lunedì 22 dicembre 2014

Tasse agli alluvionati: CasaPound insorge, " il fango non si tassa "

Tasse agli alluvionati: CasaPound insorge, " il fango non si tassa "

Genova, 21/12/2014 - " Renzi, il fango non si tassa ": questo il testo del grande striscione apparso nella notte a Borgo Incrociati, uno dei quartieri simbolo delle alluvioni nel capoluogo ligure, più volte invaso dal fango e dalle acque del fiume Bisagno, che proprio in questa zona il 10 ottobre fece l'ultima vittima.

I militanti di CasaPound Liguria hanno voluto manifestare così lo sdegno di una città intera verso quella che è stata definita l'ultima beffa del governo Renzi: l'annullamento della proroga per il pagamento delle tasse per chi è stato colpito dalle alluvioni.

"La settimana di Natale gli abitanti di Liguria, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Veneto, Friuli Venezia Giulia e della provincia di Foggia che hanno subìto danni a causa delle ultime alluvioni dovevano saldare tutti i conti con il fisco" -si legge in un comunicato di CPI " - "Entro il 22 dicembre, per la precisione, erano tenuti a pagare Iva, Ires, Irpef e Irap, che dopo le calamità naturali erano state sospese con decreto del ministero del Tesoro sino al 20 dicembre.
Ma le nuove scadenze che sarebbero dovute essere fissate, con ulteriori posticipi, prevedevano come ultima data il 22 dicembre con un provvedimento voluto dal ministro dell'economia Padoan, che concedeva così solo sei giorni di tempo a chi ha perso tutto per pagare le tasse" prosegue la nota del movimento.
"Ora, dopo numerosi solleciti dagli stessi compagni di partito e di merende liguri, Burlando in primis, e forse per il timore di una sollevazione popolare, il Governo rinvia nuovamente la scadenza di due mesi, senza avere la dignità di sospendere definitivamente le tasse agli alluvionati per quest'anno. Non si tratta quindi solo di una mancata promessa, ma di qualcosa di molto più grave : un'ingiuria verso chi ha visto anni di lavoro crollare, la propria attività distrutta oppure vive ancora fuori casa a distanza di due mesi. Il governo Renzi non ha rispetto per i drammi che centinaia di abitanti hanno vissuto " conclude CasaPound.



12 commenti:

  1. Vi fa onore quello che fate.
    Non scordiamo che la devastazione del territorio ligure con cementificazione estesa da parte di tutti gli abitanti inizia negli anni 1960/70.
    Dalla fine della 2^guerra mondiale ad oggi la Regione è stata sempre amministrata dal PCI e pertanto la responsabilità politica e penale in questo caso è certa.

    RispondiElimina
  2. Raccogli ciò che semini...

    RispondiElimina
  3. Un Pd travolto dal fango della corruzione mafiosa.

    Una nazione a guida Pd travolta dalla melma.

    Tutto va come previsto......

