lunedì 18 agosto 2014

CasaPound organizza mercatino dei libri scolastici usati a Lamezia Terme

Carolibri, Gianturco (CasaPound): Riparte il mercatino dei libri usati

No alla truffa delle nuove edizioni, agli accordi fra i professori e le case editrici, ai prezzi dei libri alle stelle. 

Lamezia, 18 agosto. Anche quest'anno, in prossimità della riapertura delle scuole, proponiamo il “Mercatino dei libri usati”, la migliore risposta all’annoso problema del carolibri.

Con questa iniziativa vogliamo andare incontro a tutte quelle famiglie e a tutti quegli studenti che ogni anno sono costretti a sborsare cifre esorbitanti per acquistare i testi scolastici. Viviamo in uno Stato dove l’istruzione è pubblica e anche obbligatoria, ma le famiglie vengono vessate ogni anno con la truffa delle nuove edizioni e con l’aumento dei prezzi dei libri scolastici. E’ arrivato il momento di dire basta.

Il mercatino dei libri usati, è la nostra ferma risposta alla truffa delle nuove edizioni, agli accordi fra i professori e le case editrici, ai prezzi dei libri alle stelle. Una battaglia che la nostra associazione ha deciso di portare avanti a Lamezia già dall’anno scorso. Il nostro mercatino sarà aperto dal Lunedì al Sabato, dalle ore 9:00 alle 13.00 e dalle 16:00 alle 20:00, e sarà allestito in Via Lazio 76, nel Quartiere 'Bella' di Lamezia .

Offriremo un servizio ai nostri concittadini, dando la possibilità di acquistare i libri di testo scolastici a metà del prezzo previsto e, nel contempo, di vendere i testi utilizzati negli anni passati. Abbiamo realizzato un sito internet (www.lamezialibriusati.it), che permetterà a tutti di poter accedere al nostro Mercatino, direttamente da casa con un semplice click.

2 commenti:

  1. questa iniziativa la trovo splendida e dovrebbe esistere in tutte le citta' italiane.
    Il costo dei libri di testo e' molto oneroso e ritengo che cambiarli frequentemente giova solo alle case editrici e non alle famiglie ed inoltre non comporta alcun aggiornamento del libro di testo se non in presenza di cambiamenti di programma per una determinata materia oppure in predenza di scoperte scientifiche importanti.
    Assistere a questo mercimonio tra insegnanti e case editrici e' deprorevole.
    Un plauso a CPI x questa proposta in terra di Calabria.

    RispondiElimina
  2. Famiglie vessate da speculatori delle case editrici.

    RispondiElimina