore con barre di metallo, un trapano elettrico, due cacciaviti e uno scaffale durante un assalto ‘feroce e agghiacciante’.
    Le armi insanguinate sono state trovati vicino al corpo della donna, madre di quattro bambini, che la polizia ha trovato nascoste in un armadio dopo che Manaa aveva legate le gambe della donna con un nastro da pacchi.
    Uno dei cacciaviti è stato trovato nella cavità oculare della donna, e il cuoio capelluto strappato dalla testa.
    L’attacco è avvenuto nel soggiorno della loro casa di Firth Park, Sheffield, nel marzo dello scorso anno davanti a due dei figli della coppia – di età compresa tra due e quattro anni.
    Manaa, 37 anni, ha perfino telefonato ad un’agenzia di viaggi, durante la tortura, per organizzare un viaggio. Un totale di 270 ferite sono state trovate sul corpo della moglie.

    RispondiElimina
  81. IL BESTIALE CORANO PREVEDE ESPRESSAMENTE PENE CORPORALI SEVERISSIME SU CHI VIOLA NORME APPARENTEMENTE LIEVI MA NON INDOSSARE IL VELO È REATO ISLAMICO PIÙ GRAVE DI UN OMICIDIO COMMESSO DA UOMO SU DONNA.


    http://voxnews.info/2015/02/10/isis-sfigura-15-donne-perche-non-indossano-il-velo/


    ISIS sfigura 15 donne perché non indossano il velo

    febbraio 10, 2015 00:28

    Al-Khansa, la brigata femminile della polizia islamica di ISIS , ha arrestato e punito 15 donne a Mosul, perché non indossavano il niqab.
    Sono state arrestate domenica nel quartiere Salamiya di Mosul.
    Le donne sono state sfigurate versando acido sui loro volti. Hanno implementato questa pena in modo che altre donne della città non proveranno mai più a rimuovere o non indossare il niqab.

    RispondiElimina
  82. UNO PSEUDOSINDACO PIRLA..PIRLA. ....PIRLA. ....



    http://www.secoloditalia.it/2015/02/pisapia-in-cambio-dei-maro-parte-in-aula-sfotto-contro-sindaco/



    Martedì 10 Febbraio 2015


    Pisapia in cambio dei marò:
    parte in aula lo sfottò contro il sindaco.

    Ai marò nella sua recente intervista il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, non ha proprio pensato quando ha confessato il desiderio di voler fare un viaggio in India nel caso in cui decidesse di non ricandidarsi. Una dimenticanza che ha ispirato i consiglieri comunali di Forza Italia che hanno esposto nell’aula di Palazzo Marino, insieme agli altri esponenti dell’opposizione, uno striscione-sfottò con scritto: «Vi diamo Pisapia, ridateci i marò».

    Intervistato a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24 il sindaco Pisapia aveva annunciato che sulla candidatura deciderà entro l’inizio dell’Expo (maggio). Il primo cittadino della giunta arancione ha infatti precisato che se non farà più il sindaco, ha già qualche progetto: «Mi piglierei tre mesi di vacanza – ha spiegato – e probabilmente andrei in India, così non arrivano i giornali, non mi arrabbio, e soprattutto perché l’India è il luogo dove io sono stato più spesso felice. Con me stesso e con il mondo». Detto da un’esponente politico istituzionale in una fase in cui l’Italia ha in corso con l’India un braccio di ferro diplomatico non è propriamente la più felice delle dichiarazioni. Da tre anni i due fucilieri di marina Girone e La Torre sono in attesa di una soluzione alla loro vicenda, senza che i governi che si sono succeduti siano stati in grado di riportarli definitivamente a casa. In tutta Italia, intanto si susseguono le iniziative per i due marò: l’ultima in ordine di tempo è stata del Comune di Cento, che all’inaugurazione del suo Carnevale ha presentato lo slogan: «Max e Salvo liberi subito. Ad anticipare la sfilata dei carri allegorici una parata speciale delle associazioni d’Arma. Al suono degli inni, il sipario della manifestazione si è aperto con la parata di una lunga schiera di associazioni d’Arma: in prima fila l’associazione nazionale Leone San Marco, l’Associazione nazionale marinai d’Italia e a seguire, lagunari truppe anfibie, crocerossine, carristi, alpini, bersaglieri, paracadutisti, polizia di Stato e carabinieri, alla fine tutti schierati in piazzale Bonzagni.

    RispondiElimina
  83. APPREZZO IL CORAGGIO MASCHIO DI MACER MA FORSE SAREBBE MEGLIO SE SI PREPARASSE A COMBATTERE L'ISIS A CASA SUA DOVE È GIÀ ATTECCHITO E FA PAURA....


    http://www.secoloditalia.it/2015/02/storia-giovane-via-londra-diventa-miliziano-contro-lisis/


    Martedì 10 Febbraio 2015


    La storia di un giovane:
    va via da Londra e diventa miliziano contro l’Isis

    FRANCO BIANCHINI


    Una storia particolare, diversa dalle altre. Un giovane dipendente della City di Londra si è trasformato in un coraggioso miliziano che combatte coi curdi contro l’Isis. Il 28enne Macer Gifford ha lasciato poco prima di Natale un lavoro ben pagato nella capitale britannica per partire volontario alla volta del Medio Oriente.
    Passo dopo passo, è diventato miliziano
    Aveva detto ai suoi genitori, una famiglia agiata che gli aveva assicurato gli studi nelle scuole migliori, che sarebbe andato per qualche tempo in Turchia. Macer era invece intenzionato a imbracciare il kalashnikov per combattere la causa curda. «Ho lasciato la mia famiglia e una vita tranquilla in Gran Bretagna per rischiare di affrontare la morte più terribile nelle mani dell’Isis», ha spiegato al Mail Online. Nel passato di Clifford c’è stato anche l’attivismo politico fra le file dei Tory. Ora secondo il volontario la più grande minaccia è rappresentata dai jihadisti dell’Isis e, come spiega ancora, sono stati proprio i curdi fra i primi ad affrontarli. È molto critico nei confronti del premier David Cameron che «dovrebbe fare molto di più» per aiutare militarmente il conflitto contro lo Stato islamico. Macer si prepara anche al peggio: «Se l’Isis mi dovesse prendere prigioniero ho sempre pronta con me una granata in tasca, li porterò via con me.

    RispondiElimina
  84. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/10/nozze-gay-panda-lucciole-e-islam-il-lunedi-nero-del-sindaco-in-guerra-1.1376505



    che pirlone sto sindaco soMarino che accumula solo pessime figure e rappresenta il peggio della pessima politica italiana basata sul sodalizio ideologico con mafia e corruzione amministrativa.
    Constatare che la maggioranza capitolina al governo della città non voglia che si faccia un controllo amministrativo sui luoghi di riunione islamici al 99% covi abituali di proselitismo jihadista terrorista la dice lunga sull'orientamento anti cristiano della giunta soMarino e quello che sconcerta è il totale disinteresse della popolazione romana al pericolo attentati e mi riferisco agli elettori beoti e cerebrolesi di questa accozzaglia di giunta comunale.

    RispondiElimina
  85. ARRIVATO DA MOLTO LONTANO BERGOGLIO CI FA SENTIRE DA VICINO LO SCHIFO DEI PRETONZOLI AFRICANI ZOZZI ED INDEGNI.
    ASPETTIAMO CHE LO CACCI VIA VERSO L'ARGENTINA...!!!!!!!


    http://voxnews.info/2015/02/10/vado-al-campo-nomadi-per-fare-la-carita-e-invece-si-faceva-la-giovane-rom/

    “Vado al campo nomadi per fare la carità”: e invece si faceva la giovane Rom

    febbraio 10, 2015

    La giovane zingara di 22 anni ha ammesso di aver avuto un rapporto sessuale col frate africano indagato per la scomparsa di Guerrina Piscaglia, avvenuta il primo maggio dell’anno scorso.
    Lo ha detto in procura, ad Arezzo, dove è stata ascoltata ieri, durante l’incidente probatorio davanti al gip Piergiorgio Ponticelli e al pm Marco Dioni. Dice di averlo fatto ‘non per soldi ma per amore’. Risate generali.
    La rom e il frate si sono conosciuti al campo nomadi che il religioso frequentava per, dice lui, ‘fare carità’. Altre risate generali.
    Lei, in un italiano stentato, ha raccontato di essersi innamorata e di esser finita ad avere con lui un rapporto sessuale, a fine dicembre 2014. Padre Graziano, in altre occasioni, avrebbe invece dato del denaro (100 euro) a lei, alla cognata e al fratello, per fare la spesa.
    Ma era per amore.
    Ecco perché questi ‘preti’ amano zingari e clandestini: sono prede facili. Anche per i preti africani.
    Il Vaticano è importatore netto di teppaglia in Italia: basta con pseudo-preti dal terzo mondo alla Milingo.

    RispondiElimina
  86. FRANCARABIA STATALE AVANZA E ATTECCHISCE.
    LE MINACCE E LE BOMBE ISLAMICHE SORTISCONO L'EFFETTO VOLUTO DAI TERRORISTI TAGLIAGOLE CHE HANNO COME SCOPO QUELLO DI CREARE "CALIFFATO CORANICO UNIVERSALE" E NON PARE CHE I FRANCESI SIANO PREOCCUPATI. !!!!!!!!!!!!!


    http://voxnews.info/2015/02/09/francia-islamici-aprono-scuola-allombra-del-minareto/









    Francia: islamici aprono scuola all’ombra del minareto

    febbraio 9, 2015 21:52

     

    Dopo il tentativo fallito della scuola islamica di La Chapelle-Saint-Mesmin, chiusa per cavilli burocratici, la comunità musulmana ci riprova e annuncia dal prossimo settembre l’apertura di una primaria privata all’ombra del minareto d’Halluin, nei pressi di Tourcoing, in Francia. Si tratta di una cittadina di 20 mila abitanti, vicina al confine col Belgio: eppure qui, in questa piccola comunità, dovrebbe sorgere il primo istituto di questo tipo nella regione. Ancora non sono state espletate tutte le tappe amministrative necessarie affinché il progetto si concretizzi, ma l’annuncio, intanto, l’associazione al-Fitra, presieduta da Farid Aouragh, l’ha dato, quasi a voler mettere la bandierina sul progetto. A darne notizia, è stato il giornale La Voix du Nord.
    Eppure avere i pur necessari pareri favorevoli da Comune, autorità didattiche, Prefettura e Procura, è tutt’altro che scontato: ancora la scorsa settimana i tecnici municipali hanno compiuto un sopralluogo ed hanno ritenuto che non tutte le esigenze d’igiene e sicurezza corrispondano ancora ai parametri richiesti. Nonostante questo, si è già tenuto sabato scorso un incontro pubblico di presentazione, per informare chiunque dell’iniziativa e magari, perché no?, raccogliere anche qualche nuovo alunno con i moduli prestampati distribuiti per l’occasione. Non che la scuola ne abbia bisogno: prevede infatti sin d’ora d’accogliere fino a 110 allievi nei locali messi a disposizione dall’organizzazione islamica locale, che ne è proprietaria. Locali, quindi, a due passi dalla moschea.
    Ora pare che l’istituto stia selezionando cinque insegnanti per i corsi di francese, matematica, scienze ed altre materie: «La nostra base sarà il programma comune della Pubblica Istruzione», ha dichiarato la futura direttrice, Céline Benfyala. Ma i promotori puntano anche sul trilinguismo (oltre al francese, l’inglese e l’arabo opzionale) e sull’educazione religiosa (un’ora e mezza la settimana, pure opzionale), per riempire le proprie aule. Oltre a garantire un’istruzione «personalizzata», che «prolunghi» in classe «i valori ricevuti a casa», affermano in modo sibillino.
    Per cinque anni – come previsto dalla legge d’Oltralpe – la scuola sarà fuori contratto e dovrà basarsi esclusivamente su fondi propri, poi potrà ricevere invece sovvenzioni statali, nel caso i requisiti corrispondano a quanto richiesto dalla normativa: questa è la «nostra ambizione», dichiara al-Fitra. Che nel frattempo ha già fissato le rette per le famiglie – dai 90 ai 150 euro al mese ad alunno – e lanciato un appello per eventuali offerte e donazioni.
    Insomma, i ripetuti tentativi mossi in tal senso rivelano come l’islam francese voglia a tutti i costi le proprie scuole: e v’è da dubitare che, con le leggi europee “tolleranti” ed “interreligiose”, la Francia iperlaicista possa e voglia opporsi ancora a lungo… Salvo poi “esportare” tale modello dal Paese a maggior tasso d’immigrazione anche al resto del Continente…

    www.nocristianofobia.org

    RispondiElimina
  87. IN TOSCANA I CULATTONI PEDOFILI DEL "FORTETO":HANNO AVUTO LA COPERTURA POLITICA DEI LABURISTI PIDDINI ITALIANI PER POTER CONTINUARE AD AVERE I VOTI DEI FROCI CHE SONO IMPORTANTI IN QUEGLI AMBIENTI...!!!!


