giovedì 19 febbraio 2015

CasaPound: “La verità non può essere infoibata”. Sacristani non è degno di rappresentare le Istituzioni

CasaPound: “La verità non può essere infoibata”. Sacristani non è degno di rappresentare le Istituzioni

“La verità non può essere infoibata”, questo il testo dello striscione che i militanti di CasaPound Milano hanno esposto Giovedì 19 febbraio durante la seduta del Consiglio di circoscrizione 3.
I militanti dell'Associazione di promozione sociale, inoltre, hanno distribuito a tutti i consiglieri un volantino in cui stigmatizzano come indegno l'atteggiamento del Presidente dell'Assemblea di zona, Renato Sacristani e chiedono al Consiglio di censurarne il comportamento e di invocarne le dimissioni.
L'esponente di Rifondazione Comunista, in occasione della ricorrenza del Giorno del Ricordo, istituito dalla legge n.92 del 2004, ha negato, a fronte di una esplicita richiesta di un consigliere, il minuto di silenzio per i martiri delle Foibe e per la tragedia dell'esodo delle popolazioni italiane di Istria, Fiume e Dalmazia, sostenendo che la vicenda è controversa.
Nei giorni precedenti, inoltre, sempre Sacristani, si era distinto per aver abbandonando l'aula consiliare nel momento in cui il Consiglio tutto deliberava in merito all'organizzazione di una mostra a cura dell’associazione “Friuli Venezia Giulia Dalmazia” da allestire presso lo spazio Oberdan.
“Il presidente Renato Sacristani, che dovrebbe osservare le leggi dello Stato e non interpretarle” - si legge nel volantino di CPI - “con il suo gesto ha ucciso per ben due volte la memoria di quegli italiani, nostri connazionali, che vivevano nelle terre istriane, giuliane e dalmate”.
“E' assolutamente evidente che Renato Sacristani non è degno di rappresentare le Istituzioni e i cittadini italiani” - conclude il volantino - “Auspichiamo che il Consiglio di circoscrizione 3, oltre a censuare il comportamento del Presidente, ne chieda le dimissioni quale gesto di responsabilità nei confronti dei cittadini e delle vittime delle Foibe”.



189 commenti:

  1. Chi nasce in un porcile e' un maiale e come tale si comporta senza provare vergogna né pudore.
    Un senza patria né famiglia che merita vagonate di letame. Inutile immaginare di avere comportamenti normali da un pirla del genere supportato da elettori indegni di essere definiti italiani. Sono dei meticci sottomessi culattoni e da infoibare nei gulag...
    Viva casapound e onore ai caduti nelle cavità carsiche dal 1943 al 1947 per mano comunista.

    RispondiElimina
  2. Onore ai morti ammazzati nelle FOIBE da Stalinisti....

    A Sacristani dico...PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  3. A Sacrista' te c'hanno mai mannato a quer paese.?

    RispondiElimina
  4. Un rifondarolo da cacciare a Gaza e farlo restare lì tra i suoi amici jihadisti

    RispondiElimina

  5. Apertura di CasaPound: “Strane interpretazioni della Costituzione italiana”

    19 febbraio 2015 ora 22,32


    Firenze
    Non vogliamo ritornare sulle polemiche assurde e pretestuose che in questi giorni hanno accompagnato l’apertura della libreria dell’Associazione “Il Bargello”, anche se, consentitecelo, ci sentiremmo di consigliare a coloro che hanno presentato la mozione in Consiglio Comunale a Firenze di studiare il codice penale e quello di procedura penale. Scopriranno così che una mozione del genere non ha alcun valore pratico e legale, considerando che non è certo l’amministrazione comunale cittadina che può impedire l’apertura o meno di uno spazio privato aperto al pubblico. Ma tant’è, visto che l’importante è fare caciara e cercare di mantenere i voti alle elezioni regionali, prendiamo atto di tutta questa manfrina ed andiamo avanti. Ci dispiace solo che molti di coloro che sono intervenuti nel corso del dibattito in Consiglio abbiano utilizzato parole, termini e riferimenti diffamatori nei confronti di CasaPound e di alcuni dei suoi appartenenti, ma di ciò ne risponderanno nelle sedi giudiziarie più opportune. Peraltro, ed è ciò che ci interessa maggiormente sottolineare, vorremmo rammentare a tutti coloro che citano la Costituzione a proprio uso e consumo, che in essa non vi è alcun riferimento all’antifascismo. Nei 139 articoli della stessa, infatti, si parla di tutto tranne che di repressione, divieto o quant’altro nei confronti dell’ideologia fascista. Se ne parla solamente nell’ormai abusata XII Disposizione transitoria e finale citata a sproposito in quanto avente ad oggetto il solo “disciolto partito fascista” e niente altro, come specificato dalla Corte Costituzionale in molteplici sentenze (fra le altre la n. 1 del 26 gennaio 1956) e dalla Corte di Cassazione (fra le altre Cassazione penale, sez. II, del 06 giugno 1977 Dirella). Prova ne sia il comma successivo nel quale si vieta l’elettorato attivo e passivo per un massimo di 5 anni dall’entrata in vigore della Costituzione “per i capi responsabili del partito fascista”. Quindi, paradossalmente, con tale disposizione se Benito Mussolini fosse stato vivo nel 1953 avrebbe potuto ricandidarsi alle elezioni e votare. Non è nostra intenzione fare una lezione di diritto costituzionale a qualcuno, vogliamo solo evidenziare come in questo periodo in cui tutti si sciacquano la bocca con la Costituzione in realtà l’unico articolo che si scordano è proprio quello che invece dovrebbero attuare, l’articolo 18, quello cioè che garantisce la libertà d’associazione. Ed è grottesco che vengano inventate norme che non esistono e vengano scordate norme effettivamente vigenti proprio da parte di chi, poco più di un mese fa, scendeva in piazza ad urlare “JE SUIS CHARLIE”, in nome di una non meglio chiarita libertà d’espressione, che evidentemente valeva per chi la pensa come loro, ma non valeva per chi la pensa diversamente.   Fonte: Ufficio Stampa di CasaPound Firenze.




    Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2015/02/19/apertura-di-casapound-strane-interpretazioni-della-costituzione-italiana/

    RispondiElimina
  6. http://m.lecceprima.it/politica/comunicato-casapound-scontri-indagini-raduno-scritte.html



    RispondiElimina

  7. http://www.ilpaesenuovo.it/2015/02/19/casapound-basta-mistificazioni-la-ricerca-dello-scontro-viene-da-sinistra-ma-non-staremo-fermi-a-farci-massacrare/

    CasaPound: “Basta mistificazioni, la ricerca dello scontro viene da sinistra. Ma non staremo fermi a farci massacrare”

    febbraio 19, 2015 

    Sandra Signorella

    LECCE – “Basta mistificazioni”. Casa Pound Italia interviene nel vivo dibattito di questi giorni – che prende le mosse dalle dodici ordinanze di obbligo di dimora notificate nei confronti di otto esponenti di Cpi e quattro appartenenti a gruppi anarchici e antagonisti –  e precisa gli scopi e i valori che informano l’operato dell’associazione.
    “Abbiamo avuto modo di leggere e ascoltare evidenti forzature, se non proprio inesattezze, senza che alcun organo di informazione sentisse il bisogno di interpellarci per offrire anche a noi la possibilità di partecipare a un dibattito che ci vede direttamente coinvolti”.
    “Sfidiamo chiunque – si legge ancora nella nota – a segnalare pubblicamente un episodio nel quale CasaPound Lecce sia intervenuta nel tentativo di boicottare o impedire una qualsiasi manifestazione organizzata da terzi. Vorremmo fossero evidenziati e pubblicati eventuali nostri comunicati stampa, di condanna o contrapposizione politica, riguardo a eventi svolti a Lecce o in provincia e che, secondo la vulgata che ci vorrebbe xenofobi, omofobi, sessisti, avrebbero urtato in qualche modo la nostra suscettibilità”.
    “Vorremmo, ancora, che in riferimento a quella che per noi resta la ‘presunta’ rissa del 2 gennaio 2012 si dicesse, finalmente, che la persona (all’epoca dei fatti militante del Blocco Studentesco) indicata dalla ‘vittima’ come autore materiale dell’aggressione, è stata assolta con sentenza definitiva ‘Per non avere commesso il fatto’, come stabilito in primo grado dal gup Giovanni Gallo, senza alcun ricorso in appello da parte dell’accusa. Mentre le altre tre persone coinvolte hanno scelto la via del patteggiamento, senza aver mai riconosciuto alcuna responsabilità nell’accaduto”.
    “Ricordiamo inoltre – continua la nota – che dalla sua nascita a oggi CasaPound Lecce ha sempre rivendicato e firmato qualsiasi iniziativa, con loghi o simboli espliciti, motivo per il quale l’attribuzione di scritte o volantini con riferimenti politici generici non è attribuibile a noi, come qualche testata ha cercato di far credere nel tentativo di riequilibrare una sorta di bilancia del ‘vandalismo’ politico che, per chi non è vittima di preconcetti, pende decisamente da una parte, e non è certo la nostra. I tentativi di aggressione, di ricerca dello scontro fisico e dialettico, di sabotaggio, le minacce anonime, le richieste di divieti e mancate autorizzazioni provengono sempre e solo dalla sinistra, sia essa quella istituzionale o quella radicale delle sigle antifasciste”.
    “L’ultima considerazione – conclude la nota di CasaPound – la rivolgiamo ad Anpi, Arci e a tutte le varie sigle che fanno improbabili appelli alla costituzione per tentare di giustificare l’ingiustificabile. Bere una birra in un pub, in una sera di settembre, non è anticostituzionale, non è un’invasione del territorio (sì, è stato scritto anche questo!), non è una provocazione politica, non è un reato previsto dalla legge Mancino. Inoltre, se qualcuno crede che la sola appartenenza a CasaPound Italia possa giustificare pedinamenti, ronde e assalti con bottiglie e altri oggetti contundenti, deve prendere atto che nessuno di noi è disposto a restar fermo per farsi massacrare, e questo crediamo sia alquanto evidente”.

    RispondiElimina
  8. Si definiscono antifascisti senza avere una idea pallida di quello che di eccezionale ha fatto Mussolini per la Patria per la quale si è sacrificato guardando in faccia la morte senza indietreggiare di un centimetro. La storia è piena di GIUDA e BENITO ne conobbe tanti.
    Questi pirla non si definiscono apertamente comunisti visto che nel 1989 e nel 2008 quella ideologia maledetta è stata cancellata ufficialmente dalla storia dell'uomo.
    Invece il SUPERNAZIONALISMO PATRIOTTICO caratterizza tantissime nazioni nel Mondo.
    Casapound combatte una giusta battaglia politica per l'onore dei defunti delle FOIBE uccisi in 4 anni a migliaia da comunisti partigiani italiani e titini ma la storia ha tirato fuori dalla vergogna dell'oblio quei fatti delittuosi.

    Viva i militanti di CPI

    RispondiElimina
  9. LA VERITA' PRIMA O POI ESCE FUORI E SI IMPONE

    RispondiElimina
  10. Gli antifascisti sono una manica di ricchioni

    RispondiElimina
  11. http://www.cronachemaceratesi.it/2015/02/19/foibe-e-studenti-confronto-in-comune-un-preside-a-scuola-si-fa-poco-per-insegnare-certi-argomenti/624887/


    Occasione utile per gli studenti. ...

    RispondiElimina
  12. http://m.milanotoday.it/politica/foibe-sacristani-zona-3-mozione-regione.html



    RispondiElimina
  13. http://www.lefoibe.it/

    RispondiElimina
  14. http://www.lastoriasiamonoi.rai.it/puntate/storia-delle-foibe/397/default.aspx

    RispondiElimina
  15. http://www.dittatori.it/foibe.htm

    RispondiElimina
  16. Queste canaglie sinistronze rinnegherebbero pure la madre per coprire le vergogne commesse contro propri connazionali innocenti.
    Dal 1917 assistiamo a comportamenti indegni per esseri viventi che si definiscono DEMOCRATICI.

    RispondiElimina
  17. http://it.m.wikipedia.org/wiki/Massacri_delle_foibe

    Grazie casapound

    RispondiElimina
  18. Dopo Giulio Cesare e dopo Costantino e dopo Mussolini ci dobbiamo sorbire tutta una pletora di quaquaraqua ignoranti ed in malafede.
    La madre dei Guida è sempre incinta

    RispondiElimina
  19. Il male che stanno facendo questi politici cattocomunisti li rende invisi a tutti gli italiani che ne stanno subendo le conseguenze.
    Italia. ......RIBELLATI.....SANREMO È FINITO..!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  20. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/lultima-falla-della-sicurezza-liberati-5-siriani-sospetti-a-lecce/1096573/



    5 siriani arrivati coi barconi ed in possesso di documenti falsi devono essere arrestati ed espulsi dall'italia con divieto di reingresso per i prossimi 50 anni.
    Che magistratura di m.....!!!!!
    Altrettanto si deve stigmatizzare il comportamento delle autorità politiche che hanno il potere di espellere chiunque sia considerato un pericolo per la sicurezza nazionale fregandosene delle decisioni dei gip di turno un pò "DISTRATTI"".
    Siriani che combattono ASSAD sono senz'altro filo isis.
    Siamo nelle mani di incompetenti e traditori..!!!!!

    RispondiElimina
  21. http://www.foibadibasovizza.it/in-breve.htm


    Non riconoscere la grave uccisione di migliaia e migliaia di italiani da parte dei comunisti italo/titini è segno di bassezza morale.

    RispondiElimina
  22. Sacristani fa il Sacrestano della MENZOGNA....
    Si prendesse una pasticca blu che gli fa drizzare i neuroni parecchio ammosciati..........tzeeeeeee

    RispondiElimina
  23. https://m.facebook.com/sentinpiedireggioemilia?fref=ts&refsrc=http%3A%2F%2Fsentinelleinpiedi.it%2F&_rdr


    21 febbraio 2015 Sentinelle a Reggio Emilia

    RispondiElimina
  24. http://sentinelleinpiedi.it/

    MEGLIO MORIRE IN PIEDI CHE APPECORINATI.......

    RispondiElimina
  25. Due più due fa quattro
    Uno più uno fa due
    Due gay non fanno una famiglia ma altro.......
    La famiglia è di un uomo più una donna etrosessuali

    RispondiElimina
  26. Infoibate quel pirla

    RispondiElimina
  27. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/freud-pro-gay-non-ce-nulla-di-cui-vergognarsi/1096600/

    20 Febbraio 2015



    COMMENTO ALL'ARTICOLO


    "....L'omosessualità non è certo un vantaggio, ma non c'è nulla di cui vergognarsi...." ...Nemmeno da esserne fieri,ed orgogliosi!
    Aggiungo che i gay non possono formare una famiglia normale e nemmeno adottare bambini perché la loro devianza sessuale li rende inadatti ad instaurare un rapporto affettivo e filiale naturali. Le loro pulsioni omo li rende incapaci di intendere e volere....

    RispondiElimina
  28. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/bomba-al-bridge-bar/1096497/


    Mandate "Sacrestano" a risolvere i problemi milanesi

    RispondiElimina
  29. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/19/nozze-gay-prefetto-annulla-trascrizioni-milano-pisapia-ci-opporremo/1440689/


    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    I RICCHIONI L'HANNO PRESO AR KIURLO

    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
  30. Cpi baluardo di legalità nazionale

    RispondiElimina
  31. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/19/nozze-gay-prefetto-annulla-trascrizioni-milano-pisapia-ci-opporremo/1440689/


    I froci possono andare in Arabia Saudita...no.?????

    RispondiElimina
  32. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/mantenere-un-profugo-fino-a-35-euro-al-giorno/1096501/


    20 Febbraio 2015




    COMMENTI

    Gli osservatori internazionali parlano di 200mila persone nei campi profughi della Libia, pronte a partire verso l'Italia e incoraggiate dalle milizie jihadiste che si stanno impadronendo del Paese dall'altra parte del Mediterraneo.

    Che siano stramaledetti fino all'infinito! io mi son rotto i coglioni di pagare tasse per africani di merda!rispediteli tutti al loro paese .......fanculo!!!!!!!!

    Dopo queste notizie, ora avremo la certezza che gli italiani alle prossime elezioni che avranno sotto mano, voteranno in massa per qualunque partito, purchè non sia il PD! è una certezza, visto che gli errori e il PD vanno a braccetto!! oltre tutto, hanno anche delegittimato un governo nel 2011 eletto correttamente, e fatto decadere con sistemi parecchio discutibili e oltre i limiti del lecito!

    Altro fantastico business italiota: 35 euro di cui 25 finiscono nel giro del magna magna........gli italiani si meritano questo ed altro.

    RispondiElimina
  33. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/20/blocca-una-qatariota-col-burqa-infermiera-sospesa-dal-reparto-1.1380623


    20.2.2015


    SUGGERISCO A BINDI,BOLDRINI,LUXURIA E VENDOLA DI COMPRARSI IL BURQA VISTO CHE TRA POCO SARÀ OBBLIGATORIO INDOSSARLO IN ITALIA
    IO DA MASCHIO VIVRÒ ALLA GRANDE DA POLIGAMO STUPRATORE FANKAZZISTA NEOISLAMICO....!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  34. Sarà un Sacrestano bergogliano anticattolico

    RispondiElimina
  35. MA QUEI FARLOCCHI POLITICANTI SINISTRATI RINNEGHEREBBERO PURE LA LORO MADRE PUR DI FARE CARRIERA NELLA SPORCA PIDDINA E RIFONDAROLA LANDA.
    È IRRECUPERABILE COME UNO SCARTO NON RICICLABILE.
    VUOTO A PERDERE.

    RispondiElimina
  36. FORZA DAI CASAPOUND CHE SIAMO CON VOI....



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/lasciate-gli-immigrati-al-largo-gli-italiani-chiudono-le-frontiere/1096749/


    20 Febbraio 2015

    "Lasciate gli immigrati al largo".
    Gli italiani chiudono le frontiere.
    Un italiano su tre contrario a salvare gli immigrati in mare. E il 72% teme un attacco terroristico dallo Stato islamico.

    Sergio Rame

    Gli italiani hanno paura dell'avanzata dello Stato islamico. Un'avanzata che passa inevitabilmente dall'inferno libico e dall'invasione degli immigrati dal Mediterraneo. Così, se il 72% degli italiani teme che l'Italia possa essere vittima degli attentati dell'Isis, un cittadino su tre è favorevole alla proposta del leader della Lega Nord Matteo Salvini di soccorrere i clandestini in alto mare e lì lasciarli.Secondo il sondaggio fatto dall'Istituto Ixè di Roberto Weber per Agorà, gli italiani temono seriamente i jihadisti del Califfato nero. Tuttavia, di fronte all’ipotesi di un intervento militare in Libia, il 63% si dichiara contrario pur sapendo che i miliziani dello Stato islamico potrebbero infiltrarsi proprio sui barconi che ogni giorno partono dalle coste libiche per raggiungere la Sicilia e da qui arrivare nelle principali capitali europee. Un italiano su tre (esattamente il 34%) è, infatti, d’accordo con Salvini che qualche giorno fa ha detto che i clandestini "andrebbero lasciati al largo" delle coste italiane.



    Commenti

    RIBUTTATELI TUTTI A MARE!

    RispondiElimina
  37. http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/?s=profughi#/renzi-manda-profughi-loro-spacciano-nuovo-caso-a-padova/


    Renzi manda ‘profughi’:
    loro spacciano, nuovo caso a Padova.

    20.2.2015

    PADOVA. Profugo-spacciatore arrestato dalla polizia locale. E l’assessore alla sicurezza Saia sbotta: “Altro che richiedenti asilo, noi continuiamo ad arrestare spacciatori”.
    L’arresto è avvenuto sabato scorso quando due agenti della polizia locale hanno notato, sul Borgomagno, un soggetto di colore, Obeto Kester, nigeriano di 30 anni, senza permesso di soggiorno, mentre girava in bici. L’uomo ha imboccato via Liberi e ha raggiunto un padovano quarantenne con cui si è appartato per consegnare due involucri di colore azzurro
    A quel punto gli agenti sono intervenuti e hanno trovato la marijuana. Il nigeriano è stato poi perquisito, fotosegnalato e arrestato. Il pubblico ministero di Padova, rietta Canova, ha disposto il processo per direttissima ma poi il giudice ha rinviato il processo ad altra data.
    “Mentre Renzi manda in Veneto quelli che lui chiama richiedenti asilo, noi continuiamo ad arrestare spacciatori – commenta Maurizio Saia, Assessore alla sicurezza – Il signore fermato sabato era sbarcato in Italia come profugo e, dopo la richiesta, gli era stato riconosciuto lo status di rifugiato. Status poi ritirato. Non a caso e non solo a lui.

    RispondiElimina
  38. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2015/02/20/maro-il-tribunale-di-nuova-delhi-rinvia-udienza-al-12-marzo_22ad6fd2-0401-40d8-87ce-827d80af1700.html



    ENNESIMA VERGOGNA DI UN GOVERNICCHIO...

