mercoledì 6 novembre 2013

6 commenti:

  1. Finalmente un'altra iniziativa che mi piace tanto.
    Bene
    Bisogna dibattere dei problemi dell'Italia con esperti che possano argomentare bene le loro affermazioni.
    Sono sicuro che sarà un successone questa iniziativa.
    Buon lavoro.
    VIVA la DESTRA Nazionalista contro la sinistra traditrice e venduta al nemico.

    RispondiElimina
  2. La morte dell'Ispettore Raciti merita rispetto e dunque se la Cassazione ha confermato la condanna vuol dire che il Raciti e' colpevole.
    Andare allo Stadio e distruggere tutto ed ammazzare le persone in servizio non e' un bello sport.
    Non capisco come mai CPI si presti a questa opera di disinformazione che danneggia l'immagine della Polizia i cui componenti giornalmente si sacrificano.
    I teppisti allo Stadio non meritano alcuna scusante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "se la Cassazione ha confermato la condanna vuol dire che il Raciti e' colpevole"

      Ma che colossale stronzata!
      Come se i magistrati italiani non producessero una sentenza farsa dietro l'altra, soprattutto quando si tratta di colpevoli di comodo da colpire.
      Seguendo la stessa logica demenziale che "la magistratura ha sempre ragione" allora anche Ciavardini sarebbe colpevole per la strage di Bologna.
      Teniamo sempre il cervello attivo e non facciamoci condizionare dalla propaganda mediatica. Bene ha fatto CPI a dare voce a questo ennesimo caso di malagiustizia dove si colpisce nel mucchio per trovare un colpevole di comodo da dare in pasto all'opinione pubblica.

      Elimina
    2. Replica molto misurata ed educata......non c'e' che dire!!!!
      Mi aspetto che il moderatore di turno faccia capire a chi interviene che le idee altrui non sono soltanto ""stronzate demenziali"".
      Mi rendo conto che la piaggeria a volte fa comodo ma occorre inserire il cervello prima di sproloquiare a vanvera.
      I teppisti che vanno allo stadio vanno condannati e i filmati video esistenti al proposito parlano da soli.
      Le cause perse portano discredito al Movimento e non vorrei che ci trovassimo a difendere un assassino di Poliziotti in servizio x la sicurezza pubblica non certo di connotazione stalinista in quei frangenti.
      Non so chi abbia ucciso l'Ispettore ma so che non si e' tirato indietro nell'adempimento del proprio dovere come fanno vigliaccamente coloro i quali tirano il sasso e poi nascondono la mano.
      Moderiamo le offese altrimenti chi ci segue dal di fuori pensa che siamo la solita platea mediatica di cagnara gratuita e inconcludente.
      Io non offendo nessuno ma al contempo non accetto offese gratuite da parte di "anonimi" qualunque.
      Buon lavoro a CPI che sia la Casa di tutti coloro i quali credono comunque ad una Italia patriottica e sovrana ed anticomunista.

      Elimina
  3. E se invitaste la vedova dell'Ispettore Raciti alla presentazione del libro?

    RispondiElimina
  4. Ho visionato i video su internet e sinceramente non mi e' piaciuto l'avv. LIPERA laddove afferma pubblicamente che se il suo assistito non lo fanno entrare allo Stadio x seguire la psrtita di calcio allora interverra' personalmente per far disattendere dal suo cliente anche con la forza l'efficacia di un DASPO ritenuto illegittimo.
    Mi sembra di tornare indietro nel tempo come ai tempi di Scarface.
    Chi va allo stadio non pacificamente va condannato moralmente comunque altrimenti e' l'anarchia.

    RispondiElimina