    http://voxnews.info/2015/02/10/partito-laburista-copri-stupri-immigrati-per-non-perdere-voti/


    “Partito Laburista coprì stupri immigrati per non perdere voti”

    febbraio 10, 2015

    Le vittime delle gang di stupratori pakistani sono state “sacrificate perché il Labour non voleva perdere i voti della comunità asiatica”

    E’ la denuncia delle vittime, fatta davanti alla commissione d’inchiesta per lo  scandalo di Rotherham. Una delle ragazze, indicata dalla polizia come Jessica, ha detto che i politici locali del principale partito della sinistra britannica ha “nascosto la verità per soddisfare i propri fini”. “Ho detto fin dall’inizio che la responsabilità di quello che è accaduto nasce da due cose – il denaro e il potere”
    “Le ragazze come me sono state sacrificate, perché nessuno voleva denunciare che gli immigrati stupravano ragazze bianche, perché sapevano che sarebbe costato loro voti, e perché pensavano che noi eravamo prive di valore.”
    L’avvocato Dave Greenwood, che rappresenta 38 vittime, delle migliaia stuprate e seviziate, in quello che è uno scandalo di enorme portata, ha aggiunto: “C’è stato uno scaglione di persone che graffiavano le spalle a vicenda.
    “Ma penso che ci sia un ‘X Factor’ in gioco qui. E’ evidente ci fosse la volontà di proteggere il ‘voto asiatico’ e di conservare la maggioranza al Labour in città.”
    Nessuno dal partito laburista era disponibile la scorsa notte per un commento, secondo i media britannici.
    Somiglia, anche se con aspetti differenti, allo scandalo del Forteto: anche lì, coperture da parte del Pci-Pds-Ds-Pd che durano ancora oggi e hanno ramificazioni nella magistratura. Per una certa cultura, gli autoctoni sono carne da macello.


    RispondiElimina
  88. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/10/il-comune-spegne-la-luce-i-rom-paghino-le-bollette-come-gli-altri/1091818/


    10 Febbraio 2015

    Il comune spegne la luce: "I rom paghino le bollette come gli altri"
    A Vicenza il sindaco sceglie di interrompere la fornitura di acqua e luce gratis ai nomadi dopo che mesi di proteste da parte dei cittadini

    Ivan Francese

    Il comune di Vicenza chiude i rubinetti dell'acqua e stacca i contatori della luce ai rom. Gli abitanti, rom e sinti, del campo nomadi cittadino, infatti, non potranno più usufruire dell'allacciamento alle reti idrica ed elettrica del comune fino a quando non sottoscriveranno un regolare contratto.
    La decisione del comune arriva al termine di un tavolo di trattative protrattosi per mesi: dopo che nel 2014 l'area di via Cricoli era stata riqualificata con fondi ministeriali, l'amministrazione comunale aveva invitato i nomadi a mettersi in regola anche per quanto riguarda le forniture idroelettriche, ma tutti gli appelli erano rimasti senza risposta.
    Il locale Giornale di Vicenza aggiunge addirittura che nessuno dei sinti ha voluto nemmeno ricevere la lettera. Così, ieri mattina i messi comunali hanno notificato ai nomadi la decisione della giunta vicentina: le forniture cesseranno di essere erogate.
    Negli scorsi mesi il sindaco del Pd Achille Variati e la sua giunta erano finiti nella bufera proprio per le bollette pagate ai nomadi: un gesto da molti giudicato come un inaccettabile privilegio, tanto più ingiustificato alla luce della crisi economica, che lascia tante famiglie senza la possibilità di pagare le bollette in casa propria. La consigliera comunale della Lega Manuela Dal Lago si era lamentata, in particolare, dei 125mila euro in tre anni spesi per pagare il conto dei nomadi.



    Commenti

    marione1944
    Era ora.


    schiacciarayban
    Bollette gratis, ma siamo pazzi?


    Memphis35
    La crisi induce alla ragione anche i sindaci più democratici ed...antifascisti. Non tutti i mali, evidentemente, vengono per nuocere.


    eternoamore
    SE NON ACCETTANO DI PAGARE POSSONO ANDARE A CASA LORO,NESSUNO LI TRATTIENE.



    Rossana Rossi
    Vuoi dire che finalmente c'è qualche sindaco che vien fatto ragionare?.............



    bingo bongo
    Fategli pagare l'acqua,l'immondizia ,la mensa scolastica,ect...

    mambo
    finalmente un pò di dignità:


    gzorzi
    Ora attendiamoci qualche furto in più, questi non certo pagano con soldi loro, non ne hanno, visto che non lavorano.


    semovente
    Molto bene, si facciano rispettare le regole.


    schiacciarayban
    Parassiti che non sono altro, ma non si vergognano, vengono qui a rubare e vogliono pure tutto gratis? E noi scemi che glielo diamo, è assolutamente inaccettabile.

    RispondiElimina
  89. http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/275829


    Tuesday, Febbraio 10 2015

    Il ritratto di Mussolini «deve» ritornare alla luce. Restauri al via a Palazzolo(BS).

    Si dovranno riunire sotto lo sguardo truce di Benito Mussolini i dipendenti del Comune di Palazzolo: è forse l’esito più curioso dei lunghissimi lavori di restauro del municipio, giunti dopo tanti anni alla fase conclusiva.
    CON L’ULTIMA tranche di lavori, al via da lunedì, si interverrà proprio sulla stanza dove campeggia il volto del duce. Una stanza che nel dopoguerra era stata trasformata in corridoio e magazzino, e che ora sarà ristrutturata come sala riunioni del personale.
    Ci sarà Mussolini a fare compagnia: la Soprintendenza ha prescritto che, a norma di legge, gli affreschi vanno conservati.
    IL RITRATTO di Mussolini, affrescato nel 1924 in quello che era allora il «Museo di guerra», al secondo piano del municipio di Palazzolo, poteva essere eliminato dopo il 25 aprile del 1945, ma nessuno se ne occupò, forse per rispetto al museo che ricordava i Caduti palazzolesi. Con il trasloco del Museo nelle ex scuole di Mura, il salone che lo ospitava era stato diviso con una parete provvisoria, per ricavare il corridoio di accesso ad alcuni uffici, e per utilizzare la superficie restante come deposito di cartelle e documenti. Il vecchio pavimento era stato rimosso per consentire l’uso del corridoio, e sostituito con pannelli «provvisori» in legno.
    Poi venne il progetto di restauro del municipio, deliberato nel 1999 dalla giunta leghista di Giampiero Metelli: doveva essere ultimato nel giro qualche anno, con una spesa di circa 2 milioni di euro, ma si concluderà invece dopo ben 16 anni con una spesa complessiva che ha superato i 4 milioni di euro, in cui il restauro del salone con il «duce» pesa per 53mila euro.
    I lavori, che partono lunedì prossimo, rispetteranno i criteri di tutela della Soprintendenza che vigilerà sull’intervento, appaltato alla ditta Tisato di Verona. A fine lavori lo sguardo del Duce, che in quel 1924 era agli inizi della sua carriera di dittatore, dominerà dalle pareti la sala destinata alle riunioni dei dipendenti.
    L’INTERVENTO di restauro del salone prevede, oltre alla posa del pavimento e alla sistemazione degli impianti, proprio il recupero degli affreschi che abbellivano il Museo: la vittoria alata sulla parete tra le finestre, il soffitto circondato dai ritratti dei «padri della patria», gli eroi della Grande guerra e, appunto, i ritratti di Mussolini e Armando Diaz.
    I lavori obbligheranno la ditta a chiudere per alcuni giorni, dal 9 al 13 febbraio, il tratto di salone trasformato in corridoio di accesso agli uffici Ecologia, Contratti, Patrimonio, Lavori pubblici ed Edilizia privata. Per l’accesso sono previsti dei passaggi alternativi indicati da appositi cartelli. GIANCARLO CHIARI

     

    fonte: http://www.bresciaoggi.it/stories/2729_palazzolo/1045875_il_ritratto_di_mussolini_deve_ritornare_alla_luce_restauri_al_via_in_comune/

    RispondiElimina

  90. Tuesday, February 10, 2015


    L’intervista. Di Stefano (CP): “Sovranità per stare “da destra” nel progetto di Salvini”

    “Sovranità non è solo Casapound, e sta cercando, riuscendoci, di raggruppare quel mondo della Destra che vuole essere nel progetto salviniano e che non vuole tentennamenti”. A parlare è Simone Di Stefano, vice-presidente di Casapound Italia, che l’8 febbraio 2015 ha presentato a Bari, presso la Villa Romanazzi-Carducci, il neonato movimento politico “Sovranità-Prima gli Italiani”. Questa proposta politica si è spontaneamente ritrovata nel progetto che Matteo Salvini sta portando avanti da diversi mesi, auspicandosi di poter costituire, al termine di tale percorso, anche in Italia un “fronte lepenista”.

    Cos’è “Sovranità”?

    “Sovranità è un contenitore che vuole sostanzialmente portare il mondo della Destra all’interno del progetto salviniano in maniera chiara e pulita. E’ un soggetto accreditato all’interno di quanto si sta muovendo intorno a Salvini, non è sicuramente “Noi con Salvini”, ma un’altra formula che raccoglie persone che hanno già una storia politica, che hanno una propria cultura e che quindi vogliono stare con Salvini da Destra senza tentennamenti, come si vede altrove”.

    Quindi quali sono attualmente i rapporti tra Casapound Italia e Matteo Salvini?

    “I rapporti sono buoni e sono quelli di sempre. Però oggi c’è “Sovranità” ed è importante parlare di questo progetto perché rappresenta un passo in avanti. Casapound aderisce a “Sovranità”, al cui interno vi è il sottoscritto, nonché vice-presidente di Casapound. Tuttavia “Sovranità” è qualcosa di più largo. Noi il 28 febbraio scenderemo in piazza come “ Sovranità”, e questo sarà il soggetto politico che opererà all’interno del mondo salviniano”.

    Attraverso “Sovranità” ci saranno candidati alle politiche di Casapound Italia?