    RispondiElimina
  39. http://www.secoloditalia.it/2015/02/fiaccolata-fratelli-ditalia-pantheon-stop-immediato-agli-sbarchi/

    RispondiElimina
  40. http://www.secoloditalia.it/2015/02/il-giorno-dopo-lassalto-dei-teppisti-olandesi-marino-come-ponzio-pilato/




    Sindaco fru fru indegno da cacciare via da Roma

    RispondiElimina
  41. http://voxnews.info/2015/02/20/governo-olandese-non-risarcira-danni-marino-ne-prende-atto/





    Fannullone parassita inutile e dannoso x Roma

    RispondiElimina
  42. http://www.ilvelino.it/it/article/2015/02/20/palestina-zanetti-a-m5s-e-sel-ok-a-stato-ma-prima-riconoscano-israele/a8c3b366-8a45-417a-b68a-8baaaabb6ac1/




    HAMAS PALESTINESE COVO DI TERRORISTI INFAMI

    RispondiElimina
  43. http://voxnews.info/2015/02/20/ius-soli-altre-3-islamiche-integrate-si-uniscono-ad-isis-foto/





    NON CI È DATO DI SAPERE SE ANDRANNO A FARE LE PUTTANE IN TERRA DI ISIS OPPURE LO FARANNO ASSIEME A MAOMETTO ED IN QUEST'ULTIMO CASO POTRANNO FARSI SALTARE IN ARIA COL TRITOLO FICCATO NEL KIURLO SOLO SE IN VITA LORO NON AVRANNO MAI ASSAGGIATO IL BISCOTTO DI CARNE MA ...!!!!!!!
    TRE TROIE IN MENO DA LONDRA A CUI AUGURO TUTTO IL MALE DEL MONDO..........PRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  44. http://www.strill.it/citta/2015/02/lamezia-cz-casapound-fuori-equitalia-dalla-mia-citta-striscione-affisso-per-protestare-contro-i-metodi-scorretti-di-riscossione/



    RispondiElimina
  45. http://www.strill.it/citta/2015/02/lamezia-cz-casapound-fuori-equitalia-dalla-mia-citta-striscione-affisso-per-protestare-contro-i-metodi-scorretti-di-riscossione/



    Lamezia (Cz) – CasaPound: “Fuori Equitalia dalla mia città”. Striscione affisso per protestare contro i metodi scorretti di riscossione

    venerdì 20 febbraio 2015 15:56


    Questa notte i militanti di CasaPound hanno affisso uno striscione presso la sede di Equitalia con scritto “Fuori Equitalia dalla mia città”, un altro striscione che recita “Non suicidarti, ribellati” è stato affisso nei pressi dello stadio D’Ippolito. Il gesto è legato al recente suicidio di un imprenditore lametino a cui era giunta una cartella esattoriale da Equitalia.“Ci chiediamo perché nel mirino di Equitalia – spiegano i militanti nella nota stampa – finiscano sempre più spesso lavoratori dipendenti, piccoli e piccolissimi imprenditori, pensionati e liberi professionisti e mai titolari di grandi imprese e proprietà immobiliari, auto e beni di lusso, al quale basta usare prestanomi o intestare tutto a società di capitali per sfuggire alla società di riscossione”.
    “Equitalia in pochi anni ha raddoppiato gli incassi, usando tassi di interesse altissimi, come quelli applicati dalle banche sui prestiti, preferendo agire sempre su chi ha poco da pagare ma che è in possesso di qualche piccolo bene da pignorare, spingendo migliaia di famiglie a scegliere se finire nelle mani gli usurai o perdere la casa all’asta giudiziaria. CasaPound Italia – hanno concluso – non è dalla parte degli evasori fiscali, anzi, siamo sempre stati convinti che l’evasione fiscale sia una vera piaga sociale che va combattuta in modo serio e inflessibile. Ma ciò non ci impedisce di notare che i metodi di riscossione siano iniqui”.






    - See more at: http://www.strill.it/citta/2015/02/lamezia-cz-casapound-fuori-equitalia-dalla-mia-citta-striscione-affisso-per-protestare-contro-i-metodi-scorretti-di-riscossione/#sthash.c0IbkSv8.dpuf

    RispondiElimina

  46. http://www.lameziaclick.com/politica/2015_02_20/casapound-fuori-equitalia-dalla-mia-citta-striscione-affisso-protestare-contro-metodi-scorretti-di-riscossione_8255



    CasaPound: “Fuori Equitalia dalla mia città”. Striscione affisso per protestare contro i metodi scorretti di riscossione

    venerdì 20 febbraio 2015 15:300

    Blitz_Equitalia_casapound

    LAMEZIA TERME (CZ) – Questa notte i militanti di CasaPound hanno affisso uno striscione presso la sede di Equitalia con scritto “Fuori Equitalia dalla mia città”, un altro striscione che recita “Non suicidarti, ribellati” è stato affisso nei pressi dello stadio D’Ippolito. Il gesto è legato al recente suicidio di un imprenditore lametino a cui era giunta una cartella esattoriale da Equitalia.

    “Ci chiediamo perché nel mirino di Equitalia – spiegano i militanti nella nota stampa – finiscano sempre più spesso lavoratori dipendenti, piccoli e piccolissimi imprenditori, pensionati e liberi professionisti e mai titolari di grandi imprese e proprietà immobiliari, auto e beni di lusso, al quale basta usare prestanomi o intestare tutto a società di capitali per sfuggire alla società di riscossione”.

    “Equitalia in pochi anni ha raddoppiato gli incassi, usando tassi di interesse altissimi, come quelli applicati dalle banche sui prestiti, preferendo agire sempre su chi ha poco da pagare ma che è in possesso di qualche piccolo bene da pignorare, spingendo migliaia di famiglie a scegliere se finire nelle mani gli usurai o perdere la casa all’asta giudiziaria. CasaPound Italia – hanno concluso – non è dalla parte degli evasori fiscali, anzi, siamo sempre stati convinti che l’evasione fiscale sia una vera piaga sociale che va combattuta in modo serio e inflessibile. Ma ciò non ci impedisce di notare che i metodi di riscossione siano iniqui".

    RispondiElimina
  47. http://fai.informazione.it/p/A516F0BD-ED89-40D2-8FB5-8D0E5E562DE4/CasaPound-Fuori-Equitalia-dalla-mia-citta-Striscione-affisso-per-protestare-contro-i-metodi

    RispondiElimina
  48. http://voxnews.info/2015/02/20/profughi-sfondano-vetrate-e-sequestrano-anziana-agenti-guardano/


    MALEDETTI EINUCHI IN DIVISA

    RispondiElimina
  49. http://www.intelligonews.it/roma-feyenoord-cozzoli-fi-roma-indifesa-con-lisis-sarebbe-una-strage-a-casa-questore-e-prefetto/


    Povera italietta ridotta ad una gigantesca favela dal 26.7.1943 in poi. ...

    RispondiElimina
  50. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/02/16/libia-isis-oggi-riunione-consiglio-sicurezza-onu.-telefonata-gentiloni-kerry._a3943585-c1e3-424c-b8ee-d62191dc5617.html



    Londra cerca 3 ragazzine, 'unite all'Isis'.

    Stefano De Paolis



    20 febbraio 2015 17:08

    Tre adolescenti inglesi arruolate per la guerra santa dei terroristi. Scotland Yard e' alla ricerca di tre ragazze di 15 e 16 anni, di una scuola dell'est di Londra, che sarebbero partite per la Turchia con l'intenzione di unirsi ai jihadisti dell'Isis in Siria. Shamima Begum, 15 anni, Kadiza Sultana, 16 e un'altra 15enne sono state viste l'ultima volta, con i bagagli e ben vestite, martedi' scorso all'aeroporto di Gatwick da dove hanno preso un volo per Istanbul. Alle famiglie avevano detto che avrebbero trascorso la giornata fuori, approfittando della pausa scolastica di meta' semestre. Secondo i media britannici, le tre ragazze erano molto amiche e avrebbero maturato insieme la loro decisione. ''La nostra piu' grande preoccupazione e' la sicurezza di queste giovani ragazze'', ha detto Richard Wolton capo dell'anti-terrorismo di Scotland Yard rivolgendo un appello ''a chiunque abbia informazioni sulla loro scomparsa di rivolgersi alle autorita'''.















    RispondiElimina
  51. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/20/salvini-visita-il-campo-rom-contestato-dagli-antagonisti/1096771/


    20 Febbraio 2015

    Salvini visita il campo rom. Un incontro assolutamente tranquillo quello tra il leader della Lega e i rom......

    Andrea Riva

    "Sono qui per ribadire che, per quanto mi riguarda, i campi rom non ci dovrebbero essere". Così Matteo Salvini ha commentato la sua visita al campo rom di via Negrotto a Milano.Il leader della Lega è arrivato al campo rom intorno alle undici.......
    Il leader della Lega ha poi parlato con alcuni abitanti del campo con i quali ha avuto uno scambio di vedute del tutto pacifico. "Diritti e doveri - ha detto Salvini - sono uguali per tutti: visto che sono italiani la casa se la comprino, facciano un mutuo come gli altri, ma non esiste vivere abusivamente.



    Commenti

    gzorzi
    Se ti inventi un modo di cacciarli, arriveresti al 100% dei consensi.



    Giorgio5819
    Spero che un virus colpisca tutti i comunisti italiani.



    biricc
    Tutte le mattine faccio tre chilometri a piedi per andare al lavoro e strada facendo incontro dei neri in bicicletta che a loro volta vanno a lavorare. Ci salutiamo cordialmente e con alcuni ho fatto pure amicizia. Gli stranieri che vengono in italia per fare il loro dovere sono i benvenuti mentre tutti gli altri vanno cacciati compresi i rom che vivono solo di espedienti e furti. Ebbene è vero, sono un razzista.

    RispondiElimina
  52. http://voxnews.info/2015/02/20/governo-su-clandestini-se-non-ce-piu-posto-va-trovato/



    Meticciamento e distruzione dell'italia....maledetti. !!!

    RispondiElimina
  53. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11758792/Gino-Paoli--i-soldi-in.html



    Evasore di cacca come tutti i piddini ex PCcini. ..



    Patrizia Atla
    e tutto questo schifo sinistro accusava Berlusconi di evasione fiscale!! SINISTRI....FATE TROPPO SCHIFO !!SIETE MARCI E CORROTTI DUE VOLTE PERCHE' COMMETTETE IL REATO MA SIETE SEMPRE PRONTI A CONDANNARE ,PER LO STESSO REATO CHE VOI AVETE COMMESSO , CHI HA IDEE POLITICHE DIVERSE DALLE VOSTRE. SIETE UN CANCRO PER LA SOCIETA' CIVILE.

    Mauro Pizzinato
    ..era stato costretto a ricevere nero dai compagni rossi....ahahahahaahahaha ....ma questo pensa che gli altri siano tutti dei coglioni come lui..

    RispondiElimina
  54. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11758792/Gino-Paoli--i-soldi-in.html


    IL CASO SI COMPLICA

    Gino Paoli, i soldi in nero per la Festa dell'Unità (e quel fermo in frontiera in Svizzera)

    20 febbraio 2015


    Ombre (nere) su Gino Paoli, sospetto "furbetto" fiscale, accusato di evasione per aver trasferito un vero e proprio tesoretto in Svizzera. E nel day-after dello scandalo, ecco arrivare altri particolari succulenti sulla vicenda. Tra questi, uno forse lo è più degli altri: il cantautore avrebbe intascato soldi (in nero) per partecipare alle feste dell'Unità, quelle della sinistra per intendersi. E non solo: alla frontiera svizzera è stato fermato mentre cercava di rientrare in Italia con una eccessiva (e sospetta) quantità di contanti, e per questo è stato multato dai doganieri.
    "Sono tutte balle" - Gino Paoli, 81 anni, è finito nell'occhio di ciclone. Lui tenta la difesa tramite il suo avvocato, Daria Pesce, che spiega: "E' assurdo che questa vicenda sia finita in pasto al pubblico, e comunque sono tutte balle e lo dimostrerò". Ma tant'è. L'attuale presidente della Siae nonché ex deputato del Partito comunista italiano, secondo la procura di Genova, in Svizzera avrebbe un conto da circa 2 milioni di euro. Mica bruscolini. Come detto, una parte consistente di questo denaro deriverebbe dai compensi ricevuti in nero per concerti svolti in tutta Italia e alle feste dell'Unità.
    "Ero costretto..." - Ma sui pagamenti in nero dei "compagni" non ci sono soltanto i sospetti. Già, perché ci sono quelle che assomigliano a granitiche certezze. Lo stesso Paoli, infatti, ha spiegato che all'epoca - tra il 2000 e il 2010 - era stato "costretto" ad accettare dei pagamenti in nero "alle feste dell'Unità, e adesso - aggiunge - quei soldi vorrei riportarli indietro". Parole e musica che emergono da una telefonata intercettata nei primi mesi del 2004. All'epoca il cantautore non era intercettato, ma lo era inveceAndrea Vallebuona, commercialista di cui Paoli era cliente, finito in manette a maggio per truffa e riciclaggio di soldi proprio in Svizzera. La vicenda-Paoli si arricchisce poi con l'episodio dello scorso dicembre: il cantautore è stato fermato dai finanzieri a uno dei valichi di confine con la Svizzera. Stava tornando in Italia, ed è stato perquisito. Il risultato? Sono state trovateparecchie banconote. Troppe banconote, troppe almeno rispetto a quanto è consentito dalla legge: secondo le indiscrezioni si trattava di diverse migliaia di euro. Così è scattata una segnalazione fiscale e una sanzione pecuniaria.









    COMMENTI

    mab
    La cosa più irritante è che questi immondi sinistri salgono sul pulpito per fare le prediche con quell'aria schifosa di superiorità. Per il resto non credo siano diversi dagli altri......



    Oscar1954
    Arriverà il giorno in cui ci sara' la resa dei conti e allora per i compagni comunisti saranno veramente cazzi acidi.

    afadri
    ...due milioni in Svizzera ...e il resto alla isole Cayman. Bravo Gino!!!


    boss1
    finirà tutto al bar come i quattro amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/20/gino-paoli-salta-concertoindisposizione_3119f0c3-dbdd-4934-b046-0fe67ae617b9.html

      21.2.2015

      Antifascista
      Compagnuccio
      Antiberlusca
      Antileganord
      Anti CPI
      Notav
      Ateo anticattolico



      TUTTI I PRESUPPOSTI PER ESSERE UN OTTIMO EVASORE FISCALE DI CACCA.

      Elimina
  55. http://www.radiofn.eu/?p=1484#sthash.56LphPl7.dpbs


    Democrazia erodiana

    Italia,
    un Paese sulla via di un democratico auto-genocidio

    Piero Vassallo 20 febbraio 2015

    Non senza rinnovare idealmente il mitico lancio dell’aviatore Keller sul parlamento democratico, che ha depenalizzato l’aborto alzando il vessillo del culocrate sessantottino Herbert Marcuse, rammentiamo ai politicanti, oggi in tutt’altre [futili] faccende affaccendati, gli allarmanti numeri delle statistiche, che rivelano l’indirizzo all’estinzione del popolo italiano.
    I democraticamente eletti chiacchierano in allegra, festosa, ebete continuazione. I severi numeri rivolgono all’illusione politica le parole scritte nel vocabolario dell’inquietante, dura e deprimente realtà plasmata dal buonismo.
    Ad esempio, le statistiche rammentano che, nel 1900, nacquero un milione di italiani, nel 2012 soltanto cinquecentomila. Il guru denatalista Georges Soros e Bill Gates gongolano. Il vespasiano sodomitico si illumina. I nichilisti contemplano i celesti orizzonti di un mondo senza più prolifici conigli.Tuttavia le attuali cinquecentomila nascite – 8,4 per mille, contro il 23 per mille del 1946, secondo le statistiche ufficiali – rivelano che la popolazione italiana si è stabilita sotto la c. d. “soglia di sostituzione”, formula che significa l’avviamento di un vero e proprio auto-genocidio. Il triste futuro degli italiani si comincia a intravedere nelle allarmanti statistiche: cinquantaquattro milioni di italiani a bassa fecondità e a rapido invecchiamento e 4.387.334 (dati ISTAT) immigrati in maggioranza giovani, prolifici e agguerriti. L’Italia inebetita e disarmata galoppa nella triste direzione di una estinzione spartana e/o bizantina. Infettati dalla retorica onusiana, il potere spirituale e quello politico stanno trasformando gli italiani in disarmati e castrati conigli.I poteri nazionali non sono lontani dalla stupidità squillante sulla bocca larga della famosa e chiacchierata attrice americana, la quale sostiene che l’uomo è il cancro della natura a lui superiore. Se non cambia l’indirizzo autolesionistico della politica e della “cultura” di riferimento, nel giro di cinquanta/sessanta anni l’Italia diventerà una colonia islamica. La drammatica storia dei paesi cristiani invasi e dominati dagli islamisti non ha fatto scuola. La storia non fa mai scuola. Solo il buonismo e la stupidità fanno scuola.
    Renzi minimizza. La Camusso approva e gongola. Bergoglio tripudia. La Boldrini esulta. Il giornalismo di regime applaude. La Marina Militare trasporta. La malavita accoglie e specula. Il terrorismo recluta. Gli italiani contemplano col fiato sospeso.
    Il vespasiano festeggia e rammenta le (inattuali e obliate) pagine dell’insospettabile Jean Paul Sartre sulla felicità dei pederasti francesi, in festa per l’occupazione nazista. (Per inciso: la descrizione sartriana del gongolamento pederastico nell’estate parigina del 1940 dovrebbe far riflettere i politici che si ostinano a non considerare lo stretto legame di pederastia e “amore” per la brutalità degli invasori di turno). Disgraziatamente il futuro italiano è già cominciato nel segno del masochismo e della fragilità. Il pio ministro degli esteri risponde alla cruda minaccia terroristica inchinandosi, con stile Schettino. Il ministro degli interni farfuglia.
    La stupidità politicante intanto si è schierata con gli americani e i cialtroni ucraini contro Putin, l’unico possibile, efficiente argine all’islam. La triste ombra di Maometto è sopra il futuro della delirante e umiliante politica italiana.

    Copyright ForzaNuova 2014

    RispondiElimina
  56. http://voxnews.info/2015/02/20/vincono-i-fanatici-islamici-torna-il-velo-in-scuole-friulane/




    SONO FROCI APPECORINATI E CI SVENDONO

    RispondiElimina
  57. http://music.fanpage.it/gianna-nannini-il-pm-chiede-il-processo-per-evasione-fiscale/


     


    Gianna Nannini:
    Il Pm chiede il processo per evasione fiscale.

    La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per evasione fiscale della cantante Gianna Nannini. Secondo le accuse l'autrice di "Hitalia" avrebbe evaso più di 3 milioni di euro. La difesa pronta a portare "nuova e decisiva documentazione capace di provare che non c'è stata nessuna evasione".
    Per la Procura di Milano dovrà essere processata per evasione fiscale di 3 milioni e 750 mila euro. Le indagini, infatti, condotte dal pm Adriano Scudieri hanno portato alla richiesta di rinvio a giudizio per l'autrice di "Hitalia" e lo scorso aprile portarono al sequestro della villa senese della cantante. Nonostante questo la stessa Nannini si difende tramite il suo avvocato Giulia Bongiorno che ha negato qualunque accusa e, anzi, ha fatto sapere che "la difesa, proprio in questi giorni, è entrata in possesso di nuova e decisiva documentazione" che proveranno "l'insussistenza dei fatti contestati".
    L'udienza preliminare, fissata dal gup Fabio Antezza, si terrà il 3 marzo e sarà là che si deciderà se mandare a processo la cantante che stando alla ricostruzione del pm avrebbe sottratto la cifra nell'arco di tempo che va dal 2007 al 2012 "interponendo tra la società milanese, la Gng Musica srl e della quale risulta essere proprietaria e amministratore unico, e le case discografiche Sony e Universal (estranee alle accuse) una società di diritto irlandese (Bad&Worth Limited) e un'altra di diritto olandese (Z-Music Enterprise B.V)" entrambe prive di una vera e propria struttura; tutto questo al fine di non pagare quanto dovuto al fisco italiano per le royalties di dischi e concerti.
    A questo si aggiungerebbero anche le detrazioni fiscali richieste per spese "inerenti attività canora" e che in realtà riguarderebbero arredi e decorazioni di una casa nel piacentino. I soldi risparmiati sarebbero stati usati per acquistare un appartamento da 1,1 milione di euro a Londra. Per questi motivi ci sarebbe stato il sequestro avvenuto lo scorso aprile. "Proprio in questi giorni la difesa è entrata in possesso di nuova e decisiva documentazione capace di provare che non c'è stata nessuna evasione. Porterò questi atti alla magistratura che potrà constatare l'insussistenza dei fatti contestati. Oltretutto si tratta di accuse che riguardano una società e non certamente Gianna Nannini" ha detto l'avvocato Bongiorno.

    RispondiElimina
  58. http://voxnews.info/2015/02/20/scrittrice-giapponese-di-successo-con-gli-immigrati-ci-vuole-lapartheid/


    ARTICOLO SU DI UNA NAZIONALISTA GIAPPONESE CON LE PALLE E LE IDEE CHIARE CHE ABITA LÌ DOVE GLI ISLAMICI NON ARRIVERANNO MAI PERCHE NON SONO BENE ACCETTI. QUANDO SI HANNO LE IDEE CHIARE SULLA PROPRIA IDENTITÀ PATRIOTTICA NON SI CORRE IL PERICOLO DI VEDERSI INVASI DA UNA FECCIA DISUMANA SPACCIATA PER PROGRESSO E SVECCHIAMENTO.

    RispondiElimina
  59. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/21/in-fiamme-grattacielo-a-dubai_f07ac337-1c2a-42fe-85c0-c594fec98d0c.html


    Mi auguro che il fuoco dell'inferno dantesco purifichi un territorio naturale sconvolto dalla mano dell'uomo ed abitato da beduini in Rolls Royce con barracano e corano.
    Amen

    RispondiElimina
  60. Alle festicciole dell'Unità i cittadini elettori sinistrati erano OBBLIGATI a dare un contributo in soldi per pagare le spese. E quel marpione del genovese Gino Paoli veniva strapagato in nero alla faccia di quei cojones e beotes. E Beppe Grillo lo difende perché anche lui è un Compagnuccio di merende in evasioni fiscali. E Paoli l'hanno pure eletto in passato Deputato nel PCI...

    Minggiunazza che ladrone da cricifiggere mediaticamente e penalmente.
    Che esseri immondi se riescono a fottere il popolino senza pietà così come fanno i jihadisti Isis.
    2-3milioni di euro portati in Svizzera quelli potuti accertare. ...e gli altri? ???
    Secondo voi è l'unico del PCI PDS DS PD che in 75 anni ha rubato? ???????

    RispondiElimina
  61. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/un-italiano-combattente-nellisis-ucciso-a-kobane/1097002/


    https://m.facebook.com/41372465810/photos/a.10151214289260811.449477.41372465810/10152634526615811/?type=1&source=46&refid=17



    Commenti sul combattente italiano pro isis Francesco ucciso a Kobane in Iraq da cecchina curda. ..

    Povero mona ! ... Magari non ha fatto la naja perché obiettore di coscienza.
    Un applauso alla cecchina curda.
    Marcello Morelli dice che suo figlio questi li ha combattuti in Afghanistan. Chi fa scelte, sbagliate per me, giuste per l'italiano convertito, se ne assume la responsabilità. Non una lacrima. La riservo per quello che lui potrebbe avere sgozzato.
     Italiano questo? Ma neanche se andava a combattere con l'Invicta e il Woolrich... l'italiano che ho in mente io prima di morire ha detto al boia "vi faccio vedere io come muore un italiano".
    Non si tratta di un ragazzo idealista ma di assassino delle peggiore specie: non confondiamo, come di moda in questo povero paese, chi combatte per un' idea e chi è un criminale O vogliamo dire che anche "Jmmy l'inglese" (il boia tagliagole dell'ISIS) vada rispettato per le sue idee?????? In italia, sembra sempre che tutti abbiano gli stessi diritti, come l'esempio di delinquenti che chiedono risarcimenti a chi, giustamente li contrasta e magari li danneggia (ovviamente spalleggiati da avvocati compiacenti). Poi, come diceva Totò " de gustibus..." Ah, per il povero ragazzo sapere di essere stato ucciso da una donna vorrà dire che non andrà nel paradiso delle 70 vergini....bene. ...bene. ..gli rodera' il culo? ?????
    Ottimo. ....nel CORANO è scritto che chi viene ucciso da una donna non va in paradiso..........fanculo.!!!!!!!!!!
    Toni Capuozzo dice che viene indicato come di Venezia. Si chiamerebbe Francesco.

