domenica 22 febbraio 2015

CasaPound in piazza contro le ordinanze farsa del Sindaco Spagnolli

CasaPound in piazza contro le ordinanze farsa del Sindaco Spagnolli

Bolzano 22/02/2015 - In questi giorni abbiamo appreso da media e funzionari locali dell'ordinanza del Sindaco Spagnolli in merito allo sgombero di alcune aree cittadine, per lo più private, occupate da nomadi e ci sono sorti alcuni interrogativi.
Innanzitutto ci opponiamo fermamente a che ove le aree siano abitate stabilmente questi abusivi ottengano una casa popolare, magari superando in lista d'attesa le centinaia di famiglie bolzanine, oneste e lavoratrici, che sono da anni regolarmente in attesa di alloggio.
“Il nostro sospetto è avvallato dalla morbida presa di posizione di Gallo (Rifondazione comunista), quasi a mirare a un accordo sottobanco per la sistemazione di questi abusivi, importante bacino elettorale per la sinistra” spiega Mirko Gasperi responsabile di CasaPound Bolzano, e continua: “a noi pare dunque una manovra elettorale, colpo di coda di un sindaco messo in discussione dai membri del suo stesso partito che si affanna per la sua rielezione, dal momento in cui la situazione è identica da anni”.
Per concludere, non è tollerabile ne giusto che i costi dello sgombero siano a carico dei privati proprietari delle aree visto che rientra nei poteri del sindaco la risoluzione del problema.

85 commenti:

  1. Pienamente d'accordo con questa iniziativa da GIUDA TRADITORE di una giunta antitaliana priva di attributi quando si tratta di dare quello che meritano agli zingari

    CALCIO NEL SEDERE.

    RispondiElimina
  2. http://video.gelocal.it/altoadige/locale/bolzano-sit-in-di-casapound-sotto-il-comune/39955/40013

    RispondiElimina
  3. ECCO CHI SONO GLI ZINGARI AMICI DEI PIDDINI



    http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/21/news/bolzano-sul-bus-senza-biglietto-botte-a-due-guardie-giurate-1.10910306


    L’episodio si è verificato giovedì sulla linea 110 all’altezza di via Maso della Pieve. I vigilantes picchiati da un nomade.

    21 febbraio 2015


    BOLZANO. E sui bus le hanno prese pure le guardie giurate della Ronda Atesina. Il nuovo servizio di controllo biglietti - introdotto da Sasa poche settimane fa per rispondere ad esigenze di maggior sicurezza di autisti e cittadini - vede due vigilantes finire al pronto soccorso con ferite guaribili in sette giorni. L’episodio si è verificato giovedì scorso alle 10 del mattino sulla linea 110 all’altezza di via Maso della Pieve.
    I controllori - in regolare servizio sul bus - hanno chiesto i biglietti a due nomadi - una donna ed un ragazzo - che ne erano sprovvisti. I due sono stati fatti scendere ma mentre la ronda compilava il verbale il giovane ha assestato una violenta testata ad una guardia ed un pugno alla nuca all’altra, prima di darsi alla fuga e scomparire nel nulla. Le guardie hanno dovuto ricorrere alle cure del 118 intervenuto sul posto: la prognosi è di 7 giorni a testa. Guardie giurate sui bus al posto dei controllori? E' anche questa la risposta di Sasa ai problemi di ordine pubblico, ai taccheggiatori, ai vandali, ai teppisti che rendono la vita impossibile a molti dei 280 autisti che guidano i bus (l'ultimo episodio risale ad inizio gennaio con un controllore preso a sputi e calci in pieno giorno alla fermata di Piazza Walther). L'azienda ha comunicato la novità all'incontro di Natale e da poche settimane sono entrate in servizio prima quattro guardie, ora scese a due. Il progetto che al momento è solo sperimentale punta ad esternalizzare il servizio che potrebbe vedere in futuro la Ronda Atesina salire sui bus al posto dei normali controllori.

    RispondiElimina
  4. http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/21/news/ex-atu-si-e-tentato-di-incendiare-i-cavi-elettrici-1.10908236

    DOMANDA FACILE FACILE:

    CHI È CHE RUBA IL RAME E POI LO FONDE PONENDOLO IN CONTENITORI POSTI SU
    COPERTONI LASCIATI BRUCIARE NEI CAMPI ABUSIVI AI MARGINI DELLE CITTÀ...?????

    IL PRIMO CHE DICE CHE SONO GLI ZINGARI LO DENUNCIO PER XENOFOBIA CONTINUATA ED AGGRAVATA...!!!!!

    INFATTI SAREBBERO DA DENUNCIARE ANCHE I VIGILI DEL FUOCO CHE HANNO FATTO QUESTA IPOTESI DELITTUOSA. ..!!!!!

    MALEDETTI GLI ITALIANI CHE SONO FILO ZINGARI. ..!!!!!

    RispondiElimina

  5. NUOVO ITALIANO CHE FACEVA E FA ONORE A CHI L'AVEVA FATTO ENTRARE A BOLZANO IGNORANDO CHE IL 75% DEI ROMENI DELINQUONO.


    http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/14/news/il-ragazzo-espulso-torna-sul-web-con-minacce-e-oscenita-1.10863939


    Bolzano, espulso dal questore "torna" sul web con minacce e insulti.

    Vilson Vata, il ventiduenne albanese espulso dall'Italia, minaccia gli autori di commenti alla notizia della sua espulsione. "Sono qui, vengo a prenderti a casa", ma la polizia smentisce che sia in Italia

    14 febbraio 2015


    BOLZANO. Si fingeva già rientrato in Italia e minacciava chiunque avesse postato un commento sulla pagina Facebook dell'Alto Adige sotto la notizia della sua espulsione. Vilson Vata, il ventiduenne albanese cacciato dall'Italia come persona indesiderata dopo le numerose aggressioni, furti e rapine che affollano la sua fedina penale, usava Facebook per fingersi di nuovo in circolazione e spaventare le persone.
    Ieri, dopo aver segnalato il suo comportamento scorretto alla Questora, Vata è stato "bannato" dalla pagina del nostro giornale. Intanto la polizia rassicura sull'impossibilità della sua presenza in Alto Adige, "E' materialmente impossibile che sia già rientrato - afferma il portavoce della questura - riteniamo che stia postando i suoi improperi dall'Albania fingendosi in circolazione".

    RispondiElimina
  6. http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/16/news/raid-xenofobo-al-museion-di-bolzano-scritte-anti-immigrati-1.10876826


    IL SUNDACIUCCIO SI È VENDUTO LA DIGNITÀ ALLO STRANIERO E NON SOPPORTA CHE CI SIA CHI NON ACCETTI DI ESSERE INVASO DA CLANDESTINI FANKAZZISTI A CUI SPAGNOLI HA REGALATO COMPUTER E WIFI SOTTRAENDO RISORSE AI BOLZANESI CHE NON TUTTI REAGISCONO. ...EVIDENTEMENTE PLAGIATI NEI QUATTRO NEURONI CHE SI RITROVANO IN TESTA...!!!!
    ALLA FINE DELL'ARTICOLO SU RIPORTATO IL PRIMO (SI FA PER DIRE) CITTADINO DI BOLZANO AVVERTE CHE. ..""...CI DOBBIAMO INTEGRARE ALTRIMENTI QUANDO SARANNO IN TANTI SARÀ LA GUERRA CIVILE"....
    BRAVO AL SINDACACCHIO CHE NON HA SENSO PATRIO NEMMENO SE LO CERCHI COL MICROSCOPIO ELETTRONICO TRA I SUOI CAPELLI...?????!!!!!!

    RispondiElimina
  7. http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/10/news/anche-a-bolzano-gli-scout-musulmani-fondato-il-gruppo-1.10841459


    QUESTA DEI BOYSCOUT MUSSULMANI MI SUONA NUOVA...????
    LA SOLITA PARACULATA ISLAMICA PER FARE PASSARE LA IDEA CHE I MUSSULMANI SONO INTEGRATI NEL NOSTRO COSTUME SOCIALE ED INVECE È UNA BUGIA. MA SI VEDE CHE GLI ALTOATESINI SI VOGLIONO FAR PERDONARE IL LORO FEROCE RAZZISMO NEI CONFRONTI DEGLI ITALIANI MERIDIONALI DI RECENTE MEMORIA ACCETTANDO PERÒ ALTRI TERRONI CHE PERÒ PROVENGONO DA REALTA' LONTANE DAI NOSTRI RIFERIMENTI STORICO CULTURALI E RELIGIOSI.
    INFATTI È UNA BALLA CHE I BOYSCOUT ESISTESSERO IN TUNISIA E CHE CI FOSSERO TRA LORO RAGAZZE CHE IN TUNISIA SONO ESCLUSE DA ATTIVITÀ ASSIEME AI RAGAZZI.

    IL SOLITO SPOT PROISLAM CHE FA CAGARE..!!!!!

    RispondiElimina


  8. https://m.facebook.com/pegida.uk/photos/a.1548834408691945.1073741827.1548833148692071/1564825563759496/?type=1&source=44&refid=17



    CASAPOUND COME E MEGLIO DI PEGIDA..URRA'

    RispondiElimina
  9. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/14/le-manifestazioni-anti-islam-di-pegida-sbarcano-nel-regno-unito/1094051/




    Il 28 febbraio è una data importante per le DESTRE in Europa....

    RispondiElimina
  10. Viva casapound e viva pegida. ..



    http://it.euronews.com/2015/02/03/austria-a-vienna-la-prima-marcia-di-pegida-contro-l-islam/

    RispondiElimina
  11. Ci sono movimenti politici che ci fanno sperare che non tutto è perduto e mi riferisco a
    CasaPound
    Forzanuova
    Alba Dorata
    Pegida
    Britain First
    Front National




    http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/PRIMOPIANO/1161754


    L'ascesa di Pegida, il movimento dei “patrioti europei anti-islam” su Facebook.

    febbraio 2015


    di Giulia Aubry

    C’è un movimento che ogni volta che accade qualcosa di terribile a opera di organizzazioni o soggetti riconducibili ad ambienti islamici – dalla strage di Charlie Hebdo alla morte orribile del pilota giordano Muat al-Kaseasbeh – guadagna consensi e tantissimi click su Facebook.
    Si tratta di Pegida (acronimo per Patriotische Europäer gegen die Islamisierung des Abendlandes, in italiano Patrioti europei contro l’islamizzazione dell’occidente), il movimento anti-Islam nato a Dresda nell’ottobre del 2014, che ha portato oltre 20.000 persone in piazza in Germania e che si sta rapidamente diffondendo in tutta l’Europa, in Australia e negli Stati Uniti. Il movimento è salito agli onori delle cronache più che per i suoi desiderata politici anti-immigrazione, per la foto del suo fondatore, Lutz Bachmann, vestito da Adolf Hitler. L’immagine, diffusasi rapidamente sui social dopo i fatti di Parigi, ha costretto Bachmann a dimettersi da leader del movimento, seguito da altri membri del consiglio direttivo.
    Nonostante le accuse di neo-nazismo e lo scandalo creato da questa vicenda, però l’ascesa di Pegida è continuata inesorabile, soprattutto in termini di rapidità nell’acquisizione di consensi. Se i numeri infatti sono ancora relativamente bassi (la pagina Facebook ufficiale in tedesco conta circa 160.000 likers, ma è in linea solo dal 29 dicembre dello scorso anno, poco più di un mese scarso), l’incremento quotidiano, soprattutto in coincidenza con eventi di particolare rilevanza, è tra i più impressionanti se comparato con altri movimenti con caratteristiche più pacifiche e dialoganti.
    Anche le pagine locali – ufficiali, affiliate o di simpatizzanti – si stanno moltiplicando. Quelle in Gran Bretagna e in Austria contano più di 10.000 likers e sono in costante e rapida ascesa. Anche le pagine facenti capo ai gruppi locali dei “patrioti anti-islamisti” nella Repubblica Ceca e in Olanda stanno guadagnando terreno. Mentre negli Stati Uniti il movimento ufficiale annovera “solo” 2.620 likers e fatica ad affermarsi.
    Ma il fenomeno Pegida non conosce davvero frontiere. A colpi di breaking news su ostaggi occidentali decapitati da Isis, attacchi in Francia, video agghiaccianti, denunce di presunti sospetti terroristi nelle principali città europee, questa generazione di autoproclamatisi “patrioti” con tendenze islamofobiche sta monopolizzando Facebook (che al momento non vi ravvede una natura razzista o violenta) con decine e decine di pagine aperte in Australia, Svezia, Scozia, Norvegia, Danimarca, Polonia, Spagna e così via. Ce ne sono anche di specifiche per singole città o regioni, la Vallonia per esempio, o anche Lipsia e Lione. Persino l’Islanda ha una pagina dedicata a Pegida (in rapporto con la popolazione è persino quella più di successo, ma comunque non raggiunge l’1%). E anche l’Italia.
    La pagina italiana di Pegida è seguita da 2.201 likers che se la prendono, naturalmente, con gli immigrati, affonderebbero i barconi nel mediterraneo, criticano Renzi e il Pd, amano Putin e Papa Francesco (ma non sempre, sempre), vogliono uscire dall’Europa. Nei credits rimandano al sito tedesco. Alla fine la loro non è l’Europa di Bruxelles, ma è quella dei “veri patrioti”, come continuano a ripetere all’infinito. Un infinito che per adesso li pone più, però, come un fenomeno virtuale che non come una realtà di piazza. Visto che le recenti manifestazioni organizzate in Danimarca e in Austria hanno visto più poliziotti che manifestanti.
    E intanto qualcuno ha aperto la pagina Facebook PegidaWatch, che si pone come un osservatorio sul movimento. al fine di contrastarlo e prevenirne una deriva che, dicono sulla pagina, potrebbe essere pericolosa se sottovalutata.

