venerdì 24 ottobre 2014

Riprende l’iniziativa di CasaPound Latina mercato “Kilometro Zero”

Riprende domenica 26 ottobre l’iniziativa di CasaPound Latina: mercato “Kilometro Zero”

Latina – Dopo il successo dello scorso anno, CasaPound Latina ripropone il mercato “Kilometro Zero” in V.le XVIII Dicembre, 33. Dalle ore 8:30 fino alle 13,30 di domenica 26 Ottobre sarà possibile acquistare prodotti ortofrutticoli direttamente dal produttore al consumatore a prezzi popolari.
“In questo momento di forte crisi economica e produttiva – dichiarano i militanti di CasaPound – abbiamo deciso di rinnovare l’iniziativa e continuare ad essere un punto di riferimento per gli agricoltori della provincia che, sempre in maggiore difficoltà, vogliono vendere i loro prodotti a prezzi competitivi accorciando la filiera distributiva.
Per dare sbocco alla produzione agricola locale e porre un freno all’imposizione dei prezzi di frutta e ortaggi da parte della grande distribuzione, CasaPound propone il ripristino dei mercatini rionali al fine di consentire ai cittadini di acquistare prodotti locali di qualità con un sensibile risparmio.”
Il mercatino del libro usato, le ripetizioni per gli studenti di scuole medie e superiori e corsi di lingue a prezzi popolari, il servizio di assistenza gratuito “Dillo a CasaPound”, il mercato “Kilometro Zero”: con tutte queste iniziative CasaPound continua ad essere unico e vero soggetto politico e sociale in grado di offrire soluzioni concrete ai problemi della gente.



4 commenti:

  1. Ottima iniziativa, potrebbe essere ripetuta più spesso. Ho visto lo striscione affisso in Via Del Lido, sotto la Pontina: ottimo !!! Sarebbe il caso di metterne altri in vari luoghi di Latina e fare in modo che siano sempre ben visibili. Bravissimi. Sono certo che alle prossime elezioni il valore specifico di CASAPOUND sarà nettamente maggiore e come al solito ci saranno proposte dagli opportunisti dei partiti politici. Non vi fate prendere in giro. "L'Italia agli Italiani" !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 60% degli italiani si vogliono male e continuano masochisticamente a votare pd+sel+m5s che vogliono distruggere il genotipo italiano meticciandolo cosi' da creare un genotipo nuovo destrutturato e manipolabile e schiavizzabile senza reazione dell'interessato.Vedo in giro tanta rassegnazione e incapacita' o paura o convenienza momentanea ad appoggiare questa politica genocidica.
      Siamo fottuti noi Italia Nazione che presto sara' una colonia comandata da negroido-cinesi-islamico-zingaroidi che faranno polpette della rimanente resistenza della minoranza.
      Solo Cpi + Lega Nord resistono pervicacemente.
      Questa iniziativa di appoggiare la vendita km. Zero dei prodotti agricoli puo' essere una soluzione al problema del fallimento di tanti produttori nostrani che non riescono a battere la concorrenza delle multinazionali globalizzate antitaliane.

      Elimina
  2. Ottime iniziative a vantaggio della collettivita'.
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. Le iniziative a km. Zero sono la dalvezza x la nostra agricoltura sofferente.
    Boicottare frutta e ortaggi provenienti da nordafrica e sudamerica e' cosa buona e giusta.
    Noi Italiani siamo pigri ed abitudinari e il supermercato e' divenuto opprimente e schiavizzante proponendo alimenti non sempre genuini ed esenti da tossicita' od OGM.
    Apprezzo questa idea di cpi che avra' come sempre successo.

    RispondiElimina