giovedì 8 gennaio 2015

Charlie Hebdo, CasaPound: Europa cambi linea sull’immigrazione e sulla Siria

Charlie Hebdo, CasaPound: Europa cambi linea sull’immigrazione e sulla Siria

Roma, 8 gen - “L’orribile strage nella redazione di Charlie Hebdo, al di là dell’ovvio senso di orrore che lascia in tutti noi, pone anche una serie di problemi la cui soluzione non può più essere differita”. Lo afferma in una nota CasaPound Italia, in riferimento ai tragici fatti di Parigi. “Secondo quanto si apprende – continua Cpi – gli autori della strage sarebbero i figli di quella integrazione mai avvenuta, di quella società multirazziale il cui vero volto è assai meno luminoso di come viene rappresentato nella propaganda immigrazionista. Ricordiamo che ogni volta che CasaPound ha lanciato l’allarme sull’invasione immigratoria, le anime belle hanno sempre risposto che in realtà gli immigrati da noi sono pochi, troppo pochi, che ce ne servono di più, prendendo ad esempio proprio la società francese, descritta come una sorta di eden multiculturale. E invece proprio l’esempio francese ci insegna che su immigrazione e cittadinanza serve la massima fermezza”. CasaPound inoltre sottolinea come “i due attentatori sarebbero appena tornati dalla Siria, dove si ipotizza abbiano prestato le loro braccia al terrorismo internazionale che ha dichiarato guerra al regime laico e nazionalista di Assad. Cpi fu una delle prime forze, in Europa, a individuare in Damasco uno dei baluardi al terrorismo e all’islamismo, sostenendo con azioni di solidarietà una popolazione stremata dal conflitto con l’Isis, quando ancora lo Stato islamico era considerato una componente della opposizione democratica al tiranno di turno. Oggi gran parte dell’Occidente dovrebbe chiedere scusa alla Siria e sostenere i suoi sforzi in una battaglia di civiltà che ci riguarda sempre più da vicino”.


272 commenti:

  1. I governi nazionali e europei, di tutti questi anni, hanno portato l'Europa e l'Italia a perdere la propria identità, le proprie tradizioni, valori e radici. Gli estremisti trovano così terreno fertile e disunito per i loro folli atti. Occorre intervenire in modo fermo e risoluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sinistra nichilista e pervertita è facile conquista di questi predoni.
      Solo una DESTRA NAZIONALISTA può opporsi a questi razzisti arabi islamici.

      Elimina
    2. Patriottismo identitario e nazionalismo sono i caratteri che rendono uno Stato forte e coeso.

      Elimina
  2. Ieri mattina abbiamo ascoltato un Holland disorientato ma comunque sempre inaffidabile.
    La sinistra francese caviale e champagne vorrebbe rivivere a Parigi l'epoca delle colonie e considera i nordafricani come cittadini di serie B da sfruttare e sottomettere alla economia francese.
    Stavolta i coranici un pò più istruiti del passato hanno deciso invece di passare all'azione e di iniziare la islamizzazione della Francia usando i metodi persuasivi scritti nel loro trattato di guerra chiamato corano
    Loro sono in vantaggio poiché fin da piccoli sono addestrati all'uso delle armi e non si fanno scrupolo ad uccidere barbaramente chi si oppone alle loro mire di conquista e di restaurazione del Califfato Mussulmano.
    In Francia ed in italia da anni si è permesso agli islamici terroristi di poter fare il loro comodo senza fissare dei paletti alle loro follie né di obbligarli alla integrazione nei NOSTRI VALORI.
    Inoltre le minoranze gay e anarcoidi godono di attenzione mediatica al punto che certi politicanti pervertiti vorrebbero farli ergere a modello sociale con sfregamento di mani degli arabi maomettani che si trovano spianata la strada alla conquista dell 'Europa da dominare e sodomizzare.
    Metodo collaudato del CAVALLO DI TROIA

    RispondiElimina
  3. Unione Europea colpevole di ciò che sta succedendo.
    Nel trattato di costituzione della UE non è stata inserita l'origine cristiano/giudaico dei Popoli aderenti per cui ci troviamo ad essere privi di identificazione religiosa importante come il Cattolicesimo con sede a Roma.
    Mussolini capì l'importanza del Cristianesimo per lo stato italiano al punto che ratifico' nel 1929 i Patti Lateranensi con cui riconosceva lo Stato del Vaticano e di conseguenza il Cattolicesimo come Religione di Stato con le tutele del caso.
    Mussolini ben sapeva che gli islamici erano pericolosi come in passato e pertanto li stoppo' dando privilegi costituzionali alla religione cattolica che poté riprendersi dallo choc della caduta del regno papale temporale.
    La intuizione di Mussolini fu intelligente e costituì un baluardo contro i tentativi di introdurre in italia un'altra religione.
    Con la revisione successiva imposta dal governo Craxi fu limitato il potere e la presenza educativa in italia della religione cattolica fino ad arrivare ai giorni nostri in cui un islam terroristico cerca di imporre la shari'a in italia distruggendo ogni altra religione.
    Progetto folle ma scritto nel Corano ed imposto a tutti i credenti lobotomizzati dal maomettanesimo criminale antidemocratico disumano e basato su stupide favole.
    Tutti i crimini commessi nel mondo negli ultimi decenni sono finalizzati al Califfato universale che sarà una realtà indolore se i mussulmani si moltiplicheranno come i conigli mentre le donne europee sono tutte prese dalla loro carriera e il tasso demografico nostro sarà sempre in diminuzione.
    Rimango senza parole nel sentire tanti "Progressisti" invitare extracomunitari a trasferirsi in Europa per incrementare le nascite in calo come se la razza e la storia e la politica e la religione fossero appendici senza troppa importanza.
    I fatti delittuosi di Parigi sono ormai la prova che la guerra all'Occidente da conquistare ha fatto un salto di qualità e che ha raggiunto un livello dal quale non si torna più indietro.
    I politici sono ormai sotto scacco e se vogliono rimanere sulla poltrona devono difendere l'islam a qualunque costo ed infatti le dichiarazioni dei governanti nostrani sono rese in quella direzione.
    La Boldrini e Gentiloni e Renzi ed altri invitano a distinguere tra buoni e cattivi ma io credo fermamente che Oriana Fallaci e Magdi Cristiano Allam dicono il giusto e che islam significhi NEMICO MORTALE DEI CRISTIANI NEL MONDO

    RispondiElimina
  4. http://www.agenparl.com/?p=145601



    FRANCIA: CASAPOUND:
    EUROPA CAMBI LINEA SULL’IMMIGRAZIONE E SULLA SIRIA

    8 gennaio 2015

    (AGENPARL) – Roma,08 gen – “L’orribile strage nella redazione di Charlie Hebdo, al di là dell’ovvio senso di orrore che lascia in tutti noi, pone anche una serie di problemi la cui soluzione non può più essere differita”. Lo afferma in una nota CasaPound Italia, in riferimento ai tragici fatti di Parigi. “Secondo quanto si apprende – continua Cpi – gli autori della strage sarebbero i figli di quella integrazione mai avvenuta, di quella società multirazziale il cui vero volto è assai meno luminoso di come viene rappresentato nella propaganda immigrazionista. Ricordiamo che ogni volta che CasaPound ha lanciato l’allarme sull’invasione immigratoria, le anime belle hanno sempre risposto che in realtà gli immigrati da noi sono pochi, troppo pochi, che ce ne servono di più, prendendo ad esempio proprio la società francese, descritta come una sorta di eden multiculturale. E invece proprio l’esempio francese ci insegna che su immigrazione e cittadinanza serve la massima fermezza”. CasaPound inoltre sottolinea come “i due attentatori sarebbero appena tornati dalla Siria, dove si ipotizza abbiano prestato le loro braccia al terrorismo internazionale che ha dichiarato guerra al regime laico e nazionalista di Assad. Cpi fu una delle prime forze, in Europa, a individuare in Damasco uno dei baluardi al terrorismo e all’islamismo, sostenendo con azioni di solidarietà una popolazione stremata dal conflitto con l’Isis, quando ancora lo Stato islamico era considerato una componente della opposizione democratica al tiranno di turno. Oggi gran parte dell’Occidente dovrebbe chiedere scusa alla Siria e sostenere i suoi sforzi contro una battaglia di civiltà che ci riguarda sempre più da vicino”.

    RispondiElimina
  5. Questa Pseudo Europa appecorinata alla SPECTRE distruttiva filo islamica farà ben poco.
    Occorre che la DESTRA RADICALE assuma il potere per cambiare le cose.

    RispondiElimina
  6. Chers amis ,n'oubliez pas que Charlie Hebdo est un journal totalement anti nationaliste,plein de haine contre les patriotes et contre toutes les spiritualités,les journalistes y passent leur temps à insulter les religions.Un proverbe français dit :"Qui sème le vent récolte la tempète" ,alors seuls les naifs seront surpris de ce qui est arrivé

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono un avversario dell'islam e non accetto che questi criminali possano farsi giustizia con le loro mani senza avvalersi delle leggi statali altrimenti è una giungla.
      Gli islamici odiano l'occidente e vorrebbero sottometterlo e sono ispirati dal demonio perché solo Satana può indurre a uccidere chi la pensa diversamente.

      Le vignette sono solo una scusa e l'islam trova sempre una scusa.

      I leaders jahidisti pubblicamente si definiscono CONFORMI al volere del maometto quando incitano i militanti nel mondo a sterminare gli INFEDELI.
      Combattere questi pazzi comporta una guerra contro l'islam intero perché io ritengo che tutti gli islamici sono ortodossi e fondamentalisti e non ammettono PARI con la loro follia maomettana.
      I vignettisti in genere sono quasi sempre dissacranti nei confronti del potere di qualunque genere ma offrono spunti di riflessione e pertanto non ritengo che se la siano cercata anzi il popolo francese pur essendo scosso da tanta violenza di codardi in kalashnikov reagirà e respingera' ogni limitazione delle libertà fondanti la Repubblica democratica.
      Se i mussulmani non vogliono stare in occidente a queste condizioni se ne possono andare nei paesi islamici tipo Arabia Saudita o Iran o Yemen o Afghanistan o Egitto o Marocco o Tunisia o Libia o Emirati arabi e non tornare più.
      Noi occidentali finora non abbiamo avuto nulla di buono dagli islamici se non violenze e distruzioni.
      La pazienza sta terminando e non è detto che qualcuno non risponda con la stessa moneta.

      Elimina
    2. Sottoscrivo al 100%.

      Elimina
    3. "Io non sono Charlie", sono Roberto. Spiace per i morti, ma sono pienamente d'accordo con l'amico francese. Chi semina vento raccoglie tempesta.

      Elimina
  7. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/08/gli-imam-francesi-in-vaticano-salvini-attacca-papa-francesco-sbaglia-a-dialogare-con-lislam/1081010/

    8 Gennaio 2015

    Gli imam francesi in Vaticano, Salvini attacca papa Francesco: "Sbaglia a dialogare con l'islam"
    Il cardinale Tauran dopo l'incontro: "Costruire ponti tra le fedi".
    Ma il leader della Lega Nord accusa: "Siamo in guerra, basta tolleranza e buonismo"

    Sergio Rame

    "Siamo traumatizzati e presi in ostaggio da balordi che non sono il prodotto della loro comunità", e la "maggioranza silenziosa" dei musulmani deve reagire "uscendo nelle strade". Anche i quattro imam francesi in visita a Roma, dove ieri hanno incontrato papa Francesco hanno rivolto un appello a mobilitarsi contro l’attentato.
    Ma l'incontro in Vaticano ha scatenato l'ira del leader del Carroccio Matteo Salvini: "Chiedendo di dialogare con l’islam, il Papa non fa un buon servizio ai cattolici"."La maggioranza silenziosa dei musulmani esca nelle strade - ha dichiarato Tareq Oubrou - i musulmani sono traumatizzati e presi in ostaggio da parte di balordi che non sono il prodotto della loro comunità. Non c’è nessun elemento religioso in quello che è in prima istanza il risultato dell’ignoranza, dell’essere illetterati, del fascino per l’eroismo e per i videogiochi, della confusione tra il reale ed il virtuale". "Un imam acculturato - ha aggiunto - non ha alcun controllo su un tale comportamento. Niente giustifica un tale crimine a sangue freddo, commesso da cuori di pietra che la fede non ha toccato. Monsignor Michel Dubost, vescovo di Evry-Corbeil-Essonnes e presidente del Consiglio per le relazioni interreligiose della Conferenza dei vescovi di Francia, che faceva parte della delegazione, ha dichiarato che "la sola risposta è la mano tesa". Oggi i quattro imam francesi hanno incontrato in Vaticano il cardinale loro connazionale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo interreligioso e camerlengo di Santa Romana Chiesa. "Senza la libertà di espressione il mondo è in pericolo".

    La "mano tesa" del Vaticano all'islam dialogante non è piaciuta a Salvini. "È in atto un tentativo di occupazione militare e culturale da parte di una comunità prepotente e ben organizzata, che ha la facilità di affondare il coltello in un burro che è l’occidente - ha detto su Radio Padania - questa è una vera e propria guerra quindi rispondere con tolleranza e buonismo è un suicidio". Chiedendo di "dialogare con l’islam", secondo l'esponente lumbard, "il Papa non fa un buon servizio" ai cattolici. "Va bene la pace - ha aggiunto Salvini - ma sei il portavoce dei cattolici, preoccupati di chi ti sta sterminando in giro per il mondo".

    marforio
    Fa tutta una politica massonica e proislamica.Da vero seguace della teoria della liberazione.Un gesuita comunista.


    Mario Galaverna
    Ma sti pretazzi non trovano nessuno che riscriva loro il canovaccio di questa farsa che ci vuole tutti babbei da turlupinare?

    cable
    C'è puzza di falso... gli islamici prima davanti ad un papa affermano che la loro religione deve vincere, ora fanno i finti agnelli?

    Giampaolo Ferrari
    Finchè ai bambini insegnano che piu infedeli uccidono piu vergini li aspetteranno in paradiso,credo si integri poco o nulla.comunque è in atto la mussulmanizzazione dell'europa con la complicità del rifugio politico e la discriminazione razziale.

    sepen
    Vedo già centinaia di migliaia di mussulmani francesi in piazza a Parigi a dire no all'intolleranza, sì al dialogo... Ah, ah.... ma in che film????

    Zagovian
    Bravo Salvini,questa volta hai parlato chiaro,anche con Francesco...Continua così!!!...." i musulmani sono traumatizzati e presi in ostaggio da parte di balordi che non sono il prodotto della loro comunità.."
    Balle. ...!!!!

    RispondiElimina
  8. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/08/nigeria-boko-haram-fa-una-strage-si-temono-2mila-vittime-a-nord-est/1081030/


    Papa Francesco potrebbe invitare in Vaticano i leader islamici tagliagole magari come questo di Boko Hara per confessarlo e magari quelli si beccano una bella penitenza e poi tutti a casa per le proprie faccende di. ..taglio. e..cucito. ....per gli islamisti coranici......più taglio che cucito.
    Magari se ci fosse il leader dell'Isis e quello di al Qaeda e qualche bravo imam nostrano tipo Pallavicini potrebbero tutti insieme fare scala 40....!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Se i mussulmani moderati sono nemici degli islamici terroristi allora scendano in piazza e combattano questa guerra dichiarata altrimenti sono complici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col kazzo Ke lo faranno perché islam in toto è criminale e da sterminare in tutto il mondo.
      È in atto una GUERRA TOTALE degli jihadisti contro l'Occidente.

      Elimina
  10. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11740197/Charlie-Hebdo--Abu-Omar-.html


    IMAM INCITATORI DI ODIO CHE VANNO CACCIATI DALLA COMUNITA' CIVILE

    RispondiElimina
  11. http://tv.liberoquotidiano.it/video/11740292/Bechis--per-l-assistente-sociale.html


    Bechis: per l'assistente sociale, il terrorista era "un bravo ragazzo"

    08 gennaio 2015

    La Francia dal cuore tenero e buonista aveva già arrestato nel 2005 Cherif Kouachi, uno dei due fratelli che hanno assassinato giornalisti e vignettisti di Charlie Hebdo la mattina del 7 gennaio 2015 a Parigi. Cherif era accusato di avere preparato attentati in Francia ad obiettivi ebraici, e di essere stato arruolato per la jiahd in Iraq. Fu condannato a tre anni, ma scontò solo poche settimane di carcerazione preventiva.
    Un assistente sociale in carcere certificò il suo pentimento, e definì Cherif “un bravo ragazzo”, traviato da altri, ma che ormai aveva capito quel che aveva fatto. Anche la tv francese raccontò in un reportage la sua storia, e lo descrisse come un “ragazzo adorabile”, che faceva il rapper e non era integralista islamico. Si disse che aveva avuto delle ragazze e fumava perfino gli spinelli: perchè condannarlo? Così fino al giorno della strage il “bravo ragazzo” è restato in ombra. Magari ad allenarsi con il kalashnikov come lui stesso aveva raccontato agli inquirenti. Preparandosi fra le coccole di assistenti sociali e di una giustizia dal cuore tenero a diventare quella belva che abbiamo visto in azione a Parigi.

    di Franco Bechis

    Quando uno dei ricercati diceva in tv: "Così sono pronto a martirio"

    08 January 2015
    da un giorno all'altro il bravo ragazzo diventa terrorista ? mi pare che questo sia il metro comune usato dai buonisti per valutare l'invasione che stiamo volontariamente subendo..manca solo l'atto finale: che le brave persone clandestine si trasformino in quello che sono veramente: terroristi assatanati!!!!


    marari
    08 January 2015
    Ma che bravi questi assistenti sociali! Perché non arrestare questi per complicità oltre che per incapacità di analisi?


    massapeppe
    08 January 2015
    dare i tre anni di galera all'assistente sociale che da persona "intelligente" aveva capito che questo assassino era pentito.

    RispondiElimina
  12. Cacciare via dall'Italia tutti i mussulmani

    RispondiElimina
  13. Milioni di persone che credono alla truculenta FAVOLETTA del corano scritto dal furbetto maometto arabo poligamo

    RispondiElimina
  14. EUROPA SOTTO ATTACCO CRIMINALE DA CREDENTI DI UNA FILOSOFIA DISUMANA....

    RispondiElimina
  15. Saddam Hussein
    Gheddafi
    Hosni Mubarak
    Sadat


    Facevano il loro dovere di tenere a bada i terroristi islamici....

    RispondiElimina
  16. Così come nei Paesi Arabi è vietato professare altra religione altrettanto dobbiamo fare in Italia e in Europa e VIETARE PER LEGGE islam che è criminalità allo stato puro prima che sia troppo tardi.......

    RispondiElimina
  17. SIAMO IN GUERRA E IO UOMO DI DESTRA PATRIOTTICA ED IDENTITARIA ESPRIMO RABBIA NEI CONFRONTI DELLE AUTORITA' POLITICHE NOSTRANE CHE DANNO ACCOGLIENZA A INDIVIDUI CHE VOGLIONO DISTRUGGERE LA NAZIONE E SOTTOMETTERE LA NOSTRA SOVRANITA' PER CANCELLARE LA STORIA OCCIDENTALE CRISTIANO/GIUDAICA.

    RispondiElimina
  18. Francia multirazziale
    Francia multiculturale
    Francia multireligiosa
    Francia multi tagliata a pezzi da maomettani.

    RispondiElimina
  19. Quando Pisapia vinse a Milano, Vendola in piazza Duomo disse "Abbracciamo i nostri fratelli rom e musulmani."
    Per non parlare di tutti quei politici che spalancano le braccia per accogliere gli extracomunitari e si mettono a 90 gradi dicendo che bisogna costruire le moschee, che bisogna togliere i crocifissi da tutti i luoghi pubblici, e che festeggiare il Natale potrebbe offendere i bambini musulmani. Riprendiamo con orgoglio la nostra identità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la nostra Chiesa cattolica ha colpa da vendere perché ricordo il cardinale Tettamanzi che predicava ""sottomissione"" ai cari fratelli mussulmani e invitava gli italiani a non farli arrabbiare per non subire ritorsioni violente.
      Un calabrache indegno sfociato nella consegna di Milano alla shari'a.
      Nugoli di questi maledetti hanno potuto fare quello farsa del loro stupido inchinarsi a oriente e gliel'hanno fatto fare anche a piazza Duomo offendendo la nostra religione universale a casa nostra.
      Maledetto Tettamanzi e i traditori come lui.
      Se dovesse scoppiare la guerra civile in italia a seguito di attentati terroristici islamici sappiamo da chi andare per farne giustizia popolare.

      Elimina
    2. I froci amano il diverso sia zingaro sia afroasiatico.
      Sotto compulsioni sessuali perverse i pederasti sperano di
      soddisfare le loro voglie con quelli.
      In particolare gli zingari mettono a disposizione minori e giovani adulte per pedofili e puttanieri.
      I nordafricani invece sono ben accetti per serate trasgressive OMO e lesbo e orgiastiche.
      La spiegazione è questa e poi anche aiutare l'attività delle coop rosse mafiose alla Buzzi che hanno bisogno di MATERIA PRIMA. ...e spartiscono il malloppo coi politici corrotti e sodali.

      Elimina
  20. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/08/hollande-sottovaluto-lallarme-per-non-avvantaggiare-le-pen/1080874/


    Un presidente della repubblica indegno che sacrifica la vita dei cittadini per motivi politici personali.

    Solo un politicante della sinistra può fare una porcata del genere così come sta fallendo in Italia e in USA e in GB e ovunque dia spazio ai terroristi islamici.

    RispondiElimina
  21. Un governo francese incapace e SOTTOMESSO di fatto all'islam che non li fa catturare per non dover subire la reazione di 6 milioni di coranici residenti in Francia potenziali e probabili attentatori col kalashnikov e per non perdere i vantaggi economici derivanti da accordi commerciali e finanziari coi Paesi Arabi Islamici.
    Quei tre massacratori sono coperti anche dalla complicità di tanti francesi convertiti all'islam.
    Al Baghdadi lo ha detto al mondo che l'obiettivo dell'Isis è quello di arrivare a Roma e occuparla e non mi pare che le nostre BRAVE AUTORITA' stiano facendo qualcosa per scongiurare questo gravissimo pericolo visto che centinaia di migliaia di clandestini islamici vengono raccattati nel mondo afroasiatico e mantenuti in Italia con la scusa dell'aiuto umanitario.
    Gli islamici che vengono in Italia ed in Europa hanno cattive intenzioni e l’hanno detto e lo dimostrano con continue azioni sanguinarie.

    RispondiElimina
  22. http://m.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/nigeria_attacco_boko_haram_baga_morti/notizie/1108377.shtml


    La reislamizzazione iniziata negli anni 1990-1992 e continuata fino ad oggi dai FRATELLI ISLAMICI sta portando alla eliminazione fisica degli INFEDELI ovunque e la strage di 2000 persone in Nigeria da parte di Boko Haram è la ennesima battaglia x la vittoria di Allah islamico.
    Giovani nordafricani di anni 20-35 sono plagiati ed indottrinati alle follie coraniche
    da parte di CATTIVI MAESTRI che approfittano del loro malessere esistenziale e sociale esasperato volutamente con discorsi finalizzati a farne di essi dei killers a comando a cui gli si racconta la favoletta del Paradiso Islamico con Maometto che aspetta i kamikaze assieme a 60 vergini....una bella favoletta che intriga sessualmente i giovani a cui si dice che da combattenti potranno stuprare chi gli pare in quanto sono giustificati dalla missione omicida/suicida in corso di realizzazione.
    È contro queste follie contenute nel Corano e nei discorsi degli imam maestri di morte che dobbiamo combattere.

    RispondiElimina
  23. MUSULMANI FERMI ANCORA AL 1400 /1500 CHE NON CAPISCONO LA MODERNITA' E LA COMBATTONO.
    MI RIFERISCO AGLI ADULTI DI 30/40 NATI E CRESCIUTI NEI PAESI ISLAMICI E CHE SI CONFRONTANO CON UN OCCIDENTE SECOLARIZZATO IN CUI I VALORI PRIMARI NON SONO CONFORMI A QUANTO SCRITTO NEL LIBRO DI GUERRA E DI DISTRUZIONE CEREBRALE CHIAMATO DA LORO CORANO.

    RispondiElimina
  24. Un occidente che in larga parte è SECOLARIZZATO ed indebolito nei valori patriottici e razziali e che si trovano davanti Invece arabi islamici razzisti e praticanti devoti ed attaccati alle loro tradizioni tribali con connotazioni di sopraffazione verso i non arabi.

    RispondiElimina
  25. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/08/lombardia-la-legge-anti-moschee-approvata-entro-fine-mese/1081049/

    8 Gennaio 2015

    Lombardia, la legge anti-moschee approvata entro fine mese
    La maggioranza di centrodestra in Regione dichiara guerra ai nuovi luoghi di culto islamici: promette di approvare la legge entro gennaio. Ulteriore accelerazione dopo l'attentato di Parigi

    Ivan Francese

    Un limite alla costruzione di nuovi luoghi di culto non cattolici: questa la proposta della maggioranza di centrodestra in regione Lombardia. Da attuare "entro fine gennaio".Lo ha annunciato il presidente della commissione Territorio del Consiglio regionale della Lombardia, Alessandro Sala (Lista Maroni),dopo una lunga serie di audizione sulla cosiddetta "legge anti-moschee", in discussione a Palazzo Lombardia.Quella della maggioranza di centrodestra in consiglio regionale è innanzitutto una mossa contro il bando lanciato dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia per la costruzione di nuovi luoghi di culto dedicati alle confessioni religiose diverse dalla cattolica.Oggi, in commissione Territorio, sono state celebrate le audizioni con i rappresentanti del comitato Sant'Elia di Milano, che si sono detti preoccupati per l'eventualità della costruzione di un luogo di culto in via Sant'Elia. Oltre al comitato Sant'Elia, oggi è stato il giorno delle comunità ebraiche, degli Evangelici, dei Metodisti e dei Protestanti. Giovedì prossimo, il 15 gennaio, sono in programma le audizioni con i rappresentanti di Anci e Caim (Coordinamento Associazioni Islamiche di Milano), le ultime della lista.Il voto del provvedimento potrebbe poi essere calendarizzato per giovedì 22 gennaio.

    ellebor0
    Mi sembra un giusto ed equo provvedimento, visto che la costruzione di cattedrali alla Mecca è proibita, par condicio religiosa.

    RispondiElimina
  26. Io credo che gli attentatori sono stati gia' individuati ma non vengono catturati per seguirli e pedinarli di nascosto e arrivare a catturare anche i complici.
    Non sono mica fessi e alla polizia non basta catturare solo quei due criminali perché l'attentato è stato pianificato e le armi usate e le modalità di esecuzione fanno sospettare di una cellula numerosa in attività in Francia.
    C'e un'aria di consenso nella comunità islamica che fa paura visto che i tre attentatori criminali sono cittadini francesi anche se i genitori sono di origine nordafricana o mediorientale.

    RispondiElimina
  27. Matrice religiosa nell'attentato parigino.
    Islam è terrore e nemico dichiarato dell'Occidente.
    Checche' ne dicano i radical/chic che cercano di far ricadere la colpa degli attentati ai razzisti islamofobi. ...una porcata..!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. I maomettani vogliono far scoppiare una guerra di religioni e loro si addestrano all'uso delle armi da combattimento fin da ragazzini.
    I nostri ragazzi giocano coi videogiochi e si cagherebbero addosso all'idea di prendere in mano un mitragliatore.
    Colpa dei nostri educatori e politicanti in servizio che sono tutti presi dal business immigrazionista alla Buzzi e se ne fottono del resto.

    RispondiElimina
  29. Questo è l'inizio dell'attacco armato all’Europa e possiamo solo schierare l'esercito nelle strade ed approvare una legislazione di emergenza per respingere il terrorismo islamico.
    Chiudiamo i gayvillage e mandiamo i nostri ragazzi nelle palestre di arti marziali e nelle caserme di addestramento per insegnar loro che potrebbero essere costretti in futuro a difendere la loro casa con le armi imbracciate.

    RispondiElimina
  30. Io non riconosco l'islam come religione e a casa mia posso dire quello che kazzo voglio su Maometto e pertanto non ritengo che la mia vita debba essere in pericolo.

    RispondiElimina
  31. Appena catturati devono essere impiccati in piazza della Bastiglia in presenza degli imam parigini ed in videoconferenza mondiale così Al Baghdadi impara la lezione.

    RispondiElimina
  32. Le vignette vanno pubblicate se sono limitate alla satira.
    Però in questo caso la libertà di stampa satirica va difesa altrimenti vincono i mussulmani oscurantisti.

    MEGLIO MORIRE IN PIEDI CHE VIVERE IN GINOCCHIO....

    RispondiElimina
  33. Solo gli islamici si risentono perché sono intolleranti e prepotenti.

    RispondiElimina
  34. Io sono con Charlie Hebdo

    RispondiElimina
  35. Satira sgangherata laica che non c'entra molto con la strage.Quei stalinisti/islamisti non meritano pietà.

    RispondiElimina
  36. Alle 01.05 di oggi 9.1.2015 i due fuggiaschi sarebbero stati intercettati dall'alto da un elicottero della Polizia Francese all'interno di un bosco a nord di Parigi.
    Con i visori notturni i due fratelli marocchini sono stati individuati al buio e potrebbero essere arrestati quanto prima.

    RispondiElimina
  37. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/charlie-killer-fu-in-yemen-con-al-qaida_fc830cca-2fea-49f7-b2cf-111635645237.html

    I GOVERNI DI SINISTRA OCCIDENTALI SONO ANNI CHE DELLA LOTTA AL TERRORISMO NE FANNO UN GIOCO AL MONOPOLI.
    STOP A INVASIONE DEI CLANDESTINI.

    RispondiElimina
  38. LA SOLITA BRODAGLIA SCHIFOSA SU LA7. .


    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11740511/Charlie-Hebdo-su-Servizio-Pubblico-.html

    Charlie Hebdo su Servizio Pubblico: il vero volto arrabbiato degli islamici: "Fascisti di merda ., se la sono cercata"

    08 gennaio 2015


    "Hanno fatto bene ad ammazzarli, erano razzisti". "Non sono stati gli islamici, è tutta una trappola". Il volto dell'Islam, arrabbiato e complottista, tutt'altro che disposto a porgere la guancia alla Francia ferita e men che meno a fare auto-critica, va in onda in diretta su Servizio pubblico. Michele Santoro torna su La7 con il suo talk, tutto incentrato sulla strage di Parigi e l'assalto dei terroristi alla redazione di Charlie Hebdo. I 12 morti sono uno schiaffo atroce a chi, come i vignettisti Vauro e Vincino in studio, ha sempre creduto nella forza della satira contro la violenza. Santoro parte col suo monologo iniziale, prevedibile tirata contro le tentazioni conservatrici di Marine Le Pen. Ma i servizi, pregevoli, degli inviati in Francia per registrare le reazioni al dopo-attentato scoperchiano un calderone ben poco rassicurante per la Francia, ma anche per l'Italia. Perché l'atmosfera delle banlieu, da Saint Denis alle periferie della piccola Reims, assomigliano pericolosamente agli angoli oscuri delle città italiane.

    "Quelli di Charlie sono razzisti" - Mentre Sandro Ruoloto è in piazza a Parigi, in mezzo alla gente (bianchi, di colore, cattolici, ebrei e musulmani) che manifestano in piazza gridando Je suis Charlie, il clima che si respira nel quartiere ad alta concentrazione di immigrati di Saint Denisè decisamente diverso. "Adesso daranno la colpa a noi, è sempre così", si lamenta un giovane musulmano. Altri, più esaltati, spiegano che "se è successo quello che è successo è perché qualche colpa quelli di Charlie Hebdo ce l'hanno avuta". Oppure che l'11 settembre non capitò per mano di islamici, e che "non tutti quelli che uccidono sono terroristi" e che "se si offende il Profeta è naturale che qualcuno si vendichi". Di solidarietà con le vittime dell'attentato ce n'è poca, e sembra esserci ben poco dolore. C'è, piuttosto, rabbia per la colpa che gli altri, i "ricchi" stanno gettando sulle loro spalle, i "poveri", gli immigrati di seconda o terza generazione "eterni outsider". Non ancora integrati, forse mai integrati come invece credono i buonisti, anche a casa nostra. 
    E poi ci si sposta a Reims, città dei due sospetti terrortisti Said e Cherif Kouachi.
    Nel quartiere di Croix Rouge dove vivevano i due uomini, i musulmani fanno blocco: "Li conoscevo, non sono terroristi". "Non possono essere stati loro, è tutto un complotto". E pazienza se il loro curriculum, anche giudiziario, parli chiaro.
    Il tenore generale è quello secondo cui i vignettisti che hanno sbeffeggiato Maometto, in fondo, sapevano a cosa sarebbero andati incontro.

    Come possa coniugarsi questa visione del mondo con quella laica e moderata della cultura occidentale è un interrogativo che solo certa sinistra dogmatica e sognatrice sembra non volersi porre.

    RispondiElimina
  39. http://mobile.tgcom24.it/cronaca/piemonte/figlio-di-coppia-lesbica-stallo-a-torino-sospesa-trascrizione-atto-di-nascita_2088125-201502a.shtml




    ECCO PERCHE' GLI ISLAMICI FONDAMENTALISTI POSSONO SOTTOMETTERE UN OCCIDENTE DEPRAVATO E CONTRONATURA CHE TENTA DI SUICIDARSI CON MADRE 1 E MADRE 2. .
    LA NATURA SI RIBELLERA' A QUESTE PORCATE PERVERTITE.

    RispondiElimina
  40. http://mobile.tgcom24.it/mondo/speciale-attacco-charlie-hebdo/charlie-hebdo-attentatori-ancora-in-fuga-avvistati-a-nordest-parigi_2088318-201502a.shtml


    Potrebbe essere prossima la cattura. ...

    RispondiElimina
  41. http://mobile.tgcom24.it/mondo/speciale-attacco-charlie-hebdo/charlie-hebdo-attentatori-ancora-in-fuga-avvistati-a-nordest-parigi_2088318-201502a.shtml


    Charlie Hebdo, attentatori ancora in fuga: avvistati a nordest Parigi
    Si è conclusa con un nulla di fatto l'operazione della gendarmeria francese nella foresta di Longpont, ma i presunti killer sarebbero stati avvistati dagli elicotteri della polizia nei boschi vicino alla capitale francese

    Si è conclusa con un nulla di fatto l'operazione dei reparti speciali francesi sulle tracce dei terroristi di Charlie Hebdo in Piccardia, accanto alla foresta di Longpont. I presunti killer sarebbero però stati avvistati dagli elicotteri della polizia nei boschi a nordest di Parigi setacciati durante la giornata dalle teste di cuoio.

    RispondiElimina
  42. LA SOLA LINGUA CHE CONOSCONO QUEI MALEDETTI CANI ISLAMICI TAGLIAGOLE È LA VIOLENZA E BISOGNA DARGLIELA.


    http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740140/Francia--esplosione-in-una-.html



    ALTISSIMA TENSIONE IN FRANCIA

    Francia, esplosione vicino a una moschea. Granata contro un'altra

    08 gennaio 2015


    Resta altissima la tensione in Francia, dopo la strage compiuta ieri a Parigi contro il settimanale satirico Charlie Hebdo. Due attentati sono stati compiuti nel corso della notte e alle prime ore del mattino contro due luoghi di culto islamici. Poco dopo la mezzanotte una granata è stata lanciata da ignoti contro una moschea della città di Mans, secondo quanto eiferisce il quotidiano Le Maine Libre. Un vetro dell'edificio è stato inoltre infranto da un colpo di arma da fuoco. Altre tre granate intatte sono state trovate sul posto.

    All'alba, intorno alle sei del mattino, a Villefranche-sur-Saone nella regione del Rhone (sud della Francia), un'esplosione si è verificata davanti a un ristorante kebab vicino una moschea, senza provocare vittime. L'indagine è stata affidata alla polizia giudiziaria. Certamente, l'episodio viene letto alla luce della strage alla redazione di Charlie Hebdo.


    RULI5646
    08 January 2015

    Mi auguro che le radano al suolo tutte. Bisogna ripagarli con la stessa moneta in modo fermo e determinato, o questi BASTARDI ci faranno fuori tutti, con la complicità dei nostri BUONISTI NAZIONALI !

    er sola
    08 January 2015
    Reazione all'occidentale troppo blanda, praticamente una cagata. Per questi ci vuole pan per focaccia decisivo ed una volta per tutte affinché riabbassino il capo.

    Piulo
    Qualche volta non e' sbagliato usare le armi e in più un serio boicottaggio a tutti i livelli : non si acquista non si assume e dove possibile si licenzia.

    gianniob
    08 January 2015
    Era ora che si svegliassero gli europei. I selvaggi che seguono le direttive di un certo maometto, non capicono altro se non la violenza. Incominciamo a rimandrli nelle fogne dei loro schifosi paesi d'origine, distruggiamo TUTTE le sedi delle loro assemblee guerrafondaie e mettiamo fuori legge questa setta.

    RispondiElimina
  43. ARTICOLO MAGISTRALE DI LUTTWAK CHE ESPRIME AL 100% IL PENSIERO DI UN PATRIOTA DIFENSORE DELLA SUA SOVRANITA' NAZIONALE:


    http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/11740529/Charlie-Hebdo--Edward-Luttwak-.html




    Charlie Hebdo,

    Edward Luttwak:
    "Ecco cosa può accadere in Italia"

    09 gennaio 2015

    La strage di Charlie Hebdo ha sconvolto la Francia e soprattutto l'Occidente. Il nemico islamico arriva con una C3 spara e fugge via perdendosi nelle campagne. E così dopo lo sgomento è il momento di pensare a come difendersi dagli attacchi e dalla violenza inaudita con cui si uccide nel nome di Allah. Nella black list dei terroristi islamici insieme a "Charb", il direttore di Charlie trucidato lo scorso 7 gennaio c'è anche Edward Luttwak che in un'intervista ad Italia Oggi parla dell'attentato di Parigi e prova a dire la sua su come difendersi dagli attacchi: "Quello che c’è da fare è chiaro: dovete delegittimare questo trionfalismo musulmano. Perché il trionfalismo è quello che crea un’atmosfera per cui qualcuno si sente in diritto di uccidere la gente". 

    Cosa fare in Italia - A questo punto Luttwak parla anche dell'Italia e degli islamici che vivono sotto casa nostra: "Bisogna abbattere il trionfalismo islamico ovunque. Quello praticato da persone, ragazze magari, che vanno con il hijab indosso per dimostrare la loro partecipazione a questa forma estrema di islamismo. Magari parlano perfettamente l’italiano, sono carine e gentili, dicono «non siamo affatto sottomesse», ma poi difendono Hamas, con la sua costituzione genocida". Poi il consiglio: "È inutile perdersi in chiacchiere con gente come Tariq Ramadani, dovete sfrondare, dovete smettere di legittimarli o vi ritroverete quattro pazzoidi col kalashinikov in pugno, come questi di Parigi, che magari fino a ieri avevano fatto il ragioniere, l’architetto, il medico". E ancora: "Si può sfrondare smettendo per esempio di parlare per acronimi: basta dire Isis. Cominciate a chiamarlo Stato islamico. E a cessare di trattare la religione musulmano come le altre. Capisco, che sia troppo spinoso, ma dovete ammettere che l’unico scopo di quel credo è sottomettere gli altri. Ci sono già editori e giornalisti che, in Europa, hanno deciso di non occuparsi di questi cose e stare alla larga da queste vicende. La sottomissione comincia così. L’unico dialogo è questo: 'Riformatevi e diventate un altro tipo di religione'. Non possono venire a dirci che non stanno con Isis perché sono brutti e cattivi, in quanto tagliatori di teste, e schierarsi con Hamas che, all’articolo 7 della propria Costituzione, prevede l’uccisione di tutti gli ebrei. Il giornalista, l’intellettuale e chiunque altro appoggi Hamas non merita di stare nella società civile, in quanto sostiene un’intenzione genocida proclamata".

    Islam moderato? - Infine Luttwak mette inguardia da quelle etichette tanto care a sinistra che parlano di "Islam moderato": "Essere meno ipocrita. Francois Hollande lo è quando avalla l’idea di un Islam moderato. È una falsa moderazione: l’imam che non perde un congresso sul dialogo interreligioso, lo trovi poi su YouTube con le prediche in arabo con cui chiama tutti alla jihad, alla guerra santa. I politici europei smettano di essere ipocriti perché, così facendo, indeboliscono milioni di post-islamici del Vecchio Continente. Ovvero quegli immigrati, oggi spesso cittadini francesi, tedeschi, belgi, olandesi, che hanno voltato le spalle alla religione musulmana perché hanno capito che è irriformabile . Sono quelli che lasciano andare le loro moglie vestite all’occidentale, che non menano le loro figlie perché si scoprono le braccia. Vivono in Europa e oggi sono in imbarazzo a causa dell’ipocrisia di tanti vostri primi ministri".

    RispondiElimina
  44. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/i-comandanti-dei-fratelli-killer-andavano-in-moschea-a-milano/1081160/


    PISAPIA ISLAMICO DA CACCIARE DA ITALIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Via PisaPippa amico dei terroristi!

      Elimina
    2. Maledetto amico dei proci appecorinati

      Elimina
    3. Sindaciuccio traditore della patria

      Elimina
  45. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/01/09/sono-tra-noi-e-sono-sempre-di-piu-1.1365855


    I TERRORISTI CORANICI MANDANO I FIGLI DALL'IMAM PER FARLI ADDESTRARE ALLA GUERRA VERA.

    I GENITORI ITALIANI MANDANO I PROPRI FIGLI AI GAYPRIDE E GAYVILLAGE DOVE SI INSEGNA LA SOTTOMISSIONE ED A PRENDERLA NEL KIURLO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zei gaddibo e rassisda

      Di odio
      Di odio
      Di odio

      Elimina
  46. Coabitazione tra gay e adozioni contronatura sono due miscele esplosive per distruggere la natura vera umana che sarà incapace fisicamente di opporsi al terrorismo antioccidentale e antidemocratico di ispirazione coranica.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. FROCI LESBICHE E ISLAMICI COALIZZATI PER DISTRUGGERE L'OCCIDENTE CRISTIANO E PATRIOTTICO.


      http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/nozze-gay-ferri-legittimi-annullamenti_8c14ecb3-57f9-4581-a5ef-0a42e1b536ac.html


      Nozze gay:
      Ferri, legittimi annullamenti

      Sottosegretario Giustizia risponde a interrogazione parlamentare.

      09 gennaio 2015 12:22

      ROMA,
      "I provvedimenti prefettizi di annullamento di ufficio della trascrizione dei matrimoni celebrati all'estero tra persone dello stesso sesso sono pienamente legittimi". Lo ha detto Cosimo Maria Ferri, sottosegretario alla Giustizia, rispondendo in Aula alla Camera a un'interrogazione, sottolineando che "i sindaci sono tenuti a uniformarsi alle istruzioni impartite dal ministero dell'Interno e la vigilanza sugli uffici di stato civile spetta al Prefetto.

      Elimina
  47. http://www.liberoquotidiano.it/news/home/11740547/Violenta-sparatoria-nella-zona-della-ricerca.html

    Sparatoria nella zona della "caccia all'uomo", ci sono ostaggi


    Violenta sparatoria nella zona della ricerca

    09 gennaio 2015 ore 09,30

    Comtinua la caccia all'uomo in Francia dopo l'attentato alla redazione di Charlie Hebdo. In questi minuti è in corso una violenta sparatoria nel nord est della Francia lungo un'autostrada. Ci sarebbero anche degli ostaggi. 

    RispondiElimina
  48. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/quanti-flop-gli-007-francesi-e-quanti-errori-alleliseo/1081152/


    RispondiElimina
  49. Fallimento totale previsto da noi patrioti antislam della cosiddetta

    PRIMAVERA ARABA

    RispondiElimina
  50. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/i-comandanti-dei-fratelli-killer-andavano-in-moschea-a-milano/1081160/

    Maledetti traditori politicanti cattocomunistoidi

    RispondiElimina
  51. AL DI LA' DEI GIUDIZI , OVVI , DI CONDANNA SU TUTTI I FRONTI , TROVO ASSURDO E IMBARAZZANTE COME SI E' SVOLTA L' AZIONE , TERRORISTI CHE SBAGLIANO INDIRIZZI , TERRORISTI CHE AGISCONO CON LA MASSIMA CALMA , TERRORISTI CHE LASCIANO IN GIRO I LORO DOCUMENTI , TERRORISTI CHE ATTRAVERSANO PARIGI ( AVETE MAI AVUTO OCCASIONE DI GUIDARE A PARIGI ? ) E NON INCAPPANO IN UN INGORGO , IN UNA CODA AL SEMAFORO , E SOPRATUTTO NON VENGONO MINIMAMENTE INTERCETTATI , POI SE
    NE VANNO PER BOSCHI A PIEDI , CON IL MONDO , TRA POLIZIA E REPARTI SPECIALI , ADDOSSO ( 90000 PERSONE , STI CAZZI ! ) E SPARISCONO NEL NULLA ... BOHHH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NON DIMENTICHIAMO CHE GLI ISLAMICI SONO ELETTORI IMPORTANTI PER HOLLAND COME LO SONO DI TUTTI I GOVERNI DI SINISTRA FILOISLAMICI TIPO OBAMA.
      AVEVANO VERGOGNOSAMENTE TOLTO LA VIGILANZA FISSA DI POLIZIA CORAZZATA DAVANTI ALLA REDAZIONE DEL SETTIMANALE DIETRO LE PRESSIONI DI LOBBY ISLAMICHE MEDIORIENTALI CHE INTRATTENGONO RAPPORTI COMMERCIALI IMPORTANTI CON LE AZIENDE FRANCESI COME È SUCCESSO CON LA DEPOSIZIONE DI GHEDDAFI CON LA QUALE I FRANCESI VOLEVANO APPROFITTARE PER SPIAZZARE GLI ITALIANI NEI CONTRATTI PETROLIFERI DA ACCAPARRARSI.
      I TRASCORSI COLONIALI DEI FRANCESI SONO UN PUNTO CRUCIALE E MAI ARCHIVIATO.
      LA FRANCIA HA COLONIZZATO IL MAROCCO E PERTANTO I MAGHREBINI PROVENIENTI DA QUELL'AREA SONO FRANCOFONI MA ESISTONO SIA INDIVIDUI INTEGRATI SENZA INTERPORRE RIVENDICAZIONI RELIGIOSE E SIA CHI INVECE VUOLE VENDICARSI CERCANDO DI IMPORRE LA SHARI'A IN LUOGO NON/ISLAMICO.

      Elimina
    2. Ho letto che due agenti dei servizi segreti francesi simpatizzavano per gli jahidisti.
      Hollande CULO E CAMICIA con gli arabi terroristi.

      Elimina
  52. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/massacro-a-charlie-hebdo-killer-asserragliati-con-ostaggi/1081185/

    RispondiElimina
  53. http://www.internazionale.it/notizie/2015/01/09/operazione-della-polizia-a-dammartin-en-goele

    RispondiElimina
  54. http://mobile.tgcom24.it/checkexistpage.shtml?/mondo/speciale-attacco-charlie-hebdo/charlie-hebdo-violenta-sparatoria-nella-zona-delle-ricerche_2088534-201502a.shtml

    9.1.2015 h.10,20

    Charlie Hebdo, violenta sparatoria nella zona delle ricercheLo scontro nella cittadina di Dammartin-en-Goele: i presunti attentatori della strage si sarebbero rifugiati in un'azienda con degli ostaggi

    Sembrerebbe al rush finale la caccia ai due presunti killer della strage di Parigi, nella sede di Charlie Hebdo. Una violenta sparatoria infatti sarebbe in corso nella cittadina di Dammartin-en-Goele dove si sarebbero rifugiati i fratelli Kouachi. Secondo Rtl, i due sarebbero barricati in un'azienda e avrebbero preso un dipendente in ostaggio. Erano stati avvistati l'ultima volta giovedì notte dagli elicotteri della polizia a nordest di Parigi.

    RispondiElimina
  55. http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2015-01-09/assassini-charlie-hebdo-sotto-assedio-ma-e-nuovo-allarme-roissy-ostaggi-azienda--092507.shtml?uuid=AB1uVEbC


    Assassini di Charlie Hebdo sotto assedio, un ostaggio e vittime. Negoziati in corso

    Drammatiche ore in Francia, dopo la strage alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo. È in corso una sparatoria a Dammartin-en-Goele, a due chilometri dall’aeroporto di Roissy. Tre persone si sono barricate in un’impresa di lavori pubblici, ci sarebbero due morti e cinque feriti gravi, riportano media francesi.

    Due di loro potrebbero essere i fratelli Kouachi, ritenuti i responsabili della più spietata esecuzione contro la libertà di espressione in Francia , 88mila agenti sono impegnati in una gigantesca caccia all’uomo. La caccia è nel nordest del Paese. Secondo l'emittente francese RTL sarebbero stati presi ostaggi in un'azienda di Dammartin-en-Goele, cittadina situata a qualche chilometro dall'aeroporto di Roissy, dove una fonte di polizia ha riferito di un'intensa sparatoria con un inseguimento a un'auto. Poco prima era stata rubata un'auto nella vicina località di Montagny Sainte-Félicité, da due individui armati corrispondenti alla segnalazione dei fratelli Kouachi.

    Hollande sospende il vertice per seguire l’azione
    La riunione interministeriale di crisi che era in corso a Parigi è stata interrotta, mentre la caccia all'uomo si concentra ora a Dammartin-en-Goële con una possibile presa di ostaggi. Il presidente Francois Hollande segue gli sviluppi dal suo ufficio assieme ai ministri degli Interni Bernard Cazeneuve e della Giustizia Christiane Taubira.

    Le rivelazioni del capo degli 007 britannici
    Oltre 20 piani per attacchi terroristici legati ad al Qaeda in Siriacontro obiettivi occidentali sono stati registrati negli ultimi 14 mesi: lo ha detto il direttore generale dei servizi segreti interni britannici MI5, Andrew Parker, secondo quanto riporta il quotidiano Financial Times. Alcuni di questi piani sono stati realizzati con successo, come l'uccisione di quattro persone lo scorso maggio al museo ebraico di Bruxelles da parte di un cittadino francese, mentre altri sono stati sventati.

    Identikit degli assassini
    Finora di loro sappiamo che erano conosciuti da anni alla polizia francese, che non potevano volare su aerei diretti verso gli Stati Uniti perché inseriti come sospetti nella no fly list Usa, che sono stati in Siria e hanno combattuto la jihad, la Guerra Santa.

    RispondiElimina
  56. CHIUDERE MOSCHEE E LUOGHI DI INCONTRO DEI TERRORISTI E OSCURARE TUTTI GLI ACCOUNT INTERNET E FACEBOOK NONCHE' TWITTER.CHIUDERE TUTTI GLI INTERNET/POINT GESTITI DA ISLAMICI.
    OBBLIGARE LE DONNE A NON INDOSSARE ALCUN VELO IN LUOGO PUBBLICO.VIETARE LA PREDICA JAHIDISTA ANCHE IN PRIVATO COSI COME FANNO IN ARABIA SAUDITA NEI CONFRONTI DEI CRISTIANI.SCHEDARE TUTTI GLI ISLAMICI RESIDENTI IN EUROPA E OBBLIGARLI A NON COMPORTARSI PUBBLICAMENTE DA MUSULMANI.VIETARE OGNI FORMA DI MANIFESTAZIONI PUBBLICHE CHE SIANO RIFERIBILI ALL'ISLAM.VIETARE IL CORANO SUL SUOLO ITALIANO E VIETARE OGNI FORMA DI INDOTTRINAMENTO ISLAMICO.TOGLIERE IL CORANO DALLE LIBRERIE PUBBLICHE.VIETARE L'INGRESSO IN EUROPA A CHI NON DIMOSTRA DI ESSERE BATTEZZATO CRISTIANO.

    RispondiElimina
  57. Chi entra in Europa deve sottoscrivere l'impegno a non professare pubblicamente l'islam pena espulsione immediata.

    RispondiElimina
  58. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740641/Charlie-Hebdo--l-imam-rivendica.html


    Charlie Hebdo, l'imam rivendica la strage: "Siamo stati noi"

    09 gennaio 2015

    A 48 ore dalla strage nella redazione di Charlie Hebdo arriva la rivendicazione. Sono stati i terroristi dello Stato Islamico. Un religioso vicino all'Is ha annunciato durante un sermone a Mosul, in Iraq, che l’organizzazione guidata da Abu Bakr al-Baghdad è la responsabile dell’attacco a Parigi. "Abbiamo iniziato con l’operazione in Francia, per la quale ci assumiamo la responsabilità. Domani saranno la Gran Bretagna, l’America e altri», ha affermato l’imam Abu Saad al-Ansari - citato dall’agenzia Dpa - nella città da mesi sotto il controllo dei jihadisti. "Questo è un messaggio a tutti i paesi che partecipano alla coalizione (internazionale guidata dagli Usa, ndr) che ha ucciso militanti dello Stato islamico", ha sottolineato. Intanto, i terroristi sono ancora asserragliati a Dammartin en Goele in una piccola azienda che stampa volantini pubblicitari. 

    RispondiElimina
  59. Prima la condanna per un atto che va oltre il criminale.
    Poi una considerazione: se qualcuno avesse scritto quelle vignette nei confronti della religione cattolica chi si sarebbe indignato?
    Domando esiste ancora il reato di vilipendio alla religione?
    W la battaglia di Lepanto ..... altro che Giuseppe Garibaldi!!!!!!!!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cristiani vengono massacrati nel mondo e altro che vignette.
      Molti occidentali si cagano di una eventuale FATWA che i terroristi emettono.
      La FATWA è una condanna a morte che un imam emette e rende pubblica e che obbliga ogni BRAVO MUSSULMANO ad eseguirla.

      Elimina
  60. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/lindia-spara-contro-i-maro-non-ci-furono-provocazioni/1081231/


    ATTACCO ISLAMICO E ATTACCO INDIANO CONTRO FRANCIA E L'ITALIETTA GOVERNATE DA EUNUCHI.

    RispondiElimina
  61. Secondo attentato alle 12 odierne a Parigi da parte di coppia etero islamica in un supermarket ebreo alla Porta di Vincennes.
    Morti e feriti.

    Guerra Totale a Parigi

    RispondiElimina
  62. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/parigi-5-ostaggi-in-negozio-kosher_949118bf-37b9-4567-a434-8469fc30fa17.html


    GUERRA MONDIALE DICHIARATA DA ISLAM


    Parigi,
    5 ostaggi in negozio kosher
    Sequestratore sarebbe killer poliziotta di ieri

    09 gennaio 2015 14:06

    (ANSA)- PARIGI, 9 GEN - "Sono cinque gli ostaggi trattenuti" nel supermercato kosher della porte de Vincennes a Parigi: è quanto riferisce BFM-TV che mostra le immagini delle teste di cuoio in azione sul posto. Il sequestratore sarebbe il killer della poliziotta ieri mattina nel sud di Parigi è lo stesso che tiene diversi ostaggi, tra cui donne, davanti al negozio Kosher alla Porte de Vincennes di Parigi. (ANSA).

    RispondiElimina
  63. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/lega-governo-collabora-con-i-terroristi_b4e4939e-82a4-4856-898b-126f90378c0a.html

    Lega, governo collabora con i terroristi
    Grimoldi a esecutivo, quello che fate va in quella direzione.

    09 gennaio 2015 10:54

    ROMA, "Questo governo è collaborazionista dei terroristi: quello che fate va in questa direzione, azzerando il fondo espulsioni".
    Lo dice nell'Aula della Camera
    Paolo Grimoldi della Lega in replica al ministro Alfano.
       

    Lega, governo collabora con i terroristi

    RispondiElimina
  64. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/parigi-sequestro-in-negozio-kosher-si-sospetta-il-killer-di-montrouge/1081221/


    GLI AMICI TERRORISTI ISLAMICI TAGLIAGOLE CHE FANNO UNA VISITA DI CORTESIA AGLI EBREI A PARIGI.

    CHE CARINI....!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  65. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/dalla-legge-sulla-moschea-togliete-la-parola-sicurezza/1081086/

    SPERIAMO CHE MARONI NON SI FACCIA FREGARE SULLA PAROLA SICUREZZA PER LE MALEDETTE MOSCHEE LUOGO DI TERRORE ALTRIMENTI QUESTI FATTI GRAVISSIMI DI PARIGI SONO UNA INVENZIONE MEDIATICA E GLI ISLAMICI TERRORISTI NON SONO I MALEDETTI CRIMINALI CHE SONO. ..!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  66. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/charlie-hebdo-suicida-poliziotto-coinvolto-nellindagine/1081260/

    9 Gennaio 2015

    Charlie Hebdo, suicida poliziotto coinvolto nell'indagine.
    Numero due della polizia giudiziaria di Limoges, faceva parte di una missione che collaborava all'inchiesta sul Charlie Hebdo.
    Si è sparato alla testa nel suo ufficio con l’arma d’ordinanza

    Luca Romano

    Nella notte tra mercoledì e giovedì si è tolto la vita un dirigente di polizia che aveva indagato sulla strage al Charlie Hebdo.
    Ne danno notizia i quotidiani Le Populaire e Le Parisienne. Si tratta del numero due della polizia giudiziaria di Limoges e faceva parte di una missione che collaborava al caso. L’uomo, che si è sparato alla testa nel suo ufficio con l’arma d’ordinanza, aveva 44 anni, e aveva iniziato la propria carriera in polizia nel 1997 a Versailles. Nel 2007 era diventato commissario e poi capo della sicurezza del dipartimento della Haute-Vienne. Era arrivato a Limoges nel 2012 nella veste di vice direttore del servizio di polizia regionale. Sul caso è stata aperta un’inchiesta: non si sa ancora se vi sia un legame con il caso che sta sconvolgendo la Francia in questi ultimi giorni.

    RispondiElimina
  67. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/ma-oggi-de-gaulle-potrebbe-denunciare-linvasione-islamica/1081139/

    9 Gennaio 2015

    Ma oggi De Gaulle potrebbe denunciare l'invasione islamica?Nel 1959 metteva in guardia dalla perdita di identità nazionale, dicendo: "Chi crede all'integrazione ha il cervello di un colibrì". Era anche lui un razzista?

    Luigi Mascheroni

    «È un bene che ci siano francesi gialli, francesi neri e francesi marrone. È la dimostrazione che la Francia è aperta a tutte le razze e che ha una vocazione universale. Ma a condizione che essi restino una piccola minoranza. Altrimenti la Francia non sarà più la Francia».Lo diceva, profetico, ma di fatto inascoltato, un uomo che conosceva e amava e difendeva la Francia come pochi altri. Charles de Gaulle, il quale così parlava il 5 marzo 1959, pochi mesi dopo essere stato nominato Presidente della Quinta Repubblica, rispondendo alle sollecitazioni multiculturaliste degli engagés : «Noi siamo comunque prima di tutto un popolo europeo di razza bianca, di cultura greca e latina e di religione cristiana. Che non ci raccontino delle storie! I musulmani, voi siete stati a vederli? Voi li avete visti con i loro turbanti e le loro djellaba ? Vedete bene che non sono dei francesi!». E subito dopo: «Coloro che spingono verso l'integrazione hanno un cervello da colibrì. Cercate di integrare l'olio con l'aceto. Agitate la bottiglia. Dopo un secondo, si separano di nuovo. Gli arabi sono gli arabi e i francesi sono i francesi».Quando de Gaulle pronunciava queste parole, alla fine degli anni Cinquanta, un quartiere di Parigi come Belleville, a esempio, iniziava a vedere l'arrivo massiccio degli immigrati dell'Africa del Nord. Oggi a Belleville, un territorio di frontiera a foltissima componente maghrebina, cominciano le banlieues francesi dell'Islam. E la Francia, fra Parigi, Lione, Marsiglia, Lilla e Strasburgo, ha la più grande popolazione musulmana d'Europa, 5-6 milioni, e 2100 luoghi di culto. Si chiedeva, de Gaulle: «Voi credete che la popolazione francese possa assorbire 10 milioni di musulmani, che domani saranno 20 e dopodomani 40? Se noi facessimo l'integrazione, se tutti gli arabi e i berberi d'Algeria fossero considerati come dei francesi, come impediremmo loro di venire a installarsi nelle metropoli, dato che il livello di vita è molto più elevato? Il mio comune non si chiamerebbe più Colombey-les-Deux-Eglises ma Colombey-les-Deux-Mosquées».La domanda non è se de Gaulle avesse ragione (la risposta è sì), ma (e la risposta è no, in entrambi i casi), se - primo - esiste oggi un politico che possa sostenere un discorso del genere, senza essere mediaticamente decapitato. E - secondo - se lo stesso de Gaulle, non un Sarkozy o un Hollande qualsiasi, potrebbe ripetere, oggi , quelle parole. Almeno, non potrebbero accusarlo di fascismo.


    FRANZJOSEFF
    DE GAULLE MI HA FATTO SCHIFO E RIBREZZO QUANDO IN UN DISCORSO DI COMMEMORAZIONE SULL'OPERAZIONE OVERLORD DA "BUON" FRANCESE HA "DIMENTICATO" VOLONTARIAMENTE I RAGAZZI SOLDATI AMERICANI CANADESI E DI ALTRI PAESI (MORTI CHE DOBBIAMO INGINOCCHIARCI DAVANTI A LORO PER RISPETTO) CHE SONO VENUTI A LIBERARE L'EUROPA, RICORDANDO SOLO I POCHISSIMI FRANCESI NELLO SBARCO. PER ALTRI ARGOMENTI AVEVA RAGIONE. QUANDO DICEVA VIVE LA FRANCE. SI PUO' CRITICARE PER QUESTO MA AVEVA CAPITO TUTTO. NON PENSO CHE DE GAULLE ERA RAZZISTA ERA PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA E DIFENDEVA I SUOI VALORI DI FONDAMENTALI DI UNA NAZIONE. DIFESA DA QUALSIASI COSTITUZIONE. COSI' I SINISTRI NON POSSONO CRITICARE QUANDO SI PARLA DI COSTITUZIONE HANNO ROTTO LE SCATOLE DA TEMPO. LA PAROLA COSTITUZIONE LI ZITTIRA'.

    RispondiElimina
  68. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/italia-invasa-dai-clandestini-ecco-perche/1081255/


    9 Gennaio 2015

    Italia invasa dai clandestini: ecco perché i controlli sull'identità degli immigrati sono scarsissimi e si concede loro anche la possibilità di violare le regole ed uscire dai centri di accoglienza. Così l'Italia accoglie l'85% dei clandestini

    Andrea Riva

    Se Mare Nostrum, definito da Le Monde "troppo incoraggiante per i migranti", è stato un disastro (9,2 milioni di euro al mese per recuperare oltre 150mila clandestini), Triton rischia di essere anche peggio. Tra le due operazioni, c'è solo una differenza di miglia: mentre con Mare Nostrum le navi italiane andavano a recuperare i migranti fino a 75 miglia (120 chilometri) dalle coste italiane, con Triton le navi potranno arrivare "solo" a 30 miglia (48 chilometri) dalle coste, che - per esempio - nel caso di Lampedusa significa poter andare a recuperare gli immigrati a circa metà strada.Rimane invariato, invece, il fatto che le operazioni di recupero rimarranno sulle spalle del governo e dei contribuenti italiani. Il numero degli immigrati che giungono sulle nostre coste sono sempre più, ma, come scrive Le Monde, "le espulsioni sono rare. L'Italia espelle ogni anno meno del 15% dei migranti senza documenti, contro il 51% della Francia. Se si considerano i migranti arrivati dal mare, questa percentuale scende all'1%, secondo le stime dell'Arci". E anche per quanto riguarda i richiedenti asilo l'Italia si mostra sempre meno obiettiva nella selezione delle richieste, accogliendo ben il 70% delle proposte contro il 30% francese.Non appena arrivano in Italia, gli immigrati vengono smistati nei centri di accoglienza - dove ricevono vitto e alloggio, oltre ad aver diritto ad un corso di italiano e a 2,50 euro al giorno - e dai quali, come nel caso del centro di Caltanissetta, possono uscire e vagare liberamente "in una piazza del centro della città". Inoltre, dal 2011, l'Italia ha abbandonato Dublin II, il sistema europeo pensato per disincentivare l'immigrazione clandestina, che prevede la presa delle impronte digitali per tutti coloro a cui è stato rifiutato il diritto d'asilo in modo tale da non poter far richiesta "in un paese diverso dal primo in cui sono arrivati". Tutto questo mentre il terrorismo islamico colpisce l'Europa.  

    Gianca59

    In Italia le regole non valgono per gli italiani, figurarsi per gli stranieri ….

    laura

    Un paese che non fa rispettare le regole a chi arriva e' un paese di MERDA!

    Memphis35
    Se questo è un governo...


    vince50_19

    Un governo così debosciato che ha pure abbandonato il trattato di Dublino II (non ne ero a conoscenza) è veramente da guinness dei "primati", con tutto il rispetto per gli altri primati.. Vengino siori .. venghino, qui troverete di tutto e di più.. Ma che schifo!

    igiulpu
    E' inutile. La Lega è avanti dieci anni su queste problematiche. Solo chi sta al governo sembra non accorgersene e l'Europa pure, pronta invece a sanzionarti se dici qualcosa di "non politicamente corretto". Che schifo.

    rosa52

    secoli di storia che ci hanno portato ad essere un paese civile ,spazzati nel giro di pochi anni dalla nullita'di questi politici di sinistra che ci faranno diventare un paese del terzo mondo... che tristezza!!!

    ASPIDE 007

    ...Caro Governo e Parlamento! Con le vostre "regole" (leggi), gli immigrati clandestini, nonché i criminali comunitari ed extra, se stampate su carta morbida e profumata, le impiegano per nettarsi quel posto dove non batte mai il sole. Se quei tragici fatti sono accaduti in Francia e non da noi, è semplicemente perché ad "essi" fa comodo che l'Italia rimanga il ventre molle dell'Europa, dove tutti possono arrivare indisturbati e fare i loro porci comodi.

    RispondiElimina
  69. Per sterminare i musulmani a Parigi devono chiedere lumi a Putin.
    Niente pieta' e mettere in conto la morte di ostaggi visto che la maggioranza dei francesi ha dato il suo assenso alla presenza di 6 milioni di islamici terroristi maledetti.

    RispondiElimina
  70. Matite a forma di CROCE per mandare a fanculo questi maledetti islamici ispirati da quel criminale di Maometto.

    RispondiElimina
  71. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/lesperto-di-jihad-i-servizi-non-sono-onnipotenti-anche-litalia-e-vulnerabile/1081270/


    AL FANO ERA TUTTO PRESO DAL RACCATTARE NEL MEDITERRANEO I TERRORISTI ISLAMICI INVASORI.
    UN TRIBUNALE TIPO NORIMBERGA PER GIUDICARE QUESTI POLITICI TRADITORI.

    RispondiElimina
  72. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740765/Charlie-Hebdo--i-servizi-algerini.html

    Charlie Hebdo, i servizi algerini: "Avevamo avvisato i francesi di un attacco imminente"

    09 gennaio 2015

    "I servizi segreti algerini avevano allertato il 6 gennaio Parigi di un attacco terrorista imminente." Lo riferisce i-Telè che alza un velo su come i servizi segreti francesi abbiano gestito l'ondata di attacchi che si è scatenata con l'attacco e la strage alla redazione di Charlie Hebdo. Di fatto dunque i servizi francesi erano a conoscenza del rischio attentati e a quanto pare lo hanno ignorato senza prendere nessun provvedimento. Un report quello dei servizi algerini che complica ancora di più la posizione dei servizi francesi che sono già in mezzo alla bufera, inieme ai vertici della polizia per non aver ancora fermato i fratelli Cherif e Said Kouachi. I fratelli Kouachi non erano certo degli sconosciuti, per i servizi e la polizia francesi. In particolare il più giovane dei due, il trentaduenne Chérif una decina di anni fa era passato dalla piccola delinquenza al radicalismo islamico grazie all'indottrinamento, in una moschea dell'Est parigino, di un imam, Farid Benyettou, che aveva costituito una delle prime organizzazioni di reclutamento di giovani da inviare a combattere in Iraq. Proprio in seguito all'inchiesta su questa filiera, Chérif era stato arrestato nel 2005 e condannato a tre anni di carcere. Qualche anno dopo, Chérif viene coinvolto nell'inchiesta sul tentativo di favorire l'evasione di un terrorista in prigione per l'attentato a un treno della rete regionale a Parigi nel 1995. Viene rilasciato per mancanza di prove, ma in quell'occasione la Procura sottolinea "il suo forte legame con l'islam radicale e la condivisione delle tesi sulla legittimità della guerra santa armata". Chérif è anche molto vicino all'autore dell'uccisione di due politici tunisini, Boubaker Al-Hakim, che secondo il ministero dell'Interno tunisino è "un terrorista tra i più pericolosi". Insomma a quanto pare i servizi d'Oltralpe hanno peccato di superficialità. E ora non gli resta che contare i  morti e gli ostaggi...


    gianbus52
    09 January 2015

    La colpa è del presidente francese che come la Boldrini tiene più ai musulmani che al popolo sovrano

    RispondiElimina
  73. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/01/09/jihad-partiti-cinquanta-italiani-15-sono-morti-1.1365772


    Grande ministro Angelino(Algerino) Al Fan che sembra un amico degli imam e monitora e protegge i valorosi jihadisti che quando hanno perso la nave possono contare sugli scafisti della MMI per rientrare in Europa senza dovere spendere soldi che quelli li mettono i COJOTES italiani.

    RispondiElimina
  74. Europa occidentale ed orientale
    Stati Uniti
    Gran Bretagna
    Australia
    Giappone
    Russia
    Sudafrica
    Usa
    Argentina
    Nuova Zelanda

    Basterebbero questi nomi di Stati per coalizzarsi contro i coranici animali e per loro sarebbe la fine.

    RispondiElimina
  75. SALVINI CHIARISCE COSA SIA ISLAM.


    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/charile-hebdo-legareligioni-non-uguali_76edb853-5fee-4292-8611-95ad02178ac3.html





    Charile Hebdo:
    Lega
    Religioni non uguali
    Papa fa il Papa,
    ma dialogo con Islam va fatto con mille 'se'

    09 gennaio 2015 15:41

    (ANSA).Il Papa fa il Papa, io faccio l'amministratore.
    Ritengo che fino a che la cultura, prima ancora che la religione islamica, non abbia fatto pace con il mondo e con se stesso, il dialogo debba essere fatto con mille se e mille ma. Mettere tutte le religioni sullo stesso piano con milioni di persone che in nome di Allah sono pronte ad uccidere mi sembra un errore".
    Così il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini a Skytg24.
       

    RispondiElimina
  76. http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/09/charlie-hebdo-assalto-a-dammartin_e0fe6a65-2931-46cf-972b-e41e59be8493.html

    Charlie Hebdo: assalto a Dammartin
    Fumo, raffiche ed esplosioni dalle immagini tv


    09 gennaio 2015 17:12

    (ANSA) Assalto delle forze di sicurezza francesi a Dammartin-en-Goele, dove sono trincerati con un ostaggio i fratelli Kouachi, i terroristi di Charlie Hebdo.
    Sul luogo sono state udite diverse forti esplosioni e si sentono raffiche di armi, riferiscono gli inviati dell'ANSA sul posto.
    Le operazioni di evacuazione di ragazzi dalla vicina scuola media sono state momentaneamente interrotte. Uomini del Gign e del Raid, i reparti speciali francesi, sono visibili sul tetto dell'edificio.
       

    RispondiElimina
  77. tutti diciamo la stessa cosa, cioè che devono cacciare stà gente da casa nostra..
    e qui sbagliamo, io per primo, dobbiamo essere noi a cacciarli. centinaia di persone che si muovono per dar la caccia all'islamico verrebbero identificati ed arrestati nel giro di poco tempo. possibile che non ci sia un milione di uomini come me, come noi, pronti a scendere in strada e rasare a zero quartieri di arabi, a prenderli a calci in bocca nella migliore delle ipotesi. insomma a dare una scossa a sto cazzo di paese in mano di stronze come la boldrini??
    cosa stiamo aspettando ancora, cosa?? si tratta della nostra sopravvivenza, un istinto primordiale e non razzismo come dicono certi . o noi o loro. Non sarà mai possibile riuscire ad integrare l'islam in Italia, perchè son loro che non si vogliono integrare.
    IO DICO CHE E' ORA DI FARLA FINITA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo 2....
      Avanti altri con le palle....

      Elimina
  78. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740574/Parigi--assalto-ai-killer-di.html

    Charlie Hebdo, il blitz in diretta contro i due fratelli Kouachi: "Li hanno uccisi"

    09 gennaio 2015

    Dopo ore di assedio, pochi minuti prima delle 17, quando la luce cominciava a calare, il blitz delle teste di cuoio francesi contro i due autori della strage a Parigi nella redazione di Charlie Hebdo. Spari e fumo, poi delle esplosioni. Quindi il silenzio, e quindi altre raffiche di mitra. Nel corso del raid Said e Cherif Kouachi sono stati uccisi. I due fratelli sono gli islamisti che si sono macchiati dell'uccisione di 12 persone nella redazione del settimanale satirico, braccati sin dal primo mattino dopo una caccia all'uomo che si protraeva da due giorni. I Kouachi avevano uno o due ostaggi. Le prime indiscrezioni dopo il blitz affermano che l'unico ostaggio nelle loro mani è uscito indenne dopo l'azione delle teste di cuoio. L'azione delle forze speciali è avvenuta in una fabbrica a circa 70 km da Parigi, nel paesino di Dammartin-en-Goele, a circa 30 chilometri dalla zona dove si sono svolte le ricerche giovedì. In parallelo, a Parigi, avveniva il blitz nel negozio kosher occupato da un altro estremista islamico che minacciava di uccidere i suoi ostaggi nel caso in cui i fratelli Kouachi non fossero stati liberati.I due terroristi di Charlie Hebdo, prima di chiudersi in una piccola tipografia, in mattinata avevano avuto un primo conflitto a fuoco con le autorità: si era parlato di due vittime, poi la circostanza era stata smentita. I Kouachi avevano affermato di essere "pronti a morire come dei martiri". Nel corso della lunga ed estenuante giornata le forze dell'ordine avevano stabilito un contatto telefonico con i terroristi. A preoccupare, come accennato, la situazione parallela al negozio di alimentari kosher occupato a Parigi da un altro terrorista islamico che appartiene alla loro stessa organizzazione: nella capitale l'uomo - che sarebbe stato ucciso - teneva cinque ostaggi, e minacciava di ucciderli nel caso in cui i fratelli Kouachi non fossero stati liberati.Sul luogo del blitz, sin dal mattino, volavano elicotteri e si concentravano forze dell'ordine francesi. Il ministro francese dell'Interno, Bernard Cazeneuve, aveva spiegato che le teste di cuoio avrebbero effettuato il blitz "nei prossimi minuti e ore". I due macellai islamici hanno raggiunto la tipografia dopo la fuga avvenuta nella notte tra i boschi: la ditta dove si sono asserragliati è la piccola Creation Tendance Decouverte, in Rue Clement. La speranza della polizia è quella di catturare vivi i due terroristi. Nel frattempo la cittadina di Dammartin-en-Goele era stata isolata: le persone chiuse in casa, bimbi e ragazzi prima intrappolati e poi scortati fuori dalle scuole. Verso l'ora di pranzo il prefetto della polizia di Parigi aveva previsto che "l'epilogo è vicino".

    gianni-1
    09 January 2015 - 17:05
    ed ora che succederà?,, questo è quello che ci ha imposto la sinistra in europa, ed ora saremo noi normali cittadini a pagarne le conseguenze,,,,,

    spalella
    09 January 2015 - 17:05
    vogliono morire come martiri ? bene che martiri siano... ma Lentamente e con Dolore per Pagare, e per fare Deterrenza verso Altri della stessa razza che pensassero di imitarli. Non ho pietà e considero CIVIltà, GRANDE CIVILTà, la Vendetta contro i Crimini di DELINQUENZA ASSOLUTA e DOGMATICA a FREDDO. La Società Civile E' NATA proprio per Difendersi da gente simile, E' UN DOVERE AGIRE CON FORZA


    er sola
    09 January 2015 - 17:05

    Finalmente gli hanno ammazzati tutti e tre ora che siano sepolti su terra intrisa di sangue di maiale così potranno dire di essere tornati in seno alle proprie madri. Ora che l'occidente mostri a questa gente di cosa siamo capaci affinché non si ripetano atti simili e non si piangano più vittime innocenti.

    RispondiElimina
  79. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740676/Parigi--attacco-ad-una-drogheria.html


    Parigi, terrore totale: attacco a una drogheria ebraica: "Ci sono cinque ostaggi"

    09 gennaio 2015

    E' incorso in questo momento un blitz delle teste di cuoio alla drogheria ebraica di Porte de Vincennes dove un uomo di 32 anni di origine africana Amedy Coulibaly insieme ad una complice di 25 anni, Hayat Boumeddiene ha preso in ostaggio 5 persone. Secondo quanto si apprende dai media francesi alcuni ostaggi sarebbero stati liberati, mentre sei sarebbero stati uccisi. Il sequestratore invece sarebbe stato ucciso dalle teste di cuoio. Durante lo scontro a fuoco sarebbero stati feriti anche 4 agenti della polizia.L'attacco dell'uomo era cominciato con sparatoria per le strade di Parigi. L'assassino della poliziotta di Montrouge infatti è tornato in azione, con lui una complice: i due, armati di kalashnikov, hanno preso un negozio di alimentari kosher a Parigi. Nelle loro mani cinque ostaggi. Il tutto è avvenuto dopo che in mattinata i due i fratelli ricercati per la strage di Parigi, Cherif e Said Kouachi, hanno avuto un conflitto a fuoco con le forze di polizia e si sono asserragliate in una tipografia a Dammartin-en-Goele, con un ostaggio. I media francesi avevano diffuso la notizia di due morti e venti feriti, ma il procuratore generale di Parigi ha smentito che vi siano delle vittime; vi sarebbero invece dei feriti. Come detto, alla caccia all'uomo dei responsabili della strage in redazione, si è aggiunta la seconda sparatoria, avvenuta attorno alle 13 a Parigi, nella zona Porte de Vincennes. Come detto, nel supermercato preso d'assalto ci sarebbero cinque ostaggi, secondo alcune indiscrezioni si tratterebbe di una donna con i suoi quattro figli.L’autore dell’assalto è lo stesso che ieri a Montrouge (sud di Parigi) ha ucciso una poliziotta nel giorno successivo all'attacco a Charlie Hebdo. L’uomo, Amedy Coulibaly , era "associato" alla stessa filiera jihadista, basata nel 19/o arrondissement di Parigi e organizzata per inviare combattenti in Iraq, a cui apparteneva Cherif Kouachi, il più giovane dei due fratelli autori dell’attacco a Charlie Hebdo. Lo riferiscono fonti vicine agli inquirenti, gli stessi che ieri avevano escluso che l’atto fosse in qualche modo collegato alla matrice terroristica (alla luce dei fatti, forse un'operazione per evitare di far crescere l'allarme in città). A fiancheggiare Colulibaly anche una complice, la 26enne Hayat Boumeddiene, che si trova con lui all'interno del negozio.L'uomo autore della sparatoria e del sequestro nel supermercato kosher si è fatto riconoscere dalla polizia sul posto come l'assassino della poliziotta di ieri: "Sapete chi sono! sapete chi sono!", ha gridato per due volte ai poliziotti. Nel frattempo fuori dalla drogheria la polizia sta cercando di trattare con l'uomo e la donna dentro la drogheria. La richiesta dei rapitori è una sola: "Lasciate stare i fratelli Kouachi e fateli fuggire".

    marari
    09 January 2015 - 16:04
    Per concludere, dovevano entrare in una drogheria ebraica. Guarda un po' il destino! Ma se li prendono, spero ne facciano bocconcini per i loro amici musulmani.

    fossog
    09 January 2015 - 15:03
    E' ovvio, Noi siamo Buonisti e Loro assassinano perchè la prigione in occidente è un Albergo a Ore. Questo NON FA' ALCUNA DETERRENZA su poveri ignoranti che Non Sanno Vivere. PERO' SAREBBERO CAPACI DI VALUTARE IL ''DOLORE'' se le Pene fossero APPUNTO dolorose e prolungate. Sì, proprio quella Tortura che in occidente è stata cancellata per il LIVELLO CIVILE dei CITTADINI OCCIDENTALI. Ma ora ??

    cell43
    09 January 2015 - 15:03
    L'Europa deve liberarsi dei musulmani. Caricare le navi bloccare il timone direzione Africa ,quelli che non vogliono partire ,nei forni per riscaldare le città .molti sinistronzi italiani potranno seguirli biglietto omaggio.

    RispondiElimina
  80. Non si possono sentire gli psicosonistronzi che si sentono loro offesi dalle bellissime vignette satiriche da Premio Nobel alla Letteratura....altro che quel koglionazzo giullare di MELDA Dario Fo.

    Da 20 anni a questa parte si sono susseguite vignette,talk show, offese in piazza,oltraggi,calunnie e schizzi di fango infiniti nei confronti di cittadini di DESTRA o anche di centrodestra oppure associazioni tipo Casapound oppure Forzanuova oppure Sentinelleinpiedi oppure Albadorata.

    Ora che qualcuno dice NO all'islam terroristico perché fa stragi e vuole creare il CALIFFATO ISLAMICO.......quelle merde italidiote si stracciano le vesti per le OFFESE ai loro AMICI ISLAMICI TERRORISTI.
    Vadano a cagare e a vangare.

    RispondiElimina
  81. Dal 600 d.c. gli islamici non fanno altro che fare morti e distruzioni

    RispondiElimina
  82. Ragazzi leggete il commento di Arouset Stella Trabelsi Mohamed: ancora pochi anni e l'italia sarà nostra che voi lo vogliate o meno !!!!!
    https://www.facebook.com/114099168608363/photos/a.114109671940646.14613.114099168608363/930178113667127/?type=1&comment_id=932396303445308&notif_t=photo_reply

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo solo la Destra Identitaria potrà evitare l'ecatombe....

      Elimina
  83. Il 28 febbraio ci sarà la manifestazione contro il governo. Riprendiamo Roma e da lì tutta l'Italia! Dobbiamo essere numerosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saremo milioni di italiani INKAZZATI

      Elimina
    2. Viva Casapound che ci ospita in questo Blog e ci permette di scambiare opinioni e notizie.

      Elimina
  84. Maledetti islamici a cui bisogna fare la stessa cosa.......

    RispondiElimina
  85. Il nemico ci ha scelti ma per lisciarci il pelo userà i kalashnikov e il tritolo.....
    L'ISLAM è questo. ......AMEN

    RispondiElimina
  86. Milioni di criminali ci hanno dichiarato guerra e da domani ci troveremo costretti a difenderci per strada ma nel frattempo i paesi arabi del petrolio ci comprano con 4 soldi tramite governanti ed imprenditori venduti al nemico.
    Se non agiamo subito sarà troppo tardi.

    Intendiamoci.....il problema riguarda principalmente le donne che sono il bersaglio principale dell'islam che le considera come fossero schiave al servizio esclusivo del maschio.
    Io da maschio non mi preoccupo tanto perché l'islamismo mi consentirebbe di vivere alla grande e quella religione mi permetterebbe di sottomettere la femmina e di usarla come una schiava sessuale giustificato(io) religiosamente.....

    RispondiElimina
  87. Je Suis Charlie Hebdo

    RispondiElimina
  88. Je Suis Charlie Hebdo

    RispondiElimina
  89. Pena di morte con esecuzione pubblica degli autori di reati gravissimi con la motivazione islamica.

    RispondiElimina
  90. Io sono Charlie Hebdo

    RispondiElimina
  91. Islam moderato non esiste

    RispondiElimina
  92. Ministro dell'Interno collaborazionista coi terroristi visto che i clandestini islamici li vanno a prendere con le navi militari nei bagnasciuga africani (Copyright Lega Nord).

    RispondiElimina
  93. Nonostante le gravissime azioni terroristiche perpetrare sul suolo francese in questi due giorni dai mussulmani stasera in tv hanno detto che Hollande avrebbe invitato domenica in piazza a sfilare anche mussulmani ed amici di loro ma non ha invitato Marie Le Pen in quanto,a suo dire,la sua presenza OFFENDEREBBE I TERRORISTI...!!!!!!
    La cosa mi lascia indifferente in quanto sicuramente sarà un flop e comunque chi semina zizzania raccoglie tempesta e Hollande ha la coscienza sporca.
    Se la sinistroide femminile francese non apre gli occhi al pericolo Islam immanente si ritroverà nel 2020 con un Presidente musulmano....contenti loro..... in burqa. ...!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  94. TUTTA BRAVA GENTE...QUESTI ISLAMICI...

    L'AMERICA DEVE RINGRAZIARE BUSH PADRE E FIGLIO ALTRIMENTI SENZA DI LORO E CON CLINTON E UN ALTRO COME CLINTON E OBAMA ADESSO SAREBBE GIÀ ISLAMIZZATA UFFICIALMENTE AL 100% ....


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/ergastolo-a-uno-degli-imam-che-influenzo-cherif-kouachi/1081341/

    9 Gennaio 2015

    Ergastolo a uno degli imam che influenzò Cherif Kouachi.

    Abu Hamza condannato da un tribunale di New York

    Giovanni Neve

    È stato condannato all'ergastolo da un tribunale di New York l’ex imam radicale della moschea londinese di Finsbury Park, Mostafa Kamel Mostafa, meglio noto come Abu Hamza al Masri.Estradato negli Usa nel 2012, Abu Hamza era stato ritenuto colpevole di 11 capi d’accusa relativi al terrorismo lo scorso maggio. Oggi alcuni media avevano rivelato che
    Cherif Kouachi, uno dei due terroristi che hanno compiuto la strage a Charlie Hebdo, era stato arruolato in carcere da un seguace di Abu Hamza. 

    RispondiElimina
  95. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/amedy-coulibaly-inviato-da-al-qaeda-giallo-sulla-fidanzata/1081268/

    9 Gennaio 2015

    Amedy Coulibaly: "Inviato da al Qaeda". Giallo sulla fidanzata
    Bfm intervista anche Cherif Kouachi: "Inviati da al Qaeda dello Yemen". Ancora ricercata Hayat Boumeddiene

    Chiara Sarra

    Sono due i responsabili della sparatoria avvenuta ieri a Montrouge in cui è rimasta uccisa una poliziotta e quella di oggi in un supermercato kosher alla Porte de Vincenne a Parigi. Secondo la polizia, che ha diramato un avviso di ricerca, i due attentatori sono Amedy Coulibaly (32 anni) e la findanzata Hayat Boumeddiene (26 anni).Amedy Coulibaly è uscito di prigione da due mesi. Era stato arrestato e condannato nel 2010, per aver fatto parte di un gruppo che aveva elaborato un piano per tentare di far evadere Smait Ali Belkacem, l’autore dell’attentato del 1995 alla stazione RER di Saint-Michel a Parigi. Nella stessa inchiesta, riferiscono i media francesi, era stato interrogato anche Cherif Kouachi, che era però stato scagionato. Secondo fonti di intelligence citate da France 2, comunque, Coulibaly era in contatto con i due fratelli franco-algerini ritenuti i responsabili della strage avvenuto al Charlie Hebdo. Per Le Monde, inoltre, Amedy e Cherif erano fra i principali discepoli dello jihadista Djamel Beghal, condannato per terrorismo, che faceva proseliti per gli estremisti takfir, una setta all’interno della comunità salafita.  Secondo un ufficiale di polizia i due potrebbero essere legati al massacro di Charlie Hebdo.Oggi pomeriggio, intorno alle 15, la tv francese Bfm-tv ha intervistato Coulibaly: "Loro Charlie Hebdo, io i poliziotti", ha detto l'attentatore sostenendo di essersi diviso i compiti con i fratelli Kouachi. Poi avrebbe aggiunto: "Sono un componente dello Stato islamico". Alla stessa televisione, però, Cherif Kouachi ha affermato di essere in missione per "al Qaeda dello Yemen" e di essere stato incaricato di "vendicare il profeta" dopo la pubblicazione delle vignette di Maometto dall’Imam Anwar-al-Awlaqi, americano di origini yemenite, ucciso da un drone Usa nel settembre 2011 in Yemen.Hayat Boumeddiene sarebbe invece ancora in vita e ricercata: secondo la Cnn sarebbe riuscita a fuggire mescolandosi con gli ostaggi in fuga dal negozio kosher, mentre altre fonti sostengono che non si trovasse nel supermercato kosher in cui si è svolto il blitz. I due sono legati sentimentalmente dal 2010 e la ragazzaandò a prendere Coulibaly all’uscita dal carcere. Da quel momento i due hanno iniziato a vivere insieme. Anche Boumedienne è stata interrogata dall’antiterrorismo nel 2010 e secondo Le Monde avrebbe detto alla polizia che nel corso di una visita a Beghal a Murat il gruppo si sarebbe allenato al tiro con la balestra.



    Mario Galaverna
    Pero, che strano. Si sono asserragliati in un negozietto kosher. Ma te guarda il destino cinico e baro che scherzi che ti fa. Chissà quante macellerie halal ci sono nei dintorni.

    Memphis35
    Ma non si erano già precipitati, i media, a smentire qualsiasi relazione col il massacro di Charlie Hebdo?

    RispondiElimina
  96. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/famiglia-il-bureau-delle-esposizioni-critica-luso-del-logo-per-il-convegno/1081216/


    Meno male che Maroni ha le palle....!!!!!!

    Sti stronzi di culattoni e lesbicone che sono 4 gatti del kazzo. .....che pretendono di decidere sui diritti degli italiani titolari della Patria...
    Roba da matti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A VOLTE UN NEGRO AFRICANO DICE COSE GIUSTE DIVERSAMENTE DALLA STRAGE COMMESSA A PARIGI DA TRE NORDAFRICANI.


      http://voxnews.info/2014/02/20/gambia-gay-sono-parassiti-peggio-della-tubercolosi/


      GAMBIA: “GAY SONO PARASSITI, PEGGIO DELLA TUBERCOLOSI

      BANJUL – Il presidente del Gambia Yahya Jammeh ha definito gli omosessuali “parassiti” e ha detto che il suo governo li affronterà nello stesso modo in cui combatte le zanzare che causano la malaria.

      I commenti più recenti di Jammeh, che l’anno scorso ha bollato i gay come ‘minaccia per l’umanità’, coincidono con un rinnovato giro di vite sulle relazioni omosessuali in tutta l’Africa, dove l’omosessualità è illegale in 37 paesi. Ma nessun Luxuria va a manifestare. Né, i media di disinformazione di massa, si interessano di quelle che sono persecuzioni reali, e non, immaginarie come in Russia.

      Negli ultimi mesi, la Nigeria ha bandito le relazioni omosessuali e l’Uganda ha votato l’ergastolo per gli atti omosessuali.

      “Combatteremo questi vermi chiamati omosessuali o gay allo stesso modo in cui stiamo combattendo le zanzare portatrici di malaria, se non in modo più aggressivo”, ha detto Jammeh in un discorso alla televisione di Stato per celebrare il 49 ° anniversario dell’indipendenza del Gambia dalla Gran Bretagna.
      “Per quanto mi riguarda, LGBT – ridicola sigla che dovrebbe stare per ‘lesbiche, gay, bisessuali e trans’ – può stare solo per lebbra, gonorrea, batteri e tubercolosi, che sono tutti dannosi per l’esistenza umana”, ha aggiunto.
      Vladimiro, in Gambia ti aspettano. Lì si, che c’è bisogno di manifestare..

      Elimina
  97. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/09/allarme-sicurezza-i-sindaci-alfano-e-renzi-ci-lasciano-soli/1081296/



    Al Fano e il boyscout hanno altro a cui pensare che occuparsi della sicurezza degli italiani. .?????

    RispondiElimina
  98. http://youmedia.fanpage.it/video/aa/VK5ooeSwB6_mWCVc


     8 gennaio 2015


    Strage di Parigi, alzata la guardia a Milano: "Pericolo emulazione"

    "Gli obiettivi più sensibili sono le sedi degli organi di informazioni e delle istituzioni francesi" – ha spiegato il Prefetto di Milano, Francesco Paolo Tronca, durante un vertice in Prefettura per discutere le misure speciali da adottare dopo l'attentato terroristico nella sede del giornale satirico di Parigi, Charlie Hebdo. "Per questo sarà intensificata la vigilanza mobile su tutti gli obiettivi sensibili" – ha detto il Prefetto.

    RispondiElimina
  99. http://voxnews.info/2015/01/09/gli-scafisti-della-marina-ci-portano-700-islamici/

    GLI SCAFISTI DELLA MARINA CI PORTANO 700 ISLAMICI

    GENNAIO 9, 2015 

    Mentre il presunto ministro degli interni millanta ‘sicurezza’, notte di vergogna ieri per Marina e Guardia costiera: raccattati oltre 700 potenziali terroristi.
    La nave Maestrale ieri sera ha soccorso due imbarcazioni a 105 miglia a sud di Lampedusa (praticamente in Africa) con numerosi clandestini a bordo. Al termine del soccorso ha trasbordato 210 clandesti agli scafisti della Marina Militare.
    Sempre ieri, la nave Libra, inserita nel dispositivoMare Nostrum “Triton” nel pomeriggio è stata inviata in soccorso di un’ imbarcazione in difficoltà a poche decine di miglia a nord delle coste libiche.
    Sull’imbarcazione è giunto anche il mercantile Bourbon Argos che ha recuperato 84 invasori.
    In serata è stata poi raccattata un’altra imbarcazione a meno di 50 miglia dalla Libia imbarcando 79 clandestini. Tutti i 163 invasori islamici recuperati dal mercantile Bourbon Argos sono stati trasbordati sul pattugliatore Libra durante la notte.Sempre nella giornata di ieri, a poche decine di miglia a nord delle coste libiche, due rimorchiatori (Asso 24 e Gagliardo) e una nave mercantile (Octopus) hanno soccorso e recuperato a bordo rispettivamente 263, 70 e 77 immigrati.La nave Libra è diretta adesso verso le coste italiane per lo sbarco dei 373 clandestini soccorsi ieri.
    Vergognatevi. Speriamo che il mare vi affondi. Vanno a raccattare feccia fin sotto le coste libiche, non ostante il sangue che gli immigrati fanno scorrere a Parigi. Non abbiamo una Marina Militare, ma un’accozzaglia di collaborazionisti che ci porta assassini: e più lontano li prendono, più soldi prendono.
    Siciliani, che aspettate a bloccare i porti???


    RispondiElimina
  100. http://voxnews.info/2015/01/09/stop-liberta-di-stampa-o-colpiremo-ancora/


    “STOP LIBERTÀ DI STAMPA O COLPIREMO ANCORA”

    GENNAIO 9, 2015 

    La Francia impedisca ai suoi cittadini “di attaccare l’Islam, i suoi simboli e i musulmani o ci saranno nuove operazioni” terroristiche.
    E’ la minaccia dell’Aqap, il ramo yemenita-saudita di Al Qaeda, in un video di rivendicazione degli attacchi di Parigi, registrato da uno dei suoi responsabili Harith bin Ghazi al-Nadhari e postato su Youtube.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Islam anti occidentale da annientare con tutti i mezzi prima che sia troppo tardi....

      Elimina
  101. http://voxnews.info/2015/01/09/allah-akbar-para-francese-aggredito-a-colpi-di-machete/


    “ALLAH AKBAR”:
    PARÀ FRANCESE AGGREDITO A COLPI DI MACHETE

    GENNAIO 9, 2015 

    Dopo l’attentato al Charlie Hebdo, l’attenzione mediatica internazionale si è concentrata, prevedibilmente, sulle vicende dei fratelli Kouachi e del terzo terrorista, Coulibaly. Ma i riflettori son rimasti spenti su altri fatti di cronaca, comunque inquietanti benché di minore gravità, in quanto mostrano come la strage nella sede del settimanale ed il blitz nel negozio di alimentari possano far parte, in realtà, di un clima ormai esasperato, viziato, malato, prodromi di una strategia del terrore più complessiva, più sistematica, più metodica, che lascia sullo sfondo l’eventualità, tutt’altro che remota, di una Francia messa a ferro e fuoco.Secondo quanto riferito da L’Indépendant, un paracadutista della III RPIMa di Carcassonne ha sporto denuncia in Commissariato, dopo esser stato vittima di un’aggressione: l’uomo si trovava a bordo di un veicolo dell’esercito, quando è divenuto bersaglio delle invettive di uno sconosciuto, che lo ha inseguito alla guida di unaFord Mondeo nera. Raggiuntolo, si è scagliato contro di lui al grido di «Allah Akbar», brandendo un machete ed una bombola di gas lacrimogeno. Fortunatamente l’episodio è rimasto privo di conseguenze, ma un’indagine è stata immediatamente avviata, per chiarirne bene i contorni.Le Figaro ha parlato invece del TGV, il treno ad alta velocità Lione-Parigi, bloccato presso la stazione di Creusot ed evacuato a Saône-et-Loire: sul convoglio un viaggiatore di nazionalità siriana, sorpreso senza biglietto, ha urlato d’essere un «terrorista», uno jihadista per la precisione, scatenando un putiferio.I siti web di numerosi Comuni d’Oltralpe sono inoltre divenuti preda di odiosi atti di pirateria, condotti da gruppi islamici: Val-d’Oise, Ezanville, Goussainville e molti altri han visto sui propri portali le informazioni municipali rimpiazzate dalla bandiera nera del sedicente “Stato islamico”, con messaggi zeppi di minacce. E’ normale tutto questo? Per non parlare dei tanti, vili post su Facebook, inseriti da cittadini musulmani, che han perso un’occasione per starsene zitti, solidarizzando con i terroristi.Non tutti sono infatti rimasti choccati, né mortificati per il sangue versato. Non tutti se ne sono rattristati. Non tutti hanno manifestato cordoglio e disprezzo verso gli autori dell’efferata carneficina. Non tutti. Anche se in questi giorni la grancassa mediatica ha voluto dimenticarsene.Oggi tutto questo accade in Francia, una Francia ferita, provata, stremata, debole ed inquieta. Ma pochi ne parlano. Mentre si insinua orribile il dubbio che, complice il nostro silenzio, come un’epidemia, il virus del terrore islamico possa presto infettare tutta l’Europa.

    RispondiElimina
  102. BITONCI NON SI METTE PAURA PER LE MINACCE INFANTILI DI UN BEDUINO ISLAMICO CHE INVECE CHE IN MOSCHEA DOVREBBE ANDARE A PREGARE IN UN PORCILAIO OVE MERITA DI STARE...!!!!!!


    http://voxnews.info/2015/01/09/imam-minaccia-bitonci-sei-di-passaggio/

    IMAM MINACCIA BITONCI:
    “SEI DI PASSAGGIO…”

    GENNAIO 9, 2015 

    Questa non è, come scrive il giornalista, una ‘secca replica’, è una minaccia vera e propria.

    BITONCI: “MAI UNA MOSCHEA A PADOVA”

    Come altro definire, chi, con arroganza, definisce la presenza di Bitonci ‘di passaggio’, e annuncia che loro ‘preferiscono agire nella società’?

    Amin Niam, siete voi immigrati islamici, di passaggio in Italia. Stanne certo. Il tempo è quasi maturo per la vostra ‘partenza’.

    RispondiElimina
  103. PADOVA È UNA CITTÀ IMPORTANTE PER IL CATTOLICESIMO CON IL SANTO ANTONIO.
    FA BENE IL MITICO SINDACO BITONCI A MANDARE A QUEL PAESE STI PEZZENTI CHE SONO VENUTI A CASA NOSTRA INVASORI NON GRADITI E CHE PRETENDONO UNA KAKKIO DI MOSCHEA.

    PRRRRRRRRRRRRRRRR. LA RISPOSTA..
    BRAVO BITONCI
    MI FA SPECIE CHE CI SIANO DEI FALSI PRETI CHE INVECE DI DIFENDERE IL TERRITORIO SACRO A GESÙ CRISTO SI FANNO PORTAVOCI DI ISTANZE ALTRUI MAGARI MOSSI DA INDICIBILI PERVERSI SCOPI...!!!!!!!


    http://voxnews.info/2015/01/07/bitonci-mai-una-moschea-a-padova/

    BITONCI: “MAI UNA MOSCHEA A PADOVA”

    GENNAIO 7, 2015 

    Alla richiesta dei cosiddetti ‘giovani musulmani’, che vogliono una moschea a Padova, risponde a stretto giro di posta il sindaco Bitonci: “Con me, mai!”.Con gli immigrati si schiera anche un sedicente prete, che dice: “Sono bravi ragazzi, ci fanno anche assaggiare il loro cibo”.

    Non sapevamo si chiamasse cibo…

    RispondiElimina
  104. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/quellodio-a-ritmo-di-rap-dove-balla-il-deputato-pd/1081444/


    IN EFFETTI LA SINISTRA ITALIANA HA SEMPRE ARRUOLATO LA ""PEGGIO GIOVENTU' SPACCIANDOLA PER IL NUOVO CHE AVANZA.
    IN QUESTO,LA OPPOSIZIONE NEL PARLAMENTO ITALIANO DA 3 ANNI A QUESTA PARTE È STATA RAP-PRESENTATA ESCLUSIVAMENTE DALLA LEGA NORD.
    PER IL RESTO ABBIAMO ASSISTITO AL ""NULLA"".
    NON DIMENTICHIAMO GLI INVITI ALLA CONVERSIONE ""POLITICA"" FATTI PROPRÌ DALLE PIÙ ALTE CARICHE DELLO STATO CON GESTI DI SOTTOMISSIONE PLATEALI.
    ABBIAMO ASSISTITO A NOSTRI RAPPRESENTATI IN PARLAMENTO AUGURARE IL BUON RAMADAM A QUESTI FANATICI INTOLLERANTI E ANDARE IN TOTALE REFERENZA OSPITI "VELATI " PRESSO QUELLE MOSCHEE LUOGHI ABITUALI DI INDOTTRINAMENTO JIHADISTA.

    PER NON PARLARE DI CATTIVI MAESTRI
    COME CURCIO, SOFRI,BALZARANI,ETC.ETC ETC.ETC.ETC. ...CHE HANNO POTUTO FARE "LEZIONI" DI TERRORISMO POLITICO COMUNISTA PRESSO ISTITUZIONI SCOLASTICHE PUBBLICHE.

    SI SA CHE IL PESCE PUZZA DALLA TESTA.

    VA MANDATA A CASA A CALCI NEL SEDERE LA SPORCA POLITICA CATTOCOMUNISTA CHE FA DEL "CAVALLO DI TROIA" IL PROPRIO METODO DI LAVORO QUOTIDIANO OFFRENDO AI GIOVANI DEI MODELLI DI VITA E DI FAMIGLIA CON CONNOTAZIONI EVERSIVE E CONTRONATURA OPPOSTE AI VERI INTERESSI DI QUEI FUTURI MANAGERS O PADRI DI FAMIGLIA ITALIANI IN FORMAZIONE.
    UNA PSEUDORELIGIONE ANTIDEMOCRATICA E ANTICRISTIANA AIUTATA IN SUOLO ITALIANO A FARE PROSELITISMO IN MOSCHEE LUOGHI INFERNALI MA ANCHE IN ISTITUZIONI "LAICHE".

    I SOLITI TROMBONI ITALIDIOTI PROGRESSISTI HANNO GIÀ ARCHIVIATO LA MORTE DI 16-20 INNOCENTI PARIGINI PER MANO DI TERRORISTI CHE INNEGGIANO A QUEL MAOMETTO FONTE DI TUTTI I LUTTI E LE DISTRUZIONI NEL MONDO DAL 630 D.C. IN POI.
    È ORA DI DIRE ""B A S T A"" A TUTTO CIÒ....

    È ORA CHE GLI ECCLESIASTICI CATTOLICI ITALIANI CONDANNINO I MUSULMANI CHIAMANDOLI COL LORO NOME....

    RispondiElimina
  105. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740978/Dante-aveva-gia-capito-tutto-.html


    ALTRO CHE VIGNETTE SATIRICHE DI CHARLIE HEBDO...!!!

    ABBIAMO GIÀ POTUTO LEGGERE IL MAGNIFICO " DANTE ALIGHIERI" CHE AVEVA GIUSTAMENTE COLLOCATO MAOMETTUCCIO ALL'INFERNO PER LE SUE COLPE "UMANE" IN TERRA.....

    ANCHE PAPA BENEDETTO 16° AVEVA IN TEMPI RECENTISSIMI RICORDATO CHE ISLAM È INTOLLERANZA VIOLENTA ED ANTIDEMOCRATICA.

    ESISTE VASTA LETTERATURA ANCHE PITTORICA SUL RUOLO EVERSIVO ANTICRISTIANO SVOLTO DA QUEL MAOMETTO RAPPRESENTATO ALL'INFERNO E COSÌ RAFFIGURATO IN UN CELEBRE DIPINTO ESISTENTE DENTRO LA BASILICA DI SAN PETRONIO A BOLOGNA.

    RispondiElimina
  106. Dal 1571 7 di ottobre.
    Da quella data i musulmani intolleranti hanno organizzato la riscossa alla cocente sconfitta di Lepanto.

    La costruzione del CALIFFATO UNIVERSALE è il loro chiodo fisso ed è obbligo di ogni buon islamico adoperarsi con ogni mezzo perché ciò si realizzi.....a costo di uccidere tutti quelli che si opporranno.

    RispondiElimina
  107. Cari ragazzi, giovani e vecchi camerati,
    ho letto commenti che rivendicano misure estreme nei confronti di ogni realtà isalamica presente in questa disastrata Europa. Non che io in pricipio non le condivida ma, a parte che non si capisce bene chi dovrebbe introdurle (i governi catto-comunisti e sinistro-mondialisti? Kashetu Kyenge e Khalid Chaouqui? Chita e Alì Babà, visto che così siamo ridotti?), non colpirebbero comunque la radice del problema.
    A mio avviso la vera questione è la seguente: fin che in Europa esisteranno governi sinitrorsi e buonisti, che lavorano unicamente nell'interesse del mondialismo più sfrenato e, anche se solo in questo caso, l'Italia è all'avanguardia, la partita è persa già all'inizio. Il nostro martoriato paese ha una classe politica del tipo Renzi, Boldrini, Vendola, Alfano che, lo si vede anche in questi giorni, prontamente corre in aiuto dell'illegalità e del terrorismo più sfrenati, senza voler nominare la pletorica miriade dei portaborse, lustrascarpe e leccacu.. Con un Renzi che ambisce a diventare il buffone di corte del calliffo, la Boldrini che muore dalla voglia di diventare la velata (e attempata) favorita di un emiro e Vendola che spera di fare il ciambellANO, eunuco lo è già, mentre Alfano farebbe qualsiasi cosa pur di avere uno scranno alla mensa dei potenti dove vogliamo andare?
    Per farla corta: il nemico è e resta un certo islam, che diventa sempre più potente anche all'interno del suo contesto culturale, ma il primo muro da abbattere, resta quello dei manutengoli locali e degli alleati stupidi e faziosi (una volta li si definiva utili idioti) dei terroristi. Dovesse, da un giorno all'altro, sparire questa nociva combriccola politica, sparirebbe anche la massa di illegali, criminali ed estremisti rimasti senza più protezione politica e, finalmente, soggetti alle leggi che pur ci sono, anche se oggi non vengono applicate nei loro confronti.
    Il compito primario è l'abbattimento del sistema politico antinazionale e antieuropeo, questa gente deve finire in campi di rieducazione, magari a vita; la gran massa degli altri se ne andrebbero da soli.
    Scommettiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La società incivile e' piena di Caino e di Giuda.

      Elimina
    2. D'accordissimo. ....

      Elimina
  108. Infatti una brava mussulmana è quella che subisce passivamente per volere coranico:

    1) Infibulazione infantile;
    2) Visite mediche solo con medici islamici;
    3) Velo e altro x totale sottomissione a uomo;
    4) Nessun riconoscimento giuridico coniuge;
    5) Accettazione potere maschile in casa;
    6) Accettazione eventuale poligamia maschio
    7) Incapacità giuridica personale e familiare;
    8) Nessun diritto ad educazione figli;
    9) Accettazione violenze fisiche da coniuge
    10) Essere islamica x nascita e per sempre;
    11) Impossibilità ad abiurare islamismo;
    12) Accettazione frustate x disobbedienza;
    13) Accettazione lapidazione x reati coniugali;
    14) Impossibilità denunciare coniuge.

    Basta questo come assaggio di precetti coranici per far capire anche a sordi e ciechi la differenza tra la vita e la morte fisica e civile della donna islamica che è obbligata per legge a coprirsi il capo ed il volto fuori casa per accettazione della predominanza del maschio sulla femmina nella società islamica.
    Nel mondo islamico non contano le leggi laiche ma esclusivamente ciò che prevedono i precetti coranici e nessuno può invocarne il disconoscimento pena la condanna a morte.
    Nel 2015 D.C. la donna islamica è ancora questa anche in Europa cattolica e illuministica.

    RispondiElimina
  109. I cattocomunisti si appecorinano agli islamici anche se questi fanno solo una PUZZETTA.

    CHE IDIOTI MASOCHISTI EUNUCHI

    RispondiElimina
  110. Solo quando sarà abolito l'obbligo del velo x la donna islamica potremo pensare che quella società sia uscita dal medioevo oscurantista talebano.

    RispondiElimina
  111. Il velo è simbolo di distinzione e di supposta superiorità della donna islamica rispetto alle non/islamiche . Solo mantenendo sottomessa la femmina i maschi islamici si possono dedicare alla loro occupazione principale e quasi esclusiva che è quella di fare i terroristi tagliagole.

    RispondiElimina
  112. I jihadisti hanno diritto di essere mantenuti economicamente dalla comunità islamica di appartenenza territoriale e possono anche non lavorare per tutta la vita.

    RispondiElimina
  113. MEGLIO UN GIORNO DA LEONE CHE CENTO DA PECORA.

    MEGLIO MORTO IN PIEDI CHE VIVO IN GINOCCHIO.

    RispondiElimina
  114. Ignavia è una brutta scelta di vita

    RispondiElimina
  115. Caino affascina le menti bacate

    RispondiElimina
  116. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11740969/M15---Il-prossimo-obiettivo.html




    M15: "Il prossimo obiettivo dei terroristi è Londra"

    10 gennaio 2015

    Dopo il blitz delle teste di cuoio francesi che ha procurato la morte degli attentatori, ma anche la fuga di Hayat Boumeddiene, la moglie di  Amedy Coulibaly, l'allerta terrorismo è ai massimi livelli in tutta Europa.
    Dopo Parigi potrebbe essere Londra la prossima città nel mirino dei terroristi di Al Qaeda.
    E' questo il timore di Andrew Parker, capo dell'M15, i servizi segreti interni britannici. La minaccia al Regno Unito arriva dalla Siria. Un gruppo di terroristi legati ad Al Qaeda sta preparando un commando, arruolando jihadisti europei che combattono nei paesi del Medio Oriente per realizzare "complessi e ambiziosi attacchi per causare vittime su larga scala colpendo sistemi di trasporto e luoghi simbolo", afferma Parker. Il capo dell'M15 ha rivelato che il contro terrorismo
     britannico ha già sventato alcuni attacchi ma "non può fermare ogni minaccia contro il Paese". L'M15 stima che i cittadini britannici che sono partiti per unirsi all jihad in Siria sono circa 600. Insomma a quanto pare un altro attacco sarebbe imminente. Intanto l'Isis e Al Qaeda alzano il tiro con nuovi video di minacce contro l'Italia e soprattutto contro la Francia a cui chiedono di "sospendere gli attacchi contro i Paesi arabi di fede isalmica, altrimenti ci saranno nuovi attacchi". La morsa del terrore dunque continua a stringere l'Europa senza lasciare spazio ad una tregua. La speranza è che i servizi di intelligence sappiano prevedere in anticipo gli attacchi sventandoli e non contando i morti come hanno fatto quelli francesi. 


    RispondiElimina
  117. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/la-fallaci-ad-una-terrorista-un-neonato-e-un-nemico/1081510/




    LA FALLACI AVEVA CAPITO L ESSENZA CRIMINALE DELL'ISLAM

    RispondiElimina
  118. ...a seguito del mio commento di poco fà, mi sento di dire che, pur esecrandone il gesto ed essendo contento che i tre combatenti islamici siano stati messi fuori combattimento, non posso che provare una certa empatia (non simpatia, quella la lascio ad Alfano) per essi che, almeno, hanno condotto l'azione in prima persona, mettendo in gioco la loro stessa vita senza sperare in onori o premi materiali (nessun posto da deputato PD nel parlamento italiano).
    Bajadere, eunuchi e fellah della politica italiana sparano le loro idiozie banali ben protetti dagli apparati di sicurezza senza rischiare nulla, così come le associazioni di partigiani (ma quanto campano 'sti qua, devono essere tutti tra i 90 e i 100 anni!), sel, ex-clandestine nominate ministre, comunistelli con passato da chierichetto, ben protetti dalla polizia, manifestano contro il terrorismo fascista, l'islamofobia e per l'abolizione della Lega Nord!
    Questo ciarpame socio-politico non rischia NULLA! Sfrutta tutto per propagare le loro idiozie senza senso e pericolose, per apparire nei media con i loro faccioni di... lasciamo stare, c'è un problema di colore e l'uno o l'altro idioda potrebbe vederci un'allusione razzista.
    Come dire: i criminali sono come gli abeti a Natale, alcuni con le palle e la gran parte senza come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quei disgraziati vengono plagiati e subiscono un lavaggio del cervello che inizia da piccoli ed è come un tarlo.L'islam è una falsa religione inventata dagli arabi per scopi bellici e di occupazione violenta di altri territori. Combattere i politicanti nostri traditori ed eunuchi è una priorità.

      Elimina
  119. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/salvini-dice-no-alla-moschea-ci-sono-milioni-di-islamici-pronti-a-sgozzare-e-uccidere/1081552/


    SALVINI HA RAGIONE DA VENDERE. ..

    ISLAM CRIMINALE CHE DEVE ESSERE MESSO ALL'ANGOLO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI...
    ISLAMICO CHE VIENE IN EUROPA È DA TENERE A BADA VISTO QUELLO CHE HANNO COMBINATO IN FRANCIA DEI FRANCESI DI ORIGINE ARABA E DI RELIGIONE CORANICA CHE HANNO MASSACRATO GIORNALISTI/POLIZIOTTI/EBREI IN SUOLO NON/ISLAMICO.

    RispondiElimina
  120. http://lavocedeltrentino.it/index.php/breaking-news-trentino/18067-case-per-i-migranti-lega-nord-e-casapound-furibonde


    ASSASSINI DI ITALIANI CHE AVRANNO QUELLO CHE SI MERITANO....

    RispondiElimina
  121. Guerra Totale religiosa per la sopravvivenza della nostra esistenza minacciata da quei maledetti maomettani di merda

    RispondiElimina
  122. Chiudere moschee subito

    RispondiElimina
  123. Scendiamo in strada contro i mussulmani e i loro politicanti italiani venduti al nemico islamico.

    RispondiElimina
  124. Il nemico non è oggi solo il terrorismo islamico, ma la sinistra nostrana che, in collegamento con quella cosmopolita (Soros, ONU, varie ONG,UE), ha corroso quel che resta delle fondamenta della nostra cultura. Una cultura che fin dalla rivoluzione francese è apparsa intrisa di retorica e di falsità, capaci di stavolgere quel che di buono c'era ancora nell'illuminismo. La civiltà occidentale è marcita poco alla volta per sua colpa e ben poco si può fare per richiamarla in vita.
    Che cosa resta? Forse per qualche tempo la Russia ortodossa e, se riuscirà, l'asse geopolitico con una Marine Le Pen presidente della Francia e con il nostro Matteo Salvini. Molti nostri connazionali ci sono nemici non meno dell'Islam. Prepariamoci a combattere il nemico interno, che va di pari passo con quello esterno, e ne facilita il compito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono pronto a vendere cara la pelle

      Elimina
  125. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/cosi-la-sinistra-con-la-kefiah-ha-creato-litalia-saudita/1081457/

    ARTICOLO MAGISTRALE CHE SUGGERISCO DI LEGGERE PERCHE' CI SONO RIFLESSIONI IMPORTANTI SULLA SITUAZIONE ATTUALE MATURATA DAI TEMPI DI GIULIO ANDREOTTI

    RispondiElimina
  126. Casapound e leganord di Salvini baluardo di salvezza patriottica

    RispondiElimina
  127. La colpa di questo casino è della sinistra traditrice del Cattolicesimo e venduta ai carnefici islamici

    RispondiElimina
  128. http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_gennaio_10/salvini-milioni-islamici-pronti-sgozzare-uccidere-4c5daab2-98c0-11e4-8d78-4120bf431cb5.shtml



    Casapound e la Lega parlano ITALIANO ma gli altri parlano STRANO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La manifestazione pro-islamica davanti il Duomo di Milano è stata vergognosa e offensiva in quanto davanti ad un luogo sacro cristiano. Solo la LEGA e CASAPOUND sono normali. Ha ragione Salvini, l'islamico tagliagole potrebbe essere il tuo vicino di casa o vicino nei mezzi pubblici. Il nemico è tra noi, nelle nostre città, nei nostri quartieri, nei nostri palazzi.

      Elimina
    2. La diocesi meneghina potrebbe far sentire la sua voce di dissenso invece di fare INCIUCI per arraffare EURO con le coop immigrazioniste.

      Elimina
  129. Fa bene Marie Le Pen a non andare domani domenica 11 gennaio 2015 alla manifestazione di protesta sotto la statua della Marianna a Parigi.
    Assurdo sfilare assieme ad islamici ed amici politici.Ma se la Le Pen dovesse diventare presidente della Repubblica allora sì che inizierei be la vera politica patriottica anti islamica del terrore.La sinistra eversiva filo islamica vorrebbe consegnare il potere al nemico coranico ma non succederà.

    RispondiElimina
  130. Questa inchiesta sui fatti di Parigi mi ricorda i tempi delle brigate rosse di terroristi comunisti allorquando si cercava volutamente a destra quello che di marcio ed eversivo stava a sinistra

    RispondiElimina
  131. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/ecco-i-nomi-dei-foreign-fighter-che-minacciano-litalia/1081532/


    GLI ITALIDIOTI TERRORISTI SENZA PATRIA NÉ FAMIGLIA

    RispondiElimina
  132. La vergogna è che ci sono persone che ancora, dopo tutto quello che è successo, difendono gli islamici dicendo che non sono tutti uguali. Probabilmente i buonisti leggono solo i giornaletti come Repubblica.

    Basta aprire Wikipedia e informarsi: http://it.wikipedia.org/wiki/Jihad
    Come si può leggere, si parla di Jihād difensivo e di Jihād offensivo. Qualcuno crede ancora alla favola dell'Islam moderato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La religione è una scusa nel senso che a questi arabi burattinai non frega una mazza del maometto o del corano.A loro interessa ricchezza e potere e ne sono una prova gli stati arabi produttori di petrolio e gas naturale. Chi comanda in quei Paesi
      vive nel lusso sfrenato mentre la popolazione è tenuta soggiogata ed indotta a suicidarsi per affermare il terrore contro chi si oppone agli islamici.
      Se non ci fossimo ammosciati avremmo capito che sono dei COJOTES che vengono mandati a crepare mentre i mandanti vivono in palazzi dorati e girano in Rolls Royce e si vogliono pappare il Mondo intero sterminando gli oppositori.Solo degli imbecilli creduloni possono cadere nel tranello. Le vignette non c'entrano nulla ed infatti sono stati uccisi 4 ebrei. Chi si mette di traverso subisce quel trattamento e non ci vuole QI=160 per capirlo.
      Gli ebrei erano il vero obiettivo ed infatti il terrore è stato più efficace all'interno del supermercato che altrove. Quei tre imbecilli di bassissimo livello etico generale, diciamo tre bestie, hanno subito un lavaggio del cervello e non ha nessuna logica quello che stavano facendo in quando deridere una propria credenza spacciata per religiosa non può mai essere passibile di morte senza processo.Nessun Dio può comandare di uccidere chi non crede in lui . Queste assurde decisioni sanno di ESSERE UMANO e cioè fanno parte di una strategia che è stata messa nero su bianco nel 635 D.C. solo per creare un esercito pronto a farsi uccidere pur di difendere un credo ma i vantaggi "TERRENI" sono di appannaggio dei CAPOCCIA. Mai proverbio è stato più azzeccato di questo:
      La religione è l'oppio del popolo.

      La posta in gioco è IMMENSA e i voltagabbana dei cattocomunisti si sono già venduti a quelli che loro ritengono i futuri PADRONI.

      Elimina
    2. Chi difende quei Bastardi è complice

      Elimina
    3. Io non me lo auguro ma non gli farebbe male un bel PETARDO sparato nei paraggi del Vaticano da parte di questi criminali e così chi ha da capire capisca che gli islamici sono dei maledetti criminali da sterminare con la bomba atomica come nel 1945.

      Elimina
    4. Quel giornaletto non è buono nemmeno al cesso

      Elimina
  133. http://www.iltempo.it/mobile/sport/calcio/2015/01/10/garcia-regala-una-matita-per-non-dimenticare-charlie-hebdo-1.1366430

    STUPENDA INIZIATIVA DELL'ALLENATORE GARCIA DELLA ROMA.

    JE SUIS CHARLIE HEBDO

    RispondiElimina
  134. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2015/01/10/fondi-alle-moschee-cosi-ci-colonizzano-1.1366315

    10/01/2015

    Diciotto milioni di euro all’anno per costruire moschee e finanziare l’estensione capillare dell’Islam in Italia. Una cifra da capogiro, che arriva nel nostro Paese da Qatar, Arabia Saudita e Turchia. Attraverso le Fondazioni e le Onlus da questi Stati parte un fiume di denaro che sovvenziona la creazione di nuovi luoghi di culto autorizzati e non. L’affare, anche se in misura nettamente inferiore, riguarda anche il Bangladesh che, soprattutto a Roma, ha una delle comunità più numerose. Nel caso dei bengalesi, però, i fondi vengono utilizzati per avviare piccole attività commerciali, in particolare i negozi di generi alimentari e l’acquisto di qualche garage per adibirlo a moschea.La fetta più grossa dei soldi che arrivano in Italia, però, è quella che parte dai grandi finanziatori arabi e che serve per costruire luoghi di culto sempre più grandi e vistosi. I tre Stati da cui partono gli "aiuti" hanno anche provveduto, per varie motivazioni, a suddividersi l’Italia in tre grandi zone di competenza: il Qatar investe prevalentemente al sud, l’Arabia Saudita al centro e la Turchia a nord. La spartizione del territorio non è ovviamente rigida e spesso i soldi del Qatar servono per costruire moschee a Roma, quelli dei turchi approdano al sud e così via. In media, ogni anno, la Qatar Charity Foundation, che nel suo core business ha proprio quello di finanziare la creazione di luoghi di culto in Italia e in Europa, destina al nostro Paese circa 6 milioni di euro. Dalle associazioni turche, invece, ne arrivano 4 e 8 all’Arabia Saudita. Basti pensare che nel 2013, attraverso un comunicato rintracciabile sul sito della fondazione qatarina, è stato presentato un piano di investimenti nel nostro Paese già approvato e che prevede la costruzione di altre moschee, soprattutto in Sicilia, per una cifra totale di 2,5 milioni di euro. Per il centro islamico di Ispica, infatti, sono stati stanziati circa 256.956 euro, 428.260 per quello di Catania, circa 879.003 per il centro islamico di Messina e 809.839 euro per quello di Comiso. Le operazioni finanziarie, poi, come per ogni business che si rispetti, sono gestite da professionisti del settore che hanno il compito specifico di mettere in campo tutti gli strumenti utili per alimentare e rafforzare una sorta di "welfare di supporto" per i musulmani sparsi nel mondo. A queste figure, del tutto simili ai broker, viene anche chiesto di spostare i soldi attraverso numerosi passaggi in altrettanti istituti di credito, situati anche in altri Stati europei, in modo tale da rendere le operazioni quanto più possibile invisibili. È così che avviene una colonizzazione "dolce e non violenta", che parte dal basso e passa attraverso investimenti milionari destinati a diffondere la dottrina islamica, con la presenza capillare di luoghi di culto sull’intero territorio nazionale.
    A questo meccanismo, che al momento non presenta aspetti illegali almeno in apparenza, parteciperebbero anche donatori privati, come ad esempio alcuni di origine pakistana e legati al movimento Deobandi, oltre che i più facoltosi sauditi. Al suo attivo, ad esempio, la Qatar Charity Foundation ha già un investimento fatto a Roma, pari a 4 milioni di euro, che ha consentito l’acquisto di un palazzo in periferia e dove sarebbero già iniziati i lavori di restauro. L’edificio, di quattro piani, diventerà una moschea e una scuola coranica.................continua. .%......

    RispondiElimina
  135. INIZIATIVA PATRIOTTICA DI CASAPOUND IN QUESTO MOMENTO DI ATTACCO FRONTALE DEI NEMICI ISLAMICI TERRORISTI.....


    http://www.ilgiorno.it/milano/maro-latorre-casa-pound-1.563461


    Latorre ricoverato all'Istituto Besta di Milano e CasaPound manifesta:

    "Liberate i marò".

    I manifestanti, che hanno esposto uno striscione con la scritta "Governo traditore, libertà per Latorre e Girone", avevano anche chiesto di poter incontrare il fuciliere Massimiliano Latorre.



    Milano, 10 gennaio 2015 -  Un  presidio è stato organizzato sabato pomeriggio da CasaPound, davanti all’Istituto Besta di  Milano, presso il quale si trova ricoverato da alcuni giorni il marò Massimiliano Latorre. I manifestanti, che hanno esposto uno striscione con la scritta «Governo traditore, libertà per Latorre e Girone», avevano anche chiesto di poter incontrare il fuciliere. Ma, secondo quanto riferisce il responsabile milanese, la moglie ha fatto pervenire il ringraziamento per la solidarietà ribadendo che al fuciliere non sono consentite visite.

    «Vorremmo ricordare che come CasaPound siamo stati i primi tra i movimenti politici a prendere posizione per loro», ha detto il responsabile milanese, Massimo Trefiletti. «Noi chiediamo l’immediato rientro in Italia di Girone e  Latorre, che è appena stato operato, non deve muoversi.

    RispondiElimina
  136. CASAPOUND AUMENTA I SUOI CONSENSI POLITICI BASATI PRINCIPALMENTE SU UN PROGRAMMA PATRIOTTICO E IDENTITARIO



    http://m.cronachemaceratesi.it/2015/01/10/pantana-abbraccia-casa-pound-e-annuncia-abbiamo-i-soldi-per-il-palas/611262/



    RispondiElimina
  137. MENTRE LA SINISTRA AGEVOLA LA SINISTRA RIFONDAIOLA E FILOISLAMICA E QUINDI CONTRARIA ALLA COSTITUZIONE ITALIANA, CASAPOUND SI DA DA FARE E PIANIFICA IL SUO INGRESSO NEL CONSIGLIO COMUNALE DI MACERATA.


    http://m.cronachemaceratesi.it/2014/12/20/con-la-pantana-ce-anche-casapound-vogliamo-entrare-in-consiglio-comunale/605727/

    RispondiElimina
  138. http://m.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/testa_porco_corsica_islam/notizie/1110240.shtml


    Minimo che si meritano questi fetenti vigliacchi col kalashnikov

    RispondiElimina
  139. Ci hanno fatto capire che siamo dei vigliacchi CAGASOTTO. ....per lo meno quelli che si appecorinano come ricchioni e si frustano col cilicio.
    Ai tempi del Fascio nessuno avrebbe osato nemmeno fiatare pena tagliamento di palle ed ettolitri di olio di ricino.
    A quel tempo questi beduini erano sotto di noi perché ignoranti e cavernicoli. ...che era quello che meritavano in quanto non in grado di elevarsi culturalmente.
    Con questa favoletta di quel furbone di maomettuccio vorrebbero spaventarci ma inutilmente anche se tanti traditori europei si sono venduti anche la madre per paura o temporanea convenienza.
    Triste ed assurdo constatare che le armi escono principalmente da aziende occidentali

    RispondiElimina
  140. www.ilgiornale.it

    10 Gennaio 2015

    La cultura non basta per respingere i barbari.
    Anche quella islamica è una cultura, e non meno forte della nostra, perché basata sulla fede e quindi più elementare ma più salda

    Giordano Bruno Guerri

    «È con la cultura, la formazione e la conoscenza degli altri» che si può sconfiggere il terrorismo, ha detto il nostro ministro della Pubblica istruzione Stefania Giannini, con una semplificazione forse dettata dalla concitazione del momento. Il guaio infatti è che anche quella islamica è una cultura, e non meno forte della nostra, perché basata sulla fede e quindi più elementare ma più salda. Gli equivoci che possono nascere da questa parola sono infiniti e basti pensare che soltanto in antropologia ne sono state date oltre duecento definizioni. Convenzionalmente, per «cultura» si intende l'insieme di norme, costumi, arte, morale, religione eccetera che contraddistingue la vita dei gruppi umani, ma mi sembra più precisa la definizione di Ida Magli, per cui la cultura è un «modello globale» formato da un insieme di caratteristiche interattive che l'individuo respira senza accorgersene. Si capisce che la cultura esiste soltanto quando viene messa a confronto con una cultura diversa. Per esempio, il problema immigrati fa scattare una posizione, o di rifiuto o di discussione, che nasce dalle differenze. In quel momento la nostra cultura non appare più ovvia - a chi riflette – perché deve confrontarsi con un cultura diversa. I terroristi islamici non riflettono, o almeno non riflettono più. Hanno abbracciato una fede assoluta che dice loro a priori cosa è il bene e cosa il male, e che tutto il bene sta dalla loro parte, tutto il male dall'altra. Noi, in fondo, facciamo la stessa cosa quando li condanniamo, ma con una differenza fondamentale: non ci basiamo su un principio religioso (la mia fede è migliore della tua, il mio dio è migliore del tuo), ma sull'etica, sulla filosofia, sul diritto accumulati in secoli di storia: ovvero sulla capacità di giudicare gli altri senza condannarli a priori. La coscienza etica personale - ovvero la consapevolezza dell'individuo che caratterizza la cultura occidentale moderna - è tutt'uno con la razionalità e non permette di pensare che siccome l'imam dice che uccidere gli infedeli è giusto, allora va fatto. È per questo che la nostra cultura, intesa come istruzione, da sola non basta a sconfiggere il fanatismo terrorista. Allo stesso modo non basta il nostro diritto, che obbliga a perseguire un colpevole e non un sistema, mentre i terroristi colpiscono il nostro sistema, sicuri di essere nel giusto sparando alla cieca. Una volta che ci si è costruiti un Dio vendicativo, se ne diventa prigionieri e succubi. Per questo il terrorismo si può combattere solo con le armi, se attaccati, o portando pacificamente la nostra cultura – basata sull'etica - a dimostrare la sua superiorità. Ma è un lavoro lunghissimo, difficilissimo. E pensi, ministro Giannini, che l'unico computer nella classe di mio figlio è rotto da settimane.

    RispondiElimina
  141. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/la-via-del-fanatismo-islamico-da-milano-porta-fino-a-parigi/1081366/



    ALFANO INVECE DI FARE CARONTE TRAGHETTATORE DI CLANDESTINI ISLAMICI INDOTTRINATI PER UCCIDERE FACESSE IL MINISTRO DELLA SICUREZZA INTERNA COME PREVISTO DALLA COSTITUZIONE.

    RispondiElimina
  142. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/la-via-del-fanatismo-islamico-da-milano-porta-fino-a-parigi/1081366/


    10 Gennaio 2015

    La via del fanatismo islamico da Milano porta fino a Parigi
    La moschea di viale Jenner è spesso frequentata da fanatici. Ed emerge un nuovo filo con la jihad. Il direttore ammette: "Non posso controllare tutti"

    Alberto Giannoni

    Le strade del terrore, prima o poi, portano a Milano. «Veniamo sempre e comunque citati» commenta il direttore dell'Istituto culturale islamico di viale Jenner, Abdel Shaari. Il filo che lega i fatti di Parigi a Milano è stato svelato ieri da un articolo del «Giornale». La ricostruzione firmata da Fausto Biloslavo fa luce sui rapporti di uno dei presunti killer di Parigi. Cherif Kouachi, da aspirante jihadista, trovò fra i suoi mentori un veterano dell'Iraq, Boubaker Al-Hakim, detto Abou Mouqatel, parte di una «cupola» della guerra santa tunisina guidata da Londra da Seifallah Ben Hassine. La rete era collegata in Italia col «gruppo di Milano» che frequentava viale Jenner. E i suoi uomini finirono in un'inchiesta dell'allora pm Stefano Dambruoso (che da deputato ieri ha chiesto una procura nazionale anti-terrorismo). «Sono stati anni turbolenti - commenta Shaari - Dambruoso ha fatto indagini e se emerge qualcosa devono essere trasmesse alle autorità francesi». «Migliaia frequentano il nostro centro - prosegue Shaari - come faccio io a controllare se uno ha idee bislacche? È affare della legge e della magistratura italiana e francese. Noi siamo per il rispetto della legge e delle istituzioni e se qualcuno si mette fuori da questa linea ne sopporterà le conseguenze». Ieri, durante il sermone al Palasharp, l'imam ha condannato la strage: «Quando viviamo in un paese pacifico e facciamo un patto con la sua gente, come possiamo attaccarla e ucciderla?» ha chiesto. «Qualcuno si è impossessato della nostra religione e la usa per finalità che con la nostra religione non hanno niente a che vedere» spiega Shaari.Reazioni preoccupate ieri sono arrivate da tutto il centrodestra. «La notizia dei possibili legami tra i terroristi che hanno agito a Parigi e il centro islamico di viale Jenner è a dir poco allarmante» ha detto Luca Squeri, coordinatore provinciale di Forza Italia. Il coordinatore di Ncd Nicolò Mardegan ha chiesto di bloccare il bando sulle moschee e del caso viale Jenner ha parlato anche la Lega.Negli ultimi anni sono emerse spesso, a Milano, contiguità inquietanti. Quando nel 2004 una bomba a Madrid fece 191 morti, due arresti furono eseguiti anche a Milano, ma il processo arrivò nel 2007 a due assoluzioni. Altri arresti per terrorismo nel 2008, quando due marocchini di Macherio (poi assolti nel 2010) furono accusati di pianificare attentati e praticare proselitismo legato a folli progetti. Caso notissimo quello di Mohamed Game: il libico che decise di farsi esplodere davanti alla caserma Santa Barbara fu ritratto in una foto durante il ramadan in via Procaccini con la comunità di viale Jenner. E in viale Jenner ha predicato per un decennio Abu Imad, l'ex imam che la Corte di Cassazione nel 2010 ha condannato a 3 anni e 8 mesi per associazione a delinquere finalizzata al terrorismo internazionale. Era accusato di aver operato per dare a Milano un supporto logistico a kamikaze destinati a farsi saltare in aria in Afghanistan e Iraq. 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sempre sostenuto che anche a Milano ci sono gli estremisti islamici.

      Elimina
    2. Non ti fare sentire da PisciaPippa altrimenti fa una strage col fucile ad acqua...!!!!!

      Elimina
  143. http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/la-via-del-fanatismo-islamico-da-milano-porta-fino-a-parigi/1081366/


    10 Gennaio 2015

    La via del fanatismo islamico da Milano porta fino a Parigi
    La moschea di viale Jenner è spesso frequentata da fanatici.
    Ed emerge un nuovo filo con la jihad.
    Il direttore dei servizi di sicurezza ammette : "Non posso controllare tutti"

    Alberto Giannoni






    Commenti

    Riky651

    E' dagli anni 80 che sono presenti a Milano già allora pregavano sui marciapiedi fregandosene dei pedoni e della circolazione , da allora niente è stato fatto per arginare e regolarizzare questi personaggi .Avevano già capito di che pasta sono fatti gli Italiani e che potevano contare sul ventre molle di molti di noi per invadere e in un futuro non molto lontano soggiogare con l'islam (che per loro corrisponde anche con la politica).I politici dalla parte sinistra non capiscono che portandoseli in seno e facendoli entrare nelle loro fila fanno il gioco di una cultura che non vuole mischiarsi ma soggiogare chi la abbraccia!! Io li conosco da anni e so cosa pensano di noi italiani nel loro profondo !!!! Salam a noi!!

    19gig501

    Se non li può controllare allora chiudete la moschea. Che diritto hanno di praticare la loro religione se nei loro paesi le chiese le bruciano e sgozzano i cristiani.

    barbara.20001

    arrivo subito al punto . ho guardato per ore la tv francese , e ho visto tutto . poi è arrivata la notizia che l'india ha condannato i marò , ovviamente a morte , per omicidio premeditato . alfano , pinotti dove sono i soldati ?


    piertrim

    Che bella annusata di fondo schiena in mezzo alla strada, ma se metti fuori dalla porta del negozio una ciotolina con acqua per il cane subito ti multano per occupazione di suolo pubblico.

    RispondiElimina
  144. L'avete mai visto un profeta che uccide chi non professa la sua fede?
    Maometto ne uccise tanti di ebrei personalmente e quindi è una BALLA che fosse un profeta ed infatti era un tagliagole come lo sono attualmente milioni di islamici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La loro religione non è moderata e incita alla violenza contro chi non è islamico. Quelli che lavorano in Italia fanno i buoni e gentili, ma poi nelle moschee e nei luoghi di culto usano parole d'odio verso i cristiani.

      Elimina
    2. UN BRAVO ISLAMICO HA IL DOVERE DI ELIMINARE FISICAMENTE IL NEMICO E IL CORANO LI AUTORIZZA A DISSIMULARE LE SUE INTENZIONI.

      NELLE SCUOLE DI INDOTTRINAMENTO ISLAMICO VIENE FATTO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO E IMPOSTO L'OBBLIGO DI RISPETTARE E FAR RISPETTARE I DETTAMI CORANICI ANCHE A COSTO DELLA VITA.

      Elimina
    3. Sono dei Bastardi dissimulatori

      Elimina
  145. http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11741207/Valentina-Colombo--esperta-di-islam.html


    Valentina Colombo, esperta di islam:
    "Sono incompatibili con le altre religioni"

    10 gennaio 2015

    «Scomunicare» i terroristi è un esercizio insensato, a parere di Valentina Colombo, docente di Geopolitica dell’islam all’Università Europea di Roma. Con lei ci addentriamo nel vasto tema delle fonti di ispirazione del terrorismo. «In una religione dove non esiste un’autorità dirimente a livello intepretativo, quando un fedele legge il testo sacro, trova quel che vi vuole trovare», ci spiega.

    Nel caso del Corano, poi, il testo appare particolarmente ambiguo rispetto alla Bibbia. Qual è il problema?
    «Si può parlare di una parte del Corano scritta alla Mecca, quando l’islam si presenta a una società politeista e propone di credere a un Dio solo e nell’aldilà, di aiutare il povero e l’orfano. In quelle sure (i capitoli, n.d.r.) si trovano affermazioni come: “A voi la vostra religione, a me la mia”. E se ci fermiamo a questa parte del testo l’islam risulta compatibile con le altre religioni monoteiste».

