sabato 3 gennaio 2015

CasaPound manifesta a Scandicci (FI) per evasione fiscale contestata alla Giunta comunale

CasaPound manifesta a Scandicci per evasione fiscale contestata alla Giunta comunale

Questa mattina i militanti di CasaPound Italia Firenze hanno manifestato a Scandicci per sensibilizzare la cittadinanza su un fatto di gravità inaudita che potrebbe pesare sulle loro finanze in modo spropositato. I militanti hanno sfilato, silenziosamente, per le strade del centro dietro allo striscione “EVASORI” distribuendo volantini dove viene chiesta chiarezza sull’accertamento tributario ricevuto dal Comune per l’IVA non applicata sulla cessione dei terreni sui quali è stato costruito il Centro Rogers. Una volta poi arrivati davanti al municipio, lo striscione è stato affisso sulla balaustra prospiciente il municipio stesso.
“E’ necessario fare immediata chiarezza”, dichiara il Responsabile Provinciale di CPI Firenze Saverio Di Giulio, “in primo luogo perché è paradossale che un ente locale autonominatosi ‘paladino nella lotta antievasione fiscale’ sia da considerare a tutti gli effetti un grande evasore”.
“In secondo luogo”, prosegue Di Giulio, “dovrà essere fatta chiarezza sul perché l’IVA non è stata applicata alla cessione dei terreni. Semplice dimenticanza? Volontà di far risparmiare imprese costruttrici ‘amiche’? Ignoranza delle leggi tributarie? Qualunque sia, la risposta sarebbe comunque gravissima”.
“Ecco perché”, conclude il Responsabile di CasaPound Firenze, “non solo è indispensabile capire cosa sta alla base dell’accertamento tributario emesso dall’Agenzia delle Entrate, ma anche che cosa ha intenzione di fare il Comune nei confronti dei responsabili di questa violazione delle leggi tributarie. E con l’occasione vogliamo ricordare al Sindaco Fallani che, una volta pagato l’accertamento, il comune potrà rivalersi nei confronti delle imprese acquirenti per quanto riguarda l’imposta, mentre le sanzioni e gli interessi potranno essere richiesti agli amministratori dell’epoca e ai tecnici comunali responsabili dell’errore. Ma il comune vorrà davvero farlo?





16 commenti:

  1. Bene ricordare che stiamo parlando sempre di PD che ultimamente ne sta combinando una dietro l'altra... Non dimentichiamo la storia Monte dei Paschi e alle regionali chi voteranno i toscani? PD ovviamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le coop rosse al centro nord dell'Italia controllano tutto a 360 gradi e nessun cittadino che ci incappa si può tirare fuori pena essere estromesso dai servizi essenziali gestiti dalle autorità pubbliche.

      Elimina
    2. PCI-PDS-DS-PD

      Cambia il nome ma l'approccio stalinista ed intrallazzista permane.

      Elimina
  2. http://www.gonews.it/2015/01/03/manifesta-casa-pound-il-centro-rogers-non-pagherebbe-liva/



    http://www.gonews.it/2014/12/22/agenzia-delle-entrate-in-comune-per-accertamenti-sul-mancato-pagamento-delliva/

    RispondiElimina
  3. Quando c'è di mezzo la Legacoop bisogna sempre pensare male perché è il serbatoio economico del Pd e pertanto ""DO UT DES""....

    Per quanto riguarda il centro civico io sono rimasto all'antica e i palazzi pubblici me li immagino come erano nel ventennio fascista o nel 19^ secolo....
    Il moderno cementificato lo trovo squallido e senza calore umano.....come quelle cattedrali nel deserto che hanno costruito nei Paesi Arabi ove hanno distrutto un paesaggio naturale splendido per erigere dei buildings alti centinaia di metri e da intitolare alla stupida vanità umana.

    RispondiElimina
  4. Antonio Spinucci4 gennaio 2015 01:40

    Mamma mia che roba...