    Vinceremo non uccidendoli tutti ma convincendo le nuove generazioni che si tratta solo di criminali che strumentalizzano la fede. L'Occidente torni a credere in se stesso con orgoglio!!!!!!!!
    diamogli la cittadinanza italiana alla meravigliosa cecchina.......onore alla curda anti Isis.....
     adesso ride con un buco nella testa. Non poteva stare a casa tranquillo e farsi una famiglia?
    di certo con quell'arma in mano non era andato ad aiutare la popolazione !!!!
    Ungiamo il suo corpo con grasso di maiale...quindi è stato ucciso da una donna ed è stato a contatto kn un maiale.....così lo schifa pure il suo Dio Allah....vaffanculo.......merda di italiano del cazzo......
    Un bastardo in meno in giro. Dovevano giustiziarlo appendendolo per lo scroto.
    Standing ovation per la cecchina curda 
    Chi semina vento...raccoglie pallottole in corpo.....
    visto che esportiamo anche manovalanza bellica, davanti alle donne cecchine kurde manderei anche i mafiosi e i comunistoidi italiani. .... per dire...
    E pensare che questi inetti che stanno al governo sono arrivati a concedere la cittadinanza italiana a chi odia la nostra cultura e la nostra societa'!
     Spero che un giorno la maggior parte degli italioti sblocchino il cervello e arrivino a capire che il male italiano e' al suo interno,nelle persone che lo governano illegittimamente che stanno devastando la societa' italiana dall'interno a partire dai giovani,indotti ad allevare cani o a fare i fighetti fino ai 40 anni e passa.
    Speriamo sia il primo di una interminabile serie......
    mi raccomando ora mandiamo un volo di stato a recuperarlo, funerale di stato (è un italiano morto all'estero per missione di pace ovviamente il mitra è della Mattel)poi un'interrogazione di Pannella e uno di Vendola ed ovviamente un minuto di silenzio allo stadio....
    Questi vanno a combattere con giubotti da 700€ (in foto parrebbe un peuterey). È un dettaglio che pare non dire nulla, ma che secondo me dice molto.
    Godo un mondo, convertito di merda,combatte con schifosi tagliagole , ucciso da UNA DONNA, , addio alle 72 vergini . PIRLA !!!Massimo rispetto alla cecchina, in questo caso possiamo ben dire uno di meno .

    RispondiElimina
  62. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/un-italiano-combattente-nellisis-ucciso-a-kobane/1097002/


    21 Febbraio 2015

    "Un italiano combattente nell'Isis ucciso a Kobane" Si tratterebbe di un veneziano in Siria per combattere con il Califfato contro l'italia..

    Chiara Sarra

    Un combattente italiano, probabilmente veneziano di nome "Francesco" sarebbe stato ucciso a Kobane da una donna cecchino curda.

    La notizia ha fatto prima il giro di diversi siti italiani, ma è stata riportata anche da giornalisti come Toni Capuozzo (Mediaset) e dal TgLa7, ma al momento non c'è nessun riscontro ufficiale. Il ragazzo si faceva chiamare Abu Izat al-Islam e sarebbe morto il il 3 febbraio scorso nel Kurdistan siriano, ai confini con la Turchia. A diffondere la notizia sarebbe stato ancora il 3 febbraio, @orhanbalyan in lingua turca su Twitter. Oggi Capuozzo aveva scritto su Facebook che "Fonti dello Stato Islamico annunciano sui social network la morte di un italiano. L’uomo, del quale non si conoscono le generalità ma che era conosciuto con il nome di battaglia di Abo’u Izat Al-islam, si era unito alle forze dello Stato Islamico da circa due mesi quando sarebbe rimasto ucciso ai primi di febbraio da forze peshmerga. Secondo fonti Isis, il presunto jihadista italiano era originario di Venezia. La morte risalirebbe al tre febbraio e ad ucciderlo sarebbe stato un cecchino curdo donna".


    Commenti

    MelPas
    "Un italiano dell'Isis ucciso a Kobane da una donna" Adesso sarai in paradiso al fianco di Osama Bin Laden e maomettuccio....!!!!!!!!

    Roberto Casnati
    Uno di meno!

    Tino Gianbattista Colombo
    Chi semina vento riceve tempesta e cosi sia

    Pitocco
    Brava la cecchina curda, ne servirebbero qualche migliaio per eliminare questi inutili parassiti.

    john galt
    UN CAZZONE DI MENO E UNA DONNA LIBERA IN PIU' . UN GRANDE SUCCESSO PER LA LIBERTA' E PER LA VITA DEI GIUSTI. AMEN.

    FRANCO1
    è morto contento per una causa alla quale ha ritenuto liberamente partecipare.

    Giorgiopin
    peggio per lui.....doveva stare a casa Italia Patria sua

    marcothai
    mi auguro sia morto tra le sofferenze piu' atroci . Oggi festeggio caviale e champagne...!!!!!!

    RispondiElimina
  63. http://voxnews.info/2015/02/20/tsipras-capitola-accetta-austerita-e-tradisce-elettori/



    ERA STATO SCRITTO A CHIARE LETTERE CHE TSIPRAS FOSSE UN GRILLO RACCONTA BALLE E TANT'È CHE SI ERA ALLEATO CON LA DESTRA PRO UE E I GRECI COJOTES SONO STATI INDOTTI CON L'INGANNO DIETRO AD ELEGGERE UN PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONSERVATORE.
    ADESSO I GRECI CHE HANNO FATTO VINCERE SYRIZA LA PRENDERANNO NEL KIURLO.....AHAHAH

    RispondiElimina
  64. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11759043/Isis---ammazzato-da-un.html






    Isis, "ammazzato da un cecchino un italiano convertito che combatteva con i tagliagole"

    21 febbraio 2015

    Da venerdì sera gira una foto su Twitter, diffusa dalla Ypg (Unità per la protezione del popolo siriana). Nel tweet si annuncia l'uccisione sul fronte di
     Kobane di un convertito italiano di origine veneta, che viene indicato con il nome di battaglia Abo'u Izat Al-islam. Il ragazzo sarebbe stato ucciso da un proiettile sparato da una peshmerga del Ypg. Non è stato ancora confermato il fatto dalla Farnesina, ma la procura di Venezia ha fatto uscire alcune indiscrezioni riguardo alla partenza, circa due mesi fa, di un giovane convertito, indicato con il nome di Francesco, e che sarebbe dunque morto in nome della jihad, per combattere al fianco dei tagliagole dell'Isis.La notizia del jihadista italiana è subito rimbalzata su diversi siti web, ma anche Toni Capuozzo di Mediaset e il TgLa7 di Enrico Mentana la hanno rilanciata. Per ora, però, non c'è alcuna conferma ufficiale al fatto che la persona uccisa da un cecchino donna sarebbe italiana. L'uomo è stato ucciso lo scorso 3 febbraio nel Kurdistan siriano, ai confini con la Turchia. Il primo a diffondere la notizia della sua morte è stato l'account Twitter @orhanbalyan, in lingua turca. Capuozzo, da par suo, ha spiegato su Facebook: "Fonti dello Stato Islamico annunciano sui social network la morte di un italiano. L’uomo, del quale non si conoscono le generalità ma che era conosciuto con il nome di battaglia di Abo’u Izat Al-islam, si era unito alle forze dello Stato Islamico da circa due mesi quando sarebbe rimasto ucciso ai primi di febbraio da forze peshmerga. Secondo fonti Isis, il presunto jihadista italiano era originario di Venezia. La morte risalirebbe al tre febbraio e ad ucciderlo sarebbe stato un cecchino curdo donna". Dalla Libia dove imperversa il Califfato, nel frattempo, arriva la conferma di una nuova strage firmata Stato Islamico. Si tratta di tre esplosioni, due delle quali innescate da attentatori suicidi. La cittadine protagonista della strage si trova all'est della Libia , poco lontana da Derna, che è diventata la roccaforte degli jihadisti, e che lunedì scorso venne bombardata dagli aerei egiziani, le cui navi si trovano lungo le coste libiche per impedire il rifornimento delle armi agli estremisti. I morti jihadisti degli attacchi aerei sono 50, e ci sarebbero circa 80 feriti. La Libia è divisa politicamente da agosto, quando nelle città costiere del nord siede un esecutivo sostenuto dalla comunità internazionale che è stato cacciato da Tripoli dalle milizie islamiste.Queste divisioni interne rendono molto difficile e rallentano ogni intervento diplomatico tentato da Nazioni Unitee Unione Europea. Secondo l'incaricato d'affari del governo di Tobruk a Roma, Azzedine Al Awam, lo Stato Islamico sarebbe in controllo diSirte, città natale di Gheddafi. Venerdì Stati Uniti e alleati hanno bombardato dieci obbiettivi inIrak Siria. Si sta preparando dal Pentagono, verso la primavera, tra le 20 e 25 mila soldati iracheni e curdi addestrati dagli americani, che dovrebbero muoversi verso Mosule nella provincia di Anbar. Lì sono assediate le milizie dello Stato Islamico che hanno già giustiziato oltre 150 persone.

    RispondiElimina
  65. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11759043/Isis---ammazzato-da-un.html

    21.2.2015


    E devo dispiacermi della morte del ragazzo deficiente italiano ucciso da una valorosa donna kurde ? Andando a combattere a Kobane per quella gentaglia dell'Isis ha rinnegato il suo Paese Italia e ogni altracosa. Io piuttosto mi dispiaccio che questo idiota non sia stato fatto fuori prima.

    RispondiElimina
  66. In casapound si diffondono ideali patriottici ed identitari rivolti alla salvaguardia delle proprie origini.
    È indispensabile perpetuare le proprie origini giudaico/cristiane come baluardo alla invasione islamica anticattolica ed antidemocratica perché i coranici sono per uno Stato teocratico mussulmano intollerante delle altre religioni. Continuare in questa battaglia lo dobbiamo ai nostri Padri e ce lo chiedono i nostri figli che rischiano di essere in futuro solo degli schiavi di stranieri.

    RispondiElimina
  67. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/a-gorizia-lultimo-rifugio-degli-immigrati-deuropa-e-leldorado-deuropa/1096918/


    21 Febbraio 2015

    A Gorizia, l'ultimo rifugio ​degli immigrati d'Europa: "È l'Eldorado d'Europa"
    IN centinaia aspettano lo status di rifugiato politico. Ecco come, tra lungaggini amministrative e buchi legislativi, questo angolo d'Italia è diventato la Mecca per chi vuole ottenere una protezione che gli altri Paesi Ue ormai rifiutano.

    Giovanni Masini



    .......................
    Tra i più lesti ad intercettare questo umore negativo , i militanti di CasaPound. Quando li incontriamo in un bar davanti al monumento ai caduti della Decima Mas, tengono a mettere in chiaro un concetto: niente razzismi, ma in momenti di crisi devono venire prima gli italiani. Le garanzie previste dalle norme internazionali sulla protezione vengono viste come privilegi.
    Loro, i profughi, non sembrano rendersene conto. Sono a Gorizia per ottenere lo status di rifugiato; poi, molto probabilmente, se ne andranno. La Germania e i Paesi scandinavi sono ben più attraenti, quanto a opportunità di lavoro e welfare state. Nel frattempo però, tocca aspettare. Il vento delle Alpi sarà gelido, ma la strada per l’asilo passa di qui.



    Commenti

    gianniverde
    Io penso che la boldrini ne ospiterà parecchi a casa sua.!?


    Solistu
    cominciare subito una campagna informativa nei paesi dai quali s'imbarcano con dei volantini con su scritto che l'italia non potrà piu sostenere i salvataggi e che i centri sono saturi nonchè il malcontento della popolazione! bisogna cominciare a dissuadere le traversate e non incentivarle


    cicero08
    A Nuova Gorica, invece, il rifugio di Manenti ...


    corto lirazza
    E' bello aspettare lo status di rifugiato intanto che qualcuno ti mantiene. Se poi dovesse andare male, c'è sempre il commercio al minuto della droga.


    marcomasiero
    ITALIA serva prona allo straniero e cloaca d' europa
    per colpa della Caritas parassita e affarista.
    Gianca59
    Preso ieri un aereo da una capitale europea verso l' Italia: sono rimasto impressionato dal numero di africani che lo hanno preso. Non so cosa venissero a fare in Italia, ma di certo in aeroporto la maggior parte degli africani era davanti la gate di questo aereo !


    Luigi.Morettini
    "Nel capoluogo isontino arrivano afghani e pakistani dai paesi più ricchi dell'Unione Europea. Perché?" Perchè? Semplice, perchè in Italia è notorio che si può fare TUTTO quello che in TUTTI gli altri paesi europei non è consentito. Saranno pure profughi, ma non di certo scemi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli unici scemi siamo noi italioti che non scendiamo in piazza armati per ripristinare la legalità....

      Elimina
  68. Per quanto riguarda i fatti di Roma.
    Mi auguro che vengano visionate le riprese delle telecamere di sorveglianza e sicurezza di zona per identificare gli ambulanti cingalesi e Bangladesh che hanno venduto migliaia di bottiglie di birra in dispregio del divieto e anche le riprese delle telecamere di sicurezza all'interno dei supermercati di zona per identificare chi ha venduto e chi ha comprato superalcolici violando il divieto.
    Invece di gettare fumo negli occhi il pirlone sindaciuccio soMarino dovrebbe spiegare le tante licenze ambulanti assegnate per la vendita di alimenti a stranieri nel centro storico di Roma per motivi elettorali.
    Dice bene il questore D'angelo a non aver ordinato una carica visto che sono due anni che questa amministrazione comunale se ne frega del bene della città e lascia centinaia di zingari e clandestini vendere abusivamente ciarpame cinese. E adesso ha la faccia tosta di far finta di nulla....limortaccisua

    RispondiElimina
  69. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/21/il-prefetto-pecoraro-quot-non-mi-dimetto-quot-1.1381186



    IL PREFETTO AVREBBE DOVUTO CACCIARE VIA MARINO AND COMPAGNIA CANTANDO...

    RispondiElimina
  70. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/21/timbuktu-film-anti-jihad-vince-ai-cesar_f074b89f-1439-4315-a6ee-4a4d29e1206f.html


    ANTI JIHAD FOREVER
    VIVA IL CRISTIANESIMO
    ABBASSO ISLAM ANTICRISTIANO

    RispondiElimina
  71. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/21/record-furticolpita-casa-ogni-2-minuti_18165e17-a7ed-4df6-83a4-a30385a0a158.html


    RINGRAZIAMENTI VANNO A

    NAPOLITANO
    PRODI
    MONTI
    D'ALEMA
    VELTRONI
    BOLDRINI
    GRASSO
    RUTELLI
    PANNELLA
    BERGOGLIO
    RENZI
    BERTINOTTI
    VENDOLA
    CAMUSSO
    CAPANNA
    FO
    GRILLO
    DI BATTISTA
    ETC
    ETC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lista sarebbe lunga partendo dal 26.7.1943 in poi. ...

      Elimina
  72. Il titolo di Paese più cazzone del mondo non ce lo toglie più nessuno. Non si possono neppure biasimare, i nomadi: quando si ha a che fare con coglioni simili, sarebbe quasi delittuoso non approfittarne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli zingari sono come i mafiosi e a carico loro andrebbe applicato il 416bis e 416bos...

      Elimina
  73. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/02/21/italiano-muore-combattendo-per-l-isis-1.1381034


    UN COGLIONE CHE AVEVA SMESSO DA TEMPO DI ESSERE ITALIANO DIVENTANDO UNA MERDA TALEBANA.
    SONO CONTENTISSIMO CHE UNA DONNA LO ABBIA INCULATO COSÌ QUANDO ARRIVA AL COSPETTO DI MAOMETTUCCIO SI BECCHERA' TANTI JIHADISTI CHE LO SODOMIZZERANNO COME MERITA.

    PIRLONEEEEEEEEEEEEEE

    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bastardo traditore ha avuto il giusto x lui

      Elimina
  74. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/20/tifosi-condannati-e-gia-rispediti-liberi-a-casa-loro-1.1380711



    CHISSÀ SE IL GIUDICE AVRÀ CHIESTO AI TIFOSI OLANDESI DA QUALE AMBULANTE MESSO LÌ DA MARINO HANNO COMPRATO IL SUPERALCOLICO IN BOTTIGLIA DI VETRO.

    RispondiElimina
  75. Siamo un popolo che rifiutando il fascismo di Mussolini si avvia alla colonizzazione islamica e cinese.

    RispondiElimina
  76. http://voxnews.info/2015/02/20/porta-cane-a-spasso-accerchiata-e-lapidata-da-immigrati-video-testimonianza/




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maledetti jihadisti ma coglioni i danesi che hanno fatto entrare quei bastardi fottuti credendo di occidentalizzarli ed invece finirà al contrario...

      Elimina
    2. I danesi hanno voluto rinnegare il loro passato e le loro tradizioni millenarie e adesso ne piangeranno le conseguenze.

      Paola Livorno

      Elimina
  77. http://www.lamezialive.it/casapound-protesta-contro-equitalia/

    20 FEBBRAIO 2015

    Casapound protesta contro Equitalia.


    La notte scorsa i militanti di CasaPound hanno affisso uno striscione presso la sede di Equitalia con scritto “Fuori Equitalia dalla mia città”, un altro striscione che recita “Non suicidarti, ribellati” è stato affisso nei pressi dello stadio D’Ippolito. Il gesto è legato al recente suicidio di un imprenditore lametino a cui era giunta una cartella esattoriale da Equitalia.
    Ci chiediamo perché nel mirino di Equitalia – spiega Casapound nella nota stampa – finiscano sempre più spesso lavoratori dipendenti, piccoli e piccolissimi imprenditori, pensionati e liberi professionisti e mai titolari di grandi imprese e proprietà immobiliari, auto e beni di lusso, al quale basta usare prestanomi o intestare tutto a società di capitali per sfuggire alla società di riscossione.
    Equitalia in pochi anni ha raddoppiato gli incassi, usando tassi di interesse altissimi, come quelli applicati dalle banche sui prestiti, preferendo agire sempre su chi ha poco da pagare ma che è in possesso di qualche piccolo bene da pignorare, spingendo migliaia di famiglie a scegliere se finire nelle mani gli usurai o perdere la casa all’asta giudiziaria. CasaPound Italia non è dalla parte degli evasori fiscali, anzi, siamo sempre stati convinti che l’evasione fiscale sia una vera piaga sociale che va combattuta in modo serio e inflessibile. Ma ciò non ci impedisce di notare che i metodi di riscossione siano iniqui.

    RispondiElimina
  78. http://voxnews.info/2015/02/20/copenhagen-in-centinaia-gli-immigrati-al-funerale-del-terrorista-islamico-foto-schock/


    DOVREBBERO RITIRARGLI LA CITTADINANZA E CACCIARLI VIA DALLA DANIMARCA AI COMPLICI MORALI E MATERIALI DEL TERRORISTA JIHADISTA ALTRIMENTI TRA QUALCHE ANNO DIVENTERANNO PADRONI DELLA NAZIONE CHE SARÀ ISLAMIZZATA IL GIORNO DOPO...
    AMEN

    RispondiElimina
  79. http://www.nocristianofobia.org/scuola-e-lavoro-ecco-il-volto-feroce-della-francia-laicista/



    VAFFANCULO GLI ANTICATTOLICI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sinistra mondiale si è alleata coi jihadisti islamici per sottomettere i cattolici e distruggere le altre religioni differenti.
      Figli di puttana i nostri politici traditori.

      Elimina
  80. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/rai-regali-ai-vip-da-25-milioni-ce-pure-il-quadro-per-napolitano/1097240/



    21 Febbraio 2015

    Rai, regali ai vip da 2,5 milioni: c'è pure il quadro per Napolitano.
    Foulard, spille, stoffe preziose e Montblanc. Viaggio nello showroom dove le segretarie dei direttori scelgono tra i 300 articoli messi a disposizione. Ecco a chi sono andate le regalie

    Sergio Rame

    C'è un po' di tutto nel lungo elenco dei regali di mamma Rai. Regali che viale Mazzini ha elargito a destra e a manca. Tutti i vip della politica ne hanno beneficiato. Chi con un paio di orecchini, chi con un bell'orologio. L'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per esempio, ha ricevuto in dono un gran bel quadro. La lista dei beneficiari è, appunto, lungo. Tra i regali figurano anche foulard, coperte, spille, agende, stoffe preziose, pen drive e Montblanc. A fare i conti in tasca alla Rai ci ha pensato il Fatto Quotidiano 
    scoprendo che in otto anni sono stati sprecati due milioni 429mila euro per acquistare oltre 50mila regali per dirigenti e vipponi. Per tutti questi sprechi è stato punito Alfonso Greco, 55enne responsabile dell'ufficio che gestiva appunto i regali della Rai. Il 28 ottobre 2013 è stato licenziato per non aver tracciato il percorso delle regalie. "Ho portato al giudice tre faldoni di carte, migliaia di documenti, ogni contratto, tutte le forniture nella speranza di rendere trasparente il mio operato, pulita la mia coscienza - si difende Greco ai microfoni del Fatto - non potevo sindacare le destinazioni, non sapevo i nomi degli utilizzatori finali. Rispondevo solamente alle necessità che le direzioni avanzavano". La richiesta di reintegro è stata respinta. Tuttavia, i faldoni restano e svelano le dimensioni e il valore di tutti i regali. I regali della Rai venivano tenuti in uno showroom. Qui le segretarie dei direttori andavano a scegliere tra i 300 articoli messi a disposizione. Stando ai faldoni di Greco, nel 2005 la Rai diretta da Flavio Cattaneo spese un 1,4 milioni di euro. Nel 2006 la Rai diretta da Claudio Cappon tagliò le spese e fece regali "solo" per 416 mila euro. Dal 2006 la presidenza di viale Mazzini è affidata a Claudio Petruccioli. È stato lui a regalare a Napolitano Il Quirinale sotto la neve, un dipinto del pittore russo P.J Potchek del 1907. Il valore? 17mila euro.