    “Di questo non abbiamo parlato e non è la cosa importante. Noi vogliamo semplicemente dare il nostro appoggio a Salvini. “Sovranità” non è solo Casapound, e sta cercando, riuscendoci, di raggruppare quel mondo della Destra che vuole essere nel progetto salviniano e che non vuole tentennamenti; noi abbiamo ex consiglieri di Fratelli d’Italia nonché di Forza Italia, insomma c’è un mondo che vuole stare chiaramente con Matteo Salvini. Da Destra”.


    fonte: http://www.barbadillo.it/36130-di-stefano-sovranita-destra-salvini/

    RispondiElimina
  91. http://www.barbadillo.it/36217-il-commento-di-franco-cardini-leuropa-assente-e-i-venti-di-guerra/

    RispondiElimina

  92. 1^ parte dell'articolo. ...


    http://www.barbadillo.it/36217-il-commento-di-franco-cardini-leuropa-assente-e-i-venti-di-guerra/


    Il commento (di Franco Cardini). L’Europa assente e i venti di guerra

    Pubblicato il 10 febbraio 2015 da Franco Cardini


    Noialtri “occidentali” siamo vissuti circa sette decenni nella beata illusione che fosse un ricordo del passato, qualcosa di diventato ormai impossibile: almeno da noi. Roba che ormai succedeva anche altrove e agli altri. Forse avremmo dovuto ricrederci da tempo: e forse, del resto, magari avevamo già mangiato la foglia almeno dal tempo del Vietnam eppure non volevamo ammetterlo. Certo, pian piano, il suono dei tamburi lontani si è andato sempre più avvicinando all’Aiuola Felice dell’Occidente: il Vicino Oriente, l’Africa, l’Iran, l’America latina, i Balcani.

    Ora ci siamo. Non alla guerra, o comunque non è detto. Ma alla sensazione che qualcosa è cambiato, che l’incanto è rotto, che siamo quasi in prima linea o che comunque ne abbiamo il sospetto, la paura, la rassegnata certezza, magari perfino l’incosciente curiosità.

    Se a uno storico del futuro, un anno qualunque del futuro, un Anno “X” (ammesso che in quell’anno ci saranno ancora degli storici), qualcuno facesse un quadro come quello di questo febbraio del 2015 – la pace in Ucraina appesa a un filo o, peggio, messa nelle mani di personaggi come monsieur Hollande; la Giordania che scende in conflitto diretto con l’IS e minaccia fuoco e fiamme; la Nigeria che sta volando in pezzi; l’Occidente che si sente minacciato; il papa che tuona contro l’ingiustizia ormai insostenibile che governa il mondo -, e gli chiedesse quanto manca allo scoppio della guerra, quello risponderebbe forse qualche giorno, forse qualche settimana o mese. Ma forse il papa ha ragione: la guerra è già cominciata, solo che nulla è accaduto come il 3 settembre del ’39, quando i governi di Sua Maestà Britannica e della Repubblica francese consegnarono il loro ultimatum al governo del Reich. Peraltro appena un anno prima di quel fatidico 3 settembre, a Monaco, era stato scongiurato per un soffio quel che fatalmente si verificò poco più tardi: ma nessuno dei quattro capi delle potenze convenute a Monaco – Chamberlain, Hitler, Mussolini, Valadier – si era mai sognato neppure per scherzo di pronunziare quella parola terribile, “guerra”. Al contrario, avevano declinato in ogni modo possibile il suo rassicurante contrario, “pace”. Con quanta incosciente naturalezza, viceversa, Hollande ha dichiarato che siamo a un passo dalla guerra…Vogliamo trarne un fausto presagio? Forse, dato che colui che purtroppo è attualmente l’inquilino dell’Elisée non ne azzecca una.

    Comunque, nei colloqui a quattro che stanno svolgendosi adesso tra i premiers russo, ucraino, tedesco e francese per risolvere la crisi ucraina, ci sono una Grande Assente e un Convitato di Pietra: un’assenza e una presenza entrambe inquietanti.

    La Grande Assente è l’Europa, che dovrebbe essere la principale se non unica partner sia di Ucraina, sia di Russia. Il presidente francese e la cancelliera Merkel, rappresentanti di un’Europa “carolingia” e atlantista (e così arriviamo al Convitato di Pietra) non rappresentano l’Unione Europea, la quale purtroppo non ha alcuna voce diplomatica, né l’Europa che purtroppo ancora non esiste. La crisi ucraina riguarda viceversa in primissima istanza proprio l’Europa nonché quella che dovrebb’essere la sua vicina, confinante e anche alleata o quantomeno buona interlocutrice e partner tanto politica quanto economica e commerciale, la Russia. Ma perché l’Europa si è lasciata trascinare su una via pregiudizialmente ostile nei confronti della Russia, perché si è lasciata imporre addirittura un embargo deleterio soprattutto e anzitutto per l’economia italiana?

    RispondiElimina
  93. 2^ parte dell'articolo.....


    http://www.barbadillo.it/36217-il-commento-di-franco-cardini-leuropa-assente-e-i-venti-di-guerra/
    Il commento (di Franco Cardini). L’Europa assente e i venti di guerra

    Pubblicato il 10 febbraio 2015

    .............................

    E qui il Convitato di Pietra si sdoppia: il suo alter ego e la sua longa manus sono ovviamente la NATO, organizzazione in cui entrano automaticamente tutti i nuovi partners dell’Unione Europea e che dipende essenzialmente dal Pentagono. E’ la NATO, quindi il Pentagono, quindi gli USA, ad aver interesse a piazzare i suoi centri tattico-strategici il più vicino possibile alla frontiera russa: è il copione della Georgia nel 2008 che si sta ripetendo, mutatis mutandis, quasi alla lettera. L’Europa viene da tutto ciò ancora una volta emarginata.

    L’altro scenario è il Vicino Oriente, dove la fitna intra musulmana ha trovato un catalizzatore: la provocazione dell’IS alla Giordania ha funzionato in pieno. Il rogo del sottotenente pilota è parso a molti una grossolana barbarie: ebbene, senza dubbio barbarie è stata: ma tutt’altro che grossolana. Chi ha acceso il rogo era un criminale imbecille, ma chi gliel’ha ordinato è un criminale raffinatissimo (il punto è: chi ha predisposto uno spettacolo arcaico per innescare un raffinatissimo processo mediatico-militare?). La Giordania è uno degli anelli più deboli della catena vicino-orientale: ha un re altamente impopolare che governa attraverso la repressione di molti oppositori sempre più filo jihadisti in un paese che ormai rigurgita di profughi principalmente palestinesi, siriani e irakeni; un paese privo di risorse (a parte il turismo e i fosfati) che vive degli aiuti soprattutto americani e sauditi e che sta, vaso di coccio tra vasi di ferro, incuneato tra Israele e Arabia saudita. Questo paese è adesso in prima linea contro un nemico in realtà semisconosciuto, forse manovrato astutamente da un mandante senza scrupoli il cui scopo ultimo è far letteralmente saltare il precario equilibrio vicino-orientale e ridefinirlo. L’ultima volta che tale equilibrio è stato ridefinito, ne è nata la crisi irakena voluta da Bush: ma allora il quadro delle forze che oggi si definiscono jihadiste era, almeno in apparenza, più chiaro e meno pericoloso. E’ ancora presto per azzardare qualche linea interpretativa.

    A cura di Franco Cardini

    RispondiElimina
  94. http://www.cn24tv.it/news/104359/politica-prime-adesioni-per-sovranita-prima-gli-italiani.html


    Politica: prime adesioni per “Sovranità –Prima gli italiani”

    GENNAIO 2015

    Arrivano già le prime adesioni per"Sovranità – Prima gli italiani", il movimento politico che anche in Calabria, sostiene le idee di Matteo Salvini. Ad aderire ufficialmente al nuovo soggetto politico, questa volta è Ruggero Mauro,consigliere comunale di Squillace (CZ), candidato a sindaco alle scorse elezioni amministrative, con la lista ‘Aria Nuova’.
    “Finalmente c’è qualcuno che parla la mia stessa lingua –dichiara Mauro - che si muove nella mia stessa direzione, e in quella di tanti italiani che non si rassegnano a questo degrado morale e politico. Italiani stufi di sopportare le ingerenze dell’UE e di subire decisioni dall’alto”.
    “Ricomincio a lottare – aggiunge – contro chi protegge i delinquenti e non le vittime, contro la mistica dell’accoglienza a tutti i costi, dove il problema immigrazione diventa un affare per la criminalità organizzata, contro il sistema bancario che blocca l’economia, facendo fallire tantissime aziende alimentando la disoccupazione. Sovranità, identità Lavoro sono i punti cardine del nostro progetto – conclude il consigliere comunale – finché Matteo Salvini mette al primo posto questi tre elementi fondamentali, noi lo sosterremo”.
    “Sono molto contento dell’adesione dell’amico Ruggero Mauro –afferma Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce della nuova formazione politica – uomo coerente con le sue idee e che si è messo da subito a disposizione della struttura regionale. Ci stiamo strutturando in tutte le provincie calabresi, e a breve comunicheremo altre importanti adesioni”.

    RispondiElimina
  95. http://www.gazzettinodelgolfo.it/salvini-sbarca-nel-golfo-di-gaeta-costituito-il-movimento-sovranita-prima-gli-italiani/#.VNqM8ckuLqB


    Salvini sbarca nel Golfo di Gaeta. Costituito il movimento “Sovranità – Prima gli Italiani”

    22 gennaio, 2015

    Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, sbarca nel Golfo di Gaeta grazie al movimento “Sovranità – Prima gli Italiani“, guidato da Marco Moccia, ex delegato alle politiche abitative del Comune di Minturno.
    “Sovranità prima gli Italiani”, sbarca nel Golfo di Gaeta: Marco, come nasce questa volontà?
    “Sovranità vuole essere un gruppo politico aperto a studenti, lavoratori, liberi professionisti che abbiano a cuore l’interesse degli italiani e della nazione. Il Movimento non è l’ennesimo carrozzone elettorale per i “riciclati” della politica, vuole riportare l’Italia ad essere sovrana in politica interna, estera, economica, energetica, tutte cose che ormai sono solo scritte su carta, ma nei fatti non avvengono perché siamo schiavi di folli direttive europee che invece di tutelare gli interessi dei popoli, tutelano solo le oligarchie e le banche“.

    Di quanti membri è composto il movimento?
    “Il movimento è composto da chi ha “voglia di fare“, studenti, liberi professionisti, docenti, giornalisti, operai, in poche parole è un ‘movimento di popolo’”

    Matteo Salvini seppur segretario della Lega Nord, annovera numerosi consensi anche in Sicilia, potrebbe far visita alla delegazione del Golfo;?
    “Con Matteo (quello buono, cioè Salvini) siamo in contatto quasi quotidianamente, tra impegni all’Europarlamento e in giro per l’Italia non sta mai fermo, contiamo però di farlo venire qui nel Golfo, ed una piccola promessa gliel’ho già strappata“.

    Quali sono i prossimi eventi in programma?
    “Dopo aver fatto presentare l’interrogazione parlamentare per idocenti del Golfo, consegneremo le raccolte alimentari fatte nelle ultime settimane a persone bisognose del Golfo ed a breve faremo una presentazione ufficiale del movimento sul territorio. Non ci fermeremo un attimo, saremo punto di riferimento per i cittadini 24 ore su 24”.
    La sede del movimento è via vittoria Formia.