    Penso comunque che la faccenda andrà a finire nel nulla, quando a combinare danni sono esponenti dell' Oligarchia di solito si insabbiano o comunque passano sotto silenzio.

    Noto con dispiacere che in quella zona i militanti di Casa Pound sono pochissimi trattandosi comunque di una regione totalmente devastata dall' Oligarchia, ma ho piacere nel vedere che ci sono ragazzi volenterosi come voi che nonostante ciò non si arrendono!

    Saluti da Antonio Spinucci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I militanti di Casapound fanno del loro meglio ma occorre il sostegno di TUTTI. .....

      Elimina
  5. È dal 1917 che i Compagnucci fanno danni.
    Dopo i Barbari vennero I Barberini ed infine i Piddini.
    Non è un gioco di parole ma realtà politica della peggior specie e degrado sociale e di principi che peggio di così....!!!!!!!!
    Purtroppo la corruzione è come la gramigna.
    Anche in magistratura c'è chi strizza l'occhiolino al PCI PDS DS PD e per ragioni di Stato evita di calcare la mano se nelle inchieste giudiziarie ci sono coinvolti gli amici degli amici di schieramento ideologica.
    Basti pensare alle sviste ed ai condoni e indulgenze varie che tirano fuori per SBIANCHETTARE un po' qua' e un po' là...
    C'est la Vie Rouge...!!!!

    RispondiElimina
  6. In Italia le Coop operano in regime di monopolio protette dal Pd che riceve sostanziosi finanziamenti per il suo funzionamento.
    Abbiamo visto cosa faceva Buzzi con Eriches29 ed altre coop di altri circuiti.
    Quasi totale monopolio delle coop rosse in materia di assistenza al ""cittadino"" e TOTALE monopolio della Legacoop in materia edilizia con buona pace dei concorrenti che si devono accontentare di qualche subappalto o di aappalti poco prestigiosi o di piccole entità.
    La corruzione nel mondo delle coop è nascosta nelle pieghe degli appalti e dei subappalti ove gli amici degli amici possono attingere per essere ricompensati.
    È così ramificata la ragnatela delle attività coop che investe il vivere di tutti i cittadini in tutte le sue esigenze quotidiane.
    Non c'è riuscito la Dc e nemmeno Berlusconi a limitare il potere di questi colossi
    economico/finanziari.
    Ci riusciremo noi elettori di DESTRA? ??

    RispondiElimina
  7. http://www.ilreporter.it/articolo/118905-fiera-di-scandicci-2014-la-novit-il-centro-rogers



    In questa cementificazione assurda chiamata CENTRO ROGERS poteva mancare il riferimento ad un passato che ha significato dolore e rovine per l'italia ed il mondo?.NOOO


    Se si vuole chiudere una stagione politica infame che non ha portato nulla di buono al nostro Paese non è certo questo il modo di farlo.
    Togliatti,Berlinguer,Nenni e altri ancora vivi sono stati al servizio di una superpotenza stalinista omicida che voleva COLONIZZARE l'italia e poi il mondo instaurando un regime del TERRORE BOLSCEVICO DITTATORIALE.
    E questi figli e nipoti di Lenin e Stalin oltre a distruggere un territorio cementificandolo per mano Legacoop intitolano vie e piazze di questo centro commerciale di Scandicci al passato e micidiale comunismo ex sovietico.
    Di peggio non potevano fare ma al peggio non c'è mai fine.
    Apprezzo e condivido la iniziativa di Casapound e mi auguro che si faccia chiarezza sulla torbida vicenda.

    RispondiElimina
  8. LA SOLITA COLATA DI CEMENTO COOP..



    http://m.nove.firenze.it/casapound-manifesta-a-scandicci-evasori.htm





    sabato 03 gennaio 2015 

    Casapound manifesta a Scandicci: "Evasori"

     

    Questa mattina i militanti di CasaPound Italia Firenze hanno manifestato a Scandicci

     "Per sensibilizzare la cittadinanza su un fatto di gravità inaudita che potrebbe pesare sulle loro finanze in modo spropositato. I militanti hanno sfilato, silenziosamente, per le strade del centro dietro allo striscione “EVASORI” distribuendo volantini dove viene chiesta chiarezza sull’accertamento tributario ricevuto dal Comune per l’IVA non applicata sulla cessione dei terreni sui quali è stato costruito il "Centro Rogers" una volta arrivati davanti al municipio, lo striscione è stato affisso sulla balaustra.“E’ necessario fare immediata chiarezza”, dichiara il Responsabile Provinciale di CPI Firenze Saverio Di Giulio, “in primo luogo perché è paradossale che un ente locale autonominatosi ‘paladino nella lotta antievasione fiscale’ sia da considerare a tutti gli effetti un grande evasore”.“In secondo luogo”, prosegue Di Giulio, “dovrà essere fatta chiarezza sul perché l’IVA non è stata applicata alla cessione dei terreni. Semplice dimenticanza? Volontà di far risparmiare imprese costruttrici ‘amiche’? Ignoranza delle leggi tributarie? Qualunque sia, la risposta sarebbe comunque gravissima”.“Ecco perché”, conclude il Responsabile di CasaPound Firenze, “non solo è indispensabile capire cosa sta alla base dell’accertamento tributario emesso dall’Agenzia delle Entrate, ma anche che cosa ha intenzione di fare il Comune nei confronti dei responsabili di questa violazione delle leggi tributarie. E con l’occasione vogliamo ricordare al Sindaco Fallani che, una volta pagato l’accertamento, il comune potrà rivalersi nei confronti delle imprese acquirenti per quanto riguarda l’imposta, mentre le sanzioni e gli interessi potranno essere richiesti agli amministratori dell’epoca e ai tecnici comunali responsabili dell’errore. Ma il comune vorrà davvero farlo?”.

     

    RispondiElimina
  9. Anche il principe Carlo inglese ha criticato e bloccato l'architetto cementificatore Richard Rogers autore del progetto del centro commerciale di Scandicci.

    http://www.a-realestate.it/news/speciali/141221_UK.html

    Dicembre 2014
    Il principe Carlo si rivolge agli architetti invitandoli a mettere la natura al centro del loro lavoro.Fatevi ispirare dalla natura, rimettete l'uomo (il pedone) al centro della progettazione urbanistica. Questo in sostanza l'appello del principe di Galles, non nuovo nell'esprimere precise opinioni in tema di architettura e che spesso lo hanno portato anche a duri botta e risposta con archistar del calibro di Richard Rogers, ad esempio, che lo ha tacciato come reazionario.Ma il futuro Re si difende: ''Ho perso il conto delle volte in cui sono stato accusato di voler tornare indietro nel tempo. - scrive - Nulla potrebbe essere piu' distante dalla verita'. La mia preoccupazione e' il futuro. Dobbiamo confrontarci con la terrificante prospettiva di altri 3 miliardi di persone entro il 2050 sul pianeta che pone precise necessita' abitative. E gli architetti e gli urbanisti ricoprono un ruolo enorme nell'affrontare questa sfida''.Una sfida, quella del primogenito di Elisabetta II, lanciata esattamente 30 anni fa.Nel 1984 fu invitato a parlare al Royal Institute of British Architects (Riba) per celebrarne il 150/mo anniversario e il principe definì ''un mostruoso pugno in un occhio'' il progetto firmato dall'architetto modernista Peter Ahrends per una nuova ala della National Gallery a Londra. Il progetto di Ahrends non vide mai alla luce.Uno scontro segnato anche dai contrasti con l'architetto Richard Rogers. La prima volta nel 1996 quando il principe arrivo' a dire che la Luftwaffe aveva fatto meno danni a Londra del progetto firmato da Rogers per l'ammodernamento di Paternoster Square, nei pressi della cattedrale di St. Paul nel cuore della City. E anche quel progetto rimase sulla carta. I due si scontrarono nuovamente nel 2009 sul megacomplesso residenziale in vetro e acciaio che Rogers aveva immaginato di veder sorgere sul sito dei Chelsea Barracks a Londra, una storica caserma: ''Un gigantesco esperimento ai danni dell'anima della nostra capitale'' lo aveva bollato il principe.