    Anche con la modernità di Charlie Hebdo?
    «Certo. Anche se allora non ci si doveva cofrontare con la laicità. Ma si proponevano dei valori».

    Poi cosa accade?
    «Quando Maometto emigra a Medina, diventa il capo della comunità locale e l’islam si trasforma in una religione di Stato. Il suo sogno primo diventa quello di tornare alla Mecca, sua città natale, che non lo aveva seguito, e riconquistarla. Da questo punto in avanti, il Corano diventa la rivelazione che combatte per affermarsi. In quest’ultima parte, abbiamo tutte le leggi e tutti i dettami che riguardano il rapporto fra la Ummah (cioè la comunità islamica), e l’altro. Ed è da qui che oggi si attinge per giustificare qualsiasi atto legato al terrorismo islamico».

    E in particolare? 
    «L’estremista islamico, che considera tutto il Corano valido ancora oggi si può concentrare prevalentemente su alcune sure medinesi ed, estrapolandone dei versetti, trovarvi le ragioni per combattere il miscredente, che può essere il cristiano, l’ebreo, il giornalista di Charlie Hebdo o anche il musulmano che non la pensa come lui. Perché nessuno può decidere quale sia la nozione valida di miscredente».

    Ma c’è anche una tradizione islamica.
    «Alla parola di Dio, si aggiunge la seconda fonte, gli hadith, cioè i detti e i fatti di Maometto. Nella sua biografia ufficiale, fra l’altro, si narra che Maometto ha ucciso di sua mano gli ebrei».

    Quella lettura non è accolta soltanto dai terroristi. Se Charlie Hebdo fosse stato stampato in Arabia Saudita, i suoi vignettisti sarebbero stati condannati a morte, secondo la legge locale, ispirata alla sharia.
    «Certo, anche se l’Arabia Saudita ufficialmente ha condannato l’attentato a Charlie Hebdo, ha comminato nello stesso tempo la prima parte della pena (cento frustate su mille, sulla pubblica piazza, 10 anni di reclusione, pena pecuniaria e 10 anni senza poter uscire dal territorio nazionale) a Raif Badawi, blogger trentenne che ha fondato un sito di pensatori liberali. E in carcere oggi si trova ancora il suo avvocato, attivista per i diritti umani, arrestato in base alla legge antiterrorismo».

    Nessuno è in grado di sfidare quel predominio culturale?
    «Ci sono dei tentativi. L’istituzione presieduta dal gran mufti d’Egitto, Dar al-Istà, recentemente ha pubblicato un testo, The ideological battle, dove si spiega che tutti i versetti utilizzati dall’Isis vanno contestualizzati perché rivelati in occasioni particolari e non più validi per la situazione attuale. Purtroppo però, gli intellettuali e i riformisti che hanno proposto una storicizzazione del testo, sono finiti impiccati, come Mahmoud Mohammed Taha in Sudan, o sono stati mandati in esilio, come Nasr Hamid Abu Zayd in Egitto».


    ohmohm
    10 January 2015 - 22:10
    Quindi Salvini ha ragione ☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valentina Colombo, esperta di Islam, ha ragione. Condivido il suo articolo al 100%.

      Elimina
    2. Solo chi non ha secondi fini è capace di capire.

      Elimina
  146. Valentina Colombo docente di Geopolitica dell’islam all'università Europea di Roma dice:


    ISLAM INCOMPATIBILE CON CIVILTÀ TUTTE

    RispondiElimina
  147. SPLENDIDA INIZIATIVA DEL PSG.........


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/10/il-paris-saint-germain-ricorda-charlie-hebdo/1081564/


    10 Gennaio 2015

    Il Paris Saint Germain ricorda Charlie Hebdo.
    Nella gara in trasferta contro il Bastia il Psg indosserà le maglie con la scritta Charlie al posto dei nomi dei calciatori, per ricordare i morti della strage

    Luisa De Montis

    Il Paris Saint Germain si unisce al dolore della Francia per il terribile attacco terroristico contro il giornale satirico Charlie Hebdo.
    Nella gara in trasferta contro il Bastia il Psg indosserà le maglie con la scritta Charlie al posto dei nomi dei calciatori, per ricordare i morti della strage. Il club ha aumentato le misure di sicurezza intorno alla squadra. Su tutti i campi di calcio si osserverà un minuto di silenzio.

    RispondiElimina
  148. http://m.ilgiornale.it/blogpost/42/charlie-hebdo-e-l11-settembre-europeo/2158/



    Blog di Orlando Sacchelli

    8 Gennaio 2015

    Charlie Hebdo e l'11 Settembre europeo

    Qualcuno ha paragonato l’attacco a Charlie Hebdo all'11 Settembre. Le modalità di azione sono molte diverse, così come il numero delle vittime. Uguale, però, è il terrore seminato nel cuore dell'Occidente. Hanno raggiunto il loro risultato: hanno seminato la paura in mezzo a noi. Qualcuno ha subito abboccato, decidendo di oscurare le vignette “incriminate”, per non “offendere” l’islam e non causare, quindi, nuovi possibili attentati. Niente di più sbagliato: se passa il concetto che quelle vignette sono “giustamente” la causa dell’attentato, scaviamo da soli la nostra fossa. Bisogna difendere le nostre matite e le nostre vignette. Senza offendere in modo stupido e volgare, ma senza mai rinunciare alla nostra libertà. Un esercito di matite per Charlie Hebdo. Un esercito di matite per difenderci da chi ci vuole schiacciare in nome di una visione distorta e malata della religione islamica. #JeSuisCharlie è l’hashtag che, subito dopo il massacro, ha iniziato a girare su Twitter. Un piccolo segno di affetto e vicinanza alle povere vittime di Parigi. Ma anche un segno di ribellione, uno scudo che dobbiamo alzare per proteggerci da chi vuole ucciderci e umiliarci, negando il nostro bene più prezioso, la libertà. Libertà anche di poter dire cavolate. Come ha giustamente sottolineato Philippe Ridet, corrispondente dall’Italia per “Le Monde”, è inaccettabile cercare in una satira che si sarebbe spinta troppo oltre i canoni del “politically correct” la giustificazione per la barbarie: la libertà di stampa non è mai eccessiva, è stata anzi, anche con i suoi eccessi, uno dei fattori determinanti nella nascita delle democrazie occidentali. Restiamo uniti e difendiamoci dal terrore con ogni mezzo, senza aprire stupide guerre di religione. Ma non abbandoniamo mai le nostre matite e la nostra voglia di libertà. Ecco quello che serve: un esercito di matite per Charlie Ebdo.  

    RispondiElimina
  149. VOLERE È POTERE

    RispondiElimina
  150. Se Hollande non avesse fatto il doppio gioco politico non sarebbe mai potuto accadere che 3-4 pezzenti potessero mettere sotto scacco la GRANDEUR della Francia NAPOLEONICA.

    CHE FIGURA DI MERDA.....!!!!!!!!

    RispondiElimina









  151. SICCOME I TERRORISTI ISLAMICI CITANO MAOMETTO E CORANO. .....BASTEREBBE VIETARE L'ISLAM IN EUROPA E METTERE PENE SEVERISSIME PER CHI SGARRA E CHIUDERE TUTTI I LUOGHI DI INDOTTRINAMENTO DI QUESTI MALEDETTI.


    http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2015/01/10/el-kaddouri-tristezza-da-quel-mio-tweet_b83e848f-a7b1-4b81-9599-e9ecd0b943d7.html


    El Kaddouri: Tristezza da quel mio tweet.
    Fatti di Parigi? Volevo far capire che non siamo tutti così'

    10 gennaio 2015 20:33

    (ANSA) Ieri aveva postato sul proprio profilo twitter una vignetta con la scritta "questa non è religione", stasera il centrocampista belga-marocchino del Torino, Omar El Kaddouri, di fede musulmana, ne ha spiegato il perché. "Ho voluto raccontare la mia tristezza per quello che è successo, che è terribile - ha detto, riferendosi ai fatti di Parigi -. E poi ho voluto far capire che non siamo tutti così, quello che è successo non ha niente a che fare con la religione".
       

    RispondiElimina
  152. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11741205/Julian-Assange--quel-terribile-sospetto.html


    Julian Assange, quel terribile sospetto sulle stragi di Parigi: "Non vorrei che i servizi segreti francesi..."

    10 gennaio 2015


    Un ritorno in grande stile per Julian Assange,mister Wikileaks. Un ritorno con una sonora bocciatura. La bocciatura riguarda gli 007 francesi. Assange, che di spie se ne intende, spiega: "Il fallimento (dei servizi segreti francesi, ndr) nella strage di Charlie Hebdo è così evidente che bisogna porsi delle domande serie". L'intervento è stato diffuso su Twitter, dove Assange ha pubblicato un link che riprende un'intervista ad un quotidiano britannico che si inserisce nel dibattito in corso dopo gli atti terroristici che hanno sconvolto la Francia. Il giornalista che ha diffuso 251mila documenti segreti Usa, e che per questo è inseguito da numerose polizie ed è rifugiato nell'ambasciata londinese dell'Ecuador da tempo, accusa senza mezzi termini di "incompetenza" l'intelligence transalpina.

    Il terribile sospetto - Assange nel suo intervento ricorda come i tre assalitori di Parigi fossero dei "ben noti jihadisti" lasciati incontrollati dalla polizia locale, forse perché agivano come "informatori" o forse per "poterli arrestare pochi secondi dopo l'attacco" per ottenere visibilità sui media e maggiori finanziamenti agli apparati di sicurezza. Accuse pesanti, quelle dell'australiano Assange, che in qualche modo lascia intendere che la Francia avrebbe potuto decidere di "lasciar fare" i terroristi, anche se poi la situazione è evidentemente sfuggita di mano. Assange aggiunge che i terroristi di Parigi sono "perfetti imbranati, hanno lasciato documenti sull'auto, si sono coordinati parlandosi al cellulare". Inoltre, ricorda, erano su numerose liste nere, dei pregiudicati insomma. Mister Wikileaks aggiunge che "non hanno comunicato tra loro usando crittografia o lasciando messaggi sotto le rocce, ma parlando lungamente al telefono, prima e dopo gli attentati".



    afadri
    10 January 2015 - 22:10
    Ho avuto la medesima sensazione che i francesi si siano lasciati abbindolare da due dilettanti. Ma si può comunicare al telefono, lasciare in giro documenti e più grave che ancora sapevano che i due erano sulla lista nera e non hanno fatto nulla per neutralizzarli. Un vero flop per gli 007 francesi.

    RispondiElimina
  153. Shari'a è barbarie insita nell'Islam e scritta nel Corano . Questi criminali ci vogliono imporre la loro legge per sottometterci e già in Gb e in Francia e in altri Paesi europei questi maledetti coranici jihadisti sono liberi di applicare le loro leggi invece delle nostre. Si sono insinuati nelle menti deboli e ammuffite degli smidollati pervertiti che non avendo più propri punti di riferimento sociali e religiosi si adattano al più forte che li affascina perché dominante rispetto a loro che sono gregari.L'uomo occidentale preda da conquistare del fascino orientale che ha sempre fatto presa sugli individui senza piu' patria ideale e ideologia patriarcale.Solo chi ha ancora delle cartucce da sparare sul campo della difesa delle proprie origini giudaico/cristiano può opporsi all'invasione strisciante e pervicace di questi coranici furbi e criminali . Ne va della nostra sopravvivenza e sono proprio le donne occidentali che si devono dare da fare per procreare sempre più figli per contrapporsi alle nuove generazioni islamiche sempre più numerose.Respingere questi invasori è un dovere che ci chiedono i nostri Padri e che dobbiamo ai nostri figli per perpetuarci in eterno . Non c'è nulla di cui avere paura.E' sufficiente applicare le nostre leggi laiche e religiose al tempo stesso e disciplinare con spietata determinazione l'obbligo di chi entra a casa nostra di sottomettersi alle nostre regole scritte già esistenti.Putroppo i nostri rappresentanti all'opposizione non sono in grado di opporsi efficacemente alla strisciante islamizzazione delle genti europee non più legate saldamente ai propri principi ereditati.

    RispondiElimina
  154. Renzi che inaugura l'anno accademico dell'università di Bologna.....da ridere...
    Si credono tutti premi Nobel e scienziati ed invece questi politicanti sinistroidi sono SMACCHIATORI DI GIAGUARI buffoncelli...

    RispondiElimina
  155. Il 25/30% dei francesi è per Le Pen presidente della repubblica francese.
    A questa farsa di MARCIA BIANCA a Parigi do' un giudizio negativo in quanto dovrebbe essere vietata la partecipazione degli islamici francesi proprio per responsabilità oggettiva e morale su base ideologica. Trovo sconcertante che viene limitato il diritto degli ebrei a muoversi liberamente a Parigi ed invece non vengono chiuse moschee e luoghi di indottrinamenti jihadista criminale.
    Ennesima scelta becera di Hollande di non indispettire i suoi tanti elettori islamici.
    Milioni di naturalizzati che vengono coccolati per avere il loro voto elettorale e additare volutamente la DESTRA PATRIOTTICA come islamofoba e xenofoba solo per spaventare i francesi indecisi e pavidi e carpirne con l'inganno il loro consenso politico .
    Salvo poi scaricare su altri(marziani? ??) la responsabilità della mancata attivazione dei criteri di salvaguardia della sicurezza pubblica.
    In Francia la magistratura sottosta' al potere politico e pertanto quest'ultimo è prevalente e ha le armi spuntate se volesse smascherare decisioni incostituzionali degli organi esecutivi.E' sufficiente invocare la Sicurezza Nazionale per blindare le decisioni e le operazioni di Intelligence anche oltre i limiti del codice penale . Ecco che da subito il gabinetto presidenziale Hollande con il consenso del 1^ ministro francese Valls ha chiuso a guscio le notizie relative al sanguinoso assalto al Charlie Hebdo limitando di fatto l'operatività del procuratore di Parigi delegato per competenza territoriale . Non è accettabile e giustificabile che pericolosi jihadisti siano stati lasciati liberi di muoversi in Francia allo scopo di registrare i loro contatti criminali quando poi costoro riescono ad organizzare facilmente un'operazione di eversione antidemocratica in barba a tutti uccidendo circa 20 innocenti e tenendo per 56 ore in scacco tutte le forze di polizia e di Intelligence.
    Roba da principianti eppure nessuna procura per legge può intervenire per conoscere i retroscena istituzionali e scoprire connivenze e colpe gravissime di incapacità di sicurezza. Hollande può continuare a fare quello che vuole facendo filtrare all'opinione pubblica quello che gli conviene potendo salvare le chiappe da qualunque accusa di comportamenti e decisioni e scelte sbagliate o contrarie agli interessi nazionali.

    RispondiElimina
  156. http://www.ilprimatonazionale.it/esteri/quando-charlie-hebdo-voleva-sciogliere-front-national-13555/


    HO LETTO QUESTO ARTICOLO E DEVO DIRE DI CONDIVIDERE LA CRITICA ALLA LINEA EDITORIALE DEL CHARLIE HEBDO.
    NON AVEVO APPROFONDITO L'ARGOMENTO E LA LETTURA DI QUESTO ARTICOLO MI HA FATTO CAPIRE SEMPRE DI PIÙ QUANTO SIA SUBDOLO HOLLANDE CHE HA ORGANIZZATO LA MARCIA DI PROTESTA SOLO PERCHE' CHARLIE HEBDO È COMUNQUE UN SETTIMANALE SPOSTATO A SINISTRA TANT'E' CHE IN QUESTI GIORNI LA SUA REDAZIONE È OSPITATA DAL QUOTIDIANO 'LIBERATION' NOTORIAMENTE DI ESTREMA SINISTRA.
    A QUESTO PUNTO MI SEMBRA DI CAPIRE CHE QUELLO CHE È SUCCESSO E STA CAPITANDO IN FRANCIA SONO PROVE GENERALI DI CHISSA' QUALE ' REDDE RATIONEM' ALL'INTERNO DELLA GALASSIA POLITICO/ISLAMICA IN FRANCIA ED IN EUROPA.
    POSSO SOSPETTARE CHE SIA IN ATTO UN BRACCIO DI FERRO TRA FAZIONI ISLAMICHE E LOBBIES POLITICHE IN SUOLO FRANCESE PER RIDEFINIRE I RAPPORTI DI MUTUO SOCCORSO E POTERE.
    IN EFFETTI LA APPARENTE GOFFAGINE DELLA SURETE' PUO' NASCONDERE TRAME CHE SI POSSONO FAR RISALIRE AL PERIODO COLONIALE IN CUI LA FRANCIA HA FRANCESIZZATO I POPOLI OCCUPATI I QUALI ADESSO PRESENTANO IL CONTO E PRETENDONO DI ISLAMIZZARE UNA BELLA FETTA DI TERRITORIO NAZIONALE SOTTRAENDOLO ALLA GIURISDIZIONE
    FRANCESE.
    IL POPOLO FRANCESE DI SINISTRA NON SI RENDE CONTO DEL PERICOLO CHE CORRE PERCHE' HA IL ''SALAM'' AGLI OCCHI'' E NON SA DISTINGUERE IL BENE DAL MALE ED IN QUESTO MOMENTO IL MALE È L'ISLAM QUALE ISTITUZIONE POLITICA LE CUI MIRE SONO ANTIDEMOCRATICHE......PUNTO E BASTA.......E QUANDO I PROGRESSISTI FRANCESI TUTTI PRESI DAL FASCINO ORIENTALE DEL MULTICULTURALISMO E DEL MULTIRAZZIALE SI SVEGLIERANNO SARÀ MAGARI TROPPO TARDI E DOVRANNO INCHINARSI ALL'IMAM ISLAMICO A CUI INTERESSA SOLO QUELLO CHE C'È SCRITTO SUL CORANO ED AL QUALE NON FOTTE UNA MAZZA DI:
    LIBERTE' EGALITE' FRATERNITE'

    IL PERICOLO DI ISLAMIZZAZIONE COL SISTEMA DEL CAVALLO DI TROIA È VEROSIMILE E COINVOLGE TUTTI GLI STATI EUROPEI SEMPRE PRONTI PER UN BARILE DI PETROLIO A CEDERE UN PÒ DI SOVRANITA' NAZIONALE E CULTURALE A INDIVUDUI CHE NON ACCETTANO IL CONCETTO DI DEMOCRAZIA CHE È ASSOLUTAMENTE INESISTENTE NEL
    MONDO ISLAMICO.

    RispondiElimina
  157. Questo BLOG è un piacere visitarlo perché dà spunti di riflessioni interessanti e importanti

    RispondiElimina
  158. Je Suis antislamiste

    RispondiElimina
  159. L'islam ha lanciato una OPA ostile sull' Europa incaricando i suoi imam e i suoi incaricati commerciali col kalashnikov di riscuotere il dovuto.
    Decenni di sporchi affari realizzati cogli arabi islamici per concludere redditizi affari economici adesso sono arrivati al punto in cui i contraenti stranieri lo vogliono convertire in azioni di proprietà. ....obbligando gli stati europei a cedere spazi nazionali alla loro esclusiva gestione.
    Io sono realista e pessimista in quanto abbiamo già superato un punto di non ritorno e non saremo in grado di fronteggiare un attacco frontale portato simultaneamente da killers islamici a casa nostra .
    È quello che costoro hanno pianificato e stanno realizzando collo Stato Islamico creato già a macchia di leopardo ovunque.
    Sono bastati 3 pivelli armati di tutto punto per creare il caos in Francia ed il futuro non è roseo.
    Ci hanno dichiarato GUERRA TOTALE per sottometterci e tutto finirà quando ci saranno riusciti.
    Non vogliono sentir parlare di dialogo poiché per gli islamici esiste solo l'arma militare del dialogo.
    Alla punta del loro fucile ci siamo noi e la nostra stoltezza buonista e suicida.

    RispondiElimina
  160. L'Europa ha alzato bandiera bianca e si sta arrendendo allo strapotere militare e crudele degli islamici.

    RispondiElimina