sabato 14 febbraio 2015

Foto di alcune manifestazioni in ricordo delle Foibe organizzate da CasaPound in tutta Italia

PAVIA

L'AQUILA

AVELLINO

NOVARA

LA SPEZIA

FORLI'

CUNEO

TORINO

TRENTO

UDINE

PORDENONE

LATINA

BOLZANO

FIRENZE

FERMO

AOSTA

LECCE

TERNI

146 commenti:

  1. ME NE FREGO
    EJA
    UN SALUTO ROMANO

    RispondiElimina
  2. Siete l'orgoglio dei cittadini patrioti che non demordono e non ci stanno a vedere l'italia preda di antifascisti immigrazionisti e assassini di concittadini inermi.

    RispondiElimina
  3. Chi ha coscienza e dignità NON SCORDA ma va avanti e condanna speculazioni antifoibe solo per demonizzare le organizzazioni di DESTRA RADICALE tacciate di infami bugie visto che quello che di sociale fanno CPI e FN e altri è sotto gli occhi di tutti.
    Ringraziamo chi ha ancora l'orgoglio di essere e sentirsi ITALIANO PATRIOTA IDENTITARIO e giornalmente ci fa commuovere

    RispondiElimina
  4. Combattere i comunisti e combattere i coranici fa parte di un piano strategico importante.
    La nostra identità nazionale ed europea giudaico/cristiana è sotto attacco per motivi inconfessabili da parte di una SPECTRE di criminali che vorrebbero SOTTOMETTERE le popolazioni che improvvidamente decidono di fidarsi di bande mafiose dissimulate. Questa alleanza di fatto tra SX europea e nordamericana con islamici intolleranti ed anticristiani costituisce un pericolo per la sopravvivenza di noi tutti. Chi non celebra le morti nelle FOIBE carsiche appartiene a esseri senza cuore né amor patrio. Le attività di CPI oppure di FN oppure di PEGIDA oppure di Front Lepenista ed altri sono una risposta chiara e forte al degrado sociale ed al genocidio della razza europea non araba che è nei piani di islamici aiutati dagli antifascisti piddini e laburisti.

    RispondiElimina
  5. http://www.ilgiornale.it/news/mondo/manifestazioni-anti-islam-pegida-sbarcano-nel-regno-unito-1094051.html



    Combattere i comunisti ed i coranici is the same nel senso che gli ideali professati da PEGIDA e da CPI sono vicini in molti obbiettivi.
    Buon lavoro ad entrambi

    RispondiElimina
  6. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/02/14/copenaghensparatoria-contro-autore-vignette-maometto_4251371c-1c64-442d-9059-0811998e751b.html



    COMBATTERE STALINISMO ED ISLAMISMO

    RispondiElimina
  7. VIVA CASAPOUND DESTRA RADICALE. ......


    http://www.ilgiornale.it/news/mondo/blitz-dibattito-sullislam-jihad-sbarca-copenaghen-1094141.html


    COMMENTI

    ora vedrete come la sinistra dirà che non ci sono problemi, che è tutto sotto controllo :-) poracci, continuano a mentire a se stessi....Islam e Ragione non sono compatibili. Di cosa vogliamo discutere? La jihad non sbarca a Copenaghen.E' già a Copenaghen e altrove.Il dramma è che stanno invadendo l'Europa e ci hanno dichiarato guerra. La tragedia è che noi non l'abbiamo ancora capito.QUESTA E' GUERRA SPORCA DICHIARATA. OCCORRE SOPPRESSIONE FISICA ANCHE DEI SOSPETTI E DI TUTTI I COLLABORATORI IN EUROPA. BASTA E' INIZIO DI GUERRA O SI SCATENERA' UNA GUERRA TERRORISTICA TALMENTE DIFFICILE CHE NON SI POTRA' MAI VINCERE IN QUANTO NON SI POTRANNO MANDARE VIA TUTTI QUESTI BASTARDI MUSSULMANI. BISOGNEREBBE AVERE L'APPOGGIO DI TUTTE LE NAZIONI E GOVERNI FORTI E DECISI COME L'ESERCITO NAZISTA (PURTROPPO) CHE AGIVA CONTRO GLI EBREI. QUESTA E' LA VERITA' BOLDRINI SEL 5 STELLE VENDOLA CATTOCOMUNISTI E LORO AMICI SOCIALISTSI D'EUROPA SONO RESPONSABILI.
    In effetti,abbinare ad un cane ringhiante il profeta Maometto (noto pedofilo e stupratore di bambine tra le altre cose)è estremamente offensivo per la razza canina.I cani sono esseri sensibili di una dolcezza incredibile e danno tutto senza chiedere nulla.Invece gente come quell'indegno appartenente alla razza umana,che alcuni dementi continuano a chiamare profeta,ma che era solamente un cammelliere dedito allo stupro di bambine ,e' meno di nulla e nella scala dell'utilità che potrebbe avere su questo pianeta viene ben dopo le blatte. Il problema è che molti in Italia, ma anche in Europa, credono in questa sinistra. Se no, come si spiega un pd al 40%, mentre dovrebbe essere allo 0,4%? Molti sono preoccupati, giustamente, della crisi economica, ma poco dal pericolo dell'islamizzazione. Ma anche ammesso che migliori la situazione economica, cosa ce ne faremmo dello sviluppo economico (e il governo Renzi è un disastro totale anche da questo punto di vista) in un'Italia preda del fanatismo islamico? Vuol dire che prima o poi, se non ci sarà un decisa virata a destra (o, al punto in cui siamo, estrema destra?) faremo la fine dell'Africa islamizzata, come aveva previsto Oriana Fallaci.
    Ma qualcuno, anzi qualcuna, non ci aveva detto che l'islam è religione di pace ?..Ci vorrebbe una bella bomba per annientare quei maiali mussulmani altro che incontri per la conciliazione delle religioni!.E li facciamo pure entrare a sta gente! occidente svegliati! l'islam è una religione macellaia.....se sparano o mettono bombe etc....sentiremo tutti freddo ai piedi e si inventeranno qualsiasi scusa/causa scatenante pur di far fuori infedeli....é inutile provare sensi di colpa....
    Chi sara' il primo dei nostri ottimi politici monoriformisti a dichiarare che sono stati due ragazzi un po' esuberanti che hanno sbagliato.Si' i bersagli.Erano addestrati male.L'Eurabia profetizzata dalla povera Oriana, vox magna clamans in deserto, sta compiutamente realizzandosi. Alla faccia dei babbei di ieri e di oggi che continuano a negare la realtà ed a tacciare di razzismo ed islamofobia quanti di sure e nikab incominciano ad averne pieni i coglioni e come se non bastasse, la sinistra approva leggi sballate e che creano ulteriori problemi, invece di risolverli, come è accaduto con la cancellazione del reato di clandestinità ! Ho, ho, che quel mattacchione di Nostradamus e i suoi fantasmagorici decriptatori abbiano visto giusto?Abbiamo i terroristi alle porte di casa e i dementi che stanno in parlamento, sopratutto quelli dell'"arco costituzionale" che va dall'inguardabile Brunetta al cialtrone Grillo, si occupano di manfrine e di minchiate. Vadano tutti all'inferno!
    Siamo già accerchiati? All'interno, noi i dialoganti boldrineschi, e fuori, i nostri dominatori che si ispirano al Misericordioso,al Clemente ?

    RispondiElimina
  8. Grazie da tutta Italia.......

    RispondiElimina
  9. Le merdacce comunistoidi piddine all'opera......



    http://www.lanazione.it/firenze/rissa-banchetto-lega-nord-1.671291



    Aggressione al banchetto della Lega; foibe, piazzale Michelangelo militarizzato per la manifestazione.


    Firenze, 14 febbraio 2015 - Giornata di tensione e di particolare attenzione da parte delle forze dell'ordine. Al piazzale Michelangelo c'è infatti la manifestazione in ricordo delle foibe a cui partecipa Casapound.Mentre in mattinata c'è stata un aggressione alla Lega. Alcuni militanti della Lega Nord Toscana che stavano distribuendo volantini sono stati infatti avvicinati da 4 giovani che dopo un breve alterco hanno rovesciato il tavolino e strappato i manifesti affissi sul gazebo. È successo stamani, intorno alle 11, davanti al centro commerciale di via del Gignoro aFirenze. Secondo quanto riferito dal vicesegretario della Lega Nord Toscana e candidato alle prossime regionali Jacopo Alberti, presente sul posto, gli aggressori «apparterrebbero ai centri sociali». Subito dopo aver gettato a terra i volantini, e dopo «una breve colluttazione», i quattro si sono allontanati quando al gazebo si è avvicinato il vigilantes in servizio al centro commerciale. Sul posto è intervenuta anche la digos. Nessuno è rimasto ferito.

    RispondiElimina
  10. Commuove l'impegno patriottico di casapound che è motivato da un attaccamento viscerale alle proprie origini e storia patria.
    Grazie di esserci...

    RispondiElimina
  11. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/15/blitz-al-dibattito-sullislam-la-jihad-spara-a-copenaghen-spari-anche-alla-sinagoga/1094141/



    SONO ANNI CHE CASAPOUND AVVISA SUL PERICOLO DELL'ISLAM FONDAMENTALISTA MA UNA MASSA DI SINISTRATI MERDOSI SONO ANNI CHE MINIMIZZA E INVITA AD ACCOGLIERE I PRESUNTI AMICI JIHADISTI....MALEDETTI..!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. La classe politica sinistra fa da fautore degli atti violenti contro chi non è piddino....
    Solidarietà a CasaPound e Forzanuova che giornalmente deve opporsi a dei criminali....



    http://www.radiofn.eu/?p=1443#sthash.KI1sScTt.dpbs

    Venezia; violenta aggressione mafia rossa a Jacopo Molina, interviene Sartori.

    Venezia 14 febbraio 2015

    “Esprimo solidarietà a Jacopo Molina per quanto avvenuto la notte scorsa e noto con piacere la vicinanza di tutte le forze e gli esponenti politici di destra e di sinistra. Capisco benissimo la situazione in cui si trova, perché molto spesso anch’io ho dovuto viverla: non più tardi di mercoledì (11/02) si è nuovamente palesato un tentativo di aggressione in pieno campo Santa Margherita mentre tornavo a casa con le borse della spesa; solo la prontezza di alcuni agenti della Questura mi ha permesso di guadagnare illeso il mio domicilio, non senza aver schivato bottiglie e bicchieri lanciatimi da questi violenti aggressori”.
    Continua Sartori: “E’ comunque chiaro che le mie critiche non vanno solamente a questi giovani disadattati che giocano a fare i rivoluzionari per poi finire pentiti nel PD o in qualcosa di simile, la mia accusa va proprio contro quei politici -e Molina li conosce- che invece giustificano, minimizzano, proteggono, l’operato di questi facinorosi”.
    Conclude l’esponente di Forza Nuova: “A Venezia esiste una cupola mafiosa che unisce la casta politica a questi disperati, la nostra speranza è che alle prossime elezioni al posto della sopraffazione, dell’ignoranza, della corruzione, dell’omertà vinca l’onestà e la voglia di cambiamento”.

    Cordiali saluti

    Prof. Sebastiano Sartori
    Dirigente Forza Nuova

    RispondiElimina
  13. Intanto un dovuto onore ai martiri e un grazie ai ragazzi di CPI.

    OT sul tema ISIS: http://ecotricolore.altervista.org/isis-libia-e-noi-li-scortiamo-italia/

    RispondiElimina
  14. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2015/02/15/esquilino-quattro-moschee-in-50-metri-1.1378557



    Casapound in prima fila per fermare il degrado

    RispondiElimina




  15. http://ecotricolore.altervista.org/litalia-ancora-disonora-martiri-delle-foibe/?doing_wp_cron=1424002775.4557290077209472656250


    febbraio 12, 2015

    L’Italia ancora disonora i martiri delle foibe.

     

    Di anni ne sono passati da quel 30 marzo 2004 in cui venne fissato il giorno del ricordo eppure, ancora oggi, nella mente degli italiani la tragedia a lungo oscurata ancora non è ben chiara, anzi.
    L’ipocrisia comunista che per anni tenne tutto nascosto e complottò con il regime titino è ancora forte in quei partiti che ne hanno l’eredità. Potrei citare SEL il cui consigliere comunale Tiziano Rosati ha definito le foibe come “mitologia” o i vari antagonisti che ci sono stati in giro per l’Italia durante le commemorazioni. Persino Simone Cristicchi fu contestato per il suo spettacolo con addirittura striscioni fieramente antifascisti.
    Qua si pongono quindi due problemi.
    L’Italia, ora, è governata dal PD-NCD, ma esistono anche persone di altre idee, giusto? Se il PD-NCD fossero partiti gestiti da pazzi si avrebbe il diritto di STERMINARE a sangue freddo tutti gli Italiani in quanto italiani perché una parte di loro condivide le scelte del PD-NCD?
    Ma cosa ancora più grave… siamo davvero sicuri di conoscere al 100% ciò che il fascismo è stato? La storia la scrive chi vince dicono molti, vale solo per gli argomenti comodi? ;a anche così non fosse dove sta allora la libertà di parola/idea sin troppo spesso menzionata da questi sinistroidi?
    Come se non bastasse il giorno dopo il 10 febbraio il senato approva un ddl ove negare l’olocausto diventa reato.
    Viene anzitutto a mancare quindi la libertà di pensiero e informazione, ma soprattutto verrà questa legge applicata anche alle foibe? O le tragedia e i GENOCIDI avvenuti in casa nostra ci fanno schifo? Come si comporterà lo Stato verso persone come Rosati?
    Concludiamo con un plauso a Casapound, Forza Nuova, Fratelli d’Italia e Lega Nord che hanno onorato e difeso la memoria dei martiri.

    RispondiElimina
  16. ONORE AI MARTIRI DELLE FOIBE NOSTRI CONCITTADINI ITALIANI E MORTI PER PROTEGGERE E DIFENDERE LA PATRIA NEGLETTA PERCHÈ ZOZZATA DAI COMUNISTI STALINISTI ITALIDIOTI.



    RispondiElimina
  17. LE INIZIATIVE DI CASAPOUND PER LA DATA DEL 10 FEBBRAIO 2015 SONO IL SEGNO TANGIBILE CHE LA ORGANIZZAZIONE SOCIO POLITICA FUNZIONA A DOVERE E DÀ IMPULSO PER FARE SEMPRE MEGLIO

    RispondiElimina
  18. IL GIORNO DELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI NELLE FOIBE 2015 RIMARRÀ NEL RICORDO COLLETTIVO DELLA STORIA PATRIA.
    TANTE POLEMICHE DOVEVANO RESTARE FUORI PER RISPETTO A CHI HA SOFFERTO E SOFFRE PER UNA SOPRAFFAZIONE SUBITA.
    LA CADUTA DEL FASCISMO NEL LUGLIO 1943 È STATA UNA IATTURA PER L'ITALIA CHE SI È TROVATA ORFANA DI UN GOVERNO FORTE E NAZIONALISTA CHE ERA FINO A QUEL MOMENTO RIUSCITO A SOFFOCARE OGNI GRAMIGNA COMUNISTA E STALINISTA. AL DI LÀ DELLA VICENDA OLOCAUSTO EBRAICO CHE È UNA MACCHIA INDELEBILE NELLE SCELTE DI MUSSOLINI CHE GLI FURONO IMPOSTE DA HITLER PER LE SUE MIRE TEDESCHE. SI DEVE FARE UN'ANALISI APPROFONDITA DEI FATTI E SEPARARE BUONO DA BRUTTO. L'ITALIA DOVEVA CONTINUARE L'OPERA MUSSOLINIANA DAL PUNTO DI VISTA DEL NAZIONALISMO IDENTITARIO LA CUI MANCANZA STA PROVOCANDO IL CROLLO DELLA NOSTRA CAPACITÀ DI DIFENDERCI DA INVASIONI MULTIPLE E DEGRADANTI. È SUFFICIENTE COPIARE QUELLO CHE FANNO LE NAZIONI FORTI E SPIETATE POLITICAMENTE E SOCIALMENTE PER MANTENERSI A GALLA.
    NON STA NÉ IN CIELO NÉ IN TERRA CHE A CASA NOSTRA SIANO STRANIERI ZOZZONI INDECENTI E VOMITEVOLI A COMANDARE O A RICATTARE PERCHE PROTETTI DA PD SEL M5S NCD.


    ZINGARI LADRONI PARASSITI----
    CLANDESTINI CON IPHONE SPACCIATORI
    CINESI SCHIAVISTI
    ISLAMICI JIHADISTI ANTICATTOLICI
    AFROASIATICI VEMDIMERDA
    ANTAGONISTI SOVVERSIVI CENTRI/SOCIALI
    FROCI PERVERTITI SFASCIA FAMIGLIE E BAMBINI
    MAFIOSI PARASSITI DELLO STATO
    POLITICANTI CORROTTI VENDUTI AL NEMICO.

    QUESTO ELENCO CHE PRECEDE COSTITUISCE UNA VERGOGNA TUTTA ITALIANA CHE FINO A 3 ANNI E 3 MESI FA NON AVEVA RAGGIUNTO LIVELLI ASSURDI.
    CON NAPOLITANO PRESIDENTE MINACCIATO DA MERKULONA INIZIA IL CROLLO DELLA SOVRANITÀ ITALIANA CHE VIENE CONSEGNATA A BRUXELLES/STRASBURGO/BERLINO.

    LA TANTO CITATA ""SPECTRE"" NON È FANTASIA MA REALTÀ E VORREBBE BALCANIZZARE L'ITALIA RIDUCENDOLA A UNA GRANDE FAVELA.

    LÌ STA IL NEMICO DA COMBATTERE.

    CASAPOUND/LEGA NORD/FORZANUOVA/FRONT NATIONAL/ALBA DORATA/ PEGIDA .........SONO LE ORGANIZZAZIONI POLITICHE MOBILITATE PER RESPINGERE IL TENTATIVO DI CANCELLARE IL NOSTRO PASSATO PATRIOTTICO IDENTITARIO.

    RispondiElimina
  19. VIVA CASAPOUND E GRAZIE X QL. KE FA SEMPRE.



    http://m.ilgiornale.it/blogpost/54/isis-alle-porte-blocchiamo-gli-sbarchi/3308/

    Isis alle porte. Blocchiamo gli sbarchi

    Domenica 15 febbraio 2015 - Senza santi in paradiso - Taurianova E se la smettessimo di chiamarli immigrati o migranti e cominciassimo a pensare seriamente che fra loro sbarcano decine di terroristi pronti a sgozzare? E se la smettessimo con questo buonismo del cacchio e cominciassimo a guardarli con almeno un pizzico di sospetto? E se avessimo ragione a rimandarli a casa, rigirando le prue delle loro imbarcazioni? E se cominciassimo a rendergliela difficile, la permanenza sul suolo cristiano? E se se ne stessero a casa loro, a sbrigarsi le loro faccende complicate, così come noi qui, a casa nostra, tentiamo di risolvere le nostre? Finiamola con questa storia che la terra è di tutti! Diamo a Cesare ciò che è suo e non confondiamolo con ciò che spetta a D*o. Se dalla notte dei tempi ogni popolo ha avuto un proprio territorio da gestire e difendere, un motivo ci sarà. E se ogni spostamento si è chiamato invasione, ce ne rimanga la lezione. Oggi ad essere invasi, mortificati e derisi siamo noi. E ancora stiamo lì a pensarci su. Non reagiamo, se non con un "Mannaggia!" O, peggio, col silenzio. Anche quello istituzionale. Zitto il Presidente della Repubblica Mattarella. Zitta la Presidente della Camera dei Deputati Boldrini. Zitto Grasso Presidente del Senato. Confuso Renzi ex sindaco di Firenze, padre di Leopolda ed ex campione de La ruota della fortuna, oggi capo del Governo. Zitti i sinistri Sinistri, incazzati, probabilmente, perché messi all'angolo dalle minacce dei loro amici islamici. Che, manco a dirlo, appena hanno un mitra in mano, cominciano a fare i gradassi. Oltretutto, adesso minacciano anche più di prima. Ce lo mostrano pure, il missile che vorrebbero sparare per primo! E, intanto, mandano la fanteria di mare. Le truppe cammellate stipate nei sottofondi dei barconi da pesca a strascico.  Ma stiamo scherzando? Benedetto quel Gheddafi che abbiamo contribuito a fare ammazzare! Fin quando c'è stai Lui, la Libia aveva un Capo, e che Capo! Un muro invalicabile e rassicurante per tutto il Mediterraneo e, soprattutto, per noi Italiani. In un modo o nell'altro, Suoi Amici. Un po' come quel senzadio di Tito in Yugoslavia, amico mai, ma di pugno duro con i mille popoli che teneva nella morsa del suo terrore. Morti loro, come Saddam (altro despota da rimpiangere) il caos infinito. Sembro pazzo? Beh, diamo un'occhiata cosa sta accadendo oggi nelle terre che governavano loro! E non mi vengano a dire quei quattro cretini della fantapolitica che Isis sia un prodotto made in USA. Ha tutte le caratteristiche della zona di provenienza. Compresa l'ignoranza e la violenza innata. Potrei star qui a risottolineare come già fatto altre volte del trattamento che in quei loro Paesi senza Cristo viene riservato alle donne e ai loro diritti più elementari, ai bambini, a chi è diverso dall'altro, a che Crede, agli stranieri, all'accoglienza, alla solidarietà, alla riconoscenza. Ma evito di stomacare i miei amici di domenica. Potrei sottolineare che l'economia mondiale sta patendo per colpa loro. Potrei anche sottolineare, senza tema di smentita, che non è proprio vero che vengano qui a lavorare. Potrei, a tal proposito, pubblicare mille video e mille scatti degli stranieri nel mio paesello e in quelli vicini: vedremmo come un buon novanta per cento di loro se ne stia a chiacchierare per intere giornate agli angoli delle piazze, mani in tasca e aria da ras, in attesa di non si sa bene cosa. Mentre le donne vanno a mettersi in fila alle porte delle Caritas diocesane e parrocchiali a pretendere, urlando, aiuti e sostegni. Dovuti???? E, dunque? Ancora glielo consentiamo, lo sbarco? Ancora son fratelli? Fra me e me. In attesa di tempi migliori.

    RispondiElimina
  20. BENE CASAPOUND SU TUTTI I FRONTI.......



    15 febbraio 2015

    Elezioni regionali.

    Anche in Toscana nasce ‘Sovranità’, il progetto di Casapound a sostegno di Borghi (Lega Nord).

