venerdì 19 dicembre 2014

Mafia capitale: CasaPound, contro di noi azioni di killeraggio mediatico

Roma, 19 dicembre - "Azioni di vero e proprio killeraggio mediatico: non si possono definire altrimenti articoli come quello a firma di Lirio Abbate comparso sull'Espresso di questa settimana, in cui si diffondono illazioni completamente prive di fondamento, slegate da qualunque riscontro oggettivo. Nell'articolo si riferisce di un fantomatico incontro tra il presidente di CasaPound Italia Gianluca Iannone e un signore non identificato, un 'mister x' del quale non solo non si dice a che titolo sarebbe coinvolto nelle indagini su Mafia Capitale, ma nemmeno si dice il nome, peraltro sconosciuto anche agli investigatori a quanto riferisce lo stesso Abbate. La vaghezza di quanto scritto, oltre alle palesi falsità, come quella che vorrebbe Iannone residente a Sacrofano, evidenzia l'assoluta pretestuosità dell'articolo, che, a cominciare dal titolo, sembra montato ad arte per indurre il lettore in maniera surrettizia a credere che CasaPound sia coinvolta nell'inchiesta, nonostante in nessun modo il movimento sia stato chiamato in causa da chicchessia in relazione alla vicenda, e pur risultando il nome dell'associazione mai menzionato negli atti d'indagine". Lo afferma in una nota CasaPound Italia.

"Siamo di fronte all'ennesimo atto di una certa 'teppaglia giornalistica' incapace di riconoscere che nessuno quanto CasaPound Italia ha marcato le distanze dalla giunta Alemanno - contro cui ci siamo anche candidati in Campidoglio - e dal sistema dei poteri forti che controlla la Capitale da prima di lui, al contrario dei tanti che oggi fanno i puri ma non hanno esitato ad andare a braccetto anno dopo anno con la Roma della politica e degli affari. CasaPound peraltro ha sempre rispedito al mittente le richieste di mediazione sui centri di accoglienza. Anzi, è l'unico movimento sceso in piazza per impedire l'apertura di un nuovo centro immigrati, quello di Settecamini, da parte della coop 29 giugno", aggiunge il movimento, che poi annuncia: "È evidente che la tutela dell'onorabilità del nostro movimento avverrà in tutte le sedi e che chi ha diffamato, mettendosi al servizio delle più squallide ragioni della politica, sarà chiamato a rispondere delle sue menzogne".



41 commenti:

  1. Diffido di chi fa dell'Antimafia una furbata per fare soldi come Saviano che pare abbia copiato da altri giornalisti di cronaca nera fatti delittuosi raccontati in quel mediocre libro suo.
    Ebbene,a me questa tipologia di persone mi provoca l'orticaria in quanto lo fa per opportunismo personale.
    Anche se Leonardo Sciascia erroneamente si rivolse all'epoca anche a Paolo Borsellino rimane sempre uno scrittore di ALTRO E ALTO LIVELLO che nulla hanno a che vedere coi reporters che scrivono nel modo in cui piace all'editore.

    RispondiElimina
  2. HO LETTO GLI ARTICOLI SU L'ESPRESSO.
    MOLTO DI PARTE COME SEMPRE.
    SE QUEL REPORTER SCORTATO DALLA POLITICA VOLESSE SCRIVERE ARTICOLI PIÙ OBBIETTIVI L'EDITORE DEBENEDETTI CREDO NON GLIELO FAREBBE PUBBLICARE.
    MAI ESSERE DI PARTE SFACCIATAMENTE ALTRIMENTI QUEL GIORNALE PASSA COME DI UN PARTITO POLITICO E NON PIÙ LIBERO.

    RispondiElimina
  3. CASAPOUND INCUBATORE DI CULTURA
    (Adriana Poli Bortone ).

    RispondiElimina
  4. http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2014/12/20/amianto-de-benedetti-rinviato-a-giudizio-1.1359864

