mercoledì 16 luglio 2014

Pescara: CasaPound lancia la battaglia 'No Pos'

Pescara: CasaPound lancia la battaglia No Pos, 'pagamento elettronico è un regalo alle banche' spunta uno striscione all'ingresso dell'asse attrezzato 'Finta lotta all’evasione, vero regalo alle banche'

Pescara. 16 luglio – ‘Finta lotta all’evasione, vero regalo alle banche. No Pos’. E' questo il testo dello striscione, affisso all'ingresso dell'asse attrezzato da CasaPound Italia Pescara per protestare contro l’imposizione da parte dei governi italiani, da Prodi e Berlusconi fino a Renzi passando per Monti, della sostituzione del denaro contante con quello virtuale a tutto vantaggio delle banche.
“Con la scusa della lotta all’evasione fiscale, attraverso l’adozione del pagamento elettronico per somme superiori ai 30 euro, si realizza un nuovo ‘regalo’ alle banche, che gestiranno le somme dei pagamenti e percepiranno anche una percentuale su ogni transazione commerciale. I grandi evasori in Italia non sono poi certo il piastrellista che si spacca la schiena, oppure il fruttivendolo che a fine giornata conta gli spiccioli nella cassa valutando tutti i giorni la possibilità di chiudere il negozio a causa della ‘crisi’, ma le grandi aziende che nascondono al fisco milioni di euro attraverso artifici contabili. E non è certo con l’adozione del Pos che si può fermare questo fenomeno”, afferma in una nota Mirko Iacomelli, responsabile provinciale di Cpi Pescara.
“Il POS – continua Iacomelli - servirà non solo al monitoraggio del cittadino su consumi, movimenti e gusti personali, sempre più preda delle agenzie di marketing e di mercato, ma soprattutto ad avvantaggiare gli istituti di credito, che si troveranno a gestire le somme frutto dei pagamenti, che passeranno da un conto bancario ad un altro, rimanendo costantemente a disposizione per essere investiti. Guardando poi ai mercati finanziari dove si bruciano in un giorno capitali virtuali pari a quelli reali di un anno -conclude il responsabile pescarese Cpi - auspichiamo l’avvento di uno Stato che sappia finalmente adottare misure che riportino la finanza al servizio dell’economia reale perché, come affermava il poeta Ezra Pound 'i disordini non avranno mai fine, non avremo mai una sana amministrazione della cosa pubblica, se non acquisteremo una nozione precisa e netta della natura e della funzione del denaro'".



1 commento:

  1. la supremazia delle banche nella economia reale rimanda a tempi lontani.
    Immaginare di ritornare al baratto purtroppo e' cosa difficile da realizzarsi.
    Le banche sono la prima espressione del capitalismo esasperato finalizzafo al conseguimento del profitto a tutti i costi.
    La funzione sociale dell'intermediazione bancaria sarebbe da perseguire in primis mettendo al primo posto i bisogni primari dell'uomo magari dando la precedenza ai residenti nativi...
    Ruolo solo agognato dalla popolazione che invece deve sopportare le angherie e soprusi bancari.
    Dal novembre 2011 in poi in Italia le aziende bancarie hanno avuto mano libera nel controllare e schuavizzare i cittadini col beneplacudo della nomenklatura cattocomunistoide che vede nel popolo un tappetino da calpestare e basta.
    Parecchi italiani sono collusi o beneficiari riguardo a queste attivita' speculative finalizzate al conseguimento di un profitto indegno.

    RispondiElimina