    RispondiElimina
  4. ma cosa si aspettavano i liguri da Burlando e da Doria comunisti indecenti che se ne fregano del popolo suddito e pensano solo alla loro saccoccia.. ..!!!!!!
    Hanno schifato il tentativo di cambiamento politico nazionale che spazzasse via una consorteria mafiosa quale quella dei comunisti????
    Peggio per loro ed il futuro è ancora più oscuro.
    L'impegno di Casapound a denunciare questi misfatti non basta a cambiare le cose se poi alle urne la maggioranza dei liguri conferma il PCI...!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. tra i fregati ci sono senz'altro migliaia di elettori piddini che avranno dato la colpa a Berlusconi.E dire che il grullo Grillo nei giorni dell'alluvione 2014 a Genova,si trovasse a Roma e si guardò bene dal venire nella sua città a spalare il fango per non sporcarsi le manine linde ma la coscienza sua è sporca.
    La caratteristica peculiare dell'uomo medio italiano è una patologica predisposizione a farsi del male.
    Non sono omofobo ma comunque tra i maschi della sinistra ho l'impressione che sia in aumento la omosessualità sottomessa con un crescendo rossiniano.
    Già la storia ci tramanda i tragici fatti successi a Sodoma e Gomorra e non escludo che coi Corsi e Ricorsi Storici non si stiano ricreando le stesse condizioni epocali.
    Fate caso che tra i politici piddini a me non sembra che la MASCOLINITA' sia una componente preminente.
    Infatti se si confronta la razza araba e quella italiana si nota che la prima è composta prevalentemente da maschi "ALFA" mentre tra quella italiana i maschi sono in gran parte "BETA",i primi Dominanti ed i secondi Gregari.
    Senza essere preso per matto o xenofobo o quello che cazzo vi pare,ritengo che il 70% degli italiani elettori piddini sono Beta e questo spiega il motivo per cui non sono capaci di reagire al dilagante malcostume mafioso che opprime loro e le loro associazioni e rappresentanze politiche.
    È sufficiente un Casamonica o un killer di Buzzi a tenere in scacco un partito di governo. mesi fa a Milano il sindaco arancione sponsorizzo ' tre serata di lezioni di SOTTOMISSIONE SESSUALE per GAY e TRANS E GENDER.
    Come si spiega il dilagante degrado sessuale e umano che caratterizza ogni componente associativa italiana orientata a sinistra.??
    Mi auguro di sbagliare ma non è tollerabile che la pedofilia e la omosessualità siano così in aumento e tollerati come normalità.
    Il modello Alfa è in crisi in tutti i Paesi occidentali governati da partiti della sinistra ove Alfa straniero alleato con alfa italiano impone con la minaccia e la violenza comportamenti criminali nei confronti di Beta Gregario.
    È deprecabile che non si capisca il pericolo che si corre nel sottovalutare una deriva CONTRONATURA

    Infatti nei Paesi arabi musulmani la omosessualità,condannata religiosamente,è punita anche civilmente con la morte e non è un caso che ALFA arabo cerchi di preservare la propria comunità dal diffondersi della omosessualità che io credo,da ignorante scientifico in materia,una perversione sessuale e pertanto da tenere a bada . Altro che matrimoni e adozioni gay.!!!!!
    Forse sono uscito un po ' fuori dal seminato ma mi preoccupa che Renzi oggi alla tv abbia dichiarato che i problemi gravi per gli Italiani sono DUE e col 2015 bisogna risolverli:

    1) Matrimoni e adozioni per omosessuali;
    2) Ius Soli per stranieri nati in Italia anche
    se da genitori non italiani.

    Sono due follie e non ci vuole molto a capirlo.

    Esprimo una mia personalissima opinione.

    RispondiElimina
  6. hanno quello che si meritano

    RispondiElimina
  7. http://m.ilsecoloxix.it/p/genova/2014/12/22/ARntadxC-regione_indagato_capogruppo.shtml



    INDAGATO PER PECULATO NINO MICELI E MARINO AMELOTTI RISPETTIVAMENTE CAPO GRUPPO E TESORIERE DEL PD ALLA REGIONE LIGURIA.



    NEL FRATTEMPO I PIDDINI SI FOTTONO I SGHEI DEI CITTADINI E SE NE FREGANO.!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno quello che si meritano i grulli genovesi e mi dispiace per chi deve subirne le conseguenze

      Elimina
  8. Vero che il fango non si tassa ma non glielo ha ordinato il medico alla maggioranza dei parmensi di scegliere un grillino amico di zingari e clandestini da far gestire alle coop alla Buzzi mafioso..??????

    RispondiElimina
  9. E se tassassimo la stupidità degli elettori genovesi che hanno dovuto spalare il fango dovuto a quarantennale malcostume comunista che ha fatto cementificazione pure il mar ligure pur di favorire i costruttori con pochi scrupoli ma con tanti famelici appetiti costruttivi e distruttivi...??????

    RispondiElimina
  10. IN CASAPOUND WE TRUST

    RispondiElimina
  11. Le cooperative rosse guadagnano su tutto e sicuramente anche sugli appalti per la ripulitura del territorio urbano.
    Ecco perché I genovesi in maggioranza votano Pd o Sel. ...evidentemente ci sono interessi economici di mezzo consolidati nei decenni da parte di questi loschi amministratori.
    Amen

    RispondiElimina