    RispondiElimina
  96. http://www.latinaquotidiano.it/salvini-sbarca-nel-sud-pontino-con-il-movimento-sovranita-prima-gli-italiani/


    SALVINI SBARCA NEL SUD PONTINO CON IL MOVIMENTO “SOVRANITÀ – PRIMA GLI ITALIANI”

    20.1.2015

    di Redazione – Arriva anche nel Sul Pontino il Movimento “Sovranità – Prima gli italiani” che fa riferimento a Matteo Salvini, leader della Lega Nord e di Noi con Salvini. A portarlo nel Golfo di Gaeta è stato Marco Moccia, ex delegato alle politiche abitative del Comune di Minturno. Sovranità vuole essere un gruppo politico aperto a studenti, lavoratori, liberi professionisti che abbiano a cuore l’interesse degli italiani e della nazione. Il Movimento non vuole dare spazio ai “riciclati” della politica, ma solo a chi abbia come obiettivo il restituire all’Italia le redini della nazione.
    Al Movimento hanno già aderito docenti universitari e liberi professionisti. Sovranità è già politicamente attiva tanto da essere stata contattata da numerosi professori infuriati per la gestione delle graduatorie da parte del provveditorato di Latina. I docenti lamentano che la nella griglia definitiva i punteggi sarebbero stati alterati per favorire alcuni a scapito di altri. Sul tema la Lega Nord ha presentato un’interrogazione parlamentare.

    RispondiElimina
  97. http://approdonews.it/giornale/?p=152299


    10 febbraio 2015 (martedì)

    Politica, nasce “Sovranità – Prima gli italiani”Da Lamezia Terme pieno appoggio alle battaglie di Matteo Salvini.

    8 gennaio 2015

    LAMEZIA TERME, 8 Gen- “È con immensa soddisfazione che annunciamo in Calabria la nascita di ‘Sovranità – Prima gli Italiani’, un’associazione che mira a sostenere politicamente, culturalmente e organizzativamente le battaglie di Matteo Salvini”. Così Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce del nuovo soggetto politico.
    La presentazione ufficiale di “Sovranità” avverrà venerdì 9 gennaio, presso il Grand Hotel Lamezia alle ore.18. All’incontro tra gli altri, parteciperanno il vicepresidente di CasaPound Italia, Simone Di Stefano, il coordinatore regionale, Mimmo Gianturco e il consigliere comunale di Squillace, Ruggero Mauro.
    “L’obiettivo di ‘Sovranità – Prima gli Italiani’ – continua Zaffina – è quello di dare vita ad un progetto ambizioso caratterizzato da idee, strutture e parole d’ordine, per sostenere una proposta politica che, a nostro avviso, nel panorama attuale rappresenta l’unica speranza per la nostra nazione. Sovranità significa libertà di forgiare il proprio destino. È la capacità di battere e controllare moneta (sovranità monetaria). È la possibilità di approvvigionarsi a fonte energetiche diversificate e per quanto possibile autonome (sovranità energetica). È la possibilità di potersi difendere (sovranità militare). È la libertà di non avere zone di non diritto nelle proprie città (sovranità territoriale). È la capacità di decidere in piena libertà le proprie leggi, i propri amici, i propri nemici (sovranità politica)”.
    “La nostra proposta politica – conclude – in un contesto in cui si verifica l’impoverimento di fasce sempre più consistenti del popolo italiano, una forte disoccupazione giovanile, una tassazione che strangola i settori produttivi, l’accelerazione dei recenti governi su progetti etnici, è sovranista, sociale, identitaria, che si faccia portavoce degli interessi del popolo italiano in un momento in cui le caste politiche, economiche e culturali non riescono più a capire ciò che accade nell’Italia rimasta fuori dai salotti. Questa proposta politica si è spontaneamente incarnata nel progetto politico che Matteo Salvini sta portando avanti da diversi mesi ".

    RispondiElimina
  98. http://www.squillace.org/ruggero-mauro-tra-i-fondatori-di-sovranita-prima-gli-italiani-accanto-a-matteo-salvini/

    RispondiElimina
  99. http://ildispaccio.it/catanzaro/64515-squillace-cz-consigliere-mauro-aderisce-a-sovranita-prima-gli-italiani-il-movimento-che-sostiene-matteo-salvini




    Squillace (Cz), consigliere Mauro aderisce a "Sovranità - Prima gli italiani", il movimento che sostiene Matteo Salvini.


    Arrivano già le prime adesioni per 'Sovranità – Prima gli italiani', il movimento politico che anche in Calabria, sostiene le idee di Matteo Salvini. Ad aderire ufficialmente al nuovo soggetto politico, questa volta è Ruggero Mauro, consigliere comunale di Squillace (CZ), candidato a sindaco alle scorse elezioni amministrative, con la lista 'Aria Nuova'.

    "Finalmente c'è qualcuno che parla la mia stessa lingua – dichiara Mauro - che si muove nella mia stessa direzione, e in quella di tanti italiani che non si rassegnano a questo degrado morale e politico. Italiani stufi di sopportare le ingerenze dell'UE e di subire decisioni dall'alto".

    "Ricomincio a lottare – aggiunge – contro chi protegge i delinquenti e non le vittime, contro la mistica dell'accoglienza a tutti i costi, dove il problema immigrazione diventa un affare per la criminalità organizzata, contro il sistema bancario che blocca l'economia, facendo fallire tantissime aziende alimentando la disoccupazione. Sovranità, identità Lavoro sono i punti cardine del nostro progetto – conclude il consigliere comunale – finché Matteo Salvini mette al primo posto questi tre elementi fondamentali, noi lo sosterremo".

    "Sono molto contento dell'adesione dell'amico Ruggero Mauro – afferma Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce della nuova formazione politica – uomo coerente con le sue idee e che si è messo da subito a disposizione della struttura regionale. Ci stiamo strutturando in tutte le provincie calabresi, e a breve comunicheremo altre importanti adesioni.

    RispondiElimina
  100. http://www.ilquotidianoweb.it/news/politica/732882/Matteo-Salvini-mette-radici--anche.html



    Matteo Salvini mette radici anche in Calabria.

    Nasce movimento a sostegno del leader della Lega

    Nasce "Sovranità - Prima gli Italiani". Ad annunciarlo è Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce del nuovo soggetto politico che sarà presentato venerdì 9 gennaio nel corso di un incontro a Lamezia Terme

    LAMEZIA TERME - Nasce in Calabria "Sovranità - Prima gli Italiani", «un’associazione che mira a sostenere politicamente, culturalmente e organizzativamente le battaglie di Matteo Salvini». Ad annunciarlo è Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce del nuovo soggetto politico che, è scritto in una nota, sarà presentato venerdì 9 gennaio nel corso di un incontro al quale parteciperanno, tra gli altri, il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano, il coordinatore regionale Mimmo Gianturco e il consigliere comunale di Squillace Ruggero Mauro.

    «L'obiettivo di Sovranità-Prima gli Italiani - afferma Zaffina - è quello di dare vita ad un progetto ambizioso caratterizzato da idee, strutture e parole d’ordine, per sostenere una proposta politica che, a nostro avviso, nel panorama attuale rappresenta l’unica speranza per la nostra nazione. Sovranità significa libertà di forgiare il proprio destino. E’ la capacità di battere e controllare moneta (sovranità monetaria). E’ la possibilità di approvvigionarsi a fonte energetiche diversificate e per quanto possibile autonome (sovranità energetica). E’ la possibilità di potersi difendere (sovranità militare). E’ la libertà di non avere zone di non diritto nelle proprie città (sovranità territoriale). E’ la capacità di decidere in piena libertà le proprie leggi, i propri amici, i propri nemici (sovranità politica)».

    «La nostra proposta politica - conclude Zaffina - in un contesto in cui si verifica l’impoverimento di fasce sempre più consistenti del popolo italiano, una forte disoccupazione giovanile, una tassazione che strangola i settori produttivi, l'accelerazione dei recenti governi su progetti etnocidi, è sovranista, sociale, identitaria, che si faccia portavoce degli interessi del popolo italiano in un momento in cui le caste politiche, economiche e culturali non riescono più a capire ciò che accade nell’Italia rimasta fuori dai salotti. Questa proposta politica si è spontaneamente incarnata nel progetto politico che Matteo Salvini sta portando avanti da diversi mesi».

    RispondiElimina
  101. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/11/tosi-minaccia-salvini-mi-faccio-una-lista-tutta-mia/1092280/


    Ripeto la frase detta da Salvini,in occasione della recente esternazione di Tosi sulle "coppie di fatto"...: "Le emergenze per i sindaci sono abbassare le tasse e aprire scuole, asili ed ospedali - ha commentato il leader della Lega Nord - non è una cosa che mi appassiona".....e neppure me,perchè è una chiara "furbata",per aprire la strada alle "famiglie" gay.....A questo punto Tosi,per me si è bruciato!

    RispondiElimina
  102. http://www.ilvelino.it/it/article/2015/02/11/ucraina-buonanno-ln-se-mogherini-avesse-dignita-si-dimetterebbe/10ed42ee-2947-4b63-b6a8-b56cad502fd9/


    Ucraina, Buonanno (Ln):
    Se Mogherini avesse dignità si dimetterebbe.

    11 febbraio 2015

    “Mentre i leader di Russia, Ucraina, Germania e Francia si riuniscono a Minsk in un vertice per decidere le sorti del conflitto ucraino, l’alto rappresentante della politica estera Ue Federica Mogherini è costretta a chiedere notizie ai giornalisti per informarsi di quel che succede nel summit, perché lei non è stata invitata. Se avesse un minimo di dignità dovrebbe riconoscere che non conta un bel niente e si dovrebbe dimettere all’istante dal suo inutile incarico”. Lo afferma Gianluca Buonanno, europarlamentare della Lega Nord. “Ma – aggiunge Buonanno – questo non è mica l’unico fallimento del ‘trio tragico’ della politica estera Mogherini-Renzi-Gentiloni. L’inconsistenza internazionale dell’Italia la si è vista prima con Mare Nostrum e ora con Triton. Per non parlare dei due nostri marò che sono ancora in ostaggio dell’India senza che né il governo né la Ue muovano un dito. La Ue si è interessata invece alla questione del nucleare in Iran ma ha pensato bene di non mandare a trattare la Mogherini, anche se è lei formalmente a capo della diplomazia, ma il suo predecessore Lady Ashton, giusto per far capire chi è influente e chi invece no”.

    RispondiElimina
  103. http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2015/02/11/tragedia-senza-fine-lampedusa-sono-morti-del-naufragio_2FJuxlWjHQoWWFZdkN2XTP.html


    ricordo quando Bersani smacchiatore di giaguari andò in Libia per congratularsi coi jihadisti islamici che erano stati aiutati anche dell'Italia a destituire Gheddafi che era contrario e nemico del fondamentalismo coranico.
    Adesso se ne vedono i risultati ma quel vigliacco di bettola si guarda bene dal ritornare in Libia per dirgliene quattro a quei schiavisti..!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  104. Ho sempre pensato che l'omosessualità è una malattia di devianza sessuale pericolosa per la sopravvivenza della società e pertanto bisogna correre ai ripari prima che sia troppo tardi.




    http://voxnews.info/2015/02/10/prof-gay-inizia-ragazzina-al-sesso-lesbico/


    Prof gay inizia ragazzina al sesso lesbico

    febbraio 10, 2015 18:40


    Arrestata e condannata a soli 12 mesi di carcere, un’insegnante omosessuale che ha iniziato una propria allieva al rapporto sessuale lesbico.
    Helen Carter, 40 anni non portati benissimo, ha iniziato la ragazzina adolescente al lesbismo mentre lavorava alla Bromfords School di Wickford, Essex (GB), e la incoraggiò a trasmetterle immagini sessualmente esplicite. Utilizzando un’applicazione di messaggistica criptata per scambiare messaggi.
    Per la corte ha violato un rapporto di fiducia verso la famiglia della bambina.

