venerdì 31 ottobre 2014

Caso Cucchi: CasaPound, Cucchi ucciso un'altra volta, e lo Stato con lui

Roma, 31 ottobre - "Ha ragione Ilaria Cucchi, Stefano oggi è stato ucciso un'altra volta, e lo Stato con lui. L'assoluzione di fronte all'evidenza delle lesioni di Cucchi è un'offesa per tutti gli italiani e dimostra ancora una volta, ove mai ce ne fosse bisogno, che la giustizia in Italia non è uguale per tutti. Questa sentenza rende ancora più evidente la distanza, sempre crescente, tra 'Stato' e 'Nazione', una divergenza a cui va posto rimedio ora, se non vogliamo che questo paese muoia insieme a Cucchi e a tutte le vittime della giustizia". Lo afferma in una nota il leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone.

18 commenti:

  1. Pieta' per i defunti.
    Ma beatificarlo mi sembra troppo altrimenti drogarsi e delinquere vorrebbe dire che e' lecito farlo...

    RispondiElimina
  2. paoletti emilio2 novembre 2014 21:55

    Come è possibile?....in una caserma esiste un servizio, turni di servizio per cui si sa chi quel determinato giorno era o non era in sevizio, chi c'era a quella determinata ora piuttosto che non....se Cucchi è entrato sano e illeso e dopo la permanenza all'interno di quella determinata caserma, a quella determinata ora, in cui di servizio erano determinati militari, sott.li, ufficiali, che appunto perchè montanti in servizio hanno firmato un registro, un ordine di servizio o altro, dopo Cucchi ne è uscito inconfutabilamente, innegabilamente malmenato e le foto delle condizioni del ragazzo parlano da sole e tutti le abbiamo viste,come è possibile dico non arivare a un provvedimento? C'è un reato accertato e certo, c'è un luogo accertato e certo e presenti accertati e certi, quindi può essere solo uncaso di omertoso silenzio quindi tutti i presenti hanno concorso in uguale misura. Certo che ha ragione la madre, "allora Stefano è vivo, ora torno a casa e lo trovo che mi aspetta!!!"
    Ben inteso a me non piace Stefano Cucchi probabilmente tossico, sicuramente avrà avuto un atteggiamento "sbagliato" anche al momento dell'arresto...come definirlo? probabilmente UN TOSSICO DI M----A...???... Ma questo in ogni caso non giustifica e mai può nè deve giustificare una vicenda del genere.

    "IL REGIME FASCISTA E' UN REGIME DI GIUSTIZIA E COME PREMIA QUELLI CHE LAVORANO, DISPREZZA I PARASSITI E CASTIGA I MALVAGI"
    Benito Mussolini discorso ai colini dell'Agro Pontino 18 dicembre 1933.
    Ma sempre secondo regole e in rispetto delle leggi, la legalità è condizione irrinunciabile.

    RispondiElimina
  3. La vita e' una scelta arbitraria e se ne devono assumere le conseguenze.
    La Nazione ha bisogno di ben altri eroi pronti a sacrificare la vita x il bene altrui.
    Chi si droga e delinque non e ' un esempio eroico.
    Pace all'anima sua ma non sono del tutto d'accordo con chi ha scritto il commento alla notizia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paoletti emilio5 novembre 2014 20:31

      una scelta arbitraria, giusto, addirittura legalizzerei droghe a altro, liberi di decidere come spendere la propria vita, anche daccordo che la nostra amata patria ha bisogno di altri eroi e daccordo che Cucchi non è l'ennesimo eroe per diritto, consuetudine di moda in questa italia, ma un toissico. e basta,infatti Cucchi non è il soggetto di questa discussione, ma il fatto che è una conseguenza di un brutto esempio di giustiuzialismo, è stato delibaratamente giustiziato e questo non è ammissibile in ogni caso, nemmeno in tempo di guerra.....chi se ne frega di Stefano Cucchi, un tossico in meno, ma nulla giustifica il fatto se per un motivo qualsiasi quel giorno, quel carabiniere avesse fermato un tizio che lui sapeva avergli fatto le corna con la moglie, o con cui aveva un debito, un sospeso qualsiasi.....avrebbe potuto vendicarsi alla stessa maniera????
      cominciamo col distinguere e dividere kla figura di Cucchi e il fatto del pestaggio, qui sotto processo non è nemmeno lo stato, ma chi ha ucciso Cucchi e non si assume le proprie responsabailità....CUCCHI NON E' L'ENNESIMO EROE;MA EROI NON LO SONO NEMMENO QUEL MILITARE O QUEI MILITARI...."DURA LEX SED LEX"....MA PUR SEMPRE LEGGE DEVE ESSERE.

