sabato 14 dicembre 2013

9 dicembre, blitz pacifico alla sede Ue di Roma per mettere Tricolore, fermato Simone Di Stefano

Roma, 14 dicembre - E' il vicepresidente di CasaPound Italia Simone Di Stefano il manifestante fermato a Roma, durante il 'blitz' pacifico del popolo del 9 dicembre alla sede di rappresentanza in Italia della Commissione europea in via IV Novembre a Roma. Di Stefano è stato bloccato dalle forze dell'ordine mentre con una scala tentava di sostituire un Tricolore alla bandiera blu dell'Unione europea.

Nel corso del blitz, a cui partecipavano un centinaio di persone, una decina di manifestanti sono rimasti feriti durante una carica della polizia. ''La reazione delle forze dell'ordine è stata assolutamente sproporzionata e liberticida - sottolinea CasaPound Italia in una nota - Quella messa in atto questa mattina dal popolo del 9 dicembre era una manifestazione totalmente pacifica: un centinaio di persone con maschere tricolore da fantasma e cappi al collo, a simboleggiare gli italiani 'suicidati' a causa delle folli politiche europee, che, in maniera non violenta, esponevano uno striscione con su scritto 'gli italiani non si arrendono' sono stati caricati con una violenza inaudita, senza che avessero fatto il minimo gesto di provocazione''.

''Il popolo del 9 dicembre si ribella al suicidio di una Nazione che si è consegnata mani e piedi ai burocrati di Bruxelles - si legge in una nota firmata da 'Gli Italiani suicidati' - Non sarà la violenza di Stato a fermare il movimento degli italiani, che da sei giorni è in piazza per esigere un minimo di rispetto da una classe politica delegittimata e schiava dei grandi interessi''. 







20 commenti:

  1. Polizia vergognati ! Davanti a queste manifestazioni pacifiche e dimostrative andrebbe
    usato più buonsenso e tolleranza.
    Allora alla Sapienza perchè non sono intervenuti con questa violenza ?
    Avanti Casapound

    RispondiElimina
  2. Sbirri di merda. Vi meritate questo stato di cui siete servi lobotomizzati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho usato toni troppo accesi e fuori luogo, però' quello che e' accaduto e' esagetato.

      Elimina
  3. le système pourri et aux abois lache ses chiens Vive la Casapound Frank

    RispondiElimina
  4. un gesto semplie e bellissimo da parte di casa pound italia

    questi poliziotti sono delle pedine e mi fanno pena.

    è pur vero che sono costretti ad obedire ma se capissero minimamente quello che sta succedendo troverebbero il modo di aggirare gli ordini.

    che un poliziotto della nostra republica aggredisca un cittadino italiano che brandisce il tricolore è una cosa assurda.

    La prossima volta bisognerà intonare l'inno di Mameli e prendersi le manganellate in bocca per mostrare con l'esempio l'assurdità alla qual si è giunti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'inno di mameli è l'inno della repubblica nata dalla resistenza l'inno degli uomini liberi è Giovinezza

      Elimina
    2. il tuo aggirare gli ordini significa INSUBORDINAZIONE...facile parlare da dietro un monitor

      Elimina
    3. Verissimo, molto facile parlare da dietro un monitor, per questo ammiro la risolutezza di quei ragazzi che si sono esposti.
      Quanto alla reazione della polizia è evidente che l'insubordinazione un comportamento troppo rischioso per chi ha una famiglia da mantenere (anche per questo mi fanno pena). Tuttavia trovo ci sia stato eccesso di zelo nel sanzionare violentemente una iniziativa patriottica. Per questo suggerivo di canare l'inno italiano. Capisco ugualmente che alcuni preferiscano cantare Giovinezza ma in vista di una riconciliazione nazionale reputo l'inno di Mameli più efficace perchè condiviso da un maggior numero di italiani. Il primo obbiettivo è riprendersi la sovranità nazionale rinunciando all'europa.

      Elimina
  5. Non vi arrendete forza casapound, sempre al fianco del popolo italiano

    RispondiElimina
  6. Solidarietà per Di Stefano e Casapound continuate cosi...
    Ma perchè la gente non si sveglia ....
    Euro e Unione Europea ci stà uccidendo pensate a come siamo messi
    FUORI SUBITO PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI.......CON LA LIRA STAVAMO MOLTO MEGLIO
    Aprono le multinazionali e chiudono negozi Italiani....
    Tutto pilotato dai soliti politici massoni illuminati e sionisti
    SVEGLIA ITALIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo prendere il potere ,ma non è facile abbiamo sul nostro territorio numerose forze di occupazione americane.
      Dovremmo cercare di allearci co la Russia che ore ,non essendo più bolscevica ,non è più nostra nemica,mentre i plutocrati dell'occidente sono sempre gli stessi di 70 anni fà.
      Con la Russi dalla parte nostra potremmo liberarci dall'invasore angloamericano e riprendere il giusto posto tra le potenze mondiali.

      Elimina
    2. condivido pienamente. La Russia di Putin è una nazione indipendente che tiene in pugno il proprio futuro. L'italia è una nazione sottomessa a forze straniere. Strategicamente sarebbe il migliore alleato per il nostro paese.

      Elimina
  7. La divisa, una volta, era sinonimo di fedeltà oggi e il simbolo di servitù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sai di cosa parli...è gente che lavora x mantenere la propria famiglia

      Elimina
    2. è assolutamente vero ma non hai l'impressione che sta volta la reazione sia stata gratuita e eccessivamente violenta?

      Elimina
    3. nn ero presente al fatto e ovviamente nn conosco le direttive che aveva la polizia...ovviamente la violenza non è mai apprezzabile da chiunque provenga ma bisogna anche capire che la colpa nn è del singolo poliziotto ma di chi rimane nei palazzi al caldo e comodi sulle loro poltroncine.

      Elimina
  8. Da uno forse di sinistra: solidarietà allo scalatore, la Polizia fa comunque il suo lavoro, è tutto un gran casino, alla base, c'è l'amore e la passione per la propria Nazione.

    RispondiElimina
  9. L'eccesso di zelo che porta dei poliziotti ad un eccesso di azione violenta contro una manifestazione pacifica (di destra), mentre è remissiva contro chi agisce violentemente perchè protetto dal regimedi sinistra (governo, stampa etc), non si spiega con la necessità dello stipendio, per il quale basterebbe fare onestamente il proprio dovere, senza eccessi; si spiega solo con un ottuso servilismo di cui vanno pure orgogliosi.

    RispondiElimina
  10. non mi stupisce il comportamento delle forze dell'ordine , le quali hanno giurato fedeltà alla repubblica delle banane, e quindi è tenuta ad ubbidire agli ordini. ovviamente tali ordini non li condivido, ancher perchè prendere a manganellate Italiani che si espongono per la Patria è un ordine vile risultato dello stato comunista/massonico nel quale siamo costretti a vegetare. per questo sostengo:
    VIVA L'ITALIA, UNA GRANDE IMPERIALE LATINA E CRISTIANA

    UNIAMOCI, ORA E' IL MOMENTO DI MARCIARE ...

    RispondiElimina
  11. Patrioti grazie la bandiera europea non mi appartiene. A brux solo raccomandati dai politici figli bamboccioni che distruggono l'italia. Voi siete dei coraggiosi e i mass meda mettono tutto a tacere....

    RispondiElimina