    Firenze Si è tenuto ieri presso il Centro Congressi dell’Hotel Mediterraneo a Firenze il battesimo ufficiale in Toscana di ‘Sovranità – Prima gli Italiani’, nuovo progetto politico a sostegno delle idee di Matteo Salvini. In una sala affollata si sono alternati gli interventi dei vari relatori tra i quali il neo-candidato alla carica di Presidente della regione Toscana Claudio Borghi ed il vicepresidente nazionale di CasaPound Italia Simone Di Stefano. Borghi ha dichiarato di voler lanciare dalla Toscana “una sfida di carattere nazionale al governo di Renzi, che subirebbe un duro colpo nel caso di sconfitta nella sua terra”. L’obiettivo non è semplicemente portare la Lega a diventare la prima forza di opposizione ma quello di vincere “rovesciando i comitati d’affari che stanno rovinando questa splendida regione”. Si è parlato molto di economia, in particolare i casi della ‘Biotech’ di Siena e della TRW di Livorno dei quali Borghi si è interessato in prima persona, ed è stata espressa la necessità di “riprendersi la sovranità nazionale in campo economico e monetario prima che sia troppo tardi”. A sostegno della candidatura di Borghi si schiera Simone Di Stefano di CasaPound, il quale spiega di condividere in pieno il nuovo corso della Lega di Matteo Salvini ed in particolar modo il suo programma economico “dove si parla di opposizione all’Euro, lotta alle delocalizzazioni, difesa della produzione locale e possibile nazionalizzazione di imprese strategiche per la nazione, tutte cose che noi di CasaPound sosteniamo da tempo”. ‘Sovranità’ ha spiegato Di Stefano è “un contenitore che punta a portare tutto un modo nazionalista e genericamente di ‘destra’ ad essere protagonista all’interno del nuovo progetto politico di Matteo Salvini”.


    Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2015/02/15/elezioni-regionali-anche-in-toscana-nasce-sovranita-il-progetto-a-sostegno-di-matteo-salvini/

    RispondiElimina
  21. ONORE ETERNO AI CADUTI NELLE FOIBE 1943/47.


    http://www.termometropolitico.it/1160731_regionali-toscana-casapound-appoggia-il-candidato-della-lega.html



    15 febbraio 2015

    Regionali Toscana, Casapound appoggia il candidato della Lega.


    Cominciano a delinearsi le prime alleanze per le regionali Toscana. A sostenere la candidatura dell’economista Claudio Borghiper la Lega Nord alla carica di presidente della regione Toscana ci sarà anche “Sovranità – Prima gli italiani”, il progetto politico ideato da CasaPound.
    L’iniziativa è stata presentata ieri sera a Firenze nel corso di un incontro al quale hann partecipato lo stesso Borghi ed il vicepresidente nazionale di CasaPound ItaliaSimone Di Stefano. A renderlo noto è un comunicato degli organizzatori. Di Stefano ha spiegato di condividere il nuovo corso della Lega di Matteo Salvini ed in particolar modo il suo programma economico “dove si parla di opposizione all’Euro, lotta alle delocalizzazioni, difesa della produzione locale e possibile nazionalizzazione di imprese strategiche per la nazione, tutte cose che noi di CasaPound sosteniamo da tempo”. “Sovranità – ha spiegato Di Stefano è – un contenitore che punta a portare tutto un modo nazionalista e genericamente di destra ad essere protagonista all’interno del nuovo progetto politico di Matteo Salvini”.

    RispondiElimina
  22. Foibe ed immigrazione clandestina x casapound.......



    http://messaggeroveneto.gelocal.it/pordenone/cronaca/2015/02/15/news/no-ai-profughi-statale-presidiata-1.10869643



    SACILE. “Stop invasione”. E ancora: “Niente profughi a Sacile”. Lo striscione che batte la passione leghista è stato quello di CasaPound: “Immigrati coccolati e italiani abbandonati”. Slogan e bandiere al vento di Lega Nord, Fratelli d’Italia, La Destra e CasaPound, ieri pomeriggio nel sit-in a bordo strada, sulla Pontebbana a Sacile. Nel mirino i profughi africani che, in attesa dello status di rifugiati politici, sono alloggiati sino al 23 marzo nell’agriturismo sacilese L’Acero rosso. Novanta minuti di proteste e lo sfarinamento del patto del Nazareno a Roma, ha fatto il miracolo di ricompattare il centrodestra a San Giovanni del Tempio.Un colpo di clacson dalle auto in corsa per il sit-in: quello che ha celebrato l’unità politica della maggioranza. Gran cerimoniere, il sindaco Roberto Ceraolo, il quale ha fatto tappa e stretto mani a tutti nel cordone della protesta. Quindi via, di corsa, all’Acero rosso. Altre mani da stringere: quelle dei 14 profughi africani alloggiati nell’agriturismo tra i campi sacilesi. «Anche i profughi sono vittime – ha ribadito Ceraolo - Vittime dell’errore commesso dal governo nel favorire un’immigrazione incontrollata, che destabilizza i territori e alimenta spinte xenofobe».

    La Lega Nord. Vannia Gava vertice leghista in città con Stefano Zannier, segretario provinciale del Carroccio, e una quarantina di fedelissimi sono scesi in campo contro l’operazione Mare Nostrum. I leghisti non fanno tanti giri di parole. «La nostra protesta nasce dall’urgenza di impedire fin da subito l’arrivo di ulteriori immigrati a Sacile – hanno evidenziato Gava e Zannier – Non ce lo possiamo permettere. Calcolatrice alla mano, l’operazione Mare Nostrum costa più di 273 milioni di euro, sottratti ai connazionali. Oltre 273 milioni di euro che avrebbero potuto essere impiegati per finanziare le nostre imprese, per migliorare le infrastrutture fatiscenti che collegano i nostri comuni. Per dare ossigeno alle nostre famiglie che faticano ad arrivare a fine mese».

    CasaPound. «Protestiamo perché chi arriva profugo vive in hotel ma tanti italiani sono senza lavoro, senza casa e senza futuro». Nicola Di Bortolo e Mattia Gottardo lo hanno detto chiaro. «Prima i friulani e gli italiani – ha puntualizzato Di Bortolo – Ci preoccupa la mancanza di un progetto serio e concreto per il futuro prossimo di questi immigrati». «Quale sarà il futuro finita la pacchia dei trenta euro al giorno? Chi darà loro un lavoro?» si chiedono i ragazzi della destra radicale italiana. Amministrazioni, cooperative e associazioni fanno a gara per assicurare ai profughi vitto, alloggio e altri benefit temporanei. Ma il futuro dei profughi è fuori business.

    Fi e La Destra. «I sacilesi sono accoglienti e generosi, ma nulla deve essere imposto dall’alto». Ha invocato il recupero della partecipazione democratica sul territorio Roberto Cao, leader dei Fratelli d’Italia. Al suo fianco l’assessore sacilese alla sicurezza, Placido Fundarò, eletto con Forza Italia e referente storico per La destra. «Nessuna acrimonia nei confronti dei quattordici profughi, ma il premier Renzi è incapace di gestire la situazione sul fronte dell’immigrazione – ha lamentato Fundarò con Pablo Balbinot – Protestiamo contro l’ignavia dell’Europa e l’incapacità del governo». Tra le fila dei leghisti ieri sulla Pontebbana Marco Bottecchia presidente del consiglio comunale, Sara Antonel dei giovani padani, Simone Bortolan consigliere comunale. Con loro tante altre persone.

    RispondiElimina
  23. http://m.firenzetoday.it/politica/regionali-casapound-sovranita-borghi-lega.html

    RispondiElimina
  24. www.ilgiornale.it


    15 Febbraio 2015

    Buonanno senza freni: "Bomba atomica sulla Libia"
    L'europarlamentare leghista: "In Libia ci manderei Renzi e Mogherini, abbiamo un governo di cagasotto. In Nordafrica è il caos, farei risorgere Gheddagi come Lazzaro"

    Ivan Francese

    La moderazione non è il suo forte. E così Gianluca Buonanno escogita una soluzione in grande stile per risolvere il problema dell'Isis, ormai giunta alle porte dell'Italia, con la conquista delle città libiche della costa: la bomba atomica.

    "Quelli dell'Isis vanno sterminati - spiega ad Affaritaliani l'europarlamentare della Lega - Io contro di loro userei la bomba atomica. Per quella gente lì ci vorrebbe davvero la bomba atomica. Poi è difficile fare le cose bene perché sono terroristi e non si identificano in un popolo, ma userei la bomba atomica per sterminare quelli dell'Isis"

    "Prenderei Renzi e la Mogherini, che in due fanno mezzo, e li manderei in Libia - aggiunge l'esponente del Carroccio - La Mogherini non è servita a niente sull'Ucraina e quindi se avesse un po' di coraggio andrebbe in Libia. Invece cosa fa l'Italietta? Chiude l'ambasciata e scappa. Io non voglio morire come la cagasotto Mogherini. Il nostro è un governo di cagasotto."

    Per risolvere il problema della tratta dei migranti, poi, Buonanno suggerisce di "mandare le navi ad affondare i gommoni prima che partano. E se li troviamo con la gente sopra si prendono e si riportano da dove sono partiti. La Libia è un casino. Io farei risorgere Gheddafi come se fosse Lazzaro. Quando c'era lui queste cose non accadevano."

    Il leghista inoltre dedica un pensiero ai nostri due marò detenuti in India: "Tra poco sono tre anni che è iniziata la vicenda dei marò. Nulla ha fatto il governo. Totalmente incapace in politica interna, perché quel poco di buono che c'è è grazie all'euro debole e al calo del petrolio, mentre sul piano internazionale è zero. Incapaci".
    Le idee come al solito ha dimostrato di averle chiare.

    Le idee, come al solito, ha dimostrato di averle molto

    RispondiElimina
  25. 15 febbraio 2015 18:28


    Martiri delle foibe, Casapound in Piazza Michelangelo per non dimenticare
    E’ Piazzale Michelangelo, la terrazza sullo splendore architettonico di Firenze, l’invidiata cornice che quest’anno ospita, a differenza degli anni precedenti, l’appuntamento che CasaPound e le altre realtà identitarie Fiorentine organizzano ogni anno in ricordo dei martiri delle foibe e della sofferenza degli esuli della Venezia Giulia, dell’Istria e della Dalmazia.Il cielo di Firenze è stato illuminato da fiaccole e da fumogeni tricolori per la maggior parte del pomeriggio,mentre dal gazebo si alternavano i vari ospiti. Centinaia i fiorentini intervenuti , nonostante il maltempo, a dare il proprio contributo per mantenere viva non solo la fiamma del ricordo del più grande eccidio subito dal popolo italiano , ma anche per affermare con forza che esistono ancora italiani che vogliono essere un popolo degno del tricolore che li rappresenta e per il quale tante persone furono trucidate dagli anti-italiani di dentro e
    di fuori. Oggi come ieri siam pronti alla morte, l’Italia chiamò.  




    Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2015/02/15/martiri-delle-foibe-casapound-in-piazza-michelangelo-per-non-dimenticare/

    RispondiElimina

  26. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/15/lasciate-gli-immigrati-al-largo-e-scoppia-la-bufera-su-salvini/1094448/

    Sinistra e alfaniani uniti contro Matteo Salvini. A dividere la politica è, ancora una volta, l'allarme immigrazione. L'instabilità in Libia e l'avanzata dei jihadisti dell'Isis fino a Sirte hanno spinto migliaia di disperati a prendere il mare per raggiungere le coste siciliane. Nonostante le centinaia di morti degli scorsi giorni, oggi sono stati soccorsi altri dodici barconi al largo di Lampedusa. La Marina Militare ha tratto così in salvo un migliaio diclandestini che nelle prossime ore verranno fatti sbarcare in Italia. "Fosse per me li aiuterei, li curerei e darei loro cibo e bevande,li soccorrerei ma li terrei al largo e non li farei sbarcare. Ne abbiamo abbastanza".
    Mentre in Libia e in Siria la situazione precepita di giorno in giorno, Salvini chiede al governo Renzi un cambio di passo, sia nella politica estera sia nella lotta all'immigrazione clandestina............................




    Commenti


    SAREBBERO ELETTORI MANCANTI MAGARI PAGATI CON € 2. A PARTE GLI SCHERZI CHI HA AVUTO QUESTA SCHIFEZZA CON MORTI CAUSATI DA VOI SINISTRI? VOI E VOI SOLI AVETE LE MANI INSANGUINATI DI QUANTI SONO MORTI PER AVERGLI FATTO CREDERE CHE L'ITALIA E' IL PARADISO TERRESTRE. CHI HA DETTO DIAMO SUBITO LA TESSERA ASL APPENA ARRIVANO QUESTA RESPONSABILE DI STRAGE DI INNOCENTI (SOPRATUTTO BAMBINI) CHI HA DETTO DIAMOGLI HOTEL A 5 STELLE RESPONSABILE DI STRAGI (SOPRATUTTO BAMBINI) SOCIALISTI E MARTELLIANI. EPOI VOI CHE AVETE SCOPERTO COME GUADAGNARE CON I SOLDI PER I LORO MANTENIMENTO. VEDETE QUELLO CHE SUCCEDE NEI CAMPI PROFUCHI. AUTORI DI STRAGI DOVEVAMO AIUTARLI NELLE LORO TERRE NON FARLI AMMAZZARE PER 30 LURIDI ONOREVOLI.
    Lasciate ai grulli le parole di circostanza e teneteli al largo,come a suo tempo fece l'Australia e non ritornarono più.Ma sto parlando di altra gente,gente che aveva a cuore il suo popolo,gente con gli attributi e non poltronisti.!!
    I leghisti lo avevano detto che cosi prima o poi si arrivava al collasso! C'era da aiutarli in Libia non buttare le bombe e poi scappare! A Roma ci sono degli ebeti! Il potere deve passare a chi piu pesa in Italia ovvero al Nord!!! Di disastri laggiu ne hanno gia fatti abbastanza!
    Salvini ha ragione ....il PD è NCD possono andare a quel paese .....banda di maleducati ignoranti. ...ci state portando i terroristi in casa e che terroristi.
    Svenduto un Paese per 80 sporchi euro , il Welfare faticosamente conquistato dai nostri padri regalato alle risorse , le mafie e le ong che stappano e si fregano le mani , capisco che viene voglia di non votare , ma a lasciare a questi il destino dei nostri figli è criminale.Mandateli tutti a casa della presidenta della camera che è una loro complice!
    Salvini ha pienamente ragione. Questi buonisti se tanto buoni si credono di essere, li ospitino a casa loro.Salvini ha ragione. Indipendentemente dai terroristi nascosti tra i clandestini, tutta questa gente trasformerà l'Italia in un inferno. Prima o poi accadranno cose mai viste, per l'esasperazione. Chi contesta Salvini dovrebbe pensarci bene, anche nel proprio personale interesse (se è quindi in grado di vedere oltre il proprio naso). Saranno loro ad essere travolti dagli sviluppi gravissimi che si annunciano e sono nella natura delle cose. Basterà il primo che di fronte ad una folla inferocita gridi: "E' lui che li ha fatti venire e ci ha ridotto così". E allora il buonismo (quello del "tanto pagano gli altri") non li salverà di sicuro, ma li condannerà senza.Credo sia il pensiero della maggioranza degli italiani...Andiamo in Libia e bruciamo tutti i barconi insieme ai terroristi che si infiltrano come fossero sardine nel Nostro Paese; la sinistra e Alfano vogliono il caos se non lo aveste capito. Shalòm

    RispondiElimina
  27. Preghiamo per i morti ammazzati nelle foibe ma anche per noi stessi che siamo in pericolo per colpa dei politicanti venduti piddini perversi....che nel periodo 2011/2015 hanno fatto volutamente entrare in italia centinaia di migliaia di clandestini sconosciuti magari al 99% malintenzionati terroristi.

    RispondiElimina

  28. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/15/marinai-soccorrono-2100-immigrati-in-mare-gli-scafisti-li-minacciano-coi-mitra/1094403/

    15.2.2015


    A largo di Lampedusa, alle prime luci dell'alba, sono stati avvistati una dozzina di barconi stracarichi di clandestini che puntavano dritto all'Italia. Su queste carrette erano presenti oltre 2.100 clandestini che la Guardia Costiera ha subito soccorso e portato in Sicilia. Una delle motovedette è stata, però attaccata da scafisti armati di mitra che hanno obbligato i nostri marinai a farsi ridare il barcone per riutilizzarlo. L'esodo dalla Libia è iniziato. Non appena il maltempo e il mare grosso lasceranno spazio al sole e alla bonaccia glisbarchi si moltiplicheranno a dismisura riversando sulle coste italiane decine di migliaia di disperati che, nelle ultime settimane, si sono spinti lungo le coste libiche per tentare la via del mare. 
    Barconi e gommoni al largo di Lampedusa. Da giorni sfidano il maltempo per riuscire a sbarcare in Italia. In molti non ce la fanno. Ma la maggior parte riescono a raggiungere le coste siciliane grazie all'intervento della Marina Militare. Anche oggi il Centro nazionale di soccorso della Guardia Costiera ha coordinato le operazioni di soccorso per trarre in salvo altri dodici barconi. Si tratta di circa un migliaio diclandestini recuperati in alto mare. "Dodici barconi carichi di immigrati (tutti pacifici?) sono stati segnalati a Sud di Lampedusa - commenta il leader della Lega Nord Matteo Salvini - fosse per me li aiuterei, li curerei e darei loro cibo e bevande. Li soccorrerei ma li terrei al largo e non li farei sbarcare. Ne abbiamo abbastanza". Non è, infatti, un mistero che tra i clandestini che partono dalla Libia ci siano anche pericolosi jihadisti infiltrati dallo Stato islamico per attaccare l'Europa................

    Commenti

    Nettuno, confidiamo e speriamo in te.
    Ma i nostri indegni governanti non hanno ancora capito che l'Europa ci sta prendendo per il C..O? Non sarebbe ora che si ribellassero a questo indegno lassismo e una volta per tutte tirassero fuori le palle e dicessero che nessun profugo, pardon, CLANDESTINO, verrà più accolto in Italia e nessuna flotta della Marina si preoccuperà di soccorrerli in mare? Cosa si aspetta, un'invasione da non più ritorno? Governo di MERDA!!!!!!!
    Dobbiamo ringraziare la stuPDtà degli italiani e i RADICAL-CHIC, e tutti gli altri fascisti con la camicia rossa e sporchi razzisti, che odiano gli italiani, e che con l'orda dell'immigrazione selvaggia ci lucrano soldi e voti. I capi, naturalmente, e il loro duce, non certo i poveri sprovveduti che, votandoli, distruggono il proprio futuro e quello dei loro discendenti.
    Questo fenomeno è inarrestabile,almeno fino a quando per costrizione oppure altre ragioni non si potrà sparare a vista.Impensabile?,molto bene allora soccomberemo miseramente.
    Quanti Italiani hanno visto ieri sera il film Americano in TV dove si faceva un processo all'Emigrazione, credo pochi. In quel processo un giudice "NERO" condannò il RIMPATRIO di una flotta di emigrati con la motivazione : Il "POPOLO AMERICANO" NON PUO' ACCOGLIERE TUTTI COLORO che vogliono SEGUIRE IL SOGNO AMERICANO, prima di TUTTO DEVE CONCEDERE IL SOGNO ALGLI AMERICANI POVERI. L'Italia fa al ROVESCIO , prima vengono gli IMMIGRATI si mantengono, si danno le case e gli Italiani?. Possono anche crepare che nessuno ci fa caso. Questo sporco governo ci ha portato in questa situazione, ma credo che siamo alla SOGLIA della RESA dei CONTI.
    I soldati stranieri ci stanno invadendo! Chiudete le frontiere! E bombardate le navi del Califfo!
    Purtroppo bisognerà sparare contro queste barche. Prima avvertire che l'Italia non riceverà più nessuno se non a colpi d'arma da Fuoco come fanno altri. Che cosa diventiamo noi, un terreno di scorreria bande di extracomunitari e di rom? Ma siamo pazzi?
    Torna MARE MONSTRUM e siamo a posto,per combattere l'isis non dovremo nemmeno spostarci dalle nostre case..............sono già QUI. ...

    RispondiElimina
  29. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/02/16/progaganda-degli-hacker-islamisti-sul-sito-di-una-scuola-di-scandicci-1.1378931



    Commento personale sulla situazione attuale.....


    ISIS FA LA ""LEOPOLDA"" A SCANDICCI CHE È COME DIRE FIRENZE E CIOÈ QUELLA TOSCANA CHE HA PARTORITO IL TOPOLINO RENZI CHE È DEBOLE ALLE SIRENE JIHADISTE E CHE SI SCANDALIZZA PER LE ATTIVITÀ PATRIOTTICHE ANTI/PD DI CASAPOUND OPPURE DI FORZANUOVA MENTRE INVECE FA SPALLUCCE ALLA EVIDENTE E GIORNALIERA CONDIVISIONE DI IDEE POLITICHE E RELIGIOSE CON L'ISLAM ANTIOCCIDENTALE DELLA SUA PARTE POLITICA ANCHE IN PARLAMENTO.QUESTA CLASSE POLITICA DEGENERATA NEL TRADIMENTO DEGLI IDEALI PATRIOTTICI È QUELLA CHE STA PREPARANDO DA 4 ANNI IL TERRENO ALLA SOPRAFFAZIONE CORANICA IN ITALIA E UNA PARTE DEL CENTRODESTRA È COMPLICE DI QUESTA ATTIVITÀ TERRORISTICA SOVVERSIVA. RICORDO CHE DURANTE IL GOVERNO DI CENTRODESTRA LA MAGISTRATURA ROSSA APRIVA INCHIESTE PENALI A CARICO DI ESPONENTI POLITICI O DELLA SOCIETÀ CIVILE DI DESTRA BASANDOSI SU SEMPLICI NOTIZIE GIORNALISTICHE VOLUTAMENTE PUBBLICATE DA GIORNALAI DI "REPUBBLICA" OPPURE DE "IL FATTO QUOTIDIANO". ADESSO INVECE LA MEDESIMA MAGISTRATURA NON MUOVE UN DITO ALLA NOTIZIA DI ATTIVITA' INSURREZIONALI O DI INVASIONE JIHADISTA SUL TERRITORIO ITALIANO RIMANENDO INSENSIBILE AL GRAVE PERICOLO INCOMBENTE. NON È CHE SI STA PREPARANDO UN QUALCOSA DI TERRIBILE PER IL POPOLO ITALIANO COL CONSENSO DI INFILTRATI NELLE ISTITUZIONI? ALTRIMENTI NON SI SPIEGHEREBBE IL PERCHÉ DI UNA TOTALE ASSENZA DI PM D'ASSALTO CHE PRENDANO IN MANO LA SITUAZIONE IN OGNI ANGOLO D'ITALIA PER ORDINARE ARRESTI DI TUTTI GLI ELEMENTI PERICOLOSI PER LA INTEGRITÀ TERRITORIALE ITALIANA..!!!!!!!!!....CI ASPETTANO GIORNI MOLTO BUI TENENDO CONTO CHE IL PRESIDENTE MATTARELLA NON RITIENE ANCORA NECESSARIO CONVOCARE IL CONSIGLIO SUPREMO DI DIFESA PER DEFINIRE L'ATTIVITÀ MILITARE DA APPRONTARE PER STOPPARE I JIHADISTI ISLAMICI TAGLIAGOLE CHE SONO PRESENTI GIÀ IN ITALIA....!!!!!!
    INVECE DI FARE IL TURISTA A PALERMO SAREBBE AUSPICABILE CHE MATTARELLA SÌ PREOCCUPASSE DI DARE DIRETTIVE PER DIFENDERE MILITARMENTE LE NOSTRE COSTE DA CORANICI INVASORI. INVECE IERI ABBIAMO DOVUTO ASSISTERE ALLA SOPRAFFAZIONE DELLA GUARDIA COSTIERA DA PARTE DI TERRORISTI ISLAMICI ARMATI DI KALASHNIKOV CHE HANNO POTUTO IMPOSSESSARSI DI GOMMINI SEQUESTRATI IN TERRITORIO ITALIANO GIÀ UTILIZZATI PER L'INVASIONE DI CLANDESTINI AFRICANI....!!!!!!!....
    SIAMO SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI EPPURE AGLI ITALIANI VENGONO PROPINATI FALSI SEGNALI TRANQUILLIZZANTI TIPO FESTIVAL DI SANREMO...!!!!!!!!