     

    IL PRINCIPE CARLO E L'ARCHITETTURA

    Il principe di Galles ha più volte messo in luce la sua visione dell'architettura e della pianificazione urbana in incontri pubblici del settore, ritenendo che "una maggiore cura sulla progettazione ed il rinnovo delle città potesse migliorare di molto la qualità di vita dei cittadini."La sua filosofia in campo di progettazione architettonica la espose il 30 maggio 1984 in un discorso in occasione del 150º anniversario della fondazione del Royal Institute of British Architects (RIBA), nel quale descrisse in maniera memorabile l'estensione della National Gallery di Londra come un "mostruoso foruncolo sulla faccia di un caro amico" deplorando "quelle torri di vetri" dell'architettura modernista.Carlo scrisse un libro e creò un documentario dal titolo A Vision of Britain, fortemente critici dell'architettura modernista. Malgrado gli attacchi degli ambienti modernisti, il Principe continuò a promuovere la sua visione, l'urbanistica tradizionale, la necessità di riportare le città a misura d'uomo ed il restauro degli edifici storici con l'integrazione adeguata di nuove strutture.A tal proposito due sue organizzazioni si preoccupano ancora oggi di portare avanti queste idee: il The Prince's Regeneration Trust ed il The Prince's Foundation for the Built Environment.
    Carlo inoltre ha promosso una campagna di recupero urbano anche in Canada dopo che nel 1996 egli stesso aveva denunciato la distruzione di molti centri urbani storci nell'area canadese...................

    RispondiElimina
  10. A proposito di FATTI E MISFATTI toscani....


    http://m.ilgiornale.it/news/2015/01/04/chi-finanzia-renzi-diventa-piu-ricco/1080120/


    Voto di scambio e sporchi favori sono sempre stati una costante nel PD ex PCI. ...

    RispondiElimina
  11. QUESTO CENTRO ROGERS È STATO REALIZZATO DA CEMENTIFICI ADERENTI A LEGACOOP.......ED È TUTTO DIRE......

    La coop sei tu. ...recita un adagio spot della Legacoop. ....mi ricordo quello scorfano della Littizzetto molto """DISINTERESSATA""" che invita gli italidioti a portare soldi alle coop raccogli/frega risparmi e anche a comprare nei supermercati vendimelda marchio COOP...ove fanno sconti su merce NONFOOD cinese o su frutta e verdura nordafricane piene di PESTICIDI......
    Attenti a comprare e verdura a €0,99 al chilo perché si tratta di merce proveniente dalla TERRA DEI FUOCHI campana oppure da Tunisia o Marocco o Egitto oppure dal sudamerica....posti ove l'uso di antiparassitari sfugge volutamente ai controlli sanitari.
    L'assurdo risiede anche nelle agevolazioni fiscali che godono questi importatori di merce avvelenata a seguito di NORME U.E.

    BASTA MANDARE A QUEL PAESE QUESTI SUPERMERCATI DEL PIFFERO......
    SONO LADRI E SCHIFOSI ANTITALIANI....

    RispondiElimina
  12. Una cittadinanza in maggioranza collusa con le malefatte piddine a Scandicci...

    RispondiElimina
  13. La Toscana da 6 decenni è amministrata da una sinistra corrotta e distruttrice del territorio e la costruzione del Centro Rogers ne è la prova provata.

    RispondiElimina