lunedì 10 febbraio 2014

Parma: CasaPound contro l'ODG approvato dalla provincia "processi alla storia mentre scuole e strade cadono a pezzi"

Parma, 10 febbraio- CasaPound esprime la sua posizione contro l' ODG approvato dalla provincia di parma intitolato "la Guerra sporca di Mussolini" nel quale viene invitato il governo a costituire un Commissione di storici con il compito di fare luce sugli accadimenti e sul coinvolgimento dell'esercito italiano e delle milizie fasciste, in occasione delle occupazioni militari della Grecia, dei Balcani e della ex Jugoslavia, e di istituire una “Giornata del ricordo per le stragi e gli eccidi di civili commessi dai fascisti prima dell' 8 settembre 1943”. 
"Apprendiamo che la provincia di Parma -afferma Pier Paolo Mora, responsabile locale dell' associazione- ha deciso di chiedere una commissione d' inchiesta storica sul comportamento dell' esercito Italiano durante la seconda guerra mondiale fino al '43, probabilmente al fine di sminuire quando non giustificare le stragi di Italiani avvenute a guerra già finita."

"Ci scapperebbe da ridere se non ci fosse da piangere -continua Mora- che con tutti i problemi di cui dovrebbero occuparsi governo e provincia, in cui nello specifico si trovano strade e scuole in condizioni da terzo mondo, si tenti veramente un improbabile opera di revisionismo storico."

"Tuttavia ci vien da dire -conclude Mora- che i politici della provincia parmigiana siano molto meno avveduti dei padri costituenti e dei partigiani che quei giorni li hanno vissuti e che, ben sapendo ciò che avvenne realmente in quelle zone, si sono ben guardati dall' aprire inchieste e processi che si sarebbero potuti rivoltare contro di loro".

2 commenti:

  1. Mi appello a tutti gli Italiani liberi a non versare, in quelle zone geograficamente vicine al famigerato triangolo rosso, più un euro alle amministrazioni oramai diventate regni di un unico colore che si tramandano per genia. In questo modo dovranno pagarseli da soli i loro scherani invece di sperperare il denaro del Popolo Italiano come i loro degni compari in tutta la penisola oramai a puttane e trans! In alto i cuori

    RispondiElimina
  2. Giusto: bisogna occuparci dei problemi che abbiamo oggi e che gettano ombre sul futuro.È ora che anche a destra si finisca di rivangare il passato e si pensi al presente e al futuro. Personalmente sono stufo di sentir parlare di olocausto,  di foibe, di resistenza etc..Penso che anche un ottantenne sia più interessato al destino dei propri nipoti piuttosto che a quello che gli è capitato da giovane.Daniele

    RispondiElimina