venerdì 12 settembre 2014

Saluto romano, CasaPound: sentenza politica e liberticida, solidarietà a condannati

Roma, 12 settembre - "Una sentenza che farebbe ridere se non fosse in realtà liberticida e smaccatamente politica”. Così CasaPound Italia commenta il giudizio della Cassazione che ha confermato la condanna per due membri di Cpi che avrebbero salutato a braccio teso urlando “Presente” nel corso di una manifestazione in ricordo dei martiri delle foibe. “Nella sentenza – dichiara Cpi – giudici discettano filosoficamente sullo stato di salute morale di questo paese senza rendersi conto che proprio questi irrigidimenti censori fuori tempo massimo testimoniano la sua profonda fragilità: un sistema che ha paura dei gesti simbolici e delle opinioni è ormai arrivato al capolinea. Quanto al fatto, espressamente citato, che anche il 'Presente' pronunciato in onore dei martiri delle foibe sia da ritenere criminale, crediamo che questo sia veramente il colmo: dopo aver abbandonato una parte del popolo italiano alla pulizia etnica, dopo aver insultato e discriminato chi fuggiva da quel massacro, dopo aver tolto le foibe dai libri di scuola, ora si arriva a perseguire anche chi ha il coraggio di ricordare quel dramma. Questo – conclude la nota – rende ancora più surreale, orwelliano e inquietante quanto uscito oggi dalle stanze della Cassazione contro i nostri militanti, a cui va tutta la solidarietà dell'intera comunità di CasaPound”.

137 commenti:

  1. senza parole.....!!!!!!
    qualcuno dice che le sentenze si rispettano e non si commentano e allora SILENZIO.
    Che Dio ce la mandi buona.
    un saluto non romano ma italiano..

    RispondiElimina
  2. Carlo Maria Mosco12 settembre 2014 23:07

    Come spesso in Italia accade, le leggi per i nemici si applicano, per gli amici si interpretano.
    Mi domando se la procura di Bolzano avrebbe indagato Berlusconi se quest'ultimo avesse lì pronunciato la frase per la quale "Mussolini non ha mai ammazzato nessuno, Mussolini mandava la gente a fare vacanza al confino".
    O forse sarebbe bastata una telefonata ....
    A volte la Cassazione fa piangere, a volte fa sorridere
    I pericoli dell'Italia derivano da ben altro.
    Meritevole di rispetto colui chi accetta le conseguenze della violazione delle leggi ingiuste o stupide.

    RispondiElimina
  3. si puo' leggere il.dispositivo di sentenza per capire meglio???
    grazie

    RispondiElimina
  4. la legge scelba punisce chi cerca di ricostituire il pnf o il nazismo o propugna con atti e incitamento la creazione di un partito totalitario ma non sapevo punisse una opinione elogiatuva.
    Il gesto del saluto romano se non accompagnato da frasi ex-fascismo aut nazismo non mi risultava rientrasse nella fattispecie criminosa della legge Scelba.
    Con il pericolo di sovvertimento delle istituzioni democratiche immanente propugnato dai terroristi islamici in
    Italia io mi preoccuperei poco e niente di due giovani che non hanno tenuto un comportamento criminale.
    Mi sembra una sentenza,senza avere letto la sentenza,un po' forzata.!!!!

    RispondiElimina
  5. Senza aver preso visione delle carte processuali ritengo a naso che l'evento in cui e' avvenuto il fatto sia stato legittimo perche' commemorativo di un evento storico e pertanto di per se' causa escludente di ogni intento di violare la legge scelba.
    Dov'e' il dolo???
    Gridare ""Presente"" significa che gli infoibati dai comunisti titini sono ancora PRESENTI nei cuori degli italiani antistalinisti che patirono le atrocita' commesse da filosovietici.
    Sentenza da rigettare sul piano politico e discutibile in punta di diritto in quanto sembrerebbe non ci sia stato nessun assembramento non autorizzato avente finalita' antidemocratiche.
    Al di fuori di queste fattispecie penali si puo'invocare l'esercizio di cui all'art.21 costituzione.
    Inoltre non si puo' fare il processo alle intenzioni tirando in ballo un "" supposto"" clima di pericolo da rigurgito di nostalgici totalitarismi di destra anche fuori dall'Italia..!!!!!!Anche sulls LUNA...?????!

    RispondiElimina
  6. Articilo 21 della Costituzione.
    Reato di opinione contrario alla legge.

    RispondiElimina
  7. casapound sta diventando veramente scomoda e quindi va stoppata.
    Quale migliore occasione della commemorazione degli orrendi crimini ai danni di italiani inermi infoibati da comunisti titini e italiani senza cuore ne' onore.
    Due piccioni con una fava.
    La Storia ha gia' scritto quegli orrori ma scrivera' anche i nomi dei senza dignita'.....

    RispondiElimina
  8. sentenza pilotata rigettata dagli italiani identitari.

    RispondiElimina
  9. legge scelba non prevede reato di pensiero o di opinione e quindi sentenza sembrerebbe in bilico di credibilita'.....

    RispondiElimina
  10. piaccia o non piaccia il fascismo crebbe sul substrato di una anarchia riviluzionaria antidemocratica di sx che stava devastando l'Italia verso gli anni
    1919-20.
    Saluto o non saluto
    Presenti o non presenti
    Mussolini rappresento' in quel
    momento il Salvatore della Patria e milioni di Italiani lo seguirono.
    Neanche i corsi e i ricorsi storici di g.vico possono far resuscitare il PNF e sarebbe ridicolo.
    Gli Italiani sorridono all'idea che due giovani possano aver rappresentato un
    pericolo sovversivo....manco Sansone+Ercole+Maciste.
    che diamine.!!!!!!
    Siamo uomini o caporsli????
    I magistrati e le forze armate e di polizia si preoccupino dei terroristi ISIS mussulmani che' quelli si' della legge scelba ne fanno un boccone e sono allenati in punta di spada e non certo di diritto.
    Vicenda kafkiana...

    RispondiElimina
  11. Legge Scelba n.645/1952
    Legge Mancino n.205/1993

    Saluto Romano vietato SOLO qualora compiuto con intento di rivolgere la sua attivita' alla esaltazione di esponenti,principi,fatti e metodi propri del fascismo allo scopo di istigare la sua rifondazione.
    Altrimenti e' un gesto che puo' essere un saluto al cielo,alle altezze,al sole,simbolo della vittoria,della luce e del bene.
    Basta aprire il cuore e la mente al BELLO ed ecco che la gestualita' acquisisce una connotazione positiva.
    Disturba i laicisti relativisti atei senza patria ne' onore ne' rispetto di se
    stesso.

    RispondiElimina
  12. LA NOSTALGIA E' UNO STATO DELL'ESSERE SUPERIORE.
    NESSUNO E' PERO' OBBLIGATO A VENIRE DIETRO AD ALCUNO SE NON GRADISCE.
    DISPREZZO INVECE GLI SFASCIACITTA' BLACK-BLOC NIHILISTI VUOTI NEL CERVELLO E TUTTI CACCA&SFACELO STALINISTI.

    REATO DI OPINIONE CONTRARIO ALL'ART.21 DELLA COSTITUZIONE.

    MAGISTRATI INDULGENTI CON JAHIDISTI ED ANARCOIDI.
    AMEN.

    RispondiElimina
  13. non c'hanno un kakso a cui pensare???
    Andassero a skopare invece di rompere.....!!!!!!!

    RispondiElimina
  14. pagina buia per la liberta' di pensiero..

    RispondiElimina
  15. la gente ha bisogno di comicita'.....!!!!!

    RispondiElimina
  16. e chissenefrega di questi parrucconi.!!!
    dispiace per i due di casapound che hanno dovuto subire questa rottura di p...e....!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. una bella revisione alla costituzione necessita altrimenti ci arrabbiamo-

    RispondiElimina
  18. SENTENZA GIA' SCRITTA

    RispondiElimina
  19. Questo stato putrescente è la dimostrazione materiale, tangibile della vacuità della democrazia, in modo particolare in Italia. Essa si sostenta con leggi, sentenze liberticide e metodi che essa stessa rinfaccia a chi non si riconosce nel sistema "democratico". E poi ci si riempie la bocca di "voltaireiani", ipocriti proclami...... Comunque esprimo la mia solidarietà ai camerati condannati salutandoli romanamente!!!

    RispondiElimina
  20. dispiace per i due patriottici italiani di casapoundITALIA ma la sentenza politicizzata va considerata alla stregua di una puntura di zanzara.
    L' insetto va spiaccicato e la puntura disinfettata con una buona crema Patriottica.
    In gamba e un saluto romanesco..!!!!!!

    RispondiElimina
  21. CHI LA DURA LA VINCE.
    Art.21 costituzione e basta...!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. antifascisti a tanto il kilo

    RispondiElimina
  23. grazie a berlusconi che nel novembre 2011 cedette ai ricatti della troika comunitaria consegnando di fatto l'Italia ad un potere oscuro e antidemocratico.

    RispondiElimina
  24. dovere morale e civico di solidarizzare coi due impavidi.La Storia prendera' a ceffoni chi ha torto.Bravi a testimoniare quotidianamente il bisogno di aria nuova e di svecchiare le strutture statali piene di parrucchoni fuori moda.

    RispondiElimina
  25. ermellini assicurano alla giustizia del popolo italidiota due pericolosissimi criminali.
    grazie cassazione...

