lunedì 19 gennaio 2015

Russia, Iannone (CasaPound): ministri degli Esteri Ue tolgano sanzioni a Mosca

Russia, Iannone (CasaPound): ministri degli Esteri Ue tolgano sanzioni a Mosca 

Roma, 19 gen - “Per quanto ancora troppo timida e fuori tempo massimo, va comunque considerata come una mossa che va sorprendentemente nella direzione giusta l'iniziativa dell'Alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri, Federica Mogherini, circa una revisione della politica punitiva dell'Ue nei confronti della Russia”. Lo comunica il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, in una nota. Spiega il leader di Cpi: “Questioni complesse come quella ucraina vanno risolte con la diplomazia, con la politica, non con folli irrigidimenti come quello che ci ha portato a votare le sanzioni nei confronti di Mosca, decisione economicamente e strategicamente sciagurata. Se quindi la Mogherini, in vista dalla riunione con i ministri degli Esteri dei paesi membri fissata per oggi, intende davvero metter sul tavolo la questione di un riavvicinamento fra Ue e Russia, non possiamo che plaudire all'iniziativa”. Per Iannone, “bisogna farla finita con queste geopolitica suicida che, per far contenti gli Usa, ci vede impegnati a sostenere in Siria gli jihadisti che poi vengono a seminare il terrore nelle nostre città o a comminare sanzioni alla Russia che hanno come unico risultato di mandare in rovina centinaia di aziende italiane che con Mosca lavorano proficuamente. A marzo scadranno le sanzioni e i paesi membri dovranno decidere se rinnovarle o meno. In quel momento vedremo se questa Ue può davvero essere qualcosa d'altro rispetto all'ente burocratico nemico dei popoli che è stato fino ad ora”.

13 commenti:

  1. Speriamo bene visto che l'italia da novembre 2011 in U.E. vale come il due di bastoni con la briscola a denari.

    RispondiElimina
  2. Ho letto che Putin ha finanziato con 9 milioni di euro il Fronte Nazionale francese della Le Pen,iniziativa encomiabile che fa capire che la Russia è un interlocutore dell'Italia Patriottica e questo legame è forte e duraturo. La Russia attuale,Repubblica nazionalista federata non ha nulla a che fare col comunismo stalinista e la società sana sta dalla parte di Putin. I Massoni europeisti che mirano a togliere del tutto la sovranità degli stati aderenti troveranno filo da torcere nella federazione russa e i patrioti identitari italiani hanno un legame saldo col popolo russo filo Putin.
    Non mi fido di questo governicchio di sottomessi che non sono degni nemmeno della cittadinanza italiana considerati i fiaschi continui su ogni fronte della tutela e della salvaguardia degli interessi dei cittadini.

    RispondiElimina
  3. Incapaci pure di pulirsi da soli il kiuletto come i neonati.

    RispondiElimina
  4. Nella vicenda dei marò la UE si è comportata con codardia come Ponzio Pilato.
    Nel caso della guerra Russia ucraina invece ha ritenuto di mettere becco ma nel modo peggiore piegandosi alle follie di un Obama nemico dell'europa patriottica ed identitaria che ha preteso ed ottenuto che quasi tutti gli stati europei adottassero l'embargo totale con la Russia. Con conseguenze che economicamente sono per noi italiani disastrose. La Ucraina ha avviato la procedura di adesione alla UE perché vorrebbe sganciarsi dalla Russia ma crede di poter fare il comodo suo ai danni dei cittadini russi residenti in Ucraina. Comunque sono dispute che si affrontano diplomaticamente e non riscaldando gli animi e penalizzando gli altri stati europei che hanno un cospicuo interscambio commerciale.
    Io ci credo poco che la Mogherini sia capace di imporre agli altri partners europei le priorità italiane. Siamo bravi e pronti a mantenere il carrozzone UE ma poi quando si tratta di pretendere attenzioni e tutele succede che l'italia viene regolarmente spernacchiata e messa all'angolo e sono anni che succede questo per colpa di un nostro governicchio di quaquaraqua.
    Vediamo la seconda puntata della telenovela appena iniziata.

    RispondiElimina
  5. A me Putin piace perché da buon cristiano difende ed esalta la famiglia tradizionale che è quella composta da un marito(maschio) e moglie (femmina) e figli che abbiano dei nonni che hanno tramandato questa cosa ovvia.
    Le altre concezioni sono porcate perverse che non porteranno nulla di buono e anticiperanno l'arrivo di Sodoma e Gomorra se non ci penseranno prima i mussulmani che sono contrari all'omosessualità e alla concezione innaturale della famiglia tranne la poligamia maschile ma questa è una cosa diversa.
    Da quando è arrivato il governo Monti e seguenti questi maledetti pervertiti ed atei vorrebbero creare un porcile ove sguazzare come maiali.
    Solo una energica opposizione sul campo così come fa casapound può interrompere questa deriva del continente UOMO.

    RispondiElimina
  6. PUTIN NON SI FIDA DEGLI EUROPEI FARLOCCHI E TENTA DI TROVARE UN ACCORDO DI PACE CON L'UCRAINA.


    https://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2015/01/19/putin-rilancia-piano-pace-kiev-risponde_4782d897-da92-4603-89a3-090819097859.html



    Putin rilancia piano pace, Kiev risponde"Firmare programma per realizzare accordi Minsk".

    19 gennaio 2015 14:13

    Firmare un programma per realizzare gli accordi di Minsk e mantenere la tregua nel sudest dell'Ucraina a partire da oggi: così Kiev ha risposto alla proposta del Cremlino di rilanciare il processo di pace ritirando l'artiglieria pesante da ambo i fronti, come ha reso noto ieri sera la tv russa diffondendo il testo di una recente lettera di Putin a Poroshenko dopo l'intensificarsi dei combattimenti e le nuove vittime anche tra i civili.
       

    RispondiElimina
  7. http://gds.it/2015/01/19/ucraina-putin-ritira-lartiglieria-dal-fronte-kiev-risponde-alla-proposta-di-pace_298308/

    19 Gennaio 2015

    Ucraina, Putin ritira l'artiglieria dal fronte: Kiev risponde alla proposta di pace.
    Firmare un programma per realizzare gli accordi di Minsk e mantenere la tregua nel sudest dell'Ucraina a partire da oggi: così Kiev ha risposto alla proposta del Cremlino di rilanciare il processo di pace ritirando l'artiglieria pesante da ambo i fronti, come ha reso noto ieri sera la tv russa diffondendo il testo di una recente lettera di Putin.

    MOSCA. Firmare un programma per realizzare gli accordi di Minsk e mantenere la tregua nel sudest dell'Ucraina a partire da oggi: così Kiev ha risposto alla proposta del Cremlino di rilanciare il processo di pace ritirando l'artiglieria pesante da ambo i fronti, come ha reso noto ieri sera la tv russa diffondendo il testo di una recente lettera di Putin a Poroshenko dopo l'intensificarsi dei combattimenti e le nuove vittime anche tra i civili.«Gli ultimi avvenimenti nel sudest ucraino - la ripresa dei bombardamenti di aree popolate nelle regioni di Donetsk e Lugansk - ci dà un profondo senso di preoccupazione e minacciano di fatto di far deragliare il processo di pace basato sul memorandum di Minsk del 19 settembre 2014», ha scritto Putin. «Propongo che entrambe le parti, sia le strutture militari ucraine sia le milizie del Donbass, delle repubbliche di Donetsk e di Lugansk, prendano misure urgenti per il cessate il fuoco, e che le parti in conflitto ritirino immediatamente gli armamenti di calibro superiore a 100 millimetri alle distanze definite dal memorandum di Minsk dalla linea di contatto di fatto, come evidenziato nella mappa allegata», prosegue, garantendo l'impegno di Mosca a controllare queste operazioni insieme all'Osce.L'inizio di una stabile realizzazione degli accordi di Minsk, ha replicato il ministero degli esteri ucraino, «creerà le precondizioni necessarie per le consultazioni del gruppo di contatto tra i ministri degli Esteri di Francia, Germania, Ucraina e Russia, e in prospettiva per un summit dei leader di questi Paesi ad Astana». Kiev afferma inoltre che è pronta a prendere parte alle consultazioni del gruppo di contatto in qualsiasi momento e che sta attuando tutti gli accordi raggiunti a Minsk, incluso il cessate il fuoco. Ieri, tuttavia, il consigliere presidenziale ucraino Yury Biryukov ha riferito che all'esercito ucraino è stato ordinato di aprire il fuoco contro le posizioni delle milizie nella zona del conflitto. I separatisti filorussi hanno registrato pesanti bombardamenti, tra l'altro, a Donetsk e Gorlivka.

    RispondiElimina
  8. SONO CON PUTIN CHE COMBATTE IL FONDAMENTALISMO ISLAMICO CECENO E NOI IN ITALIA DOBBIAMO VIGILARE A CHE LE NOSTRE DONNE NON VENGANO INDOTTRINATE AL SUICIDIO.


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/20/le-italiane-di-allah-che-inneggiano-alle-stragi/1084325/

    RispondiElimina
  9. Immigrati ceceni che Putin stermina come meritano perché sono portatori di morte e distruzione.


    http://voxnews.info/2015/01/20/francia-arrestati-immigrati-ceceni-pronti-a-farsi-esplodere/

    RispondiElimina
  10. http://m.ilgiornale.it/news/2014/09/02/ecco-i-dieci-motivi-che-danno-ragione-allo-zar-putin/1048406/



    ARTICOLO CHE RENDE GIUSTIZIA A PUTIN

    RispondiElimina
  11. Putin amico patriottico degli italiani identitari

    RispondiElimina



  12. MENTRE RUSSIA E UCRAINA FANNO PROVE GENERALI DI PACE COME AL SOLITO LA DIPLOMAZIA ITALIANA È BRAVA SOLO A PRENDERE "PESC IN FACCIA" COL PAPPAGALLINO "MOGHERINI" CHE AL GIGANTE KERRY RISPONDE: ""SÌ BUANA".
    NEL FRATTEMPO L'IMPORTANTE INTERSCAMBIO COMMERCIALE RUSSIA/ITALIA VA A FARSI FOTTERE CAUSA INSULSE ED OPPORTUNISTICHE SANZIONI IMPOSTE DA U.S.A. ALLA U.E.



    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/22/accordo-kiev-mosca-su-ritiro-artiglierie_91bb97c3-c940-4ede-821e-683f97ec0d45.html


    Accordo Kiev-Mosca su ritiro artiglierie
    Progressi, ma non svolta da incontro a 4 Berlino. Monito Usa-Ue


    22 gennaio 2015 00:23

    (ANSA) - BERLINO, 22 GEN - Ucraina e Russia hanno raggiunto un accordo affinché sia le forze di Kiev sia i ribelli ritirino le armi pesanti delle zone di conflitto. Lo annuncia il ministro degli Esteri tedesco dopo un incontro con i colleghi di Mosca, Kiev e Parigi. Per Frank-Walter Steinmeier, l'intesa è tuttavia "un progresso, non una svolta". Da Washington intanto, John Kerry e Federica Mogherini, avvertono la Russia a nome di Usa e Ue che le sanzioni resteranno fino alla piena attuazione degli accordi di Minsk.

    RispondiElimina
  13. Papa Bergoglio si è chiamato fuori con la celebre frase:
    CHI SONO IO PER GIUDICARE I GAY...???
    ANCHE SE PAPA RATZINGER GLI AVEVA LASCIATO UN DOSSIER RELATIVO ALLA LOBBY PROCI IN VATICANO COLPEVOLE DI COSE ZOZZE..!!!!!!!


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/24/di-padre-madre-fratello-e-sorella-ignoti/1085647/


    24 Gennaio 2015

    Di padre, madre, fratello e sorella ignoti.

    Al Senato è stata depositata una bomba a orologeria per far saltare in aria la famiglia

    Marcello Veneziani

    Al Senato è stata depositata una bomba a orologeria per far saltare in aria la famiglia. Ma lorsignori si trastullano con l'Italicum. Si tratta del ddl della senatrice Valeria Fedeli (Pd) che vuol finanziare con 200 milioni di euro un programma di rieducazione all'ideologia gender. Il fine è adottare a scuola misure e contenuti per «eliminare stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socioculturali fondate sull'impropria “identità costretta” in ruoli già definiti dalle persone in base al sesso di appartenenza».L'impropria «identità costretta» sarebbe poi la famiglia coi ruoli «già definiti» di padre, madre, figlio, figlia. Non si chiede di riconoscere pari dignità ai transessuali, ma addirittura si chiedono milioni per eliminare dalle teste dei ragazzi l'idea della famiglia con i suoi ruoli definiti e sostituirla col gender. A questa proposta, nata nel partito di maggioranza che fa il paio con la legge Scalfarotto sull'omofobia, chi reagisce? Il movimento Pro-vita che cerca firme per una petizione, Giovanardi, e pochi altri...Se lo dici rischi di vederti censurato, come è capitato all'avvocato Simone Pillon che aveva denunciato l'osceno materiale didattico in un liceo di Perugia che con l'alibi di fare prevenzione pubblicizzava pratiche per l'eccitazione omosex come l'uso di lubrificanti anali, sex toys e dental dam. Risultato della denuncia: è stato indagato lo stesso Pillon e oscurato il sito del forum famiglia in cui è apparsa la sua denuncia ironica. E qui parliamo di super-canguri...

    COMMENTI

    gigggi

    Io mi chiedo che razza di intellettuale è il sig. veneziani difensore della famiglia quando gli pare...io sono sposato da 50 anni e sempre con la stessa donna,ho procreato come tutte le persone "normali, non condivido i matrimoni omosessuali e mi danno fastidio le ostentazioni degli omo ma facciano quello che vogliono lontano da me ...sono contro l'aborto FERMAMENTE e contro il divorzio che però gli altri possono praticare...sono di sinistra e agnostico...signor veneziani io disprezzo gli uomini che vanno con le ragazzine, che fanno festicciuole a casa propria,che sono divorziati più volte,che sono fidanzati con donne con 50 anni di meno, che si truccano come donnacce da circonvallazione nonostante la avanzatissima età...........mi trova qualche differenza morale??????????Che fate la pubblicate stavolta???????

    BIASINI

    @@ caro gigggi, ma che razza di intellettuale e lei, che non riesce nemmeno a capire il "bersaglio" di Veneziani. Che sia agnostico e di sinistra non è necessariamente un diploma di intelligenza. Anzi, nel caso specifico.....

    eloiun'ora fa

    A distruggere la famiglia, per adesso solo in pochissimi casi ci ha già pensato "telefono azzurro"

    RispondiElimina