    RispondiElimina
  12. Spagnolli è sempre quello delle vignette Charlie Hebdo. ..!!!
    Sparlare su di lui è come sparare sulla croce rossa. .!!!!

    RispondiElimina
  13. http://www.operanomadinazionale.it/
       
    24.12.2015


    L’Opera Nomadi si è costituita a Bolzano nel 1963 come associazione regionale del Trentino Alto Adige, nel 1965 è divenuta associazione nazionale, nel 1970 è stata eretta a Ente Morale (D. P. R. n° 347 del 1970). 
    L’Associazione da sempre promuove interventi a favore della popolazione dei Rom, Sinti e Camminanti; si configura come un’associazione apartitica, aconfessionale che accoglie volontari impegnati in un compito di promozione sociale facendosi mediatrice, tra i pubblici poteri ed i gruppi di zingari, per la tutela dei loro diritti e per favorire interventi specifici atti a sanare le situazioni di svantaggio.





    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mancava la MAFIA DEGLI ZINGARI così abbiamo fatto cinque + uno ...!!!!!!!


      Cosa Nostra siciliana
      Triade cinese
      Camorra campana
      Ndrangheta calabrese
      Sacra corona unita pugliese
      Zingari

      Elimina
  14. Associazione regionale e poi nazionale e poi Ente Morale per promuovere e tutelare i diritti di Rom Sinti e Camminanti sul territorio italiano e adesso anche europeo...!!!!!
    Complimenti agli alto atesini che erano quelli che fino a poco tempo fa chiamavano TERRONI gli altri italiani delle regioni non dominate in passato dal regno austro ungarico...!!!
    Complimenti ai volontari italiani che si indignano contro chi li definisce ZINGARI mentre invece proprio nel suddetto sito web li si definisce proprio così.
    Complimenti a chi fa finta per interesse economico ed opportunismo della sporca politica che questi ZINGARI siano ligi alle leggi italiane e che da quel lontano 1963 (52 anni) abbiano attuato comportamenti di effettiva integrazione nella popolazione italiana senza isolarsi in appositi e voluti campi separati dagli italiani per potere fare il comodo loro...!!!!!
    Complimenti alle amministrazioni locali che sono decenni che se ne fregano se gli ZINGARI siano dediti al 99% alla commissione di reati e non abbiano mai tentato di avere una occupazione onesta.
    Non conosco tutte le realtà regionali italiane ma la presenza di 180 campi nomadi in Italia rende chiara l'idea che questi furbi non ci pensano nemmeno per idea di integrarsi nel tessuto socio economico italiano.
    Meglio stare o fare finta di stare in un campo pieno di spazzatura e degrado così da dare anche la possibilità alle famose e scellerate coop rosse alla Buzzi di fare business all'infinito con continue ricostruzioni e continua assistenza farlocca il tutto a carico della collettività italiana vessata.
    Per gli zingari finirebbe la pacchia dell'assistenza gratuita pubblica e finirebbe la pacchia che non pagano un centesimo di euro di tasse pur abitando moltissimi di fatto in lussuose ville o case popolari costruite appositamente per loro e da loro arredate con accessori e mobili di lusso senza per questo dover rendere conto alle autorita italiane che anzi volutamente chiudono gli occhi per paura di tanti loschi figuri che non si fanno scrupolo di usare armi da fuoco illegalmente per tutelare le loro mafiose attività.
    C'è chi in alto nelle istituzioni li addita come esempio di vita e di comportamenti civili. !!!!!!?????
    Assurdo che si ignori che costoro siano una comunità straniera che tale vuole restare e che si trova bene in Italia in quanto fa la bella vita serviti e riveriti da plotoni di indegni italiani sodali con loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo
      faccio presente che la stessa cosa in Alto Adige, ovvero famiglie di rom sono state tolte dal campo nomadi e gli è stata assegnata proprio ieri una casa, è accaduto anche a Pisa.

      Elimina
  15. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/24/ora-pure-il-consiglio-deuropa-bacchetta-litalia-sui-rom-bisogna-garantire-piu-diritti/1098285/


    BASTA CONTROLLARE SE QUALCUNO DEGLI ITALIDIOTI,CHE HANNO VOTATO QUESTA ASSURDA RISOLUZIONE DA CESTINARE, SI CHIAMI BUZZI O COMUNQUE SIA PARENTE DI QUALCUNO DEI MAFIOSI POLITICANTI E NON COINVOLTI IN ''MONDO DI MEZZO'' SCANDALO MAFIOSO ROMANO.
    ALTRIMENTI NON SI SPIEGA QUESTO FAVORITISMO A DELINQUENTI PATENTATI ROM.
    MI PIACEREBBE CONOSCERE UNO ZINGARO ONESTO SE ESISTE IN ITALIA! !!!!!!!!!!

    RispondiElimina

  16. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/24/lesbica-uccide-compagna-perche-tradita-con-un-uomo/1098329/



    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/24/ora-pure-il-consiglio-deuropa-bacchetta-litalia-sui-rom-bisogna-garantire-piu-diritti/1098285/




    Le lobbies mafiose e corrotte stanno portando allo sfascio l'umanità.
    Tra queste annovero zingari e gay.

    RispondiElimina
  17. http://voxnews.info/2015/02/24/proiettili-di-minaccia-al-benzinaio-eroe-e-al-gioiellier/


    ZINGARI che potevano essere individuati se solo avessero piazzato una telecamera di polizia davanti alle abitazioni ma si sa che gli zingari sono protetti e coccolati dalla sinistra europea e quindi ogni tanto un aiutino a loro vantaggio gli arriva da ogni dove.
    Sulle scopate private di Berlusconi ci hanno costruito una fiction da 50 puntate ed invece le attività criminali degli zingari vanno tutelate dai loro sodali.

    RispondiElimina
  18. http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2015/02/24/lega-casapound-con-sovranita-roma-piazza-con-salvini_EqMJTG0hS8VZyLo0SJebjI.html?refresh_ce



    Lega: Casapound, con Sovranità a Roma in piazza con Salvini.

    Lega: Casapound, con Sovranità a Roma in piazza con Salvini.


     

    24/02/2015

    Si fa sempre più caldo il clima in vista della manifestazione della Lega di sabato a Roma. Alla manifestazione delle 15 a piazza del Popolo aderisce ufficialmente anche Casapound, che, si legge in un post sulla pagina Facebook del movimento, "sarà in piazza a Roma il 28 Febbraio con Matteo Salvini contro il buffonesco e criminale governo Renzi".

    "Parteciperemo insieme a Sovranità, raggruppamento che si propone di organizzare tutte le comunità sociali e identitarie e tutti gli italiani che amano la propria nazione, per formare un grande fronte politico di opposizione a Renzi - prosegue Cpi - che abbia come proposte imprescindibili: No Euro, Stop Immigrazione, Prima gli Italiani. Una opposizione politica chiara, netta, senza compromessi centristi. Saranno presenti inoltre gigantografie dei nostri soldati prigionieri in India per ricordare a tutti una vicenda ignobile che grida vendetta. La giornata è storica, aderite numerosi. Ci vediamo in piazza".
    Ma non basta, perché Casapound ha annunciato anche un presidio sabato mattina alle 10 in piazza Vittorio, nel cuore della Roma multietnica e a pochi passi dallo stabile occupato che ospita il movimento di Gianluca Iannone e Simone Di Stefano. La stessa piazza da cui partirà il corteo antileghista dei movimenti antagonisti #Maiconsalvini. "Contro le provocazioni dell'estrema sinistra - è l'invito - il 28 febbraio tutti in piazza dalle ore 10 con Casapound per rivendicare l'italianità in piazza Vittorio. Dalle 15 invece tutti in piazza del Popolo".

    RispondiElimina
  19. http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2015/02/24/lega-peciola-sel-impedire-presidio-casapound-sabato-mattina_6xajSwuSAYrnAJO5xEMZ6L.html



    Io a costui dico...

    PRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRR
    PRRRRRRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  20. http://voxnews.info/2015/02/24/procuratore-antimafia-immigrati-portano-terrorismo/



    ZINGARI
    CLANDESTINI
    ISLAMICI

    Miscela esplosiva che il laureato in scienze botaniche Spagnolli ignora volutamente per ordini ricevuti dall'alto e quindi per opportunismo di bottega sporca politica.ĺ

    RispondiElimina
  21. http://altoadige.gelocal.it/bolzano/cronaca/2015/02/16/news/inchiesta-twenty-per-spagnolli-si-va-verso-la-richiesta-di-rinvio-a-giudizio-1.10877456


    Inchiesta Twenty: per Spagnolli si va verso la richiesta di rinvio a giudizio

    Notificato l'avviso di conclusione indagini. Il sindaco - secondo la Procura - avrebbe avvantaggiato il gruppo Podini.

    febbraio 2015

    Il sindaco Spagnolli: per il caso Twenty si va verso la richiesta di rinvio a giuidizio.

    BOLZANO. La Procura della Repubblica ha notificato l'avviso di conclusione indagini al sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli, all' imprenditore Giovanni Podini e al progettista Stefano Mattei in relazione all' inchiesta sulla concessione per il raddoppio del centro commerciale Twenty.
    Il sindaco Spagnolli è accusato di abuso in atti d'ufficio per aver - secondo la Procura - avvantaggiato il gruppo Podini. All' imprenditore e al progettista sono invece contestate violazioni di carattere urbanistico com rilevanza penale. Per Giovanni Podini e Stefano Mattei l'accusa pertanto è abuso edilizio. L' avviso di conclusione indagine implica il fatto che la Procura ritiene di avanzare richiesta di rinvio a giudizio.
    I difensori (Marco Mayr e Alberto Zocchi per il sindaco e Francesco Coran per Podini e Mattei) hanno però la possibilità di depositare nuovi documenti a difesa degli indagati entro venti giorni. L'abuso edizilio contestato a Podini e Mattei riguarda la realizzazione dei piloni portanti della struttyra del Twenty in maniera difforme dalla concessione in quanto già rinforzati (abusivamente) per l'aumento di cubatura prima del rilascio della concessione per il raddoppio.

    RispondiElimina
  22. SPAGNOLLI NE SA QUALCOSA CON LA VICENDA GIUDIZIARIA PER REATI CORRUTTIVI IN CUI È COINVOLTO. .!!!!!!!!!!!!!!



    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/02/24/corruzionerobertimai-lottata-con-forza_70752b40-89b0-4c1a-9d12-108851b0c038.html


    Corruzione,Roberti,mai lottata con forza.
    Il procuratore Antimafia, "finora è stata tacitamente accettata"


    24 febbraio 2015

    (ANSA) - ROMA, 24 FEB - "La corruzione come l'evasione fiscale non è mai stata combattuta efficacemente, era tacitamente accettata, non era considerata un reato grave. Per questo la mafia se ne è servita. E' invece un piombo alle ali della nostra economia, come ha attestato un recente studio".
        Così il procuratore nazionale Antimafia, Franco Roberti, alla presentazione della relazione 2014 della DNA.

    RispondiElimina
  23. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/02/24/spariti-nel-nulla-1-714-minori-immigrati-1.1382227



    Zingari ed immigrati clandestini specie minori sono una polveriera per il futuro nostro ed europeo.