    RispondiElimina
  26. NON SONO COMPAGNUCCI CHE SBAGLIANO MA IN BUONA FEDE..!!!!!!!!

    RispondiElimina
  27. Non ti curar di loro ma guarda e passa..!!!!!!!!

    RispondiElimina
  28. OGNI TIPO DI FEDE HA I SUOI MARTIRI
    Saluto romanamente

    RispondiElimina
  29. saluto super-romano
    eja

    RispondiElimina
  30. senza fare facile vittimismo dico che la sentenza e' contro chi non vota pd+sel+m5s+f.i.+ncd.
    Se la suonano e se la cantano e a noi ci scivola ed esprimiamo rammarico per una occasione persa di pacificazione sociale.Peggio per chi non vuole rispettare le idee altrui ed il forte bisogno di ITALIANITA'.
    Penso a notav-anarchici mancini-blackbloc insurrezionali area antagonista i quali continuamente danno il meglio di loro stessi con sommosse delinquenziali antidemocratiche..!!!!!!
    Dove sono gli ermellinati a CASTIGARE???!!!??

    RispondiElimina
  31. Ahahahahahahahahah...!!!!
    una scorreggina in un MARE di PATRIOTTISMO...!!!!"

    RispondiElimina
  32. al cuore non si omanda e quindi va dove ti porta il cuore.
    eja

    RispondiElimina
  33. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html

    RispondiElimina
  34. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html

    Vi spiego perché dopo 70 anni il saluto romano fa ancora paura

    Condannate due persone per il braccio alzato perché "c'è sempre rischio di regime".

    Ma i giudici sbagliano bersaglio...

    Giordano Bruno Guerri - Sab, 13/09/2014 - 12:50

    Due signori, che non conosco e che non desidero conoscere, sono stati condannati l'uno a due mesi di reclusione e 300 euro di multa, l'altro a 20 giorni di reclusione e 140 euro (pena sostituita con una multa di 760 euro).

    I due individui erano colpevoli di avere, nientemeno, fatto il saluto romano in pubblico, per di più gridando «Presente!». La condanna è stata confermata ieri dalla Suprema Corte di cassazione: «Nulla autorizza a ritenere», ha scritto la Suprema Corte, «che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe». Può darsi, ma allora occorre andare più a fondo del problema.Per scongiurare il pericolo di un ritorno del fascismo, i legislatori dovrebbero anzitutto proibire (chiedere di risolverla è palesemente troppo) la crisi economica e una sua evoluzione catastrofica: senza quella, né Mussolini né altri ce l'avrebbero fatta. Come, del resto, non ce l'avrebbero fatta senza le conseguenze di una guerra, vittoriosa sì, ma dilaniante il tessuto sociale. Certo, anche in assenza di guerra o di crisi, rimangono in alcuni - deprecabili - uomini la libidine di potere, la certezza di avere sempre ragione e una stolida mancanza di dubbi, la convinzione che con un potere assoluto si possono risolvere tutti i problemi e che io li risolverò meglio di chiunque, perché la democrazia non ha senso, visto che io ho ragione e tu sbagli.Si arrestino e si condannino, dunque, tutti coloro che hanno simili convinzioni e caratteristiche. In un colpo solo si risolverà non soltanto il problema del pericolo fascista, ma puranco quelli dell'inquinamento, del sovraffollamento, della disoccupazione, degli incidenti stradali: anche se, ahinoi (da non confondersi con a noi, per carità) aumenterebbe moltissimo quello della costruzione di nuove carceri, e soprattutto di chi le sorveglierebbe, per la grave carenza di incensurati. Abbiamo scherzato. La Suprema Corte, e i magistrati che emisero la prima condanna, non hanno fatto altro che applicare la legge, la quale vieta, oltre la ricostituzione del partito fascista, l'apologia del fascismo e i gesti nostalgici. Niente da eccepire, allora, se non una domanda: vale ancora la pena di tenere in vita quella legge? «Non è la manifestazione esteriore in quanto tale ad essere oggetto di incriminazione», motiva la Suprema Corte, ma piuttosto «il suo venire in essere in condizioni di pubblicità tali da rappresentare un concreto tentativo di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostituzione».Insomma, i due braccialzanti, lo facevano in pubblico per influenzare qualche decina o centinaia di presenti, una modesta forma di propaganda. Ma il fascismo non si ripresenterà mai, almeno in Italia, con quelle forme, quei riti, quei modi, quei miti, quegli stivali, quelle camicie, e avrà piuttosto l'aspetto rassicurante della modernità digitale. Sarei curioso di sapere se gli avvocati difensori hanno portato, come testimonianza a favore dei loro patrocinati, una sia pur minima campionatura di quanto accade nella rete, dove si trova facilmente ben altro che braccia alzate e pugni chiusi: e non davanti a pochi simpatizzanti, bensì di fronte alla sterminata e influenzabile platea del web. Impunemente. Lì, può essere il pericolo, più che in quei due tipi che facevano prendere aria alle ascelle, forse bisognose.
    Twitter: @GBGuerri

    RispondiElimina
  35. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    pgbenelli
    Sab, 13/09/2014 - 13:08

    l'imbecillità delle nostre(!) toghe ormai non conosce più limite.
    Sono solidale con quelle due persone che, più o meno ingenuamente, hanno manifestato il loro pensiero.

    RispondiElimina
  36. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html




    agosvac
    Sab, 13/09/2014 - 13:33

    La suprema corte sembra essere composta da persone che neanche hanno l'orgoglio della propria origine. Il saluto romano non è un simbolo del fascismo, è il saluto con cui le legioni romane salutavano l'imperatore prima di andare a morire per l'impero.
    Io sono orgoglioso di essere italiano e sono orgoglioso di discendere da un impero che ha conquistato più di mezza Europa e quasi tutto il mondo allora conosciuto. Evidentemente loro non lo sono!!!!!!
    Per quanto mi riguarda continuerò a salutare gli amici alzando la mano destra, non sono fascista, sono solo una persona che ricorda la storia.
    Se poi alcuni magistrati idioti mi vogliono indagare, che lo facciano!!!!! Dimostrerebbero non solo di essere idioti, ma anche di non conoscere la storia. Tra l'altro salutare alzando la mano destra aperta non era solo un simbolo romano, molte altre culture lo usavano. Gli indiani d'america alzando la mano destra aperta dimostravano che non portavano armi, pertanto era anche un segno di pace. Purtroppo pretendere che i nostri magistrati conoscano la storia e le usanze di altri popoli molto diversi dai nostri è pura illusione. Se fossero persone colte non farebbero i magistrati, farebbero altre cose, magari le persone per bene.

    RispondiElimina
  37. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    Lua78
    Sab, 13/09/2014 - 13:49

    una dittatura per combattere una dittatura. il fascismo e' reato. bisogna annientarlo e con lui tutto cio' che li riguarda dai segni ai simboli passando per le pensioni, gli ospedali, i diritti dei lavoratori, le famiglie. .. tutti come il grande che guevara che ammazzava chiunque gli facesse anche solo dubitare le intenzioni, forza! quella si che e' liberta'! ma porc...

    RispondiElimina
  38. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    lucabilly
    Sab, 13/09/2014 - 13:53


    Toghe fuori tempo e luogo.

    RispondiElimina
  39. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    CADAQUES
    Sab, 13/09/2014 - 13:53

    Il regime non lo fanno quelli che fanno il saluto romano ...
    Il regime lo fate voi con il vostro intoccabile apparato "pubblico" parassita sopra le fabbriche che chiudono, sopra la pelle dei lavoratori senza lavoro, sopra i Giovani senza futuro ai quali costringete ad abbassare la testa per passare le porte della delinquenza e a cui costringete innocenti alla repressione carceraria e alla brutalitá poliziesca di mezzo milione di agenti, tanti quanti non esistono in tutti gli Stati uniti ... Il regime siete voi aguzzini che insudiciate i luoghi della Giustizia, la vostra ciurma di avvocaticchi che ci mangia sopra e che occupa i luoghi della Cultura e della Politica.

    RispondiElimina
  40. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    sitten
    Sab, 13/09/2014 - 13:55

    Siamo al ridicolo!

    Il Fascismo piaccia o meno, modernizzò l'Italia, e quello che riuscì a fare in venti anni a dell'incredibile. Incominciamo ad abolire tutto quello che il Fascismo attuò, dalle pensione, alle vacanze, alle case popolari,all'assicurazione contro le malattie, contro gli infortuni etc.
    Mi fermo qui.
    Ma in 70 anni cosa hanno fatto i nostri cialtroni?
    Saluto con il saluto romano!

    RispondiElimina
  41. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html




    Roberto.C.
    Sab, 13/09/2014 - 14:03

    ....e se ne alzo due, di mani, come ai concerti che fanno? Doppia pena??? Bisogna essere ultra novantenni e con un particolare concetto di democrazia per uscirsene con queste stronzate! E come la mette questo assembramento di geriatri rincoglioniti sulla lezione di democrazia che ci ha rifilato re giorgio???. Stupratore della suddetta !! R.I.P. Infimi individui!!!!

    RispondiElimina
  42. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html




    FrancoTrier
    Sab, 13/09/2014 - 14:23

    questi signori che salutano romanamente sono proprio quelli che potrebbero adrizzare la barca Italia da questi clandestini fuorilegge aiutati dal PD la sinistra italiana.
    Ma voi popolino non capite un kazzo.
    Con il pugno alzato arrivano questi clandestini fuorilegge con la mano alzata invece sparirebbero tutti quanti scegliete voi.