    Commenti


    magnum357
    Fanculo tutta sta gente mantenuta a peso d'oro !!! Continuano a rubare a spese dei contribuenti !!!!! BASTA !!!!!


    nonnoaldo
    Roma delenda est!!!


    giottin
    claudio petruccioli, claudio petruccioli, claudio petruccioli, fatemi pensare c...p... petruccioli claudio ahhhh ci sono p...c...pc = partito comunista italiano, tutto torna!!!!


    silvano45
    ma mentre la gente muore di fame questi veri ...... saccheggiano il paese? allora è vero ci vuole una rivoluzione per cacciarli dai palazzi dove rubano saccheggiano soldi che non gli appartengono:


    Roberto Casnati
    Quale omaggio ha ricevuto il duro e puro Mattarella?


    Roberto Casnati
    Quale omaggio ha ricevuto il duro e puro Mattarella?

    RispondiElimina
  81. http://www.ilgiornaleditalia.org/video/861209/Predappio--dentro-la-Casa-del.html



    Bel video su Predappio e Benito Mussolini il Duce

    RispondiElimina
  82. QUESTO È UN BLOG FICO PERCHÉ SI DISCUTE DI TANTE COSE E APPROFONDITAMENTE.
    RINGRAZIO DI CUORE CASAPOUND.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente.

      Elimina
    2. Uno spazio virtuale patriottico identitario dove rimanere aggiornato su tutto come fosse una rassegna stampa e d'opinione a 360 gradi.

      Elimina
  83. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/spettacoli/862731/Una-lunga-storia---.html

    21.2.2015

    Una lunga storia... d'evasione fiscale.

    Gino Paoli indagato dalla Procura di Genova: 'Soldi portati in Svizzera' - Perquisita la villa del cantante, presidente Siae e già deputato Pci-Pds.

     
    Una lunga storia… d’evasione fiscale quella che vede Gino Paoli al centro di un’inchiesta della procura di Genova. Che contesta al cantante ligure, di simpatie di sinistra, il trasferimento all’estero di 2 milioni di euro sottratti al fisco e portati in Svizzera.
    L’indagine è nata da una branca dell’inchiesta relativa alla Carige. A mettere nei guai l’attuale presidente della Siae sarebbero state alcune telefonate intercettate in cui l’artista parlava con il suo commercialista. In arte Andrea Vallebuona, arrestato assieme all’ex presidente dell’istituto di credito ligure Giovanni Berneschi nell’ambito del procedimento che ha scatenato un terremoto non solo giudiziario, ma finanziario, e vede adesso coinvolta la Cassa di Risparmio di Genova. Nelle conversazioni i due parlerebbero di “traslocare” i soldi in Svizzera attraverso il Centro fiduciario di Carige. Il trasferimento risale, secondo la procura, a 7 anni fa. Con i soldi che non sarebbero stati né scudati né oggetto di dichiarazione di reddito. L’evasione fiscale – per i magistrati – ammonterebbe a 800 mila euro.
    Ma gli inquirenti ancora non sono riusciti a capire in quale banca elvetica è stato portato il “malloppo”. Per questo motivo la guardia di finanza ieri mattina s’è presentata a casa dell’ex deputato del Pci nel “Quartiere Azzurro” di Nervi e ha messo al setaccio la sua abitazione. Ma non solo. Pure la “Edizioni musicali senza fine”, la “Sansa” e la “Grande Lontra”, domiciliate presso un’altra società, la “Sis data” con sede a Genova.
    Il cantante s’è risparmiato un’autentica umiliazione grazie ad alcuni appuntamenti di lavoro che lo vedevano impegnato a Roma. Presto verrà interrogato e davanti ai magistrati dovrà dimostrare la sua estraneità ai fatti contestatigli. 

    RispondiElimina
  84. http://www.ilgiornaledivicenza.it/stories/446_vicenza/1050521_lautopsia_fatale_la_fucilata_del_benzinaio/?refresh_ce#scroll=2081


    21.2.2015


    COMMENTO

    A prescindere dalla verità oggettiva dei fatti, in primis, la schiacciante superiorità degli aggressori (5) contro ì’unico difensore (il benzinaio), che peraltro prova invano a DISSUADERE l’azione criminale dei cinque banditi (ricorrendo allo sparo di un colpo in aria), c’è un articolo della Costituzione, quì, ancora negletto: La giustizia si amministra nel nome del popolo italiano. E il popolo si è già espresso. Il caso è chiuso! Peccato .... non poteva avvenire con una morte piu lenta?

    RispondiElimina
  85. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/charlie-hebdo-boldrini-bisogna-fare-satira-in-un-modo-sostenibile/1097222/


    21 Febbraio 2015

    Charlie Hebdo, Boldrini: "Bisogna fare satira in un modo sostenibile"Il presidente della Camera si interroga sui limiti della libertà d'espressione. "Fino a che punto non ci possiamo aspettare reazioni quando si ride di una religione?"

    Luca Romano

    Irriverente e libera, ma fino a un certo punto. È il presidente della Camera, Laura Boldrini, a interrogarsi sul ruolo e i limiti della satira nella società occidentale, riflettendo ancora sui fatti di Parigi e sul massacro alla redazione delCharlie Hebdo.
    "Gli Stati europei sappiano far sentire la fermezza con cui difenderanno le libertà fondamentali - aveva detto all'indomani degli attentati -, in primo luogo quella di informare e di esprimersi". Ora sembra porsi qualche domanda in più e riflette sulla necessità di un "modo sostenibile" di ridere, "senza rinunciare alla nostra libertà".
    Liberi sì, ma fino a un certo punto. "Se esiste la mia libertà esiste anche quella dell'altro", dice il presidente della Camera, in visita all'Istituto Savoia-Benincasa di Ancona, parlando con gli studenti. E se, certo sul fatto che quella di Charlie Hebdo sia "stata una tragedia" dubbi non ne ha, e ci mancherebbe, chiede un "esercizio di metterci nei panni dell'altro".
    "Non si risponde alla matita con il proiettile", ma "fino a che punto non ci possiamo aspettare reazioni quando si ride di una religione?



    Commenti

    Euterpe
    Ma ancora riportate i vaneggiamenti di questa nullità?


    gabriele74-cina
    Boldrini, non ha nuovamente colto l'occasione per tacere. Invece di porsi dubbi su questioni tanto care a lei come l'islam di cui la invito personalmente a convertirsi e lasciare l'Italia, si ponga dei dubbi suo alquanto discutibile operato.


    Hammurabi
    Ma possibile che non capisca che la storia delle vignette satiriche è solo un pretesto per aggredire l'Occidente e le nostre libertà? Signora Boldrini, già che c'è, si metta in ginocchio, culo in aria e rivolta ad est!


    Pia 59
    A parte il fatto che noi italiani siamo costretti , obbligati a tollerare la vista di questa " donna", ma da quando in qua questa é in grado di capire una satira?


    semovente
    Meglio mettere le mani avanti. Con i tempi che corrono non si sa mai con l'islam che avanza al galoppo....ma non sa che poi dovrà girare in burqa dietro al maschio e subire gli stupri gongolando?????


    pinox
    ma fatela stare zitta questa deficiente..... SEI MIRACOLATAAA!! NON HAI NESSUN REQUISITO PER RICOPRIRE QUELLA CARICA!!


    CADAQUES
    É puro autoritarismo della ottusitá e della ignoranza ... É espressione del marciume dello stato pappone sopra la pelle delle fabbriche che chiudono, dei lavoratori senza lavoro, dei giovani senza speranza e senza futuro ... Sudiciume immondo appendiamola per i piedi e senza mutande a Piazzale Loreto ...


    Pia 59
    Anche sentendo le sue idiozie dovremmo aspettarci reazioni. Ma da dove é uscita queso tentativo di donna?Mi rivolta lo stomaco solo a vederla.


    beep
    E quando uccidono dei cristiani che reazione ha la Presidente Boldrini che non dice nulla. Ma perchè non se ne va, ma chi l'ha eletta .


    RispondiElimina
  86. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2015/02/21/terrorismo-francia-big-web-collaborino_5147a8d8-0961-4837-a7c8-1e9337257a78.html


    San Francisco.

    21 febbraio 2015 12:25

    Il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve, ha chiesto a Google, Facebook e Twitter di collaborare direttamente con gli investigatori francesi durante le indagini antiterrorismo e di rimuovere la propaganda terroristica dai rispettivi siti qualora le autorità lo chiedessero. "Abbiamo sottolineato che nel corso delle indagini non vogliamo passare attraverso i soliti canali governativi, che possono prendere molto tempo", ha detto Cazeneuve dopo un incontro con i rappresentanti delle tre società. "E' importante avere una piena cooperazione e una reazione rapida", ha aggiunto il ministro.
    La richiesta segue di poche settimane gli attacchi terroristici a Parigi in cui sono morte 20 persone. I portavoce di Twitter e Facebook hanno detto che le due società fanno tutto il possibile per censurare il materiale che potrebbe incitare alla violenza, senza però specificare se hanno intenzione di soddisfare la richiesta del ministro per una cooperazione diretta con le autorità francesi.
       

    RispondiElimina
  87. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/21/grillose-cade-m5s-a-rischio-democrazia_ca50aaf0-1f2a-4d8d-8704-a26acee33cae.html




    Grillo,se cade M5S a rischio democraziaIntervista ad 'El Pais', senza di noi ci sarebbe Alba dorata.


    21 febbraio 2015 13:43

    (ANSA) - ROMA, 21 FEB - "La nostra rivoluzione è di essere onesti nel bel mezzo di un sistema corrotto. Abbiamo fatto dell'Onestà la nostra bandiera. L'Italia sta molto male, e non si rendono conto che senza noi ci sarebbe Alba dorata, forze di destra che stanno crescendo in tutta Europa. Siamo noi che manteniamo la democrazia. Se cadiamo noi, questo paese rischia".
        Lo afferma Beppe Grillo in un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais, tradotta in italiano e riportata sul blog del giullare italiota...




    COMMENTO

    SENTIRE BLATERARE QUEL PIRLA GENOVESE SU DEMOCRAZIA/ONESTA'/CORRUZIONE E ONESTÀ POLITICA FA VENIRE L'ORTICARIA E IL VOMITO.
    S'È CAPITO DA UN PEZZO CHE I NOMI DEI PARLAMENTARI ""GRILLINI"" L'HANNO RACCATTATI IN UNA LISTA FORNITA DA PD SEL E SPACCIATA MALDESTRAMENTE PER AUTENTICA NOVITÀ LONTANO DAGLI INTRIGHI DI PALAZZO.
    INFATTI IL PRIMO ATTO CHE HANNO FATTO È STATO QUELLO DI CONTRIBUIRE ALLA ELEZIONE DI DUE SINISTROLSI COME BOLDRINI E GRASSO E POI SUPPORTANDO NORME A FAVORE DI ZINGARI E CLANDESTINI COME INFATTI HA FATTO VEDERE IL SINDACO PENTASTELLATO PIZZAROTTI A PARMA.
    ALBA DORATA IN GRECIA HA OTTENUTO IL 7% CIRCA E LA DESTRA IN ITALIA ED IN EUROPA È IN SPOLVERO.
    SOLO UN GOVERNO DI DESTRA RADICALE PUÒ ARRESTARE QUESTO DEGRADO SOCIO POLITICO.
    GRILLO TACCIA E RIPRENDA A FARE IL GIULLARE.

    RispondiElimina
  88. http://voxnews.info/2015/02/21/effetto-renzi-1-furto-ogni-2-minuti-nel-2014/





    RispondiElimina
  89. La politica sociale attuata dal Vaticano fa da sponda al Pd che se ne avvantaggia per gabbana i cittadini che paiono drogati e plagiati. Nonostante lo scempio realizzato dalla sinistra dal 1991 al 2015 quando al governo gli elettori non riescono a svegliarsi dal torpore e allontanare dei ladroni al potere.

    RispondiElimina
  90. http://www.ilsussidiario.net/mobile/roma/2015/2/21/IL-CASO-Il-sacco-di-Roma-e-i-danni-alla-Barcaccia-I-responsabili-sono-3-tre-/584492/

     

    Il sacco di Roma e i danni alla Barcaccia?
    I responsabili sono 3 (tre).

    sabato 21 febbraio 2015

    Ma come, l'Olanda non vuol pagare? I danni alla Barcaccia e alla scalinata leggendaria di Trinità dei Monti sono uno schiaffo a questo povero e bel paese, e le domande che rimbalzano leggendo le cronache danno il segno del grottesco alle reazioni surreali dei diretti soggetti coinvolti. Ma come, il sindaco è arrabbiato? Ma come, il ministro dell'Interno non c'entra niente? E chi c'entra? Chi ha la responsabilità diretta di questo paese? C'è una catena di comando che è saltata, decisioni irresponsabili e dementi prese o non prese, e qualcuno dovrà pur risponderne.
    E il sindaco, che si indigna? Non sapeva che si giocava una partita ad alto rischio? Non ci arrivava da solo, se pure i suoi solerti e fidati collaboratori non l'avessero avvisato? Guarda, sindaco, che mentre vaghi tra una visita al centro sociale e l'altra al campo nomadi, tra un selfie in san Pietro e una biciclettata su una nuova ciclabile, c'è il rischio che salti in aria la città. Va bene che contano le periferie, ma pure il centro di Roma, sopravvissuto in buono stato perfino alla guerra, qualcosa vorrà pur dire, almeno dal punto di vista economico. E' la nostra risorsa, la bellezza. Quella naturale, di panorami e cielo azzurro regalataci dal Creatore, e creata dal genio, dalla prorompente vitalità e sensibilità della nostra gente. Una ricchezza inestimabile, che non va celebrata con  la retorica delle parole.
    Come può il questore di Roma rispondere alle accuse "preferisco qualche segno sui muri che la strage degli innocenti"? Neanche il pizzardone dei film di Sordi. Non sono muri, le pietre scheggiate della Barcaccia (del Bernini!.
    E' ovvio che i monumenti contano meno delle persone, ma non è accettabile il paragone: non ci doveva essere nessuna strage. Non c'erano frotte di bambini piangenti davanti a Erode. Bastava che i tifosi scatenati olandesi non potessero arrivare in piazza di Spagna, così come la sera prima in Campo dei Fiori. Non dovevano entrare in centro. Ci si attrezza prima, in questi casi, non è credibile scoprire il problema quando li hai convogliati nel salotto cittadino, e per di più li hai chiusi all'interno, da ogni accesso, precludendo vie di fuga agli eventuali turisti e ai tifosi perbene (qualcuno ci sarà pur stato, no?)
    Arrivano gli olandesi? Solo il giorno della partita, non prima. Pretendi liste di attenzionati dalle autorità di quel paese, o non li fai neanche scendere dagli aerei e dai treni speciali. E li scorti direttamente allo stadio, che stiano lì a sbollire l'attesa, buoni buoni. Vieti categoricamente, e non con un proclama, di vendere alcolici e bottigliette di vetro, pena sanzioni altissime.

    RispondiElimina
  91. SONO CON CASAPOUND ORA E SEMPRE.....


    http://artventuno.it/2015/02/tesseramento-corso-casapound-via-geromini-di-nuovo-militarizzata/


    Tesseramento in corso a CasaPound, via Geromini di
    nuovo "militarizzata".

    21 febbraio 2015


    Blindati e agenti di polizia a presidiare la sede dal primo pomeriggio

    «ATTIVITÀ ALL’INTERNO DI UNA SEDE PRIVATA, NON SI PUÒ IMPEDIRE».
    E CASAPOUND AGGIUNGE: «LA SEDE È IN VENDITA MA IL CONTRATTO DI AFFITTO È VALIDO E FINCHÉ NON CI SFRATTANO RESTIAMO»

    (f.c.) Via Geromini di nuovo “militarizzata” con blindati della Polizia, agenti di polizia e vigili urbani. Dalle 14 è in corso il tesseramento presso la sede di CasaPound. Lo spiegamento di forze è stato disposto per prevenire eventuali scontri, si viene a sapere dalle forze dell’ordine.
    La sede di CasaPound è stata quindi solo temporaneamente chiusa nei giorni scorsi, dopo i fatti del 18 gennaio e a ridosso dei disordini del 24. Fonti delle forze dell’ordine hanno spiegato che non era possibile impedire il tesseramento del movimento poiché si svolge all’interno di una sede privata e non in un immobile di proprietà pubblica, come sono gli stabili dai quali ora il Comune intende far sgomberare i centri sociali.
    Esponenti di CasaPound confermano: i locali della sede di via Geromini sono stati messi in vendita dal proprietario, un privato cittadino. Ma il contratto di affitto con CasaPound è di natura commerciale e in vigore fino al 2014. Occorre, spiegano da CasaPound una motivazione particolare per rescindere il contratto, come, ad esempio, la vendita effettiva del locale. «Abbiamo firmato un contratto – dice un esponente di CasaPound – di sei anni più sei. Dunque fino al 2024 possiamo stare nella sede. Il locale è in vendita, ma finché non riceviamo lo sfratto non ce ne andiamo».

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forza casapound che tutta l'italia ti ammira


      Romualdo da Bari

      Elimina
    2. Casapound incubatore di cultura e patriottismo

      Elimina
  92. http://artventuno.it/2015/01/rifondazione-comunista-cosa-aspetta-il-ministero-chiudere-casapound/


    SONO DEI COGLIONI QUESTI COMUNISTOIDI CHE SONO STATI CACCIATI DAL PARLAMENTO ITALIANO NEL 2008 DAL POPOLO ITALIANO E LE LORO AFFERMAZIONI FANNO CAGARE.
    PURTROPPO L'ALTRO GIORNO È MORTO IL FERRERO SBAGLIATO...!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  93. http://voxnews.info/2015/02/21/esercito-siriano-cattura-decapitatore-di-un-bambino-cristiano-ecco-cosa-succede-video/



    È la fine che dovremmo riservare a tutti i traditori della Patria italiana e da domani mattina.
    Viva casapound

    RispondiElimina
  94. http://voxnews.info/2015/02/21/ai-profughi-non-piace-sistemazione-picchiati-agenti-e-gestore/



    dopo il fascismo è iniziato un declino inarrestabile che ha fatto precipitare l'onore dell'Italia piddina che è diventata una cloaca massima...
    Disgraziatamente non vedo la fine del tunnel...

    RispondiElimina
  95. SINDACO DI POCO VALORE SCELTO DA GENTAGLIA



    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/21/polizia-roma-feyenoord-scontri-piazza-di-spagna-1.1381060


    21/02/2015

    La Polizia: «Se interveniamo ci linciano Se non agiamo, ci accusano»

    Tutti arrabbiati appassionatamente. I sindacati di polizia stanno con il questore di Roma Nicolò D’Angelo e contro il sindaco Ignazio Marino. È un coro. Sono severi i segretari di Lazio e Roma del Siap, Fabio Mancini e Maurizio Germanò: «Non dobbiamo solo stilare il bilancio dei danni provocati dalla barbara follia dei tifosi olandesi del Feyenoord, ma fare i conti pure con le sfrenate dichiarazioni di un sindaco di cui si fa sempre più fatica a percepirne il sensato comportamento di effettivo primo cittadino della Capitale».
    I due affondano: «Marino non trova di meglio che sparare a zero su questore e prefetto, accusando la Questura di una malaccorta gestione dell’ordine e della sicurezza pubblica in occasione dell’invasione barbarica olandese, adducendo peraltro improbabili motivazioni e soprattutto usando l’inaccettabile tono di chi in modo del tutto improprio si erige ad Autorità di pubblica sicurezza della prima città d’Italia». Poi la stoccata: «Ricordiamo anche che in circostanze del genere, puntualmente il traffico veicolare della Capitale piomba nel caos completo, quando invece la Polizia Locale di Roma Capitale, con i suoi 7000 (settemila) operatori dovrebbe applicare le puntuali direttive in tema di gestione della viabilità ricevute in sede di tavolo tecnico presieduto dal questore».
    Non le manda a dire il segretario del Sap, Gianni Tonelli: «Quando succedono cose di questo tipo non ci sono giustificazioni che tengano: le partite di calcio si interrompono, non si disputano e le tifoserie responsabili di violenze e devastazioni vanno punite duramente così come le società sportive che sono responsabili dei comportamenti dei propri supporter, soprattutto quando si tratta di trasferte organizzate». Alzano il tiro il segretario generale del Siap, Giuseppe Tiani, e il segretario nazionale dell’Anfp, Lorena La Spina: «Il ripetersi di una serie di oggettive criticità nella gestione delle tifoserie straniere nella capitale, specie se numerose ed aggressive come nel caso in questione, rivela un difetto di sistema ed una scarsa coesione interistituzionale che è sin troppo facile addebitare alle sole forze dell’ordine». Desolante il bilancio di Igor Gelarda, dirigente nazionale della Consap: «Decine di poliziotti feriti e bombe carta lanciate, una fontana vecchia di più di 500 anni, simbolo di un passato glorioso e di un presente di decadenza, scheggiata; 15 autobus danneggiati e mezzi della polizia rotti. Scene di una guerra, degna di una battaglia di quelle che si leggono nei libri storia! È questo il prezzo di una partita di calcio».

    F.D.

    RispondiElimina
  96. Per quanto riguarda l'evasione fiscale milionaria di Gino Paoli dico che ci sono tanti signori famosi visi e personaggi conosciutissimi da anni ma ora sono la vergogna della nazione per non aver adempito ad un dovere di pagare le tasse come un povero pensionato a cui vengono tolte prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dietro ad ogni grande ricchezza c'è un delitto.

      Elimina
    2. E che dire di quel Fankazzista di Mario Capanna che per essere stato negli anni 1968-1978 leader del Movimento studentesco milanese si becca immeritatamente ed indecentemente 9.800 euro circa di pensione netta al mese e solo perché i partiti politici sinistronzi hanno brigato per farlo risultare un politico attivo su tanti fronti! !!!!!!!!!!!!!!!!!...e questo parassita della società si è pure rifiutato di fare abbassare la pensione sua e quella di altri sodali parassiti, forti di una indegna e criminale sentenza della Corte costituzionale a loro favore, laddove difese diritti quesiti ma confermò invece la possibilità di procedere all'abbassamento delle pensioni minime dei lavoratori non privilegiati..!!!!!!

      VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA.

      E nonostante la sinistra al governo massacri il popolo sul piano sociale ed economico si assiste ad una conferma dei voti a favore di questi immondi parassiti politici proprio da parte dei massacrati. Un suicidio collettivo che tanti esperti psichiatri fanno fatica a capire clinicamente ed ideologicamente. Lo stesso dicasi per la vicenda Gianna Nannini e Gino Paoli le cui responsabilità penali in materia di evasione fiscale non sembra abbiano provocato conati di vomito ed indignazione tra i loro fans come se avessero già perdonato i loro idoli canori. Lo stesso dicasi per la vicenda unioni gay laddove tantissimi italiani sono favorevoli nonostante innumerevoli casi di omopedofilia accertati giudiziariamente. Se il malato non risponde alla cura farmacologica è destinato a soccombere e se è infettante allora propaga mortalmente ad altri se non viene isolato e messo in condizione di non nuocere.