    RispondiElimina
  105. www.ilgiornale.it

    11 Febbraio 2015

    Grillini contro Gesù Bambino: "Sbagliato regalarlo ai bimbi"Interrogazione parlamentare M5S contro il dono di 2500 statuine del Divino Bambinello agli alunni di due scuole primarie siciliane da parte di Forza Nuova

    Ivan Francese

    È da sempre l'emblema dell'innocenza, nudo e tremante al freddo della stalla di Betlemme. Eppure il Bambin Gesù è pericoloso, per le frange più oltranziste del Movimento Cinque Stelle.
    Questo, almeno, è quello che sostiene la segreteria nazionale di Forza Nuova che ieri,per bocca del vicesegretario nazionale Giuseppe Provenzale, ha denunciato la reazione furibonda dei grillini, che hanno addirittura presentato un'interrogazione parlamentare, contro il dono di 2500 statuine del divino Bambinello ad altrettanti bimbi di alcune scuole primarie siciliane, in occasione del Natale.
    Era il 23 dicembre quando, racconta il sito ibleoRagusah24, alcuni attivisti ragusani di Forza Nuova, insieme ad altre associazioni, donavano ai bimbi di una scuola elementare locale - e di un'altro istituto della vicina Scicli - 2500 statuine di Gesù Bambino "regalate alle giovani generazioni - spiegano allora da Forza Nuova  - affinchè facciano tesoro delle proprie radici e contro il relativismo moderno".
    Un dono che, per la verità, era stato accolto con entusiasmo dalla direttrice della scuola ragusana, Concetta Spadaro, che aveva salutato così l'inaspettato regalo: "Quest’anno non avevamo nulla da regalare ai nostri bambini, quando Forza Nuova ci ha telefonato per donare i bambinelli ho pensato fosse un segno dal cielo".
    Un entusiasmo che, però, non è stato condiviso da tutti. A partire dal M5S. Ben nove deputati grillini, infatti, capeggiati dall'onorevole Maria Marzana, avrebbero presentato, lo scorso 21 gennaio, un'interrogazione parlamentare a risposta scritta indirizzata al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Motivo? La presunta "palese invadenza di campo da parte di una forza politica in ambito educativo" che, secondo i grillini, susciterebbe " forti perplessità in ordine al rispetto del principio della libertà delle confessioni religiose sancito dall’articolo 8 della Costituzione nonché al rispetto della laicità dello Stato italiano”.
    Basita la reazione di Forza Nuova, che ha puntato il dito contro la "mentalità laicista e anticristiana imperante tra i Cinque Stelle". Dai Cinque Stelle, per ora, non si registra ancora nessuna risposta. Resta da vedere che dirà la Giannini.




    Commenti

    Cinghiale
    Vorrei sapere perchè i Cattolici sono sempre presi di mira in questo modo. Con tutti i problemi che abbiamo il Bambino Gesù regalato merita un'interrogazione parlamentare?


    labcos
    Gesu' e' scomodo a tante persone,perche' ci mette in difficolta' con le sue leggi.Non temino i Grillini,Gesu' non'e'contro di loro e contro nessuno. Gesù è un progetto Divino universale per tutti.Pensino a cose terrene importanti,anziche' infilarsi in un tunnel per loro al momento senza uscita.


    buri
    Va bene che Grillo è sposato con una donna Iraniana, quindi senza dubbio musulmana sciita, ma doveva proprio prendersela con Gesù Bambino, va bene che attaccare i cattolici non comporta alcun rischio di verdersi decapitato o sgazzato, vorrei vedere se avessero il coraggio di comportarsi così nei confronti dell'islam...!!!!!!!!


    giosafat
    Non è sbagliato regalare Bambin Gesù, è sbagliato che possa esistere il M5S ed ancor di più sbagliato è che possa esistere gente con la testa adatta per appartenervi. Dopo la pulizia occorrerà disinfettare a fondo....


    vince50
    Lo sfascio di questa nazione non possiamo imputarla a chissà chi,se non a noi stessi.Mi vedo costretto a ripetermi,non bastavano i comunisti adesso ci sono anche i grullini a devastarla su tutti i fronti.Purtroppo i parassiti si moltiplicano a dismisura,e questo è proprio il territorio più che mai adatto alla loro proliferazione.In sintesi:Disgraziati incapaci e mantenuti.

    RispondiElimina
  106. http://www.radiofn.eu/?p=1402#sthash.Po9jUDCy.IgdPDZPP.dpbs

    10 febbraio 2015

    Giuseppe Provenzale* –
    Vice segretario nazionale Forza Nuova.

    Opposizione a indottrinamento Gender nelle scuole e dono di bambinelli Gesù agli alunni, il M5S ci “dedica” un’interrogazione parlamentare.

    Apprendiamo da alcune fonti di stampa e dai social network che due delle nostre più recenti iniziative in Sicilia hanno meritato la ribalta del Parlamento nazionale a causa di un’interrogazione a risposta scritta (n. 4-07606) presentata alla Camera lo scorso 21 gennaio dal M5S, prima firmataria Maria Marzana seguita da altri 8 deputati grillini, e indirizzata al Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini.Nella cospicua porzione dell’interrogazione che ci riguarda, i cittadini pentastellati insorgono contro “… una palese invadenza di campo da parte di una forza politica in ambito educativo …” (rappresentata dall’offerta gratuita, in prossimità del Natale, di 2.500 bambinelli Gesù, acquistati con una sottoscrizione fra militanti e simpatizzanti di Forza Nuova e di alcuni enti no profit che hanno collaborato all’iniziativa, agli alunni di alcune scuole primarie di Modica e Scicli) e fanno riferimento a “… forti perplessità in ordine al rispetto del principio della libertà delle confessioni religiose sancito dall’articolo 8 della Costituzione nonché al rispetto della laicità dello Stato italiano”, puntando il proprio giacobin ditino accusatore anche contro una dirigente scolastica, rea di aver dichiarato quanto segue: «Oggi alla festa di Natale non avevamo nulla da regalare ai nostri bambini, quando ci hanno telefonato per donarci i bambinelli ho pensato fosse un segno dal Cielo», osando, quindi, esternare le proprie convinzioni religiose, quelle della maggioranza degli italiani, e violando così “i principi di imparzialità, di equilibrio e di credibilità proprie dell’istituzione scolastica” che, evidentemente, dovrebbe, a parere dei portavoce grillini, condurre i cattolici a non festeggiare il Natale, nota festa discriminatoria e intollerante.Cosa commentare? Sapevamo che la mentalità laicista e anticristiana fosse imperante tra i 5 stelle, ma non fino a questo punto, non fino al punto da imbastire un’interrogazione parlamentare per “sacrilegio” contro la “religione” del pensiero unico laicista, a cui, del resto, non aderiscono ufficialmente né il Movimento di Grillo e Casaleggio né tutti i suoi iscritti.Ma non è finita, l’onorevole cittadina Marzana e gli altri interroganti se la prendono anche con i forzanovisti palermitani, colpevoli di aver promosso nelle scuole del capoluogo “una campagna in difesa della famiglia naturale e contro la «teoria gender», fondata sul superamento degli stereotipi di genere; il partito politico ha affisso vicino ai muri delle scuole elementari e medie del capoluogo siciliano un volantino con i contatti a cui rivolgersi i genitori (sic) per denunciare l’eventuale «propaganda omosessualista»;l’iniziativa è deprecabile oltre che per l’invadenza di una forza politica in ambito scolastico per i messaggi veicolati, in palese contrasto con l’educazione alla tolleranza e al rispetto della diversità, finalizzata a combattere le discriminazioni e promuovere la pari dignità di tutti gli esseri umani;la scuola è il luogo dedicato all’educazione e non può diventare spazio di propaganda religiosa o politica tanto più se compiuta sulla pelle dei bambini…”.I nostri volantini, rivolti ai genitori, sarebbero quindi pericolosa propaganda “compiuta sulla pelle dei bambini”, mentre l’indottrinamento della follia gender, portato avanti dalle associazioni gay ai danni dei più piccoli, non sarebbe propaganda fatta sulla pelle dei bambini, ma sacrosanta azione rivolta al “superamento degli stereotipi di genere che, come tutti sanno, consisterebbero nel sostenere la naturale differenza biologica e comportamentale da sempre esistente tra persone di sesso diverso che tanto spaventa i campioni della tolleranza politicamente corretta.


    1^ parte articolo. .....

    RispondiElimina
  107. https://m.facebook.com/sovranita?refsrc=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fsovranita


    RispondiElimina

  108. Sovranità



    https://m.facebook.com/sovranita/photos/a.1374504582848482.1073741827.1374494492849491/1412670089031931/?type=1&source=44&refid=17




    Sabato 28 Febbraio tutti in piazza con Matteo Salvini per urlare RENZI A CASA!

    RispondiElimina
  109. http://voxnews.info/2015/02/11/ha-sparato-la-prima/



    Ha sparato la prima....

    febbraio 11, 2015 19:53

    Il capo dello Stato – abusivo – Mattarella, si dice “colpito dalla nuova immane tragedia umanitaria avvenuta in acque internazionali”, riferendosi all’ultima presunta strage di clandestini. Molto presunta, probabilmente pilotata dagli affaristi dell’accoglienza preoccupati per il calo degli affari.
    Il presidente, dice, “segue da vicino la vicenda” e ha espresso “apprezzamento per l’opera dei soccorritori che ha permesso di salvare molte vite”.
    Che abbia partecipazioni non solo sentimentali nel comparto?

    RispondiElimina
  110. http://voxnews.info/2015/02/11/clandestini-bloccano-strade-ai-malati-impedito-raggiungere-ospedale/



    Clandestini bloccano strade, ai malati impedito raggiungere ospedale.

    febbraio 11, 2015 15:37

    VITTORIO VENETO – I clandestini africani camuffati da profughi che vivono in hotel a spese nostre si sono riversati in via Marconi, bloccando le strade. Sono gli ‘ospiti’ del Ceis di Vittorio Veneto, e questa mattina hanno impedito a malati e parenti di raggiungere l’ospedale, bloccando il traffico dal distretto sanitario di Serravalle fino a Revine Lago.
    Numerosi i cittadini che non sono riusciti a raggiungere il centro città. Perché lungo la strada ci sono i sedicenti profughi che, armati di sedie, cassonetti delle immondizie, pellet e cartelloni, bloccano il traffico. “Abbiamo fame”, si legge in un cartello che un ragazzo bello pasciuto tiene in mano, “Stiamo soffrendo”.
    Intanto, autobus, corriere e automobili percorrono via Caprera – la parallela di via Marconi – contromano, per raggiungere l’autostrada. Sul posto, carabinieri e polizia municipale che non fanno nulla: niente manganelli contro gli africani. E cittadini super-arrabbiati: “Gli italiani, ‘ste robe, no’ ie fa!”
    Sono un’accozzaglia di clandestini arroganti. Colonizzatori da ributtare in mare.
    La dimostrazione visiva di quello che è lo Stato, sono gli agenti immobili mentre i clandestini commettono un reato.

    RispondiElimina
  111. FESTIVAL DI SANREMO RIDOTTO AD UNA SERATA DEL GAY VILLAGE CON UN OSCENO TRAVESTITO PAGATO ANCHE COI MIEI SOLDI PER FARE VOMITARE...!!!
    SECONDO QUESTI POLITICANTI DEPRAVATI DELLA SX SE NON SEI UN LGBT NON CONTI NULLA..!!!
    RIDICOLO ESSERUCOLO CHE FA PENA E SCHIFO A PPRESENTARSI CONCIATO IN QUEL MODO ED ANCORA PIÙ RIDICOLI RAI E CARLO CONTI CHE CE L'HANNO AMMOLLATO COME UNA COSA NORMALE CHE NON È AFFATTO.
    VERGOGNA CHE FA CAGARE! !!!!!!!!!