    RispondiElimina
  43. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html




    Ilgenerale
    Sab, 13/09/2014 - 14:55

    Se pensano che basti uno scoglio per arginare il mare si sbagliano di grosso! Xo fanno bene ad avere paura, hanno capito che la resa dei conti e' vicina e che la verita prima o poi emerge sempre! Lo stato liberale e' un profonda crisi e non e' certo impedendo di salutare come uno vuole che si potra' salvare la demicrazia.......ma poi di quale democrazia stiamo parlando? In quell'aula erano certamente piu Fascisti quei giudici che quei due bracciotesisti!!!

    RispondiElimina
  44. http://www.ilgiornale.it/news/politica/vi-spiego-perch-70-anni-saluto-romano-fa-ancora-paura-1051354.html



    odifrep
    Sab, 13/09/2014 - 15:00

    @ agosvac (13:33) - egregio signore, non ha detto però il motivo del pugno chiuso alle manifestazioni, da parte di quella gente con le bandiere rosse! Forse, vogliono nascondere lo sporco del palmo della mano? Lei cosa ne pensa!

    RispondiElimina
  45. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/12/fascismo-cassazione-rischio-attuale-e-conferma-condanna-per-saluto-romano/1119424/

    Anton Ross Effebi
    La Germania, ad esempio, e' stata fautrice di 2 guerre mondiali..e, dalla seconda, e' uscita smembrata e molto piu' devastata di altre nazioni..la nostra compresa, e adesso e' la piu' grande potenza Europea. La Germania ha avuto il Nazismo, la Russia Stalin, altre Pol Pot, Pinochet, Ceausescu, Bokassa..e via dicendo...E mentre le altre hanno imparato dal passato e stanno andando avanti, NOI siamo ancora a discutere del ritorno dei Re o del saluto romano con al potere che conta anche un bel po' di EX FASCISTI ( che si dice anche imparentati di sangue..coi Re!). Le contraddizioni o l'emblema di un paese che tira fuori passato, presente e ipotesi di futuro DI COMODO...pur di non cambiare niente e mantenere lo status quo del peggio che una nazione potesse avere al potere..e al governo. Personalmente non ho nostalgie di passato come il fascismo..ma sento il bisogno di una DESTRA e di alcuni suoi valori per rifondare il paese dandogli una almeno una parvenza di identità e dignità. La sinistra cos'ha..si sinistra e non di "sinistro"? Ma soprattutto la destra ( rappresentata, aime', da un delinquente con partito cofondato da mafiosi, nonche' bungabungaro) non ha piu' lo spazio per l'alternativa che, DEMOCRATICAMENTE, in molte altre nazioni ha consentito e partecipato a sviluppo e progresso.

    RispondiElimina

  46. Che assurdità sanzionare penalmente un saluto...
    A confronto con quanto accade tutti i giorni è veramente niente

    RispondiElimina
  47. Fate a quei parrucconi un biglietto di sola andata in Corea del Nord e tolgano il disturbo.

    RispondiElimina
  48. http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/12/fascismo-cassazione-rischio-attuale-e-conferma-condanna-per-saluto-romano/1119424/






    Federico Dell'Arca
    La Cassazione ha visto nel giusto: c'è la possibilità che gli italiani si appassionino di nuovo al fascismo (i likes alle pagine fasciste su Facebook parlano chiaro), ma con queste istituzioni è comprensibile: di fronte a un regime sotto mentite spoglie, presieduto da un premier mai eletto (altro che Mussolini, regolarmente eletto!), in cui vengono imposte leggi prive di consenso popolare (vedi politiche europee) e politiche contrarie al benessere del popolo (vedi operazione "Mare Nostrum"); di fronte a un regime in cui non si è più padroni di esprimere i propri pensieri (vedi leggi contro reati di opinione, “omofobia” e amenità simili), e in cui addirittura non si è liberi di articolare il proprio corpo e di "salutare" per come si vuole; di fronte insomma a un regime “anti-fascista” che è in realtà una forma di patologico fascismo occulto, sempre più italiani rimpiangono l'originale.

    RispondiElimina
  49. MA LO SAPETE CHE IN ITALIA DA 3 ANNI C'E' UNA MONARCHIA ASSOLUTA CHE NOMINA AUTONOMAMENTE IL PREMIER?
    DURANTE IL FASCISMO E' STATO LO STESSO????

    RispondiElimina
  50. Il premier secondo la nostra assurda costituzione non viene direttamente eletto, certo, ma è (o perlomeno dovrebbe essere) espressione dei risultati elettorali.
    Questo premier non è mai passato da elezioni, ma è soltanto il risultato di manovre di palazzo.
    Era molto più democratico il consenso di Mussolini, passato da elezioni.

    RispondiElimina
  51. ma cosa cambia se uno fa un saluto o meno?se uno si sente fascista non sarà l'impedimento del saluto che gli impedirà di esserlo

    RispondiElimina
  52. l'ipocrisia di uno stato confuso e allo sbando ,condannare 2 che non so come definirli, per ideologia fascista e allo stesso tempo ci ritroviamo il CODICE CIVILE decretato nel 1942 da RE vittorio emanuele da BENITO MUSSOLINi e GRANDI .
    povera italia in mano a questi quaquaraqua

    RispondiElimina
  53. HANNO SCRITTO UNA COSTITUZIONE CHE E' IN SE ANTICOSTITUZIONALE

    RispondiElimina
  54. http://www.agi.it/cronaca/notizie/cassazione_fascismo_ancora_un_pericolo_vietare_saluto_romano-201409130943-cro-rt10006

    Cassazione: fascismo ancora un pericolo, vietare saluto romano


    09:43 13 SET 2014
    (AGI) - Roma, 13 set. -

    Non e' affatto "inattuale" l'incriminazione delle manifestazioni tipiche del partito fascista, quale il saluto romano, prevista dalla Costituzione.
    Lo ha sancito la prima sezione penale della Cassazione, confermando la condanna di due giovani che, durante un incontro pubblico a Bolzano nel 2009 organizzato da Casapound in memoria delle vittime delle foibe, avevano urlato in coro "presente" e fatto il saluto romano. "Nulla autorizza a ritenere - scrive la Suprema Corte - che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe". Secondo gli 'alti giudici', "l'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta infatti erosa dal decorso del tempo e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose" e dunque "va escluso che la liberta' di manifestazione del pensiero possa andare esente da limitazioni li' dove la condotta tenuta risulti violatrice di altri interessi costituzionalmente protetti". Quanto al saluto romano, i giudici di 'Palazzaccio' osservano che "non e' la manifestazione esteriore in quanto tale ad essere oggetto di incriminazione", ma piuttosto "il suo venire in essere in condizioni di 'pubblicita'' tali da rappresentare un concreto tentativo di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostituzione". Il fatto che gli altri partecipanti alla manifestazione condividessero, come esposto nei ricorsi degli imputati, "l'ideologia fascista ed il ricorso agli atti simbolici nulla toglie alla pericolosita' concreta della condotta, anzi ne rappresenta una conferma - conclude la Cassazione - trattandosi di comportamento idoneo a rafforzare una volonta' di riorganizzazione tra piu' soggetti, ne' rileva il mancato compimento, durante la manifestazione, di atti di violenza che avrebbero dato luogo ad incriminazioni diverse ed ulteriori". Per i due imputati, giudicati con rito abbreviato, la condanna e' ora definitiva: due mesi di reclusione e 300 euro di multa per il primo, il quale aveva precedenti penali, e 20 giorni di reclusione e 140 euro di multa (pena sostituita con una multa di 760 euro), per il secondo, al quale sono state concesse le attenuanti generiche. (AGI)



    MANCO GLI ZINGARI VANNO IN GIRO A RUBARE IN POCHI ESEMPLARI ANIMALI E QUESTI DUE RAGAZZI DA SOLI HANNO COSTITUITO UNA MINACCIA PER LA TENUTA DELLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE......!!!!!!!!

    MA MI FACCIANO IL FAVORE ERMELLINI ROSSI....!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  55. Bisogna andare alla corte dei cassazioni e presentare la richiesta contro!

    RispondiElimina
  56. L'attuale situazione economica in europa si avvicina, seppur con molte diversità, alla condizione economica degli anni '20 in cui iniziarono in italia e germania le prime frange di fascismo e nazismo. Non sarà che continuare a chiedere sacrifici, sempre ai soliti, alla lunga possa far iniziare una "rivolta" strisciante contro i vari governi? Di certo non in italia, specialmente adesso che inizia il campionato. Al di là delle facili battute, penso che l'insicurezza sul futuro, la mancanza di cultura e la mancanza di solidi legami con le istituzioni sia alla base di questi rigurgiti. Il saluto è solo l'esternazione di un profondo disagio sociale verso istituzioni lontane dalla gente e chiuse in salotti ovattati..

    RispondiElimina
  57. mica è colpa nostra se la sinistra dice e fa cose di destra, e la destra dice e fa cose di sinistra, e il centro dice e fa tutto a prescindere, se gli americani da liberatori sono diventati occupanti...
    ridateci il partito comunista e la democrazia cristiana che almeno si sapeva da che parte stare.

