giovedì 14 agosto 2014

CasaPound contro il comune di Aosta: "incompententi!"

Aosta, 14 agosto 2014: Casapound Italia Valle d’Aosta denuncia l’incapacità della gestione dei lavori per il progetto di teleriscaldamento da parte del comune di Aosta.
In seguito all’approvazione del Consiglio comunale di Aosta per la realizzazione degli impianti del teleriscaldamento, la città ha visto un improvviso aumento dei disagi alla circolazione dovuti agli innumerevoli cantieri nelle strade del centro.
I lavori in corso – dichiara il Responsabile regionale di Casapound – hanno creato non pochi problemi alla circolazione del traffico cittadino, causando inoltre enormi difficoltà alle attività commerciali e alla stagione turistica. Strade chiuse e deviazioni improbabili stanno rendendo il piccolo centro storico un luogo caotico. In più, i commercianti hanno denunciato gravi perdite di fatturato e una stagione estiva disastrosa.
Casapound vuole porre l’attenzione sull’incompetenza della gestione dei lavori da parte delle autorità: infatti, a causa della loro totale mancanza di comunicazione, le attività commerciali non hanno avuto alcun preavviso riguardo all’inizio dei lavori.
Tutto questo succede in un quadro già critico che è quello della crisi economica e l'amministrazione comunale con questa manovra ha dimostrato una volta di più la sua incompetenza e non curanza nei riguardi dei commercianti del centro storico costretti assistere all'ennesima follia come dover pagare il dehor del proprio locale che non si è potuto sfruttare durante la stagione.



3 commenti:

  1. Se sono degli incompetenti nella capitale Roma figuriamoci.....anche se la differenza di proporzioni farebbe pensare che ad Aosta tutto dovrebbe filare liscio.
    Dal partito centrale i sindaci PD+sel+m5s hanno evidentemente avuto l'ordine di trascurare e mortificare le esigenze di quella tipologia di cittadini che ritengono non vitanti la sinistra.
    E' un andazzo generslizzato.per tutta la Patria e dobbiamo ringraziare quegli elettori ingenui che si sono fidati di questa feccia politica.
    I commercianti italiani sono da quei mascalzoni di amm.ri considerati una specie in via di estinzione.
    Ben fa CPI a demunciare queste vigliaccate.
    Buon lavoro e che Gesu' Cristo vi assista.

    RispondiElimina
  2. La protesta di Casapound la condivido in pieno.
    L'Italia e' un Patrimonio della UMANITA' che va tutelato da Aosta a Trapani per il suo unicum naturale e storico-artistico.
    Cio' comporta una competenza amm.va sui generis,una spplicazione speciale per soddisfare le esigenze primarie dei cittadini italiani doc residenti.
    Per una persona normale tutto cio' sembra ovvio ma per gli amm.ri di Aosta come per quelli del sud Italia di sinistra e' un discorso a parte.
    La folle idea di voler unificare l'Europa delle Nazioni in una unica realta' sociopolitico-economica ha creato un folle cortocircuito istituzionale per cui sono saltate le piu' elementari regole di buona amm.ne pubblica.
    Ritenuti "desueti" ..Patria-Onore--Famiglia tradizionale-Storia Italiana-Identita' greco-romana.....e' iniziata una corsa allo scardinamento dei legami comuni.
    Pretendere di annullare la storia di un popolo e' come togliere un cognome ad un individuo....
    Ricordate Pirandello in "" IL FU MATTIA PASCAL..???
    Quello che succede ad Aosta e' mancanza di senso civico e rispetto della popolazione e dei commercianti che con le loro tasse mantengono e pagano gli stipendi di chi amministra.
    Che dire??
    Ricordo che qualche mese fa a Roma CPI ea in prima fila ad un bellissimo corteo cittadino prr sollecitare
    il rientro in Patria dei due nostri Maro' dall'India.
    In quella occasione Lega Nord col deputato europeo Borghezio era rappresentata degnamente.
    Questa "amicizia politica" tra CPI e Lega Nord mi auguro che possa creare un soggetto politico comune per comuni battaglie politiche.
    La Lega sembra avere abbandonato l'idea di volere la secessione del nord-est dal resto d'Italia.
    Io sono stato elettore di Lega e CPI quando ho potuto esprimere questo diritto.
    Adesso che Matteo Salvini ha lanciato Lega Italia come nuova denominazione della Lega nel centrosud...potrebbe iniziare una partnership tra cpi e lega al fine di raccogliere sempre piu' consensi tra gli elettori.
    Le battaglie di lega e cpi si somigliano nel senso che hanno entrambe lo scopo di mettere a nudo le becere amm.ni di sinistra irrispettose delle vere esigenze della colletivita'.
    Mi aspetto notizie positive su di un possibile apparentamento tra i due soggetti politici.
    Grazie per quello che avete fatto ad Aosta
    Buon lavoro

    firmato
    Il Nazzareno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nazareno con una Z fottuta scimmia che fa finta di aver letto qualche libro

      Elimina