    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/12/conchita-nella-vita-conta-chi-sei_d91ec71f-3d3a-4b01-b2da-4d12807b5ff0.html


    Conchita, nella vita conta chi sei
    La drag queen all'Ariston con nuovo look, canta Heroes


    12 febbraio 2015

    (ANSA) - SANREMO, 12 FEB - "Non importa da dove vieni o come ti mostri, conta chi sei e io sono questo". Conchita Wurst, la drag queen austriaca che ha vinto l'Eurovision Song Contest 2014, porta all'Ariston il suo messaggio di apertura alla diversità e canta 'Heroes'. In abito super scollato, corpetto chiaro e gonna lunga blu, barba e capelli più corti rispetto alla vittoria all'Eurovision, mostra poi, su invito di Conti, la figura femminile che porta tatuata......

    RispondiElimina
  112. PIÙ SOLDI E PIÙ CARNE FRESCA PER I PERVERTITI CATTOCOMUNISTE. .......


    http://voxnews.info/2015/02/12/business-is-business-giornale-dei-vescovi-invoca-piu-clandestini/


    Business is Business:
    giornale dei Vescovi invoca più clandestini.

    febbraio 12, 2015


    La presunta strage di clandestini – tutta basata sulle validissime testimonianze di altri clandestini – viene utilizzata da chi ha interessi ormai palesi nel business dell’accoglienza per invocare più operazioni di cosiddetto ‘soccorso’, che poi sono all’origine delle partenze: è un po’ come i riscatti, se smetti di pagarli, finiscono anche i rapimenti.
    Il giornale del Vescovi, il celeberrimo Avvenire, noto per i 4.355.324,42 di euro di fondi pubblici, che potrebbero essere usati per i loro ‘cari migranti’, invoca così un altro Mare Nostrum. Non solo, annuncia in una sconvolgente prima pagina di oggi la partenza di 600 eritrei dalla Libia: come un’agenzia viaggi. E non è strano, visto che l’organizzatore è il famigerato Don Zerai che gestisce la tratta direttamente dal Vaticano. Insomma, una sorta di ‘gazzetta degli scafisti’.
    Ci siamo rotti. Dove è la magistratura, non si indaga su chi si autodenuncia in questo modo a mezzo stampa.

    RispondiElimina
  113. CADUTA IN BASSO CONTINUA CON BERGOGLIO..!!!!


    http://voxnews.info/2015/02/12/marx-detta-la-linea-al-papa/


    Marx detta la linea al Papa

    febbraio 12, 2015

     

    Progressisti sempre all’attacco con sospetta insistenza, in un’offensiva divenuta ormai senza quartiere. In un’intervista concessa al gesuita Luke Hansen per America Magazine, il Card. Reinhard Marx ha dettato la linea per il prossimo Sinodo sulla Famiglia e avverte già: non sarà nell’ottica «del “tutto o niente”, non possono esserci vincitori e vinti, questo non sarebbe lo spirito» giusto. Invece deve, a suo avviso, muoversi nella prospettiva del compromesso col mondo per «aiutare ad incontrare la verità», “declassando” «l’Eucarestia» a semplice «medicina: dobbiamo trovare delle strade grazie alle quali la gente possa riceverla», dimenticando come Essa sia prima di tutto «comunione della vita divina» (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 1325) e non possa quindi strutturalmente esser data a chi la comunione l’abbia spezzata. Bontà sua, il Card. Marx specifica come l’ultima parola su questi aspetti non spetti comunque al Sinodo medesimo, bensì «ad un Concilio o al Papa», spingendo così tra le righe per il “parlamentarismo ecclesiastico” e, perché no?, magari anche per un Vaticano III…
    Secondo lui, tutto andrebbe posto nell’ottica dell’«aggiornamento», matrimonio in primis: non vi sarebbero certezze, punti fermi, principi non negoziabili, sarebbe anzi «la dottrina» a doversi «adattare sempre» ai «nuovi cammini intrapresi per capire ciò che Gesù disse». Si dice colpito da quei giovani «cattolici omosessuali attivi» pronti a ricercare «relazioni» fatte per «durare tutta la vita», il che, secondo lui, sarebbe «cosa buona e giusta», non essendo la «dottrina della Chiesa» loro «estranea». Evidente la sua piena sintonia col Vescovo di Anversa, pronto a “benedire” questo tipo di “unioni”, purché i due partner siano «fedeli» ed impegnati nella carità verso «i poveri», insomma che seguano alla lettera il programma del “politicamente corretto” e “moralmente corrotto”. Lo stesso dicasi per i matrimoni civili conseguenti ad un divorzio e per i rapporti prematrimoniali.
    S’affretta ad assicurare come molti padri sinodali siano d’accordo con le sue tesi, benché con tutta evidenza in contrasto con la Scrittura, la Tradizione ed il Magistero bimillenario della Chiesa Cattolica. Ma se così è, non sorge il dubbio che tale contrasto sorga da una causa precisa e da un motivo fondato?

    In collaborazione con www.nocristianofobia.org

    RispondiElimina

  114. http://www.intelligonews.it/di-stefano-cpi-il-28-con-la-lega-noi-ci-saremo-e-il-14-con-borghi-berlusconi-se-cambia/


    Di Stefano (Cpi): “Il 28 con la Lega noi ci saremo. E il 14 con Borghi. Berlusconi? Se cambia…”

    12 Feb 2015

    Adriano Scianca

    Si avvicina la data del corteo di Matteo Salvini a Roma e nell’area di destra c’è fermento. Chi ci sarà? Fratelli d’Italia? CasaPound? “Noi ci saremo”, assicura Simone Di Stefano, vicepresidente di Cpi, che aggiunge: “Chiunque vuole mandare a casa Renzi e riconosce la leadership di Salvini è il benvenuto”.
    Di Stefano, secondo indiscrezioni raccolte da IntelligoNews, in Fratelli d’Italia ci sarebbe un dibattito aperto circa la manifestazione salviniana. La presenza di Cpi in piazza sarebbe una delle variabili che la Meloni starebbe soppesando…
    «Dico solo che noi ci saremo e che più gente c’è e meglio è. È una manifestazione che ha come obbiettivo quello di mandare a casa Renzi e riconoscere Salvini come leader, chi vuole tutto ciò può scendere in piazza. Per farlo non c’è bisogno di fondersi o di andare a ragionare con temi più alti. Ognuno resta con la propria identità».
    Nessun veto, quindi?
    «Nessun veto. Non lo poniamo e ovviamente non lo accettiamo da altri. Ci mancherebbe altro che per una manifestazione del genere qualcuno si preoccupasse di stabilire quali altri forze possono o non possono partecipare».
    Confermiamo comunque che CasaPound sarà in piazza?
    «Certo, CasaPound ci sarà insieme a Sovranità, il nuovo soggetto politico in cui siamo presenti e che sta crescendo, creando consenso ed entusiasmo. L’obbiettivo è creare quello che è stato definito il “Front national italiano”. L’obiettivo dichiarato di Sovranità è quello di aggregare tutta la destra, usiamo per comodità questo termine, che vuole sostenere Salvini, dato che noi condividiamo il 95% di ciò che il leader leghista dice».
    Nei giorni scorsi si è parlato di un accordo fra Salvini e Berlusconi…
    «Ma Salvini ha già chiarito la questione, ridimensionando molto la portata dell’incontro. In ogni caso la nostra posizione è semplice: se Berlusconi si riscopre no Euro, se vuole la sovranità monetaria, se è contrario al Trattato transatlantico e alle delocalizzazioni, se sposa una
    politica forte contro l’immigrazione, contro mare Nostrum e Triton, se smette di fare la stampella a Renzi e sceglie una politica di opposizione senza compromessi, allora le porte sono spalancate».
    Quali sono le prossime attività di Sovranità, oltre al corteo?
    «Il 14 febbraio si terrà a Firenze un convegno con me, con il candidato leghista alla regione Toscana, l’economista Claudio Borghi, e, tra gli altri, il noto disegnatore Alfio Krancic. Da quando Borghi, che tutti noi stimiamo molto, ha annunciato la sua candidatura, credo che questo sia il primo evento ufficiale a cui partecipa. Ci sarà a breve anche un evento analogo a Milano, con intellettuali di livello nazionale e parlamentari leghisti, ma stiamo ultimando in queste ore gli ultimi dettagli».

    RispondiElimina
  115. SPERIAMO CHE MARONI NON SI LASCI INTIMIDIRE E POI STOPPARE DAGLI SCIACALLI AFFARISTI CATTOCOMUNISTI ISLAMOFILI E PERVERTITI COSÌ COME ACCADDE QUANDO ERA MINISTRO DELL'INTERNO CON BERLUSCA. ALL'EPOCA DOVETTE FARE DIETROFRONT SULLA POLITICA GIUSTA DI RESPINGIMENTO DEI CLANDESTINI. RICORDO CHE UE/MAGISTRATURA/CURIE/LEGA COOP E COMARI CANTANDO FECERO IL DIAVOLO A QUATTRO MEDIATICAMENTE NEL VEDERE IL BUSINESS DELLO SCHIAVISMO MESSO IN PERICOLO DA MARONI IL QUALE PAVIDAMENTE CEDETTE.!!!!!!!!!!!



    http://milano.corriere.it/notizie/politica/15_gennaio_29/moschee-pioggia-no-legge-maroni-tira-dritto-giusta-mediazione-d24b6da0-a7a5-11e4-b182-cec9e96dbdaf.shtml



    LA STRETTA DEL PIRELLONE

    Milano, 29 gennaio 2015

    Moschee, pioggia di no alla legge
    Maroni tira dritto: giusta mediazione

    di Giampiero Rossi




    Le critiche alla legge regionale sui luoghi di culto compatta, in un colpo solo, tutte le religioni rappresentate in Lombardia. Dopo 24 ore di riflessione, infatti, ieri anche la Curia di Milano si è unita al coro ecumenico di proteste contro il testo normativo che, concepito a scopo «anti-moschee», rischia di rendere la vita difficile a tutti, chiesa cattolica compresa. «Vista la rilevanza e la delicatezza del tema, occorre giungere alla costruzione di questi strumenti legislativi in modo meno frammentario e precipitoso, per non produrre effetti che vadano al di là delle intenzioni di chi li propone», è infatti il severo commento di monsignor Luca Bressan, vicario episcopale dell’Arcidiocesi di Milano. E oltre a segnalare il rischio di «effetti collaterali» non certo graditi, il vice del cardinale Scola esprime anche dubbi di costituzionalità: «Resta infatti da capire - aggiunge - se questa legge è conforme alle disposizioni cui, come ogni atto legislativo, deve sottostare e se sarà in grado o meno di garantire una effettiva libertà di culto nel rispetto di tutte le leggi vigenti».

    Il presidente della Regione Roberto Maroni, però, tira dritto: «La nuova legge è stata approvata dal consiglio regionale e dunque è buona e giusta», commenta laconico. E poi sottolinea il suo ruolo di mediatore, rivolto più che altro agli equilibri della sua maggioranza: «All’inizio, il Nuovo centrodestra era contrario e io ho fatto da punto di sintesi»".
    Ma intanto contro la nuova norma si schierano i sindaci: «Complica ulteriormente l’attività degli enti locali - dice il presidente di Anci Lombardia e sindaco di Monza Roberto Scanagatti - lede l’autonomia dei Comuni nella predisposizione degli strumenti urbanistici, aumenterà i costi e aggraverà i procedimenti burocratici». E anche il commento del commissario unico di Expo Giuseppe Sala suona perplesso: «Avremo grandi flussi dai paesi islamici - dice - quindi dal nostro punto di vista ci muoviamo con molta attenzione per fare sì che passi la percezione di un Expo molto accogliente".