    Sentenza fuori tempo massimo storico.
    sarebbe ora di rimuovere dalla costituzione certi anacronismi

    RispondiElimina
  58. Anche in Italia si e` stati vittime della violenza comunista ... basti pensare alle foibe.
    A quanto pare pero` il sangue ha ancora un colore diverso a seconda delle ideologie

    RispondiElimina
  59. Non credo nell'estremo di entrambe le ideologie,destra e sinistra.
    La costituzione italiana è stata scritta da comunisti e da ex fascisti con indosso una bandiera di comodo e con l'aiuto della Nato e degli stati vincitori.
    La Costituzione ad oggi è calpestata da moltissime istituzione e loro rappresentanti e lo è stata spesso anche in passato.
    Oggi è assolutamente retrograda ed non rappresentativa dell'Italia odierna,per molti è solo un pezzo di carta su cui ridere e fregarsene del suo contenuto.

    RispondiElimina
  60. "avvenuti in Europa"

    la Cassazione recepisce il fatto di essere in Europa, le leggi Italiane devono avere il loro controaltare in Europa e i costumi da tener presenti sono quelli europei. Se gli spaghetti in Europa sono indigesti il problema si riverbera in Italia e in Italia gli spaghetti potrebbero esser in futuro indigesti.

    RispondiElimina
  61. Il fascismo divenne fenomeno negativo nel momento in cui decise di allearsi ed adeguarsi alle idee nazionalsocialiste ed alle loro follie. Economicamente e socialmente ante quel giorno, l'Italia fù ridisegnata e ricostruita in tempi brevissimi, strade, ponti, scuole, mezzi di comunicazione etc, questo lo racconta la storia

    RispondiElimina
  62. La storia narra, anzi i testi di storia, non lo dico io...narrano di un italia in cui si alimentava la creazione di strade, autostrade, si bonificavano terrenti paludosi per permettere la creazione del primario, l'italia era unificata da un rigido rigore, i crimini erano diminuiti, gli episodi di banditismo notevolmente diminuiti anche nel sud, si costruivano i primi acquedotti, venne diminuito l'anafalbetismo anche nei territori rurali etc. Il reddito pro capite era salito a valori superiori ante prima guerra.

    RispondiElimina
  63. La decisione della Corte che farà giurisprudenza si basa su queste motivazioni:

    "Nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe"."l'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta erosa dal decorso del tempo e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose"."Va escluso che la libertà di manifestazione del pensiero possa andare esente da limitazioni lì dove la condotta tenuta risulti violatrice di altri interessi costituzionalmente protetti"."Non è la manifestazione esteriore in quanto tale a essere oggetto di incriminazione, ma il suo venire in essere in condizioni di pubblicità tali da rappresentare un concreto tentativo di raccogliere adesioni a un progetto di ricostituzione. Il fatto che gli altri partecipanti alla manifestazione condividessero l'ideologia fascista e il ricorso agli atti simbolici nulla toglie alla pericolosità concreta della condotta, anzi ne rappresenta la conferma, trattandosi di comportamento idoneo a rafforzare una volontà di riorganizzazione tra più soggetti, né rileva il mancato compimento, durante la manifestazione, di atti di violenza che avrebbero dato luogo a incriminazioni diverse e ulteriori".

    RispondiElimina
  64. http://www.qelsi.it/2014/settantanni-dopo-ancora-terrorizza-il-saluto-romano-in-un-paese-dal-premier-non-eletto-da-nessuno/


    Settant’anni dopo ancora terrorizza il “saluto romano” in un paese dal Premier non eletto da nessuno
    Di Emanuele Ricucci, il 13 settembre 2014 -
    Cittadino, attenzione, il Fascismo potrebbe tornare. Italiani, prestiate grande attenzione, una nuova dittatura di stampo dichiaratamente fascista potrebbe tornare a terrorizzare donne e bambini, cani e gatti, rettili nei rettilari e persino i Germani Reali che liberi, ora che non siamo nuovamente sotto regime, scorrazzano gioiosi su specchi d’acqua, tra i cieli. La bigotteria colpisce di nuovo: “Ci sono ancora rischi di “rigurgiti” antidemocratici – come indicano tanti recenti episodi avvenuti in Europa – che rendono necessario mantenere in vigore la legge Scelba che vieta la ricostituzione del partito fascista e gesti come il “saluto romano” (Libero). Così la Cassazione in una sentenza impugnata contro due esponenti di Casa Pound, accusati di aver rievocato seduta stante, in forma di seduta spiritica militante, il Partito Nazionale Fascista, una trentina di gerarchi, risvegliato l’animo mai sopito di Nicola Bombacci, con un saluto Romano ed un “presente” urlato a chiare lettere.C’è addirittura chi afferma che, e come sempre nel nostro paese i testimoni sono come ombre che appaiono e scompaiono a seconda del capro da immolare al pubblico ludibrio, nel corso della manifestazione nazi-ultra-satanico-fascio-imperialista, in oggetto di sentenza della Cassazione, i saluti romani dei due giovani ed il presente, abbiano riportato in vita il sistema pensionistico in uso durante l’epoca fascista. Solo per qualche minuto. I dipendenti INPS terrorizzati si erano nascosti sotto i banchi in attesa di un esorcismo rosso, puntualmente arrivato. Settant’anni e spicci dopo, terrorizza ancora la manifestazione di pensiero, espressa in tempi diversi, per contatto ideale e culturale, per ispirazione filosofica, senza richiamare follie, senza riesumare morti e condanne, senza ripercorrere gli angoli bui e sbagliati di un’era finita da un pezzo.La Cassazione ha evidentemente interpretato in maniera “ottimale” (…) uno dei maggiori, forse il più grande timore ATTUALE d’Italia e degli italiani, quale è il ritorno repentino ad un regime di stampo fascista, con tanto di autarchia e socializzazione, Dio volesse, corporativismo e squadrismo. Gli “ermellini” si sono prodigati per “l’esigenza di tutela delle istituzioni democratiche”, combattendo spavaldamente e pubblicamente contro il peggiore dei mali che ATTUALMENTE potrebbe, ripeto, colpire l’Italia, come appunto, il ritorno dei gerarchi. Una presa di posizione, quella della Cassazione, più che mai “giustificata” (…) soprattutto sottolineando i terribili effetti di un genocidio che, proprio come quello dell’ISIS in Medioriente, si sta perpetrando nel nostro paese per mano dei fascisti del terzo millennio, atto a sterminare il popolo italiano per impiantare una super razza ariano-spaziale-divina. Meravigliose le parole spese nella giustificazione della sentenza al proposito “ […]e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose”.Chapeau! Superba esecuzione di competenze e dettami giuridico-culturali, soprattutto in un momento in cui fiera soffoca la libertà italiana in un vero rigurgito antidemocratico con un Presidente del Consiglio mai eletto dalla sua Nazione. E gli esempi si sprecano, badate bene, ma è decoroso fermarsi qui, quantomeno per non essere banali. Settant’anni dopo ancora spaventa un braccio teso ed un giovane urlo di continuità nella provinciale Italia del falso mito di libertà, di certo non terrorizzano le aberrazione da progresso cui siamo sottoposti. Chiedetelo alla Signora Kyenge, quella del predominio dello Ius Solis sullo Ius Sanguinis, quella del genitore 1 e 2.

    RispondiElimina
  65. ANTIFASCISMO ED ANTIRAZZISMO IN ITALIA PRODUCE BRILLANTI CARRIERE
    UN SALUTO ROMANO CONDUCE 2 RAGAZZI AL FONDO DELLA VITA...



    http://www.qelsi.it/rubriche/michela-pedemonte/kyenge-e-la-messa-al-bando-della-lega-e-dei-partiti-razzisti/

    Kyenge e la messa al bando della Lega e dei “partiti razzisti”
    Di Michela Pedemonte,31 agosto 2014 -

    Chi non vorrebbe essere lei? Ex Ministro, neo eurodeputata, medico ed icona del buonismo terzomondista.Oculista, istruitasi in Italia, deve vederci molto bene. Kashetu Kyenge detta Cecile ha visto e fiutato ottimamente il Belpaese ed ha iniziato la sua ascesa, riuscendo a farsi spazio in politica e nella società.Un successo dietro l’altro. Sarà la bravura, non siamo maliziosi e nemmeno vogliamo essere tacciati di razzismo, anche perché ogni critica all’ex ministro dell’integrazione rischia di essere bollata con quel termine.La sua gratitudine non ha tardato ad arrivare. Da subito si è occupata del suo popolo. No, non quello italiano, nonostante fosse Ministro dell’integrazione e non dell’immigrazione.Sarà per questo che è diventata un’icona democratica. Regina dei convegni, non si è fatta scappare nemmeno quello dei giovani Musulmani d’Italia.
    Avrà pensato di farseli amici, ma forse non è necessario. Lei, italiana-cristiana-occidentale ma figlia di un papà che ha avuto 38 figli da 4 mogli diverse, non ha mai voluto rinnegare la poligamia perché in fondo “Le origini non si rinnegano”.
    Perché fuggire allora? Forse per l’impossibilità di farsi una vita propria e libera in un paese come il Congo?Certo è che la democratica Kashetu Kyenge detta Cecile ha ben chiaro come far rispettare le sue regole. La Lega Nord non le piace. E’ un partito “razzista”: “Se la Lega è un partito razzista? Le do una risposta secca: sì. Sono arrivata a questa conclusione perché questo partito non prende ufficialmente posizione in modo netto, anche con delle sanzioni, nei confronti di suoi esponenti che fanno dichiarazioni razziste e si comportano come tali. Non solo, li difendono pure in Tribunale. Tutto ciò significa una cosa sola: la Lega, come anche Forza Nuova, condivide il loro pensiero razzista” dice la Kyenge ad Affaritaliani.I rapporti sono tesi sin dall’inizio. Non potrebbe essere altrimenti. Ed ecco che la liberale Kyenge ha una grande idea: mettere fuori legge i leghisti. E non solo: “Serve una legge che deve sanzionare quei partiti che portano avanti manifesti razzisti e non dobbiamo permettere che esistano partiti che predicano l’odio o l’incitazione all’odio. La gente ha avuto più coraggio dei politici mettendo al bando Alba Dorata proprio perché proponeva l’incitazione all’odio. A questo dobbiamo arrivare in tutta Europa, non solo in Italia, altrimenti diffondiamo l’accettazione di manifesti razzisti e difendiamo pensieri di discriminazione”
    Chi non gradisce le sue sparate o le sue proposte politiche va democraticamente bandito.Non si preoccupi, Cécile, nessuno ce l’ha con Lei. Lei è più italiana di tutti noi. E’ il prototipo degli italiani anti-Italia che ci governano dalla fine degli anni ’60.

