mercoledì 18 dicembre 2013

Forconi: presidio P. Popolo, Casapound su Fb invita 'italiani che non si arrendono'

Forconi: presidio P. Popolo, Casapound su Fb invita 'italiani che non si arrendono'


Roma, 17 dic. (Adnkronos) - Alla vigilia della manifestazione a piazza del Popolo, Casapound conferma la sua partecipazione al sit in di domani. E, dalla sua pagina Facebook, Simone Di Stefano, il vicepresidente del movimento, condannato ieri a tre mesi di reclusione per aver tentato di sostituire un Tricolore alla bandiera europea sul palazzo della rappresentanza della Commissione Ue a Roma, lancia un invito a "tutti gli italiani che non si arrendono" a partecipare "dalle ore 15 in Piazza del Popolo a Roma, al presidio nazionale 9Dicembre".
"Sarà una piazza pacifica, gioiosa e determinata. Ognuno porti il suo tricolore e nessun simbolo politico - si legge - Resteremo in piazza per chiedere lo scioglimento delle camere e il ritorno immediato alle urne, ovvero una nuova classe politica che rappresenti la volontà popolare al posto di un parlamento e un governo nei fatti illegittimo e senza mandato popolare. Dimostreremo che esiste un popolo che vuole rimanere sovrano, e che esiste una nazione che non accetta di farsi strangolare dalle follie finanziarie di Bruxelles".

7 commenti:

  1. http://www.stampalibera.com/?p=69631

    STAMPA LIBERA E' CON VOI!

    RispondiElimina
  2. Bruciare e distruggere le mura del Parlamento Italiano è un imperativo, solo annientando la sede operativa la casta morirà! Sono un imprenditore a cui é stato tolto tutto, tre attività polverizzate da questo sistema politico, mi auguro che vengono ad arrestarmi così posso mangiare e scaldarmi. VERGOGNA VERGOGNAVERGOGNAVERGOGNA!

    RispondiElimina
  3. FIERO DI ESSERE RAPPRESENTATO DA VOI........IO SONO ITALIANO E NON EUROPEO

    RispondiElimina
  4. continuate, anche se non c'erano tante persone a roma ed io nemmeno, siete nel giusto per me ed io alle prox elezioni per la prima volta vi darò il voto

    RispondiElimina
  5. bisogna ribellarsi hic et nunc! altrimenti è la fine della Patria, della nostra Storia, delle nostre Tradizioni, della nostra Cultura. Siamo Italiani, prima che europei, e sicuramente piuttosto che europei, considerando questa europa squallida e vigliacca...
    W LA GRANDE ITALIA, UNA SANTA IMPERIALE CRISTIANA E LATINA

    RispondiElimina
  6. Ci stiamo mangiando tutto quello che i nostri nonni hanno guadagnato anche cn la vita...

    RispondiElimina