giovedì 20 novembre 2014

Torino, Case Popolari: Blitz di CasaPound Italia all'ATC di Corso Dante

Torino, Case Popolari: Blitz di CasaPound Italia all'ATC di Corso Dante

Torino, 19 novembre – Circa 30 militanti di CasaPound Italia si sono recati alla sede centrale dell’Atc (Agenzia territoriale per la casa ) esponendo uno striscione con scritto “Case Popolari Prima gli Italiani”.
“La situazione riguardo l’assegnazione delle case popolari ai cittadini italiani in emergenza abitativa è scandalosa– spiega il Coordinatore Regionale Marco Racca – Nonostante all’Atc siano pervenute circa 10.000 domande di assegnazione di un alloggio popolare da parte di famiglie italiane in emergenza abitativa, vengono sempre privilegiati gli stranieri, che riescono ad ottenere punteggi più alti nelle graduatorie. Migliaia di famiglie rischiano ogni giorno di restare senza casa, perché un gruppo di burocrati segue ciecamente le direttive di un governo nazionale che predilige promuovere politiche insensate sull’immigrazione, affamando numerosi cittadini.
"Molte persone – ha proseguito Marco Racca - sono venute a ringraziarci e ci hanno chiesto di continuare la lotta per il diritto alla casa. Durante lo svolgersi del presidio abbiamo avuto modo di confrontarci con un dirigente dell'Atc, che ci ha chiesto di fargli avere sulla scrivania le nostre proposte. L'Atc nei prossimi giorni riceverà, quindi, anche le nostre soluzioni per aiutare le famiglie in emergenza abitativa."
"Abbiamo organizzato questo presidio – ha concluso Racca - per dare voce a tutte le famiglie torinesi in emergenza abitativa. Pretendiamo che le case vengano assegnate prima ai cittadini italiani e solo dopo che abbiamo risolto l'emergenza abitativa dei nostri connazionali potremmo pensare ai problemi degli stranieri. La nostra è una proposta di buonsenso, ma la classe politica è sorda ed è sempre più lontana dalla gente che sta combattendo con le unghie e con i denti contro la crisi economica. Noi siamo qui per strada per essere il loro scudo e la loro spada"

2 commenti:

  1. Bisogna dire onestamente che molti di questi italiani bisognosi hanno votato e votano per i "compagni" tipo pd - sel e anche per M5S,partiti sfascia Italia.
    Abbiano il coraggio di indicare con nome e cognome i traditori della Patria.
    Invece gli elettori di sinistra fregati e massacrati socialmente continuano a farsi prendere in giro additando alla Destra colpe politiche che invece sono a carico della sx da 75 anni.
    Il marciume politico dei sinistrolsi ha prodotto questa realta' in cui stranieri (zingari in testa) ottengono quello che viene negato agli italiani che pagano la fiscalita' nazionale.
    CPI lo gridi forte e chiaro che le cose cambieranno solo se il popolo italiano aprira' gli occhi.
    CPI facesse delle Primarie per contare i coerenti e scartare i furbetti del quartierino.
    Tanti individui predicano bene e razzolano male
    Chi e' causa del suo male pianga se' stesso.
    CPI dovrebbe specificarlo chiaramente che lotta x i diritti degli italiani identitari coerenti con la loro storia personale e contrari a questo governume immondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente in sintonia col commento 20.11.2014 ore 9,30.
      Troppo comodo tenere due piedi in una scarpa.
      CPI smascheri i doppiogiochisti.

      Elimina