    RispondiElimina
  66. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cronaca/858135/Saluto-romano--monta-la-polemica.html


    IL CASO13/09/2014 09:46
    Saluto romano, monta la polemica
    Per la Cassazione non sono ancora maturi i tempi per lasciarsi alle spalle la legge Scelba. Storace: 'Invece Curcio può presentare libri'


    Non sono ancora maturi i tempi per lasciarsi alle spalle la legge Scelba del 1952 che punisce la ricostituzione del partito fascista e chi in pubblico replica le manifestazioni esteriori della dittatura di Mussolini, come il saluto romano e l’urlo «presente». Lo afferma la Cassazione con riferimento all’attualità del rischio di «rigurgiti» antidemocratici il cui timore, data la loro «frequenza» anche nel resto d’Europa, sottolinea la Suprema Corte, è presente nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione del 2000 scritta a tutela dei «valori fondanti» della Ue. Sentenza contro la quale si scaglia CasaPound con un comunicato nel quale ribadisce che si tratta di «Una sentenza che farebbe ridere se non fosse in realtà liberticida e smaccatamente politica». I supremi giudici hanno confermato la condanna per due simpatizzanti di CasaPound - che a un raduno neofascista avevano salutato a braccio teso urlando “presente” - rilevando che «nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall’entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe». «L’esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta, infatti, erosa dal decorso del tempo e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose», scrive la Prima sezione penale della Suprema Corte nella sentenza 37577 (presidente Arturo Cortese, relatore Raffaello Magi). Con questa risposta, gli “ermellini” hanno respinto la tesi degli imputati - Andrea B., con precedenti, e Mirko G. - che sostenevano l’assenza di «lesività» dei comportamenti da loro tenuti e la necessità di “depenalizzare” i retaggi del reato di opinione per via del «mutato clima politico» e delle norme internazionali sulla libera manifestazione delle opinioni.
    Montano le polemiche dopo la decisione della Cassazione che ha confermato la condanna per due simpatizzanti di CasaPound, che ad un raduno avevano salutato a braccio teso urlando 'presente'. Secondo la Cassazione, non sono ancora maturi i tempi per lasciarsi alle spalle la legge Scelba del 1952, che punisce la ricostituzione del partito fascista e per chi in pubblico ne replica le manifestazioni esteriori, come il saluto romano e l’urlo «presente».
    I due imputati avevano invece sostenuto l’assenza di «lesività» dei comportamenti da loro tenuti e la necessità di “depenalizzare” i retaggi del reato di opinione per via del «mutato clima politico» e delle norme internazionali sulla libera manifestazione delle opinioni.
    "Il presente del 7 gennaio con il saluto romano va punito davvero? - commenta Francesco Storace, leader de La Destra - Ma in che razza di paese siamo? Invece Curcio può presentare libri a Pisa"

    RispondiElimina
  67. http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_italiana/2014/09/12/il_saluto_romano_deve_restare_reato_lo_stabilisce_la_corte_di_cassazione-5-385867.html


    e allora condannatemi pure. Presente!

    RispondiElimina
  68. http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca_italiana/2014/09/12/il_saluto_romano_deve_restare_reato_lo_stabilisce_la_corte_di_cassazione-5-385867.html



    BOREDDU
    finchè c'è lui...!!!!!..................................................................................................
    Vietare un saluto che ormai interessa solo agli appassionati di militaria è ridicolo, che poi si interessi un organismo così importante per affermarlo è roba da demenza senile. Non sarebbe ora di liberare l'Italia da un vecchio cadente che va a dormire col fazzoletto rosso al collo?

    RispondiElimina
  69. VEPA 13/09/2014

    MA AVETE MAI SENTITO PARLARE DI UN CERTO PALMIRO TOGLIATTI?
    E DI COME SI FINANZIAVA IL PCI.
    .IO CREDO CHE SE E' LECITO ALZARE IL PUGNO CHIUSO, SI PUO' FARE ANCHE IL SALUTO ROMANO.

    RispondiElimina
  70. per me il saluto romano oggi non ha più quasi nessun valore e lo si può fare anche in forma burlesca senza essere per forza fascisti. Questi giudici sono ancora fermi al dopoguerra.

    RispondiElimina
  71. NEGLI STADI, AI CONCERTI, NELLE MANIFESTAZIONI SI ALZA IL PUGNO CHIUSO E SI CANTA "BANDIERA ROSSA" O L'INTERNAZIONALE E SI INNEGGIA A CHE GUEVARA E AL COMUNISMO DITTATORIALE E ANTIDEMOCRATICO PER ECCELLENZA CHE HA FATTO MILIONI DI VITTIME INNOCENTI.
    TUTTO QUESTO E' LECITO?
    LA MAGISTRATURA NON HA NIENTE DA DIRE?

    RispondiElimina
  72. http://francescorubiconto.blogspot.it/2014/09/i-grillini-considerano-quelli-di.html


    I grillini considerano quelli di Casapound dei sinceri democratici.

    RispondiElimina
  73. http://www.finanzaonline.com/forum/member.php?u=27057


    ORP:
    Il rigurgito sarebbe da fare in faccia ai togati ideologizzati...

    RispondiElimina
  74. http://www.liberoquotidiano.it/sondaggi/11688419/Cassazione--Vietato-il-saluto-romano.html



    Cassazione: Vietato il saluto romano, Italia a rischio dittatura. Siete d'accordo?
    13 settembre 2014

    No
    76%



    24%

    RispondiElimina
  75. In compenso tutti gli ex brigatisti assassini sono liberi e persino insegnano, se questa non è dittatura?

    RispondiElimina
  76. http://www.liberoquotidiano.it/sondaggi/11688419/Cassazione--Vietato-il-saluto-romano.html


    spalella
    se questi poveracci di Statali pensano che da un saluto, da un atto esteriore, possa poi emanare una filosofia o convinzione socio-politica, vuol dire che in cassazione ci sono dei miseri individui, inutili e privi della minima cultura di base. Di quella scintilla di vita reale che anche gli incivili oggi posseggono.

    RispondiElimina
  77. io saluterò sempre chi voglio io, quando voglio io e come voglio io, o non siamo più in un paese libero ? Se non è così ditelo e agiremo di conseguenza

    RispondiElimina
  78. Hanno paura .Oggi si saluta in tutti modi - Nella Cassazione ci sono ancora tanti cattocomunisti ecco perchè la dittatura rossa tutt'ora sussiste - è una vergogna ma è così

    gabriele

    RispondiElimina
  79. 3 legislature senza voto e parlano di dittatura. E pensare che gente come monti, renzi & co. sono legati ad associazioni sovversive come la aspen institute . Chissà quando il popolo italiano si opporrà a questo schifo?!

    renzo

    RispondiElimina
  80. http://www.liberoquotidiano.it/news/11688418/La-Cassazione-e-il-saluto-romano.html


    papillon50
    La "Suprema Corte"(1 Primo Pres.+1Pres. Agg.+54Pres. di sezione+303Consiglieri della Corte+37altri ruoli): una congrega di strapagati e strapotenti membri della più pericolosa ed arrogante corporazione esistente in Italia, già dall'epoca del fascismo. Considerata la quantità di ladri che in Italia vivono di politica(+i ladri normali) l'autoritarismo non sarebbe un pericolo ma una necessità. O no?

    RispondiElimina
  81. A, Roma se dice; se buttano avanti per non cascare indietro! Ci siamo già in dittatura,una dittatura camuffata con il termine democrazia, non esiste in nessuna parte del mondo un abuso di potere uguale come in italia,basti pensare all'assunzione dei caporalati di equitalia,un'associazione a delinquere usurai da loro legalizzati.

    RispondiElimina
  82. Hanno del buon tempo da perdere questi magistrati. Acqua passata

    RispondiElimina
  83. POVERA ITALIA di merda!!!! che se alzi un braccio con la mano tesa o gridi 'presente', ti condannano!
    Ma se hai la di appartenere alle bande dei terroristi, dei ladri, dei black bloc, dei clandestini, dei delinquenti hai la licenza di distruggere le città, i beni privati, di venire derubato, di massacrare la gente e le Forze dell'Ordine, ti elogiano e ti premiano pure....!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  84. Ma un poveretto con il braccio ingessato rischierebbe una denuncia?

    VERGONGNA!!!!!!
    FUORI DALL'EURO!!!!!!
    RENZI DIMETTITI!!!!!!!!
    CI COMANDANO LORO SVEGLIA!!!!!!!!