    RispondiElimina
  30. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/16/si-finge-paraplegico-arrestato-medico_0595b195-0edf-49cc-81b8-6c36b498eb7c.html

    MEDICO NUOVO ITALIANO MA ISLAMICO IRANIANO CHE FA QUELLO CHE IL PD GLI HA INSEGNATO DI FARE.....E CIOÈ TRUFFARE L'INPS CON FALSE MALATTIE CRONICHE......GRAZIE NAPO/RENZI. ..

    RispondiElimina
  31. http://renziacasa.com/

    RispondiElimina


  32. TERAMO SOVRANITÀ PRIMA GLI ITALIANI: INCONTRO PUBBLICO AD ALBA ADRIATICA

    Sovranità prima gli italiani: incontro pubblico ad Alba Adriatica

    febbraio 15, 2015

    Alba Adriatica. Il movimento politico “Sovranità – Prima gli Italiani” di Teramo – Val Vibrata, ha organizzato per venerdì 20 febbraio, dalle ore 20:30 circa in poi, un incontro pubblico al “Bijoux” di Alba Adriatica, in Via Duca D’Aosta, dinanzi al centro commerciale “La Piramide”, per promuovere, diffondere ed accettare le adesioni per la manifestazione nazionale, promossa dalla “Lega Nord” e “Sovranità – Prima gli Italiani”, che si svolgerà sabato 28 febbraio (ore 15:00) in Piazza del Popolo di Roma.
    All’incontro parteciperanno rappresentanti locali, oltre che di “Sovranità – prima gli Italiani”, della “Lega Nord” e del comitato “Noi con Salvini”.
    Si accetteranno prenotazioni per gli autobus previsti a fronte di una caparra di 15 euro a persona.
    Per chi non potesse partecipare, per informazioni può contattare:
    dall’Abruzzo: 329 54 16 657;
    Per la Val Vibrata, Provincia di Teramo (Teramo città, Giulianova, Roseto degli Abruzzi e tutti gli altri Comuni): 320 08 82 398;
    Per i Comuni di Colonnella, Alba Adriatica e Martinsicuro: 392 30 29 846 oppure 368 58 52 08 (per questi ultimi due numeri preferibilmente chiamare al pomeriggio).

    RispondiElimina
  33. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/16/libia-salvini-intervento-prima-capire_dca219a2-7be9-4f75-a418-9639f019a81a.html



    Per sentire cose sensate basta ascoltare Di Stefano
    Iannone o Salvini altrimenti TUTTO IL RESTO È NOIA

    RispondiElimina
  34. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/16/libia-vicario-tripoli-io-resto-qui_a46c0511-dab8-47b0-ba96-d99d505ebbd2.html


    Libia: vicario Tripoli, io resto qui.
    Mons. Martinelli, 'dietro i jihadisti c'è il petrolio'

    16 febbraio 2015 12:27

    (ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 16 FEB - "Devo rimanere. Come lascio i cristiani senza nessuno?". Lo ha detto il vicario apostolico a Tripoli, monsignor Giovanni Martinelli. "C'è tanta paura tra i civili", non solo cristiani; dietro ai jihadisti, osserva, "c'è il petrolio, i pozzi di petrolio della Libia, quelli del Golfo Persico". Infine sottolinea: "Io dico soltanto che forse è mancato un certo dialogo" dell'Italia "con il Paese e con l'islam in particolare".
       








    Allora mons. Martinelli ci sta dicendo che Isis ed islam sono la stessa cosa ???
    Mi piacerebbe sapere quale sarebbe la mancanza dell'Italia nei confronti dei seguaci di quel tagliagole pedofilo e cammelliere di maomettuccio????
    Provveda subito mons. Martinelli instaurando un bel tavolo dialogativo coi tagliatesta anticristiani così da trovare un accordo politico/teologico coi suoi amici mussulmani che il suo capo Bergoglio dice di amare cristianamente anche se fanno strage di cristiani nel mondo in quanto a suo dire il sacrificio fisico fa parte del credo evangelico. Porgere l'altra guancia e
    non odiare Caino sarebbe a suo dire d'obbligo per un credente cristiano.....come dire.....CORNUTO E MAZZIATO....!!!!!!!!!!!!!!!

    Con questo messaggio si disorienta la famiglia cattolica la quale per non essere posizionata contro Bergoglio si sta comportando in modo suicida e contrario ai principi del BUON CAPO DI FAMIGLIA.....
    Io dico che comportarsi da cagasotto è inaccettabile e scaricare la responsabilità su ABELE delle malefatte di CAINO è abominevole..!!!!!!!
    Se mons. Martinelli vuole campare ma in modo dignitoso allora tiri fuori gli attributi e dia a Cesare quel che è di Cesare dando un segnale forte alla comunità cristiana di prepararsi ad una CROCIATA mondiale per stoppare il genocidio anche dei fratelli maggiori ebraici da parte dei criminali islamici..!!!

    RispondiElimina
  35. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/la-caritas-bacchetta-i-sindaci-chi-non-aiuta-i-profughi-e-solamente-un-imbecille/1094594/


    16.2.2015


    Ivan Francese

    I sindaci che negano l'assistenza ai profughi sono altrettanti "imbecilli": non usa mezzi termini, il direttore della Caritas di Treviso don Davide Schiavon. 
    Come scrive il Gazzettino, il religioso ha attaccato i sindaci durante un convegno organizzato nella Marca Trevigiana, accusando le varie amministrazioni locali dei comuni veneti di lavarsi le mani di fronte all'emergenza profughi: "Non è possibile mettersi a fare teoria davanti a richiedenti asilo, davanti a persone che hanno subito torture e che hanno ancora la pelle bruciata - mette in chiaro don Schiavon - davanti a vulnerabilità e a povertà del genere bisogna sporcarsi le mani. Questa è la realtà."
    "Sui profughi bisogna assumersi la propria parte di responsabilità, senza rinunciare al pensiero critico e senza limitarsi alle polemiche - rincara la dose il prete - e questo discorso, senza fare di tutta l'erba un fascio, vale anche per il mondo ecclesiale."
    Parole molto dure, che hanno provocato la reazione inviperita dei sindaci, a partire da Francesco Pietrobon, primo cittadino leghista di Paese: "Io difendo i miei cittadini - ribatte senza peli sulla lingua - non persone mandate qui senza nemmeno sapere chi siano."
    "Mi sono preoccupato dei miei cittadini e me ne vanto - attacca il leghista - Il governo porta avanti una politica dissennata sull'immigrazione e quindi è lo stesso governo che se ne deve assumere la responsabilità politica e gestionale. Troppo comodo decidere le cose e poi dire ai sindaci di arrangiarsi. Non abbiamo strutture - conclude - e non abbiamo risorse per rispondere a un progetto calato dall'alto. Cosa possiamo fare? E ci sentiamo anche dare degli imbecilli. Quanti padri di famiglia sono in difficoltà qui da noi? Con il buonismo non si va da nessuna parte".
    In Veneto l'emergenza profughi si protrae ormai da molti mesi, con le diverse strutture d'accoglienza giunte ormai in molti casi al limite della loro capacità ricettiva. Solo mercoledì scorso 120 profughi avevano organizzato una rivolta che ha bloccato l'Alemagna: erano ospitati nel CEIS di Vittorio Veneto





    Commenti

    Ho vissuto in prima persona una bruttissima esperienza con la Caritas. Mai più un centesimo a quegli ipocriti venduti. La caritas si faccia "i caritas suoi",oppure se ne occupi personalmente senza rompere "i caritas" del prossimo.Vadano pure a profugare da altre parti,troppo comodo,troppo furbi e troppo mantenuti.E ora di finirla. MI DISPIACE PER IL REVERENDO MA IN TUTTA QUELLA STORIA DI IxxxxxxxE C'è SOLO LUI, VIVO PER INTERPOSTA PERSONA l'esperienza degli aiuti agli immigrati, mia moglie fa volontariato, una volta alla settimana distribuiscono borse di viveri a quella gente, pieni di boria e di pretese, come ringraziamento si prendono insulti e minacce, tipo "brutte puttane, quando comanderemo noi imparerete a ubbidire" come reazione ora non può più vedere i musulmani. "Davanti a vulnerabilità e a povertà del genere bisogna sporcarsi le mani." Sarebbe però giusto che soprattutto gli interessati si sporcassero le mani, combattendo nei loro Paesi per ottenere libertà e indipendenza. Obiezione: non sono in grado di farlo. Quindi l'Italia dovrebbe o entrare in guerra al loro posto, oppure accoglierli tutti e sacrificare per loro il futuro dei propri cittadini.Bravo don Davide, cominci lei a non fare di ogni erba un fascio e a distinguere i veri perseguitati da chi non lo è mai stato.Davide Schiavon smettetela di rubare!!!!! Schiavon con cosa fa rima (in veneto) ? La Caritas è paragonabile a "Mafia capitale", con gli emigranti si guadagna e con i cittadini no. Non voglio più saperne della chiesa cattolica, venduti schifosi e l'8 per mille ve lo scordate.

    RispondiElimina
  36. http://www.umbria24.it/terni-casapound-denuncia-noi-in-6-aggrediti-da-30-persone-questi-sono-gli-antifascisti-ternani/345569.html


    16 febbraio 2015   13:11 

    Terni, Casapound denuncia: «Noi in 6 aggrediti da 30 persone, questi sono gli antifascisti ternani»

    Piergiorgio Bonomi riferisce dell'episodio avvenuto a mezzanotte: «Botte e calci mentre ripulivamo la targa di via Vittime delle Foibe». Domenica la fiaccolata era filata liscia.
    «Il vero volto della rete antifascista è finalmente svelato. Coloro che in questi giorni hanno diffamato il nostro movimento con comunicati e volantini in cui si affermava che Casapound rappresentava un rischio per la città di Terni, sono usciti allo scoperto; l’aggressione di questa notte nei nostri confronti dovrebbe far riflettere i cittadini su quale è il vero pericolo». Lo afferma Piergiorgio Bonomi, responsabile di Cpi Terni, denunciando che intorno a mezzanotte di domenica, circa 30 esponenti della rete antifascista ternana hanno teso un’imboscata ai militanti di Casapound, presenti in via Vittime delle Foibe per ripulire la targa omonima imbrattata con la vernice pochi minuti prima, dopo una fiaccolata andata in scena nel pomeriggio senza scontri.
    Aggressione premeditata «Fortunatamente non ci sono stati feriti gravi – aggiunge Bonomi – solo un nostro militante con un piede dolorante e la mia macchina presa a calci; l’arrivo sul posto della polizia ha fatto scappare a gambe levate gli aggressori, ma le cose sarebbero potute andare molto peggio, visto che loro erano in 30 e noi in 6. E’ ovvia la premeditazione dell’aggressione comunque, un vero e proprio agguato, visto che solo pochi minuti prima la targa dove nel pomeriggio avevamo posto una corona in memoria era stata imbrattata con la vernice e la corona stessa gettata nella scarpata: tutto è scattato quando ci trovavamo sul posto a ripulire tutto, con una tempistica perfetta».
    Andiamo avanti «Comunque – conclude Bonomi – saranno le autorità competenti ad indagare sui fatti: noi, che non avevamo niente da nascondere, siamo rimasti sul posto all’arrivo della polizia, mentre coloro che evidentemente si sentivano in torto sono fuggiti via. ‘Aspettiamo’ ora le prese di posizione di quegli esponenti delle istituzioni che fino ad ora si sono sempre schierati al fianco della rete antifascista ternana, autoproclamatasi difensore della libertà ternana, che fino ad ora andava sbandierando ai quattro venti la pericolosità che Casapound rappresentava per tutti i cittadini, che ci descriveva come pericolosi individui che mascheravano le proprie malefatte dietro ad attività sociali, che ci accusava di cose assurde senza la minima prova solo per infangare la nostra immagine. Ora che le maschere sono finalmente cadute, e di certo non erano le nostre, vediamo cosa si inventeranno per discolparsi, vediamo quali azioni intraprenderanno le istituzioni nei confronti di chi ha oltraggiato (e non una volta sola) una targa alla memoria in nome del più becero negazionismo. Vediamo, ma nel frattempo non resteremo a guardare: il nostro lavoro per la città ed i cittadini che hanno bisogno di aiuto andrà avanti come sempre, alla luce del sole. Chi invece si muove nell’ombra, colpisce e poi fugge, neanche verrà preso in considerazione».

    RispondiElimina


  37. http://www.umbria24.it/terni-fiaccolata-di-casapound-per-ricordare-le-vittime-delle-foibe/345516.html



    Lunedì 16 Febbraio 2015 


    Terni, fiaccolata di Casapound per ricordare le vittime delle foibe


    Domenica 15 febbraio a Terni manifestazione in ricordo delle vittime delle foibe organizzata da Casapound. Nessun incidente durante l’evento, presidiato dalle forze dell’ordine.

    RispondiElimina
  38. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/immigrati-lue-sbugiarda-renzi-nessun-richiesta-demergenza/1094690/

    16.2.2015

    Sergio Rame

    "Chiederemo all'Europa di intervenire, di fare di più". Martedì scorso, all'indomani dell'ennesima tragedia nel Mediterraneo, il premier Matteo Renzi assicurava di farsi carico dell'emergenza immigrazione e di portare il problema a Bruxelles. "Non c'è solo la Grecia o l'Ucraina, ma anche la Libia. Questo lo dirò domani al Consiglio europeo. La Libia è totalmente fuori controllo - assicurava il presidente del Consiglio - se vogliamo mettere fine a questo Mediterraneo come cimitero la priorità è risolvere la situazione in Libia, non il derby tra chi vuole Mare nostrum o Triton". Parole nette che, purtroppo, sono rimaste nell'aria. Perché, come ha fatto sapere la stessa Unione europea, il governo italiano "non ha mai presentato alcuna richiesta di emergenza" in tema di immigrazione.La Commissione europea presenterà la nuova agenda per affrontare la questione dell’aumento dei flussi migratori verso le coste sud dell’Europa il prossimo 4 marzo. Intanto, come ha precisato la portavoce Natasha Berthaud, "dalle autorità italiane non è giunta nessuna ulteriore richiesta di misure di emergenza" come era successo nel caso delnaufragio al largo di Lampedusa nell’ottobre 2013, dopo che ieri le autorità italiane hanno salvato 2.100 clandestini a Sud di Lampedusa. "Siamo in contatto continuo con il governo italiano - ha proseguito - e siamo pronti ad aiutare l’Italia con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione, a partire da Frontex". Le dichiarazioni della Berthaud smentiscono giorni di annunci e promesse fatti dal governo. Dopo l'ennesima tragedia al largo delle coste siciliane, Renzi e i suoi si erano affrettati a far pressioni su Bruxelles affinché cambiasse il passo nel contrasto all'immigrazione clandestina nel Mediterraneo. "L'Unione europea - tuonava il ministro dell'InternoAngelino Alfano - deve fare un passo in avanti e contrastare il traffico di esseri umani piantando le tende in Africa e facendo lo screening ai richiedenti asilo".




    Commenti


    Questa volta mi vedo costretto a dar ragione ai grillini, in effetti è inutile mandare nostri militari in Libia, a far che poi? E' sufficente mandarci Grillo ... lu si che li farà morire tutti ... dal ridere! ma per forza..la Presidente boldrina ha sempre detto che emergenza non c'é...che in fondo poche migliaia di profughi sono niente....etc...etc.... ..............
    Due puffi immensi. Totali. Assoluti. MATTEO 80 EURO CHE COMBINI ... NON SI DICONO LE BUGIE Il perchè è presto detto: sono le solite giornaliere balle dei due grandi condottieri. Povere bestie.Quando un burocrate si rivolge ad un altro burocrate per risolvere un problema, manca sempre la domanda in carta da bollo. Mi sto chiedendo se l'Europa, di fronte all'evidenza, ha bisogno di richieste ufficiali. In tal caso, qualcuno mi spieghi a che serve il parlamento europeo e a che serve un ministro degli esteri europeo come la Mogherini. Mistero ......Pupone-renzi mente ancora, sottacendo, anche all'Europa, oltre che all'Italia. Sotto sotto, ci spera che sbarchi davvero qualche tagliatore di testa per assurgere poi a indiscusso "salvatore", della Patria e addirittura della Cristianità. Qualche "testa mozzata"... lievi effetti collaterali per ottenere il "titolo" e il monumento. E Berlusconi... becca di nuovo.E'assodato! Lo dice anche Bruxelles: abbiamo al governo e agli interni due grandissimi PIRLA!!!!!!!!!!!!Stanlio e Olio alla guerra delle pernacchie di mare. Sono proprietari di una COOP a testa !..ovvio..!!!

    RispondiElimina
  39. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/milano-e-allarme-profughi-e-anche-pisapia-se-ne-accorge/1094593/



    Commento personale all'articolo........

    Quel pirlone di sindaciuccio aranciato dice kazzate su kazzate e migliaia di COJOTES milanesi gli vanno dietro senza capire che si stanno scavando la fossa con le loro mani. I piddini e vendoliette sono affaristi immigrazionisti pervertiti che hanno secondi e terzi fini con questo finto buonismo peloso...!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  40. 1^ PARTE ARTICOLO.....


    http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11756927/Libia--ecco-i-complici-del.html

    Libia: ecco i complici del Califfo.

    16 febbraio 2015

    Noi l'avevamo detto. Sì, lo so: una frase così non si dovrebbe scrivere mai. Ma poiché quelli che hanno codificato questa regola sono proprio coloro non ce l'avevano detto, ma anzi ci avevano raccontato l'esatto contrario, i corifei della teoria che ci ha portati sull'orlo dell'abisso, gli aedi delle "primavere arabe" da appoggiare a prescindere da ogni buon senso e da qualsivoglia interesse nazionale in nome dell'ideologia suprema; ecco, visto che questi sono i custodi delle regole, allora all'inferno le regole. Adesso che la Libia si è trasformata nel prevedibile incubo jihadista alle nostre porte, è venuto il momento di denunciare i responsabili di questo orrore. E tra di loro, in prima fila, ci sono i nostri politici di sinistra, Napolitano in testa, e il codazzo conformista di quotidiani e televisioni che davano fiato alle trombe per incensare l'invincibile armata che andava ad appoggiare le "rivoluzioni popolari" e a deporre a suon di bombe più o meno deficienti il "pericolosissimo tiranno" Muhammar Gheddafi.
    Quattro anni fa, quando questo avveniva, noi diLibero in solitudine pressoché perfetta titolammo: «Guerra da matti». Così come quando il coro del giornalismo unico accompagnava i proclami del Nobel della pace Obama a favore del conflitto "umanitario" contro Assad, noi soli in Italia avvertimmo della demenza del proposito, evidenziando come i nemici di Damasco fossero i nostri peggiori avversari, quegli integralisti islamici che ora formano la spina dorsale dell'Isis. Sì, proprio quelli che sgozzano, crocifiggono, decapitano, bruciano vivi gli ostaggi. Quelli che ci minacciano di morte e distruzione. Quelli che sparano e uccidono nelle nostre città. Quelli che ora tutti esecrano, ma fino a pochi mesi fa appoggiavano, eccitati come ragazzini, al grido di "dàgli al tiranno".
    Perché la nostra sinistra, politica e giornalistica, è così. Basta che qualcuno vada in piazza per trovarsi automaticamente dalla parte della ragione. A meno che, ovviamente, non lo faccia contro un regime comunista illegalmente costituito: quindi la regola non valeva in caso di movimenti popolari ungheresi negli anni Cinquanta, nella Praga di Dubcek, nella Cuba di Castro, nella Tienanmen del glorioso partito maoista, eccetera. Ma insomma, a parte queste eccezioni, chiunque riempia le strade e "protesti", per le nostre maîtresse a penser è sempre da sostenere. Che abbiano torto o che addirittura siano fanatici sanguinari non ha la minima importanza. È sufficiente che il loro bersaglio in qualche modo si possa definire un dittatore (fascista, certo: quelli di sinistra sono "guide del popolo") e via col tifo: viva Khomeini, viva i Fratelli musulmani, viva il Diavolo. Basta che sia "rivoluzionario". Tanto, quando poi si scopre chi sono realmente gli "eroi" che abbiamo appoggiato, oplà: basta una piroetta e il gioco è fatto. Ed ecco i nostri politici, i nostri intellettuali, i nostri opinion leader che spiegano in tv e sui giornali come e qualmente siano stati commessi imperdonabili errori, glissando con incredibile faccia di tolla sul fatto che loro erano gli sponsor entusiasti di quegli "imperdonabili errori" e i fustigatori implacabili di chi, come noi, li faceva notare per tempo. Noi per loro eravamo i servi di Berlusconi che timidamente aveva cercato di opporsi alla guerra di Libia e poi aveva ceduto, venendo da Libero 
    attaccato per questo. Negli stessi giorni, giusto per fare un esempio tra i mille, il direttore di 
    Repubblica Ezio Mauro scriveva: “Qualcuno spieghi a Berlusconi che quando i popoli possono riconquistare la loro libertà, l’Occidente ha un dovere preciso che viene prima di tutto: stare dalla loro parte”.Ma si sa: questo è un Paese senza memoria...

    RispondiElimina
  41. 2^ PARTE DELL'ARTICOLO....

    http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11756927/Libia--ecco-i-complici-del.html


    Libia: ecco i complici del Califfo..

