mercoledì 12 novembre 2014

CasaPound, venerdì fiaccolata a Fidene con i cittadini per il pensionato aggredito dai Rom

Roma: venerdì fiaccolata a Fidene per il pensionato aggredito, CasaPound in piazza con i residenti del III Municipio

Roma, 12 novembre - Fiaccolata contro il degrado venerdì alle 16 a Fidene Serpentara, in Piazza Benti-Bulgarelli. A promuoverla, insieme ai cittadini delle borgate del III municipio, è CasaPound Italia, dopo l'aggressione in stile 'Arancia meccanica' avvenuta nei giorni scorsi nella borgata romana, dove un 70enne è stato brutalmente picchiato durante una rapina messa a segno nella sua abitazione di via Flavio Andò da una banda probabilmente dell'Europa dell'est.

"Mentre Marino se ne sta rinchiuso in Campidoglio e Renzi incontra Berlusconi a Palazzo Chigi - sottolinea Cpi in una nota -, le periferie romane e quelle di gran parte delle città italiane diventano ogni giorno di più terra di nessuno, quartieri abbandonati all'incuria e al degrado e lasciati alla mercè di disperati e criminali. Per questo venerdì saremo a Fidene, al fianco dei residenti che lottano per il diritto elementare di poter vivere nelle loro case e passeggiare per le strade dei loro rioni senza paura".

"Denunciamo lo stato di abbandono in cui sono stati lasciati i cittadini del III municipio - aggiunge Cpi -, terrorizzati dalle scorribande di rom che girano liberamente nel territorio senza controllo e risiedono sempre più numerosi in campi abusivi mai censiti a ridosso di parchi e stazioni. Il tutto con la protezione e l'impunità offerta dal minisindaco Marchionne, che li ha ospitati e coccolati a spese della collettività.

Saremo in piazza per denunciare le folli conseguenze delle politiche immigratorie senza controllo volute dal governo Renzi-Alfano e avallate dalle sinistre locali e chiedere la chiusura di tutti i campi abusivi presenti su Roma, il rimpatrio di tutti i clandestini, il censimento e il controllo ferreo di coloro che hanno il titolo per rimanere al fine di far rispettare loro le leggi e le regole di vita di un paese civile".



3 commenti:

  1. La guerra civile la si deve fare contro questi politicanti vermi tutti presi dai loro interessi di bottega e specie i tanto numerosi ex-comunisti che se ne fottono del popolo e bivaccano allegramente nei
    salotti aristocratici a pancia piena.
    Vergogna tutta italiana fintamente democratica.

    RispondiElimina
  2. Ammiro i cittadini di Roma che hanno il coraggio di scendere in piazza per difendere la propria città e che nelle trasmissioni non si nascondono ma dicono quello che pensano davanti alle telecamere

    RispondiElimina
  3. Solidarietà al cittadino romano aggredito da criminali fuori controllo.
    Che le manifestazioni contro l'illegalità e la criminalità si espandino in tutte le città italiane.
    E' inconcepibile che i cittadini italiani debbano aver paura di andare in giro per le loro città. Riprendiamoci il nostro territorio!

    Paolo, Milano

    RispondiElimina