    20/12/2014, 07:10
    Amianto, De Benedetti rinviato a giudizio
    IL PROCESSO OLIVETTI
    Con il patron di Repubblica - Espresso anche il fratello, Passera e Colaninno. Per i pm tutti sono colpevoli di omicidio colposo e lesioni colpose
    14 operai morti per aver lavorato al montaggio delle macchine per scrivere,manutenzione delle macchine utensili e verniciatura alla Olivetti di Ivrea. 14 persone, più una quindicesima in gravi condizioni, che tra gli anni’ 70 e gli anni ’90, sono state a contatto con le fibre di amianto presenti anche nel talco. Sostanze che secondo i magistrati si disperdevano negli ambienti anche causa delle condizioni dei locali.
    AMIANTO ASSASSINO
    Questo alla base della richiesta di rinvio a giudizio per omicidio colposo e lesioni colpose a carico dell’ingegnere Carlo De Benedetti, ex amministratore delegato dell’Olivetti e patron del quotidiano «La Repubblica»-Espresso,dell’ex ministro Corrado Passera e Roberto Colaninno, attuale presidente onorario di Alitalia, i pm Laura Longo e Lorenzo Boscagli, che hanno chiuso le indagini chiedendo il processo per altre 30 persone (su 39 indagati), sono convinti che il mesotelioma pleurico e il mesotelioma peritoneale, i tumori che hanno colpito le vittime una volta andate in pensione, siano scaturiti dall’attività professionale dagli operai.............
     DE BENEDETTI E NON SOLO
    Negli anni «incriminati», Carlo De Benedetti è stato Ad e presidente dell’Olivetti, carica ricoperta dal 1978 al 1996, mentre Passera sedeva nel Cda dal 1990 al 1996 e fu Ad dal 1992 al 1996. Stessa carica assunta da Colaninno dopo il 1996. La richiesta di rinvio a giudizio riguarda anche l’ex senatore dei Ds Franco De Benedetti, fratello di Carlo, Ad dell’azienda dal 1978 al 1989, poi vicepresidente dal 1989 al 1992 e infine Consigliere di amministrazione fino al 1993. Rischia il processo anche il figlio di Carlo De Benedetti, Rodolfo, nel Cda dell’azienda di Ivrea dal 1990 al 1997. Nelle prossime settimane il tribunale fisserà l’udienza preliminare e il gup deciderà se accogliere o meno le richieste dei pm, ai quali l’editore di Repubblica/Espresso e i figli hanno presentato le loro memorie difensive.
     
    CARENZE NELLA PREVENZIONE 
    Pochi mesi fa, al momento della chiusura delle indagini, il pm Ferrando parlò di «carenze nella prevenzione». In particolare, per l’amianto che si annidava anche fra le tubature a vista e i rivestimenti di pareti e soffitti, l’indagine avrebbe accertato che la manutenzione non è stata considerata accurata, le fibre si disperdevano nell'ambiente e i lavoratori, non sufficientemente informati, non venivano dotati di mezzi di protezione personale.
     
    IL PRECEDENTE
    L’iscrizione nel registro degli indagati di De Benedetti, e l’attuale richiesta di rinvio a giudizio, è scaturita anche dalla sentenza sulla morte di Lucia De Laurenti, ex operaia alla Olivetti di Ivrea. Sul suo caso, la Corte d’Appello di Torino, nel novembre 2012, stabilì che ad ammazzarla fu il talco respirato tra il 1972 e il 1976. Ecco perché i giudici condannarono, per omicidio colposo, l’allora Ad Ottorino Beltrami.

    «L’AZIENDA SAPEVA»
    Secondo la Corte che sancì la condanna, l’azienda conosceva il problema ma lo affrontò con «colpevole ritardo».............
    LASTRE AI POLMONI
    Quello di Lucia Delaurenti, ammalatasi nel 2002 e deceduta nel 2005 dopo essere stata esposta a un tipo di amianto chiamato «tremolite», è solo uno dei casi drammatici riguardanti i «malati dell’Ivrea». Un operaio, addetto alle caldaie, anche lui colpito da tumore, raccontò, ad esempio, di quando l’azienda gli ordinava di «fare le lastre ai polmoni, ma nessuno di noi capiva il perché».


    QUESTO È L'EDITORE DE ""L'ESPRESSO"" ,NONCHE' SI DICE TESSERA N.1 DEL PD, CHE DAL 1993 HA SCATENATO I SUOI REPORTERS SS A CACCIA DI QUALUNQUE NOTIZIA CONTRO LA DESTRA,SPECIE SE SOLO SEMPLICE GOSSIP.

    RispondiElimina
  5. Repubblica - Espresso è il gruppo editoriale di riferimento del Pd e quindi non c'è da meravigliarsi di quello che viene scritto o detto in tutto il network suddetto di proprietà di Carlo De Benedetti notoriamente e platealmente nemico della DESTRA ma solo per motivi finanziari,economici,di potere politico.
    Basti pensare che Ballarò è passato nella conduzione da Floris a Giannini ex - vicedirettore de ""LaRepubblica"". ..
    La sinistra al potere ascolta il ""Grande Vecchio"" quando ha un piacere da chiedere e sappiamo che il Sottosegretario Delrio di recente ha fatto una visita di cortesia a casa del De Benedetti che ricambia ii favori ricevuti dalla politica con articoli di fuoco contro la DESTRA. .......
    Nulla di nuovo all'orizzonte.......

    RispondiElimina
  6. Io gli canterei la famosa canzone di Albertone:

    TE C'HANNO MAI MANNATO A QUER PAESE.