      Elimina
    2. Se oggi uccidiamo uno per un motivo del genere, come si punisce domani un clandestino che spaccia o stupra?

      Elimina
    3. paoletti emilio6 novembre 2014 21:15

      come lo scrivi sembrerebbe che sia stato ammazzato ufficialmente personalmenete sarei favorevole alla pena di morte per alcuni reati....non è infallibile, ma farebbe meno vittime....e sicuramente nessun innocente morirebbe come è successo con assassini rimessi in libertà.
      Ma a prescindere "il caso" Cucchi e un caso sporco di pestaggio e chi lo ha fatto non se ne assume le responsabilità.....una rappresaglia tipica del dopo guerra quando i partigiani eliminavano crudelmente chi aveva simpatizzato o era stato fascista compreso le ausiliare alle quali veniva fatta esplodere una bomba a mano fra le gambe mentre "alle più fortunate" veniva sparato subito eliminando in un girone infernale durato anni dopo il '45 anche chi aveva contenziosi personali e antipatie....ma noi vogliamo essere uguali???un fatto così va solo condannato chi spaccia e stupra va condannato e severamente punito, clandestino o italiano che sia unreato è un reato chiunque sia chi lo compie. Come nella Roma antica anche il fascismo non era e non è una dottrina e un regime razzista su basi geneologiche, ma ideologiche la cittadinanza romana veniva concessa a chi ne accettava e ne condivideva le leggi e la dottrina cosa ripresa dal fascismo, pensate alla politica coloniale italiana. potevi diventare cittadino italiano purchè italiano fascista. Solo nel '38 adereando su pressione della germania nazista l'italia condivise le leggi razziali, ma fino allora non c'era in italia una questione ebraica purchè aderissero al partito nazionale fascista...conoscessero la legge italiana ne condividessero i costumi e imparassero la lingua......

      Elimina
  4. Stabilire se quello che si definisce impropriamente "lo Stato" é colpevole della morte di Cucchi, vuol dire accertare la fondatezza, l'l'attendibilità e la buona fede delle perizie medico-legali effettuate per conto delle parti. Stefano cucchi aveva deciso da tempo di consumare la propria esistenza fuori dalle regole di quello stesso Stato che è oggi chiamato al. Banco degli imputati

    RispondiElimina
  5. Chi sbaglia paga... Cucchi stava gia pagando le sue colpe con una vita squallida, schiavo dell'eroina. Probabilmente sarrebbe morto comunque nel cesso di qualche stazione, ma nn è questo il punto. Le forze dell'ordine devono essere impeccabili e dare il buon esempio, se qualcuno ha sbagliato deve pagare come tutti , sia che esseo sia con la divisa o che sia un ladro.

    RispondiElimina
  6. Un Dio Giudica e lo fara' al momento opportuno.
    Pace ai defunti ma difendiamo questa societa' Sozzata da droga e criminalita' diffusa.

    RispondiElimina
  7. Nessuno tocchi Caino e' un luogo comune cavalcato da chi vorrebbe una legislazione penale indebolita da provvedimenti legislativi premiali anche nei confronti di delinquenti abituali.
    Sono in totale disaccordo.

    RispondiElimina
  8. Non era di certo un santo,ma uno stato
    Democratico (quello che ci vogliono far credere) non ha il diritto di togliere la vita a nessuno!la giustizia purtroppo qui funziona al contrario puntiamo in modo sbagliato comè questo giovani ragazzi e lasciamo in libertà o quasi assassini,stupratori, immigrati delinquenti clandestini o ancora peggio dedichiamo A nome di veri delinquenti delle vie (C.G) vedi G 8

    RispondiElimina
  9. sono contento che CASAPOUND è con la famiglia CUCCHI.
    Le forze di polizia o carabinieri devono sempre essere dalla parte della ragione!!!
    SEMPRE ED IN MODO INCONFUTABILE!
    molte volte sono loro stessi delle MERDE alla pari di tutti gli altri in più dovrebbero difenderci e rappresentarci.
    Non mi sento rappresentato da chi ha ucciso Cucchi.
    Io sono per la pena di morte, lavori forzati rispetto delle regole ecc... ma chi comanda deve essere da esempio.... mi piace chi ha scritto
    IL REGIME FASCISTA E' UN REGIME DI GIUSTIZIA E COME TALE PREMIA QUELLI CHE LAVORANO, DISPREZZA I PARASSITI E CASTIGA I MALVAGI"

    RispondiElimina
  10. paoletti emilio7 novembre 2014 12:03

    il DUCE....il fascismo mussoliniano e gentiliano lo diceva!!!!!.....va oggi per la maggiore il fascismo "DEL SOLO MANGANELLO" niente di più errato.....il rischio che si corre oggi è il riproporsi un '68....di fasci contro comunisti sterile e fine a se stesso giostrato come allora dal sistema politico delle plutocrazie col concetto "del chiodo scaccia chiodo"....

    RispondiElimina
  11. Le presunte rivoluzioni del popolo vessato e del proletariato sfruttato contro il PADRONE capitalista hanno avuto sempre un esito infausto visto che gli ideatori sono sempre stato dei furbi fottipopolo.
    La morte del cucchi non deve essere sfruttata mediaticamente da parassiti del tubo catodico o dei social-network in cerca di visibilita'.
    Io non so cosa sia successo e non mi sento di dare colpe a caso considerato che la magistratura non e' stata in grado di farlo.
    Casapound faccia come crede ma la parola fine alla vicenda la potra' dare solo la magistratura.
    Io mi schiero dalla parte dell'ordine e della legalita' e non mi pare sia il caso fare di un pregiudicato una vittima se non si sa cosa sia successo.
    Il fascismo e' stato un VENTENNIO di grandi cose al di sopra dei fatti di cronaca spicciola ma in ogni caso chi e' di DESTRA dovrebbe stare dalla parte dello Stato a prescindere senza sfssvisrlo con un episodio come ne succedono a decine e non lo dico per difendere qualche mela marcia ma per fare un distinguo tra chi rispetta le leggi civili e non di droga per meglio delinquere.
    Non vorrei trovarmi l'ennesimo parente di un morto ammazzato o meno che specula per fare fortuna sulla pelle del disgraziato defunto.
    Fava
    Dalla Chiesa
    Calabresi
    Giuliani
    Borsellino
    Falcone
    sono i nomi da ricordare.
    Un cucchi in parlamento con la sx estrema a votare norme antisociali non mi pare sia il caso.
    Pensiamo a cose serie e a questa Nazione portata allo sfascio proprio da quelli che hanno pieta' x Caino e fottono Abele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paoletti emilio8 novembre 2014 12:59

      infatti è solo la conferma che la teoria marxista della lotta di classe ha fallito anche perchè ha prewstato il fianco alla politica plutocratica...."ruba ai ricchi per dare ai poveri"....DOMANDA? quando i poveri saranno ricchi? ricominciamo da capo?...NO !!! la politica ideata e attuata dal fascxismo da una risposta alternativa non lotta di classe, ma corporativismo in uno stato etico e corporativo......

      Elimina
    2. in questo momento storico sia in Italis che altrove in Europa e nei Paesi "occidentali capitalisti" ma gia' a partire dal 1990 in poi i goveeni di ex-comunisti si sono votati allla ptatica dell'inverso alla Robin Hoood.
      Cioe' rubano alla classe media x aumentare i poveri e aumentare il divario tra chi sta bene edonomicamente e socialmente e chi tovista nei cassonetti.
      Pochi ricchi e una massa di poveri disposti a farsi sfruttare pur di sopravvivere.

      Elimina
    3. Accostare il fascismo alla DESTRA è una delle cose più sbagliate che si possa scrivere a proposito di Fascismo. "Chi è di Destra dovrebbe stare dalla parte dello stato a prescindere"....infatti il Fascista NON è semplicemente un uomo di destra.

      Elimina
  12. non mi risulta sia morto per le percosse e le perizie medico-legali parlano chiaro...

    RispondiElimina