Dona il tuo 5x1000

Inserisci nella dichiarazione 0930 138 1001

Iscrizione 2017

Iscriviti a CasaPound. Da quest'anno anche direttamente online! Perché alcuni italiani non si arrendono.

Basta UE!

A queste condizioni, vogliamo uscire dall'euro e da questa Unione Europea. Europei sì, schiavi no!

sabato 31 agosto 2013

CasaPound Italia: dal 12 al 15 settembre la festa nazionale a Revine Lago, la rivoluzione parte da Nordest

Il 'ribelle' Massimo Fini e il filosofo Giulio Giorello tra gli ospiti dell'edizione 2013 di 'Direzione Rivoluzione', sabato Jean-Yves LeGallou ricorda il ''Samurai d'Occidente'' Venner

Roma, 31 agosto - Lo scrittore 'ribelle' Massimo Fini e il filosofo Giulio Giorello saranno tra gli ospiti di 'Direzione Rivoluzione', la festa nazionale di CasaPound Italia che si terrà da giovedì 12 a domenica 15 settembre a Revine Lago, nel trevigiano. Militanti e simpatizzanti della tartaruga frecciata provenienti da tutta Italia si ritroveranno per quattro giorni di politica, cultura, sport, musica e solidarietà: dibattiti, mostre e concerti, dalla Compagnia dell'Anello e Skoll fino a ZetaZeroAlfa, faranno da sfondo all'ormai tradizionale raduno della comunità di Cpi, che come ogni anno si ritrova per fare il punto su risultati raggiunti e sfide ancora da affrontare. 

La festa si apre giovedì alle 16.30 con la presentazione del libro 'Il corporativismo del Terzo Millennio', a cui interverranno Valerio Benedetti e Simone Di Stefano, per proseguire alle 18.30 con il confronto tra Massimo Fini e Andrea Antonini sulla ''Guerra democratica''. Venerdì. dopo la lezione di parapendio a cura del gruppo di paracadutismo sportivo Istinto rapace e la dimostrazione di immersione subacquea con i Diavoli di mare, l'atleta Antonello Saltalamacchia e la presidente di Impavidi destini Serena Grasso parleranno di sport estremi e disabilità in una conferenza dal titolo 'Oltre i limiti', mentre alle 18.30 Adriano Scianca e Simone Di Stefano illustreranno le proposte di CasaPound Italia in tema di ''Immigrazione, identità, cittadinanza''. Sabato, dopo una dimostrazione del gruppo di protezione civile la Salamandra, alle 12 si parlerà di Siria nell'incontro ''Siria e oltre: solidarietà e geopolitica'' a cura di Solid, Zenit. Sempre domani, l'Uomo libero, Popoli. Alle 16.30 Jean-Yves LeGallou ricorderà invece il ''Samurai d'Occidente'' Dominique Venner, mentre alle 18.30 il filosofo Giorello presenterà il libro di Adriano Scianca ''Ezra fa surf'' dedicato a Ezra Pound. Alle 20.30 il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, farà il punto su ''Progetti e le sfide per un nuovo anno di battaglie''.

''CasaPound Italia nasce come movimento nazionale, con sedi e militanti in tutto il paese fin dalla sua fondazione nel 2008 - spiega Iannone - Questo è il senso della decisione di far diventare 'itinerante' la nostra festa nazionale, tradizionalmente ospitata a Roma, nella 'postazione nemica' di Area 19. Partiamo dal Nordest, per arrivare, anno dopo anno, a toccare tutte le regioni, e raccontare una realtà, quella delle oltre 70 sezioni di Cpi dislocate in tutta Italia, fatta di lavoro sul territorio, di impegno volontaristico, di politica. Si tratta di un momento di confronto importante per una comunità che ha nella capitale le sue radici più profonde ma tanti cuori che battono all'unisono in tutta Italia''.

info: 3478057510




venerdì 30 agosto 2013

Parma, ordigno nella saracinesca accanto alla sede di CasaPound

Parma, 30 ago - “Nella notte i soliti ignoti hanno posizionato un ordigno che ha fatto saltare la saracinesca accanto alla sede del nostro movimento”. Lo afferma Pier Paolo Mora, responsabile provinciale di CasaPound Italia a Parma, che aggiunge: “Questo è il risultato del clima di tensione scatenato in questi giorni da Anpi, Cgil e Pdci che con i loro comunicati deliranti non fatto altro che creare le premesse per azioni di questo tipo. Da tempo CasaPound ha chiesto un incontro al sindaco per confrontarsi sul clima di tensione in città ma ancora non abbiamo ottenuto risposta. CasaPound Parma esprime intanto la massima solidarietà al proprietario del locale danneggiato e invitiamo ancor di più la cittadinanza a partecipare alla nostra festa poiché una parte del ricavato sarà destinato alla riparazione della saracinesca”.


Siria, CasaPound affigge striscioni in 50 città contro la guerra a Damasco

“Un attacco occidentale sarebbe solo un gigantesco regalo al terrorismo”


Roma, 30 ago - “Con la Siria, contro il terrorismo. No alla guerra”: questo il messaggio di CasaPound Italia consegnato agli striscioni affissi nella notte dai militanti del movimento in 50 città per protestare contro l'imminente attacco occidentale contro Damasco. “La scelta di un'escalation militare contro la Siria – spiega Cpi in una nota – è folle e ingiustificata, poiché finirà per favorire solo le milizie terroriste, i militanti di Al Qaeda, i tagliagole fanatici che aspirano a fare della regione un califfato feudale. Perché queste sono le vere forze in campo contro il presidente Assad, altro che opposizione democratica”. Per CasaPound “la strage del 21 agosto avvenuta a Damasco con un presunto attacco chimico non può giustificare alcuna aggressione, dato che le prove su una responsabilità governativa sono state fornite esclusivamente da un altro attore geopolitico della regione che ha interessi a destabilizzare la Siria e comunque non sono state vagliate da alcun organo terzo. Sappiamo, in compenso, che Carla Del Ponte, membro della commissione d’indagine sulla violazione dei diritti umani in Siria e non certo sospettabile di simpatie assadiste, ha confermato in passato l'uso di armi chimiche da parte dei sedicenti ribelli”. Per queste ragioni, CasaPound Italia afferma che “un'eventuale azione militare sarebbe da considerarsi una aggressione immotivata e irresponsabile a uno Stato sovrano, peraltro preparata snobbando ostentatamente quella legalità internazionale che a quanto pare è sacra e inviolabile solo quando ad aggirarla sono i cosiddetti Stati canaglia. Da parte nostra – conclude Cpi – non possiamo che augurarci che questo gigantesco aiuto al più feroce terrorismo internazionale non giunga in porto, che gli Stati sovrani, tanto più se portatori di un modello laico e sociale, vengano rispettati e che il Mediterraneo tutto cessi di essere la riserva di caccia di forze esterne e mestatori vari”.

FOTO IN AGGIORNAMENTO


Cremona
Cremona
Trento
Trento
Massa
Massa
Macerata
Macerata
Avellino
Avellino
Salerno
Salerno
Foggia
Foggia
Novara
Novara
Ascoli
Ascoli
Bergamo
Bergamo
Udine
Udine
Milano
Milano
Bolzano
Bolzano
Napoli
Napoli
Varese
Varese
Bari
Bari
Torino
Torino
Sassari
Sassari
Perugia
Perugia
Terni
Terni
Pordenone
Pordenone

Casalbertone

Bracciano
Bracciano
Tivoli
Tivoli
Velletri
Velletri
Viterbo
Viterbo
Roma, Via del Mare
Roma, Via del Mare
Lecco
Lecco
Lecce
Lecce
Forli
Forli
Ravenna
Ravenna
Lucca
Lucca
Gaeta
Gaeta
Casarano (Lecce)
Casarano (Lecce)
Roma, Tangenziale Est
Roma, Tangenziale Est
Frascati
Frascati
Frosinone
Frosinone
Latina
Latina
Pescia
Pescia (Pistoia)
Cave
Cave
Nettuno
Nettuno
Ostia
Ostia
Bari
Bari
Lamezia
Lamezia
Arezzo
Arezzo
Aosta
Aosta

Cuneo
Cuneo

Val Vibrata
Val Vibrata

Genova
Genova

Savona
Savona

Fermo
Fermo

Isernia
Isernia

Padova
Padova

Palermo
Palermo
Roma Ovest
Roma Ovest

Corzano (Brescia)
Corzano (Brescia)

Riva del Garda
Riva del Garda

San Benedetto del Tronto
San Benedetto del Tronto