    RispondiElimina
  85. Il significato originario del saluto romano era molteplice, prevalendo quello augurale , con il quale si voleva trasmettere un influsso benefico dal salutante al salutato (la stessa etimologia di "saluto" discende da salutem iuvare, augurare buona salute), ma può essere inteso anche come un gesto di pace per il fatto che si mostra il palmo della mano maestra vuoto e quindi inoffensivo.........

    RispondiElimina
  86. gli ideali non sono come le mosche che vanno cacciate....e spiaccicate..!!!!

    RispondiElimina
  87. 2 di casapound
    2 della MMI

    4 Patrioti eroi italiani

    RispondiElimina
  88. condanna riveste un importante significato nel piano Kalergi.
    Fascismo aveva stoppato la Paneuropa con a capo una Spectre diretta da USA.
    Poi la Paneuropa riprende e adesso prosegue con lo scopo di meticciare i popoli europei per meglio addomesticarli e sottometterli e dominarli all'interno della micidiale UE.
    Queste elites della UE- Paneuropa si sono associate nell'Aspen Institute e si riuniscono ogni anno all'interno del Bielderberg ove si fa il punto della situazione.
    Siamo impotenti ormai ad opporci a questo genocidio europeo.
    In piu' siamo vittime di 70 anni di cattocomunismo che ci ha resi in larga parte ominidi spersonalizzati e schiavizzati.
    Leggi antiomofobe-antirazziali-antifasciste-antixenofobe sono parte integrante dell'obbiettivo di annientare ogni resistenza razza italiana e sua sottoposizione al meticciamento.

    RispondiElimina
  89. foibe titine
    presenti
    saluto romano
    saluto romano
    foibe comuniste
    presenti
    presenti
    saluto romano
    foibe titine
    presenti
    saluto romano

    RispondiElimina
  90. sentenza indegna
    onore ai due IMPAVIDI

    fermare piano Kalergi meticciamento.

    RispondiElimina
  91. Italia subito Paese Nazionalista come India e Ucraina per fermare GENOCIDIO razza italiana da parte PANEUROPA obama-merkel-holland

    RispondiElimina
  92. Limortaccisuaedisunonno.
    Che schifo a giudicare,sentenza in nome del popolo comunista antitaliano.

    RispondiElimina
  93. Toto' e De Filippo non avrebbero saputo farci ridere di piu'..!!!!!
    Ahahahahahah..!!!!
    Sentenza da Salone Margherita.!!!!!!!!

    RispondiElimina
  94. Vogliono che i giovani italiani ed anche i ""nuovi italiani"" crescano senza ideali buoni o patriottici tali da essere facilmente manipolati.
    I due impavidi non sono amici degli schiavizzatori della Paneuropa e pertanto vanno castigati.
    Mussolini e il Fascismo erano nemici della Comunita' Europea che propagandava una Supernazione senza sovranita' nazionale degli Stati che vi aderivano.
    Una ipotesi avversata dsl Fascismo che propugnava un Nazionalismo senza se e senza ma.
    Onore ai due militanti di CPI che so essere sempre PRESENTI.
    Saluto Romano.

    RispondiElimina
  95. QUESTI ILLUSTRI CON L'ERMELLINO NEL CERVELLO INCASSANO ABUSIVAMENTE 20.000 EURO NETTI/MESE PER SCRIVERE QUESTE CAPPELLATE?
    GLIELA REGALIAMO UNA BELLA FALCE SENZA MARTELLO E LI MANDIAMO A MIETERE IL GRANO??????

    QUANDO VANNO VIA MI RACCOMANDO UN BEL

    SALUTO ROMANO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IO DIREI UN SALUTO COL GESTO DELL'OMBRELLO-.....!!!!!!!!

      Elimina
  96. http://www.liberoquotidiano.it/sondaggi/11688419/Cassazione--Vietato-il-saluto-romano.html





    Cassazione: Vietato il saluto romano, Italia a rischio dittatura. Siete d'accordo?

    No
    77%



    23%

    RispondiElimina
  97. Avanti popolo alla riscossa!...La zampa a pugno chiuso impera...come Telese (detto appunto pugnetta) durante la conduzione dei suoi talk shows...pugnetto chiuso e panzetta in fuori! Parenzo inviato speciale! Che schifo! Auguri Italia

    RispondiElimina
  98. Quindi non si può salutare neanche Prodi?

    RispondiElimina
  99. Pero' nessuno contesta il saluto a pugno chiuso, proprio quello che spedì nelle foibe non solo soldati ma anche donne e civili di tutte le età. Ma quello ai giudici sta bene..!!!!!!..vigliacchi spudorati e traditori tutti......

    RispondiElimina
  100. allora non voglio vedere neanche il pugno che ha portato a morte decine di milioni di innocenti in tutto il mondo e anche adesso in Cina-Cuba e Corea del Nord....

    lucia

    RispondiElimina
  101. Eh beh, perchè le 3 legislature imposte dal comunista re Giorgio, sono da paese democratico. Le imposizioni dell'UE sono da paese democratico. Il non poter esprimere pareri sulla sign.Boldrini, senza ritrovarsi la Digos a casa è da paese democratico. La reclusione forzata di chi sostiene una secessione voluta dal popolo è da paese democratico. In effetti un braccio alzato potrebbe distruggere tutte queste libertà che ci vengono concesse. Italiani, non permettetelo, rimanete liberi morire di fame.

    RispondiElimina
  102. Ho un amico che si chiama Romano per cui il spesso Saluto Romano!!!!!

    Nerone da Forlì

    RispondiElimina
  103. se azzerassimo tutte le opere pubbliche e sociali fatte da Mussolini in Italia saremmo ancora nelle grotte.....!!!!!!!

    RispondiElimina
  104. Per una ben nota legge emanata nei primi anni 50 del secolo scorso,detta "Legge Scelba",anche il saluto "Romano" è proibito. Perchè una nuova sentenza?? Certo aver paura di un regime di 100 anni fa.....questa democrazia è costituita da un grande "ebetino" e da emeriti idioti!!!

    RispondiElimina
  105. Tra un po' ci vieteranno pure di farci il segno della croce per non "offendere" i mussulmani!!!

    RispondiElimina
  106. se lo vietano è perché lo temono.


    LAURA da Termoli

    RispondiElimina
  107. Il tutto ormai fa parte della nostra storia chi pensa sia un pericolo è uno in malafede perché il pugno chiuso dei sinistroidi è più pericoloso.


    antonio (brescia)

    RispondiElimina
  108. Io sono orgogliosissimo di poter salutare nella maniera che questi giudici condannano. chiedo a questi signori, se qualche volta si sono fatti l`esame di coscenza.

    ANGELO

    RispondiElimina
  109. decerebrati del PD, ovvero Partito Decerebrati!!

    RispondiElimina
  110. L'italia è a rischio dittatura solo per gli Italiani anarchici
    che vogliono vivere senza " R E G O L E "........!!!

    RispondiElimina
  111. forse...potrete togliere questa stupidaggine ma non potete ignorare l'attuale pensiero degli italiani e se non fate qualcosa del tipo bloccare le frontiere nel giro di pochi mesi ci troveremo come la germania nazista di 70 anni fa

    RispondiElimina
  112. NO ALLE GUERRE, NO AL PIANTO MA CHE REGNI LA PACE NEL CUORE DEI POPOLI DELLA TERRA!

    RispondiElimina
  113. E i 500 anni dell'impero romano dove lo mettono??????!!!!!!!!????!!!!

    RispondiElimina
  114. Perchè adesso non siamo in una dittatura presidenziale ?

    ma vaaaaa...!!!!!!!!

    RispondiElimina
  115. per la gogna di coloro che la patria rinnegar.........

    marco

    RispondiElimina
  116. Oggi ci sono ben altri problemi...
    Il saluto romano,fa'parte della storia.

    RispondiElimina
  117. Romano ........Mussolini...........

    PRESENTE...!!!!!!

    RispondiElimina
  118. STORIA E RADICI
    14/09/2014 15:54
    “Salutamose tutti a la romana
    ”Viaggio alla ricerca delle origini storiche di un gesto dall’antico significato benaugurale e pacifico