    Chissà che ne pensa SPAGNOLLI sempre pronto a fare lo splendido col c.... degli altri. ..cioè degli italiani che con le loro tasse sostengono lo Stato che altrimenti era già fallito.

    RispondiElimina
  24. http://m.romatoday.it/politica/manifestazione-salvini-piazza-del-popoli-28-febbraio-2015.html




    Grazie Casapound che scende in campo a Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://m.ilmessaggero.it/m/messaggero/articolo/ROMA/1201371


      Roma, allerta per sabato: manifestazioni Lega e antagonisti a rischio infiltrazioni.

      martedì 24 febbraio 2015 di 20:13

      di Riccardo Tagliapietra

      ​Uno contro l'altro. Matteo Salvini, Casapound e Lega, da una parte, centri sociali, noTav, movimenti antagonisti e una moltitudine di associazioni, dall'altra. Sono i protagonisti dei cortei previsti sabato pomeriggio a Roma. 

      I percorsi ufficiali. Lega e militanti di destra si troveranno a piazza del Popolo. Quelli con a capo i centri sociali, invece, sfileranno da piazza Vittorio a piazza Sant'Andrea della Valle, a pochi passi da piazza Navona. Questo ufficialmente. Perché molto dipenderà da cosa decideranno di fare sull'onda dell'emozione entrambi gli schieramenti. E soprattutto da eventuali infiltrazioni, da destra e da sinistra, che preoccupano non poco il Viminale.

      Lega, Caspound, Curve ed ex Nar. Leghisti e estrema destra stanno preparando una sorta di servizio d'ordine interno per arginare eventuali "improvvisate" degli antagonisti. Le zone a rischio sono quelle dove arriveranno i pullman da sud (Sicilia, Calabria e Puglia), i parcheggi e soprattutto la stazione termini dove sbarcheranno i militanti del carroccio e quelli di casapound provenienti dal nord Italia. Piazza del Popolo, ovviamente, sarà blindata. Quasi certa, secondo gli investigatori, la presenza di «infiltrati», elementi «pericolosi, ispirati dagli storici gruppi Nar e Terza Posizione». Cui dovrebbero aggiungersi alcuni militanti delle Curve capitoline, venete (Padova e Verona) e partenopee, sempre legate all'estrema destra.....................

      Ad occuparsi della gestione dell'ordine pubblico saranno come al solito questura e prefettura che decideranno come disporre i circa mille uomini per ora mobilitati dal Viminale. Un lavoro che andrà a chiudere le indagini dell'intelligence che da settimane tiene d'occhio in tutta Italia i gruppi più a rischio. Quella di sabato quindi sarà, per polizia e carabinieri, la prova del nove sul reale sistema di sicurezza sociale implementato a Roma. Viste anche le dichiarazioni del ministro Alfano, che ha assicurato alla Lega «la possibilità di esprimere liberamente il proprio pensiero» e l'annuncio del rafforzamento della presenza sul territorio di uomini e mezzi, dopo il mezzo fallimento con i tifosi del Feyenoord. La Lega protesta contro il governo Renzi. Anche se bisogna aggiungere uno dei temi condivisi con Casapound: l'immigrazione e gli immigrati.............................

      Elimina
    2. SENTIRE TOSI SPARLARE DI CASAPOUND DOPO ESSERSI APPECORINATO ALLA SPORCA LOBBY GAY FA VOMITARE. LA MADRE DEI "GIUDA ISCARIOTA" È SEMPRE INCINTA. COSA SUCCEDE NEL CERVELLETTO DI CHI HA FATTO LA SUA FORTUNA POLITICA PERSONALE E DI CARRIERA IN UNA PARTE POLITICA E POI SALTA IL FOSSO A PARTITA IN CORSO.????
      IO A COSTORO TAGLIEREI LE PALLE..!!!!!!!

      Elimina
  25. RINGRAZIA OGNI GIORNO DEVOTAMENTE DIO CHE TI HA FATTO ITALIANO....

    RispondiElimina
  26. Abbiamo dei vecchi e dei nuovi conti da regolare: li regoleremo.

    Alle sanzioni militari risponderemo con misure militari.

    Anche con l'opera quotidiana, minuta ed oscura si fa grande la Patria.

    Andremo contro chiunque, di qualunque colore, tentasse di traversarci la strada.A noi!

    Audace e cauto è di pattuglia. Saldo nella difesa, rapido all'attacco. Tornerai vittorioso alla tua dolce casa.

    Autorità, ordine e giustizia.

    Badate che l'Italia non fa più una politica di rinunce o di viltà, costi quello che costi!

    Baionette italiane: al vostro acciaio è affidato col destino d'Italia quello dei popoli d'Europa.

    Beffo la morte e ghigno.

    Bisogna diventare migliori, bisogna che tutti gli Italiani si considerino soldati fedeli al loro posto, alla loro consegna.Bisogna essere forti. Bisogna sopratutto osare.


    Boia chi molla.

    Camminare e costruire e se
    necessario combattere e vincere.

    Chi lavora la terra è considerato tra i primi.

    Chi non è pronto a morire per la sua fede non è degno di professarla.

    Chi osa vince.

    Chi si ferma è perduto.

    Colui che abbandona la terra senza un supremo motivo, io lo considero un disertore dinanzi al popolo italiano.

    Combattere e vincere.

    Continuiamo a marciare nella pace, per i compiti che ci aspettano domani e che fronteggeremo con il nostro coraggio, con la nostra fede, con la nostra volontà.

    Credere, obbedire, combattere.

    È l'aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende


    Dieci per dieci: un secolo.

    Dio e Patria. Ogni altro affetto, ogni altro dovere vien dopo. Disciplina, concordia e lavoro per la ricostruzione della Patria.

    Dovete sopravvivere e mantenere nel cuore la fede.

    Durare sino alla vittoria, Durare oltre la vittoria, per l'avvenire e la potenza della nazione


    Essendo rurali sarete più vicini al mio cuore.


    È lo spirito che doma e piega la materia, è lo spirito che crea la santità e l'eroismo.


    È solo l'azione che dà la tempra alle anime.


    È un grande ramo d'ulivo che io annalzo. Questo ulivo spunta da un'immensa foresta di otto milioni di baionette.


    È l'aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende. E il vomere e la lama sono entrambi di acciaio temprato come la fede dei nostri cuori.


    Fede illumina. Amore abita. Pace amministra. Onore adorna.

    Fermarsi significa retrocedere.

    Fino alla vittoria.Forze armate e popolo sono tutt'uno.

    Gli italiani debbono farsi una mentalità autarchica.

    Hanno diritto all'impero i popoli fecondi.

    Il credo del patriota è l'eroismo, quello del borghese l'egoismo.

    Il destino dei popoli che si sono inurbati ed hanno abbandonato la terra è storicamente segnato, è la decadenza che li attende.

    Il lavoro è la cosa più alta, più nobile, più religiosa della vita.

    Il lavoro italiano non andrà più a fecondare le terre altrui.

    Il lavoro tranquillo, ordinato, intelligente, deve diventare la norma fondamentale di vita di tutti i buoni cittadini italiani.

    Il nemico della Patria è il tuo nemico: non dargli quartiere.

    Il nemico vi ascolta. Tacete!

    Il numero è potenza.

    Il nuovo impero è stato fatto dal popolo, è impresa di popolo.

    Il popolo italiano ascolta le parole, ma giudica dai fatti.

    Il popolo italiano ha creato col suo sangue l'Impero.
    Lo feconderà col suo lavoro e lo difenderà contro chiunque con le sue armi.

    Il ricordo delle antiche prove freme nei nostri cuori così come l'impeto verso il futuro.[56]In questo mondo scuro ,tormentato e già vacillante, la salvezza non può venire che dalla verità di Roma, e da Roma verrà.[57]Io conosco bene i rurali d'Italia e so che essi sono sempre pronti a far zaino in spalla, cambiare la vanga col fucile.[58]


    Io mi vanto sopratutto di essere un rurale.

    RispondiElimina
  27. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/24/la-boldrini-sfida-renzi-ecco-il-mio-programma/1098503/


    24.2.2015



    COMMENTI



    IL PRESIDENTE DI UNA CAMERA PARLAMENTARE NON PUÒ FARE POLITICA ATTIVA PERCHE GLIELO VIETA LA COSTITUZIONE DOVENDO ESSERE SUPERPARTES. UNA VOLTA IL PRESIDENTE SI DOVEVA CANCELLARE DAL PARTITO DI APPARTENENZA E NON DOVEVA DIRE NEMMENO UNA PAROLA SULLE PROPRIE IDEE POLITICHE. ADESSO NON ABBIAMO UN PRESIDENTE MA UN'OCA GIULIVA CHE PENSA DI ESSERE DIVENTATA LA PADRONA DEGLI SFASCIA ITALIA.......MA MI FACCIA IL FAVORE. ... GRAZIE TANTE ANCHE A BERGOGLIO.
    E LA PRESTIGIACOMO DI F.I. CHE REGGE IL MOCCOLO A QUELLA CHE POLITICAMENTE E COSTITUZIONALMENTE E MORALMENTE DICE DELLE COSE SCELLERATE PER GLI INTERESSI DEGLI ITALIANI VERI DA 700 GENERAZIONI.
    RIMANGO SCONCERTATO CHE BERLUSCONI CONTINUI A FARE LO SPLENDIDO COL CULO NOSTRO FACENDO FARE QUELLA DICHIARAZIONE INOPPORTUNA ALLA TIPA. ....PRRRRRRRRRR.









    marcomasiero
    fatelo e scordatevi i soldi delle mie tasse !!!


    Euterpe
    E così il regime comunista si assicura perenne vita. Ma cosa aspettiamo a scendere in piazza? Ma è possibile che una sporca parassita debba decidere del nostro destino?


    Euterpe
    E poi non credo nella 'sfida' . Son tutti d'accordo, adesso toccherà all'imbonitore indorare la pillola al cianuro per noi.


    treumann
    Aiuto, fermatela subito, prima che riduca ancora peggio di come sta questo paese!


    eis-nico
    Regaliamo la cittadinanza a cani e porci come se bastasse un passaporto a far sentire veramente italiani gli immigrati. Cittadinanza no. Pari diritti e doveri si. Se uno ha gli stessi diritti e doveri non gli serve un passaporto per far finta di essere italiano


    Giorgio5819
    Ancora la solita spocchia di questa parassita, ancora il ritornello della cittadinanza agli immigrati, ancora la litania della autoreferenziata più inutile d'Italia che punta decisa alla distruzione della nazione italiana. Qualcuno fermi questo essere indegno.


    Mobius
    Hanno davvero fretta di rovinare l'Italia; prima che gli italiani si sveglino tutti insieme, suppongo.


    Legaiolo
    Con queste dichiarazioni la signora Boldrini ha finalmente dimostrato di non essere super partes, quindi SI DIMETTA DA PRESIDENTE DELLA CAMERA E FACCIA LA PARLAMENTARE PER SEL!!!!!


    MARKOSS
    Il 72% degli Italiani lo vuole , bene tutti i clandestini a casa loro , si faccia avanti questo 72%.....farlocco ed inventato. ......limortacci. .....


    gianky53
    Bisogna fermare questa sciagurata! Quale jus soli emerita gallina...

    RispondiElimina
  28. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/25/quei-tagliagole-di-ritorno-liberati-dalle-nostre-galere/1098631/




    25 Febbraio 2015

    Quei tagliagole di ritorno liberati dalle nostre galere
    Vivevano da noi, frequentavano le moschee italiane, li abbiamo anche arrestati. Ma poi sono usciti di galera. Per andare a combattere con l'Isis. Sostieni il reportage

    Fausto Biloslavo




    Commenti

    isolafelice
    Vedrei molto bene la possibilità di svuotare le carceri italiane dai musulmani a condizione che se ne tornino tutti quanti in Africa se a combattere o meno non me ne frega niente. L'importante è non farli tornare mai più.


    Baliano
    "Discrezionalità", la parolina magica, discrezionalità nella applicazione delle pene: Usi, costumi e tradizioni della Nostra ineffabile Magistratura da oltre vent'anni. - Dalla "barcaccia", ai pirati assassini stradali drogati, dai rapinatori con armi da guerra, ai ladri in casa di notte, dagli stupratori in branco e seriali, ai torturatori nei ricoveri e negli asili.. "discrezionalità"! Sempre, anche coi terroristi anti-tav, antisistema, rigorosamente di Sinistra e ora filo-islamisti, sempre "discrezionalità" sulle pene. E ancora ci scandalizziamo? Ma per favore. Questo è il "Taliano-medio" sbracato "nababbo", ai vertici dello Stato. Finché non si estirperà questo letale cancro della "discrezionalità", spinta dal fanatismo ideologico Sinistro... l'Italia diventerà sempre più terra bruciata per la Legalità e per gli Onesti. Vergogna, ma è come sferrare calci ad un muro di gomma: Ma VERGOGNA resta, tutta e solo "Taliana". Una Giustizia e uno Stato in mano agli idioti!


    libere
    Quindi l'esercito di Bashar al Assad avrebbe provveduto ad annientare questa feccia che i governi di sinistra ci hanno graziosamente regalato, gli americani ci hanno restituito dopo avergli fatto il solletico a Guantanamo, e i soliti giudici rossi hanno provveduto a rimettere rapidamente in libertà. Che dio benedica il sanguinario dittatore (sic) e gli dia lunga vita. Perchè di ceffi così ne avremmo a migliaia, pronti da mandar lì per un rapido trattamento risolutivo.

    RispondiElimina
  29. http://m.romatoday.it/politica/manifestazione-salvini-piazza-del-popoli-28-febbraio-2015.html


    TUTTI IN PIAZZA DEL POPOLO A ROMA IL 28 FEBBRAIO 2015 PER RIAPPROPRIARCI DELL'ITALIA DEGRADATA DALLA SPECTRE SINISTROIDE...

    CASAPOUND È CON NOI ....GRAZIE. ..

    RispondiElimina
  30. http://www.vivereascoli.it/index.php?page=articolo&articolo_id=521333


    25.2.2015

     Nasce ad Ascoli il movimento 'Sovranità Marche'.

    Una folta platea, ben oltre le attese, ha accompagnato domenica la nascita ad Ascoli di ‘Sovranità Marche’, il nuovo movimento politico locale, ramo di quello già attivo a livello nazionale, fondato per appoggiare il progetto di Matteo Salvini.

    C’erano oltre duecento persone nella Sala dei Savi di Palazzo dei Capitani, dove l’ospite principale è stato Simone Di Stefano,vice-responsabile nazionale di CasaPound e tra i fondatori di
    ‘Sovranità – Prima gli italiani’.
    Di Stefano ha chiarito il significato del movimento: "Dentro Sovranità non c’è solo CasaPound, ma ci sono diverse anime pronte a difendere la Nazione. Non rinneghiamo la nostra associazione, ma guardiamo avanti. Il nostro appoggio a Salvini – continua - deriva dal fatto che condividiamo quasi ogni singola parola dei suoi propositi. Il suo programma economico è identico al nostro: uscita dall’Euro, no alla privatizzazione delle grandi imprese italiane, stop alla concorrenza sleale di chi produce sfruttando manodopera quasi a costo zero e una forte detassazione sulle piccole e medie imprese".

    All’incontro c’erano il coordinatore del movimento Giorgio Ferretti, che ha spiegato di "voler coinvolgere la società civile e renderla partecipe del proprio destino", il portavoce ascolano Emidio Premici ("Oggi comincia un percorso che ha l’obiettivo di riprenderci ciò che è nostro") e quello di Macerata Carlo Gasparetti. Tra la platea anche diverse personalità del mondo politico ascolano, a testimonianza della curiosità e attenzione per questo esordio. Fra queste spiccano l’ex assessore provinciale Antonini, il consigliere regionale Natali e l’assessore comunale Latini.
    Nella serata, poi, sono state prese prenotazioni per i pullman organizzati per la manifestazione di sabato 28 a Roma contro il governo Renzi. Per info: 328-3690741 o 328-5490694. Mail: sovranitaascoli@yahoo.it

    RispondiElimina
  31. http://www.picenooggi.it/2015/02/23/28191/grande-partecipazione-per-la-prima-di-sovranita-marche/



    Grande partecipazione per la prima di “Sovranità Marche”

    23 FEBBRAIO 2015

    ASCOLI PICENO – Folta partecipazione di pubblico, ben oltre le attese, nel tardo pomeriggio di domenica, per la ‘prima’ ufficiale a Palazzo dei Capitani ad Ascoli di ‘Sovranità Marche’, il nuovo movimento politico che sempre più piede sta prendendo a livello nazionale e che ora ha una sezione nella nostra regione.
    C’erano oltre duecento persone nella Sala dei Savi, dove l’ospite principale è stato Simone Di Stefano, vice-responsabile nazionale di CasaPound, e tra i fondatori di ‘Sovranità –Prima gli italiani’. Di Stefano subito ha chiarito il progetto politico: .
    All’incontro erano presenti anche il coordinatore del movimento Giorgio Ferretti che ha spiegato di , il portavoce ascolano Emidio Premici() e quello di Macerata Carlo Gasparetti. Tra la platea diverse personalità del mondo politico ascolano, fra cui spiccano l’ex assessore provinciale Antonini, il consigliere regionale Natali e l’assessore comunale Latini.

    RispondiElimina
  32. http://www.lametino.it/Ultimora/lamezia-sovranita-prima-gli-italiani-denuncia-fogna-a-cielo-aperto-a-san-pietro-lametino.html



    25 febbraio


    Lamezia: "Sovranità. Prima gli italiani" denuncia fogna a cielo aperto a San Pietro Lametino.


    Lamezia Terme - “Da anni, negli alloggi popolari di San Pietro Lametino, siti in via Stazione, i condotti fognari risultano essere non funzionanti - denunciano Mimmo Gianturco e Marco Berardelli aderenti al movimentoSovranità. Prima gli Italiani - provocando la fuoriuscita di liquami pericolosi, con elevato rischio igienico sanitario. Chiediamo un intervento immediato”. “Da tempo - proseguono dal movimento che sostiene le battaglie di Salvini - i residenti denunciano agli organi competenti, questo stato di abbandono. Anche in questi giorni, la situazione non è cambiata. È totalmente inconcepibile che dei cittadini vengano costretti a vivere in tali situazioni di degrado, è una vera e propria violazione dell’art. 32 della Costituzione Italiana, che sancisce la tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività”. “In questa campagna elettorale – concludono Gianturco e Berardelli – in tanti parlano di grandi progetti per la città, senza sapere che nei quartieri più periferici, mancano i servizi primari. Quello che chiediamo è un intervento immediato degli organi competenti, e che la Procura della Repubblica esegua gli opportuni accertamenti al fine di valutare eventuali illecità penali”.

    RispondiElimina
  33. http://www.lamezialive.it/gianturco-denuncia-discarica-a-cielo-aperto-a-san-pietro-lametino/


    Gianturco denuncia discarica a cielo aperto a San Pietro Lametino.

     24 FEBBRAIO 2015

    Da anni, negli alloggi popolari di San Pietro Lametino, siti in via Stazione, i condotti fognari risultano essere non funzionanti, provocando la fuoriuscita di liquami pericolosi, con elevato rischio igienico sanitario. Chiediamo un intervento immediato.
    È questa la denuncia di Mimmo Gianturco e Marco Berardelli, aderenti al movimento ‘Sovranità – Prima gli Italiani’ che mira a sostenere politicamente, culturalmente e organizzativamente le battaglie di Matteo Salvini.
    Da tempo – proseguono – i residenti denunciano agli organi competenti, questo stato di abbandono. Anche in questi giorni, la situazione non è cambiata. È totalmente inconcepibile che dei cittadini vengano costretti a vivere in tali situazioni di degrado, è una vera e propria violazione dell’art. 32 della Costituzione Italiana, che sancisce la tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività.
    In questa campagna elettorale in tanti parlano di grandi progetti per la città, senza sapere che nei quartieri più periferici, mancano i servizi primari. Quello che chiediamo è un intervento immediato degli organi competenti, e che la Procura della Repubblica esegua gli opportuni accertamenti al fine di valutare eventuali illeceità penali..

    RispondiElimina
  34. http://www.latinaquotidiano.it/sovranita-prima-gli-italiani-arriva-anche-latina-il-movimento-vicino-a-matteo-salvini/


    “SOVRANITÀ. PRIMA GLI ITALIANI”,
    ARRIVA ANCHE LATINA IL MOVIMENTO VICINO A MATTEO SALVINI.

    25 febbraio 2015

    Si è presentato ieri a Latina il movimento “Sovranità – Prima gli Italiani” al Ristorante Birreria Bleeker di Latina, dove un folto pubblico è venuto per assistere all’evento. Il nuovo progetto politico è stato introdotto dai coordinatori Davide Di Stefano e Mauro Antonini, dal responsabile per il Sud Pontino Marco Moccia, e da Marco Savastano, responsabile di Casapound Latina. 
    Il movimento politico si rivolge “a chi ama la nazione” e si dichiara vicino a Matteo Salvini. Con il leader della Lega Nord i coordinatori del movimento di Latina sentono di avere in comune alcune battaglie legate al lavoro e all’immigrazione clandestina. Uno dei primi atti politici sarà la partecipazione alla manifestazione di sabato 28 febbraio a Roma, “Renzi a casa”. L’evento è stato ideato da Matteo Salvini e vedrà la partecipazione di Lega Nord e Noi con Salvini. Prevista anche la partecipazione di Giorgia Meloni e di FdI.

    RispondiElimina
  35. http://www.zmedia.it/comunicati/5278-sovranita-prima-gli-italiani-gianturco-denuncia-fogna-a-cielo-aperto-a-s-pietro-lametino



    RispondiElimina
  36. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/25/porto-di-bari-a-rischio-terrorismo-islamico-lallarme-della-dna/1098700/



    25 Febbraio 2015

    Porto di Bari a rischio terrorismo islamico: l'allarme della Dna.
    Gli uomini dell'antimafia avvertono: il porto levantino potrebbe essere la porta per i jihadisti che volessero infiltrarsi nel nostro Paese

    Ivan Francese

    L'allarme legato al terrorismo islamista si estende anche alla Puglia: nel mirino c'è il porto di Bari. A dirlo è la Direzione Nazionale Antimafia, che nel suo rapporto annuale avanza "l'ipotesi inquientante" che il porto levantino venga usato come cancello d'Italia da terroristi desiderosi di infiltrarsi nel nostro Paese.
    Un'ipotesi lanciata dal ministero dell'Internoche però, per la verità, "non ha trovato obiettivi riscontri" sino ad ora. Come non bastasse, nel rapporto della Dna relativo al periodo luglio 2013 - giugno 2014 si sottolinea anche il rischio che il porto di Bari possa divenire "una enclaveterritoriale controllata dalla criminalità straniera".
    Come riporta tra gli altri anche la Gazzetta del Mezzogiorno, gli uomini dell'Antimafia citano, a supporto delle proprie tesi, i "molteplici, eterogenei e quotidiani sequestri e arresti operati nel porto di Bari, transito naturale per tutti i traffici illeciti che passano attraverso i paesi balcanici e, in particolare, stupefacenti, armi, merci contraffatte, rifiuti e medicinali".
    Un ambiente insomma a fortissimo rischio di infiltrazioni criminali. Che ora deve prepararsi anche a parare l'eventualità della minaccia terroristica: dalla Sicilia il rischio si estende anche alla Puglia.



    Commenti


    marcomasiero
    ma dai ... sono le risorse della boldrina !


    WSINGSING
    Non mi meraviglio. Qualche sera in TV hanno ripreso la fuga di extracomunitari dal centro di accoglienza, fuga effettuata con tutta calma ed in un caso sotto gli occhi delle Forze dell'Ordine. Il porto di Bari DA SEMPRE è stata meta di traffici illeciti al punto che sospetto che ci siano diverse "talpe" tra coloro che controllano. Viene sequestrato di tutto e a volte in notevole quantità. Ciò lascia pensare che dietro (es.) dieci oggetti sequestrati, siano passati indenni mille oggetti....chi vuole capire capisca......


    ASPIDE 007
    ...Il Ministero degli Interni deve fare e non dire; Ha già perso troppo tempo. Il nostro Paese e così il resto dell'Europa, sono paragonabili ad un enorme braciere apparentemente spento per assenza di vento ma che, una leggera "brezza" può renderlo molto pericoloso. L'amor di patria, che noi abbiamo perso, è mantenuto vivo dagli altri tanti nostri ospiti che la patria hanno lontano.

    RispondiElimina
  37. http://www.barbadillo.it/37201-politica-buttafuoco-spiega-al-foglio-la-lega-sovranista-di-salvini/


    Politica. Buttafuoco spiega al Foglio la Lega sovranista di Salvini.

    25 febbraio 2015

    Alcides Ghiggia


    Al tempo del Kali Yuga ben vengano i barbari del Nord. Pietrangelo Buttafuoco, intervistato da Alessandro Giuli, spiega al Foglio la Lega sovranista di Matteo Salvini. Senza indulgere a seriose e dottissime disquisizioni dottrinarie, è la fine del mondo e non è che si possa andare troppo per il sottile. 9Buttafuoco afferma: “Io sono veramente in una posizione di osservatore, mi diverte tantissimo questo meccanismo, quindi non credo che Salvini abbia interesse nella sua stagione politica a farsi interprete di tutto un codice di linguaggio e di 9 del mondo. Non gliene frega niente e fa bene a9fregarsene di tutto ciò”. Si parla dell’eredità culturale della destra e aggiunge: “ Quello che invece è funzionale dal punto di vista della politica è adottare una lingua di realtà. Cioè il ragionamento è banale, semplice e anche volgare. Esiste una stragrande maggioranza di italiani che non è di sinistra e che non ha avuto fino a oggi rappresentanza politica, figurarsi quella culturale. Salvini è stato velocissimo a posizionarsi in uno spazio totalmente vuoto qual è quello della stragrande maggioranza degli italiani che non ha una rappresentanza politica; s’è messo lì e adesso ha veicolato l’attenzione di tanta parte di italiani non di sinistra che hanno necessità di portare al concreto alcune cose”.

    DITE GRAZIE A MATTEO. Salvini, perciò, campione della realpolitik, paladino della pancia o – per usare un’altra metafora – di chi si ritiene “senza casa”: “Ricordiamoci che Salvini eredita un partito che era ridotto allo schifo totale, perfino peggio di Alleanza nazionale, perché era sommerso dagli scandali, dal “cerchio magico”, dai diamanti, dai diplomi comprati in Albania. Salvini trasforma la Lega e la fa nazionale e su questo processo costruisce una casa che può essere l’incubatrice, non certamente in una prima fase di riuscita e di vittoria elettorale e quindi per andare al governo; ma quantomeno può dare finalmente un luogo dove costruire la politica. Anche perché viene subito dopo una stagione orrenda che è stata quella dell’antipolitica. Voglio dire, il peggior avversario di Salvini lo deve comunque ringraziare perché va a posizionarsi in un ambito che finora è stato occupato inutilmente e sterilmente dai cosiddetti Cinque stelle. E il peggiore avversario di Salvini lo deve ringraziare perché finalmente comincia a costruire un edificio dove non necessariamente dev’esserci la destra che piace all’establishment, non è che l’unica destra bella deve essere quella che si apparecchiava Gianfranco Fini, che poi è finita”.

    SALVINI VAI DA SOLO. Buttafuoco, poi, “rottama” i superstiti di Alleanza Nazionale: “E’ una semplice e brutale legge della politica: se a questo gruppetto, a tutti questi politici conviene andare con Salvini, è altrettanto ovvio che a Salvini non convenga prenderseli, né caricarseli. E’ inimmaginabile che lui possa fare il ticket per esempio con uno dei protagonisti di quest’area. Tipo Giorgia Meloni? (chi chiede Giuli ndr). Giorgia Meloni o non so chi altri individuare. Salvini si è costruito una personalità, una figura che deve inevitabilmente viaggiare da sola”.

    RispondiElimina
  38. http://www.barbadillo.it/36130-di-stefano-sovranita-destra-salvini/

    Grande Casapound. ....!!!!!!

    RispondiElimina
  39. http://www.secoloditalia.it/2015/02/tosi-casapound-nessun-imbarazzo-ma-no-a-derive-di-destra-video/

    Mercoledì 25 Febbraio 2015 h.16,50

    «Alla manifestazione di sabato a Roma hanno aderito centinaia di sindaci, Tosi è un ottimo sindaco e immagino che ci sarà. Se non viene, non va bene. Con lui non c’era nessun patto per i ruoli politici dentro la Lega» ha detto questa mattina Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, ad Agorà, su Rai Tre. Un appello al sindaco di Verona, che a quanto pare non si tirerà indietro, come spiega in questa intervista a “Repubblicatv“: «Ho una serie di impegni, ma siccome ci sono persone che fanno polemica, che hanno ruoli istituzionali, e non mi riferisco a Salvini, ma non si fanno mai vedere sul territorio mentre io mi spacco la schiena tutto il giorno, io farò di tutto per esserci a Roma. L’alleanza della Lega conCasapound? Non mi imbarazza, ma la Lega è stata sempre un movimento trasversale che raccoglie consensi in tutta la popolazione, tra impiegati, operari, medici, professionisti, come accadde in Veneto nel 2010 quando prendemmo il 35%, ora noto che si è scelto di dare una connotazione nettamente di destra, ma secondo me ci si può connotare troppo a destra se si vuole guidare una coalizione di centrodestra».

    RispondiElimina
  40. http://voxnews.info/2015/02/25/parma-8-571-euro-ad-ogni-profugo/



    RispondiElimina
  41. http://www.intelligonews.it/renzi-attacca-salvini-destra-xenofoba-in-piazza-siete-daccordo-o-no-dite-la-vostra/




    Un bel pernacchio al boyscout PRRRRRRRRRRRRRR

    RispondiElimina
  42. http://www.online-news.it/2015/02/24/perche-non-possiamo-permetterci-di-perdere-salvini/#.VO31-RAuLqB





    HOMEPRIMO PIANOPOLITICAATTUALITÀESTERIDALL’INTERNOECONOMIASANITÀSPORTSPETTACOLI & GOSSIPTURISMOGUSTOAGRICOLTURAAMBIENTE ED ENERGIASOCIETÀROMA E LAZIOSANITÀ LAZIOREGIONIPROVINCECOMUNILITORALE

    RomaLatinaMoliseContattiIscriviti alla Newsletter

    martedì, febbraio 24th, 2015 | categoria: Il Commento, editoriale

    Perchè non possiamo permetterci di perdere Salvini

    2

    Se perdiamo anche Salvini è finita, Renzi non ha più avversari a parte l’opposizione interna del Pd. Che cosa succede nella Lega? La prova di forza è notevole, può essere devastante. Il leader dei “tombini di ghisa” non fa prigionieri, carica a testa bassa avversari e spettatori, gioca spregiudicatamente a tutto campo facendo strame dei vecchi miti della Lega e di Bossi, lui corre, buca lo schermo, è giovane, immediato. Parla chiaro, veste come un disoccupato qualunque, dice cose ragionevoli, peggio di Grillo e convince tutti. Ma c’è una vecchia guardia che si è sdoganata da Bossi e non vuole finire sotto un nuovo padrone, evidentemente. Perché Tosi sfida così apertamente il leader, mettendo la sua candidatura a fianco di quella di Zaia nel Veneto? Mosse indecifrabili, dell’uno e dell’altro. Lo specchio di una realtà, quella della Lega, tutt’altro che compatta e granitica? Salvini va a caccia di consensi a Roma e nel Sud ma perde le retrovie del Nord? Lumbard e veneti sono tutti con lui? E la manifestazione a Roma coll’alleanza con quelli di Casapound non è pericolosa? E se succedesse qualcosa? I romani sono ancora sotto lo choc degli hoolingans olandesi. Salvini è sul filo. Avrà fatto i conti giusti? E se esplode la Lega, se perdiamo la vera opposizione al governo Renzi?

    Giovanni Tagliapietra

    RispondiElimina
  43. http://www.mediapart.fr/journal/france/250215/islam-le-gouvernement-lance-une-nouvelle-instance-de-dialogue


    SONO BASTATE DUE ATTENTATI FATTI DA IMPROVVISATI SOLDATI DI MAOMETTO PER FARE PIEGARE A 90 GRADI IL GOVERNO SINISTRO DI HOLLANDE CHE DOVREBBE DICHIARARE BANDITO DAL SUOLO FRANCESE IL CORANO E RELATIVI ADEPTI...

    RispondiElimina


  44. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/25/il-sobrio-tram-blu-di-mattarella-ci-e-costato-piu-di-una-limousine/1098706/


    25 Febbraio 2015

    Il sobrio tram blu di Mattarella ci è costato più di una limousine.
    Il capo dello Stato snobba l'auto blu. I media applaudono, ma i pendolari s'infuriano: la corsa è privata. Ecco quanto ci è costato.

    Sergio Rame

    È piaciuto a Sergio Mattarella il "tranvai" elettrico che da Firenze lo ha portato a Scandicci. Il nuovo corso "ecologico" del presidente è stato confermato anche oggi nella sua velocissima visita alla Scuola superiore di Magistratura. Poche ore passate per lo più in un treno "Freccia argento" preso alla stazione Termini di Roma e poi nel tram che in circa 20 minuti lo ha portato dalla stazione di santa Maria Novella a Scandicci. Non è la prima volta che decide di viaggiare come un italiano qualunque. A Palermo è andato con un aereo dell'Alitalia. I media applaudono, i pendolari vanno su tutte le furie.
    Quello di Scandicci era un appuntamento dal sapore istituzionale (anche Napolitano si era recato alla scuola superiore della Magistratura) che però è stato segnato dall'ennesima novità di cerimoniale: il capo dello Stato ha scelto infatti di usare per questa trasferta toscana quasi esclusivamente i mezzi pubblici. Tra i motivi che sarebbero all'origine della scelta del Presidente c'è certamente quello di evitare disagi al traffico, sempre intenso, tra Firenze e Scandicci: uno dei tragitti più utilizzati per gli spostamenti tra il capoluogo toscano e le cittadine della sua cintura.............


    Commenti

    csciara
    Lo invito a prendere la metropolitana di Roma Mafia Capitale


    cangrande17
    Che tristezza. Usa i mezzi pubblici ma si deve portare dietro chissà quante decine di agenti di scorta. Mi ricorda quel buffone di Marino che andava a far fnta di lavorare in bici, scortato da non ricordo quanti agenti. Siamo un Paese alla deriva.


    sekhmet
    Fumo negli occhi. Per ragioni di sicurezza il Presidente deve sempre essere protetto, anche selezionando i compagni di viaggio. Quindi non vedremo MAI il Presidente su di un tram affollato di persone. Lo vedremo sul tram a lui riservato, su una linea protetta, sotto scorta. Fumo negli occhi. Sarei più soddisfatto se si comportasse da Presidente.


    marcomasiero
    ... hmmm ennesimo tram francese ... come a Padova volle il Zanonato ... com'è che i kompagni amano buttare i soldi per prodotti francesi ? Ansaldo Breda e altre che ci stanno a fare ??? ... ah già ... le dobbiamo svendere allo straniero !


    mariolino50
    In pratica anche questo ci prende per il culo.....

    giovauriem
    nientemeno che la tratta tranviaria scandicci firenze è gestita dai francesi , ma l'italia è diventato il mondo di pascolo non di siena ma di chiunque , e che tu dici padre della patria renzi ? io spero che i francesi o i tedeschi o gli inglesi vengano a gestire il parlamento italiano con loro deputati e senatori.


    Quebec2003
    Sinceramente non mi piace. Sembra quasi che la Sua missione per la gente (comune), si risolva semplicemente stando fra la gente (comune), e così facendo Lui si senta mondo di aver compiuto la sua parte. E no, caro Presidente! La sua parte la svolgerà quando avrà dato un colpo di piccone a tutta la pletora burocratica che fa parte del suo mondo. Lei ha la possibilità, se davvero ci crede, di combattere le Istituzioni ingiuste che ci sono oggi da di dentro. Non siamo stupidi. Non creda di abbindolare tanto facilmente l'italiano medio, che è quello borghese, cattolico abbastanza praticante, democratico (però nel vero senso della parola), fondamentalmente buono, colto, e amante del bello.


    Beaufou
    Comunque la si rigiri, una visita del Presidente della Repubblica è sempre una rottura di maroni per tutti e una spesa non indifferente. Non potrebbe restarsene al Quirinale, magari a fare da Cicerone ai prossimi visitatori, che si preannunciano numerosi e interessati, dopo i suoi ultimi annunci?