    COMMENTI


    faterry5 febbraio 2015 | 15:30
    In democrazia i compromessi sono giusti; calarsi le braghe no!


    italianpatient30 gennaio 2015 | 15:08
    all'expo mancano quattro mesi quindi di cosa si lamenta il sig. Sala?


    Lettore_278734730 gennaio 2015 | 13:08
    Ottimo Maroni!! Avanti così! Chi si lamenta, se ne può andare subito.....magari in qualche bel paese islamico dove potrà protestare quanto vuole


    Marale29 gennaio 2015 | 13:24
    La Curia NON fa le leggi, è SOLO tenuta a rispettarle. Fine della storia, bravo Maroni.


    Lettore_286197029 gennaio 2015 | 13:13
    "Ma intanto contro la nuova norma si schierano..." Se alle elementari avessi iniziato il tema con "Ma intanto", il voto migliore sarebbe stato un 4.


    Singolare femminile29 gennaio 2015 | 12:19
    L'unica pioggia è quella provocata dal piagnisteo degli islamofili...ciò significa che la legge è efficace, bene così.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. http://voxnews.info/2015/02/12/ecco-il-partito-islamico-francese-a-marzo-presenta-candidati-in-8-citta/



      Ecco il partito islamico francese: a Marzo presenta candidati in 8 città

      febbraio 12, 2015 h.23:27

      L’Unione dei musulmani democratici francesi (UDMF) è pronta a presentare candidati in otto città nelle elezioni amministrative del prossimo mese.

      UDMF questa settimana hanno già presentato due candidati nel sobborgo parigino di Bobigny. Il nuovo partito politico prevede di fare lo stesso anche a Marsiglia, Lione e Nizza.

      Najib Azergui, che ha fondato lo UDMF nel 2012, ha detto al quotidiano Le Parisien che il suo gruppo vuole dare voce alla consistente comunità musulmana del Paese, che lotta per trovare rappresentanza nei partiti tradizionali del paese. Un promemoria per i piddini: non voteranno voi, si faranno un loro partito.

      Secondo Azergui l’Islam è completamente compatibile con i valori democratici, e in effetti esistono molteplici esempi, tipo…beh, al momento non ci sovvengono, ma esisteranno sicuramente, in qualche universo alternativo.

      Il partito islamico francese ha già un eletto, Hocine Hebbali, che ha un seggio di consigliere comunale a Bobigny dallo scorso anno.


      UDMF vuole un sistema bancario islamico e investimenti nel settore alimentare halal per creare posti di lavoro. Ovviamente per islamici, visto che solo macellai islamici possono sgozzare animali poi commestibili per altri islamici.

      Il partito vuole abrogare il divieto in rancia di indossare il velo nelle scuole e sostiene l’ingresso della Turchia all’Unione europea.

      L’esistenza del gruppo è ignorato dalla maggior parte degli elettori francesi. L’ultimo romanzo dello scrittore francese Michel Houellebecq “Suomission”, che vede una Francia governata da un partito islamico nel 2022, non è poi così lontano dalla realtà.

      Possono sembrare, a chi non sia particolarmente avveduto in materia, richieste tutto sommato moderate, in ogni caso discutibili. In realtà, rappresentano una sorta di grimaldello, per scardinare le fondamenta culturali, politiche, sociali, storiche e spirituali del Paese. Non dimentichiamo come già nel 2007 il gesuita arabo Padre Samir Khalil Samir, su AsiaNews scrivesse: «Nel dare spazio alla finanza islamica, non si può dimenticare che essa fa parte di un progetto di islamizzazione dell’Europa e del mondo. Il pragmatismo economico, etico, senza principi, sta uccidendo l’Occidente». Non dimentichiamo neppure come uno dei fondatori delle banche islamiche sia Sayyed Qutb, ideologo dei Fratelli Musulmani, legati a filo doppio al terrorismo jihadista. Quanto ai cibi halal, secondo il Whc-World halal Council, «l’halal non è solo una norma tecnica che gli europei possono regolare e formulare come vogliono. I musulmani hanno la responsabilità di Allah e Allah ha già istituito tutte le norme e i regolamenti necessari in modo chiaro». Quindi, «ci può essere solo uno standard halal, che abbraccerà la comunità islamica in tutto il mondo e questo standard può essere gestito solo dai musulmani. Musulmani e non-musulmani devono capire che il Nuovo Ordine Mondiale sorgerà solo con l’Halal e il Tayyib!». Sono considerazioni come queste a sollevare più di un dubbio sull’innocenza di programmi quali quello presentato dall’Udmf.

      In collaborazione con: nocristianofobia.org


      Elimina
  116. http://voxnews.info/2015/02/13/coppia-bianca-adotta-africano-lui-li-massacra-a-martellate/



    Coppia bianca adotta africano: lui li massacra a martellate

    Febbraio 13, 2015 01:05

    39415 Condividi


    GLI ADOTTANDI, VITTIME DELLA PROPRIA INGENUITA’

    Storia di ordinaria follia integrazionista.

    Un 15enne nero adottato da una coppia di bianchi ha ammesso, in tribunale, di avere ucciso i suoi genitori adottivi insieme al proprio cugino naturale, massacrandoli a morte con un martello. E’ accaduto a New Franklin, negli Usa.
    Jamall Vaughn, che aveva 14 anni al momento delle uccisioni, si è dichiarato colpevole di due accuse di omicidio aggravato, furto aggravato e rapina aggravata negli omicidi di Jeffrey e Margaret Schobert.
    Il Giudice Tom Parker dovrebbe condannare Vaughn al carcere a vita senza condizionale per l’accusa di omicidio e fino a 11 anni per ciascuno degli altri reati: con le bestie si deve essere duri, o ti sbranano.
    Suo cugino, Shawn Ford, 20 anni, è già stato condannato ad ottobre.
    Ford aveva pestata la figlia degli Schoberts, Chelsea Schobert, il 23 marzo 2013 dopo che questa aveva rifiutato di avere rapporti sessuali con lui durante una festa di compleanno. Chelsea Schobert era in quel momento la ragazza di Ford. Tipica coppia mista.
    Chelsea Schobert finì all’ospedale per un mese. Gli Schoberts impedivano da allora a Ford di vedere la loro figlia.Così, Ford e Vaughn fecero irruzione a casa Schobert il 1° aprile 2013, per punire questo chiaro atto di razzismo. Con un martello colpirono Jeffrey Schobert 14 volte, uccidendolo.Ford e Vaughn poi giocarono ai videogiochi bevendo alcune bibite mentre aspettavano che Margaret Schobert tornasse a casa. Dove la uccisero con 19 martellate.Una giuria ha trovato Ford colpevole al processo di ottobre, chiedendo che sia messo a morte. Gli avvocati della difesa di Ford hanno sostenuto che il QI di Ford è troppo basso perché venga giustiziato. E’ il QI tipico di un africano, tra 62 e 80. Il QI medio italiano è, per avere un termine di paragone, 102/104. Il giudice Parker ha ordinato ulteriori valutazioni che sono ancora in corso..

    RispondiElimina
  117. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/islamico-assalta-agenti-con-isis-vi-ammazzeremo-tutti/


    13.2.2015


    Islamico assalta agenti: “Con ISIS vi ammazzeremo tutti”


    Magistrato geniale lo manda ai domiciliari…

    LIVORNO. “Con l’Isis vi ammazzeremo tutti”. Una minaccia inquietante quella fatta da un giovane magrebino martedì mattina alla Bastia, in via del Vascello. In manette è finito Khemiri Begacem, 30 anni, tunisino che abita in città. Il giovane è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per minacce gravi: come emerso dalle prime indagini fatte dagli inquirenti, il trentenne non avrebbe niente a che fare con l’Isis.
    Erano 11.40 quando una volante della polizia è intervenuta in via del Vascello per un controllo. Il magrebino, già noto per vari episodi alle forze dell’ordine tra cui fatti legati a reati contro la persona, nel momento in cui gli è stato chiesto dove abitasse priam si è rifiutato di ripondere, e poi ha offeso i poliziotti fino a lanciare contro di loro il portafogli e poi a minacciarli di morte.
    Subito dopo, come accertato dalla polizia, il trentenne ha colpito con un calcio la gamba di uno dei due agenti e poi ha tentato la fuga. Ma è stato bloccato, ammanettato e accompagnato in questura per ulteriori accertamenti.
    All’interno dell’auto di servizio, iltunisino ha continuato a minacciare di morte non solo i poliziotti, ma anche in generale gli italiani. Poi, come emerso dalle indagini degli agenti, ha dato varie testate allo schermo di plexiglass della volante e ha urlato: “Poi dirò che mi avete pocchiato voi della polizia”.
    Gli agenti colpiti sono dovuti andare in ospedale, dove i medici hanno loro riscontrato ferite guaribili in sette giorni. Il giovane è stato quindi arrestato per resistenza violenza e lesioni a pubblico ufficiale e denunciato per rifiuto di dare le proprie generalità oltre che per minacce gravi fatte “avvalendosi della forza intimidatrice derivante da segrete associazioni esistenti o supposte”, l’Isis appunto.
    Il pm di turno ha disposto che il giovane fosse mandato ai domiciliari in città.

    RispondiElimina
  118. Buon lavoro a fons perennis a Foligno e alla nuova sede di Ceprano.
    La presenza di Iannone è garanzia di autentica attività patriottica che in effetti caratterizza anche tutte le sedi decentrate di CPI

    RispondiElimina
  119. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/13/il-video-pirata-sugli-ex-grillini-cosi-comprano-i-parlamentari/1093506/



    13 Febbraio 2015

    Il video pirata sugli ex grillini: "Così comprano i parlamentari"
    Tra i grillini scoppia la bufera.
    Insulti e offese ai "responsabili": "Venduti, vergogna, senza dignità". Grillo: "Se li stanno comprando uno ad uno!"

    Ignazio Stagno

    "50mila euro al mese di soldi dei cittadini per appoggiare il governo Renzi". Così il gruppo parlamentare dei 5 Stelle titola un audio "pirata" - pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo - tra l’ex M5S Mara Mucci, ora Alternativa Libera, e Mariano Rabino, deputato di Scelta Civica. Nella registrazione si sente Rabino offrire la possibilità agli ex M5S di entrare nel gruppo di Scelta Civica e così avere a disposizione (come previsto dalle norme) 50mila euro al mese per le necessità organizzative del gruppo stesso. La clip ha subito creato rumore. L’audio pirata spunta anche sulla pagina Facebook del gruppo M5S alla Camera. "Se li stanno comprando uno ad uno - si legge nel post che accompagna il file - 50mila euro al mese di soldi dei cittadini per
    appoggiare il governo Renzi. Fate girare questa vergogna, tutti devono sapere!".
    Intanto sul blog di Grillo fioccano i primi commenti al vetriolo. "Lo sterco è più pulito di quelle persone...", scrive Emanuele B. di Montepulciano. "Questa è quella che se ne è andata perché credeva nel sogno - scrive un altro attivista - che vomito". Qualcuno va giù ancor più pesante: "C’è bisogno di scaldare i poveri, al rogo". 

     

    L'offerta agli ex grillini: "50 mila euro e passate con noi"



    Commenti

    marino.biroccoun'ora fa
    In un video Rabino (Sc) offre la possibilità agli ex M5S di appoggiare il governo: "Avrete 50 mila euro". Quelli del PD sono proprio degli straccioni ......



    rinnocent637un'ora fa
    Adesso i giudici rossi cosa faranno? Vediamo se per Berlusconi valeva la colpevolezza per i compagni tutto è lecito.


    Memphis35un'ora fa
    Questo è quello che succede quando si selezionano i propri rappresentanti tramite web. Anche un bambino può immaginare il risultato...Tutti possono immaginarlo. Tranne quell'inconcludente belin berciante di Grillo.

    ...£aFarsa...un'ora fa
    l'itaglia è alla mercè di bande di ladri e corrotti che si spacciano per politici


    vince50un'ora fa
    Notizia che per molti aspetti non lo è affatto,direi piuttosto prassi consolidata nei decenni.


    doctorm2un'ora fa
    E che cosa ci si poteva aspettare? Nessuno ricorda la Costituzione Italiana art. 67??? "il parlamentare svolge in suo incarico senza vincolo di mandato"..... ciò vuol dire che ognuno può fare quello che vuole dopo che viene eletto . Fin dall'inizio dell' Italia ci si è basati sull'inganno e il tradimento, come regola politica. Ora chi è il puro che rifiuta quei soldi?? Qualche personaggio digiuno di politica che si è fatto eleggere sull'onda dello sdegno e che ora passa all'incasso? Questi sono gli italiani, signori, questo siamo NOI, non lamentiamoci ....


    marinaio44 minuti fa
    Su Berlusconi la magistratura aprì un'inchiesta, ancora in corso!! Questa volta farà la stessa cosa? non credo proprio perchè quando passano dal csx al cdx sono da denunciare, quando avviene il contrario sono dei ""responsabili"".


    elio244 minuti fa
    Non ho mai avuto il benché minimo dubbio che i grulli siano dei compagni come tutti gli altri, anche se con un nome diverso e che i soldi, da qualunque parte arrivino, sono in grado di comperare, chiunque e qualunque intento o promessa sia stato spacciata prima delle elezioni. Figuriamoci poi per chi senza arte ne parte si trova catapultato dove di soldi se ne maneggiano, anche se virtualmente molti, e sono sempre soldi "oliati" che restano facilmente attaccati alle mani.


    RispondiElimina
  120. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/13/caso-stacchio-dopo-la-fiaccolata-saccheggiate-le-case-del-paese/1093513/



    13 Febbraio 2015

    Caso Stacchio, dopo la fiaccolata saccheggiate le case del paese.
    I cittadini di Nanto (Vicenza) manifestano solidarietà al benzinaio che ha sparato a un malvivente. Nelle stesse ore raffica di furti nelle case. Vendetta?





    COMMENTO


    Certamente i cittadini di Nanto sanno dove si trovano gli zingari, basta rifare la fiaccolata allungando il giro ....con un bel falò finale!
    I "comunisti" una volta dicevano:"tanto peggio tanto meglio"....Con questo slogan(ed il resto),ora sono al POTERE,ben consolidato,fiancheggiato,con la loro progenie "ibrida" catto-comunista,con greppie da tutte le parti....Gli italiani sono fatti così.....
    La fiaccolata doveva terminare al campo rom. Questa è la situazione voluta dalle menti deviate e dementi che continuano a sostenere i presunti diritti dei rom, criminali incontrollati che spadroneggiano e si divertono alle spalle degli italiani veri. Coccolati e protetti da squallidi personaggi che parlano della loro valorizzazione. Qualcuno che campa stravaccato sulle poltrone del parlamento dovrebbe avere schifo di se stesso.
    Ragazzi portatevi il petrolio sennò le fiaccole si spengono! ci vuole luce, luce e luce. tanta! per le vostra e nostra sicurezza.

    RispondiElimina
  121. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/13/immigrati-mandati-a-morire-per-far-ricominciare-mare-nostrum/1093420



    13 Febbraio 2015

    "Immigrati mandati a morire per far ricominciare Mare Nostrum"
    La ricostruzione del Giornale: "Strage voluta dai trafficanti di uomini per spingere gli italiani a scelte emotive". E la tesi convince anche Casini.

    Gian Micalessin


     

     

    Commento

    Dove sono i NON RAZZISTI della carita' PELOS???? Su forza..... portateci le PROVE che quanto qui scritto è FALSO!!! MALI,COSTA D'AVORIO,SENEGAL e NIGER!!! Tutti paesi NOTORIAMENTE IN GUERRA!!! CON CHI???? Elementare watson!Detto questo, appena si dimostrasse reale questa teoria, il governo italiano sarebbe da ritenere complice di strage per aver assecondato, incitato, con una politica demenziale, lo schifoso traffico di umani a scopo di lucro.L'unico mezzo per impedire altre morti è quello di impedire a quei barconi di entrare nelle nostre acque territoriali. Se occorre (extrema ratio)anche sparando. Non è cattiveria, ma è l'unico modo per salvarli. Quando vedranno che la loro avventura è senza speranza; fatica e soldi sprecati si scoraggeranno e desisteranno. E' la speranza che gli abbiamo dato che li uccide.Forse mi è sfuggito, ma qualche resto di qualche cosa da qualche parte lo hanno trovato o no ? Tutto affondato, niente che riaffiori ? Centinaia di cadaveri non credo possano essere stati divorati tutti dalle sardine, o no ?
    Col "Mare Monstrum", i compagnoni dei compagni ci sguazzano... " kazzo... questi rendono più della droga... rientra tutto Ciccio, rientra tutto, stai sereno".
    Un gommone in tempesta non ha scampo. Quelli che hanno fatto partire i gommoni sono dei criminali veri e propri. Lo hanno fatto sicuramente apposta, un gommone in tempesta non si fa uscire in largo, non ha nessun scampo , si capovolgerà prima che vi potete immaginare. ..i conti tornano.Quando vedi che questa gente viene soccorsa, gli si dà tutto ciò che chiedono, vedi manifestazioni di solidarietà nei loro confronti da parte degli abitanti di Lampedusa ( che se fossimo stati noi a morire, loro, al nostro posto, non avrebbero versato una lacrima), vedi ieri sera al TG1.E che poi sai che andranno ad ingrandire le fila della gente questuante ( e ben pasciuta), mentre tu povero italiano in mobilità, a cui sono stati tolti a gennaio.Durante i pochi soldi che ti danno ( ho preso solo 10 euro!)e che ti devi barcamenare per far campare la tua famiglia....allora ti viene proprio voglia di lasciar perdere tutto! E alla fine ti volti dall'altra parte per non guardare.Qui non è razzismo o mancanza di solidarietà..qui i poveracci ormai siamo noi!Siamo peggio di Tafazzi!Non era difficile immaginarlo! Solo il bamba Letta c'è cascato in pieno! Per fortuna che il furbetto di Firenze (per interessi elettorali) non c'è cascato! Possibile che intercettano i gommoni a poche miglia dalle coste libiche (fuori dalle nostre acque), e non riescono a vedere i barconi nelle nostre acque! Ma questi ci prendono per i fondelli?? Le coop hanno bisogno di soldi, e anche la Marina!

    RispondiElimina
  122. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/13/roma-immigrati-in-rivolta-nel-centro-di-accoglienza-della-cooperativa-di-buzzi/1093726/


    13 Febbraio 2015




    Commento


    Ma ragazzi, sono risorse! io ci menderei qualche rappresentante onu o dei diritti vari del piffero. E' ora di fare basta! ci vuole la milizia popolare! Vuoi scommettere che si calmano subito, anzi si calmano prima!Grazie Alfano! Questi li hai imbarcati tu.
    Legnate e a casa....altro che asilo politico.Nessun asilo a chi compie reati.La gestione dei finti migranti è solo un affare!Alzo zero e proiettili di sale, disinfettiamo questo paese o sarà troppo tardi.Ripagano l'ospitalità in questo modo? Rispediteli nei loro paesi SUBITO!!! Forse potranno essere di esempio.Affiderei la gestione degli immigrati CLANDESTINI alla famiglia Orfei ed ai suoi domatori. Sono in questa povera nazione governata da clown e popolata in maggioranza da idioti possono accadere certe cose. Il mondo incredulo ci deride.Bravi questi immigrati, ormai lo sanno ancor prima di partire che l`italia è il paese dell`impunità perciò si permettono tanto.... fine 2015 previsione 200 mila nuove risorse fresche arriveranno per la gioia della Boldrini avrà l`imbarazzo della scelta magari qualcuno potrebbe farle da guardia del.... corpo!! Ma basta, buttiamoli fuori subito. Lasciamo compito e poteri ai cittadini, faranno prima delle forze dell'ordine.

    RispondiElimina
  123. PIDDINI DI MERDA CHE SCELGONO LORO PARI PER NON SENTIRSI A DISAGIO. QUESTA RACCHIONA ODIOSA DI PADRE POLIGAMO E CON 37 FRATELLI È ARRIVATA DA CLANDESTINA ILLEGALE IN ITALIA AIUTATA STUPIDAMENTE DA SUORE CATTOLICHE CHE LEI HA RIPAGATO PARAGONANDO IL LORO SACRO VELO CRISTIANO A QUELLA PEZZA CHE LE CORANICHE SÌ METTONO IN TESTA COME FOSSE CARNEVALE TUTTO L'ANNO.
    ORANGO É UN ANIMALE STUPENDO MA LEI FA SCHIFO ESTETICAMENTE E COME FA IL MARITO ITALIANO AD AVERLA TRA I PIEDI COME FOSSE ALLO ZOO. E SI PERMETTE PURE DI DARSI DELLE ARIE STA IGNORANTONA FURBONA CONGOLESE NON ITALIANA. ......PRRRRRRRRRRRRRRRR



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/14/kyenge-musulmana-di-m-assessore-leghista-assolto/1093756/


    14 Febbraio 2015

    "Kyenge musulmana di m...". Assessore leghista assoltoL'ex ministro aveva equiparato il burqa al velo delle suore. E Fornoni l'aveva insultata su Facebook. Il giudice: "Non è diffamazione".

    Angelo Scarano

    Nessuna diffamazione nei confronti dell'allora ministro all'Integrazione Cecile Kyenge da parte di Giuseppe Fornoni, assessore allo Sport del Comune di Lograto. L'esponente leghista è stato, infatti, prosciolto dall’accusa al termine dell’udienza preliminare. Nell'estate del 2013 aveva usato parole pesanti su Facebook riguardo la Kyenge.

    Fornoni aveva commentato con un insulto una dichiarazione della Kyenge che aveva equiparato il burqa delle donne musulmane al velo delle suore. "Vaff... musulmana di m...", aveva scritto Fornoni dichiarandosi "un cattolico convinto".




    Commenti

    Vattene in Congo, pensa ad aiutare i bambini che hanno problemi di salute agli occhi, sempre se sei capace. Solo la sinistra poteva farci questo dispiacere di averti tra i piedi in casa nostra.
    e adesso che se ne torni al suo paese perche questo non lo e' e non lo sara' mai!
    Quello che è stato detto è stato detto e vale come tale e la Kyenge anche questa volta ha fatto i conti senza l'oste, non era che aveva in mente di raggranellare un po' di palanche?
    sto essere di m....ha fatto causa a tutta la lega?
    Kyenge... NON è colpa tua se somigli ad un orango! NON è nemmeno colpa di Calderoli, se somigli.ad un orango! E NON è nemmeno colpa mia, se somigli ad un orango! E NON è nemmeno colpa dell'orango, se somigl ad un orango! Insomma... se fai schifo... NON è colpa nostra. E se, oltre a somigliare ad un orango, sei anche una musulmana di m..da con chi te la vuoi prendere? Con NOI...? No, signora orango, il razzismo non c'entra nulla. La colpa è solo TUA!!!

    RispondiElimina