    16.2.2015

    ..................Cerchiamo di rinfrescargliela. Ricordate la retorica della democrazia dal basso? Gli appassionati reportage tra i giovani arabi che organizzavano la rivoluzione via Twitter? Le dotte disquisizioni sul dovere morale di aiutarli? I dibattiti sulla necessità, in questo caso, di mettere da parte il sacrosanto pacifismo e impugnare le armi? Tutta roba a reti e stampa unificate. Ecco, Libero scriveva l'esatto contrario. Quando Parlamento, Rai, La7, Mediaset demonizzavano Assad e invocavano il suo "democratico" rovesciamento,Libero metteva in guardia sulle fratellanze musulmane che stavano impadronendosi della rivolta siriana, prodromo al Califfato dell'Isis. Quando Pd, Corriere, Repubblica, 
    Stampa si accodavano come cagnolini scodinzolanti ai roboanti proclami anti Gheddafi di francesi e inglesi e di quel monumento all'incompetenza che risponde al nome di Barack Obama, Libero e pochissimi altri organi di stampa indipendenti ammonivano che il vero obiettivo degli "alleati" era mascherare i loro fallimenti interni e fregarci gli affari su gas e petrolio in Libia. E scrivevamo che sì, Gheddafi era brutto sporco e cattivo ma ci garantiva controllo sull'invasione di clandestini e regolare flusso di carburante. Che sì, Gheddafi faceva schifo, ma quelli che avrebbero riempito il posto lasciato libero da lui e dai suoi sgherri ce lo avrebbero fatto amaramente rimpiangere. Che sì, sotto il suo tallone non fioriva certo la democrazia, ma era un Eden al confronto di quel che sarebbe venuto dopo. E che quindi un minimo di sana real politik e di cura degli interessi nazionali avrebbe consigliato di tenerlo al suo posto, anziché farlo fuori senza avere neppure uno straccio di idea su come muoversi un minuto dopo. Ed eccoci qui: tutto quello che avevamo previsto e scritto più e più volte, con più e più firme, per più e più mesi si è puntualmente verificato. E non è questione di appuntarsi medaglie al petto: non era poi così difficile decodificare in maniera corretta quello che stava accadendo. Ma proprio per questo non è tollerabile vedere, ascoltare e leggere quelli che quattro anni fa ci trattavano con disprezzo rinnegare senza pudore tutto ciò che avevano detto facendo finta di non averlo mai detto. È andata in un altro modo: giusto perché si sappia.

    RispondiElimina
  42. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11756883/Libia--il-dossier-dei-servizi.html


    Libia, il dossier dei servizi segreti: cosa rischia l'Italia

    16 febbraio 2015


    Libia e Isis: ma che cosa rischia concretamente l'Italia? Il dibattito politico è esploso nelle ultime ore. Al centro del dibattito la necessità o meno di un intervento armato. Ma - se lo chiedono in molti . in queste ore, che pericoli ci sono per il nostro Paese? Intanto, una prima immediata conseguenza sarà l'aumento vertiginoso degli sbarchi sulle nostre coste. Secondo quanto scrive il Corriere della Sera sono circa 200mila i migranti pronti ad arrivare in Italia. Certo è che questo è il momento peggiore da quando i fondamentalisti islamici hanno messo nel mirino l'Europa. Lo riporta il Corriere della Serache cita un dossier dei servizi segreti che ha alzato l'attenzione da una parte proprio sul flusso massicci di arrivi. A questa emergenza si aggiunge il rischio di attentati già registrato subito dopo l'attacco in Francia a Charlie Hebdo.I report degli apparati di intelligence e di sicurezza confermano che in poche settimane la situazione può degenerare visto che dopo l'attentato all'Hotel Corinthia di Tripoli del 27 gennaio scorso L'Isis ha mostrato di volere avanzare rapidamente e ha già preso molte aree principali del Paese. La convinzione rimane legata a tempi di azione strettissimi, proprio per evitare che si alzi ulteriormente il livello di minaccia contro l?italia dopo il proclama che puntava al ministro degli EsteriPaolo Gentiloni. Secondo quanto scrive Fiorenzo Sarzanini c'è la convinzione che l'incitamento a colpire l'Italia potrebbe voler dire nell'immediato anche assaltare le sue postazioni locali con un danno che potrebbe rivelarsi enroeme. Le relazioni degli 007 ribadiscono il pericolo di attentati contro i giacimenti petroliferi e del gas, le sedi delle aziende che sono costrette a tenere personale sul posto per far funzionare gli impianti. 


    COMMENTI


    dimovi
    16 February 2015 - 15:03
    Ma quando riavremo in Italia un dittatore di estrema destra che sistemi le cose??



    Satanasso
    16 February 2015 - 12:12
    L'Italia è una Nazione Gay...nichilista, senzapalle,governata da eunuchi anziani che pensano sono a fare gli "eventi"...gli aperitivi nella downtown ecc. Ma la Storia si ripete...


    mai
    16 February 2015 - 12:12
    Un bell'articolo ma di nessuna efficacia. Tutti quelli che hanno fatto di tutto per denigrare Berlusconi ed il suo governo, la riverenza per il dittatore libico senza pensare che tutto si faceva per scongiurare tutto questo che adesso sta succedendo. Adesso il ministro della difesa vuole la guerra. Chissà come si sentiranno i genitori di chi verrà mandato a "riportare la pace".


    xulxul
    16 February 2015 - 12:12
    Subito una task force composta da Vendola, Luxuria, Scalfarotto, Conchita Wurst e truppe cammellate gay friendly... da spedire con biglietto di sola andata in Cirenaica. Magari con un gay pride a Tripoli tutto si calma....

    RispondiElimina
  43. Ci vuole un governo di estrema destra di salute nazionale per evitare il peggio cogli islamici terroristi merdosi...

    RispondiElimina
  44. Tra i due litiganti il terzo gode.
    Mentre la sinistrata politica piddina eversiva fa la guerra a casapound i jihadisti stanno occupando Italia ed Europa senza grossi problemi. Nel frattempo renzina vendoletta pensa alle inculate perverse da legalizzare........LI MORTACCI LORO..!!!!!

    RispondiElimina
  45. http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/276863


    Monday, February 16, 2015


    La motovedetta che non poteva sparare !!

    Ancora oggi non ho trovato nessun politico o giornalista,nessun ammiraglio in pensione o esperto che abbia risposto alla domanda piú semplice : perché la motovedetta e l’equipaggio disarmati ??
    A 50 miglia dalla Libia…!! La Guardia costiera è Marina militare con compiti di polizia e possono essere disarmati solo osservatori Onu od Ocse. Cosa esattamente è accaduto in mare ? Ci si rende conto che i nostri marinai sono salvi solo perché quelli erano trafficanti e non militanti dello Isis ?? Chi riprende questa richiesta ??

    Vincenzo Mannello

    RispondiElimina
  46. TOPI DI FOGNA ALL'OPERA ISTIGATI DA PD E SEL....



    http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/276824


    Monday, February 16, 2015

    ATTENTATO AL SEGRETARIO NAZIONALE DEL MIS, BRUNO:
    INCENDIATA LA PORTA DELLA SUA ABITAZIONE!

    Un vile attentato è stato commesso da ignoti a casa del Segretario Nazionale del Movimento Idea Sociale Raffaele Bruno. Ignoti hanno incendiato la porta di casa dove abita.
    Sull’argomento Bruno ha dichiarato:
    ” E’ da qualche tempo che un poco in tutta Italia qualcuno vorrebbe intimorirci. Cominciamo a fare paura e ad essere scomodi per il sistema, ma devono comprendere tutti che questo che sta avvenendo ci fortifica soltanto. Nessuno potrà mai piegarci e andremo avanti col sostenere un grande programma di alternativa globale al sistema e di sostegno a quanti subiscono le ingiustizie sociali di un governo che sta annientando le mettendo in ginocchio e famiglie e gli imprenditori”

    RispondiElimina
  47. http://voxnews.info/2015/02/16/isis-e-alle-porte-renzi-vedremo-cosa-fare-quando-sara-il-momento/








    IL PIRLONE FA BENE A NON FARE NULLA IN QUANTO A DISASTRI HA GIÀ MERITATO IL NOBEL COME QUEL BUFFONE GIULLARE DARIO FO. ..!!!!!!!

    RispondiElimina
  48. http://www.wikilao.com/jml2/index.php?option=com_content&view=article&id=817:in-mani-russe-oltre-un-terzo-della-raffinazione-italiana&catid=113:cat-italia&Itemid=490&lang=it


    IN MANI RUSSE UN TERZO DELLA RAFFINAZIONE ITALIANA       

    La Russia, negli anni, pur rimanendo un problematico attore internazionale, con ritrovate ambizioni di superpotenza politica, è riuscita a porsi, in specie per l'Europa, come partner quasi irrinunciabile sul fronte economico. Vende il settanta per cento del suo gas e il sessantacinque per cento del suo petrolio ai Paesi dell'OCSE.

    L'Italia, bisognosa di idrocarburi per soddisfare la sua domanda energetica, è fortemente dipendente dai venditori esteri, Russia inclusa. Il valore dell'interscambio fra i due Paesi si è attestato nel 2013 sui trenta miliardi di euro, concentrandosi proprio sull'energia, un asset di strategicità assoluta che pesa per il cinquanta per cento sulle entrate statali della Russia, generando più del dieci per cento del suo prodotto interno lordo.

    Mosca, poi, anche sfruttando le opportunità aperte dalla crisi economica italiana, è arrivata a controllare il trentasei per cento della capacità di raffinazione del Belpaese, senza contare una rilevantissima presenza nei cosiddetti poli logistici.

    E ancora: alcuni investitori russi sarebbero concentrati sull'acquisto di aziende legate alla produzione energetica, come la Burns SRL e la Petrovalves SRL. Negli ultimi tempi si sono registrate operazioni importanti anche in altri comparti. Renova Group ha comprato Octo Telematics. Rosneft, attraverso la Long-Term Investments Luxembourg SA, ha rilevato il cento per cento della Lauro Cinquantaquattro SRL detenuto da Clessidra, ottenendo la metà delle azioni di Camfin, azionista di Pirelli. Inoltre, secondo fonti qualificate, ci sarebbero appetiti rivolti gruppo tessile Malo e ad imprese del settore farmaceutico. Alla DKC farebbe gola la Bocchiotti, che lavora sistemi di canalizzazione di tubi, e la casa di moda che fa capo a Roberto Cavalli risulta in trattative con VTB Capital, che ha come azionista di riferimento il governo russo.

    Per contro l'Italia - sebbene con un saldo negativo che, sempre nel 2013, era risultato superiore ai nove miliardi - ha interessi legati all'esportazione di apparecchiature meccaniche ed elettriche (in Russia, ordinativi alla mano, sembrano ricercatissime quelle per le ceramiche), semilavorati industriali, autoveicoli, mobili, abbigliamento e prodotti alimentari. Sono quattrocento le aziende italiane che operano in Russia e settanta di esse vi hanno installato delle fabbriche. Danno lavoro a poco meno di quarantamila persone.

    E' per questi ormai intensissimi (e in crescita) rapporti economici che le sanzioni per l'Ucraina sono mal digerite dal sistema produttivo italiano. Fin qui hanno determinato una flessione del quindici per cento degli affari con la Russia, lasciando le banche italiane con un'esposizione verso Mosca ammontante a circa ventisette miliardi: superiore a quella degli istituti tedeschi (mentre i francesi sarebbero impegnati per 50 miliardi e gli americani per 40).

    RispondiElimina
  49. http://www.intelligonews.it/milano-lega-chiede-mezzi-gratis-prima-agli-italiani/


    CASAPOUND E LEGA NORD PARLANO LA MIA LINGUA

    SOVRANITÀ PRIMA GLI ITALIANI. ...

    RispondiElimina
  50. www.ilgiornale.it

    16 Febbraio 2015

    "Abbiamo paura". Lo stato d'animo di Lampedusa dopo le minacce dell'Isis è tutto. in queste parole di Totò Martello, ex sindaco dell'isola dal 1993 al 2002, adesso presidente consorzio pescatori. Martello consoce bene la sua isola e racconta come i suoi concittadini vivono questo "deserto dei Tartari lampedusano": "Aspettiamo un nemico che non ha un volto chiaro. Prima sapevamo che spalancando le finestre di casa nostra c'era Gheddafi, adesso non ci sono punti di riferimento e questo non fa che aumentare la paura". "Qui nessuno vuole più uscire in mare, soprattutto tra i pescatori. Nessuno vuole lasciare la famiglia nel terrore che non possa più tornare a casa. Le minacce di ieri con i mitra da parte di alcuni migranti alla Guardia Costiera hanno lasciato il segno", aggiunge Martello."Ci sentiamo in mezzo ad una guerra pericolosissima. Questo allarme e le minacce che arrivano dai tagliagole dell'Isis sono un campanello d'allarme che cambia le proprie abitudini. I vecchi rifugi della seconda guerra mondiale, ce ne sono due sull'isola, potrebbero tornare utili.Se dovessero attaccarci possiamo trovare rifugio solo nelle gallerie sulla roccia che erano state costruite durante la seconda guerra mondiale". Poi l'appello: "I primi a pagare per questa guerra siamo noi. Siamo troppo vicini alla Libia. Il governo deve prendersi la sua responsabilità e darci una mano. L'emergenza non è solo l'immigrazione, adesso si tratta della vita dei lampedusani, che prima di tutto sono italiani".
    Ma la tensione non si respira solo tra i pescatori, ma anche tra ristoratori e albergatori. "Dopo le minacce di certo qualche timore in più lo abbiamo. Ma Lampedusa ha bisogno di turismo e un conflitto non farebbe bene alle casse di chi qui ci vive", afferma chi lavora in uno dei bar del centro. Ma il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, cerca di gettare acqua sul fuoco. "Non credo che i terroristi arrivino sui barconi. Mi sembra un allarme surreale – sostiene – Lo dimostrano gli attentati avvenuti in Francia nei giorni scorsi o negli Usa in passato. Di solito chi li ha compiuti era proprio nato in occidente e non arrivato sui barconi". Ed è preoccupata che si "possa diffondere questa psicosi alla vigilia dell’inizio della stagione turistica". 



    Commento


    un missile su Lampedusa sarebbe dichiarazione di guerra, la NATO tornerebbe in Libia a finire il lavoro; ma Renzie non chiederà mai aiuto, nemmeno quando gli spetterebbe di diritto. Radere al suolo i territori occupati dall'isis con tutti i mezzi possibili no? Tanto le vittime innocenti saranno loro i primi a farle. Garibaldi è sbarcato a Marsala, Isis sbarcherà a Lampedusa; un'isola come Lampedusa non la beccheranno mai. E poi c'è Giusi Nicolini no? Una risorsa, la patrona dell'accoglienza, chi volete che le voglia male! I nostri governi non difendono i cittadini, sono dei conigli, quando c'è da rubare sono i primi non solo in Europa me nel mondo, x altre cose aspettano che siano gli altri a difenderci e a morire, e poi ci lamentiamo se non siamo tenuti in considerazione. Basta vedere la Mogherini, ministro degli Esteri della UE, non c'è traccia, a trattare con la Russia ci va la Merkel e Hollande, non siamo nessuno; governo banfone e fannullone! Che ne dici di mandare un Battaglione di Carabinieri a Lampedusa? bisogna iniziare e fare il tiro al piccione!Eh sì, cara sindachessa, sminuisce, sminuisci, temi che la pioggia di soldi non ti bagni più?..il sindaco, la signora piagnucolona e di rosso vestita, pensera' lei a tutto....Ma come, a Lampedusa hanno paura? Ma la sindachessa, non dichiara sempre di essere orgogliosa di accogliere ed assistere i migranti e decantare il grande senso umanitario degli isolani? Questa gente si sveglierà solo quando gli esploderà una bomba sotto il culo. Ed anche allora, forse, come è abitudine della sinistra, troveranno il modo di scaricare le colpe.

    RispondiElimina
  51. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/lisis-minaccia-litalia-ma-il-web-ci-ride-sopra-prendete-mia-suocera/1094728/

    16 Febbraio 2015

    L'Isis minaccia l'Italia. Ma il web ci ride sopra: "Prendete mia suocera""Siamo a sud di Roma", ed esplode l'ironia sui social network sul rischio di attacco dell'Isis

    Anita Sciarra

    L'ironia del web non si ferma neppure davanti alle minacce dell'Isis. La situazione è incandescente e lo stato di allerta altissimo ma su twitter si possono leggere battute di ogni tipo, sul rischio di un attacco. L'Isis ha dichiarato di essere a sud di Roma. Ecco come ha risposto il web:

     


    L'Isis minaccia l'Italia: "Vi lasciamo Renzi per altri 10 anni". #ISIS #Libia


    — Zip (@ZipSatiraLampo) 16 Febbraio 2015
    L’ #ISIS dice di essere a Sud di Roma. C’è da stare tranquilli. Se sono bloccati sul grande raccordo anulare non ne usciranno mai più.


    — Il Diavolo Ψ (@Dlavolo) 16 Febbraio 2015 
    L'Isis minaccia l'Italia. E ora Renzi è il male minore.


    — Frandiben (@frandiben) 16 Febbraio 2015 
    L'#ISIS all'Italia: "Siamo a sud di Roma". Poi aggiunge: "Buttate la pasta"



    — Pamela Ferrara ㋡ (@PamelaFerrara) 16 Febbraio 2015 
    Sono a Sud di #Roma. Fermi in colonna sulla Salerno-ReggioCalabria #ISIS



    — andrea montanari (@IlMontanari) 16 Febbraio 2015 
    "L'Isis è alle nostre porte!" Pure loro!! Non bastavano i Testimoni di Geova?



    — Il serpe (@sempreciro) 16 Febbraio 2015 
    @_iaci "mamma sta arrivando l'isis" - "per quanti calo?"



    — PaoLOST (@PAO_lost) 15 Febbraio 2015 
    Volevo dire all'ISIS che se attaccano la Sicilia, devono vedersela con tutte le nonnette che risponderanno buttando arancini.



    — Mi Iaci (@_iaci) 15 Febbraio 2015
    Se vedete dei tizi vestiti di nero a Sud di Roma più che #Isis è #equitalia

    RispondiElimina
  52. http://voxnews.info/2015/02/16/londonistan-islamici-marciano-su-londra-video/


    www.wfia.org uk



    RispondiElimina
  53. http://www.wfia.org.uk/


    CENTRALE DI INDOTTRINAMENTO CON LAVAGGIO DEL CERVELLO PER MILIONI DI MUSSULMANI INVIATI IN EUROPA PER CONTRIBUIRE A CREARE IL CALIFFATO CORANICO....

    RispondiElimina
  54. http://www.secoloditalia.it/2015/02/borghezio-sotto-processo-a-milano-disse-che-molti-rom-rubano/



    ZINGARI LADRONI AL 100% DIFESI DA MAIALI POLITICANTI CHE AVRANNO IL LORO TORNACONTO MA ALLA LUNGA PAGHERANNO PURE LORO QUESTO VOLER DIFENDERE QUESTI CRIMINALI PARASSITI..
    CHE PAESE DI MERDA CHE NON HA PIÙ ORGOGLIO NÉ DIGNITÀ....!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  55. http://www.secoloditalia.it/2015/02/sondaggio-ipsos-90-degli-elettori-forza-italia-pronto-consegnarsi-salvini/

    Lunedì 16 Febbraio 2015 19:33:44

      
    Sondaggio Ipsos, il 90% degli elettori azzurri pronto a consegnarsi a Salvini.

    GABRIELE ALBERTI

     16/02/2015


    Gli elettori del centrodestra pronti a consegnarsi nelle mani di Matteo Salvini come leader della coalizione. Secondo il sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, la  svolta nazionale del segretario leghista piace e sta dando i suoi frutti, a tal punto che proprio tra glielettori di Forza Italia quasi il 90% ci crede.
    Cresce, dunque, la fiducia negli elettori azzurri per Salvini, cresce la speranza che possa interpretare quell’anti-renzismo fortemente diffuso nella base di Forza Italia. Gli elettori interpellati non fanno fatica a consegnare a Salvini le chiavi per rendere competitivo il centrodestra contro il Pd di Matteo Renzi. Il sondaggio Ipsos fotografa il temometro politico delle ultime settimane, che hanno visto un testa a testa tra  Forza Italia e Lega per il primato nelcentrodestra (entrambi i partiti sono dati tra il 13 e il 14 per cento). Il cambiamento di prospettiva in chiave nazionale su cui Salvini si sta spendendo risulta convincente per gli elettori, soprattutto quelli del Sud e delle isoledove il 40 per cento vede positivamente questo cambio di passo del leader del Carroccio.
    Il sondaggio Ispos si sofferma sull’ipotesi ventilata da Salvini di correre alle prossime regionali del Centro Sud con il simbolo “Noi con Salvini”: l’ipotesi  otterrebbe il59% dell’elettorato che abitualmente aveva dato il voto a Forza Italia nelle altre competizioni elettorali regionali: piace al  78 per cento dei leghisti e produce “appeal” anche in  un terzo dell’elettorato meridionale.

    RispondiElimina
  56. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/raid-aereo-dellegitto-contro-le-postazioni-dellisis-in-libia/1094540/

    16 Febbraio 2015

    Raid aereo dell'Egitto contro le postazioni dell'Isis in Libia.
    È guerra nel Mediterraneo. All'indomani della decapitazione di 21 copti, l'Egitto bombarda obiettivi dell'Isis in Libia. Ma i miliziani dello Stato islamico reagiscono rapendo almeno 35 cittadini egiziani. 

    Sergio Rame

    L'Egitto risponde con fermezza alla barbara decapitazione di 21 cristiani copti. All'alba di oggi i caccia hanno colpito campi di addestramento e magazzini di armi dello Stato islamico in Libia e sono tornati indenni alle basi. "Facciamo sapere ai vicini e ai lontani - tuona l'esercito del Cairo - che gli egiziani hanno uno scudo che li protegge".
    Anche i caccia dell'aviazione libica, fedele al generale Khalifa Haftar, hanno bombardato obiettivi dell'Isis nelle zone di Sirte e Ben Jawad. L’aviazione di Tripoli si è coordinata all’alba con l'esercito egiziano che ha sferrato otto raid contro obiettivi del gruppo jihadista a Derna. Fajr Libya, la coalizione di milizie al potere a Tripoli, ha poi chiesto agli egiziani di lasciare la Libia per evitare ritorsioni. Ritorsioni che sono puntualmente arrivate in giornata. Come riferisce Libya Herald, "almeno 35 cittadini egiziani" sono stati rapiti "in zone controllate dall’Isis e da Anbsar al Sharia". Isequestrati sarebbero in gran parte lavoratori del settore agricolo.
    Il presidente Abdel Fattah al Sisi ha incaricato il ministro degli Esteri, Sameh Shukri, di andare "immediatamente" a New York per le riunioni necessarie all’Onu e nel Consiglio di Sicurezza e chiedere una reazione internazionale. Shukri porrà la comunità internazionale di fronte alle "sue responsabilità" perché prendano "le misure adeguate" per far rispettare la carta delle Nazioni Unite tenendo conto che tutto quello che sta succedendo in Libia "è una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale". La Casa Bianca ha già sottolineato "l'urgente necessità per una soluzione politica al conflitto in Libia".
    Nel frattempo i pozzi petroliferi nell’est dellaSiria controllati dallo Stato islamico sono stati presi di mira dai raid aerei condotti da caccia degli Emirati Arabi Uniti. Gli Emirati avevano interrotto la partecipazione ai raid a dicembre, dopo la cattura del pilota giordano poi ucciso dall’Isis.

    RispondiElimina
  57. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/16/raid-aereo-dellegitto-contro-le-postazioni-dellisis-in-libia/1094540/




    Commento


    .....almeno ora é ufficiale che l'Egitto interviene in Libia....un po' per ritorsione ma sopratutto per allentare la morsa ai confini/cercare di fermare le infiltrazioni....Non sono mica tutti pirla come noi italiani. L'Egitto con più attributi di questa povera Italia governata e popolata in maggioranza da viscidi cacasotto catto comunisti. Abbiamo toccato il fondo, le truppe cammellate dettano ordini a casa nostra e tutti a guardare, l'Africa ci sta invadendo e tutti ad aspettare l'Europa... L'Europa ci considera degli autentici incapaci imbecilli, insuperabili nella produzione di chiacchiere sterili.
    Il presidente egiziano Al Sisi - http://www.lastampa.it/2015/01/06/esteri/il-manifesto-antiisis-di-al-sisi-lislam-non-pu-odiare-tutti-3tv4EaLwL5IesFahJEbg7I/pagina.html - ha le idee molto chiare in quanto musulmano e ottimo conoscitore di quella genia di fondamentalisti, mentre in Ue i soliti capoccioni si rigirano i pollici e si grattano le.. ITALIA in testa, governo in testa. Forse aspettano che qualcuno levi loro le castagne dal fuoco? Che manica di smidollati: certi sommovimenti vanno bloccati sul nascere, non quando diventano più che temibili.
    Ottimo! Altro che intervento militare italiano, ma non scherziamo! Non sono bastate le lezioni di: Vietnam (USA), Afghanistan (URSS) Angola (Cuba), Somalia (USA/Italia), Afghanistan (USA+alleati), Iraq (Usa+alleati)? Armare i rivali come ai bei tempi della guerra Iran-Iraq, le industrie belliche italiane si fecero le palle d'oro a quei tempi, zero manifestazioni contro l'invio di truppe. Speriamo che non facciano sta cazzata! E bravi gli egiziani, in meno di 24 ore hanno tirato fuori le palle senza farsi pubblicità sui giornali o web. capito renzi? capito obama? non è che adesso vi viene in mente di bombardare l'egitto? sai com'è con questi sinistri non si sà mai cosa può passargli per la testa...Se ci fosse stato ancora Mohammed Morsi, i bombardamenti sarebbero stati a favore dell' ISIS e contro la Libia!Gli Yankees, a trattare con i boia dell'IS per "una soluzione politica", ci mandino quel cioccolatone, tal barackino Hussein. Tanto non lo decapitano... la testa l'ha infilata da tempo dove non batte mai il sole. Buffoni.
    E i benpensanti e politicamente corretti italiani ed europei parleranno di nuove crociate.

    RispondiElimina
  58. http://voxnews.info/2015/02/16/i-missili-di-assad-fanno-strage-di-miliziani-islamici-video/



    GRANDE ASSAD CHE FA CARNE DI PORCO DEI JIHADISTI MALEDETTI.....

    RispondiElimina

  59. http://www.terninrete.it/Notizie-di-Terni/giornata-della-memoria-celebra-solo-casapound-203095




    GIORNATA DELLA MEMORIA, CELEBRA SOLO CASAPOUND A TERNI.

      Adriano Lorenzoni

     

      lunedì 16 febbraio 2015 05:06

    Deposizione di una corona d'alloro in via vittime delle foibe

    Soltanto Casapound  ha celebrato  la Giornata della memoria attraverso la quale si vogliono  ricordare le migliaia di italiani vittime delle Foibe durante , e dopo,  la seconda guerra mondiale.
     " Una giornata sancita dalla legge n.92 del 30 marzo 2004, sottolinea Piergiorgio Bonomi, responsabile per Terni di Casapound ,  che, giusto per far sapere alle istituzioni ciò che già dovrebbero conoscere, afferma che  - La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale Giorno del ricordo al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale; nella giornata [...] sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado;  è altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende”.
    Casapound ha ricordato le vittime delle foibe con una marcia silenziosa che si è snodata  per le vie del centro città e si è conclusa in via Martiri delle foibe dove è stata deposta una corona d'alloro.
    “La nostra marcia , conclude  Bonomi ,  è stata una marcia silenziosa, senza simboli politici; solo fiaccole accese, bandiere dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia, davanti ad un grande striscione con scritto  - Onore ai martiri delle Foibe  ".
    Tutto si è svolto senza problemi sotto l'occhio di un ingente spiegamento di forze di polizia.

    RispondiElimina
  60. http://m.firenzetoday.it/politica/no-centro-casapound-quartiere-2.html



    LA COSTITUZIONE DEMOCRATICA TUTELA ESTESAMENTE ED ESPRESSAMENTE IL DIRITTO AD ESPRIMERSI. ....PURTROPPO ANCHE AI COMUNISTI/STALINISTI DEI GULAG OVE STERMINARONO MILIONI E MILIONI DI OPPOSITORI POLITICI E GENTE NORMALE E TUTTO QUESTO SENZA PIETÀ...!!!!!!!!!

    VIVA CASAPOUND...!!!!!

    RispondiElimina
  61. http://www.intelligonews.it/negazionismo-fusaro-faranno-di-loro-nuovi-giordano-bruno-metodi-nazi-fascisti-rischia-la-democrazia/



    Grazie a casapound che ci rappresenta degnamente

    RispondiElimina
  62. http://www.wallstreetitalia.com/wsi_mobile/articolo_mobile.aspx?art_id=1802944


    16/02/2015 21:58



    Lega: Salvini, è un governo di incapaci.


    Milano, 16 feb. (AdnKronos) - "Il governo Renzi è un governo di incapaci. Non di chiacchieroni, ma di incapaci". E' quanto afferma il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, che dai microfoni di Radio Padania ricorda la manifestazione promossa dal Carroccio per il 28 febbraio a Roma contro il premier Matteo Renzi. "Non può esserci un governo al cui interno -ha aggiunto- in una fase delicata come quella attuale con la Libia, uno dice una cosa, un altro ne dice un'altra e un altro ancora un'altra ancora. Se non fosse che stiamo vivendo una fase drammatica -ha concluso- tutto questo sarebbe veramente surreale".

    RispondiElimina
  63. http://www.mediapart.fr/journal/france/160215/le-lycee-musulman-averroes-un-symbole-au-coeur-de-la-polemique



    UN LICEO ISLAMICO IN TERRA FRANCESE E NEL QUALE SI EDUCA AD ESSERE ANTIFRANCESI,INTOLLERANTI ANTISEMITI ED ANTICRISTIANI.
    COMPLIMENTI AL GOVERNO HOLLANDE/VALLS CHE FA IL DOPPIO GIOCO PER GUADAGNARE IL DOPPIO. ED IL POPOLO DI SINISTRA FRANCESE SI STA FACENDO SUICIDARE SENZA REAGIRE..!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  64. IL COMUNE DI FIUMICINO HA PRESO LA GIUSTA DECISIONE DI USCIRE DAL FOLLE SISTEMA ""SPRAR""...PER ARRESTARE LA FOLLIA DI ACCOGLIERE ALL'INFINITO CHIUNQUE....



    http://www.ilfaroonline.it/2015/02/15/fiumicino/fiumicino-e-il-mistero-del-progetto-sprar-51386.html


     16-02-2015 00:30

    Fiumicino e il mistero del progetto Sprar.

    La maggioranza si divide sul Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. E intanto va avanti l'appalto per la nuova assegnazione dei locali.

    Il Faro on line - Prima gli italiani poi gli immigrati. Anzi, di più: fuori gli immigrati e spazio agli italiani.

    Detta così sembrerebbe una dichiarazione di Salvini, e invece è la motivazione alla base della decisione del Comune di Fiumicino - amministrazione di centrosinistra - di uscire dalla rete Sprar (il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

    Chiaramente se ci limitiamo a sentire la "pancia" della gente questa decisione è una di quelle che strappa gli applausi: troppa la disperazione tra la gente, troppa la rabbia nei confronti di uno Stato che non garantisce le condizioni minime di sopravvivenza alle famiglie, troppa l'impressione di essere "invasi" da orde di immigrati che inevitabilmente stressano i nostri sistemi di assistenza medica e sociale. Il discorso è molto complesso, e non è questa la sede per affrontarlo. Una guerra tra poveri, tra chi non ha casa e chi non ha patria.Piuttosto vale la pena sottolineare come questa decisione abbia provocato uno scossone all'interno della maggioranza di centrosinistra, con Sel (e non solo) che ha alzato le barricate oltre che in difesa dei richiedenti asilo politico anche per difendere le condizioni minime della democrazia, e cioè il dialogo interno alla stessa Amministrazione. "Riteniamo che la questione - hanno sottolineato alcuni consiglieri alla propria maggioranza - si sarebbe dovuta affrontare in altra maniera, sensibilizzando la commissione di riferimento prima e la maggioranza tutta poi, sulle necessità volte a risolvere la situazione dell’emergenza abitativa locale, discutendo di soluzioni e poste in bilancio per la definizione di tali problematiche ed estendendo la questione ai livelli istituzionali sovralocali. Si sarebbe potuta, per esempio, avviare una discussione politica seria, con l’ausilio di esperti del settore, sull’utilità del progetto Sprar, sull’attuale capacità di gestione della cooperativa presente nel centro il Fontanile e su altre opportunità di migliorare l’operatività del progetto. Solo come extrema ratio si sarebbe dovuta paventare l’uscita dal servizio Sprar, e comunque al termine di una serie di tentativi alternativi".L'argomento è talmente complesso che non è possibile nelle poche righe di un editoriale tirare in linea netta tra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, tra la ragione e il torto. Ma proprio per questo avrebbe meritato un maggior confronto, un'informazione più approfondita. Credo di non sbagliare se affermo che la gran parte della cittadinanza nemmeno sapesse dell'esistenza del progetto Sprar, né se dico che un confronto in Consiglio sarebbe stata la strada maestra prima di decidere cosa fare.
    A ciò aggiungiamo che - a questo punto - bisognerà stare ben attenti a chi affidare quella struttura per il nuovo progetto, a quali costi; controllare, in nome della trasparenza che dovrebbe essere alla base della famosa "casa di vetro", quanto è rimastro pubblico il bando di concorso per l'affidamento della struttura stessa, in che periodo dell'anno è stato fatto, con quali tempistiche una delibera si "collega" all'altra, se il bando è rimasto visibile oltre i 15 giorni di legge. Tutti parametri che non possono essere considerati di secondo piano; uno sbaglio di strategia può sempre accadere, il secondo però  sarebbe imperdonabile.

    RispondiElimina
  65. IO SONO DELUSO DA QUESTA DECISIONE DEI SALVINIANI E NON GLI DO PIÙ IL VOTO E PREFERISCO NON VOTARE...
    MI PIACEREBBE SAPERE COSA NE PENSA CASAPOUND DI QUESTA VOLTAGABBANATA INIZIATA CON TOSI FAVOREVOLE ALLE UNIONI DEI FROCI...????


    http://www.radiofn.eu/?p=1463#sthash.GaNVn3iN.dpbs


    Teramo, Noi con Salvini:”Favorevoli apertura centro islamico a Colleparco”


    Teramo 17 febbraio 2015

    Accade a Teramo: un gruppo di islamici chiede ed ottiene dal Comune l’affitto di locali da adibire a sede della loro “associazione culturale” e a “luogo di incontro e preghiera”, si tratta dell’ennesimo esempio di sottomissione alla sola “religione” praticata dai politicanti di ogni schieramento: il politicamente corretto laicista e anticristiano.
    Forza Nuova annuncia iniziative di protesta: “Non possiamo che reagire – dichiara il segretario provinciale Michele Fiorita – con preoccupazione e disappunto; c’è un chiaro allarme terrorismo in corso e la colonizzazione culturale che l’Italia e l’Europa subiscono non ammette deroghe di sorta”.
    Il coordinamento regionale dei salviniani abruzzesi, invece, partecipa all’inaugurazione e si inerpica su un impervio percorso logico-dialettico, fondato sul presunto differente livello di pericolosità, a loro dire, esistente tra centri di preghiera e moschee.
    Ecco il loro arzigogolato punto di vista: ” … noi del coordinamento regionale “Abruzzo con Salvini” non possiamo che essere in accordo con l’iniziativa, a salvaguardia del diritto di libera professione culturale e religiosa che mai deve essere negata a chi non nasconde dietro il velo della fede intenti ‘terroristici’.
    Tutt’altro sarebbe stato in caso di realizzazione di una moschea che troppo spesso, rappresenta anche un luogo di indottrinamento jihadista, poco coerente con la condivisione della fede”.

    “Ci piacerebbe sapere – replica l’esponente di Forza Nuova – di quali elementi inconfutabili dispongano i leghisti d’Abruzzo sul fatto che si reclutino jihadisti solo nelle moschee e non nei “centri di raccoglimento e preghiera” in cui si incontrano gli islamici con il beneplacito del Comune. La verità è che, al di là delle dichiarazioni di facciata, chi annaspa nelle contraddizioni del pensiero liberal-laicista, e i salviniani, come si vede, non fanno certo eccezione, non comprende quali siano i reali termini del problema: l’Italia è, sempre più, priva di riferimenti forti – alcuni uomini di Chiesa, in nome dell’integrazione, giungono al punto di benedire una religione dichiaratamente ostile alla nostra identità Romana e Cristiana – c’è una guerra dichiarataci dall’Isis e la nostra legittima difesa deve iniziare dalla chiusura, e dal divieto di ogni nuova apertura, sia di centri islamici che di moschee, entrambi già presenti purtroppo in gran numero sul territorio nazionale. Siamo in guerra – ha ribadito Fiorita – e Forza Nuova chiede provvedimenti eccezionali: ogni operazione di accoglienza va bloccata e centri islamici e moschee vanno chiusi per gravissimi motivi di ordine pubblico, il rischio di infiltrazioni jihadiste è troppo elevato, in caso di attentati, ogni miope odierna tolleranza si rivelerà obiettivamente complice degli assassinii di domani”.

    Forza Nuova Teramo
    Ufficio stampa

    Copyright ForzaNuova 2014

    - See more at: http://www.radiofn.eu/?p=1463#sthash.GaNVn3iN.dpuf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno l'analisi di Fiorita e mi aspetto che il popolo italiano postfascista tiri fuori le palle e prenda in mano le redini della situazione che diventa tragica. .....

      Elimina

  66. facciamo entrare 50 milioni di immigrati-cosi siamo minoranza, facciamo uno stato musulmano, ci facciamo crescere le barbe, distruggiamo le nostre chiese e mettiamo il burqa alle nostre signore e le facciamo ingrassare e vestire di nero. Poi ci prendiamo 3 mogli. Togliamo liberta di parola,distruggiamo tutto quel. che non è consono al corrano -eliminiamo ricerca scientiica, Ottiam idea-lo stanno già facendo.....

    RispondiElimina


  67. di sicuro se continua l'invasione per mare e la calata dei rom dal Nord Europa noi saremo costretti con le cattive di andarcene dall'Italia, su questo non ci piove. A piccoli passi ci stanno riuscendo, vuoi con le case occupate vuoi con la precedenza su tutto, gli invasori e zingari prima, non si può negare l'evidenza dei fatti. Ci dobbiamo coalizzare e fermare tutto.

    RispondiElimina



  68. Avanti così e sui barconi ci finiranno gli italiani! Per non sbarcare da nessuna parte perchè ovunque, ci sparerebbero a vista appena fossimo sotto tiro. Mica loro sono fessidioti come noi. O meglio, come i nostri, ottusi sinistri, le cui menti, accecate da schematici dogmi ideologici, supportati da altisonanti paroloni, quali integrazione e tolleranza, stanno mettendo a rischio l'intera nazione.

    RispondiElimina




  69. con una popolazione di 60 milioni di abitanti dovrebbe cavarsela da sola, solo che l'italia ha paura di fare andare in guerra i suoi pargoletti viziati, bimbi minchia disoccupati, ma vadano a combattere per la patria e morire per essa, e non aspettare che muoino gli americani al posto tuo, siamo una potenza, in grado di distruggere la libia, e se ci mandano barconi con 500 mila, si fa presto. ....si affondano......

    RispondiElimina




  70. affondare i barconi, questione di priorita' e sicurezza di stato, non possiamo farci ricattare,bombardiamo le coste in modo che non riescono neanche a organizzare le partenze di barconi già affondati, non avrebbero nemmeno più barconi se li distruggiamo prima, ma non hanno mai pensato di affondare tutti barconi, cosi sarebbe risolto tutto...

    RispondiElimina

  71. La colpa è dei falsi buonisti di casa nostra ( Vendola, Boldrini e compagnia bella ),che usano il buonismo, fregandosene di tutti quelli che muoiono in mare e speculando sulla loro pelle a fini elettorali.

    RispondiElimina




  72. Gheddafi. Saddam Hussein , dittatori che sapevano tenere a bada le tribù che compongono gli stati arabi L'occidente voleva esportare il proprio modello di democrazia e questi sono i risultati. Mi auguro che la lezione sia stata capita , almeno nel resto del mondo perché in Italia , con i politici che ci troviamo , penso proprio di no. Stanno a discutere cosa fare mentre ci invadono!!!! e pensano a mantenere zingari clandestini e a fare sposare le checché e le lesbicone tutti pervertiti sfascia famiglia....complimenti.....

    RispondiElimina




  73. Se voleva essere una provocazione è assai banale la minaccia dei 500mila ed in questo caso efficace potrebbe essere il motto

    "solo il napalm ci può salvare dalla mafia e dall'isis"

    RispondiElimina



  74. Siamo uno dei paesi più corrotti del mondo ! Solo la Mafia ci può salvare dall'ISIS !

    RispondiElimina
  75. Temo che gli straccioni dell'Isis arriveranno a Roma con gli aerei che si sono fregati in giro per il mondo....carichi di esplosivo.Speriamo che il primo obiettivo sia montecitorio.....eheheheheh

    Che sbarco vogliono pianificare questi 4 straccioni lerci pidocchiosi...?Vogliono sbarcare in Sicilia?Ci pensa la Mafia a metterli a posto.La Mafia non è lo stato.

    Affidiamo la sicurezza italiana anche alla Camorra...il Paese verrebbe ripulito in un attimo ...!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  76. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11757146/Isis--il-nuovo-orrore-.html


    17.2.2015

    MEDIOEVO ISLAMICO

    Isis, il nuovo orrore: mani amputate a 3 donne e frustate a 5 uomini perché usavano gli smartphone







    Commenti all'articolo


    esasperata49
    Purtroppo usarono la bomba atomica per fermare una guerra, forse ce se sarebbe ancora bisogno per fermare questi invasati!!!!


    cabass
    Beh, una volta tanto non hanno tutti i torti. In giro è pieno di pirla con questi aggeggi in mano mentre camminano o, peggio, guidano senza guardare dove vanno... Ok, il taglio della mano è eccessivo, ma almeno una multa ci vorrebbe.



    vaimo
    Ma sti' cosiddetti potenti del mondo,che cosa aspettano ad intervenire?Noi popolo,questo vogliamo!!


    carlo58
    mi è parso di udire qualcuno che chiede di fermarci per capire chi sono, per dialogare, per cercare una soluzione politica. mandiamoli sul post a ottenere le risposte. poi ci facciamo due risate. con quel che ci rimandano indietro. ................mazzate ci vogliono e anche tante. se sono al napalm è ancora meglio.

    RispondiElimina
  77. martedì 17 febbraio 2015 - 20:19

    Casapound, Xekalos (M5S) replica a Ceccarelli (PD): “Vietare la sede è anticostituzionale”.

    Firenze---
    Arianna Xekalos “Mi dispiace che ci sia ancora così tanta ottusità e soprattutto che ci sia ancora così tanta superficialità” afferma la Capogruppo del MoVimento 5 Stelle Arianna Xekalos. “Il M5S ha scelto di non votare la risoluzione con oggetto Casapound semplicemente perché noi siamo per i fatti e non per le parole”. “Il consigliere certamente saprà che non è con una risoluzione che si risolve il problema, né tanto meno è compito della politica risolverlo: ci sono le sedi apposite, i tribunali, per questo, ed è necessario e giusto che si attivino. Noi non possiamo sostituirci di certo alla magistratura, organo, ricordo, indipendente dagli altri, come sancisce la Costituzione”. “A proposito di Costituzione – continua Xekalos – faccio presente al consigliere, se non lo sa, che è incostituzionale la richiesta fatta nella risoluzione, di vietare a Casa Pound e alle associazioni ad essa riconducibili, l’accesso a spazi pubblici o a sedi istituzionali. Come vede, noi vogliamo davvero il rispetto della Costituzione..........................



    Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2015/02/17/casapound-xekalos-m5s-replica-a-ceccarelli-pd-vietare-la-sede-e-anticostituzionale/

    RispondiElimina
  78. La soluzione sarebbe quella di obbligare al coprifuoco notturno tutti gli zingari e clandestini pena 10 anni di lavoro forzato in caso di violazione e poi espulsione obbligatoria dall'Italia.



    http://www.loschermo.it/articoli/view/69855

    Contrasto alla criminalità: ad Altopascio una rete fra cittadini e forze dell'ordine grazie a WhatsApp

    17-02-2015 

    ALTOPASCIO (Lucca), 17 febbraio - Verrà istituzionalizzata a Altopascio la nuova idea di realizzare ronde “telefoniche” attraverso la creazione di gruppi che utilizzino l’applicazione WhatsApp, che permette di condividere con gli appartenenti al gruppo ogni comunicazione, nel momento in cui uno di essi la scrive. L’esperimento è stato sviluppato al Nord e piano piano sta trovando sempre nuovi estimatori.
    Ad Altopascio si prova a fare un passo avanti, ovvero incentivare questi gruppi e collegarli tutti con la polizia municipale. Un sistema che potrebbe essere rivoluzionario, perché amplierebbe a dismisura le informazioni a disposizione in tempo reale della polizia municipale, che ottimizzerebbe in questo modo le uscite sul territorio, scegliendo i luoghi oggetto di segnalazioni, e coordinando anche il ricorso alle altre forze dell’ordine, rendendo efficacissimo questo strumento. “Siamo certamente favorevoli a ogni collaborazione fra cittadini, in qualunque modo consentito dalla legge , per contrastare la criminalità- commenta il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti-. In questo senso abbiamo nel corso degli anni tentato anche di istituire delle ronde ufficiali, ma, nonostante una eccezionale affluenza ai primi corsi, ci fu di fatto vietato. Ora la tecnologia offre il modo di comunicare contemporaneamente a più persone e credo sia bene sfruttarlo. Di nostro ci aggiungiamo il collegamento con la polizia municipale, in modo da creare una grande rete fra cittadini e istituzione che possa in diretta monitorare il territorio. Potrebbe essere davvero la quadratura del cerchio che unisce risparmio a efficacia”.
    La situazione è allo studio sotto il profilo tecnico. Il numero che verrà scelto è quello attivo da anni della polizia municipale 335-8030440 e dal 1 marzo sarà possibile agganciarlo a qualunque gruppo su WhatsApp, diffusissimo e ormai installato su ogni smartphone.

    RispondiElimina
  79. http://www.barbadillo.it/36715-lintervista-il-sen-mantica-non-si-puo-fronteggiare-lisis-senza-russia-e-iran/

    L’intervista. Il sen. Mantica: “Non si può fronteggiare l’Isis senza Russia e Iran”

    Pubblicato il 17 febbraio 2015 da Fabrizio Ciannamea


    “Con L’Isis bisogna muoversi politicamente e culturalmente, riscoprire che il mondo mussulmano non è monolitico ma è anche piano di contraddizioni”. A parlare è Alfredo Mantica, per due volte sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri con il governo Berlusconi. “Bisogna – aggiunge – capire quali sono gli amici che ci servono realmente per combattere il nemico, e senza Russia ed Iran da lì non se ne viene fuori.”

    Che cos’è l’Isis o Stato Islamico?

    “L’Isis è un fenomeno nuovo che si innesta sul radicalismo islamico, superando Al Qaeda. E’ la prima volta che dei radicali islamici coniugano il concetto di territorio, creando uno Stato nel quale vige la loro legge e la Umma sunnita. E tutti coloro che sono al di fuori di questo mondo: dagli sciiti ai cristiani sono ritenuti apostati e vanno, secondo il loro giudizio, perseguiti e condannati. Nel concetto del territorio i fondamentalisti dell’Isis riprendono quella che fu la grande conquista araba e islamica del 600 e i grandi califfati. Tuttavia quella dello Stato Islamico è un ipotesi che ha un senso politico e, sebbene condanniamo sia i contenuti che le modalità con cui agiscono, bisogna capire che non sono quattro terroristi cialtroni, ma è gente con un’idea, folle, ma pur sempre un’idea e questo li rende pericolosi. E non bisogna combatterli non con i classici metodi del terrorismo perché questo non è più un problema che riguarda il Ministero degli Interni e la Polizia ma è un problema di sicurezza nazionale: è una guerra”.

    Cosa dovrebbe fare l’Europa per arginare l’espansione non solo militare ma anche politica dello Stato Islamico?

    “Non sono per lo scontro di civiltà, nonostante le mie affermazione sull’Isis. Tuttavia bisognerebbe conoscere e capire il mondo islamico, prima di parlarne. Noi prima di tutto abbiamo trasformato la libertà in libertinismo, e questo è avvenuto in qualsiasi settore. Noi per primi dobbiamo darci una regolata. Nessuno ovviamente può accettare che si faccia fuori la redazione di Charlie Hebdo se pubblicano delle vignette, ma c’è un limite a tutto: non si può infatti offendere un mondo che ( come quello islamico e cristiano) crede in Dio e in valori religiosi”.

    L’intervento armato di una eventuale coalizione occidentale che effetti creerebbe?

    “Da solo non risolve assolutamente niente. È un problema politico e di uno scontro tra la civiltà moderna ed una religione, quella di Maometto, che è molto ancorata alla realtà beduina del 600. Bisogna smetterla, però, di essere alleati con quelli che ci vendono il petrolio e poi finanziano i wahhabiti e gli estremisti radicali per il mondo. Inoltre bisogna cominciare a pensare che, per ora, sciiti kamikaze non se ne sono visti e, forse, questa mania tutta occidentale di considerare i sunniti moderati e gli sciiti estremisti andrebbe un attimo rivista. Forse l’Iran non è questo mostro spaventoso che ci vogliono far credere se lo rapportiamo ai comportamenti sauditi o qatarioti. Combattere e vincere una guerra contro l’Isis non significa assolutamente niente. Certo, in una grande azione politica, anche la guerra e le azioni militare se finalizzate ad uno scopo hanno un loro senso; “ se parlano male della mia mamma, gli do un pugno”. Però bisogna convincere a non parlare più male della mia mamma. Forse rivendicando i valori cristiani e le radici europee e sedendosi a un tavolo, ognuno con le proprie idee, si può cercare e trovare una linea politica per convivere. Credo, inoltre, che la debolezza del mondo occidentale abbia portato alla perdita di una strategia e di una grande politica di fronte ai grandi cambiamenti del mondo. Il mondo va capito se no continuiamo a sbagliare”.

    ..........................CONTINUA.................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è bisogno del parere ONU per fermare queste bestie? Come si fa a dire che occorre esercitare prima l'azione diplomatica.

      Elimina
    2. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/18/esposto-contro-renzi-e-alfano-favoriscono-limmigrazione/1095705/




      Non solo favoreggiamento di immigrazione clandestina ma anche "favoreggiamento al terrorismo". Chiediamo i danni!!!

      Se si pensa che è molto probabile se non sicuro che dietro ogni sbarco di clandestini si nascondono centinaia di terroristi, un'azione contro il Governo che agevola gli sbarchi è più che appropriata. Questi scemi stanno consentendo all'isis di mettere in Italia molte migliaia di loro uomini!!! In pratica ci stiamo mettendo il nemico in casa.

      Salvini e Meloni sono i Giovani, Capaci ed Onesti, che VOGLIAMO alla guida del Paese! A prescindere dai colori politici appartenenti, hanno le IDEE CHIARE e soprattutto IDONEE per risolvere la maggior parte dei problemi Italiani. Primo fra tutti, ELIMINARE la CLANDESTINITA' e le INVASIONI da parte degli extracomunitari e dei comunitari dall'est. Gli altri politici, TUTTI gli altri politici, NON SERVONO AFFATTO e sene devono andare!

      Renzi non é Nerone......non sará ricordato nei libri di storia !!

      Io lo dico da sempre,, sono i due politici attuale che possono aggiustare questo paese, gli Italiani se né debbano convingere ,, che aspettano che renzi e compani ci affondano. Noi pure dobbiamo aiutarli, a convingere gli Italiani,, che non c'é un'altra alternativa, a Salvini e Meloni,, che si convincano, e che diavolo..!!!!!!!!

      Elimina
  80. http://www.barbadillo.it/36083-politiche-salvini-a-roma-sovranisti-bloc-identitaire-pegida/


    Politiche. Salvini a Roma con i giovani sovranisti più Bloc Identitaire e Pegida

    8 febbraio 2015

    Nuovi particolari sull’evento del 28 febbraio a Roma, nel quale verrà lanciato “Noi con Salvini”, il raggruppamento che dovrà raccogliere nel centro-sud il consenso attorno alla figura del leader carismatico della Lega Nord.
    Alle 9 e 30 del mattino i militanti potranno partecipare all’evento “Mille Patrie per l’Italia”, con Salvini, altri esponenti della Lega, il direttore del Talebano, Fabrizio Fratus, ormai candidato ad essere organo di riferimento per la “cosa salviniana”.
    Interessante anche la partecipazione del Bloc Identitaire, un movimento regionalista francese che si ispira alla Nouvelle Droite, che si contende i consensi con l’FN in alcune parti della Francia. Un connubio interessante anche perché nei simboli e nelle argomentazioni, il Bloc Identitaire è molto simile a una destra stile Campo Hobbit.
    Un partito molto simile alla Lega Nord, che infatti è richiamata dal sito bloc-identitaire.com, che indica le camicie verdi come “un partito federalista e autonomista che difende gli interessi delle province della Padania. Le sue posizioni però non le hanno impedito di guadagnare consenso anche nel resto dell’Italia”.
    Non c’è che dire, Matteo Salvini la sua partita la sta giocando a 360° ed è ormai riuscito ad intestarsi il rapporto italiano con tutta la destra francese.
    Nelle ultime ore è filtrata l’indiscrezione dell’adesione anche dei tedeschi di Pegida alla manifestazione romana.

    RispondiElimina
  81. MI PIACEREBBE SAPERE COME HA VOTATO LEGA NORD NELLA RATIFICA DI QUESTA CONVENZIONE EUROPEA ANTICRISTIANA...????????


    http://www.intelligonews.it/per-giovanardi-la-sottomissione-e-quella-cristiana-della-moglie-al-marito-e-si-scaglia-contro-la-kafala/


    18 Feb 2015

    Per Carlo Giovanardi la sottomissione è solo quella cristiana della moglie al marito.

    Siamo affrontando la difficile questione libica, e il senatore di Ncd (Ap) se la prende con “il Senato che si appresta a confermare il voto della Camera di Ratifica della Convenzione dell’Aja del 1996 che introduce la Kafala nel nostro ordinamento. La Kafala è un istituto vigente negli stati islamici che non ammettono l’adozione, ma solo l’affido dei minori abbandonati o comunque bisognosi di assistenza a condizione che la famiglia accogliente sia musulmana o accetti di diventarlo”.
    Il punto è proprio che in questo momento storico “è davvero singolare un atto di sottomissione del nostro Paese a questo diktat che costringerebbe le coppie affidatarie ad una conversione obbligata in evidente contrasto con il diritto di professare liberamente la propria Fede, sancito dall’art. 19 della Costituzione nonché il principio costituzionalmente garantito e affermato anche a livello comunitario del divieto di discriminazioni fondate sulla religione di appartenenza”.
    E a questo punto ecco la proposta: “Il Senato deve responsabilmente sospendere la Ratifica della Convenzione o introdurre nel disegno di legge di conversione un esplicito richiamo ai principi sanciti dall’art. 19 della Costituzione, prevedendo che la competente autorità italiana, nell’effettuare le necessarie valutazioni in merito alle proposte di affidamento e di assistenza legale del minore, accerti, fra l’altro, che siano rispettati i principi sanciti dall’art. 19 della Costituzione italiana.

    RispondiElimina
  82. http://it.m.wikipedia.org/wiki/Kafala




    CONTINUA LA ISLAMIZZAZIONE TOTALE DELL'EUROPA CON L'INTERVENTO RISOLUTIVO DI UNA MAGISTRATURA ITALIANA SOTTOMESSA PER PAVIDITA' AL CORANO ANTICRISTIANO. COSÌ SI REALIZZERÀ IL GENOCIDIO DEI CRISTIANI CHE SARANNO SOSTITUITI DA MUSSULMANI NEL POTERE POLITICO ECONOMICO GLOBALE. CON IL BENEPLACIDO DI BERGOGLIO CHE COSÌ PIANO PIANO DIVENTERÀ FORSE IMAM DEL VATICANO E TUTTE LE CHIESE CRISTIANE SARANNO TRASFORMATE IN MOSCHEE OVE METTERSI A 90° PER SOTTOMETTERSI AL VOLERE DI MAOMETTO. UNA BELLA PROSPETTIVA. ....NON C'È CHE DIRE...

    RispondiElimina
  83. MUSSULMANI SÌ ADDESTRANO DA GIOVANISSIMI ALLA GUERRA DI CONQUISTA.
    NEL FRATTEMPO I NOSTRI GIOVANI VENGONO EDUCATI ALLA SOTTOMISSIONE GENDER DA FUTURI SCHIAVI DEI CORANICI.




    http://www.intelligonews.it/isis-i-tagliatori-di-gole-dalla-libia-puntano-al-califfato-del-marocco/


    Isis, i tagliatori di gole dalla Libia puntano al Califfato del Marocco

    18 Feb 2015

    Dalla Libia al Marocco. E’ l’obiettivo dell’Is che corre sui social network. L’annuncio arriva via Facebook dal jihadista marocchino Mohamed Hamdush, noto come ‘il tagliatore di teste’.Proprio dal suo profilo Fb ha minacciato di attaccare il Marocco, suo Paese d’origine, e di fondare nel regno un Califfato islamico. “Torneremo nel Maghreb islamico da conquistatori, con il permesso di Dio”, si legge sulla pagina di Hamdush, che milita tra le fila dello Stato islamico (Is) in Siria ed è noto per essersi fatto fotografare più volte con le teste mozzate delle vittime di turno.
    Un messaggio inquietante: “Torneremo ed entreremo dalla porta come conquistatori, ma senza passaporti né carte d’identità”, aggiunge il 28enne originario di Fnideq, nell’estremo nord del Marocco. Hamdush, noto anche come Kokito, è sposato con una ragazza spagnola di nome Asia. La giovane, che ha lasciato l’Europa per raggiungerlo in Siria, ha ricevuto come dote per le nozze una cintura esplosiva da 100 dollari.

    RispondiElimina

  84.   http://www.secoloditalia.it/2015/02/auguri-garbatella-95-anni-fa-nasceva-gioiello-edilizia-popolare-fascista/


    Auguri Garbatella! 95 anni fa nasceva un gioiello di edilizia popolare fascista

    ANTONELLA AMBROSIONI

     18/02/2015


    Buon Compleanno Garbatella!

    Fu il 18 Febbraio del 1920 – 95 anni fa – che venne deposta la prima pietra da Vittorio Emaniuele III di uno dei quartieri popolari costruiti durante il fascismo che gode attualmente di un alto indice di gradimento da parte di urbanisti ed architetti. 
    Fondata grazie al sogno architettonico ispirato alle “Città Giardino”, oggi osservato e studiato in tutto il mondo.
    Esperimento eccezionale di edilizia popolare, recentemente promossa a rione al pari delle zone più antiche del centro storico, si contraddistingue per la dimensione a misura d’uomo delle case immerse nel verde dei giardini e coronate da logge, balconcini e comignoli dalle forme fantasiose in stile barocco, concezione razionale degli spazi. Cuore della romanità di un tempo, la Garbatella mantiene intatto il fascino originario grazie ad una dimensione sospesa e raccolta. Il quartiere come pochi altri nella Capitale seppe coniugare edilizia popolare, costi ridotti e qualità: un mix purtroppo introvabile nelle periferie concepite dagli scellerati piani urbanistici del dopoguerra. Era caratterizzata da villini e palazzine divisi in lotti e strutturati, almeno nel nucleo storico, in tre piani al massimo, strade larghe, con grande cura per i dettagli. 
    La Garbatella rivitalizzò un’area allora semidisabitata e coperta da vigne e pascoli, la cui unica costruzione degna di menzione poteva dirsi la Basilica di San Paolo fuori le Mura. Oggi è un quartiere totalmente 
    rivalutato, a partire dal costo degli immobili. Un gioiello di edilizia popolare, pensata da chi aveva a cuiore anche la qualità della vita. Niente a che vedere con i moderni “alveari” anonimi. Per fortuna qualcuno le ha fatto gli auguri, come Andrea De Priamo che per primo in rete si è ricordato del suo anniversario. E per fortuna, grazie agli abitanti del quartiere qualche iniziativa è in cantiere. Proprio in piazza Brin, il concerto della banda della polizia locale di Roma Capitale è in programma il premio “Nonna Garbatella” dedicato alle nonne del quartiere, condito da musica live. E domenica, alle 11, al Teatro Palladium, una mostra sulle radio d’epoca.

    RispondiElimina
  85. http://www.secoloditalia.it/2015/02/fonti-britanniche-lisis-usera-i-barconi-per-portare-il-caos-nel-sud-delleuropa/

    RispondiElimina
  86. http://www.secoloditalia.it/2015/02/i-quotidiani-18-febbraio-visti-destra-dieci-articoli-non-perdere/

    RispondiElimina
  87. http://voxnews.info/2015/02/18/facebook-censura-il-termine-zingaro-vox-bloccato-30-ore/


    Ho chiesto in giro ma nessun italiano conosce uno ZINGARO che faccia un lavoro onesto.
    Oltre che ZINGARI sono anche asociali e criminali forever. Per quanto riguarda FACEBOOK non vi sono registrato e non mi manca perché è una piattaforma anticristiana ed antioccidentale e filo isis e filo pervertiti. ....

    ZINGARO
    ZINGARO
    ZINGARO

    RispondiElimina
  88. http://voxnews.info/2015/02/18/isis-impone-il-doppio-velo-occhi-non-siano-esposti/


    Imporrei il burqa in Italia a tutte le racchione come la Bindi la rame e Vladimiro guadagno etc etc etc

    RispondiElimina
  89. http://voxnews.info/2015/02/18/il-profugo-tipo-che-sbarca-uomo-carcerato-e-malato/


    Grazie ai catto-comunisti capitanati da Bergoglio...

    RispondiElimina
  90. http://voxnews.info/2015/02/18/gentiloni-si-arrende-ad-isis-non-sono-un-crociato/



    Cagasotto del piffero. .....che vergogna nazionale..!!!!

    RispondiElimina
  91. http://voxnews.info/2015/02/18/napolitano-senza-vergogna-sulla-libia-facciamo-come-nel-2011/

    RispondiElimina
  92. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/18/vicenza-i-costi-dellobitorio-per-il-bandito-ucciso-saranno-a-carico-del-comune/1095628/


    18 Febbraio 2015

    Vicenza, i costi dell'obitorio per il bandito ucciso saranno a carico del comune.
    Polemica sulla fattura di 300 euro recapitata al comune di Nanto. Il sindaco non ci sta: "Ci toccherà pagare, ma è una decisione ingiusta"

    Ivan Francese





    Commenti

    little hawks
    Le famiglie rom da cui provenivano quei signori incappucciati dove abitano? Recapitate lì la fattura.



    alby118
    Anche da morti rubano soldi ai cittadini !!!!



    giosafat
    L'obitorio recapita...il Comune respinge. Indirizzo e nomi dei congiunti del defunto sono noti, si bussi là. Se 'non è giusto' non capisco perchè si debba ottemperare.



    thunder
    Buffoni!!!!



    sbrigati
    Visto e considerato che di parenti ne ha, paghino loro!



    carpa1
    Ma come, non è morto sul "lavoro"? Avrà pure messo da parte qualche risparmio nel corso della sua vita "lavorativa"! Vuoi vedere che riuscirà anche a farsi pagare il funerale?



    accanove
    abitava ad Ormelle, la sua famiglia sostiene di essere veneta nativa ha pure richiesto i danni, ha quindi un indirizzo ed un recapito come minimo legale conosciuto mandatela la.



    ohm
    ma non continuano a dire che sono rom italiani ? QUINDI COEM ITALIANI DEVONO OSSERVARE LE LEGGI ITALIANE E QUINDI ESSENDO IL MORTO DI LORO PROPRIETA' CHE PAGHINIO E CHE ROMPANO ANCORA LE PALLE CON QUESTA STORIA....IL LORO CARO ESTINTO SE L'E' CERCATA...DOVEVA METTERE IN CONTO CHE NON TUTTI GLI ITALIANI SI GIRANO DALL'ALTRA PARTE.. CI SONO ANCHE QUELLI COME ME E COME STACCHHO CHE GUARDANO OSSERVAON ED AGISCONO...CHIARO NO?



    florio
    Un paese allo sfascio completo, in mano a giudici politicizzati, il cittadino italiano è lasciato solo senza alcuna protezione, si difendono e proteggono solo i delinquenti. In qualsiasi altro paese normale a Stacchio gli avrebbero conferito una medaglia al coraggio. Ma in questo paese ridicolo, la logica e la ragione sono state stata rinchiuse e abolite!



    leserin
    Siamo proprio un paese di buffoni. Devono pagare i familiari. E solo poi, se il benzinaio dovesse risultare colpevole - il che non è assolutamente vero - dovrebbe essere chiamato a risarcire il funerale. Se paga il Comune, hai voglia poi ottenere il rimborso di quanto anticipato.

    RispondiElimina
  93. Le istanze di Casapound o Forzanuova sono di tipo patriottico identitario e compattante e quindi vanno sostenute e apprezzate come farebbe qualunque padre di famiglia normale e intelligente.

    RispondiElimina
  94. http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/Home/1059850_bassano_sfregio_e_insulti_ai_martiri_delle_foibe/?refresh_ce#scroll=961


    mercoledì, 18 febbraio 2015

    Bassano, sfregio e insulti ai Martiri delle foibe.
    Sull'asfalto scritte contro “fascio” e Lega. Fn: «Pronti a querelare». La condanna del sindaco: «Non sanno nulla di quelle sofferenze»

    BASSANO. Vilipendio ai Martiri delle Foibe. La corona di alloro dedicata alle vittime dei massacri in Venezia Giulia e Dalmazia è stata rimossa da via Martiri delle Foibe e gettata per strada, a un chilometro di distanza. Come segnala la sezione bassanese di Forza Nuova, l'episodio è accaduto la notte successiva alla commemorazione per il Giorno del Ricordo. «La polizia ha ritrovato la corona di fiori abbandonata sul ciglio della strada in via Cristoforo Colombo, all'altezza del cinema Metropolis - racconta il coordinatore bassanese di Forza Nuova, Gianluca Pietrosante - Come sezione, esprimiamo il più totale sdegno e sgomento per questi vili e disonorevoli atti vandalici». I vandali non hanno preso di mira soltanto la corona di alloro. Bombolette alla mano, hanno lasciato sull'asfalto alcune scritte, in nero, di chiara connotazione politica. Questi i toni: “Fascio infame, Lega pure”, “Lega nelle foibe”. (...)................





    COMMENTO

    Ideologia veleno degli idioti. Atti indegni, fatti da persone indegne! Non altro da aggiungere. I comunisti sono e rimangono assassini di masse e riduzione in schiavitù il popolo e solo miseria e morte hanno fatto nel mondo vergognatevi , siete pure gran ignoranti perchè la maggioranza dei martiri delle foibe non erano fascisti , solo schifosa crudele pulizia etnica comunista voluta dal maiale dittatore Tito. Pochi giorni fa, il 10 febbraio, sono stati commemorati gli italiani morti nelle foibe, donne, uomini, bambini, spesso gettati vivi, legati l'uno all'altro, dentro quelle voragini carsiche. Più di 10.000 persone furono ammazzate dai comunisti di Tito, in parte fucilati nelle loro case, per le strade delle loro città, torturati a morte, altre migliaia furono infoibate. Questo scempio avvenne dal 1943 al 1947, a guerra già finita. Trieste fu l'unica città italiana che visse la liberazione come un incubo perché per 40 giorni le squadre titine imperversarono torturando, uccidendo, deportando migliaia di cittadini innocenti. Questo eccidio, insieme alla pulizia etnica dell'Istria e della Dalmazia che dovevano diventare slave e comuniste, è passato sotto silenzio, un silenzio inaudito di cui la storia dovrà rendere conto. Soltanto il 10 febbraio 2005, 50 anni dopo la tragedia, il Parlamento italiano di maggioranza di centrodestra ha dedicato la Giornata del Ricordo ai morti nelle foibe, un riconoscimento contestato vergognosamente dalla sinistra italiana. Tra quelli che hanno firmato contro, ecco alcuni nomi eccellenti: Armando Cossutta, Oliviero Diliberto, Giuliano Pisapia, Marco Rizzo, Nichi Vendola!!! Questi firmatari del NO ed altre decine di scellerati dell'opposizione di quegli anni non volevano che l'eccidio comunista fosse ricordato, ritenendo i morti delle foibe indegni perché scacciati da un regime comunista quindi, secondo loro, fascisti, quindi... sempre secondo loro... punibili con la morte e l'esilio. Ogni anno i sinistri rifiutano di partecipare alla Giornata del Ricordo delle foibe, ogni anno i nullafacenti teppisti dei centri sociali cercano di disturbare le manifestazioni. Quest'anno sono andati a gettare bombe carta a Trento. E adesso si aggiunge anche l'episodio di Bassano. Eccoli,i poveri imbecilli di sinistra. Quelli che invocano sempre rispetto e tolleranza, ma solo per quel che riguarda loro. Quanto al resto, sono i primi violenti, i primi provocatori e i primi razzisti. Ipocriti e teste di cazzo.Sarà forse qualche immigrato dei balcani che ci definisce "mangiarane ".

