domenica 7 dicembre 2014

Solidarietà: CasaPound Torino consegna alimenti alle famiglie italiane in difficoltà

Solidarietà: CasaPound Torino consegna alimenti alle famiglie italiane in difficoltà

Torino, 7 dicembre – Nella giornata di domenica militanti di CasaPound hanno provveduto alla consegna di scatole contenenti beni alimentari di prima necessità (latte, pasta, tonno, ecc...) a famiglie italiane in difficoltà economica.
“Noi siamo e saremo sempre a fianco delle famiglie italiane. – spiega il coordinatore regionale Marco Racca – In questo caso ci siamo occupati di aiutare famiglie in grave difficoltà economica. Nonostante le loro ripetute richieste di aiuto, nessuno li ha ascoltati. Noi siamo gli unici che sono intervenuti per portargli un aiuto concreto. Sono tutte persone perbene colpite gravemente dalla crisi economica e da una classe politica che ha abbandonato i suoi cittadini preferendo, ad esempio, gestire il business dell’immigrazione.”
“Vogliamo – ha concluso Racca – che queste famiglie vengano ascoltate e che gli venga garantito un futuro sereno e dignitoso. Non siamo disposti a vedere il nostro popolo ridotto ad un futuro di disoccupazione e miseria. Le nostre attività solidali continueranno e si intensificheranno nei prossimi mesi. Invitiamo tutti coloro che si trovano in difficoltà economiche a contattarci e invitiamo, altresì, tutti i cittadini a portarci prodotti alimentari a lunga conservazione per consentirci di aiutare un numero sempre più ampio di famiglie ”.




21 commenti:

  1. Io non mi fido di quelle raccolte fatte dalla caritas diocesana e da banco alimentare della comunità s.egidio di Roma perché sospetto fondatamente che li usino per i clandestini dei centri e così si fottono i soldi che ricevono dalle Prefetture per il vitto di quelli e se li pappano loro e ci fottono a loro.
    Quello che fanno i militanti di CPI invece mi convince sempre.
    Bravi...voi che avete a cuore il bene degli Italiani....

    RispondiElimina
  2. A Roma dove si possono portare beni di prima necessità da parte di chi abita a Trionfale Prati. ...????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la zona di Roma potete passare a lasciare i beni di prima necessità presso la nostra sede centrale di via Napoleone III (Termini-Esquilino)

      Elimina
    2. GRAZIE TANTE.

      Elimina
  3. Vedere cosa faccia Casapound ci rallegra nonostante la tristezza per tante famiglie italiane abbandonate da Istituzioni e snobbate da coop rosse tutte impegnate col business mafioso...!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Noi abitiamo vicino roma sapete dirmi se in zona prossimamente ci saranno iniziative del genere? Grandi vi sosterremo sempre nelle vostre battaglie grazie cpi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la zona di Roma potete passare a lasciare i beni di prima necessità presso la nostra sede centrale di via Napoleone III (Termini-Esquilino)

      Elimina
    2. Grazie e buon lavoro.
      Siete Grandi e dei veri Patrioti.

      Elimina
  5. Buon lavoro...
    Benedetti x l'eternità

    RispondiElimina
  6. Ho letto sui giornali tempo addietro che il Progressista sindaciuccio della città della Mole Antonelliana si distingue per le solite attenzioni "morbose" verso zingari e clandestini con le modalità operative standard e di cui è piena ĺa cronaca nera romana.
    Non mi risulta che la cosa turbi più di tanto i partiti del centrodestra in consiglio comunale.
    Diceva il Senatore a vita Giulio ANDREOTTI che: "" A PENSAR MALE SI FA PECCATO MA A VOLTE CI SI AZZECCA"".
    Ce lo siamo chiesto tantissime volte come mai appena diventano sindaco i progressisti solerti italiani la prima cosa che fanno è quella di assegnare con procedura d'urgenza fondi comunali per l'assistenza di zingari
    e clandestini vari più o meno reali e bisognosi e più o meno delinquenti o brucia copertoni.
    A Roma è scoppiato il BUBBONE e da qualche giorno le notizie giornalistiche giudiziarie ci consegnano uno spaccato criminalpolitico cronicizzato da vent'anni in ruberie da mille e una notte.
    Sarei curioso di sapere se anche a Torino oppure nei rimanenti 4500 comuni italiani (Torino compresa) le procedure di assegnazione dei fondi urgentemente spesi x tale contesto seguono o meno la stessa sorte.
    Sarebbe cioè interessante conoscere i nomi delle ""BENEMERITE"" cooperative tanto solerti a garantire a quel ""PROSSIMO STRANIERO MAI ITALIANO"" sostegno a 360
    gradi.
    Magari potrebbe saltar fuori un FRANCHISING della 29Giugno di BUZZI e compari mafiosi.
    Le procedure previste per questo capitolo di spesa comunale sono connotate dal carattere d'urgenza per cui saltano i previsti bandi di gara pubblica e i servizi al ""CITTADINO"" in questo caso possono essere assegnati con criterio SUPERDISCREZIONALE.
    Sarebbe interessante se col metodo dell'accesso agli atti si potesse saperne di più per fugare ogni dubbio.
    I sindaci della Lega per esempio non hanno assegnato alcun sostegno finanziario comunale se non ai cittadini italiani ivi residenti da almeno 10 anni e mi pare sia cosa buona e giusta.
    Il tempo è GALANTUOMO e prima o poi saltano fuori le GROSSE MAGAGNE perché......""IL DIAVOLO FA LE PENTOLE MA NON I COPERCHI"".
    Opera meritoria come sempre questa di Casapound che dovrebbe essere modello di comportamento di tanti italiani benestanti che se ne fregano dei bisogni dei veri italiani da 7 generazioni perché presi dallo spasmodico bisogno di sostenere politiche assistenziali onerosissime a favore di clandestini negri o asiatici ma in maggioranza islamici anticristiani intolleranti anche se mancano le premesse di sostenibilità economica e sociologica per portare avanti un programma indegno del genere.
    Non è una follia bensì un calcolo di convenienza ben studiato da parte delle giunte comunali che sono ben conscie di quello che fanno.

    RispondiElimina
  7. Un sorriso di SOLIDARIETA' VERA dei militanti di CPI a confronto dei ladrocinii della mafia politica romana. ..!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. per la zona di Piacenza dove potrei portare beni di prima necessità per le famiglie italiane in difficoltà sapendo che dandole a voi sarei sicuro di aiutare le famiglie italiane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Telefona allo 3939416414

      oppure una mail a:

      casapounditaliapicenza@yahoo.it

      Elimina
    2. Non li portare alla Caritas che quelli se li rivendono alla prefettura e steccano coi compari mafiosi.

      Elimina
    3. casapounditaliapiacenza@yahoo.it

      Elimina
  9. Una differenza abissale tra chi fa del bene e chi vive nel male e si arricchisce facendo del male.
    Grazie Casapound

    RispondiElimina
  10. I beni di prima necessità portiamoli a Casapound che provvederà a distribuirli ad Italiani bisognosi.
    Stiamo lontani da altre organizzazioni che si sono rivelate mafiose e fanno solo affari.

    RispondiElimina
  11. Hanno informato Papa Francesco che in moltissime Caritas Diocesane imperversa il malaffare mafioso. .?????

    RispondiElimina
  12. Polpettine avvelenate da regalare a tutti quegli esseri spregevoli che si arricchiscono vergognosamente con la finta accoglienza pelosa affaristica.
    Grazie ai militanti di CPI che aiutano tanti italiani in difficoltà...

    RispondiElimina
  13. Ottima iniziativa

    RispondiElimina
  14. Bravi come sempre

    RispondiElimina