lunedì 17 novembre 2014

Profughi a Badia Praglia (AR), CasaPound: il sindaco di Poppi si dimetta

Profughi a Badia Praglia (AR), CasaPound: il sindaco di Poppi si dimetta
“Sabato mattina siamo scesi in piazza al fianco dei cittadini di Badia Prataglia in modo discreto, senza i simboli del nostro movimento e senza voler inutilmente strumentalizzare una protesta che crediamo assolutamente legittima. Non lasciare solo il nostro popolo, costretto a subire le scellerate politiche governative e delle istituzioni locali, è semplicemente per noi un onore e un dovere, oggi più che mai. Per questo continueremo a sostenere i cittadini badiani che hanno manifestato, in modo civile ed encomiabile, la loro netta contrarietà alla decisione di ospitare 100 immigrati in una frazione di montagna dove risiedono meno di 800 abitanti.”
“Peccato che sabato gli unici assenti erano proprio i rappresentanti di un intero paese sceso in piazza a protestare. Non c’era il Prefetto di Arezzo, che ha pensato bene di tener chiuse le porte della Prefettura, ma soprattutto non c’era il sindaco di Poppi.
Quest’ultima è una mancata presenza ingiustificata e ingiustificabile, perché non è ammissibile che il rappresentante di un’intera comunità non abbia manifestato al fianco dei cittadini, mostrando così di fare lo struzzo di fronte alle loro ben precise richieste.
Riteniamo necessario che a questo punto il primo cittadino del comune casentinese si assuma in toto le proprie responsabilità e comunichi le proprie immediate dimissioni.
E’ un atto doveroso e, dal nostro punto di vista, a questo punto inevitabile.”

6 commenti:

  1. Cosa non si fa x il potere a danno degli elettori gabbati da questi malfattori in coccarda tricolore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché non vai a commentare sulla pravda parassita rosso!!
      se ti piacciono cosi tanto gli zingari e i profughi fai una cosa coerente se ti riesce...mettiti una famiglia di questi "poveretti" in casa poi vediamo cosa ne pensi stronzo!! Voi sinistronzi siete solo capaci di abbaiare stronzate sulla tolleranza solo per convenienza, per far credere ai COGLIONI che ancora danno il voto ai compagni di merende che siete tolleranti. Ma lagente che pensa CON LA PROPRIA TESTA si è accorta che siete solo un bluff...e fra poco verrete spazzati via insieme a tutta questa melma che difendete!!!

      Elimina
    2. ti danno fastidio i Tricolori... vero sporco bolscevico!! voi preferite le bandiere rosse e quelle di Cuba brutti schifosi antitaliani!! Ma andateci a vivere in un paese socialista, tipo la corea del nord...poi ne riparliamo!

      Elimina
    3. Ho fatto io il commento anonimo 17 novembre ore 21,40.
      Mi avete frainteso.
      Mi riferivo alla fascia tricolore del sindaco Poppi e di tanti sindaci sinistri che gabbano i loro elettori indossando immeritatamente un simbolo italiano e fottere o il popolo bisognoso.

      Elimina
  2. Ho una età, 63 anni, che mi permette di giudicare il presente ed il passato. Devo dirvi grazie, grazie per essere gli unici che credono ancora ad una Italia sana e giusta. Almeno c'è qualcuno che pensa che essere italiano è ancora un valore. Grazie

    RispondiElimina
  3. Le porcherie che stanno combinando questi politicanti osceni li sa giudicare anche un minore.!!!!!

    RispondiElimina