    Il braccio destro teso in alto con la mano aperta serviva a dimostrare buone intenzioni e a rendere onore
    Braccio destro dritto e teso verso l’alto, con la mano aperta, il palmo verso il basso e le dita unite. E’ il saluto romano, così chiamato perché ha radici storiche e tradizionali collegate all’antica Roma. Dove una delle prime regole di educazione era quella di mostrare la mano distesa e senz’armi, volendo così far capire che si veniva in pace e con buone intenzioni. Oltre a questo, va ricordato anche il significato augurale del saluto, “con il quale si voleva trasmettere un influsso benefico dal salutante al salutato. La stessa etimologia del termine ‘saluto’ – ricordano Giardina e Vauchez nel loro “Il mito di Roma” – discende da ‘salutem iuvare’, ovvero augurare buona salute”.Un gesto dal chiaro significato dunque, che veniva usato soprattutto nelle cerimonie pubbliche e militari: nella vita quotidiana era invece meno rigido e appena accennato (palma sempre in avanti ma braccio alzato leggermente piegato). E se è vero che, applicando le schematizzazioni e standardizzazioni moderne, il saluto romano risulta di difficile inquadramento (al punto che alcuni storici non concordano sulla sua derivazione dalle abitudini in uso nell’Urbe), risultano comunque, in alcuni dei più noti esempi di arte celebrativa romana (l’Arco di Tito, l’Arco di Costatino e la Colonna Traiana) immagini se non identiche quantomeno assai simili all’espressione gestuale in questione. E valgono, su questo piano, anche i riferimenti letterari e iconografici che dimostrano l’esistenza di determinate forme di saluto codificato, seppure contestualizzato in particolari ambiti e circostanze. Senza contare che risulta comunque, da diverse fonti, che “la mano destra –scrive lo studioso tedesco Karl Ernst George - nell’antichità era usata simbolicamente per rendere onore, fedeltà, amicizia e lealtà”. Ed è per questo che Ottaviano, come riportato da Cicerone, fece a Giulio Cesare un giuramento elevando e tendendo il braccio destro. Ed allo stesso modo si potrebbero anche interpretare le acclamazioni dei legionari al loro comandante, verso il quale alzavano tre volte il braccio destro (come scrive Giuseppe Flavio nel suo “De bello iudaico”).Legionari dunque. Come scelsero di chiamasi i seguaci di Gabriele D’Annunzio che, nel 1919, compirono l’impresa fiumana. Furono proprio loro i primi ad usare, in epoca contemporanea, quello che nel Ventennio mussoliniano divenne il simbolo della volontà fascista di rappresentare un forte legame di continuità con i fasti storici e valoriali della Roma imperiale. Adottato nell’Italia mussoliniana (ed inseguito imitato e diffuso, con alcune varianti, in diversi Stati governati da regimi autoritari come per esempio Germania, Spagna e Grecia), il saluto romano ha visto il suo destino legato alle fortune del fascismo, essendo tutt’ora identificato con l’ideologia che ne è alla base. Spesso trascurando (volutamente) le sue vere radici storiche.Di fronte ad una tale “partigiana” e molto spesso strumentale considerazione di un gesto che tutt’oggi, se compiuto in pubblico in determinate circostanze, costituisce per molti una colpa grave (al contrario del “pugno chiuso” che, è bene ricordarlo, nell’antichità era considerato una maledizione verso gli dei), l’unica risposta giusta è quella dell’ironia. Come quella di Trilussa, che in proposito ha scritto: “Quanno dai la mano a uno, te po' capita' de strigne quella de no' zozzone o quella de 'n ladro o 'n delinguente. Perciò salutamose tutti a la romana: se vorremo ancora bene, tenendose a distanza!”
    Cristina Di Giorgi


    http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/858154/-Salutamose-tutti-a-la-romana.html

    RispondiElimina
  119. http://ww2.virtualnewspaper.it/giornaleditalia/books/140914giornaleditalia/index.html#/1/


    DA STORACE AI RAGAZZI DI CASAPOUND TUTTI A PROCESSO..........

    RispondiElimina
  120. DUE PATRIOTI CONDANNATI PER UNA LEGGE ANTICOSTITUZIONALE

    In Italia abbiamo uno strano concetto per la memoria!
    Ad ogni piè sospinto promuoviamo manifestazioni contro il passato remoto(FASCISMO) per non dimenticare mai mentre, contemporaneamente, agevoliamo ed addirittura pubblicizziamo autori di un passato prossimo attualissimo(BRIGATE ROSSE)...........


    http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/858160/Curcio-a-Pisa---Ecco.html


    Curcio a Pisa? 'Ecco perché non lo vogliamo...'Parla il consigliere comunale Buscemi: 'Ha saldato i debiti con la giustizia? Sì, ma con forti sconti di pena – Sono presidente di un’associazione vittime del terrorismo e nei loro occhi vedo ancora tanto dolore'Alla vigilia dell'avvento sotto la Torre pendente dell'ex fondatore delle Brigate Rosse Renato Curcio, intervisto Riccardo Buscemi, consigliere del comune di Pisa, già promotore di un'indignazione mediatica contro la presentazione del libro da parte dell'ex brigatista. Inizio quella che si rivelerà una bella chiacchierata su Curcio.
    Consigliere Buscemi, perché tanto fervore, da parte sua, verso un individuo che ha comunque pagato il suo debito alla giustizia?
    "Curcio è stato il fondatore e l'ideologo delle Brigate Rosse, ispiratore di menti fragili che poi avviarono l'Italia verso i cosiddetti anni di piombo. Non giustifica il fatto di avere saldato il suo debito anche se, mi consenta, ha goduto di sconti della pena come nessuno mai; seppure oggi sia un anziano signore dai capelli grigi propone temi attualissimi ad iniziare dall'immigrazione, del lavoro e del capitalismo secondo i suoi concetti che ispirarono la nascita di un gruppo armato chiamato Brigate Rosse e le menti fragili, come ben sa, potrebbero ritrovare un furore sopito. E poi, cerchiamo di capire: in Italia abbiamo uno strano concetto per la memoria! Ad ogni piè sospinto promuoviamo manifestazioni contro il passato remoto per non dimenticare mai mentre, contemporaneamente, agevoliamo ed addirittura pubblicizziamo autori di un passato prossimo attualissimo? Io sono presidente di un'associazione vittime del terrorismo ed ogni anno convoco chi ha pianto i propri cari sotto i colpi di una demagogia criminale, nei loro occhi noto il dolore ancora vivissimo e in Italia, che si fa? Invitiamo i loro assassini a dibattiti e manifestazioni mentre continuiamo ad accusare come criminali solo chi stava dalla parte sbagliata?"
    Sbagliata per modo di dire, mi permetta Consigliere, ma quello che ha detto le fa onore. Dove si svolgerà la presentazione del libro di Curcio?
    "Nella sede del sindacato Cobas, già sede del partito di rifondazione comunista (eddai!) diretto dal sindacalista, e dipendente comunale, Federico Giusti".
    Quante ore lavora, in comune, questo sig. Giusti, Consigliere?
    Un sorrisino m'arriva dall'altra parte del filo.... Così parlò Riccardo, consigliere comunale pisano, fratello del notissimo attore Andrea Buscemi.
    Marco Vannucci

    RispondiElimina
  121. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/politica/858149/PRESENTE-.html



    14/09/2014 05:15PRESENTE!
    In questo Paese arretrato, si rischia ancora la galera per reati d'opinione

    Da Storace ai ragazzi di Casa Pound tutti a processo, chiederanno anche di chiudere il Giornale d'Italia e il ritiro dalle sale del film 'Sangue sparso'?
    Cosa spinge un ragazzo di vent'anni a tendere un braccio e a gridare "Presente!" nel corso di una celebrazione di una ddelle tragedie più grandi che il nostro Paese ricordi, quello delle foibe? Probabilmente il bisogno di esternare un sentimento, di dire ad alta voce che il ricordo di quelle persone innocenti che morirono gettate nella roccia viva, con i polsi legati da filo di ferro, non muore anche a distanza di molti anni.
    I giudici della Cassazione non lo hanno compreso, probabilmente. Ed è un qualcosa che lascia basiti, perché vicende come questa, che vede coinvolti ragazzi di Casa Pound, dimostrano che questa Italia non riesce ancora a fare i conti con la propria storia. Una storia fatta anche di dolore e di sangue, e che ci riguarda tutti. Non solo la tragedia delle foibe è stata estromessa dai libri di scuola per decenni, ma ancora oggi risulta una pagina scomoda delle vicende patrie. La questione è complessa, perché oltre a sembrare anacronistica, non tiene in debita considerazione una serie di vicende che invece sono di fondamentale importanza per un Paese che stenta, ancora dopo settant'anni, a riconciliarsi con se stesso. Vicende come questa non aiutano il percorso verso quella pacificazione nazionale tanto auspicata da ogni dove, creano anzi una frattura sempre più profonda tra gli italiani. A Predappio il sindaco Giorgio Frassineti, Pd, potrebbe, secondo la logica adottata dai giudici in questo frangente, emettere un'ordinanza e far chiudere tutti i negozietti che vendono gadget, spesso proponendo ai visitatori della città natale del Duce anche oggetti che con la nostra storia hanno ben poco a che vedere. Eppure non lo fa, perché sa bene che non sarebbe questa la via per risolvere le questioni. Anzi, propone e patrocina una mostra dedicata al giovane Mussolini perché, dice, è storia. Già, la storia. Quella che Il Giornale d'Italia racconta ogni giorno, tentando di restituirle la verità e dunque la dignità, attraverso una ricerca quotidiana approfondita, raccontando i moltissimi aspetti di un'epoca che è indubbiamente male conosciuta. Dovremmo forse temere, quindi, anche la libertà di espressione che caratterizza il nostro quotidiano sin dalla sua nascita?
    È davvero pensabile, nel terzo millennio, rischiare un processo per reati d'opinione come quello che per esempio vede imputato Francesco Storace e che il prossimo 21 ottobre rischia di finire in gattabuia per aver criticato Napolitano?
    E il film "Sangue sparso", che racconta uno spaccato della nostra storia e si conclude con la cerimonia del "Presente" ad Acca Larentia, mettendo sul grande schermo una piazza piena di braccia tese? Se qualche giudice dovesse vederlo ci costringeranno forse a ritirarlo dalle sale? Sarebbe alquanto strano, oltre che contraddittorio, visto che quella pellicola ha ottenuto la qualifica di "Film di interesse culturale" dal Ministero. e considerato che persino la Santa Sede, attraverso la Commissione Nazionale Valutazione Film della Cei, lo ha valutato come "consigliabile".
    La cerimonia del "Presente" è un momento in cui una comunità si ritrova intorno ai propri lutti per un dolore, che è quello di ciascuno di noi, e che va rispettato.
    Roberto Buonasorte

    RispondiElimina
  122. http://www.ilgiornaleditalia.org/news/cronaca/858135/Saluto-romano--monta-la-polemica.html



    IL CASO13/09/2014 09:46
    Saluto romano, monta la polemica
    Per la Cassazione non sono ancora maturi i tempi per lasciarsi alle spalle la legge Scelba.
    Storace: 'Invece Curcio può presentare libri'

    Non sono ancora maturi i tempi per lasciarsi alle spalle la legge Scelba del 1952 che punisce la ricostituzione del partito fascista e chi in pubblico replica le manifestazioni esteriori della dittatura di Mussolini, come il saluto romano e l’urlo «presente». Lo afferma la Cassazione con riferimento all’attualità del rischio di «rigurgiti» antidemocratici il cui timore, data la loro «frequenza» anche nel resto d’Europa, sottolinea la Suprema Corte, è presente nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione del 2000 scritta a tutela dei «valori fondanti» della Ue. Sentenza contro la quale si scaglia CasaPound con un comunicato nel quale ribadisce che si tratta di «Una sentenza che farebbe ridere se non fosse in realtà liberticida e smaccatamente politica».
    I supremi giudici hanno confermato la condanna per due simpatizzanti di CasaPound - che a un raduno neofascista avevano salutato a braccio teso urlando “presente” - rilevando che «nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall’entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe». «L’esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta, infatti, erosa dal decorso del tempo e frequenti risultano gli episodi ove sono riconoscibili rigurgiti di intolleranza ai valori dialettici della democrazia e al rispetto dei diritti delle minoranze etniche o religiose», scrive la Prima sezione penale della Suprema Corte nella sentenza 37577 (presidente Arturo Cortese, relatore Raffaello Magi). Con questa risposta, gli “ermellini” hanno respinto la tesi degli imputati - Andrea B., con precedenti, e Mirko G. - che sostenevano l’assenza di «lesività» dei comportamenti da loro tenuti e la necessità di “depenalizzare” i retaggi del reato di opinione per via del «mutato clima politico» e delle norme internazionali sulla libera manifestazione delle opinioni.
    I due imputati avevano invece sostenuto l’assenza di «lesività» dei comportamenti da loro tenuti e la necessità di “depenalizzare” i retaggi del reato di opinione per via del «mutato clima politico» e delle norme internazionali sulla libera manifestazione delle opinioni.
    "Il presente del 7 gennaio con il saluto romano va punito davvero? - Francesco Storace, leader de La Destra - Ma in che razza di paese siamo? Invece Curcio può presentare libri a Pisa"

    RispondiElimina
  123. mentre in paesi sudamericani che chiamate bananieri,non esiste il delitto di opinione perche possiamo scrivere i nostri pensieri e i politici sono soggetti a una censura ferrea,possono essere chiamati ladri,inetti,parassiti cosi come il capo dello stato fu a volte chiamato ladro da strada,e non possono denunciarti proprio per la loro visibilita' in quanto persone pubbliche che debbono essere soggette politicamente a qualsiasi critica
    IN ITALIA PAESE DEL DIRITTO LEGALE,NON PUOI MANIFESTARE IL TUO PENSIERO E SI CANCELLA LA STORIA VERGOGNOSMENTE E INIQUAMENTE.


    gianfrancesco

    RispondiElimina
  124. Si possono anche vietare i gesti ma le idee restano indelebili come le migliaia di scritte PRESENTE al Sacrario di Redipuglia.

    semovente

    RispondiElimina
  125. Il comunismo invece... A NOI!

    walter

    RispondiElimina
  126. http://www.lanazione.it/lettera-avellini-saluto-romano-1.210843


    Il saluto romano e gli italiani di oggi

    di Mauro Avellini vicedirettore de La Nazione.

    CARO DIRETTORE, la Cassazione evidentemente non ha di meglio da fare che occuparsi di amenità e alla fine stabilire che fare il saluto romano è un atteggiamento ancora pericoloso per la nostra democrazia. Nulla da eccepire, ma visto che sono passati decenni ed è caduto pure il Muro, sarebbe bene condannare anche il sempre ahimé frequente pugno chiuso.
    Widmer Galloni, via mail
    DISCORSI DA BAR, MA non vogliamo sottrarci. Non c’è alcun limite alla libera manifestazione del pensiero. Evocare «persone, fatti e disegni politici del fascismo» non è reato. Come farebbero con le bancarelle? Ma il saluto romano è un po’ di più. Secondo la Cassazione è un gesto «che istiga all’odio razziale» e quindi è da vietare, perché incoraggia la la discriminazione e la violenza. Tutto qui, il reato di apologia del fascismo non c’entra, perché si concretizzerebbe solo con il tentativo di riorganizzare il disciolto partito e solo se un gruppo ne facesse propria «l’intera ideologia». Detto questo, ci sono leader politici che vantano intere armate di insurrezionalisti, che fanno proclami antisemiti, che commettono vilipendio alla bandiera o al Capo dello Stato e che prendono lo stesso milioni di voti. Fino a ieri c’erano anche amministrazioni comunali che a pugno chiuso dedicavano strade a dittatori sanguinari. Nessuno che li abbia fermati. Per fortuna che ancora non hanno vietato il gesto dell’ombrello.

    RispondiElimina
  127. Che il grido “Presente” pronunciato in onore dei martiri delle foibe sia da considerare criminale è da ""esseri miserevoli"".
    Nelle foibe comuniste creparono da vivi migliaia di italiani innocenti.

    RispondiElimina
  128. Ha gia' detto tutto chi ha commentato prima di me.
    Un Saluto romano vietato dal defunto Scelba e Onore ai morti delle FOIBE..!!

    RispondiElimina
  129. Un Saluto ai DEFUNTI si rispetta non si condanna.
    Sarebbe da vili.....

    RispondiElimina
  130. Quanta partecipazione!!!! Vuol dire che l'hanno combinata grossa i parrucconi.

    RispondiElimina
  131. Il Saluto romano è una forma di buona educazione

    Ave Cesare»
    (Tipico saluto romano arcaico)



    «Ahò»
    (Tipico saluto romano moderno)

    Nei romanici tempi andati, il saluto romano costituiva un atto comunicativo con cui si prendeva contatto con un altro individuo assieme al sorriso.L'antica Roma si era infatti dimostrata superiore alle altre civiltà, abbandonando per prima l'arcaico saluto costituito da una sana pisciata sul muro per avvisare della propria presenza.Nei tempi recenti, il saluto romano è stato ingiustamente vilipeso, accusato di essere portatore di foschi e funesti significati.

    RispondiElimina
  132. PENSASSERO AI MUSSULMANI CHE VOGLIONO RICREARE IL ""CALIFFATO UNIVERSALE"" CHE A CONRONTO IL FASCISMO E' UN CIRCOLO DI PARROCCHIA..

    RispondiElimina
  133. Il saluto romano è attestato da numerose raffigurazioni sia nel mondo romano che nel mondo greco. Un esempio è il rilievo funerario di un paraphylax, cioè un ufficiale dei Diogmitoi, un corpo di polizia paramilitare. Nel rilievo, rinvenuto vicino ad Efeso e risalente al II secolo, il defunto saluta il proprio superiore tendendo il braccio destro a 45 gradi in avanti, con il palmo aperto, quattro dita unite e il pollice staccato. Gesti simili, meno rigidi, si trovano raffigurati anche sulla Colonna Traiana (salutatio dei legionari all'imperatore) e nelle statue di alcuni imperatori come Augusto e la statua equestre di Marco Aurelio. Il saluto romano moderno era stato usato in origine dai legionari fiumani, consistente nel presentare il pugnale sguainato, e si salda con la tradizione classica di Roma antica. Tra le ipotesi alternative minoritarie vi è quella di Rex Curry, un ricercatore statunitense che si occupa soprattutto di tesi "complottiste" e che ne sostiene la derivazione dal saluto alla bandiera (Pledge of Allegiance) creato da Francis Bellamy nel 1892 e adottato nelle scuole degli Stati Uniti fin verso gli anni trenta.

    Il significato originario del saluto romano era molteplice, prevalendo quello augurale, con il quale si voleva trasmettere un influsso benefico dal salutante al salutato (la stessa etimologia di "saluto" discende da salus iuvare, augurare buona salute), ma può essere inteso anche come un gesto di pace per il fatto che si mostra il palmo della mano maestra vuoto e quindi inoffensivo.Di sicuro è un gesto che esprime simbolicamente un "dispiegamento di energia, volontà e forza", dunque considerato virile.


    COSA C'ENTRA IL FASCISMO O IL NAZISMO???....NULLA....!!!!!!
    I GIUDICI HANNO PRESO UNA CANTONATA E SPERO IN BUONA FEDE..!!!!!!!

    RispondiElimina
  134. Ma mannateli a zappare sul ghiaccio al Polo Sud sti rimbambiti in ermellino.!!!

    RispondiElimina
  135. CASSAZIONE PENALE, SEZIONE SECONDA 6 GIUGNO 1977:

    "La Costituzione, mentre vieta in modo assoluto la riorganizzazione del disciolto partito Fascista, non pone alcun limite alla libertà di manifestare il proprio pensiero, neppure quando si abbia per oggetto persone, fatti e disegni politici del Fascismo, quindi cantare inni del ventennio o fare il saluto romano NON sono perseguibili perchè NON C'E' REATO.

    RispondiElimina