    RispondiElimina
  7. http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11735172/Poletti--la-coop-rossa-lavora.html

    Ecco dov'è il marcio ed invece su l'Espresso c'e un articolo di stima nei confronti di Poletti che giura vendetta.
    Leggere questo articolo del link di cui sopra e poi fare una sonora pernacchia a chi straparla scrivendo che i militanti ed i sostenitori di Casapound sono NERI CRIMINALI......
    Vadano a cagar. .....

    RispondiElimina
  8. ESPRESSO NON LE SCRIVE QUESTE VERITA'.

    http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11735172/Poletti--la-coop-rossa-lavora.html



    AFFARI E APPALTI
    Poletti, la coop rossa che lavora al ministero

    20 dicembre 2014

    Non c'è solo una fotografia che imbarazza il ministro del Lavoro Roberto Poletti.Il Fatto Quotidiano ha scoperto l'esistenza di un appalto da tre milioni di euro per il servizio di pulizie del ministero del Lavoro assegnato cinque mesi fa direttamente alla cooperativa "29 giugno" di Salvatore Buzzi. Il ministro, ex presidente di Legacoop era stato immortalato nel 2010 con Salvatore Buzzi braccio destro imprenditoriale dell'ex Nas Massimo Carminati.Per quella vecchia foto il ministro ha spiegato che, come presidente della Legacoop partecipava a migliaia di iniziative e non poteva conoscere tutti quelli che incontrava.L'impresa di pulizia sospetta - Adesso viene fuori che "29 giugno" era entrata grazie a un appalto fin dentro il ministero. Un'altra grana per il ministro, una questione che era già stata sollevata grazie a un'interrogazione parlamentare dei grillini, un'interrogazione a cui il ministro non ha risposto perché il giorno fissato per il question time era occupato a Bruxelles. 



    blu_ing
    20 December 2014 - 13:01
    le prime tangenti le ho pagate ad un comune con le terme vicino Bologna ,da 20 anni a questa parte i comunisti stanno ancora li e penso che ancora stiano a magnare le tangenti rosse!

    alvit
    20 December 2014 - 13:01
    cosa si aspetta di arrestare o mettere sotto controllo tutti gli appalti presi da questo marpione, come capoccia delle cooperative rosse? Questo ha fatto il bello e il cattivo tempo con i dipendenti chiamati soci e sottopagati e con versamenti di contributi miseri, ma con milionate di euro guadagnati per appalti pilotati.Controllate le onlus, caz@oni, ci sono i volontari che si spaccano il k@@o.

    insorgi
    20 December 2014 - 12:12
    Poletti non è sindaco di Trani. Allora: avanti a tutta forza, verrà scagionato da tutte le nefandezze, come si usa dalle parti del PC di casa nostra.


    ortensia
    20 December 2014 - 11:11
    C'e' da domandarsi piuttosto perche' abbiamo un ministro del lavoro ex capo delle coop rosse.. Uno cosi' immanicato puo' mai sputare nella greppia in cui ha grufolato? Sarebbe interessante sapere quanti lavori sotto inchiesta perche' affidati alle solite coop rosse si sono improvvisamente sbloccati. "A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca " diceva Andreotti.

    RispondiElimina
  9. Queste iniziative editoriali di Liberoquotidiano non interessano all' ESPRESSO di Debenedetti visto che Casapound riempie il tempo di questo settimanale così democratico.


    http://tv.liberoquotidiano.it/video/11734774/Civati-e-Boccuzzi--Marino-e.html

    Civati e Boccuzzi: Marino e Renzi, restituite i soldi presi dalle coop di Mafia Capitale

    19 dicembre 2014

    Altri due deputati del Pd dopo Stefano Fassina sottoscrivono l'invito rivolto da Libero tv a Matteo Renzi: restituisca i soldi che il partito ha ricevuto dalle coop di Salvatore Buzzi, l'imprenditore chiave dell'inchiesta su Mafia Capitale. L'invito al premier e segretario del partito è questa volta rivolto da Antonio Boccuzzi e dal leader della minoranza Pippo Civati. Boccuzzi si dice infastidito dal coinvolgimento del Pd in queste vicende: "anche io sono Pd e non avendo mai preso un centesimo da nessuno, vorrei non essere accomunato", per questo meglio restituire quei soldi di Buzzi. Civati si spinge più in là: i candidati Pd al comune di Roma- in testa Ignazio Marino- che hanno ricevuto finanziamenti da Buzzi, li girino alle disastrate casse della città da cui in fondo erano stati prelevati illecitamente da quelle coop...

    19 December 2014 - 14:02
    Ci pensate se questo principio sia dosasse a benemrrite??? Associazioni,a delinquere (comuniste-catto) che dal 47, sono autorizzate regime a truffare in Italia e gli Italiani, oggi invece di avere duemila miliardi di debiti,ne avremo altrettanti di crediti, ma purtroppo questo è un regime fondato da criminali,ladri anti Italiani comunisti- Catto il peggio del peggio è l'unica legge e' quella del MENGA.


    alvit
    19 December 2014 - 12:12

    Mi viene da ridere. Quando mai hanno restituito le palanche i ladroni del pd? Mi sembra di vederlo marino tirar fuori più di 30.000 euro solo per la sua nomina. E tutti gli altri schei pagati al buzzibassottocapo e poi distribuiti ai disagiati e barboni dei consiglieri e onorevoli di tutto il cucuzzaro? Il comne pagava con i soldi dei cottadini, buzzi li restituiva in nero al pd. bandiera rossa .

    RispondiElimina
  10. Aspetto da anni una inchiesta giornalistica da parte di questo settimanalaccio sulle porcherie criminali commesse dai tanti politici indagati arrestati e condannati del Pd.
    Spero di poterla leggere una cosa del genere prima del 2050...!!!!!!!!

    RispondiElimina
  11. NON FANNO RIDERE NEMMENO I POLLI CON QUESTO FANGO SPRUZZATO A PIENE MANI MA MAI SULLA SINISTRA POLITICA ITALIANA CHE SONO 75 ANNI CHE RUBA.....

    RispondiElimina
  12. SICCOME QUELLO CHE VIENE POSTATO QUI' VIENE LETTO DA TUTTO IL MONDO E ANCHE DA QUELLI DI ""REPUBBLICA - ESPRESSO ALLORA GIOIAMO DELLA NOTIZIA POLITICA IN MACERATA.
    SO CHE NON C'ENTRA NULLA MA È LA RISPOSTA A QUANTI GRIDANO AL LUPO AL LUPO PERCHE HANNO PAURA DI PERDERE IL MALLOPPO RUBATO MAFIOSAMENTE.
    NESSUNO È PERFETTO MA PERSEVERARE È DIABOLICO E CASAPOUND INVECE DIFFONDE DELLE IDEE POLITICHE ONESTAMENTE E ALLA LUCE DEL SOLE.
    CLICCARE SUL LINK CHE SEGUE E LEGGERE ATTENTAMENTE.



    http://m.cronachemaceratesi.it/2014/12/20/con-la-pantana-ce-anche-casapound-vogliamo-entrare-in-consiglio-comunale/605727/

    RispondiElimina
  13. Repubblica/Espresso scriveva che Buzzi era PUNTO DI RIFERIMENTO a Roma e Provincia. .........specie per le 5 Mafie che gestiscono il comune della Capitale. ......TUTTORA. !!!!!!!!

    Il nostro amico Lirio Abbate farebbe bene a rileggersi quello che appariva sulla testata del gruppo per cui lavora. ...invece di accanirsi con Casapound che è composta da migliaia e migliaia tra militanti e simpatizzanti.
    Gli auguro di ravvedersi sulla via di Damasco che in questo caso potremmo identificarla con via Cristoforo Colombo n.98.
    Gettare fango su altri per nascondere le cose imbarazzanti in casa propria è infantile.



    http://voxnews.info/2014/12/06/quando-repubblica-scriveva-di-buzzi-un-punto-di-riferimento-per-roma-e-provincia-leggi/

    RispondiElimina
  14. http://voxnews.info/2014/12/06/quando-repubblica-scriveva-di-buzzi-un-punto-di-riferimento-per-roma-e-provincia-leggi/


    QUANDO REPUBBLICA SCRIVEVA DI BUZZI: “UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER ROMA E PROVINCIA” –

    DICEMBRE 6, 2014 

    E PARLAVA DI MARINO E DEGLI AFFARI CON BUZZI

    Il 14 gennaio, il quotidiano La Repubblica pubblicava l’ennesimo articolo a pagamento sulla Coop 29 Giugno, pietra angolare di Mafia Capitale
    Nel pezzo, parte di un più ampio dossier pubblicitario sulle cooperative – un modo per le coop Pd di finanziare il gruppo De Benedetti (esentasse) – la cooperativa viene definita ‘un punto di riferimento per Roma e provincia‘.
    Il rapporto tra Pd, Espresso e Coop è un rapporto incestuoso, visto che l’ingegnere svizzero è la ‘tessera numero uno’ del Pd.
    Recente è una nuova iniziativa che la cooperativa è riuscita a mettere in atto nel comune di Roma. In questi giorni, insieme ad altre sei cooperative sociali, la 29 giugno opera nei servizi di supporto ad AMA decisi dal Sindaco Ignazio Marino nella riunione della Giunta del 30 dicembre 2013.
    Ma guarda il caso, lo stesso sindaco che ‘non conosco Buzzi’, decideva, casualmente, di assegnare gli appalti alla coop di Buzzi. E del Pd, perché la Lega delle Cooperative è il PD.

    Ancora:
    Oltre a decine di mezzi il Gruppo 29 giugno ha messo in campo 230 operatori, affiancando il personale già in organico con persone in difficoltà (immigrati richiedenti asilo e senza fissa dimora) ospitati presso le strutture di accoglienza gestite dal gruppo 29 giugno.
    Questi si erano creati un business fantastico: Al Fano portava i ‘profughì’, loro venivano pagati per ospitarli nei loro centri e in hotel, e li utilizzavano come manodopera low-cost al posto di lavoratori italiani.
    Lo scandalo è questo.

    RispondiElimina
  15. http://voxnews.info/2014/12/06/la-coop-mafiosa-e-la-repubblica-una-storia-damore-a-pagamento/


    RispondiElimina
  16. http://voxnews.info/2014/12/06/la-coop-mafiosa-e-la-repubblica-una-storia-damore-a-pagamento/

    MAFIA CAPITALE

    LA COOP ‘MAFIOSA’ E LA REPUBBLICA: UNA STORIA D’AMORE, A PAGAMENTO

    DICEMBRE 6, 2014 

    Il 21 ottobre scorso, appariva sul quotidiano La Repubblic articolo apologetico a pagamento della Coop 29 Giugno, quella al centro dello scandalo ‘mafia e immigrazione’ di questi giorni.
    In gergo, articoli a pagamento come questi vengono utilizzati da fondazioni e società per finanziare in modo indiretto giornali amici. In cambio di buona stampa.
    Questo non è assolutamente il caso, ovviamente.
    Bisogna dire infatti che, durante i ‘moti di Tor Sapienza’, le coop di Buzzi hanno goduto sui media del gruppo Espresso di buonissima stampa. A differenza dei cittadini ‘razzisti e xenofobi': ma non ladri. Solo un caso.

    RispondiElimina
  17. Articoletto di parrocchietta che ne fa a bizzeffe il gruppo di De Benedetti.
    Nulla di nuovo all'orizzonte.
    Fare Fare Fare
    Fregarsene di queste calunnie....

    RispondiElimina
  18. DEDICHIAMO L'ARTICOLO CHE SEGUE A LIRIO ABBATE DE """L 'ESPRESSO""".
    COLPITO DA PROBLEMI VISIVI A SINISTRA,IL NOSTRO VALENTE REPORTER, SCORTATO DALLA POLIZIA,SI DEDICA ESCLUSIVAMENTE A GETTARE FANGO CALUNNIOSO SOLO A DESTRA.
    LO FA PER ORDINE TASSATIVO DI """PAPI EDITORE CARLETTO".
    INVECE QUELLO CHE SCRIVE ANDREA OSSINO DEL QUOTIDIANO """ILTEMPO"" CI RACCONTA LA VERITA' SUL MALAFFARE GESTIONALE CHE SI FACEVA AL TEMPO DI VELTRONI SINDACO NELL'IMMENSO CAMPO ZINGARI DI CASTEL ROMANO PER FAR CONSEGUIRE UN IMMENSO GUADAGNO ILLECITO ALLA CRICCA POLITICO-CRIMINALE MAFIOSA CAPITANATA DAL COMPAGNO BUZZI SALVATORE ASSASSINO GRAZIATO DA OSCAR LUIGI SCALFARO.



    http://www.iltempo.it/mobile/cronache/2014/12/22/il-campo-di-castel-romano-costruito-per-fare-un-favore-a-veltroni-1.1360468

    RispondiElimina
  19. Oggigiorno parlare di DESTRA e di SINISTRA è un modo di parlare vecchio.
    Io ritengo che Casapound si debba comunque sgrossare dei fantasmi del passato e archiviare il passato MUSSOLINIANO e abbracciare l'idea di una visione dello Stato che sia moderno ed attuale.
    Uno Stato comunque Sovrano e nazionalista come sono gli STATI FORTI tipo Russia - India -Usa - Francia-Germania - PAPI Arabi - Giappone. .etc.etc.etc.
    Lo Stato Italiano dev'essere ripulito da una classe politica autoreferenziale ed eterna.
    Casapound e Lega di Salvini possono collaborare per creare un fronte politico anticomunista democratico che usi il consenso popolare come unica arma di lotta ideologica ed elettorale.
    Ce ne freghiamo di quello che scrive il gruppo editoriale """espresso - repubblica""" e si continui pacificamente la campagna informativa per illustrare i punti di vista di tanti italiani che non vogliono governi illiberali come quello attuale.
    Personalmente sono sempre stato contrario alla lotta politica violenta anche se qualche calcio nel sedere metaforico lo assesterei volentieri a chi di dovere.
    La responsabilità penale è personale ma e' colpa del governo attuale affamare il popolo italiano per agevolare forse incolpevole sacche diffusissime di criminalità mafioso - politica.
    Buon lavoro a chi nella DESTRA politica si impegna per obbiettivi condivisibili e nonviolenti.

    RispondiElimina
  20. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11569160/Carlo-De-Benedetti--tutti-i.html



    RispondiElimina
  21. http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11569160/Carlo-De-Benedetti--tutti-i.html

    Belli affarucci ucci ucci. ....

    Consiglio di sdraiarsi e sorseggiare dello spumante italiano Doc prima di leggere questa inchiesta del quotidiano Libero che trovo più interessante ed educatrice di quella fatta dal settimanale Espresso.

    RispondiElimina
  22. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/22/lo-scandalo-dei-falsi-iscritti-pd-tesserate-persone-inesistenti/1077777/


    UNA BELLA INCHIESTA GIORNALISTICO/GIUSTIZIARIA CHE CI FA CAPIRE CHE PARTITO FARLOCCO SIA IL PD DI RENZI E DI CUI SI DICE CHE CARLO DE BENEDETTI ABBIA LA TESSERA N.1.

    CHISSÀ SE SAREBBE PIACIUTO ANCHE A LIRIO ABBATE O A QUALUNQUE ALTRO GIORNALISTA DI AREA "DEM" REALIZZARE QUESTO SPACCATO DI UN PARTITO OVE CONVIVONO ONESTI E MALFATTORI MAFIOSI.
    IN QUESTO MOMENTO STORICO LA SPORCA POLITICA STA CONNOTANDO IL PD ED ALTRI PARTITI DI AREA ANCHE SE PURTROPPO "MONDO DI MEZZO" CI HA FATTO SCOPRIRE CHE "PECUNIA NON OLET" E HA CORROTTO ANCHE PERSONE DI AREE CHE IO CONSIDERAVO IMMUNI DA QUESTE TENTAZIONI UMANE.
    MI SONO SBAGLIATO MA LA COSA GRAVISSIMA È CHE DA QUESTA INCHIESTA ROMANA IL PD NE STA USCENDO POLITICAMENTE COMPROMESSO PERCHE' COMPOSTO DA TANTI POLITICI COLLUSI CON LE MAFIE.
    UN PARTITO DI MAGGIORANZA RELATIVA E CHE È AL GOVERNO DELL'ITALIA QUESTO MARCHIO INFAME NON SE LO PUÒ PERMETTERE, CHIUNQUE DETENGA LA TESSERA N.1,2,3,4,5,6,..........

    RispondiElimina
  23. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/22/lo-scandalo-dei-falsi-iscritti-pd-tesserate-persone-inesistenti/1077777/





    Che scandalo.!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  24. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/22/deportare-tutti-gli-islamici-e-la-tv-licenzia-il-presentatore/1077761/


    L'articolo apparso su Espresso a firma Lirio Abbate ed in cui si demonizza Casapound facendola apparire come un covo di terroristi eversivi fa il paio con quello che è successo in Francia al commentatore tv che si è permesso di aprire un dibattito sull'Islam e i pericoli derivanti dalla proliferazione di un credo che impone ai propri credenti azioni estreme.
    Licenziarlo è stata una sciocchezza che ha suscitato la reazione democratica di chi ritiene giustamente che la libertà di espressione ideale e culturale con finalità sociali deve essere tutelata perché naturale e costituzionale.
    C'e somiglianza tra le politiche becere di Italia e di Francia indirizzate al genocidio della razza autoctona a favore di invasori specie islamici arabi ma anche cinesi e zingari criminali.
    È come gioire del fatto che nel periodo successivo alla scoperta delle Americhe,con Colombo,milioni di indigeni furono schiavizzati oppure uccisi da invasori senza scrupoli.

    RispondiElimina
  25. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/22/il-prefetto-pecoraro-diceva-di-non-conoscere-buzzi-ma-fu-lui-ad-autorizzare-la-coop/1077783/


    ECCO CHI FACEVA COMUNELLA CON BUZZI MAFIOSO,ALTRO CHE CASAPOUND.!!!!!!!!!

    LIRIO ABBATE FACEVA BENE A RILEGGERE TUTTI GLI ATTI DELLA INCHIESTA CONSEGNATI ALLA STAMPA E NON AVREBBE FATTO UNA FIGURACCIA DI UNO CHE SCRIVE PER PIAGGERIA VERSO IL SUO EDITORE.

    UN BRAVO CRONISTA COME ABBATE MERITEREBBE DI SCRIVERE PER UNA TESTATA LIBERA E NON CONTIGUA POLITICAMENTE AL PD.

    RispondiElimina
  26. http://m.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/mafia_capitale_roma_turisti_stranieri_dati/notizie/1081767.shtml



    Ai turisti spaventa il problema vero e che caratterizza il governo della città e cioe' che dopo 2753 anni CAPUT MUNDI si ritrova ad essere amministrata da politica mafiosa.




    Non lo dite a quelli del gruppo de L'espresso di De benedetti che sono ciechi con l'occhio sinistro.

    RispondiElimina
  27. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2014/12/23/anche-sui-rifugiati-ignorate-le-nostre-denunce-1.1360947

    RispondiElimina
  28. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2014/12/23/anche-sui-rifugiati-ignorate-le-nostre-denunce-1.1360947


    23/12/2014, 09:06

    Anche sui rifugiati ignorate le nostre denunce
    59 centri e 4mila richiedenti asilo. Il sistema viene «gonfiato» e le coop si arrichiscono. E ora i finanziamenti della Regione finiscono in Procura

    Più rifugiati, più soldi, più sprechi: come nel caso del mantenimento dei nomadi (costato dal 2005 ad oggi quasi 100 milioni di euro), e ancora prima che l’inchiesta «mafia capitale» legasse il malaffare all’emergenza sbarchi, i numeri certificavano il fallimento di un circuito di accoglienza - quello romano - gonfiato fino a diventare insostenibile per un bilancio già in rosso e periferie che alla fine hanno sperimentato la guerriglia. L’ondata anomala di arrivi, tremila persone rispetto al tetto di 147.........................
    continua. ....%........

    Erica Dellapasqua

    RispondiElimina
  29. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2014/12/23/anche-sui-rifugiati-ignorate-le-nostre-denunce-1.1360947




    Gli amministratori pubblici ed i politici sodali sono dolosamente e soggettivamente responsabili penalmente delle ruberie decennali realizzate colle coop rosse e bianche.
    Pure Casapound e tantissimi simpatizzanti di Destra nei vari blog ed in manifestazioni di piazza hanno sempre denunciato li malaffare.
    Vediamo se si riesce a cavare un ragno dal buco.
    D'accordo applicare il 42 bis estremo a Carminati......ma a Buzzi no.?????
    Ai coindagati politici no...????
    Ad un Odevaine veltroniano di ferro? ??
    Ai piddini coinvolti no...????
    Ai funzionari comunali no..???

    Non vorrei succeda che la componente identificata come DESTRA subisca il 100 % della responsabilità e gli altri escano con un buffetto pronti a cavalcare la TIGRE ROSSA come ha fatto sempre PRIMO GREGANTI.????
    Sarebbe una inaccettabile beffa visto che il malaffare delle coop lo hanno inventato i comunisti a cui si sono aggregati i cattolicifurbetti.!!!!!

    Stiamo a vedere come finisce. .....speriamo che non termini a tarallucci e vino e che i piddini si rifacciano una immagine liftata e ripulita dal profondo marcio che hanno fino al midollo.!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  30. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2014/12/23/anche-sui-rifugiati-ignorate-le-nostre-denunce-1.1360947


    Se Lirio Abbate leggesse questo articolo de "ILTEMPO" si renderebbe conto che il marcio coll'accoglienza imprenditoriale nasce e pasce nel PCI-PDS-DS-PD e porta ad arricchimenti criminali notevoli.

    Io penso che Buzzi abbia coinvolto successivamente il Carminati per allargare il fronte del malaffare a cui ha fatto partecipare mafia zingari ----mala romana ---CosaNostra ---Ndrangheta----Camorra----SCU pugliese.
    Insomma c'era da MAGNARE per tutti e principalmente per i politici corrotti della sinistra al 95% e della fintadestra al 5%.
    Amen

    RispondiElimina
  31. http://m.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/mafia_capitale_carminati_41_bis/notizie/1083366.shtml

    Chissà se il grande gruppo editoriale ESPRESSO - REPUBBLICA trova qualche cronista interno capace di approfondire le tematiche affrontate con arguzia da Sara Menafra de "IL MESSAGGERO DI ROMA ".
    Sarà arduo considerato che l'occhio a sinistra ce l'hanno tutti ""CECATO" da quelle parti.

    RispondiElimina
  32. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/23/buzzi-le-coop-e-repubblica-un-amore-lungo-un-trentennio/1078028/



    CONSIGLIO LA LETTURA DI QUESTO ARTICOLO A FIRMA ""MATTEO CARNIELETTO"" AL NOSTRO SOLERTE CRONISTA DE ""L'ESPRESSO"".

    NOI COMUNI MORTALI CI DOBBIAMO ARRANGIARE PER DIFENDERCI DA UNA CRIMINALITA' POLITICAMENTE PROTETTA
    E LA INDEGNA SPENDING REVIEW RENZIANA PREVEDE LA CHIUSURA DI ESSENZIALI SERVIZI DI POLIZIA MENTRE SI MANTENGONO DELLE SCORTE ""PERSONALIZZATE"" A TANTI E TROPPI VIP CHE SE LA DOVREBBERO PAGARE COI LORO SOLDI.
    CHE FOLLIE.!!!!!

    RispondiElimina
  33. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/23/il-sogno-della-cupola-entrare-nel-business-di-monnezza-capitale/1077985/


    IL MARCIO DI BUZZI &CO. MAFIA ROMANA DOVEVA DIVENTARE UNA HOLDING INTERNAZIONALE CON LA BENEDIZIONE DEI SUOI REFERENTI POLITICI COLLUSI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mafia come holding politica onnicomprensiva

      Elimina
  34. http://m.ilgiornale.it/blogpost/59/no-tav-santi-fascisti-terroristi-sempre-la/670/



    Ottimo articolo del Blogger Del Vigo che sottolinea come i compagni che sbagliano stavolta sono NOTAV TERRORISTI EVERSIVI.
    OVVIO CHE IL PREMIER CERCHI DI SMORZARE I TONI SULLA VICENDA GRAVISSIMA DEGLI ATTENTATI DI FIRENZE E B9LOGNA CONSIDERATO CHE L'AREA INSURREZIONALISTICA ANTAGONISTA HA UN BACINO DI SOSTEGNO POLITICO CHE SPAZIA DALLA SINISTRA PD AL M5S PASSSANDO PER SEL DI VENDOLA.
    ESSERE CONTRARI ALLA TAV NON LI AUTORIZZA AD ATTENTATI TERORISTICI.
    CHISSÀ PERCHE' PER I CATTOCOMUNISTI LE INTENZIONI VANNO REPRESSE MENTRE GLI ATTENTATI VANNO SOTTOVALUTATI SOLO PER CONVENIENZE ELETTORALI E CALCOLI DI PERSONALE CONSENSO MEDIATICO..????

    RispondiElimina
  35. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/23/nuova-giunta-per-marino-lassessore-e-gia-nei-guai/1078096/


    PER FAVORE DITE AGLI AMICI DE L'ESPRESSO CHE LEGGANO QUESTO ARTICOLO?
    GRAZIE.

    RispondiElimina
  36. http://m.ilgiornale.it/news/2014/12/23/un-arsenale-nel-campo-rom-spuntano-anche-i-kalashnikov/1077979/


    Le armi che usa Casapound sono la cultura e l'impegno civile e la gente per bene le apprezza e le ricambia con la stima.
    Lo stesso non si può dire degli amici de ""L'espresso""che gravitano in area Buzzi e zingari ladroni tipo Casamonica a 20.000 euro /mese per fare il MEDIATORE CULTURALE. ??
    e farsi fotografare in una riunione della 29Giugno col ministro Poletti.
    A Milano invece i protetti e mantenuti dalla amministrazione Marino tanto cara all'editore De Benedetti per affinità politiche che fanno? ??
    Si divertono a interrare kalashnikov per tirarli fuori alla bisogna....!!!!
    Non facciamo i soliti Razzisti zingarofobi altrimenti Papa Francesco ci scomunica.
    Solo in una nazioncella guidata da guitti sfasciatutto può succedere che la opposizione parlamentare e comunale inciuci col nemico politico per fottere il popolo.
    Non sarebbe ora che una bella ruspa rada al suolo questi campi covo di banditi e gli stessi li si accompagni a piedi alle frontiera con Romania e Bulgaria facendogli attraversare il confine e chiuderlo a chiave per evitare che ritornino..??
    Solo dei mascalzoni come loro può consentire che gentaglia che nasconde armi da guerra possa sostare gratis su terreno demaniale per decenni delinquendo impunemente.
    E dire che nemmeno lo zio Giuseppe Stalin aveva una buona reputazione di loro.
    Ma in Italia servono alle coop rosse e bianche per fregarsi i sghei della finta accoglienza che viene ricambiata dai loro padrini politici in modo molto affettuoso.
    Kyenge se ne stia in Germania che qui non ne sentiamo la mancanza...!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  37. http://www.iltempo.it/mobile/roma-capitale/2014/12/30/tra-ritardi-e-inchieste-per-mafia-a-rischio-gelo-i-clochard-capitolini-1.1362651



    Ora che il magna magna non è sicuro al 100 % i capitolini romani sono cauti.
    Non c'è Buzzi che gestiva per loro conto il business mafioso e pertanto LOR SIGNORI sono cauti. .......Sono dei VERMI SCHIFOSI.

    RispondiElimina
  38. Fottiamocene di quello che scrivono quei prezzolati de l'espresso e invece leggiamo www.romatoday.it


    http://m.romatoday.it/cronaca/fatti-di-cronaca-roma-2014.html

    RispondiElimina
  39. http://m.romatoday.it/politica/espulsione-famiglie-centro-di-accoglienza-via-visso-.html


    Zingari espulsi in quanto delinquono..????
    Questi RASSISTI FASSISTI XENOFOBI che si permettono di accusare degli zingari onesti e perfettamente integrati di FOTTERSENE delle leggi italiane. ..????
    NON CI CREDO. ....!!!!!!!!!

    ELEGGANO ""CASAMONICA"" ASSESSORE ALLE POLITICHE ROM della giunta Marino/Nieri così la finiamo di demonizzare questi etnici romeni un po' ladroni...!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina