mercoledì 7 gennaio 2015

Pescara: Carbone per la Befana alla giunta comunale, protesta di CasaPound contro il predissesto finanziario

Pescara: Carbone per la Befana alla giunta comunale, protesta di CasaPound contro il predissesto finanziario

Pescara, 7 Gennaio 2015 – Un pacco regalo, una calza di grandi dimensioni con carbone ed uno striscione che recita: "Pescara Muore... Amministratori del nulla, per voi solo carbone!" sono stati posti nella notte davanti al portone del Palazzo Comunale dal movimento CasaPound Italia, in una singolare protesta contro l'amministrazione comunale dopo l’approvazione del predissesto finanziario. “Con l’approvazione del predissesto, Pescara di fatto muore per mano della giunta comunale e della sterile opposizione in Consiglio”. Così Mirko Iacomelli, responsabile pescarese CPI, in una nota sull’azione.
“Dopo aver portato per colmare gli ammanchi di cassa le tasse al tetto massimo consentito, con TASI e TARI alle stelle, l'ultima trovata dei nostri politici è l’avvio della procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, o predissesto, un autentico colpo al cuore per qualsiasi speranza di rilancio della città. Dopo l’avvio della procedura da parte del Comune si prevedono tempi bui, poichè le tasse potranno essere solo ritoccate verso l'alto e non potranno essere ribassate per dieci anni. Le conseguenze sono pertanto prevedibili: Pescara, già sempre più povera per via della crisi, si avvierà ad una lenta morte economica”.
“Siamo stanchi –conclude Iacomelli – dei rimpalli di responsabilità sui problemi dell'amministrazione, e degli specchietti per allodole presentati dalle autorità comunali per creare l’illusione di star facendo qualcosa per la città, come concerti o progetti inutili, sempre finanziati coi soldi dei cittadini. Pescara, che si avvia ora a vivere tempi difficili, meriterebbe sicuramente ben altra classe politica di quella che oggi la governa e di quella che l'ha governata”.



9 commenti:

  1. Basta passare per le armi tutti i mafiosi politici responsabili di questo dissesto e ripristinare la Sovranità italiana al posto delle coop rosse a cui è stata delegata la gestione della COSA PUBBLICA.
    Inutile perdersi in chiacchiere e diamo fiato alle trombe della riscossa patriottica.

    RispondiElimina
  2. Mamme italiane contente per i bambini che sono in gioia per i delicati pensieri x la befana.

    RispondiElimina
  3. Mentre a Parigi quei porci islamici fanno scorrere sangue di innocenti, i mitici ragazzi di Casapound fanno scorrere lacrime di commozione per il loro nobile gesto.
    Grazie per quello che organizzate.

    RispondiElimina
  4. I soldi sono stati dirottati verso le coop rosse che assistono fintamente zingari e clandestini islamici.
    Però la maggioranza dei pescaresi subisce questo circuito corruttivo senza protestare.

    RispondiElimina
  5. In galera i politici corrotti

    RispondiElimina
  6. Una città conosciuta e piena di storia come Pescara che è la Patria di Gabriele D'Annunzio viene amministrata come fosse un Lurido Campo Rom.
    Ringraziamo sindaco e giunta comunale per questo bel regalo ai cittadini.
    Casapound grande.

    RispondiElimina
  7. http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/01/07/news/la-befana-di-casapound-una-calza-piena-di-carbone-al-comune-1.10623733


    La Befana di Casapound: calza piena di carbone al Comune

    La protesta del movimento dopo l'approvazione del pre/dissesto finanziario: "Pescara muore e le tasse non potranno essere più ribassate per i prossimi dieci anni.

    07 gennaio 2015

    La calza piena di carbone lasciata da Casapound davanti al Comune

    Un pacco regalo, una calza di grandi dimensioni con carbone ed uno striscione che recita: "Pescara Muore... Amministratori del nulla, per voi solo carbone!" sono stati posti nella notte davanti al portone del Palazzo Comunale dal movimento CasaPound Italia, in una singolare protesta contro l'amministrazione comunale dopo l’approvazione del predissesto finanziario. “Con l’approvazione del predissesto, Pescara di fatto muore per mano della giunta comunale e della sterile opposizione in Consiglio”. Così Mirko Iacomelli, responsabile pescarese CPI, in una nota sull’azione.
    “Dopo aver portato per colmare gli ammanchi di cassa le tasse al tetto massimo consentito, con Tasi e Tari alle stelle, l'ultima trovata dei nostri politici è l’avvio della procedura di riequilibrio finanziario pluriennale, o predissesto, un autentico colpo al cuore per qualsiasi speranza di rilancio della città. Dopo l’avvio della procedura da parte del Comune si prevedono tempi bui, poichè le tasse potranno essere solo ritoccate verso l'alto e non potranno essere ribassate per dieci anni. Le conseguenze sono pertanto prevedibili: Pescara, già sempre più povera per via della crisi, si avvierà ad una lenta morte economica”.
    “Siamo stanchi – conclude Iacomelli  – dei rimpalli di responsabilità sui problemi dell'amministrazione, e degli specchietti per allodole presentati dalle autorità comunali per creare l’illusione di star facendo qualcosa per la città, come concerti o progetti inutili, sempre finanziati coi soldi dei cittadini. Pescara, che si avvia ora a vivere tempi difficili, meriterebbe sicuramente ben altra classe politica di quella che oggi la governa.

    RispondiElimina
  8. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/ecco-il-video-choc-dellisis-conquisteremo-roma/1081530/


    GLI FAREMO UN CULO COSÌ A STI PEZZENTI DI MERDA

    RispondiElimina
  9. Carbone nero ai piddini amici dei maomettani terroristi e nemici dell'Italia cattolica

    RispondiElimina