    RispondiElimina
  95.  
    http://www.genovapost.com/mobile/Genova/Cronaca/Studenti-e-Consiglio-Regionale-83638.aspx


    18 FEBBRAIO 2015

    Studenti e Consiglio Regionale commemorano la tragedia delle Foibe

    Genova - Domani alle ore 15,30, nella la sala Auditorium dell'Acquario di Genova, il Consiglio regionale celebra il Giorno del ricordo. Tra i protagonisti, gli studenti delle scuole superiori provenienti da ogni parte della Liguria, che con i loro elaborati hanno vinto il concorso "Il sacrificio degli Italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i diritti dei popoli", giunto alla quattordicesima edizione. La cerimonia sarà aperta dal Presidente dell'Assemblea legislativa, Michele Boffa.
    Gli studenti, che saranno premiati ufficialmente durante la cerimonia di commemorazione, parteciperanno in primavera al viaggio nei luoghi dove si consumò il dramma della popolazione Giuliano Dalmata negli ultimi mesi dell'ultima guerra mondiale e nel periodo immediatamente successivo. Migliaia di uomini e donne di lingua e cultura italiana, che erano nati e cresciuti in quelle terre, furono perseguitati: molti di loro furono scaraventati nelle foibe, profondi crepacci nel terreno, dove trovarono una morte atroce. Altri furono costretti ad un doloroso esodo verso l'Italia svuotando intere città.
    Durante la manifestazione verrà assegnato il premio "Ernesto Bruno Valenziano", istituito dall'A.N.V.G.D (Associazione Venezia Giulia Dalmazia) che quest'anno viene attribuito al cantautore Simone Cristicchi, autore di "Magazzino 18", una rappresentazione punteggiata da musica e brani. Magazzino 18 è un luogo reale, situato nel porto di Trieste, dove ancora sono conservati oggetti - tristi testimonianze - appartenenti agli italiani costretti all'esodo.
    Il prefetto di Genova, Fiamma Spena consegnerà i riconoscimenti, in onore delle vittime delle foibe, conferiti dal Presidente della Repubblica, in virtù dell'articolo 3 della legge nazionale 92 sull'istituzione del «Giorno del ricordo».
    Il concorso per i ragazzi e la commemorazione ufficiale del giorno del Ricordo voluta dall'Assemblea consiliare ligure, sono previste dalla legge regionale 24 dicembre 2004 numero 29 "Attività della Regione Liguria per l'affermazione dei valori della memoria del Martirio e dell'Esodo dei Giuliano Dalmati", approvata all'unanimità dal Consiglio regionale. 
    Dopo l'intervento del presidente Boffa e il saluto di un rappresentante della giunta, interverranno i rappresentanti dell'A.N.V.G.D ligure e nazionale. Tra gli altri: Claudio Eva, presidente del Comitato Provinciale di Genova; Fulvio Mohoratz, delegato per la Liguria della Presidenza Nazionale, membro del Consiglio Nazionale e Assessore alla Cultura del Libero Comune di Fiume in Esilio; Emerico Radmann, vicepresidente del Comitato Provinciale di Genova, e Assessore all'Assistenza, Alloggi e Beni Abbandonati del Libero Comune di Fiume in Esilio. Le loro testimonianze consentiranno un approfondimento della vicenda giuliano-dalmata. 

    RispondiElimina
  96. http://m.milanotoday.it/politica/foibe-sacristani-zona-3-mozione-regione.html



    RispondiElimina
  97. http://www.ilfaroonline.it/2015/02/16/ostia/foibe-casapound-ennesima-promessa-disattesa-delle-istituzioni-nessuna-targa-51399.html



     17-02-2015 h. 12:00

    Foibe, CasaPound: "Ennesima promessa disattesa delle istituzioni, nessuna targa"

    Marsella: "Questa mattina al villaggio dalmata-giuliano non si è presentato nessuno per l'apposizione della targa" 

    Il Faro on line - "Avevamo raccolto l'invito dell'opposizione del X Municipio ed eravamo presenti ad Acilia per l'annunciata installazione di una targa in memoria della tragedia delle foibe, ma ci siamo trovati di fronte all'ennesima promessa disattesa delle istituzioni". Lo ha dichiarato in una nota Luca Marsella, responsabile di CasaPound Italia sul litorale romano. "Anche quest'anno - ha continuato Marsella -l'unica inizativa nel Giorno del Ricordo, riconosciuto da una legge nazionale, è stata la nostra deposizione di un mazzo di fiori ad Ostia e ad Acilia alla quale non ha partecipato nessun rappresentante istituzionale. Nonostante le promesse dell'anno passato, nonostante l'assenza di iniziative ufficiali il 10 Febbraio e nonostante le dichiarazioni dei consiglieri di Forza Italia e Fratelli d'Italia, questa mattina al villaggio dalmata-giuliano non si è presentato nessuno per l'apposizione della targa." 
    "Troviamo vergognosa la speculazione su una tragedia che ha riguardato migliaia di italiani ed invitiamo l'amministrazione e ancora di più il centrodestra ad evitare di strumentalizzare un dramma così importante, che evidentemente non è sentito realmente, per fini politici. Constatata l'incapacità di tutti i consiglieri di questo municipio, il prossimo anno ci faremo noi carico di ricordare degnamente questa pagina di storia in un luogo così simbolico come il quartiere dove si rifugiarono parte degli esuli di quelle terre. Quello che stamattina resta in Piazza Segantini in ricordo delle foibe - ha concluso Marsella - è il mazzo di fiori che noi abbiamo deposto il 10 febbraio"

    RispondiElimina
  98. http://www.ternioggi.it/terni-casapound-menzogne-di-rete-antifascista-nostro-militante-aggredito-ma-nessun-coltello-47778



    RispondiElimina
  99. LO DOVREMMO CACCIARE ALL'ESTERO STO TIPO....


    http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/277100

    Wednesday, February 18, 2015


    Gentiloni chiede aiuto alla UE per prelevare piu’ clandestini

    Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Paolo Gentiloni, ha inviato all’Unione Europea una lettera per sollecitare un maggiore impegno sull’emergenza in corso nel Mediterraneo. Lo riferisce la Farnesina una nota.
    La lettera è indirizzata all’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini, al vice presidente della Commissione Europea Frans Timmermans e agli altri sei Commissari che il prossimo 4 marzo si riuniranno per discutere di immigrazione.
    Dopo aver richiamato “il senso di sgomento e frustrazione largamente diffuso in Italia, tanto nell’opinione pubblica quanto in Parlamento, per il ripetersi di un nuovo tragico incidente di immani proporzioni al largo delle coste di Lampedusa”, il Ministro Gentiloni sottolinea nella lettera “la complessità di un fenomeno – quello migratorio – che non accenna a diminuire di intensità; al contrario i salvataggi dall’inizio dell’anno alla giornata odierna sono in crescita del 58,8% rispetto al 2014“. Quindi “è più che mai necessario che l’Ue risponda in maniera adeguata, incrementando solidarietà e condivisione di responsabilità a livello europeo”.
    “L’Italia – prosegue ancora il Ministro – considera il recente avvio, lo scorso 1 novembre, dell’Operazione “Triton”, un primo passo nella giusta direzione. Nondimeno, riteniamo che l’Unione Europea debba fare di più in termini finanziari e di concreta disponibilità di mezzi aeronavali”.
    “L’urgenza delle nuove sfide – aggiunge Gentiloni, come riporta la nota – ci impone, come insieme abbiamo affermato a Roma lo scorso 27 novembre in occasione della riunione congiunta dei Ministri degli Esteri e dell’Interno dei Paesi Ue, di mettere la questione in cima all’agenda europea”. Infine, sottolinea il Ministro, “l’Italia è pienamente disponibile ad apportare il proprio contributo a questa riflessione e a mettere a fattor comune tutta la propria esperienza”.

     


    fonte: http://www.imolaoggi.it/2015/02/16/gentiloni-chiede-aiuto-alla-ue-per-prelevare-piu-clandestini/


    RispondiElimina
  100. http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/277068


    Wednesday, 18 February 2015


    Libri: “Mussolini e l’Alto Adige” di Maurizio Ferrandi

    (ANSA) – BOLZANO, – “Mussolini e l’Alto Adige.
    Fantasmi e stelle alpine” è il libro del giornalista bolzanino Maurizio Ferrandi, che è stato presentato al Centro Trevi di Bolzano il 13 c.m.
    È un Benito Mussolini dal volto cupo e scavato, quello che, rannicchiato sul fondo di un camion tedesco, nel pomeriggio del 27 aprile 1945, abbandonati gli ultimi fedelissimi in camicia nera, tenta una fuga impossibile. La meta, lontana,quasi irraggiungibile è Merano. Un nome, un luogo che evoca altri tempi ed altre vicende. Mussolini giovane e ardente socialista, che in una domenica di marzo del 1907, sale da Trento per scontrarsi, in una sorta di duello oratorio, con il campione dei cattolici trentini, quell’Alcide de Gasperi che ora, mentre il Duce corre incontro al suo destino di morte, siede a Roma tra i leaders della fragile Italia postbellica.
    Tra questi due momenti, legati entrambi ad un identico scenario, si compie il lungo e complesso rapporto tra Benito Mussolini e l’Alto Adige. Dall’approccio tumultuoso con le rivolte operaie d’inizio secolo, alle prime analisi sulla questione nazionale, dal grande rivolgimento degli anni di guerra, alla saldatura tra la spinta eversiva del fascismo e il credo nazionalista che predica l’italianizzazione forzata di tutte le terre sino al confine naturale del displuvio alpino.
    C’è poi il Mussolini Duce del fascismo che sperimenta sul terreno altoatesino le lezioni imparate nei decenni passati e sul confine del Brennero conquistato si scontra con la tenace resistenza dei sudtirolesi e s’incontra con l’amico, alleato, padrone: Adolf Hitler.
    È una storia i cui tempi sono scanditi dal passaggio dei treni che portano i dittatori verso i trionfi di massa sull’asse Roma Berlino, verso il consenso, spontaneo quanto organizzato, delle popolazioni locali. Treni che passano veloci o che si fermano in una stazione come quella di Bolzano, dove Mussolini riceve, nel 1935, come dono d’addio al termine del suo soggiorno altoatesino l’omaggio di ben seimila stelle alpine. Dagli stessi binari pochi anni dopo, partono i treni con gli optanti sudtirolesi costretti a scegliere tra terra e identità.
    La storia, però, non finisce, come logica vorrebbe, in quell’aprile del 1945, con quel viaggio impossibile verso Merano. Troppo forti e complessi i legami tra la figura del Duce e la terra dove il fascismo ha messo in atto uno dei suoi tentativi più brutali e radicali di cambiare con la forza la realtà delle cose. Tornano così i fantasmi di un tempo, fantasmi di carta, fantasmi di marmo che ancor oggi vengono a fatica esorcizzati, fra le tensioni create dagli opposti nazionalismi.
    (ANSA.

    RispondiElimina
  101. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/18/rischio-barconi-pieni-di-terroristi-diretti-verso-litalia-ma-i-servizi-segreti-minimizzano/1095785/



    BUFFONI TRADITORI VENDUTI AI JIHADISTI.....

    RispondiElimina
  102. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11757968/Cosenza--il-Pd--vieta.html



    18.2.2015



    Commento:

    pavidi e vigliacchetti. In questo modo si comportavano i tedeschi quando , agli albori del Nazismo, per paura e amore di quieto vivere, non volevano avere nulla a che fare con gli Ebrei, i quali una volta isolati , furono annientati assai più agevolmente. In realtà, il motivo è un altro, Luttwak è uno che le ha sempre cantate chiare alla Sinistra, anche se, per onestà intellettuale, non ha mai risparmiato critiche agli Usa e all'Occidente.

    RispondiElimina
  103. E CONTINUANO AD IMPORTARLI I TERRORISTI.......



    Roma: ricercati due presunti terroristi libici

    18 FEB 2015

    (AGI) - Roma, - Due presunti terroristi islamici, di nazionalita' libica, si nascondono nel centro di Roma. Lo scrive il settimanale "L'Espresso" nel prossimo numero in edicola. Nessuno conosce ancora i loro nomi, ma nella capitale sarebbe scattata la caccia all'uomo da qualche giorno. Il settimanale pubblica anche i due identikit dei ricercati. I due presunti estremisti (uno sotto i 30 anni, con i capelli corti, l'altro piu' giovane, alto e con le treccine) sono considerati molto pericolosi, e poco tempo fa avrebbero tentato di comprare armi da fuoco sul mercato nero della Capitale. Cosi' facendo si sono traditi: qualcuno ha capito le loro intenzioni, ha sentito puzza di bruciato e ha subito informato i servizi antiterrorismo, che ora stanno setacciando la Capitale per arrestarli.
      La tensione e' alle stelle: "Si tratta di soggetti islamici pericolosi, sospettatati di terrorismo" si legge nella nota che l'Arma ha girato ai suoi uomini sul territorio. "Caso rintraccio fermarli con le dovute precauzioni, perquisirli sul posto e accompagnarli in caserma, informandone subito il comandante". Si sospetta che i due siano ancora nel centro della citta': le ricerche si stanno concentrando nel quartiere dell'Esquilino e del Pigneto, le zone multietniche della Capitale con due moschee molto frequentate.

    RispondiElimina
  104. http://www.cremonaoggi.it/2015/02/17/l%E2%80%99isis-ci-vuole-invadere-cosa-possiamo-fare/#more




    IO PROPONGO DI ARRUOLARE I FANKAZZISTI ANTAGONISTI SOVVERSIVI SINISTRATI E MANDARLI A COMBATTERE CONTRO QUEI QUATTRO GATTI JIHADISTI. COSÌ FARANNO VEDERE CHE NON SONO SOLO CAPACI DI SFASCIARE VETRINE CON PAPINO CHE LI COPRE NELLE LORO MALEFATTE..........TIEEEEEEEEEEE..!!!!!

    RispondiElimina
  105. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/18/obama-e-una-bugia-che-gli-stati-uniti-siano-in-guerra-contro-lislam/1095776/




    L'ABBRONZATO CI SPIEGHI COSA CI SIA DI MODERATO E DI INTEGRABILE NELLA NOSTRA CIVILTÀ MODERNA IN UNA CONCEZIONE DELLA VITA BASATA SU DI UN LIBRO CONTEMPLANTE MIGLIAIA DI NORME INTOLLERANTI DELLA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE NON ARABA.
    L'ISLAM IN TUTTI GLI STATI OVE GOVERNA È NON MODERATO E RAZZISTA E DIFENDE I FEMMINICIDI IN QUANTO NEL CORANO C'È SCRITTO CHE LA DONNA È UN ESSERE INFERIORE. L'ISLAM NON TOLLERA RELIGIONI DIFFERENTI E CONSIDERA ""INFEDELI PERICOLOSI"" DA DISCRIMINARE I NON ISLAMICI.
    L'ISLAM È LA NEGAZIONE DELLA CIVILTÀ GIUDAICO/CRISTIANA E NON RISPETTA NORME CIVILI SE NON QUELLE SCRITTE DA MAOMETTUCCIO.....!!!!!!!
    CI SPIEGHI OBAMINO DEL PERCHE DI QUESTO CALABRAGHE....!!!!!!!!

    RispondiElimina
  106. http://voxnews.info/2015/02/18/vietato-gioire-per-la-morte-dellassassino-romeno/





    Questi merdosi romeni e zingari dovrebbero sparire dalla faccia della Terra perché sono geneticamente criminali irrecuperabili e noi ITALIANI PATRIOTI IDENTITARI li schifiamo.....!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  107. www.voxnews.info


    AL FANO:
    “NO LEGAMI IMMIGRAZIONE TERRORISMO”

     19 FEBBRAIO 2015


    “Non c’è traccia reale di un nesso tra immigrazione e terrorismo”, è questa l’ultima battuta comica del presunto ministro degli interni Al Fano.
    Poi, nella frase successiva dice il contrario.”Il principale rischio per l’Occidente sono i foreign fighters”, ovvero gli immigrati islamici di seconda generazione.

    E’, o non è, un uomo confuso?


    RispondiElimina
  108. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/ancelotti-difende-sacchi-molti-nemici-molto-onore-il-web-lo-lincia-fascista/1096122/



    MEGLIO FASCISTA CHE COJOTES RICCHIONE SOTTOMESSO AGLI ISLAMICI TAGLIAGOLE.
    CI VORREBBE UN ALTRO PELATO IN CAMICIA NERA CHE SALVI L'ITALIA DALLO SFASCIO TOTALE.
    IO VOGLIO UNA ITALIA SUPERNAZIONALISTA COME L'INDIA PAESI ARABI RUSSIA ED UCRAINA E CINA E COREA DEL NORD

    RispondiElimina
  109. Famiglia tradizionale etero soltanto
    Adozioni naturali a coppia etero
    Anticomunismo
    Cattolicesimo di Stato
    Islamismo e corano fuori legge
    No euro né Europa dominante
    Sovranità nazionale totale
    Fuori da Italia tutti clandestini
    Economia anche autarchica
    Supernazionalismo
    Forze armate superefficienti
    Servizio militare obbligatorio
    Altre religioni sotto controllo ferreo
    Fuori zingari da Italia

    RispondiElimina
  110. http://m.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/CRONACA/gino_paoli_indagato_evasione_fiscale_svizzera/notizie/1191267.shtml





    PAOLI GINO
    GIANNA NANNINI
    ROSSI VASCO

    TRE esempi viventi della sinistra ladrona che vengono portati ad esempio per i giovani sinistrati cerebrolesi. ..

    RispondiElimina
  111. http://m.repubblica.it/mobile/r/locali/genova/cronaca/2015/02/19/news/gino_paoli_indagato_per_evasione_fiscale_avrebbe_trasferito_soldi_in_svizzera_-107675501/


    Solito ladrone dissimulato maldestramente tra gli onesti a cui non appartiene.....
    Mascalzone evasore...

    RispondiElimina
  112. http://m.udinetoday.it/cronaca/striscione-casapound-profughi-malborghetto.html

    RispondiElimina
  113. http://messaggeroveneto.gelocal.it/udine/cronaca/2015/02/19/news/tutti-con-il-preside-stop-al-velo-a-scuola-1.10896247



    Io sono con il preside
    Vietare l'islam in Italia perché ne va della sopravvivenza della nostra razza italiana che la sinistra vorrebbe meticciare per farne individui senza gloria né storia né religione

    RispondiElimina

  114.   http://www.secoloditalia.it/2015/02/nemici-onore-razzista-sacchi-come-fascista-ancelotti/


    Molti nemici molto onore:
    il “razzista” Sacchi come il “fascista” Ancelotti.

    FEDERICO MORBEGNO

     19/02/2015


    «Molti nemici, molto onore». A difendere Arrigo Sacchi dalle accuse (ingiustificate) di razzismo ci ha pensato il suo amico di sempre, Carlo Ancelotti, dopo la vittoria in Champions del suo Real contro lo Shalke. Intervistato al termine del match, “Carletto” ha voluto mandare il suo messaggio di solidarietà a quello che è stato il suo allenatore e con il quale ha vinto tutto.Proferendo quella da molti è considerato uno slogan fascista. Come se non bastassero infatti le accuse e le critiche infondate a Sacchi, anche Ancelotti è stato additato di essere un ammiratore del Duce. Secondo i soliti criticoni, i due ex rossoneri sarebbero così soltanto dei nostalgici del ventennio di Mussolini. Ormai, bisogna sempre stare attenti a ciò che si dice, perché ogni frase potrebbe essere strumentalizzata. A dire il vero, però, quello che ha detto Arrigo Sacchi è sacrosanto. Se si vuole salvare il calcio nel nostro Paese bisogna ripartire dai vivai. Ed è logico che, se la squadre giovanili sono imbottite di stranieri, vedere sbocciare talenti italiani sarà sempre più difficile. Un pensiero ovvio e condivisibile, ma che è costato all’allenatore – che ha cambiato radicalmente il calcio dei primi anni ’90 – l’etichetta di razzista.


    E dopo di lui anche il suo ex pupillo, Carlo Ancelotti, è entrato nel vortice delle critiche per il suo “molti nemici molto onore”. “Sono stupito ma neanche troppo perché so benissimo che il populismo e il non avere una memoria storica sono una cosa molto radicata in questo mondo – ha dichiarato Sacchi– Sono 42 anni che sono nel calcio e nessuno mi ha mai dato del razzista. Non ho mai guardato ai colori, ad esempio sono stato io a volere Gullit al Milan e non Borghi che non era di colore. Ho detto e confermo che c’è un’affluenza di giocatori stranieri e modesti da troppo tempo in questo Paese”. Non te la prendere Arrigo – conclude lultimaribattuta.it– perché non sanno quello che fanno. E nemmeno tu Carletto. Voi siete vincenti, altri, forse, solo invidiosi.

    RispondiElimina
  115. http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/277112


    Thursday, February 19, 2015


    LA MANIF POUR TOUS:
    LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

    E’ ormai notizia quotidiana che i Sindaci di importanti città del nostro Paese decidano di aprire nel loro comune i registri delle coppie di fatto ovvero che procedano a trascrivere matrimoni gay celebrati all’estero. Come già stigmatizzato dal Ministro dell’Interno si tratta di decisioni tanto inefficaci sul piano amministrativo quanto ideologiche sul piano politico.
    Sotto il profilo mediatico tuttavia, la pressione che tali decisioni esercitano sull’opinione pubblica rischia di compromettere il dibattito parlamentare sulle unioni civili, sminuendo o peggio tentando di condizionare il ruolo istituzionale delle camere, cui sole spetta il potere legislativo in materia di famiglia.
    A questo deve aggiungersi – sottolinea la Manif Pour Tous Italia – che sia la Corte Costituzionale con la sentenza 138/2010 che più recentemente la Prima Sezione della Corte di Cassazione con la sentenza 2400/2015 hanno ribadito a chiare lettere che ilmatrimonio può essere solo tra uomo e donna mentre per la salvaguardia dei diritti individuali delle persone che vivono in una coppia di fatto – anche dello stesso sesso – devono applicarsi gli strumenti del diritto civile nel quadro dell’art. 2 della Costituzione.
    Per questa ragione la Manif Pour Tous Italia  e altre importanti realtà del variegato mondo associativo a salvaguardia della famiglia naturale hanno deciso di scrivere al Capo dello Stato. “Chiediamo al Presidente Sergio Mattarella di intervenire affinché nella delicata materia della legislazione in materia di relazioni familiari sia ristabilito il primato legislativo del Parlamento e sia garantito il rispetto della Costituzione repubblicana” sostiene il portavoce de La Manif Pour Tous Italia: “Confidiamo nel Suo intervento perché le forze in campo possano dialogare nei limiti indicati dalla Costituzione, evitando che qualcuno usi il proprio ruolo istituzionale per ragioni ideologiche”.

     

    RispondiElimina
  116. http://voxnews.info/2015/02/18/ancelotti-sta-con-sacchi-molti-nemici-molto-onore/


    Tavecchio
    Sacchi
    Lotito
    Ancelotti

    Quattro patrioti eroi da celebrare

    RispondiElimina

  117. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/cartello-choc-a-vicenza-se-vedete-gli-zingari-sparate-a-vista/1096209/


    19 Febbraio 2015

    Cartello a Vicenza: "Se vedete gli zingari, ​sparate a vista"È stato trovato attaccato sul muro di un palazzo a Vicenza.

    Luca Romano

    "Sparate a vista agli zingari". È il contenuto di un cartello comparso a Vicenza, sul muro di un palazzo di via Saudino. La notizia è stata riportata da Vicenza Today e a segnalare il cartello è stato un residente che ha scattato la foto. "Abbiamo visto zingari girare per le strade e guardare dentro le finestre per rubare in casa. Sparate a vista che poi arriviamo", questo recita il foglio, stampato al pc e attaccato col nastro adesivo nero........
     



    Commenti

    atlantide23
    e insomma....nessuno auspica una situazione da far west ma cazzo ora e' peggio perche' non ci sono neanche gli sceriffi, che almeno ogni tanto cercavano di difendere la gente onesta e i piu' deboli. ORA CI SONO SOLO I MAGISTRATI CHE CONDANNANO GLI ONESTI CITTADINI ITALIANI CHE CERCANO DI DIFENDERSI DAI FEROCI CRIMINALI , NELLE CUI MANI CI HA LASCIATO LO stato. E naturalmente, con queste bestie feroci che vengono qui da tutto il mondo, mica puoi usare un mazzo di margheritine !!!!



    Cobra71
    cartello choc? Se si cominciasse a fare così i parassiti ci penserebbero due volte ad affacciarsi su una proprietà privata...



    Lupry
    Perchè choc?!



    biricc
    Abbiamo visto politici girare per le strade.......



    giangol
    giusto, anzi giustissimo



    freeride
    Occorre armarsi perché tra 2 anni il Far West sembrerà una utopia.

    RispondiElimina
  118. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/ancelotti-difende-sacchi-molti-nemici-molto-onore-il-web-lo-lincia-fascista/1096122/



    Commento


    per me ancellotti non è un fascista , perché uno che difende chi fa lo stesso mestiere suo, è un partigiano
    Ancelotti ha semplicemente affermato il vero, dare a Sacchi del razzista è incomprensibile. Ora il così detto "web" che altro non sono che alcuni poveri deficienti che parlano di cose che non conoscono, danno del fascista ad Ancelotti. Beh a questi manca semplicemente il cervello.
    LA GENTE è DAVVERO SCEMA. sacchi non ha offeso nessuno. lui si riferiva e a ragione ai vivai. poi sta storia del razzismo in bocca all'idiota di turno ha fracassato le palle.....da moltissimo tempo dico che il "web" è il regno dell'ignoranza e della pochezza..
    ...basti guardare tutti quelli che ogni santo giorno pubblicano cazzate su Facebook o twitter.
    Avesse detto stranieri nessuno avrebbe detto bao... Basta dire neri e scatta il riflesso pavloviano
    Grandi tutti e 2 !! De minimis non curat praetor !!
    Fascista e razzista sono due delle "offese" preferite da tutti coloro che credendo di essere superiori non vogliono discutere temi per loro delicati e uscendo con questi epiteti vogliono chiudere il discorso.

    RispondiElimina
  119. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/17/arrigo-sacchi-nel-nostro-calcio-giovanile-troppi-i-giocatori-di-colore/1094995/


    PAROLE SANTE E VERISSIME QUELLE DI SACCHI

    RispondiElimina
  120. Per quanto riguarda le affermazioni di TAVECCHIO-LOTITO-SACCHI-ANCELOTTI devo dire che
    Hanno ragione, questo è il motivo che non mi appassione più al calcio, pur non essendo razzista, mi dovete spiegare che gusto ci trovano quando vince la squadra della propria città e i giocatori sono di un'altra parte del mondo, chi ha vinto, noi o gli stranieri, qui non si parla solo della gente di colore ma di tutti che non sono italiani, addirittura io vorrei che la squadra del Napoli i giocatori fossero campani, come succedeva all'epoca che nacquero certe dispute, se mi dite che è un commercio siamo d'accordo. Che schifo.Ma che senso ha tifare per una squadra di Milano o Roma dove no non ci sono romani o milanesi, no non ci sono lombardi o laziali, ma nemmeno italiani e tra un pò nemmeno europei. Ormai il calcio serve solo come industria quotata in borsa. Anche i proprietari tra un pò non saranno più italiani e cosa tifate a fare per dire il mio padrone è più ricco del tuo. Il calcio è diventato una barzelletta.

    RispondiElimina
  121. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/bruxelles-stanzia-altri-soldi-per-accogliere-gli-immigrati/1096224/



    Commento

    Penso che uno STATO debba essere SOVRANO nelle decisioni. Qui non si tratta di immigrati controllati (USA e Germania anni 50)ma di una disorganizzazione ben organizzata. Cosi non si fa altro che incoraggiare scafisti e quanti altri stanno mangiando sopra. UE un fallimento Mondiale. UE una catastrofe annunciata. Tanto, qui, a pagare saremo sempre gli stessi. Che decisione SENZA CERVELLO!!!!Basta organizzare un TGV per la Germania, senza fermate. Anzichè farli sbarcare in Sicilia, li portino ad Ancona. Dopo una settimana di arrivi ci ripensano. Certamente, così l'Italia non avrà nessun motivo per fermare gli sbarchi. Sono arrivati altri soldi da rubare!!!! Associazioni comuniste e religiose esultano!!!! ok ... basta dirlo e noi bianchi ci togliamo di torno ! fatevi pagare le vostre fottute tasse dai clandestini...caritas e coop brindano a champagne. Follia pura. Stiamo facendo di tutto per attirare mezza Africa in Italia, manca solo il lancio di una campagna pubblicitaria, con volantini e spot in televisione, al motto di “Venite in Italia, c’è posto per tutti. E paghiamo noi“. Stanno favorendo l’invasione dell’Italia da parte di centinaia di migliaia di disperati senza arte, né parte, tutta gente che poi dovremo assistere a spese nostre. Questo stanno facendo, e lo fanno “contro la volontà degli italiani”. Questo è tradimento della democrazia, della volontà popolare e dell'Italia. A questo punto dobbiamo fare lo sciopero delle tasse. che le tasse le paghino gli africani, fanculo!!!! Perché nessuno reagisce? Non può essere casuale, non si può essere così masochisti, siamo al limite della sopportazione. C'è dietro un progetto specifico per destabilizzare l'occidente. Non possiamo nemmeno aspettarci una soluzione da parte dei nostri rappresentanti in Parlamento; buio totale, coma profondo. I credenti possono almeno sperare in un miracolo. Gli altri nemmeno quello.

    RispondiElimina
  122. http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2015/02/18/insulti-su-fb-a-detenuto-suicida_ec1f4e34-b8fe-4f84-82a0-d969c9dd61a6.html


    PAROLE GIUSTE DAI SECONDINI. ..
    NON CI SI DISPIACE DI UNO ZINGARO ERGASTOLANO.....CHE SI TOGLIE DAI COGLIONI...

    RispondiElimina

  123. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11758231/Andrea-Orlando---Piu-diritti.html


    TRATTIAMOLI CON I GUANTI

    Andrea Orlando: "Più diritti agli islamici in carcere per prevenire il terrorismo"

    19 febbraio 2015






    Commento

    Se è vero, sono doverose anche le dimissioni di un ministro smidollato. Quando rimanderemo in africa tutti questi nemici degli italiani che ci governano?
    mettetelo in cella con un gruppo di islamici, affinche` venga usato per i loro bisogni.ma perche` i sinistri sono sempre cosi` sottomessi ? Niky insegna ? e fa proseliti.Credoc he nei sinistri il lato oscuro gay sia moltopiu` marcato che in quelli del cdx.Comunque ringrazio chi dico io, per fortuna non ho di quelle tendenze.In ogni caso Ah Orla` ma vedi andartelo a piglia` ner culo! !!!!!!!Questo è veramente un comunista demente. lui buonista?No .SCEMO.

    RispondiElimina
  124. http://voxnews.info/2015/02/19/qatar-si-schiera-con-isis-ritirato-ambasciatore-da-egitto/



    ISLAM È ANTIOCCIDENTALE E VA STERMINATO

    RispondiElimina
  125. La festa nazionale 2014 di Casa Pound, una bella e perfetta tre giorni svoltasi agli inizi di settembre, ha visto giungere molti ospiti importanti per discutere di una varietà di argomenti, dall’agricoltura al ruolo dell’Europa, dalla disabilità all’immigrazione: presente, tra gli altri,l’esponente leghista Mario Borghezio..................
    Ricordo se ne parlò per tanti giorni e che fece dichiarare alla Poli Bortone che CASAPOUND È UN INCUBATORE DI CULTURA E DI CIVILE IMPEGNO...

    RispondiElimina
  126. http://voxnews.info/2015/02/19/borghezio-unica-soluzione-e-blocca-navale-libia/




    Borghezio dice SACROSANTE VERITÀ. .....

    RispondiElimina
  127. http://www.ilvelino.it/it/article/2015/02/19/terrorismo-bernini-fi-minaccia-infiltrazioni-jihadiste-impone-stop-a-sbarchi/506258f6-404d-4901-ae54-229661cfcac1/




    Bernini (FI): minaccia infiltrazioni jihadiste impone stop a sbarchi.

    Terrorismo, Bernini (FI): minaccia infiltrazioni jihadiste impone stop a sbarchi.

    19 febbraio 2015

    "La concreta minaccia di infiltrazioni jihadiste tra i migranti del mare, che a migliaia continuano a sbarcare sulle nostre coste, impone una volta per tutte decisioni tanto drastiche quanto dovute per la sicurezza del nostro Paese. Il governo italiano ha il dovere di reagire, bloccando prima di tutto e subito gli sbarchi in territorio italiano, al serio pericolo che proviene da uno Stato, la Libia, che dista solo poche centinaia di chilometri da noi. Uno Stato sempre più instabile e ormai divenuto un vero e proprio vivaio di terrore e di smistamento di flussi di clandestini, anche a causa di gravissimi errori commessi dall'Europa nel 2011. Concordiamo sulla necessità di un'azione congiunta in Libia, nell'ambito di una cornice internazionale di supporto militare e di sensibilizzazione dei Paesi mediterranei a ridosso dell'area. Ma ciò non sottrae l'Italia all'obbligo inderogabile di difendere i propri confini e i propri cittadini sbarrando la strada ai terroristi dell'Isis. Se finora non sono bastate le minacce dello Stato Islamico, anche all'interno di video sanguinari e raccapriccianti, le dichiarazioni del ministro dell'Interno Angelino Alfano e le recenti rivelazioni del Daily Telegraph, ci domandiamo allora che cosa occorra davvero all'esecutivo per assumere iniziative forti, efficaci e soprattutto non ondivaghe". Lo dichiara la senatrice Anna Maria Bernini, vice presidente vicario di Forza Italia a palazzo Madama.

    RispondiElimina
  128. http://www.ilvelino.it/it/article/2015/02/19/carceri-sarno-uilpa-eccessivi-i-provvedimenti-di-sospensione/c7ef087a-81b1-4328-9ccc-e89c76cc994b/


    16 guardie carcerarie sospese dal servizio perché non hanno pianto per la morte suicida di un ergastolano assassino zingaro. ....!!!!!!!!
    Vergogna di uno Stato in dissolvimento totale....!!!!!!

    RispondiElimina
  129. http://voxnews.info/2015/02/19/governo-punisce-agenti-che-hanno-gioito-per-morte-assassino/


    IO GIOISCO OGNI VOLTA CHE MUORE UN ASSASSINO ERGASTOLANO E GLI ZINGARI SONO AL 99.9% DELINQUENTI.......AMEN....

    RispondiElimina
  130. http://voxnews.info/2015/02/19/il-matrimonio-gay-non-esiste-annullate-trascrizioni-di-pisapia/




    FINISCE LA PAGLIACCIATA DEL PAGLIACCIO. ..

    RispondiElimina
  131.  BENEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE. ..!!!!!!!!

    http://www.allnews24.eu/il-matrimonio-gay-non-esiste-annullate-trascrizioni-di-pisapia/



    IL ‘MATRIMONIO’ GAY NON ESISTE:
    ANNULLATE ‘TRASCRIZIONI’ DI PISAPIA..

     
     19 FEBBRAIO 2015


    Finisce in un ‘buco’ nell’acqua, la pagliacciata di Pisapia. Un commissario ad acta nominato dal Prefetto ha cancellato la trascrizione delle nozze gay contratte all’estero, perché illegali.
    Era un “atto dovuto”. La decisione è arrivata dopo un lungo periodo di “persuasione” in cui il prefetto aveva scritto più volte al sindaco invitandolo a procedere all’annullamento, così come prescritto dalla legge.
    Lo scorso 4 novembre Tronca aveva adottato il “provvedimento di annullamento” di trascrizione delle tredici nozze tra persone dello stesso sesso, celebrate all’estero, e trascritte dal sindaco. Tronca, nel provvedimento, aveva ordinato al sindaco, in qualità di ufficiale di stato civile, di provvedere “senza ritardo” a tutti gli adempimenti.

    RispondiElimina
  132. http://www.allnews24.eu/il-matrimonio-gay-non-esiste-annullate-trascrizioni-di-pisapia/


    I SODOMITI L'HANNO PRESA NEL KIURLO..AHAHAH

    RispondiElimina

  133. 19 Febbraio 2015

    Isis, allarme in Turchia: i terroristi puntano alle ambasciate internazionali.
    Gli Jhiadisti si sono infiltrati in Turchia. L'obiettivo sono le ambasciate della coalizione contro lo Stato islamico

    Anita Sciarra

    Cresce l'allarme in Turchia. I miliziani dell'Isis, entrati nel Paese avrebbero già preso di mira le ambasciate e ai consolati della coalizione internazionale a guida Usa ad Ankara e aIstanbul. 

    Lo riporta il quotidiano Hurriyet, citando come fonte una circolare interna dell'agenzia di intelligence nazionale turca. La circolare aggiunge che altri 3mila militanti circa in Siria e Iraq sarebbero pronti a entrare in Turchia dal confine meridionale dopo il fallimento della presa di Kobane. Alcuni di loro si sarebbero già nascosti nel Paese per pianificare gli attacchi. Altri, soprattutto cittadini siriani e palestinesi di età compresa tra i 17 e i 25 anni, sarebbero entrati in Turchia fingendosi rifugiati, con l'obiettivo di raggiungere l'Europa, attraverso la Bulgaria, per colpire i Paesi che partecipano alla coalizione  contro l'Isis.




    Commenti

    Memphis35
    La Turchia di Merdogan si merita questo ed altro...




    Zagovian
    Mi fanno ridere queste "scoperte da acqua calda",come se fosse una sorpresa,come se fosse strano.....quando invece,con infinita ipocrisia,sanno tutti che in europa ormai di queste teste "caldissime" ne hanno "accolte" delle "migliaia",di "calde" ce ne saranno decine di migliaia,di "fiancheggianti-aspiranti",qualche centinaio di migliaia,e delle milionate di "simpatizzanti-scusanti".



    CONSIDERAZIONI SU UNA FOTO DI ISLAMICI INNEGGIANTI AL LORO PROFETA Guardando quelle facce, ho un brivido di repulsione, trasudano odio ed intolleranza, poi pensando a come vivano infelici e terrorizzati dalla loro stessa religione, ho un senso di umana pietà. Sapendo che nella stessa condizione nel mondo ci siano circa 1.600.000.000 persone che, in nome della stessa, fanno guerra tra di loro e contro tutti, perché tutti gli altri sono infedeli, mi chiedo come è potuto accadere. Come può una religione indurre nell’animo umano un senso di superiorità tale da disprezzare il suo simile, fino a desiderarne la morte: ma, quello che mi fa più repulsione, è che la chiamino religione di pace....ma eterna per gli altri...!!!!!!!!!!



    opinione-critica
    Loro hanno dichiarato guerra quindi è lecito far saltare le ambasciate e gli ambasciatori. Se non si è capaci di rispondere inevitabilmente si deve morire. Vince ed impone le sue idee il più forte.



    carpa1
    E l'ONU sta a traccheggia! Ma chi l'ha inventata questa bella organizzazione mangia soldi a tradimento che non vale un pene? E paghiamo anche per mantenerla!



    alberto_his
    Turchia terra di passaggio. Prendendo per buono quanto scritto nell'articolo (vista la fonte citata occorre prendere il tutto con le molle), i terroristi, evidentemente ancora dotati di risorse a sufficienza, porterebbero la guerra in ambito Nato: un cambio repentino di fronte quindi. Hanno forse realizzato che il nemico è alle spalle. Se volete far la guerra all'ISIS con le loro armi dovete accettare anche questa nemesi.

    RispondiElimina
  134. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/il-prefetto-boccia-pisapia-cancellate-le-trascrizioni-dei-matrimoni-omosessuali/1096280/


    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
  135. Lo stato palestinese non esiste legalmente e quindi riconoscerne l'esistenza da parte di stati stranieri non ha senso né giuridico né politico.
    È un covo di terroristi del califfato isis e dovrebbe essere bombardato come merita ma facendo prima uscire quei pochi NON ISLAMICI che vi si trovano.
    UE e governo italiano sono due associazioni di incompetenti e venduti all'islam che si sono appecorinati per paura e omosessualità latente che li porta a sottomettersi a chi li può strapazzare facendoli godere a tergo da bravi Sodomiti perversi.
    Mi fa rabbrividire vedere tanti etero succubi del politically correct e che si appecorinano a loro volta ai Sodomiti per pavidita' e carrierismo.
    Dante Alighieri avrebbe molto da fare al giorno d'oggi col suo INFERNO per collocarci tanti ominidi italidioti ed europeidioti...!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  136. Riconoscere la Palestina è un vecchio proposito del PCI. Non ha governo, amministrazione ed elementi di indipendenza politica. Per essere un paese libero la Palestina necessita che si porti a termine il vecchio trattato con Israele. Lo ha rifiutato più volte. Se infatti diventasse uno stato cesserebbe il contenzioso con gli ebrei e di conseguenza la perpetua minaccia verso costoro da parte degli islamici e dei comunisti. La Palestina serve a questo, non a essere libera.
    Come i covi dei centriasociali ove frotte di Fankazzisti comunistoidi si divertono a sfottere i patrioti e sfasciare vetrine e caserme di vigili urbani.

    RispondiElimina
  137. C'è da domandarsi se con l'Isis alle porte, gli immigrati che ci invadono e i terroristi che ci minacciano in casa sia il caso di dare forza a un nemico storico dell'Occidente qual Palestina/Hamas
    Il che equivale anche a una sorta di dichiarazione di guerra a Israele. Non sappiamo se Renzi voglia avallare la scelta del suo partito. Ci auguriamo che abbia le idee chiare e che non cerchi di cavarsela con il classico tweet: «Israele stai sereno».
    Andrebbe contro la storia e alla storia dovrà risponderne.

    RispondiElimina
  138. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/isis-in-europa-e-caccia-ad-una-norvegese-allerta-internazionale/1096390/


    19 Febbraio 2015 h.18.45

    Isis, in Europa è caccia ad una norvegese. Allerta internazionale.
    Il rischio è che stia organizzando un attentato. 

    Anita Sciarra

    Nuova minaccia Isis in Europa. I servizi norvegesi hanno emesso una allerta arancione internazionale su una cittadina norvegese sospettata di far parte dello Stato islamico e di pianificare attacchi terroristici in Europa.
    Non si sa dove sia in questo momento la donna. Le ricerche vanno avanti a trecentosessanta gradi anche con l'aiuto dell'intelligence della vicina Svezia che che intende aiutare Oslo nella caccia alla presunta terrorista mettendo in comune forze e indagini.
    Sulla vicenda, al momento, vige il massimo riserbo. Ne ha dato notizia, poco fa l'agenzia Tt

    RispondiElimina
  139. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/19/il-prefetto-boccia-pisapia-cancellate-le-trascrizioni-dei-matrimoni-omosessuali/1096280/



    A sti ricchioni gli starà rodendo il chiccherino......

    RispondiElimina
  140. http://voxnews.info/2015/02/19/cittadini-oppongono-resistenza-a-clandestini-questore-li-minaccia/



    RispondiElimina
  141. http://voxnews.info/2015/02/19/carabienere-condannato-e-stato-indelicato-con-ladro-tunisino-durante-arresto/


    Il popolo non dimentica e si vendica

    RispondiElimina
  142. http://voxnews.info/2015/02/19/caccia-a-immigrata-islamica-pronta-a-farsi-esplodere/


    Nuova europea che festeggia col BOTTO.....

    RispondiElimina
  143. LA MADRE DEGLI SCHIFOSI È SEMPRE INCINTA...




    http://youmedia.fanpage.it/gallery/aa/54db56dae4b0caf71335daa7


     11 febbraio 2015



    Roma: 'Viva i partigiani jugoslavi', la scritta nella notte sulla Casa del Ricordo

    Nella notte azione contro la 'Casa del ricordo' dedicata alla storia delle foibe e dell'esodo italiano dall'Istria e dalla Dalmazia. Anonimi hanno vergato una scritta che recitava: 'Viva i partigiani jugoslavi', firmata con una falce e martello. E' stata anche lanciata della vernice sul portone d'ingresso e danneggiato il citofono.

    RispondiElimina