      Elimina
  97. http://m.livesicilia.it/2015/02/19/lonu-sincarta-renzi-tentenna-crocetta-non-ce-lisis-avanza-ma-chi-difende-la-sicilia_598897/


    Sabato 21 Febbraio 2015 18:32

    TERRORISMO
    L'Isis è alle porte, ma chi difende la Sicilia?
    di Salvo Toscano

    PALERMO- L'Isis si affaccia alle porte della Sicilia ma solo la politica non se n'è accorta. Due giorni fa su Livesicilia Roberto Puglisi registrava la clamorosa distrazione della politica, e in particolare della politica siciliana su un tema delicato come quello dell'avanzata dei tagliagole in Libia, giusto di fronte alle coste siciliane. Due giorni nei quali il tema è rimasto del tutto assente nel dibattito politico isolano.
    Non una parola, fosse solo di testimonianza, o un tentativo di richiamare l'attenzione del governo nazionale o magari alla comunità internazionale sulla specificità della Sicilia, terra di frontiera, in un quadro così delicato. Un gesto, un simbolo, un appello: nulla, o quasi. Tace il governo di Rosario Crocetta, tace il parlamento regionale, che non riesce neanche a riunirsi figuriamoci a dibattere, pensa ad altro la delegazione siciliana al parlamento nazionale. Rarissime le eccezioni. Si è fatto sentire sul tema il senatore del Pd Beppe Lumia, con un intervento inviato al nostro giornale che pubblichiamo sotto. E stasera l'eurodeputato siciliano Salvo Pogliese ha annunciato un'interrogazione all'Europarlamento chiedendo che l'Unione Europea "si attivi, sia sul piano politico che diplomatico, al fine di promuovere una missione militare in Libia" e reclamando anche "un aumento della capacità operativa, e quindi di unità militari e di uomini, a disposizione dell'operazione Triton". Di ieri anche un comunicato di Andrea Vecchio, deputato di Scelta Civica, che auspicava un più efficace sostegno all'Italia da parte dell'Europa. Sostegno che proprio oggi le istituzioni comunitarie hanno assicurato all'Italia.Perché se in Sicilia di Libia non si parla, al di là dello Stretto, qualcosa, lentamente, si muove. I primi passi vagamente concreti riguardano l'aspetto dell'immigrazione. Oggi la Commissione Ue ha annunciato di rafforzare la sua assistenza all'Italia per l'immigrazione, estendendo l'operazione Triton almeno fino a fine 2015. L'esecutivo Ue "è pronto a reagire rapidamente a qualsiasi richiesta dell'Italia di aumentare le risorse per Triton". "Il messaggio che inviamo oggi è molto semplice: l'Italia non è sola. L'Europa è al fianco dell'Italia", ha detto il commissario Ue Dimitris Avramopoulos. La pratica, già complessa, si fa ancora più scottante dopo l'ulteriore destabilizzazione della situazione libica. E il tema dell'immigrazione si intreccia, almeno sui giornali, con l'allerta per il terrore nero dell'Isis. Il quotidiano britannico Daily Telegraph aveva dato notizia di documenti riconducibili allo Stato islamico, secondo i quali “grazie alla vicinanza della Libia con gli Stati crociati" i jihadisti potrebbero "utilizzare e sfruttare in modo strategico i tanti barconi di immigrati per colpire le compagnie marittime e le navi dei Crociati”. Ipotesi a cui esperti e analisti però non danno credito, ritenendo che si tratti di pura propaganda. "I nostri servizi sono in allerta ma non ci hanno dato riscontri in questa direzione", ha detto al riguardo il sottosegretario all'Interno Domenico Manzione. Gli analisti invece continuano ad avvalorare l’ipotesi che i fondamentalisti utilizzino i flussi proprio per mettere in ginocchio l’Europa anche provocando divisioni tra gli Stati della Ue. Anche per questo oggi la Commissione ha voluto lanciare un segnale politico chiaro. La comunità internazionale intanto tentenna. Il Consiglio di sicurezza dell'Onu pensa a un tentativo di soluzione politica del problema e di interventi militari per ora non si parla...................

    RispondiElimina
  98. http://www.lasiciliaweb.it/articolo/126492/sicilia/in-libia-una-situazione-esplosiva-nessuno-nel-mediterraneo-e-al-sicuro

    21/02/2015

    Sicilia
    "In Libia una situazione esplosiva.Nessuno nel
    Mediterraneo è al sicuro"

    Allarme terrorismo. A Catania il procuratore nazionale antimafia Roberti e il sottosegretario Minniti tracciano un quadro preoccupante: "Qui si giocano i destini del pianeta. Dire che Lampedusa non corre rischi sarebbe una sciocchezza"

    CATANIA - "Lampedusa è sicura? Non è sicuro alcun posto al mondo. Purtroppo il Mediterraneo in questo momento è il luogo in cui si giocano i destini del pianeta e dobbiamo essere consapevoli di questo". Fanno un po' paura le parole del procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, pronunciate a Catania a margine di un seminario su 'L'immigrazione che verrà'.
    "Noi siamo al centro del Mediterraneo e abbiamo di fronte una Libia che è in una situazione di totale instabilità e mancanza di controllo territoriale e politico - ha aggiunto il magistrato -, quindi è una situazione veramente esplosiva. Dire che non è preoccupante, che non c'è rischio per Lampedusa sarebbe dire una sciocchezza".
    "I terroristi in Italia con i barconi? Non credo proprio - ha aggiunto Roberti -, perché hanno mille altri mezzi per arrivare, anzi sicuramente ci sono già nel territorio nazionale soggetti potenzialmente pericolosi che controlliamo perché predisposti a compiere azioni terroristiche, sono monitorati e sarà fatta una attività incisiva di prevenzione"
    Il quadro poco rassicurante è stato completato dal sottosegretario Marco Minniti, che ha la delega ai Servizi segreti: "C'è un rapporto tra trafficanti di uomini e mafie italiane. Più si deteriora la situazione libica, più i trafficanti di uomini sono il dominus degli affari ed è del tutto evidente che a un certo punto ci può essere un punto di contatto anche con l'organizzazione terroristica tout court perché in un momento in cui c'è uno Stato che è fragilissimo, non ci sono più entrate economiche e i pozzi petroliferi sono fermi, l'unica cosa che funziona è il traffico di esseri umani. E a quel punto il traffico di esseri umani può diventare un punto dominante della situazione economica e sociale di quel Paese".
    Minniti ha sottolineato che "nelle settimane scorse le infiltrazioni dell'Isis in Libia sono apparse evidenti, anche se non ha preso il controllo del Paese, come a volte diciamo in maniera facile. Si controllano pezzi della Libia. Perciò occorre chiedere alla comunità internazionale di rafforzare il proprio impegno per un processo di stabilizzazione dell'Africa del Nord e del Medio Oriente. Non è possibile per l'Italia né per l'Europa poter pensare di avere a poche centinaia di miglia da dove stiamo parlando una Somalia che si affaccia nel Mediterraneo. Questo é il cuore della questione. Noi non ce lo possiamo consentire".

    RispondiElimina
  99. http://voxnews.info/2015/02/21/al-fano-a-renzi-noi-ci-stiamo-fino-al-2018/



    Mascalzoni al governo della patria negletta.
    RIVOLUZIONE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi ladri non dovrebbero essere tollerati nemmeno per 18 giorni ancora....

      Elimina
  100. “Integrazione impossibile e degrado crescente”


    Cerignola (FG) 20 febbraio 2015


    Il nucleo Forza Nuova di Cerignola denuncia il degrado crescente in alcuni quartieri tra i più antichi della città, un degrado non solo urbanistico, infatti di questo soffre diffusamente e per gradi diversi l’intera cittadina, a causa della latitanza delle istituzioni, ma anche, e in special modo, sociale e morale, dato dal massiccio insediamento, in stabili relativamente molto piccoli per il numero di persone che ospitano e il più delle volte fatiscenti, di immigrati nord-africani, sub-sahariani e, soprattutto, est-europei, non tutti lavoratori stagionali.
    Dall’ inizio dell’insediamento in tali quartieri, iniziato anni or sono, dei primi immigrati, accentuato per gli est-europei dal Trattato di Schengen, dopo l’entrata nell’ UE dei loro stati d’appartenenza, gli italiani, commercianti e residenti, si sono visti costretti a spostarsi per il diminuire del volume delle entrate, se non a chiudere; l’assenza delle istituzioni, inoltre, sta rendendo alcuni quartieri terra di nessuno.
    Molti puntano il dito contro i nostri concittadini accusandoli di “intolleranza” e riempiendosi la bocca con la parola “integrazione”, un’integrazione che risulta impossibile, non certo per colpa dei cittadini di qui che sono stati fin troppo “tolleranti”, ma per il rifiuto di tali comunità ad integrarsi ed inserirsi in un società civile.
    La tensione, ormai, è palpabile, sia per la politica dei “due pesi, due misure”, attuata dalle istituzioni che per atteggiamenti e comportamenti di molti immigrati.
    La situazione peggiora nei periodi di raccolta dell’uva e delle olive, tra agosto e gennaio, con l’ aumento incontrollato di immigrati, a causa dei lavoratori stagionali, e dei rischi sanitari, dato dal sovrappopolamento di alcuni stabili. Forza Nuova Cerignola chiede la riqualificazione di tali quartieri, sia a livello urbanistico, sia culturale, anche perché da tale fenomeno sono colpite alcune delle zone più belle della Cerignola antica.
    Le potenzialità ci sono, sono sempre più ricercate location “antiche” in cui insediare nuove attività commerciali, basta guardare all’esempio della vicina Barletta.
    Chiediamo un piano di recupero sia del decoro urbanistico del centro antico che della vitalità che lo animava anni or sono, con politiche di sgravio fiscale ed incentivi per le attività commerciali e per i cittadini che decidono di restaurare quelle antiche dimore, oltreché interventi di riqualificazione urbanistica e di sicurezza pubblica. Ciò si tradurrebbe in nuovi posti di lavoro, oltreché maggiori rendite per i proprietari degli immobili interessati; bisogna riconsegnare quelle zone di Cerignola ai nostri concittadini.
    Concludiamo ripetendo a gran voce quello che Forza Nuova chiede da anni: la sospensione del nefasto trattato di Schengen, per i Paesi UE, e l’ immediato blocco dell’immigrazione.

    Nucleo Forza Nuova Cerignola




    Copyright ForzaNuova 2014

    - See more at: http://www.radiofn.eu/?p=1487#sthash.Dd31A2nD.dpuf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casapound e Forzanuova hanno le idee chiare su immigrazione e trattato di shengen....

      Elimina
  101. PAOLI SI ISCRISSE AL PCI PER EVADERE TASSE



    http://www.termometropolitico.it/1161658_siae-gino-paoli-si-dimette-grillo-lo-difende-il-m5s-lo-attacca.html


    21 febbraio 2015

    Siae, Gino Paoli si dimette, Grillo lo difende, il M5S lo attacca.

    Andrea Turco

    Gino Paoli si è dimesso da presidente della Siae. Una decisione maturata dopo che la Guardia di Finanza lo ha indagato per aver nascosto al Fisco diversi milioni su alcuni conti in Svizzera. Paoli ha quindi raccolto l’invito del Movimento 5 Stelle alla Camera che aveva chiesto al cantautore di “”valutare seriamente le dimissioni dalla sua carica” di presidente della Siae: “Mentre la magistratura indaga su Paoli per presunto trasporto all’estero di denaro, migliaia di artisti non ricevono i compensi che gli spetterebbero, perché trattenuti dalla Siae, che li utilizza anche per compiere operazioni finanziarie”.

    RispondiElimina
  102. http://www.termometropolitico.it/1161677_boko-haram-africa-continente-estremismo-islamico.html


    21 febbraio 2015

    Non solo Boko Haram: l’Africa in mano all’estremismo islamico.

    Raffaele Masto


    Africa sotto lo scacco del terrorismo islamico: non solo Boko Haram, anche Al Qaeda e Al Shebab 
    continuano a colpire nel continente. Sono almeno venticinque i morti di un grave attentato contro il Central Hotel di Mogadiscio, frequentato da ministri e parlamentari, ad appena 200 metri dal palazzo presidenziale. Tra i morti almeno un deputato ed il vicesindaco della capitale. Tra i feriti il vicepremier e il ministro dei Trasporti del governo che ha da pochi giorni ottenuto la fiducia. La ricostruzione dell’attacco fa pensare ad una operazione pianificata nei dettagli in modo da essere altamente distruttiva. Sarebbe entrato in azione prima unkamikaze che si è fatto saltare in aria con un’autobomba al cancello dell’hotel. Un secondo attentatore suicida si e’ poi fatto esplodere nella hall, seguito immediatamente dopo dall’irruzione di uomini armati che si sono fatti strada sparando all’impazzata. Ad azione ancora in corso è arrivata la rivendicazione: “I mujahideen stanno conducendo un’importante operazione a Mogadiscio e hanno come obiettivo i funzionari apostati del governo”, ha affermato un portavoce dei miliziani al Shebab.Non è il primo attentato di queste dimensioni a Mogadiscio. E non sarà certamente nemmeno l’ultimo. Tra l’altro i miliziani di questa formazione legata ad Al Qaedacontinuano a colpire sulla costa del Kenyatanto che hanno praticamente azzerato il turismo in località rinomate come Lamu eMalindi. Sulla carta il Kenya ha perso una delle principali entrate.Le notizie che arrivano da tutta la costa orientale africana sono drammatiche e colpiscono non solo il Kenya ma anche i paesi vicini come la Tanzania e la frequentatissima (un tempo) isola diZanzibar: arrivano voli charter praticamente vuoti e alberghi, resort, spiagge e ristoranti sono praticamente deserti. E’ l’effetto terrorismo che non è confinato solo al nord della Nigeria con le gesta della sanguinaria Boko Haram. Se a tutto questo si aggiunge il Mali dove i militari francesi devono ancora presidiare il nord per evitare che finisca di nuovo in mano ad Al Qaeda per il Maghreb Islamico, si capisce come l’Africa non abbia mai conosciuto, in tempi recenti, un tentativo così diffuso di penetrazione da parte dell’integralismo islamico armato. E stiamo parlando solo dell’Africa sub-sahariana….

    RispondiElimina
  103. http://voxnews.info/2015/02/21/tesimonial-antirazzismo-scorrazza-in-auto-senza-patente/



    Mascalzoni negroidi difesi da culattoni italiani.

    RispondiElimina
  104. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/evadere-sara-roba-di-destra-ma-gli-evasori-sono-di-sinistra/1097188/




    Ladroni sinistronzi. ...

    RispondiElimina
  105. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/magistrati-di-area-via-le-pene-per-i-clandestini-e-viaggi-piu-sicuri-per-i-migranti/1097306/





    Questi quì devono cambiare spacciatore...??????

    RispondiElimina
  106. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/magistrati-di-area-via-le-pene-per-i-clandestini-e-viaggi-piu-sicuri-per-i-migranti/1097306/


    Maledetti traditori della Patria da cacciare via sui barconi di legno...!!!!!!!

    RispondiElimina
  107. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/21/isis-polizia-gb-ascolto-ragazze-in-fuga_9bfea5ee-e9b5-4aa9-94d9-3709781ff554.html



    NON SONO PIÙ I TEMPI DELLA PRESTIGIOSA SCOTLAND YARD. ....

    RispondiElimina
  108. https://mobile.twitter.com/kovandire/status/562735499719487488/photo/1



    RispondiElimina
  109. http://www.laprovinciacr.it/news/cremona/110347/Casa-Pound-riapre-per-il-tesseramento.html


    Casa Pound riapre per il tesseramento, via Geromini blindata.
    Polizia e carabinieri presidiano la sede per timori di rappresaglie.


    CREMONA - La sede di Casa Pound - rimasta chiusa prima e dopo la guerriglia urbana del 18 gennaio - ha riaperto per il tesseramento 2015.
    Inevitabilmente per il timore di nuove tensioni, dalle 15 di oggi (sabato 21 febbraio) via Geromini risulta presidiata dalle forze dell'ordine. I mezzi blindati di polizia e carabinieri rimarranno all'imbocco della strada nel timore di rappresaglie.

     



    COMMENTI:


    21/02/2015 19:09
    Postato da eliostrinacria@live.it

    Timore di rappresaglie??? Quella feccia sinistronza immonda organizza ancora rappresaglie????....E poi il popolino ebete si riempie la bocca con vomitevoli nefandezze tipo: "violenza fascista, azioni squadriste, reprimere l'apologia fascista. .etc etc etc. .."...


    Antonino da Roma
    Non è che la madama sta lì per proteggere i cojones del Dordoni che dovessero pensare di rompere i coglioni...!!!!!!

    RispondiElimina
  110. http://www.secoloditalia.it/2015/02/sfotto-dei-romani-allisis-web-attenti-traffico-agli-scioperi/


    Sabato 21 Febbraio 2015 21:01:12

      

    Gli sfottò all’Isis dei romani sul web: «Venite da noi? Prendete il raccordo»

    FRANCESCO SIGNORETTA


    L’Isis minaccia di arrivare a Roma? E gli italiani rispondono “alla romana”. Al Washington Post non
    è sfuggita la lunghissima serie di battute suTwitter postate sotto l’hashtag“#We_Are_Coming_O_Rome” creato dai jihadisti.

    Ecco allora che tanti romani consigliano agli uomini del Califfo di non scegliere l’ora di punta per l’attacco: troppo alto il rischio di finire imbottigliati nel traffico del Grande Raccordo Anulare. E sotto l’immagine di un maxi-ingorgo si legge: «State arrivando a Roma….Siete sicuri?». In un altro tweet si rincara la dose: «Domani è sciopero dei mezzi pubblici. Buona fortuna!». Ma i jihadisti vengono anche messi in guardia dal prendere il treno: «Datemi retta. Sono sempre in ritardo». Oppure: «Se prendete l’autostrada ricordatevi pneumatici da neve e catene. Sennò vi sequestrano il carro armato». Qualcuno dà anche dei suggerimenti su dove gustare i piatti della tradizione romana: “Go to Eat at Gigi Er Puzzone”.

    Mentre altri minacciano: «Vi combatteremo con zampone e cotechino». Insomma, anche così si esorcizza la preoccupazione. Anche se la battuta più amara è quella sotto una foto della Barcaccia di piazza di Spagna violata dai teppisti: «Purtroppo per l’Isis, i tifosi del Feyenoord sono arrivati prima».

    RispondiElimina
  111. http://www.atuttadestra.net/index.php/archives/277307


    Saturday, February 21, 2015

    Lecce, CasaPound: “Basta mistificazioni, la ricerca dello scontro viene da sinistra. Ma non staremo fermi a farci massacrare”.

    LECCE – “Basta mistificazioni”. Casa Pound Italia interviene nel vivo dibattito di questi giorni – che prende le mosse dalledodici ordinanze di obbligo di dimora notificate nei confronti di otto esponenti di Cpi e quattro appartenenti a gruppi anarchici e antagonisti –  e precisa gli scopi e i valori che informano l’operato dell’associazione.
    “Abbiamo avuto modo di leggere e ascoltare evidenti forzature, se non proprio inesattezze, senza che alcun organo di informazione sentisse il bisogno di interpellarci per offrire anche a noi la possibilità di partecipare a un dibattito che ci vede direttamente coinvolti”.
    “Sfidiamo chiunque – si legge ancora nella nota – a segnalare pubblicamente un episodio nel quale CasaPound Lecce sia intervenuta nel tentativo di boicottare o impedire una qualsiasi manifestazione organizzata da terzi. Vorremmo fossero evidenziati e pubblicati eventuali nostri comunicati stampa, di condanna o contrapposizione politica, riguardo a eventi svolti a Lecce o in provincia e che, secondo la vulgata che ci vorrebbe xenofobi, omofobi, sessisti, avrebbero urtato in qualche modo la nostra suscettibilità”.
    “Vorremmo, ancora, che in riferimento a quella che per noi resta la ‘presunta’ rissa del 2 gennaio 2012 si dicesse, finalmente, che la persona (all’epoca dei fatti militante del Blocco Studentesco) indicata dalla ‘vittima’ come autore materiale dell’aggressione, è stata assolta con sentenza definitiva ‘Per non avere commesso il fatto’, come stabilito in primo grado dal gup Giovanni Gallo, senza alcun ricorso in appello da parte dell’accusa. Mentre le altre tre persone coinvolte hanno scelto la via del patteggiamento, senza aver mai riconosciuto alcuna responsabilità nell’accaduto”.
    “Ricordiamo inoltre – continua la nota – che dalla sua nascita a oggi CasaPound Lecce ha sempre rivendicato e firmato qualsiasi iniziativa, con loghi o simboli espliciti, motivo per il quale l’attribuzione di scritte o volantini con riferimenti politici generici non è attribuibile a noi, come qualche testata ha cercato di far credere nel tentativo di riequilibrare una sorta di bilancia del ‘vandalismo’ politico che, per chi non è vittima di preconcetti, pende decisamente da una parte, e non è certo la nostra. I tentativi di aggressione, di ricerca dello scontro fisico e dialettico, di sabotaggio, le minacce anonime, le richieste di divieti e mancate autorizzazioni provengono sempre e solo dalla sinistra, sia essa quella istituzionale o quella radicale delle sigle antifasciste”.
    “L’ultima considerazione – conclude la nota di CasaPound – la rivolgiamo ad Anpi, Arci e a tutte le varie sigle che fanno improbabili appelli alla costituzione per tentare di giustificare l’ingiustificabile. Bere una birra in un pub, in una sera di settembre, non è anticostituzionale, non è un’invasione del territorio (sì, è stato scritto anche questo!), non è una provocazione politica, non è un reato previsto dalla legge Mancino. Inoltre, se qualcuno crede che la sola appartenenza a CasaPound Italia possa giustificare pedinamenti, ronde e assalti con bottiglie e altri oggetti contundenti, deve prendere atto che nessuno di noi è disposto a restar fermo per farsi massacrare, e questo crediamo sia alquanto evidente”.

     


    fonte: http://www.ilpaesenuovo.it/2015/02/19/casapound-basta-mistificazioni-la-ricerca-dello-scontro-viene-da-sinistra-ma-non-staremo-fermi-a-farci-massacrare/

    RispondiElimina
  112. http://www.ilpaesenuovo.it/2015/02/19/video-immigrazione-e-minaccia-terroristica-prefetto-di-lecce-salento-terra-di-sbarco-necessario-adottare-misure-di-sicurezza/

    febbraio 19, 2015

    LECCE – “Noi siamo terra di sbarco.Quotidianamente arrivano nel nostro territorio immigrati. Ecco perché abbiamo ritenuto con il procuratore Cataldo Motta di fare una valutazione congiunta su questa situazione di allerta”.
    Queste le parole del prefetto di Lecce Giuliana Perrotta, prima della riunione tecnica di coordinamento delle forze dell’ordine, che si è svolta questa mattina in prefettura. Tra i punti all’ordine del giorno proprio l’immigrazione clandestina legata alla minaccia  formulata dall’organizzazione terroristica Isis, che potrebbe utilizzare infiltrati per incrementare una tensione già alta a livello mondiale
    “Nostro obiettivo è individuare quali misure adottare per fare il modo che non ci sia il rischio di qualche infiltrazione negli sbarchi di stranieri. Il ministero degli Interni ha attirato l’attenzione di tutti i prefetti per questa problematica”.
    Per il prefetto Perrotta è necessario continuare ad assicurare assistenza a tutti gli immigrati che arrivano in Puglia, ma nello stesso tempo “è evidentemente opportuno attrezzarci al meglio per verificare se nel gruppo che sbarca siano presenti persone controindicate”. Non c’è da preoccuparsi, almeno per il momento, per il procuratore del Tribunale di Lecce, Cataldo Motta, che al termine del vertice ha detto: “Non abbiamo alcuna indicazione di terroristi che abbiano scelto la via dell’attraversamento del Canale d’Otranto per arrivare in Italia e poi spostarsi in altre regioni d’Europa e, comunque, siamo attrezzati”.
    Le forze di polizia mantengono alta l’attenzione. La decisione che è stata presa questa mattina è di inviare al Cie (Centro di identificazione e di espulsione) tutti quegli immigrati che raggiungono il Salento ma rifiutano di chiedere asilo politico e di sottoporsi a tutte le procedure di rito. E’ quello che hanno fatto i cinque siriani arrestati pochi giorni fa perchè trovati in possesso di documenti contraffatti e poi scarcerati dal gip. La Procura di Lecce ha intanto presentato ricorco al Tribunale del Riesame.
    Durante la riunione è stata anche trattata la questione relativa allo stato dell’ordine e della sicurezza pubblica nel Comune di Surbo, a seguito dei recenti furti che hanno riguardato alcuni esercizi commerciali. Si è giunti alla conclusione di rafforzare i dispositivi di vigilanza, con una più incisiva azione della polizia municipale.

    RispondiElimina
  113. Sono indignato e super incazzato per la politica antitaliana portata avanti da questo governicchio di eunuchi traditori APPECORINATI all'islam anticattolico e razzista.

    RispondiElimina
  114. http://voxnews.info/2015/02/21/islamici-non-vogliono-asilo-accanto-moschea-femmine-sono-impure/





    ISLAMIZZAZIONE EUROPEA CON CREAZIONE DI EURABIA CONTINUA A PASSO SPEDITO E NON SARÀ IMPEDITA DA OMINICCHI CASTRATI E APPECORINATI AI JIHADISTI COL CORANO IN MANO CHE TE LO FICCANO IN QUEL POSTO SE TI OPPONI ALLE LORO VIOLENTE ED INCOSTITUZIONALI PRETESE ...!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  115. Da maschio ho poca paura di essere costretto a diventare islamico ed anzi gongolo all'idea che a quel punto potrò stuprare senza problemi giudiziari tutte le femmine che oseranno andare in giro senza indossare il burqa. Allora penso alle migliaia di femministe nostrane che già sfogliano i cataloghi delle collezioni 2015/2020 dell'Arabia Saudita o dello Yemen in materia di abiti femminili....


    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
  116. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/21/roma-listituto-islamico-nei-locali-del-comune-a-canone-zero/1097256/


    LEGGERE ARTICOLO ED ATTREZZARSI PER UNA PROSSIMA CAPITALE ISLAMIZZATA CON BUONA PACE DI BERGOGLIO CHE AUSPICA CONTINUI ARRIVI DI JIHADISTI ISLAMICI DA ZONE AFROASIATICHE.
    È LA FINE DEL MONDO OCCIDENTALE CHE SI AVVERA COME PROFETIZZO' NOSTRADAMUS.

    RispondiElimina
  117. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/21/forza-italia-insorge-contro-la-procura-di-milano-quot-vogliono-fermare-berlusconi-quot-1.1381229



    IO LO PENSO E LO SCRIVO DA TEMPO IN OGNI BLOG CHE SILVIO BERLUSCONI SI DEVE RITIRARE DALLA POLITICA ATTIVA PER EVITARE DANNI IRREPARABILI ALLA COMPAGINE DI CENTRODESTRA ALLE PROSSIME REGIONALI E POLITICHE SUCCESSIVE. PURTROPPO LA COLPA È LA SUA SE DAL NOVEMBRE 2011 SI È APPECORINATO ALLA SINISTRA CONSENTENDO LORO DI MASSACRARCI CON PROVVEDIMENTI POLITICI INCOSTITUZIONALI MA AVVALLATI SPUDORATAMENTE DA MAGISTRATI ANTICAV.
    PER IL BENE DELLA NAZIONE FACCIA UN PASSO INDIETRO DALLA POLITICA ATTIVA VISTO CHE STUPIDAMENTE HA CONTRIBUITO ALLE SCELTE PIDDINE CON RISULTATI DISASTROSI PER IL POPOLO BUE....MUUUUUUUUUUUUU..!!!!!!!

    RispondiElimina
  118. I ROMANI HANNO QUELLO CHE SI MERITANO PER AVERE SCELTO UN SINDACIUCCIO CHE PENSA SOLO AL BENESSERE DI ZINGARI/VUCUMPRA' CLANDESTINI/ISLAMICI JIHADISTI/COOP ROSSE MAFIOSE/FROCI PERVERTITI.
    NON L'HA ORDINATO IL MEDICO DI FARE SCELTE STUPIDE...!!!!!!!!!!!



    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/22/lo-scaricabarile-istituzionale-non-finisce-piu-si-litiga-pure-sulla-birra-1.1381349


    22/02/2015 06:39

    Lo scaricabarile istituzionale non finisce più.
    Si litiga pure sulla birra.
    Polemiche furiose fra le istituzioni locali.
    Nel mirino l'ordinanza anti-alcol.

    Il rapporto non è mai stato idilliaco ma certamente assistere allo scaricabarile tra sindaco, prefetto e questore, ancora a due giorni dalla devastazione di piazza di Spagna e della storica fontana del Bernini è disarmante almeno quanto le immagini barbare dei tifosi olandesi del Feyenoord. Il prefetto Pecoraro e il questore D’Angelo sono stati messi sul banco degli imputati dal sindaco di Roma Capitale, Ignazio Marino che, scevro da qualsivoglia diplomazia istituzionale continua ad accusare "gli altri" - tutti gli altri - del disastro di giovedì scorso. «Ho ribadito al ministro che non posso ritenermi soddisfatto da affermazioni come quelle che sono state fatte: non può essere considerato un successo il fatto che non ci siano stati dei morti», ha detto ancora ieri Marino a margine dell’incontro con il ministro Alfano, riferendosi alle parole del questore di Roma, Nicolò D’Angelo, il quale non condividendo «le accuse di pressapochismo e sottovalutazione degli interventi dei Carabinieri e della Questura», aveva sottolineato come si sia riusciti ad evitare morti e feriti anche tra le migliaia di turisti e cittadini. E alla velata richiesta di dimissioni avanzata sempre dal primo cittadino nei confronti del prefetto Giuseppe Pecoraro, il diretto interessato ha replicato placido: «A decidere sul mio operato, e sulla mia eventuale inadeguatezza, non è un sindaco, ma un governo. Comunque non mi dimetto. Quanto dichiarato dal sindaco è stato quantomeno intempestivo».

    Persino i pizzardoni romani mettono le mani avanti con il Sulpm di Stefano Giannini, respingendo le accuse di non aver controllato il rispetto dell’ordinanza antialcol, portando a prova di discolpa l’orario di trasmissione del provvedimento al I Gruppo Trevi: le 19.30 quando i tifosi erano brilli da tempo e già con disordini all’attivo a Campo de’ Fiori. Non solo. «Si erano persino dimenticati di inserirci i divieti antialcol - dice Giannini - così ne è stata richiesta l’integrazione. La risposta è arrivata nel corso della notte al Comando Generale, e nonostante fosse stata inviata il giorno dopo al I Gruppo Trevi era troppo tardi per notificarla visto che a piazza di Spagna c’era già l’ira di Dio. Le istituzioni litighino tra loro ma senza metterci in mezzo, non siamo disposti a fare da capro espiatorio a nessuno». Chi è senza peccato in questa vicenda scagli la prima pietra. Siamo certi che la pietra non arrivi neanche dal Campidoglio. Perché l’ordinanza antialcol l’ha firmata il prefetto e non il sindaco? Possibile che nessuno sul Colle capitolino fosse allertato per l’arrivo di una delle tifoserie più violente in circolazione? E ancora, davvero i vigili urbani sono in grado di contrastare l’abusivismo dilagante (non solo in centro storico) con decine e decine di vu’cumprà che al momento giusto tirano fuori ombrelli per la pioggia, occhiali da sole, e birre in caso di divieti?

    Tutto questo però gli olandesi non lo sanno e sarebbe meglio un fronte comune, come rispetto istituzionale vuole, che non il gioco del "volo degli stracci", in mezzo al quale si aprono praterie per evitare il pagamento doveroso dei danni subiti. Le polemiche sollevate dalla polizia olandese ne rappresentano un primo campanello d’allarme.

    RispondiElimina
  119. http://voxnews.info/2015/02/21/isis-minacci-ancora-stiamo-arrivando-a-roma/





    MOLTI SONO GIÀ ARRIVATI CON ""VOLO"" SCHENGEN E TANTISSIMI ALTRI COI BARCONI SCORTATI DALLA NOSTRA MMI AMOREVOLMENTE.
    SIAMO SOSPESI NELL'IMMINENTE INIZIO DEL DRAMMA DI UNA GUERRA CIVILE IN CASA CONTRO IL CORANO ED I SUOI ADEPTI CHE SONO INSERITI ANCHE NELLE NOSTRE ISTITUZIONI.
    NON FA OPERA MERITORIA IL VATICANO CHE METTE A DISPOSIZIONE PROPRIE STRUTTURE PER ACCOGLIERE E COCCOLARE IL PROPRIO NEMICO DICHIARATO CHE SE NE FREGA DEL BUONISMO CATTOLICI ED È SEMPRE PRONTO A SGUAINARE LA SCIMITARRA E TAGLIARE TESTE AL GRIDO DI
    ""ALLAH U AKBAR"".
    PREPARIAMOCI AL PEGGIO.. .!!!!!!!

    RispondiElimina
  120. Già da tempo gli amministratori sinistri italiani concedono spazio esagerato alle richieste dei coranici che non hanno intenzione di integrarsi nelle nostre leggi ed usanze e lingua e religione ed anzi hanno un solo scopo che è quello di creare il CALIFFATO ISLAMICO UNIVERSALE sottomettendo tutti con le buone o con le cattive.
    Meditate gente.

    RispondiElimina
  121. LANCIO ANCHE IO L'ALLARME ISLAM FATTO DA:

    ORIANA FALLACI
    PAPA RATZINGER
    MAGDI CRISTIANO ALLAM
    SALVINI
    CASAPOUND
    FORZANUOVA
    ETC ETC

    DAL 600 D.C. IN POI GLI ARABI HANNO MESSO NERO SU BIANCO LE LORO INTENZIONI DI DOMINARE IL MONDO ELABORANDO VOLUTAMENTE DELLE GIUSTIFICAZIONI RELIGIOSE AL FINE DI AMALGAMARE I PROPRI FEDELI IN ATTI E COMPORTAMENTI FINALIZZATI A DOMINARE GLI ""INFEDELI"" E UCCIDERLI SE RESISTONO.
    NON È CASUALE IL FINANZIAMENTO OCCULTO CORRUTTIVO FATTO A FAVORE DI GOVERNI CHE HANNO PRIVILEGIATO LA ENERGIA PETROLIFERA RISPETTO A QUELLA ATOMICA E L'ITALIA COI SUOI CORROTTI CATTOCOMUNISTI È CADUTA NEL TRANELLO ED OGGI CI RITROVIAMO A PAGARE LO SCOTTO DI QUESTE SCELTE SCELLERATE CHE HANNO PRESO IL ""TURBO"" NEGLI ANNI 1960/1990 SOTTOMETTENDOCI A LORO SENZA CAPIRE CHE SAREBBE STATA UNA VIA SENZA RITORNO.
    LA CONCESSIONE DI COSTRUIRE UNA MOSCHEA NEL 1974 A ROMA CAPITALE DEL CATTOLICESIMO E LO STOP AL FUNZIONAMENTO E COSTRUZIONE DI CENTRALI ATOMICHE NEL 1986/87 SONO DUE MOMENTI DECISIVI DELLA CAPITOLAZIONE DELL'ITALIA AI PAESI ARABI (PETROLIO FORNITORI).
    NON DIMENTICHIAMO L'ERRORE DI NON INSERIRE LE ORIGINI CRISTIANO/GIUDAICHE NELLA CARTA COSTITUTIVA UE ED IL SUBIRE IL PROTOCOLLO HALAL NEL 2010 NEI RAPPORTI COMMERCIALI TRA LE NOSTRE AZIENDE E I PAESI ISLAMICI RICCHISSIMI.
    QUANDO CI SI VENDE AL NEMICO LENTAMENTE LENTAMENTE SI ARRIVA AL PUNTO IN CUI IL NEMICO ARRIVERÀ A CONTROLLARE E CONDIZIONARE LA TUA ESISTENZA.
    INFATTI LE ATTIVITÀ INDUSTRIALI ED IMMOBILIARI CREATE IN QUESTI ULTIMISSIMI ANNI NEI PAESI DEL GOLFO PERSICO SONO FINALIZZATE A CONDIZIONARE LE SCELTE OCCIDENTALI CHE PIANO PIANO SI STANNO ADEGUANDO AL PROTOCOLLO ""HALAL"" ISLAMICO COL FINE DI INTRODURLO STABILMENTE NEI PAESI NON ISLAMICI PER FARLI DIVENTARE MUSSULMANI IN FUTURO RICATTANDOLO.

    RispondiElimina
  122. http://voxnews.info/2015/02/22/tbc-in-asilo-nido-tenuta-nascosta-per-non-turbare-accoglienza-profughi/



    A BOVEZZO (BRESCIA) SUCCEDONO COSE TURCHE COMMESSE DA MAIALI CHE SI DEFINISCONO ITALIANI.

    RispondiElimina
  123. http://voxnews.info/2015/02/22/paura-meningite-bimba-infetta-in-scuola-vicina-centro-per-immigrati/


    CONTINUA A TARANTO ED A BOLOGNA IL CONTAGIO DEI NOSTRI BAMBINI DA CLANDESTINI AFROASIATICI E PARLIAMO DI MALATTIE MORTALI MA GLI IMMIGRAZIONISTI AFFARISTI KATTOKOMUNISTOIDI FANNO FINTA DI NULLA PER NON COMPROMETTERE IL LORO SPORCO E LUCROSO BUSINESS.
    A QUANDO LA RIVOLUZIONE POPOLARE PER NON FARCI AMMAZZARE? ??????

    RispondiElimina
  124. http://voxnews.info/2015/02/22/gioca-in-giardino-asilo-punto-da-siringa/


    INTANTO BERGOGLIO HA ALLESTITO DEI LAVATOI PER CLANDESTINI ISLAMICI SOTTO IL COLONNATO DEL BERNINI COSÌ IN FUTURO I CORANICI NON GLI TAGLIERANNO LA CAPOCCIA COSÌ COME HANNO FATTO A TANTI CRISTIANI NEL MONDO CHE NON SI SONO VOLUTI PIEGARE ALLA VIOLENZA ISLAMICA.
    SE L'AVESSE IMMAGINATO IL BERNINI COL CACCHIO CHE L'AVREBBE COSTRUITO IL COLONNATO CHE È DIVENTATO UN PARCO GIOCHI OSCENO PER ANTICATTOLICI.
    C'È CHI PREDICA MALE E RAZZOLA PEGGIO.!!!!!!

    RispondiElimina
  125. http://m.veneziatoday.it/cronaca/profughi-lido-venezia-polemiche-20-febbraio-2015.html

    A VENEZIA VENGONO OSPITATI DEI SIRIANI CHE ESSENDO NEMICI DI ASSAD SONO AL 100% FILOISIS.
    CHE STIAMO A FARE QUI A PARLARE. ......?????

    RispondiElimina
  126. http://m.veneziatoday.it/cronaca/profughi-lido-venezia-polemiche-20-febbraio-2015.html




    Le città storiche invidiate da tutto il mondo trasformate in ricoveri per jihadisti pronti a far scattare l'assalto all'italietta degradata da incivili raccattati per specularci sopra.
    INDEGNE AUTORITÀ E CITTADINI PIDDINI VENDUTI.

    RispondiElimina
  127. http://m.veneziatoday.it/cronaca/profughi-lido-venezia-accoglienza-centro-morosini-proteste.html



    PIRLA ITALIDIOTI APPECORINATI ALL'ISLAM DI M...

    RispondiElimina
  128. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/un-tunisino-con-il-califfato-chi-era-litaliano-ucciso-in-guerra-in-siria/1097441/


    TUNISINO CHE SI ERA DIVERTITO ED ADDESTRATO IN ITALIA OVE L'ISIS HA LE MIGLIORI SCUOLE DI ADDESTRAMENTO MANTENUTE CON SOLDI RIGOROSAMENTE DEI CONTRIBUENTI ITALIANI IDIOTI PIDDINI.
    IL FUTURO SARÀ PER NOI NERO COME LA BANDIERA ISLAMICA JIHADISTA.

    RispondiElimina
  129. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/un-tunisino-con-il-califfato-chi-era-litaliano-ucciso-in-guerra-in-siria/1097441/


    22 Febbraio 2015

    Un tunisino con il Califfato. Chi era "l'italiano" ucciso in guerra in Siria.
    A riconoscerlo un'amica. "A Milano è diventato un fanatico. Poi ci hanno detto che era morto con l'Isis".

    Lucio Di Marzo

    Dall'Italia ci è passato, arruolato nelle fila degli estremisti a Milano. Ma italiano non lo era affatto. L'uomo caduto sotto i colpi dei curdi mentre combatteva con il sedicente Stato islamico a Kobane era in realtà di origini tunisine. Neji Ben Amara, così si chiamava. E trascorsi italiani li aveva davvero.
    Aveva fatto il bagnino, poi l'operaio nel ravennate, infine il barista a Milano, prima di lasciare la sua vita per seguire, come molti altri, la strada del jihad armato. Trentasei anni, a stare a sentire quanto raccontano i curdisarebbe morto a Kobane, la città teatro di una lunga resistenza, ucciso dai proiettili di una guerrigliera.
    Da inizio febbraio su twitter circolava la notizia di un italiano, identificato come Abu Izat al Islam, morto da foreign fighter. Una storia dai contorni molto vaghi, a cui qualcuno aveva poi aggiunto un dettaglio. L'uomo si sarebbe chiamato Francesco e sarebbe partito dal veneziano.
    Soltanto ieri la verità. A farsi avanti una donna,che a VeneziaToday racconta che l'uomo nella foto non si chiama affatto Francesco, ma Neji. Che con lui andava a ballare a Ravenna. "Mio marito è suo connazionale - spiega -. Abbiamo saputo che a novembre era partito per la Siria per combattere per l'Isis".
    Una frequentazione, quella tra i tre, che si era interrotta già prima, quando Ben Amara si era spostato a Milano. "È diventato un fanatico. Da quel momento è cambiato tutto". E da lì di notizie su di lui non avevano più avute. Fino all'annuncio della morte. Ucciso dai curdi? Non secondo quanto dice la donna. "Avevamo saputo che era morto a causa di uno dei bombardamenti giordani". E le date sembrano coincidere.





    Commenti

    alby118
    Detto in poche parole un emerito pirla !!!


    Legaiolo
    Bravi giordani, eliminateli tutti voi dato che l'Europa é incapace!!!


    illuso
    Appunto, era un "italiano" come "italiani" sono e saranno le centinaia di migliaia di fuorilegge che sono arrivati e arriveranno in questa "italietta" alfaniana. Buona domenica.

    RispondiElimina
  130. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/lultima-minaccia-dellisis-la-bandiera-nera-sul-colosseo/1097445/


    22.2.2015


    IO STO TRANQUILLO CHE' HO
    BOLDRINI,
    KYENGE
    NAPOLITANO
    BERGOGLIO
    LETTA
    MONTI
    RENZI
    ALFANO
    GRASSO
    MATTARELLA
    ALFANO
    MOGHERINI
    PINOTTI
    GENTILONI.

    COSTORO HANNO GIÀ CREATO LA BRIGATA ANTISLAM PER CACCIARE INDIETRO QUEI MATTACCHIONI DI JIHADISTI PACIFICI ..!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  131. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/atene-fa-festa-ma-tsipras-bluffa/1097378/


    TSIPRAS MI SEMBRA IL VENDOLA DELLA SITUAZIONE CHE A DISPETTO DEI SUOI GUSTI SESSUALI LA STA METTENDO IN QUEL POSTO AL POPOLO GRECO COME FECE WANNA MARCHI CHE SUGGERIVA ACQUA MINERALE E SALE ALLO IODIO PER CURARE MALATTIE GRAVISSIME...

    RispondiElimina
  132. http://www.secoloditalia.it/2015/02/50-anni-fa-moriva-fanatico-malcom-x-voleva-califfato-islamico-negli-usa/




    NEGRI E ISLAMICI PERICOLOSI DA TENERE A BADA

    RispondiElimina
  133. http://www.secoloditalia.it/2015/02/libia-putin-in-campo-russia-pronta-combattere-contro-lisis/


    PUTIN MI CONVINCE AL 100%...

    RispondiElimina
  134. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/22/rai-renzi-cambieremo-legge-gasparri_3350d6db-0668-40b6-af6c-118b72f0f10b.html



    RENZI DOVREBBE CAMBIARE CONTINENTE.
    SUGGERISCO X LUI LA PENISOLA ARABA.

    RispondiElimina
  135. O sono in malafede oppure sono imbecilli.
    Vedere ad Oslo mussulmani che si offrono pubblicamente a difesa delle sinagoghe è come affidare alla volpe la difesa del pollaio.
    Cojones

    RispondiElimina
  136. http://www.055firenze.it/art/119417/Firenze-calciatore-Babacar-denunciato


    NEGRI a cui è stato detto che con Renzi e boldrini e Kyenge e Alfano possono fregarsene delle leggi italiane se sono troppo restrittive ma cio' non vale per gli italiani identitari s'intende che devono essere ligi......!!!!!!!!!!..!!!!!

    RispondiElimina
  137. http://ilsaronno.it/2015/02/21/strappati-i-manifesti-del-convegno-fdi-sulla-tragedia-della-foibe/



    NESSUNO SI AZZARDI A DARE LA COLPA A QUEI BASTARDI DEI CENTRI ASOCIALI..!!!
    COLPA DEL VENTO! !!!!!

    RispondiElimina
  138.   http://www.altamuralive.it/news/Attualita/352381/news.aspx


    SABATO 21 FEBBRAIO 2015

    "Giorno del ricordo", Altamura ricorda le vittime delle foibe“Giorno del ricordo”, Altamura ricorda le vittime delle foibe.
    Diverse le iniziative celebrate ad Altamura.


    In occasione del "Giorno del ricordo", Carlo Moramarco, portavoce del “Comitato 10 febbraio” di Altamura, ha difusso la seguente nota.

    "Con la Legge 30 marzo 2004, n. 92 il Parlamento italiano ha istituito il 10 Febbraio quale “Giorno del Ricordo” al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra (dall’armistizio dell’ 8.09.1943 al 10.02.1947 e dopo) e della più complessa vicenda del confine orientale.
    L’occupazione jugoslava di Trieste, Gorizia, Istria (primavera del 1945), fu causa non solo del fenomeno delle foibe (cavità carsiche profonde dai 15 mt ad oltre 100 mt, ove furono gettati vivi dai partigiani comunisti slavi del Maresciallo Tito, dopo torture, decine di migliaia di uomini, donne, giovani e bambini innocenti, la cui unica colpa era quella di essere nati italiani), ma anche delle deportazioni nei campi di concentramento jugoslavi di popolazioni inermi; in Istria, a Fiume e in Dalmazia, la repressione comunista jugoslava costrinse 350.000 persone ad abbandonare le loro case per fuggire dai massacri e poter mantenere la propria identità italiana.
    Nel febbraio 2006 a Roma presso il Quirinale, l’ex Presidente della Repubblica Sen. Carlo Azeglio Ciampi consegnò una medaglia d’oro al valor civile alla memoria di Norma Cossetto, 24 anni, seviziata, violentata e gettata in una foiba dai partigiani comunisti titini nel settembre 1943.
    Domenica 8 febbraio 2015 è stata celebrata la Santa Messa nella Cattedrale di Altamura in ricordo dei Martiri delle foibe. Lunedì 9 febbraio 2015 alle ore 18.00 presso la sala consiliare del Comune di Altamura è stato proiettato un film-documentario sulle foibe con interviste ad esuli, a cura di  noninfoibiamoilricordo.Martedì 10 febbraio 2015 alle ore 11.00 è stata organizzata una visita al Centro Raccolta Profughi presso le casermette sito ad Altamura in via Gravina, che accolse circa 1800 profughi (tra il 1945 e gli anni sessanta), provenienti dal confine orientale, con la testimonianza di un gravinese sig. Nino Divella che insieme al padre ogni mattina portava pane fresco e latte ai bambini, e in serata al termine della fiaccolata partita da Piazza Zanardelli, organizzata da Rino Madalena, Gianni Ostuni, Onofrio Gallo, Vito Diele ed altri del gruppo noninfoibiamoilricordo, che ha visto la partecipazione di circa 150 persone, tra cui esponenti del “Comitato dieci febbraio” di Gravina in Puglia, è stata apposta una corona di fiori nella “Via caduti delle foibe”, sita nella Città di Altamura. Ancora oggi nella scuola italiana la tragedia delle foibe non viene adeguatamente affrontata e raccontata ai ragazzi; la memoria dei tanti italiani trucidati dalla violenza comunista non trova ancora il dovuto spazio, pertanto, il portavoce MORAMARCO Carlo del “Comitato dieci febbraio” di Altamura rivolge un appello alle varie istituzioni e ai giovani, affinché venga ricordata tale tragedia, per capire cosa è successo in quegli anni".

    RispondiElimina
  139. http://www.gonews.it/2015/02/20/foibe-un-incontro-con-gli-studenti-al-centro-il-giardino/

    22.2.2015

    Foibe, un incontro con gli studenti al centro Il Giardino.
    Scuola e Università Figline Valdarno e la presidenza del Consiglio comunale, in collaborazione con il centro sociale ‘Il Giardino’, ospiterà in via Roma a Figline una riflessione rivolta agli studenti dell’Istituto Marsilio Ficino e dell’Isis Giorgio Vasari. L’incontro dal titolo ‘Una tragedia italiana nella tragedia europea: le foibe e gli esodi degli istriani, fiumani, dalmati’ si terrà il 23 febbraio dalle ore 11 alle 13, alla presenza della presidente del Consiglio Cristina Simoni e dell’insegnante Silvano Priori dell’Istituto storico della Resistenza in Toscana. L’iniziativa rientra tra quelle promosse dalla Presidenza del Consiglio comunale in occasione del Giorno del Ricordo, la commemorazione nazionale istituita per ricordare la tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra. “E’ un dovere morale e politico – ha commentato la presidente Simoni - recuperare e far emergere la memoria sulle vicende drammatiche che coinvolsero le popolazioni della Venezia-Giulia, dell’Istria e della Dalmazia. Lo faremo approfondendo lo sguardo storico e politico su un periodo complesso, per riflettere insieme agli studenti sul dramma di questa vicenda alimentata dalla diversità culturale, linguistica, etnica, una vicenda che fu vista come una minaccia. Anche in questa occasione noi ci schiereremo dalla parte giusta, quella delle vittime”.
    Fonte: Comune di Figline e Incisa Valdarno- Ufficio Stampa





    RispondiElimina
  140. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/milano-invasa-dai-profughi-il-comune-contro-alfano-arrivano-senza-controlli/1097458/



    AVETE VOLUTO LA BICICLETTA ALLA MARINO?
    E ALLORA PEDALATE BRUTTI COJONES E SPERO CHE VE NE MANDINO ALMENO ALTRI 50.000 ANCORA DI CLANDESTINI COSÌ GLI OSPITI STRANIERI PER L'EXPO 2015 SARANNO IN OTTIMA COMPAGNIA.


    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
  141. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/milano-invasa-dai-profughi-il-comune-contro-alfano-arrivano-senza-controlli/1097458/



    Quando gli italiani non avranno più soldi per pagare le tasse saranno stracazzi vostri....a dover mantenere questi Fankazzisti islamici..

    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH
    AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH AHAHAHAHAHAHAHAJAHAHAHAH

    RispondiElimina
  142. IL CIELO IN UNA STANZA. ...SI MA BLINDATA. ..INSOMMA UN CAVEAU SVIZZERO DOVE NASCONDERE LA GRANA RUBATA AI CITTADINI DELLE FESTE DELL'UNITÀ...!!!!!
    PRESUNTO MASCALZONE! !!!!!




    http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11759310/Gino-Paoli-e-l-intercettazione-nello.html


    Gino Paoli e l'intercettazione nello studio del commericalista: "Voglio salvare la faccia"

    22 febbraio 2015


    "Non voglio che si sappia che ho portato i soldi all'estero". Gino Paoli, indagato per evasione, è nello studio del suo commercialista e, ovviamente, non sa che si sono microspie che lo registrano. "Bisogna nascondere bene le carte in un posto sicuro", rincara la moglie Paola Penzo. Le intercettazion ambientali del cantante sono pubblicate da Repubblica che spiega come, Paoli sia stato scoperto per caso, perché lo studio di Andrea Vallebuona è sotto controllo per l' inchiesta su Banca Carige di cui Vallebuona è consulente. E' il mese di gennaio del 2014 e Il cantante è preoccupato per la conclusione degli accordi bilaterali con la Svizzera che dà accesso ai nominativi: "Io sono un personaggio pubblico, non posso rischiare questo. Ho un' immagine da difendere. Non voglio che si sappia che ho portato soldi all' estero, li voglio riportare in Italia". Il commercialista gli assicura: "Vedremo di trovare un modo". Ma - come scrive il giornalista di Repubblica - forse è troppo tardi per uno "scudo" fiscale per far rientrare i 2 milioni di euro, tantomeno una sanatoria per l' evasione fiscale di 800mila euro che adesso gli contesta la procura di Genova.

    RispondiElimina
  143. http://www.liberoquotidiano.it/news/editoriali/11758558/Gino-Paolo-giu-dal-palco-.html


    Gino Paoli giù dal palco: indagato per evasione

    20 febbraio 2015


    Siamo passati dai compagni che sbagliano - così la sinistra chiamava quelli con la P 38 - ai compagni che sbagliano la dichiarazione dei redditi. Per dirla con Matteo Renzi, anche questo è un modo di cambiare verso: accantonata la rivoluzione c’è chi tra i progressisti ha abbracciato l’evasione, ovviamente fiscale. Nei giorni scorsi, in un’aula del Tribunale di Torino, l’ex padre padrone del Grinzane Cavour, un premio letterario generosamente finanziato con i soldi pubblici della Regione Piemonte, ha tirato in ballo politici, giornalisti e vip dello spettacolo, tutti rigorosamente di sinistra, accusandoli di aver intascato soldi in nero, senza cioè pagare le tasse, e ai dinieghi sdegnosi dei vari Chiamparino, Augias e Michele Placido ha risposto assicurando di aver prove e testimoni pronti a confermare i fatti, e soprattutto le buste (...)

    RispondiElimina
  144. http://voxnews.info/2015/02/22/vogliono-arrestare-brigitte-bardot-per-questa-frase-sullislam/



    IO SONO STUFO DI SOPPORTARE LA PRESENZA DI ISLAMICI NEMICI DELL'OCCIDENTE CATTOLICO E NEMICI DELLA DEMOCRAZIA E CHE NEI LORO PAESI TEOCRATICI IMPEDISCONO AD ALTRE RELIGIONI DI ESISTERE.
    IO STO CON BRIGITTE BARDOT ED I FRANCESI RIMPIANGERANNO AMARAMENTE DI NON AVERE ASCOLTATO LA DIVA VINTAGE CHE DICE COSE VERE E L'ATTENTATO DEL 7 GENNAIO AVREBBE DOVUTO SVEGLIARE LE COSCIENZE NAZIONALI.
    DOPO NAPOLEONE BONAPARTE E DOPO MUSSOLINI SIA L'ITALIA CHE LA FRANCIA SI TROVANO A RINNEGARE LA LORO MILLENARIA STORIA DI ALTISSIMO LIVELLO E SI APPECORINANO A BEDUINI CON LA ROLLS ROYCE.

    RispondiElimina
  145. http://voxnews.info/2015/02/22/vogliono-arrestare-brigitte-bardot-per-questa-frase-sullislam/



    MAGISTRATURA EUROPEA IN FRANCIA,INGHILTERRA,GERMANIA ED ITALIA APPECORINATA VERGOGNOSAMENTE ALLA INCULTURA INTOLLERANTE ISLAMICA CONTRO I PROPRI CITTADINI.
    IN GUETTA QUESTO TRADIMENTO VERREBBE SANZIONATO CON LA FUCILAZIONE.

    RispondiElimina
  146. http://voxnews.info/2015/02/22/islamici-infiltrati-nel-governo-britannico-grazie-a-ministra-immigrata/




    RispondiElimina
  147. http://blogs.telegraph.co.uk/news/andrewgilligan/100266808/tell-mama-did-exaggerate-anti-muslim-attacks-pcc-rejects-all-fiyaz-mughals-complaints-against-us/


    ISLAM AVANZA PERICOLOSO IN G.B.

    RispondiElimina
  148. http://voxnews.info/2015/02/22/isis-apre-centro-reclutamenteo-per-bambini-foto/


    ASILO IDENTICO A QUELLI ITALIANI...!!!!!!

    RispondiElimina
  149. http://www.theguardian.com/uk/2013/may/28/woolwich-murder-200-islamophobic-incidences



    DIFENDERSI DALL'ISLAM È UNA NECESSITÀ VITALE

    RispondiElimina
  150. https://www.britainfirst.org/home/



    PATRIOTI BRITANNICI DA STIMARE X IMPEGNO

    RispondiElimina
  151. http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2015/02/21/news/forza-nuova-contro-tutti-1.10909089


    FORZA NUOVA CONTRO TUTTI
    Forza Nuova contro tutti

    Oggi pomeriggio la manifestazione in piazza Garibaldi: fra gli obiettivi il nuovo centro islamico ma anche l'ex sindaco Fabbridi Mirco Peccenini.

    21 febbraio 2015

    Parte da piazza Garibaldi, a Bondeno, la protesta di Forza Nuova contro il centro islamico di via Goldoni. Verso il quale il corteo si è spostato, a partire dalle 16, all’arrivo del segretario nazionale, Roberto Fiore. Piazza assediata, come tutto il percorso, dalle forze dell’ordine, che hanno presidiato tutto il tragitto della manifestazione. Dai toni decisi, ma sostanzialmente pacifica.
    «Ci voleva l’arrivo di Forza Nuova – arringano la folla gli organizzatori – per fare scendere la gente di Bondeno in piazza, contro la moschea. C’è ancora qualcuno ritardatario, anche in giro per l’Italia, ma poi non si stupiscano di essere stati colpevoli nei confronti dei loro figli, per quello che ci sta accadendo attorno». Ce n’è anche per l’ex sindaco e consigliere regionale della Ln, Alan Fabbri, che «ha raccolto le firme (simbolicamente), ma poi ha contrastato solo a parole la nascita dei centri islamici, con il suo amico Salvini. I sindachi leghisti sono così e anche altri di centrodestra, come a Sassuolo, dove si è barattato per qualche voto la nascita del centro islamico, inscenando poi una finta protesta».
    Alan Fabbri, dal canto suo, rivendica di avere già chiuso una moschea a Bondeno, a Ponti Spagna, e di avere sottoscritto la risoluzione a livello regionale che impegna la Regione a chiedere una moratoria sulla nascita di nuove moschee. Convinto che sia la strada istituzionale quella più idonea a contrastare il fenomeno".

    RispondiElimina
  152. http://www.ilfoglio.it/articoli/v/124083/rubriche/pegida-contro-lislamizzazione-delloccidente-e-preoccupa-molto-i-tedeschi.htm



    CasaPound ok.......

    RispondiElimina
  153. http://www.ilpost.it/2015/01/09/pegida/



    Commento

    si può essere d' accordo con Pegida o meno, ma non sono nazisti o di estrema destra, tanto che nel loro logo c' è una mano che cestina una svastica. Il loro statuto si può leggere nella loro pagina facebook, e specificano di NON essere contro i rifugiati o i profughi (quelli veri). Dicono soltanto che chi viene in Euruopa SI DEVE ADEGUARE ALLE LEGGI VIGENTI, e che non siamo noi che ci dobbiamo adattare a loro. Nella vulgata socialdemocratica se uno non è social democratico, piddino è automaticamente "di estrema destra". Il fatto che in Germania si debba parlare tedesco è sacrosanto, sennò uno non si integra e nascono quei ghetti che hanno portato alla creazione delle banlieu parigine.

    RispondiElimina

  154. PEGIDA HA SEMPRE PIÙ ADERENTI COME CASAPOUND. ...
    BENE
    BENE



    http://www.telegraph.co.uk/news/11426868/German-anti-Islam-group-Pegida-marches-in-Britain.html


    German anti-Islam group Pegida marches in Britain.


    By Tom Rowley
    21 Feb 2015

    Tension on Tyneside as divisive organisation plans high-profile protest

    The cameras are still rolling at Byker Grove. These days, though, they are set high above the security fence at the edge of the grounds, next to signs warning off intruders. When the children’s soap finished its run, in 2006, producers abandoned the Victorian mansion where it was filmed.

    Children will soon be running around the grounds again. Not PJ and Duncan, the youth club teenagers played by Ant and Dec, but students of an Islamic academy that is planned for the site, Benwell Towers.

    Not everyone is happy with the proposal, however. In fact, when the Bahr Academy bought the property two years ago, the English Defence League, a far-Right group that has often clashed with police, staged its biggest-ever demonstration. It claims 5,000 members marched through Newcastle that day.

    As tensions rose, someone hung a pig’s head from the gates, a calculated attempt to offend. The protesters seemed to favour an empty shrine to Nineties television over a faith school. Work on the site has now begun but it remains controversial, hence the security cameras.

    ADVERTISEMENT

    So it was not such a surprise to learn that another march was planned for the city, next weekend. That is, until Geordies discovered the identity of the group behind the demonstration: Pegida, a populist anti-Islam movement – in Germany. It only held its first march against the “Islamisation of the West” in the German city of Dresden last October; now, it seems, it is ready to spread its message internationally.

    Branches have been set up in several other countries, including France and Spain, and the Newcastle demonstration next Saturday will be its first in Britain. If it is successful, more marches are planned, for Birmingham and London, as well as Bathgate in Scotland.

    It is a remarkably ambitious expansion plan for a group that has proved so shambolic at home. Its spokesmen initially insisted that it had no links to the far-Right, a position that was rather undermined when a picture emerged of its leader, Lutz Bachmann, sporting a Hitler moustache.

    Bachmann resigned, but his replacement, Kathrin Oertel, lasted only a week, before she, too, quit, in an attempt to distance herself from “extreme right-wing tendencies”.

    Yet, for all the chaos, Pegida has clearly touched a nerve. Its weekly marches in Dresden have been attended by as many as 25,000 Germans, and were particularly well-attended in the aftermath of last month’s attacks on Charlie Hebdo.

    Organisers expect only a tiny fraction of that figure at the march in Newcastle. Matthew Pope, its UK spokesman, said he hoped 1,000 supporters would show up. Even so, it will be a crucial test for Pegida, to see if it can tap into local disenchantment to build a broad-based movement in Britain to mirror the mass marches in Germany.

    January 2015: Man with rainbow flag confronts Pegida demonstrators

    But why Newcastle? The number of Muslims in the city nearly doubled in the decade after 2001, but they still only account for around six percent of the overall population, a much lower concentration than in other northern cities such as Bolton and Manchester.

    The official line – put about by Pope, a 29-year-old born-again Christian from Cambridgeshire – is that the city was deliberately chosen because it is not a regular haunt of the far-Right, so that Pegida would not be tarnished by association.

    Many are sceptical about this claim, particularly as Pope has specifically declined to insist that EDL or BNP members stay away, and several local EDL supporters are planning to attend. “We are worried that we will attract a hooligan element,” he tells me, but then adds: “We accept everyone, so long as they are peaceful”.

    ....CONTINUA A LEGGERE SUL LINK DI CUI SOPRA....

    RispondiElimina
  155. http://www.telegraph.co.uk/news/politics/11427370/Islamic-radicals-at-the-heart-of-Whitehall.html

    RispondiElimina
  156. http://www.wired.it/attualita/2015/01/21/62746-tutto-cio-che-ce-da-sapere-su-pegida-il-movimento-tedesco-anti-islamizzazione-di-cui-ha-paura-la-merkel/


    Tutto ciò che c’è da sapere su Pegida, il movimento tedesco anti-islamizzazione di cui ha paura la Merkel

    Andrea D'Addio 


    gennaio 21, 2015

    Vorremmo che tutti i bambini possano crescere in una Germania ed un’Europa cosmopolite. Noi non siamo “Politicamente corretti”, non ci inchiniamo ai mass media, non facciamo i “bravi ragazzi”, utilizziamo il nostro diritto costituzionale alla libertà di espressione. Qualsiasi persona, indipendentemente da nazionalità e religione, è benvenuta, ma non vogliamo che si scarichino sulle nostre strade le guerre religiose…Non accettiamo che in Europa ci siano attività dell’Isis, del Pkk, di al Queda o di come si chiamano! Vogliamo preservare a tutte le persone che vivono in Europa la libertà di pensiero e di modo di vivere. Chiediamo che la nostra giustizia si batta con ogni mezzo legale in suo possesso contro l’autoproclamatasi guerra santa ed i suoi predicatori. La separazione tra Stato e Chiesa ha avuto successo in Europa. Il “padre dei turchi”, Mustafa Kemal Atatürk ha guidato con successo la Turchia verso il mondo moderno con la separazione tra stato e religione dimostrando così che anche un Paese musulmano ne è capace.

    È questo il manifesto fondante di Pegida, i “patrioti europei contro l’islamizzazione dei paesi occidentali” (Patriotische Europäer gegen die Islamisierung des Abendlandes), movimento che da alcuni mesi, con un picco dopo la strage di Parigi, sta catalizzando l’attenzione di tutti i discorsi riguardanti l’islamismo e l’anti-islamismo in Germania tanto da entrare nelle mire anche del terrorismo.Come riporta il Der Spiegel, i suoi eventuali eventi futuri potrebbero diventare bersaglio di azioni terroristiche. È questa la ragione per cui la polizia ha annullato la già organizzata marcia di lunedì 19 gennaio a Dresda e sospeso nuove possibili marce del lunedì in città. Facciamo però un passo indietro.

    Cosa è Pegida. Pegida (da leggere Peghida) è nato  lo scorso ottobre a Dresda, la capitale di quella Sassonia che come tutte le (povere) ex aree della Germania dell’est, risulta da 25 anni tra le più ricettive a livello nazionale agli slogan di destra. Solito paradosso: nella regione i musulmani sono solo 4mila, lo 0,1% della popolazione, molto meno della media nazionale (5%). Pegida è stato fondato dal pubblicitario  Lutz Bachmann, dopo essere stato testimone a Dresda di scontri tra manifestanti del PKK, il partito dei lavoratori curdi ed un gruppo di salafisti. Pensò che sarebbe stato il caso organizzare un movimento contro l’idea che atti del genere, sconnessi dalla realtà tedesca, potessero ripetersi in futuro. Organizzò una prima manifestazione promossache raccolse poco più di 350 aderenti e creò la pagina facebook Pegida, tuttora unica fonte ufficiale del movimento nonostante recentemente sia stato registrato il dominio http://www.pegida.de/.

    Attraverso il passaparola la partecipazione alle manifestazioni – una a settimana, sempre di lunedì – è cresciuto da allora in maniera costante. La strage di Parigi ha logicamente catalizzato ancora di più l’attenzione. A Dresda il 12 gennaio scorso erano 25mila persone e sulla stessa falsariga si stanno comportando altre città. A Lipsia, Darmstadt, Francoforte, Colonia, Bonn e Düsseldorf già a novembre sono nati movimenti analoghi, spesso con nomi simili (Bo-gida, Dü-gida e  Kö-gida, le prime due lettere cambiano a seconda della città che organizza la parata).

    Non è una storia di soli successi però:come raccontavamo qualche giorno fa su Wired,  il giorno prima dell’attentato di Parigi un’analoga manifestazione a Berlino si era rivelata un flop al contrario di tante manifestazioni pro-integrazione che hanno avuto vita nella capitale tedesca. Berlino però, con la sua multi-culturalità, fa testo fino ad un certo punto. ....................%continua sul LINK. ...%.....

    RispondiElimina
  157. https://m.facebook.com/pages/PEGIDA/790669100971515?sk=info&tab=page_info



    PEGIDA FOREVER

    RispondiElimina
  158. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11758487/Salvini--Talebani-e-Pegida-a.html


    Salvini, Talebani e Pegida a Roma per l'Europa alternativa a Renzi e alla Merkel.

    19 febbraio 2015


    Pegida a Roma? Dopo Dresda il movimento nato sui social lo scorso ottobre sbarca anche in Italia. E lo fa in un giorno particolare, sabato 28 febbraio, poche ore prima che il Carroccio di Matteo Salvini sfili per Piazza del Popolo. Per la mattinata di sabato, infatti, Il Circolo culturale Il Talebano di Milano ha organizzato un incontro-brain storming al quale prenderanno parte politici, giornalisti e mondo dell'associazionismo. E chiaramente anche il leader leghista Salvini. 

    Bloc Identitaire e Pegida - Bloc Identitaire, realtà fondata nel 2003 da Guillaulme Luyt e le cui posizioni si richiamano al modello della Nouvelle Droite di Alain De Benoist, ha risposto positivamente all'invito dei "talebani" per il convegno romano. Anche Pegida prenderà parte all'incontro, i cui relatori saranno il giornalista Sebastiano Caputo Fabrizio Fratus, il "capo talebano" Vincenzo Sofo, l'eurodeputato leghista Lorenzo Fontana e il senatore Raffaele Volpi. Special guest un importante pensatore sul quale però gli organizzatori al momento non si sbottonano.

    Obiettivi - Secondo il Talebano "in sala vi saranno rappresentanti di diversi gruppi organizzati sia a livello nazionale che regionale e per ogni gruppo o città ci saranno tre o cinque rappresentanti. Si tratta, principalmente, di realtà giovanili che aderiscono a una confederazione per il comunitarismo e l’identità del movimento Noi con Salvini. Tra gli obiettivi vi è anche quello di creare una rete di movimenti europei". 

    Quotidiano vs ideologia - Con Pegida Lutz Bachmann era stato chiaro: nessuna ideologia del passato, solo analisi dei problemi che affliggono i tedeschi. Allora perché accettare l'invito di Sofo e Salvini? "Perché anche noi guardiamo al presente - spiega Sofo -. I valori che finora hanno mosso l'azione di Pegida sono simili ai nostri: addio a fascismo e anti fascismo, al conflitto destra/sinistra in quanto concetti superati, ridottisi ormai a specchietti per le allodole, ad ombre dietro le quali si nasconde una realtà fatta di una crisi che non demorde, di una crescita economica che non arriva e di una generale scarsa attenzione dell'Unione europea alla salute e allo sviluppo di alcuni paesi. Un esempio? L'Italia con i flussi migratori: malgrado morti, spese per il mantenimento dell'apparato di soccorso e appelli di Bruxelles a tenere duro, la solidarietà dell' “Europa di paesi fratelli” pare essere più uno slogan elettorale che non il principio motore dell'Ue”.

    di Marco Petrelli 
    @marco_petrelli

    RispondiElimina
  159. http://www.infoaut.org/index.php/blog/antifascismoanuove-destre/item/13897-malm%C3%B6-5000-antifascisti-circondano-il-presidio-di-pegida


    STORIA DI UNA SVEZIA DEI VICHINGHI CHE ADESSO È RIDOTTA AD UNA CLOACA DI CULATTONI CHE OSPITANO PER MOTIVI INCONFESSABILI STRANIERI MUSULMANI JIHADISTI TERRORISTI A GOGO'.
    QUESTI STRANIERI SONO ORMAI LORO CHE COMANDANO IN QUELLO STATO DI SCHIAVI SVEDESI....!!!!!!

    POVERA EUROPA

    RispondiElimina
  160. http://www.adnkronos.com/fatti/esteri/2015/02/09/svezia-corteo-anti-islam-ispirato-pegida-piazza-malmoe_IYwLnTBuQpLpTNJKHfELsN.html

    Pegida FOREVER


    Viva casapound

    RispondiElimina
  161. DOVEVA ESSERE ELETTO SCOLA A PAPA AL POSTO DI BERGOGLIO MA I CAGASOTTO DI CARDINALI RICATTATI E MINACCIATI DA LOBBY GAY E FILO ISLAMICA ANTICATTOLICA. MA IL CARDINALE SI PRENDE LA RIVINCITA E MENTRE BERGOGLIO SI DIVERTE ALLE GIOSTRE COI CLANDESTINI DI LAMPEDUSA TUTTI RIGOROSAMENTE CORANICI ANTICRISTIANI IL BRAVO ARCIVESCOVO DI MILANO FA UN LISCIA E BUSSO AL SINDACACCHIO PISAPIPPA CHE VORREBBE MASSACRARE LA NOSTRA FAMIGLIA TRADIZIONALE E CONSEGNARE IL FUTURO DEI BAMBINI AI FROCI PERVERTITI.
    GIÙ LE MANI PIAPIPPE...!!!!!!


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/scola-non-si-scherza-con-la-famiglia/1097341/



    22 Febbraio 2015

    Scola: «Non si scherza con la famiglia».
    L'arcivescovo boccia Pisapia e appoggia il prefetto che ha annullato le nozze gay.

    Prima il prefetto Francesco Paolo Tronca che cancella le sue trascrizioni dei matrimoni omosessuali, adesso anche l'arcivescovo Angelo Scola che lo ammonisce a «non scherzare» con la famiglia. Quella tradizionale fatta da madre e padre, un «rapporto stabile tra un uomo e una donna». Perché «la famiglia - ammonisce Scola - ha la sua precisa definizione». È un Giuliano Pisapia ormai con le spalle al muro quello che continua a usare la fascia da sindaco per condurre una battaglia ideologica in difesa dei matrimoni gay. Pretendendo di far di Milano l'avamposto della disgregazione di quanto chiaramente previsto dalla tanto spesso invocata Costituzione che è chiarissima nel dire, all'articolo 29, che la famiglia è una «società naturale fondata sul matrimonio». E chi non è d'accordo non ha che da cercar di metter mano alla Carta fondamentale.
    A ottobre Pisapia aveva ordinato all'anagrafe di accettare le richieste di registrazione delle coppie omo sposate all'estero. Dopo lo stop del prefetto, ieri al sindaco è arrivata la pesantissima sconfessione del cardinale Scola. «Penso che il prefetto abbia agito secondo la legge», le parole dell'arcivescovo.
    Dopo la bomba carta fatta esplodere contro un bar domenica scorsa e la paura di commercianti e residenti di finire vittime del racket dello spaccio, qualcosa si muove in via Gola. Il prefetto Paolo Francesco Tronca ha riunito ieri il tavolo per l'ordine e la sicurezza e ha disposto un'intensificazione dei controlli interforze sull'intera area. L'assessore alla Sicurezza del Comune Marco Granelli ha sostenuto che «per contrastare la criminalità alle radici serve un impegno comune tra amministrazione e forze dell'ordine» ma «è altrettanto importante attivare tutte le iniziative a sostegno di una ricostruzione del tessuto sociale ed economico. Nel 2014, sono stati almeno 15 gli arresti per spaccio e conseguenti sequestri di droga. Il Comune ha comunque deciso di aumentare i controlli potenziando tutte le misure utili per sostenere le attività di commercianti e associazioni per rendere anche via Gola vivibile e attrattiva come il resto dei Navigli, luogo di vita perla città e per il turismo». Chiede anche ad Aler di riqualificare il quartiere popolare che si affaccia su via Gola. Il centrodestra chiede «un presidio fisso» sulla strada.....................................

    RispondiElimina
  162. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/libia-renzi-incontrera-putin-siamo-in-grado-di-intervenire/1097545/


    22.2.2015


    RENZI FINALMENTE HA CAPITO CHE SOLO PUTIN È UNO STATISTA AFFIDABILE E CAPACE DI ARRESTARE L'AVANZATA DEI JIHADISTI TAGLIAGOLE. MOGHERINI INESISTENTE E INCAPACE DI LEGGERE E SPIEGARE NEMMENO UN FUMETTO TIPO "TOPOLINO". ADESSO ISIS COMINCIA A FARE PAURA E MI AUGURO CHE NON SIA UNA DELLE BUFFONATE DEL RENZI FONZIE. !!!!!

    RispondiElimina
  163. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/22/libia-renzi-incontrera-putin-siamo-in-grado-di-intervenire/1097545/

    22.2.2015


    Commenti all'articolo....


    nonnoaldo
    L'UE si è fatta trascinare dall'abbronzato in un cul de sac. Gli USA hanno montato ad arte il problema ucraino, prima fomentando la rivolta in Ukraina, poi trascinandoci nell'assurdo gioco delle sanzioni, raccontando favole stile Renzi. Una su tutte: ricordate che disse all'UE di non temere per il gas russo, se Putin ce lo avesse tagliato avrebbe provveduto lui con lo shale gas americano..!!! Peccato che per far ciò sarebbe necessaria una flotta di navi metaniere, stazioni di stoccaggio e di rigassificazione. Non mi risulta che sia iniziata alcuna attività in tal senso, nonostante che Obama spinga l'UE a incrementare le sanzioni e la Nato ad armare l'Ukraina oltre a creare basi militari attorno alla Russia, quindi provocando sempre più la Russia e rischiando di spingerla a ritorsioni contro l'UE, come, ad esempio, tagliare il gas.


    @ollel63
    Beh, babbeo, allora che ci vai a fare in Russia, babbeo-babbeo!


    elio2
    Come la racconta grossa il Renzino, l'urlo del coniglio. Vuole coinvolgere PUTIN, bisogna prima vedere se PUTIN lo vorrà star ad ascoltare o lo manderà a quel Paese. Quando PUTIN disse agli idioti americani, inglesi, francesi e ai nostri comunisti che Gheddafi andava lasciato stare, che si sollevava un vespaio, loro cosa hanno fatto? Niente non avendo in tutti neppure un cervello funzionante, hanno eseguito gli ordini e fatto gli interessi del guerrafondaio americano.



    robocop2000
    RENZI VA DA PUTIN. AHAHAHAHAH ! GLI RISPONDERA' CON UNA SCORREGGIA. QUESTO SQUALLIDO PAGLIACCIO E' PIENO SOLO DELLA SUA ARROGANZA IDIOTA.



    DIAPASON
    Che va a fare,probabile che Putin neanche lo riceva.


    Chichiu
    Meglio aver a che fare con i pazzi che con i tonti. Il nomignolo più azzeccato del sedicente rottamatore, è quello di Grillo, che tonto non è: «ebetino». Non c’è telecamera, mentre cammina, che gli sfugga e alla quale non dedichi un sorriso ammiccante. Quando, però, è colto senza il sorriso di parata, la sua faccia è decisamente quella classica del tonto. Tonto e opportunista. Opportunista, perché il suo volo a mosca sarebbe stato impossibile senza il rapporto amichevole, sincero e costruttivo intessuto da Berlusconi con Putin. O opportunista o tonto, perché delle due l’una: o finge di non sapere tutto lo sterco che il suo partito ha vomitato sul Cavaliere a motivo dell’amicizia con Putin, o veramente non se n’è accorto ed allora è un imbecille.Tonto di scuro, perché con la sua sparata sull’Ucraina, rischia che Putin ad accoglierlo gli mandi il proprio usciere per dirgli che non ha tempo per riceverlo.

    RispondiElimina
  164. http://voxnews.info/2015/02/22/lesbica-voglio-mia-figlia-di-6-anni-cresca-lesbica-come-me/



    Una società di froci e lesbiche i mussulmani la sottomettono solo con lo sguardo minaccioso.
    Questa lesbicaccia si permette di decidere e condizionare alla perversione sessuale e familiare future una bimba innocente che non ha colpa e dovrebbe essere tolta per farla adottare da una famiglia normale etero sessuale. L'abbiamo scritto migliaia di volte che la omosessualità è una malattia
    grave da curare e che comunque bisogna evitare tassativamente che si sposino o adottino bambini perché è inevitabile che il futuro di queste creature sarebbe l'inferno in terra...
    Meditando su questa vicenda si evitino errori.

    RispondiElimina
  165. http://voxnews.info/2015/02/22/parla-di-antirazzismo-e-islamofobia-in-tv-ora-decapita-con-isis/



    MERDA EUROPEA APPECORINATA AI TAGLIAGOLE
    A ME SEMBRA RICCHIONE PEDOFILO PERVERTITO.

    RispondiElimina
  166. http://voxnews.info/2015/02/22/renzi-islamici-terroristi-perche-non-li-abbiamo-integrati/



    Imbecillita' allo stato puro di un ebetino che non sa più come rendersi ridicolo e patetico.
    Se gli attentati li fanno i figli dei clandestini che però sono nati e cresciuti in Europa allora vuol dire chiaramente che per loro il vecchio continente dovrebbe essere come l'isis e quindi l'islam è terrorismo che ci minaccia seriamente ed allora cacciamo via i piddini e poi cacciamo via tutti gli islamici dall'italia e ripristiniamo la religione Cattolica come religione di Stato e amen.
    Mussolini fece i Patti Lateranensi l'11.2.1929 proprio per arginare il pericolo islamico....mica babbeo..!!!!!!!!

    RispondiElimina
  167. http://www.iltempo.it/mobile/esteri/2015/02/22/libia-renzi-rimette-l-elmetto-quot-siamo-in-grado-di-intervenire-in-ogni-momento-quot-1.1381534


    RENZINO BOYSCOUT MANDERÀ I RAGAZZINI DEI CENTRI ASOCIALI TIPO DORDONI A COMBATTERE CONTRO L'ISIS COSÌ QUEI VALOROSI NOSTRI RAGAZZOTTI SI FARANNO ONORE E TAGLIERANNO LE TESTE DEI JIHADISTI.
    IO MI SENTO TRANQUILLO E FIDUCIOSO E DORMO TRA DUE GUANCIALI....!!!!!

    RispondiElimina
  168. http://www.secoloditalia.it/2015/02/avete-un-fiammifero-bufera-per-la-frase-del-parroco-rumeno-anti-zingari/


    22.2.2015


    SE LO DICE UN RUMENO ALLORA È VERO CHE GLI ZINGARI CI CHIAMANO ""GAGE' "" PERCHE NON CI PENSANO PROPRIO A FARE LAVORI ONESTI E SI FARANNO MANTENERE PER ALTRI 2000 ANNI SENZA CHE SIA CAMBIATO NULLA.
    RAZZISTA SÌ MA COGLIONE CREDULONE MAI...!!!!!!

    RispondiElimina
  169. http://m.padovaoggi.it/cronaca/vende-casa-extracomunitari-rom-battaglia-terme.html



    UN FIGLIO DI UNA....... ROM CROATA ............
    CHE ALTRO PUÒ FARE SE NON PRENDERE IN GIRO GLI ITALIANI CHE SONO COSI IMBECILLI CHE LI ACCOLGONO E MANTENGONO? ???!!!!!!

    RispondiElimina
  170. http://voxnews.info/2015/02/22/bambini-siriani-si-addestrano-ad-uccidere-bambini-cristiani-video/



    C'E' CHI EDUCA I BAMBINI E RAGAZZI ALL'USO DELLE ARMI E ALLA DIFESA PERSONALE PER FINI MILITARI.
    C'E' CHI EDUCA INVECE I PROPRI FIGLI DA PICCOLISSIMI ALLE TEORIE "GENDER".

    NEL PRIMO CASO AVREMO MASCHI ALFA DOMINANTI SENZA PAURA NONCHE VIRILI CAPACI DI METTERE A REPENTAGLIO LA PROPRIA VITA E CAPACI DI FARE LA GUERRIGLIA CORPO A CORPO.

    NEL SECONDO CASO AVREMO DEI POVERI FANCIULLI PAVIDI CHE DA ADULTI DIVENTERANNO AL 50% CAGASOTTO MAGARI EUNUCHI E COMUNQUE INCAPACI DI SVOLGERE ATTIVITÀ MILITARI DI GUERRIGLIA E QUINDI MASCHI BETA DI TIPO GREGARIO CHE SCAPPANO A GAMBE LEVATE AL SOLO RUMORE DI UNA "PUZZETTA".

    CIVILTÀ CHE SCOMPAIONO ED ALTRE CHE SUBENTRANO E SI AFFERMANO SENZA PIETÀ.

    LA PIETÀ ED IL RISPETTO UMANO ALTRUI SONO SENTIMENTI ASSENTI NELLA CULTURA ISLAMICA.

    IN ITALIA ABBIAMO CHIUSO LE CASERME MILITARI SOSTITUENDOLE COI GAY VILLAGE ED I CENTRI ASOCIALI ED ABBIAMO UNA ELEVATA ALIQUOTA DI SMIDOLLATI PER NULLA VIRILI ED ALTRI PRONTI SOLO A SFASCIARE VETRINE E TESTE DI VECCHIETTE IN RAID CITTADINI PROTETTI DA "PAPINO MAGISTRATO O POLITICANTE".

    CHE SCONCERTO SI PROVA NELL'ASSISTERE ALLA LENTA MA INESORABILE DECADENZA DELL'EUROPA CRISTIANO/GIUDAICA SOSTITUITA DA UNA FUTURA SOCIETA TRIBALE ISLAMICA CON TAGLIAGOLE PRONTI ALLA BISOGNA E CON HAREM OVE RELEGARE FEMMINE ED EUNUCHI CATTURATI ALTROVE PER IL DILETTO DEI JIHADISTI CHE NULLA TEMONO VISTO CHE IL SACRIFICIO DELLA LORO VITA È PREFIGURATO E PREMIATO DALLA PROSPETTIVA DI UNA VITA NELL'ALDILÀ MAOMETTANO PIENO DI ASPETTATIVE ROSEE PER I MASCHI CARNEFICI IN VITA. UNA SOCIETÀ TRIBALE ISLAMICA IN CUI LA DONNA È SOLO UNA FEMMINA SOTTOMESSA AL 100% AL MASCHIO E DEPUTATA A FARE LA FATTRICE E FACCENDE DI CASA SENZA ALCUN DIRITTO CIVILE NÉ EDUCATIVO SUI FIGLI. UNA FEMMINA CHE DA BAMBINA VIENE INFIBULATA PER MORTIFICARNE IL SESSO E CHE DOVRÀ COMPARIRE BURQATA PER NON ESSERE CONSIDERATA UNA PUTTANA DA POTER VIOLENTARE E LAPIDARE PER VIOLAZIONE DI PRECETTI TRIBALI CORANICI.

    RispondiElimina
  171. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/23/la-resa-di-tsipras-alla-troika-cosi-restano-i-tagli-e-lausterity/1097668/

    23 Febbraio 2015

    Il documento sarà consegnato oggi alla Troika: Il premier greco dice addio a tutte le false promesse elettorali.






    Commenti

    ContessaCV
    Dalle nostre parti i tipi che fanno tanti discorsi e proclami sono detti "Fa lampi" : questo è un altro giovincello di belle speranze ahimè molto simile ad un altro più vicino a noi, che ha fatto tante promesse ad un popolo ormai in ginocchio e che non potrà mantenere. Ha illuso i greci promettendo un cambiamento e invece per i greci sarà peggio di prima.



    mortimermouse
    tspiras è di ideologia di sinistra, ma non ha capitolato davanti all'europa, bensi davanti a un congresso di mafiosi comunisti, che hanno piegato i greci di sinistra! ora vedremo quanto siano pentiti di essersi affidati alle promesse elettorali da fantasia, invece che alle promesse più realistiche (come alba dorata)! i veri malati psicotici siete voi, della sinistra!!



    marco190701
    Tsipras non poteva pretendere aiuti senza minacciare l'arma-fine-di-mondo: l'uscita dall'euro. Non avendolo voluto fare, era evidente che il suo potere negoziale era pari a zero. Questo significa anche che la scelta è fra "euro e non euro" (tipica dei partiti di destra), non fra "questo euro e un altro euro" che la sinistra in Europa cerca di portare avanti.



    hectorre
    l'eroe sinistro ha gia finito la sua battaglia con la germania.....ora capite perchè ci sono stati monti,letta e ora il logorroico renzi???....perchè sono perfetti zerbini,scendiletto della merkel....chi non si allinea viene stroncato.....tsipras non è certo un coniglio ma ha dovuto rinunciare.....mi ricorda la storia recente del nostro paese!!!!.....mah....sarà pura casualità.......

    RispondiElimina
  172. http://www.lamezialive.it/lamezia-casapound-fuori-equitalia-dalla-mia-citta-striscione-affisso-per-protestare-contro-i-metodi-scorretti-di-riscossione/



    Lamezia, CasaPound: “Fuori Equitalia dalla mia città”. Striscione affisso per protestare contro i metodi scorretti di riscossione.

     23 FEBBRAIO 2015

    Ieri notte i militanti di CasaPound hanno affisso uno striscione presso la sede di Equitalia con scritto

    “Fuori Equitalia dalla mia città".

    “Non suicidarti, ribellati”

    è stato affisso nei pressi dello stadio D’Ippolito. Il gesto è legato al recente suicidio di un imprenditore lametino a cui era giunta una cartella esattoriale da Equitalia.
    “Ci chiediamo perché nel mirino di Equitalia – spiegano i militanti nella nota stampa – finiscano sempre più spesso lavoratori dipendenti, piccoli e piccolissimi imprenditori, pensionati e liberi professionisti e mai titolari di grandi imprese e proprietà immobiliari, auto e beni di lusso, al quale basta usare prestanomi o intestare tutto a società di capitali per sfuggire alla società di riscossione”.
     Equitalia in pochi anni ha raddoppiato gli incassi, usando tassi di interesse altissimi, come quelli applicati dalle banche sui prestiti, preferendo agire sempre su chi ha poco da pagare ma che è in possesso di qualche piccolo bene da pignorare, spingendo migliaia di famiglie a scegliere se finire nelle mani gli usurai o perdere la casa all’asta giudiziaria.
    CasaPound Italia – hanno concluso – non è dalla parte degli evasori fiscali, anzi, siamo sempre stati convinti che l’evasione fiscale sia una vera piaga sociale che va combattuta in modo serio e inflessibile. Ma ciò non ci impedisce di notare che i metodi di riscossione siano iniqui.

    RispondiElimina
  173. http://voxnews.info/2015/02/23/arabia-saudita-come-isis-imminente-decapitazione-infedele/



    RispondiElimina