    RispondiElimina
  45. http://www.immediato.net/2015/02/25/con-salvini-tanti-ex-an-primiano-calvo-potrei-candidarmi-il-senatore-leghista-volpi-a-bari-per-le-regionali/

    RispondiElimina
  46. http://voxnews.info/2015/02/25/abdulaziz-al-saud-come-renzi-mancia-ai-sudditi/




    RispondiElimina
  47. http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2015/02/25/dichiara-essere-omosessuale-non-gli-rinnovano-patente-esposto-pavia_eZB3z52y5FyG8oWOC6ECpO.html



    IN UNA SOCIETÀ NORMALE E SANA DI MENTE E TRA FUNZIONARI CHE SANNO VALUTARE È CHIARO CHE LA OMOSESSUALITÀ È MOTIVO OSTATIVO DI TANTE COSE E PERTANTO TROVO CONDIVISIBILE LA DECISIONE DI DINIEGO DELLA PATENTE.
    SE NON SI CAPISCE CHE TRATTASI DI DEVIANZA SESSUALE PORTATRICE DI PATOLOGIE COMPORTAMENTALI RISCHIAMO DI NUOVO ""SODOMA E GOMORRA".
    INFATTI IN TANTE CIVILTÀ ED ETNIE NEL MONDO LA OMOSESSUALITÀ È DICHIARATA PERICOLOSA PER LA SOCIETÀ CIVILE E QUINDI SECONDO ME CHI HA QUESTA DEVIANZA DEVE ESSERE SOTTOPOSTO A VISITE PSICHICHE E TENUTO SOTTO CONTROLLO.

    RispondiElimina
  48. I Vichinghi che fine hanno fatto?
    Le famose divinità celtiche e nordiche che fine hanno fatto?

    Ma da dove nasce questo autogenocidio che farà scomparire la civiltà nordica e il popolo finnico trasformandolo in una etnia sottomessa e schiavizzata dagli intolleranti beduini coranici.
    Il corano è un trattato di guerra anticristiano e antioccidentale nonché permeato di razzismo nei confronti di chi non è islamico ed arabo.
    Io butterei una bomba atomica in Finlandia per annientare questi coglioni che si mettono a 90 gradi ai maledetti islamici jihadisti.



    http://voxnews.info/2015/02/25/le-lezioni-di-corano-arrivano-in-finlandia-alla-radio/

    RispondiElimina
  49. http://www.giornalettismo.com/archives/1746321/salvini-chiunque-libero-non-pensarla-come-basta-faccia-pacificamente/

    Salvini: «chiunque è libero di non pensarla come me, basta che lo faccia pacificamente».

    25/02/2015 

    Il segretario della Lega Matteo Salvini mercoledì mattina è stato in Campidoglio per ricordare l’appuntamento di sabato 28 in piazza del Popolo.
    Salvini, Casapound e Lega in una «Piazza del popolo che sabato pomeriggio sarà piena di mamme, papà, bambini, tassisti e agricoltori – ha detto – chiunque è libero di non pensarla come me, basta che lo faccia serenamente, pacatamente rispettando noi, la città e i poliziotti.

    RispondiElimina
  50.  
    http://www.fanpage.it/salvini-alla-conquista-della-capitale-lancia-la-sfida-a-renzi-e-berlusconi/


    24 febbraio 2015

     
    Salvini alla conquista della Capitale lancia la sfida a Renzi.


    La Lega di Matteo Salvini si prepara a sbarcare nella Capitale per compiere la metaformosi da partito regionale a partito nazionale. E da Piazza del Popolo Salvini lancerà una doppia sfida: da una parte a Berlusconi per la leadership del centrodestra, dall'altra al governo di Matteo Renzi. In piazza con il Carroccio l'estrema destra che sogna un Front National all'italiana.

    Il prossimo sabato la Lega di Matteo Salvini sbarcherà in piazza del Popolo. Attese secondo le stime degli organizzatori tra le 15 mila e le 10 mila persone, un treno speciale da Milano e centinaia di pullman. L'incognita rimane la partecipazione dei romani e del sud e centro Italia, dove il Carroccio sta organizzando la lista ‘Noi con Salvini', testa d'ariete per trasformare la Lega da partito regionale a partito nazionale. Il modello dichiarato è quello del Front National di Marine Le Pen, che interverrà con un video messaggio in piazza del Popolo.
    Sarà la prima volta della nuova Lega di Salvini nella ‘Roma ladrona'. Ma il Carroccio questa volta si presenterà non per fustigare i vizi dei palazzi del potere, gli sprechi o per chiedere indietro i soldi del Nord drenati dallo Stato per mantenere i dipendenti dei ministeri e quei fannulloni del mezzogiorno, come aveva fatto Umberto Bossi. Al contrario l'uomo nuovo della Lega si candida a salvatore dei romani, difensore delle plebi capitoline dalla dai campi rom e dagli immigrati, e di tutti gli italiani dal governo di Renzi e dall'Europa di banchieri e tecnocrati.
    #Renziacasa lo slogan della manifestazione. I claim sono i soliti ‘basta euro', ‘meno tasse', ‘stop invasione', ‘lotta vera al terrorismo', ‘autonomia, federalismo e indipendenza', quest'ultimo slogan una concessione alla base irriducibile di Pontida e della provincia del profondo nord. Gli stessi temi che Salvini ripete ad ogni passaggio televisivo, nei ‘blitz' nei campi nomadi e quando arringa il suo popolo.
    A sostenere la venuta della Lega a Roma l'estrema destra di Casa Pound e il suo nuovo progetto ‘Sovranità', che sta dando vita in tutta Italia ad iniziative assieme alla Lega. In piazza anche la formazione della destra tedesca Pegida, protagonista nelle scorse settimane di imponenti manifestazioni contro l'immigrazione, in particolare musulmana e i francesi del Bloc Identitaire.

    Mentre Salvini si prende tutta la Lega mettendo all'angolo il ‘moderato' Tosi, punta a conquistare i voti di Forza Italia, cavalcando il declino del berlusconismo, e di Grillo, esacerbando i toni contro la politica e soprattutto contro l'altro Matteo che siede a Palazzo Chigi. Certo, forse Salvini non riuscirà ad intaccare il bacino di voti dei così detti moderati (categoria forse ormai impalpabile), ma lancia la sfida per conquistare la leadership del centrodestra, o almeno ad alzare la posta per lasciare il campo a Berlusconi per la sua ultima sfida (se si va a votare alla fine naturale della legislatura avrà 82 anni). Sabato la Lega e i suoi nuovi alleati si misureranno con la piazza, lanciando la sfida allo stesso tempo a Renzi e Berlusconi.

    RispondiElimina
  51. http://www.lazio24news.net/2015/02/25/roma-allerta-infiltrati-sabato-in-piazza-salvini-e-antagonisti-13153/

    RispondiElimina
  52. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/25/i-lupi-solitari-in-italia-400-pronti-a-colpire/1098674/


    Alfano e Renzi fanno la battaglia navale come gli scolaretti mentre la Nazione è a rischio attentati coranici letali.......limortacci loro. .....

    RispondiElimina
  53. Gli zingari sono una etnia incivile e dedita alla commissione di tutti i reati del codice penale e questo da sempre. Infatti nessuno li tollera volentieri sul proprio territorio e capiscono solo le mazzate. Indegni questi italidioti sinistrati che si sono venduti la dignità patria per dei criminali. Verrà il momento in cui ci sarà la resa dei conti per queste malefatte. I cinesi suggeriscono di mettersi in riva al fiume in attesa che passi il cadavere del nemico.
    Ringrazio casapound che tanta energia identitaria mette nelle sue battaglie che sono anche e sempre le nostre.
    Consiglio napalm e lanciafiamme per disinfestare dai topi di fogna.

    RispondiElimina
  54. http://www.imolaoggi.it/2015/02/24/guerra-nel-mediterraneo-non-siamo-piu-in-grado-di-far-secchi-4-pirati-assassini/


    Guerra nel Mediterraneo. Non siamo più in grado di far secchi 4 pirati assassini.

    24, febbraio, 2015

    di Angela Piscitelli

    “Faccetta nera, bella Abissina, aspetta e spera che già l’ora si avvicina”............



    RispondiElimina
  55. Che un presidente del consiglio in carica (purtroppo) si permetta di offendere milioni di italiani coi termini dispregiativi di razzisti xenofobi ed altro la dice lunga sul suo concetto di democrazia e di rispetto costituzuonale delle minoranze che non siano zingari clandestini o islamici jihadisti. Mi aspetto che politicamente qualcuno glielo ricordi che non siamo durante il regime sovietico come crede evidentemente lui. Qualche malizioso potrebbe interpretare questa sgambetto antidemocratico come un velato avvertimento nei confronti di chi non la pensa come lui e un indiretto invito a manifestare in piazza con ogni mezzo contro i pacifici dimostranti del 28 febbraio a cui non verrà in mente di sfasciare vetrine o spaccare BARCACCE.
    Tacere a volte è consigliato per evitare di dire castronerie a raffica come ci ha abituati da 13 mesi a questa parte il soggetto in questione.

    RispondiElimina
  56. http://www.iltempo.it/politica/2015/02/26/l-intervista-1-iannone-casapound-usano-metodi-mafiosi-quelli-non-ci-spaventano-1.1383039


    26/02/2015 06:06


    LEGA CAPITALE

    Iannone (Casapound): "Usano metodi mafiosi. Quelli non ci spaventano"Gianluca Iannone, leader di Casapound, ha da tempo incrociato i destini del suo movimento con quelli di Salvini.

    La sinistra usa metodi mafiosi per cercare di intimidirci. Noi non cederemo alle provocazioni, ma non riusciranno a farci indietreggiare o a tapparci la bocca". Gianluca Iannone, leader di Casapound, ha da tempo incrociato i destini del suo movimento con quelli di Salvini. Sabato sarà alle guida dei suoi militanti in piazza del Popolo e non nasconde il timore che il comizio leghista possa diventare una calamita di tensioni.

    Iannone, perché Casapound è con Salvini?

    "Perché è ora di cambiare rotta. Quello di Renzi è il terzo governo non eletto dal popolo ma calato dall’alto per svendere sovranità e gioielli di famiglia. Casapound ci sarà e saremo in tanti".

    Salvini in passato non era tenero con Roma...

    "Questo è quello che vogliono far credere a sinistra. Salvini, in realtà, ha attaccato la Roma dei palazzi, del Parlamento che dovrebbe essere fucina di crescita per il Paese e invece è diventato il tempio della corruzione. Oggi la Lega è l’unica, con Casapound, che si batte contro l’euro e contro l’immigrazione selvaggia e incontrollata".

    Come sarà accolto Salvini dai romani?

    "Sono convinto che ci sarà tantissima partecipazione, mi aspetto oltre centomila persone. Poi c’è anche chi cerca di utilizzare il ricatto, le minacce e la violenza come arma politica. Mi riferisco ai signorotti della sinistra che, utilizzando metodi mafiosi, hanno subito sguinzagliato i loro cani da guardia dei centri sociali. Vogliono fare baccano e intimidire tutte le famiglie che saranno presenti".

    C’è il rischio di scontri?

    "Sì, ma non da parte nostra, perché da undici anni abbiamo dimostrato il nostro carattere di forza tranquilla. Da 50 anni la violenza viene da una parte sola, da parte di chi poi si inventa le infiltrazioni di fantomatici black bloc per nascondersi. E invece sono sempre le stesse persone che, coccolate dalle istituzioni, dopo una lunga gavetta di violenza finiscono in Parlamento o nei Consigli comunali. Non risponderemo alle provocazioni, ma di certo non scapperemo".

    RispondiElimina


  57. https://m.facebook.com/casapounditalia?refsrc=https%3A%2F%2Fit-it.facebook.com%2Fcasapounditalia


    CasaPound Italia


    Piace a 114mila persone

    Via Napoleone III n.8, Roma

    Ieri alle 3.13 

    ‪#‎CasaPound‬ Italia sarà in piazza a Roma il 28 Febbraio con Matteo Salvini contro il buffonesco e criminale governo ‪#‎Renzi‬.
    Parteciperemo insieme a Sovranità, raggruppamento che si propone di organizzare tutte le comunità sociali e identitarie e tutti gli italiani che amano la propria nazione, per formare un grande fronte politico di opposizione a Renzi che abbia come proposte imprescindibili:

    No Euro
    Stop Immigrazione
    Prima gli Italiani

    Una opposizione politica chiara, netta, senza compromessi centristi.
    Saranno presenti inoltre gigantografie dei nostri soldati prigionieri in India per ricordare a tutti una vicenda ignobile che grida vendetta.
    La giornata è storica, aderite numerosi. Ci vediamo in piazza.

    Piace a 2.560 persone 


    RispondiElimina
  58. https://m.facebook.com/casapounditalia?refsrc=https%3A%2F%2Fit-it.facebook.com%2Fcasapounditalia


    26.2.2015

    Oggi alle 7.12 · 

    Una delegazione di studenti dell'università americana John Cabot di Roma in visita a CasaPound, per approfondire il rapporto tra l'opera del poeta americano e i suoi sviluppi politici.

    Piace a 574 persone 

    RispondiElimina
  59. La destra radicale vuole la difesa della patria e identità preservata delle tradizioni italiane.
    La sinistra radicale vuole l'opposto..

    RispondiElimina
  60. http://voxnews.info/2015/02/25/non-toglie-crocifisso-pizzeria-devastata-da-incendio/

    26.2.2015

    COMMENTO PERSONALE A VICENDA ANTICATTOLICA IN TERRITORIO ITALIANO.


    Islam talmente tollerante che in Italia viene tutelato come una reliquia e Bergoglio li invita pure in Vaticano questi assassini teocratici di merda.
    Finirà a guerra di religione checché ne dicano gli appecorinati piddini del piffero...!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  61. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/26/alfano-sceglie-i-duri-dellislam-che-dicono-no-ai-valori-italiani/1099066/


    26 Febbraio 2015

    Gaia Cesare

    «È una vergogna, uno schiaffo ai moderati che da anni si battono per isolare gli estremisti, una sconfitta per le donne.


    Commenti

    gianniverde
    Gli EROI italiani.!!!!Rammolliti

    arcatero
    Ci manca solo che qualcuno del centro destra (quello reale) se lo voglia riprendere in groppa. Berlusconi, mi raccomando... Capisco la necessità di avere buoni rapporti con Renzi, ma non fare alleanze con Alfano. Lui ruba i voti a destra e li usa a sinitra. Un minimo di decenza. Grazie.

    hectorre
    un'altra medaglia da appuntare sulla giacca del nostro half-ano!!!!......presidente,se c'è batta un colpo!!!!!....così ligio al dovere,noleggi un tram e mandi a casa questi inetti, diventerebbe il più amato della storia......

    elio2
    Un'idiota lo è per sempre, se poi è pure un venduto figuriamoci.

    rugoso
    Ma non e' possibile mandarlo a pascolar capre in cima all'Etna sto coniglio d'aspetto e di fatto?

    02121940
    AlfaNO? Una disgrazia. Ma c'è la possibilità di liberarcene alle prossime elezioni. Però gli dovremo pagare il vitalizio, un "diritto maturato", naturalmente. Lo pagano anche ai condannati!

    scoglionato
    Alfano "amico degli amici" "amici": gruppo di accoglienza terroristi trasformati in pecorelle.

    scarface
    Piuttosto che half-ano agli interni avrei preferito il Mago Otelma.

    rapax
    alf ano. detto alfanacchio e' DEVASTANTE, forse forse, prima di lui c'era napolitano, questo imbarazzante e incapace politicchio(scoperto aime' dal cav) e' da anni ministro dell'interno e da anni l'Italia e' meno sicura, se questi sono i politici della "seconda"repubblica, la prima doveva "abortire" gente piu nulla incapace, vile, traditrice non poteva nascere...

    Legaiolo
    Prima cade questo governo fantoccio e meglio é! Su Alfano no comment!

    RispondiElimina
  62. http://voxnews.info/2015/02/25/associazioni-lgbt-umiliano-ragazzini-a-scuola-non-sono-daccordo-con-le-loro-bizzarrie/



    PER I PERVERTITI ESISTE UN MODO CHIARO E VELOCE E DEFINITIVO PER ZITTIRLI...!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Starebbero bene in un gulag sovietico questi pezzenti maledetti Lgtb del cazzo. ...

      Elimina
    2. Consegnamoli a quelli dell'Isis che sono loro amici. ....!!!

      Elimina
  63. http://voxnews.info/2015/02/26/il-populista-mattarella-che-prende-il-tram/#respond




    Avevo intuito che sarebbe stato peggiore di NAPO.!!!!

    RispondiElimina
  64. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11710331/Casapound--l-intervista-a-Gianluca.html


    GRANDE IANNONE. ..

    RispondiElimina
  65. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/26/commessa-contro-abercrombie-scartata-perche-indossa-il-velo/1099109/


    26 Febbraio 2015

    Commessa contro Abercrombie: scartata perché indossa il velo.
    Samantha Elauf vuole fare la ragazza immagine. Ma vuole farlo indossando il hijab. La società non l'assume, lei fa causa.

    Sergio Rame

    Nel 2008 Samantha Elauf fa un colloquio con Abercrombie & Fitch. La posizione è di addetta alle vendite nel negozio di Tulsa, in Oklahoma. Samantha ha 17 anni e aspira a fare la modella. Tanto che si propone di entrare nella squadra di ragazzi e ragazze immagine. Nonostante l'ottima impressione fatta sul manager, la ragazza non va bene: viene scartata sulla base della look policy perché indossa il hijab, il velo islamico indossato delle musulmane. Il "no" del colosso dell'abbigliamento ha scatenato Elauf che ha portato il caso sin davanti alla Corte suprema americana....................



    Commenti


    elalca
    vuoi il lavoro? togli il velo e adeguati invece di fare causa, ignorantona e trinariciuta


    carpa1
    Più sono sceme e più i trinariciuti le ascoltano e difendono nei loro deliri.


    gneo58
    se ognuno se ne stessa a casa propria queste cose non succederebbero !


    gianky53
    Una scema islamica con il velo che vuole fare la ragazza immagine, perché non il burka?


    java
    nota bene che questa catena gestita da omossessuali non assume persone basse, di peso forma normale o poco attraenti (anche questa discriminazione non migliore di altre), ma finiscono in tribunale solo perche' non assumono l'islamica velata. Segno evidente che soccomberemo di fronte all'arroganza e alla violenza e che la forza bruta vince sempre. Anche se questa azienda si meriterebbe una lezione per via delle cose che ho gia' citato, spero che vincano. Dal canto mio, mi rifiuto di fare shopping o mangiare in locali dove vengo servita da persone imbacuccate, e lo faccio per motivi ideologici (gli stessi che usano loro per imbacuccarsi) ma anche per motivi igienici. La guerra non si combatte solo con le armi.


    moshe
    Per liberarsi dai musulmani, bisognerebbe adottare lo stesso sistema che servirebbe per liberarsi dai rom.


    daniperri
    Se la tua religione di impone di essere sottomessa e di non esporti agli sguardi dei maschi perché vuoi fare la commessa da Abercrombie??!!


    Alex Biffi
    Non lo accetta, la marocchina non lo accetta... Questi vogliono imporci le loro usanze da cammellieri e l'Occidente, sazio e flaccido, è sempre prono e ubbidiente! Comunque, anche senza velo io non la assumerei nemmeno per vendere cipolle, la baffona.


    epcu
    Anche io voglio fare la ragazza immagine da Abercrombie! Cosa? Mi discriminate perchè sono un maschietto ed ho la barba? Orrore! Discriminazione su base sessuale!!!!!


    Nonlisopporto
    Bene! hanno fatto bene a non farla lavorare da loro! Vada a a cercarselo da un'altra parte. A&F non è un marchio adatto per la sua pseudo religione. Spiegateglielo a questa che sicuramente è manovrata da CGIL/PD per dimostrare che Abercrombie & Fitch falsamente e' azienda che fa discriminazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mannatela a batte a Palmiro Togliatti col velo e sai le risate. .....ahahahah ah

      Elimina
  66. NON MI PIACE CHE I MUSSULMANI FESTEGGINO I LORO ANTIDEMOCRATICI E TRIBALI RITI DI MORTE.


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/26/laustria-approva-le-leggi-anti-islam/1099153/

    26 Febbraio 2015

    L’Austria approva le leggi anti Islam.
    Vienna modifica la legislazione del 1912 sulla religione.

    Fabio Franchini

    Dopo oltre un secolo, l’Austria ha approvato le riforme della legge sull’Islam datata 1912, con la quale la religione è stata legalizzata nel Paese.

    Vienna rispolvera – modificandolo – l’ordinamento di inizio Novecento per contrastare la diffusione in patria delle derive dell'estremismo islamico. Come? Anzitutto, bloccando tutti i finanziamento degli stranieri a moschee e imam. Ma, nel corpus legislativo, viene garantita una maggiore protezione giuridica agli stessi musulmani, oltre la tutela delle festività religiose e l’addestramento degli stessi imam, che devono dimostrare di padroneggiare il tedesco e di diffondere valori fedeli a quelli della Repubblica.
    Si tratta di provvedimenti in stand-by da tre anni, ai quali nelle ultime ore il Parlamento austriaco ha dato il definitivo via libera. L’ok del governo è arrivato, come detto, tra le proteste. Mentre il ministro dell’integrazione Sebastian Kurz difende a spada tratta l’equità della legge e per molti la legge appena varata rappresenta un modello per l’Europa su come disciplinare i rapporto con l’Islam, un nutrito gruppo di musulmani ha manifestato davanti al Parlamento denunciando gravi discriminazioni anticostituzionali e annunciando il ricorso in tribunale.

    I gruppi hanno criticato la scelta dell’esecutivo di tagliare i finanziamenti esterni visto che gli stessi continueranno, altresì, ad essere permessi alle organizzazioni cristiane ed ebraiche. Ciò – secondo loro – sarebbe sintomo di una diffusa e crescente sfiducia verso i musulmani, anche nelle istituzioni.

    Kurz rigetta le accuse e alla Bbc definisce le misure di fresca adozione come una “pietra miliare” per l’Austria, la cui comunità musulmana è di circa 500mila persone (pari al 6% della popolazione).“Quello che vogliamo è ridurre l’influenza politica e il controllo dall’esterno. Vogliamo, invece, dare all’Islam la possibilità di svilupparsi liberamente all’interno della nostra società, in sintonia con i nostri valori europei” ha dichiarato il Ministro.



    Commenti

    glasnost
    Ma loro non hanno mica la Boldrini!!! Ho la sensazione che se nella grande guerra anziché sparare contro l'Austria, avessimo sparato contro l'Italia adesso staremmo molto meglio!!! Fate un giro per le strade delle nostre città, poi fatene uno nelle città dell'Austria e ve ne renderete conto.


    Villanaccio
    Gli austriaci probabilmente si ricordano ancora di quando avevano i turchi sotto Vienna....


    antonio54
    Ecco un paese serio... cosi si fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non li stoppiamo questi bastardi intolleranti imporranno la shari'a all'Occidente.

      Elimina
    2. Napalm....tutto risolto. .non c'è altro da fare.

      Elimina
  67. http://m.ilgiornale.it/news/2015/02/26/laustria-approva-le-leggi-anti-islam/1099153/


    Commento

    ho i miei dubbi ma provare per credere i mussulmani debbono ammettere che la loro non é una religione normale loro sono superiori e in quanto superiori debbono dimostrare di esserlo a tutti gli effetti

    RispondiElimina
  68. http://voxnews.info/2015/02/26/jihadi-john-lo-sgozzatore-di-isis-e-nato-a-londra-figlio-di-immigrati/




    RispondiElimina
  69. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/26/a-voi-e-salvini-mettiamo-una-bomba-1.1383111




    Limortacci loro e chi li manovra sti pezzenti sinistronzi.
    Sabato 28 febbraio 2015 ore 15.00 tutti a piazza del popolo a Roma per una pacifica manifestazione patriottica anticomunista e antirenzi e antialfano.

    RispondiElimina

  70. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/862857/www-tepparossa---.html

    26.2.2015

    Francesco Storace

    Qualcuno ha intenzione di far passare un'altra terribile giornata alla Capitale perché l'estrema sinistra si è messa in testa, con tanto di solito appello dei 99 Posse e compagnia, di boicottare la manifestazione che terra' Matteo Salvini a Roma, nella sua azione di penetrazione nel centrosud del Paese.
    La Lega punta alla leadership del centrodestra. E il lancio del movimento Noi con Salvini serve proprio ad aggregare chi finora non ha creduto al messaggio proveniente dal nord. Ebbene, si può condividere o meno l'azione di Salvini, ma diventa davvero intollerabile minacciare chi andrà sabato in piazza del Popolo per una manifestazione che si annuncia di grandi dimensioni e comincerà alle 15. Ci saranno la manifestazione salviniana e un corteo di militanti di destra in piazza Risorgimento per ricordare il quarantesimo anniversario dell'assassinio in piazza Risorgimento di Mikis Mantakas, militante greco del Fuan.
    Alfano, il prefetto, il questore, decidano rapidamente il da farsi. Dai siti e dalle radio si conoscono benissimo nomi e cognomi dei promotori della scampagnata di probabile violenza nella capitale e sarebbe cosa buona e giusta impedire di non nuocere a quanti fossero animati da cattive intenzioni. Ci sono professionisti del teppismo pronti a menare le mani, a raccogliere nel peggiore dei modi gli inviti alla "mobilitazione" che partono dalle solite radio onda rossa, da contropiano.org e siti del genere, addirittura da pagine fb create apposta per lanciare proclami bellicosi contro la manifestazione leghista.
    Ci si mette anche Marino con dichiarazioni giustificazioniste "Salvini nega soldi a Roma", quasi a offrire copertura ai #maiconsalvini di internet. "Andremo a ribadire il 28 febbraio all'odierno ducetto" e amenità del genere con tanto di soliti slogan truculenti dovrebbe averle lette pure lui. "Roma si appresta a dare il benvenuto ai fascisti e ai razzisti che vorrebbero barricarsi a piazza del Popolo insieme a Matteo Salvini": anche il sindaco dovrebbe capire che significa. Ignazio Marino si rende conto che queste sono le frasi più gentili a cui da' oggettiva sponda con la sua spocchia, tipica di chi capisce davvero poco di certe cose?
    Le autorità facciano il loro dovere, per garantire un sereno svolgimento della manifestazione di sabato. E in prima linea ci sia proprio il ministro dell'interno, che deve trovare un motivo in più per evitare di essere tacciato come inefficiente e fazioso uomo di parte se dovessero esserci incidenti provocati contro la libera iniziativa di un suo avversario politico.
    È l'ora della serietà. Dimostrate di che cosa siete capaci.
    È bene che Alfano impartisca direttive precise. Qualcuno, dopo gli hooligans del Feyenoord, ha intenzione di far passare un'altra terribile giornata alla Capitale perché l'estrema sinistra si è messa in testa, con tanto di solito appello dei 99 Posse e compagnia, di boicottare la manifestazione che terra' Matteo Salvini a Roma, nella sua azione di penetrazione nel centrosud del Paese.
    La Lega punta al bersaglio grosso, la leadership del centrodestra. E il lancio del movimento Noi con Salvini serve proprio ad aggregare chi finora non ha creduto al messaggio proveniente dal nord. Ebbene, si può condividere o meno l'azione di Salvini, ma diventa davvero intollerabile minacciare chi andrà sabato in piazza del Popolo per una manifestazione che si annuncia di grandi dimensioni e comincerà alle 15. Nel giro di un chilometro in linea d'aria ci saranno la manifestazione salviniana e un corteo di militanti di destra in piazza Risorgimento per ricordare il quarantesimo anniversario dell'assassinio in piazza Risorgimento di Mikis Mantakas, militante greco del Fuan.Alfano, il prefetto, il questore, decidano rapidamente il da farsi........

    RispondiElimina
  71. http://m.repubblica.it/mobile/r/locali/roma/cronaca/2015/02/26/news/sabato_comizio_della_lega_e_corteo_anti-salvini_alerta_sicurezza_ma_il_prefetto_nessun_rischio_incidenti-108244293/





    Lega, CasaPound e corteo anti-Salvini, sabato caldo a Roma. Ma il prefetto: "Nessun rischio incidenti"

     
    ore 19.3 del 26 febbraio 2015


    L'organizzazione di estrema destra di Iannone annuncia che sarà alle 10 all'Esquilino e alle 15 con il Carroccio in piazza del Popolo. E il leader lombardo attacca su Twitter gli oppositori "sinistri"


    Cresce l'attesa a Roma per sabato quando in piazza del Popolo salirà sul palco per il comizio della Lega Matteo Salvini. Nella piazza del Carroccio, dove i manifestanti indosseranno la maglietta "Renzi a casa" e spunterà anche qualche trattore, ci saranno anche Giorgia Meloni, alcune organizzazioni di destra d'Oltralpe e CasaPound che prima, nella mattinata, si sono dati appuntamento per un sit-in dal titolo "Prima gli Italiani" a Piazza Vittorio. Un'altra ala destra - quella 'sociale' commemorerà invece Mikis Mantakas, militante ucciso 40 anni fa, alle 18 in piazza Cola di Rienzo, alle porte del centro.

    Il prefetto Giuseppe Pecoraro ha voluto rassicurare: "Nessun rischio incidenti". Al vertice hanno partecipato il questore Nicolò D'Angelo e il procuratore generale capitolino, Giuseppe Pignatone, oltre ai rappresentanti territoriali delle varie forze dell'ordine. "L'obiettivo è di fare in modo che tutto si svolga in maniera serena e che tutti siano in grado di manifestare liberamente il proprio pensiero", ha spiegato Pecoraro al termine della riunione. Per il prefetto "non ci sono particolari rischi" di contatti tra le diverse manifestazioni, e "tutto è stato predisposto per evitare episodi degenerativi". Più di mille gli agenti e i carabinieri che saranno schierati sabato. 
    Ieri c'è stato un primo assaggio, prove generali di contrapposizione. Con il prologo di Salvini in Campidoglio. Lo scontro intanto si accende sui social network. Matteo Salvini scatenato su twitter fa nome e cognome e posta foto dei "nemici" della sua manifestazione sabato a Roma in piazza del Popolo. Qui, l'attore Elio Germano Moni Ovadia Il fumettista Michele Rech, in arte ZerocalcareIeri li aveva definiti "disadattati", nel tweet poi li ha chiamati "sinistri". Così il leader del Carroccio ha "battezzato" il gruppo di consiglieri di Sel, tra i quali Gianluca Peciola.

    RispondiElimina
  72. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/02/26/a-voi-e-salvini-mettiamo-una-bomba-1.1383111


    26/02/2015

    "A voi e Salvini mettiamo una bomba" . Minacciati due deputati del Carroccio. Sale la tensione per il corteo dei centri sociali. 
    LE INTERVISTE Casapound: non ci spaventano.

    "È da mezz’ora che ci provoca, che ci minaccia dicendo: "Vi metto una bomba". L’abbiamo fotografato".

    Il deputato della Lega Nord Nicola Molteni è in piazza del Campidoglio a mezzogiorno. Salvini incede sulla scalinata diretto verso il Marco Aurelio attorniano dalle telecamere. Ad attenderlo il capogruppo di Sel che parla da solo al megafono e cinque contestatori. Dal gruppo si stacca un giovane, che provoca verbalmente lo stesso Molteni e un addetto stampa del gruppo parlamentare del Carroccio. Il "pacifista" di sinistra li sfida faccia a faccia, li provoca, ma i leghisti - con loro c’è anche un altro deputato: Gianluca Pini - non perdono la calma. A un certo punto l’addetto stampa scatta una foto e il militante espolode: «Che c... ti fotografi?!?». «Sono un giornalista e questo è un luogo pubblico», la replica. Il contestatore mette le mani nelle tasche del giovane leghista che lo spintona. Intervengono gli agenti in borghese a dividere i due e Molteni spiega al poliziotto: "Quel tipo ci sta provocando e minacciando da mezz’ora. Ci ha anche detto: "Vi mettiamo una bomba". Lo abbiamo fotografato e accerteremo chi è".

    è questo il clima che si respira in vista della manfiestazione "Renzi a casa" organizzata da Matteo Salvini sabato prossimo in piazza del Popolo. E a creare tensione non sono certo i seguaci del leader leghista. Piazza del Campidoglio è blindata e si divide tra leghisti e antileghisti. Salvini arriva con lo striscione «Marino a casa», Sel replica con «razzisti andatevene». Peciola al megafono elenca «i disastri della giunta Alemanno e le spericolate alleanze della Lega». Dall’altra i deputati del Carroccio e il capogruppo Noi con Salvini in Campidoglio Marco Pomarici. Le forze dell’ordine tengono i gruppi a distanza, mentre Salvini a «bordo piazza», circondato da telecamere e cronisti, rilascia dichiarazioni. L’attenzione è rivolta alla manifestazione di sabato e al controcorteo organizzato da centri sociali e collettivi studenteschi. «La nostra manifestazione che sarà pacifica e aperta a tutti», siega Salvini, aggiungendo, a proposito della «minaccia» degli antagonisti: «I nostri non butteranno una cartaccia in strada, speriamo che gli altri facciano altrettanto. Manifestare è un diritto, noi lo faremo in piazza del Popolo, è giusto che manifesti anche chi non ci vuole, purché lo faccia nel rispetto degli altri e pacificamente, come lo facciamo noi». I contestatori di Sel offendono: «Fate schifo», «Fascisti», «Razzisti», «Merde». Salvini risponde tirando baci.

    Intanto esplode il confronto verbale tra Peciola e Pomariciil capogruppo della Lega dei popoli, Pomarici. «Non siete niente», dice il capogruppo Sel. «Non parlo con una comparsa» replica il capogruppo di Noi con Salvini. In piazza anche gli studenti in un blitz contro Salvini. Gli ragazzi, tenuti distanti da un cordone di forze dell’ordine, espongono cartelli con scritto: «#MaiconSalvini» e «Roma non ti vuole». Pomarici risponde: «Andate a scuola invece di perdere tempo». E Salvini lancia baci anche agli studenti. Nella speranza che sabato fili tutto liscio.

    RispondiElimina
  73. Giunta soMarino ridicolarizzata dal Tar del Lazio...



    http://metronews.it/15/02/02/il-tar-boccia-i-rincari-le-tariffe-degli-asili.html




    Il Tar boccia i rincari per le tariffe degli asili.



    22/02/2015


    ROMA. Per quest’anno hanno vinto le tante famiglie che avevano fatto ricorso al Tar, contro gli aumenti delle tariffe comunali di nidi e asili decisi da una delibera senza un’adeguata comunicazione a mamme e papà. I giudici amministrativi hanno bocciato definitivamente i rincari.
    A settembre migliaia di genitori si erano ritrovati a sorpresa di fronte agli aumenti dopo aver iscritto a giugno i loro bambini nelle strutture comunali che presentavano ancora le vecchie tariffe. Ieri la 2^ sezione del Tar del Lazio ha messo la parola fine agli aumenti per l’anno 2014/2015, sui quali aveva già disposto la sospensiva. Aumenti che tra l’altro erano stati inseriti nel Bilancio 2014 del Comune. I ricorsi al Tar erano stati presentati da decine di genitori, molti dei quali coordinati dal Codacons. La vicenda era stata seguita anche dal consigliere Gianluigi De Palo, assessore alla famiglia con l’amministrazione Alemanno, che aveva organizzato la protesta dei passeggini vuoti contro gli aumenti dopo la riapertura delle scuole.
    «Questa è la vittoria di Davide contro Golia, e dimostra quanto Marino sia lontano dalle vere priorità della città. Questo è solo l’inizio, adesso ci impegneremo a portare ancora una volta le persone in piazza per una rivisitazione delle tariffe dei nidi che così come è stata concepita da settembre metterà in difficoltà chiunque abbia un figlio al nido" ha commentato De Palo.

    RispondiElimina
  74. http://m.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/lega_manifestazione_cortei_casapound/notizie/1204980.shtml



    RispondiElimina
  75. http://voxnews.info/2015/02/26/campi-di-addestramento-isis-in-sicilia/




    E chi è pagato per difenderci riceve colla fanfara gli emissari dei jihadisti al Viminale per prendere ordini dall'isis. Se scoppia una guerra civile per la difesa del popolo italiano sapremmo da chi andare..sicuro.



    RispondiElimina
  76. http://www.ansa.it/trentino/notizie/2015/03/07/sciopero-mercatino-usato-a-bolzano_9856240f-359c-40ea-be7e-d7f2bc4e2e6e.html


    'Sciopero' mercatino usato a Bolzano.
    Braccio di ferro Comune-associazione, delusi stand e visitatori.

    BOLZANO

    7 marzo 2015 15:22

    (ANSA) - BOLZANO- L'associazione Zot, che organizza il mercatino dell'usato a Bolzano, stamani - per protesta con il Comune che aveva alzato la tassa per l'occupazione del suolo pubblico - ha mandato a casa i tanti espositori che come ogni 1/o sabato del mese sono venuti anche da lontano per esporre la propria merce. Delusi anche i tanti visitatori. "Il Comune ci chiede 1.280 euro per ogni mercato", dice la Zot, che critica anche "l'imposizione che gli espositori siano tutti cittadini residenti in provincia".
       




    MA IL SINDACO DI BOLZANO NON È QUELLO SPAGNOLLI LAUREATO IN NON SO CHE COSA E CHE DÀ TUTTO GRATIS A ZINGARI/CLANDESTINI ISLAMICI JIHADISTI E AMBULANTI EXTRACOMUNITARI ABUSIVI LASCIANDO UN TERRITORIO BELLISSIMO IN BALIA DI DELINQUENTI..?????
    SE GLI ITALIDIOTI LA SMETTESSERO DI VOTARE QUESTI MASCALZONI PIDDINI ANTITALIANI ALLORA SI CHE LE COSE ANDREBBERO DIVERSAMENTE....!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina