martedì 27 gennaio 2015

Isernia: Manifesti funebri annuncianti la morte della città, la protesta di CasaPound contro il declino del capoluogo pentro

Isernia: Manifesti funebri annuncianti la morte della città, la protesta di CasaPound contro il declino del capoluogo pentro
Isernia, 27 Gennaio - Manifesti funebri annuncianti ‘la morte della città di Isernia’ sono stati affissi nella notte dal movimento CasaPound Italia per denunciare il grave declino della città, dovuto alla chiusura di attività economiche e alla delocalizzazione di sedi istituzionali. “I disastrosi risultati della malagestione del territorio isernino da parte dell' amministrazione comunale e regionale sono palesi e sotto gli occhi di tutti: con il trasferimento ormai imminente fuori città della facoltà di Scienze Politiche, ultimo atto di una progressiva spoliazione del capoluogo delle sedi istituzionali che ha visto episodi anche grotteschi, come il trasferimento a Campobasso della Facoltà di Beni Culturali a dispetto della presenza in città di una realtà museale di assoluta rilevanza come il Museo del Paleolitico che resta così orfano dell'istituzione cui avrebbe dovuto essere naturalmente collegato, continua per Isernia la perdita di risorse per la propria economia, già pesantemente gravata dalla crisi e dalle mancate politiche di rilancio”. Così Agostino Di Giacomo, responsabile isernino CasaPound, in una nota.
“Di fronte a questo scenario estremamente preoccupante – prosegue Di Giacomo - l’attuale classe politica non sembra essere in grado di trovare risposte, ma anzi pare sempre più distante dai cittadini e dalle loro preoccupazioni, impegnata com’è nella gestione dei continui contrasti che scuotono la maggioranza comunale isernina, sempre più spaccata e divisa. Vista la gravità del momento – conclude il responsabile CPI – sarebbe opportuno forse valutare il ritorno alle urne, così che i cittadini isernini possano conferire il proprio mandato a figure pronte a spendersi per risollevare la città dal baratro in cui sta scivolando, piuttosto che assistere giornalmente alla interminabile telenovela fatta di litigi, spaccature e momentanee riconciliazioni inscenata da chi dovrebbe governarli, mentre il futuro non sembra offrire più alcuna prospettiva che non sia ulteriore impoverimento e decadenza”.

72 commenti:

  1. http://www.primopianomolise.it/citta/27413/crisi-palazzo-san-francesco-casa-pound-vuole-il-ritorno-alle-urne/

    RispondiElimina
  2. http://www.isernianews.it/politica-attualita/36365-isernia-citta-morta-il-manifesto-funebre-di-casapound.html


    RispondiElimina
  3. http://www.isernianews.it/politica-attualita/36365-isernia-citta-morta-il-manifesto-funebre-di-casapound.html?tmpl=component&print=1

    RispondiElimina
  4. Movimento di patrioti in gamba

    RispondiElimina
  5. PURTROPPO LA CARITAS DIOCESANA ITALIANA SI È RESA RESPONSABILE A ROMA DI TRAFFICI ILLEGALI COL BUZZI MAFIOSO. NON È VERO CHE BISOGNA AIUTARE TUTTI A PRESCINDERE IN QUANTO IL 5X1000 LO PAGHIAMO NOI ITALIANI E QUINDI ABBIAMO LA PRECEDENZA NEGLI AIUTI E POI È DA FOLLI SUICIDI AIUTARE DEGLI ISLAMICI JIHADISTI TAGLIAGOLE O ZINGARI DELINQUENTI.
    MI PIACEREBBE SAPERE SE QUESTI MIRACOLI PRESUNTI SIANO INC...TE X GLI ITALIANI...!!!!!!!


    http://isernia.corriere.it/news.shtml?news=OAQ75064_AMZ_WRM1

    27 GENNAIO 2015

    Sociale: D'Alfonso, presto un incarico a don Alberto Conti
    Governatore, 'direttore Caritas Trivento fa miracoli sociali'

    (ANSA) - CAMPOBASSO, 27 GEN - Un incarico in Abruzzo per don Alberto Conti, il direttore della Caritas diocesana di Trivento (Campobasso). Ad annunciarlo è il governatore Luciano D'Alfonso che ha incontrato il sacerdote a Castelguidone (Chieti). "In quel paese - scrive su Facebook il presidente della Regione Abruzzo - ho lasciato un pezzo di cuore. Don Alberto Conti è straordinario. La prossima nomina a rilevanza sociale, di competenza della Regione lo riguarderà personalmente . Fa veri e propri miracoli sociali".

    RispondiElimina
  6. Solita faccia da KIURLO. ....ma dagli zingari cosa ti puoi aspettare? ????
    Parla di discriminazione ma dimentica che la posizione subalterna della donna all'uomo è presente nell'Islam e anche proprio nella etnia Rom dove svolgono compiti secondari.
    Solo in Italia ai rom è concesso fare quello che cazzo vogliono e sembrano intoccabili perché sanno fingere e dissimulare la loro finta povertà perché il campo zingari è il loro ufficio di lavoro e di rappresentanza e deposito di refurtiva di qualunque genere e luogo di brucia copertoni.
    Ma di cosa parla questa tipa che vive ad isernia e se è diventata una stilista deve ringraziare l'italia che le ha dato questa opportunità altrimenti stava ancora in qualche baracca o a rubare portafogli o a fare figli come un coniglio.
    Bisogna vedere se è nata rom ma comunque il 99,9% degli zingari rom /sinti/caminanti sono delinquenti per loro scelta. ...!!!!!!
    Ma ditele di tacere...!!!!!!




    http://www.intopic.it/notizia/7701066/


    È rom la stilista che spera di diventare il nuovo talento del Made in Italy

    Giovedì, 22 Gennaio 2015 

    "Siamo discriminate due volte: perché donne e perché rom". Ma Concetta Sarachella, 32 anni, ha fatto delle sue origini il suo punto di forza. Rom italiana vive a Isernia dove disegna abiti nel suo piccolo laboratorio di cucito. Ma dal Molise...........

    RispondiElimina
  7. http://voxnews.info/2015/01/27/consigliere-pd-fa-4-000-e-di-telefonate-a-spese-contribuenti/



    SONO POLITICI COME QUESTO GAGLIOFFO CHE HANNO PORTATO SUL LASTRICO GLI ITALIANI E CITTÀ GLORIOSE COME ISERNIA CREMONA TOLMEZZO ETC.ETC.ETC ETC. ..
    SAREBBE INTERESSANTE CONOSCERE I DESTINATARI DELLE CHIAMATE....?????
    OGGI RICORRE IL ""GIORNO DELLA MEMORIA" E NOI NON DIMENTICHIAMO LE RUBERIE DI QUESTI PIDDINI RECIDIVI DA 75 ANNI....MASCALZONI.!!!!

    RispondiElimina
  8. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/27/isis-entreremo-in-europa-con-migranti_f965f127-f633-4746-ba14-1051165ee593.html



    ISIS NON FA SCONTI E PUNTA ALLO SCONTRO DIRETTO CON L'EUROPA PER CUI IL MANIFESTO LISTATO A LUTTO PER ISERNIA POTREBBE ESSERE ESTESO A TUTTA ITALIA.
    VUOL DIRE CHE IN OGNI GRANDE E MEDIO COMUNE D'ITALIA ARRUOLEREMO I VALOROSI DELLE BRIGATE BLACKBLOC DEI CENTRI SOCIALI I QUALI SAPRANNO TENERE TESTA AI BELLICOSI JIHADISTI ISLAMICI. PER DIO E PER MAOMETTUCCIO......
    .COSI COME A CREMONA E RIPRENDENDO IL CONTENUTO DELLA PROTESTA SU ISERNIA POSSIAMO RALLEGRARCI DEL FATTO CHE LA POLIZIA DI HAL FANO E LE TRUPPE CAMMELLATE DI RENZI E CO. SONO VALIDISSIMO BALUARDO CONTRO I MALE INTENZIONATI COL CORANO IN MANO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chiudere i centri islamici che violano le norme"... NO chiudere i centri islamici PUNTO. Rimpatrio immediato per tutti i musulmani, non c'è nessun motivo perché debbano restare in Italia. NON parlano la nostra lingua, NON rispettano le nostre leggi, NON hanno nessuna intenzione di integrarsi con la nostra popolazione, professano una religione sanguinaria contro chi non la pensa come loro. Fuori tutti questi invasati da casa nostra.

      Elimina
    2. Sono d'accordo che bisognerebbe chiudere l'islam tutto in Italia

      Elimina
  9. Cssapound è questa ..........piena di patriottismo e ottime iniziative sociali anche di protesta civile.

    I malfattori del Dordoni e del Kavarna sono quelli che hanno messo a ferro e fuoco Cremona sabato 24 gennaio '15 dalle 15 alle 22...

    Una differenza c'è e solo chi è cieco di intelligenza non la nota.

    RispondiElimina




  10. http://www.secoloditalia.it/2015/01/campidoglio-sulle-unioni-civili-proteste-scontri-in-aula/

    Mercoledì 28 Gennaio 2015 11:12:54

    Campidoglio, sulle unioni civili proteste e scontri in aula.

    Bagarre nell’aula Giulio Cesare in Campidoglio all’annuncio della proposta di proseguire la seduta ad oltranza fino al voto della delibera sulle unioni civili. Una consigliera del Nuovo centrodestra ha portato sullo scranno della presidenza un cartello con su scritto “Maschio e femmina li creò” e un gruppo di oppositori al registro hanno tentato di entrare nell’area riservata ai consiglieri facendo a spintoni con vigili. Un gruppo di ragazzi ha scavalcato la transenna per esporre uno striscione, bloccati anche loro fisicamente dagli agenti.
    La bagarre è cominciata quando un gruppetto di tre-quattro ragazzi ha tentato di aprire uno striscione contro le unioni gay, entrando nell’emiciclo dei consiglieri. Il gruppetto è stato bloccato dai vigili e poi si è allontanato dall’aula. Nel frattempo, nei banchi del pubblico, tra urla, qualche spintone e fischi si sono fronteggiati i manifestanti pro e contro unioni civili al grido di “fascisti” da un lato e “vergogna” dall’altro. La presidente dell’Assemblea capitolina Valeria Baglio più volte ha richiamato all’ordine dicendo anche che l’aula “Non è uno stadio!”. Tre consiglieri di opposizione Mennuni (Ncd), Fabrizio Ghera (Fdi) e Dario Rossin (FI) sono andati tra i manifestanti che stavano nello spazio riservato al pubblico per esporre un cartello contro le unioni civili. Rossin ha protestato contro la conduzione dell’aula da parte della presidente Baglio: “In occasione delle proteste di alcuni attivisti contrari alla delibera, sono intervenuto per sedare gli animi ma sono stato apostrofato con il gesto del dito medio, offeso, ingiuriato e minacciato dal pubblico pro delibera presente in aula”.
    L’assemblea ha deciso di proseguire a oltranza l’esame della delibera per approvarla già oggi. Ma non è escluso che l’ok possa arrivare invece domani, anche perché il Movimento cinque stelle, tra i promotori del provvedimento, è contrario a proseguire oggi i lavori. “Non eravamo d’accordo ad andare ad oltranza, dopo un anno e mezzo di attesa si poteva votare domattina come già deciso in capigruppo – spiega Virginia Raggi,pentastellata che ha firmato la delibera -. Hanno voluto solo esasperare gli animi. Se si voterà però voteremo a favore..





    Isernia sta morendo come città economica e storica
    A Roma si vorrebbe deliberare al Comune in difformità alla Costituzione Italiana ed alla Bibbia in cui c'è scritto che le coppie civili sono composte da maschio e femmina.
    Come successo tante altre volte...... il depositario della proposta oscena anti famiglia è una consigliera comunale di M5S che si è rivelato un covo di pervertiti antitaliani schifosi.

    Se Isernia piange Roma non ride...
    Fetenti....

    RispondiElimina
  11. http://m.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/SANITA/epidurale_eterologa_gratuite_ospedali/notizie/1147986.shtml




    MANIFESTO A LUTTO OLTRE CHE AD ISERNIA ANCHE PER LA DECISIONE DELLA LORENZIN CHE PREVEDE GRATIS (A CARICO SSN) ANCHE L'ETEROLOGA CHE SAPPIAMO ESSERE IL CANALE NORMALE PER I PERVERTITI DI PROCURARSI IL "PUPO" CON CUI GIOCARE IN MODO PERVERSO TUTTA LA VITA.
    METODO LEGALIZZATO ED A CARICO DEGLI ETERO CHE SONO CONTRARI ALLA INDEGNA ETEROLOGA ANCHE PER I PROCI....!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/28/salvini-porte-aperte-a-chi-lascia-m5s_3e7a63d6-03b6-4ff0-8dde-a54ed5dc5a3b.html






    A proposito di manifesti listati a lutto io vorrei dire a Salvini che quelli di M5S sono come quei vermi dei centri sovversivi antagonisti e quindi li lasci perdere che sono come la GRAMIGNA. ...quindi da estirpare e bruciare.
    Gli ideali della Lega Nord, valgono più di qualche VOLTAGABBANA PENTASTELLATO FILO TAV.

    SI corre il rischio di dover mettere manifesti a lutto per la morte della Lega Nord.
    La Lega Nord dovrebbe far entrare tra gli eleggibili per esempio appartenenti a formazioni di DESTRA RADICALE come casapound che si ispirano ad ideali patriottici ed identitari la cui affermazione totale in Italia è l'unico antidoto contro la malattia del DEGRADO avviata 3 anni fa dal Pd supportato da Napolitano e MERKULONA.

    RispondiElimina
  13. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/28/colle-lega-e-fdi-candidiamo-feltri_b69d1cb2-a066-481b-a41b-7c94ff853c2e.html



    Per me candidati al Colle ideali sarebbero Matteo Salvini oppure Simone Di Stefano

    RispondiElimina
  14. http://www.iltempo.it/mobile/politica/2015/01/27/ex-grillini-aggrediti-rizzetto-non-raggiunge-il-nazareno-1.1372433



    Le proteste provocative di Casapound coi manifesti listati a lutto affissi per isernia sono l'occasione per stigmatizzare comportamenti consueti nella politica italiana e cioè quelli di cambiare casacca in corsa. Paradossalmente questo becero e vomitevole comportamento degli eletti al parlamento italiano è consentito dalla Legge laddove recita SENZA VINCOLO DI MANDATO.
    Infatti questa Costituzione cattocomunistoide è stata scritta in questo caso per favorire i voltagabbana oppure gli infiltrati che già in partenza si fanno eleggere in una lista ma solo per poi transitare in un'altra.
    I grillini fanno parte di una associazione a delinquere di stampo politico creata da Beppe nazionale per racimolare decine e decine di futuri piddini....

    RispondiElimina
  15. PER NON ARRIVARE A DOVER AFFIGGERE MANIFESTI LISTATI A LUTTO COME HA DOVUTO FARE CASAPOUND AD ISERNIA NELLA SLOVACCHIA CRISTIANA GIÀ PENSANO A VARARE NORME PER ARGINARE IL FENOMENO ISLAM TERRORISTA IN PATRIA.

    INVECE RENZI/FONZIE TRAMITE ""HAL FANO"" GLI ISLAMICI TERRORISTI LI IMPORTA DIRETTAMENTE PERCHE' COSÌ LI TIENE A BADA.....FURBO LUI. ..!!!!!!!!!!!!!!!

    http://voxnews.info/2015/01/28/premier-slovacco-non-permettero-immigrazione-islamica-e-moschee/


    PREMIER SLOVACCO: “NON PERMETTERÒ IMMIGRAZIONE ISLAMICA E MOSCHEE”

    GENNAIO 28, 2015

    “Dato che la Slovacchia è un paese cristiano, non possiamo tollerare un afflusso di 300 – 400.000 immigrati musulmani che vorrebbero iniziare a costruire moschee in tutto il territorio e cercando di cambiare la natura, cultura e i valori dello Stato “, ha spiegato Fico.
    Il primo ministro ha sottolineato che alcuni paesi del mondo stanno passando leggi speciali in materia di lotta contro il terrorismo islamico che danno più margine di manovra alla polizia. Ma, ha detto, “il mondo migliore di affrontare la minaccia, sarebbe avere regole differenti per ‘alcuni gruppi’ quando si tratta di privacy, telefoni o conti bancari“.
    “Quando si tratta di lotta contro il terrorismo islamico, i paesi dovrebbero passare leggi che consentono alla polizia di fare la sorveglianza sulle persone che sono considerate una potenziale minaccia per il paese“. Inutile reprimere la libertà dei cittadini colpendo nel mucchio, si reprima solo quella di un piccolo gruppo a rischio che ci minaccia: gli islamici. E’ un’opzione di una logica cristallina. Ed è più efficiente.
    “La maggior parte delle persone in questi gruppi sono nati all’estero, ma ci potrebbero essere anche persone che sono cittadini del nostro paese, che agiscono in un modo che aumenta il sospetto che in futuro potrebbero fare qualcosa di dannoso per il paese, come abbiamo visto in Europa occidentale, e dobbiamo essere preparati“.
    Fico è d’accordo con Miroslav Lajčák, il ministro degli Esteri slovacco, che “il progetto di multiculturalismo è fallito in partenza".

    RispondiElimina
  16. http://voxnews.info/2015/01/28/polizia-arresta-ex-miliare-islamico-in-sicilia/


    POLIZIA ARRESTA EX-MILITARE ISLAMICO IN SICILIA

    GENNAIO 28, 2015

    La polizia di Palermo ha effettuato una serie di perquisizioni nell’ambito dell’attività contro il terrorismo islamico.
    E’ stato arrestato un ex militare islamico di 43 anni. In casa sono state trovate munizioni da guerra e manuali di addestramento bellico. Sul cellulare aveva video e foto di cadaveri coperti da teli bianchi con scritte in arabo.
    L’islamico ha precedenti per violenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://voxnews.info/2015/01/28/lerner-chi-non-vuole-moschee-e-un-troglodita/


      LERNER:
      “CHI NON VUOLE MOSCHEE È UN TROGLODITA”

      GENNAIO 28, 2015 

      Gad Lerner soffre del tipico senso di superiorità e dell’arroganza intellettuale che hanno anche gli imbecilli. Non che lui sia imbecille, ovviamente, ha solo il loro stesso problema . Un caso fortuito.
      A lui si attaglia molto bene una frase di un comunista, uno di quelli che lo era davvero, Antonio Gramsci:

      Lo studentucolo che sa un po’ di latino e di storia, l’avvocatuzzo che è riuscito a strappare uno straccetto di laurea alla svogliatezza e al lasciar passare dei professori, crederanno di essere diversi e superiori anche al miglior operaio.










      Quell'imbecille di Lerner dà del troglodita a chi non vuole le moschee eppero' potrebbe farsene costruire una in camera da letto e non scassare le palle con le sue affermazioni deficienti. ...

      Elimina
  17. http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2015/01/28/corteo-lecce-anti-casapound-38-indagati_47e04002-f259-470a-94a5-8e2675597d9b.html


    Corteo Lecce anti-CasaPound, 38 indagati
    Chiusa l'indagine,manifestanti 'antagonisti' avevano bastoni


    28 gennaio 2015 15:22

    (ANSA) - LECCE, 28 GEN - La Digos della questura di Lecce hanno notificato un avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso dalla locale Procura, a 38 esponenti dell'area cosiddetta 'antagonista' che nel pomeriggio del 6 settembre scorso dettero vita ad una manifestazione con corteo non autorizzata in coincidenza con la 'Festa nazionale Casapound Italia'. Gli indagati sarebbero responsabili anche di aver partecipato al corteo portando bastoni di legno e indossando caschi da motociclista.
      

    RispondiElimina
  18. Ho letto su di un quotidiano che sono tutti esponenti dei gruppi Antagonisti della provincia di Lecce i responsabili dei disordini verificatisi nel capoluogo salentino il 6 settembre 2014 nell'ambito della manifestazione violenta tenuta in concomitanza con il raduno nazionale di Casapound. A loro i poliziotti della Digos, coordinati dal vicequestore Raffaele Attanasi, sono arrivati dopo un minuzioso lavoro di indagini e l'esame attento di decine di filmati, girati da varie videocamere di Lecce, nel pomeriggio in cui la città fu messa a soqquadro dal corteo anti-Casapound. Gli antifascisti in corteo e CasaPound a convegno con Borghezio. Tensione a Lecce dove alle porte della città, in una struttura ricettiva di Surbo, è in corso il raduno nazionale del movimento che ha acceso la protesta, dopo la maxi-rissa di giovedì notte tra i due gruppi opposti nel cuore della movida salentina. Circa 500 aderenti alla rete antifascista hanno bloccato la città con un corteo non autorizzato. Diverse le bombe carta lanciate dai manifestanti, alcune delle quali anche tra i passanti. I manifestanti, soprattutto giovani aderenti al centro sociale 'Binario 68', si sono radunati nei pressi di via Dalmazio Birago, dove si trova la sede del centro, per poi proseguire verso Porta Napoli dove era posizionato il primo blocco delle forze di polizia. Durante il passaggio sono state lanciate le prime bombe carta, i 'cipollotti' da stadio, e i responsabili potrebbero essere presunti componenti della frangia anarchica, arrivati numerosi anche da fuori provincia e rimasti nelle retrovie del corteo col volto coperto, soprattutto con caschi, muniti di una mazza tra le mani. Duecento gli uomini delle forze dell'ordine in strada a presidiare il transito. Al raduno nazionale di CasaPound ha preso parte anche Mario Borghezio, l'europarlamentare della Lega, la cui partecipazione, insieme a quella del consigliere regionale di Forza Italia, Saverio Congedo, era stata apprezzata dalla gente normale.
     Trentotto sono gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari, firmati dal procuratore aggiunto Antonio De Donno, nei quali si contestano i reati di manifestazione non autorizzata, minacce a pubblico ufficiale, porto abusivo di bastoni di legno in luogo pubblico, uso di mezzi idonei a non farsi riconoscere, accensioni pericolose di fumogeni e petardi. Nello stesso provvedimento, i trentotto indagati vengono ritenuti responsabili anche di quanto accaduto il pomeriggio del 25 aprile in Piazza Partigiani, quando nel corso di una manifestazione un gruppo di facinorosi diede vita a un accesa contestazione verso le forze dell'ordine. 
    E se l'episodio della Festa della Liberazione restò circoscritto a una zona precisa della città, diversamente andò il 6 settembre, quando il corteo antifascista si snodò per molte vie del centro, gettando lo scompiglio tra cittadini e turisti. Molti furono, infatti, i cassonetti incendiati, le scritte vergate sui muri con le bombolette spray, le bombe carta lanciate da individui con i volti coperti da caschi e sciarpe. Persino gli insulti e le minacce ai giornalisti, colpevoli di aver cercato di raccontare quel pomeriggio di follia. A far scattare la manifestazione fu la scelta di tenere in Salento il raduno nazionale di Casapound, al quel parteciparono esponenti di primo piano della destra a livello nazionale e che, per ragioni di sicurezza, si tenne in un agriturismo di Surbo, blindato dalle forze dell'ordine.

    RispondiElimina
  19. http://m.lecceprima.it/cronaca/trentotto-gli-indagati-per-il-corteo-contro-il-raduno-nazionale-nel-salento-di-casapound.html




    Articolo da leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che si beccano una lezione coi fiocchi..

      Elimina
  20. Minniti è un piddino che forse beve come il sindaco di Bolzano e dice cagate per giustificare l'immigrazionismo per far fare affari alle coop rosse alla Buzzi ma nel frattempo noi comuni mortali ci troviamo tra le palle migliaia di criminali.



    http://voxnews.info/2015/01/28/lultima-del-governo-mare-nostrum-e-deterrente-a-terrorismo/

    RispondiElimina
  21. http://www.secoloditalia.it/2015/01/insegnante-che-toglie-i-crocifissi-insiste-e-rischia-un-altro-procedimento/


    Mercoledì 28 Gennaio 2015 22:51:12

    L’insegnante che toglie i crocifissi insiste e rischia un altro procedimento.

    Ha perso il pelo ma non il vizio. Un procedimento disciplinare non gli è bastato. Ora Franco Coppoli, il professore di Terni già sospeso dall’insegnamento per un mese dopo aver rimosso, nel 2008, il Crocifisso da un’aula dell’istituto professionale Casagrande in cui insegnava, rischia un nuovo procedimento disciplinare: stavolta gli stessi fatti gli vengono contestati nella scuola in cui presta servizio attualmente, l’istituto tecnico industriale e geometri Allievi-Da Sangallo.

    L’Ufficio scolastico regionale per l’Umbria ha quindi convocato il docente per il 5 febbraio prossimo per il contraddittorio in sua difesa. A renderlo noto è l’Unione degli atei e degli agnostici razionalistici, che garantirà a Coppoli assistenza legale. Al professore, in particolare, viene contestato di aver divelto dalla pareti di quattro aule in cui fa lezione i Crocifissi, provocando danni alle pareti stesse durante la rimozione delle viti. Il 15 ottobre scorso la Corte d’appello di Perugia aveva respinto il ricorso presentato dal docente contro la sentenza con la quale il tribunale di Terni, nel marzo 2013, aveva ritenuto insussistente la discriminazione denunciata da Coppoli e legittima la sospensione di trenta giorni inflittagli per aver rimosso il Crocifisso, nonostante il parere contrario dell’assemblea di classe e del dirigente scolastico, dalle aule dell’Istituto professionale dove all’epoca prestava servizio.





    Isernia soffre ma l'Umbria piange ancora di più per i tanti cavalli di TROIA che si danno da fare per scassare ritenendo il loro posto di lavoro pubblico come fosse casa propria. Meno male che a Berlino c'è un giudice che condanna questi escrementi intellettualoidi, dei gaglioffi che andrebbero cacciati via dalla scuola dove sono indegnamente sopportati.

    RispondiElimina
  22. http://www.secoloditalia.it/2015/01/grillo-sognava-mussolini-duce-avrebbe-fatto-tuttaltro/


    Grillo paragonato al Duce è il colmo e Mussolini si starà facendosi delle risate a crepapelle.
    Grillo è un giullare che si è lanciato in politica per fare soldi come ormai appare evidente.
    Mussolini aveva un altissimo senso dello Stato e fino all'ultimo combatte' contro tutto e contro tutti perché non era un vigliacco e nemmeno un saltimbanco e in 20 anni riuscì a creare un modello di stato sociale che resiste ancora all'usura del tempo. Grillo è un analfabeta di politica attiva logorroico bravo solo a fare il comico e rimango allibito che milioni di italiani gli abbiano dato e gli danno tuttora le chiavi di casa. Stupidamente..

    RispondiElimina
  23. Ho letto su internet che papa Francesco avrebbe ricevuto a santa Marta una coppia di un transessuale con la campagna di cui non ho saputo il sesso.
    Considerato che tempo fa disse che non era in condizione di giudicare i gay devo ritenere che la involuzione della chiesa cattolica procede al galoppo e fa il paio con l'islam che invece procede nella sua intolleranza e nella sua immodifica dal 600 d.c.
    A quando il primo matrimonio contro natura in chiesa?
    Allora si che il cattolicesimo avrà fatto harakiri.

    RispondiElimina
  24. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/28/obbligo-di-referendum-per-costruire-una-moschea/1086639/


    OTTIMA INIZIATIVA DELLA LEGA LE CUI BATTAGLIE SONO COME QUELLE DI CASAPOUND INDIRIZZATE AL BENE DEGLI ITALIANI..

    RispondiElimina
  25. http://m.romatoday.it/cronaca/rapina-casa-moglie-senatore-macaluso.html




    Equa distribuzione della ricchezza. .??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di sì. ...
      Adesso questi comunisti avranno assaggiato il gusto della visita non gradita. Questa è la conseguenza di una politica dissennata di ultrabuonismo nei confronti di CAINO il quale è daltonico e pesca nel mucchio quando deve fare una carognata ad ABELE. Mi auguro che tutti i sinistronzi abbiano il piacere di una visita poco cristiana e valutino prima di fare cojonate

      Elimina
  26. http://voxnews.info/2015/01/29/tsipras-e-gia-in-ginocchio-a-bruxelles/






    CHE VERMI QUESTI DI SYRIZA IN GRECIA VISTO CHE HANNO TIRATO UNA ""SOLA"" . TRADITORI DEL VOTO POPOLARE..!!!!
    ADESSO SARANNO ACCONTENTATI E AVRANNO UNA FORTE DILAZIONE NEL DEBITO PUBBLICO E IL POPOLO GRECO LA PRENDERA' NUOVAMENTE E DOPPIAMENTE NEL SEDERE.
    UNA SERPE È SEMPRE PERICOLOSA E MERITA LA TESTA SCHIACCIATA.
    SONO MERAVIGLIATO DI ""ANEL"" PARTITO DEI GRECI INDIPENDENTI DICHIARATAMENTE ANTIMMIGRAZIONE E PERTANTO MI SEMBRA STRANO CHE POSSANO DEROGARE A QUESTO PRINCIPIO COSTITUTIVO ED IDENTITARIO ED APPROVARE LO ''IUS SOLI'' IN GRECIA.
    MOLTI AVEVANO POSTATO SU QUESTO BLOG LA STRANEZZA DELL'ALLEANZA TRA DESTRA E SINISTRA.
    IO HO PAURA CHE UNA VOLTA OTTENUTA LA FIDUCIA IN PARLAMENTO SUCCESSIVAMENTE TSIPRAS ESEGUA UN VOLTAFACCIA SE KAMMENOS DOVESSE RIPENSARCI E PROBABILMENTE TROVEREBBE DEI VOLTAGABBANA PRONTI A RENDERSI DISPONIBILI PER UNA POLTRONA MINISTERIALE E COSÌ IL CAPO DELLO STATO GRECO NON AVREBBE NULLA DA OBIETTARE IN UN FUTURO RIMPASTO. MI PARE CHE LA POLITICA GRECA NON SIA MOLTO LONTANA DA QUELLA ITALIANA E CIOÈ E' FATTA DA PEZZENTI PRONTI SUBITO A VENDERSI MADRE E DIGNITÀ PER LA CADREGA.

    RispondiElimina
  27. http://voxnews.info/2015/01/29/apartheid-alimentare-a-dubai-casse-separate-per-gli-infedeli/




    TRA POCO IN EUROPA SARÀ LO STESSO. ......

    VI RICORDATE LO SCHIFO CHE PROVANO QUESTI STRONZI DI ISLAMICI PER IL NOSTRO CROCIFISSO O PER LA CARNE DI MAIALE O PER IL CANE O DEL NATALE CRISTIANO...????
    HALAL SIGNIFICA ""CONFORME"" AL CORANO E GLI INFEDELI SONO DA TENERE LONTANO DAI MUSSULMANI IN QUANTO CONTAMINATI.
    NEL 2010 IL GOVERNO BERLUSCONI CON MARONI MINISTRO DELL'INTERNO STIPULO' DEGLI ACCORDI COMMERCIALI COI PAESI ARABI SU QUESTA MATERIA E QATAR-DUBAI-EMIRATI ARABI UNITI SI IMPEGNARONO AD ACCOGLIERE NEI LORO TERRITORI AZIENDE ITALIANE OPPURE A INVESTIRE IN AZIENDE IN TERRITORIO ITALIANO PURCHE' TUTTE RISPETTOSE DELLE REGOLE ''HALAL''.
    COME DIRE SE CI METTIAMO A PECORINA E STRACCIAMO LA NOSTRA STORIA E LE NOSTRE ORIGINI PUÒ DARSI CHE UNA MANCETTA LA RIMEDIAMO DA QUESTI ""MALEDETTI BEDUINI ISLAMICI"" CHE CE SE VOGLIONO INCHIAPPETTARE..........
    LI MORTACCI LORO E DI QUESTI POLITICI NOSTRI CULATTONI.....!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/29/il-sindacato-di-polizia-caro-alfano-aspetti-i-morti-per-dare-sicurezza-allitalia/1087156/


    Ministro italiano oppure marziani? ??

    RispondiElimina
  29. http://tuttoggi.info/botta-e-risposta-prc-casapond-nulli-parole-diffamanti-e-fuori-luogo/254788/




    JE SUIS AVEC ANDREA NULLI


    RispondiElimina
  30. http://tuttoggi.info/botta-e-risposta-prc-casapond-nulli-parole-diffamanti-e-fuori-luogo/254788/




    BOTTA E RISPOSTA PRC-CASAPOUND

    NULLI, “PAROLE DIFFAMANTI E FUORI LUOGO”

    Il responsabile regionale Cpi risponde alle dichiarazioni dei circoli altotiberini contrari alla manifestazione di sabato 31 gennaio, "Ci vediamo in tribunale".

    29 GENNAIO 2015

    “Abbiamo letto con stupore il comunicato rilasciato dai circoli di Rifondazione Comunista dell’Altotevere sulla manifestazione che CasaPound ha in programma per il 31 gennaio in piazza Matteotti: chi diffama il nostro movimento ne risponderà in tribunale”. Queste le parole del responsabile regionale Cpi Andrea Nulli che, in riferimento alle recenti dichiarazioni del Prc, ha poi dichiarato: “Un comunicato intriso dei soliti luoghi comuni e di parole forti nei confronti del nostro movimento, di accostamenti improbabili  tra la nostra iniziativa, che verte su problemi odierni, e fatti storici lontani che nulla hanno a che vedere col nostro operato”.
    Nulli ha anche voluto ricordare che, solo pochi giorni fa, i militanti del Prc si trovavano in piazza per difendere la libertà di satira ed opinione mentre oggi vorrebbero vietare una semplice manifestazione di un movimento politico “legalmente riconosciuto“, che non ha mai creato problemi di ordine pubblico, “né sfasciato vetrine, distrutto auto e negozi o assaltato caserme della Polizia municipale, come invece hanno fatto i bravi ragazzi dei centri sociali a Cremona durante la loro pacifica manifestazione anti-fascista”. In riferimento a quest’ultimo episodio Nulli aggiunge: “Magari sarebbero proprio quelle le manifestazioni da vietare, quelle in cui si distrugge una città in nome dell’intolleranza verso il pensiero politico altrui, fomentando odio sulla base di eventi che solo gli enti preposti potranno giudicare ed eventualmente condannare, non di certo un manipolo di finti tolleranti attraverso giustizia sommaria”.
    Nulli ha quindi confermato la presenza di Casapound in Piazza Matteotti per sabato 31 gennaio, che manifesterà “in modo del tutto pacifico” parlando con la gente, “quella stessa gente in difficoltà che si rivolge a CasaPound per avere un qualsiasi aiuto, aiuto che non riescono ad ottenere proprio da coloro che vorrebbero che fosse vietata la nostra presenza in piazza”. “Sarebbe il caso che certa gente – conclude il responsabile regionale Cpi - dalla calunnia facile si concentrasse di più sul proprio operato, e stesse attenta alle parole che usa. I nostri avvocati di sicuro glielo ricorderanno in modo indelebile”.

     

    RispondiElimina
  31. http://www.vignaclarablog.it/2015013031795/cassia-salta-sit-in-casapoundquestura-promette-rapido-intervento/

    Cassia: salta il sit-in di Casapound, la Questura promette rapido intervento

    Francesco Cianfarani.

    30-Gennaio-2015  9:15

    Di solito si ottiene qualcosa manifestando, stavolta è successo il contrario. Proprio così, la questura, evidentemente preoccupata dal presidio di Casapound che giovedì 29 gennaio doveva tenersi davanti al palazzone abbandonato ma occupato in via Cassia 1134, ha promesso prima del sit-in di risolvere la questione in tempi stretti a condizione che il presidio fosse annullato.
    E così la manifestazione, con la quale alcuni residenti e gli attivisti di CPI erano pronto a battersi per lo sgombero dell’ormai noto comprensorio occupato di via Cassia ribattezato “la casa degli orrori” (vuoi vederne gli interni? clicca qui), non si è tenuta; gli occupanti che hanno reso l’ex residenza per i ferrovieri una struttura degradata e fatiscente, gli stessi di cui gli abitanti della zona si augurano l’allontanamento, sono rimasti lì. Ma ancora per poco.
    Niente manifestazione ma pare che la soluzione sia vicina. Andrea Antonini, vicepresidente CPI Italia, ha però tenuto a precisare: “Ci voleva CasaPound per far arrivare le forze dell’ordine all’insediamento abusivo di via Cassia 1134, da tempo diventato rifugio di nomadi e sbandati di ogni genere nella completa inerzia del Municipio XV. Un insediamento che non aveva mai visto un tale schieramento di polizia, evidentemente sul posto più per la preoccupazione di una manifestazione di CasaPound Italia che non per allontanare gli occupanti dello stabile.”
    “Un risultato però lo abbiamo ottenuto - sostiene Antonini - le forze dell’ordine sono infatti entrate nello stabile e hanno preso contezza del numero degli occupanti. Ci è stato detto che la situazione verrà risolta a stretto giro e che l’immobile verrà presto messo in sicurezza. Un impegno sul quale assicuriamo fin d’ora che vigileremo, pronti a tornare in piazza anche senza autorizzazione per evitare un’occupazione di massa del nostro quartiere, che, ribadiamo, non potrebbe essere tollerata”.
    In effetti la situazione in via Cassia era da stato di assedio, con le forze di polizia dispiegate praticamente per un nulla di fatto. Questo a testimoniare quanta preoccupazione ci fosse per il presidio nonostante l’accordo raggiunto in extremis. E invece è filato tutto liscio, c’erano solo una ventina di persone tra militanti CPI e residenti.
    Preoccupati per la situazione lo sono stati molto di più gli occupanti di via Cassia 1134. Infatti, probabilmente al corrente della manifestazione, già nelle prime ore del pomeriggio si erano rifugiati in un vecchio casale ubicato nell’adiacente via Barbarano. In ogni caso anche lì nessuna tensione. Adesso si aspetta solo di conoscere le prossime mosse della Questura

    RispondiElimina
  32. NON HO MAI VISTO TANTA ATTENZIONE AL BELLO



    http://www.loschermo.it/articoli/view/69438

    Anche a Lucca "La Foresta che Avanza", il gruppo ecologista di CasaPound

    29-01-2015 

    LUCCA, 29 gennaio - Nasce anche a Lucca "La Foresta Che Avanza", il gruppo ecologista di CasaPound Italia. La prima iniziativa di presentazione sarà un apericena di raccolta fondi per gli animali del canile, che si svolgerà domenica 1 febbraio nei locali de "L'Artiglio". 
    "Dopo numerose iniziative svolte in diverse parti d'Italia - dichiara Davide D'Antraccoli, responsabile della FCA - abbiamo deciso di portare avanti anche a Lucca le battaglie ecologiste, ambientaliste ed animaliste della Foresta Che Avanza. Un gruppo organico a CasaPound Italia ma che si muove in modo specifico per la salvaguardia dell'ambiente e per la tutela degli animali. Lotta alla cementificazione selvaggia e in favore della concezione città-giardino; contro la vivisezione e lo sfruttamento degli animali nei circhi e iniziative concrete a favore degli animali. Questo ciò che contraddistingue la FCA. Quello che sosteniamo è un regime della natura, lontano dalle chiacchiere o dai manifesti new age e più vicino ad un'ottica dell'azione concreta.
    Come prima iniziativa abbiamo cominciato sabato scorso la raccolta di materiale davanti ai supermercati (cibo, guinzagli, ciotole, coperte ecc.) - spiega D'Antraccoli - da donare al Canile di Pontetetto e ad un'altra associazione. Iniziativa che ha riscontrato un ottimo successo con un buon quantitativo di beni raccolti, e che continueremo nelle prossime settimane. Sempre col medesimo scopo, domenica 01 febbraio invitiamo i cittadini interessati alla prima apericena di presentazione e raccolta fondi che faremo presso L'Artiglio, la nostra sede. Sarà possibile lasciare un contributo-donazione e portare materiale per cani e gatti. L'appuntamento è per le 19:30 in via Michele Rosi 76. Per info
    laforestacheavanzalucca@gmail.com".3442717107


     

    Commenti

    29-01-2015 / JHONNY
    Bella iniziativa, sabato vi ho visti fuori dal carrefour, bravi!

    30-01-2015 / FABRIZIO
    una iniziativa concreta e positiva

    30-01-2015 / CITTADINO LUCCHESE
    Bravi, vi voto

    30-01-2015 / STEFANO
    Ottima iniziativa alla quale parteciperò volentieri.

    RispondiElimina
  33. DOPO TRE ARRESTI PER SPACCIO DI DROGA IL MAROCCHINO VIENE CONDANNATO AD UNA PENA LIEVE SCARCERATO E NON ESPULSO DALL'ITALIA.
    TANTO VALE LEGALIZZARE QUESTA ATTIVITA' E DARGLI LA LICENZA. ...VI PARE. .??????


    http://www.loschermo.it/articoli/view/69473

    Sorpreso nuovamente a spacciare cocaina: arrestato, patteggia la condanna.

    30-01-2015 

    VIAREGGIO (Lucca), 30 gennaio - Sorpreso a vendere una dose di cocaina ad un viareggino 32enne, di professione operaio, in un vicino cantiere navale, in cambio di 60 euro. La narcotici è quindi intervenuta e ha tratto in arresto per il reato di spaccio di stupefacenti Karim Hanouni, marocchino del 1991 dimorante a Viareggio.
    Dopo un accenno di fuga il marocchino è stato ammanettato e, a seguito di perquisizione personale, trovato in possesso di altri 160 euro, sequestrati, ritenuti provento di spaccio. Hanouni, sentito il PM di turno, ha trascorso la notte nelle celle di sicurezza della Questura e stamani, al processo per direttissima, ha patteggiato la condanna ad 1 anno e 6 mesi di reclusione e mille e 400 euro di multa; è stato scarcerato con obbligo di presentazione giornaliera al commissariato di Viareggio.
    Il marocchino era già stato tratto in arresto per analoghi reati nel febbraio scorso a Lido di Camaiore e lo scorso mese di luglio a Viareggio.

    RispondiElimina
  34. http://www.lanciano24.it/?p=9594

    venerdì, 30 gennaio  2015


    Lanciano, CasaPound raccoglie indumenti per le famiglie in difficoltà.

    LANCIANO. Torna per la terza volta l’iniziativa di solidarietà di Casa Pound per la raccolta di vestiario per le famiglie in difficoltà. “Grazie all’ennesima risposta positiva da parte dei cittadini di Lanciano, entusiasti delle nostre iniziative, e resasi con la propria generosità ampiamente disponibile per la raccolta di una significativa quantità di aiuti – interviene in una nota Nico Barone, responsabile di Casa Pound Lanciano – abbiamo scelto di ripartire ancora una volta con questa iniziativa di solidarietà, visto che più di duemila famiglie di Lanciano sono assistite dalla Caritas.  Invitiamo quanti volessero contribuire a venire nella nostra sede di via Cavour 1, dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 18, portando vestiario di ogni genere, o in alternativa a telefonare al numero 3893450059 per concordare altre modalità di donazione. Sarà nostra cura occuparci di raccogliere le donazioni e provvedere alla distribuzione del materiale raccolto alle famiglie lancianesi in difficoltà”-
    “Come unico movimento frentano costantemente attivo sul piano sociale (la donazione di abiti, va ad aggiungersi agli altri progetti attivati dall’associazione di promozione sociale, il doposcuola gratuito, il servizio di assistenza nella ricerca di un impiego, il progetto “nemica banca” e il consulente del lavoro), ed unico centro di aggregazione giovanile realmente attivo a difesa della propria città e della propria gente – conclude il responsabile cittadino CPI – siamo certi di riuscire nuovamente a fornire un sostegno concreto ai tanti nuclei familiari che stentano ad arrivare a fine mese, in ragione di una crisi economica che attanaglia la nostra terra così come tutta l’Italia, una crisi che la nostra associazione mira a combattere con risposte concrete, e il prosieguo di iniziative come questa ne sono la testimonianza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nico Barone perché il tuo impegno responsabile è un ottimo viatico nella attività giornaliera di ciascuno di noi.

      Elimina
  35. http://www.h24notizie.com/2015/01/partita-consegna-dei-beni-prima-necessita-casapound-italia/

    Partita la consegna dei beni di prima necessità di CasaPound Italia

    29 gennaio 2015

    Con il nuovo anno è partita ufficialmente la consegna dei beni di prima necessità raccolti nelle ultime settimane da CasaPound Italia Sud Pontino. Gli attivisti dell’associazione di promozione sociale hanno consegnato numerosi pacchi contenenti pasta, farina, zucchero e scatolame a diverse famiglie del territorio basso laziale colpite dalla crisi.
    “La crisi che da ormai diversi anni sta lacerando il tessuto sociale della nostra nazione – afferma Mauro Pecchia, coordinatore di Cpi Sud Pontino – non sembra arrestarsi, al contrario di quello che dice il nostro Premier, non eletto dal popolo, Matteo Renzi. Il tasso di disoccupazione – continua Pecchia – ha raggiunto percentuali da record e il nostro governo vive di proclami e false promesse”.
    Gli attivisti di CasaPound Italia da quasi dieci anni sono impegnati nel Sud Pontino per difendere i diritti dei cittadini più deboli. L’obbiettivo principale del movimento politico è stato da sempre quello di sensibilizzare i giovani alla partecipazione nel campo della solidarietà, della cultura e della politica vera e propria.
    “Abbiamo deciso, spinti dalla voglia di contribuire concretamente al soccorso delle fasce più deboli della nostra società, di aprire un centro di raccolta alimentare nella nostra sede locale La Trincea, sita in Via Di Vittorio (SNC) a Formia. Il centro raccolta – prosegue Mauro Pecchia – diventerà da oggi in poi un punto di riferimento per tutte le famiglie italiane bisognose di aiuto. Chiunque abbia bisogno – conclude Pecchia – può contattarci al nostro indirizzo mail (cpisudpontino@live.it) o al numero di telefono 3924764580

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Mauro che si distingue per la sua abnegazione tipica di CPI.

      Elimina

  36. IL SONDAGGIO POSITIVO SU MARIE LE PEN E IL BUON LAVORO DI CASAPOUND TUTTI I GIORNI OVUNQUE IN ITALIA MI FANNO STARE BENE E MI INFONDONO LA SPERANZA DI UN FUTURO MIGLIORE IN ITALIA.




    http://voxnews.info/2015/01/30/effetto-charlie-le-pen-in-testa-con-il-31-dei-voti/






    RispondiElimina
  37. www.lombardiaquotidiano.com

    venerdì 30 gennaio 2015 22:42

    Via libera con i voti favorevoli dei gruppi di maggioranza (contrari PD, Patto Civico e Movimento 5 Stelle) al provvedimento che modifica la legge regionale urbanistica n°12 in relazione alla pianificazione dei luoghi di culto religiosi. Prima dell’avvio della discussione generale, sono state respinte una questione pregiudiziale illustrata da Roberto Bruni (Patto Civico) e una richiesta di sospensiva presentata da Eugenio Casalino 
    (M5Stelle): altre due questioni pregiudiziali sono invece decadute in seguito a emendamenti presentati dal relatore Roberto Anelli (Lega Nord).
    Rispetto al testo approvato in Commissione Territorio, in seguito a tre distinti emendamenti 
    presentati dal relatore Anelli e dall’Assessore 
    Viviana Beccalossi, è stata reintrodotta “la facoltà per i Comuni di indire referendum nel rispetto delle previsioni statutarie e dell’ordinamento statale”; le nuove realizzazioni di culto dovranno avere congruità non solo architettonica ma anche 
    dimensionale con le caratteristiche del paesaggio lombardo così come individuate nei Piani Territoriali Regionali; per consentire ai Comuni la corretta applicazione delle disposizioni di questa legge, viene istituita e nominata con provvedimento di Giunta regionale una Consulta regionale per il rilascio di parere preventivo e obbligatorio. Infine viene precisato che le nuove disposizioni approvate per la realizzazione di edifici di culto si applicano non solo agli Enti delle altre confessioni religiose che hanno stipulato un’intesa con lo Stato, ma anche a quelle confessioni religiose che abbiano presenza diffusa, organizzata e consistente a livello territoriale e un significativo insediamento nell’ambito del Comune interessato e i cui statuti esprimono chiaramente “il carattere religioso delle loro finalità istituzionali nel rispetto dei principi e dei valori della Costituzione”.Altri requisiti richiesti sono l’installazione esterna di telecamere direttamente collegate con la Questura, la presenza di strade di collegamento e opere di urbanizzazione primaria adeguate, la presenza di aree destinate a parcheggio in misura almeno doppia rispetto alla superficie del pavimento dell’edificio di culto, distanze adeguate tra i diversi luoghi di culto e l’obbligo preventivo per i Comuni di procedere alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS). La legge che introduce nuove regole per la pianificazione dei luoghi di culto è composta di soli 4 articoli: nel testo vengono inseriti specifici requisiti e standard di qualità urbana per le aree da destinare a tali realizzazioni e viene introdotta anche la previsione di una adeguata distanza da altri luoghi di culto già esistenti, la cui entità e misura dovrà essere definita da apposito Regolamento successivo di competenza della Giunta regionale.
    Nel corso del dibattito e in sede di dichiarazione di voto sono intervenuti i consiglieri Carlo Malvezzi (NCD), Jacopo Scandella (PD), Fabio Rolfi (Lega Nord), Fabio Pizzul (PD), Giulio Gallera (FI), Lucia Castellano (Patto Civico), Massimiliano Romeo (Lega Nord), Riccardo De Corato (Fratelli d’Italia), Eugenio Casalino (M5S), Agostino Alloni (PD),  Lino Fossati (Lista Maroni), Stefano Bruno Galli(Lista Maroni), Roberto Bruni (Patto Civico), Mauro Piazza (NCD), Fabio Altitonante (FI), Enrico Brambilla (PD), Federico Lena e l’assessore Viviana Beccalossi.
    La seduta ha registrato 43 voti a favore e 27 contro.









    ANCHE IN REGIONE LOMBARDIA C'È CHI NON SI ARRENDE E LO RIPETONO SEMPRE I MILITANTI DI CASAPOUND QUANDO SCENDONO IN PIAZZA PER DIFENDERE LA PATRIA DAL DEGRADO VOLUTO DA PD SEL M5S. .

    RispondiElimina
  38. http://www.secoloditalia.it/2015/01/mattarella-ecco-tutti-gli-scheletri-nel-suo-armadio/


    Sabato 31 Gennaio 2015 13:44:10

    E dagli archivi del recente passato spuntano gli scheletri nell’armadio di Sergio Mattarella, il favorito del centrosinistra per la corsa al Quirinale
     beatificato da un endorsement di parte che ieri, tra santificazioni mediatiche di parte e più che benevoli dichiarazioni istituzionali, ha avuto la sua summa nella benedizione impartita dal suo fresco predecessore, Giorgio Napolitano. Peccato che le “fazioni” di parte abbiano la memoria corta: così, a rinfrescarla provvedono soprattutto Il Tempo e 
    Libero, che in due diversi ritratti a tinte fosche sul candidato del Pd al Colle, rievocano scomodi episodi relativi all’uomo politico: dallo sbianchettamento sospetto di bozze relative aldossier Mitrokhin, fino a quelle “relazioni pericolose” intrecciate dal fratello meno noto di Sergio Mattarella, Antonino.Tutte inchieste che macchiarono il blasone politico di famiglia e chissà perché tempestivamente dimenticate. Ricordi non funzionali chiusi fuori dalla porta del nostro recente passato parlamentare, e che oggi rientrano dalla finestra dell’attualità: zone d’ombra .Sempre in tema di scandali passati il quotidiano ricostruisce come a «macchiare l’immagine di Sergio invece c’è la confessione di aver accettato, alla vigilia delle Politiche del 1992, un contributo elettorale di tre milioni di lire – sotto forma di buoni benzina – dall’imprenditore agrigentino Filippo Salamone, noto in Sicilia per essere vicino a Cosa Nostra».Venendo a questioni più strettamente parlamentari, invece, Il Tempo rispolvera i fasti e le nefandezze dei tempi della commissione Mitrokhin. Il sospetto su quella che Napolitano, pesantemente in campo anche ora che è ufficialmente in panchina, ha sponsorizzato fino a poche ore come «persona di assoluta lealtà, correttezza, coerenza democratica e alta sensibilità costituzionale», risalgono sempre alla fine degli Anni Novanta, esattamente al 1999 e riguardano, appunto, il famoso dossier Mitrokhin, il noto archivio che prende il nome da un ex funzionario dei servizi sovietici contenente le attività illecite del Kgb in Italia. All’epoca dei fatti che il quotidiano romano rivisita, Sergio Mattarella era vicepresidente del Consiglio dei Ministri con premier l’ex comunista
     Massimo D’Alema, con delega ai servizi segreti. Nel Paese irrompe la notizia dell’esistenza di documenti dirompenti. «E per far luce su quando i vertici di quel governo seppero del dossier – ricostruisce Il Tempo –  sul perché non fu informata per tempo la magistratura italiana, sul chi e come «corresse» le bozze del libro su quell’archivio e sul perché si fece in modo che l’archivista Mitrokhin non venne ascoltato dal Sismi, venne istituita, qualche anno dopo, una commissione d’inchiesta parlamentare 
    presieduta dal senatore Paolo Guzzanti. E fra le molte persone sentite ci fu anche Mattarella». Il quale, tra contraddizioni, smentite e sbalzi temporali, in diverse audizioni sostenute di fronte alla commissione, come ricostruisce il quotidiano romano replicò in maniera poco convincente con argomenti che tamponarono sul momento, ma non chiusero la falla dei tanti interrogativi a lungo rimasti senza risposta. La sentenza definitiva sul giallo dello sbianchettamento, poi, l’avrebbe pronunciata anni dopo, nel 2004, un altro illustre presidente della Repubblica, il picconatore Francesco Cossiga che, suldossier Mitrokhin disse, come riportato in chiusura dal quotidiano di piazza Colonna: «Chi è stato? I servizi segreti. Su ordine di chi? Il più adatto, ovvio, era Sergio Mattarella.

    RispondiElimina
  39. Dopo un doppio mandato di un presidente comunista ci tocca ingoiare il rospo di un presidente cattolico transitato e fagocitato all'epoca dal PDS/Ds/PD e tutto questo col beneplacido dei traditori del l'ex Cdx appecorinati per interesse personale ben consci di tradire un mandato elettorale uscito dalle urne. Ma pare che Giuda Iscariota abbia avuto e abbia tuttora tanti degni eredi che la propria dignità la stanno calpestando senza remore ed in compenso ottengono benefici politici mentre il popolo elettore la prende in quel posto . elettori etero sessuali costretti alla sodomia politica da venduti al malaffare mafioso/politico spacciato per BENE NAZIONALE.

    RispondiElimina
  40. Vedere tg Com 24 della famiglia Berlusconi che tesse gli elogi della politica piddina fa venire l'orticaria. Capisco che il popolino piddino è numeroso ed è quello che spende in gossip e pubblicità ed in demagogia però c'è un limite a tutto e questo limite è stato abbondantemente superato e giornalmente questa emittente tv ci propina un lavaggio del cervello pro/Pd fregandosene volutamente e stranamente di quelli che sono gli ideali di DESTRA come se il Cdx fosse fatto di cartapesta ...!!!!!!!!!!!!!

    Viva casapound

    RispondiElimina
  41. NELLA TV DI STATO NON HANNO CITATO LE COOP


    http://www.secoloditalia.it/2015/01/coop-rosse-ndrangheta-guai-in-vista-per-sinistra/


    Sabato 31 Gennaio 2015 14:16:15

     
    Coop rosse e ‘ndrangheta: l’ombra delle gare pilotate


     31/01/2015


    Sinistra e ‘ndrangheta: c’è l’ombra delle coop rosse emiliane nell’inchiesta che ha portato ai 117 arresti della Dda di Bologna. Come scrive Libero, nelle intercettazioni gli arrestati discutono dei rapporti di affari fra la criminalità calabrese e le aziende emiliane.  Su questo filone di indagine non sono stati emessi provvedimenti restrittivi  e si dovranno attendere gli interrogatori per capire  se ci saranno ulteriori sviluppi.Decisive le intercettazioni telefoniche.Libero nell’articolo “Le ombre rosse delle coop nell’inchiesta sulla’ndrangheta” riporta alcuni stralci di intercettazioni. Tra le conversazioni di maggior rilievo c’è quella del crotonese Michele Colacino, autotrasportatore, accusato di associazione di stampo mafioso, che era stato già stato raggiunto da una misura  antiscosche quando, attraverso Transcoop, aveva ottenuto appalti dalla municipalizzata dei servizi Iren, ex Enia. Colacino fa riferimento ai tempi in cui la multiutility non si era ancora fusa con quelle di Genova e Torino e a guidare era Reggio Emilia: «Fino a quando è stato così la mia cooperativa ha sempre pilotato le gare e non ci sono stati mai problemi… prima che uscisse l’appalto, stabilivano assieme come fare uscire la gara… quindi la mia cooperativa era avvantaggiata: sapevano sempre chi erano gli invitati e c’era sempre gente di Reggio e quindi nessuno si faceva la guerra, ognuno faceva il suo».  Ma le cose sono cambiate, e si legge sempre suLibero, notava con rammarico Colacino, la testa dell’azienda è stata trasferita a Torino e per ottenere appalti ci vorrebbe un capo come quello che aveva prima, il quale dopo la fusione andava dal sindaco di Reggio Emilia e gli diceva: «Ascoltami, qui noi siamo una cooperativa di 480 soci… abbiamo lavorato sempre qua, abbiamo fatto investimenti, cioè è una questione politica, parliamo di cooperative, parliamo della zona rossa no?».

    RispondiElimina
  42. Manifesti listati a lutto che ci rallegrano....




    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/31/tentano-di-assaltare-bancomat-la-loro-auto-si-ribalta-nella-fuga-morti-2-nomadi-feriti-altri-3/1088055/

    31 Gennaio 2015

    Tentano di assaltare bancomat, la loro auto si ribalta nella fuga morti 2 nomadi, feriti altri 3
    Dopo il tentativo di furto nel Milanese i cinque sono scappati, ma sono stati intercettati dai carabinieri. Poi lo schianto sulla tangenziale Est.




    Passi non saper scassinare un bancomat, ma neppure guidare sanno, queste risorse.
    Ogni tanto, una buona notizia.
    Se la sboldrina avesse fatto in tempo a "valorizzarli", forse non sarebbe successo.
    "Poveretti sarà sicuramente colpa dei carabinieri che li hanno inseguiti", così potrebbe essere il commento ufficiale di qualche cattosinistrato.
    Finalmente una bella notizia tra le tante tristezze che ci offre questa povera italia. Questa volta ci hanno rimesso le penne loro anzichè qualche povero innocente cittadino. Due su cinque è una buona media ma sarebbe stato meglio lo strike. Adesso bisogna pure curarli prima di rimetterli in libertà. Perchè questi non faranno un giorno di galera. Ne sono certo. Questi nomadi non sono quelli che si guadagnano onestamente da vivere vendendo pentole di rame (rubato) e oggetti d'oro (rubato)? Solo degli sprovveduti o dei falsi progressisti della sinistra possono pensarlo. La gente normale pensa che siano dei maledetti ladri che vivono sulle spalle della comunità. Spero di leggere un altra bella notizia sabato prossimo.
    Contiamo sulla malasanità.
    Come faremo senza queste risorse.
    Le forze dell'ordine rischiano di essere accusati perché li hanno inseguiti .......
    Non è escluso che finisca così,con i "nostri" giudici!!....Il fatto potrebbe essere stato causato da "eccesso di zelo".....Gli avranno intimato l'ALT,con la paletta "regolamentare"?...Per ora,due "risorse" in meno,tre "risorse" ammaccate.
    Ottima notizia, almeno in due hanno finito di fare danni.


    RispondiElimina
  43. LI CONDANNERANNO COME SI MERITANO QUESTI DUE ZOZZAMURI....?????


    https://www.ansa.it/toscana/notizie/2015/01/31/scritta-contro-casapound-2-denunciati_70a39335-d53f-447f-bb4e-906bc3afe536.html


    Scritta contro CasaPound, 2 denunciati.
    Imbrattato a Firenze palazzo vicino a sede centro sociale.

    31 gennaio 2015 12:41

    (ANSA) - FIRENZE, 31 GEN - Una scritta contro il fascismo, lunga circa 15 metri, è stata vergata la scorsa notte sulla facciata di un edificio della Asl in via d'Annunzio a Firenze, a pochi metri dalla sede di un'associazione legata al centro sociale di destra CasaPound. Denunciati dalla polizia i presunti responsabili, un uomo di 35 anni originario di Sassari e una ventottenne di Trieste, entrambi esponenti dell'area anarchica.
        Sequestrate alcune bombolette di vernice.

    RispondiElimina
  44. LA COLPA È DI NOI ''FASCISTI RAZZISTI'' CHE NON SAPPIAMO APPREZZARE L'ARTE FUTURISTA ANTAGONISTA....
    TANTO LORO VOTANO SICURAMENTE PD SEL M5S E PERTANTO SI CREDONO AL DI SOPRA DELLA LEGGE NAZIONALE COSTITUZIONALE E PENSANO DI POTER FARE COME CAZZO GLI PARE...!!!!!!!!!!!


    http://www.gonews.it/2015/01/31/imbrattato-uno-stabile-per-protesta-contro-casapound-denunciati/


    Imbrattato uno stabile per protesta contro Casapound: denunciati.

    31 gennaio 2015 12:31

    Cronaca Firenze foto di archivio Una scritta contro il fascismo, lunga circa 15 metri, è stata vergata la scorsa notte sulla facciata di un edificio della Asl in via d’Annunzio a Firenze, a pochi metri dalla sede di un’associazione legata al centro sociale di destra Casapound. Denunciati dalla polizia i presunti responsabili, un uomo di 35 anni originario di Sassari e una ventottenne di Trieste, entrambi esponenti dell’area anarchica. Sequestrate alcune bombolette di vernice. Secondo quanto emerso, la questura ha predisposto nella zona specifici servizi di vigilanza dopo che, il 23 gennaio scorso, un gruppo di persone appartenenti a ambienti della sinistra antagonista ha imbrattato il condominio dove ha sede l’associazione con un lancio di uova e vernice. Le due persone sorprese la scorsa notte sono entrambe già note alle forze dell’ordine. Imbrattamento il concorso il reato contestato. Il trentacinquenne dovrà rispondere anche dell’inottemperanza a un foglio di via dal comune di Firenze...

    RispondiElimina
  45. http://www.055firenze.it/art/118550/scritta-contro-casapound

    Firenze --Via D'Annunzio, scritte contro CasaPound.

    31/01/2015

    Una lunga scritta contro il fascismo vergata su un edificio in via D'Annunzio, a pochi metri dalla neo-nata associazione.
    Una lunga scritta contro il fascismo, di almeno 15 metri di lunghezza, è stata vergata durante la notte sulla facciata di un edificio in via d’Annunzio, a Firenze.
    Il gesto non è casuale: lo stabile scelto è infatti a pochi metri dalla sede di un’associazione culturale di destra, vicina al centro sociale di destra Casa Pound, aperta da poche settimane.I responsabili del gesto sono stati identificati e denunciati per imbrattamento dalla Polizia: sono un 35enne di Sassari e una 28enne di Trieste, esponenti dell’area anarchica: nelle loro case rinvenute alcune bombolette di vernice.Nei giorni scorsi la Questura di Firenze aveva predisposto nella zona specifici servizi di vigilanza dopo che, il 23 gennaio, un gruppo di persone appartenenti a ambienti della sinistra antagonista aveva imbrattato il condominio dove ha sede l’associazione con un lancio di uova e vernice.Le due persone sorprese la scorsa notte sono entrambe già note alle forze dell’ordine. Il trentacinquenne dovrà rispondere anche dell’inottemperanza a un foglio di via dal comune di Firenze.

    RispondiElimina
  46. AD ISERNIA COME A FIRENZE A BELLUNO COME IN CALABRIA CON MIMMO GIANTURCO OVUNQUE CASAPOUND SI FA ONORE...



    http://www.cn24tv.it/news/105185/cedole-librarie-casapound-176-famiglie-sono-un-numero-consistente.html


    Cedole librarie, CasaPound:
    “176 famiglie sono un numero consistente”

    30 GENNAIO 2015 18:10 

    Comune Lamezia:
    “Sui buoni libro solo mistificazione della realtà”

    “Per l’amministrazione comunale,sarebbero solo 176 le famiglie che ancora non hanno ricevuto il rimborso delle cedole librarie. Per quanto ci riguarda, si tratta di un numero molto consistente di famiglie che, da mesi, aspettano ciò che gli spetta di diritto.” È quanto dichiara Mimmo Gianturco, coordinatore di CasaPound Italia in Calabria.

    “L’atteggiamento di quest’amministrazione è davvero paradossale, - prosegue - quando c’è da far propagande alle loro attività, non si bada a spese, riempiendo la città di manifesti o spedendo a casa migliaia di brochure informative, mentre quando c’è da restituire soldi ai cittadini, non s’invia neanche una cartolina.
    Il ruolo dell’amministrazione comunale, non deve essere sono quello di educare i cittadini ai propri doveri, ma anche a come far rispettare i propri diritti.
    L’amministrazione comunale, - conclude Gianturco - anziché fare giochi di percentuali e sperare che queste 176 famiglie non sappiano mai come poter essere rimborsare, lasciando i loro soldi nelle casse comunali, impari a non creare più questi disagi alla cittadinanza e informi queste famiglie in modo più efficace, sulle modalità di rimborso.”

    RispondiElimina
  47. http://www.lamezialive.it/libri-polemica-infinita-al-comune-replica-casapound/




     
    29 GENNAIO 2015

    Libri, polemica infinita…
    al Comune replica Casapound.

    Per l’amministrazione comunale, sarebbero solo 176 le famiglie che ancora non hanno ricevuto il rimborso delle cedole librarie.

    Scrive Casapound in un comunicato di risposta all’amministrazione comunale sulla telenovela dei buoni libri pagati, in corso di pagamento e prossimi ad essere pagati per gli ovvi tempi tecnici amministrativi e bancari.
    Per quanto ci riguarda, si tratta di un numero molto consistente di famiglie che, da mesi, aspettano ciò che gli spetta di diritto.L’atteggiamento di quest’amministrazione è davvero paradossale, quando c’è da far propagande alle loro attività, non si bada a spese, riempiendo la città di manifesti o spedendo a casa migliaia di brochure informative, mentre quando c’è da restituire soldi ai cittadini, non s’invia neanche una cartolina.
    Il ruolo dell’amministrazione comunale, non deve essere sono quello di educare i cittadini ai propri doveri, ma anche a come far rispettare i propri diritti.
    L’amministrazione comunale, anziché fare giochi di percentuali e sperare che queste 176 famiglie non sappiano mai come poter essere rimborsare, lasciando i loro soldi nelle casse comunali, impari a non creare più questi disagi alla cittadinanza e informi queste famiglie in modo più efficace, sulle modalità di rimborso.

    RispondiElimina
  48. CASAPOUND NAZIONALE CON ANDREA ANTONINI ALL'OPERA A ROMA IN VIA CASSIA PER DEGRADO IN STABILE OCCUPATO ABUSIVAMENTE DA ZINGARI E CLANDESTINI.




    http://www.imolaoggi.it/2015/01/30/roma-stabile-occupato-dai-nomadi-fuochi-allinterno-sporcizia-e-degrado/

    Roma, stabile occupato dai nomadi: fuochi all’interno, sporcizia e degrado.

    venerdì, 30, gennaio, 2015

     

    La Giustiniana chiede sgombero dello stabile occupato in via Cassia 1134

    Ringhiere dei balconi divelte e probabilmente vendute per ricavare guadagno dal ferro, stufe evidentemente non a norma dalle quali fuoriescono nubi nere e dense, quei fuochi – raccontano i dirimpettai – accesi all’interno dello stabile per sopportare l’inverno rigido, per non parlare di furti, aggressioni e del degrado tutt’intorno.
    Il palazzo di via Cassia 1134 – un edificio prima delle Ferrovie dello Stato, poi passato a privati e ora in mano ad una gestione commissariale mentre al suo interno decine di indigenti e nomadivi trovano rifugio – preoccupa e non poco i residenti de La Giustiniana.
    Ieri pomeriggio proprio davanti al grande cancello, tanto imponente quanto facilmente varcabile, il Comitato di Quartiere si è ritrovato per un volantinaggio sulla problematica.
    A dare manforte ai cittadini anche i militanti di Casapound che proprio da li, nel 2008, rilanciarono il tema dell’emergenza abitativa occupando quello spazio per dare un tetto ad alcune famiglie in difficoltà economica. Bastò metà giornata per sgomberarli.
    Così ieri sera camionette della Polizia e Polizia Locale di Roma Capitale hanno presidiato il tratto della Cassia interessato dalla manifestazione, un dispiego di uomini e mezzi che pure li – nonostante le continue segnalazioni dei residenti – così massiccio non si era mai visto.
    “Scippi e furti qui sono all’ordine del giorno. La situazione tra sporcizia e degrado è divenuta insostenibile” – spiega un abitante del quartiere. “Ci sono state delle settimane in cui le pattumiere erano sempre incendiate per non parlare di questo via vai con passeggini e carrelli sul ciglio della strada, pericoloso soprattutto quando è buio” – prosegue un altro cittadino che sottolinea la necessità di sgomberare lo stabile e mettere un servizio di guardiania affinchè la violazione non venga reiterata.
    “Abito proprio davanti a questo palazzo, la sera sono evidenti i fuochi accessi al suo interno. E’ una pratica ad alto rischio che ci allarma. Se dovesse succedere qualcosa non si parli poi di ‘tragedia’.” – un’altra testimonianza.
    “Dopo aver segnalato alle istituzioni e alle forze dell’ordine la drammatica situazione di degrado della zona e l’incremento di furti e rapine nel quartiere, ai residenti della Giustiniana non è rimasto altro che chiamare Casapound: segno del sempre più evidente scollamento tra Stato e cittadini” – fa notare Andrea Antonini, vicepresidente del movimento, sottolineando come solo l’arrivo dei militanti di via Napoleone III abbia calamitato al 1134 di via Cassia così tante forze dell’ordine.
    Dal sit-in un primo risultato: gli agenti sono entrati nello stabile e hanno accertato la presenza e il numero degli occupanti.
    “Abbiamo avuto rassicurazioni che a stretto giro verrà effettuato lo sgombero e che l’immobile verrà presto messo in sicurezza” – riporta Antonini assicurando come Cpi vigilerà sull’impegno assunto “pronti a tornare in piazza anche senza autorizzazione per evitare un’occupazione di massa del nostro quartiere, che – ribadisce – non potrebbe essere tollerata”.
    Intanto alcuni degli occupanti di via Cassia 1134 si sono spostati nel vicino casale abbandonato di via Barbarano Romano che così si appresta ad essere il prossimo obiettivo sul quale il quartiere e Casapound concentreranno energie e attenzione.
    Due settimane, a quanto si vocifera, il tempo massimo concesso affinchè qualcosa cambi: “Poi – sussurra qualcuno dal presidio – lo sgombero siamo pronti a farlo anche da noi".

    RispondiElimina
  49. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/862168/Presentato-appello-contro-la-condanna-per.html



    SONO 20 ANNI E PIÙ CHE I VILIPENDI DA SINISTRA VERSO TUTTE LE DIREZIONI SI SONO SPRECATI EPPURE I DIRETTI INTERESSATI HANNO FATTO FINTA DI NULLA. UNA VOLTA CHE STORACE SI PERMETTE DI CRITICARE POLITICAMENTE ARRIVA LA SCURE IMPLACABILE DELLA CENSURA DI STATO SU UNA SEMPLICE OPINIONE DA POLITICO.

    RispondiElimina
  50. CASAPOUND è una associazione di promozione sociale e politica che a differenza di altre ha una connotazione politica ben precisa e con ideali di patriottismo identitario.
    Si caratterizza per un impegno costante e proficuo articolato in tantissime sedi distaccate per tutta l'italia. Chiedere il suo aiuto è come telefonare alla protezione civile e i risultati sono sempre visibili in quanto la stampa nazionale e locale ci informa,oltre ai suoi interni comunicati ufficiali, della attività di contrasto al degrado diffuso in questa italietta negletta. Sembra facile essere sempre disponibile 24/h ed invece presuppone una grande adesione ad ideali patriottici fermi e duraturi. Io sono grato ai militanti CPI per i risultati quotidiani visibili e condivisibili.
    Buon lavoro.

    Antonino Roma

    RispondiElimina
  51. Condivido l'opinione di Salvini.....


    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/31/salvini-mattarellano-nostro-presidente_15c5aed0-0770-4665-8c23-65e22532da8a.html


    Salvini, Mattarella?
    No nostro Presidente.
    In piazza il 28, il centrodestra non esiste più.

    31 gennaio 2015 15:44

    (ANSA) - ROMA, 31 GEN -"Mattarella non e' il nostro presidente. Noi chiamiamo tutti gli italiani a Roma in piazza del Popolo il prossimo 28 febbraio per manifestare contro questa sinistra che occupa tutte le poltrone e per rilanciare un centrodestra che in Parlamento non esiste piu' e che oggi ha dimostrato di essere morto. Oggi e' una pessima giornata per l'Italia". Cosi' Matteo Salvini sull'elezione di Mattarella.
       

    RispondiElimina
  52. http://voxnews.info/2015/01/31/alba-dorata-torna-in-piazza-noi-i-soli-contro-il-sistema/




    6% e 17 seggi parlamentari x alba dorata in Grecia e non è poco.
    Patrioti che hanno consensi in patria.

    RispondiElimina
  53. Sono 4 anni che quello che rimane del CDX non fa altro che cappellate al fine di reggere il moccolo al Pd...

    RispondiElimina
  54. http://voxnews.info/2015/01/31/voto-di-scambio-il-giudice-mattarella-salva-il-parlamento-abusivo-che-poi-lo-vota-al-quirinale/




    Leggere questo articolo che è interessante...

    RispondiElimina
  55. http://voxnews.info/2015/01/31/predicatore-islamico-stupra-la-figlia-di-5-anni-dovevo-capire-se-era-vergine/



    VICENDA CHE FA INORRIDIRE UNA MENTE NORMALE ANTI/ISLAMICA E CHISSA' COSA NE PENSANO LE BELLE MENTI PENSANTI ITALIDIOTE CHE SI STANNO APPECORINANDO A QUESTI MASCALZONI IN BARRACCANO E CORANO IN MANO.
    ADESSO FORSE CAPIRANNO FORSE CHE NON C'È DIFFERENZA TRA ISLAM MODERATO E JIHADISTA
    VISTO CHE LA VICENDA DI CUI SOPRA È SUCCESSA NELL'ARABIA SAUDITA CHE GODE DEL PLAUSO DI TANTI GOVERNI EUROPEI...?????!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  56. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/31/le-parole-del-muto-sergio-forza-italia-un-incubo/1088032/



    Leggendo questo articolo ci si rende conto di cosa sia e pensi in cattolico del Pd che da sempre ha manifestato avversione per la Destra italiana dal 1994 al 2011 e quindi è stata una scelta di parte e basta...

    RispondiElimina






  57. Commenti

    opinione-critica
    9 ore fa
    Non aspettiamoci che faccia meglio di Napolitano; Berlusconi e Mediaset si preparino a ricevere "mazzate". Noi cittadini siamo già abituati. Se si perdono posti di lavoro in Mediaset si dirà che in Italia sta crescendo la democrazia e il pluralismo, anche se aumenta la disoccupazione...
    Alessio2012
    9 ore fa
    Mattarella è una specie di Allende. Purtroppo non c'é un Pinochet in Italia.
    stenos
    9 ore fa
    Secondo voi perché lo hanno eletto? Primo per obbedire al pd, secondo per ostacolare un eventuale governo di cdx. Altro capolavoro politico di Silvio B.
    Dinobozen
    9 ore fa
    che sia il primo passo verso un nuovo grande centro moderato che abbia a cuore la patria ed il benessere dei suoi patrioti
    opinione-critica
    9 ore fa
    I politici siciliani Mattarella-Mattarello e Alf-Ano hanno occupato un'altro posto di potere grazie al PD. E' l'Italia che declina in continuazione....
    kayak65
    9 ore fa
    Berlusconi fottuto un'altra volta. stai sereno. il pagliaccio di Firenze ha fregato i suoi figurarsi se non poteva fregate gli altri soprattutto gli italiani
    tulapadula
    9 ore fa
    Pensieri ed analisi politiche condivisibili direi, sia sui vecchi comunisti che sulla pseudo-destra degli ultimi anni. Se davvero fosse un presidente del genere sarebbe una bella cosa. Vedremo.
    Raoul Pontalti
    9 ore fa
    Esternazioni condivisibili ad esclusione delle valutazioni sul PD e su quell'ex presidente della Repubblica che, divenuto magistrato nel 1943 e rimasto in servizio nella RSI e intascato l'ultimo stipendio dalla RSI nell'aprile del 1945, divenne magistrato antifascista e da PM chiese e ed ottenne la condanna a morte (eseguita mediante fucilazione)di almeno 8 fascisti.
    arcatero
    9 ore fa
    Il problema non è capire quanto Renzi ha pigliato per i fondelli Silvio, Ma capire quanto Silvio ha preso per i fondelli i suoi elettori.
    goods
    9 ore fa
    3,2,1....la macchina del fango in moto
    Commenta anche tu

    Effettua il login per commentare la notizia






    RispondiElimina
  58. www.ilgiornale.it



    Commenti

    opinione-critica
    9 ore fa
    Non aspettiamoci che faccia meglio di Napolitano; Berlusconi e Mediaset si preparino a ricevere "mazzate". Noi cittadini siamo già abituati. Se si perdono posti di lavoro in Mediaset si dirà che in Italia sta crescendo la democrazia e il pluralismo, anche se aumenta la disoccupazione...
    Alessio2012
    9 ore fa
    Mattarella è una specie di Allende. Purtroppo non c'é un Pinochet in Italia.
    stenos
    9 ore fa
    Secondo voi perché lo hanno eletto? Primo per obbedire al pd, secondo per ostacolare un eventuale governo di cdx. Altro capolavoro politico di Silvio B.
    Dinobozen
    9 ore fa
    che sia il primo passo verso un nuovo grande centro moderato che abbia a cuore la patria ed il benessere dei suoi patrioti
    opinione-critica
    9 ore fa
    I politici siciliani Mattarella-Mattarello e Alf-Ano hanno occupato un'altro posto di potere grazie al PD. E' l'Italia che declina in continuazione....
    kayak65
    9 ore fa
    Berlusconi fottuto un'altra volta. stai sereno. il pagliaccio di Firenze ha fregato i suoi figurarsi se non poteva fregate gli altri soprattutto gli italiani
    tulapadula
    9 ore fa
    Pensieri ed analisi politiche condivisibili direi, sia sui vecchi comunisti che sulla pseudo-destra degli ultimi anni. Se davvero fosse un presidente del genere sarebbe una bella cosa. Vedremo.
    Raoul Pontalti
    9 ore fa
    Esternazioni condivisibili ad esclusione delle valutazioni sul PD e su quell'ex presidente della Repubblica che, divenuto magistrato nel 1943 e rimasto in servizio nella RSI e intascato l'ultimo stipendio dalla RSI nell'aprile del 1945, divenne magistrato antifascista e da PM chiese e ed ottenne la condanna a morte (eseguita mediante fucilazione)di almeno 8 fascisti.
    arcatero
    9 ore fa
    Il problema non è capire quanto Renzi ha pigliato per i fondelli Silvio, Ma capire quanto Silvio ha preso per i fondelli i suoi elettori.
    goods
    9 ore fa
    3,2,1....la macchina del fango in moto
    Commenta anche tu

    Effettua il login per commentare la notizia






    RispondiElimina
  59. http://voxnews.info/2015/01/31/ue-buona-coi-clandestini-ma-tirchia-con-i-profughi-veri/




    UE MALEDETTA CHE VUOLE DISTRUGGERE LA RAZZA EUROPEA PER CREARNE UNA METICCIATA.

    RispondiElimina
  60. Viva casapound. ....in gamba ragazzi......


    http://sussurrandom.it/lettera-aperta-a-mario-i-cittadini-cremaschi-non-sono-razzisti-lottaroli-si-scusi-con-la-citta/

    Lettera aperta a Mario, i cittadini cremaschi non sono razzisti, Lottaroli si scusi con la città.

    �� 31 gennaio 2015

    Le dichiarazioni del capogruppo di Rifondazione Comunista, riportate anche da Sussurrandom ieri, hanno alzato un grande polverone in rete. riceviamo una lettera di un gruppo di cittadini cremaschi..

    Lettera aperta di un gruppo di cittadini definiti RAZZISTI .
    Siamo un gruppo di cittadini firmatari e non, del  referendum contro l’apertura della moschea , le dichiarazioni offensive e deliranti con cui il Capo Gruppo di Rifondazione Comunista Mario Lottaroli usa per definire chi ha idee diverse dalle sue, suscita in noi profondo sdegno e vergogna; il solo pensiero che un’esponente della politica locale  e consigliere di maggioranza possa definire RAZZISTI E ISLAMOFOBI dei cittadini e il silenzio della stessa maggioranza su questo delirante commento, ci fa riflettere sul vero significato di democrazia e di libertà di parola.Libertà di parola e pensiero vanno  bene fino a quando non ledono e non offendono libertà e pensiero altrui dopo queste dichiarazioni siamo a conoscenza che 5.000 firmatari e altri cittadini non firmatari ma ugualmente contrari all’apertura della moschea, sono RAZZISTI.
    Bene, anzi no …. chiediamo al sig. Lottaroli un comunicato di scuse immediate verso i cittadini cremaschi, usando stessi organi e stesso spazio d'informazione usato in precedenza, chiediamo alla maggioranza di prendere le distanze dalle citate dichiarazioni e l’allontanamento del Capo Gruppo di Rifondazione Comunista dal palazzo comunale, per completezza d’informazione riteniamo opportuno avvisare il responsabile di queste frasi che noi RAZZISTI (come da lei citato n.d.r) stiamo valutando la possibilità di un’azione legale tramite querela.
    Attendiamo al più presto l’intervento del Sig.Sindaco in merito alla questione ricordando che idee e opinioni diverse vanno rispettate sempre e che una carica comunale e/o politica non significa poter  offendere chiunque senza conseguenze.

    RispondiElimina
  61. http://m.romatoday.it/politica/marino-al-muccassassina.html#_ga=1.251286276.343753526.1422748494



    Qualcuno glielo dica a soMarino che la legge italiana e la Costituzione non prevedono unioni strane contro natura e non prendesse per il c...i proci facendogli credere che al Campidoglio si possa violare la legge impunemente perché i matrimoni in natura avvengono solo tra maschio e femmina e solo i depravati possono immaginare cose differenti e DIVERSE....!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  62. http://www.nocristianofobia.org/nozze-gay-la-francia-ha-calpestato-le-intese-internazionali/



    I pervertiti devono essere fermati perché vorrebbero distruggere il concetto naturale di famiglia e filiazione......in Francia come in Italia e ovunque...

    RispondiElimina
  63. La scelta di un presidente piddino non mi riempie di gioia anche perché in questa votazione tanti ex Cdx si sono schierati col Pd tradendo gli ideali di destra originari.

    RispondiElimina
  64. http://voxnews.info/2015/02/01/roma-il-pantheon-assediato-dagli-abusivi-foto/



    ANCHE I CLANDESTINI FESTEGGIANO A ROMA L'ELEZIONE E COSÌ LA POTRANNO RACCONTARE AI PROPRI NIPOTINI DELLA QUARTA MOGLIE..

    RispondiElimina
  65. 665 voti con 31 preferenze non previste e non facenti parte della coalizione di centro sinistra la dice lunga sulla presenza di voltagabbana del cdx che avrebbero dovuto votare scheda bianca o indicare altro nominativo.
    La Destra vive un momento di riflessione e necessita di una rifondazione patriottica ed identitaria.
    I trascorsi di avversione del cdx da parte del neoeletto non depongono a favore della previsione di una posizione superpartes e mi auguro che i fatti mi smentiscano e nel caso sarò pronto a testimoniarlo su questo blog ma su fatti e decisioni netti e certi che pongano la difesa della patria quale obbiettivo preminente della sua attività istituzionale.

    Viva casapound

    RispondiElimina